Monthly Archives: gennaio 2016

C Gold, Piacenza sconfigge i Tigers e Imola la 4 Torri. In C Silver, Medicina fa la… Barba al Guelfo

SERIE C GOLD

GAETANO SCIREA – LA.CO 86 – 81

(26-19; 41-34; 59-50)

Bertinoro: Zanotti, Riguzzi 18, Cristofani 4, Ruscelli, Merenda 1, Bravi 4, Brunetti 5, Ricci 15, Farabegoli 6, Delvecchio 12, Godoli 9, Solfrizzi 12. All. Brighina.

Ozzano: Saccardin 2, Pasquali 5, Verardi 1, Rossi 12, Lalanne, Carretti12, Teglia, Guazzaloca13, Ballestri ne, Rambelli 6, Gianasi 30. All. Grandi.

Serata amara per i New Flying Balls, usciti sconfitti 86 a 81 dalla Palestra Polivalente di Bertinoro. Una nuova battuta d’arresto che di certo non fa bene alla classifica visto che i due punti in palio sono andati proprio ad una delle dirette inseguitrici per raggiungere la salvezza diretta. Oltre a Castellari, coach Grandi deve fare a meno anche di Mini causa influenza. La La.Co resta in partita solo i primi 3 minuti, poi la Scirea punisce a ripetizione una disattenta e molle difesa, e in pochi minuti i padroni di casa volano a +12. Le bombe di Guazzaloca riducono il passivo a -7 alla prima sirena, ma nella seconda frazione la musica non cambia. Una difesa irriconoscibile (se confrontata a quella di sabato scorso contro Fiorenzuola) oltre a numerose palle perse dovute ad un’ottima intensità difensiva da parte dei romagnoli, portano Beritnoro nuovamente sopra la doppia cifra di vantaggio. In apertura terzo periodo Ozzano da segnali di risveglio e in due minuti sfrutta i canestri di Gianasi e Carretti per tornare a -3. Ma proprio nel momento migliore dei ragazzi di Ozzano, dall’altra parte il solo Riguzzi si inventa un 9 a 0 di parziale per il nuovo +12, una vera mazzata per le “palle volanti”. Nell’ultimo quarto i New Flying Balls cercano di ricucire il gap, ma in impostazione di gioco perdono ancora troppi palloni regalando facili contropiedi ai padroni di casa. Nel finale, a partita ormai chiusa, le triple di Rambelli e Gianasi (30 punti) servono solamente per ridurre il passivo.

PONTEVECCHIO – FIORENZUOLA 71 – 68

(15-12; 35-29; 57-50)

Pontevecchio: De Pascale 15, Martelli 9, Tinti 9, Magagnoli 12, Di Rauso 14, Franchini ne, Riguzzi, Brancaleoni 4, Verdi 4, Benuzzi ne, Bergami 4, Buriani ne. All. Lepore.

Fiorenzuola 1972: Galiazzo 11, Moscatelli 6, Colonnelli 17, M. Lottici, Garofalo 18, Cavagnini ne, Sichel, Grosso 7, Beltran 9, Trobbiani ne, Giani ne. All. S. Lottici.

BMR – SALUS 81 – 61

(30-17, 47-28, 59-43)

Basket 2000 Scandiano: Malagutti 11, Ferrari 3, Bertolini 11, Bartoccetti 19, Astolfi Gia. 2, Astolfi Giu. 6, Farioli 10, Levinskis 2, Pugi 10, Germani 7. All. Spaggiari.

Salus Bologna: Busi 10, Fimiani 7, Savio 3, Nucci 23, Zuccheri 1, Veronesi 5, Percan 5, Granata 5, Venturi ne, Parma Benfenati ne, Trentin 2. All. Giuliani.

