Monthly Archives: gennaio 2015

La Fortitudo domina il derby con Cento. I risultati dei campionati Nazionali

Una partita che non si può sbagliare. Piacenza sarà di scena a Roseto in una delle ultime gare nelle quali, vincendo, potrebbe riaprire il discorso retrocessione in A2 Silver. In serie B la capolista Tramec sarà impegnata al PalaDozza contro un’Eternedile che farà esordire, davanti al pubblico amico, “bomber” Carraretto, mentre in serie C segnaliamo Castelfranco-VSV Imola e Raggisolaris Faenza-Basket 2000 Scandiano.

A2 SILVER
EUROPROMOTION LEGNANO – BENACQUISTA LATINA 78 – 80

DE’ LONGHI TREVISO – PROGER CHIETI 62 – 61

VIOLA REGGIO CALABRIA – GIVOVA SCAFATI 65 – 72

O.R.S.I. TORTONA – REMER TREVIGLIO 80 – 78

ACMAR – RECANATI 65 – 73

(16-25, 31-38, 43-54)

Ravenna: Holloway 8, Amoni 3, Cicognani 4, Rivali 8, Raschi 10, Grassi, Zannini ne, Tambone 16, Foiera ne, Singletary 16, Seck ne. All. Martino.

Recanati: Sykes 10, Raponi ne, Zanelli 9, Pierini 3, Gurini, Lauwers 6, Terenzi 2, Galmarini ne, Pezzotti ne, Eliantonio 11, Mosley 22, Gueye 10. All. Sacco.

L’Acmar cade per la prima volta su undici partite al PalaCosta – l’ultimo stop casalingo è datato 9 febbraio 2014 contro Omegna -, sconfitta da un’ottima Recanati per 65-73. La formazione ospite – trascinata da Mosley (8 punti, 12 di valutazione) ed Eliantonio (9) e in grado di realizzare 12 tiri su 14, pari all’86% – riesce a prendere vantaggio sin dai primi minuti, portandosi sul 4-13 al 5’ e poi sul 16-25 al 10’. L’Acmar prova a reagire, accorcia più volte, ma viene rispedita indietro sul finire del secondo quarto dai canestri di Sykes e Gueye, autore di sette punti nel secondo periodo. Il terzo quarto scorre sulle stesse trame dei primi 20’, fino al fallo tecnico sanzionato per proteste alla panchina ravennate: Eliantonio segna tre tiri liberi, cui fa eco la tripla di Lauwers per il 36-50 del 26’. Recanati tocca anche il +18 (36-54) prima che l’Acmar riesca a ribellarsi al proprio destino e a costruire una rimonta incredibile. I giallorossi – sospinti da un PalaCosta pronto ad accendersi in un secondo – accorciano in chiusura di quarto (43-54 al 30’) e, complice la difesa a zona, riaprono una partita che sembrava ormai persa, toccando il -2 con Tambone (52-54 al 33’). La partita si gioca sul punto a punto, ma Recanati è puntuale nel ribattere colpo su colpo ai tentativi di aggancio giallorossi. Al nuovo -2 siglato dall’Acmar risponde Lauwers (58-63 al 35’), alla tripla di Tambone che stampa il 63-66 al 38’ replica il canestro di Pierini – ancora una volta da tre punti – per il 63-69 che a 90” dalla fine l’Acmar non riesce più a recuperare.

ROSETO – BAKERY 86 – 82

(13-24; 32-48; 65-61)

Roseto: Pitts 14 (4/11, 1/3), Ferraro 6 (2/3), Bartoli 6 (0/3, 2/4), Marini 8 (1/5, 1/2), Janelidze 2 (1/2, 0/1), Bryan 12 (4/6), Joshua Jackson 23 (2/4, 5/11), Moreno 15 (1/2, 4/4), De Dominicis ne, Nolli ne, Ippedico ne. All. Trullo.

Piacenza: Gasparin, Rombaldoni 10, Rossetti 7, Sorokas 15, Zizic 20, Becirovic 25, Galli 3, Infante 2, Stefanini, Mazzocchi ne. All. Coppeta.

Piacenza non riesce a riaprire il suo campionato perdendo il confronto diretto con Roseto al termine di una partita che ha due volti completamente diversi. Il primo è quello di una Bakery superiore che riesca a giocare la sua migliore pallacanestro e tocca il vantaggio di +16 la seconda quella di una Roseto che cresce d’intensità e di precisioni con le bombe di Jackson e la qualità di Pitts che determinano l’esito finale della partita. Adesso i punti tra le due squadre sono 8, anche se Piacenza ha la consolazione del vantaggio in caso di arrivo a pari punti. Piacenza parte con Gasparin, Rombaldoni, Rossetti, Sorokas e Zizic. E’ proprio l’ex Maccabi a segnare il primo canestro ed a dimostrare di essere in partita chiudendo una transizione gestita da Rombaldoni. I primi minuti sono uno Zizic show che domina sotto le plance trovando punti e scarichi illuminanti per gli esterni. Piacenza allunga subito provando a fare la partita (6-12). Coach Trullo è costretto a chiamare time out quando Piacenza sale a + 10 (8-18), con 10 punti del dominante Zizic. Roseto esce dal time out a zona e trova la tripla di Jackson ma è un fuoco di paglia perché per ben due volte Rossetti punisce dalla media distanza e Piacenza chiude il primo quarto sul + 11. (13-24). Nel secondo quarto la squadra di Coppeta ha ancora una buona partenza con un 4-0 che porta i biancorossi sul + 15. Roseto sospinta dal pubblico trova un parziale di 5-0 che riavvicina i suoi, ma Piacenza non perde mai la testa e trova canestri da tutti e ritorna con un parziale di 6-0 sul più 16 (22-38). I biancorossi difendono e davanti riescono a dettare i ritmi di gioco e trovano facilmente la via del canestro con il trio Rombaldoni, Becirovic, Zizic che trova punti e assist. La fine del secondo quarto è la certificazione di questa superiorità con un più 16 confortante (32-48). I numeri del primo quarto sono esemplari, Piacenza domina a rimbalzo (17 contro 10) ed ha un 64% da due che dimostra precisione e presenza in area. Tre sono i biancorossi in doppia cifra, Zizic con 14 punti, Sorokas e Becirovic 11 ma è tutta la squadra a portare il proprio mattone alla causa. Si riparte con il quintetto di inizio gara, ma alla prima azione di Roseto l’arbitro sotto il canestro dopo aver fischiato un fallo in difesa cade a terra distorcendosi la caviglia. Il gioco viene fermato in attesa delle verifica delle condizioni e le squadre ritornare a fare riscaldamento. Una pausa di 5 minuti, la fasciatura alla caviglia dell’arbitro e si riparte. I primi punti li trova Pitts dalla lunetta che doppia con un canestro in entrata ma è Rossetti con una tripla a muovere i suoi. Roseto adesso c’è e Jackson accorcia portando i suoi sul meno 12 (39-51). Pitts riesce a velocizzare il gioco e Roseto è un’altra squadra. Nel momento più complicato Sorokas viene fermato con un antisportivo e Piacenza trova ossigeno con due punti ai liberi e due punti di Zizic che riportano i biancorossi sul vantaggio in doppia cifra. (45-55), ma l’intensità di Roseto è super, Zizic trova il suo terzo fallo ed è costretto a lasciare il posto ad Infante e Roseto arriva a meno 4. Infante trova due punti di grande importanza ma Jackson in lunetta riporta i suoi a meno 4 che diventano meno 2 con Moreno quando mancano due minuti. Piacenza sbaglia l’impossibile e ancora Moreno trova il canestro e il fallo che valgono il primo sorpasso (60-59). Roseto è un fiume in piena che Piacenza non riesce ad arginare. Gli abruzzesi vanno sul +6 ed alla fine il solito Sorokas riesce a trovare due punti che riavvicinano i nostri. (65-61). Il parziale di 33 a 13 dà la dimostrazione di quando la partita sia cambiata. L’ultima frazione riparte con Zizic che conquista la lunetta e accorcia sul meno 2. E Galli che trova i primi punti che valgono l’aggancio. Roseto non ci sta e trova 8 punti consecutivi che costringono Piacenza al time out. (76-68). Sani boy trova una bomba importante e Piacenza dimostra di non voler mollare e con Zizic trova il meno 3. (76-73). Mancano quattro minuti e Sani riporta i suoi a meno 2. A 3 dalla fine un dubbio fallo in attacco di Zizic lo costringe ad uscire per falli. Pitts riallunga con una tripla e Piacenza ritorna in buca. Bryan con un viaggio in lunetta porta Roseto a tre possessi di vantaggio. Ma è ancora Becirovic a caricarsi i suoi sulle spalle e con quattro punti certifica che c’è ancora partita (82-79). Rombaldoni sbaglia l’entrata e Jackson va in lunetta per chiudere la partita. Segna i due liberi ed il resto conta solo per la differenza canestri.

MOBYT – OMEGNA 81 – 72

(18-20; 38-32; 56-55)

Pallacanestro Ferrara: Huff 14 (2/5, 2/4), Bottioni 2 (0/1), Castelli 2 (1/4, 0/2), Amici 9 (2/6, 0/2), Ferri 15 (0/1, 2/5), Casadei 7 (1/1, 1/5), Benfatto 12 (5/12), Pipitone 5 (2/3), Hasbrouck 15 (6/8, 1/7), Bereziartua ne, Verrigni ne, Ghirelli ne. All. Martelossi.

Omegna: Iannuzzi 18 (7/13, 1/1), Vildera 2 (1/2, 0/1), Cappelletti (0/2 da tre), Conger 12 (4/7, 1/2), Masciadri 3 (0/2, 1/3), Gurini 5 (1/4, 1/3), Dip (0/1), Tavernelli 11 (3/5, 0/3), Smorto (0/1), Saddler 21 (4/11, 3/7). All. Magro.

ANDREA COSTA – MATERA 90 – 76

(30-19; 48-33; 71-56)

Andrea Costa Imola: Bushati 17 (4/8, 2/4), De Nicolao 10 (1/4, 1/3), Maganza 12 (5/9), Prato 6 (1/5, 1/4), Anderson 22 (4/7, 4/5), Guazzaloca, Hassan 14 (1/1, 4/8), Perry 9 (3/6, 1/1), Bartolucci ne, Preti ne. All. Dalmonte.

Matera: Cucco 3 (1/2 da tre), Greene 17 (4/8, 2/5), Fallucca 9 (3/5, 1/5), Baldasso 8 (1/1, 2/4), Bonessio 11 (5/11), Caroldi 6 (2/6, 0/1), Tagliabue 8 (3/4, 0/1), Migliori 14 (2/6, 3/8), Sacco ne, Loperfido ne. All. Di Lorenzo.

CLASSIFICA
De’ Longhi Treviso 28; Acmar Ravenna, Remer Treviglio 26; Orsi Tortona, Mobyt Ferrara 24; Viola Reggio Calabria, Basket Recanati 22; Proger Chieti, Andrea Costa Imola 20; Paffoni Omegna, Europromotion Legnano 18; Givova Scafati, Industrialesud Roseto, Benacquista Latina 16; Bawer Matera 14; Bakery Piacenza 8.

SERIE B

FRANCO ROBERT TRIESTE – ORVA LUGO 52 – 66

(10-17, 26-34, 38-50)

Jadran Trieste: Ban 8, Franco 3, Malalan 5, D. Batich 2, M. Batich 6, Ridolfi 2, De Petris 16, Moruzzi, Diviach 10, Zobec. All. Vatovec.

Lugo: Montanari 6, Ruini 19, Pederzini 8, Farioli 9, Chiappelli 10, Bertocco, Zanoni, Villani 14, Legnani. All. Galetti.

GSA UDINE – RIMADESIO DESIO 63 – 49

CO.MARK BERGAMO – TFL ARZIGNANO 83 – 75

URANIA MILANO – CONTADI CASTALDI MONTICHIARI 71 – 66

FRIULADRIA PORDENONE – BASKET LECCO 82 – 69

PALL. COSTA VOLPINO – EROGASMET CREMA 67 – 86

ETERNEDILE – TRAMEC 80 – 59

(23-15; 47-31; 67-47)

Fortitudo: Candi, Valentini 7, Lamma, Grilli 7, Iannilli 16, Samoggia 18, Montano 14, Mancin, Raucci 9, Carraretto 9. All. Vandoni.

Benedetto Cento: Stupazzoni ne, Vitali 4, Ikangi 4, Bianchi 26, Di Trani 4, Quarisa 3, Demartini 13, Carretti 5, Cutolo, Cavazzoli ne. All. Albanesi.

CLASSIFICA
Tramec Cento, Gsa Udine 30; Eternedile Bologna 26; Contadi Castaldi Montichiari, Urania Milano, Co.Mark Bergamo 24; GaGà Milano OrziBasket, Pienne Basket 22; Basket Lecco 18; Orva Lugo 16; Vivigas Costa Volpino, Erogasmet Crema 14; Rimadesio Desio 10; TFL Garcia Moreno Arzignano 4; Jadran Franco Trieste 2.

SERIE C

TIGERS BASKET 2014 – ALBERTI E SANTI 71 – 63

(16-12; 44-29; 60-49)

Tigers Forlì: Tugnoli 23, De Pascale 7, Ravaioli 20, Villa, Donati 8, Valgimigli E. ne, Poggi ne, Valgimigli F., Iattoni 13, Martignago. All. Conti.

Fiorenzuola: Moscatelli 11, Roma 2, Verri 20, Avanzini Fa. 5, Castagnaro 20, Garofalo ne, Sichel, Avanzini Fi. 5, Vecchio M., Vecchio P. All. Brotto.

ASSET BANCA  – CLIMART ZETA 59 – 77

(12-17; 25-41; 48-56)

San Marino: Macina 3, Gamberini 2, Saccani, Agostini 16, Cardinali 5, Mazzotti 3, Benzi 9, Gaggia 14, Calegari 2, Crescentini 5. All. Del Bianco.

Castenaso: Barbieri M. 2, Chiusolo 19, Venturoli 12, Serpieri ne, Masini 5, Rizzatti, Barbieri A. 14, Galvan 4, Trombetti 21, Stanghellini ne. All. Castelli.

Nell’anticipo, l’Asset Banca si presenta al Multieventi con Saccani, a sorpresa, nuovamente a referto (ma giocherà solo un breve spezzone tra i primi due quarti); Castenaso, però, grazie a Trombetti (10 nel solo primo quarto) parte meglio e, con la tripla di Chiusolo, sale 15-8 dopo 7’30”. Cinque di fila di Venturoli per il 28-14 Castenaso in avvio di secondo parziale, vantaggio arrotondato fino al 37-18 del 18′ propiziato da una tripla di Masini. Più 16 Castenaso alla sirena di metà gara, con Trombetti a quota 12 ed Agostini a 10 in 9′ con 4/6 dal campo. Un buon forcing dimezza il divario (48-56 alla terza sirena, con 9 di Gaggia nel quarto); le rinate speranze di portarla allo sprint si infrangono, però, con i cinque possessi consecutivi biancazzurri che, nel cuore del parziale finale, tra perse e conclusioni errate, riportano nelle tasche dei bolognesi (che nel frattempo invece la mettono dentro) il vantaggio decisivo (70-52).

