Author Archives: admin

Serie B, Baltur e Bakery continuano ad avanzare…

SERIE B PLAY OFF

Quarti

Gara 3

CREMA – OMEGNA 60 – 67

URANIA – BAKERY 70 – 59

(12-14; 28-29; 55-38)

Milano: Santolamazza 10, Ferrarese 8, Albique, Paleari 22, Scroccaro 3, Eliantonio 2, Morgan ne, Renzel, Negri 6, Sergio 8, Sedazzari, Laudoni 11. All. Villa.

Piacenza: Bracchi NE, Liberati, Stanic 9, Bruno 3, Perego 16, Guerra 7, Pederzini 10, Guaccio 4, Birindelli 8, Maggio 2, Gallin e, Libè ne. All. Coppeta.

La Bakery parte con il quintetto formato da Maggio, Bruno, Pederzini, Guaccio e Perego e si trova ben presto ad inseguire: al canestro di Maggio risponde Milano con tre realizzazioni per il 6-2 dopo soli due minuti. E’ buona la risposta biancorossa con Bruno e Pederzini per il primo vantaggio piacentino, destinato a rimanere ed anzi crescere (8-11 dopo 6’ di gioco, 12-14 alla prima sirena). Piacenza prova a prendere il largo con i punti rapidi di Birindelli nel primo possesso piacentino nel secondo quarto, ma Milano ha ben altre idee e si riporta in vantaggio con Negri (17-16). Le squadre ingaggiano quindi una serie di sorpassi e controsorpassi alla quale trova una soluzione Perego, bravo a fissare il punteggio sul 28-29 a fine secondo quarto grazie ad un gran canestro allo scadere: punteggio basso che tuttavia premia ancora la Bakery. Negri ed Eliantonio consegnano all’Urania il +4 in avvio di terza frazione con due triple alle quali seguono due ottime cose di Paleari: sul 37-32 al 24’ coach Coppeta è costretto a chiamare timeout. Milano però non molla il colpo e trova il +9 con la tripla di Santolamazza e la solita energia di Paleari. La Bakery prova allora a reagire con due canestri di Perego, ma i padroni di casa riescono a mantenere alta l’intensità: al 29’ il tabellone recita 49-38, vantaggio destinato a crescere con le due triple che fissano il 55-38 a fine terzo quarto. Milano spinge anche in avvio di ultimo quarto, la Bakery contiene però l’ennesima sfuriata dei padroni di casa e si rimbocca le maniche: il canestro di Stanic, per il -14 a 5’41” dalla fine, convince coach Villa a fermare il gioco e parlare con i suoi. Timeout che sortisce gli effetti desiderati, tanto che Ferrarese sigla il nuovo +17 con una tripla. Partono i titoli di coda, con le formazioni che danno spazio alle panchine: il risultato finale è 70-59.

MONTECATINI – BALTUR 55 – 73

(18-20; 27-35; 40-51)

Montecatini: Centanni 17, Artioli 4, Meini 12, Mucci, Galli, Galmarini 2, Petrucci 14, Callara, Evotti, Soriani ne, Alioune, Bolis 6. All. Campanella.

Cento: Ba 8, Piunti 17, Vico 6, Chiera 10, Graziani, Pasqualin 3, D’Alessandro 7, Cantone 6, Mastrangelo 2, Fioravanti, Rizzitiello 14. All. Benedetto.

Cinque successi, tutti con scarto in doppia cifra, in coda a una stagione regolare da ventisei vittorie e quattro sconfitte: è questo il biglietto da visita della Baltur che, grazie al successo maturato in gara tre sul campo di quella Montecatini Terme che ospiterà le “Final Four” di categoria in programma per il 9 e 10 giugno, si qualifica per le finali del proprio tabellone, dove affronterà la vincente della serie tra Firenze e Borgosesia. Al Pala Terme i biancorossi, spinti dai circa 200 sostenitori al seguito, impiegano questa volta almeno una decina di minuti prima di ingranare contro i padroni di casa che, ispirati da Meini e Petrucci, scendono in campo con l’idea di provare ad allungare la serie e difendere quel campo sul quale tante soddisfazioni si sono tolti nei mesi precedenti. La svolta dell’incontro arriva in principio di secondo quarto quando, a un incontenibile Piunti da 17 punti con l’80% dal campo in 21′, si aggiungono la difesa e i canestri di Chiera e Cantone, che valgono il +9″esterno (20-29). La formazione locale si riporta successivamente a -4in due differenti occasioni, ma D’Alessandro prima e Rizzitiello poi la ricacciano indietro. Gli emiliani, nonostante il quarto fallo di Piunti, scappano con Chiera (37-49) nella ripresa e i toscani non li prendono più poichè capitan Meini finisce la benzina, mentre Campanella ha poco o niente dai lunghi titolari e dalla panchina. Alla fine ci sono applausi per vincitori e vinti, Cento passa il turno al termine di una serie caratterizzata da dodici periodi tutti favorevoli agli uomini di coach Benedetto e per Montecatini non ci sono recriminazioni ma soltanto soddisfazione per una stagione positiva e impreziosita dalla qualificazione per una semifinale che sarà la base di partenza per la costruzione della squadra che verrà.

VALSESIA – FIORENTINA 91 – 88

Gara 4

URANIA – BAKERY 63 – 73

(16-15; 31-35; 41-48)

Milano: Santolamazza 5, Ferrarese 10, Albique ne, Paleari 14, Scroccaro, Eliantonio 9, Rashed ne, Orenze ne, Negri 11, Sergio, Sedazzari ne, Laudoni 14. All. Villa

Piacenza: Bracchi ne, Liberati 6, Stanic 16, Bruno 10, Perego 8, Guerra NE, Pederzini 17, Guaccio, Birindelli 16, Maggio, Galli ne, Libè ne. All. Coppeta

Bakery al settimo cielo. I biancorossi allenati da coach Coppeta giocano una super partita sui due lati del campo e hanno ragione di un’Urania veramente mai doma. Primo tempo di sostanziale equilibrio come da tradizione nella serie, poi nella ripresa esce una Piacenza maestosa. Canestri e difese si susseguono e nonostante le tante reazione meneghine, la formazione di Marco Beccari centra vittoria e finale contro Omegna.

Comincia forte l’Urania andando in post da capitan Paleari e cavalcando Negri ancora caldo da gara3. Piacenza non sta di certo a guardare e con Bruno al 3’ trova il -1, sull’8-7. Tanti contatti e tanta intensità nella partita ma un sostanziale equilibrio sul 10-10 di metà primo periodo. Le percentuali non sono brillantissime, soprattutto da 3 punti, i falli latitano e ne gode il ritmo. Milano prova a mettere il +4 con il solito Paleari e Laudoni ma prima Perego e poi Pederzini riagguantano il punteggio sul 16-15. Inizio secondo periodo caratterizzato da una buona Bakery sui due lati del campo. Tripla di Liberati, palleggio, arresto e tiro di Stanic e per i biancorossi c’è il primo vantaggio sul 21-25. Paleari è come al solito senza controllo ma per la truppa di coach Coppeta inizia il Duilio Birindelli show. Il gigante italo argentino inizia a martellare il ferro con il suo mid-range e sul tabellone si vede il primo discreto vantaggio sul +9, 26-35. Coach Villa chiama un paio di pause e alla fine del periodo i suoi tornano sotto soprattutto grazie ai 5 filati del proprio leader in regia, Santolamazza.  Ripartono forte i biancorossi che con Birindelli e Bruno trovano bersagli e nuovi vantaggi sul tabellone. Il +10 arriva con il canestro di Pederzini. Laudoni non ci sta e mette una tripla a cui risponde prontamente Perego con il leitmotiv del secondo tempo in casa biancorossa, ovvero: ad ogni canestro di Milano sono seguiti punti da parte della Bakery. Eliantonio scrive -7, sul 38-45, Ferrarese gli fa eco ma Pederzini scocca la tripla dei nuovi tre possessi di vantaggio che mandano in archivio anche la terza frazione. Negli ultimi 10’ di sofferenza per i biancorossi iniziano ad aprirsi i sorrisi sul volto. Milano prova a restare aggrappata ma 10 punti di disavanzo iniziano a diventare abitudine per l’Urania con Stanic che spadroneggia. Poco dopo Bruno e Perego mettono il +16 che sembra scrivere definitivamente la parola fine sulla partita, e invece no. Milano reagisce, ma di fatto spende tutto e i biancorossi portano a casa partita e finale.

VALSESIA – FIORENTINA 74 – 73

Gara 5

FIORENTINA – VALSESIA 23/5 (21)

A2 Femminile, Faenza, l’ennesima prova meravigliosa. E ora… Serie B, Tigers, rimonta impossibile?

