Author Archives: admin

C Silver, l’ala croata Koljanin approda a Fidenza

Il 2020 si apre con una notizia-super: Dani Koljanin, croato di Pola, classe 1996, ala alta di 200 cm. per 100 kg., è da oggi in forza alla Fulgor Fidenza.

Dal 2015 al 2019 Dani ha giocato 4 stagioni nella NCAA, il campionato dei College USA. Nel 2015-2016 ha militato nella Marshall University, West Virginia. Poi 2 anni alla Monroe di La Rochelle, New York. Qui, nell’annata 2016-2017, Dani si è guadagnato una menzione d’onore per i suoi 14 punti e 7 rimbalzi di media. La stagione scorsa Koljanin ha giocato alla University Arkansas a Little Rock, con una doppia doppia (12+10) nell’ultima partita giocata contro Lousiana Monroe.

In questo 2019-2020 Koljanin ha iniziato la stagione a Gazzada (C Gold Lombardia), dove ha giocato 6 partite con 12 punti e 9 rimbalzi di media. Dopo il divorzio dal team varesino, ha scelto la Foppiani per esprimere tutto il suo potenziale.

La Promozione riparte: Fulgorati e Fadamat ok!

PROMOZIONE 13° Giornata

GIRONE A

PALL. FULGORATI FIDENZA – PLANET BASKET 87 – 67

SCUOLA BK CAVRIAGO – IRA TENAX BK CORTEMAGGIORE 58 – 52

CUS PARMA – VICO BASKET 27-01-2020 – 21:15  

PALACAMPUS – Via Usberti 95 – Parco delle S PARMA PR

SAMPOLESE BK – POL. D. VIRTUS PONTEDELLOLIO 76 – 66

BASKET OGLIO PO – POLISPORTIVA CASTELLANA 60 – 56

S.ILARIO BASKETVOLLEY – DUCALE MAGIK PARMA 21-01-2020 – 21:00

Pal. S.GIOVANNI BOSCO – Piazza 4 Novembre 17 SANT’ILARIO D’ENZA RE

CLASSIFICA

Cus Parma* 18; Fulgorati Fidenza* 16; Planet Parma, Virtus Pontedellolio 16; Ira Tenax Cortemaggiore, Sampolese* 14; Ducale Parma* 12; S.Ilario d’Enza**, Castellana Castelsangiovanni, Scuola Basket Cavriago, Guna Oglio Po* 8; Vico Parma** 6; Bibbianese* 4.

GIRONE B

BASKET JOLLY A.S.D. – I GIGANTI DI MODENA 73 – 79

CUS MO.RE – AQUILE PALL. GUALTIERI 85 – 62

POL. IWONS – BASKET CAMPAGNOLA E. 29-01-2020 – 21:30   

Palestra COMUNALE – Via Ariosto 50/b – Loc. Borzan ALBINEA RE

MABO BASKET – PALL. GUASTALLA 21-01-2020 – 21:15 

Palestra Comunale – Via Roma snc POMPONESCO MN

GAZZE CANOSSA – NUOVA PSA MODENA 79 – 60  

GELSO – UNIONE SPORTIVA AQUILA 53 – 57

SBM BASKETBALL – PALL. REGGIOLO 46 – 86

CLASSIFICA

I Giganti di Modena 22; Gazze Canossa, Cus MO.RE. 20; SBM Modena*, Reggiolo* 18; Jolly Reggio 16; Mabo Pomponesco*, Guastalla*, Campagnola Emilia* 12; Aquila Luzzara 10; Iwons Albinea*, Gelso Reggio 8; Aquile Gualtieri 4; PSA Modena 0.

GIRONE C

GHEPARD BASKET – C.U.S. FERRARA BASKET 72 – 39

(15-10; 44-19; 55-31)

Ghepard: Innamorati 5, Sanmarchi 10, Grillini 13, Aldieri P. 2, Aldieri A.1, Lippa ne, Ferri 2, Rizzardi 10, Gigli ne, Dall’Asta 5, Sanguettoli 12, Rossi PierLudovico 12. All. Rossi Pigi.

Cus Ferrara: Battaglia, Maggini, Danieli A. 4, Fogli 2, Danieli G. 2, Terzi 7, Alassio 8, Gulotta 7, Nativi 2, Bellinazzi, Barcaro, Rossi 7. All. Bani.

PALLACANESTRO SANGIORGIO – LIONS BASKET 75 – 57

(26-14; 44-27; 61-39)

San Giorgio di Piano: Grassi, Giunchedi 8, Solmi 10, Baldazzi 10, Tolomelli 7, Magliaro 5, Savic 5, Morando 8, Neretti 11, Dal Pian 3, Argenti 8. All. Gemelli.

Lions Cento: Fiocchi, Gallerani L. ne, Nannetti 2, Bonazzi 3, Borghi, Cristofori 16, Bonzagni, Guaraldi 4, Guidi 3, Guidetti 1, Passarini 22, Ansaloni 6. All. Alberghini.

DIABLOS BASKET S.AGATA – VIS 2008 01/03/2020 – 18:30

Palestra COMUNALE – Via XXI Aprile 1945 13 SANT’AGATA BOLOGNESE (BO)

PGS IMA – PALL. TEAM MEDOLLA 70 – 49

(15-11; 34-24; 54-38)

Pgs Ima: Demetri 4, Montedoro, Stagnoli 4, Cocchi 8, Martelli 14, Sorghini 5, Natalini, Lugli 16 Nannuzzi, Asciano 10, Tinti 7, Balducci 2. All. Salvarezza.

Medolla: Galeotti F. 4, Marchetti, Nicolini 8, Bega 7, Ceretti 4, Barbieri 11, Balboni 2, Galeotti R. 13, Meschiari. All. Sacchetti.

GALLO BASKET – PALL. FORTITUDO 70 – 63

(27-16; 40-33; 52-45)

Gallo: Corbucci 20, Arisaldi, Buzzolani 18, Degli Esposti, Ramponi N. 9, Da Bellonio 3, Mantovani 2, Calzolari, Di Biase 2, Tartari 4, Cara 10, Ramponi P. 2. All. Cataldo.

Crevalcore: Guido 9, Acciarri 4, Fabbri 3, Terzi 2, Cremonini 4, Candini 6, Govoni 1, Morselli 2, Forni 9, Simoni 9, Lelli 3, Pederzini 11. All. Gobbo.

BIANCONERIBA – DESPAR 4 TORRI 88 – 52

(20-8; 42-21; 68-38)

Baricella: Barbieri 5, Ballarin 2, Frazzoni 8, Sitta 18, Lenzi 4, Pedrielli 10, Villani P. 6, Ricci 13, Oretti 3, Donati 5, Minozzi 14. All. Calandriello.

4 Torri Ferrara: Villani F. 13, Patroncini, Amati, Marianti 4, Oussous 4, Bigoni 6, Volpin 4, Paltrinieri 5, Marongiu, Lombardi 1, Santi 4, Monaldi 11.
All. Moffa.

CLASSIFICA

Ghepard Bologna 20; PGS Ima Bologna, San Giorgio di Piano, Bianconeriba Baricella 18; Medolla 16; Lions Cento 14; Spartans Ferrara, Vis 2008 Ferrara* 12; Diablos Sant’Agata Bolognese*, Cus Ferrara 10; Fortitudo Crevalcore*, Gallo* 2; 4 Torri Ferrara 0.

GIRONE D

OMEGA BASKET – CENTRO MB ARCOVEGGIO 24/02/2020 – 21:45

C.S. VASCO DE GAMA – Via Vasco De Gama 20 BOLOGNA (BO)

NAVILE BASKET – P.G.S. CORTICELLA 83 – 51

(17-15; 41-30; 62-37)

Navile: Maccaferri 17, Romagnoli 16, Credi 16, Boccardo 11, Pasquali 8, Serboni 6, Chiapparini 4, Lazzari 3, Mazzoli 2, Bonvicini, Perrotta. All. Corticelli.

Pgs Corticella: Candini 11, Fiorentini 9, Albazzi 7, Ardizzoni 7, Marcheselli 6, Puzzo 6, Tolomelli 2, Mainardi 2, Valgimigli 1, Brighenti, Gulotta, Mancinelli. All. Lorenzoni.

MONTEVENERE 2003 A.GIORGI – PGS BELLARIA 65 – 72

(15-20; 30-26; 42-46)

Montevenere: Mazzetti 2, Campeggi 3, Cruzat Ja. 1, Testoni ne, Guerrato 6, Cruzat Je. 21, Venturini 3, Fiorentini 12, Pedron 2, Cavana, Zapparoli, Maresi 15. All. Orefice.

Pgs Bellaria: Sudano, Balistreri 7, Ottani 5, Scarenzi 7, Fae 9, Foresti 2, Chili 4, Giorgio 2, Bulgarelli 36. All. Bonini.

HORNETS BASKET BOLOGNA – S. MAMOLO BASKET 67 – 69

(13-18; 28-37; 46-45)

Hornets: Caruso 6, De Leo 9, Fiacchi, Genovese 11, Zambelli 11, Nannetti 18, Ascari 1, Gadani 7, Jelich 2, Marchesi, Bretta ne, Fabulli 2. All. Rocco di Torrepadula.

San Mamolo: Rebeggiani, Mengoli 12, Guidetti 5, Tazzara 22, Quadri S., Bartolini, Placanica 2, Albertazzi 8, Balzan 9, Ceccolini 11, Carioli, Trotta ne. All. Nannetti.

STARS BASKET – VANINI 78 – 64

(27-15; 40-34; 64-52)

Stars: Molise 6, Venturi 7, Somma 14, Barbieri 4, Pomentale 4, Musolesi 5, Ostapyuk 2, Stanghellini 4, Pistacchio, Bordonaro 5, Benfenati 24, Raffaelli 3. All. Piccolo.

Horizon Bk Reno: Sebastianutti 10, Di Stefano 7, Turrini 5, Pretto, Pasquali 2, Baiesi 19, Raimondi, Bottazzi 1, Nasi 10, Maldini 6, Grippo 4, Pace. All. Muscò.

POL. PONTEVECCHIO – ANZOLA BASKET 60 – 68

(20-16; 29-36; 48-49)

Pontevecchio: Di Noto 9, Ricci 9, Canino ne, Venturi 13, Gualandi 6, Scalorbi, Poluzzi 4, Olimbo 5, Mazzacurati 2, Angeletti 7, De Rosa 1, Grilli 4. All. Bonfiglioli.

Anzola: Gobbi 19, Lambertini 12, Violi 10, Gherardi 2, Franchini 3, Di Pasquale 6, Lullo, Cattani ne, Venturi 10, Missoni 4, Cappelli 2. All. Righi.

Il nuovo anno si apre con una vittoria in trasferta per Anzola. A farne le spese una giovane Pontevecchio, che lotta su tutti i palloni, rimane in partita a lungo e poi cede nei minuti finali ad una squadra più esperta.

La partenza dice 2-7 ospiti, con i lunghi anzolesi a colpire da dentro l’area pitturata. I ragazzi di Bonfiglioli reagiscono e, con un parziale di 18-5, ottengono il massimo vantaggio (20-12). Un canestro a fil di sirena di Lambertini riavvicina i biancoblu (20-16). Quintetto piccolo e controparziale ospite di 13-2 e si vola sul 22-29; Anzola ha la palla anche del +10, ma si va all’intervallo lungo sul 29-36. Al rientro i ragazzi di coach Righi mantengono sempre un vantaggio tra i 5 e 7 punti, qualche errore di troppo in attacco e in un amen la Pontevecchio chiude sotto di uno (48-49). Nel quarto tempo si gioca punto a punto, con tanti errori sia da sotto che dalla lunga distanza. Anzola prova a scappare sul 50-56, ma nuovamente i biancorossi padroni di casa ricuciono e vanno avanti (57-56). Gobbi, precisissimo per tutta la serata dall’arco, ne infila un’altra di capitale importanza. Un canestro di Venturi a rimbalzo in attacco e due buone difese di Anzola sui piccoli, permettono a Violi e compagni di chiudere la gara sul +8 (60-68).

CLASSIFICA

San Mamolo Bologna 24; Hornets Bologna 18; C.M.B. Arcoveggio*, Navile Bologna 16; Omega Bologna*, Montevenere Bologna 14; Horizon Bologna, Anzola 12; Stars Bologna 10; PGS Bellaria Bologna 8; PGS Corticella Bologna, Pontevecchio Bologna 4; CSI Sasso Marconi 2.

GIRONE E

MASSA BASKET 2010 – IN FIERI 79 – 64

(17-13; 36-29; 61-53)

Massa Lombarda: Ugulini L. 12, Montanari 14, Orselli, Ugulini V. 5, Berardi L. 17, Brignani, Asioli M. 4, Pinardi 4, Rivola 12, Asioli G.M. 2, Linguerri 7, Spadoni 2. All. Landi.

