C.S. – Scandiano annuncia l’esterno Galvan

Terzo movimento in entrata per la Pallacanestro Scandiano in vista della Serie C Silver 2021/22. In maglia biancoblu arriva l’esterno Nicolò Galvan, reduce da un campionato di Serie D con 23,9 punti di media disputato coi colori di Vignola. Il classe 1991 ha svolto le ultime quattro stagioni in maglia modenese, chiudendo con oltre 17 punti ad allacciata di scarpe; in precedenza aveva militato in Serie C sempre nel bolognese, con tappe ai Giardini Margherita, Castenaso, Salus, Stars Bologna ed Anzola.

C.S. – Scandiano ufficializza Levinskis e Zamparelli

Pallacanestro Scandiano è lieta di annunciare i primi due acquisti ufficiali in vista della stagione 2021/22. In biancoblu arriva Evaldas Levinskis, 26enne ala di 196 cm, cresciuta nel vivaio del Basket 2000 con cui ha disputato quattro stagioni tra DNC e C Gold, seguite da altrettanti tornei all’ombra della Pietra di Bismantova con l’LG Competition Castelnovo Monti, festeggiando al primo tentativo il salto dalla C Silver alla Gold. Nel 2020/21, invece, ha giocato a Casalmaggiore, dopo essere approdato a Reggiolo in estate.

L’altro volto nuovo risponde al nome di Alberto Zamparelli, regista classe 1998 che arriva da Viadana, dove ha giocato dal 2017 al 2020. In precedenza esperienze nel settore giovanile della Pallacanestro Reggiana, con debutto tra i senior in C regionale all’epoca della collaborazione tra i bianco-rossi e Correggio, oltre ad un anno a Castelnovo Monti.

C.S. – Dopo Arrigoni, anche Tassinari approda a Rimini

RivieraBanca Basket Rimini è entusiasta di comunicare ufficialmente l’approdo in maglia RBR del talentuoso play classe 1996 Andrea Tassinari (187 cm), reduce da due stagioni a San Vendemiano con cui ha recentemente raggiunto la semifinale playoff, salvo poi cedere il passo 3-2 alla futura neopromossa Fabriano, dove ha viaggiato ad un’eccezionale media di 17.22 punti a partita. Andrea ha solo 25 anni, ma può già vantare esperienze molto importanti: la sua carriera cestistica comincia nel settore giovanile della Virtus Bologna dove trascorre ben 9 anni in cui vince lo Scudetto U17 (2012) ed esordisce con la Prima Squadra nella stagione 2014/2015. Il suo viaggio continua con due stagioni in serie B alla Sangiorgese con cui ha la possibilità di mostrare il suo talento sia da realizzatore che da ottimo passatore; nel mezzo c’è anche un’importante annata in A2 con l’Andrea Costa Imola dove gioca 18′ in media su 28 partite. La gioia più grande arriva però nel 2018/2019 quando con la maglia di Orzinuovi si qualifica alle Final Four LNP e conquista la promozione in serie A2.

Dopo l’annuncio di Marco Arrigoni, arriva alla corte di Coach Mattia Ferrari un altro giocatore di grande spessore per la categoria che siamo certi incendierà il Flaminio con le sue giocate spettacolari: insieme ad Eugenio Rivali RBR si assicura così un mix in cabina di regia veramente eccezionale.

C.S. – Ora è ufficiale: Loperfido sarà il nuovo coach dei Flying Balls

La Società New Flying Balls ssdrl informa di aver affidato la guida tecnica della Sinermatic per la stagione sportiva 2021/2022 a coach Giuliano Loperfido.

Nato a Bologna l’11 Novembre 1979, il nuovo coach biancorosso è stato in passato assistente di Marco Carretto nel Castello & Murri di C Gold, prima di diventare  capo allenatore sempre in Serie C nel CVD Casalecchio. Nelle stagioni successive Loperfido vanta importanti e prestigiose esperienze alla guida delle formazioni giovanili d’eccellenza di Salus, Fortitudo Bologna e, ultima in ordine temporale, BSL San Lazzaro. Qui ad Ozzano si prepara per la prima esperienza in un campionato senior di livello nazionale.

