Category Archives: Nazionali

Serie B, che colpo: Fiorenzuola sbanca Bergamo!

SERIE B

4° Giornata

GIRONE B

CIVITUS ALLIANZ VICENZA – GEMINI MESTRE 24-10-2021 – 18:00    

PALAZZETTO DELLO SPORT – Via Goldoni, 32 VICENZA VI

BERGAMO BASKET 2014 – PALL. FIORENZUOLA 1972 74 – 91

PALL. BERNAREGGIO’99 – ANTENORE ENERGIA PADOVA 75 – 60

UNITED EAGLES BK UDINE – AGOSTANI OLGINATE 93 – 87

FERRARONI CREMONA – PONTONI MONFALCONE 75 – 61

RIMADESIO DESIO – BELCORVO S.VENDEMIANO 24-10-2021 – 18:00          

PALAMORETTO – Via San Pietro 1 DESIO MB

GREEN UP CREMA – LUXARM LUMEZZANE 24-10-2021 – 18:00

Palazzetto Cremonesi – Via Pandino 23 a CREMA CR

ALLIANZ BANK BOLOGNA – SECIS JESOLO 62 – 73

CLASSIFICA

PGVP%
WithU Bergamo6330100.0
Gemini Mestre6330100.0
Rimadesio Desio432166.7
Gesteco Cividale432166.7
Pall. Fiorenzuola 1972432166.7
Pallacanestro Crema432166.7
Rucker Belcorvo San Vendemiano432166.7
Ferraroni JuVi Cremona432166.7
Civitus Allianz Vicenza432166.7
Agostani Caffè Olginate231233.3
Secis Jesolo231233.3
Falconstar Monfalcone231233.3
Bologna Basket 2016231233.3
LuxArm Lumezzane03030.0
Lissone Interni Bernareggio03030.0
Antenore Energia Virtus Padova03030.0

GIRONE C

LIOFILCHEM ROSETO – RAGGISOLARIS FAENZA 24-10-2021 – 18:00 

PALASPORT – PIAZZA OLIMPIA ROSETO DEGLI ABRUZZI TE

PALL. SENIGALLIA – GIULIA BASKET GIULIANOVA 24-10-2021 – 18:00          

PAL.TO DELLO SPORT – Via Capanna 62 SENIGALLIA AN

LUISS ROMA – SUTOR BASKET MONTEGRANARO 62 – 70

SINERMATIC OZZANO – REAL SEBASTIANI RIETI 81 – 84

NPC RIETI PALLACANESTRO – TERAMO A SPICCHI 2K20 24-10-2021 – 18:00 

PALASOJOURNER – Via Campoloniano RIETI RI

IL CAMPETTO ANCONA – TIGERS CESENA 24-10-2021 – 18:00

PALAROSSINI – Str.prov.cameranense ANCONA AN

VIRTUS BASKET CIVITANOVA – RIVIERABANCA RIMINI 24-10-2021 – 18:00  

PAL. RISORGIMENTO – Via Ginocchi CIVITANOVA MARCHE MC

AURORA BASKET JESI – A. COSTA IMOLA BASKET 24-10-2021 – 18:00

PALATRICCOLI – Via Tabano  JESI AN

CLASSIFICA

PGVP%
Liofilchem Roseto432166.7
Sinermatic Ozzano432166.7
Andrea Costa Imola432166.7
Real Sebastiani Rieti432166.7
Tigers Cesena432166.7
Luciana Mosconi Ancona432166.7
Kienergia Rieti432166.7
RivieraBanca Basket Rimini432166.7
Giulia Basket Giulianova432166.7
Goldengas Senigallia231233.3
Raggisolaris Faenza231233.3
SSD LUISS Roma231233.3
Virtus Basket Civitanova Marche231233.3
Rennova Teramo231233.3
The Supporter Jesi131233.3
Sutor Montegranaro03030.0

Serie B, colpaccio Tigers, festeggiano Fiorenzuola, RBR, Flying Balls e Andrea Costa

SERIE B

3° Giornata

GIRONE B

BELCORVO S.VENDEMIANO – ANTENORE EN. PADOVA 71 – 62

GREEN UP CREMA – UNITED EAGLES BK UDINE 98 – 101 dts

SECIS JESOLO – FERRARONI CREMONA 61 – 88

PALL. FIORENZUOLA 1972 – ALLIANZ 91 – 68

(20-15; 42-30; 73-50)

Fiorenzuola: Galli 2, Bracci 2, Rubbini 18, Alibegovic 16, Livelli 11, Filippini 18, Avonto, Binelli, Cipriani 14, Russo, Ricci 8, Jovanovic 2. All. Galetti.

Vicenza: Mazzucchelli 9, Bastone 8, Piccone 19, Basso ne, Massignan ne, Petracca ne, Rigon 4, Sebastianelli, Piccoli 12, Cecchetti 4, Chiti 12. All. Ciocca.

Tutto facile per Fiorenzuola che schianta, alla distanza, Vicenza.

L’inizio di partita vede coach Galetti premiato inizialmente dalla scelta di schierare Jovanovic in quintetto, con i primi due punti dei Bees proprio ad opera del numero 66 gialloblu. E’ Alibegovic a dare la spinta a Fiorenzuola, ben servito anche dalle incursioni di Rubbini che valgono il 15-10 al 6’. Fiorenzuola chiude con i liberi di Cipriani un primo quarto ampiamente positivo, lasciando la squadra vicentina a soli 15 punti. 20-15. Chiti fa iniziare bene la squadra di coach Ciocca nel secondo parziale, ma la scorribanda di Galli e il piazzato di Cipriani mantengono Fiorenzuola al comando delle operazioni al 13’: 25-21. Mazzucchelli trova l’asse per Cecchetti al 17’ per il -6 Vicenza, ma Filippini, con il movimento spalle a canestro ed Alibegovic con la tripla dall’angolo, fanno andare i Bees oltre la doppia cifra di vantaggio (37-26 al 18’). Jovanovic cattura un rimbalzo offensivo importante sul finale di quarto, servendo a rimorchio la schiacciata di potenza di Filippini: 42-30 e intervallo lungo con i Bees sopra il 40% sia da 2 che da 3 punti. Mazzucchelli fa partire bene il tentativo di rimonta di Vicenza al rientro dagli spogliatoi, grazie al suo jumper dalla media distanza; Livelli e Ricci sono, però, ispiratissimi, portando i Bees al massimo sul 54-38 al 24’. Piccone va ben oltre la doppia cifra personale (saranno 18 alla fine), ma Rubbini è in stato di grazia e con le sue scorribande mette in crisi la difesa vicentina. Filippini giganteggia prima da 3 punti e poi sotto le plance con il semigancio che fa volare i Fiorenzuola Bees al +23 (63-40), chiudendo un parziale da 9-2. E’ ancora la tripla di Filippini, dalla punta, che manda agli archivi un quarto da 31 punti per la squadra di coach Galetti. 73-50. Nell’ultimo quarto Bastoni e Piccoli provano a ridurre il gap che, tuttavia, Fiorenzuola gestisce ed amplia con grande maturità. Finisce 91-68 per i Bees, che danno un grande segnale nel giorno di San Fiorenzo, Santo Patrono di Fiorenzuola d’Arda.

AGOSTANI CAFFE’ – ALLIANZ BANK 74 – 65

(15-20; 38-34; 56-49)

Olginate: Maspero 14, Baparapè 3, Bloise 8, Brambilla 9, Ambrosetti 15, Negri 21, Tomcic, Okiljevic 2, Martinalli ne, Cucchiaro 2, Natalini ne, Castagna ne. All. Cilio.

Bologna Basket 2016: Galassi 21, Beretta 10, Graziani 6, Hidalgo 9, Resca 5, Rossi 7, Felici 2, Guglielmi 5, Oyeh, Tilliander, Tripodi ne. All. Fucka. 

Una prestazione tra qualche alto e molti bassi quella del Bologna Basket 2016 contro Olginate, con un punteggio caratterizzato da continui parziali e controparziali. Ma alla fine sono i rossoblu a dover cedere alla maggior concretezza dei padroni di casa, che infliggono così al team felsineo, ancora orfano di Fontecchio e Guerri, la seconda consecutiva sconfitta in trasferta. Le statistiche narrano di una squadra poco precisa dal campo (25/61, 41%) e soprattutto deficitaria dalla lunetta (8/15, media elevata oltretutto da un 4/4 di Galassi). La gara ai rimbalzi è pari (39), ma in passivo sono invece assist (8 contro 15) e palle perse (15 contro 11). Il tutto con un atteggiamento altalenante imputabile probabilmente, come più volte ricordato, alla gioventù della squadra ed al bisogno di amalgamare elementi che hanno giocato poco assieme.

La cronaca. Primo quarto con protagonisti Galassi (10 punti con due triple) e Graziani in chiusura di tempo, con gli ospiti che chiudono a un meritato +5 (15-20). A inizio seconda frazione, una tripla di Guglielmi e un canestro di Resca portano il vantaggio rossoblu addirittura al +10, ma due palle consecutive perse, prima di metà campo, riavvicinano i padroni di casa, che al sesto minuto sono a -1. Il gioco si fa confuso, Olginate la mette sulla bagarre, i ragazzi di Fucka hanno 5 possessi consecutivi con altrettanti errori al tiro. Nonostante un antisportivo a favore, a 2′ dalla pausa il Caffè Agostani torna in pareggio ed anzi, con una bomba allo scadere, va nello spogliatoio sul +4 (38-34). Alla ripresa, altro antisportivo a Galassi, ma Beretta si mette al lavoro segnando tre canestri di fila, uno su assist di Resca. ll gap è annullato e poi ci pensa ancora Galassi: tiro pesante, canestro e fallo antisportivo subito con libero realizzato. Sulla rimessa, altro assist dietro la schiena di Resca per Beretta. È il momento migliore per i bolognesi che vanno sopra 48-42 a metà quarto. Da lì, invece, inizia incredibilmente la fine. Nella seconda metà del terzo quarto e nei primi quattro minuti dell’ultima frazione, Olginate piazza un parziale devastante di 17-1, con il BB2016 che va in blackout, trovando il modo di sbagliare otto azioni di fila, compreso uno 0/2 dalla lunetta. Dal +6, i rossoblu precipitano così al -10. Beretta perde la calma e si fa espellere. Sembra tutto finito e invece Fucka decide di mettersi a zona, con una squadra volutamente bassa, ma più dinamica. Mossa riuscita: c’è la reazione con Hidalgo (5 punti in un amen), Galassi e Rossi che piazzano un parziale di 8-0 che porta lo svantaggio a -2. Il match resta in bilico per un paio di minuti, poi Galassi, ormai stanco, sbaglia una tripla dall’angolo per il pareggio. Un’infrazione di 24″ e un paio di bombe di Negri chiudono, poi, l’incontro definitivamente.