San Lazzaro: Magni 2, Gianasi 5, Venturoli 5, Lollini 12, Corradini 6, Fornasari 5, Fiordalisi 12, Bosi 2, Minoccheri 1, Bacocco 14. All. Guidetti.

289 ACADEMY – PALL CASTEL S.P.T. 2010 57 – 70

(14-15; 29-30; 43-53)  

Budrio: Zinzi 7, Semilia 10, La Forgia 1, Barone 2, Sarti 11, Gherardi, Natali 20, La Cascia 6, Draghetti, Grilli. All. Baraldi.

Castel San Pietro: Cavina 10, Zuffa 14, Creti T. 14, Mondanelli 11, Pontrelli 5, Cenni 3, Curti 7, Dal Pozzo, Landini, Zaniboni 6, Trivisonno, Pastorelli. All. Creti A.

POL. VIRTUS CASTENASO – MEDICINA BASKET 2007 45 – 68

(15-21; 24-35; 30-47)

Castenaso: Fiolo 9, Magagnoli 2, Brusa 1, Fiusco 2, Tonelli 5, Lombardo N. 10, Sighinolfi 4, Leone 10, Vignudelli, Bedosti 2, Consolo, Lombardo L. All. Pizzi.

Medicina 2007: Bacci 9, Lenzarini 14, Miceli 15, Vignudelli 11, Buscaroli, Pazzaglia 6, Castellari 4, Trippa 4, Martelli 4, Soldi 1. All. Pasquali.

PARTY & SPORT – BASKET A. GARDINI 2001 67 – 56

(20-19; 34-31; 51-45)

P&S Ozzano: Margelli 6, Fabbri, Marcato 4, Tagliati, Avallone 20, Fierro 6, Zerbini 8, Lazzari 4, Migliori 7, Passatempi, Bertarelli 2, Dozza 10. All. Simeone.

Fusignano: Lugaresi 3, Montanari A. 12, Montanari M. 5, Scardovi 12, Dalla Malva 2, Melandri, Zanzi 7, Berardinelli 6, Nigro 3, Vecchi 4, Bertazzoli 2, Pelliccia. All. Ortasi.

BASKET PROJECT – SALUS PALL. BOLOGNA 66 – 59

(25-17; 37-27; 51-50)

Faenza: Albonetti, Ndiaye, Troni 18, Santo 15, Anghileanu, Ragazzi 5, Dal Monte, Pantani 11, Conti 10, Morsiani 7. All. Morigi.

Salus: Tabellini M. 3, Grilli, Tabellini G., Nanni 7, Grassi 13, Chirco 10, Stignani 4, Cocchi 11, Dallacasa 11. All. Nieddu.

POL. DIL. FARO – BASKET GIALLONERO 60 – 61

(17-14; 28-27; 48-48)

Faro Argenta: Baldi 5, Pasetti 18, Cesari, Taglioli 2, Dalpozzo 2, Fuschini, Bonora 5, Porcellini ne, Federici 5, Nicoletti 19, Zanetti 1, Checcoli 3. All. Santoro.

Giallonero Imola: Piani Gentili 14, Nanni ne, Guastamacchia 4, Biavati 4, Militerno ne, Spoglianti 7, Fusella 4, Brusa 3, Vannini 3, Laaboudi 6, Sassi 16. All. Alfieri.

CLASSIFICA

Castel San Pietro 2010 22; Giallonero Imola*, Medicina 2007 18; Faro Argenta*, Project Faenza, Massa 2010 14; Tatanka Imola, Party&Sport Ozzano 12; Salus Bologna 10; Gardini Fusignano, Virtus Castenaso 8; In Fieri Fresk’o San Lazzaro 4; 289 Academy Budrio 0.

GIRONE F

SAN PATRIGNANO – LIVIO NERI 53 – 59

(21-13; 30-32; 44-47)

San Patrignano: Raimo ne, Pesarini 11, Lissandron ne, Lanci 12, Persici ne, Bologna 5, Taddei 3, Romboli 12, Romano 2, Baldassarri 4, Randazzo 4. All. Gregori.

L.N. Cesena: Gollinucci 14, Foschi 10, Syla 6, Ricci G. 1, Ricci G.L. 8, Laghi 2, Manzecchi, Pirazzini 3, Plazzi, Leoni 2, Montanari 2, Lucchi 11. All. Focarelli.

PIRATES – BASKET 2000 44 – 64

(17-14; 28-31; 39-48)

Misano: Cupparoni, Migani 4, Ferri L. 4, Sabattini 6, Boldrini ne, Arduini 2, Gobbi, Bordini 14, Ferri A. 13, Praterlon, Cevoli1. All. Chiadini.

BK 2000 San Marino: Bombini, Giovannini 6, Fiorani 6, Agostinelli Pallottini 8, Pasolini 13, Botteghi 3, Guida, Giancecchi 19, Campajola 9. All. Morri.

EAGLES – LIBERTAS GREEN BK 64 – 56

(20-11; 36-36; 51-47)

Morciano: Bacchini 6, Morelli 9, Guastafierro 4, D’Aurizio 4, Ciotti ne, Tontini 4, Cevoli 1, Ricci 12, Rossi, Cenci 17, Tagliaferri 7. All. Villa.

Green Forlì: Gnini 9, Brunetti J. 4, Gavelli 6, Vadi 3, Galeotti 12, Fossi, Brunetti N. 6, Panzavolta 6, Bessan 10, Graziani ne. All. Laghi.

SPORTING CLUB CATTOLICA – FISIOKINETIC 81 – 55

(22-12; 42-25; 61-41)

Cattolica: D’Orazio 6, Crugnale ne, Ugolini 2, Cavazzini 2, Bergna ne, Adanti 21, Cavoli 11, Ciandrini 3, Massanelli 4, Siracusa 24, Simoncini Fuzzi 2, Bacoli 6. All. Cotignoli.

Coriano: Buscherini, Bigini G. 7, Ceccolini 2, Pirani 6, Casadei 12, Bigini A. 9, Chistè M. 7, Caccioppoli 2, Ortenzi 2, Thiam 4, Zavatta 4, Casali. All. Chiste C.

FADAMAT BK – ARTUSIANA BK FORLIMPOPOLI 59 – 50

(17-9; 31-29; 47-36)

Fadamat Rimini: Cardinali 15, Ferrini 12, Stabile 8, Magnani 8, Zaghini 5, Serpieri 5, Del Fabbro 4, Accardo 2, Muccioli, Borelli, Toni. All. Podeschi.

Forlimpopoli: Tiselli, Gasperini G. 27, Spisni ne, Attanasio, Maltoni 6, Vitali 3, Alberti, Zammarchi 4, Gasperini A. 1, Quercioli, Marzolini 9. All. Grilli.

TIGERS BASKET 2014 – CRAL E. MATTEI 51 – 58

(7-14; 26-30; 34-44)

Tigers Forlì: Valgimigli 1, Biondi 11, Ruffilli ne, Plachesi 7, Boi, Poggi 3, Bergantini 7, Valpiani 5, Chezzi 13, Dall’Agata 4. All. Lapenta.

Spem Ravenna: Angeli 18, Bomben ne, Polyeschuk 10, Bramante ne, Munteanu 4, Molea 2, Caccamo 8, Bindi 13, Camassa 3, Niang, Isidori ne, Ferizi. All. Borghi.

CLASSIFICA

BK 2000 San Marino 18; Aics Forlì*, Fadamat Rimini 16; Artusiana Forlimpopoli**, Libertas Green Forlì, Cral Mattei Ravenna*, Livio Neri Cesena 14; Fisiokinetic Coriano, Eagles Morciano, S.C. Cattolica 8; San Patrignano, Tigers Forlì**, Pirates Misano 6.

Serie B, Piacenza ufficializza l’approdo del pivot bulgaro Vangelov

La Bakery Piacenza comunica di aver sottoscritto un contratto per il finale della stagione 2019/2020 con l’atleta Nikolay Vangelov. L’atleta bulgaro è un centro di 212 cm che possiede una grande prestanza fisica, soprattutto all’interno dell’area piccola.

Nikolay nasce nella capitale bulgara Sofia il 15 febbraio 1996. Dopo gli inizi di carriera a San Severo e al Nord Barese, Vangelov si trasferisce alla PMS Moncalieri per una stagione (2014/2015) divisa tra la Serie C e la DNG. Nella stagione 2015/2016 con la maglia della Junior Casale arriva l’esordio in Serie A2 per poi passare nell’estate del 2016 all’Eurobasket Roma, sempre in A2 e, successivamente, venire ceduto a gennaio, a Palestrina, in Serie B. Nella stagione 2017/2018, il lungo bulgaro non è riuscito ad evitare la retrocessione in Serie B con il Cuore Napoli, nonostante le buone medie tenute: 6,3 punti e 3,4 rimbalzi in 17 minuti di impiego medi. La scorsa stagione ha giocato a Piacenza, sponda Assigeco, con la quale ha affrontato i biancorossi in entrambe le partite di serie A2 (per lui 2 punti nel derby di ritorno), per poi a fine stagione ritornare in Bulgaria. In questa prima parte di stagione ha militato nel Balkan, collezionando presenze in Champions League e nel campionato bulgaro. Vangelov, inoltre, nonostante la giovane età, vanta già svariate presenze con la Nazionale bulgara

Under 15 Maschile, l’Emilia Romagna vince il “Fabbri”. U14 femminile, secondo posto per le biancorosse

Lo ammettiamo: ci avevamo fatto la bocca. Ma l’Emilia-Romagna festeggia lo stesso, perché il torneo Under 15 maschile del “10° Memorial Mario Fabbri” è stato vinto dall’Emilia-Romagna, ma ha fallito il bis, più per merito delle Under 14 della Campania che per demerito delle biancorosse. Per i ragazzi classe 2005 una bella rivincita, dopo il terzo posto all’ultima edizione del Trofeo delle Regioni, mentre per le 2006 c’è ancora tempo e l’appuntamento va, a meno di cambiamenti dell’ultima ora, per l’edizione 2021 del TdR.

TORNEO MASCHILE
EMILIA ROMAGNA – LOMBARDIA 77 – 66
(24-20; 35-33; 55-47)
Emilia-Romagna: Ebeling (Vis 2008) 3, Ramponi (Benedetto 1964) 20, Lazzari (Baskers) 13, Ciobanu (Virtus), Macaru (Santarcangelo), D’Agnano (Crabs) 5, Gregori (Junior Basket), Galantini (Benedetto 1964) 13, Diop (Academy Basket) 7, Caramella (Baskers), Yarbanga (Vis 2008) 5, Bellini (Junior Basket) 11. All. Brochetto.
Lombardia: Tanfoglio 3, Zhao 20, Mandelli 4, Dall’Omo 6, Coghi ne, Colombo, De Martin 9, Stanzione, Dembelè 20, Oberti, Belotti 2, Greppi 2. All. Saibene.

Quattordici triple (sei del play Ramponi) sono il marchio di fabbrica del successo della selezione biancorossa contro la sempre quotatissima Lombardia. Match quasi sempre in mano ai padroni di casa, ma decisosi sono nell’ultima frazione, quando le sei bombe, unite ad un’ottima difesa, hanno fatto la differenza.
La cronaca: pronti, via e 6-0 con quattro punti del pivot Yarbanga. Missili di Ramponi (2) e Bellini e vantaggio che saliva sul 15-4. I biancoverdi si appoggiavano sul bravissimo Zhao (10 punti nel periodo) e rientravano a -2, sul 22-20. Nell secondo quarto Emilia-Romagna a +5 (30-25), poi un lungo passaggio a vuoto (quasi cinque minuti), con gli ospiti che sorpassavano sul 30-33, fallendo, però, quattro liberi pesantissimi. Nuovo strappo biancorosso nella ripresa (47-36 al 25’), ma la Lombardia non arretrava di un centimetro e a 7’ dalla fine, il tabellone segnava 57-54. Qui, la svolta: canestri da tre punti di Lazzari (2), Ramponi (2) e 69-57. La mazzata finale, sempre dai 6.75, arrivava da Bellini e ancora da Ramponi (75-61). Finale senza particolari emozioni, con l’Emilia-Romagna che festeggiava questo importante successo.

TORNEO FEMMINILE
CAMPANIA – EMILIA ROMAGNA 61 – 53
(16-17; 30-32; 40-42)
Campania: Prete 2, Capuozzo, Di Fronzo, Carillo 1, Esposito 4, Bocchetti 6, Infante 19, Castellano 4, Gesuele 21, Pugliese, Moretti 4, Chiovato. All. Di Pace.
Emilia-Romagna: Albieri (Pontevecchio) 2, Capelli (Scandiano) 3, Ruffini (Bsl), Gori (Hellas) 8, Castelli (Bsl) 9, Cavalli (Monte San Pietro) 15, Pratelli (Happy Basket), Mandini (Peperoncino) 4, Diacci (Cavezzo) 2, Piatti (Scandiano) 10, Longeri (Piacenza B.C.), Mkpanam (Magik Rosa). All. Arnetoli.