Ma cosa ha spinto coach Loperfido a scegliere i New Flying Balls e allenare in un campionato nazionale? Ecco le sue prime parole da nuovo head-coach ozzanese: “Mi ha spinto lo stimolo, la possibilità di mettermi alla prova in un contesto altamente competitivo  e soprattutto di poterlo fare accanto a collaboratori che, fuori dal campo, considero veri e propri amici come Matteo Candini, Luca Pizzi e il dottor Tommaso Cuzzani. Affrontare una sfida così grande, sapendo di poter contare su persone che stimo ed apprezzo, è stata la chiave della scelta.”

Su cosa mi aspetti dal campionato – prosegue Loperfido – al netto di tutte le cose che non so e che dovrò assolutamente imparare, mi aspetto quello che ti da ogni campionato, a prescindere dalla categoria: una competizione durissima”.

In questi ultimi giorni in cui si è chiusa la trattativa, Giuliano Loperfido ha avuto modo di conoscere Società e Staff della Sinermatic, ecco le sue prime impressioni: “Le prime impressioni sono state splendide, spero reciprocamente. Poi credo che le seconde e le terze impressioni siano quelle su cui si decide realmente se ci si piace o meno, Quindi aspettiamo quelle, spero di non deludere la fiducia che mi è stata accordata”.

Sappiamo che con il DS Matteo Candini insieme allo Staff tecnico siete ovviamente già al lavoro per costruire il nuovo roster. Che squadra ci dobbiamo aspettare? “Una squadra che trovi letteralmente divertente competere, che non abbia (troppo) bisogno di essere stimolata per essere aggressiva, veloce e combattiva”.

L’ultima inevitabile battuta che riserviamo a “Loppi” (questo è il soprannome con cui è conosciuto il nuovo coach ozzanese) è riferita alla tradizione cestistica presente ad Ozzano e un primo messaggio ai suoi nuovi tifosi. “Ai tifosi vorrei intanto dire che spero che possano essere al palazzo per ogni partita della stagione che ci aspetta. Cercheremo di essere un gruppo che renda facile essere tifato. Ozzano viene da anni di incredibili successi, ho un rispetto enorme per i risultati che questa Società ha ottenuto nel recente passato e degli sforzi che le persone che l’hanno portata fino a qui hanno dovuto compiere per ottenerli. Almeno quelli, gli sforzi, cercherò di pareggiarli”. 

C.S. – BB2016, da Rimini arriva l’esterno Rossi

In piena sintonia con il progetto di “rinverdire” la squadra, si allunga la lista di giovani talenti che giocheranno la prossima stagione in serie B con il Bologna Basket 2016. Il nuovo arrivo si chiama Filippo Rossi ed è una guardia/ala piccola, alto 1,97 per 86 kg. Nato il 7 marzo 2001 a Rimini, ha finora svolto tutta la sua attività sportiva in Romagna. Dalla stagione 2015/16, infatti, ha giocato nei Rimini Crabs per 5 anni, per poi passare nel 2019/20 in C Silver al Bellaria Basket. Nell’ultimo campionato ha militato in serie B in una squadra di prima fascia come la Rinascita Basket Rimini, dove ha giocato 22 partite segnando 59 punti, cui vanno aggiunti 40 rimbalzi, 8 assist e 12 palle rubate. Nello stesso periodo ha fatto parte anche dell’ABC Santarcangelo in C Silver. Ha infine partecipato alla Next Gen con la Dinamo Sassari e ad altri tornei nazionali ed internazionali. La principale caratteristica di Rossi è la grande energia che mette sul campo, specie in difesa, dove sa esprimere al meglio la sua fisicità e la sua voglia di aiutare la squadra;  vista anche la giovane età, deve invece raffinarsi dal punto di vista tecnico e delle  scelte tattiche.

C.S. – Tilliander, un nuovo volto per il Bologna Basket 2016

Arriva dalla Penisola scandinava il nuovo acquisto del Bologna Basket 2016. Ludwig Gustav Tilliander Lofqvist, nato il 1° marzo 2001 a Norrköping (Svezia), è una giovane ala di 1.98 per 94 kg, che può giocare da 3 o da 4 e che andrà a consolidare la “linea verde” del team felsineo.