SANTARCANGELO – SALUS 77 – 73

(24-19; 44-37; 58-54)

Santarcangelo: Lucchi 7, Bianchi 10, Pesaresi 18, Fusco, Tonini ne, Arlotti ne, Moretti 9, Bedetti 16, Rinaldi 11, Saponi 6. All. Tassinari.

Salus: Bonetti 3, Venturi 5, Nucci 5, Zuccheri 8, Percan 24, Granata ne, Pellacani, Savio, Saccà 11, Albertini 17. All. Giuliani.

REBASKET – SCIREA 55 – 59

(6-26; 26-34; 39-44)

Rubiera: Maioli 7, Lasagni 9, Biello 12, Magliani ne, Mazza ne, Pini 12, Morgotti 2, Negri 13, Pellegrini, Giudici. All. Piatti.

Gaetano Scirea Bertinoro: Solfrizzi En. 16, Poluzzi 22, Cristofani ne, Ruscelli 2, Merenda 5, Marisi 4, Fantuzzi ne, Ricci 5, Godoli 3, Solfrizzi Em. 2. All. Serra.

CASTELFRANCO – NPC 86 – 90

(22-20; 41-36; 61-56)

Castelfranco Emilia: Romagnoli ne, Tomesani 14, Coslovi 14, Zucchini 12, Bastoni 17, Tedeschi 2, Del Papa 18, Marzo ne, Righi 9. All. Boni.

VSV Imola: Pieri 8, Grillini 4, Corcelli 13, Massari 19, Porcellini 19, Dall’Osso ne, Morara 15, Di Placido, Guglielmo 10, Francesconi 2. All. Alfieri.

Partita tutto cuore dei ragazzi biancoverdi, in totale emergenza per l’assenza contemporanea del lungodecente Parma Benfenati e la febbre last minute di Tedeschini. Nel primo quarto gli esterni castelfranchesi fanno girare la testa a Imola ma soffrono fisiologicamente la mole di Massari e la generale maggior fisicità giallo nera a rimbalzo offensivo. Si va dunque alla pausa con i modenesi avanti di cinque lunghezze sul 41-36. Al rientro dagli spogliatoi bellissimo break dei ragazzi di Boni che mettono a referto un 12-0 che li fa volare al +17 prima di subire un micidiale contro break che riporta Imola subito a -10 per la gioia dei caldissimi ultras bolognesi. Succede un po’ di tutto negli ultimi 5’ del quarto, Porcellini sale in cattedra (11 nel periodo) e riporta Imola vicinissima, complici due tecnici “naif” sanzionati dalla rivedibile coppia arbitrale. Il cuore di capitan Del Papa tiene avanti Castelfranco, ma la maggior freschezza imolese produce un 8-0 per il 66-69 a 6’30” dal termine. Imola ha ormai preso fiducia, Zucchini e Coslovi provano a reggere l’urto e tenere a contatto i biancoverdi, in evidente debito d’ossigeno. Bastoni mette la tripla dell’82-81 a 35” dal gong, dopo il quinto fallo di Porcellini, Corcelli (ottimo nella frazione conclusiva, dopo aver litigato col canestro) replica da 3 1 dieci secondi più tardi. Sulla rimessa, dopo il timeout, arriva la palla persa che decide l’incontro, la giostra dei tiri liberi tiene avanti gli ospiti che vincono 86-90.

RAGGISOLARIS – BMR 68 – 60

(22-14; 41-35; 47-45)

Faenza: Dalpozzo 2, Dal Fiume 12, Boero 7, Castellari, Silimbani 18, Benedetti 5, Zambrini 13, Troni, Zytharyuk 11, Sangiorgi. All. Regazzi.

Basket 2000 Scandiano: Astolfi 4, Ferrari ne, Brogio 2, Spaggiari A. 2, Bertolini 20, Pedrazzi, Levinskis ne, Gruosso 7, Germani 13. All. Spaggiari L.

Dodici vittorie consecutive e un’imbattibilità che dura da novembre. I Raggisolaris allungano la loro incredibile striscia vincente superando davanti al pubblico amico il Basket 2000 Reggio Emilia e ottenendo un altro successo al PalaCattani, fortino ancora inviolato. Faenza vince grazie al carattere e alla solita difesa, fondamentale alla fine del terzo periodo quando per oltre otto minuti non arrivano punti. Nel primo quarto è Zytharyuk il grande protagonista con 10 punti messi a referto (arricchiti da due triple) che permettono ai Raggisolaris di arrivare al primo riposo avanti 22-14 dopo aver sofferto ad inizio gara la grande pressione del Basket 2000. Pur non brillando Faenza riesce ad allungare ad inizio del secondo periodo sul 29-20 con una tripla di Silimbani, ma basta un piccolo calo di concentrazione per far rientrare in partita Reggio Emilia. Bartoccetti prende per mano i suoi e guida il break di 11-2 che regala agli ospiti il 31-32 a ridosso dell’intervallo. Ci deve allora pensare Silimbani con un canestro a fil di sirena a portare Faenza sul 41-35 al 20’. Il secondo tempo inizia con quattro punti consecutivi di Boero per il 45-35 poi i Raggisolaris vanno in confusione e subiscono un parziale di 10-0 non segnando per oltre otto minuti. La difesa però limita i danni ed infatti quando Dal Fiume a 43’’ dalla fine del periodo rompe il digiuno con due liberi, Faenza è nuovamente in vantaggio (47-45). La lotta continua punto a punto anche negli ultimi dieci minuti, con i manfredi che non perdono, però, mai l’inerzia del gioco grazie anche alla superiorità a rimbalzo. A far saltare il banco è Benedetti con cinque punti consecutivi che valgono il 58-49 al 36’, allungo suggellato poi da un tripla di Zambrini per il 63-56 al 38’. I Raggisolaris possono così festeggiare la quindicesima vittoria in diciassette partite e una vetta sempre più salda.

MISTER AUTO – NUTI 77 – 69

(14-20; 33-30; 55-52)

Ghepard: Riguzzi 21, Verdi ne, Nieri 15, Beccaletto 7, Tullio, Beccari 11, Aldieri ne, Botteghi 2, Ghedini 12, Martelli 9. All. Rossi.

BSL S.Lazzaro: Lolli 7, Sabattani 8, Pulvirenti 13, Fabbri, Fin 23, Curione ne, Bianchi 8, Paladini, Chiapparini, Saccardin 10. All. Rocca.

CLASSIFICA

RAGGISOLARIS FAENZA 30 17 15 2 1176 962 +214
SANTARCANGELO 24 17 12 5 1268 1149 +119
VSV IMOLA 22 17 11 6 1252 1154 +98
TIGERS FORLI’ 22 17 11 6 1269 1210 +59
CASTELFRANCO EMILIA 20 17 10 7 1306 1245 +61
BASKET 2000 SCANDIANO 20 17 10 7 1204 1187 +17
CASTENASO 18 17 9 8 1268 1214 +54
GHEPARD BOLOGNA 18 17 9 8 1191 1237 -46
G. SCIREA BERTINORO 16 17 8 9 1034 1050 -16
FIORE FIORENZUOLA 12 17 6 11 1088 1154 -66
BSL SAN LAZZARO 12 17 6 11 1062 1183 -121
SAN MARINO 12 17 6 11 1123 1250 -127
SALUS BOLOGNA 8 17 4 13 1133 1251 -118
REBASKET RUBIERA 4 17 2 15 1099 1227 -128

Magika in volata, Libertas sconfitta a Ferrara. I risultati della Femminile

Iniziano le secondi fasi nei campionati femminili di A2 e B. Le tre formazioni della nostra regione che partecipano al secondo torneo nazionale si sono tutte qualificate per la poule promozione e, addirittura, è in programma il derby a Ferrara tra Bonfiglioli e Libertas; impegno laziale, invece, per la Magika contro Santa Marinella. In serie B scatteranno play off e play out con gironi all’italiana e classifica che partirà non da zero, ma dagli scontri diretta della fase regolare.

SERIE A2 1° giornata
GIRONE D

ALMORE GENOVA – PIRAMIS TORINO 49 – 56

SANTA MARINELLA – ALFAGOMMA 47 – 49

(13-16; 24-30; 35-35)

Santa Marinella: Vicomandi 6, Del Vecchio 4, Russo 7, Veinberga 10, Gelfusa 11, Scibelli 9, Biscarini, Giorgi, Mancinelli, Boccalato, Rogani, Fantozzi. All. Precetti.

Magika Castel San Pietro: Vespignani 6, Ballardini 6, Matic 15, Brunetti 2, Santucci Mariella 13, Panella 7, Turroni, Santucci Martina, Franceschelli, Schieppati, Vitari, Pazzaglia. All. Seletti.

TEC-MAR CREMA – VELCO VICENZA 59 – 56

CLASSIFICA

Magika Castel San Pietro, Torino, Crema 2; Genova, Vicenza, Santa Marinella 0.

GIRONE E

MCS HYDRAULICS ARIANO IRPINO – ECODENT VILLAFRANCA 73 – 81

PFF GROUP – MECCANICA NOVA 59 – 53

(17-13; 34-26; 43-37)

Libertas Bologna: Landi 4 (2/2, 1/3, 0/1), Zampiga ne, D’Alie 6 (3/9, 0/1), Silva 11 (0/2, 4/8, 1/1), Cigliani 13 (4/4, 3/5, 1/5), Andrè 2 (1/2), Santarelli 5 (1/3, 1/6), Cordola 8 (3/4, 1/2, 1/3), Vian 4 (2/7), Patera ne, Poletti ne. All. Lolli.

Bonfiglioli Ferrara: Nori 3 (1/3, 1/6), Rosier 1 (1/2, 0/2, 0/2), D’Aloja ne, Pocaterra ne, Rulli 6 (3/7, 0/1), Aleotti 7 (1/2, 2/4), Rosset 19 (2/4, 7/10, 1/2), Miccio 12 (0/1, 3/8, 2/6), Missanelli 2 (1/2), Barlati ne, Bertaccini, Mini 9 (5/5, 2/4). All. Iurlaro.

GEAS SESTO SAN GIOVANNI – PALL. FEMM. BRONI 93 79 – 60

CLASSIFICA

Bonfiglioli Ferrara, Geas S.S.G., Villafranca 2; Libertas Bologna, Ariano Irpino, Broni 0.

SERIE B 1° giornata

PLAY OFF

ACETUM – BSL 49 – 59

(11-16, 25-27, 38-47)

Cavezzo: Righini ne, Brevini 2, Bellodi, Biagiola, Valenti 15, Marchetti 14, Balboni, Melloni, Finetti, Tardiani 4, Calzolari 14. All. Bregoli

San Lazzaro: Coraducci A. Coraducci C. 13, Peli, Talarico 6, Gilioli 7, Gelati 5, Giacometti 18, Giubilei 8, Bacchi 2, Alboni. All. Dalè.

VAL D’ARDA – BEACH PARK 50 – 61

(9-13; 28-24; 41-43)

Faenza: Bandini 28, Cataldo, Morsiani L. 19. Zalambani, Lolli Ceroni 10, Barzagli, Caccoli 2, Bergami ne, Bennoli ne, Samorè ne. All. Bassi.

Le faentine sbancano il campo del Basket Club Val d’Arda grazie alla solita prestazione tutta grinta e carattere del gruppo, trascinate da una immarcabile Elena Bandini, autrice di 28 punti e ottima in cabina di regia. Partita molto equilibrata come era nelle previsioni, con le squadre che lottano punto a punto per i primi trenta minuti. Nell’ultimo quarto però il Beach Park stringe le maglie difensive concedendo soltanto nove punti e inizia a segnare con grande regolarità, scavando in pochi minuti un parziale che risulterà decisivo. Da segnalare il ritorno tra le faentine di Silvia Barzagli e di Ania Bergami.

CLASSIFICA
Beach Park Faenza 10; Cavezzo 8; Val d’Arda Fiorenzuola 6; BSL San Lazzaro 4.

PLAY OUT
VIS BASKET CERVIA – MAGIK ROSA 52 – 63

(14-21; 27-35; 41-49)

CerviaCesenatico: Pantani 8, Belli S., Belli E., Rossi 11, Giordani, Mordenti, Nanni 8, Bonaldo 5, Currà 6, Zavalloni 12, Garaffoni 2, Zoffoli. All. Montanari.

Parma: Luppi 4, Corsini 18, Tringale 12, Gennari ne, Molinari, Gibertini 7, Bertolotti 4, Oieni 6, Vaccari 2, Costi 8, Pavarani 2, Zoni ne. All. Lopez.

POL. DIL. LAME – BK CLUB VALTARESE 2000 61 – 49

CLASSIFICA
Valtarese, Magik Rosa Parma 8; Vis Cervia, Lame Bologna 6.

C.S. – La Holding Basket Club Faenza organizza il “Basket Day”

Sarà una domenica indimenticabile quella dell’8 febbraio 2015 con ben 13 ore dedicate alla pallacanestro. Al PalaCattani di Faenza andrà in scena il “Basket Day” evento che coinvolgerà giocatori e appassionati di ogni età, che dalle 9 alle 22 animeranno il palasport faentino, coinvolgendo più di 1500 bambini e tifosi di tutta la provincia di Ravenna.

Si parte con il “Join the game”, tappa provinciale del torneo 3vs3 riservato agli atleti nati nel 2001e nel 2002, che vedrà impegnati oltre 400 bambini di squadre del ravennate.

Nel primo pomeriggio, dalle 14 alle 16.30, sarà poi la volta del “Carnevale del basket”, gara di 3vs3 riservata alla categoria “Aquilotti” (nati nel 2004 e 2005) con formazioni provinciali e faentine. La particolarità di questa gara è che i partecipanti giocheranno indossando una maschera, in modo da festeggiare in maniera insolita il Carnevale.

Alle 18 toccherà poi ai Raggisolaris Faenza, formazione di punta della pallacanestro maschile manfreda e capolista del girone D di serie C Nazionale, che ospiteranno la Ghepard Bologna.

Il “Basket Day” si chiuderà con il “3vs3 in maschera”, in programma dalle 20 alle 22, riservato ad atleti maschi e femmine di ogni età, con molti volti noti della pallacanestro faentina che si cimenteranno in questa divertente gara.

Cavriago respinge l’assalto della LG. I risultati di C Regionale e serie D

Nella corsa per il secondo posto in C Regionale sarà interessante capire se Cavriago superare l’ostico ostacolo LG Competition, mentre in D sono da seguire Piacenza-Pallavicini e, soprattutto, Olimpia-Guelfo col terzo incomodo, Altedo, che deve stare attento ad un Basket Village che l’ha già sconfitto, quest’anno, ben due volte (campionato e Marchetti).

C REGIONALE

ME CART – BANCO EMILIANO 83 – 71

(31-15; 43-40; 57-53)

SB Cavriago: Cervi 29, D’Amore 22, Pezzi 12, Ligabue 11, Codeluppi 4, Fantini 3, Leonardi 2, Fontanesi, Caleffi ne, Pellicciari ne, Baroni ne. All. Degli Incerti Tocci.

LG Castelnovo Monti: Paulig 19, Vanni 18, Mallon 12, Fanelli 11, Siani 6, Ovi 2, Generali 2, Guarino 1, Filippi ne. All. Djukic.