S’interrompe, nell’appuntamento decisivo, il sogno delle nostre Under 14 di vincere il “Fabbri”. La Campania, grazie ad un importante rush finale, ci ha sconfitto per 61-53 e porta meritatamente a casa l’alloro. Per le biancorosse, comunque, un torneo ampiamento positivo, con un record di 4 vittorie ed una sola sconfitta.
La finale era iniziata a strappi: 2-5, poi una tarantolata Gesuele segnava il suo sesto punto che equivaleva al 6-5; a seguire, break biancorosso, con 6 punti della Cavalli per il 6-12 al 4’. Poker di Bocchetti e 10-12, poi tanta fatica in attacco per entrambe le formazioni e prima frazione che terminava sul 16-17, con l’Emilia-Romagna che realizzava solo dalla lunetta (5/8). Il secondo quarto iniziava bene per le ragazze dell’Arnetoli (16-21, canestri di Diacci e Cavalli), ma la Campania reagiva nel momento che la sua stellina Gesuele era in panchina per rifiatare. Morale: 23-21. Poi, clamorosa svista del tavolo, che dava un canestro di Piatti (23-23) anche alla Campania. Stop della partita, ma il punteggio rimaneva 25-23. La pausa bloccava per alcuni minuti le nostre ragazze, che scivolavano sul -6 (29-23), poi, grazie alle forze fresche entrate dalla panchina, break di 1-9 e tabellone che segnava 30-32 all’intervallo lungo. Nella ripresa, per quasi nove minuti, l’Emilia-Romagna raccoglieva, in attacco, solo delle briciole e così le campane mettevano meritatamente la freccia (40-35). Strepitosi gli ultimi novanta secondi, con una tripla mentalmente fondamentale di Castelli e punteggio di 40-42 al 30’. Gli ultimi dieci minuti erano una lunghissima volata: 42-46 al 33’, 47-46 un minuto più tardi. 47-50 al 35’, ma 51-50 meno di sessanta secondi dopo, con una Gesuele immarcabile. Un piazzato di Prete e l’ennesima percussione di Infante valevano il +4 campano (55-51 a 38’). Le biancorosse subivano psicologicamente e “le padrone di casa” chiudevano i conti con Gesuele e ancora Infante (59-51 a -1’41”). Alla sirena punteggio di 61-53, con la Campania che festeggiava in mezzo al campo un successo, forse, insperato, alla vigilia della manifestazione.

I Baskers Forlimpopoli vincono nettamente la “Coppa Marchetti”

SEMIFINALI

BASKERS – CASTIGLIONE MURRI 79 – 73
(19-17; 47-33; 64-55)
Baskers Forlimpopoli: Gorini 5, Rossi 17, Squarcia, Cristofani 14, Biffi 5, Adamo ne, Piazza 18, Servadei 8, Serrani 8, Torelli 2, Godoli 2, Stella. All. Agnoletti.
Castiglione Murri Bologna: Melino 9, Buriani 8, Costantini 3, Gandolfi 11, Varotto 12, Mantovani 8, Bersani 7, Casarini 3, Bartolini 2, Brancaleoni 10, Parchi. All. Gessi.

I Baskers si vendicano dell’unica sconfitta interna del campionato e conquistano, meritatamente, la finale della “Coppa Marchetti”. La formazione di Forlimpopoli ha, infatti, sconfitto il Castiglione Murri per 79-73, al termine di 40’ quasi sempre condotti. Rossi e Piazza sono stati decisivi nel secondo quarto, il periodo che ha fatto veramente la differenza, ma sarebbe ingeneroso dimenticarsi della prestazione difensiva dei tanti giovani messi in campo da coach Agnoletti. E pensare che è ancora fuori “Sua Maestà” Rodolfo Rombaldoni! Dall’altra parte, i bolognesi non hanno demeritato, ma sono mancati in continuità.
L’avvio era stato decisamente equilibrato, con vantaggi minimi su entrambe le sponde: Servadei e Varotto erano stati i primi a mettersi in evidenza, ma l’attacco dei romagnoli coinvolgeva più giocatori e alla prima pausa il tabellone segnava 19-17. L’inerzia cambiava sul 22-21 del 12’: era un gioco da tre punti di Servadei a mettere in moto tutta l’onda d’urto dei Baskers, che trovavano in Rossi il killer dalla lunga distanza. Il numero 4 colpiva dai 6.75, prima per il 30-23 e poi per il 37-28, nell’unico momento di reazione del Castiglione Murri (bene Gandolfi). Il pivot bonsai Piazza era immarcabile e si arrivava, così, sul 42-28 del 17’ con la quarta bomba del solito Rossi. Il +14 veniva confermato dal secondo suono della sirena (47-33). Ripresa: pronti, via e 52-35 (canestro di Piazza e tripla di Cristofani). Era il play Melino, insieme a Brancaleoni, a regalare nuova verve ai granata che rimanevano attaccati, con i denti, alla partita (59-51 al 27’). Missile di Cristofani e 69-55, ma Costantini rispondeva, sempre dalla lunga distanza, per il 69-60 del 34’. Nuova spallata Baskers (77-62 a -4’), ma il Castiglione Murri non è quarto in classifica, nel girone B, per caso e rientrava a -6, sul 77-71 (bomba di Varotto) e palla in mano. La conclusione del possibile -3, a meno di un minuto dalla fine, scheggiava appena al ferro e per i romagnoli poteva iniziare la festa.

PEPERONCINO – SCANDIANO 2012 54 – 68
(16-27; 30-41; 41-59)
Mascarino: Vinci, Bartolozzi 9, Tosarelli, Patrese 5, Monari A. 6, Bianchini 7, Cilfone 3, Brochetto D. 10, Manzi 8, Orsini, Vannini 6. All. Brochetto L.
Scandiano: Mammi 1, Catti, Rivi, Belli Ekolongo 11, Taddei 10, Bartoccetti 2, Turrini, Fikri 7, Di Micco 2, Vanni 17, Corradini 8, Fontanili 10. All. Baroni.

Come era accaduto nella gara d’andata del campionato, lo Scandiano ha avuto abbastanza facilmente ragione del Peperoncino. Se i reggiani sono ancora imbattuti (18/18 tra Serie D e Coppa), un motivo ci sarà. E non solo perché la formazione di Baroni dispone di due crack per la categoria come Bartoccetti (stasera invisibile) e Vanni (devastante), ma perché tutto il gruppo gira che è una meraviglia, con una particolare attenzione alla fase difensiva.
I reggiani avevano subito preso in mano le redini dell’incontro, anche se i felsinei avevano fatto gara pari fino al 14-16 del 6’, grazie anche a due triple dello specialista Bartolozzi. A fare la differenza, nella seconda parte del quarto, non era la coppia Bartoccetti-Vanni, bensì il play Taddei e gli esterni Fontanili e Corradini (20 punti in tre). Nella seconda frazione il Peperoncino (bene il giovane lungo Vannini) si riportava ad un possesso pieno di distanza (29-32, bomba di Brochetto), ma, dopo il time out chiamato da coach Baroni, ecco il nuovo allungo di Scandiano, propiziato da uno straripante Vanni e da uno 1/5 dalla lunetta di Cilfone. Morale della favola: 30-41 al 20’. Ripresa a senso unico: mentre il team di Mascarino fatica enormemente a trovare la via del canestro, i reggiani, appoggiandosi al totem Vanni, allungavano, toccando prima le diciannove lunghezze di vantaggio sul 35-54 al 26’ (bene Fikri), poi il +22 al 28’ con Belli Ekolongo (37-59). Scandiano staccava la spina in attacco ed il Peperoncino riduceva lo svantaggio (44-61 al 34’) anche grazie la zona, ma il finale non regalava più nessuna particolare emozione se non il massimo vantaggio “esterno” (44-68 al 38’) ed il successivo parziale di 10 a 0 che addolciva la sconfitta.

FINALE

BASKERS – SCANDIANO 2012 78 – 54
(22-17; 46-27; 64-41)
Forlimpopoli: Gorini 10, Rossi 12, Squarcia, Cristofani 23, Biffi 5, Adamo, Piazza 9, Servadei 6, Serrani 10, Torelli, Godoli 3, Stella. All. Agnoletti.
Scandiano: Mammi 10, Catti, Rivi 6, Belli Ekolongo 9, Taddei 8, Turrini, Di Micco 1, Vanni 12, Corradini 4, Fontanili 4. All. Baroni.

I Baskers Forlimpopoli s’iscrivono nell’albo d’oro della Coppa Marchetti, manifestazione, ad eliminazione diretta, riservata alla 32 squadre iscritte al campionato regionale di serie D. I romagnoli hanno dominato la finale, approfittando anche delle importanti assenze in casa Scandiano2012 (Fikri e, soprattutto, il leader Bartoccetti, entrambi influenzati) e potranno sperare, volendo, di essere ripescati in C Silver, se non accederanno, attraverso il campionato, nel campionato superiore. Difficile trovare un migliore in campo, ma votiamo Cristofani che è stato fondamentale nel periglioso avvio, oltre ad essere il top scorer della partita. Per la formazione di coach Baroni è la prima sconfitta della stagione in una gara ufficiale.
E pensare che erano stati i reggiani a scattare meglio dai blocchi (4-9 al 3’ con 5 punti di Taddei), ma, pian piano, i romagnoli prendevano in mano le redini dell’incontro e mettevano la freccia con la tripla di Cristofani (16-15 all’8’). Scandiano faticava enormemente in attacco, anche perché il totem Vanni era spesso accerchiato. I Baskers trovavano linfa vitale da Gorini prima e Serrani poi ed il solco si allargava inesorabilmente (28-17 al 12’). Bombe di Servadei e Biffi e tabellone che segnava 38-21 al 15’. Poi era il turno di Piazza a rispondere presente in attacco (43-25). Nella ripresa subito uno-due, dai 6.75, di Rossi e Cristofani (52-29 al 21’). Poi, altra tripla, di Godoli, infortunio a Fontanili e quarto fallo (tecnico) a Vanni. Gorini siglava il +28 (58-30) al 24’ e chiudeva virtualmente la sfida. Scandiano, però, reagiva (60-39 al 26’), ma era una rimonta più figlia del cuore che del cervello. Ultimi dieci minuti senza particolari emozioni, con i due allenatori che davano spazio alle rispettive panchine. Da segnalare, soltanto, il massimo vantaggio eguagliato al 37’ (78-50) e la tenacia dei reggiani che hanno lottato fino all’ultimo possesso.

C Silver, Ansaloni e Braidotti nuovi timonieri di Castelfranco e Fidenza

L’A.D. Basket Pol. Castelfranco comunica di aver affidato la conduzione tecnica della prima squadra a Matteo Ansaloni.

Ansaloni, già responsabile del settore giovanile del Basket Castelfranco dalla stagione 2015/2016 e primo allenatore della formazione under 18 targata Borghi Spa Castelfranco, viene, così, promosso alla guida della prima squadra, continuando ad esercitare i ruoli prima citati.

Arrivo con umiltà in Serie C e la consapevolezza che la squadra è in difficoltà di risultati – ha dichiarato il neo coach, continuando – l’obiettivo in questa seconda parte di stagione, sara’ quello di portare serenità ed intensità al gruppo, magari divertendoci in campo. Ovviamente il lavoro sarà difficile e dovremo non guardare la classifica e rimanere concentrati su noi stessi”.

Coach Ansaloni sarà coadiuvato da Gianluca Vannini e Alex Lenzarini che continueranno a svolgere rispettivamente, il ruolo di vice allenatore e preparatore atletico.

Cambio in panchina, sempre in C Silver, anche a Fidenza. Davide Cavalieri dopo la sconfitta ad Argenta, è stato esonerato e al suo posto subentra Cristian Braidotti, responsabile tecnico del settore giovanile e coach della Under 14 Elite. Il tecnico friulano vanta nel suo curriculum numerose esperienze come assistente a livello senior. In Serie B a Cividale, Spilimbergo e Montichiari. Infine a Udine, nelle stagioni dal 2015 al 2018, prima in Serie B e poi in A2.

Serie B, brutto ko per i Raggisolaris. Bene Tigers e RBR. Cento alle Final8 di Coppa

SERIE B/C 15° Giornata

TERAMO BASKET 1960 – REKICO 81 – 69

(24-13; 43-33; 59-47)

Teramo Banach 4, Montanari, Cucchiaro 11, Lestini 13, Massotti, Rossi, Del Sole 6, Matic 5, Forte 11, Di Bonaventura 31. All. Cilio.

Faenza: Anumba 10, Rubbini 15, Oboe, Zampa, Calabrese 2, Tiberti 2, Bruni 11, Mazzotti, Sgobba 22, Petrucci 7. All. Friso.

