Author Archives: admin

Serie B, Romagna in festa, mentre Cento perde a Chieti ed è raggiunto da Fabriano

SERIE B/C 20° Giornata

TERAMO BASKET 1960 – GIULIANOVA BASKET 85 72 – 80

LUCIANA MOSCONI – REKICO 80 – 72

(29-18; 44-40; 62-59)

Ancona: Demarchi ne, Centanni 22, Ferri 3, Quaglia 13, Monina ne, Timperi 13, Ianelli, Baldoni 6, Gueye 8, Rinaldi 15. All. Rajola.

Faenza: Anumba 2, Rubbini 8, Oboe 10, Zampa, Calabrese ne, Tiberti, Bruni 14, Klyuchnyk 8, Sgobba 16, Petrucci 8. All. Friso.

Peccato davvero. La Rekico non riesce a dare continuità alla vittoria ottenuta mercoledì scorso contro Chieti, cadendo ad Ancona dopo aver, a lungo, dimostrato di potersi aggiudicare il match. A condannarla sono stati i troppi alti e bassi che l’hanno ancora una volta obbligata alla sconfitta lontano dal PalaCattani.

Avvio di gara da dimenticare per Faenza, con la Luciana Mosconi che vola sul 20-4, grazie alle triple dei suoi frombolieri Centanni e Gueye. La Rekico reagisce e, grazie al gioco di squadra, riesce a ridurre il gap fino al 24-18. L’aggancio, però, non arriva, perché alcune palle perse di troppo ed una difesa non sempre attenta, permettono ad Ancona di mantenere il vantaggio, pur soffrendo il ritorno degli avversari, bravi a non mollare. I Raggisolaris infatti mettono in campo l’orgoglio e con cinque punti consecutivi di Bruni si portano sotto 38-37 a fine secondo quarto, con lo stesso copione che va in scena alla fine del terzo. Questa volta sono due liberi di Rubbini a valere il 62-59 al 30’. Tutto si decide negli ultimi dieci minuti: la Rekico compie l’errore di avere un calo di tensione, Ancona ne approfitta e con Timperi e le triple di Rinaldi passa a condurre 76-61. Nel finale i faentini non riescono a concretizzare la rimonta, difendendo, comunque, la differenza canestri nel doppio confronto.

SINERMATIC – RISTOPRO 64 – 88

(17-22; 29-36; 46-70)

Ozzano: Morara 6, Chiusolo 3, Mastrangelo 11, Corcelli, Iattoni 10, Folli 4, Favali 6, Dordei ne, Lolli, Galassi 4, Montanari 12, Crespi 8. All. Grandi.

Fabriano: Fratto 4, Petrucci 11, Del Testa 5, Paolin 9, Merletto 19, Cicconcelli, Garri 12, Radonjic 15, Cianci 2, Fontana 11. All. Pansa.

Dopo tre successi di fila, arriva una pesante battuta d’arresto per la Sinermatic, sconfitta 88 a 64 sul parquet amico da una Janus Fabriano che disputa un match ai limiti della perfezione.

L’approccio dei New Flying Balls alla partita, contro una delle favorite del campionato, è positivo: Crespi da 3 punti, Iattoni dall’area e Chiusolo dall’arco, fanno 8-0 Ozzano dopo 90″, costringendo il coach ospite Pansa al primo timeout di serata. La Ristopro entra così in partita e con Radonjic, Merletto e Fontana, arriva il contro break di 0-11. Questa volta è coach Grandi a rifugiarsi nel timeout, ma Fabriano sfrutta ancora l’inerzia per portarsi sul +6 (8-14), grazie ad una bomba di un ispirato Radonjic. Mastrangelo e Galassi fermano l’emorragia dei Flying con due importanti canestri dal pitturato (12-14 al 7’). Dall’altra parte, Garri e Paolin segnano i loro primi canestri del match e la Ristopro prova a riallungare; una tripla di Montanari riavvicina Ozzano sul -5 alla prima sirena (17-22 il parziale). Nel secondo quarto, le difese hanno la meglio sugli attacchi, il punteggio si abbassa drasticamente e la partita a tratti si innervosisce, con alcune fischiate dubbie che portano numerose proteste da entrambe le panchine.  Favali dai 6,75 fa -2 (20-22), Monatanari e Crespi rispondono ai canestri di Luca Garri, ma, da fuori, le triple di Del Testa e Merletto fanno volare Fabriano fino al +9 (27-36 al 18’). Si va alla pausa lunga con i padroni di casa sotto di sette lunghezze, grazie ad un canestro di Mastrangelo (29-36). Nel terzo quarto, come già successo nel match d’andata, arriva lo strappo decisivo per la formazione marchigiana: sfruttando tutta la propria fisicità sotto canestro e trascinati da una splendida prova di Merletto, Fabriano, in quattro minuti, chiude la partita con un perentorio 16 a 0 di parziale. Al minuto 24 il tabellone del Pala Arti Grafiche Reggiani dice 29-52, 23 lunghezze da recuperare per la Sinermatic, che pecca in fisicità rispetto agli avversari (non dimentichiamo l’assenza forzata di Gigi Dordei), una serata da dimenticare ai liberi (1/9 fino a quel momento, 8/18 a fine serata) e tanti tiri aperti e comodi da 3 punti non concretizzati. Dopo i 4′ di digiuno, i Flying Balls trovano un bel canestro di Folli, una tripla di Iattoni e ancora un piazzato del giovane Folli, ma sempre dall’altra parte, in qualche modo, Fabriano risponde, o con Fratto, o con Fontana, o con Paolin. La Sinermatic finisce fino anche a -25 (38-63 al 28’), segue un 8-0 di parziale firmato Iattoni-Monatanari (46-63 al 29’) ribattuto però da uno 0-6 di Merletto e Petrucci. Alla terza sirena Fabriano è a +24. Nell’ultima frazione la partita per gli ospiti è ormai in cassaforte, nonostante questo arrivano nuovi bei canestri da parte dei bianco blu, in particolare da Merletto e Fontana. A 180″ dalla fine la Ristopro trova il massimo vantaggio (+29), Ozzano, con Mastrangelo, Morara e Favali, ricuce un po’ il gap fino al -22. Nel finale Paolin segna il canestro del 64-88 finale. A partita conclusa, grande gesto di sportività delle due tifoserie, con scambi di applausi ed apprezzamenti.

ESA LUCE + GAS – TRAMEC 69 – 65

(19-20; 37-36; 55-55)

Chieti: Stanic 16 (5/9, 0/3), Ponziani 14 (6/10), Meluzzi 14 (4/7, 2/6), Rezzano 7 (0/2, 2/2), Ruggiero 7 (3/7, 0/4), Di Carmine 6 (0/4, 2/3), Pederzini 3 (1/5), Gialloreto 2 (1/1, 0/2), Signorini (0/1), Mijatovic ne. All. Sorgentone.

Cento: Ranuzzi 14 (2/9, 3/6), Leonzio 13 (2/6, 2/4), Morici 12 (4/5, 1/7), Rossi 10 (5/8, 0/0), Moreno 9 (0/3, 3/6), Paesano 5 (1/3, 1/2), Vitale 2 (1/3, 0/3), Bedin, Venturoli, Fallucca ne, Idrissou ne. All. Mecacci.

AMADORI – ROSSELLA 74 – 57

(23-16; 30-31; 55-41)

Cesena: Frassineti 23 (7/9, 2/4), Battisti 15 (5/6, 1/2), Brkic 10 (2/3, 1/2), Trapani E. 7 (2/4, 0/2), Hajrovic 6 (3/7), Chiappelli 5 (2/2, 0/3), Scanzi 4 (2/3, 0/3), Planezio 2 (0/3, 0/5), Rossi 2 (1/1), Papa, Guidi. All. Di Lorenzo.

Civitanova Marche: Amoroso V. 15 (4/8, 2/9), Felicioni 12 (2/3, 2/5), Alessandri 7 (1/4, 1/2), Amoroso F. 7 (0/3, 2/5), Rajcevic 6 (3/3, 0/1), Pierini 5 (1/3, 1/3), Trapani F. 3 (1/2), Rocchi 2 (0/1, 0/3), Vallasciani (0/1, 0/2), Masciarelli, Montanari. All. Domizioli.

GOLDENGAS SENIGALLIA – PREMIATA MONTEGRANARO 83 – 75

AURORA BASKET – ALBERGATORE PRO 70 – 82

(23-24; 43-47; 53-65)

Jesi: Lovisotto 16 (7/11), Sgorbati 15 (5/12, 1/4), Bottioni 14 (4/8, 1/3), Magrini 12 (2/2, 2/7), Giampieri 7 (1/2, 1/5), Giacchè 6 (2/6 da tre), Montanari, Konteh, Elling ne, Ginesi ne, Casagrande ne, Migliori ne. All. Ghizzinardi.

Rinascita Basket Rimini: Rinaldi 19 (5/9, 1/2), Bedetti F. 16 (6/6, 0/1), Broglia 12 (6/11), Simoncelli 11 (2/3, 2/2), Pesaresi 7 (1/2, 1/5), Bedetti L. 6 (3/7), Rivali 5 (2/3), Moffa 4 (1/1, 0/4), Ambrosin 2 (1/1, 0/1), Ramilli ne. All. Bernardi.

PORTO S.ELPIDIO BASKET – BAKERY 72 – 80

(24-19; 43-48; 53-68)

Porto Sant’Elpidio: Giammò 8, Di Pietro ne, Balilli, Costa 10, Borsato 16, Malagoli 13, De Sousa ne, Rosettani ne, Lusvarghi 4, Sagripanti 3, Bastone 18. All. Sebastiano.

Piacenza: Udom 2, Pedroni 5, Artioli 3, Perin 20, Bruno 17, De Zardo 10, El Agbani, Cena 11, Birindelli 7, Vangelov 5. All. Campanella.

La Bakery ritorna alla vittoria in trasferta, in un match che ha riservato non poche insidie. I biancorossi, dopo cinque sconfitte su campo ostile, sfatano il tabù e continuano la marcia nelle zone alte della classifica. Il presidente Beccari, oggi in panca con la squadra e i numerosi tifosi biancorossi hanno sostenuto incessantemente gli uomini di Campanella, in un match dominato da Perin (20 pt.) e Bruno (17 pt.) contro un Porto Sant’Elpidio con nulla da perdere.

Malagoli e Vangelov aprono le marcature in un palazzetto semi deserto. Il numero 8 è l’unico marcatore marchigiano, fino alle due triple di Bastone ed una di Borsato che spazzano via i canestri di Cena e De Zardo. La Bakery prova a riprendersi con la tripla di Bruno e i liberi, ma Giammò, all’esordio in casacca blu, piazza il 20-16 che costringe Campanella al time-out. I biancorossi escono rinforzati con i punti di Birindelli e Bruno, ma a pochi istanti dalla sirena, Borsato scaglia la tripla vincente e Bastone di libero, sanciscono il 24-19 finale. Porto Sant’Elpidio, a sorpresa, conduce in maniera convincente con cinque triple andate a segno contro le due ospiti. La Bakery rientra convinta e con il fuoco negli occhi, cominciando a macinare punti su punti. Da il via alle danze Pedroni con la tripla, seguito da uno splendido Marco Perin, che confeziona sei punti filati, rispondendo ai continui colpi di Borsato. Sul 27-30, Porto Sant’Elpidio ricomincia con i tiri dall’arco, firmati Malagoli e Sagripanti, riportando i locali prepotentemente in vantaggio. La Bakery non ci sta e con due contropiedi fulminanti ed una tripla di Artioli, viene cambiata l’egemonia del match, conducendo fino alla seconda sirena, non dando più spunti agli avversari: 43-48. Il terzo quarto sembra concludere definitivamente il match, con i biancorossi corsari ai danni dei blu di casa: solo 10 punti per Borsato e compagni contro i 18 biancorossi. Perin e De Zardo incrementano, Bruno non fallisce la tripla e Cena, per la terza volta in altrettanti match, arriva in doppia cifra (11 pt.). Vangelov ne fa 3 e Perin lo segue a ruota, firmando ancora una volta un match da vero leader. Per Porto Sant’Elpidio gli unici tumulti di ripresa li siglano Borsato e Giammò dalla linea della carità. La terza frazione dice 53-66. L’ultima frazione si apre con un gioco da quattro di Santiago Bruno, sancendo il +15. Quando la partita sempre ormai giunta ai titoli di coda, Bastone e Borsato, con 8 punti filati, insediano una Bakery distratta fino al 63-71, costringendo Campanella a rifugiarsi in un time-out forzato. Al rientro, la tegola peggiore per Porto Sant’Elpidio: Borsato insulta l’arbitro e per lui è doccia anticipata. I padroni di casa perdono lucidità e i biancorossi a suon di libero, sfuggono con il punteggio. La Bakery gestisce fino al termine, con Perin e Bruno che raggiungono i 20 e 17 punti, accompagnati da un ispirato Valerio Costa con nove punti negli istanti finali.

CLASSIFICA

PGVP%
Tramec Cento322016480.0
Ristopro Fabriano322016480.0
Albergatore Pro Rinascita Basket Rimini302015575.0
Amadori Tigers Cesena282014670.0
Bakery Piacenza282014670.0
Rossella Virtus Civitanova Marche242012860.0
Esa Italia Chieti222011955.0
Sinermatic Ozzano222011955.0
Rekico Faenza182091145.0
Aurora Basket Jesi182091145.0
Giulianova Basket 85162081240.0
Goldengas Pallacanestro Senigallia142071335.0
Luciana Mosconi Ancona122061430.0
Sutor Premiata Montegranaro122061430.0
Adriatica Press Teramo Basket 196082041620.0
Porto Sant’Elpidio Basket42021810.0

C Gold, Medicina indigesta per l’Olimpia… C Silver, riscatto Vis Persiceto, Fidenza va ko!

SERIE C GOLD 17° Giornata

2G FERRARA DESIGN – ALLIANZ BANK 76 – 77

(17-25; 38-44; 53-56)

Ferrara 2018: Benedetti ne, Cattani 2, Cortesi 16, Percan 14, Seravalli 9, Legnani 1, Poli ne, Pusic 15, Ruina ne, Zaharie 9, L. Ghirelli ne, M. Ghirelli 10. All. Furlani.

BB2016: Resca 9, Folli 2, Mazzocchi, Fontecchio 15, Elio ne, Guerri, Fin 13, Zanetti ne, Nucci 8, Aglio 17, Graziani 13. All. Rota.  

Ha lottato fino alla fine, la 2G Ferrara Design, punita dagli episodi nel finale concitato contro il Bologna Basket 2016, che espugna il Pala Palestre costringendo al quarto ko consecutivo i biancazzurri.

Dopo un avvio equilibrato, con Cortesi e Seravalli mattatori, ci pensano le triple di Resca e Fin a consegnare ai bolognesi il primo mini vantaggio sul 17-25. Buon avvio della seconda frazione di Percan, ma sarà Fontecchio a riportare avanti gli ospiti sul 21-29 al 13’. Ghirelli, Percan e Pusic non ci stanno e rimettono Ferrara in carreggiata: al 14’ è 27-29. Aglio c’è (27-33 al 16’), ma Ghirelli non è da meno, sua la bomba del -1 2G Ferrara Design: 32-33 al 17’. Bel finale della seconda frazione firmata Fin (32-39 al 18’), così il Bologna Basket 2016 va all’intervallo lungo in vantaggio sul38-44. Bene Matteo Ghirelli e Percan da una parte, Aglio, Fin e Fontecchio dall’altra. Inizio della ripresa di marca Cortesi (5 punti consecutivi) e Pusic, bravo a salire in cattedra: al 25’ è 47-49. La 2G Ferrara Design è bravissima a restare attaccata ai quotati avversari e in avvio degli ultimi 10’, prima Seravalli (tripla del 56 pari al 31’), poi Cattani (azione da tre punti del 59 pari al 32’), quindi Zaharie (bomba del 62-59 sempre al 32’), portano i padroni di casa in vantaggio. Il derbissimo fra ferraresi e bolognesi si decide in un finale davvero infuocato: Pusic è freddissimo ai liberi (64-59 al 33’), ma Fontecchio non è da meno, poi Resca risponde a Cortesi (68-67 al 35’) e Fontecchio lavora con l’esperienza e risponde a Pusic (69 pari). Percan e Zaharie salgono in cattedra (73-69 al 37’), ma gli ospiti, complice pure il fallo antisportivo comminato a Cortesi, con Fin ritornano avanti al 38’: 73-75. Finale da vietare ai deboli di cuore. Seravalli perde palla, Cortesi sbaglia da fuori e a -50” dalla fine Fontecchio, ancora e sempre lui, manda a bersaglio il 73-77, mandando in visibilio il popolo bolognese al seguito. Finisce così, con la tripla di Cortesi sulla sirena che riduce solamente le distanze.

PALLACANESTRO FIORENZUOLA 1972 – GUELFO BASKET 92 – 62

(24-27; 45-40; 71-47)

Fiorenzuola: Galli 10, Sichel 7, Bracci 2, Rigoni 2, Marchetti 11, Dias 8, Livelli 11, Superina, Fowler 12, Fellegara, Ricci 20, Maggiotto 9. All. Galetti.

CastelGuelfo Basket: Wiltshire, Bernabini 7, Bonetti ne, Baccarini 2, Bonazzi 3, Murati, Bergami 2, Musolesi 9, Pieri 2, Govi 20, Pederzini 2, Amoni 15. All. Cavicchioli.

Non conosce soste la corsa della capolista, che supera agevolmente anche il Guelfo.

Le squadre partono subito a buon ritmo, con Amoni per gli ospiti da 3 punti e Livelli in casa gialloblu a inaugurare il match sul 7-7 al 2’. Marchetti, in campo aperto dopo una bella combinazione tra lunghi Dias-Bracci, fa allungare i Bees fino al +5 al 4’ (12-7), prima che ancora Amoni da 3 impatti sul 16-16. Dias, con il fade-away, fa esultare il PalaMagni sul +5, ma la squadra di Cavicchioli attacca con buone percentuali e si riaggrappa a contatto al 7’. 21-20. Govi, sulla sirena, chiude il primo quarto ad appannaggio della formazione ospite (24-27). Fowler inaugura il secondo parziale con il layup su assist di Marchetti, seguito da Galli che, in uscita dalla panchina, compie il break di 8-0 aperto. 32-27 al 13’ e timeout obbligato per Guelfo. Baccarini buca la difesa gialloblu e pareggia al 14’, ma Sichel, dai 5 metri, riconsegna a coach Galetti due possessi di vantaggio: 36-32. Ricci cattura rimbalzi offensivi a grappoli e converte in punti fondamentali per i gialloblu, 43-38 al 19’. Al rientro dagli spogliatoi, Dias e Marchetti dicono 5-2 di mini-parziale, facendo iniziare la seconda metà di gara nel migliore dei modi alla squadra di coach Galetti. La partita diventa spezzettata e con tanti fischi da parte della coppia arbitrale; Livelli incendia la retina al 25’, lo segue Marchetti che recupera palla e vola in contropiede: 57-42 e timeout pieno per gli ospiti. Fiorenzuola stringe le maglie e inizia a volare in contropiede, scavando un gap importante con gli avversari; Galli inventa basket al 29’ con un cioccolatino per Ricci: 64-45. E’ Galli show sul finire del terzo quarto; la guardia fidentina disegna basket, chiudendo il parziale sul 71-47. Sichel non cambia lo spartito e da 3 punti costruisce il 78-49 al 32’, con Guelfo che prova a trovare in Govi le ultime once di energia, in una gara che si avvia al garbage time. Rigoni, con l’euro-step, diventa il beniamino del PalaMagni nel finale per l’87-55 al 37’, con la tripla di Dias che chiude l’incontro. E’ 92-62, i Bees avanzano ancora insieme.

GAETANO SCIREA BASKET – BMR 69 – 77

(14-15; 31-41; 52-52)

Bertinoro: Rossi 14, Cinti, Piazza ne, Zambianchi, Ravaioli 3, Angeletti, Ricci 6, Farabegoli 15, Bessan ne, Brighi 11, Bracci 17, Solfrizzi. All. Tumidei.

Basket 2000 Scandiano: Brevini 2, Cunico, Bianchi 19, Astolfi 6, Bertolini L. 7, Sakalas 20, Canovi ne, Caiti ne, Germani 6, Magni 17, Piccinini ne. All. Tassinari.

Vittoria sofferta per la Bmr che, solo nel finale, riesce ad avere la meglio sul Gaetano Scirea, dopo aver sofferto parecchio, specie nel terzo quarto: decisivo un Bianchi da 19 punti (7/8 dal campo), affiancato da Sakalas (20 punti e 7 rimbalzi) e Magni.

Priva del febbricitante Pini, la squadra di Tassinari parte forte e piazza un parziale iniziale di 0-10, cui i padroni di casa replicano immediatamente con un 14-2, andando a condurre grazie ai canestri di sei giocatori diversi; il 14-15 del 10’ è di Magni, che sale a quota 9 punti realizzati proprio prima del termine del primo quarto. La seconda frazione vede gli ospiti allungare sul 23-31 (15’), grazie a 9 punti di Bianchi; dall’altra parte si mette in luce l’ex di giornata Farabegoli, con 8 punti che tengono a galla i compagni. Dopo il 29-41 di metà gara, si torna in campo per la ripresa ed il Gaetano Scirea piazza subito un 10-2 che gli vale il -2 (41-43), poi impatta a quota 45, andando poi all’ultimo riposo sul 52 pari; la Bmr si sveglia nel periodo conclusivo e con un parziale iniziale di 2-12, rimette le cose in chiaro, gestendo poi il punteggio nel proseguo. Nel finale i forlivesi arrivano nuovamente a -8, costringendo coach Tassinari al time out, ma nell’azione successiva Sakalas rimette i suoi a distanza di sicurezza.

