Serie B, Faenza, brutto scivolone, mentre ad Imola festeggia la Virtus!

SERIE B

Girone C

10° Giornata

VIRTUS PALL – ANDREA COSTA 2022 87 – 68

(25-16; 40-36; 64-52)

V. Imola: Carta 3, Galassi 8, Milovanovic 6, Dalpozzo 3, Pellegrini 2, Soliani 8, Magagnoli 10, Morara 20, Tommasini 10, Aglio 17, Neri ne. All. Regazzi.

A. Costa Imola: Marangoni, Tognacci 14, Corcelli 10, Trentin 14, Restelli 7, Roli ne, Spagnoli ne, Agostini 8, Fazzi 2, Ranuzzi 13, Barbieri ne. All. Grandi.

La Virtus Imola domina il derby 87-68 e conquista una vittoria che resterà nella storia della città. Dopo 40’ intensi, di battaglia e di alta tensione, i gialloneri conquistano un successo che verrà ricordato a lungo. Innanzitutto per la stupenda cornice di pubblico che ha segnato (con ogni probabilità) il sold out dei tagliandi disponibili.

La cronaca vede questi quintetti alla palla a due: per la Virtus, Galassi, Tommasini, Magagnoli, Carta e Milovanovic; risponde l’Andrea Costa con Fazzi, Restelli, Tognacci, Trentin e Ranuzzi. La Virtus scatta meglio dai blocchi di partenza, con l’ormai solita tripla in apertura di Luca Galassi, che si divide (con 5 punti filati) il palcoscenico nei primi 3’ con Tognacci, autore dei primi 7 punti biancorossi di serata (5-7). Il primo quarto resta in equilibrio nel punteggio fino al 15-16 del 7’, quando Soliani entra e segna subito dalla media distanza e dalla lunetta: da lì i gialloneri infilano un break di 10-0 che fa male, malissimo ai biancorossi, con i cesti di Morara, Aglio, con la perla da “Libro Cuore” di Lorenzo Dalpozzo, che straccia la retina dall’arco. Per l’ex capitano, in pochi mesi, il ritorno in giallonero, l’esordio in serie B, il primo derby in campo, il primo cesto in serie B e, nel secondo derby stagionale, la prima tripla realizzata all’Andrea Costa. Alla prima pausa breve, gialloneri avanti 25-16, con un +9 che racconta soprattutto della solidità della Virtus nella gestione della carica emotiva e della spinta del pubblico. Accantonato, infatti, immediatamente, il rischio di farsi “travolgere” emotivamente dall’adrenalina. Anche se, ad inizio secondo quarto, è migliore l’impatto della squadra di coach Grandi che risale sul 25-22 al 2’30”, con Restelli, Corcelli e Ranuzzi, fino al pareggio 31-31 al 16’. Da lì inizia un’altra faccia della partita, fatta di canestri ed errori in sequenza da ambo i lati, con il punteggio che non decolla fino al 40-36 con cui ci si ferma per l’intervallo, grazie ai cesti di Tommasini e Aglio. Alla ripresa dei giochi, Magagnoli firma la tripla del nuovo allungo (43-36 al 50”), ma i biancorossi reagiscono e mantengono l’equilibrio (43-43, poi 48-47). Equilibrio che si spezza nel minuto che decide probabilmente il match: al 25’, a Ranuzzi viene fischiato un evidente fallo di sfondamento ai danni di Galassi, abile nel posizionamento a copertura del canestro. E’ il 3° per l’ala che, nell’azione successiva, sotto canestro, colpisce Aglio: il suo fallo antisportivo provoca la reazione di Galassi, che protesta vivacemente, ricevendo giustamente il fallo tecnico, ma è pure il 4° fallo dell’uomo fondamentale dell’Andrea Costa, a sedici minuti dalla fine del match. Un mattone troppo pesante per la comitiva biancorossa che, infatti, da lì, in poi comincia il declino fino al -19 finale. Dalla lunetta Corcelli segna il libero per il tecnico di Galassi, ma dall’altra parte Aglio fa 4/4 (2 liberi per il fallo di gioco, 2 per il fallo antisportivo con palla in mano), procedendo su una media stagionale al limite della perfezione (95%) e concretizza il +4 (52-48). Rimessa di Galassi per Magagnoli, che allarga a destra per Aglio, che pesca centralmente Morara: l’imolese fa un balletto al limite dell’area mettendo il destro avanti per poi balzare oltre l’arco, mandando in tilt la difesa di Trentin e infilando (solo retina) la tripla che mette un macigno sul match e sul morale degli avversari (55-48 a 4’ dalla sirena). Da quel momento, in pratica, sul parquet del PalaRuggi si vedrà sostanzialmente solo la squadra di coach Regazzi. Morara infierisce con due triple che fanno esplodere nuovamente il PalaRuggi negli ultimi trenta secondi del 3° quarto, che si chiude, dunque, sul vantaggio in doppia cifra (64-52). Dopo i canestri in apertura di Agostini e Aglio, la tripla di Magagnoli, oltre che stilisticamente fantastica, spedisce la Virtus sul 69-55 (a 7’30” dalla sirena finale) che è l’antipasto di un finale tutto da gustare per il popolo giallonero. Soliani (tripla), Morara (due volte) e Aglio (2/2 dalla lunetta) allargano sull’80-61 a metà frazione e per tutti i presenti è già chiaro che per l’Andrea Costa contro questa Virtus non c’è più nulla da fare. Mancano 4’30” alla fine, ma in campo c’è solo la squadra di casa che raggiunge il massimo vantaggio sul 83-61, con i due liberi di Galassi. Negli ultimi istanti di gara, c’è ben poco da registrare, se non il quinto fallo di Aglio, che combatte ancora a pochi secondi dalla sirena.

BAKERY – IL CAMPETTO 81 – 79

(24-17; 55-36; 64-55)

Piacenza: Angelucci 13, Berra 13, Korsunov 3, Coltro 13, Livelli 25, Cecchetti 8, Ringressi ne, Carone ne, Balestra, Molinari ne, El Agbani 6, Agbortabi. All. Da Re.

Ancona: Panzini 13, Ciribeni ne, Ambrosin 17, Carnovali 3, Piccionne 5, Tourè ne, Czoska 7, Calabrese 3, Bedin 19, Giombini 12, Petrilli. All. Coen.

LA PATRIE – BLACKS 80 – 76

(14-23; 36-48; 55-61)

San Miniato: Bellavia ne, Guglielmi, Spatti 11, Cipriani 7, Speranza ne, Bellachioma 9, Quartuccio 3, Capozio 6, Venturoli 23, Ohenhen 4, Cautiero 2, Tozzi 15. All. Marchini.

Faenza: Bandini 2, Siberna 4, Vico 21, Poggi 11, Voltolini, Molinaro 4, Petrucci 4, Aromando 13, Pastore 12, Nkot Nkot ne. All. Garelli.

Si ferma a San Miniato la striscia di vittorie consecutive dei Blacks. I faentini pagano un secondo tempo non positivo soprattutto a livello offensivo, anche se nel finale si poteva, comunque, vincere.

I Blacks giocano un ottimo primo tempo, dove con la difesa e la fisicità imbrigliano San Miniato e soprattutto con un attacco ficcante. Tre triple consecutive di Vico regalano l’11-19 e con Aromando il vantaggio diventa 28-44 nel secondo quarto. All’intervallo si arriva con i romagnoli avanti 48-36. Al rientro in campo, i toscani iniziano a segnare con maggiore continuità, mentre i Blacks hanno difficoltà offensive. La dimostrazione è sul 50-55, quando il break di 6-0 arriva dalla lunetta. San Miniato continua a segnare soprattutto dall’arco ed è proprio una tripla a regalare il sorpasso: 69-68 al 36’. Vantaggio che, poi, diventa 73-68. I Raggisolaris reagiscono alla grande e con Pastore trovano il canestro del 75-76 a 34’’ dalla fine. Venturoli però colpisce ancora da tre punti (78-76) e l’ultimo tiro provato da Pastore, pur essendo ben costruito, non trova fortuna. Negli ultimi secondi Cipriani, dalla lunetta, fissa l’80-76 finale.

HALLEY INF. MATELICA – COMPUTER GROSS EMPOLI 62 – 71

BASKET JESI ACADEMY – REAL SEBASTIANI RIETI 69 – 79

PALLACANESTRO FIRENZE – RISTOPRO FABRIANO 70 – 73

ALBERTI E SANTI – LE GAMBERI FOODS 83 – 76

(19-14; 37-39; 64-57)

Fiorenzuola Bees: Casagrande 14, Re 3, Buci ne, Devic ne, Caverni 15, Giacchè 8, Giorgi 12, Preti 15, Bettiolo ne, Ricci 6, Magrini 10. All. Galetti.

Cervia: Brighi 23, Lovisotto 15, Frigoli 2, Chiapparini, Stella ne, Favaretto 7, Bracci 17, Poggi, Rossi 5, Lombardo 7, Tomcic ne. All. Conti.

Fiorenzuola vince, come da pronostico, ma è stata una vera e propria battaglia.

I Tigers Romagna cercano di partire a marce alte, contrariamente alle previsioni, attaccando il canestro con i primi due “cesti” di giornata ad opera di Lombardo e Favaretto; Casagrande accende la luce con il 5-0 di break che vale il primo vantaggio Bees (5-4). Rossi converte il gioco da 3 punti che vale l’8-10, in un primo quarto non spettacolare; Magrini, in semitransizione, incendia la retina con la tripla dell’11-12 all’8’,  poi Giorgi e Caverni compiono il sorpasso, sul finale di quarto, per il 16-14. In uscita dalla panchina è Re, con la tripla, a puntellare il primo quarto sul 19-14 per i Bees. Bracci e Brighi inaugurano il secondo parziale con uno 0-4 che fa infuriare la panchina gialloblu, con coach Galetti che chiama timeout immediato sul 19-18 all’11’. Brighi converte il sorpasso al 13’ con la tripla in stepback del 21-23, con gli ospiti che da lì piazzano un break da 0-5 per il massimo vantaggio al 14’ (21-28). Casagrande prova a risvegliare Fiorenzuola dal torpore con la tripla del 24-28, seguito da 5 punti personali consecutivi di Caverni, che fanno tornare i Bees ad un solo possesso di svantaggio al 15’: 29-31. Bracci si dimostra un fattore importante nella partita riportando a +6 i Tigers al 18’ e portandosi a 15 punti personali nel primo tempo con percorso pulito dal campo (6/6 da 2 punti, 1/1 da 3 punti). Preti, con la virata, riesce a convertire un layup da sotto per alzare il volume del PalArquato, contenendo i danni e ricucendo sul 37-39 con cui le squadre vanno all’intervallo lungo. Con 5 punti personali, Brighi inaugura il secondo tempo e fa allungare sul +7 i Tigers Romagna; Giorgi, da sotto le plance, prova a scuotere l’ambiente in casa Bees, in un’inerzia tutt’altro che facile da far svoltare, con Giacchè che lo segue e fa tornare i gialloblu ad un solo possesso di svantaggio al 23’ (43-46). Il circus shot di Favaretto, con seguente fallo subito, è una mazzata cui la squadra di coach Galetti deve far fronte al 24’, ma Giorgi è ancora bravo a ricucire strenuamente il gap tra le due squadre con il movimento spalle a canestro del 47-49. I liberi di Preti e Magrini consegnano il vantaggio a Fiorenzuola che, in modo resiliente, si porta sul 54-51, con il turbo improvvisamente schiacciato dai Bees nella metà campo offensiva; la tripla di Caverni porta la squadra valdardese al +7 (61-54 al 29’). Fiorenzuola è brava e famelica a portarsi avanti in modo consistente nonostante le numerose difficoltà, chiudendo il terzo parziale sul 64-57. Preti prova a chiudere la partita per i Bees, ma Brighi è di tutt’altro avviso e riporta gli ospiti sul -3 con 5 punti personali al 32’: 68-65. Lovisotto, dalla media distanza, scrive il -1 al 34’, rendendo la partita quanto mai aperta, con Ricci che si rivela provvidenziale in un break da 4-0 per allargare l’elastico tra le due squadre (75-69). Negli ultimi due minuti la partita si trascina sui due possessi di vantaggio per i Bees; Frigoli ricuce con la zingarata in area in terzo tempo (79-76), Preti e Casagrande, dalla lunetta, puntellano e chiudono la partita in favore di Fiorenzuola. Finisce 83-76.

SINERMATIC – PALL. SENIGALLIA 84 – 70 dts

(13-20; 34-39; 58-51; 70-70)

Ozzano: Folli 6, Salsini ne, Felici 8, Galletti ne, Balducci ne, Klyuchnyk 13, Chiappelli 10, Barattini 25, Bonfiglio 5, Buscaroli 3, Lasagni 14. All. Pizzi.

Senigallia: Valletti ne, Santucci 16, Giacomini 16, Gnecchi 7, Neri 8, Valle 5, çemmi 4, Arceci ne, Cerrutti 3, Marini ne, Musci 11, Pozzetti ne. All. Filippetti.

Servono 45 minuti alla Sinermatic per ritornare al successo; 84-70 il finale, dopo un match complicato, contro un avversario ostico, una settimana difficilissima, con l’indisponibilità familiare occorsa a coach Loperfido che ha portato il vice Pizzi a guidare la squadra per l’intera settimana di allenamenti e poi sul campo; una partita che all’inizio si è complicata, che si è raddrizzata con uno splendido terzo quarto, ma che non si è riusciti a chiudere. Ci è voluto l’overtime per assegnare i due punti in palio, ma ancora una volta il supplementare ozzanese è stato esemplare, Senigallia non trova mai il canestro e il referto rosa alla fine resta in casa Sinermatic.

Come detto, l’avvio di partita è tutto di marca marchigiana. La Goldengas colpisce a suon di triple (Giacomini e Santucci in primis) la difesa ozzanese, mentre l’attacco biancorosso fatica ad ingranare. Dopo sette minuti gli ospiti volano a +11 (9-20) e solo un 4-0 di parziale firmato Bonfiglio-Klyuchnyk, permette alla Sinermatic di chiudere il primo periodo sul -7 (13-20). Nella seconda frazione comanda sempre Senigallia, merito di un ispirato Santucci e di altissime percentuali al tiro. Ozzano si aggrappa alle triple di Barattini, Lasagni e Klyuchnyk per rimanere in partita e sempre grazie ai canestri del numero 24 biancorosso, all’intervallo lungo Ozzano è solo a -5 (34-39). Dopo la sosta è tutta un’altra Sinermatic: Klyuchnyk-Bonfiglio-Felici dall’area e Barattini da fuori, fanno 11-1 di parziale in avvio; Ozzano mette finalmente il naso avanti (45-40) e l’inerzia è ora finalmente in mano agli uomini di Pizzi. Giacomini interrompe il digiuno di canestri per la Goldengas, ma Ozzano piazza un ulteriore 13-2 di break con le bombe a raffica di Barattini che infiammano i 300 del Pala Arti Grafiche Reggiani. Sul massimo vantaggio (58-44), la Sinermatic non riesce a chiuderla e qualche palla persa di troppo regala agli ospiti un contro break di 0-7, per il 58-51 alla terza sirena che tiene Senigallia in vita. Goldengas che resta sempre per tutto l’ultimo quarto a ridosso dei Flying Balls, con due, massimo tre possessi di ritardo. I canestri di Lasagni e Folli illudono i tifosi ozzanesi sulle tribune, ma prima Santucci e poi Giacomini infilano le bombe che fissano il punteggio sul 70 pari, ad una trentina di secondi dalla fine. Chiappelli perde l’ultimo possesso, ma dall’altra parte il tiro Santucci viene negato dal ferro portando il match all’overtime. Supplementare che per Ozzano si rivelerà essere una vera e propria festa: Chiappelli, fino a quel momento sottotono, prende in mano la situazione e da solo fa 5-0 di parziale; Senigallia continua a litigare con i ferri, Barattini completa l’opera di una partita monumentale (25 punti e 34 di valutazione) con altri 5 punti consecutivi. Ancora polveri bagnate in casa Goldengas, Chiappelli e Klyuchnyk, dal pitturato, chiudono i conti: 14-0 il parziale dei 5′ aggiuntivi, 84-70 il finale alla sirena. Ozzano trova così una vittoria importantissima per il morale e per la propria classifica.

CLASSIFICA

PGVP%
Real Sebastiani Rieti18109190.0
Blacks Faenza16108280.0
Ristopro Fabriano16108280.0
Bakery Basket Piacenza14107370.0
Pallacanestro Firenze12106460.0
Pallacanestro Fiorenzuola 197212106460.0
Virtus Imola12106460.0
Pall. Goldengas Senigallia12106460.0
Luciana Mosconi Ancona10105550.0
Sinermatic Ozzano10105550.0
General Contractor Jesi10105550.0
Andrea Costa Imola6103730.0
La Patrie San Miniato6103730.0
USE Computer Gross Empoli4102820.0
Tigers Romagna2101910.0
Halley Informatica Matelica0100100.0

C Gold, un turno senza sorprese, anche se la CMP…

SERIE C GOLD

10° Giornata

ZDUE – BMR BASKET 2000 R.E. 71 – 90

(19-27; 35-45; 52-64)

Anzola: Montanari 1, Raimondi 2, De Ruvo 22, Zeneli 17, Papotti, Daly 7, Zanetti 2, Baccilieri 7, Beccafichi, Torkar 3. All. Moffa.