FINALE A2

ALPO – INFINITYBIO  57 – 61

(11-14; 26-26; 43-40)

Villafranca: Vespignani 5 (2/7, 0/3), Cabrini, Dell’Olio 12 (4/9, 1/3), Viviani ne, Zanella, Venturi ne, Scarsi 9 (3/3 da 2), Pusceddu ne, Zampieri 12 (4/12, 1/2), Ramò 7 (2/4, 1/3), Mancinelli 12 (3/9, 2/4), De Marchi ne. All. Soave.

Faenza: Franceschelli 8 (1/4, 1/3), Schwienbacher 12 (3/6, 1/5), Coraducci 5 (0/1, 1/2), Morsiani 13 (4/12, 1/2), Ballardini 13 (2/5, 2/4), Caccoli 4 (2/4 da 2), Bornazzini ne, Manaresi ne, Soglia 6 (3/3 da 2), Minichino. All. Bassi.

Sul neutro di Lucca, Faenza batte Villafranca ed ospiterà Vigarano nella gara decisiva per la promozione in serie A. Per le manfredi un risultato storico ed insperato ad inizio stagione.

SERIE B FINALE 

Gara 1

BOLZANO BK – TIGERS ACADEMY 50 – 35

(15-15; 25-22; 38-28)

Bolzano: Pezzi 3, Lippi 3, Mossong 12,  Gottardi 4,  Consorti 7, Hafner 5, Hafner 6, Rossetto 10, Mandrillo ne, Van Avermaet ne, Bertoli ne

Tigers Parma: Tomassetti 2, Petrilli 2, Corsini 5, Accini 17, Rinaldi,  Besagni 2, Minari C ne, Trevisan 2, Andriani ne, Vaccari 5, Minari M, Vettori ne. All. Lopez.

Gara 2

TIGERS ACADEMY PARMA – BOLZANO BK 27/5 (18)

C Gold, la finale per la promozione inizia col successo esterno dei Flying Balls

C GOLD FINALE

Gara 1

FIORENZUOLA – LA.CO. 70 – 82

(12-19; 30-38; 53-63)

Pallacanestro Fiorenzuola 1972: Galli 17, Sichel 5, Resca 11, Zucchi ne, Colonnelli 15, Zaric ne, Scekic 5, Marletta, Lottici M. 5, Kluchnyk 6, Donati 2, Garofalo 4. All. Lottici S.

New Flying Balls Ozzano: Folli 12, Masrè, Morara 4, Chiusolo 7, Corcelli 16, Lalanne 6, Magagnoli 2, Zambon, Martini, Dordei 22, Agusto 13, Agriesti. All. Grandi

Fiorenzuola esce sconfitta dalla gara 1 di Finale da parte dei New Flying Balls Ozzano. I ragazzi di coach Grandi hanno espugnato il PalaMagni (completamente sold out con grandissimo calore da parte del movimento gialloblu) guidando l’incontro per 40′ e vincendo per 82 a 70.

Approccio alla partita praticamente perfetto per Ozzano, che non sembra temere la coreografia del tifo organizzato gialloblu. Con una super difesa gli ospiti costringono Fiorenzuola al primo canestro solo dopo addirittura 5 minuti di gioco. Nei primi minuti di gara piove sul bagnato per i gialloblu, con capitan Garofalo che rimedia un infortunio che lo limiterà durante tutta la gara. E’ il piazzato di Milo Galli che suona la carica alla formazione di casa, dopo un avvio nettamente favorevole ad Ozzano.  Folli e Morara spingono Ozzano sulla doppia cifra di vantaggio, 5-16 al 8′. Per i gialloblu, Galli continua a cantare e a portare la croce, riportando Pallacanestro Fiorenzuola 1972 sul -7 alla prima sirena. 12-19. Nel secondo parziale Lalanne incendia la retina con 6 punti personali, ma il solito Galli a cui si aggiunge Colonnelli cercano di far rimanere Fiorenzuola dentro la partita. 18-27 al 13′. Colonnelli continua a sparare dall’arco riportando i gialloblu fino a due possessi, non pieni, di svantaggio, ma Agusto si mette in solitaria sotto le plance e fa nuovamente allungare Ozzano. E’ dalla lunetta che Dordei converte preziosi tiri liberi che consentono agli ospiti di chiudere il primo tempo in vantaggio di otto lunghezze. Resca, con sagacia, inizia il terzo parziale scuotendo nuovamente un catino traboccante di entusiasmo come quello del PalaMagni, ma Dordei e Corcelli ribattono colpo su colpo in un inizio quarto palpitante. 36-42 al 23′. La partita si fa, se possibile, ancora più intensa e allo stesso tempo appassionante; Corcelli regala ad Ozzano il massimo vantaggio con 5 punti di fila che esaltano il settore ospiti presente al PalaMagni (45-57 al 37’).  Sichel da 3 punti sembra svoltare l’inerzia della gara per il 53-58, ma dall’altra parte un Corcelli in stato di grazia si impossessa letteralmente dell’ultimo minuto di terzo parziale e chiude con una tripla pesante come un macigno per il 53-63 alla fine del terzo quarto. Nell’ultima frazione, Fiorenzuola esce dalla panchina provando seriamente a rimettere in carreggiata la gara. Galli e Resca riportano la squadra di Lottici S. sul -5 al 34’, ma trovano in Dordei e Chiusolo avversari complicati da fermare nella giornata odierna. La squadra fiorenzuolana non molla, e lo dimostra prima con una bomba di Colonneli per il -6, poi con i liberi di Garofalo riportano il passivo gialloblù a cinque lunghezze. Folli, nel momento migliore gialloblu, realizza due piazzati importantissimi che impediscono ai padroni di casa di riportarsi a stretto contatto.  Nell’ultimo giro di lancette Fiorenzuola fallisce ogni tentativo dalla lunga distanza, Magagnoli da sotto e due liberi di Chiusolo fissano il tabellone del PalaMagni sul 70-82 finale.

Gara 2

NEW FLYING BALLS – FIORENZUOLA 24/5 (20,30)

C Silver, impresa Rebasket, Novellara cinica a Castelfranco. Play out, Castenaso reagisce e si va a gara3

C SILVER PLAY OFF Semifinali

Gara 1

DULCA – REBASKET 65 – 72

(24-19;38-37; 52-48)

Santarcangelo: Fornaciari 2, Bianchi 10, Cunico 8, Fusco 8, Giuliani ne, Dini 4, Raffaelli 11, Ramilli, Pesaresi 8, Saponi 14. All. Bernardi

Castelnuovo Sotto: Violi ne, Tognato 6, Nunziato ne, Castagnaro 5, Defant 18, Ferrari 4, Dall’Asta, Battaglia 11, Amadio 15, Simonazzi, Tondelli ne, Lusetti 13. All. Casoli.

OTTICA AMIDEI – NOVELLARA 68-71 dts

(20-17; 38-31; 52-47; 61-61)

Castelfranco: Pizzirani ne, Tomesani 20, Coslovi 7, Sforza ne, Righi 11, Vannini 1, Del Papa 8, Villani 8, Ayiku 6, Frilli 7. All. Boni.

Novellara: Margini 2, Folloni 6, Rinaldi 14, Bagni ne, Morgotti, El Ibrahimi, Carpi 5, Ciavolella 16, Bartoccetti 19, Astolfi 9. All. Spaggiari.

Si sa che i playoff sono un mondo a parte e anche una squadra come Novellara, che non veniva certo da un periodo facile, viene in trasferta e sbanca il PalaReggiani con una prestazione molto cinica.

Solito quintetto per coach Boni, mentre Novellara risponde con Margini, Rinaldi, El Ibrahimi, Ciavolella e Bartoccetti. Il primo quarto vede partire in quarta Novellara che parte prima 0-5 poi 3-9, prima che un mini parziale di 6 punti riporti l’Ottica Amidei in parità. Un bel movimento in post di Villani dà il primo vantaggio ai locali (14-13), Novellara risponde e solo un buzzer beater di Coslovi da metà campo manda al primo mini riposo l’Ottica Amidei avanti 20-17. Nel secondo quarto, Castelfranco stringe le maglie difensive concedendo solo 4 punti nei primi sette minuti a Novellara, toccando il massimo vantaggio sul +11 (32-21 al 17’), prima che gli ospiti ritrovino un po’ di verve rintuzzando lo svantaggio fino al -7 con il quale si va a riposo (38-31 all’intervallo). Coach Boni si raccomanda continuare questa partita a livello difensivo, facendo ancora meglio dei primi 20 minuti ed evitando di concedere tiri aperti, con i quali Novellara è rimasta dentro al match. Novellara però rientra alzando il volume dell’intensità difensiva, l’Ottica Amidei ne rimane un po’ un po’ sopresa e concede uno 0-5 di parziale per gli ospiti, subito stoppato da Coach Boni chiamando timeout. Dopo la sospensione, i biancoverdi rientrano bene in campo e piazzano un controparziale di 6-0 che li riporta a 3 possessi di vantaggio (44-36 al 25’), fino a ritoccare di nuovo il massimo vantaggio di +11 (52-41 al 27’). Un qualche giro a vuoto di troppo consente a Novellare di ricucire ulteriormente fino al -5 di fine quarto (52-47). Nell’ultimo quarto, Novellara impatta il punteggio a quota 56, prima che una bomba di Tomesani riporti avanti l’Otttica Amidei sul 59-56. Arrivo in volata con le squadre in parità a 61, entrambe le compagini hanno il tiro per vincerla, ma Tomesani prima e Astolfi poi non trovano il fondo della retina. Si resta 61 pari e l’Ottica Castelfranco si gioca tutto nel primo overtime della sua stagione. 4-0 Tomesani per partire, risponde Rinaldi con una penetrazione, alla quale segue la bomba centrale ancora di Tomesani (68-63); Bartoccetti subisce fallo e segna i due liberi conseguenti. Sul cambio di fronte, Tomesani penetra contro la difesa ospite, subendo diversi contatti che la coppia arbitrale non ritiene fallosi; Novellara recupera palla, lanciando in contropiede Astolfi per due punti comodi. Castelfranco è ancora a +1, ma manca di tranquillità ed affretta qualche tiro, Novellara invece riesce a trovare i due punti del sorpasso ancora con Astolfi (68-69). L’Ottica Amidei non riesce più a segnare, ferma il cronometro spendendo fallo su Bartoccetti che fa 2/2 dalla lunetta. Tomesani avrebbe anche il tiro per pareggiare, ma la tripla dall’angolo muore sul primo ferro. 68-71, quindi, il risultato finale.