INTECH – E80 BEMA 75 – 72

(9-22; 32-33; 52-58)

VSV Imola: Colombo 11, Marcone, Dalpozzo 12, Agatensi 9, Errera 13, Planinic 1, Orlando 1, Biandolino 2, Fusella ne, Savino ne, Barattini 3, Begic 23. All. Regazzi

Castelnovo Monti: Lovatti 7, Sabah 5, Mabilli ne, Dal Pos 6, Magnani 9, Longoni 17, Levinskis, Mallon 3, Provvidenza 3, Prosek 14, Barigazzi ne, Parma Benfenati 8. All. Diacci.

E’ pazzesca la vittoria allo scadere dell’Intech ai danni del Castelnovo Monti. Con un 75-72 che racconta un successo focalizzato sul tiro da 3 punti di Ivan Begic, a meno di un secondo dalla sirena finale. Ospiti praticamente sempre avanti nel punteggio, ma la sensazione sul parquet imolese è che la Virtus possa rientrare in partita. Ed è così. I gialloneri si aggrappano alla classe di Begic ed alla grinta di Dalpozzo ed Errera. Ed al 40’ tutto il popolo giallonero esulta lungamente sugli spalti.

Iniziano meglio gli ospiti, con Magnani, Longoni e Provvidenza pronti a punire la retroguardia locale con triple pesanti (6-16 al 4’). Coach Regazzi è costretto a consumare i due timeout a disposizione per rianimare la squadra, che fatica ad arginare gli ospiti, sbagliando poi qualche conclusione di troppo. Nei primi 5’ a segno solo Begic, Dalpozzo e Errera. I reggiani si presentano molto reattivi fin dalla palla a due e per Imola è dura. E la tripla in transizione del neo entrato Dal Pos, manda Castelnovo sul +15 (6-21). Al primo intervallo breve ci si arriva sul 9-22. Imola riparte decisamente più concentrata ed in partita, con Colombo che, dopo i liberi di Biandolino, infila in rapidissima successione due splendidi cesti, con tanto di tripla di nuovo dall’angolo per il 16-22. Capitan Dalpozzo pesca il jolly dall’angolo sinistro con una tripla che riporta sotto Imola sul 19-24. A metà frazione ci si arriva sul 20-25. Con una bella e veloce penetrazione Ivan Begic trova il 23-27 a -3’50”. Con una magia, che onora il ricordo di Kobe Bryant, Dalpozzo realizza il 25-29 a 3’ dall’intervallo. E nell’azione successiva Begic indovina la tripla del 28-29, dall’angolo destro. Imitato a 20” dallo scadere ancora da Tommaso Colombo che segna il 32-33 (11 punti). Il primo vantaggio Intech arriva, pronti via, nella ripresa, con l’acrobazia di Begic da sotto le plance (34-33). Agatensi infila una doppia tripla (prima frontale poi dall’angolo destro) che vale il 40-41 al 23′. Magnani realizza la tripla al 4’30” per il +6 Castelnovo (40-46), che raggiunge poco dopo il 40-50. A 2’20” dall’ultimo intervallo breve, si registra la tripla dall’angolo di Begic (49-53) che riaccende il motore Virtus. Continuano le schermaglie ad inizio ultimo quarto, con Begic che segna in penetrazione e Prosek replica dalla distanza (55-61 al 32’30”). Sotto le plance lo scontro tra Errera e Prosek è un qualcosa di epico, d’altri tempi. Errera impatta a quota 64 dalla linea della carità, quindi conquista un rimbalzo e subisce fallo che tramuta nel vantaggio Intech: 65-64. Orlando manda in lunetta Magnani che realizza solo il primo per il nuovo pareggio a 4’ dalla sirena. Sul contropiede di Dal Pos, i reggiani tornano sul +4 (65-69 a 3’40”). Coach Regazzi interrompe il gioco per rischiarare le idee ai suoi ragazzi. Accorcia Errera su assist di Orlando (67-69). Mallon commette il 5° fallo a 2’46” dalla sirena su Errera (68-69). Parma Benfenati ed Errera fanno “a sportellate” e fanno anche canestro (70-71 a -2’). Gli ospiti segnano un libero e dall’altra parte Dalpozzo vede il ferro ribattere il suo tentativo da 3 punti. Begic, dalla lunett,a fa uno strano 0/2 (70-72 a 50” dalla sirena). Sull’errore di Magnani, a rimbalzo lottano Dalpozzo e Prosek che commette fallo a -41”. Dalla lunetta il capitano impatta a quota 72-72. Ospiti in attacco, ma Provvidenza sotto le plance non trova sbocchi per compagni liberi ed il suo passaggio si spegne sul ginocchio di Parma Benfenati a 19” dalla sirena. La sfera a spicchi termina nelle mani di Begic che scatta in avanti per il probabile ultimo possesso della gara. Palla a Barattini, che gestisce il trascorrere dei secondi con accelerata a 7” dalla fine: il suo cross per Errera viene intercettato da Parma Benfenati che mette fuori. Time out per coach Marco Regazzi. Alla ripresa del gioco, Colombo alza la palla per Begic che infila la tripla che vale la vittoria. Il PalaRuggi esplode in un boato clamoroso, da brividi. Il tabellone indica che mancano ancora 5 decimi prima della sirena e l’immediato timeout di coach Diacci offre l’ultimo assalto, con rimessa in attacco per i reggiani. Sul fil di sirena, Longoni cerca il tiro della vita, ma non raggiunge il ferro, sulla buona copertura difensiva proprio di Begic. E’ tripudio Virtus, è la vittoria incredibile allo scadere, dopo aver spesso rincorso gli ospiti.

AVIATORS – DILPLAST CLEVERTECH 76 – 56

(23-14; 47-24; 67-46)

Lugo: Carella 2, Alessandrini ne, Presentazi 12, Cappelli 2, Baroncini, Silimbani 14, Masrè 17, Cervellera, Santini 8, Salsini 11, Arosti, Ravaioli 10. All. Casadei.

Montecchio: Ramenghi 3, D’Amore 4, Tognato 6, Vecchi 9, Giannini 3, Degli Esposti 7, Pedrazzi 5, Trobbiani, Amadio 7, Lusetti 8, Negri 2, Bovio 2. All. Martinelli.

GRUPPO VENTURI – MOLIX 64 – 66

(22-22; 32-41; 47-47)

Anzola: Carpani, Parmeggiani F. 6, Pareggiani S. 3, Franco 8, Baccilieri 13, Villani 19, Venturi, De Ruvo 4, Caroldi 7, Cappelli ne, Perini ne, Donati 4. All. Spaggiari.

Molinella: Guazzaloca ne, Brandani 9, Ranzolin 2, Zuccheri 4, Frignani, Gianninoni 8, Bonanni 3, Lanzi 3, Manojlovic 14, Giuliani 15, Tedeschi 6, Caloia 2. All. Giuliani.

VIRTUS MEDICINA – OLIMPIA CASTELLO 2010 87 – 81

(26-13; 43-36; 66-64)

Medicina: Casagrande 16, Allodi 14, Polverelli 14, Galassi 12, Casadei 11, Curione 11, Poluzzi 9, Agriesti, Rossi, Lorenzini, Stellino ne, Ricci Lucchi ne. All. Curti

Castel San Pietro: Ranocchi 20, Procaccio 13, Magagnoli 12, Albertini 8, Tomesani 7, Benedetti 7, Trombetti 6, Sangiorgi 4, Sabattani 4, Pedini, Torreggiani ne. All. Serio.

Palazzetto dello Sport di Medicina pieno in ogni ordine di posto, pubblico bellissimo a testimoniare quanto sia sentita la partita e quanto le due città vivano con grande passione il basket.

Partenza super per Medicina, con Casadei e Polverelli; al timido tentativo di risposta, è Casagrande a salire in cattedra e spingere in vantaggio i gialloneri al +10. Castello tramortita, prima sirena e Virtus a +13. Secondo periodo e l’Olimpia cerca di riavvicinarsi, ma sotto la sapiente regia di Poluzzi è un caldo Allodi ad infilare due bombe pesantissime, poi Galassi cinico e all’intervallo la Virtus conduce 43-36. Terzo periodo e sempre i locali al comando. Castello abbassa il quintetto, fino a giocare con cinque esterni e alza la difesa; Medicina sbanda, ma Casagrande-Polverelli-Curione mantengono la Virtus in vantaggio. Galassi è caldo, alla sirena Medicina a +2. Quarto periodo e l’Olimpia scivola diverse volte a -7 , poi la coppia Procaccio-Ranocchi segna a ripetizione e negli ultimi minuti i castellani trovano l’unico vantaggio di serata sul +2. Curione pareggia a quota 81 e siamo negli ultimi due minuti. Castello affretta il tiro, Casadei (11 punti, 12 rimbalzi, 7 assist) illumina e pesca Curione in angolo per la bomba; Medicina a +3, time out Castello, tiro di Magagnoli corto, Casadei e Polverelli (14 punti, 11 rimbalzi) controllano il rimbalzo, Castello fa fallo, ma la Virtus, con Poluzzi dalla lunetta, chiude ogni discorso. Vince Medicina ed esplode la festa sugli spalti!

CLASSIFICA

PALL. FIORENZUOLA321716115911351+240
BOLOGNA BASKET 2016241712514041240+164
BASKET 2000 SCANDIANO241712513131210+103
OLIMPIA CASTEL SAN PIETRO221711613291262+67
VIRTUS MEDICINA201710712781272+6
FERRARA BASKET 201816178913331324+9
LG COMPETITION CASTELNOVO16178912521266-14
BASKET LUGO16178912231260-37
VSV IMOLA16178912451298-53
ANZOLA BASKET121761111611232-71
PALL. MOLINELLA121761112161288-72
GUELFO BASKET101751211951301-106
ARENA MONTECCHIO101751211901330-140
GAETANO SCIREA BERTINORO81741311451241-96

SERIE C SILVER

ZTL HOME – MISTER TIGELLA 83 – 82

(18-17, 33-35; 64-57)

S.G. Fortitudo: Balducci 5, Chiarini 7, Zinelli 3, Nguesso ne, Lalanne 16, Vicini, Pederzoli 20, Ranieri 14, David ne, Branzaglia 12, Ponteduro 2, Buscaroli 4. All. Mondini.

San Lazzaro: Salvardi, Cempini 12, Tugnoli 4, Governatori ne, Verardi 20, Stojkov 18, Fabbri 16, Grazzi 4, Naldi, Betti 8. All. Baiocchi.

Vittoria in volata per la S.G. Fortitudo che, nella seconda giornata del girone di ritorno, batte in casa, di un punto, la BSL. Per i biancoblu di coach Mandini spiccano i 20 punti di Pederzoli, ma anche le ottime prestazioni di Lalanne e Ranieri, quest’ultimo a referto con 14 punti in uscita dalla panchina. Venti anche per il capitano biancoverde Verardi, che non bastano, però, ai sanlazzaresi per portare a casa i due punti.

La partita è combattuta, ma all’inizio le due squadre fanno fatica a carburare e si segna poco da entrambe le parti. Gli ospiti perdono, infatti, diversi palloni, ma i locali non riescono a capitalizzare. A dare la scossa alla Fortitudo sono Lalanne e Pederzoli, che infilano due giochi da tre punti consecutivi e che fanno 2/2 anche dalla lunetta. La squadra di coach Baiocchi riesce, però, a restare a contatto grazie alle triple di Fabbri e Stojkov e a fine primo quarto è sotto di un solo punto, sul 18-17. Nel primo possesso della seconda frazione, San Lazzaro trova il sorpasso, firmato da capitan Verardi e grazie al 3/3 in lunetta di Fabbri e al canestro di Betti si porta avanti di quattro lunghezze sul 26-22. La Fortitudo, però, esce bene dal time out di coach Mondini e ritrova la parità con Pederzoli e Ranieri, che appoggia anche il canestro del momentaneo sorpasso. All’intervallo lungo i biancoblu sono sotto di due (33-35), ma partono bene nel terzo periodo, ottenendo un parziale di 19-5 che mette 12 punti di distacco tra le due formazioni (52-40). È il massimo vantaggio per i padroni di casa e nasce dai recuperi difensivi di Lalanne e dalle finalizzazioni sue, di Pederzoli e di Balducci. I ragazzi di coach Baiocchi cercano di arginare la situazione con Stojkov e Verardi e riescono ad arrivare fino al -5, per chiudere poi il periodo a sole sette lunghezze di distanza (64-57). Nell’ultimo quarto, la BSL risale fino al -2, ma la S.G. riesce a ricacciarla indietro, nella prima metà, grazie ai canestri di Lalanne e Ranieri. La squadra ospite, però, non molla e approfittando degli errori dalla lunga distanza dei padroni di casa, torna in parità a quota 78, con la realizzazione di Cempini. A firmare il sorpasso, ad un minuto e mezzo dalla fine, ci pensa Tugnoli, con un canestro dalla media (79-80). Il quinto fallo di Cempini manda in lunetta Pederzoli che fa 1/2 e riporta le due formazioni in parità. Negli ultimi rocamboleschi 27”, Verardi porta avanti i biancoverdi, ma la Fortitudo risponde con la tripla decisiva di Branzaglia a pochi secondi dalla fine, che fissa il risultato sull’83-82 e consegna i due punti alla squadra di coach Mondini (L.B.).

CREI – CESTISTICA ARGENTA 72 – 77

(15-15; 38-40; 53-46)

Granarolo Basket: Salicini 3, Bianchi 16, Meluzzi 15, Nanni 10, Paoloni Lu. 14, Neviani 2, Bernardinello 2, Rapparini ne, Paoloni Lo. 2, Pani 8. All. Millina.

Argenta: Magnani 12, Zanirato, Alberti D. 8, Demartini 17, Bonora ne, Alberti A. 2, Federici ne, Quaiotto 16, Montaguti 6, Malagolini 6, Nicoletti, Martini 10. All. Bacchilega.

La Crei disputa un’ottima gara contro la capolista Argenta ma, come con la Francesco Francia, si disunisce nell’ultimo quarto e getta al vento l’occasione per portare a casa una vittoria importante per la classifica ed il morale. Per Millina la consapevolezza dei progressi della squadra grazie anche ad un organico quasi al completo (Brotza out per il resto della stagione) ed il rammarico di un quarto periodo da soli 9 punti, con 0/12 da 2, che sta a testimoniare come la squadra abbia improvvisamente smesso di girare in attacco, dopo che nel secondo e terzo quarto aveva tirato rispettivamente con il 60% e il 64% dal campo. Argenta si conferma come la vera rivelazione del campionato, guidata dagli esperti Demartini e Quaiotto e dimostrando una grande tenuta mentale nel reagire prontamente ogni volta che Granarolo tentava l’allungo.
La cronaca: in avvio le squadre commettono volontariamente infrazione di 24” e 8” per un emozionante tributo a Kobe Bryant, poi cominciano le ostilità all’insegna dell’equilibrio, con Nanni in evidenza (9-8 al 5’30”). La Crei tenta l’allungo con Bianchi e la tripla di Meluzzi 14-10 al 8’30”), ma un paio di disattenzioni permettono ad Argenta di impattare a 15 alla prima sirena. Il secondo quarto comincia nel segno di Bianchi (per lui una doppia doppia da 16p. e 12r.) che, con un appoggio ed una tripla, regala il +7 ai padroni di casa (22-15 al 12’). Argenta reagisce e con Martini-Quaiotto e Davide Alberti piazza un 2-15 in 4’30” che la porta in vantaggio (24-30 al 16’30”). La Crei accorcia fino al -3, ma Magnani e Martini la rimandano a -7 (31-38 al 18’30”). Meluzzi ( autore di una prova controversa al tiro con 0/4 da 2 e uno strepitoso 5/7 da 3) spara la sua seconda tripla all’ultimo dei 24”, su assist volante di Pani, poi lo stesso Pani prima realizza da 2, poi subisce fallo su tiro da tre a fil di sirena e con un 2/3 dalla lunetta manda le squadre negli spogliatoi sul 38-40. Ad inizio terzo quarto Bianchi-Luca Paoloni- Neviani riportano a +4 Granarolo (44-40). Martini e Magnani ristabiliscono la parità, poi la Crei strappa con 2 liberi di Pani, la seconda tripla di Bianchi, ancora Bianchi su assist di Paoloni e lo stesso capitano dei padroni di casa, con un gioco da tre punti, per il 54-46 al 26’. Malagolini da 3 ferma l’emorragia poi, dopo 2 liberi di Nanni ed un canestro di Quaiotto, spara ancora da 3 per il -2 (56-54 al 27’30”). Granarolo spinge nuovamente sull’acceleratore e su un gioco da 3 punti di capitan Paoloni, raggiunge il massimo vantaggio del match (63-54 al 39’). Alessandro Alberti fissa il 63-56 con cui le squadre si apprestano ad affrontare gli ultimi 10’. Inizio di ultima frazione pirotecnico: Demartini da 2, Meluzzi da 3, Magnani da 3 e ancora Meluzzi da 3 per il 69-61 al 32’. La Crei, improvvisamente, si inceppa sulla 3-2 che in precedenza aveva ben attaccato ed incomincia ad attaccare in maniera confusa e Argenta, con una tripla fortunata di Magnani e Demartini da due, si riporta a due lunghezze (69-67 al 33’30”). Un paio di errori per parte poi capitan Paoloni, dall’angolo, infila la tripla del +5 con 4’30” da giocare. I padroni di casa perdono l’occasione per piazzare l’allungo decisivo, non sfruttando 2’ di digiuno degli ospiti e fatalmente viene punita: Magnani in entrata fa il -3, Neviani si vede fischiare un passi abbastanza fiscale, Demartini, con freddezza, segna il canestro del 72-71 a 2’ dalla fine. Meluzzi sbaglia, ma Davide Alberti, dalla lunetta, fa un’insolito 0/2. Lo stesso esterno si fa perdonare recuperando palla su Bianchi e dando il la all’azione che termina con l’assist di Magnani per Quaiotto che, da 3, firma il sorpasso (72-74 a 58” dalla fine). Dopo il timeout di Millina, Paoloni sulla rimessa perde palla e commette fallo su Demartini con la Crei in bonus: 1/2 dalla lunetta dell’esterno ospite e +3 Argenta (72-75 a 54” dal gong). Granarolo va da Meluzzi per il pari (fin lì 5/6 da tre…); il giocatore felsineo ha lo spazio per scoccare la tripla del pareggio: ferro-ferro-fuori, rimbalzo Argenta e facile canestro in contropiede di Montaguti per il 72-77 finale.

REBASKET – ATLETICO BASKET 91 – 80

(27-23; 56-49; 73-67)

Castelnovo Sotto: Bonifazi 2, Beltran 10, Azzali, Castagnaro 12, Defant 22, Pezzi 17, Barazzoni, Bellocchi, Putti 14, Vezzali 3, Foroni, Zecchetti 11. All. Casoli.

Atletico: Artese 6, Paolucci 4, Serra 21, De Simone 4, Pedroni 1. Veronesi Gr. 12, Veronesi G.I. 16, Tognazzi M, Campanella 10, Trebbi 2, Frascaroli, Tognazzi S. 4. All. Guidetti.

PALL. CORREGGIO – LIMITLESS 64 – 71

(15-24; 27-36; 46-52)

Correggio: Messori, Conte ne, Riccò Fe. 12, Morgotti 6, Guardasoni L. 18, Riccò Fr. 3, Ferrari 7, Guardasoni M. 7, Beltrami ne, Lavacchielli 10, Frilli 1. All. Stachezzini.

Bellaria: Ferrari 17, Mazzotti 16, Foiera 13, Giovanardi 10, Rossi 6, Gori 4, Montanari 3, Cruz 2. All. Maghelli.

CVD BASKET CLUB – LA CANTINA DEI SAPORI 65 – 76

(7-19; 32-35; 51-53)

Cvd Casalecchio: Bertuzzi 5, Lelli 8, Cavallari 5, Penna, Rosa 7, Corradini 6, Dawson 6, Taddei 6, Paratore 18, Fuzzi 4, Baccilieri. All. Gatti.

Zola Predosa: Vivarelli 12, De Gregori 18, Ramini 6, Tubertini 11, Bianchini 14, Bavieri 6, Bonaiuti 5, Righi 2, Zappoli 2, Masina. Bosi. All. Cavicchi.

OTTICA AMIDEI CASTELFRANCO – PALL. CASTENASO 68 – 72

(25-13; 42-37; 56-60)

Castelfranco Emilia: Ayiku, Marzo 3, Govoni 11, Zucchini 21, Torricelli R. 19, Tedeschi, Vannini, Del Papa 3, Torricelli F. 5, Lanzarini, Youbi, Prampolini 6. All. Ansaloni.

Castenaso: Pesino, Ballini 5, Biguzzi 15, Cesario 1, Capobianco 10, Ballardini 11, Zucchini 4, Tinti 8, Marinelli 14, Saccardin 4. All. Castelli.

Una discreta Ottica Amidei battaglia fino alla fine contro Castenaso, ma sono i bianconeri a spuntarla, guidati da un solidissimo Marinelli.