Il 2020 non inizia nel migliore dei modi per la Rekico, caduta in casa a Teramo per colpa di una serata da dimenticare, dove non ha mai mostrato il suo vero volto e quel gioco di squadra che le ha permesso di brillare nelle ultime settimana. Disattenzioni difensive, poca concentrazione e tanti errori sono stati il filo conduttore di un match in cui i faentini hanno dovuto sempre inseguire, non riuscendo mai ad agganciare gli avversari.

La Rekico entra in campo con l’atteggiamento sbagliato, subendo un break iniziale di 9-2, trovandosi in pochi minuti sotto 21-12, subendo fin troppo gli attacchi di Di Bonaventura, micidiale da ogni posizione. Il primo quarto termina 24-13 con 7 dei 13 punti dei romagnoli arrivati dalla lunetta, poi c’è la reazione. Tre triple consecutive consentono di riaprire i giochi sul 26-22, ma l’Adriatica Press non crolla e ritornare ad avere un vantaggio intorno alla doppia cifra. Faenza non molla e questa volta si spinge fino al 36-33. Sembra che l’aggancia sia ad un passo, ma la solita difesa poco lucida permette a Di Bonaventura (25 punti nel primo tempo) di scavare ancora il solco fino al 43-33 dell’intervallo. La pausa porta consiglio ai Raggisolaris, che rientrano in campo con il giusto atteggiamento piazzando un break di 7-0, non riuscendo, però, ad invertire il trend del match. Teramo colpisce ancora con canestri ben costruiti e questa volta è Forte, a suon di triple, a far volare i suoi, portandoli al 55-40, massimo vantaggio abruzzese del match. Il copione continua così ad essere il solito: la Rekico prova a recuperare terreno trovando sempre davanti una Teramo attenta e precisa, poi, negli ultimi minuti, i faentini provano il tutto e per tutto. Bruni e Rubbini regalano il 67-61 al 37’, poi il canestro respinge la conclusione di Tiberti del possibile -4 e con questo episodio iniziano i guai. Liberi sbagliati e palle perse non consentono l’aggancio e così Teramo può chiudere i conti, mantenendo lucidità e trovando dalla lunetta i liberi che le valgono la meritata vittoria.

PREMIATA – TRAMEC 75 – 78

(19-24; 37-46; 54-64)

Montegranaro: Lupetti 8, Ragusa 2, Villa 14, Di Angilla, Jovovic 3, Ciarpella F. 4, Caverni 12, Panzieri 13, Polonara 19, Lucangeli ne. All. Ciarpella.

Cento: Paesano 8, Moreno 11, Leonzio 2, Rossi 14, Morici 4, Fallucca 16, Ranuzzi 16, Vitale 7, Idrissou ne, Venturoli ne, Roncarati ne. All. Mecacci

GIULIANOVA BASKET 85 – AMADORI 56 – 82

(8-23; 29-39; 40-63)

GiulianovaPiccone 15, Hidalgo 14, Nikola, Fall 5, Cianella, Recchiuti ne, Sebastianelli, Piccoli, Chiti 14, Gobbato 8. All. Ciocca.

Tigers Cesena: Papa 9, Trapani, 8, Rossi, Battisti 14, Hajrovic 6, Guidi, Frassineti 10, Planezio 8, Scanzi 5, Chiappelli 13, Brkic 9. All. Di Lorenzo.

BAKERY – LUCIANA MOSCONI 82 – 67

(19-16; 39-32; 59-50)

Piacenza: Udom 14, Pedroni, Artioli 5, Perin 14, Chiozza, Bruno 10, De Zardo 23, El Agbani, Cena 6, Birindelli 10. All. Campanella.

Ancona: Demarchi ne, Centanni 13, Ferri 10, Quaglia 6, Monina ne, Timperi 16, Ianelli 5, Baldoni 12, Gueye, Rinaldi 5. All. Rajola.

La Bakery fa 8 su 8 nel suo fortino, vincendo 82-67 contro Ancona. Una partita che gli uomini di Campanella hanno condotto per la maggior parte del tempo, portando ben 5 uomini in doppia cifra. De Zardo con 23 punti e uno splendido Liam Udom (14 pt.) sono i mattatori del match che ha regalato tantissime emozioni. Purtroppo i biancorossi non riescono ad accedere alle Final Eight di Coppa Italia, vista la vittoria esterna di Cento sul campo di Monegranaro.

Piacenza si presenta al primo incontro del 2020 con il quintetto Perin, Artioli, Bruno, De Zardo e Birindelli. Nei primi dieci minuti i ritmi non sono alle stelle, con le due squadre che si studiano, rimanendo quasi sempre incollate con il punteggio. Apre De Zardo con 4 punti, seguito da Artioli e Perin. I marchigiani stanno sul pezzo, ribattendo colpo su colpo fino alle due triple di Ferri e Centanni che sanciscono il primo sorpasso ospite: 11-14. Qui sale in cattedra un formidabile Marco Perin, che sigla 8 punti consecutivi, schiantando la difesa di Ancona fino al 19-16. Nella seconda frazione c’è l’esplosione di un solo giocatore: Liam Udom. Il classe 2000 piazza otto punti caratterizzati da prestanza fisica, schiacciate e precisione ai liberi. Dall’altra parte, Ferri e Rinaldi si dilettano con la tripla, non facendo fuggire la Bakery col punteggio. Gli argentini Bruno e Cena infilano il 34-29 con gli ospiti, ora, in difficoltà. Perin, con una magica tripla, piazza il 13esimo punto personale ed il +8, seguito da una schiacciata del solito De Zardo. A ridosso della sirena Timberi infila la tripla del -7: 39-32. Il terzo quarto lo sblocca Artioli con una tripla, ma Iannelli risponde con la stessa arma. De Zardo raggiunge la doppia cifra con l’ennesima schiacciata, seguito da Cena e la super tripla di Udom che spediscono la Bakery a +12. Ancora Udom firma il cartellino e da qui Ancona comincia a fare la voce grossa, recuperando palloni e macinando punti fino al 59-50, con Timberi grande protagonista. L’inizio degli ultimi dieci minuti è all’insegna dell’equilibrio. Ancona è esausta e qui esce il talento piacentino che schianta definitivamente la squadra ospite. De Zardo, autore di 23 punti, fa quello che vuole in area, schiacciando al ferro più volte. Raggiungono la doppia cifra anche il capitano Birindelli e Tato Bruno, che incrementano il vantaggio ai danni di un’Ancona che non ne ha più. Nel finale c’è spazio per El Agbani e l’esordio di Chiozza, fino alla sirena che sancisce il finale: la Bakery trionfa 82-67.

ESA LUCE + GAS – SINERMATIC 84 – 69

(29-17; 49-27; 65-59)

Chieti: Insegno ne, Meluzzi 17, DI Carmine 12, Gialloreto 9, Mijatovic ne, Rezzano 9, Giannini ne, Stanic 14, Ponziani 6, Ruggiero 17, Raicevic, Sanna. All. Sorgentone.

Flying Balls Ozzano: Morara 10, Chiusolo 13, Mastrangelo, Corcelli 16, Iattoni 6, Folli 2, Favali 5, Dordei 14, Lolli ne, Galassi ne, Montanari, Crespi 3. All. Grandi.

Inizia con una sconfitta il 2020 dei New Flying Balls che, nell’ultimo turno d’andata, in quel di Chieti, cedono per 84 a 69; un match quello del PalaTricalle fatto di parziali e strappi, con Ozzano che prima è sprofondata a -22, poi è splendidamente risalita fino al -3 e, complice la forza ed esperienza dei giocatori del roster teatino, nell’ultimo periodo si è reindirizzato verso la squadra di casa. Sinermatic ancora senza Galassi, in panchina solo ad onor di firma, mentre è in recupero Mastrangelo, che ha giocato qualche minuto munito di maschera di protezione.

Riccardo Iattoni da 3 punti apre la danze dell’incontro, ma Chieti non tarda a mostrare i muscoli e si dice pronta alla battaglia, rispondendo con un sonoro 9-1 di parziale firmato dal duo Ruggiero-Stanic. Le triple di Favali e Chiusolo tengono Ozzano a ridosso dei padroni di casa (11-10 al 4’), ma le percentuali al tiro abruzzesi sono altissime. Dopo il 16-14 firmato Crespi, nuovo parziale di Chieti (9-0) che sfrutta percentuali al tiro altissime (Ruggiero e Stanic segnano in due 21 punti nella prima frazione), complice una difesa di Ozzano non proprio aggressiva come nelle recenti belle uscite. Il primo quarto va in archivio con la Esa Italia avanti 29 a 17, troppi i punti concessi alla squadra di casa che, nel secondo periodo, continua a macinare gioco e canestri. Gialloreto da fuori fa +15, mini risposta ozzanese con Corcelli e Morara per il -11 Flying, poi nuovo massimo vantaggio Chieti, con tre bombe consecutive del giovane pimpante Meluzzi (43-21 al 14’). Dopo 16 minuti i padroni di casa pescano, con Stanic e Ponziani, il +21 (45-24) e continuano ad infilare canestri (oltre il 50% dall’area, addirittura oltre il 70% da fuori prima di qualche errore nel finale). Nell’ultimo periodo la difesa ozzanese comincia a prendere le misure e concede meno tiri aperti agli abruzzesi. Le percentuali al tiro degli ospiti, però, sono modeste e negli ultimi minuti del quarto i Flying realizzano solo 3 punti. Tutto questo comporta che, alla pausa, Chieti è avanti 49 a 27. La partita pare in mano alla squadra di coach Sorgentone, ma nella terza frazione la musica cambia: canestro di Chiusolo, tripla di Iattoni, canestro di Corcelli, rubata e appoggio al vetro del capitano Sinermatic e 0-9 di parziale Ozzano che vale il -13 (49-36) e il time-out di Chieti. Due triple consecutive di Gialloreto danno ossigeno agli abruzzesi, ma l’inerzia continua ad essere tutta di Ozzano. In quattro minuti, merito di una splendida difesa che sporca ogni azione offensiva teatina e a un attacco finalmente efficace (canestri a raffica di Dordei, Corcelli, Morara e Chiusolo), la Sinermatic fa 0-15 di parziale e dal 55 a 36 si trova clamorosamente sul -4 (55-51) al 26’, con Chieti che deve fare a meno di Ruggiero e Ponziani limitati dai falli (4 a testa). Il parziale ozzanese viene interrotto da un piazzato di Rezzano (57-51) e, dopo il canestro di Dordei, è Di Carmine dalla lunetta a fare 4/4 in due azioni per il nuovo +8 Chieti. Morara incrementa il proprio scorer (a fine serata sarà doppia doppia con 10+10), Di Carmine finalizza il +9 Teate prima della tripla di capitan Corcelli per il -6 all’ultimo mini break (65-59). L’ultimo nonché decisivo quarto si apre con entrambe le squadre che sbagliano diverse soluzioni. Il primo a sbloccare la situazione è ancora Corcelli che, dai 6,75, riporta Ozzano ad un solo possesso di ritardo (65-62 al 32’). Il giovane Meluzzi ritrova la via del canestro e da ossigeno ai propri compagni, dalla lunetta Favali trova il nuovo -5, ma, come era già successo nel terzo periodo, l’inerzia in favore della Sinermatic viene bruscamente interrotta dall’esperienza di Massimo Rezzano che, dalla lunga distanza, fa esplodere il PalaTricalle per il +8 Chieti a 6′ dalla fine (71-63). L’inerzia si capovolge, nell’azione successiva Chiusolo perde palla e Corcelli commette fallo antisportivo. In un amen, Chieti si trova a +12 (ancora Rezzano dal pitturato). Coach Grandi si rifugia nel time-out, ma per gli abruzzesi il giovane Meluzzi si candida MVP della serata (17 punti in totale) con due canestri che valgono il +16 e l’allungo definitivo verso la vittoria. Negli ultimi 180 secondi Ozzano trova in attacco due punti con Dordei (schiacciata) e poco altro, alla sirena finale sarà 84 a 69 per il Teate Basket  che porta a casa, con merito, i primi due punti del 2020.

ROSSELLA – ALBERGATORE PRO 76 – 81

(21-20; 40-47; 52-60)

Civitanova: Amoroso V. 25 (6/9, 2/4), Trapani 15 (3/5, 2/10), Rocchi 13 (3/4, 2/4), Vallasciani 8 (4/5, 0/1), Amoroso F. 6 (1/3, 1/4), Felicioni 5 (1/2, 1/3), Pierini 2 (1/1, 0/1), Alessandri 2 (1/1, 0/3), Montanari ne, Cimini ne. All. Domizioli.