Basket 2000: Aguzzoli 11, Paparella 9, Dias 11, Longoni, Terreni 6, Longagnani 14, Sakalas 16, Ferko, Vezzoli 1, Codeluppi 4, Magni 3, Merlo 15. All. Diacci.

La Bmr non si ferma neppure ad Anzola. In una trasferta insidiosa ben oltre quanto dicesse la classifica, la formazione bianco-rosso-blu gioca una partita sempre in vantaggio, con 5 uomini in doppia cifra. De Ruvo, a quota 17 già nel secondo quarto, le prova tutte per mantenere in scia i bolognesi, che mollano la presa solo nel quarto periodo.

C.M.P. GLOBAL BASKET – E80 GROUP 72 – 56

(17-12; 28-32; 52-41)

CMP Global: Trepiccione 6, Valenti 10, Fin 22, Cresti, Tomesani 5, Sorrentino 13, Ranocchi 8, Lanzi, Trombetti, Lajsz 6, Tinti 2, Minerva. All. Rota.

Castelnovo Monti: Biraghi 4, Sgura, Sieiro 21, Marazzi, Magnani ne, Pocius ne, Ciano, Saccone 4, Bravi 4, Morini 2, Parma Benfenati 22. All. Fels.

NETSERVICE – MOLIX 72 – 67

(11-7; 36-28; 47-44)

S.G. Fortitudo: Battilani 2, Balducci 8, Selvatici 2, Marani ne, Tosini 16, Lalanne 6, Cinti, Pederzoli 2, Ranieri 9, Degli Esposti Castori 6, Zinelli 8, Zedda 13. All. Mondini.

Molinella: Guazzaloca, Brandani 6, Prati, Bianchi 11, Zanetti 8, Sanna 8, Govi 17, Lanzarini 3, Besozzi, Ndaw 14, Cai ne. All. Giuliani.

ALLIANZ BANK – CHEMIFARMA 74 – 56

(23-15; 37-28; 55-42)

BB2016: Ghini, Tinsley 8, Conti 5, Ballini 3, Oyeh, Fontecchio 16, Kuvekalovic 20, Tripodi, Beretta 6, Ben Salem 8, Guerri 8. All. Lunghini.

Forlimpopoli: Benedetti 5, Brighi 7, Lazzari ne, Naldini 2, Agatensi 5, Rossi 9, Chiari 13, Biandolino 8, Donati ne, Gorini, Ruscelli 3, Farabegoli 4. All. Agnoletti.

Tutto facile per il Bologna Basket 2016 al cospetto dei Baskers, troppo imprecisi al tiro (21/75). Match costantemente condotto dai felsinei, con tanta corsa, tanta zona in entrambe le metà campo, ma anche tanta poca qualità al tiro. Kuvekalovic e Fontecchio hanno spesso fatto la voce grossa, mentre gli artusiani sono stati bravi a non arrendersi mai nonostante l’evidentissimo gap fisico (mancava il lungodegente Donati).

Dopo le primissime schermaglie (2-2 al 2′), i padroni di casa, orfani di Graziani, allungavano grazie prima a Fontecchio e poi a due triple di Tinsley (18-6 al 6′). Con la zona, coach Agnoletti rallentava l’attacco dei rossoblu e si arrivava sul 23-21 al 12′. Era quindi Lunghini ad optare per la 2-3 adattata e, pian piano, si ristabilivano le distanze (37-28 al 18′). Ripresa a senso unico, col vantaggio dell’Allianz Bank quasi costantemente in doppia cifra grazie a Kuvekalovic (11 punti nel terzo quarto). I Baskers cercavano di rimanere a galla, ma le percentuali al tiro erano eloquenti. Ballini, dai 6.75, firmava il massimo vantaggio interno sul 74-54, poi spazio per tutti…

DILPLAST – FERRARA BASKET 2018 67 – 92

(21-30; 37-53; 51-74)

Montecchio: Riccò 6, Germani 20, Illari 14, Negri 3, Paulig, Sinisi 4, Paterlini 6, Vecchi 9, Pedrazzi 5. All. Cavalieri.

Ferrara: Giovinazzo 4, Romondia 10, Costanzelli 12, Cattani, Mujakovic, Seravalli 10, Yarbanga 5, Ciaroni 3, Verrigni 24, Augusto 21, Fabbri 3. All. Castaldi.

FOPPIANI – PREVEN 104 – 71

(30-15; 57-34; 81-49)

Fidenza: Biorac 14, Sichel 14, Ramponi, Kumer 2, Scattolin 6, Galli 8, Di Noia 8, Massari 6, Obiekwe 24, Miaschi 3, Beltadze 9, Markovic 10. All. Bertozzi.

Zola Predosa: Chiusolo 7, Cesana 5, Folli 11, Pavani 5, Degregori 2, Marzatico 4, Bavieri 6, Bianchini 15, Penna 3, Albertini 2, Almeoni 11. All. Cavicchi.

GUELFO BASKET – OLIMPIA CASTELLO 2010 52 – 81

(17-19; 24-39; 44-61)

CastelGuelfo: Carella 4, Avoni ne, Torreggiani 1, Murati 8, Sinatra 3, Goi 5, Franchini 1, Frassineti, Savino, Naldi 6, Santini 7, Carpani 17. All. Agresti.

Castel San Pietro: Masrè 9, Costantini 6, Ferdeghini 18, Grotti 4, Gianninoni 20, Salsini ne, Galantini 2, Iattoni 5, Casanova, Greco, Biasco 3, Zhytaryuk 14. All. Berselli.

CLASSIFICA

BASKET 2000 SCANDIANO161082835735+100
BOLOGNA BASKET 2016161082827737+90
FERRARA BASKET 2018161082786725+61
FULGOR FIDENZA141073831763+68
OLIMPIA CASTEL SAN PIETRO141073766704+62
S.G. FORTITUDO BOLOGNA101055690662+28
LG COMPETITION CASTELNOVO101055765761+4
ARENA MONTECCHIO81046770815-45
FRANCESCO FRANCIA ZOLA81046698770-72
CMP GLOBAL BOLOGNA61037655690-35
BASKERS FORLIMPOPOLI61037693730-37
GUELFO CASTEL GUELFO61037739795-56
ANZOLA BASKET61037752846-94
PALL. MOLINELLA41028721790-69

Serie B/F, la Magika cade in casa, in vetta ora ci sono anche le Sisters!

SERIE B/F

10° Giornata

GIRONE A

MORIAN – PALL. SCANDIANO 64 – 79

(22-21; 36-50; 56-59)

Fidenza: Khaief 2, Chierici 4, Fava 4, Ampollini 7, Giacchetti 11, Pedrelli 2, Parizzi, Dia 2, Fornaciari, Ghezzi 19, Zambelli, Podestà 13. All. Antonicelli.

Scandiano: Fedolfi 26, Pignanoli 5, Balboni 1, Marino 6, Meglioli A. 6, Bocchi 5, Teti, Pellacani, Brevini ne, Cantore 11, Meglioli E. 19, Nalin. All. Pozzi.

CHEMCO – MAGIK ROSA 68 – 38

(19-6; 45-18; 53-29)

Puianello: Oppo 3, Moretti 4, Manzini 16, Luppi 2, Martini 7, Dettori 12, Dzinic 9, Cherubini, Raiola 10, Valdo, Torelli 3, Boiardi 2. All. Giroldi.

Magik Parma: Maselli, Lucca, Anfossi, Luriano 9, Petrilli 8, Farina 5, Montanari 2, Di Giorgio 2, Triani 2, Minari 4, Petrocchi Barini, Carbonell 6. All. Olivieri.

Prova di forza della Chemco che, reduce dallo scivolone patito a Cavezzo, si riscatta alla grande e dimostra che il ko in terra modenese è stato il classico incidente di percorso.

Pronti via, e Puianello mette subito in chiaro le cose: una difesa ermetica delle gialloblu regala solamente le briciole alle ospiti, che si presentano in terra reggiana con diversi acciacchi e arrivano a metà quarto con un paio di punti segnati dalla lunetta, mentre dall’altra parte le bocche da fuoco castellesi fanno la voce grossa, trovando diverse soluzioni nell’arsenale a disposizione di coach Giroldi. Nel secondo parziale, il Magik non ci sta e prova a rimontare fino al 23-16 di metà quarto, ma una bomba, sulla sirena dei 24″, da quasi metà campo di Dettori, suona la carica per la Chemco che scava il solco decisivo grazie alle finalizzazioni di Martini e Manzini. Nella ripresa la band gialloblu si siede un attimo, ma nell’ultimo parziale è la lunga Marina Dzinic a caricarsi sulle spalle le compagne e allargare il divario fino al +30 finale.

FBK TECNOELETTR. – ROBY PROFUMI 64 – 55

(24-10; 37-26; 48-45)

Fiorenzuola: Patelli 11, Longeri 2, Cremona 2, Bertoni 4, Sambou 6, Meschi 17, Zane 4, Nonni 5, Yamble 13, Rastelli. All. Russo.

Valtarese: D’Ambros 6, Palacios 19, Hvichiani 11, Bozzi 13, Piscina 1, Giacopazzi 2, Mezini 3, Presta, Catellani, Vignali. All. Allodi.

Ci ha provato sino alla fine la Roby Profumi di coach Allodi nella gara che la vedeva opposta a Fiore Basket, seconda della classe; al termine dei quaranta minuti sul parquet piacentino, le locali si sono imposte per 64 a 55, dopo una gara comunque equilibrata e ben giocata dalla Valtarese.

Le ragazze del presidente Delnevo hanno dimostrato di essere in crescita, soprattutto dal punto di vista della mentalità. Sotto per 24 a 10 nel primo quarto, non hanno mollato e grazie ad buona difesa sono tornate in partita già nella seconda frazione, dove hanno recuperato alcuni punti arrivando all’intervallo lungo sotto di 11 (37-26). Arriva nel terzo periodo la vera svolta della gara, con la Roby Profumi che stringe ancora di più le maglie difensive, mentre trova con facilità il canestro, soprattutto dalla lunga distanza. Al termine della frazione le due formazioni sono separate solo di tre lunghezze (48-45). Svantaggio che si riduce ad un solo punto nel corso dell’ultimo periodo grazie ai canestri di Palacios, Hvichiani e Bozzi. Solamente la stanchezza e alcune mancate decisioni arbitrali hanno poi determinato la sconfitta per le ragazze della Roby Profumi che, però, possono essere contente della prestazione vista a Fiorenzuola e che può essere una buona base di partenza per preparare le ultime gare della prima fase del campionato.

WAMGROUP – PARMA BASKET PROJECT 81 – 40

(31-10; 48-25; 63-34)

Cavezzo: Siligardi 5, Denti 12, Zanoli, Cariani 9, Kolar 4, Marchetti, Maini 14, Andreotti 5, Bellodi 7, Costi, Calzolari 18, Pronkina 7. All. Piatti.

PBP: Borelli, Turicci 2, Barsotti 12, Capelli 6, Nibbi 6, Piazza, Susca 8, Stefanini 2, Tagliavini 2, Donati, Soncini, Musiari 2. All. Scanzani.

CLASSIFICA

Puianello 18; Cavezzo, Valdarda Fiorenzuola, Scandiano 14; Magik Rosa Parma 12; Fulgor Fidenza 4; Parma Basket Project, Valtarese Borgo Val di Taro 2.

GIRONE B

REN AUTO – SISTERS 52 – 55

(15-15; 30-28; 39-40)

Rimini: Novelli 8, Mecozzi, Duca E., Pignieri 8, Duca N. 14, Renzi 2, Garaffoni, Borsetti, Capucci 16, Lazzarini, Gambetti, Mongiusti 4. All. Maghelli.

Castelfranco: Scandellari, Bortolani, Palmieri G. 14, Tartarini 3, Bernardini, Venturini, Cattabiani 10, Grandini, Melloni 14, Zarfoui 12, Ronchetti, Parrinello 2. All. Palmieri L.

Colpaccio delle modenesi a Rimini che, approfittando dello scivolone interno della Magika, raggiungono proprio le castellane in vetta alla classifica.

Coach Maghelli parte con il quintetto “classico” Novelli, Garaffoni, Capucci, Eleonora e Noemi Duca. Parte bene la Ren-Auto che, con Novelli, trova il 2-0 e successivamente con Noemi Duca il canestro del 4-1. Samoggia reagisce prontamente e con un parziale di 10-0 ribalta il risultato: 4-11. Partita giocata a ritmi alti con le squadre che faticano al tiro da fuori e in attacco trovano per lo più giocate profonde o in transizione. L’ingresso di Pignieri e Mongiusti, insieme alla gran vena in post-basso di Noemi Duca, confezionano il contro parziale rosanero: 9-0 e nuovo vantaggio sul 15-13. All’ultimo possesso le ospiti impattano e il quarto si chiude in parità, 15-15. Al rientro in campo, la Ren-Auto è decisamente più in palla e con un veemente parziale di 15-5 tocca, sul 30-20, il massimo vantaggio a 3′ dall’intervallo lungo. Gli ultimi minuti del primo tempo sono, però, totalmente di marca ospite: ennesimo parziale, questa volta 8-0, per il 30-28 con cui si va al riposo. Al rientro in campo, l’Happy Basket riparte meglio e con Capucci e Novelli, torna avanti di 4, 34-30. Le squadre però cominciano a sbagliare tantissimo, anche perché il quarto è frammentato da due episodi che fermano a lungo il gioco. Il primo: a metà frazione Novelli cade dopo uno scontro fortuito con una compagna; infortunio alla caviglia che sembra subito serio e che la costringe non solo ad uscire, ma ad abbandonare l’impianto per i controlli del caso (in bocca al lupo!). Passano pochi minuti ed un problema al tabellone causa un’ulteriore sospensione prolungata del gioco. Ne esce, come detto, un quarto brutto e confuso. La SBS rimette la testa avanti e chiude la frazione sul +1, 39-40. L’ultimo periodo è nuovamente molto equilibrato ed emozionante: quando, a poco più di tre minuti dal termine, sul punteggio di 47-48, Palmieri trova da sette metri la tripla del +4 per le ospiti e, successivamente, Zarfaoui il canestro del 47-53 sembra finita. Invece, sul ribaltamento di fronte, Capucci segna con grande freddezza e carattere la tripla del -3 e nell’azione successiva, Pignieri trova il canestro del -1, 52-53. Ad un minuto dal termine, dopo due triple consecutive sbagliate da Samoggia, la Ren-Auto ha l’occasione per passare avanti, ma prima un errore da sotto, poi, dopo un recupero a rimbalzo, una palla persa, offrono alle ospiti i liberi che Palmieri trasforma per chiudere la partita.

BASKET FINALE – ELETTROMARKETING 57 – 64

(15-14; 29-37; 39-49)

Finale Emilia: Colantoni 2, Bagnoli 11, Saccchetti, Todisco 4, Bozzali 4, Bergamini 19, Calanca, Smaijc 5, Branca, Onya, Pincella 12. All. Trevisan.

San Lazzaro: Grassi 6, Campalastri 1, Villa 8, Averto 10, Vettore 8, Talarico 14, Trombetti 7, Colli 5, Mosconi 1, Righi 4. All. Dalè.

MAGIKA PALL. – LIBERTAS BASKET ROSA 54 – 69

(10-9; 22-31; 31-50)      

Castel San Pietro: Roccato 2, Venturoli 3, Rosier 15, Zuffa 2, Rizzati 4, Panighi, Albieri, Cerè 9, Melandri 14, D’Agnano 3, Daidone 2. All. Naldi.

Forli: Balestra, Valensin 25, Vespignani 11, Montanari 6, Giorgetti, Silighini 12, Ragghianti 3, Ronchi, Pieraccini 8, Bernabe 4, Shlyakhtur. All. Brighina.          

CLASSIFICA

Magika Castel San Pietro, SBS Sisters Castelfranco 14; Happy Basket Rimini 12; Libertas Rosa Forlì 10; BSL San Lazzaro 6; Finale Emilia, Nuova Virtus Cesena 2.

C Silver, la 4 Torri finalmente può sorridere, Cvd corsaro a Parma!

SERIE C SILVER

11° Giornata

MAGIK BASKET – CVD BASKET 72 – 73

(18-15; 30-26; 39-42)

Parma: Pedron 4, Indicio ne, Parente 3, Malinverni 6, Colonnelli 23, Brogio 22, Gorreri ne, Arbidans ne, Diemmi, Tognato 14, Giorgino. All. Donadei.

Casalecchio: Magnolfi 2, Tabellini 11, Sciarabba 3, Fuzzi 5, Cappelletti, Taddei ne, Venturi 5, Bertuzzi 9, Lelli 22, Biguzzi 16. All. Baiocchi.