GEMINI MESTRE – RIMADESIO DESIO 91 – 73

LUXARM LUMEZZANE – BERGAMO BASKET 2014 59 – 70

PONTONI MONFALCONE – PALL. BERNAREGGIO’99 75 – 74

CLASSIFICA

PGVP%
Rimadesio Desio4220100.0
Gemini Mestre4220100.0
WithU Bergamo4220100.0
Pallacanestro Crema4220100.0
Civitus Allianz Vicenza4220100.0
Gesteco Cividale221150.0
Pall. Fiorenzuola 1972221150.0
Secis Jesolo221150.0
Rucker Belcorvo San Vendemiano221150.0
Ferraroni JuVi Cremona221150.0
Bologna Basket 2016221150.0
Antenore Energia Virtus Padova02020.0
Falconstar Monfalcone02020.0
LuxArm Lumezzane02020.0
Agostani Caffè Olginate02020.0
Lissone Interni Bernareggio02020.0

GIRONE C

GIULIA BASKET GIULIANOVA – SINERMATIC OZZANO 77 – 92

(22-25; 39-45; 55-64)

Giulianova: Fattori 23 (4/7, 5/9), Motta 18 (3/6, 2/7), Giacomelli 14 (4/5, 0/1), Di Carmine 13 (5/10, 0/3), Caverni 9 (1/2, 1/3), Bischetti, Cianci, Buscaroli (0/1), Nafea ne, Pulcini ne, Scarpone F. ne, Scarpone S. ne. All. Domizioli.

Ozzano: Klyuchnyk 21 (10/15, 0/6), Bonfiglio 18 (3/5, 4/6), Ceparano 14 (1/1, 2/5), Chiappelli 11 (4/8, 1/1), Barattini 9 (1/1, 1/3), Lasagni 8 (1/5, 2/4), Folli 7 (3/8, 0/1), Misljenovic 4 (1/3), Landi (0/2), Cisbani, Galletti ne. All. Loperfido.

Una prestazione spumeggiante regala ai New Flying Balls (privi ancora di Riccardo Iattoni) i primi due punti esterni del campionato. Con un’ottima prestazione collettiva, i ragazzi di coach Loperfido espugnano il PalaCastrum di Giulianova con il punteggio di 92 a 77 e salgono a quota 4 punti in classifica.

In avvio, i padroni di casa prendono il comando del gioco e spinti da un Fattori superlativo, trovano l’8 a 2 al terzo minuti di gioco. La Sinermatic, dopo un po’ di affanno, si sblocca anche in attacco con i canestri Klyuchnyk, Folli e Lasagni, impattando a quota 10 il match allo scoccare del 5’. Lasagni, dall’arco, timbra il primo sorpasso ozzanese di serata, ma dall’altra parte Fattori viene lasciato troppo libero, la mano del lungo giuliese è calda e il numero 19 giallorosso non può che punire la difesa ozzanese; in aggiunta un gioco da tre punti di Di Carmine ed è nuovo +3 Giulia Basket (22-19 all’8′). Negli ultimi due giri di lancette della frazione, i Flying ritrovano la parità con Bonfiglio da fuori e il vantaggio (22-25 alla prima sirena) con Barattini dalla lunetta, complice un antisportivo fischiato a Caverni. Nel secondo periodo, con Chiappelli limitato dai falli, spazio a Misljenovic che fa l’esordio in campionato, dopo aver saltato le prime partite per infortunio. Il giovane serbo, insieme a Klyuchnyk, fanno la voce grossa nel pitturato e spingono Ozzano fino al +7. Dopo l’ennesimo canestro di Fattori, la SInermatic trova 5 punti di fila di un ispirato Bonfiglio, che porta Ozzano sulla doppia cifra di vantaggio per la prima volta in serata (24-34 al 14’). Fattori e Caverni tengono Giulianova a galla, Chiappelli dall’arco fa +12, ma negli ultimi minuti del quarto gli abruzzesi accorciano le distanze sempre con Fattori (21 punti nel primo tempo per lui) e tre liberi di Motta, per il 39-45 all’intervallo lungo. Nella terza frazione, dopo l’immediato +8 firmato Chiappelli, arrivano quattro punti di fila per Di Carmine per il -4 giuliese (45-49 al 23’). Ozzano tenta un nuovo allungo con Chiappelli e Klyuchnyk (45-54 al 26’), ma i ragazzi di coach Domizioli non ci stanno e con un 9-2 di parziale, il Giulia Basket rientra fino al -2 (54-56 al 28’). Misljenovic, da sotto, sblocca l’emorragia offensiva ozzanese, due bombe (una molto bella, una parecchio fortunosa) di Bonfiglio fissano il parziale sul 55-64 alla terza sirena. In avvio di ultimo quarto, Ozzano trova subito con Barattini il +12 e poco dopo il +13 con Ceparano, che si sblocca segnando il primo canestro dell’incontro. In questo momento di partita si segna parecchio con i canestri di Motta e Fattori, che vengono continuamente corrisposti dallo stesso Ceparano e Klyuchnyk. Al minuto 34 un incontenibile Ceparano (segnerà 14 punti tutti nell’ultima frazione) trova il +16, mentre pochi attimi dopo Klyuchnyk fa +19 (71-90) ,segnando il suo 21esimo punto di serata. I Flying gestiscono al meglio l’ampio vantaggio accumulato e alla sirena finale è 77-92 Sinermatic.

TERAMO A SPICCHI 2K20 – RIVIERABANCA 65 – 77

(22-23; 38-39; 47-57)

Teramo: Bertocco 14 (4/10, 2/8), Cucco 12 (0/1, 4/8), Di Donato 11 (1/2, 2/7), Bottioni 10 (3/7, 0/1), Bonci 8 (2/4), Antonelli 5 (2/5, 0/1), Triassi 3 (1/2 da tre), Guilavogui 2 (1/2), Ticic ne, Ragonici ne, Di Giorgio ne, Di Febo ne. All. Salvemini.

Rimini: Saccaggi 17 (3/5, 2/3), Arrigoni 16 (5/9, 1/1), Scarponi 13 (2/2, 3/6), Bedetti 12 (0/1, 4/6), Rivali 10 (2/3, 2/4), Rinaldi 7 (1/3, 0/1), Masciadri 2 (1/2, 0/4), Fabiani (0/2), Amati (0/1 da tre), Carletti. All. Ferrari.

Trasferta vittoriosa per RivieraBanca! Bravissimi i biancorossi a saper soffrire in un primo tempo molto equilibrato con alte percentuali dei padroni di casa, per poi dare l’accelerata decisiva nella seconda metà di gara lasciando le briciole in difesa agli abruzzesi; una solida difesa e ben 12 triple segnate hanno fatto la differenza nel risultato finale.

Inizio difficile per i biancorossi che, nella prima metà di quarto, soffrono la verve offensiva di Di Donato e compagni (12-2 al 5′), ma due bombe di Rivali riavvicinano RivieraBanca ai padroni di casa (14-10 al 7′). I ragazzi di coach Ferrari completano la rimonta con ottime percentuali dalla lunga distanza: due volte Bedetti, poi Saccaggi e Scarponi portano Rimini in vantaggio (22-23). Il copione non cambia nel secondo quarto: Teramo parte bene con la bomba di Triassi e due canestri di Bertocco (30-25 al 13′), i biancorossi rispondono con capitan Rinaldi e Saccaggi dalla lunetta (32-29 al 16′) prima che la partita scenda un po’ di ritmo. I padroni di casa provano a scappare con un ispirato Bonci, ma Masciadri e Scarponi tengono Rimini vicina, prima che Saccaggi segni cinque punti in fila per il sorpasso (38-39 al 20′) che anticipa il rientro negli spogliatoi. I biancorossi escono decisamente carichi dalla pausa lunga ed allungano con Saccaggi e Bedetti (40-50 al 26′), Teramo ricuce con due bombe di Cucco e Bertocco dopo diversi errori al tiro, ma Rimini ricaccia indietro i padroni di casa con Rinaldi ed Arrigoni prima che la tripla di Scarponi consegni il +10 di fine terzo quarto (47-57). RivieraBanca continua a spingere sull’acceleratore: Saccaggi ed Arrigoni combinano per 9 punti che lanciano la fuga biancorossa, Scarponi dalla lunga distanza segna il +20 Rimini (49-69 al 34′). RivieraBanca mette in ghiaccio il risultato con la bomba di Arrigoni ed i liberi di Masciadri, nel finale gestione del vantaggio fino alla sirena finale.

BNL GRUPPO BNP PARIBAS ROMA – PALL. ROSETO 93 – 80

SUTOR BK MONTEGRANARO – IL CAMPETTO ANCONA 51 – 54

RAGGISOLARIS – TIGERS 66 – 69

(14-17; 33-32; 53-52)

Faenza: Aromando 10, Siberna 10, Vico 4, Ballabio 10, Poggi 8, Reale 13, Morara 2, Petrucci 4, Ugolini 5, Bianche ne, Cortecchia ne, Rosetti ne. All. Serra.