R.B. Rimini: Moffa 21 (6/8, 3/6), Broglia 16 (4/8, 2/2), Ambrosin 13 (4/5, 1/4), Pesaresi 13 (2/4, 2/5), Rinaldi 7 (2/9, 1/2), Bedetti L. 6 (3/6, 0/3), Rivali 5 (1/3), Bianchi (0/1, 0/1), Vandi ne, Chiari ne, Ramilli ne, Bedetti F. ne. All. Bernardi,

GOLDENGAS SENIGALLIA – RISTOPRO FABRIANO 63 – 64

AURORA BASKET JESI – PORTO S.ELPIDIO BASKET 76 – 68

CLASSIFICA

PGVP%
Ristopro Fabriano261513286.7
Tramec Cento241512380.0
Bakery Piacenza221511473.3
Amadori Tigers Cesena201510566.7
Albergatore Pro Rinascita Basket Rimini201510566.7
Esa Italia Chieti16158753.3
Sinermatic Ozzano16158753.3
Rossella Virtus Civitanova Marche16158753.3
Aurora Basket Jesi14157846.7
Sutor Premiata Montegranaro12156940.0
Rekico Faenza12156940.0
Goldengas Pallacanestro Senigallia12156940.0
Giulianova Basket 85101551033.3
Luciana Mosconi Ancona81541126.7
Adriatica Press Teramo Basket 196081541126.7
Porto Sant’Elpidio Basket41521313.3

“U16 Malaguti”, a festeggiare è l’Oxygen Bassano

Si è aperta con la netta vittoria ottenuta dalla BSL CMO Project padrona di casa a spese di Pesaro la trentunesima edizione del Trofeo Bruna Malaguti. La prima giornata della manifestazione è poi proseguita con la combattutissima e spettacolare sfida del PalaYuri tra la Oxygen Bassano e la Virtus Siena, vinta dai veneti al fotofinish. Vittorie di grande peso specifico anche per Progetto Giovani Cantù e Armani AX Milano che hanno battuto rispettivamente Reyer Venezia e Novipiù Casale College. Successo al supplementare – il primo della manifestazione – per la Virtus Bologna che ha piegato l’Alfa Omega Roma dopo aver recuperato 18 lunghezze di svantaggio, mentre l’esordiente Uniobasket Maddaloni ha superato nettamente il Petrarca Padova. Infine la Fortitudo103 Academy ha sconfitto in scioltezza la Pallacanestro Trieste nell’ultimo match di giornata.

GIOVEDI’ 2 GENNAIO

BSL CMO Project – Victoria Libertas Pesaro 85-56  
Pallacanestro Vado – Basket Brescia Leonessa 83-74  
Reyer Venezia – PGC Cantù 73-87  
Oxygen Bassano – Virtus Siena 73-68  
Armani AX Milano – Novipiù Junior College 77-54  
Virtus Bologna – Alfa Omega Roma 88-84 dts  
Petrarca Padova – Uniobasket Maddaloni 47-58  
Pall. Trieste – Academy Fortitudo Bologna 49-71

VENERDI’ 3 GENNAIO

A conquistare uno spot tra le prime otto squadre del torneo sono state la BSL CMO Project padrona di casa, che ha battuto nettamente l’Armani AX Milano, e Pallacanestro Vado, PGC Cantù e Academy Fortitudo Bologna. Domattina si giocheranno poi i quattro spareggi che metteranno in palio gli ultimi posti ai quarti e daranno alle otto squadre in gara la possibilità di continuare ad inseguire la vittoria finale. Si preannuncia piuttosto interessante anche il mini-tabellone che vedrà impegnate Reyer Venezia, Virtus Siena, Uniobasket Maddaloni e Alfa Omega Roma. E’ tutto pronto, insomma, per un’altra giornata ricca di spettacolo.

Victoria Libertas Pesaro – Novipiù Junior College 80-68
BSL CMO Project – Armani AX Olimpia Milano 83-69
Basket Brescia Leonessa – Alfa Omega Roma 82-53
Pallacanestro Vado – Virtus Bologna 98-79
Reyer Venezia – Petrarca Padova 58-76
PGC Cantù – Uniobasket Maddaloni 73-51
Virtus Siena – Pallacanestro Trieste 62-67
Oxygen Bassano – Academy Fortitudo Bologna 56-67

SABATO 4 GENNAIO

La terza giornata della manifestazione ha infatti incoronato le quattro squadre che domani disputeranno le semifinali al PalaYuri alle 18 e alle 20. Le “magnifiche quattro” sono Armani AX Milano, Oxygen Bassano, PGC Cantù e Unibasket Maddaloni. Non si può però non tributare l’onore delle armi a Pallacanestro Vado, BSL CMO Project, Pallacanestro Trieste e Academy Fortitudo Bologna che hanno lottato fino alla fine.

La quarta giornata (Domenica) del torneo si aprirà con il consueto clinic (dalle 10 alle 13 al PalYuri dedicato alla memoria di Alessandro Lunati e tenuto da Federico Vecchi e Giuseppe Piazza.

Armani AX Olimpia Milano – Petrarca Padova 85 – 75
Oxygen Bassano – Basket Brescia Leonessa 69 – 57
Uniobasket Maddaloni – Victoria Libertas Pesaro 61 – 45
Virtus Bologna – Pallacanestro Trieste 60 – 79
Reyer Venezia – Novipiù Junior College 76 – 68
Virtus Siena – Alfa Omega Roma 61 – 54
Pallacanestro Vado – Armani AX Olimpia Milano (quarti) 53 – 80
BSL CMO Project Oxygen Bassano (quarti) 57 – 70
PGC Cantù – Pallacanestro Trieste (quarti) 77 – 56
Academy Fortitudo Bologna Uniobasket Maddaloni (quarti) 51 – 59

DOMENICA 5 GENNAIO

Saranno l’Armani AX Milano – in finale per il secondo anno consecutivo – e l’Oxygen Bassano a giocarsi domani la vittoria della trentunesima edizione del Trofeo Bruna Malaguti, quest’anno targato Roberto Nuti Group. I meneghini hanno infatti superato l’Uniobasket Maddaloni, che al suo esordio al torneo è stata la squadra rivelazione, mentre i veneti hanno piegato Progetto Giovani Cantù al termine di quella che può essere definita la partita più bella del torneo per intensità, qualità di gioco e pathos.

14:00 Novipiù Junior College – Alfa Omega Roma 54 – 52
14:30 Victoria Libertas Pesaro – Virtus Bologna 100 – 73
16:00 Reyer Venezia – Virtus Siena 81 – 71
16:30 Petrarca Padova – Basket Brescia Leonessa 85 – 69
18:00 Armani AX Olimpia Milano – Uniobasket Maddaloni 52 – 44
18:30 Pallacanestro Vado – Academy Fortitudo Bologna 74 – 75
20:00 Oxygen Bassano – PGC Cantù 84 – 81
20:30 BSL CMO Project – Pallacanestro Trieste 62 – 84

LUNEDI’ 6 GENNAIO

Victoria Libertas Pesaro – Petrarca Padova 52 – 90

Virtus Bologna – Basket Brescia Leonessa 82 – 93

Pallacanestro Trieste – Academy Fortitudo Bologna 60 – 87

BSL CMO Project – Pallacanestro Vado 62 – 78

3°-4° PGC Cantù – Uniobasket Maddaloni 68 – 57

1°-2° OXYGEN – ARMANI AX 69 – 60

Bassano: Fabris 2, Nascimento, Campagnolo L., Campagnolo P. 10, Haidara 4, Bresciani 2, Maiga 8, Panizza, Ojo 9, Zilio, Bamba 19, Simonetti 18. All. Gallea.

Milano: Galicia 16, Brasca, Langella, Bramati 9, Alfieri 11, Restelli 14, Rapetti 1, Massoni, Leoni 7, Addesa, Scaramuzzi, Garbujo 3. All. Pampani.

Serie B, la RBR supera Piacenza e si avvicina al podio… Flying Balls, ti sei fatto un bel regalo!

SERIE B 14° Giornata

AMADORI – TERAMO BASKET 1960 82 – 68

(21-16; 49-29; 67-47)

Tigers Cesena: Scanzi 14 (5/8, 1/3), Planezio 14 (1/1, 3/6), Papa 13 (4/10, 0/1), Frassineti 10 (1/2, 2/5), Hajrovic 10 (5/8), Chiappelli 8 (1/1, 2/3), Trapani 7 (2/2, 1/1), Battisti 3 (1/3), Brkic 3 (1/3, 0/1), Rossi F., Guidi ne. All. Belletti.

Teramo: Di Bonaventura 30 (9/15, 3/8), Montanari 17 (3/4, 3/8), Matic 8 (2/3, 1/3), Melchiorri 6 (3/8, 0/3), Banach 5 (2/3), Del Sole 2 (1/4), Forte (0/4), Cucchiaro, Massotti, Rossi G. All. Cilio.

REKICO – GIULIANOVA BASKET 85 75 – 69

(21-19; 36-32; 51-47)

Faenza: Marabini ne, Anumba 13, Rubbini 3, Oboe, Zampa 3, Calabrese, Tiberti 20, Bruni 9, Klyuchnyk ne, Sgobba 15, Petrini ne, Petrucci 12. All. Friso.

Giulianova: Piccone 11, Hidalgo 23, Markus 12, Fall 7, Cianella ne, Recchiuti ne, Sebastianelli 10, Piccoli 2, Chiti, Gobbato 4. All. Ciocca.

La Rekico si regala un Natale indimenticabile dentro e fuori dal campo. Oltre alla vittoria contro Giulianova, il vero trionfo è arrivato grazie al pubblico del PalaCattani che ha risposto in massa al Teddy Bear Toss, il lancio benefico di peluche al primo canestro su azione della partita. Al canestro di Tiberti, sono volati in campo decine di pupazzi che saranno regalati all’associazione Luisa Valentini di Faenza che, da oltre cento anni, aiuta i bambini di famiglie in difficoltà economiche.

Passando al campo, la Rekico vince una gara molto dura e intensa, giocatasi sempre sul filo dell’equilibrio. La dimostrazione è il punteggio sempre in equilibrio per oltre trenta minuti, con i Raggisolaris che provano a piazzare l’allungo, venendo sempre bloccati dagli avversari. Anche Giulianova ha la possibilità di andare in fuga ad inizio del secondo periodo, quando Faenza non trova punti nei primi cinque minuti, venendo però tradita dal 4/14 ai tiri liberi. Si arriva così a 2’38’’ dalla fine, con Giulianova avanti 67-68 grazie al canestro di Hidalgo, episodio che accende la Rekico, brava, poi, a ribaltare l’inerzia con Tiberti e a portarsi sul 70-68. L’arma in più di Faenza è la freddezza, perché dopo la tripla sbagliata da Piccone, arrivano i liberi segnati da Petrucci (acclamatissimo il suo ritorno dal PalaCattani) e da capitan Bruni, che chiudono la contesa con un chirurgico 4/4.

ALBERGATORE PRO – BAKERY 74 – 71

(20-18; 37-32; 53-50)

R.B. Rimini: Bedetti L. 9, Rinaldi 13, Rivali 19, Moffa 7, Broglia 7, Ambrosin 11, Pesaresi 6, Bianchi 2, Rameli ne, Vandi ne. All. Bernardi.

Piacenza: Udom 10, Pedroni 6, Artioli 8, Perin 6, Chiozza ne, Bruno 8, De Zardo 12, El Agbani NE, Cena 11, Birindelli 10. All.Campanella.

La Bakery esce sconfitta dal PalaFlaminio al termine di un match che ha regalato mille emozioni. Gli uomini di Campanella non sono riusciti ad imporsi davanti ad un palazzetto difficilissimo, gremito di tifosi romagnoli che, per 40′, hanno sostenuto la loro squadra.

Il match si apre con la tripla di Rivali che dà il via al lancio dei peluche dagli spalti, in occasione della fantastica iniziativa ormai celebre a favore dei bambini ricoverati. La Bakery nelle prime battute è confusionaria, causa la grande difesa riminese, con il solo Birindelli veramente pericoloso. Dall’altra parte l’eterno Rinaldi fa la voce grossa, siglando 6 punti. La partita è a livelli altissimi, con Moffa che insacca 7 punti facendo scappare Rimini momentaneamente, ma Cena e Udom, con 6 punti, riducono lo svantaggio alla prima sirena, 20-18. Pronti e via e i due biancorossi si ripetono ancora, portando Piacenza avanti di tre lunghezze. Ambrosin e Bianchi pareggiano, prima della riscossa siglata Pedroni, Bruno e Artioli, che costringono Bernardi alla tregua sul punteggio di 24-30. Da qui i ritmi cominciano a calare, con le due squadre che vanno solo di libero (con basse percentuali), fino alla sfuriata siglata Rivali e Broglia: i due riportano la Rinascita sopra nel punteggio, complici anche diversi errori piacentini. Il punteggio, dopo 20′, sorride ai padroni di casa: 37-32. I biancorossi rientrano in campo con gran voglia di riprendere la partita: De Zardo si diletta con la tripla per due volte, alleggerendo il parziale che, grazie alle prodezze di Ambrosin e Rivali, continua a sorridere ai romagnoli. Perin si sblocca e la Bakery risale fino a -1, ma Rimini non ci sta. I padroni di casa piazzano il +5 che viene, prontamente, annullato da Bruno sulla sirena. Il punteggio recita 53-50 ed i biancorossi sono pronti a dar battaglia negli ultimi dieci minuti. Enzo Cena si carica la squadra sulle spalle e, con una tripla dall’angolo, pareggia il parziale. Rinaldi rientra ed al fianco di Ambrosin domina l’area, continuando a far volare la Rinascita, nonostante i continui tentativi piacentini. I 40 tifosi accorsi da Piacenza incitano la squadra e con Cena e Udom si continua la rincorsa. Quando la partita sembra ripresa, ci pensa Pesaresi, con due triple consecutive, a smorzare il morale. La Bakery ci crede fino alla fine, ma Rimini è più precisa. La partita si conclude sul 74-71.