VIRTUS MEDICINA – EMIL GAS 66 – 75

(14-20; 33-49; 51-63)

Medicina: Vandi 6, Curione 10, Poluzzi 19, Sabattani, Cattani 3, Lorenzini 9, Bergami 5, Musolesi 5, Martini 9, Galvani, Martelli. All. Dal Pozzo.

Scandiano: Mazzoli, Fikri 8, Astolfi 25, Fontanili 2, Coslovi 4, Levinskis 10, Franzoni 11, Taddei 7, Canovi, Caiti 8. All. Spaggiari.

Scandiano troppo forte, Medicina cede il passo

Primo quarto e al ritmo dei reggiani si fatica, Astolfi segna da ogni dove e in ogni modo, Virtus insegue sul 14 a 20. Secondo periodo e assoluto blackout locale; Scandiano, cinica, ne approfitta e scappa via sul 33 a 49. Terza frazione e Medicina alla carica: orgoglio giallonero e grinta in difesa, si vede la targa degli ospiti sul 51 a 63. Ultimo quarto e ancora Virtus, sul -7 per tre volte, sbaglia il canestro che riaprirebbe la contesa. Scandiano respira e conquista la vittoria. Complimenti ai reggiani che hanno giocato una partita di alto livello dimostrandosi formazione di altissima classifica.

DULCA – REBASKET 74 – 57

(16-11; 33-30; 56-40)

Santarcangelo: Benzi ne, Mulazzani 5, Bonfè 9, Pesaresi 2, Buzzone 20, Rossi 3, Mari 3, Macaru 19, Lombardi ne, James 11, Quaglia 2, Panzeri ne. All. Bernardi.

Rebasket: Piccinini 2, Bertozzi ne, Vezzali 4, Coradeschi 2, Oziegbe 6, Rovatti 14, Petrolini 12, Catellani, Amadio 4, Bertolini 9, Maramotti 4. All. Casoli.

Arriva un’altra vittoria tra le mura amiche per gli Angels.
Gli ospiti partono subito a zona e le basse percentuali al tiro non permettono alla squadra di casa di dare subito il break che spacca la partita. Il punteggio del primo quarto è basso: 16-11 per i padroni di casa. Le squadre nei secondi dieci minuti rispondono colpo su colpo ed il primo tempo si conclude 33 a 30. Dal rientro dell’intervallo lungo è un’altra Dulca a scendere in campo. Le triple di Macaru, Bonfè e Buzzone e dei ottimi contropiedi permettono agli Angels di creare un divario punti tra le due squadre che verrà, poi, amministrato durante tutto il secondo tempo. Alla fine il foglio rosa lo porta a casa Santarcangelo, davanti alle tantissime persone accorse al PalaSGR.

ACQUA CERELIA – AVIATORS 61 – 74

(24-12; 38-26; 44-48)

San Lazzaro: Negroni 2, Micheli 12, Baldi 2, Gamberini 16, Domenichelli, Nanni 19, Comastri 2, Pontieri 4, Rossi, Tapia 4. All. Nieddu.

Lugo: Alessandrini, Ravaioli 17, Mazzagatti 12, Ragazzini, Merendi ne, Nucci 19, Meneghin 8, Arosti 9, Baroncini L. 7, Canzonieri 2, Bianchi ne. All. Baroncini.

Un primo tempo di grande qualità e intensità non è bastato alla BSL per prendere in mano l’inerzia del match e avere la meglio sul Basket Lugo: con una poderosa reazione partita dal -12 del 20’ e ispirata dalla difesa a zona che ha imbrigliato l’attacco biancoverde, infatti, la formazione romagnola è riuscita a ribaltare le sorti del match, piazzando un parziale di 22-6 nel terzo quarto e nella frazione conclusiva (46 punti nei secondi 20’ di gara) ha poi messo in ghiaccio il successo esterno chiudendo con un 74-61 finale. A guidare la risalita degli Aviators ci hanno pensato Nucci con 19 punti e capitan Ravaioli con 17, mentre sul fronte sanlazzarese non sono bastate a trascinare al successo le prove di spessore di Nanni (19 punti), Micheli (12) e Gamberini (16).

Sin dalle prime battute la BSL ha provato a schiacciare sull’acceleratore, soffocando le fonti di gioco di Lugo con una difesa attenta, controllando i ritmi offensivi e martellando il canestro avversario con i canestri in rapida successione di Micheli e Gamberini. A fare il resto e a mettere il punto esclamativo sul +14 biancoverde (24-10) ci ha invece pensato Pontieri, a cui ha risposto dall’altra parte Nucci per il 24-12 di fine primo quarto. A inizio secondo periodo San Lazzaro ha saputo innalzare l’asticella del vantaggio fino al 28-12 suggellato da Negroni, ma, poi, ha incassato un 8-0 che ha rimesso in carreggiata Lugo (28-20). A togliere le castagne dal fuoco dell’Acqua Cerelia ci ha quindi dovuto pensare Nanni, che ha fatto riprendere quota ai suoi, capaci di chiudere la metà di gara iniziale con le stesse dodici lunghezze di vantaggio di fine primo quarto (38-26). Qualcosa è però cambiato dopo l’intervallo lungo: Lugo si è infatti giocata la carta vincente della difesa a zona 2-3, che ha mandato in tilt i meccanismi d’attacco della BSL e ha ispirato il parziale di 22-6 che ha totalmente invertito l’inerzia del match. Chiusa a +4 la terza frazione (44-48), la formazione ospite non si è infatti più voltata indietro e ha allungato chiudendo i conti con la tripla di Ravaioli dall’angolo, a pochi secondi dalla fine.

GRIFO BASKET IMOLA 1996 – PALL. CORREGGIO 58 – 78

(16-25; 32-44; 45-69)

Imola: Baldasserra, Fussi 6, Giovannelli 9, Bottau, Creta 2, Bedeschi, Piazza 6, Pirazzini, Calzini 13, Conti, Marabini 13, Syla 9. All. Cappelletti.

Correggio: Messori 5, De Toni, Moscardini, Morgotti 14, Sutera, Pini 19, Guardasoni L. 5, Zamparelli 2, Riccò 6, Guardasoni M. 15, Vivarelli 10, Lavacchielli 2. All. Stachezzini.

L’invitta Correggio si pensava fosse un osso duro per i denti della Grifo e tale si è dimostrata. Coach Cappelletti schiera Marabini, Creta, Giovannelli, Calzini e Syla, mentre coach Stachezzini risponde con Zamparelli, Vivarelli, Lavacchielli, Pini e Morgotti. La Grifo parte a zona 2-3, per cercare di disorientare gli avversari e, in effetti, per sei minuti ci riesce, tanto che arriva a un illusorio 11-7. Correggio, però, si riprende subito e comincia a macinare gioco e canestri, mostrando una superiorità netta sotto i due tabelloni, dove il solo Syla prova a reggere il confronto, ma è presto limitato dai falli. Così dall’11-7 si passa in un amen a 13-21. Ad inizio secondo quarto la zona MBE diventa 3-2, con Giovannelli in punta a disturbare il play avversario. L’ingresso di Fussi dà energia alla MBE e da suoi due recuperi partono due contropiedi, che permettono alla Grifo di rientrare ad un solo possesso di svantaggio (20-23). Ma è un fuoco di paglia, al 14′ Correggio è 22-35 e da lì in poi e un monologo ospite, col vantaggio che man mano si dilata. Il 38-64 è il massimo vantaggio ospite nel terzo periodo. Correggio decide che ne ha abbastanza e così la Grifo riesce a riportare il divario a numeri meno umilianti. Nel garbage time finale, spazio per tutte e due le panchine.

PALL. NOVELLARA – OMEGA BASKET 82 – 65

(20-19; 43-30; 65-50)

Novellara: Ferrari N. 13, Frediani 6, Morini 6, Folloni 16, Rinaldi ne, Ferrari T. 4, Brevini 2, Spaggiari ne, Grisendi ne, Riccò 7, Malagoli 9, Doddi 19. All. Boni.

Omega: Balducci, Ceccolini 14, Grazzi ne, Guazzaloca 17, Madella 2, Mengoli 6, Nanni 6, Perini, Rizzati ne, Saccà 14, Webber 6. All. Nannetti.

VENI BASKET – SCUOLA BASKET FERRARA 07-12-2022 – 21:00         

PAL.TO DELLO SPORT – Via Massumatico SAN PIETRO IN CASALE BO

DESPAR – GAETANO SCIREA BASKET 78 – 70 dts

(15-18; 33-34; 49-48; 64-64)

4 Torri Ferrara: Marchetti ne, Scuderi 6, Marongiu, Ghirelli L. 8, Cavazzoni 4, Ghirelli M. 19, Pevere 5, Monaldi 3, D’Onofrio 9, Zaharia 6, Leopizzi 4, Gavagna 14. All. Villani.

Bertinoro: Benzoni 17, Maltoni 4, Sovera 3, Monticelli 3, Ndour 18, Bassi 22, Coralli, Giorgini 2, Baietta ne, Zoboli, Palazzi, Torelli 1. All. Rustignoli.

Risolleva la testa dal periodo di crisi la Despar che, tra le mura amiche, ha finalmente centrato il primo successo in campionato, pur con tanta sofferenza per i tanti sostenitori giunti al Pala 4T che, dopo un tempo supplementare, hanno potuto festeggiare una vittoria tanto meritata quanto difficile da conquistare. Bertinoro, infatti, squadra giovane e affiatata, non si è mai arresa, neanche quando i giochi, nell’ultimo periodo, sembravano chiusi.

A fare la differenza in avvio di partita è Ndour (18 punti): il lungo ospite, forte del suo atletismo e della sua tecnica, è un problema costante sotto i ferri per la Despar. Zaharia lo contrasta, segna l’appoggio del primo vantaggio granata, ma poi è costretto a uscire in via precauzionale per i due falli già commessi. Bertinoro va sull’8-12, ma non trova la retina dalla lunga distanza e ciò permette alla 4 Torri di rimanere a contatto con i canestri di Luca Ghirelli, Pevere e Gavagna, sanzionato, però, con un fallo antisportivo. I ferraresi non pagano dazio e chiudono la prima frazione sul 15-18. Bassi è l’unico degli ospiti a far male da tre punti alla Despar nell’arco di tutta la sfida (6 triple e 22 punti): la bomba in apertura di secondo parziale segna il +6, ma la risposta di Gavagna è immediata. Segue una serie di errori da parte di entrambe le compagini, fino alla tripla di Alessandro Monaldi, che si sblocca anche in difesa con la stoppata su Sovera. La sfida è sul filo dell’equilibrio: Pevere segna su bell’assist di Cavazzoni, ma Bassi continua a bombardare dalla distanza. Questa volta Zaharia sembra aver preso le misure a Ndour, ma commette subito il terzo fallo. La Despar non demorde e torna in vantaggio con la tripla in transizione di capitan Ghirelli (19 punti): al riposo lungo è comunque 33-34, con i liberi del solito Ndour. Il rientro dagli spogliatoi della 4 Torri è travolgente: tripla di Ghirelli e 6 punti in fila (dei suoi 14 totali) di Gavagna e i padroni di casa sono sul 42-36. La difesa funziona e con Zaharia costretto in panchina, tocca a Scuderi l’arduo compito di tagliare fuori dall’attacco ospite Ndour: il numero 5 granata fa un grandissimo lavoro, l’avversario segnerà solo un canestro dal campo tra secondo tempo e supplementare. Due brutte palle perse dagli estensi permettono, tuttavia, al Gaetano Scirea di riavvicinarsi sul -2, ma Leopizzi porta in campo energia e serve a Luca Ghirelli l’assist per il contropiede del +4. Le difese mettono adesso in difficoltà gli attacchi che non concretizzano più, se non, a fatica, dalla linea del tiro libero. Chiude il quarto una nuova tripla di Bassi: è 49-48 per la Despar, che rientra in campo e piazza subito il parziale del +6, galvanizzata dalle giocate di Leopizzi, Monaldi e D’Onofrio. In difesa si corre e in attacco le cose sono più facili: Matteo Ghirelli in contropiede appoggia il 61-52, massimo vantaggio della partita. Non è finita, perché sale in cattedra Benzoni (17): tiene lì i suoi con 10 punti (dei 17 personali) nel periodo e ancora Bassi firma il 63 pari. Il libero di Luca Ghirelli regala il +1 alla Despar, mentre Monticelli esce dal campo per infortunio; pareggia i conti sul 64 pari Sovera: a capitan Ghirelli l’ultimo tiro che, però ,non entra ed è supplementare al Pala 4T. L’inchiodata micidiale in tap-in di Ndour fa temere il peggio alla 4 Torri, dopo la rimonta subita: ma c’è ancora benzina nel serbatoio, D’Onofrio e Scuderi si caricano la squadra sulle spalle, Ghirelli piazza la bomba da lontanissimo e il tecnico sanzionato al capitano di Bertinoro, Torelli, chiude i giochi. Il punto esclamativo è di Scuderi, a coronare la sua bella partita, con la tripla sulla sirena del 78-70.

CLASSIFICA

CORREGGIO2211110831644+187
MAGIK PARMA181192894738+156
PALLACANESTRO SCANDIANO161183864736+128
VIRTUS MEDICINA161183755701+54
BASKET LUGO141174878798+80
CVD CASALECCHIO141174701670+31
ANGELS SANTARCANGELO121165861850+11
VENI SAN PIETRO IN CASALE121064632655-23
SCUOLA BASKET FERRARA101055709699+10
NOVELLARA101156840842-2
REBASKET REGGIO E.81147760850-90
OMEGA BOLOGNA81147745878-133
BSL SAN LAZZARO41129747817-70
GRIFO IMOLA41129703810-107
GAETANO SCIREA BERTINORO41129677786-109
4 TORRI FERRARA211110747870-123

Serie D, punti d’oro per Stars ed International!

SERIE D

10° Giornata

GIRONE A

BASKET PODENZANO – MODENA BASKET 70 – 76

(17-25; 35-46; 53-54)

Podenzano: Pirolo P. 5, Fermi 8, Fellegara 9, Rigoni M. 11, Petrov 12, Rigoni F. 2, Galli 3, Pirolo M. 3, Alessandrini 2, Coppeta 15. All. Locardi.

Modena: Mantovani 15, Casu 14, Mengozzi 14, Twum 9, Nasuti 5, Berni 8, Lopez, Gentile, Ayiku 3, Danesi 2, Cavallari, Macchelli 6. All. Coppeta.

PARMA BASKET PROJECT – SCUOLE BASKET CAVRIAGO 75 – 62

(15-17; 37-36; 61-47)

PBP: Calzi 2, Antozzi 5, Secli 5, Giani 12, Guidi 25, Guerra 3, Bellini 11, Ligabue 3, Canu 2, Murer 6, Cervi 1. All. De Martino.

Scuole Basket Cavriago: Benevelli 3, Minardi S. 15, Fassinou, Giaroli 4, Branchini 22, Nasi 8, Berlinguer 2, Rubertelli, Minardi F. 8, Lari. All. Bellezza.

SCUOLA BASKET CAVRIAGO – NUBILARIA BASKET 68 – 62

(21-19; 33-35; 54-46)

SBC: Bonaccini 8, Montecchi 2, Dalla Mora 22, Generali 5, Borghi 6, Alfano 4, La Rocca 9, Gabbi 4, Castagnetti 2, Marani 6. All. Croci.

Novellara: Luppi 4, Accorsi 5, Bertani Fe. 5, Mariani Cerati 15, Bertani Fi., Baracchi ne, Barazzoni 17, Pietri 3, Subazzoli ne, Pizzetti 5, Gandellini 7, Bartoli 1. All. Freddi.

OTTICA AMIDEI – BERRUTIPLASTICS 74 – 62

(19-17; 39-33; 53-46)

Castelfranco Emilia: Cuzzani L. 4, Granata 12, Govoni 14, Pizzirani 4, Prampolini 9, Vannini 4, Del Papa 7, Torricelli 7, Cuzzani M. 4, Di Martino ne, Lanzarini, Zanotti 9. All. Bartolini.

La Torre Reggio: Canuti 13, Folloni 3, Davoli A. 6, Frilli 11, Mazzi G. 6, Magliani 4, Martelli ne, Davoli L. 2, Pezzarossa 2, Mazzi F. 9, Campani 3, Guidetti 3. All. Corradini.

La Ottica Amidei si riscatta dopo la sconfitta di settimana scorsa nel derby contro Mo.Ba; i biancoverdi di coach Ugo Bartolini battono La Torre e tornano secondi in classifica.