Gara 2

REBASKET – SANTARCANGELO 23/5 (21)

NOVELLARA – CASTELFRANCO 23/5 (21)

PLAY OUT

Gara 1

CASTENASO – S.G. FORTITUDO 50 – 62

(12-19; 31-31; 44-37)

Castenaso: Curione 4, Baraldi 2, Fornasari 5, Spinosa, Betti 12, Cardinali 12, Campagna, Quaiotto 10, Parenti 5, Venturi, Magnani. All. Conti.

S.G. Fortitudo: Barattini 9, De Denaro 7, Pampani 8, Tasini 4, Zinelli 7, Mandini 12, Pederzoli 14, Galassi, Zanetti, Bonazzi 2, Pondrelli, Zucchini. All. Tasini.

OLIMPIA – RIVIT 49 – 55

(12-14, 24-30, 39-45)

Olimpia Castel San Pietro: Fimiani 1, Bonetti ne, Dall’Osso 19, Pedini, Beccaletto, Cavina, Zambrini 16, Pellacani 5, Lugli 5, Guastamacchia ne, Governatori, Sabattani 3. All. Martinelli.

Grifo Imola: D’Emilio 2, Bartoli 9, Russu 19, Guglielmo 4, Lucchetta 4, Pasini 6, Orlando 4, Zaccherini ne, Sgorbati, Martini 2, Borgognoni 3, Castelli 2. All. Palumbi.

La Grifo, con una vibrante prestazione di squadra, vince gara 1 violando il parquet del “PalaFerrari”, ma nonostante tutti abbiano portato il loro mattoncino alla causa e che Russu abbia fatto il bello e il cattivo tempo in attacco, Mvp dell’incontro è stato sicuramente Simone Bartoli, che ha sfiorato la doppia doppia punti-rimbalzi e ha dato energia a tutta la squadra e ciononostante sia stato limitato da tre falli fin da metà secondo quarto.

Ma veniamo alla cronaca. Parte subito forte la Grifo che nel primo minuto va già sul 0-5, poi blackout di tre minuti prima del quinto punto di Russu (0-7) e con Bartoli già in panca con due falli. I primi punti dell’Olimpia sono di Zambrini l’unico assieme a Dall’Osso positivo nel Castello. Il finale di quarto è favorevole all’Olimpia cha arriva al -2 della prima sirena. Altro strappo Grifo in avvio di secondo periodo (12-18), ma Lugli e Pellacani e poi un libero di Sabattani danno la prima parità ai padroni di casa. (18-18 al tredicesimo). Nuova spallata Grifo targata Russu (10 punti) e la Grifo si porta al massimo vantaggio(20-30), con Bartoli di nuovo costretto in panca con tre falli. Dopo la pausa lunga, la Grifo torna in campo e il suo play la guiderà alla vittoria, restando in campo per tutti e venti i minuti, rubando palle, prendendo rimbalzi, innescando i compagni e quando seve segnando in proprio. Il terzo quarto è una serie di break e contro break. Inizia Dall’Osso con 5 punti (29-30). Risponde la Grifo (29-37). L’Olimpia prova la zona e controbrecca 36-39, poi la Grifo aggiusta il tiro e ritorna a +9 (36-45). Dopo un minuto e quaranta di ultimo periodo la Grifo ritorna al massimo vantaggio (39-49), punteggio che rimarrà scolpito sul tabellone per sei minuti, con la paura che fa tremare le mani di tutti i protagonisti in campo. La schioda Dall’Osso per guidare i suoi all’ultima fiammata (47-51) ad un minuto e quarantadue secondi dalla fine. Ultimi possessi gestiti dalla lunetta dalla Grifo che giustamente festeggia al 40′ la seconda vittoria in trasferta di questo campionato.

Gara 2

S.G. FORTITUDO – CASTENASO 54 – 70 (1-1)

GRIFO – OLIMPIA 23/5 (20,30)

Serie D, Magik in finale, la Francesco Francia sbanca Carpi e conquista la “bella”

SERIE D Semifinali

Gara 1

FRANCESCO FRANCIA – NAZARENO 60 – 67

(11-18, 28-40, 46-49)

Zola Predosa: Galli 2, Perrotta 6, Gamberini 14, Mazzoli 4, Maselli ne, Barilli Fe., Masina 7, Barilli Fi. 10, Zanotti L.ne, Bosi 4, Bavieri, Romagnoli 13. All. Benini

Carpi: Carretti 6, Compagnoni 9, Pivetti, Biello 21, Spasic 6, Marra 2, Bonfiglioli, Saetti, Lavacchielli 17, Pravettoni 4, Valenti 2. All. Beltrami.

CESTISTICA ARGENTA – MAGIK 82 – 86

(22-21; 44-34; 61-56)

Argenta: Alberti A. 9, Pusinanti 14, Alberti D. 22, Cesari 3, Ardizzoni,  Torriglia 3, Nicoletti ne, Bottoni, Quaiotto 3, Peretti  4, Malagolini 10, Di Tizio 14. All. Panizza.

Magik Parma: Diemmi 12, Paulig 27, Malinverni  L. 15, Bocchia 3, Donadei 16, Ceci 2, Caravita 6, Malinverni N. 5, Fabiano, Berlinguer, Montagna, Allodi. All. Padovani.

Parma espugna il parquet di Argenta, ribaltando una partita che sembrava chiusa e e si porta in vantaggio nella semifinale. Inizio gara targato Magik: i ducali si dimostrano solidi  in difesa e vanno puntualmente a bersaglio con Paulig e Diemmi. La Cestistica fatica a trovare il bandolo della matassa contro la zona ospite, ma riesce a rimanere in scia grazie ai piazzati di capitan Di Tizio. A tre minuti dalla prima sirena Magik a +1 (13-14). AlbertI Alessandro, con la sua aggressività, da la scossa alla manovra biancoblu e con un paio di penetrazioni firma il primo vantaggio Cestistica (17-14 )a 2’20” dal termine del primo parziale. Paulig impatta nuovamente, prima che Alberti Davide infili la tripla +1 (22-21) che archivia i primi dieci minuti di gioco. In avvio del secondo parziale Parma è abile a sfruttare  le dormite difensive dei padroni di casa e con una tripla di Malinverni Niccolò si riporta a +4 (22-26). La reazione argentana porta nuovamente la firma dei gemelli Alberti: contropiede di Alessandro su rubata, due piazzati di Davide e una tripla di Pusinanti e Cestistica a +5 (35-30). Quando Argenta accelera gli ospiti vanno in difficolta   Diemmi, d’esperienza e talento, si conquista viaggi in lunetta mantenendo i suoi in linea di galleggiamento, ma i padroni di casa continuano a punire in transizione, con Malagolini e Alberti Davide che firmano il +10 (44-34) con cui si va alla pausa lunga. Nel terzo quarto è ancora Alberti Alessandro a suonare la carica: ringhiando sui play ospiti, andando e bersaglio e innescando un eccellente Pusinanti che imbuca il piazzato del +13 (51-38) con 6’40” da giocare nel terzo parziale. Parma reagisce sotto la spinta di Paulig e del play Malinverni Leonardo, bravo ad innescare i compagni nel pitturato, approfittando dei problemi di falli dei lunghi di casa e Magik che riduce il divario a quattro lunghezze (57-53). Una tripla di Torriglia ridà ossigeno ai padroni di casa, ma Caravita e Diemmi ricuciono immediatamente, prima che Quaiotto dalla lunetta imbuchi i liberi del +5 (61-56) con cui inizia l’ultimo quarto di gioco. Dopo l’iniziale botta e risposta, due piazzati di Alberti Davide e Pusinanti lanciano la Cestistica sul +9 (69-60). Paulig risponde dai 6,75, ma è ancora Pusinanti a dilatare lo strappo con cinque punti in fila, prima che Alberti Davide infili, da otto metri abbondanti, la tripla del +12 (77-65) con 4’43” sul cronometro. Sembra fatta, ma accade l’imponderabile; nei successivi cinque possessi il Magik va per altrettante volte a bersaglio da oltre l’arco con Paulig,  Malinverni Leonardo, e Donadei (3). Proprio il capitano ospite firma il +3 ducale (77-80) a 1’40” dalla sirena finale; nel possesso seguente possibile gioco da tre punti di Alberti Davide che, però, sbaglia il libero del pareggio. Sul fronte opposto, un canestro acrobatico di  Paulig e una penetrazione di Malinverni Leonardo, nel deserto difensivo argentano, firmano il +5 Parma (79-84) a 20″ dal gong. Alberti Davide firma da oltre l’arco il -2 (82-84) della speranza con 11″ sul tabellone, ma è ancora Paulig a chiederla dalla lunetta, firmando la vittoria ospite.