Terza vittoria in altrettante gare del 2016 per la Bmr, che si impone nella prima dell’anno sul parquet del PalaRegnani senza lasciare scampo alla Salus, grazie anche a cinque uomini in doppia cifra. L’inizio di gara vede Nucci (autore di 11 dei primi 12 punti ospiti) provare a portare avanti i bolognesi, ma Bartoccetti risponde con un primo quarto strepitoso (12 punti in 10’, con 3/3 da due, 1/2 da tre e 3/3 ai liberi), permettendo ai padroni di casa di chiudere il primo periodo sul 30-17. In apertura di secondo quarto una tripla di Granata porta a -10 gli ospiti, poi è di nuovo la Bmr a prendere in mano il match toccando il +19 sul 47-28 a 42” dalla sirena di metà gara, grazie alla conclusione dai 6,75 di Bertolini. La Bmr tocca le 20 lunghezze di vantaggio ad inizio ripresa, col 51-31 fissato da Malagutti al 23’, e sembra poter chiudere anticipatamente i giochi, ma un parziale di 0-7 in meno di 2’ della Salus riporta gli ospiti a -13; nel finale di terzo quarto le due contendenti battagliano parecchio, con Busi che dalla lunetta trova i canestri del 55-43, prima che la coppia Malagutti-Bartoccetti firmi il 59-43 con cui le squadre vanno all’ultimo riposo. La spinta ospite, però, si esaurisce sul canestro di inizio quarto periodo di Trentin, che vale il -14: la Bmr, a quel punto, allunga con decisione e conduce in porto il successo, dilagando nel finale e mandando a segno tutti gli effettivi, senza dimenticare l’ennesima doppia doppia di Farioli (10 punti e 11 rimbalzi) e l’80% dal campo di Pugi.

NPC – DESPAR 79 – 73

(19-22, 40-42, 61-57)

VSV Imola: Sassi ne, Poluzzi 11, Minghè ne. Grillini 13, Di Placido ne, Corcelli 3, Guglielmo 7, Francesconi, Chiappelli 15, Porcellini 15, Filippini 15. All. Alfieri.

Ferrara: Chiusolo 7, Bergamin ne, Fenati ne, Brandani, Govi 5, Parmeggiani 23, Lugli 5, Martini, Pasquini 12, Magni, Agusto 18, Albertini 3. All. Cavicchioli.

E il pokerissimo è servito. O scala reale, se preferite. Il successo, sofferto, difficile, combattuto conquistato con Ferrara vale molto di più del secondo posto in classifica e il vantaggio negli scontri diretti con gli estensi. Vale la quinta vittoria consecutiva per i gialloneri, che chiudono il ciclo terribile di fine 2015 e inizio 2016 come meglio non potevano, con avversari come Piacenza, San Marino e 4Torri battuti col gioco e col carattere. Vale la consapevolezza di essere una Squadra con la S maiuscola, pur senza Morara a letto con la febbre a 39 e con Porcellini che lascia col fiato sospeso per una botta alla caviglia. Vale, a questo punto, il ruolo di anti Forlì a tutti gli effetti.

Il “momento Virtus” questa volta arriva a fine terzo quarto. Sul 51-55 per Ferrara, Imola mette a segno un parziale di 10-0 che cambia il volto del match. Fino ad allora, infatti, la Virtus aveva sempre inseguito (sotto anche di 12), fatto salvo per i primissimi minuti. Da lì in poi Guglielmo e compagni non si fermano più e prendono non proprio il largo (perché la forbice di vantaggio non è mai oltre gli 11 punti), ma ormai sono padroni della partita. Così sembra, almeno. Ma se Ferrara è seconda un motivo ci sarà. Nel suo momento peggiore, infatti, gli estensi ritrovano la quadra e si rifanno sotto minacciosi. A 3’31” Parmeggiani segna il canestro che vale il -4. Tutto da rifare. Gli ultimi minuti saranno interminabili. 100 secondi alla fine: la bomba di Grillini si ferma sul ferro. In contropiede Agusto firma il meno due, ma sbaglia il libero aggiuntivo concesso per fallo (il quinto) di Corcelli. Non sbaglia invece Grillo che dalla lunetta è implacabile. Siamo a 47” dalla sirena. Imola è ancora avanti di quattro.  Gugliemo è superbo in difesa e subisce fallo da Parmeggiani (anche per lui è il quinto). È l’azione chiave. Porcellini, da vecchia volpe, conquista un fallo e va ai liberi. Il suo due su due è una sentenza di condanna.