SPAL – DILPLAST 64 – 83

(12-20; 33-43; 46-54)

Correggio: Lusvarghi, Lavacchielli, Fassinou 2, Stefanini 29, Magnani 10, Galeotti, Amici 4, Giani, Riccò, Rovatti 10, Villani 4, Casu. All. Paladini.

Montecchio: Grisendi 10, Guardasoni 5, Maggi 6, Basso 5, Lombardi 14, Giglioli 2, Ongarini 13, Colla 3, Ferrari 25, Marchini. All. Cavalieri.

Spinta da un superlativo Gian Nicola Ferrari, un ottimo Montecchio domina il derby contro i giovani correggesi. Già nel primo quarto la Dilplast guadagna una decina di punti di vantaggio che gestirà praticamente per tutto l’incontro. La Spal arriva più volte al -5, anche con il possesso di palla, ma non riesce mai a trovare lo spunto per impattare il risultato. Fra i gialloneri il solo ottimo Stefanini (21 punti all’intervallo), prova a contrastare la superiorità di Ongarini e compagni. Veramente notevole anche la prova dell’ala di Reggiolo, anche lui ex di turno assieme a Ferrari e Guardasoni.

DESPAR – BOLOGNA BASKET 2011  92 – 75

(29-23; 57-40; 72-51)

4 Torri Ferrara: Burresi 13, Bertocco 5, Fenati 2, Brandani 15, Parmeggiani 6, Lugli 8, Martini ne, Pasquini 22, Magni, Agusto 21, Ardizzoni. All. Cavicchioli.

Bologna Basket 2011: Gargioni 3, Chiarini A. 14, Tolomelli, Chiarini S. 11, Guerri 4, Tugnoli 6, Terenzi ne, Lippa, Ballardini 19, Bianchini 11, Diop, Ayiku 7. All. Duo.

GRANAROLO BK – NEW FLYING BALLS 78 – 82

(25-22; 42-44; 56-64)

Granarolo Basket: Spettoli ne, Paoloni 7, Tugnoli 10, Calanchi 2, Marchi 13, Bonetti 9, Fava ne, Bertuzzi, Millina 11, Ferri 11, Busi 15, Torriglia. All. Trevisan.

Ozzano: Pasquali 6, Verardi 10, Mini 11, Rossi 16, Savic ne, Caprara, Regazzi, Teglia ne, Guazzaloca 7, Martelli ne, Rambelli 15, Gianasi 17. All. Grandi.

I Flying calano il pokerissimo. Espugnando Granarolo per 82 a 78, infatti, ottengono il quinto successo consecutivo, salgono a quota 26 punti in classifica e si mantengono appaiati al secondo posto con Cavriago, staccando di quattro lunghezze le principali inseguitrici. Che la partita a Granarolo sarebbe stata ostica lo si sapeva e già da inizio match se ne ha la conferma. Dopo un primo quarto equilibrato (25-22), ad inizio seconda frazione i padroni di casa trovano la prima fuga della serata, approfittando dei canestri di Paoloni, Tugnoli  e Bonetti, e dei numerosi errori degli ospiti che per quasi quattri minuti non trovano la retina. Con un parziale di 12 a 0 si portano al 14’ sul +12 (34-22), coach Grandi è obbligato al time-out, Ozzano si sveglia e i canestri di Gianasi, le bombe di Mini e Rambelli riportano i Flying avanti alla seconda sirena (42-44). Nel terzo periodo, dopo 5’ di sostanziale equilibrio (54-52), Ozzano cerca l’allungo approfittando di un fallo tecnico fischiato a Ferri e ai canestri di Rossi e Verardi; con un parziale di 2-12 Ozzano vola sul +8 (56-64) all’ultimo mini-break. Nell’ultimo quarto i Flying mostrano ancora una volta il loro punto debole: non saper chiudere le partite. Con sei minuti da giocare Ozzano si trova avanti di dodici lunghezze (62-74). Un vantaggio quasi rassicurante, ma non troppo, visto che i Flying cominciano a pasticciare, mentre fra i padroni di casa entrano finalmente in partita i due bomber (Marchi e Busi); in meno di 150”, un parziale di 13 a 2 riporta Granarolo fino al -1, sul 75-76, con poco più di due minuti da giocare. Ozzano ritrova la via del canestro con Rossi, dall’altra parte Granarolo fallisce in due occasioni la tripla della possibile parità e Marchi sbaglia qualche libero di troppo. Verardi dalla lunetta, a pochi secondi dalla fine, fa 1/2, quanto basta per avere due possessi di vantaggio e per assicurarsi il match.

NOVELLARA – G. SAFFI 80 – 56

(25-14; 42-30; 59-42)

Pallacanestro Novellara: Ferrari ne, Margini 8, Bartoli 2, Folloni 12, Rinaldi, Mariani Cerati 7, Baracchi M., Verbitchi, Carpi 9, Ciavolella 27, Colla 15. All. Ligabue.

Giorgina Saffi Forlì: Frigoli 4, Marchiodi, Conocchiari 20, Ravaioli 16, Piazza 4, Rava 3, Serrani, Emiliani 5, Agatensi 4. All. Agnoletti.

ARBOR – FOR 95 – 102 d2ts

(20-25; 45-40; 60-55; 79-79; 89-89)

Arbor Reggio: Alfano 6, Braglia 7, Bytyqi 22, Franzoni 2, Iori 20, Maioli, Maione 26, Margini, Simonazzi, Visini. All. Baroni.

Pontevecchio: Bergami 20, Cruzat, Di Rauso 9, Falzetti 12, Franchini 7, Galeotti 5, Girotti 5, Mantovani 4, Riguzzi, Santini, Tinti 37, Torresani 3, all. Savini

Vince la sua prima gara la Pontevecchio dei giovani che espugna il parquet di Reggio Emilia, casa Arbor, e si toglie dalle spalle una scimmia che stava diventando pesantissima. Vince dopo due supplementari, 50’ che hanno premiato la freschezza atletica dei ragazzi di coach Savini in un lungo sprint finale che non sembrava finire mai. Nei regolamentari era stato Bergami, con una tripla a -6”, a portare il match all’overtime, mentre nel primo supplementare i bolognesi erano stati raggiunti proprio nei secondi finali. Il secondo supplementare, quello decisivo, ha visto una sola squadra in campo: la Pontevecchio. La squadra di casa era sulle ginocchia. Sotto di sette lunghezze fin dalle prime battute, trafitta da un Tinti fuori dalle righe. I reggiani sono bravi a replicare con quattro tiri liberi consecutivi, frutto esclusivamente di forza di volontà. Ma la Pontevecchio ne ha di più, molto di più e chiude largo: +7 per il 102-95 che manda a casa tutti.

VIRTUS MEDICINA – TECNOSISTEM 76 – 58

(13-13; 34-30; 49-48)

Medicina: Persiani 12, Rossi, Govi F. 8, Govi G. 20, Sighinolfi 5, Biguzzi 16, Lorenzini, Astorri 4, Barba 2, Canova 2, Seracchioli 7. All. Curti.

Stars: Maldarelli, Menarini 16, Skocaj 3, Testoni, Landuzzi 5, Flori, Marino, Morando 7, Tazzara 10, Maestripieri 3, Parenti 14. All. Cantelli.

BUDRIO – CVD 91 – 68

(18-11; 43-31; 63-49)

Budrio: Fimiani 6, Piazzi ne, Casagrande 18, Nanni 8, Manini 20, Lazzari 2, Frazzoni ne, Quaiotto 15, Innocenti 16, Quarantotto 4, Bargiotti 2. All. Cinti.

Cvd Casalecchio: Cuozzo, Lanzi 9, Mazzoli 4, Marzioni 11, Fuzzi 6, Gamberini 12, Taddei 2, Cempini 11, Maggio, Truzzi 6, Garagnani 5, Masetti 2. All. Loperfido.

CLASSIFICA

4 TORRI FERRARA 30 16 15 1 1301 1028 +273
S.B. CAVRIAGO 26 17 13 4 1256 1066 +190
FLYING BALLS OZZANO 26 17 13 4 1288 1235 +53
L.G. COMPETITION CAST. M. 22 17 11 6 1277 1174 +103
VIRTUS MEDICINA 22 17 11 6 1227 1145 +82
BUDRIO 22 17 11 6 1162 1081 +81
ARENA MONTECCHIO 20 17 10 7 1210 1122 +88
G. SAFFI FORLI’ 18 17 9 8 1145 1179 -34
NOVELLARA 18 17 9 8 1153 1188 -35
CORREGGIO 14 17 7 10 1268 1307 -39
BOLOGNA BASKET 2011 14 17 7 10 1119 1220 -101
GRANAROLO BASKET 12 17 6 11 1157 1194 -37
STARS BOLOGNA 10 16 5 11 998 1107 -109
ARBOR REGGIO 8 17 4 13 1175 1284 -109
CVD CASALECCHIO 6 17 3 14 1058 1241 -183
PONTEVECCHIO BOLOGNA 2 17 1 16 1056 1279 -223

 

SERIE D

GIRONE A

PSA – SAN MAMOLO 65 – 47

(19-11; 29-32; 44-36)

PSA Modena: Macchelli, Biscaro 2, Petrella 4, Bertoni 21, Mezzetti, Santonastaso 8, Di Talia 2, Konadu 10, Frilli 17, D’Imprima 1. All. Lunghini.

San Mamolo Bologna: Cavazza, Gabrieli 5, Margelli, Quadri 2, Paracchini 2, Martelli 8, Lamborghini 4, Quadri 9, Demetri 13, Candelaresi, Bruzzecchese 2, Rizzi 2. All. Munzio.

Vince e convince la PSA contro i bolognesi del San Mamolo, una bella vittoria con 18 punti di scarto e quindi ampiamente ribaltato il doppio confronto, visto che all’andata vinsero i bolognesi di 7. Ottima partenza della PSA, che va avanti sin dall’inizio e mette sotto con decisione il San Mamolo, 19 a 11 nei primi 10’. Un clamoroso passaggio a vuoto nel secondo quarto e la PSA resta 6’ senza segnare, il San Mamolo, con un parziale di 16 a 0, sorpassa e vola sul +8. Sembrano materializzarsi i vecchi incubi per Modena che invece si scuote con Frilli, canestro e fallo per i primi 3 punti del quarto e finalmente ricomincia a giocare con decisione e rimette sotto San Mamolo, trascinata da Nicolò Bertoni, MVP della serata con 21 punti e quattro bombe. L’ultimo quarto parte con Modena avanti di otto lunghezze; coach Lunghini ha un contributo un po’ da tutti e per i bolognesi non c’è più nulla da fare, la PSA allunga con decisione e l’ultimo canestro di Bertoni fissa il punteggio sul 65 a 47.

EAGLES – MAGIK 56 – 70

(14-13, 30-34, 44-55)

Luzzara: Ploia, Pasini 3, Costantino, Gelosini 2, Sereni 6, Neviani 13, Neri 12, Petrolini 14, Freddi 2, Corradini 4. All. Beltrami.

Magik Parma: Bazzoni 11, Donadei 11, Malinverni N., Montagna, Malinverni L. 4, Caravita 7, Diemmi 14, Olagundoye 8, Guidi 8, Fava 7. All. Lopez.

Ad un inizio balbettante (2-8 al 6′), coach Beltrami rischia Gelosini in campo che ripaga guidando un parziale di 16-7, a cavallo di prima e seconda frazione, che porta al +3 (18-15 al 13′). Ma Diemmi implacabile dalla lunga impatta (18-18). Gli Aquilotti provano a cambiare tra difese a zona ed individuali, ma i ducali approfittano delle palle perse Eagles: a turno Malinverni, Caravita, Bazzoni non fanno prigionieri (23-30 al 18′). Petrolini risponde da oltre l’arco per il -4 del riposo (30-34) ed il baby Pasini, ancora dalla lunga, dà il -1 dopo quattro giri di lancette del terzo quarto (35-36 al 24′). E’ il canto del cigno: Diemmi, Donadei ed Olagundoye guidano un 12-0 nei successivi 180″ (35-48 al 27′). Gli Aquilotti non si riprendono più; Parma è in completo controllo del match ed ogni sforzo profuso dai reggiani (ben sette gli assenti) è vano.

SAMPOLESE – COLLEGE FULGOR 45 – 55

(11-9; 20-12; 27-30)

San Polo d’Enza: Benevelli ne, Monti 5, Minardi 15, Davoli, Margini 12, Nicolini ne, Tognoni 2, Tondo 4, Maggiali 2, Bizzocchi, Servidei 2, Pezzi 3. All. Immovilli.

Fidenza: Rigoni 2, D’Esposito ne, Orsi, Rubini ne, Jacomino 22, Ceci 13, Zerbini 11, Gelmini 3, Imeri 4, Longhi. All. Fiesolani.

Esce sconfitta sul proprio terreno di gioco la Sampolese che, sopratutto nel primo tempo,  dimostra una notevole intensità difensiva, ma è condannata, ancora una volta, dalla propria scarsa efficacia in fase di attacco e dalle pessime percentuali al tiro con le quali i propri giocatori hanno concluso la gara. Chiave della partita l’uscita dal campo, dopo il secondo fallo antisportivo (entrambi contestatissimi), di Tondo a 8′ dal termine che taglia letteralmente le gambe ai biancorossi di casa.

BAOU TRIBE – TECNOFONDI 61 – 62

(13-16; 33-29; 50-40)

BT San Lazzaro: Gruppi 18, Marinelli 13, Fornasari, Bernardi 5, Woldetensae 3, Pirazzoli 2, Mellara 5, Masrè 10, Paladini 3, Campagna ne, Lodi 2. All. Comastri.

Nazareno Carpi: Sbisà 5, Compagnoni 9, Goldoni 3, Doddi 17, Pravettoni 12, Antonicelli ne, Cavallotti, Salami 11, Saetti, Menon 5. All. Testi.

Sorpresa alla palestra “Rodriguez” con i Baou Tribe che hanno dovuto cedere i due punti alla Nazareno. Difficile capire dove finiscono i meriti di Carpi ed iniziano i demeriti dei sanlazzaresi che hanno pagato l’assenza del pivottone Capobianco e di coach Lelli (influenzato). La cronaca: dopo una prima frazione in altalena, con minimi vantaggi da una parte e dall’altra, gli ospiti salivano a +8 (15-23) grazie a Pravettoni e ad una tripla del play Sbisà. Era Gruppi, però, a firmare da solo il controparziale di 8 a 0. Nella ripresa una bomba di Woldetensae regalava il +7 (38-31) ai biancoverdi, poi si metteva in luce il ’97 Masrè per il 48-37. Carpi sembrava non riuscire a recuperare, ma i Baou Tribe faticavano a trovare la via del canestro e così, pian piano, gli ospiti si riportavano sotto e mettevano la freccia con due missili dell’Mvp Doddi (57-58). Marinelli firmava l’ultimo vantaggio sanlazzarese, perché poi Pravettoni segnava un tap in decisivo. Sul 60-60, canestro da fuori del sempiterno Compagnoni e, poi, dopo l’1/2 di Gruppi, c’era la palla persa, sulla rimessa a metà campo, della Tecnofondi. Ultimo possesso per i “surfisti”: 1vs1 di Gruppi che trovava libero, dai quattro metri Paladini, che, però, non castigava; rimbalzo Nazareno e sirena finale che premiava la giovane squadra do coach Testi.