Gara 2

NAZARENO – FRANCESCO FRANCIA 63 – 79 (1-1)

(18-15; 37-45; 50-63)

Carpi: Carretti 6, Compagnoni 10, Pivetti 2, Biello 14, Spasic 10, Marra 5, Bonfiglioli 2, Saetti, Lavacchielli 14, Pravettoni, Valenti. All. Beltrami.

F.Francia Zola Predosa: Galli 3, Perrotta 3, Gamberini 11, Mazzoli 2, Maselli ne, Barilli Fe. 1, Masina 8, Barilli Fi. 12, Bosi 4, Bavieri 10, Romagnoli 25. All. Benini.

MAGIK – CESTISTICA ARGENTA 72 – 66 (2-0)

Promozione, la Stella reagisce e va a gara3, la Masi sorprende l’Omega a domicilio

PROMOZIONE Semifinali

GIRONI A/B

Gara 1

CUS PARMA – SCANDIANO 2012 61 – 39

(25-7; 38-18; 49-34)

CUS Parma: Tognazzi, Furia F. 1, Pattini 17, Bettera, Franchini 2, Bellicchi 2, Sgorbati 10, Carretta 5, Marzo 5, Cervi 9, Cornacchione 7, Furia M. 3. All. Marcucci.

Scandiano: Siani 5, Fontanesi 2; Masoni 10, Iori ne, Vacondio, Roncaglia 2, Montanari, Caleffi ne, Maioli S. 16, Marani 4, Maioli M. All. Baroni.

CORREGGIO – NUBILARIA 77 – 55

Gara 2

SCANDIANO 2012 – CUS PARMA 23/5 (21,30)

NUBILARIA – CORREGGIO 24/5 (21,30)

GIRONI C/D

Gara 1

LIBERTAS SAN FELICE – HAPPY BASKET 68 – 70

(12-19; 32-43; 52-57)

Libertas San Felice: Stagnoli 7, Margelli, Fioravanti 4, Fenderico, Ghiacci, Scarioli, Balducci 2, Zanchi 8, Di Marzio 10, Credi 25, Cavazza , Bianchini 12. All. Zanini.

HB Castelmaggiore: Righetti, Tolomelli 4, Pellegrino 9, Gruppioni 2, Ferri 21, Carelli Mat. 4, Carelli Mar. 4, Giunchedi 10, Asciano 13, Cocchi 3, Tinti, Varotto. All. Baraldi.

OMEGA – MASI 69 – 75 dts

(19-16; 38-30; 53-46; 63-63)

Omega: Belleri ne, Calvi 14, Bacocco 8, Zanoni, Pappalardo 13, Dal Pozzo 7, Coccaro ne, Bianchini 2, D’Andola 8, Morales 12, Kalfus 5. All. Solaroli.

Masi Casalecchio: Ballanti 14, Franchini 4, Galassi 16, Conti, Masetti 6, Castaldini, Sechi 2, Freddi 9, Neri 3, Truppi 7, Bertacchini 14, Montalegni ne. All. Forni.

Gara 2

HAPPY BASKET – LIBERTAS SAN FELICE 24/5 (21,30)

MASI – OMEGA 24/5 (20,45)

GIRONI E/F

Gara 1

CASTIGLIONE MURRI – SPEM MATTEI 59 – 56

(19-19; 34-26; 43-37)

Castiglione Murri: Donati 8, Melino 2, Dettori, Rizzardi 7, Gandolfi 16, Reggiani 1, Stefanelli 2, Varotto 3, Bertini 2, Sanguettoli 6, Samoggia 2, Parchi 10. All. Bonfiglioli.

Ravenna:Gigante, Piani 19, Tocchi 4, Bigazzi 2, Bellanti, Vistoli 3, Cirillo 1, Zudetich 9, Morigi 11, Bergamaschi 7. All. Casciello.

STELLA – TIGERS 92 – 94 d2ts

(26-21; 47-41; 66-57; 74-74; 82-82)

Stella Rimini: Verni 8, Naccari 25, Bomba 18, De Martino, Ortenzi ne, Pari 5, Distante 1, DelTurco 28, Quartulli 7, Pinto. All. Casoli.

Villa Verucchio: Serpieri 13, Buo 18, Rossi M. 9, Panzeri 11, Bronzetti 12, DiGiacomo 4, Bollini ne, Semprini 4, Guiducci T., Saccani 19, Guiducci F., Toni 4. All. Podeschi.

Gara 2

SPEM MATTEI – CASTIGLIONE MURRI 23/5 (21,30)

TIGERS VILLANOVA – STELLA 61 – 69 (1-1)

PLAY OUT Finale

Gara 1

GIRONI A/B

ARTARREDO – MAGRETA 63 – 52

(12-16; 27-29; 40-39)

Borgo Val di Taro: Cazacu ne, Giraud 9, Verti, Berni 16, Leonardi 7, Baldi 19, Gasparini 7, Beccarelli 3, Oppo 2. All. De Martino.

Magreta: Leoni 8, Guidetti 4, Kashin 6, Bertoni 3, Marcheselli 4, Balzino, Bernabei 4, Galloni 11, Bardelli 12, All. Marotta.

Gara delicatissima quella disputata al Palaraschi, la tensione è a mille, la posta in gioco è altissima e la partita ne è una naturale conseguenza. Gioco contratto da ambo le parti, imprecisione al tiro e difese in confusione. Primo quarto con la squadra ospite che chiude in vantaggio 16 a 12. Neppure la seconda frazione di gioco vede le due compagini sciogliersi una delle piu’ brutte partite viste quest’anno, si va al riposo con Magreta avanti 29 a 27. Al ritorno in campo qualche piccolo miglioramento si vede tra gli uomini di De Martino, la palla inizia a girare con più intensita e i risultati si vedono. Migliorano le percentuali e l’Artarredo prende anche un vantaggio di 5 punti riuscendo  a chiudere il terzo periodo avanti 40 a 39. Ma è solo nell’ultima frazione di gioco che i ragazzi dell’Artarredo riescono ad esprimere un gioco che sicuramente non è il migliore ma permette di poter prendere un buon margine per vincere gara uno per 63 a 52. Mercoledi si giocherà gara due, i ragazzi di coach De Martino dovranno sicuramente affrontare la gara con spirito diverso se vorranno chiudere anticipatamente la serie per evitare la bella.

Gara 2

MAGRETA – VALTARESE 23/5 (21,30)

GIRONI C/D

Gara 1

PGS CORTICELLA – ROSMARINO 41 – 55

(11-17; 22-34; 35-44)

PGS Corticella: Ritussa 3, Marcheselli 5, Vallerin, Cristiani 8, Sorghini 8, Varignana 2, Natalini 6, Stojanov 2, Nannuzzi, Mengoli 2, Della Gala, Boni 5. All. Bitelli.
Carpine: Meschiari 11, Fofie 8, Cavallotti 2, Zanoli 7, Piuca 2, Arletti 9, Silingardi 8, Iacono 2, Ricchetti 6, Marchi ne. All. Lugli.
La Carpine inizia nel migliore dei modi la serie decisiva per la salvezza contro la Pgs Corticella espugnando il campo bolognese con una bella prova corale.
Partono bene i carpigiani con Meschiari in serata dalla lunga distanza a creare un mini gap di 6 lunghezze a fine quarto. Stesso trend nella seconda frazione con Fofie e compagni che riescono ancora ad allungare tenendo ben chiusa la porta difensiva e segnando con frequenza in attacco portando così il vantaggio in doppia cifra. Dopo la pausa la zona bolognese crea qualche problema all’attacco carpigiano, ma la difesa non molla a parte nell’ultimo minuto del quarto dove due distrazioni fanno riavvicinare i padroni di casa. Ultima frazione e Meschiari punisce ancora dalla lunga, poi Zanoli che ha fatto letteralmente mano bassa di rimbalzi in attacco porta ancora avanti la Rosmarino Carpine che nel frattempo non concede più niente in difesa  e converte le buone azioni difensive in contropiede che chiudono la gara con solo 6 punti subiti nel quarto. Carpi fa sua gara 1 e ora ha la possibilità di chiudere la serie e conseguentemente salvarsi,
Gara 2
CARPINE – PGS CORTICELLA 23/5 (21,30)
GIRONI E/F
Gara 1
SAN MAMOLO – MASSA 64 – 56
Gara 2
MASSA – SAN MAMOLO 23/5 (21,30)

Serie B, scattano i quarti, Baltur e Bakery non sbagliano le prime due partite

SERIE B PLAY OFF

Quarti Gara 1

PAFFONI OMEGNA – PALLACANESTRO CREMA 74 – 49

BAKERY – SUPER FLAVOR 71 – 68

(22-11; 33-31; 51-54)

Bakery Piacenza: Bracchi ne, Liberati 3, Stanic, Bruno 18, Perego 17, Guerra ne, Pederzini 18, Guaccio 5, Birindelli 4, Maggio 6, Galli ne, Libè ne. All. Coppeta.