ASSET BANCA – PSA 90 – 52

(29-10; 48-35; 69-41)

San Marino: Frigoli 8, Polverelli 12, Gambi, Cardinali 10, Borello, Ravaioli 12, Zannoni 17, Balestri 6, Tonini 5, Caronna 12, Gamberini 6, Macina 2. All. Foschi

Modena: Burresi 13, Macchelli 4, D’Imprima, Pulvirenti 2, Bertoni 6, Tamagnini 2, Frilli 10, Ritacco 1, Perricone 3, Biscaro 11. All. Solaroli.

Se fin dall’avvio Frigoli accende il motore (9 assist), gli esterni alzano i giri (39 punti il combinato tra Cardinali, Zannoni e Ravaioli), e i lunghi mettono la firma in calce (56-26 a rimbalzo, 36 punti e 32 carambole raccolte tra Caronna, Gamberini, Balestri e Polverelli), per I Titans partite come quella odierna contro un gruppo in difficoltà tecnica e di fiducia come Modena sono destinate a non aver storia. L’Asset Banca sonnecchia solo nel secondo quarto, quando concede 25 punti ai modenesi, mantenendosi comunque sempre in divario di sicurezza sopra la doppia cifra. Quando poi inizia a giocare è irresistibile, per Modena e per gli occhi. Con una ripresa da 42-17 i Titans schiantano gli ospiti e regalano a coach Foschi la vittoria n. 11 in regular season, guadagnando punti preziosi su avversari del treno playoff che oggi hanno sofferto un passaggio a vuoto (Ferrara, Fiorenzuola, Salus e la perdente del posticipo di domani tra Piacenza e Tigers).

POL. LIBERTAS GHEPARD – POL. CASTELFRANCO EMILIA 66 – 97

(18-17; 30-47; 50-70)

Ghepard: Sandrolini 12, Millina 2, Tapia 6, Aldieri, Beccaletto 5, Dalla 5, Rizzatti 11, Fantuzzi 4, Failoni, Ghedini 18. All. Damaschi.

Castelfranco Emilia: Romagnoli 5, Tomesani 17, Zucchini 16, Lavacchielli 11, Biello 7, Villani 7, Del Papa 2, Tedeschini 17, Pedroni, Lusvarghi 6, Righi 10. All. Boni.

Dura solo un quarto la partita della Ghepard che, pur non arrivando a questa sfida salvezza nelle migliori condizioni fisiche, rinuncia troppo presto a lottare per la posta in palio. Il primo quarto è ben giocato da entrambe le squadre, con Ghedini pronto a rispondere ai canestri di Zucchini, sia dalla distanza che con penetrazioni che lo mandano ripetutamente in lunetta. E’ nel secondo quarto la chiave del match, sicuramente viziato dai numerosi falli fischiati dalla coppia arbitrale, soprattutto a discapito di un Fantuzzi, costretto alla panchina. E’ qui che trovano con facilità la via del canestro Villani, Tedeschini e sono buone le percentuali di tiro dal perimetro di Zucchini e Tomesani che di fatto chudono il match, permettendo a Castelfranco di raggiungere il +17. C’è un tentativo di reazione Ghepard nel terzo quarto, con raddoppi sistematici sui pick&roll, che portano a qualche palla recuperata, ma le percentuali di tiro non sono sufficienti per ridurre lo svantaggio ed Il tempo si chiude in sostanziale equilibrio. Dura solo venti secondi la partita di Fantuzzi nell’ultimo quarto e con il suo 5° fallo la partita scivola sui binari del nervosismo. Il bollettino delle sanzioni del match vede 4 falli tecnici (2 per parte) e le espulsioni di Beccaletto ed Aldieri.

POL. PIACENZA CLUB – TIGERS BASKET 2014 81 – 68

(22-18; 40-39; 63-57)

Piacenza BC: Verri 17, Galli 7, Degrada 16, Massari 2, Pirolo ne, Inzani ne, Livelli ne, Gorla 8, Tagliabue 4, Sifford 8, Bracci 2, Merchant 17. All. Galli.