Il 9-0 iniziale castelfranchese (Pizzirani-Cuzzani L.-Zanotti-Prampolini) è prontamente replicato dai reggiani (0-7, Guidetti-Frilli-Magliani). Dopo qualche attacco a vuoto su entrambe le metà campo, Govoni si carica sulle spalle i suoi segnando 4 punti in fila, che diventano 7 con la tripla, che segue quella di Granata. La Torre, però, è sempre imprevedibile ed insacca 4 tiri pesanti a cavallo di fine primo quarto ed inizio secondo (Campani-Mazzi G.-Mazzi F.-Mazzi G.), non facendo mai scappare la Ottica Amidei e punendo i momenti di relax difensivo locali. La difesa rocciosa del duo Del Papa-Vannini, assieme all’esuberanza offensiva di Torricelli. portano alla causa 7 punti consecutivi di quest’ultimo; la bomba di Zanotti, più 5 punti di Prampolini, tamponano l’entusiasmo ospite (ok Frilli e Folloni) e chiudono il primo tempo con il tabellone che recita 39-33 Ottica Amidei. Il tira e molla continua anche in terza frazione (e per tutto il secondo tempo in generale), con i biancoverdi che cominciano bene, ma Canuti, silente fin lì da oltre l’arco, indovina due bombe consecutive e dopo l’altrettanta messa a segno da Frilli, scrive i propri punti 7 e 8 del terzo quarto. Castelfranco è brava a non scomporsi e torna a far quadrare il proprio attacco, complice il rientro in campo di Granata e l’energia di capitan Del Papa. Torna sul parquet anche il totem Vannini, rispondendo presente con 4 preziosissime realizzazioni; La Torre non si dà per vinta e continua ad attaccare con Frilli e Filippo Mazzi, ma, negli ultimi due giri di lancette, capitan Del Papa è scaltro, prima a sfruttare il tocco di Vannini a rimbalzo offensivo e depositare, poi, pesca e trova il canestro che chiude definitivamente i giochi (subendo anche il fallo) sul 67-59. I liberi, nel finale, di Granata e Del Papa, arrotondano il +12 della sirena finale, che torna a dare il secondo posto in classifica ai biancoverdi e ribalta inoltre la differenza canestri dell’andata.

CLASSIFICA

Modena 20; Podenzano, Castelfranco Emilia 12; Parma Basket Project 10; La Torre RE, Nubilaria Novellara 8; Scuole Basket Cavriago 6; Scuola Basket Cavriago 4.

GIRONE B

AUDACE BOMBERS – BENEDETTO 1964 70 – 64

(20-12; 36-26; 55-45)

Audace: Rosa 1, Branchini 4, Bernardi 4, Gandolfi 8, Bartolini 8, Valenti 12, Degli Esposti 9, Cornale, Buriani 22, Albertazzi, Parchi 2. All. Rizzi.

Cento: Barbieri 12, Draghi 2, Bardelli 4, Vischi ne, Sgargi 8, Roncarati, Trazzi 15, Salatini 4, Govoni 5, Basso 14, Maccagnani, Baraldi. All. Cilfone.

VIS BASKET PERSICETO – ANTAL PALLAVICINI 80 – 64

(29-10; 44-35; 63-51)

San Giovanni in Persiceto: Marzo, Benuzzi 5, Palmieri, Francia 24, Lorusso 15, Ramini 13, Ferrari ne, Diop, Mazza 7, Rayner 6, Rando 2, Pedretti 8, All. Sacchetti.

Pallavicini: Morra 7, Santoro 11, Caporale, Nanni G. 4, Mondini 11, Zambonelli 5, Sartini, Nanni M., Zuppiroli 4, Morara 8, Maestripieri 7, Fain 7. All. Simeone.

BASKET VOLTONE – PALL CASTEL S.P.T. 2010 89 – 97 dts

(28-19; 41-43; 60-59; 80-80)

Monte San Pietro: Giacometti A. 2, Brunetti 9, Ferraro 10, Messina 3, Giacometti J. 14, Migliori 2, Zappoli 2, Nanni 22, Magi 11, Venturelli 2, Gherardi Zanantoni 12. All. Vezzali.

Castel San Pietro: Fusella 10, Zuffa 3, Piani Gentile 9, Pedrini 15, Pasini, Cavina 11, Zaniboni, Mondanelli 3, Capobianco 17, Tabellini 11, Ballardini 18. All. Morigi.

CREI – BK GIARDINI MARGHERITA 64 – 57

(15-10; 31-19; 44-44)

Granarolo: Salicini 4, Maccagnani ne, Piombo, Drago 2, Paoloni 6, Tugnoli 14, Salvardi, Poggi 8, Bertacchini 14, Masetti, Tolomelli 2, Brotza 14. All. Millina.

Gardens: Argenti, Artese 2, Bernabini 7, Colombaro 7, De Simone 7, Fabbri 8, Fanelli 10, Finessi, Grassi 13, Lolli 1, Mingardi, Minghetti 2. All.

CLASSIFICA

Vis San Giovanni in Persiceto 18; Audace BO 16; Granarolo Basket 14; Giardini Margherita BO 12; Voltone Monte San Pietro 8; Castel San Pietro 6; Benedetto Cento, Pallavicini BO 2.

GIRONE C

LAVOROPIÙ POL.G.MASI – ATLETICO BASKET 101 – 73

Casalecchio: Freddi 6, Paggiarino 9, Nicoli 15, Versura 21, Cassanelli 16, Lagna 2, Anesa 3, Tabellini 10, Masina 7, Barilli, Ballanti 10, Neri 2. All. Forni.

Atletico: Zecchini 14, Bortolani 17, Bergonzoni 18, Lullo, Gamberini 5, Albanelli 9, Vignoli, Priori, Baroncini 8, Biolchini, Guidi, Simoni 2. All. Pietrantonio.

CENTRO MINIBASKET OZZANO – CESTISTICA ARGENTA 59 – 52

U.P. DIL. CALDERARA PALL. – SCUOLA PALL. VIGNOLA 65 – 57

(15-17; 35-36; 53-47)

Calderara: Tazzara 12, Donati, Mazzoli 23, Serra 6, Lucarini 9, Vettore, Projetto 2, Zago, Serio 8, Guerra 5, Favali. All. Lelli.

Vignola: Colombini, Torricelli 11, Penna, Dawson 2, Miani 6, Espa 8, Cappelli 10, Mele ne, Gelsomini ne, Cavazzoli 3, Betti 17. All. Landini.

STARS BASKET – PALLACANESTRO BUDRIO 73 – 68

(16-24; 38-33; 51-51)

Stars: Sandrolini 8, Recchia 4, Barbieri 3, Di Marzio 5, Careddu 10, Cantelli 3, Brizzi 9, Marino 2, Zucchini 4, Benfenati 18, Penta, Ruffini 7. All. Piccolo.

Budrio: Benetti, Betti 10, Pirazzoli 4, Tugnoli 6, Fornasari 26, Zuccheri 1, Quaiotto 12, Cesario 8, Turrini 1, Trombetti, Longhi, Quarantotto. All. Ramini.

CLASSIFICA

C.M.O. Ozzano 16; Budrio 12; S.P. Vignola, Stars BO 10; Atletico BO, Argenta, Masi Casalecchio, Calderara 8.

GIRONE D

CURTI – BASKET CLUB RUSSI 80 – 76

(19-18; 37-33; 56-51)

Imola: Bisi 15, Bergantini 12, Dall’Osso 12, Poloni 2, Troisi 2, Franzoni 6, Poli 11, Ravaglia 4, Totaro 16, Di Antonio ne., Toniato ne, Neri. All. Baroncini.

Russi: Kertusha 21, Laghi 4, Cervellera 1, Galletti 9, Catenelli 5, Basaglia, Bamba, Pirini, Senni 5, Porcellini 10, Licchetta 11, Vistoli 10. All. Tesei.

Una Curti pimpante ritrova gioco e vittoria, superando per 80-76 il Basket Club Russi. La buona prova del collettivo permette alla squadra di coach Baroncini di tenere a distanza una Russi mai doma, che ha avuto in Kertusha (21 punti) il giocatore più “on fire” fino alla sirena finale.

L’International tiene in mano il pallino del gioco per 40′, distribuendo tiri e responsabilità equamente, arrivando più volte in doppia cifra di vantaggio, mentre Porcellini e compagni sono bravi a restare a contatto e a rifarsi sotto, trovando anche la parità. Nell’ultimo quarto i biancorossi mettono a segno 4 triple, di cui 2 consecutive e fondamentali con Poli, che sigillano il match, nonostante un indiavolato Kertusha, che fissa il punteggio sull’80-76, con due bombe nell’ultimo minuto.

CESENA BASKET 2005 – SELENE BK 81 – 49

(17-9; 43-22; 66-41)

Cesena: Rossi 15, Piazza C. 16, Dalmonte, Domeniconi 6, Panzavolta 2, Ricci 14, Pezzi 2, Sanzani 8, Sangiorgi 2, Capucci 3, Balestri 13. All. Solfrizzi.

Sant’Agata sul Santerno: Dovganyuk 2, Montaguti 7, Valgimigli 3, Mondini 4, Cristofani 15, Piazza G.M. 5, Gaspari 2, Dal Pozzo M. 2, Morigi 3, Gentili, Vecchi 2. All. Dal Pozzo D.

La storia si ripete e sembra diventare certezza: Cesena è decisamente indigesta a Sant’Agata, qualunque sia l’oggettiva potenzialità dei protagonisti o la contingente posizione in classifica, che si giochi al Palaippo o nel ravennate, dove, purtroppo, la sede di casa non è sempre praticabile. Anche questa volta finisce con un cappotto ingeneroso verso gli uomini di Dal Pozzo che, pur privi di Scaccabarozzi e Bessan, vengono tramortiti dalla fuga iniziale dei padroni di casa e arrivano al traguardo fuori tempo massimo, incapaci di arginare l’insospettabile produzione offensiva di Cesena e di superarne l’arcigna difesa capace di tenerla sotto i 50 punti. Coach Solfrizzi parte con l’idea di alzare la fisicità del suo quintetto, inserendo Sanzani come ala forte al fianco di Balestri, mossa che soffoca il temutissimo Montaguti, mentre l’attacco cesenate sembra un orologio svizzero: Rossi è caldissimo e guida la fuga dei suoi che, con la tripla del 17 a 9 di Ricci, diventa già piuttosto pericolosa. Il temuto e purtroppo consueto calo mentale del secondo quarto è solo un ricordo per Cesena, che continua a spingere sui pedali facendo un vuoto alle sue spalle che cresce progressivamente e che Sant’Agata non sarà più in grado nemmeno di limitare. Arrivano canestri pesanti da protagonisti anche inattesi, mentre dentro l’area Balestri e Sanzani fanno la voce grossa lasciando solo qualche briciola innocua agli spaesati avversari. Il quarto va in archivio con la tripla di Capucci che certifica il distacco oltre la barriera dei 20 punti, ma c’è ancora da giocare mezza partita. La reazione degli ospiti si esaurisce dopo i primi minuti del terzo quarto, con coach Dal Pozzo che tenta la carta della difesa a zona e ottiene un parziale di 5 a 0, subito cancellato da un’onda d’urto travolgente propiziata da tre triple consecutive (due di Piazza una di Balestri) che non lasciano più speranze di rimonta. Il gap rimane molto ampio e continua a crescere: Cesena sfoggia un superlativo Ricci e un collettivo mai così affiatato, in uno stato di grazia impensabile solo una settimana prima nell’inopinata debacle di Russi. L’ultimo quarto è una pura formalità per Cesena e una lunga agonia per Sant’Agata, ormai alle corde e tramortita, mentre il Palaippo saluta con entusiasmo l’ultima gara ufficiale del 2022, forse mai così esaltante e prodiga per i suoi colori.

AGENZIA GENERALI – ARTUSIANA 74 – 76

(19-19; 37-37; 61-55)

Riccione: Gardini 5, Amati 4, Cortini 2, Raffaelli 16, Procaccio 14, Bomba 9, Chistè 6, Calegari 18, Mainetti ne, Abdoul ne. All. Ferro.

Forlimpopoli: Zammarchi 2, Squarcia 7, Gasperini 15, Maltoni 3, Lanzoni 11, Colombo 16, Pambianco 1, Fabiani 11, Pinza 10. All. Grilli.

POL. STELLA – FAST COFFEE 61 – 75

(15-19; 32-38; 48-50)

Rimini: Serpieri 5, Russu 7, Fornaciari 21, Pulvirenti 8, Nuvoli 2, Mancini 5, Naccari 2, Giovanardi 8, Gori 3. All. Casoli.

Villa Verucchio: Guiducci Fi. 7, Polverelli 11, Zannoni 24, Buo A. 9, Guiducci Fe., Guiducci T. 4, Bollini 2, Mazzotti 18, Ballarini ne, Buo S. ne. All. Amadori.

CLASSIFICA

Tigers Villa Verucchio 16; Artusiana Forlimpopoli** 14; International Imola* 12; Selene Sant’Agata sul Santerno* 10; Russi, Cesena 8; Riccione* 6; Stella Rimini* 2.

Promozione, i Tigers obbligano Faenza al primo stop, Girone D: comanda la Pgs Ima!

PROMOZIONE

8° Giornata

GIRONE A

SAMPOLESE BK – POLISPORTIVA BIBBIANESE 73 – 46

(27-10; 40-26; 58-33)

San Polo d’Enza: Micucci 8, Fiori, Simonazzi 7, Davoli, Vezzali, Bigliardi 2, Violi 6, Panizzi 3, Fontanesi 18, Tondo 13, Margini 14. All.Violi.

Bibbiano: Cornali 2, Derraa 13, Valentini, Piccinocchi 3, D’Amore 4, Panciroli, Paciello 2, Ceci 7, Incerti, Giglioli 7, Covi 8, Domenichini. All. Menozzi.

HERON BASKET – ARTARREDO 77 – 50

(18-12; 36-24; 53-42)

Bagnolo: Truzzi, Gobbo 2, Casotti 1, Sgarbi C. 6, Bonacini 7 Pavarini 4, Sgarbi D. 6, Soncini 2, Pezzi 25, Beltrami 8, Frigeri 6, Camellini 10. All. Davolio.

Borgo Val di Taro: Ruggeri 5, Foschi 7, Gonzato A. 5, Marchini 4, Beccarelli 7, Giraud 16, Delgrosso ne, Zecchinato 2, Bosi 4. All. Picelli.

Partita sottotono per i Diavoli Rossi, che non riescono ad entrare in partita per i primi due quarti di gioco, soffrendo i padroni di casa che gestiscono la gara a loro piacimento, andando al riposo lungo sul punteggio di 36 a 24. Al ritorno dagli spogliatoi sembra che l’Artarredo inizi a giocare, difesa ed attacco girano, pian piano recupera arrivando a -8 a metà del quarto periodo, ma un fallo netto non fischiato ad un contropiede di Gonzato A. innervosiva la squadra che perdeva Giraud e coach Picelli per proteste e sanciva con i conseguenti liberi il nuovo allungo dei padroni di casa, che chiudevano al 40′ per 77 a 50.

S.ILARIO BASKETVOLLEY – PLANET BASKET 76 – 61

TSA PIACENZA – CUS PARMA 64 – 51

(10-11; 27-26; 48-40)

Piacenza: Vecchio 8, Dallavalle 4, Sebastiani S. 9, Sebastiani A. 7, Perego 24, Bragalini 3, Righi 9, Monti, Guglielmetti, Stecconi ne, Minga ne, Impesi ne. All. Castellani.

POL. CASTELLANA – AZZALI DUCALE MAGIK PARMA 73 – 63

PALLACANESTRO FULGORATI – GUNA 95 – 44

(20-6; 49-18; 72-34)

Fidenza: Avanzi 3, Guareschi 3, Baratta 17, Longhi 6, D’Esposito 10, Rivetti 3, Iacomino 17, Parmigiani 14, Besagni 4, Rastelli 14, Bianchini 2, Maggi 2. All. Antonicelli.

Oglio Po: Lombardi S., Bianchi, Toninelli 4, Nevi 2, Passero 11, Gagliardi 3, Bini 6, Lombardi M., Decò 4, Antwi 10, Ravasi 4. All. Maffei.

CLASSIFICA

Piacenza 16; Cus Parma, Sampolese, Fulgorati Fidenza 12; Castellana Castelsangiovanni 10; Bibbianese, Heron Bagnolo* 8; S.Ilario d’Enza 6; Ducale Parma** 4; Valtarese Borgo Val di Taro, Oglio Po 2; Planet Parma* 0.

GIRONE B

U.S.D. GELSO – RADIO BRUNO 57 – 46

(15-12; 31-22; 39-30)

Gelso Reggio: Acosta, Bottazzi 10, Farioli 5, Ferrarini 2, Costanzo 11, Gramoli 3, Francia 2, Tasselli 15, Penserini, Ongarini 7, Fontanili 2, Pedrazzi. All. Bartolini.

Campagnola: Saguatti 3, Torreggiani 2, Folloni, Bartoli, Rustichelli L. 10, Soccetti 1, Rustichelli M. 15, Ligabue, Conte 5, Sacchi 3, Beltrami 7. All. Carpi.

Brutto ko per Campagnola sul campo del Gelso.