Urania Milano: Santolamazza 8, Ferrarese 20, Albique ne, Paleari 17, Scroccaro, Eliantonio 8, Orenze ne, Negri 4, Sergio 5, Sedazzari ne, Rashed ne, Laudoni 6. All. Villa.

Al PalaBakery va in scena la prima gara di semifinale, che vede scontrarsi la sqaudra locale e l’Urania Milano. Notevole è la numerosa affluenza di tifosi della squadra ospite, in un palazzetto quasi gremito.

Due punti di Perego aprono il quarto, seguiti dai 2 di Santiago Bruno. Piacenza parte benissimo, sostenuta dall’intero pubblico. Villa è costretto a chiamare il primo time-out dopo il contropiede di Perego che vale il 6-0. Maggio trova una tripla dopo un’azione giocata alla grande che dicono 9-0 e un’Urania che non è ancora scesa in campo. 2 su 2 dalla lunetta di Birindelli ed è +11 con Milano incapace di reagire. Perego e Maggio incontrollabili e la Bakery vola sul 15-0! Dopo 5′, arrivano i primi punti per Milano, subito annullati da una tripla di Bruno. Nella parte finale di quarto, Milano esce dal guscio, mettendo a segno un 6-0 che dice 22-11 che si mantiene fino al fischio arbitrale. Il secondo periodo si apre con la Bakery che cerca di contenere gli attacchi continui dell’Urania, che ritorna in partita grazie alle giocate del fantasista Laudoni. Parziale 25-17. Una tripla di Negri spaventa il vantaggio locale, che si limita a 9 punti dopo i 2/2 tiri liberi di Pederzini. Punteggio 29-20. Una bella tripla di Pederzini porta il vantaggio in doppia cifra, ma Milano non molla e ritorna a -8. Urania che ritorna di prepotenza in partita con due tiri al ferro che dice 32-28. Un arbitraggio molto discutibile segnala un tecnico ai danni di Perego che esce dal campo. A fine secondo quarto, il punteggio recita Bakery 33 e Urania 31. Guaccio dopo una bellissima azione da rimessa mette a segno i primi due punti della terza frazione e i primi personali, seguiti da una tripla dello stesso Guaccio. Baker a +5. Laudoni mette il -3 Urania che viene seguito dal tiro da 2 di Negri. Parziale 42-39. 2 tiri a segno di Bruno riportano Piacenza con un consistente vantaggio (+7). Grazie a due belle giocate di Paleari e ad una tripla di Ferrarese, Milano per la prima volta nel match raggiunge la Bakery nel punteggio sul 46-46. Arriva addirittura il vantaggio grazie a due triple consecutive di Ferrarese. che portano Milano sul 48-52. Piacenza ritorna grazie a una tripla di Liberati. Terzo quarto che si conclude sul 51-54 in un palazzetto quasi incredulo. Milano cerca di prendere il largo andando sul +7 a inizio ultimo periodo, con la Bakery che non riesce a segnare in nessun modo. Coppeta chiama il time-out quando Piacenza si trova a -10. Parziale 53-63. Quattro punti di Perego riportano i biancorossi in carreggiata quando mancano 4.35 minuti alla fine del match. Perego non si arrende e e neanche la Bakery quando mancano tre minuti e il punteggio è di 59-65. Bruno, con un gioco da 3, porta il risultato sul 62-65, in un’atmosfera incandescente quando mancano due minuti. Sempre Bruno porta Piacenza a -2, grazie ad una tripla sopraffina. Punteggio 66-68 ad un minuto dal termine. Pederzini in contropiede segna il 68-68 e il successivo vantaggio dalla lunetta (69-68). A 10″ dalla fine Pederzini fa 2/2 dalla lunetta che recita +3 Bakery. Non va il tiro allo scadere di Ferrarese e la Bakery vince gara1 per 71-68.

BALTUR – MONTECATINITERME BASKETBALL 92 – 63

(24-14; 47-34; 73-51)

Cento: Ba 6, Piunti 16, Vico 12, Chiera 2, Graziani 2, Pasqualin 16, D’Alessandro 13, Cantone 6, Mastrangelo, Fioravanti 4, Rizzitiello 15. All. Benedetto.

Montecatini: Centanni 15, Artioli 7, Meini 8, Mucci, Galli 1, Galmarini 10, Petrucci 4, Callara 6, Evotti 8, Bolis 4. All. Campanella.

In un Pala Ahrcos bollente e gremito in ogni suo settore, la Baltur si aggiudica il primo punto della serie di semifinale con Montecatini, al termine di un incontro praticamente a senso unico e iniziato con un ritardo di 30’ per la rottura di un tabellone, causata da una schiacciata di Fioravanti a pochi minuti dalla palla a due. In principio, i due allenatori si affidano ai quintetti base coi quali avevano rispettivamente superato San Giorgio su Legnano e Faenza. Gli ospiti si portano subito in vantaggio (2-5) ma i locali, trascinati da Pasqualin (16 punti e 5 assist) e Rizzitiello (15 punti), scappano presto sul 15-5. Vico aggiorna successivamente il massimo vantaggio sul +11 (21-10) e nel frattempo Montecatini perde Petrucci per infortunio. Nella seconda frazione Ba infiamma il pubblico con due alley-hoop su assist di Cantone e Vico ma un break di 7-0, confezionato da Centanni e Meini, costringe Benedetto alla sospensione (34-30). Alla ripresa delle operazioni la Baltur riprende a correre (44-31), anche grazie al controllo della situazione a rimbalzo, dove D’Alessandro (13 punti e altrettanti rimbalzi) e Piunti (16 punti e 10 rimbalzi) fanno la voce grossa. A campi invertiti, i bianco/rossi tornano in campo per completare l’opera e lo scarto tra le due formazioni raggiunge presto i 25 punti (62-37). Nel finale, Fioravanti scrive il +30 (85-55) e, sui titoli di coda, la curva non dimentica l’omaggio a capitan Benfatto, presente a bordo campo per incitare i suoi compagni.

ALL FOODS FIRENZE – GESSI BORGOSESIA 98 – 63

Quarti Gara 2

PAFFONI OMEGNA – PALLACANESTRO CREMA 82 – 56

BAKERY PIACENZA – SUPER FLAVOR MILANO 86 – 75

(18-20; 38-34; 57-56)

Piacenza: Bracchi ne, Liberati 3, Stanic 10, Bruno 13, Perego 19, Pederzini 17, Guaccio 2, Birindelli 10, Maggio 12, Galli ne, Libè ne. All. Coppeta.

Milano: Santolamazza 13, Ferrarese, Albique, Paleari 14, Scroccaro, Eliantonio 15, Giorgetti ne, Orenze ne, Negri 8, Sergio 11, Sedazzari ne, Laudoni.14 All. Villa.

BALTUR – MONTECATINITERME BASKETBALL 86 – 61

(20-15; 40-30; 65-45)

Cento: Ba 6, Piunti 14, Vico 12, Chiera 16, Graziani 2, Pasqualin 7, D’Alessandro, Cantone 12, Mastrangelo, Fioravanti 4, Rizzitiello 13. All. Benedetto.

Montecatini: Centanni 8, Artioli 8, Meini 6, Mucci ne, Galli 3, Galmarini 14, Petrucci 5, Callara, Evotti, Alioune NE, Bolis 17. All. Campanella.

