Serie D, l’Omega passa a Villa Verucchio, la Veni doma il Voltone, Stella +1 a Budrio

SERIE D

Play off Semifinali Gara 1

SCUOLA PALL. VIGNOLA – C.M.P. GLOBAL BASKET 74 – 98

(30-25; 42-44; 58-75)

Vignola: Silingardi 2, Badiali 14, Fiorini 6, Barbieri E. 2, Pantaleo, Galvan 19, Caltabiano 7, Trenti 2, Cuzzani 19, Di Nuzzo, Barbieri G., Bussoli 3. All. Di Berardo.

CMP Global: Meluzzi 11, Tabellini 4, Cempini 18, Tinti M. 4, Morando 7, Marinelli 7, Valenti 14, Zucchini 2, Mazza 1, Ballardini 19, Tinti F. 11. All. Lanzi.

VENI BASKET – BASKET VOLTONE 66 – 52

(18-8; 33-24; 52-45)

San Pietro in Casale: Pastore 9, Ramzani 2, Oseliero, Aspergo 3, Ghedini G. 15, Novi 6, Patrese 15, Ghedini M., Zanellati 8, Ghidoni 2, Fiore 6, Guidi. All. Castriota.

Monte San Pietro: Giacometti A., Brunetti, Balducci 2, Giacometti J. 3, Migliori 9, Zappoli 14, Giuliani 9, Magi 3, Venturelli 10, Chillo 2, Tonelli, Galli. All. Gambini.

Al gran ballo dei play-off, la Veni si presenta con l’abito migliore, nonostante le assenze di Pederzini e Tomsa e le sconfitte subite negli ultimi due turni di stagione regolare. La formazione di San Pietro in Casale si aggiudica, infatti, il primo episodio della serie col Voltone, grazie ad una prova solida, che consente ai bianconeri di andare a Monte San Pietro con un bottino di 14 lunghezze da difendere nella seconda e decisiva gara, che decreterà chi disputerà la finale per la promozione in C Silver.

Al cospetto della vincitrice del Girone A, i locali scendono in campo senza alcun timore reverenziale e rispettando il piano partita impostato da Coach Castriota, dettando il ritmo in attacco e mettendo pressione sui principali terminali offensivi avversari. Ne consegue un parziale iniziale di 14-0, che soltanto un canestro di Zappoli, a 3 minuti e 48 secondi dal primo intervallo, riesce nell’intento di arrestare. Un brillante Patrese consente ai padroni di casa di continuare, in seguito, a tenere il pallino del gioco fino al minuto 18, quando un break di 0-7, prodotto da Jacopo Giacometti, Giuliani e Venturelli, riavvicina gli ospiti (30-24) e costringe Castriota alla sospensione, in seguito alla quale Giovanni Ghedini manda in archivio il primo tempo, con un gioco da tre punti, che vale il +9 (33-24). Alla ripresa del gioco è Zanellati, recuperato in extremis dopo tre settimane di stop per infortunio, a scrivere un 41-27 che prende ulteriore consistenza qualche minuto più tardi, quando capitan Pastore mette la firma sul massimo vantaggio interno: 50-35, al 26′. Giuliani si carica allora sulle spalle la squadra e Zappoli riduce a cinque le distanze tra le due contendenti (50-45), ma Patrese è incontenibile e dopo aver chiuso il terzo periodo col buzzer beater che ridà inerzia alla Veni, apre il quarto con due canestri consecutivi, che valgono il +11 (58-47), portando Gambini a fermare una partita che, nel finale, premia gli sforzi di San Pietro in Casale, che incassa appena 7 punti negli ultimi 10′ e allunga grazie ai tiri liberi di Giovanni Ghedini e al guizzo di Zanellati, che fissa il punteggio sul 66-52.

PALLACANESTRO BUDRIO – POL. STELLA 64 – 65

(15-16; 26-35; 39-43)

Budrio: Baietti 7, Cesario 10, Quaiotto L. 13, Zambon L. 5, Tugnoli 2, Pirazzoli 3, Fornasari 16, Maccaferri 8, Cirilli, La Cascia, Vacchi, Natali ne. All. Bovi.

Rimini: Vincenzi ne, Barabesi, Gori 2, Naccari 11, Pulvirenti 14, Rosario Cruz 13, Ferrini 3, Bryan 12, Campajola 2, Grandi 2, Frattarelli 6, Bartoli ne. All. Casoli.