LUCIANA MOSCONI ANCONA – PREMIATA MONTEGRANARO 70 – 65

SINERMATIC – ROSSELLA 75 – 59

(29-17; 39-30; 51-45)

Ozzano: Bisi ne, Morara 8, Chiusolo 5, Corcelli 10, Iattoni 14, Folli 2, Favali 7, Dordei 12, Lolli ne, Galassi ne, Montanari 15, Crespi 2. All. Grandi.

Civitanova: Alessandri 8, Bagalini ne, Pierini 15, Felicioni 11, Vallasciani 2, Amoroso F. 2, Cimini ne, Amoroso V. 16, Rocchi 2, Trapani 3. All. Domizioli.

Non poteva che terminare in un modo migliore il 2019 della Sinermatic. I biancorossi di coach Federico Grandi centrano la terza vittoria consecutiva, dopo aver battuto di sedici lunghezze (75-59 il finale) la Virtus Civitanova, raggiungendola in classifica a quota 16 punti.

Due triple consecutive di Pierini danno, dopo poco più di 120 secondi, il primo e unico vantaggio ospite della serata (5-8). Ozzano affronta la fisicità della Rossella con grinta e determinazione, sporcando ogni pallone in difesa e giocando ad alti ritmi in attacco. In quattro minuti le triple di Chiusolo e Favali, in aggiunta ai canestri di Montanari e Iattoni, regalano alla Sinermatic un sontuoso 17-0 di parziale che vale il 22-8 al 7’. Alessandri interrompe dalla lunetta il parziale, ma prima Montanari, poi ancora un super Iattoni (12 punti nella prima frazione), fanno volare i Flying fino al +15 (27-12 all’8’). Felicioni e Valerio Amoroso accorciano le distanze (-10 al 9’), ma in avvio di secondo periodo la Sinermatic allunga ancora, merito dei piazzati di Morara e Corcelli (+18 sul 35-17 al 13’). Coach Domizioli si rifugia nel secondo time out di serata e impartisce la difesa a zona. Scelta azzeccata per il coach marchigiano, con Ozzano che trova, così, parecchia difficoltà in fase offensiva. Le percentuali al tiro calano drasticamente e da fuori la Sinermatic non va più a bersaglio. I New Flying Balls negli ultimi sei minuti del secondo quarto realizzano appena due punti, con Civitanova che, spinta da Pierini, torna sul -9 all’intervallo lungo (39-30). Nella terza frazione Felicioni accorcia il gap, trovano da fuori il -6 ospite (39-33), dall’altra parte un pimpante Favali sblocca i biancorossi. Dopo il nuovo +10 firmato Mario Chiusolo, in casa Civitanova sale in cattedra l’uomo più atteso di serata, Valerio Amoroso. Per lui 5 punti di fila che valgono il 43-38 al 24’. La difesa a zona per la Rossella continua a dare i suoi frutti, Ozzano fatica e si affida al talento di Montanari prima e Dordei poi per trovare due triple di vitale importanza, che danno la scossa alla Sinermatic (51-40 al minuto 28). Sul finire di quarto Amoroso dalla linea della carità e Trapani da fuori, concretizzano uno 0-5 di parziale che manda ambo le squadre all’ultimo mini risposo sul +6 interno (51-45). Nel quarto decisivo, dopo due minuti di zero assoluto, Lorenzo Folli segna il nuovo +8, gap aumentato una manciata di secondi dopo a 10, merito di Gigi Dordei. Civitanova si blocca, i Flying, con Corcelli e Montanari, fanno prove di fuga (+16 sul 61-45 al 24’). Gli ospiti provano a rientrare in partita, ma Ozzano è sul pezzo e riesce a respingere ogni tentativo di recupero ospite. Pochi secondi dopo lo scoccare del 35′, un gioco da tre punti di capitan Corcelli vale il +20 che porta maggior tranquillità in casa Flying. La Sinermatic ha la vittoria in pugno e, dopo aver toccato con Montanari il +21, si rilassa concedendo qualche possesso extra alla Rossella. Valerio Amoroso e Felicioni timbrano il -13, ma, nell’ultima azione del match, è Corcelli a segnare la bomba che vale il 75 a 59 finale.

TRAMEC – GOLDENGAS 90 – 74

(27-17; 43-37; 65-60)

Benedetto Cento: Rossi 15, Ranuzzi 5, Moreno 19, Fallucca 12, Paesano 6, Leonzio 16, Idrissou ne, Vitale 5, Morici 12, Manzi ne, Venturoli, Vannini ne. All. Mecacci.

Senigallia: Cicconi Massi 3, Pozzetti 11, Pierantoni 7, Gurini 29, Giacomini 7, Moretti, Maiolatesi ne, Paparella 9, Caroli 8, Valentini, Canullo ne, Constantini ne. All. Foglietti.

RISTOPRO FABRIANO – AURORA BASKET JESI 61 – 60

PORTO S.ELPIDIO BASKET – ESA LUCE + GAS CHIETI 79 – 69

CLASSIFICA

PGVP%
Ristopro Fabriano241412285.7
Tramec Cento221411378.6
Bakery Piacenza201410471.4
Amadori Tigers Cesena18149564.3
Albergatore Pro Rinascita Basket Rimini18149564.3
Sinermatic Ozzano16148657.1
Rossella Virtus Civitanova Marche16148657.1
Esa Italia Chieti14147750.0
Sutor Premiata Montegranaro12146842.9
Rekico Faenza12146842.9
Aurora Basket Jesi12146842.9
Goldengas Pallacanestro Senigallia12146842.9
Giulianova Basket 8510145935.7
Luciana Mosconi Ancona81441028.6
Adriatica Press Teramo Basket 196061431121.4
Porto Sant’Elpidio Basket41421214.3

C Silver, Argenta chiude al comando il 2019! C Gold, Medicina e Ferrara, che colpi

SERIE C GOLD 13° Giornata

ALLIANZ BANK – MOLIX 81 – 60

(30-13; 45-34; 61-49)

Bologna Basket 2016: Resca 13, Guerri, Fin 13,  Zhytariuk 2, Aglio 9, Graziani 8, Fontecchio 20, Folli 4, Mazzocchi, Pasquali, Zanetti, Nucci 12. All. Rota.

Molinella: Brandani 21, Grazzi, Ranzolin 7, Zuccheri 2, Frignani, Gianninoni 20, Lanzi, Manojlovic 8, Giuliani Gu. 2, Tedeschi, Caloia. All. Giuliani Ga.

Si conclude, con una vittoria senza troppi patemi, il 2019 del Bologna Basket 2016. Il match al Palasavena con Molinella vede i padroni di casa sempre in vantaggio e anche quando gli ospiti, a 6’ dal termine, si avvicinano a -7, basta un time out di coach Rota per rimettere ordine nelle file dei rossoblu, che stringono due viti in difesa e piazzano un parziale mortifero di 16-0, che chiude definitivamente i giochi.

Il -21 finale appare comunque una punizione eccessiva per gli uomini di Giuliani. Molinella è squadra molto giovane, ma talentuosa e ben allenata e molla solo nel finale, restando tenacemente attaccata alla partita per quasi trentacinque minuti. Dall’altra parte, il BB2016 dà l’impressione di poter mettere le marce alte quando ne ha voglia, peccando semmai di scarsa concentrazione e discontinuità. Così, nel primo quarto sembra funzionare tutto a dovere, il tiro pesante entra senza problemi (4/4 Fin, 2/2 Aglio e in coda della frazione Nucci) e il parziale è di +17, con soli 13 punti concessi agli avversari. Nella seconda frazione i bolognesi concedono un po’ troppa libertà in difesa e Molinella si rifà sotto a –11. Dopo l’intervallo, a un parziale di 8-0 propiziato da Resca e Fontecchio, che delizia con un paio di schiacciate, gli ospiti rispondono colpo su colpo Brandani e Gianninoni. Si arriva così ai dieci minuti conclusivi con ancora uno strappo di 9-4 dei molinellesi, che giungono, come detto, a sette lunghezze. Ma ancora Fontecchio (20 punti con 7/14 dal campo), Resca (13 punti con 5/6 e 5 assist) e Graziani – sue due rubate con conseguenti canestri in contropiede ed una spettacolare “chase down”, in recupero su una ripartenza avversaria – mettono definitivamente in cassaforte il risultato. C’è tempo negli ultimi scampoli dell’incontro anche per gli Under Pasquali, Zanetti e Mazzocchi.

E80 BEMA – 2G DESIGN 66 – 67

(23-12; 37-22; 54-44)

LG Competition Castelnovo Monti: Sabah, Mabilli ne, Dal Pos 10, Magnani, Longoni 12, Levinskis 6, Mallon 8, Ferri ne, Provvidenza 19, Prošek 7, Barigazzi ne, Parma Benfenati 4. All. Diacci.

Ferrara 2018: Benedetti ne, Cattani 4, Cortesi 6, Percan 25, Seravalli 11, Legnani 6, Fortini, Poli 2, Pusic 13, Ruina ne, L. Ghirelli, M. Ghirelli. All. Furlani.

Dolorosa sconfitta per la E80 Bema, che si arrende all’ultimo secondo contro Ferrara Basket 2018. Al Pala Giovanelli finisce 66-67 per gli ospiti, con i Cinghiali in vantaggio per 39 minuti e 56 secondi e che vedono sfuggire immeritatamente i due punti, proprio nel concitato finale.

Castelnovo parte convinta e dopo poche azioni è subito avanti 5-2. Ferrara reagisce con il talentuoso Percan, ma i padroni di casa proteggono il vantaggio grazie ai canestri di Prošek e Provvidenza. L’inerzia è decisamente a favore della E80 Bema che, negli ultimi minuti, concede due soli punti agli avversari e chiude il primo periodo con un parziale da 10-2 che vale il +11 LG. Provvidenza continua a punire la difesa avversaria e, con un nuovo break da 11-0, i castelnovesi volano a metà periodo sino al +21. Ferrara Basket è assolutamente fuori dalla partita, permissiva in difesa e confusa in attacco, col solo Percan capace di mettere in difficoltà i montanari. Ed è proprio l’ala romagnola a segnare il primo canestro del quarto dopo quasi sei minuti dall’inizio del periodo. Verso fine frazione è visibile in campo una timida reazione degli estensi che, grazie ad un mini-break da 5-0, si riportano a -16. Nelle ultime azioni, Seravalli segna un fortunoso canestro da tre (realizzato ben oltre lo scadere dei 24 secondi), ma a metà tempo la LG è ancora avanti di 15 (37-22). Furlani cerca di mettere ordine nel gioco dei suoi e alla ripresa dell’incontro, Pusic ne segna 6 di fila riportando Ferrara a -12. Castelnovo fa più fatica a trovare la via del canestro e il solito Percan permette alla sua squadra di rientrare sino al -10. Castelnovo reagisce e un ottimo Longoni è protagonista dell’importante 6-0 che fornisce nuovo ossigeno alla LG. Negli ultimi minuti del period,o Mallon e Levinskis rispondo a Percan e Cortesi, con il vantaggio dei padroni di casa che rimane comunque superiore alla doppia cifra. I canestri di Provvidenza e Cattani chiudono la terza frazione e i Cinghiali sono ancora avanti di dieci lunghezze, quando manca un quarto per concludere il match. Percan apre l’ultima frazione con una bella tripla dall’angolo e Ferrara è ora a soli tre possessi di distanza. Provvidenza prova a rispedire indietro agli avversari, ma un nuovo canestro dall’arco di Legnani riporta i romagnoli a -6. L’attacco della LG si ferma, con tante palle perse e la fatica che comincia a farsi sentire. Gli ospiti ne approfittano nuovamente e con i liberi di Cortesi e il canestro di Pusic, rientrano a soli 2 punti di ritardo. L’inerzia è ora evidentemente dalla parte di Ferrara, ma dopo tanti errori al tiro, Dal Pos segna due fondamentali triple di fila e Castelnovo è di nuovo a +7, con tre minuti ancora sul cronometro. Percan è l’ultimo ad arrendersi dei suoi, realizza 4 punti consecutivi e ora Ferrara è a un solo possesso pieno di distanza a 120 secondi dalla sirena (62-59). Longoni porta, però, a casa due punti con un improbabile canestro in penetrazione e l’1/2 dalla lunetta di Dal Pos lascia la LG è ancora avanti di 6 (65-59) a poco più di un minuto dal termine. Dall’altra parte del campo, Pusic realizza 2 liberi consecutivi e recupera un prezioso pallone che finisce nelle mani di Seravalli, il quale, dall’arco, segna il canestro del 65-64. A 12″ dal termine Provvidenza subisce il fallo sistematico degli avversari, ma dalla lunetta arriva un solo punto. Il rimbalzo difensivo è preda di Cattani, che serve Seravalli, il quale, spara un’insensata tripla da quasi 9 metri che, però, trova il fondo della retina: il tabellone conferma il 66-67 per gli ospiti. Castelnovo chiama time-out e ha ancora 3″ per provare a vincere l’incontro, ma la tripla di Magnani si spegne sul ferro e la partita termina con la palla nelle mani del lungo ferrarese Pusic 

GUELFO BASKET – GAETANO SCIREA BASKET 66 – 60

(11-17; 27-26; 46-47)

CastelGuelfo: Wiltshire 8, Bernabini ne, Bonetti ne, Baccarini, Bonazzi ne, Murati 11, Bergami 3, Musolesi 2, Pieri, Govi 12, Pederzini 10, Amoni 20. All. Cavicchioli.