Inizio fulminante per i biancoverdi, consci dell’importanza del match, 12-0 per cominciare la disputa, dopo il minuto di silenzio per onorare la memoria di Kobe e Gianna Bryant. Minuto istantaneo di coach Castelli, ma Castelfranco tiene le distanze intatte fino alla sirena del primo quarto, che si chiude sul 25-13. Nel secondo periodosi va molto più a strappi: l’Ottica Amidei comincia a uscire dal seminato, soprattutto in attacco, e questo porta brutti possessi anche nella meta campo difensiva, in special modo nel pitturato, dove Castenaso riesce a trovare punti facili con tutti gli effettivi. Castelfranco riesce comunque a mantenere il comando delle operazioni, andando a riposo sul 42-37. Il terzo quarto, che già si era rivelato decisivo sabato scorso ad Argenta, colpisce ancora: fino a metà periodo, i biancoverdi mantengono la testa anche se solo di due lunghezze (49-47), poi la luce si spegne e nella seconda metà, l’Ottica Amidei subisce un parziale di 12-3 che porta gli ospiti avanti di 7 (52-59 al 27′). Nonostante tutto, Zucchini e compagni riescono a rimanere aggrappati al match, chiudendo la frazione sotto di 4 (56-60). Gli ultimi dieci minuti vedono le squadre battagliare all’arma bianca. I padroni di casa riescono a rimettere il naso avanti grazie ad una tripla di Torricelli F. (65-64 al 36′ ), ma la situazione è sempre sul filo del rasoio. Castelfranco si ritrova anche senza un uomo fondamentale come capitan Del Papa, sanzionato di 5 falli. Si arriva al minuto finale con Castenaso avanti di una lunghezza (67-68), grazie a un floater di Tinti. Castelfranco va in attacco, Marzo subisce fallo, ma fa solo 1/2 e impatta la partita. Sul possesso successivo, gli ospiti sfruttano il mismatch col play castelfranchese e Marinelli appoggia il +2 a 15″ dalla fine. Time out di coach Ansaloni per avanzare la rimessa, la palla arriva a Zucchini, che prova ad andare a subire fallo in penetrazione, senza fortuna, con la palla recuperata dallo stesso Marinelli, che subisce fallo e col 2/2 in lunetta sigilla la vittoria ospite con il finale di 68-72.

VIS BASKET PERSICETO – FOPPIANI 71 – 63

(20-18; 39-33; 51-40)

San Giovanni in Persiceto: Sgargi, Coslovi 8, Zani, Baietti 1, Vaccari ne, Papotti 23, Tedeschini 16, Mancin 12, Rusticell 6, Mazza 3, Pedretti 2. All Berselli.

Fidenza: Taddei, Gaudenzi, Sabotig 2, Brogio 4, Di Noia 12, Massari 9, Montanari 6, Garofalo ne, Arbidans, Koljanin 11, Perego 14, Parmigiani 5. All Braidotti.

PALL. NOVELLARA – SANTARCANGIOLESE BASKET 73 – 69

(17-16; 38-27; 56-48)

Novellara: Ferrari N., Grisendi M. ne, Doddi ne, Folloni 5, Rinaldi 7, Bagni 11, Franzoni ne, Ferrari T. 11, Aguzzoli 22, Carpi 6, Ciavolella 11. All. Boni.

Santarcangelo: Zannoni 16, Nervegna 7, Malatesta ne, Fusco 14, Aduosun 5, Sirri ne, Dini 4, Raffaelli 14, Dimonte 2, Fornaciari 7. All. Evangelisti.

CLASSIFICA

CESTISTICA ARGENTA281714313831243+140
FRANCESCO FRANCIA ZOLA281714312761160+116
NOVELLARA261713414441282+162
FULGOR FIDENZA261713413671233+134
VIS SAN GIOVANNI IN PERS.241712512491187+62
PALL. CORREGGIO221711611751110+65
SANTARCANGIOLESE BASKET201710712731207+66
BELLARIA BASKET201710712871237+50
S.G. FORTITUDO BOLOGNA201710712721245+27
CVD CASALECCHIO16178910711130-59
ATLETICO BORGO BOLOGNA101751212131310-97
BSL SAN LAZZARO81741311621225-63
GRANAROLO BASKET81741311361247-111
REBASKET CASTELNOVO81741311651289-124
CASTENASO61731411971343-146
CASTELFRANCO EMILIA21711610921314-222

Serie B/F, bagarre nel girone A, mentre ad est i giochi sono (quasi) fatti

SERIE B/F 16° Giornata

GIRONE A

TIGERS BK ACADEMY – CHEMCO 1974 68 – 40

(20-11; 34-24; 48- 36)

Tigers Parma: Podestà 12, Petrilli 8, Cosini 2, Accini 3, Rinaldi 2, Rizzi 11, Vaccari 6, Minari 13, Fatadey 9, Ghezzi, Vettori 2. All. Lopez.

Puianello: Oppo 5, Ligabue 2, Montanari 4, Dall’Asta, Gervex 3, Libri, Pignagnoli 7, Martini 1, Manzini 12, Boiardi 6, Stefani. All. Olivari.

BK CLUB VAL D’ARDA – ACETUM 52 – 39

(17-16; 23-27; 38-36)

Fiorenzuola: Sogni, Periti 4, Bertoni, Dettori 15, Zane 5, Patelli 3, Bosio 4, Yamblè 5, Rastelli ne, Rutigliani ne, Raiola 16, Perciasepe ne. All. Cavanna.

Cavezzo: Siligardi 4, Bocchi 5, Gasparetto, Marchetti 6, Righini, Balboni, Brevini 9, Finetti ne, Maini 7, Calzolari 4, Bellodi 4. All. Carretti.

BK FINALE – ROBY PROFUMI 78 – 67

(16-18; 37-35; 52-43)

Finale Emilia: Melloni 7, Malaguti 10, Bozzoli F. 2, Sacchetti 7, Todisco 17, Molinari, Bergamini 9, Biagiola 6, Benedusi 2, Guerra, Bozzoli C. 7, Pincella 11. All. Bregoli.

Borgotaro: Piscina 8, Bozzi 10, Montanari, Ferrari G. 5, Vignali 2, Ferrari V., Gonzato 27, Corti, Cremona 5, D’Ambros C. 10, Diagne, Triani. All. Scanzani.

LIBERTAS BK BOLOGNA – SCUOLA BASKET SAMOGGIA 37 – 60

(6-13; 17-26; 27-38)

Libertas Bologna: Antonellini, Grassi, Gandolfi, Righi 12, Castelli Gia. 5, Castelli Gio. 3, Benadducce 9, Mirrione, Grazian 6, Palladinelli, Poletti 2, Simonicini 2. All. Castelli A.

Piumazzo: Reggiani 10, Cavallieri 8, Fregni  2, Matteuzzi, Ferrara 5, Olezzi, Calamosca 9, Alboni 7, Palmieri A. 2, Raimondi 6, Varini 11. All. Roffi.

CLASSIFICA

Tigers Parma 28; Val d’Arda Fiorenzuola, Magik Rosa Parma 22; Cavezzo 20; Puianello 12; Valtarese 10; Finale Emilia, SBS Piumazzo 6; Libertas Bologna 2.

GIRONE B

B.S.L. – MYCICERO 88 – 65

(16-19; 49-34: 71-46)

San Lazzaro: Zarfaoui 12, Cappellotto 8, Mantovani 4, Colli 13, Talarico 17, Ghigi 12, Trombetti 8, Romagnoli 2, Zanetti 9, Viviani 3. All. Dalè.

Basket 2000 Senigallia: Cattalani 5, Amadei 6, El Haiti 14, Sordi 20, Baracaglia ne, Vecchietti 2, Formica, Lazzari 1, Castagnolo 2, Bonacci, Angeletti 15. All. Tonucci.

MATTEIPLAST – LIBERTAS BASKET ROSA 62 – 52

(25-14; 35-22; 52-32)

Progresso: Ferraro, Mezzetti, Marchi 11, Papotti, Bernardini, Cadoni 14, Ruggeri, Tridello, Bregu 6, Mini 7, Prisco 15,  Melloni 9. All. Simeone.

Lib. Rosa Forlì: Guidi, Tasevska, Atanasovska 6, Pieraccini 8, Valensin 16, Ronchi 5, Ragazzini 6, Balestra 6, Bollini 5, Pirazzini. All. Montuschi.

Il match comincia molto bene per le felsinee, con un buonissimo primo periodo caratterizzato da molti canestri ed un bel gioco di squadra, testimoniato dai punti realizzati da Prisco, Marchi e Cadoni che, assieme, riescono a concludere con ben 25 punti, contro i 14 delle avversarie. I dieci minuti successivi confermano il quarto precedente, mantenendo un vantaggio pressoché costante, continuando a mostrare buone azioni e anche dei bei contropiedi, che mettono in difficoltà le romagnole. E’ però al rientro dall’intervallo che le ragazze della Matteiplast cominciano una vera e propria fuga, distaccando le avversarie di addirittura 20 punti, con un’ottima prestazione di Melloni e Cadoni. La partita si conclude, quindi, senza troppe difficoltà, con un 62-52 che dimostra come, finalmente, si stiano creando dei nuovi equilibri fra il nuovo coach e le ragazze, che hanno mostrato un bel gioco di squadra ed anche un’ottima difesa, che ha permesso di recuperare palloni decisivi, per poi realizzare canestri facili ed in vantaggio numerico.

THUNDER BASKET – BASKET GIRLS 57 – 60 dts

(10-16; 24-26; 46-39; 55-55)

Matelica: Bernardi, Stronati 3, Sbai 6, Zito 2, Baldelli 2, Ricciutelli, Gargiulo, Ceccarelli, Zamparini 7, Michelini 19, Paffi 7, Franciolini 11. All. Rapanotti.

Ancona: Pierdicca 8, D’Amico 2, Yusuf 5, Koshanin, Palmieri, Bolognini 20, Marinelli 15, Mandolesi 3, Lattanzi, Maroglio 7, Borghetti. All. Castorina.

REN AUTO – OLIMPIA BASKET 58 – 39

(17-11; 31-18; 44-24)

HB Rimini: Novelli 12, Re 3, La Forgia 4, Vespignani 8, Duca E. 5, Pignieri 2, Duca N. 5, Palmisano 4, Renzi 8, Farinello 5, Borsetti 2, Lazzarini. All. Rossi.

Pesaro: Cioppi, Canossini 7, Barulli 8, Gjnaj, Caiozzo 2, Benedetti 6, Paccapelo 6, Pentucci, Cecchini 3, Cencellieri, Canestrari 7. All. Alexander.

L’Happy Basket si conferma sesta, battendo nettamente Pesaro.

Coach Rossi sceglie un quintetto composto da Vespignani, Novelli, Palmisano, Pignieri e Noemi Duca. Comincia il match e dopo un paio di minuti confusi, Novelli sblocca il punteggio con la tripla del 3-0. E’ un avvio tutto di marca Ren-Auto: le rosanero trovano la via del canestro in più modi con Palmisano, La Forgia, Farinello e Noemi Duca e si portano sul 15-5 a 3′ dalla prima pausa. La reazione dell’Olimpia non si fa attendere: 6-0 di parziale per il 15-11. Si va al cambio di quarto con l’Happy Basket avanti di sei lunghezze sul 17-11. Ottimo avvio rosanero anche nella seconda frazione: le scatenate Vespignani ed Eleonora Duca firmano il nuovo +10, 23-13 a 6′ dall’intervallo. La Ren-Auto sembra in controllo, ma in attacco si blocca e non segna più per 4′; Pesaro, dal canto suo, non fa granché, ma lima qualche punto, 23-18. Serve un bel passo d’incrocio a centro area di La Forgia, per togliere finalmente il coperchio dal canestro, poi, sulla difesa successiva, l’Happy ruba palla e Noemi Duca in transizione subisce un fallo antisportivo: un libero per lei ed uno di Vespignani valgono il 27-18. L’Olimpia torna in attacco per provare a sbloccarsi, ma gli arbitri puniscono con un tecnico ingiusto coach Alexander, rea di aver protestato per un “non fischio” su un contatto onestamente falloso. Novelli capitalizza nel migliore dei modi il regalo: segna il libero e sul possesso successivo mette la tripla del 31-18. Il primo tempo finisce qui. Novelli segna ancora da tre in apertura di terzo quarto per il 34-18. Un paio di belle giocate di Laura Renzi, bravissima a tagliare e ben servita dalle compagne, danno il nuovo massimo vantaggio, +17 sul 38-21. La Ren-Auto è totalmente in controllo del match, impone il proprio ritmo in attacco e la propria aggressività in difesa e chiude il terzo quarto sul 44-24. In avvio di ultima frazione si iscrivono a referto anche Re, che segna in penetrazione, subisce fallo e realizza il libero aggiuntivo e Borsetti, autrice di un pregevole semigancio dallo “smile”. La tripla di Farinello con dedica ai genitori, arrivati da Cantù, è l’ultima giocata degna di nota della partita. Finisce 58-39.

CLASSIFICA

Basket Girls Ancona 26; Progresso Bologna 22; BSL San Lazzaro 18; Libertas Rosa Forlì 16; Thunder Matelica 14; Happy Basket Rimini 12; Magika Castel San Pietro 10; Olimpia Pesaro 6; BK 2000 Senigallia 4.

Under 16, la Bsl doma la Fortitudo. U15, colpaccio Crabs a San Lazzaro, la Vis 2008 supera i Baskers

UNDER 18

GIRONE C 16° Giornata

ASS. PESCARA BASKET – CAB STAMURA BK ANCONA 66 – 72

SAPORI VERI SHARKS – BPER BANCA VIRTUS 93 – 87 dts

(29-16; 43-40; 62-57; 82-82)

Roseto: Pedicone 31, Palmucci 8, Valentini 3, Cocciaretto, Sebastianelli 26, Cavatassi ne, Gaeta 4, Malatesta 3, Di Leonardo 1, Mariani ne, Menalo 17, Llukacej. All. Rossi.

Bologna: Deri 10, Grotti 2, Solaroli 20, Guastamacchia 17, Martini 6, Colombo 9, Frascari 9, Scagliarini 6, Salsini, Orsi, Ferdeghini, Galli 8. All. Ansaloni.

CARPEGNA PROSCIUTTO – CASSA DI RAVENNA FORTITUDO 67 – 50

(18-14; 33-18; 45-34)

Pesaro: Solari 6, Calbini 8, Mujakovic 2, Basso 10, Alessandrini 18, Re 12, Gulini 7, Sablich, Ferri, Mazzotti 4, Pagliaro, Foglietti. All. Luminati.

Bologna: Franco 4, Prunotto 2, Giacomi 3, Simon 20, Buscaroli 8, Battilani 3, Biasco, Micheletto, Branchini 5, Niang 1, Longagnani 4, Marini ne. All. Politi.

UNIBASKET – GRISSIN BON 49 – 82

(10-16; 26-39; 41-60)

Lanciano: Andreoli 5, Maralossoudabangadata 17, Deminicis 2, Di Fonzo 3, Bantsevich 15, Civitarese 3, Daja 2, D’Ottavio 2, Corte, Brasile ne. All. Corà.

Reggio Emilia: Carta 2, Soviero 18, Giannini 4, Besozzi 6, Cham 23, Morini 5, Riccò 2, Maddaloni 8, Codeluppi 3, Lusvarghi 6, Vezzoli 3, Diouf 2. All. Menozzi.

VIS 2008 – PALL.TITANO 60 – 72

(21-16; 28-33; 42-50)

Ferrara: Bacilieri 8, Husam 6, Ticic 2, Balducci 8, Manojlovic 8, Dalpozzo, Galliera Ricci 7, Fabbri, Bonanni ne, Caloia 6, Mazzagatti 10, Simonetti 5. All. Lilli.

San Marino: Squarcia 2, Palmieri 12, Buzzone 6, Felici 18, Flan 8, Torelli, Gaspari 6, Alviti, Riva ne, Pasolini ne, Semprini Cesari 6, Buo 14. All. Padovano.

AURORA BASKET – INTERNATIONAL BK 75 – 59

(16-16; 34-29; 54-47)

Jesi: Elling T. 2, Memed 15, Montanari 9, Giacchè 25, Konteh 14, Mentonelli 4, Zoppi 4, Mattiacci, Ginesi 2, Rinaldi, Chiariotti ne. All. Francioni.

Imola: Poloni 2, Fussi 9, Wiltshire 17, Alberti 3, Fini, Fazzi 8, Rayner 7, Franzoni 2, Ravaglia 9, Bollati, Cai, Chiarati 2. All. Santi.

BASKET CRABS – B.S.L. 68 – 65

(20-15; 36-27; 52-55)

Rimini: Ferrari 22, Rosario Cruz 5, Rossi 22, Santoro 11, Montanari 7, Curi Moraes Seixas, Giorgini, Tisselli 1, Bertini, Tamburini, Jose ne. All. Maghelli

San Lazzaro: Omicini 18, Micheli 10, Flocco 3, Naldi 18, Betti 4, Moretti ne, Baldi, Carletti 3, Domenichelli 3, Negroni 6. All. Comastri.

CLASSIFICA

VL Pesaro*, Reggiana* 22; Vis 2008 Ferrara, Fortitudo Bologna, Crabs Rimini 20; Virtus Bologna*, Roseto, Jesi* 18; Titano San Marino* 16; International Imola, Stamura Ancona 14; BSL San Lazzaro* 8; Pescara 6; Lanciano 2.

UNDER 16

18° Giornata

VIS 2008 – BPER BANCA VIRTUS PALL. 72 – 81

(23-26; 46-55; 61-67)

Vis Ferrara: Salvi, Bonfà, Tripodo, Carnevali 9, Ebeling 9, Fabbri, Zanirato 2, Frigatti, Cavicchi 10, Yarbanga 21, Simonetti 9, Ouattara 12. All. Cigarini

Virtus: Collina 5, Malaguti 12, Penna 6, Franceschi 8, Cappellotto, Cattani 25, Cassanelli 6, Barbato 6, Venturi 2, Martini, Bianchini 3, Terzi 8. All. Consolini.

B.S.L. – CASSA DI RAVENNA FORTITUDO 75 – 68

(12-16; 37-33; 53-46)

San Lazzaro: Scheda, Sibani 13, Parenti 5, Moretti 15, Scapinelli 5, Glinos 12, Landi 8, Torreggiani ne, Cisbani ne, Matera 13, Tripodi, Tamborino 4. All. Sanguettoli.

Fortitudo Bologna 103: Pavani 16, Fantini, Manna 11, Grigoli, Cavazzoni 4, Niang 35, Cilloni, Rando, Zedda 2, Sciarabba. All. Fucka.

JUNIOR BASKET – CRABS 1947 51 – 71

(17-30; 30-46; 47-60)

Ravenna: Federici 8, Laghi 6, Raffoni, Giovannelli 7, Mancini, Montanari 9, Cattani 6, Manias 12, Baldini, Fogli 3, Pattuelli, Minori. All. Massari.

Rimini: Tombetti 4, Stella, Romani 3, Purboo 13, D’Agnano 10, Sovera 12, Baldisseri, Baietta 2, Nascimento 4, James 23, Kihekwu. All. Montanari.

BASKET SANTARCANGELO – ACADEMY BK 2014 72 – 80

Santarcangelo: Ricci 7, Amati 13, Piacente 12, Polverelli 4, Ballarini, Karpuzi 14, Vittori, Buo 19, Dellarosa 3, Neri, Lodovichetti. All. Middleton.

Fidenza: Pepe 23, Cane 17, Lato 8, Tengue 2, Codeluppi, Armanino 9, Diop 2, Capocotta 19. All. Zanardi.

VICO BASKET – GRISSIN BON PALL. REGGIANA 68 – 53

ViCus Parma: Guareschi, Bianchini 10, Bernardi , Camurri 5, Guatteri 6, Guggia 7, Bellini T. 15, Rastelli 10, Aielli 1, Branchi 8, Savastano, Parmiggiani 6. All. Diotallevi.

Reggiani che si presentano con una grande voglia di giocare, tanto che dopo pochi minuti si ritrova già sopra nel punteggio. ViCus un po’ in bambola, non riesce a reagire e quasi da spettatore si ritrova sotto di dieci lunghezze all’intervallo. Nella pausa lunga Coach Diotallevi sveglia i suoi ragazzi e nel terzo quarto i ragazzi di Parma segnano 26 punti, contro i 27 dei primi due quarti! Partita ribaltata con ViCus che gioca in fiducia, trovando ora buoni tiri arrivati da collaborazioni. A fine partita il tabellone recita un +15 a favore di ViCus, che trova due punti fondamentali per la classifica.

RECUPERI

ACADEMY – BSL 60 – 92

Fidenza: Pepe 5, Chiarella, Cane 6, Boriani 2, Lato 8, Tengueu 2, Codeluppi 6, Armanino 9, Diop 6, Capocotta 16. All. Zanardi.

San Lazzaro: Scheda 2, Sibani 10, Parenti 7, Moretti 21, Scapinelli 12, Glinos 13, Landi 16, Torreggiani, Cisbani 2, Matera 2, Tripodi, Tamborino 7. All. Sanguettoli.

CRABS – PALL. 2.015 71 – 77

ACADEMY – VICO 70 – 63

CLASSIFICA

Bsl San Lazzaro 32; Virtus Bologna 30; Fortitudo Bologna 24; Vis 2008 Ferrara 18; Crabs Rimini*, Academy Fidenza 16; Vico Parma* 14; Junior Ravenna, Pall. 2.015 Forlì* 10; Santarcangelo 6; Reggiana* 0.

UNDER 15

14° Giornata

VIS 2008 – BASKERS FORLIMPOPOLI 84 – 72

ACADEMY BASKET 2014 – BPER BANCA VIRTUS 69 – 63

(16-8; 26-33; 49-45)

Fidenza: Chiarella 7, Codeluppi 28, Marani, Piccinelli, Cordani, Diop 22, Bertinelli 6, Bottazzi 6. All. Zanardi.

Virtus: Cappellotto 12, Ciobanu 12, Faldini 7, Francesconi 2, Franzoni 11, Gambini 5, Kindt, Landi 2, Mondini Branzi 8, Montanari 2, Pesci, Roversi 2.
All. Rota.

B.S.L. – CRABS 1947 74 – 80

(28-22; 53-40; 64-58)

San Lazzaro: Gamberini 33, Manzoni 5, Palmieri, Ziglio 4, Margelli 1, Lusignani, Rossi 14, Colletta, Fucka 5, Piras 5, Piazzi 5, Cuccoli 2. All. Zaffarani.

Rimini: D’Agnano 32, Nascimento 22, Stefanov ne, Rinaldi 2, Kimekwu, Baldiserri 24, Macrelli, Halili, Bacchemi, Veroni. All. Firic.