Cesena: Bugatti 12, Nwokoye 10, Anumba 8, Mascherpa 17, Moretti 2, Genovese 11, Gallizzi 2, Ndour 2, Brighi 5, Arnaut ne. All. Tassinari.

Se lo aggiudicano i Tigers il derby del PalaCattani, gara combattuta ed intensa risolta da un canestro di Mascherpa ad un secondo dalla fine. In una stupenda cornice di pubblico le due squadre si danno battaglia per quaranta minuti senza mai risparmiarsi.

Partono forte i Tigers portandosi subito sul 9-0 poi i Raggisolaris trovano le giuste contromisure soprattutto in difesa e si portano ad una sola lunghezza (12-13) grazie ai liberi di Ballabio. Cesena prova ancora ad allungare questa volta con Bugatti (27-22), ma la squadra di Serra strappa con la forza l’inerzia del match affidandosi ad Ugolini. L’ala segna prima la tripla del 27-28 finalizzando un’azione nata da una sua palla recuperata poi a fil di sirena segna il 33-32, primo vantaggio faentino del match. Il punteggio basso non deve trarre in inganno, perché il derby continua all’insegna delle emozioni e dell’equilibrio ed infatti al 37’ il punteggio è di perfetta parità: 60-60. Due liberi di Poggi portano i Raggisolaris sul 66-62 a 1’50’’ dalla fine, ma a salire in cattedra è Mascherpa prima segnando i punti della parità e poi con la tripla del 69-66 a 1’’ dallo scadere. Serra chiama time out e l’ultimo tiro è affidato a Petrucci: la sua conclusione non trova il bersaglio.

REAL SEBASTIANI RIETI – VIRTUS BASKET CIVITANOVA 85 – 35

PALL. SENIGALLIA – AURORA BASKET JESI 76 – 69

A. COSTA BASKET – NPC 84 – 75

(19-21; 35-41; 54-56)

Imola: Wiltshire 9, Fazzi, 7, Guidi, Fussi, Trapani 9, Carnovali 8, Calabrese 9, Corcelli 7, Cusenza 12, Trentin 6. All. Grandi.

Rieti Pallacanestro: Testa 12, Antelli 9, Tiberti 9, Timperi 19, Del Testa 5, Papa 14, Broglia 7, Cortese, Buccini, Vujanac, Frizzarin. All. Ceccarelli.

CLASSIFICA

PGVP%
Liofilchem Roseto4220100.0
Kienergia Rieti4220100.0
Giulia Basket Giulianova4220100.0
Andrea Costa Imola221150.0
Real Sebastiani Rieti221150.0
Raggisolaris Faenza221150.0
RivieraBanca Basket Rimini221150.0
Tigers Cesena221150.0
Rennova Teramo221150.0
Luciana Mosconi Ancona221150.0
Virtus Basket Civitanova Marche221150.0
Sinermatic Ozzano221150.0
The Supporter Jesi121150.0
Goldengas Senigallia02020.0
BNL Luiss Roma02020.0
Sutor Montegranaro02020.0

Serie B, il derby della Romagna se lo aggiudica la RBR

SERIE B 2° Giornata

GIRONE B

PALL. BERNAREGGIO 99 – GEMINI MESTRE 73 – 76

FERRARONI CREMONA – AGOSTANI CAFFE’ OLGINATE 74 – 64

ANTENORE EN. PADOVA – CIVITUS ALLIANZ VICENZA 70 – 77

SAN VENDEMIANO – FALCONSTAR BK MONFALCONE 70 – 66

BERGAMO BK 2014 – UNITED EAGLES BK UDINE 82 – 62

RIMADESIO DESIO – PALL. FIORENZUOLA 1972 85 – 79

ALLIANZ BANK – LUXARM 72 – 67

(26-15; 43-33; 53-51)

BB2016: Galassi 18, Beretta 14, Graziani 11, Hidalgo 10, Resca 8, Rossi 5, Felici 2, Guglielmi 2, Oyeh 2, Tilliander, Tripodi ne. All. Fucka.

Lumezzane: Scanzi 20, Dilas 12, Borghetti 9, Ciaramella 8, Mastrangelo 7, Agostini 5, Fossati 4, Origlia 2, Dalcò, Stautmanis, Bordone ne. All. Saputo.

Il Bologna Basket 2016 riscatta la brutta prestazione di Cividale battendo sul campo amico del Palasavena il LuxArm per 72-67. La squadra bolognese, ancora priva di Fontecchio e Guerri, vince meritatamente una partita comunque difficile e punto a punto, mettendo in luce i propri progressi, soprattutto dal punto di vista della gestione del match. Lumezzane, infatti, non molla la presa se non negli ultimi 2-3 minuti, quando il BB2016 riesce a giocare in velocità, colpendo dall’arco e a rimbalzo. Le cifre questa volta premiano i padroni di casa: 20/41 da 2 (47%), ma soprattutto 7/17 da 3 (41%), anche se con qualche tentennamento dalla lunetta (11/16). Vittoriosa anche la gara a rimbalzo (35 a 28), mentre meno brillanti i dati su palle perse (14 a 10) ed assist (10 a 17). Detto che tutti i ragazzi a disposizione di coach Fucka hanno dato una mano nella costruzione della vittoria, non si può non sottolineare l’ottima prova realizzativa di Matteo Galassi (18 punti, con 5/8 dal campo e 4/7 da 3, 4/ 4 ai liberi e 4 rimbalzi), la doppia doppia del rientrante Eugenio Beretta (14 punti e 12 rimbalzi), la determinazione del capitano Andrea Graziani (11 punti) e il positivo apporto in regia di Hidalgo (10 punti) e Resca (8 punti). Vittoria importante, dunque, che dà fiducia alla squadra, anche se i margini di crescita sono enormi e legati anche al rientro di tutti gli effettivi.

La cronaca. Primo quarto scoppiettante dei felsinei, con Galassi protagonista: in apertura prende fallo sul tiro pesante e realizza i liberi, poi colpisce ancora dalla lunga distanza per altre tre volte, subendo in un’occasione un fallo e completando così il gioco da 4. Resca e Graziani lo coadiuvano e alla fine del quarto i padroni di casa sono sopra di 11 (26-15). Nella seconda frazione, Beretta segna prima sotto canestro e poi da 3, Hidalgo brucia la retina e la partita sembra avviata verso una conclusione favorevole. Prima della pausa, però, i lombardi si rifanno sotto e limitano il passivo a soli 10 punti. Alla ripresa il BB2016 pare aver dimenticato la testa negli spogliatoi, subisce l’aggressività a tutto campo degli avversari (parziale 2-10) e rimette il match in discussione. Solo un gioco da 3 (canestro più tiro libero) di Hidalgo e un tiro pesante di Rossi mantengono i ragazzi di Fucka davanti, seppur di solo due lunghezze (53-51). La partita si mantiene in equilibrio anche nell’ultimo quarto, fino a tre minuti dal termine, quando Beretta (deviazione vincente e canestro in tap-in), Graziani (2/2 dalla lunetta e bomba) e Galassi (altro tiro pesante), chiudono definitivamente il discorso.

SECIS COSTRUZIONI EDILI JESOLO – GREEN UP CREMA 58 – 61

CLASSIFICA

PGVP%
Rimadesio Desio4220100.0
Gemini Mestre4220100.0
WithU Bergamo4220100.0
Pallacanestro Crema4220100.0
Civitus Allianz Vicenza4220100.0
Gesteco Cividale221150.0
Pall. Fiorenzuola 1972221150.0
Secis Jesolo221150.0
Rucker Belcorvo San Vendemiano221150.0
Ferraroni JuVi Cremona221150.0
Bologna Basket 2016221150.0
Antenore Energia Virtus Padova02020.0
Falconstar Monfalcone02020.0
LuxArm Lumezzane02020.0
Agostani Caffè Olginate02020.0
Lissone Interni Bernareggio02020.0

GIRONE C

SINERMATIC – BNL 95 – 70

(28-18; 51-37; 76-50)

Ozzano: Landi, Folli 18, Iattoni ne, Galletti, Cisbani, Misljenovic ne, Klyuchnyk 22, Chiappelli 18, Barattini 8, Ceparano 10, Bonfiglio 5, Lasagni 14. All. Loperfido.

Luiss Roma: Murri 6, Jovovic 4, Selvaggi 2, Barbon 8, Pasqualin, D’Argenzio 16, Di Francesco 3, Van Velsen 2, Tolino 10, Di Bonaventura 9, Converso 10. All. Paccariè.

Una serata da incorniciare per i New Flying Balls, capaci di vincere con un netto +25 la sfida contro la Luiss Roma sul campo neutro di Cervia, proprio la sera in cui sulle tribune (parliamo di match “casalinghi”) fa ritorno il pubblico ozzanese, caloroso e numeroso come sempre.