Un altro passo avanti, un altro passo verso il traguardo: al Pala Ahrcos, la Baltur bissa il successo ottenuto in gara uno e si porta a una sola vittoria dal passaggio del turno, nella serie di semifinale con Montecatini. Alla palla a due Benedetto si affida all’ormai consueto base, mentre il collega Campanella risponde con Bolis nei primi cinque, in luogo del comunque recuperato Petrucci. Rispetto a 48 ore prima, la frazione iniziale scivola via all’insegna dell’equilibrio, con Piunti da una parte e Bolis dall’altra in evidenza. Per il primo strappo bisogna attendere l’ingresso in campo di Chiera che, tra la fine del primo quarto e l’inizio del secondo, mette la sua firma sul +8 (23-15). In seguito Vico mette la doppia cifra tra le due formazioni e costringe la panchina ospite alla sospensione ma, in uscita dal time-out, Montecatini si riavvicina con Bolis e Galmarini (30-26). La reazione dei locali si manifesta nel break aperto da Rizzitiello e concluso da Cantone, che consente ai padroni di casa di rientrare negli spogliatoi con dieci lunghezze da difendere (30-20). Nella ripresa Cento scappa con Rizzitiello e Piunti, presto il divario tra le due squadre raggiunge i 18 punti (51-33) e successivamente aumenta fino a toccare quota 32 (84-52), facendo scorrere i titoli di coda sul match. Archiviato il secondo episodio, la serie si sposta al Pala Terme di Via Cimabue a Montecatini.

ALL FOODS FIRENZE – GESSI BORGOSESIA 69 – 64

C Silver, Castelfranco arpiona i play off al fotofinish. Molinella, che beffa!

PLAY OFF ufficiosi
Santarcangelo-Rebasket e Castelfranco-Novellara

PLAY OUT ufficiosi
Castenaso-S.G. Fortitudo e Olimpia-Grifo

C SILVER 30° Giornata

CREI – REBASKET 73 – 62

(19-11; 41-30; 54-48)

Granarolo Basket: Salicini 3, Bianchi 14, Masetti ne, Marchi 22, Spettoli, Paoloni 7, Ballini 5, Bernardinello ne, Cristalli 6, Marega 10, Pani ne, Neviani 6. All. Carrera.

Castelnovo Sotto: Violi ne, Tognato 10, Nunziato ne, Castagnaro 17, Defant 12, Ferrari 8, Dall’Asta 1, Battaglia, Amadio 9, Simonazzi 5, Tondelli ne. All. Casoli.

CVD BASKET CLUB – OLIMPIA CASTELLO 2010 77 – 72 d2ts

(9-18; 28-30; 45-42; 59-59; 68-68)

CVD Casalecchio: Ballanti ne, Dawson 13, Trois 9, Masetti 1, Sighinolfi 11, Penna 7, Fuzzi 9, Taddei 2, Santilli 25, Falzetti, Lelli. All. Lanzoni.

Olimpia Castel San Pietro: Fimiani 2, Bonetti ne, Dall’Osso 8, Pedini 8, Beccaletto 9, Cavina 1, Zambrini 14, Pellacani 3, Lugli 14, Zuffa ne, Governatori 8, Sabattani 7. All. Martinelli

OTTICA AMIDEI – ME CART 79 – 66

(12-22; 32-32; 54-46)

Castelfranco Emilia: Tomesani 27, Coslovi 7, Sforza ne, Pizzirani ne, Vannini, Del Papa 15, Righi 10, Villani 12, Ayiku 8, Frilli, Tedeschini ne. All. Boni.

Cavriago: Zecchetti 2, Mazza 13, Fantini 3, D’Amore 16, Minardi ne, Pezzi 13, Lorenzani, Franzoni 12, Mursa ne, Bernardoni, Vecchi 4, Pedrazzi 3. All. Martinelli.

L’Ottica Amidei completa il filotto di vittorie raggiungendo le sei consecutive e, grazie ai risultati degli altri campi, approda ai play off, addirittura col fattore campo a favore.

L’avversario è di quelli ostici, in quanto Cavriago è sicuramente una delle compagini più in forma del girone di ritorno dove ha ottenuto scalpi importanti come Anzola e Santarcangelo. Coach Martinelli presenta il quintetto Fantini, D’Amore, Pedrazzi, Zecchetti e Pezzi, mentre coach Boni mantiene invariato l’ormai classico Righi, Tomesani, Del Papa, Frilli e Villani. Inizio col freno a mano tirato da parte dell’Ottica Amidei, gli attacchi sono molto contratti, probabilmente anche a causa della grande posta in palio e dietro manca quell’incisività che ha caratterizzato le ultime uscite. Cavriago addormenta i ritmi, ma soprattutto è molto più reattiva sulle 50/50 % balls, catturando ben 6 rimbalzi d’attacco nel solo primo quarto. In attacco vengono presi tiri un po’ affrettati che non vengono segnati e morale della favola al primo intervallo Cavriago è davanti 12-22. Coach Boni tenta di scrollare via il torpore dai suoi ragazzi, ma nella prima parte del secondo quarto sono ancora i gialloneri reggiani a farla da padroni, spingendosi anche al primo vantaggio in doppia cifra, doppiando i biancoverdi sul 12 a 24 del 13’. Da li, l’Ottica Amidei stringe le maglie in difesa, passando a zona, ma soprattutto inizia a spendersi fisicamente in entrambe le metà campo: Carviago non segna praticamente più per 7 minuti e si va a riposo sul 32 pari. Negli spogliatoi coach Boni si raccomanda di non replicare l’inizio di partita, ma di imporre subito il ritmo che ha contraddistinto l’ultima parte del secondo periodo. I ragazzi lo seguono e ottenuto il primo vantaggio abbastanza consistente della partita (39-34 al 22’) con un 2+1 di Del Papa e un contropiede di Tomesani. Da questo momento l’Ottica Amidei non si volterà più indietro mantenendo più o meno sempre almeno un possesso pieno di vantaggio e dilatandolo man mano col passare dei minuti. Il terzo periodo si chiude sul 54-46 Castelfranco. Nel quarto il vantaggio arriva presto in doppia cifra (62-50 al 32’) con l’unica bomba del match di Coslovi; si raggiunge il massimo vantaggio sul +17 al 36’ (69-52), poi i biancoverdi amministrano regalando qualche tiro aperto di troppo ma senza rischiare mai nulla realmente. La partita termina 79-66.

GRUPPO VENTURI – GINNASTICA FORTITUDO 97 – 74

(19-23; 43-46; 72-59)

Anzola: Gandolfi, Bortolani 12, Parmeggiani S. 13, Zucchini 19, Parmeggiani F. 7, Venturi L., Gamberini 3, De Ruvo 8, Venturi N. 5, Venturi D. 3, Albertini 9, Mazza 18. All. Trevisan.

S.G. Fortitudo: Pampani 9, Tosini 8, Cenni 3, Zinelli 3, Mandini 23, Pederzoli 6, Galassi 10, Zanetti 8, Bonazzi 4, Pondrelli. All. Tasini.

BERNAITALIA – VIS 2008 97 – 54

(31-13; 57-23; 71-40)

Medicina: Jdidi, Bonetti 5, Tinti 10, Marinelli 17, Mini 11, Govi 5, Lorenzini 7, Verde 2, Canovi 8, Rambelli 19, Seracchioli 11. All. Bacchilega.

Vis Ferrara: Grazzi 16, Oseliero 8, Kekovic 7, Drigo 5, Fiore 6, Gamberini 6, Mancini 6, Caselli. All. Campazzi.

PalaRambaldi di Medicina che offre una bellissima cornice di pubblico; l’occasione è quella di salutare la Bernaitalia all’ultima giornata di campionato, ma soprattutto tributare a Samuele Rambelli la meritatissima ovazione per una incredibile carriera giunta al termine, ebbene sì “Rambo” si ritira dal basket giocato con un palmares di 11 finali disputate e 8 titoli vinti, più un numero imprecisato di canestri da tre punti messi a segno in giro per l’Italia. Virtus Medicina ha deciso di ritirare la maglia numero 19, piccolo omaggio a Samuele, grande Uomo e grande Giocatore.

PALLACANESTRO MOLINELLA – PALLACANESTRO CASTENASO 64 – 68

(18-21; 35-38; 44-57)

Molinella: Guazzaloca 5, Brandani 15, Spisni ne, Oretti ne, Checcoli ne, Ranzolin 11, Zuccheri 10, Frazzoni 2, Capobianco, Lanzi 3, Ramini 5, Regazzi 13. All. Baiocchi.

Castenaso: Curione 11, Baraldi ne, Fornasari, Spinosa ne, Betti 2, Cardinali 18, Campagna 2, Quaiotto 7, Parenti 14, Venturi ne, Magnani 14. All Conti

RIVIT – NOVA ELEVATORS 69 – 65

(20-17; 39-40; 57-50)

Grifo Imola: Turrini, Bartoli 12, Russu 12, Guglielmo, Lucchetta 5, Orlando 10, Pasini 7, Zaccherini, Sgorbati 9 Martini 6, Borgognoni, Castelli 8. All. Palumbi.

San Giovanni in Persiceto: Carpani 6, Cornale 1, Verardi 11, Baccilieri 15, Novi 8, Scagliarini, Papotti 17, Moruzzi, Zappoli 7. All. Berselli.