Tilliander ha iniziato a giocare in Italia al College Basket Borgomanero, dove è rimasto per due anni, dividendosi tra le giovanili e la prima squadra in C Gold. Si è poi spostato al Basket Trecate, sempre in C Gold, per poi approdare nell’ultima stagione all’Agribertocchi Orzinuovi in A2. In carriera ha giocato complessivamente 107 partite, segnando 369 punti, con la migliore prestazione a 21 punti. Ha inoltre preso parte nell’annata 2017/18 ai Campionati Europei Under 16 con la Nazionale del suo Paese e a metà luglio giocherà nella Nazionale Under 20. Il giovanissimo svedese è un talento ancora in divenire, ma già oggi si distingue come bravo difensore e discreto tiratore, con una buona visione di gioco, mentre deve ancora lavorare sul fisico e sul ball handling.

Serie B/F, Puianello, che peccato!

SERIE B/F SPAREGGI INTERREGIONALI

Gara 1

AMATORI PALL. – PUIANELLO BK TEAM 51 – 52

(11-17; 30-30; 38-41)

Vado Ligure: Zignego ne, Tosi 5, Pregliasco 5, Poletti 5, Guidetti ne, Quercia ne, Sansalone 8, Picasso 10, Paleari 10, Leonardini 3, Zappatore 5, Franchiello ne. All. Dagliano.

Puianello: Oppo 3, Pignagnoli 7, Albertini, Brevini 11, Martini 5, Corradini, Manzini 13, Fontanili, Boiardi 8, Graffagnino 5. All. Giroldi.

B&P COSTA MASNAGA – JUST MARY CAPRI 77 – 77

Gara 2

PUIANELLO BK TEAM – AMATORI PALL.SAVONA 58 – 63

(10-20; 29-29; 45-40)

Puianello: Oppo 4, Montanari, Pignagnoli 6, Albertini, Brevini 13, Martini 4, Corradini, Dall’Asta 3, Manzini 20, Fontanili, Boiardi 8, Graffagnino. All. Giroldi.

Vado Ligure: Tosi 14, Pregliasco 2, Poletti 5, Guidetti, Sansalone 3, Picasso 14, Paleari 18, Zappatore, Leonardini 6, Franchiello 1. All. Dagliano.

JUST MARY CAPRI – B&P AUTORICAMBI COSTA MASNAGA 85 – 70

Finali Giovanili, Cesenatico si deve arrendere a Pesaro ed Ancona

UNDER 18

FINALE

Gara 1

CAB STAMURA BK ANCONA – US VICTORIA LIB. PALL. 68 – 52

Gara 2

US VICTORIA LIB. PALL. – CAB STAMURA BK ANCONA 86 – 58

UNDER 16

FINALE

Gara 1

US VICTORIA LIB. PALL. – POL. CESENATICO 2000 93 – 72

Cervia Cesenatico: Dudik, Orioli, Dellachiesa 2, Bendandi, Baldisserri 15, Pillastrini, Obljubech 18, Ciaroni 6, Maggioli, D’Agnano 24, Baldini 2. All. Fantini.

Gara 2

POL. CESENATICO 2000 – US VICTORIA LIB. PALL. 73 – 78

CerviaCesenatico: Dudik 13, Orioli, Ciaroni, Dellachiesa 2, Bendandi 6, Baldisserri 12, Galarza, Pillastrini 2, Obljubech 15, D’Agnano 14, Baldini 4, Buda. All. Fantini.

UNDER 15

FINALE

Gara 1

POL. CESENATICO 2000 – CAB STAMURA BASKET 64 – 69

(9-14; 35-36; 47-54)

CerviaCesenatico: Zenobi, Dudik 7,Orilio 3, Giannessi 2, Torroni, Buda, Maldini 4, Dellachiesa 3, Bendandi 17, Galarza 12, Pillastrini 9, Baldini 5. All. Mattioli.