Bertinoro: Solfrizzi En., Rossi 27, Cinti, Piazza ne, Zambianchi, Ravaioli 1, Angeletti, Montaguti ne, Ricci 12, Farabegoli 3, Bracci 17, Solfrizzi Em. All. Tumidei.

BMR – DILPLAST CLEVERTECH 79 – 52

(12-12; 32-21; 61-36)

Basket 2000 Scandiano: Brevini 1, Cunico 13, Astolfi 9, Bertolini L., Sakalas 25, Canovi, Pini 5, Caiti, Bertolini F., Germani 15, Magni 7, Paparella 3. All. Tassinari.

Montecchio: Ramenghi, D’Amore 4, Pasini, Tognato 9, Vecchi 4, Giannini 8, Degli Esposti Castori 10, Trobbiani, Amadio 3, Lusetti 8, Negri 6, Carrara. All. Martinelli.

La Bmr domina il derby con Montecchio, dilagando nella ripresa e chiude il 2019 con la quarta vittoria consecutiva, rimanendo solitaria al secondo posto della graduatoria.

Nel primo tempo si segna poco e la contesa resta in equilibrio, anche perché il tiro da tre non entra (1/10 dalla lunga distanza nei primi venti minuti) e gli ospiti calano solo nel finale di secondo quarto. L’inizio della ripresa, invece, è di tutt’altro tenore, con Sakalas (25 punti e 14 rimbalzi) che prende per mano i compagni ed il divario che si allarga minuto dopo minuto: anche Cunico (10/10 dalla lunetta) e Germani vanno in doppia cifra ed anche i giovani hanno minuti importanti per fare esperienza.

OLIMPIA CASTELLO 2010 – AVIATORS 75 – 87

(24-16; 37-45; 52-63)

Castel San Pietro: Sangiorgi 4, Righi ne, Tomesani 7, Sabattani 4, Procaccio 8, Pedini 2, Benedetti 14, Magagnoli 16, Torreggiani ne, Ranocchi 5, Albertini 7, Trombetti 8. All. Serio.

Lugo: Carella 10, Alessandrini 2, Presentazi 10, Baroncini ne, Silimbani 6, Masrè 13, Cervellera 2, Santini 8, Salsini 2, Arosti ne, Ravaioli 34. All. Casadei.

PALLACANESTRO FIORENZUOLA 1972 – GRUPPO VENTURI 99 – 75

(31-22; 53-35; 78-58)

Fiorenzuola: Galli 8, Sichel 3, Zucchi L., Bracci 11, Marchetti 6, Dias 8, Livelli 19, Zucchi D. 3, Fowler 9, Fellegara ne, Ricci 8, Maggiotto 24. All. Galetti.

Anzola: Carpani 4, Parmeggiani F. 18, Parmeggiani S. ne, Perini 8, Baccilieri 12, Villani 8, Venturi 2, De Ruvo 13, Caroldi 6, Cappelli 5, Donati ne. All. Spaggiari.

Fiorenzuola chiude il 2019, meritatamente, da primissima della classe.

Parmeggiani F. inaugura la gara, ma i Bees fanno capire da subito ad Anzola quale sia la propria pasta, grandinando 3 triple consecutive con Livelli e Zucchi. 9-3 al 2’. Fiorenzuola vola dall’arco, arrivando a 18 punti in quattro minuti; Anzola prova a rispondere, con la squadra di Spaggiari che trova in De Ruvo un gioco da ben 4 punti: 18-13. Maggiotto, con 7 punti personali, aziona la propria casellina punti, portando sopra la doppia cifra Fiorenzuola, 29-18 al 9’. Nel secondo quarto capitan Caroldi prova a guidare la rimonta in casa Anzola, ma Ricci e Bracci dal pitturato riportano Fiorenzuola al +13 al 14’: 41-28. Bracci è un colosso sotto canestro, con Fowler che, insieme a Maggiotto, fa allungare Fiorenzuola Bees fino al 53-35 con cui si chiude il primo tempo. Nel secondo parziale Parmeggiani F. inaugura le danze, con i Bees che vivono un momento di stasi del proprio attacco. L’alley oop di Maggiotto per Bracci dice 59-40 al 25’, ma coach Galetti decide di chiamare un timeout pieno per risvegliare dal torpore i suoi. Baccilieri segna la sua prima tripla di partita al 28’, ma Anzola si trova presto in bonus e subisce i tiri liberi di Bracci e Maggiotto: 65-44 al 28’. Livelli, con altre due triple personali, mantiene fa scavallare i Bees oltre quota 70, con Galli che, grazie alla sua scorribanda coast to coast, dice 76-58, vanificando i tentativi di Parmeggiani F. Fowler, sulla sirena del terzo quarto, chiude 78-58. Nell’ultimo parziale Anzola prova ancora a mettere in moto Baccilieri per il terzo tempo del -18, ma Dias si rivela un fattore da subito sotto le plance e risponde presente. Galli, con il fade away, manda in visibilio un PalaMagni gremito: 86-63. La partita entra in pieno garbage time; Maggiotto da una parte e Villani dall’altra aumentano il proprio bottino personale, finisce 99-75 per i Bees. E’ un grande Natale gialloblu.

INTECH – VIRTUS MEDICINA 72 – 83

(28-22; 45-45; 57-65)

VSV Imola: Colombo 5, Marcone 3, Dalpozzo 10, Agatensi 2, Errera 14, Planinic 12, Orlando, Biandolino,  Barattini 14, Piani Gentile ne, Savino ne, Begic 12. All. Regazzi.

Medicina: Galassi 13, Curione 4, Poluzzi 9, Dall’Osso, Polverelli 9, Casagrande 16, Allodi 14, Stellino ne, Lorenzini 6, Poli ne, Agriesti ne, Casadei 12. All. Curti.

Nel derby delle Virtus è Medicina a festeggiare nell’ultima gara prima di Natale. In un match sempre equilibrato nel punteggio, Casadei e compagni la spuntano in un finale gestito bene con i liberi e con gli errori dei gialloneri locali nei momenti decisivi. Imola sbaglia troppo, si innervosisce in alcuni momenti per qualche decisione arbitrale (due falli tecnici) e lancia gli ospiti verso una vittoria a quel punto meritata.

La cronaca: Imola in campo con Dalpozzo, Planinic, Begic, Barattini ed Errera. Medicina con Casadei, Poluzzi, Casagrande, Allodi e Polverelli. Il match si apre con la bella giocata di Begic, che lancia Errera sotto le plance. Dopo la tripla di Casagrande, è Barattini a scaldare le mani dei tifosi con il tiro centrale da 3 punti. Begic in penetrazione e Planinic, dall’arco, fissano il 10-3 dopo 2’. Un minuto dopo è ancora Casagrande da fuori ad accorciare. Ma Planinic, ancora dalla distanza, replica per il 13-6 a 3’30”. Allodi segna ancora dalla distanza, ma Errera infila 4 punti filati e, dopo la penetrazione vincente di capitan Dalpozzo, coach Max Curti è costretto a rifugiarsi in timeout sul 19-9, a 4’30” dall’intervallo breve. Alla ripresa del gioco, Galassi prosegue il bombardamento da lontano (4 triple a segno per Medicina). Dall’altra parte Begic si inventa il 21-14, mentre l’altro ex di turno, Poluzzi, segna dall’arco (21-17 a 3’). Begic strappa la palla in difesa e va ad inchiodare la schiacciata del 23-17. Tre errori di fila in attacco di Imola, riporta sotto Medicina con Casadei in penetrazione (23-19). Errera mette il proprio ottavo punto, prima che Tommaso Colombo realizzi il suo primo canestro in giallonero, dalla distanza. Ci si ferma al primo intervallo breve sul 28-22 per la Intech. Marco Barattini bagna il 2° quarto con una bella tripla e, sul canestro di Begic, l’Intech scappa sul 33-22 per il massimo vantaggio di serata. Dopo due minuti, Regazzi manda in campo Orlando e Marcone. Curione infila il 33-29 e Casadei porta tutto in gioco sul 33-3. Sul parziale di 0-12, coach Regazzi interrompe il gioco per il timeout. Tommaso Colombo recupera un gran pallone in difesa e lancia il contropiede che finalizza Agatensi (35-31 al 14’). A metà frazione, Marcone si inventa un gran numero in area con canestro+fallo di Poluzzi per il 38-33. La penetrazione di Colombo firma il 40-33 e il timeout di Medicina arriva a 4’ dall’intervallo lungo. Al 17′, Casagrande, da lontano, firma il primo vantaggio ospite sul 40-41. Casadei e Casagrande allungano sul 40-45, quindi è la tripla di Planinic a riportare sotto i locali. Barattini, appena rientrato, segna in penetrazione l’ottavo punto personale per il pareggio a quota 45. Casagrande segna in apertura (16 punti personali) e dall’altra parte Barattini tiene in parità il tabellone dopo 2’. La super tripla di capitan Lorenzo Dalpozzo scuote il PalaRuggi al 24’. Un minuto dopo Poluzzi, in contropiede, pareggia, tra il vortice di cambi voluto da coach Curti. Galassi segna la tripla ed Allodi allunga sul 51-56 a 4’20” dalla sirena, con timeout Imola. Polverelli porta sul +7 i suoi, mentre la penetrazione di Begic procura 2 punti + il fallo di Allodi, con libero sbagliato (53-58). Un paio di azioni errate nella costruzione da entrambe le formazioni, limitano il buon livello di gioco mostrato finora. Casadei punisce la retroguardia allo scadere dei 24”, Errera segna e subisce fallo tecnico per proteste, ma Poluzzi sbaglia dalla lunetta. Ci si ferma per l’ultimo intervallo breve sul 57-65 per la Virtus Medicina. Si inizia col fallo antisportivo fischiato a Colombo (57-69). Dalpozzo mette la tripla del 60-69 dopo 1’30”. Il canestro, sempre del capitano imolese, trascina Imola (timeout coach Curti) sul 62-69 al 32’. Al 34’ arriva il 4° fallo personale di Casagrande, al momento il miglior tiratore di serata di Medicina, con Imola che cerca di recuperare lo svantaggio con Begic (64-69). Trenta secondi dopo, fallo in attacco di Agatensi con relativo fallo tecnico. Medicina si ritrova con il gioco dei liberi sul 64-73 a metà frazione esatta. La tripla di Barattini, a 3’ dalla sirena, riporta a -10 lo svantaggio. Errera risponde a Casadei, ma ormai il tempo è nemico di Imola: a -1’30”, 70-80. Finisce con la Virtus Medicina che vince grazie ai liberi finali che impediscono ad Imola di rientrare.

CLASSIFICA

PALL. FIORENZUOLA221311212001066+134
BASKET 2000 SCANDIANO1813941014906+108
BOLOGNA BASKET 20161613851062967+95
OLIMPIA CASTEL SAN PIETRO1613851016966+50
FERRARA BASKET 20181613851026989+37
VIRTUS MEDICINA161385982959+23
BASKET LUGO121367938964-26
ANZOLA BASKET121367917948-31
LG COMPETITION CASTELNOVO1213679711006-35
VSV IMOLA121367954999-45
GAETANO SCIREA BERTINORO81349895954-59
GUELFO BASKET81349931993-62
ARENA MONTECCHIO813498951000-105
PALL. MOLINELLA6133109261010-84

SERIE C SILVER 13° Giornata

PALL. CASTENASO – SANTARCANGIOLESE BASKET 69 – 82

(22-18; 40-34; 60-61)

Castenaso: Pesino, Marinelli 2, Tinti 8, Ballini 14, Galiano, Biguzzi 13, Cesario 1, Capobianco 8, Seracchioli 6, Ballardini 17, Zucchini. All. Castelli.