Con coach Loperfido che deve ancora fare a meno di Iattoni e Misljenovic, l’inizio del match vede Roma avere la meglio. Dopo lo 0-5 firmato Tolino-Barbon, la Luiss tocca nuovamente il +5 al minuto 4 (5-10) prima dell’entrata di scena di Gioacchino Chiappelli, che trascina le palle volanti al sorpasso. Grazie ai suoi canestri, insieme a quelli di Ceparano e Klyuchnyk, la Sinermatic crea un 13-2 di parziale e vola sul +6 (18-12) al 7’. Dopo aver sofferto i primi minuti l’intensa difesa romana, Ozzano prende le misure e nel finale di quarto trova canestri a raffica, con Chiappelli che vola in doppia cifra, così come il vantaggio che, proprio ad una manciata di secondi dalla sirena, vede Ozzano toccare il +10 (28-18). Nel secondo quarto la Luiss è comunque ampiamente in partita e grazie ai canestri di Di Bonaventura e ad una tripla del giovanissimo Murri, trovano il -5 a metà frazione (36-31). Coach Loperfido si rifugia nel time-out, decisione saggia perché in meno di centoventi secondi la Sinermatic piazza, con Klyuchnyk e Lasagni, un 9-0 di parziale che vale il +14 (45-31) al minuto 17. Una manciata di secondi dopo i Flying toccano anche il +17, ma all’intervallo lungo sarà +14 (51-37), con un attacco ozzanese che comunque resta in grande spolvero. Dopo la sosta lunga la Luiss prova il tutto per tutto, allungando la difesa e provando a mettere in difficoltà la Sinermatic. Missione fallita, Ozzano continua a macinare canestri in attacco e se supportati da un’ottima difesa che costringe Roma a tiri difficili e forzati, trova al minuto 24 il +23 (61-38). Klyuchnyk sotto canestro domina, Bonfiglio e Folli da fuori stracciano la retina e al minuto 28 è +28 Flying (74-46). Si va all’ultimo mini break sul 76-50 Ozzano, un vantaggio rassicurante per coach Loperfido che, nell’ultimo quarto, regala preziosi minuti agli under del proprio vivaio. La Luiss perde per falli Jovovic, Ozzano continua a segnare e tocca con la bomba di Lasagni il +34 (88-54) al minuto 33. Negli ultimi minuti la tensione cala e i Flying incappano in qualche palla persa di troppo, Roma lima un po’ la differenza canestri che, però, resta parecchio pesante: a fine delle ostilità il tabellone sorride alla Sinermatic: 95 a 70 il finale.

NPC RIETI PALLACANESTRO – PALL. SENIGALLIA 76 – 71

RIVIERABANCA – RAGGISOLARIS 76 – 65

(11-15; 32-35; 56-55)

Rimini Mladenov ne, Rossi ne, Amati ne, Carletti ne, Scarponi 7, Rivali 4, Arrigoni 10, Bedetti 11, Rinaldi 6, Fabiani 2, Masciadri 11, Saccaggi 25. All. Ferrari.

Faenza: Bianchi ne, Siberna 8, Vico 14, Ballabio 9, Poggi 8, Reale 11, Morara 6, Petrucci 2, Ugolini 7, Rosetti ne. All. Serra.

Il derby è biancorosso!! Che serata al Flaminio dove, davanti ad 800 caldissimi spettatori, RivieraBanca vince in rimonta contro Faenza e si aggiudica i primi due punti della stagione. Dopo un primo tempo difficile che ha visto gli ospiti mettere la testa avanti, nella ripresa la partita sale d’intensità e ad avere la meglio sono i riminesi.

La partita comincia con le due squadre molto accorte ed il punteggio stenta a decollare: Faenza spinge con Vico e Reale, ma Saccaggi spara una tripla strepitosa per il pareggio (7-7 al 5′). Ballabio esce bene dalla panchina con tre canestri che valgono il primo mini-allungo ospite, poi Fabiani, in chiusura di primo quarto, ci mette una pezza (11-15). Meglio i Raggisolaris ad inizio secondo quarto, con Rimini che si affida a Saccaggi dalla lunga distanza (18-23 al 13′); gli ospiti piazzano un parziale di 8-0 che vale il massimo vantaggio sul +13 grazie ad Ugolini ed al solito Vico (18-31 al 16′). Rimini reagisce con le bombe di Scarponi e Masciadri, prima di ricucire ulteriormente lo svantaggio dopo i liberi di Arrigoni e Rivali (32-35). All’uscita dagli spogliatoi, RivieraBanca trova il pareggio con Masciadri (40-40 al 23′), prima di passare in vantaggio con un’altra bomba di Saccaggi; Faenza trova le giuste contromisure e sigla un parziale di 8-0 (45-50 al 27′). La controreazione biancorossa è affidata a capitan Rinaldi, che segna quattro punti filati prima che la tripla di Ugolini chiuda il terzo quarto (56-55). Rimini costringe Serra al timeout, dopo un 7-0 di parziale che apre il quarto periodo con i canestri di Arrigoni e Saccaggi; gli ospiti provano a restare a galla con Morara, ma i liberi di Saccaggi ed il canestro di Rivali valgono un vantaggio in doppia cifra per i biancorossi (69-58 al 36′). RivieraBanca amministra molto bene il vantaggio nei minuti finali neutralizzando le speranze di Faenza e alla sirena finale può partire la festa!

TIGERS – REAL SEBASTIANI 61 – 58

(12-9; 35-25; 47-40)

Cesena: Nwokoye 16 (5/7), Mascherpa 15 (4/8, 1/4), Genovese 9 (2/6, 1/6), Gallizzi 8 (1/5, 2/4), Anumba 5 (2/4, 0/2), Bugatti 5 (1/3, 1/1), Brighi 3 (0/1, 1/4), Ndour (0/2), Moretti, Arnaut. All. Tassinari.

Rieti: Traini 17 (3/6, 3/6), Piazza 15 (3/5, 2/3), Contento 10 (1/3, 2/6), Loschi 7 (1/2, 1/5), Ghersetti 6 (1/3, 1/4), Dieng 2 (0/6), Chiumenti 1 (0/3), Piccin (0/4), Tchintcharauli (0/1), Ndoja ne. All. Finelli.

IL CAMPETTO ANCONA – TERAMO A SPICCHI 2K20 58 – 51

AURORA BASKET JESI – GIULIA BASKET GIULIANOVA 55 – 72

PALLACANESTRO ROSETO – ANDREA COSTA BASKET 102 – 74

(29-11; 60-23; 79-46)

Roseto: Gaeta 5, Zampogna 14, Turel 18, Mariani, Mraovic ne, Di Emidio 5, Bassi 4, Ruggiero 6, Pastore 13, Amoroso 4, Nikolic 29, Serafini 4. All. Quaglia.

Imola: Wiltshire 13, Fazzi 3, Guidi, Trapani 23, Carnovali 7, Calabrese 5, Corcelli 4, Vigori 7, Cusenza 6, Trentin 6. All. Grandi.

VIRTUS CIVITANOVA – SUTOR MONTEGRANARO 67 – 52

CLASSIFICA

PGVP%
Liofilchem Roseto4220100.0
Kienergia Rieti4220100.0
Giulia Basket Giulianova4220100.0
Andrea Costa Imola221150.0
Real Sebastiani Rieti221150.0
Raggisolaris Faenza221150.0
RivieraBanca Basket Rimini221150.0
Tigers Cesena221150.0
Rennova Teramo221150.0
Luciana Mosconi Ancona221150.0
Virtus Basket Civitanova Marche221150.0
Sinermatic Ozzano221150.0
The Supporter Jesi121150.0
Goldengas Senigallia02020.0
BNL Luiss Roma02020.0
Sutor Montegranaro02020.0

Serie B, all’esordio sorridono Andrea Costa, Fiorenzuola e Raggisolaris

SERIE B 1° Giornata

GIRONE B

PALL. FIORENZUOLA 1972 – VIRTUS BK PADOVA 89 – 71

(21-19; 40-38; 68-48)

Fiorenzuola: Galli 4, Bracci 7, Rubbini 14, Alibegovic 17, Livelli 10, Filippini 16, Avonto, Binelli, Cipriani 6, Bussolo, Ricci 15, Jovanovic. All. Galetti.

Padova: Pellicano 2, Cecchinato 6, Schiavon 3, Balducci 5, De Nicolao F. 8, Ferrari 12, Lusvarghi 6, Lovisotto 9, Bocconcelli 5, Marangon 15. All. De Nicolao R.

Ritorna il grande basket a Fiorenzuola, ma lo fa a porte chiuse, nell’attesa che al PalaMagni di Fiorenzuola vengano completati i lavori per adeguare lo status del palazzetto all’omologazione nazionale.

Alibegovic, con il rimbalzo in tap in, impatta a quota 10-10 al 4’, seguito dal fade away dalla media distanza di Ricci. Ferrari riequilibra il match sotto le plance per i neroverdi al 7’ (14-14), ma Rubbini si inventa un canestro da 3 punti fuori equilibrio e fa mettere la testa fuori dalla sabbia allo struzzo gialloblu di coach Galetti. Schiavon, allo scadere del primo quarto, chiude il parziale sul +2 in favore di Fiorenzuola: 21-19. Prova ad alzare il quintetto coach Galetti ad inizio secondo periodo, provando la doppia torre Bracci-Filippini; la partita rimane tuttavia in grande equilibrio, con grande fisicità da parte di entrambe le formazioni: 30-31 al 15’ grazie ancora alla tripla di Ferrari che dà il vantaggio a Padova. Vibrante la protesta di coach Galetti nei confronti dei grigi al 17’; fallo tecnico fischiato al coach dei Bees e sul ribaltamento Marangon, con il jumper, consegna il massimo vantaggio a Padova (30-34). Lovisotto, con la tripla dalla punta, continua a mantenere buone le percentuali degli ospiti, ma Alibegovic elude l’intervento del proprio marcatore e con il tiro in sospensione fa entrare negli ultimi ottanta secondi del tempo i Bees in vantaggio di due lunghezze, 38-36, con Fiorenzuola che mantiene il vantaggio al suono della sirena (40-38). Grande circolazione di palla degli emiliani in apertura di terzo parziale: Galli riceve sul lato debole e scarica ancora in punta per Livelli, che è una sentenza da 3 punti: 49-40 al 23’. I Bees prendono il largo alzando vertiginosamente il ritmo, prima dal pitturato con Filippini e Livelli, poi, con la tripla di Ricci che fa allungare vistosamente la squadra valdardese (58-40 al 26’). Ancora Livelli da 3 punti sentenzia la gara al 27’, costringendo coach De Nicolao al timeout per arginare le ferite sul -23 (63-40). Galli, con un tiro fuori equilibrio da 3 punti, chiude il terzo parziale in favore di Fiorenzuola e fa esplodere la panchina gialloblu: 68-48 e parziale da 28-10 per la squadra di Galetti. Nell’ultima frazione c’è spazio per un continuo bombardamento da parte di Fiorenzuola, con Bracci e Ricci che danno il colpo di grazia ad una Virtus che non riesce più a trovare il bandolo della matassa. 80-56 al 34′ e altro timeout da parte di coach De Nicolao. Francesco De Nicolao prova a rendere meno amara una sconfitta ormai inevitabile per Padova, inventandosi un fallo e buono canestro per l’84-61 al 37’. Nel finale coach Galetti inserisce in rotazione anche Avonto e Jovanovic, chiudendo con i giovani Bussolo e Binelli. C’è spazio per la tripla di Cipriani da una parte e il canestro di Balducci dall’altra, con la partita che si chiude sull’89-71.