Ancona: Bora 18, Monaco 2, Virgili 18, Filippetti 13, Virgulti, Loi 5, Giorgetti 4, Cioci, Giombi, Balducci 2, Sgaramella, Catana 7. All. Ferri.

Gara 2

CAB STAMURA BK – POL. CESENATICO 2000 85 – 74

(21-15; 43-39; 64-64)

Ancona: Bora 11, Monaco, Virgili 22, Filippetti 18, Virgulti 3, Loi 4, Giorgetti 2, Giombi 3, Vernelli 9, Balducci, Sgaramella, Catana 14. All.Ferri.

CerviaCesenatico: Zenobi, Dudik 24, Orioli 3, Giannessi 2, Torroni, Buda 3, Maldini 2, Dellachiesa, Bendandi 19, Galarza 4, Pillastrini 15, Baldini 2. All. Mattioli

C Gold, Imola crolla in casa e chiude amaramente la stagione

SERIE C GOLD SPAREGGI INTERREGIONALI

SEMIFINALI Gara 1

ROBUR BASKET SARONNO – PESCARA BASKET 81 – 72

SPEZIA BASKET CLUB – INTECH 72 – 80

(22-17; 35-39; 55-59)

Spezia: Bolis 17, Gaspani ne, Suliauskas 18, Menicocci 2, Cozma ne, Fazio 5, Petani ne, Casoni 7, Putti 3, Rocchi ne, Kibildis 20, Leporati. All. Bertelà.

VSV Imola: Dalpozzo, Fusella ne, Salsini, Savino ne, Murati 3, Locci 11, Ramilli 7, Magagnoli 14, Aglio 4, Ranocchi 17, Barattini 7, Begic 17. All. Regazzi.

E’ trionfale la prima “gita” della Intech in questi spareggi interregionali. Al PalaSprint di La Spezia, i gialloneri imprimono il proprio ritmo alla gara e seppur non scrollandosi mai completamente di dosso i liguri, mettono in ghiacciaia il primo successo. Il Tarros parte molto meglio scappando 10-2, poi 12-4 e nel finale, quando ormai il vantaggio dei romagnoli si aggira da tempo sul +10, trova i lampi estemporanei dalla lunga distanza di Alessio Bolis, certamente tra i migliori dei suoi. La sua fiammata riaccende il motore dei bianconeri che affrontano con qualche velleità di aggancio l’ultimo quarto. I liguri rientrano fino al -3 (72-75) a pochi minuti dalla sirena, ma la Virtus mostra, oltre al talento individuale, una notevole compattezza di squadra.