Gelso approccia il match determinata a far valere il fattore campo e va subito al ferro con facilità, portando gli ospiti a rincorrere fin dai primi minuti. Le polveri bagnate non aiutano Campagnola, che va anche in bonus dopo poco, permettendo ai padroni di casa di mantenersi in vantaggio dalla lunetta, per una prima frazione che termina con Gelso avanti di tre lunghezze (15-12). Campagnola continua a litigare con il canestro anche nella seconda frazione e Gelso ne approfitta per allungare ulteriormente e portarsi sul +9 dopo 20’. Il rientro in campo è più promettente per gli ospiti che, però, non riescono a recuperare lunghezze di svantaggio (39-30 al 30′). Nell’ultimo quarto gli ospiti tentano la carta della zona, con buoni risultati inizialmente, che, però, svaniscono col passare dei minuti. I padroni di casa si aggiudicano meritatamente il match per 57-46

A.S.D. GAZZE CANOSSA – BASKET JOLLY 76 – 78

G.S. ARBOR BASKET – UNIONE SPORTIVA AQUILA 63 – 85

(20-22; 34-42; 42-66)

Arbor Reggio: Pirelli 6, Ferguson 2, Kromah 2, Codeluppi 7, Rosal 1, Superchi 11, Artoni 1, Gaddi, Simonazzi 8, Gampena 15, Cassoni 6, Rustichelli 4. All. Beltrami.

Luzzara: Magnanini 12, Vezzani 5, Belletti 3, Capuozzo 7, Altomani 4, Pellegrini L. 12, Corradini 6, Bertolini 7, Pasini, Pellegrini C. 2, Carpi 17, Terzi 10. All. Iori.

L.G. COMPETITION – PALL. CORREGGIO Non disputata

PALLACANESTRO REGGIOLO – AQUILE PALL. 71 – 58

Reggiolo: Mattioli 19, Pasini 11, Ciavolella 10, Biello 9, Galeotti 6, Baldo 5, Benatti 3, Barilli 2, Rossi 2, Boschini 2, Marra 2, Bertacchi. All. Bosi.

Gualtieri: Simonazzi 18, Dallasta 12, Volpicelli 10, Benazzi 7, Lamura 7, Rossato 2, Kushi 2, Lamponi, Brugnano, Artoni. All. Simeone.

POL. IWONS – U.S. SATURNO GUASTALLA 55 – 62

CLASSIFICA

Reggiolo 16; Jolly Reggio 14; LG Competition Castelnovo Monti*, Aquila Luzzara 12; Aquile Gualtieri, Gazze Canossa, Saturno Guastalla 8; Campagnola 6; Gelso Reggio 4; Arbor Reggio, Iwons Albinea, Correggio* 2.

GIRONE C

DIABLOS BASKET S.AGATA – CARPINE BASKET 2015 69 – 59

UNIONE SPORTIVA ZOLA – SASSO BASKET 64 – 74

(16-23; 32-41; 50-60)

Zola: Franchini G. 12, Baccilieri 14, Cerchiari, Paolucci 6, Maselli 2, Guidotti 9, Bini 19, Brolis, Cevenini, Stefano 2, Zanetti. All. Buccarella.

Castelfranco Emilia: Poluzzi, Gobbi 17, Violi 12, Franchini F. 11, Cavani 2, Grassi F. 2, Parisini, Zucchini 20, Kalfus 10, Grassi R. All. Bignotti.

MASSACRAMENTO KINGS – FORTITUDO CREVALCORE 06-12-2022 – 21:25      

Pal. Sc. CASARINI – Via Lavino 317 – Fraz. M.te S. MONTE SAN PIETRO BO

PALL. TEAM MEDOLLA – PEPERONCINO LIBERTAS BK 41 – 63

Medolla: Galeotti 14, Ziosi 4, Bernardi 4, Baccarani, Salerno, Manfredi 2, Luppi 6, Battini, Barbieri 13, Dell’Acqua. All. Giliberti.

Mascarino: Vinci 2, Perrotta 6, Tolomelli 4, Giunchedi 20, Solmi 3, Cristofori 10, Dal Fiume 3, Carpanelli, Nannetti, Benfenati 7, Cilfone 8. All. Brochetto.

CUS MO.RE – SCUOLA PALLACANESTRO SPILAMBERTO 53 – 58

(8-15; 21-29; 37-40)

Cus Mo.Re.: Botti, Petrella 3, Ferrari 8, Roncaglia 2, Alessandrini 8, Fratelli 3, Kashin, Guidetti 3, Villani 12, Sassi 2, Carretti 9, Compostella 3. All. Bertani.

Spilamberto: Badiali 11, Smerieri 5, Franchi 17, De Martini 9, Barbieri, Trenti, Gavaini, Neri, Paladini 2, Prandini 6, Pantaleo, Caltabiano 8 All. Espa.

Grande derby al Palacus di Modena. L’esito sembrava, sulla carta, segnato e invece…

Pronti via e gli ospiti appaiono subito arcigni in difesa, con l’esperto Demartini che, praticamente da solo, manda in bonus la squadra di casa. L’avvio in salute continua nel secondo quarto dove gli ospiti trovano subito le misure anche al talento di Villani. Il terzo quarto, con la squadra di casa torchiata da coach Bertani, è di marca cussina, dove, con mini parziali, viene recuperato quasi completamente il gap, complici anche qualche azione timorosa degli under di Spilamberto. Partita che si anima e regala un ultimo quarto di spessore, dove addirittura a meno di due minuti dalla fine il Cus mette la testa avanti con l’antisportivo (che sarà anche il quinto fallo) fischiato al play ospite De Martini. Ma qui gli ospiti, con Badiali e soprattutto Franchi finalmente sugli scudi, chiudono la pratica con un 6/6 ai liberi, che suggella una grande vittoria per la Scuola Pallacanestro.

TECNOFONDI – MAGIC BK SCANDIANO 79 – 60

(20-18; 44-32; 59-52)

Carpi: Ferrari, Lugli 3, Guandalini 4, Bertollo 5, Beltrami M. 11, Canevazzi 8, Bonfiglioli, Beltrami P. 15, Prampolini 6, Rizzo 17, Termanini 10. All. Barberis.

Seconda vittoria interna consecutiva per la Tecnofondi, che difende il fattore campo contro un Magic alla disperata ricerca di punti salvezza. Match in equilibrio nella prima frazione, con Samuele Rizzo a guidare la truppa con 8 dei suoi 17 punti finali; le squadre non si risparmiano, soprattutto con la palla in mano e Scandiano replica grazie ai tiri dalla lunga distanza di Gabrielli e Caleffi; secondo quarto di marca carpigiana: le rotazioni di coach Luca Barberis alimentano l’energia che i giocatori in canotta bianca buttano sul parquet, producendo un 24-14 di parziale che si rivelerà poi decisivo alla fine della contesa. Infatti, nel momento in cui Magic alterna e intensifica le difese, i padroni di casa reggono l’urto e dopo un terzo quarto scricchiolante (59-52 al 30’), tornano ad allungare nel rush finale per la terza vittoria stagionale.

CLASSIFICA

Cus Mo.Re., Peperoncino Mascarino* 12; U.S. Zola Predosa, Diablos Sant’Agata Bolognese, S.P. Spilamberto 10; Massacramento Kings MSP* 8; P.T. Medolla, Carpine, Nazareno Carpi, Sasso Castelfranco 6; Fortitudo Crevalcore* 4; Magic Scandiano* 2.

GIRONE D

PGS IMA – BASKET VILLAGE 66 – 57

(20-15; 39-36; 57-46)

Pgs Ima: Demetri 4, Montedoro, Cocchi 4, Neri, Baccilieri 22, Natalini, Lugli 10, Torriglia 13, Asciano, Tosiani 9, Baldazzi 4, Grandi ne. All. Salvarezza.

Granarolo: Misciali 4, Bertusi 2, Ventura A 7, Guastaroba 7, Tonelli 7, Calanchi 9, Mongardi 1, Marcheselli 6, Martinelli 2, Banzi 9, Melillo 3, Kamta Ouemba ne. All. Cavicchioli.

GALLIERA LOVERS – P.G.S. CORTICELLA 73 – 74

(23-13; 38-26; 54-47)

PGS Corticella: Ardizzoni 19, Bernardinello 18, Fiorentini 16, Puzzo 8, Simoni 4, Tonelli 3, Valgimigli 3, Dall’Olio 3, Albazzi, Brighenti, Candini, Polmonari. All. Totta.

NAVILE BASKET – POL. DIL. FARO 83 – 64

(26-17; 49-26; 69-40)

Navile: Bardasi 13, Nicolini 12, Carlotti 12, Fioravanti 10, Maccaferri 8, Scapinelli 8, Billi 8, Santinelli 6, Zanarini 4, Fenderico 2, Sgherri, Behzadi ne. All. Corticelli.

Argenta: Nicoletti 14, Porcellini 14, Bianchi 14, Stabellini 7, Macchia 4, Bonora 4, Fuschini 3, Mambelli 2, Dalpozzo 2, Fumolo, Mottaran, Zanetti. All. Carnaroli.

CENTRO MB ARCOVEGGIO – VIS TREBBO S. VANINI 64 – 67

VIS 2008 – SPARTANS BASKET 70 – 79

(21-27; 33-49; 50-66)

Vis Ferrara: Santi 2, Garbo 3, Mangano, De Pisi 12, Accorsi, Baseggio 2, Aboulfath 17, Marianti, Bianconi 8, Chieregatti 15, Castaldini 3, Gilli 8. All. Filieri.

Spartans Ferrara: Alassio 18, Ponsanesi 16, Terzi 9, Madella 7, Cavallini 6, Vaianella 5, Lever 5, Leprotti 5, Marabini 3, Stocco 2, Ricci 1. All. Ciliberti.

Il derby estense premia, come da pronostico, gli Spartans.

La Vis ha in panchina coach Filieri, perché Bonora era impegnato in un’altra partita. Primi due quarti dove la Vis, nonostante dei buoni attacchi, concede troppo in difesa agli avversari che riescono a punire ogni piccola disattenzione della squadra di casa, 27 a 21 per gli ospiti dopo i primi 10’.
Purtroppo, nel secondo quarto i biancoazzurri continuano a sbagliare l’impossibile e in difesa lasciano spazi e rimbalzi agli avversari che scappano via e si arriva alla pausa lunga sul -16, 33-49. Terza frazione in perfetta parità, con la Vis che mette a posto la difesa, ma senza riuscire a diminuire lo svantaggio, soprattutto a causa di troppi tiri sbagliati 1 vs 0. Nell’ultimo quarto i padroni di casa, che hanno toccato anche il -18, non mollano di un centimetro, mettendo pressione in difesa e recuperando un paio di palloni che permettono di arrivare anche sotto la doppia cifra di svantaggio, senza, però, mai riuscire davvero a rientrare completamente in partita. La gara si conclude con la vittoria (70-79) per gli Spartans.

GALLO BASKET – BNBA ROUTE64 62 – 63

(11-22; 24-31; 43-49)

Gallo: Corbucci 20, Lomazzi 12, Amal 8, Ramponi P. 7, Gozza 6, Fortini 4, Ramponi N. 3, Mantovani 2, Grazia, Magni, Mandini, Calzolari ne. All. Mennitti.

Baricella: Giordani 16, Legnani 12, Frazzoni 12, De Pascale 7, Donati 7, Minozzi G. 3, Pedrielli 3, Ricci 2, Oseliero 1, Giordani, Mantovani, Samorè. All. Minozzi M.

CLASSIFICA

Pgs Ima BO 14; Basket Village Granarolo 12; Bianconeriba Baricella, Horizon Trebbo, Navile BO, Spartans Ferrara 10; Faro Argenta, CMA Arcoveggio BO, Vis 2008 FE, PGS Corticella BO 4; Galliera Lovers, 2; Gallo 0.

GIRONE E

S. MAMOLO BASKET – PGS BELLARIA 07-12-2022 – 21:30      

Palestra MORATELLO – Via Casanova 11 BOLOGNA BO

P.G.S. WELCOME – 40068 PIZZA&MORE 66 – 52

(26-18; 40-26; 55-44)

PGS Welcome: Pasquali 18, Caprara 16, Verardi 11, Lamborghini L. 9, Sovrani 6, Sanguettoli F. 5, Lamborghini A. 1, Melchiorre, Cavallone, Schmitz, Govoni, Veneroso. All. Sanguettoli M.

San Lazzaro: Omodei 2, Venturi 4, Tuccillo 2, Candini, Guidetti 7, Bartolini 4, Testa, Zanaroli, Rebeggiani 6, Paolucci 6, Fornasari 2, Lucarini 19. All. Guidetti.

ARTBO BY PALL. PIANORO – MEDICINA BK 2007 56 – 87           

(18-18; 28-42; 47-69)

Medicina 2007: Bacci 10, Lenzarini 10, Barba 12, Vignudelli 9, Magli 7, Ugulini 3, Castellari 8, Righi 6, Martelli 13, Soldi 9. All. Pasquali.

PARTY & SPORT – TATANKA BALONCESTO IMOLA 67 – 60

BASKET 95 IMOLA – HORNETS BASKET 52 – 82

Hornets: Maldini 17, De Leo 12, Caruso 10, Fiorentini 10, Sirri 8, Cataldo 7, Gadani 7, Mazzola 4, Orlando 4, Canovi 3, Guerrato. All. Rocco di Torrepadula.

POL. VIRTUS CASTENASO – CSI SASSO 63 – 58          

(16-21; 36-34; 55-47)

Castenaso: Aspergo 8, Fiolo 5, Pazzaglia 5, Vacchi 5, Finessi, Bedosti 7, La Cascia 2, Pierini 13, Lombardo 9, Nicolai, Boccardo, Laghetti 9. All. Pizzi.

Sasso Marconi: Tinelli 2, Galli 3, Forni 12, Berti, Cacciari, Pollini 8, Dal Pian 2, Monciatti 5, Siroli 8, Davalli 14, Di Furia, Lenzi 4. All. Bulgarelli.

CLASSIFICA

Hornets BO 14; PGS Welcome BO*, Medicina 2007 12; PGS Bellaria BO* 10; San Mamolo BO**, Pianoro, Sapory San Lazzaro, Virtus Castenaso 8; Basket’95 Imola, Party&Sport Ozzano 4; Tatanka Baloncesto Imola, Csi Sasso Marconi 2.

GIRONE F

LUSA BASKET – BELLARIA BASKET 93 – 51

(17-20; 42-34; 70-46)

Massa Lombarda: Ugulini 7, Spinosa 7, Lanzillotti 1, Pietrini 16, Dalla Malva 15, Asioli 8, Orlando 7, Delvecchio 8, Rivola 7, Castelli 8, Brignani 4, Berardi 5. All. Panizza.

Bellaria: Polanco Ferreras 4, Ricciotti L. 14, Maggioli, Lumini 5, Paganelli, Souihi 8, Donati 8, Vernocchi, Squadrani 12, Giorgetti. All. Ricciotti D.

Il Lusa Basket resta l’unica squadra imbattuta del girone. La partita contro il Bellaria Basket si è conclusa con largo margine a favore di Massa, eppure non sono state solo rose e fiori per i ragazzi di coach Panizza, che hanno dovuto confrontarsi, almeno nei primi due quarti, con l’entusiasmo e la spregiudicatezza degli ospiti che hanno ha cercato a più riprese di mettere i bastoni tra le ruote ai locali.
Palla a due che vede in campo per il Lusa, Spinosa, Orlando, Pietrini, Delvecchio e Brignani, mentre Bellaria parte con Polanco Ferreras, Ricciotti, Lumini, Souihi e Donati. L’inizio vede i padroni di casa poco precisi nelle trame offensive e un po’ soft in difesa, mentre l’approccio migliore sembra essere quello degli ospiti, che moltiplicano i propri sforzi in difesa e trovano soluzioni di gioco interessanti in attacco. Souihi e Ricciotti rispondono ai canestri locali di Delvecchio, Orlando e Spinosa, ma qualcosa non convince il duo Panizza-Borghi, che chiama time-out dopo 3′ sul 7-4. La partita procede con un susseguirsi di botta e risposta tra le due squadre, dove sotto canestro il confronto tra Brignani e Donati è molto fisico. L’ingresso di Ugulini e Dalla Malva aumenta l’aggressività difensiva, con Orlando che ruba palla e segna in contropiede. Nonostante ciò, sul 17-16 per Massa, le ultime azioni del periodo sono favorevoli agli ospiti (Squadroni e Ricciotti) che chiudono il quarto in vantaggio 20 a 17. Nel secondo quarto i riminesi continuano a giocare con la loro intensità e grande generosità, ma ci sono segnali di un Massa più concreto. Spinosa dà il via alla rimonta, poi la coppia Ugulini-Dalla Malva prosegue nell’intesa, con un canestro di Ugulini, che poi serve due assist a fila al compagno di squadra. Il time-out di Bellaria, ora in svantaggio 24 a 20, rimette in carreggiata gli ospiti, con Donati che, nel frangente, segna 6 punti e pareggia di nuovo l’incontro (28-28). Squadroni e Polanco Ferreras rispondono alla tripla di Ugulini e riportano avanti Bellaria (31-32), ma nel momento in cui serve la scossa ai locali, è proprio il capitano Asioli che si carica la squadra sulle spalle con 6 punti a fila. Dopo una tripla di Castelli, si iscrive a referto anche Pietrini, in campo per l’ultimo tiro del quarto e si va al meritato riposo sul 42-34. Nel terzo periodo si rivede, poco alla volta, il rullo compressore massese, che accende i motori con i punti di Spinosa, Orlando e Asioli. Il Bellaria è costretto a tenere in panchina Donati, l’unico pivot di riferimento perchè gravato di 4 falli, proprio nel momento in cui si risvegliano Pietrini, che segna tre triple in pochi minuti, e Delvecchio, con due iniziative, due falli subiti e 4/4 dalla lunetta. Anche Spinosa dà il suo contributo con 3/4 ai liberi, poi arriva anche il turno di Brignani e di Castelli dalla lunga distanza. Nonostante l’uscita per fallidi Delvecchio, Massa traccia il sentiero giusto per la vittoria, concludendo il periodo con 28 punti realizzati e in vantaggio per 0-46, col Bellaria che ha smarrito un po’ alla volta energie e soprattutto brillantezza. Nell’ultimo quarto la partita sarebbe ai titoli di coda, ma c’è nervosismo nei primi minuti di gioco; alcuni diverbi a centrocampo sono puniti con un tecnico a Rivola ed un secondo tecnico a Donati del Bellaria, costretto ad uscire. Si continua con molti falli da una parte e dall’altra, e si arriva in fretta a tirare liberi su liberi. Pietrini segna ancora da tre, poi Rivola e Berardi riescono a conquistarsi i meritati applausi del pubblico con alcune buone iniziative. Entra nel tabellino anche Lanzillotti, mentre il finale di gara lo scrive Dalla Malva, che arriva a quota 15 punti con due liberi ed una tripla. Finisce 93-51 per Massa.