FALCONSTAR BK MONFALCONE – RIMADESIO DESIO 63 – 66

VIRTUS LUMEZZANE – SECIS JESOLO 47 – 61

UNITED EAGLES BK UDINE – BOLOGNA BASKET 2016 85 – 57

(18-11; 39-21; 62-39)

Cividale: Miani 8, Chiera 19, Cassese ne, Rota 2, Battistini 25, Gattolini, Paesano 8, Rocchi 17, Furin 2, Micalich 4, Barel. All. Pillastrini.

BB 2016: Resca 7, Galassi 12, Graziani 3, Hidalgo 16, Felici 6, Guglielmi ne, Rossi 5, Tilliander 4, Oyeh 4, Tripodi, Lanzarini. All. Fucka.

Il Bologna Basket 2016 esordisce perdendo sul difficile campo di Cividale per 85-57. Una sconfitta contro una squadra forte, preparata ed energica come la United Eagles Basketball, reduce dalla finale di Supercoppa, favorita tuttavia dalla mancanza di ben 4 infortunati importanti come Beretta, Fontecchio, Guerri e Guglielmi, mentre anche Graziani e Resca, pur rientranti da guai fisici, non sono tuttora al meglio. Proprio queste assenze – che hanno rimaneggiato un organico in teoria molto ampio – hanno costretto la società ad andare sul mercato, con l’arrivo di Penny Hidalgo, il nuovo esterno proveniente da Varese.

I rossoblu mettono in campo tanta voglia e buona volontà, ma cadono sotto i colpi degli avversari, precisi nel tiro pesante e solidi difensivamente. Ogni giudizio deve comunque essere rimandato a quando la compagine di coach Fucka potrà presentarsi a ranghi completi e con più allenamenti alle spalle. Le cifre ovviamente non premiano la squadra felsinea: 20/45 da 2, 5/21 da 3 e 21 rimbalzi contro i 42 avversari. In questo contesto negativo va però salutata con soddisfazione la prova del nuovo arrivato Hidalgo: 16 punti, con 5/11 da 2 punti e 2/3 dalla distanza.

La cronaca. Primo quarto in equilibrio, con il BB2016 che resta in partita fino al 6′ con alcune giocate di Resca. Nel finale di tempo Cividale piazza però un 9-0 che gli permette di chiudere sopra di 7 (18-11). A inizio seconda frazione i friulani accelerano con un altro parziale di 17-2 che, in pratica, chiude il match. I ragazzi di Fucka segnano solo 2 punti in sei minuti fino ad una bomba di Galassi e vanno al riposo sotto di diciotto lunghezze (39-21). La musica non cambia nemmeno alla ripresa: Cividale colpisce ripetutamente dalla lunga distanza e si mantiene sopra tra i 20 e i 25 punti, toccando anche il +31. Stesso copione anche nell’ultimo quarto, con la partita che si trascina sino alla fine senza altre emozioni.

GEMINI MESTRE – TENUTA BELCORVO S.VENDEMIANO 83 – 74

AGOSTANI CAFFE’ OLGINATE – BERGAMO BASKET 2014 40 – 49

PALL. CREMA – JU.VI. CREMONA BASKET 1952 93 – 77

CIVITUS ALLIANZ VICENZA – PALL. BERNAREGGIO’99 89 – 87

CLASSIFICA

PGVP%
Gemini Mestre2110100.0
WithU Bergamo2110100.0
Pallacanestro Crema2110100.0
Civitus Allianz Vicenza2110100.0
Pall. Fiorenzuola 19722110100.0
Rimadesio Desio2110100.0
Secis Jesolo2110100.0
Gesteco Cividale2110100.0
Rucker Belcorvo San Vendemiano01010.0
Agostani Caffè Olginate01010.0
Ferraroni JuVi Cremona01010.0
Lissone Interni Bernareggio01010.0
Antenore Energia Virtus Padova01010.0
Falconstar Monfalcone01010.0
LuxArm Lumezzane01010.0
Bologna Basket 201601010.0

GIRONE C

REAL SEBASTIANI – RIVIERABANCA 77 – 67

(22-26; 42-40; 53-48)

Rieti: Loschi 22 (3/5, 4/7), Traini 18 (2/7, 3/5), Ghersetti 12 (6/8, 0/3), Piazza 11 (1/3, 3/5), Chiumenti 7 (2/7), Contento 5 (1/2, 1/6), Dieng 2 (0/1, 0/3), Piccin (0/2, 0/1), Tchintcharauli (0/1), Ogyemwonyi ne, Ndoja ne. All. Finelli.

Rimini: Saccaggi 23 (6/7, 2/10), Bedetti 14 (3/4, 2/3), Masciadri 10 (3/4, 1/2), Arrigoni 10 (4/8), Rivali 4 (1/4, 0/2), Rinaldi 4 (1/7, 0/1), Fabiani 2 (1/1), Mladenov (0/2 da tre), Scarponi (0/1, 0/1), Rossi ne, Amati ne, Carletti ne. All. Ferrari.

Rimini dà tutto sul parquet del PalaSojourner nel primo big match della stagione, ma è costretta a cedere il passo alla Real Sebastiani Rieti, che riesce a siglare l’allungo definitivo per la vittoria grazie a quindici punti segnati da Loschi negli ultimi 10′ e conquista così il referto rosa ed i due punti in classifica.

La partenza è favorevole ai biancorossi, che provano subito ad allungare sugli avversari grazie alle bombe di Bedetti e Masciadri (6-12 al 5′), Rieti soffre l’assenza di Ndoja, ma trova comunque le adeguate contromisure grazie a Loschi e Contento che rispondono alle iniziative riminesi (18-21 all’8′). RivieraBanca torna a spingere con Arrigoni, ma il solito Loschi tiene a galla Rieti che, nel secondo quarto, riesce a trovare il pareggio a quota 30 col canestro di Chiumenti (15′); grande equilibrio in campo con le due squadre che si ribattono colpo su colpo. I padroni di casa trovano il vantaggio a fine primo tempo con la bomba di Traini che risponde a quella di Bedetti (42-40). Al rientro dagli spogliatoi continua la battaglia: Rimini prova a farsi sentire con quattro punti filati di Saccaggi (44-48 al 27′), ma la Real Sebastiani reagisce infilando un parziale di 9-0 che chiude il terzo quarto grazie ai canestri di Chiumenti e Ghersetti (53-48). RivieraBanca torna a -1 ad inizio ultima frazione con Arrigoni e Masciadri (53-52 al 32′), Rieti, però, viene semplicemente trascinata da un Loschi ‘on fire’, che segna ben 15 punti nella quarta frazione e nonostante il tentativo di rientro firmato Saccaggi (69-64 al 39′), regala la vittoria ai suoi.

TERAMO A SPICCHI 2K20 – SINERMATIC 56 – 54

(16-16; 35-32; 49-44)

Teramo: Guilavogui, Di Giorgio ne, Bottioni 5, Bertocco 11, Antonelli 11, Bonci 7, Ragonici ne, Di Donato 9, Triassi 5, Cucco 8. All. Salvemini.

Ozzano: Landi ne, Folli 6, Galleti ne, Cisbani ne, Klyuchnyk 18, Chiappelli 4, Barattini 3, Ceparano 11, Bonfiglio 10, Lasagni 2. All. Loperfido.

Inizia con una sconfitta di soli due punti il cammino della Sinermatic 2021/22. A Teramo, i ragazzi di coach Loperfido inseguono per lo più gli avversari, ogni tanto riescono a mettere il naso avanti, ma alla fine, in più di un’occasione, falliscono il canestro del potenziale pareggio o della vittoria, tornando in Emilia a mani vuote.

Inizio in sordina per la Sinermatic, che trova il primo canestro solo dopo tre minuti e mezzo; Teramo invece è più cinica e con Antonelli, Bertocco e Di Donato trova prima l’8-2 al 4’ poi il 12-4 al 6’. Quando Ozzano comincia a difendere con maggior intensità, riesce in attacco a costruire qualcosa di buono e in 180″ con Folli, Chiappelli, due triple di Bonfiglio e Ceparano, i Flying trovano il primo vantaggio di serata (14-16), subito annullato dall’ex di turno Bertocco che, dalla lunetta, impatta il match a quota 16 alla prima sirena. Nel secondo periodo, Tiassi e Cucco aprono le danze dalla lunga distanza (22-16), ma la risposta ozzanese non tarda, con Klyuchnyk sotto le plance e una penetrazione di Bonfiglio (22-21 al 13’). Il quarto prosegue con Teramo sempre avanti nel punteggio, ma con la Sinermatic a ridosso degli abruzzesi, trascinati da Klyuchnyk già in doppia cifra (35-32 all’intervallo lungo). Ad inizio terza frazione è ancora Klyuchnyk a dominare le plance e con un canestro e fallo impatta a quota 35, prima di un break teramano che in quattro minuti vale il +7 Rennova (42-35). Ozzano ha basse percentuale dalla lunga distanza e si sblocca solo al minuto 25 con Barattini. Teramo, a 2’30” dalla terza sirena, trova il massimo vantaggio sul +9 grazie a Cucco, ma negli ultimi centoventi secondi, Klyuchnyk e Ceparano accorciano le distanze fino al -5 (49-44). Si decide tutto nell’ultimo quarto: la Sinermatic aumenta ancora la pressione difensiva mandando in grossa difficoltà l’attacco dei padroni di casa, che non segnano per oltre quattro minuti, totalizzando appena 7 punti in tutta la frazione. Ozzano, nel frattempo, seppur ancora con diversi errori dall’arco dei 6,75 (6/30 a fine serata), riesce ad impattare nuovamente il match a quota 49 con Ceparano ed è la stessa ala ex Cecina che, a 3’30” dallo scadere, realizza la terza tripla personale di serata per il nuovo vantaggio dei viaggianti (51-52). Nell’azione successiva però Ozzano, già ridotta con le rotazioni per le assenze di Iattoni e Misljenovic, perde per falli il proprio capitano Matteo Folli. E sui liberi che seguono, due dormite a rimbalzo costano caro ai Flying: 5-0 Teramo e nuovo +4 Rennova (56-52). Bonfiglio, dall’altra parte, segna dalla lunetta il 56-54, mentre negli ultimi tre giri di lancette le retine non vengono più colpite. L’ottima difesa ozzanese porta Teramo a forzare alcune conclusioni o a prendersi uno sfondamento che vale il quinto fallo di Antonelli, ma dall’altra parte la serata negativa al tiro da fuori dei vari Lasagni, Klyuchnyk e Chiappelli (0/18 in 3) pesa e i Flying non riescono ad approfittarne. L’ultimo tiro della serata, praticamente sulla sirena, se lo prende Simone Bonfiglio, conclusione che però viene beffardamente sputata fuori dal ferro. Overtime solo sfiorato, vince Teramo 56 a 54.