BENEDETTO 1964 – CASSA DI RAVENNA 73 – 56

(14-17; 37-27; 51-40)

Cento: Carpanelli, Di Rienzo 1, Galantini 21, Miceli, Accardi, Negrini, Ramponi 19, Balletti, Orsini 4, Pascucci 20, Veronesi, Fabbris 8. All. Brochetto.

Fortitudo Bologna: Callegari 7, Bonfiglioli 10, Zagnoni 12, Lagna 7, Masina 4, Venturi 9, Savino 2, Natalini 4, Angelini 1, Bernardi, Pietrantonio, Gabrielli. All. Menichetti.

GRISSIN BON PALL. REGGIANA – JUNIOR BK RAVENNA 60 – 78

BASKET SANTARCANGELO – POL. PONTEVECCHIO 71 – 65

Santarcangelo: Antolini 1, Bonfè 11, Macaru 25, Benzi 5, Paduano, Pacucci 1, Fabbri, Morandotti 15, Panzeri 7, Pini, Morri 6. All. Miriello.

Pontevecchio: Collina, Pilutti 3, Anderlini 3, De Novellis 6, Romagnoli, Trivarelli 8, Benini 7, Labanti 10, Valeriani 20, Testoni 2, Gervasoni 6. All. Baffetti.

CLASSIFICA

Benedetto 1964 Cento* 24; Vis 2008 Ferrara 22; Baskers Forlimpopoli, BSL San Lazzaro 20; Fortitudo 103 Bologna 18; Crabs 1947 Rimini*, Junior Ravenna*** 14; Reggiana, Santarcangelo** 8; Virtus Bologna* 6; Academy 2014 Fidenza** 4; Pontevecchio Bologna 0.

Serie B, Rimini in festa, battuta Cesena. Punti d’oro per Raggisolaris e Flying Balls

SERIE B 19° Giornata

ALBERGATORE PRO – AMADORI 74 – 66

(26-20; 49-37; 62-54)

Rinascita Basket Rimini: Moffa 22 (4/5, 4/6), Broglia 10 (1/4, 2/2), Bedetti F. 10 (1/3, 1/1), Bedetti L. 9 (3/6, 1/3), Pesaresi 9 (3/6), Rinaldi 8 (2/4, 1/4), Simoncelli 6 (0/2, 1/3), Ambrosin (0/1), Chiari ne, Vandi ne, Ramilli ne. All. Bernardi.

Tigers Cesena: Scanzi 18 (3/9, 4/5), Brkic 16 (3/5, 3/5), Chiappelli 13 (2/5, 1/3), Planezio 9 (2/7, 0/3), Hajrovic 8 (4/4), Trapani 2 (1/3, 0/1), Battisti (0/2, 0/3), Rossi (0/1), Guidi ne, Rossi ne, Frassineti ne, Papa ne. All. Di Lorenzo.

RISTOPRO FABRIANO – TERAMO BASKET 1960 92 – 60

BAKERY – PREMIATA 73 – 69

(20-21; 34-36; 53-51)

Piacenza: Udom 1, Pedroni 1, Artioli 9, Perin 13, Chiozza ne, Bruno 7, De Zardo 12, El Agbani ne, Cena 16, Birindelli 10, Vangelov 4. All. Campanella.

Montegranaro: Lupetti 5, Ragusa 1, Villa 3, Di Angilla 3, Jovovic 9, Ciarpella ne, Caverni 17, Polonara 5, Rovatti 16, Panzieri 10. All. Ciarpella.

La Bakery sigla la doppia cifra in casa e riprende a correre. Nella serata dedicata a Kobe Bryant, i biancorossi riescono a prevalere su Montegranaro, dopo il bruciante fotofinish di Chieti. Un match equilibrato da parte degli ospiti fa da contraltare agli sprazzi di Piacenza che, nel finale, chiude i rubinetti difensivi e porta via la decima vittoria dal proprio palazzetto, mantenendolo imbattuto. Fondamentale la miglior freddezza offensiva e difensiva. Nonostante 33 punti combinati per Rovatti e Caverni, le 4 doppie cifre biancorosse fanno la differenza. Oltre al solito De Zardo, molto bene anche Cena ed Artioli, con la palma di migliore in campo spartita in due tra Perin e Birindelli.

Cena e Rovatti aprono le danze al PalaBakery. L’inizio è scoppiettante, tanto che nei primi 3’ vediamo ben 17 punti. Sugli scudi va sicuramente Rovatti, ma a fargli compagnia troviamo sia Bruno che Vangelov. Poco più tardi è primo vantaggio ospite con la bomba di Caverni (13-16), in un periodo in cui Montegranaro tira benissimo da lontano e sfrutta le disattenzioni biancorosse. Con una media del 48% dal campo, le due avversarie vanno al primo riposo sul punteggio di 20-21. Ad uscire meglio dalla pausa del primo periodo è sicuramente la Bakery. La difesa, mischiata alla fluidità offensiva, pagano dividendi alla formazione biancorossa, che capitalizza con Birindelli, Artioli e De Zardo. Sul 30-25 firmato da Cena (7), Piacenza chiude un parziale da 10-4, che chiarisce le intenzioni a Montegranaro sull’andamento del match. Coach Ciarpella opta per la pausa e ad uscirne è una formazione diversa: controparziale da 11-4 che vede in Panzieri e Caverni gli interpreti giusti. Sul finale arriva pure il canestro di Polonara, che regala la leadership di due punti dopo i primi 20’ (34-36). In uscita dall’intervallo ci pensa De Zardo, nominato e premiato come Under21 MVP del mese di dicembre, a ri-inaugurare la serie di canestri. Panzieri non è da meno e nonostante i problemi di falli del primo tempo, si sblocca da tre e segna il +5 gialloblu. Poco dopo è massimo vantaggio gialloblu con i canestri di Caverni, Panzieri e Lupetti: +10 a tabellone e controllo emotivo dell’incontro. Campanella chiede una pausa e decide di inserire capitan Birindelli: l’impatto è immediato. Canestro, canestro, canestro ed insieme alla bomba di Artioli è mega-parziale da 12-1 che vale il 49-48. Nonostante la botta sia forte, gli ospiti rimangono lì e chiudono a -2, lanciando la volata finale. Il quarto parziale non fa che seguire l’andamento dell’intero match. Bomba di Villa, bomba di Caverni, sgasata di Perin e 59-57 sul tabellone. Altri due minuti di botta e risposta non fanno altro che insospettire il finale. Caverni (17) è indomito e prova a scappare con la vittoria dal PalaBakery. Cena non vuole che accada e mette 5 punti filati che lo fanno ergere a miglior marcatore biancorosso (16), con la tripla che fa esplodere il palazzetto. Due volte sul +2, nel finale, i piacentini bucano la difesa e permettono la doppia parità alla Sutor. Con 13″ al termine, è Marco Perin a sgasare ed a timbrare il nuovo vantaggio. Dall’altra parte, però, lo stesso play, commette fallo e lascia in lunetta Panzieri. Il centro gialloblu chiede il cambio dopo il contatto e lascia l’incombenza della nuova parità a Di Angilla, capitano della Premiata. Primo dentro, secondo fuori, rimbalzo dello stesso giocatore che riapre nelle mani di Bruno e fa concludere la partita. Cena e Bruno chiudono il discorso della lunetta e per i biancorossi vuol dire decimo successo casalingo.

REKICO – ESA LUCE + GAS 73 – 68

(20-22; 40-36; 53-55)

Faenza: Anumba 8, Rubbini, Oboe 4, Wang ne, Zampa, Calabrese ne, Tiberti 22, Bruni 13, Mazzotti ne, Klyuchnyk, Sgobba 8, Petrucci 18. All. Friso.

Chieti: Insegno ne, Meluzzi 7, Di Carmine 8, Gialloreto 2, Mijatovic ne, Rezzano 8, Signorini ne, Stanic 8, Ponziani 10, Ruggiero 16, Pederzini 9. All. Sorgentone.

Apoteosi Rekico. Il PalaCattani vive una serata perfetta, dove i Raggisolaris conquistano una grande e meritata vittoria contro Chieti, mostratasi come da copione una delle squadre più attrezzate del girone. Nonostante i problemi fisici di Zampa e Klyuchnyk, che ne hanno limitato l’utilizzo (Rubbini invece ha giocato una gara di grande sostanza dimostrando di essere guarito dal problema alla caviglia), la Rekico mantiene sempre alti il ritmo e la concentrazione, aggiudicandosi il match negli ultimi tre minuti, dove ribalta l’inerzia grazie al suo capitano Bruni, decisivo dalla lunetta e grande trascinatore. L’applauso va, però, a tutti i giocatori che hanno mostrato la grande forza di questo gruppo.

La Rekico parte trascinata dall’asse Bruni-Tiberti (la mente e il braccio) e da Anumba e, dopo pochi minuti, si porta sul 16-8. Se l’attacco gira a meraviglia, non si può dire lo stesso della difesa, dove gli ospiti catturano molti più rimbalzi e soprattutto guadagnano molti secondi tiri. Stanic e Pederzini guidano l’Esa Italia al break di 11-2 con cui ribaltano il punteggio (18-19), mentre Faenza deve recriminare per l’1/7 dalla lunetta. Chieti allunga fino al 23-28, poi la Rekico reagisce e ritorna avanti, ma il problema è che ad ogni canestro faentino arriva una pronta risposta di Chieti, che a turno sfodera tutte le sue armi. Con questo copione il match prosegue all’insegna dell’equilibrio, con la Rekico che prova nell’ultimo quarto a far saltare il banco, trovando però sulla propria strada sempre un giocatore avversario che la punisce, tanto che i teatini mantengono un vantaggio di quattro punti. All’improvviso, però, i Raggisolaris danno fuoco alle polveri. Petrucci (determinante in molte situazioni di gioco con punti e difesa) segna due triple consecutive, arrivate da azioni ben costruite in attacco, trovando il 65-65, vanificato da un tiro da tre di Meluzzi e a questo punto sale in cattedra capitan Bruni. Il playmaker segna i liberi del 67-68, poi ruba palla a metà campo e subisce fallo mentre penetra a canestro, firmando un altro 2/2 dalla lunetta che vale il sorpasso: 69-68 a -45’’. Il Capitano è ormai “on fire” e si prende un’altra azione personale, pure questa terminata con un fallo e i liberi messi nel cesto. Morale: a 22’’ dalla fine, la Rekico conduce 71-68. Chieti chiama time out e prova a costruire l’azione della rimonta, ma sulla propria strada trova la pressione difensiva faentina, che la porta a perdere due palloni. Mancano 11’’ alla sirena e Rezzano non può far altro che commettere fallo su Tiberti, che è glaciale dalla lunetta firmando il 73-68 e mettendo il punto esclamativo sulla sua prestazione, che lo ha visto segnare 22 punti e catturare 12 rimbalzi. La Rekico conquista così una vittoria d’oro e ora si presenterà alla gara di domenica in casa di Ancona, con grandissime motivazioni.

ROSSELLA CIVITANOVA M. – LUCIANA MOSCONI AN 89 – 86

GIULIANOVA BASKET 85 – GOLDENGAS SENIGALLIA 102 – 97

SINERMATIC – AURORA BASKET 67 – 63

(14-19; 36-35; 54-52)

Flying Balls Ozzano: Morara 13, Chiusolo 3, Mastrangelo 1, Corcelli 13, Iattoni 5, Folli 5, Favali 4, Dordei ne, Lolli ne, Galassi 11, Montanari 3, Crespi 9. All. Grandi.

Jesi: Sgorbati 14, Ginesi ne, Bottioni 11, Elling ne, Konteh 4, Giacchè 3, Lovisotto 7, Montanari ne, Migliori 17, Giampieri, Magrini 7. All. Ghizzinardi.

Turno infrasettimanale che si tinge di biancorosso, con i New Flying Balls che battono Jesi 67 a 62 e volano al settimo posto in classifica con 22 punti all’attivo. A dire il vero, i primi colori ad essere protagonisti al Pala Arti Grafiche Reggiani sono il giallo e il viola in onore di Kobe Bryant. All’ex stella NBA e alla figlia scomparsi domenica scorsa in un drammatico incidente in elicottero, è stato dedicato un toccante minuto di silenzio accompagnato da un immagine di Kobe nel led luminoso a bordo campo e ad uno striscione firmato dal Gruppo Skid, la tifoseria ozzanese.

Dopodiché la partita prende il via (assenti illustri Dordei per Ozzano, Micevic e Casagrande nella sponda Jesina); nei primi minuti sul parquet regna un sostanziale equilibrio (10-9 al 5’). Nei tre minuti successivi  Sgorbati e Migliori fanno 0-7 di parziale, per il primo mini allungo ospite della serata (10-16 all’8’). Ozzano litiga con il ferro sbagliando diversi tiri da sotto e fallendo ogni tentativo dal’arco dei 6,75. La Sinermatic si sblocca con Crespi e Corcelli (14-16), ma è il giovanissimo Giacchè a chiudere il quarto con un clamoroso paniere da centrocampo (14-19 alla prima sirena). In apertura di secondo quarto, Konteh prima e Sgorbati poi, regalano a Jesi il massimo vantaggio (+9 sul 16-25 al 13’). Coach Grandi si rifugia nel time out e Iattoni e Favali danno la sveglia (20-25 al 14’). Al 17’ Chiusolo da 3 punti fa -1 (27-28), Migliori controbatte dal pitturato (27-30), ma Morara e Favali spingono la Sinermatic al sorpasso (31-30). A Crespi risponde Magrini (33-35); sulla sirena questa volta è Ozzano a segnare, con Matteo Galassi (36-35 all’intervallo lungo). Nel terzo periodo Ozzano non segna per oltre centoventi secondi, l’Aurora dall’altra parte torna avanti e vola a +4 al 23’ (37-41). Minuto 24 di fuoco: break di 5-0 firmato Montanari-Crespi e sorpasso Flying Balls (42-41); controbatte Migliori dall’arco (42-44), pareggia i conti Crespi (44-44). Al 27’ Sgorbati spinge nuovamente i sui avanti (45-49), la Sinermatic reagisce con le triple di Galassi e Corcelli che fanno esplodere la curva ozzanese (51-49). Si segna solo da 3 punti: Magrini fa il 51-52, Morara risponde per il 54-52, parziale dell’ultimo minibreak. Ultimo quarto elettrizzante, fisico, dove però si segna poco. Bottioni porta subito avanti Jesi (55-56 al 31’), ma sarà l’ultimo sorpasso marchigiano di serata. Dall’altra parte, la Sinermatic trova un pesante 11-0 di parziale firmato Morara-Galassi-Corcelli (7 punti per quest’ultimo). Al 36’ è 66-56 Ozzano che, però, non la chiude e gli ospiti non mollano: in 3′ di blackout offensivo biancorosso, Jesi fa 0-7 e si trova a -3 all’ultimo giro di lancette. Fondamentale è l’1/2 di Corcelli in lunetta, dall’altra parte Jesi perde palla e la sirena finale decreta il 67-63 finale. Ozzano vince la terza partita consecutiva dopo Ancona e Porto Sant’Elpidio.

TRAMEC – PORTO S.ELPIDIO BASKET 91 – 58

(15-19; 41-25; 69-42)

Benedetto Cento: Rossi 10, Ranuzzi 12, Moreno 21, Fallucca ne, Paesano 2, Leonzio 13, Idrissou 4, Vitale 5, Morici 12, Manzi 5, Venturoli 7. All. Mecacci.

Porto Sant’Elpido: Borsato 12, Malagoli 13, Sagripanti ne, Costa 14, Lusvarghi 11, Rosettani, Balilli, Bastone 8, Cappella, De Sousa Pereira. All. Sabatino.

CLASSIFICA

PGVP%
Tramec Cento321916384.2
Ristopro Fabriano301915478.9
Albergatore Pro Rinascita Basket Rimini281914573.7
Amadori Tigers Cesena261913668.4
Bakery Piacenza261913668.4
Rossella Virtus Civitanova Marche241912763.2
Sinermatic Ozzano221911857.9
Esa Italia Chieti201910952.6
Rekico Faenza181991047.4
Aurora Basket Jesi181991047.4
Giulianova Basket 85141971236.8
Sutor Premiata Montegranaro121961331.6
Goldengas Pallacanestro Senigallia121961331.6
Luciana Mosconi Ancona101951426.3
Adriatica Press Teramo Basket 196081941521.1
Porto Sant’Elpidio Basket41921710.5

Serie D, la Grifo riapre il girone B. La Magik si conferma “bestia nera” di Vignola

SERIE D 18° Giornata

GIRONE A

CRAVATTIFICIO CONTI – SCUOLE BASKET CAVRIAGO 71 – 63

(13-16; 25-27; 48-52)

BasketReggio: Canuti 15, Nunziato 8, Croci 9, Generali, Manghi ne, Giardina 1, Maresca, Borghi 14, Bartoli 8, Alfano 1, Menozzi, Giudici 15. All. Boni.

Cavriago: Pensierini 2, Zambelli 5, Minardi, Berlinguer 6, Cantagalli 20, Lari 1, Mursa 26, Bertozzi 3, Riquadri ne, Rubertelli ne. All. Bellezza.

SCUOLA PALL. VIGNOLA – MAGIK BASKET 48 – 75

(14-21; 25-39; 35-57)

S.P. Vignola: Ganugi 16, Badiali 6, Fiorini, Pantaleo 5, Galvan 4, Amici 2, Degliangeli, Cuzzani 5, Righetti 2, Trenti, Mazzoli, Riccò 8. All. Smerieri.

Parma: Colonnelli 18, Illari 6, Malinverni N., Pollina 9, Bocchia 6, Malinverni L. 12, Paulig 21, Barcaroli, Diemmi 3, Volpicelli. All. Donadei.

PEPERONCINO LIBERTAS BK – NUBILARIA BASKET 63 – 70

(8-13; 18-26; 33-43)

Mascarino: Bellodi 2, Vinci 6, Ghidoni 11, Roncarati 4, Bartolozzi 15, Tosarelli, Patrese 2, Monari 5, Cilfone 6, Brochetto D. 3, Manzi 7, Vannini 2. All. Brochetto L.

Novellara: Baracchi A. 4, Pizzetti 5, Margini 6, Pietri 7, Bertani Fe. 1, Mariani Cerati 2, Bertani Fi. 10, Rossi 11, Castagnetti 12, Accorsi, Giorgino, Bartoli 12. All. Perricone.

SASSOMET – BASKET VOLTONE 85 – 81 dts

(20-18; 42-39; 62-60; 75-75)

Masi Casalecchio: Ballanti 11, Fiordalisi, Franchini 12, Barilli Fe. 8, Castaldini, Govi 16, Sighinolfi 12, Sassoni, Truppi, Barilli Fi. 7, Abagnato, Bertacchini 19. All. Forni.

Monte San Pietro: Chiusoli 5, Ghinazzi, Giacometti A. 2, Poluzzi 5, Giacometti J. 6, Casarini 6, Bastia 7, Magi 8, Venturelli 11, Tinelli 5, Galli. All. Gambini.

PALL. NAZARENO – U.P. CALDERARA PALL. 76 – 51

(21-16; 42-27; 62-38)

Carpi: Rizzo, Sabbadini ne, Biello 3, Mantovani 27, Marra 12, Cavallotti 4, Salami 6, Bonfiglioli 6, Rimauro 2, Foroni, Branchini 11, Cavazzoli 5. All. Tasini.

Calderara: Marchi 1, Soresi 6, Projetto 12, Pampani 16, Zocca, Vignoli, Bertuzzi 13, Turchetti, Lambertini 3, Molinari. All. Rusticelli.

ANTAL PALLAVICINI – BASKET PODENZANO 68 – 55

(20-17; 41-27; 48-50)

Pallavicini: Cenesi 16, Nanni G. 2, Finelli 8, Lolli, Benuzzi 14, Sgargi 14, Nanni M. 4, Guizzardi, Tabellini 9, Zambonelli, Lorusso 1. All. Bignotti.

Podenzano: Monti, El Agbani 6, Carini 1, Calzi 2, Galli 4, Bossi 5, Guerra 10, Noè, Chiozza 2, Villa 6, Coppeta G. 13, Petrov 6. All. Coppeta C.

SCUOLA BASKET FERRARA – PIZZOLI 75 – 44

(9-11; 32-19; 54-31)

S.B. Ferrara: Pusinanti 18, Rimondi 5, Rimondi 8, Biolcati 4, Beccari 5, Vigna 10, Trinca 3, Proner, Bertocco 8, Gavagna 2, Grassi 2, Di Giusto 10. All. Colantoni.

San Pietro in Casale: Nardi, Pastore 7, Ramzani 5, Mandini, Oseliero 5, Ventura, Tomsa 5, Aspergo, Ghedini 6, Zanellati 3, Guidi 2, Fiore 11. All. Castriota.

Alla quinta sfida consecutiva, contro una delle prime cinque della classe, la Pizzoli rimedia la quinta sconfitta in fila, la più pesante della serie, sul campo di Ferrara. Ancora priva di Bamania, la Veni scende in campo con Ramzani, Oseliero, Fiore, Pastore e Tomsa. Osservato il previsto minuto di silenzio in memoria di Kobe Bryant, la partita si apre con un parziale di 5 a 0 per gli ospiti, che costringe Colantoni alla prima sospensione. In uscita dal time-out, la Scuola Basket si riporta immediatamente in scia, ma i canestri di Ghedini e Oseliero consentono ai bianco/neri di chiudere la prima frazione in vantaggio: 9-11. In principio di secondo quarto, Guidi e Zanellati illudono la Pizzoli, ma Ferrara risponde con un parziale di 11-0, che costringe Castriota a fermare la partita per ben due volte in pochi minuti: 25-16. Fiore prova a scuotere i suoi con un canestro dalla lunga distanza, ma all’intervallo lungo sono già tredici le lunghezze da recuperare per capitan Pastore e soci: 32-19. In apertura di ripresa la Veni torna a -9, ma troppo è il divario in termini di energia a favore dei padroni di casa che, trascinati da Pusinanti e Vigna, scappano successivamente a”+20 (50-30) e incrementano il gap col passare dei minuti, fino al 75-44 con cui si conclude la sfida. Per la Pizzoli, ora, un fine settimana libero, utile per recuperare le energie fisiche e mentali che serviranno in quest’ultimo scorcio di stagione per conseguire la permanenza in categoria.