Santarcangelo: Zannoni 26, Nervegna 9, Malatesta, Fusco 16, Adeosun, Sirri, Dini, Raffaelli 14, Dimonte 2, Fornaciari 15. All. Evangelisti.

CESTISTICA ARGENTA – FOPPIANI 96 – 75

(22-19; 44-44; 78-56)

Argenta: Magnani 17, Zanirato 1, Alberti D. 6, Demartini 10, Bonora, Alberti A, 8, Federici, Quaiotto 19, Montaguti 11, Malagolini 10, Nicoletti, Martini 14. All. Bacchilega.

Fidenza: Taddei ne, Gaduenzi 3, Paterlini ne, Brogio 6, Di Noia 6, Massari 13, Maggi ne, Montanari 5, Garofalo ne, Arbidans 2, Perego 28, Parmigiani 12. All. Cavalieri.

In un Don Minzoni completamente gremito, va in scena l’ennesima impresa sportiva della Cestistica, che travolge Fidenza e conquista la vetta solitaria della classifica generale.

Dopo il botta e risposta iniziale tra Demartini e Perego, è Magnani a salire in cattedra con un paio di penetrazioni vincenti e armando la mano di Malagolini a bersaglio da oltre l’arco. La replica ospite porta ancora la firma di Perego, che ricuce lo strappo prima che una tripla di Massari firmi la parità (17-17). Sul finire del parziale, ulteriore allungo bianc blu con un’altra tripla di Malagolini ed un piazzato in vernice di Martini per il +3 (22-19) con cui inizia il secondo quarto. Parte meglio la Fulgor, a segno con  Montanari e il solito Perego e ospiti sul +4 (24-28) dopo due giri di lancette. Argenta paga la poca lucidità in attacco e soffre a rimbalzo, ma reagisce sotto la spinta di Alberti Davide, bravo ad attirare su di se le attenzioni della difesa per poi innescare Martini in vernice e Demartini dai 6,75, che impatta nuovamente a quota 31 a sei minuti dalla pausa lunga. Si procede a strappi, con Argenta che tenta la fuga e Fidenza che ricuce e all’intervallo è perfetta parità (44-44). Alla ripresa del gioco, Demartini alza bandiera bianca, Malagolini è in panca con problemi di falli e Montaguti è frenato da una caviglia in disordine. Coach Bacchilega, coraggiosamente, abbassa il quintetto per incrementare l’intensità difensiva e i ritmi di gioco e la gara svolta in direzione Argenta. Magnani imperversa sui due fronti del campo, Quaiotto aggiusta la mira in attacco, Alberti Alessandro cancella dal campo Di Noia, ruba palloni in serie e non appena la Fulgor tenta la carta della difesa a zona, piazza la tripla del +11 (63-52) a 3’35” dalla terza sirena. Fidenza sbanda, forza le conclusioni prestando il fianco al contropiede argentano, a segno con l’indemoniato Alberti Alessandro e Quaiotto che, con due “siluri” in transizione, firma il +20 (76-56) nel tripudio generale. L’ultimo parziale inizia con la Cestistica sul +22 (78-56) , Fidenza tenta una timida reazione- ma una zingarata in penetrazione di Alberti Davide, che sdraia due avversari prima del comodo lay-up, e una tripla del gemello Alessandro, scavano un fossato di 27 lunghezze (83-56). Perego è l’ultimo ad arrendersi e, con classe ed esperienza, va a segno in vernice, ma sul ribaltamento di fronte l’ennesima tripla di Quaiotto stampa il +28 (86-58), che lancia con largo anticipo i titoli di coda. Il resto è “garbage time”: Argenta alza le mani dal manubrio, svuota la panchina permettendo a Fidenza di rendere il passivo meno pesante, prima che la sirena conclusiva faccia esplodere il tifo biancoblu .

ATLETICO BASKET – CREI 83 – 66

(17-21; 41-33; 62-49)

Atletico Borgo: Conidi 13, Serra 5, Veronesi Gr. 23, Tubertini, Paolucci 3, De Simone 8, Martelli 1, Pedroni 2, Veronesi Gi. 5, Campanella 12, Tognazzi 2, Artese 9. All. Guidetti.

Granarolo Basket: Salicini 4, Bianchi 15, Meluzzi 13, Nanni 4, Paoloni Lu. 15, Neviani 7, Bernardinello, Masetti, Paoloni Lo., Brotza 8, Ansaloni ne. All. Millina.

REBASKET – PALL. CORREGGIO 63 – 73

(10-20; 34-32; 48-54)

Castelnovo Sotto: Azzali ne, Beltran ne, Castagnaro 19, Defant 27, Pezzi 6, Barazzoni 2, Bellocchi ne, Putti 6, Vezzali 3, Foroni, Zecchetti. All. Casoli.

Correggio: Messori 2, Riccò Fe. 10, Morgotti 6, Ligabue ne, Branchini ne, Guardasoni L. 6, Riccò Fr. 10, Ferrari 10, Guardasoni M. ne, Vivarelli 8, Lavacchielli 11, Frilli 10. All. Davolio.

CVD BASKET CLUB – ZTL HOME 49 – 74

(11-18; 26-39; 30-54)

Cvd Casalecchio: Baccilieri, Dawson 1, Malverdi 5, Paratore 13, Ferraro 4, Rosa 5, Corradini 2, Taddei 6, Cavallari, Penna 3, Bertuzzi 3, Lelli 7. All. Gatti.

S.G. Fortitudo: Balducci 11, Chiarini 4, Zinelli 7, Lalanne 8, Vicini Ronchetti, Pederzoli 10, Ranieri 14, Nanni ne, Nestola 2, Branzaglia 10, Ponteduro, Buscaroli 8. All. Mondini.

LA CANTINA DEI SAPORI – OTTICA AMIDEI 77 – 63

(22-14; 46-34; 63-49)

Zola Predosa: Degregori 12, Bavieri 6, Bianchini 20, Righi 6, Zappoli 4, Ramini 11, Masina 6, Bosi 5, Tubertini 2, Vivarelli 5, Almeoni. All. Cavicchi.

Castelfranco Emilia: Ayiku ne, Marzo 6, Govoni 6, Zucchini 19, Torricelli R. 14, Tedeschi, Vannini 5, Del Papa 10, Torricelli F., Nebili ne, Youbi 3, Prampolini. All. Landini.

Una buona Ottica Amidei lotta ad armi pari con una delle più serie contendenti ai playoff in questo campionato.

Quintetto di partenza rivoluzionato per coach Landini, che sceglie Govoni, Zucchini, Torricelli R., Del Papa e Youbi, mentre Coach Cavicchi sceglie Bavieri, De Gregori, Almeoni, Ramini e Bianchini. Il parziale rimane in equilibrio fino a quando Castelfranco riesce ad appoggiare la palla sotto canestro, cosa che le permette di trovare soluzioni da vicino e metri di vantaggio per i tiri dal perimetro. Una volta smesso di farlo, Zola Predosa ha avuto vita molto più facile, in quanto ha potuto liberare la velocità dei propri esterni con rapide transizioni offensive, terminando avanti di otto lunghezze il primo periodo (22-14). Il secondo quarto vede il gap ampliarsi ulteriormente, soprattutto grazie a Bianchini, che piazza un 3/3 da 3 punti, anche se l’Ottica Amidei non esce mai mentalmente dalla partita. Così, all’intervallo lungo, il tabellone segna un -12 (46-34). Nel terzo e quarto periodo, i biancoverdi ritrovano il filo del discorso in attacco, mettendo palla vicino al ferro ed evitando conclusioni fuori equilibrio, andando a tagliare, quindi, la fonte primaria di punti ai bolognesi, la transizione offensiva. Castelfranco rientra anche un paio di volte sotto la doppia cifra di svantaggio, senza, però, mai riuscire a trovare la zampata decisiva per riaprire definitivamente il match. Principale imputato sicuramente la scarsa percentuale dalla lunetta (7/17 complessivo). La partita termina 77-63 per la Francesco Francia.

MISTER TIGELLA – VIS BASKET PERSICETO 63 – 71

(19-25; 33-39; 50-56)

San Lazzaro: Salvardi 9, Cempini 2, Tugnoli 10, Governatori 12, Verardi, Fabbri 12, Torriglia 1, Tepedino, Naldi, Betti M. 4. All Baiocchi.

San Giovanni in Persiceto: Coslovi 4, Guidi, Zanin 10, Baietti 10, Vaccari, Papotti 14, Tedeschini 4, Mancin 11, Mazza 16, Pedretti 2. All. Berselli.

Si chiude con una sconfitta il 2019 della BSL, battuta al PalaRodriguez (71-63) da una Vis Persiceto che, con le sue cinque vittorie di fila, si conferma una delle squadre più in forma del campionato. A tracciare la rotta verso questo successo a tinte biancoblu ci hanno pensato Mazza e Papotti, capofila di quattro giocatori ospiti in doppia cifra. Alla BSL (ancora una volta con le rotazioni ridotte) non sono invece bastate le prestazioni più che positive di Fabbri, Tugnoli e Verardi che. sino alla fine, hanno provato a guidare la rimonta biancoverde, stoppata sul -2 ad un paio di minuti dalla fine. Troppi, però, i 12 rimbalzi offensivi concessi alla formazione persicetana che, spesso, è riuscita a guadagnare extrapossessi preziosi, per tenere in mano i ritmi di una partita a lungo comandata.

Al 9-0 piazzato nelle prima battute del match da una BSL spinta da Governatori, la Vis ha risposto con un 11-2 chiuso da Coslovi, che ha dato ai biancoblu la spinta per chiudere in crescendo la frazione d’apertura, su cui Papotti ha messo il punto esclamativo con la tripla del 19-25. Lo stesso Papotti ha concesso il bis dalla lunga e, assieme a Baietti, ha mandato a referto il primo vantaggio in doppia cifra della serata (20-32). Un vantaggio che ha costretto coach Baiocchi a rifugiarsi in un timeout da cui i sanlazzaresi sono usciti con un poderoso 11-0, aperto dalla tripla di Fabbri e chiuso da quella di Tugnoli per il -1 biancoverde (32-31). Ai locali è, però, mancato il guizzo vincente e così la Vis ne ha approfittato per riprendere quota, sfruttando anche un antisportivo di Salvardi, che ha portato a quattro punti ravvicinati della Vis e la tripla finale di Zani che ha mandato i suoi negli spogliatoi sul 33-39. Un doppio possesso di vantaggio che gli ospiti sono riusciti a conservare, rintuzzando quanto di buono fatto dalla BSL in un terzo quarto iniziato con le triple di Salvardi e Tugnoli che hanno portato persino al +3 interno (50-47) e chiuso dal siluro di Zani e dai liberi di Mazza che hanno spinto gli ospiti sul 50-56 a 10′ dalla fine. L’ex Tedeschini, Mancin e Baietti hanno continuato seguendo questa scia, facendo schizzare a +12 la Vis. Anche questo vantaggio non ha comunque spaventato la BSL che, aiutandosi anche con la difesa a zona, ha ritrovato il bandolo della matassa e ha imbastito un altro tentativo di rimonta, culminato con la tripla di Fabbri per il -2 a meno di due minuti dalla fine (63-65). Un canestro in acrobazia di Coslovi e i liberi finali di Tedeschini hanno, però, soffocato definitivamente il sogno di vittoria dei biancoverdi.

LIMITLESS – PALL. NOVELLARA 77 – 88

(23-22; 35-41; 52-65)

Bellaria: Berardi, Ferrari 2, Mazzotti 10, Cruz, Gori, Rossi 9, Sirena, Giovanardi 13, Foiera 25, Brighi 18, Curi,  Montanari ne, Berardi ne. All. Maghelli.

Novellara: Ferrari N. 1, Grisendi, Folloni 26, Rinaldi 14, Bagni 4, Franzoni 18, Ferrari T. 10, Aguzzoli 11, Carpi 4. Doddi ne. All. Boni.

CLASSIFICA

CESTISTICA ARGENTA24131211069933+136
FULGOR FIDENZA22131121041919+122
FRANCESCO FRANCIA ZOLA2013103980906+74
NOVELLARA1813941081979+102
SANTARCANGIOLESE BASKET1813941001905+96
PALL. CORREGGIO181394882833+49
VIS SAN GIOVANNI IN PERS.181394948904+44
S.G. FORTITUDO BOLOGNA161385975944+31
BELLARIA BASKET1413761002985+17
ATLETICO BORGO BOLOGNA101358927967-40
CVD CASALECCHIO101358813883-70
BSL SAN LAZZARO613310890942-52
GRANAROLO BASKET613310884976-92
REBASKET CASTELNOVO4132118701002-132
CASTENASO2131129101034-124
CASTELFRANCO EMILIA2131128491010-161
1 2 3 4 5 202