PALL. SENIGALLIA – PALLACANESTRO ROSETO 64 – 69

RAGGISOLARIS – IL CAMPETTO 77 – 64

(15-19; 34-37; 51-44)

Faenza: Bianchi ne, Mazzagatti ne, Ferrari ne, Siberna 13, Vico 5, Ballabio 4, Poggi 16, Reale 2, Morara 10, Petrucci 12, Ugolini 15, Rosetti ne. All. Serra.

Ancona: Minoli 7, Panzini 2, Centanni 19, Zandri ne, Quarisa 8, Aguzzoli 4, Gospodinov ne, Cacace 6, Giombini 7, Pozzetti 11, Anibaldi ne, Carboni ne. All. Coen.

Buona la prima per i Raggisolaris. La squadra di coach Serra esordisce nel migliore dei modi in campionato, superando Ancona al termine di un match duro e intenso vinto grazie alla difesa. Proprio il sistema difensivo dei faentini sposta gli equilibri soprattutto nel secondo tempo, poi ci pensa il gioco di squadra a confezionare il successo.

Primo tempo all’insegna dell’equilibrio, con i Raggisolaris che si trovano sotto 15-21 ad inizio del secondo quarto, reagendo poi alla grande grazie alla circolazione di palla che regala canestri preziosi. Gli assist nei primi venti minuti sono ben 14 ed infatti, con la coralità, i faentini sopperiscono ad una manovra offensiva non molto ficcante: all’intervallo si arriva con gli ospiti avanti 34-37. Poi entra in gioco la difesa dei Raggisolaris e si spostano gli equilibri. Faenza concede soltanto 7 punti in tutto il periodo e in attacco colpisce con triple pesanti. Ad inaugurare la serie dai 6.75 è Siberna per il 40-42, poi Petrucci lo imita firmando il sorpasso (46-44) e a chiudere il break è Ugolini, segnando un chirurgico 3/3 dalla lunetta per il 49-44. L’azione che fotografa il carattere della squadra di Serra è il canestro del 51-44 iniziata con Ballabio, che recupera palla da rimessa dal fondo e poi chiusa dallo stesso play/guardia con il suo solito tiro piazzato. Ancona prova a rifarsi sotto e arriva fino al 61-55, ma i Raggisolaris sono galvanizzati e continuano a sparare da tre: capitan Petrucci e due volte Siberna fanno volare Faenza sul 70-59 al 37′, poi a mettere il punto esclamativo è Vico, sempre dalla lunga distanza, siglando il 75-64 che chiude definitivamente i conti.

LUISS ROMA – NPC RIETI PALLACANESTRO 77 – 80

GIULIA BK GIULIANOVA – VIRTUS BK CIVITANOVA 62 – 55

SUTOR BK MONTEGRANARO – AURORA BK JESI 47 – 75

ANDREA COSTA BASKET – TIGERS 79 – 72

(14-18; 40-34; 58-59)

Imola: Trapani 11, Corcelli 14, Carnovali 15, Cusenza 10, Trentin 8, Calabrese 2, Vigori 7, Fazzi 1, Wiltshire 11, Fussi ne, Guidi ne. All. Grandi.

Cesena: Gallizzi 6, Mascherpa 23, Moretti 6, Genovese 16, Nwokoye 4, Brighi 7, Anumba 2, Bugatti 8, Ndour, Arnaut ne. All. Tassinari.

CLASSIFICA

PGVP%
Kienergia Rieti2110100.0
Giulia Basket Giulianova2110100.0
The Supporter Jesi2110100.0
Andrea Costa Imola2110100.0
Real Sebastiani Rieti2110100.0
Rennova Teramo2110100.0
Liofilchem Roseto2110100.0
Raggisolaris Faenza2110100.0
BNL Luiss Roma01010.0
Virtus Basket Civitanova Marche01010.0
Sutor Montegranaro01010.0
Tigers Cesena01010.0
RivieraBanca Basket Rimini01010.0
Sinermatic Ozzano01010.0
Goldengas Senigallia01010.0
Luciana Mosconi Ancona01010.0

Strepitosa Raggisolaris, la SuperCoppa è tua!

SEMIFINALE

RAGGISOLARIS – VIGEVANO 72- 69

(14-25; 33-37; 51-48)

Faenza: Bianchi ne, Mazzagatti ne, Ferrari, Siberna 14, Vico ne, Ballabio 6, Poggi 11, Reale 18, Morara, Petrucci 12, Ugolini 11, Cortecchia ne. All. Serra.

Vigevano: Ferri 10, Tagliavini ne, Radchenko, Procacci 6, Mercante 14, Rosa, Giorgi 11, Spaccasassi ne, Rossi 2, Kahnt ne, Gatti 11, Peroni 15. All. Piazza.

Ancora privi di Vico, fermo per i postumi del duro colpo alla testa subito nel quarto di finale contro Ancona, i Raggisolaris scendono in campo con grande determinazione, soffrendo però Vigevano nel finale del primo quarto, come dimostra l’allungo dei lombardi fino al 25-14. Faenza riordina le idee e grazie alla solita difesa inizia a macinare gioco, ribaltando l’inerzia e portandosi avanti 50-41. L’Elachem ricuce il gap e inizia così una gara punto a punto all’insegna dell’equilibrio, tanto che a 21’’ dalla fine il punteggio è 68-68. Vigevano chiama time out e al rientro in campo la rimessa dal fondo, ma Petrucci è lesto ad anticipare l’avversario grazie anche al prezioso aiuto difensivo di Ugolini e segna il 70-68. Reale manda in lunetta Gatti a 5’’ dalla sirena che segna solo un libero (69-70 a 5’’), poi i lombardi fanno fallo su Poggi a 4’’. Il pivot è glaciale dalla lunetta, segnando un perfetto 2/2 che chiude i conti.

FINALE

RAGGISOLARIS – CIVIDALE 75 – 56

(15-15; 42-33; 62-42)

Faenza: Bianchi ne, Mazzagatti ne, Ferrari, Siberna 18, Vico 6, Ballabio 7, Poggi 16, Reale 6, Morara 3, Petrucci 9, Ugolini 10, Cortecchia ne. All. Serra.

Cividale: Miani 5, Chiera 5, Cassese ne, Laudoni, Rota 9, Battistini 8, Gattolin ne, Paesano 2, Rocchi 20, Furin ne, Micalich 7, Ohenen ne. All. Pillastrini.

Giornata storica per i Raggisolaris. A Lignano Sabbiadoro la squadra di coach Serra alza la Supercoppa, primo trofeo nazionale nella storia del club, superando Cividale 75-56. Un successo meritato che arriva al termine di una Final Eight da sogno e di sei partite del torneo disputate con grinta, cuore e determinazione, dove lo spirito del gruppo ha fatto la differenza: un ottimo viatico in vista del campionato che inizierà domenica 3 ottobre. Mvp della finale è stato eletto Giovanni Poggi, autore anche in questa occasione di una prestazione incredibile.

Il match inizia con l’infortunio di Laudoni, costretto ad uscire dal campo dopo soli tre minuti ed è all’insegna dell’equilibrio e dell’agonismo. I Raggisolaris conquistano qualche punto di vantaggio venendo poi agganciati dalla tripla di Rocchi del 15-15 a fine periodo. Un copione che si ripete anche nel secondo quarto, con Petrucci che ha la ‘mano calda’ segnando tre triple: l’ultima regala il primo vantaggio in doppia cifra: 40-30. Coach Serra intanto getta nella mischia Vico, ripresosi dal problema al collo dovuto all’infortunio occorsogli nei quarti con Ancona e la guardia dispende assist e si mette al servizio della squadra. All’intervallo si arriva con Faenza avanti 42-33, poi, al rientro in campo, inizia il monologo faentino. L’attacco dei Raggisolaris gira a meraviglia, la difesa è super e in pochi minuti arriva il +25 (62-37) grazie ad una tripla di Morara, con Cividale che fatica ad avere le idee chiare. La reazione friulana non tarda ad arrivare è con un break di 16-0 riapre i conti fino al 62-53, ma contro questa Faenza non c’è nulla da fare. Siberna spara la tripla del 65-53, Poggi trasforma in canestro un assist al bacio di Vico (67-53) e l’inerzia ritorna nelle mani romagnole. Nel finale la squadra di coach Serra gestisce il vantaggio e al suono della sirena può partire la festa: la Supercoppa è di Faenza.

Supercoppa Serie B: i Raggisolaris agguantano la semifinale!