La Rivit vince l’ultima gara della stagione regolare e va ai playout da terzultima e sarà derby con l’Olimpia Castello.

Persiceto, nonostante potesse avere ancora chance di playoff, si presenta con solo nove elementi, mentre la Grifo recupera Guglielmo, che parte anche in quintetto assieme a Bartoli, Lucchetta, Borgononi e Russu. Parte meglio la Vis Persiceto, ma Pasini poco oltre metà quarto porta avanti i suoi (14-13), poi Sgorbati, con due triple, dilata il vantaggio (20-16). Alla fine del periodo la Grifo ha messo a referto già sette giocatori. La difesa aggressiva della Rivit paga mettendo in difficoltà l’attacco ospite, che per tutta la gara faticherà molto a trovare soluzioni pulite. Il rovescio della medaglia sono i falli nettamente a sfavore della Grifo, che va, tranne che nell’ultimo periodo, molto presto in bonus, a differenza di Persiceto, che non ci va quasi mai e anzi nel finale si rivelerà un handicap. Nel secondo periodo Novi e Baccilieri riportano avanti gli ospiti (23-27), prima che Russu rimetta la Grifo in liea di galleggiamento (33-31 poi 37-33). Si va avanti in equilibrio tra la fine del secondo e l’inizio del terzo periodo. La Grifo con Orlando, Sgorbati, Pasini e Martini si porta fino al +11 (55-44 a 4 e 30 dalla sirena). Poi Papotti ne mette 6 e rimette i suoi in scia. La Rivit torna a +10 sul 60-50 in apertura di ultimo quarto, poi il punteggio si inchioda sul 65-61 per un bel po’. Alla fine Bartoli, con quattro punti negli ultimi trenta secondi, chiude la contesa.

PALL. NOVELLARA – DULCA 55 – 79

(12-14; 29-38; 42-63)

Novellara: Margini 13, Folloni 4, Rinaldi 8, Morgotti, El Ibrahimi 2, Carpi 3, Ciavolella 8, Bartoccetti 10, Astolfi 7. All. Spaggiari.

Santarcangelo: Fornaciari 7, Bianchi 13, Cunico 7, Fusco 6, Dini 10, Raffaelli 5, Giuliani 2, Ramilli 6, Saponi 6, Pesaresi 17. All. Bernardi.

CLASSIFICA

ANZOLA 48 30 24 6 2245 1955 +290
CNO SANTARCANGELO 46 30 23 7 2349 1922 +427
CASTELFRANCO EMILIA 34 30 17 13 2297 2147 +150
NOVELLARA 34 30 17 13 2098 2017 +81
REBASKET CASTELNUOVO 34 30 17 13 2020 1968 +52
MOLINELLA 34 30 17 13 1890 1911 -21
VIRTUS MEDICINA 32 30 16 14 2203 2105 +98
GRANAROLO BASKET 32 30 16 14 2098 2060 +38
CVD CASALECCHIO 32 30 16 14 1966 1956 +10
VIS PERSICETO 32 30 16 14 2042 2092 -50
SCUOLA BASKET CAVRIAGO 30 30 15 15 2109 2063 +46
CASTENASO 30 30 15 15 2008 2086 -78
OLIMPIA CASTEL SAN PIETRO 28 30 14 16 2023 2060 -37
GRIFO IMOLA 16 30 8 22 1965 2185 -220
S.G. FORTITUDO BOLOGNA 12 30 6 24 1930 2287 -357
VIS 2008 FERRARA 6 30 3 27 1869 2298 -429

C Gold, Fiorenzuola raggiunge i Flying in finale. Play Out, a salvarsi è il Gaetano Scirea Bertinoro

SERIE C GOLD

PLAY OFF Semifinali Gara 3

ALBERTI E SANTI – SALUS PALL. BOLOGNA 82 – 71 (2-1)

(22-26; 51-41; 68-55)

Pallacanestro Fiorenzuola 1972: Galli 2, Sichel 16, Resca 12, Zucchi ne, Colonnelli 17, Zaric, Scekic, Marletta, Lottici M. 6, Klyuchnyk 7, Donati 7, Garofalo 15. All. Lottici S.

Salus Pallacanestro Bologna: Savio 4, Branzaglia 9, Amoni 7, Tugnoli 20, Percan 13, Veronesi, Gebbia ne, Arletti, Polverelli 6, Trentin 12. All. Fili.

Resca incendia la partita da subito con 8 punti personali che riscaldano se possibile ancora di più un PalaMagni del tutto esaurito. Fiorenzuola macina triple con Garofalo, ma l’orgoglio della Salus è rappresentato da Percan, che porta la gara sull’11-8 al 4′. Amoni si inventa una tripla sullo scadere dei 24” e Tugnoli converte 4 tiri liberi consecutivi, riportando la partita in equilibrio sul 17-15. La Salus scappa fino al +3, ma Galli e Colonnelli ribaltano nuovamente una partita vibrante. 22-20 all’8′. Trentin è chirurgico a chiudere il primo quarto in favore della Salus, con un canestro veramente notevole che vale il 22-26 con cui si chiude il primo parziale. Nel secondo quarto Garofalo e Colonnelli sempre dall’arco battezzano la zona bolognese; i gialloblu perdono tre palle consecutive sanguinose, riportando la squadra di Fili sul +6. 28-34 al 13′. Garofalo impatta nuovamente sul 36-36 al 16′; la Salus continua con la sua zona, ma contro le triple fiorenzuolane quest’ultima sembra soffrire. Lottici M. e Sichel grandinano altre conclusioni dall’arco, portando sul +8 i gialloblu sul 49-41. Donati appena entrato piazza una stoppata monstre, e sul contropiede Sichel chiude il parziale 51-41. Percan apre e danze nel terzo quarto, ma Klyuchnyk con la schiacciata incendia ancora di più l’ambiente valdardese. La partita diventa se possibile ancora più spigolosa, con le difese che prevalgono sugli attacchi. Fiorenzuola rimane con tre possessi pieni di vantaggio sui liberi di Donati al 26′. 59-51. Polverelli porta a scuola tutti con il semigancio in virata per il 60-53 al 28′, ma è Donati il protagonista sul finire di quarto con 3/4 ai liberi che vale il +10. 65-55. Sichel chiude il quarto ancora una volta con la tripla del +13. 68-55. Percan rientra in campo desideroso di guidare il forcing finale della Salus, ma Resca disegna basket e inventa l’assist cieco per Klyuchnyk e la sua schiacciata. Il giovane Branzaglia con 5 punti consecutivi riporta sotto la doppia cifra di svantaggio la squadra di Fili, ma Donati e Colonnelli riportano in un amen i ragazzi di coach Lottici S. a +15. E’ il parziale della vittoria al 38′, con i gialloblu che chiudono sull’82-71 e lanciano ufficialmente la sfida ad Ozzano.

PLAY OUT CONCENTRAMENTO FINALE

PALL. TITANO – NUOVA PSA 77 – 73 dts

(14-12; 39-29; 57-45; 66-66)

San Marino: Sinatra 7 (2/5, 1/1), Grassi 5 (0/1, 1/2), Zannoni 8 (1/11, 2/3), Aglio 19 (9/14, 0/3), Gamberini 18 (8/14), Ricci 6 (2/7, 0/2), Macina 2 (1/1), Galassi 8 (1/1, 2/5), Padovano 4 (2/2), Calegari. All. Foschi.

Modena: Riguzzi 5 (1/11, 1/3), Franko 21 (7/13, 1/2), Vivarelli 2 (1/1), Pederzini 21 (8/15), Vucinovic 14 (6/8, 0/3), Cappelli, Nasuti 2 (1/2, 0/2), Tamagnini 2 (1/1), Riccio (0/1 da tre), Ghedini 6 (1/6, 0/5), Basilicò. All. Spettoli.

Un romanzo intero. Dentro una stagione da raccontare in almeno tre tomi d’autore. Eppure, non è mica finita. Il primo passo però è stato fatto ed è di quelli importanti. La Pallacanestro Titano batte Modena 77-73, dopo un overtime e domenica, con Bertinoro, avrà l’opportunità di rimanere in C Gold con una vittoria.