Intech in campo con Locci, Barattini, Ranocchi, Magagnoli e Begic. Rispondono i liguri con Casoni, Fazio, Kibildis, Suliauskas e Bolis. Dopo il cesto in apertura di Locci su assist di Barattini e di Begic (che tocca la riga dell’arco), i locali scappano sul 12-4, grazie ai canestri di Bolis e Suliauskas (4 e 5 punti rispettivamente), oltre alla tripla di Casoni, da lontano, dopo 4’ esatti di gioco. Begic pesca Locci libero e Ranocchi scalda la mano segnando dalla media distanza per il 12-8 di metà frazione. Prima del timeout di Regazzi, Casoni infila il 20-14 a 3’ dalla sirena. Al primo intervallo ci si arriva sul 22-17. In apertura di 2° quarto Barattini segna dall’arco frontalmente e Aglio da sotto (25-22). Nell’azione successiva, in difesa, Barattini si schianta sul muro del blocco di capitan Fazio e rovina a terra. Gli arbitri non interrompono il gioco, gli spezzini non si fermano, con il play fermo a terra e tentano la tripla prima con Casoni e, con successo, Suliauskas (28-22). Barattini è costretto ad uscire e Begic e Murati lo “vendicano” immediatamente con due triple perfette (28-28 al 13′). Fazio e Bolis (in lunetta) allungano sul 32-28. Quindi, a 2′ dall’intervallo, Magagnoli e Ranocchi firmano il vantaggio imolese sul 33-34, con Ramilli che si libera per la tripla frontale, a -1’20”, che vale il primo allungo ospite (33-37). In apertura di ripresa, dopo i liberi di Kibildis, è Begic a imprimere un’altra accelerazione con una splendida tripla dall’angolo destro (37-42), quindi il “Rana-moment”: in 30”, la guardia infila una penetrazione di pura forza fisica e una tripla sopra al muro dell’avversario, rispondendo alla tripla di Suliauskas (40-47). Il play lituano continua a segnare (14 punti in 23’ di gioco), riuscendo a mantenere a galla i suoi. Locci liquida i lunghi avversari con una bella azione, su assist di Begic (44-49). Ranocchi e Magagnoli sono micidiali da 3 punti e per la Virtus il vantaggio si allarga sul +9 (46-55 a metà frazione). In campo anche capitan Dalpozzo, che ritrova un minutaggio importante dopo il lungo stop per l’infortunio. E il play imolese trova subito un assist per Ramilli che trasforma il 46-57. Putti prova a rimediare con un tiro dalla distanza, Barattini dalla lunetta firma il +10. Ma a 2’ dall’ultimo intervallo breve è il 24enne Bolis a firmare un “magic moment” clamoroso, con due triple pazzesche consecutive, in pochi istanti, che riaprono completamente il match, riportando lo Spezia sul -4 (55-59). Il punteggio non cambia più fino alla sirena. Magagnoli bagna l’ultima frazione con una tripla “solo retina”; gli replica Kibildis dalla distanza per il 58-65 al 33’. Si segna col contagocce fino a metà quarto. Ci pensa Locci a infilare il nuovo + 10 sul 60-70 a 4’ dalla sirena finale. Imola è in controllo, mentre Spezia comincia a perdere un po’ di lucidità, nel forcing finale. Locci mostra i muscoli sotto le plance, segnando in acrobazia e pure il libero aggiuntivo (62-73). Negli ultimi scampoli tornano a segnare, dopo parecchi minuti, sia Suliauskas che Casoni (in lunetta), ma la partita va in ghiacciaia sulla stratosferica schiacciata di Alessandro Ranocchi che si attacca al ferro per il 67-75 a -1’50”. Il morale è alle stelle per i ragazzi di coach Regazzi e nemmeno la tripla perfetta di Kibildis lo scalfisce. Lo stesso lituano, però, fa 2/2 dalla lunetta e rimette in scia i suoi sul 72-75. Begic appoggia il nuovo +5. La penetrazione di Suliauskas non frutta il canestro, perchè la palla danza sul ferro, prima della rapida ripartenza imolese, a 40 secondi dalla sirena. L’Intech tenta di gestire il vantaggio: con soli 22” di gioco, Barattini si inventa una penetrazione letale che si chiude con un perfetto 2/2 dalla linea della carità e la Virtus comincia a dimenticare il gusto amaro della sconfitta di Rovigo. Dopo il timeout dei locali, Kibildis sbaglia la tripla, Ranocchi centra l’ultimo libero e firma il definitivo 72-80.

Gara 2

PESCARA BASKET – ROBUR BASKET SARONNO 58 – 75

INTECH – SPEZIA BASKET CLUB 57 – 71

(13-20; 32-30; 48-55)

VSV Imola: Dalpozzo, Fusella ne, Savino ne, Salsini 4, Murati, Locci 5, Magagnoli 11, Barattini 12, Aglio 10, Ramilli, Ranocchi 4, Begic 11. All. Regazzi.

Spezia: Leporati 2, Kibildis 23, Rocchi ne, Putti 7, Casoni 12, Petani, Fazio 10, Cozma ne,Gaspani ne, Bo-lis 11, Suliauskas 4, Menicocci 2. All. Bertelà.