RADIOCOOP.IT – PALLAVICINI 68 – 53

(23-12; 45-23; 57-37)

Piacenza Basket Club: Massari 14, De Lillo 3, Scarionati 10, Villa 8, Antozzi 13, Betti 13, Sela 7, Zanangeli, Cabrini, Pirolo M. All. Mambretti.

Antal Pallavicini Bologna: Tosiani 5, Ferraro 7, Dawson 10, Bastia 3, Minghetti 8, Nanni M. 12, Giunchedi 4, Cenesi 4, Nanni G., Bertarelli. All. Morra.

Vittoria convincente per la Radiocoop.it sulla Pallavicini grazie ad una brillante partita condotta sempre dal primo all’ultimo minuto che vale il consolidamento del secondo posto in classifica, ora in solitaria dietro la capolista Anzola. Il Piacenza Basket Club parte forte imponendo un ritmo molto alto alla gara grazie anche ad una asfissiante difesa che toglie tutti i punti di riferimento in attacco alla squadra avversaria. Sono Massari e Antozzi a dare il primo scossone alla partita ben coadiuvati da Villa sotto le plance per il 17-7 del 7′. Il secondo quarto inizia con 5 punti consecutivi di un ottimo Scarionati, ma è ancora Antozzi con un tripla a siglare il consistente allungo sul 33-17 del 13′. Coach Morra ha già speso entrambi i time out a disposizione, ma l’inerzia della partita non cambia. L’ingresso in campo di uno scatenato Betti vale il 43-21 del 18′ attivando i primi cori del pubblico piacentino. Si riprende dopo l’intervallo con un canestro di Antozzi che vale sì il +24, ma che apre un buon momento dei bolognesi che, in tre minuti, confezionano un parziale di 10-0 guidati da Matteo Nanni che li riporta sul 47-33 del 24′. Ci pensa ancora Betti a risvegliare i suoi compagni che riprendono subito un rassicurante vantaggio sui venti punti di margine. L’ultima frazione inizia con una difesa a zona aggressiva degli ospiti che sorprende i piacentini. Il punteggio si porta sul 57-46 al 35′, ma a questo punto ci pensa Massari, con una tripla, per la Radiocoop.it a riportare la tranquillità e, come un vero direttore d’orchestra, guida i suoi compagni con un controparziale di 8-0 che di fatto chiude definitivamente la partita.

FIORANO – ANZOLA 43 – 65

(6-18; 21-29; 35-40)

Fiorano: Pivetti 4, Cracco 4, Zogaj, Roncaglia 8, Ruggeri 5, Galloni 8, Lanzellotto, Marescotti 4, Lucchi 8, Melegari 2. All. Casoli.

Anzola: Poluzzi F. 4, Venturi D., Venturi N. 3, Pappalardo 13, Boldini 16, Lambertini 2, Franchini, Kalfus 2, Brancaccio, Mazza 21, Poluzzi L., Zanata 4. All. Sacchetti.

VOLTONE – ATLETICO 63 – 62

(17-21; 34-33; 42-43)

Voltone Zola: Galassi 2, Luppi 7, Ghiacci 13, Giacometti A. 5, Tubertini 7, Lombardo, Giacometti J. 17, Maresi 11, Garau, Polo, Varotto 1. All. Amanti.

Atletico Borgo: Nanni 4, Gherardi 6, Proto 2, Grassi 4, De Simone 2, Sant 3, Artese 13, Turchetti 7, Rossi 10, De Fazio 4, Poluzzi 4, Pedroni 3. All. Pietrantonio.

VIS BASKET PERSICETO – BASKET SALSO 54 – 52

(19-6; 29-23; 41-38)

San Giovanni in Persiceto: Scagliarini 3, Chiusoli ne, Morisi 10, Parmeggiani 2, Almeoni 17, Missoni 5, Genovese 5 Gravinese ne, Ramini 10, Ferrari ne, Pederzini 2. All. Rusticelli.

Salsomaggiore: Talassi 5, Porcari 2, Aimi 2, Maccini M. 21, Rattatti 6, Bonzani 7, Maccini F., Zerbini 3, Lucchini ne, Lettieri 6. All. Allodi.

CLASSIFICA

ANZOLA 30 17 15 2 1241 1099 +142
PIACENZA BC 28 17 14 3 1152 989 +163
VOLTONE ZOLA 26 17 13 4 1154 1035 +119
VIS PERSICETO 26 17 13 4 1133 1015 +118
BAOU TRIBE SAN LAZZARO 26 17 13 4 1147 1061 +86
PALLAVICINI BOLOGNA 26 17 13 4 1145 1075 +70
COLLEGE FIDENZA 18 17 9 8 1080 1063 +17
MAGIK PARMA 16 17 8 9 1029 1064 -35
AQUILA LUZZARA 14 17 7 10 1088 1084 +4
NAZARENO CARPI 14 17 7 10 1089 1154 -65
ATLETICO 12 17 6 11 1187 1196 -9
PSA MODENA 10 17 5 12 1108 1196 -88
FIORANO 8 17 4 13 1003 1098 -95
SAN MAMOLO BOLOGNA 8 17 4 13 1062 1218 -156
SAMPOLESE 6 17 3 14 1026 1131 -105
SALSOMAGGIORE 4 17 2 15 862 1028 -166

 

GIRONE B

BASKET VILLAGE – ALTEDO 73 – 70

(17-19; 27-42; 46-54)

BK Village Granarolo: Paoloni 1, Ballini 9, Costa, Salicini, Carrera 5, Nicotera 10, Nobis 11, Marega 11, Neviani 15, Pedrielli 9, Marcheselli 2, Brotza. All. Calore.

Altedo: Balboni ne, Monari, Gnan ne, Bovo 6, Bulgarelli ne, Dal Pozzo 10, Pigozzi 3, Lollini 28, Baccilieri 3, Soresi 2, Zanolli 15, Gnudi 3. All. Bacchilega.

OLIMPIA – GUELFO 59 – 74

(12-22; 28-42; 43-56)

Olimpia Castel San Pietro: Fortunati ne Chillo ne, Franceschini 7, Corazza 2, Ziron 6, Boschi, Pancaldi 15, Binassi 14, Farnè 2, Gianninoni, Sgorbati 2, Morales 11. All. Canè.

Castel Guelfo: Vastola 6, Bacci, Gianasi, Baccarini 2, Caprara 10, Bernabini 22, Miceli, Minghetti ne, D’Andola 4, Giordani 9, Paluan 21. All. Serio.

DOLPHINS – BELLARIA 82 – 63

(27-16; 41-29; 57-42)

Riccione: Silvestrini 3, Ma. Amadori 13, Tononi 6, Polverelli 16, De Martin 17, Mi. Amadori 2, Raffaelli 19, Brattoli 4, Biagini 2, Perini. All. Foschi.

Bellaria: Sacchetti 12, Pari 7, Novello 7, Russu 5, De Gregori 11, Mi. Mussoni, Stabile, Pinto 16, Dallamotta, Bindi 5, Venturi. All. Ferro.

SCUOLA BASKET FERRARA – VB 72 – 60

(23-18, 45-29, 57-46)

SB Ferrara: Ferrarini 10, Pusinanti 15, Zavarini, Rimondi 15, Fabbri 2, Romagnoli 6, Bottoni 6, Frignani 2, Bussolari 6, Bereziartua 7, Costanzelli 3. All. Colantoni.

Grifo Imola: Turrini, Di Cillo 18, Riga 7, Lanzoni 7, Linguerri 2, Monna 7, Zaccherini 2, Guerra, Castelli 17. All. Tampieri.

CURTI – MOLINELLA 62 – 48

(18-14; 35-23; 44-36)

International Imola: Folli 30, Benghi 3, Sgorbati 1, Grandolfi 4, Genoni, Cai, Martini 20, Caprara A., Caprara J., Scagliarini, Dirella 2, Masoni 2. All. Fazzi.

Molinella: Calvi 5, Quartieri 2, Checcoli 7, Ricci, Testi 7, Alessandri 2, Tagliavini 3, Ugulini 5, Pascoli, Gualandi, Serio 15, Trippa 2. All. Baiocchi.

Secondo successo consecutivo per la Curti, che alla palestra Ravaglia ha piegato con un netto 62-48 il Molinella (con al seguito una ventina di coreografici ultras) grazie alla straripante prova della premiata ditta Folli (implacabile dalla lunga distanza) e Martini, autori di 50 punti in due. Avvio di gara equilibrato con Serio, per gli ospiti subito in palla, mentre tra i biancorossi comincia ad accendersi Martini e al riposo la Curti ci arriva avanti di 4 lunghezze. Un margine che gli imolesi allargano nel secondo quarto oltre la doppia cifra grazie al duo di cui sopra e a un’attenta difesa a zona che blocca i timidi attacchi ospiti. Più in difficoltà, come da tradizione, la Curti nel terzo quarto e dopo un 2-6 iniziale al 23’ Fazzi chiama time out e ripropone la zona, presto imitato anche da Baiocchi. Folli rompe il digiuno dei biancorossi con una tripla del +11, ma il finale di frazione premia gli sforzi del Molinella che torna a -8. Nell’ultimo quarto Curti stringe di più le maglie di una difesa a zona che si rivela indigesta per gli ospiti. Davanti Folli dà il là al suo personale show dalla lunga distanza: ecco così la tripla del 50-36 al 34’, poi altri due siluri portanti per il 57-42 a 2’30’’ dalla fine, prima delle ultime cartucce nei minuti  finali (in tutto saranno 7 triple per lui). Per l’International altri due punti in saccoccia.

CRAL E. MATTEI – CESTISTICA ARGENTA 67 – 60

(18-12; 29-30; 45-45)

Spem Ravenna: Trerè 8, Basaglia 15, Bianchini 5, Vistoli 6, Cirillo 4, Saccardi 6, Fabbri ne, Bartolotti 4, Senni 7, Morigi 12. All. Focarelli.

Argenta: Magnani 12, Gribinet 4, Spinosa 16, Cesari 2, Rubbini 7, Stegani 13, Brignani 4, Quaiotto 2, Thiam, Rafan ne. All. Panizza.

VENI BASKET  – AICS JUNIOR BK FORLI’ 55 – 62 dts

(13-19; 30-29; 37-40; 51-51)

San Pietro in Casale: Settanni 6, Barbieri 5, Pastore, Luparello 11, Vinci 7, Minozzi G. 5, Iannicelli 5, Gamberini ne, Ghedini ne, Bartolozzi 5, Folesani 11. All. Minozzi M.

Aics Forlì: Bergantini ne, Grossi, Fumagalli 10, Ruffini, Mariani ne, Guaglione 14, Cantore 3, Cortini 3, Gaiotti 5, Zamagni 4, Zannoni 23. All. Chiadini.

ARTUSIANA – CASSANI&COSTANZI 77 – 58

(20-16; 43-37; 54-48)

Forlimpopoli: Rossi 16, Marzolini 2, Balistreri 16, Manucci 5, Vandelli 4, Ravaioli, Crocini 2, Arfelli 9, Chezzi, Evangelisti, Servadei 23. All. Bondi.

Basket’95 Imola: Mezzini, Baruzzi L. 8, Dalmonte 7, Mastrilli 1, Rossi, Selva, Barbagelata 13, Rubini 12, Foronci, Baruzzi F., Crisà 6, Spagnoli 11. All. Brocchi.

CLASSIFICA

GUELFO 30 17 15 2 1177 938 +239
ALTEDO 26 17 13 4 1243 1135 +108
OLIMPIA CASTEL S. P. 24 17 12 5 1188 1086 +102
DOLPHINS RICCIONE 22 17 11 6 1201 1132 +69
ARTUSIANA FORLIMPOPOLI 20 17 10 7 1090 1042 +48
BASKET VILLAGE GRANAROLO 20 17 10 7 1131 1091 +40
MOLINELLA 20 17 10 7 1017 996 +21
SPEM MATTEI RAVENNA 18 17 9 8 1050 1067 -17
INTERNATIONAL IMOLA 16 17 8 9 1066 1065 +1
ARGENTA 14 17 7 10 1138 1110 +28
VENI SAN PIETRO IN CASALE 14 17 7 10 985 966 +19
BASKET’95 IMOLA 14 17 7 10 1138 1181 -43
S.B. FERRARA 10 17 5 12 972 1072 -100
AICS FORLI’ 10 17 5 12 987 1183 -196
BELLARIA 8 17 4 13 993 1159 -166
GRIFO  IMOLA 6 17 3 14 1020 1173 -153

La Vis doma la SG Fortitudo Under 17. I risultati delle Giovanili

Nella battaglia per il quinto posto, negli Under 17, sarà determinante la sfida di Ferrara fra Vis e S.G. Fortitudo. Insegnare Basket-Masi è la gara più interessante nei 2000, mentre tra gli Under 14 segnaliamo Piacenza-Scuola Basket Ferrara.

UNDER 17 20° giornata

VIS 2008 – GINNASTICA FORTITUDO 83 – 61

BASKET SAVE MY LIFE – JUNIOR BASKET RAVENNA 86 – 44

CESTISTICA ARGENTA – PALL. REGGIANA 72 – 96

G.S. INTERNATIONAL BASKET – POL. PONTEVECCHIO 57 – 61

BASKET SANTARCANGELO – BASKET RIMINI CRABS 48 – 101

CLASSIFICA
Reggiana* 32; Virtus Bologna 30; Bsl San Lazzaro 28; Crabs Rimini* 22; Vis Ferrara 18; S.G. Fortitudo Bologna, Argenta, Pontevecchio Bologna* 16; Santarcangelo 12; Junior Ravenna* 4; International Imola 0.

UNDER 15 15° giornata

BASKET RIMINI CRABS – VIRTUS PALL. BOLOGNA 79 – 95

CASTIGLIONE MURRI BK – FORTITUDO BOLOGNA 103 75 – 83

FULGOR LIB. BK FORLI’ – PALL. REGGIANA 51 – 68

INSEGNARE BK RIMINI – POL. GIOVANNI MASI 51 – 55

BASKET SAVE MY LIFE – VIS 2008 72 – 45

CLASSIFICA
Bsl San Lazzaro*, Virtus Bologna 24; SG Fortitudo Bologna 20; I.B.R. 18; Fortitudo 103 Bologna, Masi Casalecchio* 14; Castiglione Murri Bologna 12; Crabs Rimini, Reggiana 10; Vis Ferrara 2; FulgorLibertas Forlì 0.

UNDER 14
GIRONE A

VIRTUS PALL. BOLOGNA – VICO BASKET 144 – 34

PALL. NOVELLARA – NUOVA PSA MODENA 46 – 58

(10-15; 18-27; 26-42)

Novellara: Scacchetti, Assenso 6, Manicardi 6, Luppi 2, Bertolini G. 2, Odasso 2, Bertolini P. 4, Preti 7, Arduini 10, Corradini 1, Foroni, Zamparelli 6. All. Croci.

PSA Modena: Pierri 2, Taroubi, Ekwueme 18, Naletto 2, Pavesi 4, Silvestri, Zanti 2, Sarhani, Oggianu, Fortini 28. All. Lunghini.