RAGGISOLARIS – IL CAMPETTO 61 – 57

(11-14; 22-32; 42-49)

Faenza: Mazzagatti ne, Ferrari, Siberna 6, Vico 4, Ballabio, Poggi 16, Reale 6, Morara 10, Petrucci 11, Ugolini 8. All. Serra.

Ancona: Minoli, Panzini, Centanni 16, Zandri ne, Quarisa 13, Aguzzoli 5, Gospodinov, Cacace 5, Giombini, Pozzetti 11, Anibaldi ne. All. Coen.

Rimonta da applausi per i Raggisolaris che volano in semifinale vincendo la quarta partita consecutiva di Supercoppa nei secondi finali. Il successo su Ancona arriva proprio al fotofinish grazie ad un’ottima prova del collettivo, costretto a rinunciare a Vico, uscito per infortunio a quattro minuti dalla fine. La squadra di coach Serra ritornerà in campo sabato, alle ore 17.15, in semifinale contro Vigevano.

I Raggisolaris partono molto bene, ma non riescono a trovare il canestro con continuità, venendo poi colpiti da Ancona che oltre a difendere molto bene su Vico e in tutte le zone del campo, tirano con alte percentuali. La dimostrazione è il vantaggio di 20-30 negli ultimi minuti del secondo quarto, arrivato dopo che i faentini non avevano segnato per sei minuti. Ancona raggiunge il massimo vantaggio sul 29-44 grazie a due triple e da quel momento parte la riscossa faentina. Minuto dopo minuto la difesa diventa sempre più attenta e l’attacco inizia a girare. Sotto 49-55 al 36’, Vico deve uscire dopo essere stato colpito fortuitamente alla testa dal ginocchio di Centanni, mentre stava andando a rimbalzo e pur senza uno dei suoi leader, i faentini piazzano la rimonta. Morara suona la carica per il 54-55, Poggi firma il sorpasso (56-55) e Centanni dalla lunetta il controsorpasso dorico: 56-57. Il pallone inizia a scottare, ma non per Siberna che, a 10’’ dalla sirena, firma la tripla del 59-57. A completare l’opera è Petrucci, prima con un’ottima difesa su Pozzetti costringendolo a perdere palla, poi, con il 2/2 dalla lunetta che vale la semifinale.

C.S. – Ultimo test stagionale per i Flying Balls Ozzano

SINERMATIC – ANDREA COSTA 74 – 71

(14-24; 9-12; 25-19; 26-16)

Ozzano: Landi, Folli 10, Iattoni 2, Cisbani ne, Klyuchnyk 2, Chiappelli 16, Barattini 6, Ceparano 6, Bonfiglio 14, Lasagni 18, Martini. All. Loperfido.

Imola: Wiltshire 2, Fazzi 4, Guidi 5, Trapani 16, Carnovali 14, Calabrese, Corcelli 12, Vigori 8, Cusenza ne, Trentini 8. All. Grandi

Nuovo mercoledì di amichevoli al Pala Arti Grafiche Reggiani. I ragazzi della Sinermatic hanno affrontato, nell’ultimo test match prestagionale, l’Andrea Costa Imola, avversario che tornerà in Viale 2 Giugno in campionato il prossimo 18 Dicembre. I New Flying Balls di coach Loperfido e i romagnoli allenati dall’ex coach ozzanese Federico Grandi si sono divisi due quarti a testa, con il punteggio complessivo che. a conti fatti. ha premiato i locali per 74 a 71.

Assenti gli infortunati Misljenovic e Galletti da una parte, Cusenza in panchina per onor di firma dall’altra, il primo quarto si apre con un bel break Sinermatic firmato Ceparano-Bonfiglio e dopo 2’30” Ozzano vola sul 10-2 costringendo coach Grandi al time out. Minuto di sospensione che fa molto bene agli imolesi, che difendono per il resto del quarto alla morte mandando in tilt l’offensiva ozzanese. Negli ultimi 7 giri di lancette Corcelli e compagni rifilano un parziale di 4 a 22 che fissa il punteggio del primo quarto sul 14 a 24 in favore dei romagnoli, trascinati da un Trapani sugli scudi autore di ben 11 punti. I New Flying Balls continuano a faticare nel secondo periodo, diverse banali palle perse e distrazioni che mandano su tutte le furie coach Loperfido. Imola però non ne approfitta più di tanto e non trovano la via del canestro con la stessa frequenza del primo quarto. La seconda frazione si archivia con un misero 9-12 sempre a favore degli ospiti per il complessivo +13 Imola. Nel terzo quarto l’intensità difensiva imolese cala, ed Ozzano riesce finalmente a ritrovarsi. La coppia Bonfiglio-Chiappelli comincia a trovare feeling con la retina, e nell’ultima parte della frazione arrivano due triple firmate dallo stesso Bonfiglio e Lasagni che fissano il punteggio sul 25-19 per la Sinermatic. La tripla sulla sirena di Lasagni accende la stessa guardia tiratrice ex Torrenova, tant’è che nell’ultimo quarto sarà protagonista di ben 3 canestri dalla lunga distanza. Se ai suoi canestri si aggiungono quelli di Chiappelli, Ozzano non ha problemi a respingere i tentativi di rimonta imolese di Carnovali e Corcelli. I padroni di casa riescono a vincere 26 a 16 il periodo, con il punteggio complessivo che si rovescia sorridendo agli ozzanesi per 74-71 finale.

C.S. – Test positivo per i Flying Balls Ozzano

TIGERS – SINERMATIC 81 – 80

(16-17; 17-20; 15-19; 33-24)

Cesena: Bugatti 10, Nwokoye 5, Anumba 10, Mascehrpa 9, Moretti 1, Genovese 20, Gallizzi 11, Ndour 6, Arnaut 3, Brighi 6. All. Tassinari.

Ozzano: Landi, Folli 10, Iattoni 9, Galletti ne, Cisbani ne, Misljenovic, Klyuchnyk 11, Chiappelli 6, Barattini 8, Ceparano 9, Bonfiglio 21, Lasagni 6. All. Loperfido.

Importante e positivo test per i New Flying Balls che, nel pomeriggio di sabato, hanno affrontato a domicilio i Tigers Cesena. Uno scrimmage buono per i ragazzi di coach Loperfido, che hanno vinto i primi tre quarti lasciando ai padroni di casa solamente l’ultimo periodo, nel quale sfruttando maggior energia e magie di Genovese, i romagnoli hanno superato la Sinermatic fino all’81-80 finale.

Primo quarto equilibrato: meglio Cesena di Ozzano all’inizio con i padroni di casa che trovano ottime percentuali da fuori mentre i Flying faticano a trovare la via del canestro. Dopo aver toccato sul 16-8 come massimo vantaggio, la Sinermatic cresce minuto dopo minuto e negli ultimi giri di lancette trascinati da Bonfiglio trovano uno 0-9 che vale il 16-17 della prima frazione. Da segnalare purtroppo in casa ozzanese l’infortunio al ginocchio del giovane lungo serbo Misljenovic, l’entità sarà valutata nei prossimi giorni. Nel secondo periodo si combatte ancora ad armi pari. Se le percentuali ai liberi per Ozzano sono basse, crescono invece quelle da fuori, e grazie alle triple di Barattini e Lasagni i Flying si prendono il quarto, 20 a 17 il parziale. Nella terza frazione si corre tanto e si segna poco, almeno nei primi minuti. Tanti viaggi in lunetta, sempre con diversi errori, poi il duo Ceprano-Bonfiglio crea un break che vale la vittoria anche del terzo periodo, 15-19 il parziale con un complessivo +8 Ozzano fino a quel momento. Nell’ultimo quarto regna l’equilibrio nei primi minuti poi Cesena allunga prima con Bugatti e poi con la tripla di Galizzi, ma Ozzano si aggrappa alle bombe di un ispirato Bonfiglio, e ai canestri di Folli e Iattoni per rimanere in partita. In casa New Flying Balls termina la benzina e cala la lucidità; nel finale il protagonista è Salvatore Genovese, che dopo alcuni canestri di pregevole fattura segna a una manciata di secondi la tripla del +9 (33-24), canestro che fissa il punteggio complessivo sull’81-80 finale.

Serie B, Supercoppa: i Raggisolaris conquistano le finali!

SUPERCOPPA

RAGGISOLARIS – PIELLE 61 – 58

(25-14; 36-33; 49-44)

Faenza: Bianchi ne, Mazzagatti, Ferrari 2, Siberna 2, Vico 18, Ballabio 5, Poggi 10, Reale 15, Morara, Petrucci 3, Ugolini 5, Cortecchia ne. All. Serra.

Livorno: Iardella 13, Fin, Tempestini 10, Nannipieri ne, Pederzini 11, Lemmi 9, Lenti 6, Salvadori 4, Sacco ne, Drocker 5. All. Da Prato.

Serie B, primi sorrisi in SuperCoppa per RBR, Raggisolaris e Andrea Costa

SERIE B

SUPERCOPPA 1° Turno

ETRUSCA BK – NEW FLYING BALLS 86 – 60

19-14; 42-27; 60-46

San Miniato: Mastrangelo 12, Lorenzetti 18, Ermelani, Ciano, Benites 8, Candotto 9, Caversazio, Bellachioma 4, Capozio 2, Scomparin, Quartuccio 14, Tozzi 19. All. Marchini.

Ozzano: Landi, Folli 4, Iattoni 2, Galletti, Cisbani, Misljenovic 2, Klyuchnyk 6, Chiappelli 10, Barattini 8, Ceparano 9, Bonfiglio 6, Lasagni 13. All. Loperfido.

Finisce al primo turno l’avventura dei New Flying Balls. I biancorossi della Sinermatic vengono battuti 86 a 60 dall’Etrusca in un match mai in discussione. Troppo grande è il gap fra le due squadre a livello di condizione. I toscani hanno dimostrato di essere più avanti nella preparazione, inoltre possono godere di schemi già oliati merito di una ossatura pressoché invariata rispetto alla passata stagione; cosa che, invece, non può avere Ozzano che, nel corso dell’estate, ha cambiato 9/10 del roster e che necessariamente ha bisogno di più tempo per trovare i giusti ritmi e l’intensità necessaria.