E’ dolorosa la sconfitta contro Spezia Basket Club. Fa male perchè preclude la possibilità di giocarsi la finale degli spareggi interregionali.  Onore ai liguri che sono scesi in campo determinati a portarsela a casa l’impresa. E ci sono riusciti grazie ad una bella prova (seppur condita con qualche errore di troppo e qualche fase di aridità offensiva durante il match) di tutta la squadra. Non solo i due lituani Kibildis (assolutamente devastante in gara2 con ben 6 triple realizzate) e Suliauskas per i bianconeri: prestazione ad altissimi livelli anche per capitan Fazio e Ca-soni sotto le plance e per la coppia Bolis e Putti in transizione. La Virtus, evidentemente, non ha retto il peso psicofisico di 4 partite in 7 giorni, contro formazioni di alto livello e come Ferrara e Jesolo (sabato e domenica scorsi) e il doppio confronto con Spezia (mercoledì e sabato). E nel momento più importante della stagione ha visto accendersi la spia rossa che indica, inevita-bilmente, benzina finita. Benzina e fortuna finite.  Onore e applausi ad una Tarros Spezia Basket Club che non ha rubato nulla, anzi, si è presentata al Pala Ruggi con il coltello tra i denti, pronta a “vendicare” la sconfitta dell’andata. Meritando il passaggio del turno. Senza ombra di dubbio. I gialloneri pagano la scarsa produzione offensiva durante tutto il match, realizzando rispettivamente 13, 19, 16 e, addirittura, solo 9 punti nell’ultimo, decisivo, quarto. Per una squadra abituata a percentuali decisamente diverse e a una media di circa 80 punti a partita, ovviamente questo 57-71 suona come una pietra tombale sui residui sogni di gloria.