Importante vittoria in trasferta della PSA, che espugna il difficile campo del Novellara. Dopo appena due minuti Modena è già avanti, i reggiani sono in grande difficoltà ad arginare gli attacchi dei ragazzi di coach Lunghini che trova un contributo da parte di tutti. Ekwueme e Fortini sono le bocche da fuoco, ma è il lavoro di tutti, soprattutto in difesa che spazza via le resistenze del Novellara. La PSA cresce con il passare del tempo ed il punteggio si dilata progressivamente, alla fine il tabellone recita un 46 a 58, ma nel terzo quarto il vantaggio modenese sfiora il +20.

LIBERTAS FIORANO – GINNASTICA FORTITUDO 43 – 83

PALL. REGGIANA – POL. GIOVANNI MASI 92 – 41

POL. PIACENZA CLUB – SCUOLA BASKET FERRARA 07/02/2015 – 18:30

BENEDETTO 1964 – F.FRANCIA PALL. 60 – 59

CLASSIFICA
Reggiana 26; Virtus Bologna, S.G. Fortitudo Bologna 22; S.B. Ferrara* 20; Piacenza BC*, Masi Casalecchio* 14; Novellara 12; Vis 2008 Ferrara 10; PSA Modena 8; F. Francia Zola, Benedetto 1964 Cento 6; Vico Parma, Fiorano* 2.

GIRONE B
G.S. INTERNATIONAL – FORTITUDO BOLOGNA 103 50 – 75

CASTIGLIONE MURRI – BASKET SAVE MY LIFE 38 – 65

PALL. BUDRIO 2012 – P.G.S. WELCOME 63 – 52

INSEGNARE BK RIMINI – POL.COMPAGNIA 39 – 70

U.P. CALDERARA – PALL. PALLACANESTRO CASTENASO 33 – 69

BASKET RIMINI CRABS – JUNIOR BASKET CA’OSSI 18/02/2015 – 20:00

RECUPERO

FORTITUDO 103 – CRABS 60 – 89

CLASSIFICA
Crabs Rimini**, Compagnia Ravenna 24; Bsl San Lazzaro* 22; Fortitudo 103* 20; Pgs Welcome Bologna, Budrio 14; International Imola, Castiglione Murri Bologna 12; I.B.R. 10; Ca’ Ossi Forlì, Castenaso 6; Calderara 0.

Castellana ipoteca il girone A. I risultati della Promozione

Quarta di ritorno nel campionato di Promozione e nel girone A balza subito agli occhi lo scontro tra le due capoliste e cioè Montebello-Castellana. Non male anche nel B Schiocchi-Bibbianese. Se il girone B potrebbe avere un turno interlocutorio, nel D fari puntati su Gallo-Diablos e, nell’E, su Giallonero-Titans. Nel girone F, infine, rischiano grossi i Tigers sul campo dello Skizzo.

GIRONE A

PLANET – PRIMOGENITA 78 – 63

Planet: Ruozzi 10, Bozzetto 9, Modica 2, Coliva 5, Giublesi 7, Veronese 10, Gasparini 4, Pignatelli 9, Anselmi 2, Gianferrari 21. All. Paletti.

Calendasco: Villani T. 10, Villani E. 11, Inzani 3,  Paraboschi 6, Bacigalupi, Stecconi 14, Totaro 8, Catozzi 1, Passalacqua 10, Naccarella. All. Nadal.

Ancora tabù le partite in trasferta della Primogenita che, anche dal campo del Planet, esce con una sconfitta. Nei primi due quarti i ragazzi piacentini hanno ben tenuto il campo mantenendo ridotte le distanze con gli avversari. Galeotto il terzo quarto che con un parziale di 21-3 allontana la Primogenita dal Planet chiudendo il parziale a – 24. Ormai sono troppi i punti da recuperare nell’ultima frazione e il miracolo non avviene, anche se i giovani biancoazzurri non  mollano chiudendo con un divario di 15 punti resistendo ad una fisicità sicuramente più incisiva e sorvolando su alcune provocazioni verbali a volte eccessive da parte degli avversari.

BASKET SOLE – SALSOMAGGIORE CITY 76 – 88

(24-33, 43-53, 55-69)

Basket Sole Piacenza: Ciuti 8, Poggi 9, Lucev 2, S. Sebastiani 10, Arata 8, A. Sebastiani 3, Rancati 5, Cornelli ne, Azzali 10, Ponzi 4, R.Mori 15, Bernardi 2. All. Cavagnoli.

Il Basket Sole si prende una giornata di vacanza. E Salsomaggiore, super ispirato dal perimetro, ne approfitta fino in fondo, sbancando il Palasport di Largo Anguissola. Proprio nel momento in cui sembravano esserci buoni presupposti per un salto di qualità, ecco spuntare la peggior prova della stagione, di fronte all’ultima in classifica. Se nel basket non hai voglia di soffrire in difesa, non vai da nessuna parte. E il primo comandamento della dea dei canestri fotografa alla perfezione la peggior partita stagionale di una squadra per niente disposta al sacrificio sotto al suo canestro, che si adegua ai ritmi degli avversari. La gara è un perenne inseguimento a un Salsomaggiore che gioca una signora partita. Ma questo certamente non basta per spiegare interamente un risultato che chiamerà la squadra a un profondo esame di umiltà. Mai generalizzare. E, allora, salutiamo con immenso piacere il ritorno a ottimi livelli di Riccardo Mori, che s’è battuto come un leone, trovando un’eccellente serata a livello personale, dopo diverse settimane lontano dal campo a causa di un infortunio. Avvio illusorio: il Basket Sole vola sul 7-2. Sarà quello l’unico vantaggio di una serata che ben presto si rivelerà sempre più difficile. Salso comincia a mitragliare dal perimetro. Lo farà per tutta la partita, senza che i rossoblù riescano a trovare un solo accorgimento tattico per contenere la serata di grazia degli ospiti. E’ sconfitta – pesante – sul piano tattico. Perché il Basket Sole all’improvviso si dimentica di far leva sul suo pregio principale: la difesa. Facendosi sistematicamente battere sul primo palleggio, incapace di far valere nel pitturato chili e centimetri in quantità nettamente superiore agli avversari, meritevoli di sinceri complimenti per una vittoria che li rilancia nella volata salvezza. Il resto è una partita giocata a testa bassa da una squadra quasi completamente irriconoscibile, lentamente inghiottita dalle sabbie mobili dei suoi errori, piccoli e grandi. Così, ecco un poderoso calcio al secchio del latte faticosamente munto nelle ultime settimane.

TRAVAGLINI – BAKERY 70 – 74 dts

(15-24, 38-32, 48-46)

Montebello Parma: Dinoi 2, Brugnoli, Buttafoco 6, Carretta 10, Bocchia 15, D’Alo’18, Goldoni 3, Rastelli 2, Vitale, Tommei 14. All. Martinelli.

Castellana: Coppeta 19, Eccher 5, Di Giorgio 2, Fanaletti 4, Brandolini, Zanelli, Derba 5, Ziotti, Zamboni 15, Belli, Mazzocchi 24. All. Piva.

Un’altra partita dalle due facce per la Castellana Bakery, un’altra avventura terminata con una sofferta vittoria in trasferta per i giovani guidati dalla coppia Piva-Corvi. Una vittoria che vale platino, perché ottenuta contro un frizzante Montebello, che in casa non aveva ancora perso in questa stagione. La faccia bella della Castellana Bakery è quella del primo quarto, quando Mazzocchi e Coppeta trascinano i loro fino ad un +16 (8-24) che ha dell’incredibile, salvo, poi, subire un inizio di rimonta ad opera principalmente di Carretta: 15-24 al primo intervallo, con la Casellana che mostra i primi sintomi della brutta faccia. Qualche rotazione che non dà i frutti sperati è sufficiente per vedere il peggio della Castellana Bakery: una squadra che non difende, non attacca, non tira e non corre; può bastare per un deflagrante 23-8 in seconda frazione, con Bocchia, Carretta e D’Alò a squassare la miserrima difesa del quintetto ospite: 38-32 a metà partita. All’intervallo Coach Piva spazzola per bene, pelo e contropelo, i baldi giovani castellani, che tornano in campo con un altro piglio e, pur tra le mille difficoltà di una serata non proprio dritta al tiro, piazzano un 9-14 e si rimettono in carreggiata. Montebello non molla neanche un millimetro, la partita è sul filo dle rasoio per entrambe. Si arriva all’ultimo minuto, Derba piazza il +2 per gli ospiti, ma Montebello ha l’ultimo possesso, che viene rocambolescamente capitalizzato da D’Alò, in penetrazione, si stima ad un decimo di secondo dalla sirena: supplementare! Montebello va a +4 con un canestro di Carretta e due liberi di D’Alò, Bakery replica ed un canestro di Mazzocchi dà, dopo qualche giro in lunetta, addirittura il vantaggio aglio ospiti. Un altro tiro di Mazzocchi fa in & out e Montebello si riavvicina con Buttafoco. Derba paga i suoi 17 anni dalla linea della carità (1 su 4), ma Fanaletti piazza il decisivo +3, sempre dalla lunetta. Mazzocchi sigilla il risultato sul +4. Il pubblico castellano al seguito, esaurita la scorta di cardiotonici, esulta per la vittoria che sancisce il primo posto in solitaria per Castellana Bakery.

AMBA – PLAZA DE TOROS 75 – 68

Ducale Parma: Bertolini 9, Solimè 20, Frazzi 11, Vento L. 3, Vento S. 6, Rosi 18, Tinelli 2, Pisano 2, Landini, Angella 4. All. Padovani.

Marconi Castelnovo: Montanari 2, Benassi 6, Rancati 21, Castagnaro 11, Manghi 5, Rossi, Fornaciari 5, Davolio D 7, Davolio A 7, Bedegni 4. All. Grobberio.

Uno spettatore disattento si sarebbe potuto chiedere se lo spettacolo in scena al palaIPSIA erano i playoff NBA. Un altro, leggermente più critico, se si trattava di un documentario sulle tonnare siciliane. E si che il 1° quarto è stato anche avvincente con la coppia Bertolini-Frazzi a segno in più occasioni e i tiratori reggiani, per nulla intimiditi dalla trasferta, a rispondere punto su punto. Nel 2° quarto, complice un paio di quintetti al limite della maggiore età, la partita diventa caotica. Tuttavia i ducali nel caos si trovano bene e, nonostante la fatica nel capire quale squadra sia in attacco e quale in difesa, ci portiamo avanti grazie anche ai canestri dell’esordiente Angella. Andiamo all’intervallo sul +12 Ducale. Nella ripresa Padovani si affida al quintetto titolare e la partita diventa “diversamente bella”. Rosi e i Vento’s realizzano una serie di “triple”, al termine di azioni al limite del censurabile, che tuttavia ci permettono di stare avanti. Dall’altro lato è Rancati che sforna triple a ripetizione e tiene in partita Castelnuovo. A cavallo tra i due quarti la pressione reggiana aumenta. Parma perde una marea di palloni in attacco e Castelnuovo recupera fino al -4. Ma “vecchia faina” Solimè, dopo trecento palloni sparati a Gozzi in tribuna, riesce a far chiudere una canestro-fallo con 5° fallo del play reggiano. Castelnuovo, senza la vitalità di Manghi non riesce più a pungere e con un paio di contropiedi ci avviamo verso il 75-68 finale.

CUS PARMA – IRA TENAX 54 – 59

(17-19, 27-31, 38-43)

Cus Parma: Pattini 13, Bettera 2, Andreoli 8, Bellicchi 7, Orsenigo, Faveri, Vitali, Imbimbo 2, Ricci, Stonfer 2, Cervi 13, Marzo 2. All. Marafetti.

Cortemaggiore: Righi, Bertoni 3, Gorreri 13, Maccagni M. 14, Salardi 12, Maccagni A., Paini , Pezzani 11, Guglielmetti 6. All. Perciasepe.

Colpaccio del Cortemaggiore, nonostante priva dei playmakers Spotti e Lazeta, domina il match con una prestazione maiuscola in difesa. Parte a razzo la squadra ospite con tre bombe consecutive, la palla gestita al meglio da Righi arriva puntuale nelle mani sia dei lunghi che degli esterni, un canestro in transizione di Gorreri suggella il 12-0 dei primi cinque minuti; ma il CUS è ben lontano dal K.O., Cervi mostra i muscoli sotto canestro, Pattini sale in cattedra imprimendo un nuovo ritmo al match. Secondo periodo di gioco, Corte tiene botta grazie all’eccellente lavoro dei suoi lunghi sotto canestro, le guardie Righi e Bertoni contengono bene l’impeto di Pattini e Andreoli, un canestro da sotto di Guglielmetti regala il +5 agli ospiti al riposo lungo. Perciasepe, nuovo capo-allenatore, predica la calma in attacco, nella terza frazione di gioco i bianco-verdi aumentano ulteriormente la pressione difensiva, Righi e Gorreri recuperano caterve di palloni, solo il rientrante Marzo e una bomba di tabella del solito Pattini scongiurano il tentativo di fuga della squadra ospite. Ultimo quarto, le limitate rotazioni e la stanchezza cominciano a giocare contro, Cortemaggiore accusa il colpo, due bombe di Bellicchi e un canestro in tap-in di Cervi permettono ai cussini di mettere il naso avanti e a portarsi addirittura sul +5, a 1’50” dalla fine; solo il grande cuore in difesa di Righi consentono all’Ira Tenax di recuperare due palloni importantissimi, la presenza a rimbalzo di Salardi e Pezzani e la precisione dalla lunetta di Maccagni piegano definitivamente i locali e Corte si aggiudica il match.

CSI SANT’ILARIO – VALTARESE 88 – 51

(29-13, 53-32, 68-39)

Sant’Ilario: D’Amore 20, Reggiani 16, Bigliardi 15, Spaggiari 12, Sistici 11, Grossi 5, Rosi G. 3, Dotti 3, Setti P. 3, Medici, Setti M., Micucci. All. Ferrari.

Partita insidiosa per Sant’Ilario nonostante il divario in classifica fra le due squadre. Con il piglio giusto e la concentrazione necessaria Sant’Ilario conduce senza patemi dal primo minuto al all’ultimo. Qualche bella giocata, tra cui una schiacciata di Bigliardi, tanti contropiedi, hanno reso la partita piacevole. Un plauso a Valtarese per il coraggio di affrontare un campionato con tanti giovani, di cui alcuni molto validi.

CLASSIFICA
Castellana Castelsangiovanni 24; Montebello Parma 22; Basket Sole Piacenza, Cus Parma, S. Ilario, Planet Parma, Ducale Parma 18; Ira Tenax Cortemaggiore 14; Valtarese, Primogenita Calendasco, Salsomaggiore City 8; Marconi Castelnovo Sotto 6.

GIRONE B
PALLACANESTRO SCANDIANO 2012 – U.S. LA TORRE 60 – 67

(18-9, 33-25, 51-45)

Pall. Scandiano: Fontanesi 1, Guarino 9,  Colacicco 4, Scianti 14, Guidetti 4, Acosta 6, Bigi 2, Farioli 10, Viviani, Garofoli 10. All. Torreggiani.

La Torre Reggio: Galassi 2, Panciroli, Mazzi G., Passiatore, Vezzosi 12, Bochicchio 5, Pezzarossa, Mazzi F. 16, Mussini 4, Bertolini 13, Margaria 15.  All. Spadacini.