U.S. LA TORRE – EMIL GAS 63 – 67 dts

(10-10; 21-22; 43-39; 60-60)

La Torre Reggio: Davoli A. 5, Giaroli 2, Magliani 7, Vezzosi 12, Davoli L. 3, Pezzarossa 7, Rivi 8, Melli 8, Margaria 1, Cantergiani 10, Guidetti ne. All. Corradini.

Scandiano 2012: Mammi M., Rivi, Belli 11, Taddei 2, Bartoccetti 14, Braglia, Mammi G. ne, Turrini ne, Fikri 2, Vanni 8, Corradini 8, Fontanili 22. All. Baroni.

Non tradisce le aspettative il derby reggiano, nel quale, una combattiva Torre, gioca alla pari contro la capolista imbattuta Scandiano, arrendendosi solo all’overtime. Dopo due quarti contratti e dominati dalle difese (21-22 al 20’), la partita si accende nella ripresa. I grigiorossi salgono addirittura a +9 (43-34 al 29’), prima che 5 punti in pochi secondi riportino a contatto Fontanili e compagni (43-39 al 30’). L’ultimo quarto è caratterizzato da grande equilibrio ed è un canestro di Vezzosi a fissare l’ultima parità (60-60), rimandando il verdetto al supplementare. Qui le squadre, stanche dopo 40’ di battaglia, segnano col contagocce. Sul 63-65, a 6’’ dal termine, Rivi tira da tre per ribaltare il punteggio, ma non trova il canestro e dalla lunetta Scandiano fissa il punteggio sul +4 a suo favore.

CLASSIFICA

SCANDIANO 2012361818013391053+286
MASI CASALECCHIO261813512941180+114
SCUOLA BASKET FERRARA241812611651007+158
SCUOLA PALL. VIGNOLA241812612911224+67
MAGIK PARMA221811712751182+93
PEPERONCINO MASCARINO221811712351185+50
BASKETREGGIO221811712331270-37
NAZARENO CARPI18189912741213+61
LA TORRE REGGIO EMILIA18189911591163-4
NUBILARIA NOVELLARA18189912581310-52
VENI SAN PIETRO IN CASALE141871111671248-81
PALLAVICINI BOLOGNA121861211971238-41
CALDERARA121861211151209-94
BASKET PODENZANO101851311691391-222
VOLTONE ZOLA81841411991277-78
SCUOLE BASKET CAVRIAGO21811710771297-220

GIRONE B

CESENA BASKET 2005 – PALL. PIANORO 71 – 51

(19-19; 35-25; 58-33)

Cesena 2005: Montalti 13, Rossi 7, Romano 17, Ravaioli 10, Vandelli, Babbini 8, Pezzi 2, Sanzani 4, Ambrogi 2, Zoboli 6, Forni 2, Monticelli. All. Ruggeri.

Pianoro: Tosiani 5, Bonazzi, Naim Wadieh 2, Nicoletti, Grandi, Nobis 3, Ricci 11, Pierini 16, Minghetti 7, Vaccari 7. All. Fasone.

Anche il Palaippo rende omaggio a Kobe Bryant con un minuto di silenzio e con le due infrazioni volontarie di 24 e 8 secondi all’inizio del gioco, poi assiste al ritorno al successo dei biancoazzurri di casa contro i lupi di Pianoro, domati e rispediti al mittente con un pesante +20 che ribalta, con gli interessi, la sconfitta subita all’andata.

Ancora senza la squadra al completo (questa volta è out il centro Balestri), coach Ruggeri trova subito un Luca Romano devastante (11 punti nel quarto), che ribatte colpo su colpo, quasi da solo, ai colossi avversari Pierini e Minghetti, mantenendo un equilibrio pressoché perfetto certificato dal 19 a 19 con cui si chiude il quarto. Seconda frazione con qualche minuto ancora a braccetto poi, nonostante la zona 3-2 ordinata da coach Fasone, Cesena opera il primo strappo con due triple consecutive di Rossi e Montalti ed una fiammata a fine quarto di 6 a 0 che trova le due squadre, alla sirena di metà gara, distanziate di dieci lunghezze: 35 a 25. Zoboli riapre il fuoco con la tripla del +13 e Pianoro oppone un solo canestro di Pierini allo tsunami che le si riversa addosso, propiziato da un incontenibile Montalti e dai lampi di classe di Ravaioli. Fra secondo e terzo quarto (dal 23-23), Cesena piazza un parziale di 24 a 3 che, di fatto, chiude la partita molto prima del suo epilogo reale, nonostante la foga agonistica degli ospiti che trovano, però, dal solo Ricci (stranamente poco utilizzato) qualche canestro da aggiungere ad un tabellino più che asfittico. Il vantaggio di Cesena arriva anche vicino ai 30 punti e solo negli ultimi minuti “spazzatura” si riduce ad un -20 comunque consono alla prestazione offerta, almeno questa sera, dalle due contendenti.

STEFY BASKET – TIGERS 78 – 64

(27-9; 41-30; 59-43)

Audace Stefy: Lamborghini L. 6, Bonesi, Nicosia, Carasso, Marzioni 3, Franceschini 15, Skocaj 16, Cornale, Maldini 18, Falzetti 12, Cuozzo 8. All. Scandellari.

Villa Verucchio: Bronzetti 8, Panzeri 6, Rossi M. 8, Buo 5, Semprini 2, Guiducci 16, Rossi A. 1, Campidelli, Calegari 2, Tomasi 14, Saccani 2, Bollini. All. Rustignoli.

BASKERS – RIVIT 61 – 67

(16-13; 32-27; 48-44)

Forlimpopoli: Gorini, Rossi E. 6, Rombaldoni 16, Squarcia, Cristofani 4, Biffi, Piazza 9, Servadei 8, Serrani 10, Torelli ne, Godoli 8, Stella ne. All. Agnoletti.

Grifo Imola: Riguzzi F. 24, Riguzzi N. 4, Mondini 2, Russu 8, Lanzoni 4, Cai, Paciello 7, Fadi ne, Guglielmo 11, Rossi F. ne, Simoni 7, Castelli. All. Palumbi.

La Rivit sbanca il PalaPicci e ritorna in scia a Forlimpopoli, anche se i forlivesi hanno ancora il vantaggio nello scontro diretto. Gara in sostanziale equilibrio nei primi due periodi, con leggera prevalenza dei padroni di casa. Al rientro dagli spogliatoi, i Baskers hanno una fiammata che li porta fino alla doppia cifra di vantaggio. Poteva essere il break decisivo, ma tre bombe in sequenza di Paciello, Russu e Nicola Riguzzi riaprono la partita. Si arriva così nell’ultimo decisivo periodo, dove è Giglielmo a salire in cattedra segnando 8 punti, tra cui la bomba che chiude i giochi a favore della Grifo nei secondi finali.

BASKET VILLAGE – SELENE BK S.AGATA 80 – 85

(13-23; 26-46; 51-60)

BK Village Granarolo: Carini 20, Drago 15, Bertusi 2, Bianchi 9, Guastaroba 3, Masetti, Mongardi 6, Misciali 11, Tonelli 6, Martinelli 1, Nicotera 7, Chittaro. All. Marcheselli E.

Sant’Agata sul Santerno: Scaccabarozzi 7, Kertusha 2, Valgimigli 6, Rubbini 11, Montigiani 8, Bergantini 12, Mastrilli 11, Del Zozzo 12, Poggi 16, Sgorbati, Dalpozzo M. All. Dalpozzo D.

IMMOBILIARE 2000 – PRIMO MIGLIO 93 – 63

(23-12; 41-30; 70-44)

Giardini Margherita: Morra Ja. 9, Venturi 17, Tuccillo 6, Capancioni 5, Lelli 15, De Denaro 10, Mazzini, Deledda 8, Del Prete, Giudici 10, Paolucci, Annunzi 13. All. Morra Jo.

Stella Rimini: Insero 2, Del Turco 12, Naccari 19, Pulvirenti 16, Pari 2, Pinto 5, Grandi 4, Distante 3. All. Casoli.

DOLPHINS – CURTI 88 – 72

(20-24; 36-36; 57-58)

Riccione: Amadori Ma. 23, Mazzotti 20, De Martin 16, Bomba 11, Zanotti 6, Amadori Mi. 5, Gardini 5, Stefani 2, Sartini, Tardini, Brattoli. All. Ferro.

International Imola: Fussi 20, Poloni 13, Dal Fiume 8, Zambrini 7, Totaro 7, Canovi 4, Poli 4, Puntolini 4, Ricci Lucchi 3, Ravaglia 2, Wiltshire, Franzoni. All. Dalmonte.

La Curti accarezza il sogno di poter vincere sul campo di Riccione per oltre 30′, formazione in striscia positiva da 5 partite, ma deve, poi, arrendersi sotto i colpi di Mazzotti e dei due Amadori.

L’International tiene in scacco i Dolphins, trovando anche il +8 al 22′ (36-44), ed è ancora a -3 al 31′ (61-58), poi, purtroppo, soccombe al parzialone conclusivo di 31-14 con cui i padroni di casa infliggono il colpo del ko nell’ultimo quarto. In casa biancorossa Fussi è il top scorer con 20 punti, 3/6 da 2 e 4/9 da 3, supportato dai 13 punti di Poloni (4/5 dal campo, con 2/2 da 3). Totaro segna 7 punti, cattura 16 rimbalzi, rifila 2 stoppate e distribuisce 3 assist; per Zambrini ci sono invece 7 punti, 8 rimbalzi e 3 recuperi.

BASKET CLUB RUSSI – CASTIGLIONE MURRI 75 – 65

(16-20; 39-34; 56-51)

BCR: Morigi 15, Senni 11, Tagliaferri ne, Piani 5, Cortini 10, Vistoli 10, Goi 4, Porcellini 18, Cirillo, Barba 2, Pirini. All. Tesei.

Castiglione Murri: Melino 7, Buriani 16, Costantini, Gandolfi 13, Varotto 3, Mantovani 9, Bersani, Casarini 1, Bartolini 7, Minerva 3, Parchi 6. All. Gessi.

Dopo il toccante saluto a Kobe, parte forte il Castiglione Murri grazie a delle ottime percentuali al tiro; è bravo, però, il Bcr a ritrovarsi e a rientrare in partita. Senni, Piani, Morigi e Porcellini sono i protagonisti del 1º tempo chiuso sul +5. Nella ripresa, gli ospiti provano a riaprire la partita, ma è Cortini, con una serie di giocate in attacco, a spingere ancora avanti Russi. Ultimi 10′ sempre in equilibrio, rotto, però, dalla tripla di Morigi e dai canestri di Vistoli: 75-65 il risultato finale e, oltre alla vittoria, differenza canestri favorevole ai ravennati negli scontri diretti.

P.G.S. WELCOME – PALLACANESTRO BUDRIO 80 – 87

(20-22; 45-48; 64-68)

Budrio: Fornasari 20, Zambon 18, Magnolfi 14, Billi 14, Vacchi 8, Pirazzoli 7, Tugnoli 4, Curti 2, Tinti, Giordani. All. Simoncioni.

RECUPERO

IMMOBILIARE 2000 – DOLPHINS 84 – 69

(23-10; 38-31; 64-51)

Giardini Margherita: Morra Ja. 3, Venturi 8, Tuccillo, Capancioni, Lelli 21, De Denaro 14, Lolli 12, Deledda 1, Del Prete 14, Giudici 1, Paolucci, Annunzi 10. All. Morra Jo.

Riccione: Amadori Mi. 18, Bomba 9, Amadori Ma. 15, Zanotti 2, Gardini 3, Brattoli, De Martin 1, Mazzotti 19, Stefani 2. All. Ferro.

CLASSIFICA

BASKERS FORLIMPOPOLI301815313291138+191
GRIFO IMOLA281814412791087+192
CASTIGLIONE MURRI BOLOGNA241812613811253+128
IMMOBILIARE 2000 BOLOGNA241712512421119+123
SELENE S. AGATA241812613741264+110
RICCIONE241712513371229+108
STEFY BOLOGNA221811713071258+49
BASKET CLUB RUSSI221811712521220+32
PALL. BUDRIO161881012511260-9
CESENA BASKET 2005161881011961214-18
PIANORO141871112471327-80
STELLA RIMINI121861212061316-110
VILLANOVA TIGERS121861212051345-140
INTERNATIONAL IMOLA101851312381328-90
BASKET VILLAGE GRANAROLO61831511161299-183
PGS WELCOME BOLOGNA21811711361439-303

Promozione, Medicina 2007 cade in casa contro il Basket Project. Aics corsara a Ravenna

PROMOZIONE 17° Giornata

GIRONE A

VICO BASKET – PALLACANESTRO FULGORATI 45 – 62

(10-17; 19-39; 38-54)

Vico Parma: Mazzeo 8, Lavega 9, Goldoni, Mastrobernardino, Dionisio, Masola 11, Sisti 13, Piatelli, Cervi 4, Setti, Monti, Dagoni. All. Fiesolani.

Fulgorati Fidenza: Rivetti 2, Baratta 11, Bondani 3, Canali 14, Giraud 6, Molinari 5, D’Esposito, Lettieri 3, Iacomino 3, Besagni 1, Gelmini 8, Cabrini 6. All. Giacobbi.

BASKET OGLIO PO – DUCALE MAGIK PARMA 30-03-2020 – 21:30

C.S. Baslenga – Via Baslenga s.n.c. CASALMAGGIORE CR

CUS PARMA – SCUOLA BASKET CAVRIAGO 68 – 61

PLANET BASKET – SAMPOLESE BK 61 – 63

POL. CASTELLANA – POL. BIBBIANESE 52 – 39

POL. D. VIRTUS PONTEDELLOLIO – S.ILARIO BASKET 81 – 71

RECUPERO

CUS PARMA – VICO 79 – 43

CLASSIFICA

Fulgorati Fidenza*, Cus Parma 24; Sampolese* 22; Planet Parma, Virtus Pontedellolio 18; Ira Tenax Cortemaggiore, Ducale Parma* 16; S.Ilario d’Enza*, Scuola Basket Cavriago, Castellana Castelsangiovanni 12; Guna Oglio Po**, Vico Parma* 8; Bibbianese* 6.

GIRONE B

GELSO – MABO BASKET 58 – 79

SBM BASKETBALL – GAZZE 63 – 70

(11-20; 29-35; 43-53)

SBM Modena: Ferrari 7, Monari 10, Tagliazucchi 13, Benati 14, Barbieri 2, Manzotti 2, Mengozzi 4, Kashin 7, Fantinati 2, Ullo 2, Rainer, Manfredini. All. Gatti.

Canossa: Lavaggi 2, Fantuzzi, Bigliardi 6, Zenevredi 5, Benvenuti 14, Maggiali 10, Salati 1, Tubertini, Pezzi 9, Franzini, Fontanesi 23. All. Romano.

Battuta di arresto per l’SBM, che cade in cada contro le Gazze. Partita bella ed avvincente che i reggiani si sono aggiudicati con merito, rimanendo avanti praticamente per tutto l’incontro. Il primo quarto è un monologo reggiano, con Benvenuti e Fontanesi ripetutamente a canestro, mentre SBM, oltre a non difendere, segna col contagocce. Nel secondo periodo non cambia nulla, con SBM che subisce fino al 16-29, poi inizia una lenta rimonta registrando finalmente la difesa e chiudendo il quarto sul 29-35. È il momento migliore dei modenesi che continuano la rimonta ad inizio ripresa passando a condurre sul 38-37, in quello che sarà l’unico vantaggio interno. Le Gazze, in questo frangente, trovano due bombe di Fontanesi, Mvp del match, e Zenevredi, che ridanno ossigeno agli ospiti e che riprendono a macinare gioco fino al massimo vantaggio di 43-58. L’SBM aveva una reazione d’orgoglio arrivando anche a -5 e palla in mano sul 63-68, senza riuscire, però, a completare la rimonta. Unica nota positiva, il saldo attivo nel doppio confronto.

BASKET CAMPAGNOLA E. – AQUILE PALL. 74 – 46

(21-13; 41-27; 52-35)

Campagnola: Valli 19, S. Torreggiani, R. Piuca 5, Gelosini 16, Soccetti 4, F. Piuca 3, Carnevali 6, M. Rustichelli 13, Ligabue, Sacchi 8. All. Carpi.

Gualtieri: Benetti, Anania 2, Acosta 3, Lasagni 5, Caleffi 10, Soliani, Simonazzi 20, Morenghi, Iemmi, Gandellini 6, Bagnoli. All. Bertolini.

Match che inizia dopo il minuto di silenzio in ricordo di Kobe Bryant, della figlia Gianna e delle altre vittime della sciagura in elicottero di domenica scorsa, con ulteriore violazione di 8” e di 24” in memoria del campione dei Lakers al fischio d’inizio.

Nei primi minuti di gara, i padroni di casa cercano di imporre subito il proprio gioco chiudendo la frazione sul +8. Campagnola entra in campo maggiormente organizzata nel secondo quarto, con un Valli ispiratissimo che, con 3/4 dall’arco, amplia il divario sul +14 a fine primo tempo. Alla ripresa, i padroni di casa chiudono ulteriormente le maglie in difesa, limitando l’attacco ospite e riuscendo ad aggiungere tre lunghezze al divario precedente. Ultimo quarto dove Campagnola ricomincia a segnare con regolarità, mentre Gualtieri litiga con il canestro, attestando il risultato finale sul 74-46 per la Radio Bruno.

PALL. GUASTALLA – I GIGANTI DI MODENA 62 – 85

NUOVA PSA – BASKET JOLLY 48 – 55   

(13-13; 28-33; 39-43)

PSA Modena: Cambiati 5, Luppi 2, Pavesi 8, Naletto, Torralba ne, Lopez 7, Righi 2, Macchelli 12, Muzzioli 3, Umana, Radjeb 9. All. Masini.

Jolly Reggio: La Rocca 6, Fontanelli, Foroni, Manini 6, Vologni 8, Iori 13, Zannini 4, Spaggiari 8, Caldarola 5, Damiani 5. All. Bartoli. 

UNIONE SPORTIVA AQUILA – CUS MO.RE 80 – 81

PALL. REGGIOLO – POL. IWONS 73 – 43

RECUPERO

GO IWONS – RADIO BRUNO 54 – 65

(19-19; 33-37; 41-54)

Albinea: Bonaccini 13, Masoni 5, Marcacci 3, Ferrari 8, Ferretti 6, Scianti, Landini 2, Gonzaga, Orlandini 13, Galassi, Bonacini 4, Camuncoli. All. Pastorelli.

Campagnola: Valli 2, S. Torreggiani 3, R. Piuca 12, Gelosini 8, Soccetti, F. Piuca 7, Sueri, Carnevali ne, M. Rustichelli 17, Ligabue 6, Sacchi 10. All. Carpi.

Il match ha visto i padroni di casa prendere le redini del gioco ad inizio partita, riuscendo sempre a condurre di qualche lunghezza, per venire, però, prontamente raggiunti dalle realizzazioni di Marco Rustichelli, Ligabue, Gelosini e Roberto Piuca, per una prima frazione che si chiude sul 19 pari. Secondo quarto nel quale persiste l’equilibrio della prima frazione, senonchè, a pochissimi secondi dall’intervallo, viene comminato a Bonaccini un fallo tecnico, che aggiunto all’antisportivo fischiatogli durante la prima frazione, lo vede costretto ad abbandonare il campo di gioco. I tiri liberi seguenti, (aggiunti a quelli derivanti dall’ulteriore espulsione dell’accompagnatore) permettono agli ospiti di scavare un solco di quattro lunghezze alla pausa lunga (33-37). Alla ripresa Campagnola riesce a compiere il cambio di passo, imponendo la propria difesa, il proprio gioco e riuscendo ad aggiungere nove lunghezze alle precedenti quattro (41-54). Ultima frazione in cui i padroni di casa accorciano le distanze fino al -4, con Ligabue che realizza per gli ospiti dalla lunga distanza a metà quarto e, di fatto, interrompendo l’emorragia di punti fino a quel momento della Radio Bruno. Gli ospiti riaprono, così, le marcature arrivando a fissare il punteggio sul 54-65 ed aggiudicandosi il match.

CLASSIFICA

Reggiolo, Cus MO.RE. 28; I Giganti di Modena 26; SBM Modena 24; Jolly Reggio, Gazze Canossa 22; Campagnola Emilia 20; Mabo Pomponesco 18; Iwons Albinea 14; Aquila Luzzara, Guastalla 12; Gelso Reggio 8; Aquile Gualtieri 4; PSA Modena 0.

GIRONE C

GHEPARD BASKET – DIABLOS BASKET S.AGATA Rinviata

ACADEMY SPORT VILLAGE – Via Lame 298 – Loc. Torreverde (BO)

VIS 2008 – PGS IMA 60 – 62

(17-16; 38-34; 53-53)

Vis Ferrara; Tuccillo, Pauletto 10, Corsato 3, Forcellini 6, Vaianella 3, Franchella F. 1, Tralli 15, Baraldi 4, Bottoni 9, Gnani 7, Bereziartua 2. All. Cigarini.

Pgs Ima: Demetri 10, Stagnoli 14, Cristiani 2, Cocchi 2, Martelli 4, Sorghini, Natalini 3, Lugli 18, Serio 2, Asciano 7, Tinti, Balducci. All. Salvarezza.

LIONS BASKET – PALL. TEAM MEDOLLA 76 – 53

(21-20; 39-29; 63-43)

Lions Cento: Fiocchi 4, Gallerani, Nannetti 3, Bonazzi 3, Borghi, Cristofori 20, Bonzagni 5, Guaraldi 10, Guidi 4, Guidetti 2, Passarini 14, Ansaloni 9. All. Alberghini.