LIBERTAS GREEN BK FORLI’ – SG TIBERIUS RIMINI 05-12-2022 – 21:00

VILLA ROMITI – Via Sapinia 40 FORLI’ FC

MORCIANO EAGLES – SAN PATRIGNANO 05-12-2022 – 21:15 

PALAPEDRIALI – Via Spallicci 10 MORCIANO DI ROMAGNA RN

TIGERS BASKET 2014 – QUADRO PIANO 80 – 63

(19-16; 39-31; 62-45)

Tigers Forlì: Brunetti J. 8, Lotti 16, Rossi 13, Mariani 8, Brunetti N. 9, Naldi 8, Ragazzi 3, Petrini 2, Liverani 11, Gavelli 2, Paganelli. All. Lapenta.

Faenza: Santo 20, Buricchi 10, Troni 9, Melandri 8, Santini 5, Boero 5, Pezzi 3, Bulzacca 3, Marziali, Anghileanu. All. Vespignani.

SPORTING CLUB CATTOLICA – AICS JUNIOR FORLI’ 63 – 54

SUNRISE BK – SANTARCANGIOLESE BK 79 – 51

(21-11; 39-22; 58-35)

Sunrise Rimini: Mussoni 18, Amadori 8, Peroni 8, Missere 2, Bronzetti 7, Monti 7, Casadei 6, Panzeri 3, Gatti, Corsetti , Sansone 10, Carigi 10. All. Botteghi.

Santarcangelo: Ceccarelli 11, Fabbri O. 2, Adduocchio, Caverzan 2, Rusin 5, Zaghini 4, Fabbri R. 2, Mussoni Mi. 2, Azarenko 1, Mussoni Ma. 10, Vertaglia 4, Balducci 8. All. Bezzi.

CLASSIFICA

Lusa Basket MassaLombarda, Faenza Basket Project 14; Tigers 2014 Forlì 12; Basket 2000 San Marino, Libertas Green Forlì, Eagles Morciano 8; Aics Forlì 6; Sunrise Rimini, Santarcangiolese, S.C. Cattolica, Bellaria 4; San Patrignano 0.

Under 19, impresa Fidenza contro Desio! Fortitudo e Forlì ok

CAMPIONATI ECCELLENZA

UNDER 19

9° Giornata

Girone 2

VIRTUS PALL. ROSETO – PERUGIA BASKET 93 – 51

(17-5; 38-18; 67-33)

Roseto: Del Nibletto 7, Maiga 19, Di Marco 3, Scarpone 2, Trettaccone 7, Caprara 16, Haidara 8, Mastrototaro 8, Minac 2, Valentini 6, Jovanovic 25. All. Gullotto.

Perugia: Burini 5, Ragni 6, Aprile, Budelli, Albarello 1, Bruni 6, Cenerini 8, Moca 2, Conti 6, Mariucci 17. All. Valigi.

BSL – VIRTUS SIENA 69 – 81

(15-23; 33-43; 53-61)

San Lazzaro: Negroni 20, Sibani, Baldi 7, Gamberini 8, Piras 9, Comastri 3, Tripodi 11, Vanti 2, Papolla, Colletta, Rossi 9. All. Nieddu.

Virtus Siena: Berardi 13, Becatti 3, Bruttini 6, Aminti 13, Cannoni 7, Chierchini 3, Costantini Ga. 10, Costantini Gi. 6, Braccagni M. 12, Ravenni, Francini 6, Morelli 2. All. Braccagni F.

CAB STAMURA BK – CARPEGNA PROSCIUTTO 54 – 90

(20-23; 35-47; 48-68)

Ancona: Monaco, Virgili 6, Filippetti 12, Piccionne 10, Pagliarecci 4, Ponzella 7, Bora 6, Barletta 3, Rossini, Genovese 2, Vernelli, Balducci 4. All. Petitto.

VL Pesaro: Tombari, Di Francesco 7, Aloi 2, Sgarzini 4, Sablich P. 9, Stazzonelli 15, Maretto 8, Sablich G. 8, Grimaldi 8, Ghiselli 1, Prenga 10, Dia 18. All. Luminati

BK CLUB FRATTA – UNIEURO BASKET 40 – 78

(9-16; 20-33; 32-63)

Forlì: Munari 14, Borciu 4, Zilio 7, Moretti 12, Benzoni 20, Pinza 7, Bellini 7, Errede, Lombini 4, Palazzi 3. All. Gandolfi.

BRAMANTE BK – METAURO BK ACADEMY 67 – 57

(20-12; 30-21; 51-39)

Pesaro: Cavedine 16, Scavolini, Guerra 5, Cevolini 10, Sablich, Dziho 4, Nicolini E. 9, Rovedi 3, Druda 5, D’Angeli 2, Fabbri 13. All. Nicolini M.

Fossombrone: Cuella, Arduini 6, Mei 8, Drahanchuk, Nikolaichuk 19, Ferri 4, Tamburini 7, Curic 9, Buttarini 4. All. Paolini.

BASKET SANTARCANGELO – UNIBASKET 76 – 58

(18-17; 37-34; 52-47)

Santarcangelo: Renzi 2, Bonfè, Panzeri ne, Mulazzani 18, Benzi 4, Rossi 5, Macaru 19, Mari 2, Morandotti 7, Sirri 9, Baldisserri, James 11. All. Bernardi.

Lanciano: Cesarino 4, Ciaroni 5, Marinkovic 2, Facciorusso 3, Jokanovic, Kadjividi ne, Giampà 7, Kamate 17, Cicchetti 7, Cisse 13. All. Canzano.

CLASSIFICA

VL Pesaro 18; Forlì 14; Roseto* 12; Virtus Siena*, Fossombrone, Ancona 10; Lanciano, Santarcangelo, Bramante Pesaro 8; Bsl San Lazzaro 6; Perugia 2; Fratta Umbertide 0.

Girone 3

SEGAFREDO – POL DIL. LIBERTAS CERNUSCO 79 – 88

(20-30; 43-40; 59-65)

Virtus: Bianchini 8, Venturi 14, Zanasi 14, Cappellotto 2, Faldini 2, Mondini, Terzi 16, Garuti 9, Minelli ne, Martini 14, Boggian. All. Lolli.

Cernusco: Ce’ 4, Puozzo 1, Meier 23, Ghezzi G. ne, Scaramuzzi 15 ne, Grioni F. 10, Rossi 2, Grioni T. 6, Abdou 12, Mazzola 4, Bertolotti 11. All. Lo Storto.

EA7 EMPORIO ARMANI – UNAHOTELS 108 – 87

(27-22; 56-37; 86-55)

Olimpia Milano: Fiorillo 8, Anchisi 3, Casella 3, Trovarelli 10, Todisco 5, Bortolani 7, Abeba 9, Miccoli 20, Papetti 5, Panna 6, Badalau 14, Mariucci 18. All. Catalani.

Reggiana: Ruggeri 8, Bacchelli 18, Camara, Deme 7, Pastorelli 2, Suljanovic  O. ne, Suljanovic I. 18, Belloni 15, Codeluppi 7, Iannelli 6, Yadde, Faye 6. All. Menozzi.

NIPPON EXPRESS – RIMADESIO 97 – 93

(20-17; 38-45; 76-65)

Fidenza: Di Cola 2, Kumer 6, Cortese, Ranieri 4, Mane 2, Ramponi 9, Miaschi 23, Rastelli 13, Beltadze 15, Cereda, Trevisan, Biorac 23. All. Arnetoli.

Desio: Trucchetti 20, Toffanin 10, Corti, Barbieri 17, La Mantia 7, Arienti, Pogna 4, Basso 20, Fumagalli, Raffaldi, Colombo 5, Rossi 10. All. Longoni.

VIS 2008 – FORTITUDO ACADEMY 78 – 92

GUERINO VANOLI CREMONA – PALLACANESTRO VARESE 94 – 70

COLUMBUS CANTU’ – URANIA BASKET MILANO 64 – 59

CLASSIFICA

Cantù 16; Urania Milano, Cremona*, Fortitudo Bologna* 12; Desio*, Varese 10; Olimpia Milano 8; Reggiana, Virtus Bologna* 6; Vis Ferrara*, Fulgor Fidenza 4; Cernusco* 2.

UNDER 17

11° Giornata

Girone A

ASSIGECO PIACENZA – BENEDETTO 1964 28-01-2023 – 17:00           

PALAZZETTO – Via Papa Giovanni XXIII 44 CODOGNO LO

UNAHOTELS REGGIO EMILIA – PARMA BASKET PROJECT 101 – 66

SEGAFREDO BOLOGNA – POL. PONTEVECCHIO 106 – 41

NIPPON EXPRESS – FORTITUDO ACADEMY 92 – 58

(24-19; 46-34; 73-46)

Fidenza: Aklilu 2, Orlandi 3, Di Cola 2, Catellani, Cortese 18, Galli 4, Pezzani 15, De Simone, Pattini 2, Ranieri 18, Mane 17, Cereda 11. All. Braidotti.

Fortitudo: Cavani 4, Bussoli 12, Neri 3, Bonifazi, De Rosa 3, Di Pace 2, Sifo 2, Silvestrelli, Polombito 5, Ferrucci 12, Braccio 13, Bozianu 2. All. Lopez.

CLASSIFICA

Reggiana, Virtus BO* 18; Fulgor Fidenza 12; Fortitudo Academy BO* 10; Vis 2008 FE**, Parma Basket Project* 8; Pontevecchio BO* 6; Piacenza BC* 2; Benedetto Cento* 0.

Girone B

B.S.L. – BASKET SOC.POL.COMPAGNIA 93 – 64

(28-15; 48-36; 79-46)

San Lazzaro: Selva 9, Toselli, Rimondi 2, Dondi 6, Zani 14, Ceccato 16, Genasi 10, Andrè Futo 13, Frigieri 12, Folesani, Osaigbovo, Stagni 9. All. Sanguettoli.

Ravenna: Cateneci 27, Masotti, Festa 2, Galletti 2, Igberase, Montanari 18, Costantini 11, Casadei, Donnizzolli, Pezzi 2, Fontana 4, Valeriani. All. Ambrassa.

POL. CESENATICO 2000 – G.S. INTERNATIONAL BASKET 94 – 54

EMILBANCA S.G. FORTITUDO – UNIEURO FORLI 54 – 67

STARS BASKET – CESTISTICA ARGENTA 67 – 49

(15-9; 34-24; 60-36)

Stars: Mattioli 2, Cantelli G. 6, Brizzi 14, Ponzellini 6, Ghedini 7, Penta 11, Tugnoli 4, Loro 6, Zerbini 2, Fiorentini 9, Galassi, Mazza. All. Cantelli A.

Argenta: Giambino 2, Lusardi A. 15, Andolfo 1, Marzari 3, Lusardi F. 6, De Carli 1, Santi 3, Raggi 9, Tagliani, Chessa 8, Alberani 1. All. Massari.

CLASSIFICA

Forlì 18; Stars BO, Bsl San Lazzaro 16; Cesenatico 2000 12; International Imola 10; S.G. Fortitudo* 8; Argenta*, Compagnia dell’Albero RA* 2; Santarcangelo* 0.

UNDER 15

10° Giornata

GIRONE A

ASSIGECO PIACENZA – PROGRESSO HAPPY BASKET ’07 66 – 84

SEGAFREDO BOLOGNA – EMILBANCA S.G. FORTITUDO 93 – 72

MAGIK BASKET – VIS 2008 45 – 87

UNAHOTELS REGGIO E. – G.S. INTERNATIONAL BASKET 06-12-2022 – 19:30    

PALASPORT BIGI – Via Guasco 8  REGGIO NELL’EMILIA RE

CLASSIFICA

Vis Ferrara 18; Virtus BO* 14; Reggiana**, International Imola* 8; S.G. Fortitudo BO** 6; Magik PR***, Happy Basket CastelMaggiore* 4; Piacenza 0.

GIRONE B

BASKET SOC.POL.COMPAGNIA  – B.S.L. 58 – 98

(16-27; 32-48; 46-77)

Ravenna: Giagnorio 3, Valeriani 19, Matrone, Casali, Battistini 8, Giroldi 12, Ancarani, Montefiori 2, Cavallari 8, Manaresi 3, Venturini 3, Andria. All. Senni.

San Lazzaro: Barbani 10, Cassanelli, Sandrini 7, Pulino 29, Prato 2, Blagogee 12, Rubbi 21, Buscaroli 4, Campa, Orlandini 4, Munzio 2, Dobos 7. All. Rocca.

RAGGISOLARIS ACADEMY – POL. CESENATICO 2000 13-12-2022 – 20:00      

Impianto Sportivo CAMPUS – Via Proventa, 61 FAENZA RA

UNIEURO FORLI – INSEGNARE BASKET RIMINI 61 – 83

FORTITUDO ACADEMY – CESTISTICA ARGENTA 40 – 76

CLASSIFICA

Bsl San Lazzaro 16; I.B.R. Rimini 14; Stars BO, Cesenatico* 2000 10; Argenta 8; Compagnia Ravenna 6; Forlì, Raggisolaris Academy Faenza** 2; Fortitudo Academy BO* 0.

Serie B, Faenza sogna, bene Piacenza e Fiorenzuola

SERIE B

Girone C

9° Giornata

REAL SEBASTIANI RIETI – HALLEY INFOR. MATELICA 88 – 61

BLACKS FAENZA – PALLACANESTRO FIRENZE 95 – 89

(33-24; 57-48; 74-73)

Faenza: Bandini, Siberna 17, Vico 12, Mazzagatti ne, Poggi 17, Voltolini 13, Molinaro 4, Petrucci, Aromando 22, Ragazzini ne, Pastore 10, Nkot Nkot ne. All. Garelli.

Firenze: Di Pizzo 8, Laganà 14, Ndoja 26, Venuto 9, Passoni 5, Mazzotti ne, Giannozzi ne, Scott ne, Castelli 15, Bushati 12. All. Gresta.

Capolavoro Blacks. I faentini superano un’ottima Firenze e allungano a sette la striscia di vittorie consecutive, restando così in vetta insieme a Rieti. Complimenti ai toscani che giocano una grande partita, confermando di essere una squadra forte e completa in ogni reparto. Ancora una volta i Raggisolaris vincono grazie alla forza del gruppo e ad una solidità mentale che permette loro di restare sempre lucidi, anche nei momenti difficili.

Il primo quarto è nel segno di Voltolini che, con 13 punti e 5 assist, è il faro dei Blacks, bravi a colpire in transizione e a segnare da ogni posizione. Firenze non è da meno e risponde per le rime, ma al 10’ sono i padroni di casa a condurre 33-24. I Blacks toccano il massimo vantaggio sul 35-24, poi arriva la reazione dei fiorentini che, con Laganà, si portano sotto 35-33. La risposta dei Raggisolaris non si fa attendere e questa volta sono Vico e Aromando a far riprendere in mano l’inerzia alla squadra (42-33), che chiude avanti 57-48 all’intervallo. Firenze reagisce affidandosi a Ndoja, perfetto da tre ed è proprio lui a propiziare un break di 12-0 per il 63-60, primo vantaggio ospite. I Blacks non si deconcentrano e si rifanno sotto, trovandosi avanti 74-73 al 30’. Nell’ultimo periodo, quando Firenze conduce 82-78, sale in cattedra Siberna segnando 10 punti e bloccando Laganà. Poggi fa lo stesso su Ndoja, poi ci pensano il gioco di squadra e il carattere a far segnare canestri pesanti e così, al 39’ ,Faenza conduce 95-85. Firenze ha un ultimo sussulto (95-89), ma i Raggisolaris non perdono la concentrazione, gestendo il match sino alla fine.