Il primo quarto inizia male per i grigiorossi, molli in difesa e timorosi in attacco. Al canestro iniziale di Margaria segue un parziale di 7-0 degli scandianesi: Scianti e Garofoli martellano con continuità il canestro torriano, mentre gli attacchi dei ragazzi di Spadacini si basano su iniziative estemporanee, senza un filo logico preciso. Il primo suono della sirena, così, vede Scandiano avanti 18-9. Nel secondo periodo è il giovane Bertolini, classe ‘95, a suonare la sveglia per i suoi, infilando ben 12 punti consecutivi, che consentono ai cittadini di risalire fino al -3 (21-24). Scandiano, però, reagisce e con alcuni canestri dell’ex di turno Farioli, di Garofoli e di Scianti riallarga il solco, fino al 33-25 del 20’. Al rientro in campo, l’atteggiamento degli ospiti è decisamente diverso. Vezzosi entra prepotentemente in partita con alcune buone iniziative (7 punti nel terzo quarto), la difesa cresce mettendo pressione sugli esterni (encomiabile in questa fase il lavoro di Giovanni Mazzi) e Margaria domina i tabelloni (per lui, oltre a 15 punti, la bellezza di 21 rimbalzi). Un canestro di Mussini riporta il match in parità a quota 42, ma Scandiano si scuote e, guidata da Farioli, ricaccia indietro la Torre. A dieci minuti dalla sirena finale, il tabellone dice 51-45 per Scandiano. Il vero capolavoro dei grigiorossi è l’ultimo quarto, dove Pezzarossa e compagni, incuranti della inevitabile fatica, fanno crescere esponenzialmente la loro intensità difensiva. Coach Spadacini mischia le carte alternando zona e uomo, Passiatore si attacca a Garofoli e non lo lascia respirare, Vezzosi e Pezzarossa creano una vera linea Maginot per le guardie scandianesi. In attacco, Filippo Mazzi martella il canestro avversario con convinzione, realizzando canestri e collezionando tiri liberi. Margaria chiude il break di 8-2, che riporta la partita in parità sul 53-53, poi è un gioco da tre punti di Vezzosi a dare il +2 ai torriani, che dimostrano di avere davvero più benzina degli avversari: Margaria, ancora Vezzosi, Galassi e Filippo Mazzi allargano il divario, permettendo di vincere il parziale 22-9 e la partita 60-67.

I GIGANTI – MEDOLLA 53 – 56

(18-8, 26-23, 45-39)

Giganti di Modena: Panico, Manzotti 9, Pederzoli ne, Quaresima, Adamo 4, Berardi 17, Barbanti, Demattè 11, Odorici 3, Barbieri 6, Forastiere 3. All. Fossali.

P.T. Medolla: Galeotti 9, Maini 4, Tralli 3, Ceretti 5, Guarnieri, Galeotti M. ne, Barbieri 6, Aldrovandi 6,Spinelli 5, Bega ne, Nardi 18. All. Carretti.

Medolla, dopo una gara punto a punto, espugna le Ferraris. Partono molto forte i Giganti: dopo 2′ il tabellone segna un 5-0 firmato Berardi, ma gli ospiti non si fanno intimidire e recuperano fino all’8-4 di metà primo quarto. I padroni di casa però grazie ad una buona difesa ed una buona circolazione di palla, piazzano un altro parziale che porta il risultato sul 18-8 alla prima pausa. La seconda frazione è ad appannaggio di Medolla che grazie ad un Nardi ispirato (9 dei suoi 18 punti totali ) si porta fino a 3 lunghezze di vantaggio: 26-23 alla pausa lunga. Alla ripresa delle ostilità l’inerzia del match pare essere ancora a favore degli ospiti tanto che prima effettuano il sorpasso e poi si portano sul 26-31 al 23′. A questo punto i Giganti hanno una reazione d’orgoglio e grazie a 4 triple e una buona gestione degli attacchi piazzano un controparziale fino al 45-39 che sancisce la fine del terzo quarto. Nell’ultima frazione i padroni di casa toccano anche il +7, ma gli ospiti stringono le maglie in difesa e poco a poco riescono a recuperare: l’ottima percentuale ai liberi da una parte e la pessima gestione degli attacchi dall’altra sancisce la vittoria di Medolla dopo che i Giganti a circa un minuto dalla fine erano avanti di una lunghezza.

RADIO BRUNO – VIRTUS CASALGRANDE 49 – 54

(12-16, 17-16, 36-33)

Campagnola: Manicardi 14, Gasparini, Pignagnoli 2, Nasi S., Zaccarelli 8, Bigliardi NE, Piuca F. 9, Sacchi 2, Piccinini 3, Di Monte 5, Beltrami 2, Sueri 4. All. Nanetti.

Casalgrande: Campa, Govi 10, Bottazzi, Iemmi 9, Bonaccini, Grazi 10, Oleari S. 4, Talami 13, Bucci 2, Fusco 6. All. Gibertoni.

I Casalgrandesi partono subito molto forte mettendo in mostra la buona difesa, che li caratterizza dal girone di ritorno, in più riescono a correre in contropiede trovando sin da subito “canestri facili” che gli permettono di allungare. Sul finale di quarto qualche sbavatura difensiva degli ospiti tiene Campagnola a contatto e si chiude così il primo quarto 12 a 16 per i bianco-neri ospiti. Il secondo periodo della partita è una cosa inguardabile! Tutte due le squadre lottano senza ottenere nulla se non palle recuperate e successivamente perse, i padroni di casa riescono a trovare qualche canestro grazie a qualche azione personale mentre Casalgrande nonostante la buona difesa non corre più in contropiede e in attacco è letteralmente bloccata infatti non segna nemmeno un punto. Le squadre così vanno negli spogliatoi con il punteggio di 17 a 16 per i padroni di casa. Nell’intervallo coach Gibertoni striglia i suoi per il brutto secondo periodo giocato e chiede di ricominciare a correre in contropiede come ben si era visto nei primi 10′. Al rientro in campo regna l’equilibrio, Casalgrande torna a spingere sull’acceleratore e i risultati si vedono, in compenso in difesa è un po meno attenta e lascia troppi passaggi facili spendendo poi troppo presto i falli che li portano così in bonus già a metà terzo quarto. Si chiude il quarto in quasi perfetto equilibrio con il punteggio di 36 a 33 per Campagnola e le squadre si giocheranno tutto negli ultimi 10′ minuti. L’ultimo quarto comincia bene per i Casalgrandesi che dopo un cattivo attacco con la palla molto ferma allo scadere dei 24″ trovano una bomba con Govi, Campagnola risponde subito dopo con un altra bomba e sembra regnare l’equilibrio. Casalgrande però dopo due o tre buone azioni difensive riesce a innescare il proprio contropiede creando un piccolo divario. Campagnola prova a ricucire ma una bomba di Talami e la difesa asfissiante dei bianco-neri con un super Bottazzi non permette ai padroni di casa di riavvicinarsi, Nanetti così nell’ultimo minuto si gioca la carta del fallo sistematico. Gibertoni chiama time-out e vede di organizzare una rimessa per fare ricevere Iemmi, il risultato è quello sperato dai Casalgrandesi che vanno in lunetta con Iemmi che fa 2 su 2 dalla linea della carità. Manicardi nell’attacco dopo nonostante la buonissima difesa su di lui di Fusco trova una bomba per Campagnola che tiene ancora vivo tutto, ma il copione si ripete e Iemmi torna in lunetta facendo 1 su 2 questa volta tenendo il vantaggio per i bianco-neri a +6. Campagnola ci riprova ma questa volta trova solo due punti e così Iemmi tornando in lunetta la chiude con un altro 2 su 2. Casalgrande vince per 49 a 54 e porta a casa i primi due punti stagionali in trasferta.

REGGIOLO – GO IWONS 74 – 61

Reggiolo: Fregni 15, Torreggiani 5, Pirondini 27, Carnevali, Cremaschi, Spaggiari Ne, Franzini 12, Verzellesi Ne, Gambuzzi 6, Setti Ne, Bombardini 2, Bosi 7. All. Notari.

Albinea: Negri 6, Marcacci 12, Canalini 5, Ballabeni 1, Masoni 13, Corradini 7, Rossi 6, Sassi 7, Ferretti 3, Camellini 1. All. Brevini.

Match che assicura due punti importanti per avere una classifica più tranquilla tra due formazioni che navigano in acque basse della classifica, infatti i primi due quarti finiscono in perfetta parità 18 a 18 fornendo al poco pubblico del PalaMagnani uno spettacolo più che decoroso. Nel terzo quarto Reggiolo, che inizia a recuperare i lungodegenti (Cremaschi, Lombardini su tutti, mentre ancora out Carpi, Delbue, Ruozi ma soprattutto Setti in panca solo per onor di firma!), infila il parziale che poi gestirà fino alla fine, con il trio Fregni-Franzini-Zio Pirondini che trascina, nonostante le difese studiate da coach Brevini e ai canestri del bravo Masoni (13 pt), i Reggiolesi ad una vittoria meritata e che porta serenità nella truppa di Notari

SCHIOCCHI BALLERS MODENA – POLISPORTIVA BIBBIANESE 55 – 69

(14-15; 28-36; 44-45)

SB Modena: Binotti, Zara 7, Sangermano 3, Marinelli, Minarini 3, Twum 12, Righi R. 19, Malverti, Alessandrini 9, Sassi, Vaccari ne, Forghieri. All. Righi G.

Bibbianese: Menozzi 9, Salati 1, Ghirardini, Gala 11, Farioli 8, Reni 4, Vignali 9, Olivares 6, Bartoli 5, Camurri 16. All. Reverberi.

Battuta d’arresto per gli Schiocchi contro l’esperta e concreta Bibbianese, che porta a casa i due punti meritatamente, espugnando la palestra CDR per 55-69. Gli ospiti, reduci dalla vittoria in trasferta contro Medolla, partono con il piglio giusto (Menozzi e Farioli sugli scudi) e, grazie all’ottima circolazione di palla ed alla precisione nel tiro da fuori, chiudono il primo periodo avanti di un punto (14-15). Nella seconda frazione i padroni di casa perdono lucidità sia in difesa che in attacco e Bibbiano mantiene sempre il controllo delle operazioni con un vantaggio che oscilla sempre tra i 6 e i 10 punti; Righi (top scorer con 19 punti) e Alessandrini (9 punti) provano a suonare la carica portandosi a ridosso dei reggiani, un clamoroso contropiede sbagliato in solitario da Minarini a fil di sirena fissa il punteggio della seconda frazione sul 28-36. La ripresa vede i Ballers più concreti in entrambe le zone del campo: in difesa si stringono le maglie grazie alla pressione di Twun e Binotti e in attacco si trova il canestro con maggiore continuità. Sul finire del quarto Twum usufruisce di un antisportivo, ma fallisce l’aggancio dalla lunetta e sul susseguente possesso per ben due volte il pallone del sorpasso si infrange sul ferro (44-45) al 30′. Bibbiano rientra in campo e trova tre triple ammazza partita con Gala e Camurri portandosi immediatamente sul +10; Sangermano e compagni non riescono a riprendersi e probabilmente stanchi per la rimonta effettuata nella terza frazione della gara, finiscono la benzina chiudendo così sul 55-69 esterno.

AQUILE – CENTRO LATTONIERI 54 – 61

(20-18; 32-32; 43-49)

Gualtieri: Canova 1, Folloni 2, Bagni 4, Pezzali 15, Bernardelli 11, Magnanini 3, Soliani, Guida 6, Manzali, Pellegrini 12, Berni.

Carpine: Meschiari 5, Testi 7, Piuca M. 8, Solera, Gasparini 6, Verrini 4, Zanoli, Giovanardi 10, Martinelli 19, Iacono 2. All. Morettin.

Partita più complicata del previsto in quel di Gualtieri. La Carpine nei primi due tempi sembra non avere la testa sulle spalle e rimane sempre legata alla partita grazie alle bombe di Testi, Martinelli e Meschiari. Dopo la strigliata di coach Morettin, cambia un po’ il ritmo in attacco e i ragazzi iniziano a stringere le briglie difensive e riescono a portarsi avanti di 6 lunghezze. Ultimo quarto al cardiopalma con Pezzali che segna da tre e riesce a quasi a riagguantare la gara se non fosse per Giovanardi che inizia a segnare da sotto canestro e si porta a casa i due punti.

CLASSIFICA

Carpine 24; Medolla, Bibbianese 20; Scandiano, Schiocchi Ballers Modena, La Torre Reggio* 18; Reggiolo 16; Campagnola 14; Go Iwons Albinea 10; Aquile Gualtieri, Virtus Casalgrande 8; I Giganti Modena* 4.

GIRONE C

H4T – PGS WELCOME 71 – 64

(19-16; 36-36; 54-50)

SP Vignola: Ganugi 10, Quartieri, Mariani 5, Pantaleo 12, Zagni, Degli Angeli, Vannini 2, Caltabiano, Guidotti 23, Midulla 9, Franchi 10, Malagodi. All. Smerieri.

PGS Welcome: Lamborghini L. 16, Lederi 4, Sabbioni 12, Ronchi 5, Palmieri 1, Rizzi 5, Petrini, Bortolazzi 4, Ferrari 7, Cerri 10. All. Lamborghini R.

I bolognesi non sono riusciti a ribaltare il pronostico, ma l’obiettivo prefisso l’hanno centrato, giocando da pari a pari per l’intero incontro con una formazione sicuramente più forte di loro. All’inizio sono gli ospiti i più intraprendenti nel portarsi in avanti con Ferrari e Bortolazzi, ma a seguire Ganugi e Midulla ricuciono lo svantaggio superando gli avversari sul finire della frazione. Nel secondo quarto è Vignola a portarsi in avanti con due bombe consecutive di Guidotti (27-20), ma con un parziale di 11 a 0 Lamborghini e Cerri  riportano in avanti i loro colori, anche se sul finire, la PGS subisce il rientro degli avversari determinato dai rimbalzi in attacco lasciati loro per poca reattività o svagatezza. Il terzo quarto è avvincente e tutto a punto, con Guidotti e Pantaleo da una parte e Sabbioni e Lamborghini dall’altra a fare da prim’attori. Nell’ultima frazione le squadre rimangono sempre “appiccicate” per circa 5’ poi, dopo qualche minuto di appannamento per entrambe, Pantaleo e Ganugi sbloccano il team di casa, quel tanto da dare alla loro squadra un vantaggio di 4-5 punti, abbastanza comunque da essere gestito fino al termine. Non sono quindi bastati gli ultimi canestri di Lamborghini e Sabbioni, ammirevoli e mai domi, ma non abbastanza da ribaltare il risultato.

PIUMAZZO – F. FRANCIA 60 – 73

(15-15; 33-34; 49-51)

Piumazzo 2002: De Martini 13, Baroni 20, Luppi, La Rocca, Cavani 8, Broda 10, Di Bona, Verdoliva 2, Montorsi 5, Stanzani 2. All. Vannini.

Francesco Francia Zola: Galli 4, Gamberini 25, Zini 4, Cevenini 3, Guerrato 2, Migliore 6, Bettini, Masina 10, Brochetto D. 8, Pagano, Lenzi 2, Bosi 9. All. Brochetto L.