Medolla: Galeotti R. 16, Barbieri 12, Bega 12, Baccarani 5, Galeotti F. 3, Guarnieri 2, Marchetti 2, Zanoli 1, Balboni, Ceretti. All. Sacchetti.

GALLO BASKET – BIANCONERIBA 60 – 73

(21-18; 34-43; 43-58)

Gallo: Corbucci 7, Arisaldi, Buzzolani 2, Degli Esposti, Ramponi N. 4, De Bellonio 23, Mantovani F. 2, Calzolari 2, Di Biase 1, Tartari, Cara 4, Ramponi P. 15. All. Cataldo.

Baricella: Gamberini 2, Barbieri 6, Ballarin 6, Frazzoni 11, Sitta 20, Pedrielli 11, Villani, Ricci 5, Mantovani M. 5, Donati 4, Minozzi 3. All. Calandriello,

PALL. FORTITUDO – PALL. SANGIORGIO 62 – 69

(24-23; 39-44; 51-56)

Crevalcore: Candini 13, Pederzini 13, Govoni E. 10, Pedretti 6, Forni 6, Lelli 6, Acciarri 4, Ramponi 2, Guido 2, Filippetti, Govoni F., Morselli. All. Gobbo.

San Giorgio di Piano: Grassi 13, Giunchedi 11, Solmi 10, Baldazzi 6, Tolomelli 1, Magliaro, Rosati 16, Savic 1, Alberti, Dal Pian 2, Argenti 9. All. Gemelli.

DESPAR 4 TORRI FERRARA – SPARTANS BASKET 64 – 73

(13-17; 33-39; 44-54)

4 Torri Ferrara: Patroncini 9, Amati 5, Marianti 12, Vecchio, Villani 24, Oussous, Bigoni 2, Volpin 2, Faccini, Paltrinieri, Marongiu 5, Monaldi 5. All. Moffa.

Spartans Ferrara: Santini 23, Roversi 13, Virgili 8, Dell’Uomo 8, Zanolli 7, Marzola 4, Baruffa 2, Bichi 2, Ferrarini 2, Merlo 2, Traore 2, Terzi. All. Ciliberti.

RECUPERI

DIABLOS – GALLO 56 – 46

(9-16; 25-28; 42-37)

Sant’Agata Bolognese: Angelini 15, Belosi 7, Abbottoni ne, Achilli 8, De Martini 7, Mascagna 11, Gamberini 1, Bruni 2, Scagliarini 3, Stanzani, Almeoni 2, Verdoliva. All. Serra.

Gallo: Corbucci 7, Arisaldi, Buzzolani ne, Degl Esposti, Ramponi N. ne, Da Bellonio 14, Mantovani 1, Calzolari, Di Biase 2, Tartari 6, Cara 6, Ramponi P. 10. All. Mennitti.

GHEPARD – FORTITUDO 68 – 60

(20-14; 42-34; 58-46)

Ghepard: Romagnoli 20, Innamorati 4, Sanmarchi 5, Grillini 22, Aldieri P., Ghedini 10, Aldieri A. 2, Ferri 4, Rizzardi 1, Dall’Asta, Sanguettoli, Rossi PierLudovico ne. All. Rossi Pigi.

Crevalcore: Guido 2, Acciarri 12, Filippetti 2, Govoni, Candini 4, Pedretti 15, Fabbri, Morselli 2, Forni 10, Simoni 7, Pederzini 6, Braden. All. Gobbo.

CLASSIFICA

PGS Ima Bologna, San Giorgio di Piano 26; Bianconeriba Baricella, Ghepard Bologna* 24; Medolla 20; Lions Cento, Spartans Ferrara 16; Vis 2008 Ferrara*, Diablos Sant’Agata Bolognese** 14; Cus Ferrara 10; Gallo, Fortitudo Crevalcore 4; 4 Torri Ferrara 2.

GIRONE D

P.G.S. CORTICELLA – MONTEVENERE 2003 A.GIORGI 65 – 74

(17-27; 40-44; 58-57)

PGS Corticella: Albazzi 7, Valgimigli 4, Tonelli 5, Tolomelli 9, Candini 4, Mainardi, Ardizzoni 18, Puzzo 11, Marcheselli 5, Bartolini, Brighenti 2. All. Lorenzoni.

Montevenere: Mazzetti 8, Campeggi, Testoni ne, Guerrato 8, Cruzat 14, Venturini, Fiorentini 28, Pedron, Cavana 11, Bortolan, Palmentiero 2, Maresi 3. All. Orefice.

VANINI – HORNETS BK 60 – 68

(15-13; 22-36; 36-49)

Horizon: Sebastianutti 15, Distefano, Turrini 8, Pasquali 3, Baiesi 5, Botazzi 4, Nasi, Tinti 2, Caverzan 9, Maldini 2, Varotto M. 3, Grippo 9. All. Muscò.

Hornets: Caruso 8, Fiacchi 2, De Vito 10, Genovese 1, Zambelli 13, Nannetti 13, Jelich 5, Brina 12, Orlando 2, Fabulli, Lambertini 2. All Rocco di Torrepadula.

PGS BELLARIA – S. MAMOLO BASKET 79 – 84

(18-24; 38-48; 61-60)

Pgs Bellaria: Menna 7, Fae 11, Sudano, Ballistreri 2, Ottani 19, Scarenzi 12, Bulgarelli 17, Chili 6, Giorgio 4, Furlanetto 1. All. Benini.

San Mamolo: Trotta ne, Rebeggiani 4, Mengoli 9, Omodei 4, Guidetti 11, Tazzara 19, Bartolini 4, Lanzerotti 3, Orlando 2, Quadri A. 6, Ceccolini 21, Carioli 1. All. Nannetti.

NAVILE BASKET – POL. PONTEVECCHIO 76 – 55

(14-18; 37-29; 56-45)

Navile: Maccaferri 17, Pasquali 16, Boccardo 14, Polo 6, Mazzoli 6, Lazzari 5, Romagnoli 5, Chiapparini 4, Landuzzi 3, Bonvicini. All. Corticelli.

Pontevecchio: Di Noto 12, Ricci 7, Gualandi 3, Scalorbi, Pasquali 8, Mansutti 4, Olimbo 8, Mazzacurati, Angeletti 5, De Rosa 5, Grilli 3. All. Bonfiglioli.

Ritorna alla vittoria il Navile, che gioca una partita intelligente e alla lunga ha ragione della Pontevecchio, apparsa squadra con potenzialità migliori rispetto alla classifica che occupa.

Cronaca: quintetto Navile con Lazzari, Pasquali, Romagnoli, Polo e Mazzoli, mentre Coach Bonfiglioli parte con Di Noto, Ricci, Gualandi, Angeletti e Olimbo. Dopo il primo canestro di Pasquali, arrivano due triple a firma Di Noto e Olimbo, poi segna Mazzoli da sotto, ma ancora Di Noto realizza dall’angolo la tripla del 4-9. E’ una gara di mismatch, il Navile ha più peso sotto canestro e grazie ad un buon lavoro dei lunghi trova corridoi per gli esterni (ottimo canestro di Lazzari) e soluzioni da sotto (Polo). La Pontevecchio si mantiene in vantaggio grazie a Di Noto e Angeletti, mentre il Navile trova canestri da Pasquali e 2 tiri liberi di Boccardo. Sul 14-15, ultimo possesso del quarto nelle mani degli ospiti, il Navile ha un fallo da spendere e la panchina lo fa notare: Boccardo è bravo a fare fallo a 4 decimi di secondo; rimessa laterale per la Pontevecchio, De Rosa riceve a 12 metri dal canestro, carica il tiro, la palla lascia le sue mani ben oltre il tempo rimanente, la palla entra a canestro e gli arbitri convalidano, tra le proteste del Navile. Sull’onda dell’entusiasmo, la Pontevecchio apre il secondo quarto con una tripla di Nicolò Pasquali (fratello di Matteo, sfida in famiglia questa), che balla due volte sul ferro ed entra, per il 14-21. Il Navile, a questo punto, si arrabbia e trova un canestro di Pasquali; 6 punti consecutivi di Maccaferri che valgono il sorpasso sul 22-21, un canestro a testa di Romagnoli, Lazzari e Chiapparini, su ottimo assist di Maccaferri, che poi segna ancora: 30-21 Navile e parziale di 16-0. Di Noto e Ricci, dalla lunetta, sbloccano il punteggio per gli ospiti, ma Polo e Maccaferri continuano a mettere punti sul tabellone per i padroni di casa, che rimangono a +6 sul 33-27. Ancora Maccaferri, implacabile, segna la tripla del 36-27, Nicolò Pasquali segna 2 liberi e Polo uno, per il 37-29 con il quale si va all’intervallo lungo. L’energia degli ospiti è notevole, la scelta di raddoppiare o triplicare in post basso ha creato qualche problema che va risolto con una migliore circolazione di palla. Detto fatto, Boccardo apre il terzo quarto con una tripla figlia di una grande azione corale, ma Gualandi si procura un fallo da 3 tiri liberi e li insacca tutti, 40-32. Boccardo, però, è scatenato e si procura altri 2 liberi, entrambi a segno, poi Pasquali realizza il 44-35, dopo tripla di Di Noto. Boccardo con un libero e Romagnoli con la tripla, danno il vantaggio in doppia cifra per il Navile, ma Olimbo trova un grande canestro da oltre l’arco e la Pontevecchio torna a -9, 48-39. Servono altri 4 punti consecutivi di Boccardo, un libero di Lazzari, bravo a dettare i ritmi dell’attacco del Navile ed un canestro di Mazzoli per chiudere il terzo quarto avanti 56-45, con la Pontevecchio che trova un’altra tripla di Nicolò Pasquali e un 2+1 di Grilli. Nell’ultimo periodo la Pontevecchio segna 4 punti con Mansutti, ma il Navile ne mette 12 (4 Pasquali, 2 Mazzoli, 3 Boccardo e 3 Landuzzi), raggiungendo il 68-49 che chiude di fatto la gara. Negli ultimi minuti il punteggio viene ritoccato da Chiapparini, Maccaferri (altra grande gara per lui, top scorer del Navile con 17 punti) e Polo, mentre per la Pontevecchio segnano Ricci (4 punti) e Olimbo con 2 liberi. Finisce 76-55.

OMEGA BASKET – STARS BASKET 78 – 84

(14-15; 30-33; 53-51)

Omega: Twun 14, De Pascale 25, Midulla 5, Bolelli 4, Sterpi 9, Fenderico, Saccà 19, Bianchini 2. All. Nannoni.

Stars: Molise 3, Venturi 6, Somma 12, Muzio ne, Barbieri 3, Pomentale 6, Musolesi 22, Ostapyuk 15, Branchini 5, Stanghellini 12, Bordonaro, Raffaelli ne. All. Piccolo.

ANZOLA BASKET – CSI SASSO 81 – 70

(18-11; 42-34; 61-48)

Anzola: Gobbi 7, Lambertini 8, Taoufik, Gherardi 6, Violi 8, Lullo, Cattani, Venturi 26, Missoni 4, Cappelli 22. All. Righi.

CSI Sasso Marconi: Labanti, Davalli 3, Orlandi 18, Previati, Versura 6, Cancello, Vanzini, Palmieri 3, Lenzi 11, Monciatti 17, Zerbini 10, Borsari 2. All. Mazzette.

Anzola torna alla vittoria tra le mura amiche contro il fanalino di coda CSI Sasso Marconi. Partita sempre condotta per tutto l’arco dei 40′.

Partenza sprint e subito 9-2, con Cappelli sugli scudi; Sasso sbaglia molto dentro l’area pitturata e il quarto termina sul 18-11 interno. Più combattuto il secondo quarto, dove Anzola raggiunge più volte la doppia cifra di vantaggio, ma non riesce a dare il colpo del ko. Venturi è mortifero dalla lunga distanza, buon impatto sulla gara anche di Gherardi, ma, sul finire del tempo, proprio alcune amnesie difensive permettono agli ospiti di rientrare e chiudere a -8 (42-34). Dopo l’intervallo, Anzola riparte e si porta anche a +18 (61-43), ma una tripla di Versura ed un canestro di Davalli chiudono la terza frazione sul 61-48. Ultimo periodo dove Sasso prova a rientrare, la partita si fa spigolosa, volano dei colpi proibiti e a farne le spese e il lungo anzolese Violi che, reagendo ad una provocazione dei lunghi ospiti, viene mandato dalla coppia arbitrale anzitempo negli spogliatoi. Venturi, con una tripla di tabella, manda i titoli di coda e, alla sirena, il tabellone segna 81-70 per i biancoblu padroni di casa.

CLASSIFICA

San Mamolo Bologna 32; Hornets Bologna 26; Navile Bologna, Montevenere Bologna 20; C.M.B. Arcoveggio*, Omega Bologna*, Horizon Bologna, Stars Bologna 16; Anzola 14; PGS Bellaria Bologna, PGS Corticella Bologna 8; Pontevecchio Bologna 6; CSI Sasso Marconi 4.

GIRONE E

MEDICINA BASKET 2007 – BASKET PROJECT 52 – 69

(14-17; 25-35; 39-51)

Medicina 2007: Ventura 3, Zambelli ne, Miceli 10, Vignudelli 11, Buscaroli 2, Pazzaglia, Castellari 6, Impastato 1, Martelli 11, Dall’Olio, Soldi 8. All. Pasquali.

Faenza: Ndiaye 4, Troni 14, Boero 19, Ragazzi, Dal Monte, Turchiarulo 2, Picone 4, Fabbri, Pantani 4, Conti 3, Morsiani 19. All Morigi.

IN FIERI – POL. VIRTUS CASTENASO 55 – 66

BASKET A. GARDINI 2001 – PALL CASTEL S.P.T. 2010 64 – 70

(12-21; 23-32; 39-47)

Fusignano: Montanari 22, Scardovi 10, Bertazzoli 3, Dalla Malva 12,    Berardinelli 7, Lugaresi, Vecchi 6, Zanzi, Bucchi 4, Melandri. All. Ortasi.

Castel San Pietro 2010: Cavina 14, Righi 10, Creti T. 14, Poltrelli 7,   Mondanelli 18, Turrini 2, Curti, Trivisonno 4, Landini, Dal Pozzo 4, Masoni. All. Creti A.

PARTY & SPORT – POL. DIL. FARO 53 – 57

(16-20; 26-39; 39-50)

P&S Ozzano: Carelli Mar. 2, Carelli Mat. 7, Marcato 4, Tagliati, Fierro 7, Zerbini 8, Lazzari ne, Migliori 2, Passatempi 8, Margelli 11, Bertarelli, Dozza 4.

Faro Argenta: Pasetti 6, Baldi, Taglioli 6, Cesari ne, Dalpozzo 5, Fuschini, Bonora 5, Porcellini 4, Federici 4, Nicoletti 6, Zanetti 21, Checcoli. All. Santoro.

289 ACADEMY – SALUS PALL. BOLOGNA 53 – 66

(16-18; 32-38; 40-52)

289 Budrio: Zinzi 6, Grilli S. 4, Laforgia 2, Grilli A., Natali 10, Semilia 4, Sarti 3, La Cascia 13, Gherardi 4, Palladino 7, Draghetti. All. Baraldi.

Salus: Tabellini M., Grilli F. 13, Tabellini G., Nanni 14, Grassi 15, Chirco 3, Stignani 3, Cocchi 11, Dallacasa 7. All. Nieddu.

GIALLONERO – TATANKA BALONCESTO 58 – 52

(19-12; 25-21; 37-37)

Giallonero Imola: Grandolfi 15, Biavati, Militerno, Vignoli 1, Guastamacchia 4, Laaboudi, Vannini 13, Pirazzini 7, Sassi 11, Spoglianti 2, Brusa 3, Fusella 2. All. Alfieri.

Tatanka Imola: Ciampone 5, Pederzoli 1, Manaresi, La Ferla, Selva 2, Costantino 12, Righini 6, Franceschelli 6, Castagnetti 12, Simoni 5, Marrobio 3. All. Munzio.

CLASSIFICA

Castel San Pietro 2010 28; Medicina 2007, Giallonero Imola 22; Project Faenza 20; Massa 2010, Faro Argenta 18; Tatanka Imola, Party&Sport Ozzano, Salus Bologna 16; Virtus Castenaso 12; Gardini Fusignano* 8; In Fieri San Lazzaro* 6; 289 Academy Budrio 0.

GIRONE F

LIVIO NERI – MORCIANO EAGLES 68 – 69

LIBERTAS GREEN BK – FISIOKINETIC 71 – 54

(25-15; 43-32; 64-41)

Lib. Green Forlì: Vadi 15, Panzavolta 11, Brunetti J. 10, Gavelli 8, Galeotti 8, Gnini 7, Brunetti N. 6, Ruscelli 4, Bessan 2, Graziani, Fossi. All. Laghi.

Coriano: Casadei 15, Bigini A. 11, Chistè M. 10, Casali 5, Ortenzi 5, Zavatta 3, Bigini G. 2, Thiam 2, Ceccolini 1, Buscherini, Puzalkov. All. Chistè C.

SPORTING CLUB CATTOLICA – BASKET 2000 SAN MARINO 61 – 70

FADAMAT BASKET – TIGERS BASKET 2014 51 – 52

(18-15; 34-29; 39-41)

Fadamat Rimini: Ferrini 10, Borello 9, Zaghini 9, Missiroli 7, Del Fabbro 5, Serpieri 5, Accardo 3, Magnani 3, Cardinali, Guglielmi, Muccioli. All. Podeschi.

Tigers Forlì: Biondi 13, Valgimigli 11, Chezzi 8, Valpiani 6, Plachesi 5, Dall’Agata 4, Poggi 4, Boi 1, Asani, Bergantini, Ruffilli. All. Lapenta.

ARTUSIANA BK – PIRATES 68 – 49

(12-21; 29-28; 50-38)

Forlimpopoli: Gasperini G. 19, Spisni 6, Attanasio 4, Bourkadi 13, Vitali 6, Alberti 4, Trinidad 2, Gasparini A. 5, Sammarchi 4, Quercioli, Marzolini 5. All. Grilli.

Misano: Cupparoni 1, Poggi ne, Migani 2, Ferri 21, Sabattini 2, Arduini, Gobbi 7, Bordini 4, Galvani ne, Cevoli 5, Martini 7. All. Chiadini.

CRAL E. MATTEI – AICS JUNIOR BASKET FORLI’ 70 – 75

(19-6; 41-32; 56-58)

Spem Ravenna: Molea 3, Bomben 6, Angeli 22, Polyeschuk 13, Caccamo 6, Palazzi 17, Ghinassi ne, Bindi 2, Camassa 1, Niang. All. Borghi.

Aics Forlì: Perugini 14, Naldi 11, Zanotti 1, Scozzoli ne, Liverani 8, Imperadori 4, Guaglione, Ruffilli 13, Rossi 5, Russo 19. All. Sanzani.

CLASSIFICA

Aics Forlì* 24; Artusiana Forlimpopoli**, BK 2000 San Marino 22; Fadamat Rimini* Cral Mattei Ravenna, Libertas Green Forlì* 20; Livio Neri Cesena, Eagles Morciano 14; S.C. Cattolica, San Patrignano 10; Fisiokinetic Coriano, Tigers Forlì* 8; Pirates Misano 6.

Serie B, il ruggito dei Tigers: Fabriano va ko! E la Tramec ringrazia…

SERIE B/C 18° Giornata

TRAMEC – REKICO 76 – 55

(25-5; 40-29; 59-39)

Benedetto Cento: Idrissiou, Manzi, Fallucca ne, Ranuzzi 20, Morici 16, Venturoli 5, Rossi 10, Paesano 2, Leonzio 9, Vitale 4, Moreno 10. All. Mecacci.

Raggisolaris Faenza: Anumba 6, Rubbini ne Oboe 6, Samorì ne, Zampa ne, Calabrese 3, Tiberti 13, Bruni 5, Klyuchnyk 3, Sgobba 2, Petrini ne, Petrucci 17. All. Friso.

Ripartire dalla grande reazione del secondo quarto e recuperare il prima possibile gli infortunati. La Rekico perde in casa della capolista Cento, vivendo una serata storta soprattutto al tiro e recriminando per non essersi presentata al completo dovendo rinunciare a Zampa per un problema alla spalla e Rubbini per una distorsione alla caviglia rimediata nei giorni scorsi.

Il match parte subito in salita, con Cento che entra in campo aggressiva. La Rekico accusa questa intensità e dopo pochi minuti si trova ad inseguire 11-3 e 18-3, continuando a litigare con il canestro. Al primo riposo si arriva con la Tramec avanti 25-5, poi ecco la grande reazione faentina. Spinta dai tanti tifosi sugli spalti, Faenza mostra il suo vero volto piazzando un break di 11-0 e recuperando il gap fino al 31-25: mattatore è Petrini, autore di ben 12 punti nel quarto. Cento va in confusione, ma due time out di Mecacci le fanno riordinare le idee e con Moreno riprendono l’inerzia. Una sua tripla da nove metri ed una penetrazione riportano Cento avanti in doppia cifra, facendola arrivare 40-29 all’intervallo. Un allungo che spiana la strada alla Tramec, brava ad arginare Faenza con la difesa e a guadagnare un vantaggio di venti punti, gestito poi fino alla sirena finale.

AMADORI – RISTOPRO 77 – 76

(12-22; 37-36; 56-55)

Tigers Cesena: Frassineti 19 (5/12, 1/2), Papa 16 (5/8, 1/3), Planezio 12 (3/5, 2/5), Scanzi7 (1/4, 1/3), Chiappelli 7 (2/2, 1/5), Trapani 6 (0/2, 2/4), Battisti 4 (2/5, 0/2), Brkic 4 (2/5, 0/1), Hajrovic 2 (1/1), Rossi ne, Guidi ne. All. Di Lorenzo.