Di tutto e di più in questo match inaugurale del gironcino playout di seconda fase. Modena subito in vantaggio 0-3 e poi stop, mai più col naso avanti in tutta la partita. Diverse volte in parità, ma mai avanti. In ogni caso c’è stato da sudare. Tantissimo. Attacchi in difficoltà nel primo quarto, in fondo la posta in palio questa volta è davvero altissima e il margine d’errore non c’è. 7-5 Titans dopo cinque minuti, 14-12 dopo dieci. Avanti adagio, ma avanti. Poi il break, non decisivo ma significativo. San Marino a provare la prima mini fuga sul 13-8 e a mantenere un discreto margine pure alla pausa lunga (39-27 al 20’). Di ritorno dagli spogliatoi la sostanza delle cose non cambia, con Gamberini e compagni sempre a veleggiare attorno alla doppia cifra di margine. Il +13 resterà il massimo vantaggio, toccato già nel primo tempo ma anche in questo terzo quarto sul (42-29). Si va ad attaccare il quarto periodo sul +12 (57-45), con Modena che però ritrova verve offensiva abbastanza presto e riesce a metter punti a tabellone con rapidità. La tripla di Galassi ricaccia indietro la Psa (62-52), ma il momentum è tutto degli emiliani che con un ottimo Vucinovic piazzano il parziale di 9-0 (62-61 Titans a -6’30”). Poi lo stop, la tensione, le mani che si raggelano per le due squadre e tre minuti abbondanti senza segnare per entrambe. A 2’54” dal gong Aglio sblocca i Titans (64-61), ma Modena impatta subito con una tripla. San Marino di nuovo avanti ed emiliani a pareggiare in pieno ultimo minuto. L’ultimo possesso dei regolamentari, sul 66-66, è dei ragazzi di coach Foschi, ma sulla rimessa in attacco Zannoni e Sinatra non riescono a segnare. Si va all’overtime, tanto per alleggerire quel pizzico di tensione (ma poca, poca eh…) che aleggia nell’aria. La Pallacanestro Titano comincia molto bene coi canestri di Aglio e Gamberini (il capitano imbuca pure il libero supplementare) e rimane con 5 di vantaggio per buona parte del supplementare. Modena accorcia, ma non ha il possesso per pareggiare. Arriva a -2, la squadra di Spettoli, ma alla fine, a mettere in ghiaccio un successo sudatissimo e preziosissimo, ci pensa Grassi, con la doppietta ai liberi, a 8” dalla sirena. 77-73, +4 e soprattutto due possessi di vantaggio. Modena non segna, San Marino vince.

PSA MODENA – GAETANO SCIREA 53 – 61

(13-7; 23-28; 41-54)

Modena: Cappelli 2, Vivarelli ne, Pederzini 15, Basilicò, Riccio, Ghedini 7, Tamagnini 2, Nasuti, Riguzzi 10, Vucinovic 6, Franko 11. All. Spettoli.

Bertinoro: Frigoli 19, E. Soflrizzi, Cristofani, Zoboli, Ruscelli, Ravaioli, Malvolti 6, Del Zozzo, Biandolino, Godoli 7, Bracci 19, E. Solfrizzi 10. All. Selvi.

Niente impresa per la Psa, che cede a CastelGuelfo nella seconda sfida-spareggio play out contro Bertinoro e abbandona la C Gold, concludendo la stagione con un’amara retrocessione.

La decisiva gara contro Bertinoro inizia con il piglio giusto e Modena, armata di una grande difesa, che fa da contraltare ad un attacco in difficoltà, parte bene chiudendo il terzo quarto sul 7-13. Sembra il preludio di una gara da vivere in fuga ed invece i romagnoli reagiscono ed effettuano il sorpasso nel finale di secondo quarto, andando al riposo sul 28-23, mettendo a referto un parziale di 8-0. Nella ripresa Bertinoro mette la freccia, trova la chiave per mettere in difficoltò la difesa modenese ed allunga, rendendo vani i continui tentativi di reazione di Pederzini e compagni. La difficoltà al tiro (20/60 dal campo) e a cronometro fermo permettono alla “Gaetano Scirea”, al quale viene permesso di interpretare un basket energico e muscolare, di chiudere il terzo quarto sul 54-41. Modena tenta la disperata reazione ma i problemi di falli di Pederzini e Vucinovic e la stanchezza generale impedisce ai ragazzi di coach Spettoli di completare la rimonta. Nonostante l’iniziale parziale di 0-4, Modena chiude in ritardo, all’ultima sirena, di 13 punti e certifica la propria retrocessione in Serie C Silver.

GAETANO SCIREA – TITANO 53 – 43

(14-11; 28-24; 42-40)

Bertinoro: En. Soflrizzi 6 (1/5, 1/2), Frigoli 25 (7/13, 3/7), Godoli (0/1, 0/1), Bracci 9 (3/11, 0/1), Em. Solfrizzi 7 (2/3), Biandolino, Del Zozzo, Gellera Malvolti (0/1), Ravaioli 2 (1/2, 0/1), Zoboli, Cristofani 4 (2/3), Ruscelli ne. All. Selvi.

San Marino: Sinatra (0/3 da tre), Grassi 4 (1/1, 0/3), Zannoni 10 (3/6, 0/3), Aglio 12 (3/7, 2/4), Gamberini 3 (1/4), Macina (0/2, 0/1), Ricci 6 (1/4, 0/1), Galassi (0/2, 0/2), Padovano 8 (3/4, 0/2), Calegari (0/1). All. Foschi.

Forse, basterebbe il risultato. Solo quello. Qua vi raccontiamo com’è andata, se vi va. Anche se, obiettivamente, conta il giusto. Lo Scirea batte, a CastelGuelfo, i Titans per 53-43 nello spareggio decisivo per rimanere in C Gold e la conseguenza, lapalissiana, è che da una parte si fa festa e dall’altra si va via scioccati, in tilt. È retrocessione. Amara, amarissima.

La partita, comincia con un 10-0 a favore di Bertinoro e con dei Titans contratti, troppo contratti. Aglio sblocca il tabellone con cinque punti, Ricci infila una doppietta ai liberi e si comincia a giocare. Di rincorsa, ma sempre vicini. È -3 a fine primo periodo (14-11), col punteggio che fa da elastico dal 14-13 al 22-15. Il massimo vantaggio dello Scirea arriva sul 27-19, ma il sussulto Titans in chiusura di quarto è buono e negli spogliatoi si va sul -4 (28-24). Nel terzo parziale la Pallacanestro Titano si avvicina considerevolmente e riesce finalmente a impattare e superare. Lo fa per la prima volta al 27’ sul canestro di Grassi (35-36) e poi anche qualche istante dopo sul 38-40. È un momento particolare, col parzialone lungo di 10-3 a favore dei titani dal 35-30. È anche un momento da sliding doors, perché qui Bertinoro riprende il comando e non lo molla più. Prima con un 4-0 in chiusura di terzo periodo (42-40), poi coi tre canestri di Frigoli nei primi cinque minuti di quarto parziale (49-40). I Titans faticano a segnare, tornano sul 49-43 col cesto di Aglio, ma non vanno più in là di lì. La forbice non si riduce ed Emiliano Solfrizzi, a 53” dalla sirena conclusiva, mette i due liberi della staffa (51-43). Bertinoro vince e fa festa, la Pallacanestro Titano retrocede.

A2, l’Infinitybio fa sognare: sbancata anche Palermo! Serie B, le Tigers soffrono, ma vanno in finale

SERIE A2/SUD FINALE PLAY OFF

ANDROS PALERMO – INFINITYBIO FAENZA 66 – 72

(18-18; 36-32; 49-58)

Palermo: Russo 21 (4/4, 7/18, 1/2), Miccio 12 (4/5, 1/5, 2/9), Ferretti (0/1), Verona 4 (2/8), Prėskienytė 21 (2/3, 8/13, 1/1), Carrara 6 (2/2, 2/4), Landi 2 (1/2), Cerasola ne, Ferrara ne, Bonura ne, Tumminelli ne, Cappelli ne. All. Coppa.

Faenza: Schwienbacher 19 (2/4, 4/9, 3/8), Franceschelli 12 (3/3, 2/4), Ballardini 13 (2/3, 3/8), Morsiani 12 (2/2, 5/11, 0/2), Soglia 8 (2/3, 3/6), Coraducci 6 (2/2, 2/2), Caccoli 2 (1/1), Minichino (0/1, 0/1). All. Bassi.

 

SERIE B Primo turno Gara 2

BORGO S. ROCCO MUGGIA – B.S.L. 60 – 51

(15-14; 35-26; 52-35)

Muggia: Cumbat 6, Ianezic 11, Vida 14, Silli 10, Battistel 2, Mervich 7, Bianchini, Predonzani, Dimitrijevic 4, Fumis, Miccoli 6, Robba. All. Mura.

San Lazzaro: Magliaro 9, Raffaelli, Talarico 23, Ghigi, Gorla 5, Zarfaoui 6, Mantovani, Melchioni 4, Panighi, Trombetti 4. All. Dalè.

TIGERS ACADEMY – EUROGRAFICA T.T.B. 60 – 54

Parma: Petrilli 10, Corsini 8, Accini 12, Vaccari 21, Besagni 2, Tomassetti 4, Trevisan, Rinaldi 3, Minari M. ne, Minari C. All. Lopez.

Pino Torinese: Mortera 13, Rebbia 6, Nicola 2, Baima 6, Balbo 6, Colucci F., Tarsia, Colucci M. 3, D’Ambrosio 11, De Cicco 7, Geliberti ne. All. Corrado.

1 2 3 146