ROSE&CROWN – OMEGA BASKET 69 – 81

(18-20; 39-42; 62-65)

Villa Verucchio: Tomasi 12, Buo D. 23, Bollini 10, Campidelli 4, Guiducci F. 7, Guiducci T. 9, Buo S. 4, Gnoli, Della Pasqua, Zannoni ne, Brolli ne, Rossi ne. All. Evangelisti.

Omega: Conidi 9, Tazzara 7, Ceccolini 17, Saccà 15, Bianchini 12, Musolesi 21, Gherardi, Espa N., Saccardin, Giannasi, Salsini ne, Goracci ne. All. Espa G.

Play out Semifinali Gara 1

VICO BASKET – SALUS PALL. BOLOGNA 72 – 77

(17-20; 35-44; 48-60)

Vico Parma: Bellini 4, Calzi 11, Camurri 2, Guggia 2, Bellini 11, Romanelli 3, Della Corte, Mazzeo 15, Illari 7, Dagoni, Cervi 2, Popovych 15. All. Pasquinelli.

Salus: Bondioli, Albonetti, Bardasi 2, Tabellini Giu. 2, Nanni 8, Cassani 4, Grassi 20, Errera 11, Tabellini Gui. 2, Bianchi 22, Di Pace, Cocchi 6. All. Simoncioni.

La Salus si aggiudica il primo match salvezza in casa della Vico, in una partita quasi mai in discussione, con i bolognesi in vantaggio per tutti i 40′. Sicuramente una buona prestazione quella dei ragazzi di Coach Simoncioni che, con grinta e forza, hanno conquistato una vittoria fondamentale in virtù dell’obiettivo salvezza. Peccato per il calo di concentrazione nell’ultimo quarto, che ha permesso ai padroni di casa di recuperare il netto distacco e tenere ben aperte le speranze in vista di gara 2.

Nel primo quarto i biancoblu si portano subito in vantaggio grazie ad una buona fase offensiva guidata da Bianchi e capitan Grassi, che mettono più volte in difficoltà i padroni di casa, che fanno fatica a contenere l’avanzata dei bolognesi. I bianconeri giocano un primo tempo poco produttivo da entrambe le parti: in fase difensiva i ragazzi di Coach Pasquinelli concedono troppi spazi agli ospiti, lasciando nelle mani dei bolognesi troppi rimbalzi offensivi; in attacco tengono botta grazie ai tiri liberi, con tutti i punti del quarto messi a referto dalla lunetta, concessi dai numerosissimi falli Salus. Nonostante una prestazione non brillante, Mazzeo e compagni chiudono il quarto a soli 3 punti di distanza (17-20), grazie alle buone percentuali ai liberi. Nel secondo quarto arrivano i primi punti dal campo di Vico; Salus non si lascia spaventare da un’apparente ripresa avversaria e nonostante sia sfiorato il pareggio, raggiunge il +9 grazie alla scarsa reattività in difesa dei padroni di casa, che concedono non poche occasioni per allungare il punteggio. Ottima la prestazione di Grassi, porto sicuro della squadra nei rimbalzi offensivi. A ridosso dell’intervallo, Salus sfrutta al massimo le opportunità regalate dai rivali per allungare il punteggio, terminando il quarto con un sonoro 35-44. Il match riprende dopo l’intervallo, ma i padroni di casa continuano a non trovare canestri dal campo. La Salus arriva a + 12 grazie ancora ad un’ottima prestazione di Bianchi da tre punti e continua ad allungare fino ad ancorarsi sul +16 a due minuti dal termine del terzo parziale. Dopo un time-out e una tripla da metà campo del numero 23 Mazzeo, gli avversari accorciano di pochissimo il vantaggio dei biancoblù, che continuano, però, a dominare il campo. Gli avversari sembrano ritrovare stoffa nell’ultimo quarto, tornando a -10. Due tiri liberi di Errera tentano di interrompere il ritmo veloce dei bianconeri che, però, continuano a macinare punti. L’ennesima tripla di Bianchi riporta la distanza in doppia cifra. A due minuti dalla fine il punteggio è bloccato sul 62-70 per gli ospiti, che non concedono vantaggi ai rivali. Vico accorcia sul finale, ma la Salus, ancora una volta, non si lascia sorprendere. Bianchi punisce ancora con un tiro da tre mettendo fine alle speranze di Vico di recuperare, terminando la partita 72-77, dopo due liberi concessi da Tabellini per un fallo sul tiro finale.

TIGERS BASKET 2014 – CENTRO MB CMO 73 – 100

Ozzano: Lolli 11, Bisi 7, Recchia 17, Landi 4, Bonetti 2, Brusa, Tobia, Candini 3, Pistillo 11, Naldi 19, Montanari 10, Zecchini 13. All. Degli Esposti.