Buona la reazione del Piumazzo2002, reduce da una pesante sconfitta a Casalecchio e che torna a giocare nella palestra di casa dopo più di un mese.Tiene testa alla F.Francia per 35’, ma alla lunga hanno la meglio i bolognesi, guidati da un Gamberini scatenato.

STEFY – MONTEVENERE 69 – 28

(15-4; 31-11; 53-25)

Stefy: Dozza 2, Carosi 2, Gagliardi 9, Francia 15, Cabuli 2, Poli 4, Suero 4, Tradii 16, Mannini, Agnoletti 15. All. Scandellari.

Montevenere: Romano 5, Venturini, Ugliola, Veronesi 8, Brazioli 3, Indovini 3, Cicerchia, Drusiani, Costa 4, Palazzini 5. All. Orefice.

GIARDINI MARGHERITA – CSI SASSO 64 – 51

(17-7; 34-17; 49-23)

Gardens: Alaimo 16, Grassitelli 5, Marcelli 1, Valenti 9, Marchesi 4, Grandi 5, Pierini 6, Carafa 1, Brina 10, Baldazzi 7. All. Lanzi.

Csi Sasso Marconi: Magnani 2, Grande 1, Meluzzi 9, Tosarelli 12, Rillo 10, Mutolino 6, Borsari 2, Bellodi 5, Giuliani 2, Perrina 2. All. Coralli.

SPORT INSIEME – POL. GIOVANNI MASI 66 – 61

(12-16, 32-30, 50-46)

Sport Insieme: Morando, Ferrulli 4, Curti 7, Somma 18, Cristiani 2, Guizzardi 4, Marino 4, Salvi 13, Regazzi, Skocaj 5, Sakho 9. All. Bandiera.

Masi: Campazzi 3, Penna 10, Castaldini G. 6, Sechi 8, Murgia, Forni 6, Barilli 12, Bertacchini 6, Cavana, Masi 6, Castaldini T. 4. All. Guidetti.

Eccezion fatta per un avvio sprint dei biancoverdi di Casalecchio (2-10 al 5’), la contesa vedeva le due formazioni praticamente in equilibrio, anche se lo Sport Insieme è poi quasi sempre stato al comando, anche se di pochi punti. Nel concitato finale a fare la differenza era un canestro su rimbalzo offensivo di un eccellente Salvi che dava ai propri colori il +4 (64-60) a -26” dal gong finale: pronto il time out della squadra di Guidetti che, però, non finalizzava il possesso in attacco e a nulla servivano i successivi falli sistematici. Tra i vincitori è stato Somma l’inatteso Mvp dell’incontro, ma coach Bandiera ha ottenuto buone cose anche dal giovane Curti, mentre ha deluso il talentuoso Skocaj; per la Masi ottimo il primo quarto di Penna, anche se il più continuo è risultato essere Barilli. Da segnalare con piacere il ritorno al basket giocato di Filippo Regazzi dopo il tremendo incidente stradale della passata estate.

IMA BASKET – GARDENBO 51 – 57

RECUPERO

GARDENBO – CSI SASSO 60 – 49

(18-10; 33-23; 47-39)

Sport Junior 2000: Peri 9, Vecchiatini 7, Ceresi 6, Rinaldi, Giacometti 14, Consolini 6, Cavalieri 10, Jaboli 3, Campoli 3, Matteuzzi 2. All. Rizzi.

Csi Sasso Marconi: Grande, Cremonini 11, Meluzzi 6, Tosarelli 5, Rillo 2, Mutolino 11, Borsari 2, Bellodi 5, Giuliani 4, Perrina 3. All. Coralli.

CLASSIFICA
Vignola 26; F. Francia Zola 24; Stefy Bologna* 22; Giardini Margherita Bologna 20; Masi Casalecchio, Sport Insieme Bologna 16; Montevenere Bologna 14; Pgs Welcome Bologna, Gardenbo 10; Pgs Ima Bologna 8; Piumazzo*, Csi Sasso Marconi 6.

GIRONE D

AUDAX BASKET – HAPPY BASKET ’07 67 – 57

(9-10; 23-23; 50-36)

Audax Ferrara: Serravalli, Mantovani 13, Bolognesi 7, Marabini 23, Ricci, Ferrarini 2, Ferraresi 4, Felletti Spadazzi 10, Vaianella, Del Torto 5, Balboni 3, Bertasi. All. Folchi.

Castel Maggiore: Bernardinello 4, Tugnoli 11, Tosi 13, Zocca 4, Pazzaglia 7, Mancini 6, Monteventi ne, Graziosi 4, Bonora ne, Tolomelli 8, Sita. All. Ansaloni.

ARGELATO BASKET – VIS 2008 70 – 76

(24-19; 40-38; 52-54)

Vis Ferrara: Oseliero, Cervellati 1, Gnani, Brilli 1, Bianchini 10, Verrigni 26, Vivarelli 3, Cavicchioli 10, Gamberini 8, Fiorentini 11, Campi. All. Castaldi.

Parte subito forte la Icos con buone soluzioni in attacco frutto di spirito di collaborazione che pervade i cinque in campo. A metà del primo quarto cala però la concentrazione e si chiudono i primi 10’ sotto di cinque punti. I ferraresi non si perdono d’animo ed in pochi minuti raggiungono gli avversari a quota 25. Sarà poi fino agli ultimi minuti del quarto finale un continuo raggiungersi e superarsi a vicenda tra le due squadre, senza che si crei il gap necessario affinché una delle due abbia il sopravvento decisivo sull’altra. Ma alla fine giungono, per la formazione di Castaldi e Spettoli, i canestri che decretano la vittoria ed il tabellone segna, alla fine dell’incontro, un meritato 76 a 70 per i ferraresi.

CALDERARA – FORTITUDO CREVALCORE 72 – 66

(16-17; 31-34; 48-45)

Calderara: Pritoni 9, Gallerani 4, Ventura 4, Mestieri 9, Guaraldi 3, Aspergo 9, Gentili 9, Passarini 6, Rubino ne, Bellodi 7, Angelini 11, Scarlata ne. All. Murtas

PFC: Bianconi 3, Querzà 2, Gambuzzi 5, Filippetti 6, Terzi E. 10, Garuti 9, Fregni 4, Monaco 8, Floro 14, Simoni 5. All. Terzi R.

Successo casalingo per Calderara che batte una mai doma Crevalcore. L’inizio del match è un continuo rincorrersi, ai canestri di Bellodi e Gentili gli ospiti rispondono mandando a referto in successione sei differenti giocatori, il canestro di Garuti di fine quarto vale il +1 ospite sul 16-17. Nel secondo quarto sono i canestri di Aspergo e Angelini a tenere a contatto i padroni di casa che, ancora una volta subiscono un canestro in chiusura di periodo per il 31-34 ospite. In avvio di terza frazione Crevalcore tocca il massimo vantaggio con una bomba di Garuti, 31-37, poi un controparziale di 10-0 dei padroni di casa ribalta completamente la situazione; si arriva agli ultimi dieci minuti con Calderara in vantaggio per 48-45. Nell’ultimo periodo 6 punti consecutivi di Pritoni portano i padroni di casa sul massimo vantaggio 56-47, Crevalcore non molla e torna a farsi sotto ma, il gioco da tre punti di Angelini prima e quello di capitan Mestieri dopo impediscono la rimonta ospite, termina 72-66.

GALLO BASKET – DIABLOS BK S.AGATA 67 – 65

(16-15; 31-28; 55-47)

Gallo: Fini 2, Malagutti, Del Principe 5, Schincaglia 13, Magni 16, Dabellonio 2, Boscolo 1, Benetti 3, Pasquali 4, Malaguti 11, Caselli 10. All. De Simone.

Sant’Agata Bolognese: Violi 9, Terzi 8, Angelini 12, Bruni 5, Patelli 10, Belosi 1, Risi 5, Manganelli 2, Testoni 3, Ballotta, Candini 10. All. Masetti,

LA FENICE – PEPERONCINO 53 – 56

Codigoro: Aboulfath 2, Mossini 3, Tralli 9, Natali 2, Bellinaso, Patroncini 22, Di Tizio 9, Finessi 2, Reggiani, Gnani, Stella, Cavazzini 4. All. Bottoni.

Peperoncino Castello d’Argile: Bergami 2, Manzi 4, Govoni 8, Balboni 4, Frascaroli 7, Monari Mat. 12, Bonfiglioli, Fanti, Bernardini 2, Monari A. 17, Comi, Cavicchi. All. Monari Mar.

BASKET DELTA – A.MI.CA. 75 – 58

(17-12; 39-23; 54-42)

Comacchio: Persanti 11, Peretti 21, Gregori M. 2, Boccaccini 10, Gelli 14, Cavalieri 12, Dall’Oca, Gregori G. 5, Guidi, Carli. All. Bacchini.

Minerbio: De Pascale, Barbieri 7, Girolami, Gubellini 18, Malavasi ne, Musiani, Accorsi 10, Mazzanti 8, Mattei 8, Gruppioni 7, Fiorini. All. Vibio.

CLASSIFICA
Gallo, Calderara, Audax Ferrara* 20; Diablos Sant’Agata Bolognese 18; Peperoncino Mascarino, Argelato, La Fenice Codigoro, Delta Comacchio* 16; Vis Ferrara 14; Happy Basket CastelMaggiore 12; A.MI.CA Minerbio 6; Crevalcore 4.

GIRONE E
PARTY & SPORT – PGS BELLARIA 58 – 51

(22-13; 35-25; 44-39)

P&S Ozzano: Fioravanti 4, Buonfiglioli 2, Capra 9, Leale 8, Marchi 12, Fierro 2, Zerbini 9, Lazzari 5, Zanaroli 2, Salvadè, Avallone 5. All. Nannetti.

Pgs Bellaria: Ascari 20, Sudano, Urzino 6, Scarenzi 9, Bonetti, Pazzaglia 8, Franzioni, Traietta 2, Idà 6, Bertini. All. Babini.

BASKET GIALLONERO – TITANS 64 – 41

(8-8; 27-17; 37-28)

Giallonero Imola: Pederzoli 6, Villa 14, Vicentini 1, Ragazzini 7, Canè, Spoglianti 10, Biancoli 4, Vannini 10, Bilardo 2, Campomori 10, Calamelli. All. Creti.

Titans Ozzano: Finessi 7, Rossi 10, Cairo, Tuccillo 3, Gamberini 9, Mungiguerra 2, Cucinotta, Boletti, Paolucci 5, Gardotti, Ungaro 5, Minoccheri. All. Torrella.

BASKET CLUB RUSSI – TATANKA BALONCESTO 71 – 41

(13-11; 39-26; 54-34)

BC Russi: Montanari, Bellanti G., Bramante 3, Babini 18, Bellanti M. 3, Beghi 10, Buffatti 8, Santo 17, Venturini 10, Bagioni, Fontanini 2. All. Milandri.

Tatanka Imola: Galeati, Pirazzoli F., Costantino, La Ferla 8, Pirazzoli Ed. 8, Strada 12, Pirazzoli En., Savigli 7, Pasotti 2, Baldazzi 4.

ISIS BASKET – MONTERENZIO BASKET 65 – 58

(16-18; 30-30; 40-45)

Lugo: Scardovi M. 9, Baroncini 7, Marconi 25, Zanoni 3, Marchetti 4, Romagnoli, Scardovi E. 5, Vecchi, Plazzi 7, Savini 5. All. Ortasi.

Monterenzio: Romagnoli 10, Lucchi, Ballestri 2, Pambianchi 8, Costa 2, Boccardo 18, Tonelli 17, Fiordalisi, Monari 1.

CASTIGLIONE MURRI – MEDICINA 2007 71 – 50

(14-21; 35-32; 53-39)

Castiglione Murri: Brini 2, Buriani 23, Dettori 7, Di Pasquale, Fermi 2, Maestri 7, Pedrielli  2, Rizzardi 15, Salocchi 10, Samoggia 2, Stefanelli 1, Tacconi. All. Benini.

Medicina 2007: Buresti 12, Lenzarini 12, Guccini 7, Pinardi 4, Panico 4, Magli 5, Buscaroli 4, Grassellino, Ugulini, Dall’Olio, D’Onofrio 2. All. Bandini.

PALL CASTEL S.P.T. 2010 – SELENE BK 46 – 49

(11-17; 23-25; 37-36)

Castel San Pietro: Ruggeri, Mascagna 4, Graziani 5, Magurno 2, Naldi 4, Manaresi 5, Farnè 2, Soldi 3, Vinera 18, Albertazzi 1, Castellari 2. All. Martinelli.

Sant’Agata sul Santerno: Tagliaferri, Gaddoni, Pirazzini 14, Fabbri 8, Simoni 4, Foronci 2, Merendi 5, Totaro 12, Pantani 4. All. Valli.

CLASSIFICA
P&S Ozzano 24; Selene Sant’Agata sul Santerno 22; Titans Ozzano, Giallonero Imola 20; Medicina 2007 18; Pgs Bellaria, Castiglione Murri 16; Isis Lugo* 14; Castel San Pietro, Russi 10; Tatanka Imola* 8; Monterenzio 0.

GIRONE F

SKIZZO – TIGERS 43 – 45

(16-13; 24-25; 38-37)

Skizzo Rimini: Tamburini, Rizzo 6, Ricciotti 4, Cappelli 7, Bascucci 7, Mantovani 3, Randazzo 5, Lanci 8, Sancisi 3.

Villanova: Toni, Rossi M. ne, Magnani 14, Bronzetti 6, Cangini 9, Semprini 3, Donati 2, Tomasi 6, Domeniconi 5, Rossi A. ne.  All. Evangelisti.

EAGLES – FIORENZUOLA 49 – 74

(16-19; 30-39; 42-56)

Morciano: Tamai 2, Bigini 12, Battelli 2, Badioli, Masia 13, Villa 4, Palazzi, Ciotti 3, Morelli 13, Angeli. All. Filippucci.

Cesena: Faggi 7, Maestri 10, Lucchi Mat. 5, Ricci 25, Morsucci 4, Lucchi Max. 10, Bertani 5, Biondi 4. All. Baraghini.

BK 2000 SAN MARINO – CNO SANTARCANGELO 55 – 63

(14-15; 26-27; 49-46)

San Marino: Fabbri 2, Guerra, Sarti 7, Taddei, Berardi 10, Bronzetti 6, Giannotti 9, Borello 1, Gambi 15, Briganti 5. All. Liberti.

Santarcangelo: Rasponi 6, Donati 10, Ricci, Fornari 12, Tomassini 11, Nicoletti 8, Gavagna ne, Tassinari 2, Maioli 14. All. Morri.

A.I.C.S. BASKET FORLI’ – POL. STELLA 73 – 67

BASKET’95 – CESENA 65 – 57

(23-11; 35-23; 43-40)

Basket 95 Faenza: Santandrea 11, Dal Monte 5, Campanini 2, Romboli, Flauret, Troni 12, Cerini 10, Samorì 9, Bombardini 3, Rosti 4, Belosi 9. All. Vespignani.

Cesena Basket 2005: Defrancecsco M., Cacchi, Defrancesco L. 7, Senni F., Martini 18, Vittori 7, Saletti, Grassi 16, Mordenti 5, Rossi 4. All. Montalti.