Coach Regazzi spedisce in campo Barattini, Begic, Locci, Magagnoli e Ranocchi. Coach Bertelà risponde con Bolis, Fazio, Suliauskas, Kibildis e Casoni. Gara2 dello spareggio si apre con la splendida tripla di Ivan Begic (sarà, purtroppo, la sua ultima della serata). Ma capitan Fazio, da sotto, riporta avanti gli spezzini, prima della buona azione di Locci (canestro + libero aggiuntivo) per il 6-4 Intech. Nel buon inizio della Virtus, condito da un tifo scatenato dell’Armata Giallonera, Magagnoli firma l’8-7. Quindi lo Spezia scatta sull’8-12 con i canestri dei due lituani Suliauskas e Kibildis (tripla). Barattini sgattaiola in area, dopo il timeout Imola, quindi Magagnoli confeziona il pareggio (12-12 al 6’), prima delle due triple consecutive di Kibildis e Casoni che puniscono pesantemente i gialloneri sul 12-18 a 3’20” dal primo intervallo breve. Il giovane Leporati dalla lunetta firma il +8. Negli ultimi tre minuti segna solo un libero Begic. Ci si ferma, infatti sul 13-20. Si riparte e Begic e Salsini segnano, con bei movimenti dentro l’area, accorciando sul 17-20. A metà frazione, Barattini e Ranocchi, dalla lunetta, riportano in parità il punteggio sul 20-20, con gli ospiti che non riescono a sbloccarsi nel quarto. Il bel cesto di Bolis arriva solo al 16’, dopo ben nove minuti di astinenza dello Spezia dall’ultimo canestro dal campo. Botta e risposta tra Barattini e Fazio, quindi Magagnoli, prima infila una splendida tripla dalla destra, quindi realizza un ottimo 3/3 dalla lunetta per il 28-25 Imola a 2’30” dall’intervallo. Locci prima sbaglia un canestro facile facile, quindi, nel possesso successivo, realizza il +5 per l’Intech (30-25). In chiusura Kibildis realizza un’altra tripla e Menicocci sporca il proprio tabellino. Barattini chiude dalla lunetta il primo tempo sul 32-30. In avvio di 3° quarto, Aglio si carica sulle spalle la squadra segnando 8 punti consecutivi che firmano il 40-34 al 4’30”, con gli ospiti a segno solo dalla lunetta con Bolis e Suliauskas. Bertelà è, in pratica, costretto a chiamare timeuot. E sarà la scintilla per la vittoria spezzina. Dal 38-30 (che resterà il massimo vantaggio romagnolo), si passa al 40-41 in poco meno di tre minuti, grazie ai cesti di Kibildis, Casoni (tripla dalla destra) e i liberi di Putti. Comincia un’altra partita. Con la Virtus che comincia a temere per il passaggio del turno e che, evidentemente, comincia a ragionare sulla differenza punti, anzichè puntare alla vittoria. A 2’ dall’ultimo intervallo breve, Casoni intercetta una manovra locale e si invola a tutto campo in contropiede solitario per il 41-44 che obbliga coach Regazzi a fermare il gioco con un timeout. Alla ripresa del gioco, Begic trova un varco sulla destra per andare ad appoggiare facilmente. Fazio tocca la doppia cifra e a 1’18” dalla sirena, Putti si fa trovare pronto e lucido all’angolo sinistro, sotto alla Curva giallonera: la sua perfetta tripla vale il 43-49 che fa tremare Imola. L’Intech sbaglia in attacco e Putti segna praticamente dalla stessa mattonella, seppur calpestando la riga, per il 43-51. Begic penetra ancora e segna il libero aggiuntivo (11 punti e da qui non segnerà più), Kibildis (in lunetta) e Salsini segnano in chiusura, ma è Casoni a trovare il lampo sul fil di sirena, con il tap in che chiude il tiro sbagliato di Putti. Tutti in panchina sul 48-55. Spezia ancora non qualificata virtualmente, ma capace di infilare un parziale di 16-25, praticamente solo negli ultimi 5’. Il primo +10, Spezia lo pesca in apertura di ultimo quarto con la tripla di Bolis che, poi, in contropiede, allunga ancora. Imola è palesemente sulle gambe sul 48-60 dopo 1’30” coach Regazzi non può fare altro che chiamare il timeout. Ma gli ospiti non si fermano, con un altro tap in di Casoni, prima del terzo tempo di Barattini (50-62). Nel possesso successivo, Kibildis mette un mattone difficile da digerire per la Virtus, dalla lunga distanza, per il +15 Spezia che comincia ad assaporare concretamente il gusto dell’impresa. E’ un momento particolarmente scarso dal punto di vista tecnico in generale, con Imola impegnato in un tiro al bersaglio che frutta niente o poco più e gli ospiti che non trovano le zampate per chiudere anticipatamente la contesa. L’Intech resta aggrappata alla (ormai remota) possibilità di recuperare il divario, ma le forze fisiche e mentali sono davvero risicate. A 3’25” dalla sirena, il contropiede di Aglio riporta a -13 i gialloneri, Barattini fa 1/2 in lunetta e Ranocchi dall’angolo sinistro segna la tripla che fa esplodere il PalaRuggi a ,2’20”: 56-65 che significa il -1 nel doppio confronto. Sul più bello, però, Kibildis realizza una tripla pesante come un macigno, allo scadere dei 24”, con il muro di Magagnoli davanti. Spezia di nuovo avanti di 12 a 1’40” dalla sirena. Barattini si butta in penetrazione e segna con fallo, ma l’arbitro annulla il canestro e il play fa 1/2 dalla linea della carità (57-68 a 1’33”). A -1’11” Putti commette fallo in attacco sullo stesso Barattini e la Virtus si ritrova nelle mani il possesso che potrebbe (in extremis) regalargli la qualificazione: in una vera e propria bolgia, Ranocchi serve Begic che frontalmente tenta il tiro epico, ma sul contrasto (e tocco) di Bolis, il tiro non esce perfetto e il ferro respinge l’urlo in gola di tutto il pubblico. A cavallo dei 40” dalla sirena, Spezia cerca il torello per far trascorrere il tempo e i gialloneri danno fondo alle ultime energie alla ricerca di un recupero palla che potrebbe valere una stagione. La palla a 5” dallo scadere dei 24” termina nelle mani di Kibildis: il lituano si alza dai 9 metri con il doppio contrasto (e tocco) di Magagnoli e Barattini per centrare il canestro che sigilla, senza se e senza ma, il successo dei liguri al PalaRuggi. Sul 57-71, infatti, cala il gelo assoluto sugli spalti e in campo, con tifosi e giocatori attoniti. Finisce qui, ancor prima che sulla tripla sbagliata da Barattini, la stagione 2020/2021 della Virtus Imola.

Giovanili: CerviaCesenatico, ultimo atto: a caccia di una doppietta storica!