Fabriano: Radonjic 21 (4/4, 3/5), Petrucci 14 (3/5, 2/8), Fontana 11 (4/6, 1/4), Merletto 7 (0/2, 1/2), Garri 7 (1/3, 0/2), Fratto 7 (2/5, 0/2), Paolin 6 (2/2), Del Testa 3 (1/2), Cicconcelli ne, Cianci ne, Pacini ne. All. Pansa.

PREMIATA MONTEGRANARO – GIULIANOVA BASKET’85 73 – 77

LUCIANA MOSCONI – ALBERGATORE PRO 71 – 76

(23-19; 40-35; 56-59)

Ancona: Centanni 19 (3/5, 4/10), Gueye 17 (4/5, 2/9), Quaglia 16 (3/4, 1/1), Timperi 6 (3/5, 0/3), Baldoni 6 (1/1, 0/1), Rinaldi N. 5 (0/2, 1/3), Demarchi 2 (1/2, 0/4), Ferri (0/3 da tre), Iannelli (0/1), Monina ne. All. Rajola.

R.B. Rimini: Rinaldi T. 16 (4/10, 1/2), Bedetti L. 15 (5/8, 0/1), Bedetti F. 11 (2/3, 1/5), Simoncelli 11 (2/3, 1/4), Rivali 10 (3/7, 1/1), Moffa 9 (1/2, 1/2), Broglia 2 (1/3), Ambrosin 2 (1/1), Pesaresi, Chiari ne, Vandi ne, Ramilli ne. All. Bernardi.

ESA LUCE + GAS – BAKERY 67 – 64

(16-15; 32-34; 49-52)

Chieti: Meluzzi, Di Carmine 3, Gialloreto 5, Mijatovic ne, Rezzano 14, Signorini, Stanic 7, Ponziani 15, Ruggiero 13, Pederzini 10. All. Sorgentone.

Piacenza: Udom 6, Pedroni 3, Artioli 6, Perin 15, Chiozza ne, Bruno 7, De Zardo 5, Cena 10, Birindelli 12, Vangelov. All. Campanella.

La Bakery non riesce a replicare l’ottima prova casalinga contro Senigallia. Al PalaTricalle, Chieti ha la meglio sulla formazione biancorossa per 67-64 in un match che, fino all’ultimo secondo, ha regalato mille emozioni. 40′ di equilibrio hanno contraddistinto l’intera partita, ma nei momenti più duri è uscito fuori il talento individuale della Teate, soprattutto dalle mani di Stanic e Rezzano. Per la Bakery ottime prove di Perin (15 pt.) e Birindelli (12 pt.).

Pederzini apre subito le marcature, ma da qui arriva l’ondata biancorossa che spazza via Chieti, piazzando un sanguinoso 0-11 che costringe Sorgentone all’immediato time-out. Una pausa miracolosa permette a Chieti di ribaltare in men che non si dica il parziale, con Rezzano autore di due triple fino al 12-0 che obbliga il time-out dall’altra sponda del campo, 14-11. Birindelli e Udom rispondono a Ponziani e la prima frazione si conclude sul 16-15. I biancorossi giocano davvero bene, in un palazzetto gremito e insidioso. Un susseguirsi di batti e ribatti contraddistingue la prima fase del secondo quarto, col punteggio bloccato sul +1 per Chieti. Di Carmine spara una tripla e sigla il massimo vantaggio teatino di quattro lunghezze, ma Udom risponde con tre punti. Sale in cattedra negli ultimi istanti Marco Perin che, con una tripla ed un 2/2 ai liberi, regala il vantaggio ai biancorossi con la quale si conclude il quarto, 32-34. Il secondo tempo è la fotocopia del primo, con i biancorossi protagonisti nel gestire la partita e rispondere in maniera immediata ai colpi di Rezzano e Ruggiero. Un ping pong tra le due squadre le porta fino al 40-40 e qui Enzo Cena scaglia la tripla del +3. Pederzini, Stanic e Ponziani si rifanno sotto e la Teate è di nuovo sopra, 47-43. De Zardo di schiacciata, Artioli finalizzatore e la tripla di Pedroni mandano in paradiso la Bakery, fino al definitivo colpo del numero 4 che sancisce il 49-52 con la quale si entra negli infuocati ultimi 10′. In queste situazioni vince la squadra più precisa. La gara va verso i temuti supplementari con le due squadre che non riescono a scappare con il punteggio. Ruggiero prova con il +4 e Campanella chiama time-out da cui ne esce una Bakery rinforzata, che rientra di libero, piazzando il pareggio a quota 59. Stanic dalla lunetta dice 61-59, con Birindelli subito pronto a rispondere dalla lunetta. Il capitano fa 0/2, Ponziani prende palla ed è 63-59, prima del quasi colpo del ko di Stanic, 65-59. Il time-out rinforza i biancorossi e Perin, seguito dalla tripla di Bruno, regalano speranza. Sul 65-64, riparte Chieti e Ruggiero sancisce il 67-64. Cena sulla sirena ha la palla del pareggio, ma la bomba non entra.

TERAMO BASKET 1960 – ROSSELLA CIVITANOVA M. 62 – 66

GOLDENGAS SENIGALLIA – AURORA BASKET JESI 72 – 78

PORTO S.ELPIDIO BASKET – SINERMATIC 52 – 70

(14-21; 30-33; 43-56)

Porto Sant’Elpidio: Rosettani ne, Di Pietro ne, Balilli, Costa 6, Borsato 8, Malagoli 13, De Sousa ne, Lusvarghi 11, Sagripanti, Cappella ne, Bastone 15, Sirakov ne. All. Sabatini.

Ozzano: Morara 6, Chiusolo 8, Mastrangelo 14, Corcelli 6, Iattoni 4, Folli 2, Favali 2, Dordei 2, Lolli, Galassi 14, Montanari ne, Crespi 12. All. Grandi.

In una serata che passerà purtroppo alla storia per la tragica scomparsa di Kobe Bryant, la Sinermatic torna dalle Marche vittoriosa. Con il risultato di 70 a 52, i New Flying Balls piegano il Porto Sant’Elpidio Basket e salgono a quota 20 punti in classifica.

La partita non è delle più semplici, giocare in casa del fanalino di coda è sempre un’insidia (Desio lo scorso anno insegna); in settimana Crespi, Galassi e Montanari hanno avuto guai fisici, con quest’ultimo che è costretto al forfait (in panchina solo ad onor di firma). Pronti, via e Malagoli da una parte e Mastrangelo dall’altra sono i protagonisti per le due squadre che disputano i primi 180 secondi con sostanziale equilibrio (9-7). Mastrangelo, Folli e Crespi disegnano il primo vero break dell’incontro, uno 0-9 che permette agli ospiti di trovare il 9-16 al minuto 7. Sul finire del quarto i  liberi di Bastone e Borsato riportano a -4 gli elpidiensi, ma, sulla sirena, capitan Corcelli insacca il 14-21 che chiude la prima frazione. In avvio di secondo periodo tegola Dordei: trova il +9 da sotto, ma si ferma per un guaio muscolare. Partita finita. Crespi è costretto agli straordinari, ma si fa trovare pronto, disputando un match di valore sia dal punto di vista difensivo che offensivo (saranno 12 i punti totali accompagni da 6 rimbalzi). Dopo il massimo vantaggio di Dordei, però, l’attacco ozzanese si blocca e per oltre cinque minuti non trova la via del canestro. La partita non è bellissima, Porto Sant’Elpidio non approfitta del momentaccio dei Flying e accorcia il gap fino al -1 (22-23 al 16’). Crespi e Chiusolo sbloccano Ozzano (22-27), ma dall’altra parte Costa e Bastone fanno 8-0 di parziale per il sorpasso marchigiano (30-27 al 19’). Dopo il time out chiamato di coach Grandi, gli ultimi 75″ del quarto per Ozzano sono perfetti: Crespi e Galassi realizzano i canestri del controsorpasso, Mastrangelo, sulla sirena, firma il tap in del +3 Ozzano all’intervallo lungo. Nel terzo quarto la Sinermatic deve affrontare il problema falli (Crespi, Iattoni e Morara tutti gravati di 3 falli), ma tutti i ragazzi chiamati in causa da coach Grandi nelle rotazioni danno il proprio contributo. Iattoni da 3 punti apre le danze del secondo tempo, poi Galassi fa 5 punti di fila, seguiti da un “solo rete” di Chiusolo: 3-10 di parziale e massimo vantaggio Flying sul 33-43 al 23’. Lusvarghi e Borsato riavvicinano i padroni di casa (37-43), dall’altra parte 5 punti di Mastrangelo (per lui terza tripla di serata) ed un libero di Iattoni, provocato da un tecnico al coach casalingo, valgono il +12 e nuovo massimo vantaggio ospite (39-51). Nell’ultimo giro di lancette della frazione, un ispirato Crespi timbra il +13 (43-56). Gli ultimi 10′ si aprono con un gioco da 3 punti di Morara (43-59); dall’altra parte Malagoli in lunetta fa 2/2 per il -14, ma ancora Morara segna la tripla del +17. La partita per Ozzano è in pugno (45-62), le due squadre per oltre tre minuti non segnano più. Lusvarghi spinge i compagni sul -12, ma a 200 secondi dalla fine termina il digiuno di punti della Sinermatic, con Galassi prima e Crespi poi che mandano in archivio il match. Alla sirena finale sarà 52-70 per i New Flying Balls, al quinto successo esterno stagionale.

CLASSIFICA

PGVP%
Tramec Cento301815383.3
Ristopro Fabriano281814477.8
Amadori Tigers Cesena261813572.2
Albergatore Pro Rinascita Basket Rimini261813572.2
Bakery Piacenza241812666.7
Rossella Virtus Civitanova Marche221811761.1
Esa Italia Chieti201810855.6
Sinermatic Ozzano201810855.6
Aurora Basket Jesi18189950.0
Rekico Faenza161881044.4
Giulianova Basket 85121861233.3
Sutor Premiata Montegranaro121861233.3
Goldengas Pallacanestro Senigallia121861233.3
Luciana Mosconi Ancona101851327.8
Adriatica Press Teramo Basket 196081841422.2
Porto Sant’Elpidio Basket41821611.1

Serie B/F, terremoto nel girone B: perdono Thunder e Libertas Rosa. Girls prime!

SERIE B/F 15° Giornata

GIRONE A

SCUOLA BASKET SAMOGGIA – BK CLUB VAL D’ARDA 44 – 63

STAFF – BASKET FINALE 83 – 57

(17-17; 38-28; 59-46)

Magik Rosa Parma: Lucca 13, Raggi 10, Nuzzo, Farina 5, Tringale 8, Ferrari 3, Aiello, Zuin 8, Nagy 28, Zambon 8. All. Gardellin.

Finale Emilia: Malaguti 2, Bozzoli 7, Sacchetti 8, Molinari, Bergamini 13, Biagiola 12, Guerra 2, Benedusi 3, Bozzoli 7, Pincella 3. All. Bregoli.

ACETUM – CHEMCO 1974 66 – 28

(19-6; 32-17; 49-26)

Cavezzo: Siligardi 2, Bocchi 5, Bassoli ne, Gasparetto ne, Marchetti 10, Righini 4, Balboni, Brevini 15, Bozzali, Maini, Calzolari 14, Bellodi 16. All. Carretti

Puianello: Oppo 3, Ligabue J. 3, Montanari 5, Pignagnoli, Martini 4, Manzini 8, Fontanili, Boiardi 2, Codeluppi, Dall’Asta 3, Albertini. All. Olivari.

ROBY PROFUMI – LIB. BK BOLOGNA 57 – 42

(13-6; 27-23; 40-32)

Borgotaro: Piscina G. 4, Bozzi 2, Montanari 6, Ferrari G. 6, Ferrari V. 2, Gonzato 5, Cremona 17, D’Ambros C. 3, Diagna 7, Triani 2, Quagnese, Vignali 3. All. Scanzani.

Libertas Bologna: Antonellini 2, Gandolfi, Parrinello 9, Righi 9, Castelli Gia. 3, Castelli Gio. 1, Mirrone 8, Grazian 3, Poletti 7, Palladinelli. All. Castelli A.

Centra una preziosissima vittoria la Roby Profumi, contro una diretta rivale per la salvezza, ovvero la Libertas Bologna. La formazione di coach Scanzani ha concluso la gara con un vantaggio di 15 punti, 57 a 42, ma la gara è stata in equilibrio sino alla fine del terzo quarto. La Valtarese, con questa vittoria, arriva a quota dieci in classifica, ma, cosa ancora più importante, conquista altri due importantissimi punti contro una diretta rivale nella seconda fase del campionato. E dire che le giovanissime bianco blu hanno dovuto affrontare quasi tutta la gara senza il proprio principale terminale offensivo, ovvero Valentina Bozzi che, dopo soli cinque minuti di gioco, ha dovuto abbandonare la gara per una distorsione alla caviglia. Sono state brave le altre ragazze della Roby Profumi che non sono lasciate prendere dal panico e con Gonzato e Cremona, ben assistite da tutto il resto della squadra, hanno sempre mantenuto la testa della gara. Detto dell’equilibrio dei primi tre quarti, terminati sul 40-32, è stata l’ultima  frazione a rivelarsi decisiva. Un parziale di 17 a 8, caratterizzato dai canestri di Cremona (17 punti per lei alla fine) che ha visto la Roby Profumi prendere il largo e terminare la gara con un eloquente +15.

CLASSIFICA

Tigers Parma 26; Magik Rosa Parma 22; Cavezzo, Val d’Arda Fiorenzuola 20; Puianello 12; Valtarese 10; Finale Emilia, SBS Piumazzo 4; Libertas Bologna 2.

GIRONE B

MYCICERO – REN AUTO 49 – 55

(14-7; 27-22; 38-37)

Senigallia: Mingucci, Cadalani 5, Amedei, El Haiti 4, Sordi 26, Baracaglia, Vecchietti, Formica, Lazzari 1, Castagnolo, Bonacci, Angeletti 13. All. Tonucci.

HB Rimini: Novelli 12, Re, La Forgia 2, Vespignani 4, Duca E. 2, Pignieri 8, Duca N. 11, Palmisano 1, Renzi 13, Farinello, Borsetti 2, Lazzarini. All. Rossi.

La Ren-Auto di coach Pier Filippo Rossi ritrova il successo in quel di Senigallia e interrompe così la striscia di quattro sconfitte consecutive. Le rosanero vincono una gara più difficile del previsto e incamerano due punti che sono una boccata d’ossigeno, in un momento emotivamente difficile.

Il primo quarto ben testimonia il blocco psicologico che condiziona non tanto il gioco, quanto le percentuali offensive: solo 7 punti segnati e Senigallia che prova a scappare doppiando a 14. Dopo 10′ da incubo, però, la Ren-Auto reagisce e comincia a far canestro con discreta regolarità. All’intervallo le padrone di casa sono comunque avanti di cinque lunghezze sul 27-22. Il “quasi pareggio” arriva nella terza frazione: la difesa tiene, l’attacco resta costante e così, all’ultima pausa, il divario tra le squadre è di un solo punto, 38-37. L’utimo quarto è tutto rosanero, col sigillo di capitan Novelli, che infila la tripla del 49-53 che equivale al sospirato successo.

A.S.D. BASKET GIRLS – MATTEIPLAST 53 – 41

(10-11; 25-19; 33-32)

Ancona: Pierdicca 12, D’Amico, Yusuf 8, Koshanin, Palimieri 6, Bolognini 12, Marinelli 5, Mandolesi 4, Lattanzi 2, Maroglio 4, Borghetti. All: Castorina.

MaProgresso: Ferraro, Marchi 7, Bernardini 4, Cadoni 9, Ruggeri 2, Tridello 6, Pregu, Mini 10, Prisco 1, Venturi, Melloni 2, Papotti. All. Simeone.

Trasferta particolarmente complicata. Le ragazze del Progresso, però, partono subito aggressive, con un bel gioco a due di Marchi e Cadoni, che assieme segnano 11 punti, dando un primo parziale di 10-11. Le ragazze di Ancona, nel secondo quarto, riescono a recuperare di squadra, mettendosi alla guida della partita, con un distacco che raggiunge il 24-19 all’intervallo. Il secondo tempo è caratterizzato da una serie di piccoli infortuni per il Progresso, che accorciano estremamente le rotazioni, mettendo anche coach Simeone in difficoltà. Quindi, nonostante una iniziale risposta positiva della Matteiplast, che non permette mai la fuga alle marchigiane, ma, anzi, riporta il punteggio quasi alla parità (33-32 fine terzo periodo), il quarto ed ultimo periodo è contraddistinto da troppi errori a canestro, che non consentono di andare in vantaggio e concedono alle Basket Girls di allungare le distanze, fino al punteggio finale di 53-41.

MAGIKA PALLACANESTRO – THUNDER BASKET 61 – 55

(14-13; 29-20; 42-29)

Matelica: Gonzalez 18, Franciolini 7, Michelini 4, Paffi 8, Baldelli 8, Zamparini 6, Stronati, Sbai, Ricciutelli 4, Bernardi, Ceccarelli ne, Zito. All. Rapanotti.

LIBERTAS BK ROSA – OLIMPIA BK 62 – 63

(19-7; 30-26; 49-51)

Forlí: Guidi, Tasevska 10, Atanasovska 13, Valli, Pieraccini 12, Valensin 22, Ronchi 1, Ragazzini, Balestra 4, Bollini, Pirazzini. All. Montuschi.

Pesaro: Canossini 11, Barulli 1, Gjinaj 3, Caiozzo, Magi 7, Paccapelo 9, Pentucci 9, Cecchini 7, Cancellieri 3, Canestrari 13. All. Alexander.

CLASSIFICA

Basket Girls Ancona 24; Progresso Bologna 20; BSL San Lazzaro, Libertas Rosa Forlì 16; Thunder Matelica 14; Happy Basket Rimini, Magika Castel San Pietro 10; Olimpia Pesaro 6; BK 2000 Senigallia 4.

C Gold, Molinella, due punti che valgono oro. C Silver, Novellara sbanca Fidenza, ora in testa sono in 3!

SERIE C GOLD 16° Giornata

ALLIANZ BANK – AVIATORS 92 – 57

(22-12; 38-26; 60-40)

Bologna Basket 2016: Resca 9, Guerri 9, Fin,  Zhytaryuk 17, Folli 8, Aglio 6, Graziani 4, Fontecchio 24, Nucci 9, Mazzocchi, Elio 6, Zanetti. All. Rota.

Lugo: Carella 7, Alessandrini 4, Presentazi 8, Cappelli ne, Baroncini 2, Silimbani 4, Masrè 14, Cervellera, Santini 2, Salsini 3, Arosti 2, Ravaioli 11. All. Casadei.

Vittoria autorevole per il Bologna Basket 2016. La squadra di Rota, giunta alla quinta affermazione consecutiva, mostra di aver raggiunto un alto livello di affidabilità, mettendo in campo una difesa dura e asfissiante e producendo un gioco rapido ed efficiente. I rossoblu tirano col 37% da 3 (11/30) e prevalgono nettamente nel rapporto palle recuperate/palle perse (14/11 contro le 4/20 avversarie), ma il dato più confortante sono i 17 assist di squadra che evidenziano la voglia di fare sempre il passaggio in più per un tiro migliore. Difficile anche trovare i più bravi, visto che tutti portano il loro contributo al successo finale. Svetta comunque la coppia Fontecchio-Zhytariuk, che si conferma in uno straordinario momento di forma: il primo infallibile dal campo (24 punti, con 6/9 da 2 e 3/6 da 3) e distribuendo anche 4 assist; il secondo in doppia doppia da 17 punti e 10 rimbalzi. Molto bene i due play Resca e Guerri, entrambi con 9 punti e il 75% al tiro, che dirigono con saggezza i giochi offensivi, confermando la fiducia data loro dalla società e la crescita del loro gioco da inizio stagione.

La cronaca. Si parte con Folli che piazza due triple di fila e Zhytariuk che lo segue con 6 punti consecutivi. È poi il turno di Fontecchio e Nucci, che portano a un primo gap di dieci lunghezze a favore dei padroni di casa a fine quarto. Nella seconda frazione il BB2016 prende il largo con Fontecchio e Resca; al 15’ il vantaggio è salito al +15, ma Lugo non molla e ritorna sotto fino al -8. In conclusione di quarto, però, Silimbani commette un antisportivo su Aglio che fa 2/2 dalla lunetta, poi, nell’azione seguente, segna ancora Resca per il 38-26 prima della pausa. Al rientro Fontecchio si scatena con due triple in successione, seguite ancora da Zhytariuk su assist delizioso di Resca e dalla tripla di Guerri. A metà tempo il punteggio è di 51-34 e il BB2016 continua a produrre un gioco divertente e prolifico. Altra bomba di Fontecchio, poi Nucci su assistenza di Guerri e a chiudere la tripla di Elio che porta al 60-40 e che praticamente chiude il match. L’ultimo quarto non fa che confermare la superiorità dei bolognesi. Ancora Elio e Nucci colpiscono da lontano, Guerri incassa un gioco da 3 punti e Silimbani commette il secondo antisportivo, venendo espulso. Il divario si allarga ulteriormente, Lugo accusa il colpo e c’è gloria anche per Graziani, con due canestri uno dietro l’altro.

MOLIX – GAETANO SCIREA 68 – 64

(21-17; 41-24; 51-38)

Molinella: Brandani 5, Ranzolin 9, Zuccheri 2, Frignani ne, Gianninoni 8, Bonanni 6, Lanzi 12, Manojlovic 4, Giuliani 18, Tedeschi 2, Caloia 2. All. Giuliani.

Bertinoro: Rossi 12, Cinti 6, Zambianchi, Ravaioli 6, Angeletti ne, Sampieri ne, Ricci 7, Farabegoli 1, Bessan ne, Brighi 15, Bracci 17, Solfrizzi ne. All. Tumidei.