RISTOPRO FABRIANO – SINERMATIC OZZANO 96 – 84

(22-24; 44-46; 62-63)

Fabriano: Petracca 21 (3/4, 5/11), Verri 20 (2/3, 3/6), Fall 17 (5/8), Stanic 12 (5/7, 0/3), Centanni 9 (3/5, 1/8), Gulini 6 (1/2, 1/2), Papa 6 (3/3, 0/1), Azzano 5 (1/4, 1/1), Gianoli ne, Onesta ne, Carsetti ne, Patrizi ne. All. Aniello.

Ozzano: Bonfiglio 21 (0/2, 7/11), Barattini 15 (3/7, 2/4), Felici 15 (6/7, 0/1), Folli 10 (2/2, 2/3), Lasagni 9 (0/1, 2/3), Klyuchnyk 6 (3/6, 0/1), Chiappelli 5 (2/3, 0/1), Buscaroli 3 (0/3, 1/2), Balducci (0/1), Salsini ne, Galletti ne. All. Loperfido.

Tre quarti d’altissimo livello non bastano alla Sinermatic per tornare in Emilia con i 2 punti. Merito di Fabriano che, nonostante un pimpante attacco ozzanese, con altissime percentuali al tiro per 30′, riesce a rimanere sempre a contatto con i biancorossi, per poi dominare l’ultima frazione e vincere 96-84. Un passivo troppo pesante quello dei Flying per quanto hanno dimostrato, ma purtroppo ancora una volta fatale è stata l’ultima frazione.

Partenza sprint per i ragazzi di coach Loperfido, che in tre minuti volano a +12 (3-15) grazie a un perfetto 5/5 dall’arco (tre bombe firmate da Bonfiglio, due da Barattini). Gulini e Petracca rispondono, sempre dall’arco, ricucendo a -6, ma dall’altra parte è capitan Folli a trovare l’ennesima tripla di serata per l’11-20 al minuto 6. Nei restanti minuti Fabriano comincia a trovare confidenza con il canestro anche dall’area e sfruttando anche i numerosi falli fischiati ad una battagliera difesa ozzanese, rientra fino al -2 alla prima sirena (22-24). Nel secondo quarto Felici timbra subito il +4 e dopo la risposta del bomber Centanni, arriva la quarta bomba di Bonfiglio per il nuovo +5 Flying. Fabriano lotta, ma non riesce mai a chiudere lo svantaggio, merito degli ozzanesi, che trovano tiri aperti da fuori con Lasagni, Buscaroli e ancora Bonfiglio (35-42 al 17’). Negli ultimi 180 secondi, Fall e Verri fanno male alla difesa ozzanese, soprattutto l’ex San Vendemiano che, sulla sirena, trova da quasi 8 metri il -2 Ristopro (44-46). Nel terzo periodo la partita resta sempre in equilibrio, ma è sempre Ozzano a comandarla, con uno o massimo due possessi di vantaggio. Verri e Centanni da fuori, Petracca e Stanic dal pitturato, trovano canestri importanti, ma il duo Folli-Felici nel terzo quarto è “on-fire” e la Sinermatic chiude avanti anche la terza frazione con il minimo vantaggio (62-63). In apertura dell’ultimo quarto, Fall regala alla Ristopro il primo vantaggio di serata: è il preludio della festa per gli oltre 700 tifosi di casa visto che, nell’ultimo periodo, Fabriano segnerà la bellezza di 34 punti. Troppi per Ozzano, che vede così, minuto dopo minuto, scappare gli avversari. In verità la reazione ozzanese non è mancata: dopo aver toccato il -12 (80-68 dopo l’ennesimo canestro di Verri), i Flying trovano punti importanti con Chiappelli, mentre Lasagni e Bonfiglio segnano dai 6,75 e la Sinermatic, a 5’ dalla fine, è ancora in partita, sull’82-76. Verri da 3 manda in visibilio il Palasport di Cerreto, Barattini risponde con un piazzato, Fall riporta a +9 i suoi, poi arriva uno 0-5 Flying con Barattini e la settima bomba di serata di Bonfiglio che vale il -4 ozzanese (87-83) a 180 secondi dalla fine. Dall’altra parte, però, ecco, puntualissima, la zampata decisiva: canestro e fallo di Verri più tripla di Petracca; Fabriano vola a +9 con un solo giro di lancette dal termine. Sulla sirena arriva addirittura il +12, firmato ancora una volta da Andrea Petracca. Finisce 96-84 per la Ristopro, al quinto successo di fila; finale amaro, invece, per Ozzano, che però può tornare in Emilia con la convinzione di essere sulla strada giusta per affrontare il rush finale prima della pausa natalizia nel migliore dei modi.

ANDREA COSTA 2022 – BASKET JESI ACADEMY 78 – 62

 (26-14, 49-35, 64-46)

Imola: Ranuzzi 21 (6/10, 2/5), Restelli 15 (6/6, 1/4), Montanari 11 (1/2, 3/5), Agostini 11 (1/3, 3/3), Tognacci 8 (2/4, 1/2), Marangoni 8 (1/2, 2/5), Trentin 2 (1/5, 0/1), Fazzi 2 (1/2, 0/1), Barbieri, Roli ne, Spagnoli ne. All. Grandi.

Jesi: Merletto 17 (2/4, 2/4), Marulli 11 (2/4, 1/5), Gatti 10 (1/4), Filippini 10 (3/12), Cicconi Massi 7 (2/3), Ferraro 5 (1/3), Rocchi 2 (1/7, 0/3), Valentini (0/1), Giulietti ne, Genesi ne. All. Ghizzinardi.

Come un’araba fenice, anche l’Andrea Costa risorge dalle ceneri. Una vittoria importante per il morale. Una vittoria fondamentale per preparare al meglio il derby con la Virtus Imola di domenica prossima. Dopo cinque sconfitte consecutive, i biancorossi interrompono il loro digiuno grazie ad un’ottima prestazione contro la Basket Jesi Academy. Nella “tana” del PalaRuggi, così l’aveva definita Coach Grandi alla vigilia del match, gli imolesi hanno chiuso la pratica marchigiana con il punteggio di 78-62.

I romagnoli, orfani di capitan Corcelli, costretto a dare forfait per febbre alta, sono partiti subito con il piede giusto e dopo un mini parziale iniziale di 0-5 a favore degli ospiti, hanno preso in mano il controllo del match chiudendo il primo quarto sul 26-14. Un vantaggio importante che è stato ulteriormente incrementato nella seconda frazione di gioco, fino ad arrivare all’intervallo lungo sul punteggio di 49-35. La musica non è cambiata nemmeno al rientro sul parquet, i biancorossi, trascinati da un monumentale Alex Ranuzzi, Mvp e top scorer con 21 punti, hanno continuato a mettere in difficoltà la Basket Jesi Academy con la solita buona prestazione difensiva e con ottimi scambi sotto canestro. Al suono finale della sirena, il tabellone del PalaRuggi segna 78-62 a favore dell’Andrea Costa e sulle tribune dell’impianto imolese può scoppiare la festa per una vittoria importante che mancava oramai da troppo tempo.

PALL. SENIGALLIA – ALBERTI E SANTI 78 – 83

(21-19; 44-33; 66-67)

Senigallia: Valletti ne, Santucci 21, Giacomini 16, Gnecchi, Neri 8, Valle 6, Lemmi 9, Arceci ne, Camilletti ne, Cerruti ne, Musci 8, Pozzetti 10. All. Filippetti.

Fiorenzuola Bees: Casagrande ne, Re 1, Devic ne, Caverni 18, Giacchè 9, Giorgi 6, Preti 26, Bettiolo ne, Ricci 7, Magrini 16. All. Galetti.

Punti d’oro per Fiorenzuola che sbanca il parquet di Senigallia.

All’assenza di Pederzini, si aggiunge in extremis quella di Casagrande per problemi di stomaco nell’immediato prepartita; Magrini, con la tripla in transizione, inaugura il match sul 2-5 al 3’. Preti in virata mantiene con il naso avanti Fiorenzuola, nonostante le triple di Giacomini e Neri per i padroni di casa, con la partita che tuttavia stenta ad accendersi. Pozzetti, in fade away, subisce fallo e converte un gioco da 3 punti che vale il primo piccolo strappo per Senigallia (14-9 al 6’) ed il timeout per la panchina gialloblu. Caverni riesce a far riagganciare i Bees fino al -2 grazie alla sua tripla dalla punta, chiudendo il primo parziale sul 21-19. E’ ancora Caverni a dare il vantaggio ai Bees con un’altra tripla al 13’ (23-24), ma la partita si mantiene su punteggi estremamente bassi. Neri sfrutta l’assist di Musci e riporta avanti ancora una volta Senigallia con un parziale da 8-0, costringendo la panchina di Fiorenzuola ad un altro timeout sul 31-24 al 15’. Sulla tripla di Valle, Senigallia compie uno strappo importante andando fino al +12 (36-24), ma Preti cerca di ricucire con 5 punti personali il gap che ormai sembra diventato importante. Sulla tripla a 40’’ dalla fine del numero 17 dei Bees (44-33), coach Filippetti opta per un timeout per togliere ritmo ad una possibile rimonta valdardese. Fiorenzuola prova a rientrare in campo con gli occhi della tigre con un’altra tripla di Caverni per il -7, ma Santucci risponde pan per focaccia con il tiro da dentro l’area. 48-41 al 22’. Preti, con 5 punti personali, riesce a tenere sotto la doppia cifra Fiorenzuola, ma i liberi realizzati da Santucci sul fallo di Magrini porta Senigallia sul +9 e a 18 i punti personali del numero 6. Giacchè e Preti, con altre due triple, riportano i Bees fino al -3 al 27’, prima che Ricci, col semigancio mancino, riesca a riportare a contatto Fiorenzuola: 59-58 per Senigallia e timeout pieno per coach Filippetti. Ancora il ball handing di Giacchè con seguente cameriere e la tripla di Caverni, fanno mettere la freccia a Fiorenzuola, portandola sul 61-63 al 28’. Caverni consegna il +3 nei secondi finali ai Bees, ma Giacomini, con il terzo tempo accentuato sulla destra, chiude il terzo parziale sul 66-67. E’ Lemmi, con il movimento spalle a canestro, a far scattare meglio la Goldengas nell’ultimo parziale (70-69 al 33’); Giorgi, con due movimenti in area, sia fronte che spalle, porta nuovamente l’inerzia della gara in favore dei Bees sul 70-73 al 35’. Caverni, con un gioco di prestigio, manda al bar Pozzetti con la finta e il lay up mancino del 72-77 al 38’, con Preti che sembra chiudere la gara con una tripla pesante come un macigno per il 74-80 al 39’. Sui tiri liberi di Magrini, Fiorenzuola sbanca il campo marchigiano, ottenendo una vittoria per 78-83 di grande importanza per proseguire il trend positivo in campionato.

LE GAMBERI FOODS – BAKERY 63 – 70

(21-22; 38-42; 51-55)

Cervia: Lombardo, Frigoli, Lovisotto 17, Favaretto 20, Rossi 9, Ferrari, Brighi 13, Pierucci, Stella ne, Bracci 2, Chiapparini 2, Tomcic ne. All. Conti

Piacenza: Angelucci 4, Berra 18, Korsunov 8, Coltro 6, Livelli 12, Cecchetti 21, Ringressi ne, Carone, Balestra ne, Molinari ne, El agbani 1, Agbortabi. All. Da Re.

IL CAMPETTO – VIRTUS SPES VIS 87 – 85

(33-22; 50-40; 71-68)

Ancona: Ciribeni 27 (4/8, 4/7), Panzini 17 (2/5, 3/10), Giombini 17 (3/4, 3/7), Carnovali 9 (3/4, 1/7), Bedin 8 (3/4), Ambrosin 5 (1/1, 1/2), Czoska 4 (2/2), Calabrese (0/1), Piccionne, Toure ne, Petrilli ne. All. Coen.

Virtus Imola: Galassi 18 (1/2, 5/7), Mladenov 16 (1/4, 4/8), Magagnoli 12 (4/5, 1/4), Morara 11 (4/5, 1/2), Aglio 10 (5/8, 0/4), Milovanovic 6 (3/3), Tommasini 6 (2/4, 0/2), Soliani 3 (1/2), Pellegrini 3 (1/1), Carta (0/3, 0/2). All. Regazzi.

COMPUTER GROSS EMPOLI – LA PATRIE SAN MINIATO 63 – 54

CLASSIFICA

PGVP%
Real Sebastiani Rieti1698188.9
Blacks Faenza1698188.9
Ristopro Fabriano1497277.8
Bakery Basket Piacenza1296366.7
Pallacanestro Firenze1296366.7
Pall. Goldengas Senigallia1296366.7
General Contractor Jesi1095455.6
Pallacanestro Fiorenzuola 19721095455.6
Virtus Imola1095455.6
Luciana Mosconi Ancona884450.0
Sinermatic Ozzano894544.4
Andrea Costa Imola693633.3
La Patrie San Miniato482625.0
USE Computer Gross Empoli291811.1
Tigers Romagna291811.1
Halley Informatica Matelica09090.0

C Silver, Correggio, buona la decima!

SERIE C SILVER

10° Giornata

EMIL GAS – DULCA 92 – 55

(23-16; 46-23; 69-34)

Scandiano: Mazzoli, Fikri 5, Astolfi 22, Fontanili 8, Coslovi 3, Levinskis 13, Franzoni 10, Taddei 17, Canovi, Caiti 14, Imovilli. All. Spaggiari.

Santarcangelo: Benzi, Mulazzani 6, Bonfè 2, Macaru 4, Buzzone 8, Rossi 3, Rivali, Lombardi,  James 10, Quaglia 22, Panzeri. All. Bernardi.

Una serata da dimenticare per Santarcangelo che ha fatto visita alla Pallacanestro Scandiano, quarta in classifica.

Coach Bernardi schiera in quintetto Bonfè, Mulazzani, Buzzone, James, Quaglia. Ancora fuori rosa i due senior Pesaresi e Rivali. Si parte subito con botta e risposta da tre punti. I ritmi della partita sono alti. In attacco la squadra gialloblu cerca il lungo Quaglia, contenuto molto bene, in area ma che dimostra di avere una mano educata anche da fuori, piazzando la tripla del 10-8 dopo quattro minuti di gioco. Bonfè lascia il campo per Macaru che fa il suo esordio in partita. Scandiano riesce a penetrare la difesa aggressiva di Santarcangelo portandosi sul +7. Gli Angels rispondono con una tripla di Buzzone. Due sviste difensive, però, consentono un altro mini parziale e i locali si portano sul 20-11. Coach Bernardi vuole riordinare le idee e chiama time out. Al rientro Mulazzani punisce la zona con la seconda tripla della sua partita. Alla fine del primo quarto i padroni di casa sono avanti sul 23-16. Inizia il secondo periodo e gli Angels stringono le maglie in difesa concedendo zero punti nei primi due minuti. Quaglia sale in cattedra nella fase offensiva. La difesa santarcangiolese, però, dura troppo poco e cede sotto i colpi dei padroni di casa che dimostrano di avere la mano calda dalla lunga distanza. Complici le palle perse in attacco dai riminesi, si portano sul +14. Dopo sei minuti di gioco del secondo parziale, la Dulca ha messo a segno solo 5 punti e Bernardi spende il secondo time out. Al rientro, però, la stora non cambia, Scandiano doppia una Santarcangelo spenta sul 46-23. Al rientro in campo, dopo la pausa lunga, il copione non cambia: Scandiano continua a macinare gioco chiudendo il terzo periodo sul 69-34. Nell’ultimo quarto arriva una reazione degli Angels, con delle buone soluzioni capitalizzate da Daniel James, ma i locali continuano quanto di buono fatto nei primi 30’ mettendo a segno anche tiri da 8 metri. Buzzone e Quaglia rispondono mettendo a segno due triple consecutive per accorciare il divario. Scandiano riprende, però, la marcia chiudendo la partita sul 92-55.

PALL. NOVELLARA – MBE 91 – 62

(23-17; 51-37; 69-58)

Novellara: Ferrari N. 16, Frediani, Morini 6, Folloni 20, Rinaldi ne, Ferrari T. 6, Spaggiari 1, Grisendi, Riccò 8, Malagoli 14, Doddi 16. All. Boni.

Grifo Imola: Baldissera, Fussi 14, Giovannelli 22, Creta 3, Piazza 2, Pirazzini, Calzini 6, Conti, Marabini 4, Syla 6, Pessina. All. Cappelletti.

La Grifo continua ad essere troppo timida in trasferta per poter sperare di portare a casa una vittoria. Il copione si ripete anche a Novellara.