Dopo lo 0-3 firmato da Chiappelli, San Miniato risponde con un parziale di 7-0 e passa a condurre. Vantaggio che i padroni di casa non molleranno più. Nella prima frazione, comunque, i Flying di coach Loperfido combattono ad armi pressoché pari (ai punti di Quartuccio e Lorenzetti rispondono Barattini e Bonfiglio) e il parziale al minuto 10 dice 19-14 Etrusca. Nel secondo periodo i padroni di casa scappano, complice un attacco ozzanese un po’ confuso che non trova canestro per ben cinque minuti. Nel frattempo, Tozzi, l’ex Mastrangelo e i liberi di Benites scavano il solco. I Flying, che devono limitare il minutaggio di Klyuchnyk per problemi ad una caviglia e di Chiappelli per problemi di falli, preferiscono attaccare il canestro rispetto al tiro dalla lunga distanza, ma la difesa toscana si dimostra impenetrabile. Per gli ozzanesi tante palle perse, diversi rimbalzi offensivi concessi e allo scoccare del minuto 15 San Miniato vola a +21 (35-14). Lasagni interrompe finalmente l’emorragia da canestri e Ozzano negli ultimi minuti del quarto torna in carreggiata, accorciando fino al -15 dell’intervallo lungo (42-27). Nella terza frazione, la Sinermatic gioca un buon quarto, riuscendo a difendere meglio e in attacco a costruire qualche bel canestro finalizzato dalla coppia Ceparano-Bonfiglio. Alla terza sirena è -14 Ozzano (60-46), ma la partita sembra riaprirsi definitivamente ad inizio quarto periodo quando Klyuchnyk segna dai 6,75 il -11 (60-49). Quando, però, Ozzano sbaglia il tiro del potenziale -8, dall’altra parte San Miniato è micidiale, con Quartuccio e Mastrangelo che segnano due bombe del +17 che spezzano definitivamente la partita. I Flying sono ormai sulle gambe e inoltre piovono antisportivi: due a Klyuchnyk, che viene così espulso, e uno a Iattoni. San Miniato prende il largo fino al +29 che rappresenta il massimo vantaggio del match.

RAGGISOLARIS – BOLOGNA BASKET 2016 59 – 56

(12-13; 33-24; 44-38)

Faenza: Bianchi ne, Mazzagatti 2, Ferrari, Siberna 6, Vico 21, Ballabio 2, Poggi 13, Reale 6, Morara 3, Petrucci, Ugolini 6, Cortecchia ne. All. Serra.

BB2016: Flocco ne, Galassi, Guglielmi 9, Oyeh, Rossi 2, Fontecchio 16, Felici 4, Beretta 3, Graziani 14, Resca 8, Tilliander, Tripodi ne. All. Fucka.

Si conclude al primo turno l’avventura di Supercoppa del Bologna Basket 2016. Opposti ad una squadra forte ed ambiziosa come Faenza, i ragazzi di coach Fucka mandano segnali positivi, restando in partita fino all’ultimo e perdendo di misura un match equilibrato. I bolognesi stanno lavorando molto sulla compattezza difensiva che l’anno scorso era stata uno dei principali problemi e in questo senso le prime uscite appaiono molto incoraggianti. Inutile ricordare che si tratta comunque della prima partita ufficiale di un team ampiamente rinnovato e di giovane età, dopo pochi allenamenti ed un’unica amichevole, per cui nelle prossime settimane anche l’impatto offensivo non potrà che crescere di conseguenza. Per quanto riguarda i singoli, buone sensazioni arrivano da Andrea Graziani (14 punti con 6/9 dal campo e 9 rimbalzi) e dal capitano Luca Fontecchio (doppia doppia, con 16 punti e 11 carambole). Bene anche Resca in regia (8 punti e 6 assist), l’apporto difensivo di Matteo Galassi (7 rimbalzi) ed i 9 punti di Davide Guglielmi, frenato in parte dai falli.

La cronaca. Buona partenza del BB2016 con tripla di Graziani e canestro di Fontecchio su assist di Resca. Ma Faenza piazza un parziale di 9-0 e riporta la partita punto a punto, col quarto che si conclude sopra 1 per gli ospiti. Nella seconda frazione i padroni di casa ingranano le marce alte, aumentano la pressione difensiva aggredendo fin dalla rimessa ed arrivano all’intervallo col massimo vantaggio di 9 lunghezze, complice anche i liberi sbagliati dai rossoblu. Alla ripresa del gioco Fontecchio sale in cattedra e fa partire una parziale rimonta, aiutato da una bomba di Guglielmi. Il vantaggio si riduce fino al -6 a fine terzo quarto. Gli ultimi dieci minuti iniziano con una difesa felsinea molto più bellicosa e con i canestri di Beretta e Felici. Lo stesso Felici firma il pareggio con un 2/2 dalla lunetta a 7’45” dal termine. Il BB2016 riesce a fermare per un paio di minuti gli attacchi faentini, ma non concretizza, sbagliando tiri o perdendo palla per cinque azioni consecutive e incanalando così la partita verso una conclusione negativa. A 5′ dal termine, Faenza torna a segnare e nonostante le triple di Fontecchio e ancora di Guglielmi, prende 5 punti di vantaggio. Resca forza dalla distanza e mette ben due bombe consecutive, mantenendo accesa la speranza. Ma il tempo è tiranno e gli avversari mandati in lunetta non sbagliano, portando a casa il match.

RIVIERABANCA – SUTOR BK 91 – 64

(22-17; 44-34; 68-57)

Rimini: Saccaggi 21 (0/1, 6/7), Arrigoni 18 (7/11, 0/1), Scarponi 14 (3/6, 2/6), Bedetti 13 (5/8, 1/5), Rinaldi 8 (2/3, 1/1), Mladenov 6 (3/6, 0/4), Rivali 5 (1/2, 1/1), Fabiani 3 (1/4), Amati 3 (1/1 da tre), Rossi, Carletti, Masciadri ne. All. Ferrari.

Montegranaro: Murabito 20 (2/8, 5/10), Galipò 14 (4/6, 2/3), Masciarelli 13 (3/8, 1/3), Crespi 8 (2/11, 1/2), Alberti 6 (0/2, 1/2), Torrigiani 3 (0/1, 1/3), Barbante (0/1 da tre), Angellotti, Verdecchia ne, Malloni ne, Korsunov ne, Ambrogi ne. All. Baldiraghi.

TIGERS – ANDREA COSTA BASKET 56 – 59

(11-19; 28-29; 39-43)

Cesena: Genovese 15 (2/4, 3/9), Mascherpa 9 (1/6, 1/3), Anumba 8 (2/4, 1/3), Brighi 8 (1/1, 2/3), Gallizzi 7 (1/2, 1/3), Moretti 4 (1/1, 0/5), Ndour 3 (1/2), Nwokoye 2 (1/5), Arnaut, Giorgini, Bertini, Bugatti. All. Tassinari.

Imola: Cusenza 14 (5/8, 0/2), Trapani 11 (3/8, 0/1), Vigori 9 (3/7, 1/2), Wiltshire 8 (1/2, 2/4), Trentin 7 (3/8, 0/1), Corcelli 5 (1/5, 1/4), Carnovali 3 (0/2, 1/6), Fazzi 2 (1/2, 0/1), Calabrese (0/1, 0/2), Guidi, Fussi. All. Grandi.

JU.VI. CREMONA BK – PALL. FIORENZUOLA 1972 84 – 71

(22-19; 49-34; 72-48)

Cremona: Bona 18, Gobbato 14, Preti 13, Nasello 10, Fumagalli 6, Giulietti 10, Milovanovikj 6, Colombo 4, Vacchelli 3, De Martin 1, Tonello 1. All. Crotti.

Fiorenzuola: Ricci 14, Cipriani 9, Rubbini 9, Alibegovic 2, Filippini, Livelli 13, Avonto 10, Jovanovic 7, Bracci 4, Galli 3, Bussolo, Boriani. All. Galetti.

I Bees di coach Gianluigi Galetti alzano bandiera bianca all’esordio contro una JuVi Cremona che porta ben 5 giocatori in doppia cifra.

Parte meglio la squadra di Crotti, con Gobbato, seguito da Bona e Preti, che danno il via all’incontro, portando gli oroamaranto sul 10-2 al 4′. Si scaldano le mani dei Bees, con Livelli e Ricci ad armare la mano per le triple che riportano i Bees a due possessi di svantaggio (17-12), con Fiorenzuola brava a ridurre lo svantaggio fino al -3 grazie a Rubbini e Ricci. 22-19. Alza le marce la JuVi ad inizio secondo periodo, con la difesa di De Martin che arma la bomba di un Bona ispirato per il 31-19 al 13′. E’ un break pesantissimo per i Bees, che subiscono anche una espulsione diretta a Filippini che fa letteralmente infuriare la panchina gialloblu. Gobbato spara un’altra bomba per il +18 della JuVi al 18′ (47-29), con Cipriani prima e Bracci poi a provare a mettere un asciugamano nella falla della nave. 49-34 a metà partita per Cremona. La musica non cambia nella ripresa, con la JuVi che sfrutta gli assist di Fumagalli per Preti e Bona e vola fino al +24 (65-41 al 25′). I Bees cercano di trovare in Avonto risorse per provare un disperato tentativo di rimonta, ma il gap a fine terzo parziale rimane +24 per i cremonesi: 65-41. Negli ultimi 10′, Fiorenzuola trova in Livelli, Ricci ed Avonto armi importanti, aiutati anche da Jovanovic. Con orgoglio i Bees vincono il parziale per 12-23, ma è ormai troppo tardi. Passa il turno la JuVi.

1 2 3 61