BMR – 2G DESIGN 81 – 73

(22-20; 41-33; 65-49)

Basket 2000 Scandiano: Brevini ne, Cunico 15, Bianchi 5, Astolfi 3, Bertolini L. 3, Sakalas 22, Pini 7, Caiti ne, Bertolini F. ne, Germani 21, Magni 5, Piccinini ne. All. Tassinari.

Ferrara 2018: Benedetti ne, Cattani 2, Cortesi 15, Percan 11, Seravalli 7, Legnani 3, Fortini, Poli ne, Pusic 23, Zaharie 10, Ghirelli L. ne, Ghirelli M. 2. All. Furlani.

La Bmr centra la seconda vittoria consecutiva, vendicando il ko dell’andata contro il Ferrara Basket 2018: decisive le prestazioni di Germani e Sakalas, quest’ultimo in doppia doppia con 22 punti e 15 rimbalzi.

Dopo un primo quarto equilibrato, i padroni di casa provano un primo allungo che li vede portarsi al +11 sul 33-22, grazie ad un canestro di Pini; gli ospiti replicano immediatamente, affidandosi a Pusic, che chiude il contro break per il -6 che costringe Tassinari al timeout. La Bmr ci riprova ad inizio ripresa, toccando il +14 col 49-35 firmato da Sakalas, ma anche in questo caso è il solito Pusic a firmare il rientro estense (52-46). La fuga giusta arriva poco dopo, con un 10-0 aperto da un gioco da tre punti di Cunico e chiuso da capitan Germani, che vale il +16, divario con cui si arriva a fine terzo quarto. I bianco-rosso-blu gestiscono l’ultima frazione senza affanni e arrivano al massimo vantaggio sul 75-57 firmato dal solito Germani, assistendo poi al rientro degli avversari solo a partita già chiusa.

PROSIC – INTECH 64 – 69

(24-15; 40-36; 57-48)

CastelGuelfo: Wiltshire 2, Bernabini 18, Bonetti ne, Baccarini 7, Bonazzi, Murati 9, Bergami, Musolesi, Pieri, Govi 18, Pederzini 8, Amoni 4. All. Cavicchioli.

Virtus: Colombo 12, Marcone 6, Dalpozzo 5, Agatensi 9, Errera 12, Planicic, Orlando ne, Biandolino, Barattini 13, Begic 12, Savino ne. All. Regazzi.

DILPLAST CLEVERTECH – PALLACANESTRO FIORENZUOLA 1972 92 – 102

(29-22; 48-49; 72-71)

Montecchio: Ramenghi ne, D’Amore, Tognato 22, Vecchi 12, Giannini 3, Degli Esposti 6, Pedrazzi 7, Trobbiani ne, Amadio 17, Lusetti 13, Negri 12, Bovio. All. Martinelli.

Fiorenzuola: Galli 15, Sichel 9, Bracci 6, Rigoni ne, Marchetti 7, Dias, Livelli 24, Zucchi, Fowler 1, Fellegara ne, Ricci 14, Maggiotto 26. All. Galetti.

Alla Dilplast- Clevertech non riesce l’impresa di uscire vittoriosa dalla sfida interna contro la capolista Fiorenzuola. Lo sciame dei Bees si conferma al vertice della graduatoria dopo una partita bella, vibrante ed a tratti di notevole spessore tecnico da ambo le parti. Montecchio, infatti, riesce a concludere in vantaggio due dei quattro parziali lottando alla pari per tre quarti di gara. Ben 5 giocatori in doppia cifra per la squadra di coach Martinelli, con Tognato in evidenza (22 punti e 8 rimbalzi), non bastano ad equilibrare la bravura di alcuni giocatori di Fiorenzuola, illegali per questa categoria. Maggiotto (26 punti), Livelli (24 punti con 4/4 dalla lunga distanza) e Galli, che nei minuti cruciali finali amministra egregiamente ritmo e possesso di palla, contribuiscono in maniera importante al successo esterno della squadra piacentina. Per Montecchio l’epilogo amaro della partita lascia, però, la convinzione che, giocando costantemente a questi livelli, si possa recuperare qualche posizione di una classifica ancora preoccupante. Fra il pubblico di casa, che applaude convinto i propri beniamini a fine gara, qualche perplessità sulla designazione arbitrale che poteva essere più ponderata.

OLIMPIA CASTELLO 2010 – GRUPPO VENTURI 70 – 65

(13-24; 35-44; 47-53)

Castel San Pietro: Sangiorgi 5, Benedetti, Magagnoli 6, Ranocchi 5, Trombetti 15, Righi ne, Tomesani 22, Sabattani 4, Procaccio 3, Pedini 6, Torreggiani ne, Albertini 4. All. Serio.

Anzola: Parmeggiani F. 7, Parmeggiani S. 12, Villani 11, Caroldi 15, Donati 10, Carpani ne, Franco, Perini ne, Baccillieri, Venturi ne, De Ruvo 10, Cappelli ne. All. Spaggiari.

L.G. COMPETITION – VIRTUS MEDICINA 72 – 77

(20-23; 43-38; 61-52)

Castelnovo Monti: Magnani 3, Longoni 15, Provvidenza 3, Prosek 13, Parma Benfenati 7, Sabah 4, Mabilli ne, Dal Pos 5, Levinskis 6, Mallon 16, Ferri ne, Barigazzi ne. All. Diacci.

Medicina: Curione 7, Poluzzi 11, Polverelli 12, Casagrande 4, Casadei 13, Galassi 10, Rossi, Allodi 18, Stellino ne, Lorenzini 2, Agriesti ne. All. Curti.

CLASSIFICA

PALL. FIORENZUOLA301615114991289+210
BOLOGNA BASKET 2016221611513271164+163
BASKET 2000 SCANDIANO221611512361141+95
OLIMPIA CASTEL SAN PIETRO221611512481175+73
VIRTUS MEDICINA18169711911191+0
FERRARA BASKET 201816168812571247+10
LG COMPETITION CASTELNOVO16168811801191-11
VSV IMOLA14167911701226-56
BASKET LUGO14167911471204-57
ANZOLA BASKET121661010971166-69
PALL. MOLINELLA101651111501224-74
GUELFO BASKET101651111331209-76
ARENA MONTECCHIO101651111341254-120
GAETANO SCIREA BERTINORO81641210761164-88

SERIE C SILVER 16° Giornata

LA CANTINA DEI SAPORI – ZTL HOME 68 – 61

(12-19; 32-36; 49-46)

Zola Predosa: Degregori 19, Bavieri 1, Bianchini 8, Righi 1, Zappoli ne, Ramini 9, Bonaiuti 10, Masina 2, Tubertini 11, Vivarelli, Almeoni 7.  All. Cavicchi

S.G. Fortitudo: Balducci 8, Chiarini 2, Zinelli, Lalanne 8, Vicini Ronchetti ne, Pederzoli 14, Ranieri 9, Nanni 6, Nestola, Branzaglia 11, Ponteduro ne, Buscaroli 3. All. Mondini.

Vince la Francesco Francia, ma l’S.G. Fortitudo fa gara pari per quasi tutto il match. Se Tubertini è stato prezioso nell’ultimo decisivo quarto, l’azione della partita è stata un gioco da 3 punti del sempreverde Bonaiuti (classe 1978); per la giovane formazione ospite, qualche problema a rimbalzo e qualche tiro facile (leggasi anche dalla lunetta) sbagliato di troppo.

La cronaca: si partiva alla presenza di due ospiti illustri: Davide Lamma, come sponsor ZTL Home, e Julio Trovato, general manager del Ravenna, capolista dell’A2 girone Est. Era l’S.G. a scattare meglio dai blocchi grazie all’intraprendenza del play Branzaglia, unita alla qualità di Pederzoli e alle triple di Balducci e Lalanne (10-18 al 7′). La seconda conclusione pesante di Balducci valeva il massimo vantaggio esterno (12-26 all’11’), poi era Degregori (Mvp) a prendere per mano i compagni e con la bomba di Bonaiuti, la Francesco Francia rientrava a -3, sul 27-30 al 16′. L’inerzia era cambiata, la difesa zolese rallentava l’attacco ospite ed ecco che la ripresa iniziava col poker di Almeoni ed il 36-36 sul tabellone. Bianchini, con un 1vs1, firmava il sorpasso sul 46-44. Poi iniziava il Tubertini-show: 9 punti quasi consecutivi, che erano determinanti per portare Zola a +4 (61-57) al 36′, dopo che l’S.G. aveva impattato, grazie anche alla zona, a quota 57. Sul 61-59, a poco più di un minuto dalla fine, era letale il gioco da 3 punti di Bonaiuti. La formazione di coach Mondini perdeva palla e la stilettata conclusiva arrivava dal solito Degregori: 66-59. Per essere onesti, sul 66-61, a spiccioli dalla sirena, la Fortitudo recuperava palla, ma era troppo tardi per pensare di recuperare lo svantaggio.

SANTARCANGIOLESE BASKET – REBASKET 82 – 80

(24-21; 40-39; 61-57)

Santarcangiolese: Nervegna 16, Zannoni 12, Adesoun 5, Fornaciari 17, Raffaelli 15, Dimonte 8, Sirri, Dini 7, Fusco 2, Malatesta ne, Adduocchio ne. All. Evangelisti.

Castelnovo Sotto: Defant 24, Castagnaro 7, Bonifazi, Azzali 4, Beltran 19, Pezzi 10, Putti 14, Zecchetti 2, Foroni, Barazzoni, Bellcchio ne, Vezzali ne. All. Casoli.

LIMITLESS – CREI 61 – 52

(25-10; 34-30; 49-39)

Bellaria: Berardi, Ferrari 9, Mazzotti 7, Cruz 2, Gori, Rossi 9, Sirena 2, Giovanardi 12, Giorgini ne, Foiera 20, Santoro ne, Montanari. All. Maghelli.

Granarolo Basket: Salicini 6, Bianchi 2, Meluzzi 8, Nanni 9, Paoloni Lu. 4, Neviani 5, Bernardinello 4, Masetti ne, Paoloni Lo. 3, Pani 11. All. Millina.

La Crei cede il passo nella trasferta di Bellaria, al termine di una gara dove non ha mai trovato la misura al tiro per punire gli spazi che la difesa avversaria gli concedeva dalla media e lunga distanza. Per gli uomini di Millina le cifre sono eloquenti: 24% dal campo e 61% ai liberi stanno a testimoniare la serata nerissima al tiro e obiettivamente, con queste cifre, è difficile battere chiunque, tanto meno una squadra di casa che non ha brillato tanto di più (38% dal campo e 73% ai liberi). La differenza l’ha fatta ancora una volta Charlie Foiera (MVP con 20p., 14r. e 33 di valutazione) che ha guidato, assieme a Mazzotti, i suoi giovani compagni col solito magistero. Per Granarolo una partita da dimenticare, facendo tesoro degli errori commessi e del carattere che, comunque, non è mai mancato.

La cronaca: Il canestro in avvio di Salicini dà l’unico vantaggio della gara alla Crei, poi comincia lo show della coppia in grigio che, nel primo periodo, riescono nell’impresa di fischiare 10 falli (di cui un tecnico a Pani) ai felsinei con 4 giocatori a 2 falli (Salicini-Bianchi-Nanni e Pani), contro i soli 2 sanzionati ai padroni di casa che, nel primo quarto, vanno in lunetta per ben 17 volte sulle 30 totali dell’intero match (praticamente solo un fallo di Granarolo non ha prodotto tiri liberi di Bellaria). Sommando questo all’imprecisione degli ospiti, al 10′ il tabellone recita 25-10 per i padroni di casa. Il secondo periodo comincia con un altro viaggio in lunetta di Bellaria, che fa segnare il massimo vantaggio del match (26-10 al 11′), poi Millina trova buone risposte dalla zona 3-2 e dalla panchina con un Nanni scatenato (tutti i suoi 9 punti realizzati nel secondo periodo) e la Crei, piazzando un parziale di 8-20 in nove minuti, va al riposo lungo con sole quattro lunghezze da recuperare e con la recriminazione per i tanti tiri aperti non andati a bersaglio (34-30 al 20′). Primi minuti del terzo periodo all’insegna dell’equilibrio (38-33 al 23′), poi Ferrari e Giovanardi riportano il divario in doppia cifra (43-33 al 25′). Divario invariato con soli 3 punti segnati a testa per 4’30”; Pani spara il siluro del -7 a 7″ dalla terza sirena, ma Foiera spegne le speranze di Granarolo di giocarsi gli ultimi 10′ con uno svantaggio a una sola cifra, imbucando, a fil di sirena, la tripla del 49-39 al 30′. Pani ricomincia da dove aveva finito e il canestro di Neviani che segue la sua tripla, riporta la Crei a -5 (49-44 al 32′). Mazzotti (fin lì impreciso al tiro) infila una provvidenziale tripla da 8 metri che frena immediatamente la rimonta degli ospiti; la Crei continua a sbagliare tiri e scivola a -9 sul canestro di Giovanardi (54-45 al 35′). Meluzzi trova Salicini in angolo per la tripla del -6, ma ancora una volta Mazzotti, con una bomba a fil di sirena, getta acqua sugli fuoco di Granarolo. Gli uomini di Millina continuano a sbagliare, ma non mollano, conquistano 4 rimbalzi offensivi (17 totali nel match), ma per 2′ non riescono a muovere la retina avversaria fino al canestro del -7 di Pani (57-50 al 28′). Bellaria rimane a secco per un altro minuto e capitan Paoloni intercetta un passaggio di Mazzotti e s’invola a depositare in solitudine il canestro del -5 ad un minuto dalla fine. Bellaria cerca il suo totem e Foiera non delude: 2/2 dalla lunetta per un fallo di Salicini e dopo l’errore di Pani dalla lunga distanza, il canestro che chiude definitivamente il match, a 25″ dalla fine. Granarolo ci prova sino alla fine, ma la serata di mira storta colpisce fino all’ultimo secondo e il match termina sul 61-52 sancito da Foiera.

MISTER TIGELLA – PALL. CORREGGIO 65 – 74

(17-20; 38-39; 55-56)

San Lazzaro: Salvardi, Cempini 7, Tugnoli 8, Verardi 15, Fabbri 12, Torriglia, Naldi, Betti Marco. 7, Stojkov 6, Grazzi 10. All. Baiocchi.

Correggio: Messori 11, Tolomello, Riccò Fe. 16, Margotti 11, Ligabue, Guardasoni L. 5, Riccò Fr. 14, Ferrari 3, Guardasoni M., Vivarelli 10. Lavacchelli 4, Frilli. All. Stachezzini.

Seguendo il copione di un film purtroppo già visto, la Mister Tigella incassa l’ennesima sconfitta, perdendo in volata 74-65 contro Correggio. Un ko che lascia non poco rammarico nei ragazzi di coach Baiocchi visto che, dopo aver provato a prendere in mano l’inerzia del match grazie alle fiammate di capitan Verardi, Fabbri e Tugnoli e aver toccato il +7 a metà terzo quarto, hanno gettato al vento tutto, impantanandosi nelle sabbie mobili della difesa a zona schierata da Correggio nel finale. Una retroguardia ospite che, nell’ultimo quarto, ha concesso soltanto 10 punti alla Bsl, che dietro ha incassato invece canestri pesantissimi da Margotti (16 punti), autore di tutte le ultime giocate chiave del match.

Dopo un primo quarto giocato sul filo dell’equilibrio e chiuso dalla tripla di tabella e allo scadere di Guardasoni (17-20), arriva lo squillo di Correggio che, grazie a Tolomello e Ferrari, guadagna due possessi di vantaggio (23-27). Pronta arriva la risposta della BSL che si affida a Verardi per accendere la miccia: il capitano biancoverde segna, infatti, 10 punti consecutivi per il 33-27. San Lazzaro, però, non riesce a cavalcare l’onda e prima del suono della seconda sirena subisce il rientro di Correggio che, sospinta da Vivarelli, Riccò e dall’ennesima tripla allo scadere di frazione, questa volta di Messori, rientra negli spogliatoi sul 38-39. La Mister Tigella incassa e reagisce rientrando sul parquet con il giusto piglio: i canestri di Tugnoli e Fabbri e la difesa a zona chiamata nuovamente da Baiocchi ispirano, infatti, il nuovo massimo vantaggio biancoverde sul 48-41. Un margine che non basta a mettere gli uomini di coach Baiocchi al riparo dalla reazione ospite: con un controbreak di 7-0, infatti, Correggio riporta il match sui binari dell’equilibrio e spiana la strada al serrato testa a testa finale, in cui, a fare la differenza, sono la zona correggese e i punti pesantissimi di Margotti.

ATLETICO BASKET – CVD BASKET CLUB 62 – 69

(15-17; 35-28; 46-46)

Atletico: Conidi 7, Serra, Veronesi Gr. 21, Paolucci, De Simone 11, Pedroni, Veronesi G.I. 8, Campanella 10, Tognazzi 5, Montanari ne, Trebbi, Artese. All. Guidetti.

CVD Casalecchio: Baccilieri ne, Dawson 9, Malverdi ne, Paratore 9, Ferraro 6, Rosa 4, Corradini 2, Taddei 3, Cavallari 4, Fuzzi 12, Bertuzzi 3, Lelli 17. All. Gatti.

CESTISTICA ARGENTA – OTTICA AMIDEI CASTELFRANCO 91 – 58

(22-17; 42-37; 64-47)

Argenta: Magnani 4, Zanirato 5, Alberti D. 11, Demartini 18, Bonora, Alberti A., Federici 1, Quaiotto 13, Montaguti 11, Malagolini 19, Nicoletti 5, Martini 3. All. Bacchilega.

Castelfranco Emilia: Ayiku 1, Marzo 1, Govoni 10, Zucchini 9, Torricelli R. 14, Tedeschi, Vannini 3, Del Papa 10, Torricelli F. 1, Nebili 2, Youbi ne, Prampolini 7. All. Ansaloni.

Torna il referto rosa in casa Cestistica, che travolge il fanalino di coda Castelfranco Emilia, iniziando nel migliore dei modi il girone di ritorno. Non è stata, però, una passeggiata: i biancoblu giocano in maniera contratta e poco lucida in attacco, alternando sprazzi di bel gioco a numerose palle perse, risentendo, evidentemente, a livello psicologico delle recenti battute d’arresto. Le frequenti amnesie difensive fanno il resto e gli ospiti, grazie alla precisione da oltre l’arco, con Zucchini e Govoni sugli scudi, rimangono agganciati. Alla ripresa dopo l’intervallo lungo, la svolta: i padroni di casa si scuotono dal torpore del primo tempo, alzano la pressione difensiva e puniscono in ripartenza. Quaiotto (in doppia doppia con 13 punti e 10 rimbalzi) va a bersaglio dalla lunga distanza, Demartini e Alberti Davide, in penetrazione, dilatano lo strappo e a 2’05” dalla terza sirena è +13 (60-47) Cestistica. I modenesi smarriscono la via del canestro, con Zanirato e Magnani a sporcare palloni sul vertice alto della difesa, mentre Argenta continua a spingere trovando punti in transizione ed è Montaguti a fissare il +17 (64-47) con cui inizia il quarto conclusivo. Torricelli, dai 6,75, prova a dare la sveglia ai suoi, ma, sul rovesciamento di fronte, Malagolini replica da oltre l’arco, spegnendo sul nascere le velleità ospiti. L’ala argentana, ben innescata da Demartini e Magnani, continua nel suo bombardamento, portando il vantaggio argentano a ventiquattro lunghezze (74-50) a metà parziale, chiudendo con largo anticipo la contesa. Nel restante garbage time, convincente prova degli Under Bonora, Federici, che ha rotto il ghiaccio in categoria, e soprattutto Nicoletti, che non si è tirato indietro facendo a sportellate con un cliente ruvido come Vannini, ha artigliato rimbalzi nelle due metà campo e alla prima occasione ha mandato a bersaglio la tripla del 90-57, poi arrotondato dal libero di Federici.

PALLACANESTRO CASTENASO – VIS BASKET PERSICETO 65 – 62

(16-23; 34-36; 48-48)

Castenaso: Pesino, Marinelli 2, Saccardin 8, Ballini 15, Galiano ne, Biguzzi 9, Cesario, Capobianco 8, Giannasi ne, Ballardini 8, Zucchini 2, Tinti 13. All. Castelli

San Giovanni Persiceto: Coslovi 6, Zani 2, Baietti 1, Vaccari, Papotti 7, Tedeschini 14, Mancin 17, Barone ne, Rusticelli, Mazza 11, Pedretti 4. All. Berselli.

FOPPIANI – PALL. NOVELLARA 92 – 100

(24-21; 48-48; 67-73)

Fulgor Fidenza: Taddei ne, Gaudenzi, Sabotig, Brogio, Di Noia 13, Massari 23, Montanari 3, Garofalo ne, Arbidans 8, Koljanin 20, Perego 25, Parmigiani. All. Braidotti.

Novellara: Ferrari N. 8, Grisendi M., Doddi ne, Folloni 18, Rinaldi 22, Bagni, Franzoni 4, Ferrari T. 9, Aguzzoli 20, Carpi 11, Ciavolella 8, Accorsi. All. Boni.

CLASSIFICA

FULGOR FIDENZA261613313041162+142
CESTISTICA ARGENTA261613313061171+135
FRANCESCO FRANCIA ZOLA261613312001095+105
NOVELLARA241612413711213+158
PALL. CORREGGIO221611511111039+72
VIS SAN GIOVANNI IN PERS.221611511781124+54
SANTARCANGIOLESE BASKET201610612041134+70
BELLARIA BASKET18169712161173+43
S.G. FORTITUDO BOLOGNA18169711891163+26
CVD CASALECCHIO16168810061054-48
ATLETICO BORGO BOLOGNA101651111331219-86
BSL SAN LAZZARO81641210801142-62
GRANAROLO BASKET81641210641170-106
REBASKET CASTELNOVO61631310741209-135
CASTENASO41621411251275-150
CASTELFRANCO EMILIA21611510241242-218
1 2 3 4 5 204