Morini, Folloni, Riccò, Doddi e Malagoli per coach Boni; Marabini, Giovannelli, Creta, Calzini e Conti per coach Cappelletti (al rientro) sono i quintetti di partenza. Il primo quarto non vede una Grifo rinunciataria e trascinata da un Giovannelli da 12 punti, chiude sotto di soli 6 punti. Stesso copione nel secondo periodo che vede Novellara prevalere di altri 8 punti e si va all’intervallo sotto di 14 (51-37). Il divario aumenta fino al -20, quando coach Cappelletti chiama la zona 3-2 che blocca in parte le bocche da fuoco di Novellara; così Imola torna a -11 alla terza sirena. Qui, però, la Grifo decide che a gara è finita e l’ultimo quarto è una debacle con solo due canestri segnati da Fussi e Marabini. Nel garbage time finale spazio per tutti.

BASKET LUGO – DESPAR 82 – 67

(22-13; 40-23; 62-47)

Lugo: Alessandrini 5, Ravaioli 17, Mazzagatti 8, Ragazzini 8, Merendi ne, Bardi ne, Nucci 15, Meneghin 15, Arosti 5, Baroncini, Ricci ne, Canzonieri 9. All. Baroncini F.

4 Torri Ferrara: Marchetti 3, Scuderi 4, Marongiu, Ghirelli L. 8, Cavazzoni 6, Ghirelli M. 17, Monaldi, Ghirelli D. 2, D’Onofrio, Zaharia 4, Leopizzi 4, Gavagna 19. All. Villani.

Un primo tempo decisamente non all’altezza, con soli 23 punti segnati, e la 4 Torri va incontro alla decima sconfitta in campionato. Al Pala Banca di Romagna, i padroni di casa degli Aviators non fanno sconti ai granata: nonostante la rimonta dei ferraresi, Ravaioli e compagni riescono a controllare la gara fino alla sirena finale, aggiudicandosi due punti pesanti in classifica.

La prima Despar di coach Villani è tutta corsa e intensità nelle due metà campo e parte molto bene soprattutto con Gavagna, che risponde agli affondi e ai tiri dall’arco, con buone percentuali, di Lugo, trascinata da capitan Ravaioli (17 alla fine), Sono tutti di Gavagna i punti della 4 Torri nel primo quarto (13 dei suoi 19), e dopo un paio di scelte offensive sbagliate contro la zona difensiva romagnola, Nucci ne mette 6 in fila dei suoi 15 totali e chiude il periodo iniziale sul 22-13. La Despar è in grande affanno in attacco, nonostante Scuderi combatta sotto i ferri e la tripla di Ragazzini costringe al time-out gli estensi: il divario però aumenta e ancora Ragazzini fa 32-17 dall’arco. Lugo cambia così marcia, la 4 Torri pasticcia ed è il solo Leopizzi a provare a suonare la carica in attacco e in difesa. I ferraresi concedono troppo agli avversari nel proprio pitturato e alla sirena di metà partita gli Aviators conducono 40-23. I granata continuano a litigare con i ferri del Pala Banca di Romagna e Lugo ritorna sul massimo vantaggio di 19 lunghezze, in una partita sempre più nervosa per i molti contatti fisici sul parquet. Come si è già visto in questa stagione, nella difficoltà arriva la reazione della 4 Torri, che in difesa forza palle perse avversarie: sul contropiede del -15 di Luca Ghirelli, coach Baroncini ferma il gioco. Lo spettro dei troppi rimbalzi offensivi concessi è sempre in agguato per i granata e il lungo Mazzagatti fa la voce grossa sotto canestro; Ferrara è però in ritmo, Luca e Daniele Ghirelli segnano il -11, tuttavia la tripla di Meneghin (15 al termine) smorza gli animi degli ospiti. Lugo riprende le redini della gara, nonostante nel frattempo si sia sbloccato capitan Ghirelli, fino a quel momento decisamente fuori dalla partita, e i 5 punti in fila di Nucci ricacciano indietro la Despar sul 62-47 di fine quarto. I biancoverdi, però, continuano a perdere palloni in attacco e la 4 Torri, adesso in fiducia, ne approfitta con le triple di Cavazzoni e Matteo Ghirelli (17 punti), fino al -6; sotto i ferri è Marchetti a tenere a bada i lunghi avversari, ma la Despar manca il colpo decisivo per riaprire definitivamente il match sul -6 e palla in mano. La fatica della rimonta si fa sentire e ci pensano ancora Ravaioli, Mazzagatti e Meneghin a chiudere i conti sull’82-67.

CVD BASKET – OMEGA BASKET 62 – 44

(11-18; 27-26; 43-37)

Casalecchio: Tabellini 14, Magnolfi, Sciarabba 5, Rossi 6, Fuzzi 3, Venturi 6, Campanella 16, Lelli 10, Biguzzi, Bertuzzi 2, Taddei ne. All. Baiocchi.

Omega: Madella 2, Guazzaloca 9, Nanni 2, Mengoli 2, Ceccolini 3, Webber 12, Rizzati, Perini 6, Saccà 8. All. Nannetti.

SCUOLA BASKET FERRARA – MAGIK BASKET 38 – 65

(13-27; 17-41; 25-51)

S.B. Ferrara: Xalisa 2, Manfrini, Vigna 1, Rimondi 6, Seravalli, Costa 2, Trinca 8, Romagnoni, Berti 9, Mascaro 2, Fiore 8. All. Mancin.

Magik Parma: Pedron 4, Parente 4, Malinverni 10, Colonnelli 10, Brogio 11, Gorreri ne, Arbidans 10, Diemmi 6, Tognato 6, Giorgino 4. All. Donadei.

GAETANO SCIREA BASKET – VENI BASKET 56 – 59

(11-28; 21-42; 40-54)

Bertinoro: Maltoni, Sovera 5, Monticelli 9, Flan 17, Bassi 8, Coralli, Giorgini 6, Baietta, Zoboli 7, Palazzi, Torelli 4. All. Rustignoli.

San Pietro in Casale: Pastore 13, Ghedini 5, Boughattas, Miolli, Lenzi 9, Frignani 6, Patrese ne, Bulgarelli ne, Bondioli, Zanellati 8, Ramzani 18. All. Castriota.

PALL. CORREGGIO – VIRTUS MEDICINA 61 – 55

(11-17; 31-32; 45-52)

Correggio: Messori 7, De Toni ne, Moscardini ne, Morgotti 5, Sutera ne, Pini 9, Guardasoni L. 11, Zamparelli 5, Riccò 7, Guardasoni M. 8, Vivarelli 4, Lavacchielli 4. All. Stachezzini.

Medicina: Vandi 6, Curione 3, Poluzzi 12, Sabattani 7, Cattani 1, Lorenzini 2, Bergami 4, Musolesi 15, Martini 2, Galvani ne, Martelli 3. All. Dalpozzo.

Correggio vince il big-match al termine di una sfida quasi sempre vissuta all’inseguimento.

Primo quarto che inizia contratto per ambedue le formazioni: Medicina con Sabattani e Musolesi allunga trovando buona difesa e discreta circolazione di palla. Secondo periodo e Virtus che rallenta e non trova più il canestro, Correggio si riavvicina e riapre la contesa portandosi a -1 all’intervallo (31-32). Terza frazione e la Virtus torna ad essere pimpante: buona difesa, transizione offensiva, palla che si muove a tempo e parziale di 14 a 20, con Medicina nuovamente al comando delle operazioni. Ultimo quarto e Correggio rientra esprimendo più energia, lucidità ed interpretazione del momento partita. Virtus che, a qualche errore difensivo, somma l’errore peggiore che è quello di perdere ritmo in attacco, eccedere nei palleggi e far stagnare il gioco su un quarto di campo che è quello che Correggio vuole. Il risultato è che fare canestro diventa complicatissimo e nel finale in volata, sono i padroni di casa a trovare la vittoria.

REBASKET – ACQUA CERELIA 78 – 68

(23-17; 44-36; 59-50)

Rebasket: Piccinini, Bertozzi, Vezzali ne, Coradeschi 12, Oziegbe 4, Rovatti 17, Petrolini 4, Catellani, Amadio 11, Bertolini 11, Bovio 19, Maramotti ne. All. Casoli.

San Lazzaro: Negroni 1, Micheli 18, Baldi 14, Gamberini 13, Domenichelli 10, Nanni 6, Comastri 2, Vanti ne, Pontieri 4, Rossi. All. Nieddu.

CLASSIFICA

CORREGGIO2010100753586+167
MAGIK PARMA181091822665+157
VIRTUS MEDICINA161082689626+63
PALLACANESTRO SCANDIANO141073789670+119
BASKET LUGO121064804737+67
CVD CASALECCHIO121064628598+30
VENI SAN PIETRO IN CASALE121064632655-23
SCUOLA BASKET FERRARA101055709699+10
ANGELS SANTARCANGELO101055787793-6
NOVELLARA81046758777-19
REBASKET REGGIO E.81046703776-73
OMEGA BOLOGNA81046680796-116
BSL SAN LAZZARO41028686743-57
GRIFO IMOLA41028645732-87
GAETANO SCIREA BERTINORO41028607708-101
4 TORRI FERRARA010010669800-131

           

C Gold, Ferrara si riscatta!

SERIE C GOLD

9° Giornata

BMR – NETSERVICE 80 – 75

(19-25; 44-37; 56-57)

Basket 2000 Reggio Emilia: Aguzzoli 10, Paparella 2, Dias 13, Longoni 20, Terreni 2, Longagnani, Sakalas 6, Ferko, Vezzoli, Codeluppi, Magni 17, Merlo 10. All. Diacci.

Sg Fortitudo Bologna: Battilani 6, Balducci 11, Selvatici, Tosini 28, Serra, Lalanne, Marani, Pederzoli 5, Ranieri 12, Degli Esposti Castori 2, Zinelli 6, Zedda 5. All. Mondini.

Quinta vittoria consecutiva per la Bmr, che doma la strenua resistenza della SG Fortitudo Bologna e rimane in vetta al campionato insieme al Bologna Basket 2016 ed al Ferrara Basket 2018.

Gara in altalena, quella del PalaRegnani, con gli ospiti che chiudono avanti il primo ed il terzo quarto, mentre gli uomini di Diacci si fanno preferire nei periodi “pari”: ad un minuto dalla fine, con la Bmr avanti 77-71, Balducci fa due volte 1/2 dalla linea della carità, mentre, a chiudere i conti, è Longoni (miglior marcatore dei suoi con 20 punti), che strappa il rimbalzo dell’80-73, dopo un libero sbagliato da Sakalas. Serve solo alle statistiche, infine, il canestro sulla sirena di Tosini.

OLIMPIA CASTELLO 2010 – ANZOLA BASKET 82 – 62

PREVEN – C.M.P. GLOBAL BASKET 71 – 59

(12-17; 30-33; 53-53)

Zola Predosa: Chiusolo 2, Cesana 11, Folli 16, Pavani 4, Degregori 7, Errera ne, Bavieri 4, Bianchini 16, Penna 1, Barbato, Albertini 10. All. Cavicchi.

CMP: Valenti, Presti, Fin 8, Lelli, Cresti 2, Tomesani 5, Sorrentino 18, Ranocchi 9, Lanzi 8, Trombetti 2, Lajsz 7, Minerva ne. All. Rota.

CHEMIFARMA – GUELFO BASKET 64 – 66

(16-18; 30-35; 46-53)

Forlimpopoli: Benedetti 8, Brighi 18 Lazzari 3, Naldini 3, Agatensi, Biandolino 6, Rossi 14, Chiari 3, Donati ne, Gorini, Ruscelli, Farabegoli 9. All. Agnoletti.

CastelGuelfo: Carella 2, Avoni ne., Torreggiani 12., Murati 9, Sinatra 12, Goi, Franchini 1, Frassineti ne, Savino 6, Naldi 13, Santini 4, Carpani 7. All. Agresti.

Ormai consueto copione stagionale, con finale in volata per i Baskèrs anche se leggermente diverso da quello di Anzola, questa volta gli artusiani cedono l’onore delle armi, davanti ad un cospicuo pubblico amico quanto rumoroso, ad un Guelfo per lunghi tratti avanti nel punteggio e parso più lucido negli ultimi giri di lancette.

Decisivo, per gli ospiti, il contributo della panchina: se il piano partita di Agnoletti tiene sotto media gli esterni titolari, dalla panca si alza un razzente Torreggiani (un 2004, rebus per la difesa romagnola), mentre Savino piazza due triple sorprendenti. Quando i padroni di casa, sospinti dallo stoico rientrante Farabegoli pur con autonomia limitata, parevano aver indirizzato definitivamente le sorti della gara (62-59 del 37’) risalendo dal -10 del 25’, si piantano sul più bello subendo lo sprint finale di Naldi (gioco da tre punti a -4”, senza fallo immediato, con ancora uno da spendere per il bonus) che, dopo il precedente 0/2 ai liberi dello stesso Farabegoli, regala sul vassoio d’argento la vittoria agli ospiti.

FERRARA BK 2018 – FOPPIANI 77 – 75

(20-15; 34-33; 53-49)

Ferrara: Giovinazzo, Romondia, Tognon 1, Costanzell 15, Cattani, Mujakovic 3, Seravalli 18, Yarbanga 15, Ciaroni, Verrigni 10, Agusto 8, Fabbri 7. All. Castaldi.

Fidenza: Biorac 4, Ramponi, Kumer, Marchetti, Scattolin 7, Galli 12, Di Noia 13, Massari 5, Obiekwe 17, Miaschi, Beltadze 2, Markovic 15. All. Bertozzi.

MOLIX – DILPLAST 61 – 82

(16-22; 32-41; 48-61)

Molinella: Guazzaloca 6, Brandani, Prati, Cobianchi, Bianchi 11, Zanetti 16, Sanna 10, Govi 3, Lazzarini ne, Besozzi 4, Ndaw Saliou 11. All. Giuliani.

Montecchio: Riccò 4, Germani 18, Illari 4, Negri 4, Paulig 15, Sinisi 21, Paterlini 2, Ramenghi 2, Vecchi 5, Pedrazzi 7. All. Cavalieri.

E80 GROUP – ALLIANZ BANK 74 – 77

(17-19; 27-35; 46-56)

Castelnovo Monti: Biraghi 7, Sgura, Sieiro 10, Marazzi, Magnani 15, Pocius 14, Ciano, Saccone, Bravi 15, Morini,, Parma Benfenati 13. All. Fels.

BB2016: Ghini, Tinsley 17, Conti 13, Ballini, Oyeh, Fontecchio 13, Kuvekalovic 18, Tripodi, Beretta 9, Ben Salem 4, Guerri 3. All. Lunghini.

Partita autorevole del Bologna Basket 2016 che, sul difficile campo della LG Competition, porta a casa un incontro condotto avanti per quasi tutti i quaranta minuti. La squadra di Lunghini si conferma in grande crescita, centrando la quarta vittoria consecutiva e restando al comando della classifica insieme a Ferrara e Scandiano.

Nel match di Castelnovo Monti, il BB2016 è riuscito a trovare un buon feeling con il canestro, soprattutto sulla media e corta distanza (20/35 da 2), ha difeso egregiamente con la sempre fruttifera zona 2-3 (alternata con una uomo comunque efficace) ed è stato finalmente preciso dalla lunetta (13/16). Una prestazione matura e giudiziosa, insomma, anche se nel finale, qualche errore di troppo, ha fatto riavvicinare i castelnovesi.

La cronaca. Primo quarto interlocutorio con le squadre sempre a contatto. L’equilibrio permane anche per metà seconda frazione, quando Fontecchio dà una prima accelerata per il +7. Poi Kuvekalovic e Beretta chiudono metà gara da sotto canestro per il massimo vantaggio di +8. Alla ripresa, il BB2016 prova la fuga con tre triple consecutive di Tinsley, Kuvekalovic e Conti. Il vantaggio dei bolognesi raggiunge anche le 17 lunghezze, ma i padroni di casa reagiscono con veemenza (nonostante un tecnico contro) e riducono il margine a -10. A inizio ultima frazione i felsinei rallentano il ritmo e la LG comincia a bersagliare il cesto con tiri pesanti, arrivando anche al -4. Ma una salva di bombe (1 di Kuvekalovic e 2 di Tinsley) riportano gli ospiti a distanza di sicurezza, sul punteggio di 64-73 a 1’50” dal termine. Parrebbe finita, ma due triple e un canestro da 2 permettono ai castelnovesi di trovarsi addirittura ad un solo punto di distanza. Però Conti e Tinsley, mandati in lunetta col fallo sistematico, non tremano, fanno 4/4 e conducono in porto la nave rossoblu.

CLASSIFICA

BASKET 2000 SCANDIANO14972745664+81
BOLOGNA BASKET 201614972753681+72
FERRARA BASKET 201814972694658+36
FULGOR FIDENZA12963727692+35
OLIMPIA CASTEL SAN PIETRO12963685652+33
LG COMPETITION CASTELNOVO10954709689+20
S.G. FORTITUDO BOLOGNA8945618595+23
ARENA MONTECCHIO8945703723-20
FRANCESCO FRANCIA ZOLA8945627666-39
BASKERS FORLIMPOPOLI6936637656-19
GUELFO CASTEL GUELFO6936687714-27
ANZOLA BASKET6936681756-75
CMP GLOBAL BOLOGNA4927583634-51
PALL. MOLINELLA4927654718-64
1 2 3 269