CAMPIONATI ECCELLENZA

UNDER 18

SEMIFINALI INTERREGIONALI

Gara 2

CAB STAMURA BASKET – BASKET SANTARCANGELO 50 – 46

(19-9; 33-17; 40-33)

Ancona: Carboni 4, Ruggiero 8, Solforosi 1, Bartolucci 10, Ponzella 8, Filippetti 2, Falconi, Vitali 2, Simo, Santarelli, Vitali 4, Anibaldi 11. All. Cingolani.

Santarcangelo: James 12, Piacente, Carletti, Mulazzani 15, Della Rosa, Panzavolta 10, Scarpellini 6, Nuvoli 2, Mancini 1, Pasquarella, Rossi. All. Ceccarelli.

US VICTORIA LIBERTAS PALL. – PALL. FULGOR 79 – 68

(19-20; 44-36; 57-61)

VL Pesaro: Tombari 2, Campagnoli 11, Sgarzini 9, Mariotti 5, Arduini 4, Nicolini, Ferri 7, Stazzonelli 15, Pagnini 7, Rossi 5, Prenga 11, Formisano 3. All. Luminati.

Fidenza: Angella 3, Casu 3, Sabotig 4, Paterlini 7, Miaschi E. 5, Taddei 15, Barsotti, Arbidans 13, Rastelli, Aklilu, Fainke 9, Montanari 9. All. Bertozzi.

UNDER 16

SEMIFINALI INTERREGIONALI

Gara 2

POL. CESENATICO 2000 – CAB STAMURA BASKET 80 – 66

(22-24; 34-37; 54-50)

Cervia Cesenatico: Dudik 2, Orioli, Ciaroni 10, Dellachiesa 2, Bendandi, Baldiserri 12, Pillastrini 14, Galarza, Obljubech 22, Maggioli, D’Agnano 16, Baldini 2. All. Fantini

Ancona: Ansevini 5, Caporalini 6, Colle, Covacci 4, Granato, Giachi 12, Grifoni, Manzotti 1, Paoletti 15, Piccionne 20, Radatti 3, Renzi. All. Marsigliani.

US VICTORIA LIBERTAS PALL. – JUNIOR BASKET RAVENNA 80 – 79

UNDER 15

SEMIFINALI INTERREGIONALI

Gara 2

ONETEAM BASKET – CAB STAMURA BASKET 62 – 68

 (24-10, 36-35, 51-52)

Forlì: Gardini, Ercolani 4, Mustapha, Errede 5, Sanviti 13, Selvi 2, Rosi 6, Poni 2, Pinza 17, Mariuzzo, Lombini 15, Balistreri. All Gandolfi.

Ancona: Bora 4, Monaco, Virgili 23, Filippetti 22, Virgulti 3, Loi, Giorgetti 2, Cioci, Vernelli 6, Balducci 2, Sgaramella, Catana 6. All. Ferri.

Forlì parte fortissimo, mettendo in campo energia, fisicità e determinazione, dati anche dalla voglia di reagire dopo la partita di andata: alla fine del primo quarto il punteggio è 24-10. Nella prima parte di secondo periodo, One Team mantiene il vantaggio, prima del rientro ospite, ed il primo tempo si chiude sul 36-35. Al rientro in campo, i romagnoli hanno ancora il giusto approccio e segnano con continuità, ma il nuovo sorpasso di Ancona chiude il terzo quarto sul 51-52. Si entra nell’ultimo periodo, con i forlivesi che mantengono il giusto atteggiamento e lo spirito che li ha contraddistinti per tutta la partita: le energie spese nei primi 30’, però, si fanno sentire ed il finale è 62-68.

US VICTORIA LIBERTAS PALL. – POL. CESENATICO 2000 68 – 78

(17-15; 18-21; 20-19; 13-23)

CerviaCesenatico: Zenobi, Dudik 14, Orioli 4, Giannessi 2, Torroni 2, Buda 8, Dellachiesa 6, Bendandi 13, Galarza, Pillastrini 13, Baldini 16. All. Mattioli.

1 2 3 4 5 228