CESENATICO – FAVENTIA 66 – 75

(25-20; 34-34; 53-49)

Cesenatico: Montalti, Battistoni 12, Maraldi 17, Casali, Albertazzi 7, Capucci 2, Pasini, Bolognesi 3, Sponziello, Balestri 7, Pillastrini 18. All. Domeniconi.

Faventia Faenza: Ceroni 7, Graziani 1, Conti 13, Dalle Fabbriche 7, Boattini 8, Ercolani 10, Presicce 16, Liverani, Buti 1, Morsiani 12. All. Morigi.

La difesa manfreda é un colabrodo nel primo quarto, Battistoni maramaldeggia con svariate penetrazioni, Albertazzi (7 nel primo quarto, poi infortunatosi al suo rientro nel secondo parziale) gioca bene senza palla e realizza dall’arco e Pillastrini, che legge bene gli spazi, sono le armi decisive per i 25 punti segnati nel primo parziale dai giovani cesenaticensi. Se la difesa non é il punto di forza per il Faventia, l’attacco, quantomeno, non é di molto inferiore rispetto a quello dei padroni di casa e con un Conti ispirato (11, tre triple) e qualche altra soluzione al ferro si va al primo riposo sotto di cinque lunghezze (25-20). L’attacco cala per entrambe le squadre, si registra anche la difesa, si passa anche a zona e si tocca la parità con le fughe di Ercolani, ben lanciato da Conti e Boattini (28 pari). L’attacco di Domeniconi, però, trova qualche spazio in più e con le penetrazioni di Maraldi riscava un vantaggio (34-31) richiuso, appena in tempo, sul finale di frazione, dalla tripla di Presicce che manda le due compagini in parità all’intervallo di metà partita (34-34). Balestri, con due liberi, riporta i padroni di casa in vantaggio dopo 2′ senza una retina stracciata, Morsiani risponde sempre dalla lunetta. La partita prosegue punto a punto sino a quando Maraldi colleziona falli come figurine Panini e converte a referto le occasioni concessegli. 6/6 dalla lunetta che valgono il +4 Cesenatico alla fine dei primi 30′ di gioco (53-49). Nel quarto periodo il Faventia aumenta il ritmo offensivo (26 punti quelli realizzati nell’ultima frazione) e diventa un muro difficile da scalare per la truppa locale nella metà campo difensiva. Dalle Fabbriche inaugura con una tripla (-1), Ceroni con una magata ci fa mettere la testa avanti (+1), Presicce consolida (+3). Da questo momento non si cede più la leadership del match  e con le triple di Presicce e Morsiani il punteggio dice 55-66 a poco più di 4′ dalla fine. Il Faventia si rilassa, molla qualche colpo, latita in transizione per qualche minuto, forza qualche situazione di troppo e Cesenatico ne approfitta prendendo falli e lottando a rimbalzo offensivo, specialmente con Pillastrini. La Pol. Cesenatico si spende per la politica del fallo sistematico, ma le mani di Morsiani e Boattini sono piuttosto ferme. Morsiani la chiude in contropiede a pochi secondi dal termine ed il Faventia può esultare per la quinta vittoria di seguito.

CLASSIFICA
CNO Santarcangelo, Tigers Villanova 26; Fiorenzuola Cesena 24; AICS Forlì, Faventia Faenza 20; Skizzo Rimini, Basket’95 Faenza 14; Basket 2000 San Marino, Stella Rimini, Cesena 8; Eagles Morciano, Cesenatico 2000 6.

Coppa Italia – La Tramec prima illude, poi cede alla Mens Sana Siena

Tra mercoledì e giovedì vanno in scena sei degli otto incontri di andata della Coppa Italia riservata alla serie B e C. Cento ospita la corazzata Siena, mentre Faenza è scesa in campo la settimana scorsa a Corno di Rosazzo.

COPPA ITALIA SERIE B

TRAMEC – GECOM 67 – 70

(25-19; 41-33; 53-53)

Benedetto Cento: Stupazzoni ne, Vitali 4, Ikangi 3, Bianchi 11, Di Trani 8, Quarisa 9, Demartini 9, Carretti 13, Cutolo 10, Cavazzoli ne. All. Albanesi.

Mens Sana Siena: Parente 20, Panzini 2, Vico 16, Bonelli ne, Bruno ne, Ranuzzi 2, Paci 12, Pignatti 13, Ondo Mengue 2, Chiacig 3. All. Mecacci.

Siena espugna il parquet di Cento nell’andata del barrage di qualificazione di Coppa Italia. Per i centesi primo stop dopo nove vittorie consecutive, e la beffa di aver condotto per oltre metà partita, 51-37 al 24’, senza però mai piazzare il colpo del ko. Partenza a razzo di Siena sull’asse Vico-Paci (2-7 al 3’) con i locali contratti in attacco, ma ci pensa Carretti ad impattare, prima dello show dall’arco dei 6,75di Cutolo con tre triple consecutive che produce il primo break della partita (25-16 all’8’). Quarisa, uscendo dalla panchina, si presenta con 6 punti offuscando il totem Chiacig, 31-19, ma è nella metà campo offensiva che Siena paga la serata no di Ranuzzi. Bianchi e Quarisa colpiscono, e dopo il 2+1 di Bianchi (38-23 al 16’) i senesi reagiscono e, grazie ad un buon finale di quarto di Parente, rimangono a contatto, 41-33. Dopo la pausa Di Trani si presenta con cinque punti consecutivi (46-33 al 22’) e Cento sembra in controllo ma paga l’errore di non chiudere la partita. Siena con il piglio della grande squadra non molla (49-35) e negli ultimi sei minuti del quarto confeziona un parziale di 18-4 in cui c’è tanto Vico e Pignatti è un fattore dopo un primo tempo impalpabile. 53-53 al 30’. Tutto da rifare e ultimo quarto vissuto sul filo dell’equilibrio: Paci da il primo vantaggio esterno nel secondo tempo (53-55 al 31’) e Cento in attacco ha poche idee e molta frenesia. Carretti dalla media riporta i suoi sul ‘+4’, ma Pignatti dai 6,75 riporta Siena a contatto, 63-62. Dopo un canestro di Vitali e l’1/2 di Chiacig (65-63 al 39’) ultimo minuto di gioco dalle grandi emozioni: Vitali perde palla e Parente realizza il canestro+fallo, 65-66. Cutolo, dopo un time out, sbaglia il tiro della vittoria e Parente dalla lunetta porta i biancoverdi sul +3. Demartini fa 2/2 a cronometro fermo (67-68), ma Cento non riesce a fare fallo e l’ultimo tiro dall’angolo di Pignatti, cadendo per terra, sancisce la beffa per Cento. 67-70. Ora ritorno al PalaEstra mercoledì per 4 febbraio

CFG LIVORNO – CONTADI CASTALDI MONTICHIARI 56 – 60

NUOVA AQUILA PALERMO – PALLACANESTRO PALESTRINA 83 – 85

PROMETEO RIETI – BCC CONVERGENZE AGROPOLI 74 – 88

 

COPPA ITALIA SERIE C

BASKET 7 LAGHI GAZZADA – SCIANNO BIGSTORE ALBA 75 – 65

CALLIGARIS CORNO DI ROSAZZO – RAGGISOLARIS FAENZA 63 – 51

LA SOVRANA SIENA – WERE BASKET ORTONA 54 – 76

RES. FONTANA BARONE CEFALU’ – ALLIANZ ASS. SAN SEVERO 63 – 65

Pontevecchio di nuovo in corsa. I risultati della Divisione Nazionale Giovanile

Due derby sono in programma in questo turno della Divisione Nazionale Giovanile. I Crabs ospitano, a Rimini, la Pontevecchio, mentre a Reggio Emilia arriva una determinatissima Fortitudo 103.

REGGIANA – FORTITUDO 74 – 66

(15-18; 34-34; 58-52)

Reggiana: Magnani 7, Giani, Riccò 2, Lavacchielli 7, Galeotti 12, Strautins 12, Lever 8, Neri, Lusvarghi 2, Casu 3, Giglioli 11, Rovatti 8. All. Menozzi.

Fortitudo Bologna 103: Candi 20, Valenti, Lucchetta 3, Errera 3, Lenti 14, Galassi, Gambetti 4, Pesino 6, Bertoncello 2, Pampani 4, Pol Bodetto 2. All. Breviglieri.

AQUILA – BLUOROBICA 69 – 75

(18-19; 31-35; 57-59)

Trento:  Della Pietra, Bojovic, Bernardi 17, Pozza, Aldrighetti, Flaccadori 24, Gaye, Bertocchi 9, Montanarini, Bellan 6, Lenti Ceo 11, Trentin 2. All. Marchini.

Bergamo: Pasqualin 11, Bassi 10, Beretta 6, Ferri 12, Nani, Permon 8, Silva 20, Bertocchi 6, Perego 2, Colombo. All. Zambelli.

VIRTUS PADDVA – INTERMEK 3S 63 – 53

Virtus Paddva: Berto 11, Bonetto 14, Marzola 2, Peghin, Malachin 5, Calzavara 2, Gallocchio 11, Badecco ne, Barbato, Rizzi 14, Natali 2, Ferrara 2. All. Friso.

Cordenons: Scaramuzza 8, Brino 4, Stolfo 3, Anzil, Malattia 9, Mancin 3, Canzi 2, Toppan, Bertola 11, Rizzetto 13. All. Montena.

JUNIOR LEONCINO – REYER 47 – 73

(14-23; 27-41; 36-59)

Leoncino Mestre: Marzaro 4, Ortolan 2, Fabris F. 1, Fabris G. 10, Sorato 5, Rampado 2, Lazzarin 3, Pavan, Marini, Gomirato 7, Salerno, Rubbo 10. All. Toffanin.

Reyer Venezia: Tinsley 8, Bovo 8, Visconti 3, Antelli 8, Crivellari, Ambrosin ne, Totè 6, Trevisan 2, Bolpin 11, Zucca 13, Romano 14. All. Buffo.

TREVISO – U.C.C. 70 – 93

(17 -24; 39-36; 52 – 64)

Treviso: Boato 2, Legnago, Sangiorgi, Busetto 9, Spessotto 18, Zamai, Gatto 9, Poser 8, Festini 6, De Marchi 10, Ballo 7. All. Tabellini.

Casalpusterlengo: Del Vescovo 11, Costa 10, Villani 3,  Milojevic 2, Diouf ne, Bergamo, Rossato 24, Donzelli 16, Maghet 23,  Fantauzzi, Fontana 4. All. Andreazza.

CRABS – PONTEVECCHIO 61 – 79

(10-25; 37-37; 50-58)

Crabs Rimini: Baroni, Biordi 19, Bologna, Egbutu 4, Galassi, Hadzic 2, Mavrin 10, Meluzzi 10, Provesi 5, Signorini 4, Suarez Diaz, Tsirikidze 7. All. Dimitrova.

Pontevecchio: Benuzzi, Bergami 24, Di Rauso 24, Franchini 4, Girotti 5, Mantovani 3, Riguzzi 5, Santini 2, Torresani 8, Vetere 4. All. Savini.

CLASSIFICA
Aquila Trento, Reyer Venezia 24; Virtus Bologna, Casalpusterlengo 20; Blu Orobica Bergamo 18; Fortitudo 103 Bologna, Reggiana 16; Virtus Padova 14; Crabs Rimini 12; Leoncino Mestre, Pontevecchio Bologna 10; 3S Cordenons 8; Treviso 0.

C.S. – La Virtus Imola vuol far suo lo scontro diretto con i Tigers

Non ci sarà un Tigerman, o una tigre della Malesia (chi non ricorda Sandokan?), ma ci saranno senz’altro dieci tigri assetate di vittoria che da Forlì saliranno a Imola per tentare l’assalto al Ruggi.

Proprio quel Ruggi che, dopo due sconfitte consecutive, ha di nuovo fatto registrare una vittoria imolese. «Ci voleva proprio – conferma Marchi -. Abbiamo giocato una buona partita, a parte il primo quarto. Poi ci siamo scrollati di dosso le nostre paure e abbiamo disputato un match da Virtus».

Il calendario mette di fronte due squadre in buona salute. Specie la Virtus che ha smaltito l’influenza che ha colpito mezza squadra la scorsa settimana. «Tocchiamo ferro, ma ora stanno tutti bene. Gli ammalati si sono completamente ristabiliti. Domenica ci aspetta una partita importante. Possiamo tranquillamente parlare di scontro diretto. Vincere questa partita vorrebbe dire distanziare Forlì di quattro punti e proseguire quel trend positivo iniziato tre match fa».

Il Tigers Forlì è una squadra giovane, aggressiva, che fa della fisicità la sua arma migliore. «I ragazzi sono concertati e vogliosi di vincere. Sappiamo che, fin dalla palla due, dobbiamo prendere in mano il pallino del gioco ed impedire ai nostri avversari di entrare in partita».

Palla due domenica, alle 18. Arrivano le tigri forlivesi, ma le vere tigri, si sa, sono giallonere…

C.S. – La Salus non può sbagliare contro la Rebasket

Per la Madel questa domenica si disputa una gara fondamentale con un solo risultato da poter conseguire. I prossimi avversari rispondono al nome di Rebasket Rubiera, squadra che al momento occupa l’ultima posizione del raggruppamento con sole due vittorie all’attivo, rispettivamente alla sesta giornata del girone di andata a domicilio contro Castelfranco e in casa di Castenaso sul finire di novembre.

All’andata la gara si concluse con una vittoria della Salus per 63-72; per gli ospiti la vera spina nel fianco da contenere fu il centro Maioli autore per l’occasione di 29 punti. Fra le fila reggiane i giocatori da tenere in grande considerazione sono proprio Maioli autore di poco più di 11 punti di media, Alex Biello, esterno autore di oltre dieci punti di media, e Alessio Negri, anch’egli centro, proveniente dalla doppia esperienza dello scorso anno in bilico fra Lugo e il Basket Trani, capace di catturare rimbalzi e andare a referto con oltre dodici punti per allacciata. Ci auspichiamo quindi un’Alutto stipata per la gara delle 18 di domenica prossima per cercare di sostenere una squadra che potrebbe di fatto mettere un significativo mattoncino in chiave salvezza.

Le attività del settore giovanile nel frattempo fervono come sempre incessanti. Nel corso della settimana, martedì 20, gli under 13 allenati da Bacchilega hanno piegato alla Alutto la BSL San Lazzaro al termine di una gara piacevole e vinta per 9 lunghezze.

Si prosegue sabato alle alle 16.30 con la gara valevole per il campionato under 17 elite fra Salus e Francesco Francia Zola Predosa, diretta inseguitrice. Alle 18.30 sarà la volta della formazione under 14 di scendere in campo contro la Horizon Bologna mentre alle 19 gli under 17 regionali contro CMB gli U17 Regionali sono chiamati a un match che sarà un ottimo banco di prova per testare il proprio atteggiamento nell’arco dei 40 minuti di gara.

Domenica con palla a due alle 10 si comincia con la gara fra formazioni under 15 elite di Salus e Junior Ravenna; alle 11 la formazione 2005 affronterà i pari età del Calderara basket e alle 15.30 saranno le squadre under 13 elite di Salus e Junior Ravenna che si affronteranno in attesa della gara serale della prima squadra.

1 2 3 4