Tigers Forlì: Valgimigli ne, Tugnoli 11, Giampieri 3, Mossi 19, Gurini 11, Poggi ne, Valentini 13, Villa ne, Donati 9, Agatensi, Biffi ne, Cacciavillani 2. All. Conti.

Verri apre le danze al primo possesso con una tripla che suona da grido di battaglia, ma la partita rimane equilibrata nei primi 5′, con il canestro di Mossi a fissare il risultato 9-8. Degrada accende il motore, e con un canestro di pregevole fattura prova a far allungare i biancorossi, ma per Tigers Basket, Valentini accorcia le distanze con una bomba siderale all’8′ (16-13). Per il Piacenza Basket Club, Sifford consente di terminare il primo quarto sopra di quattro lunghezze sul 22-18. Nel secondo parziale Cacciavillani riesce a far mettere il naso avanti ai Tigers per la prima volta, prima che Bracci impatti nuovamente il punteggio in parità al 13′ sul 26-26. Con un’importante giocata, che gli vale tre tiri liberi consecutivi, capitan Massari scalda il PalaBanca, portando Piacenza ancora sul doppio possesso di vantaggio al 16′: 32-28. Al 19′ Tugnoli impatta nuovamente la partita sul 35-35, confermando le grandi qualità cestistiche della squadra neroarancio. Merchant con una tripla senza ritmo prova a dare una spallata alla gara, ma Mossi risponde pan per focaccia. Il parziale si chiude ancora su un sostanziale equilibrio, con Piacenza avanti di una sola lunghezza, 40-39. Nel terzo quarto, dopo una fase iniziale di sostanziale equilibrio, è Verri con una giocata da addirittura 4 punti a dare a Piacenza il massimo vantaggio al 25′ sul +8. E’ lo stesso Verri, pochi istanti dopo, a recuperare un pallone prezioso e a catapultarsi in contropiede per la doppia cifra di vantaggio. 54-44. Forlì, non a caso, è la capolista del campionato, e reagisce da ottima squadra grazie alla scorribanda di Tugnoli che costringe coach Galli a chiamare un timeout discrezionale. Piacenza prosegue a comandare la partita, ma Gurini al 29′ realizza un importante canestro che riporta Tigers Basket sul -6. Un ottimo assist di Milo Galli per Gorla fa prendere fiato ai ragazzi di coach Alessandro Galli, prima che Merchant concluda a suo modo, con una penetrazione di pura agilità e potenza, il terzo quarto sul 63-57. Gli ultimi dieci minuti iniziano con un gioco molto fisico da ambo i lati. La posta è importante, e nessuna delle due squadre intende fare un passo indietro. Sifford fa la voce grossa sotto le plance, mentre nelle fila di coach Conti si assiste a una sbandata al 34′, quando Milo Galli riporta il Piacenza Basket Club sul +8: 70-62. Tigers dimostra di avere sette vite, riavvicinandosi prepotentemente alla targa biancorossa grazie a Gurini.           Degrada in contropiede da una spallata forse decisiva alla partita al 39′: 76-66. La tonante stoppata di Sifford pare mettere i titoli di coda al match, con coach Conti costretto a settantasei secondi dalla fine a chiamare un disperato timeout sul -10. Il PalaBanca ribolle sull’ennesima tripla di Degrada, prima che l’asse americano Sifford-Merchant metta la parola fine all’incontro. La partita si chiude sull’81-68.

CLASSIFICA

TIGERS FORLI’ 26 16 13 3 1345 1087 +258
VSV IMOLA 24 16 12 4 1232 1014 +218
PIACENZA BC 24 16 12 4 1268 1090 +178
BASKET 2000 SCANDIANO 24 16 12 4 1169 1013 +156
SAN MARINO 22 16 11 5 1156 1036 +120
4 TORRI FERRARA 22 16 11 5 1213 1104 +109
FIORENZUOLA 1972 18 16 9 7 1240 1165 +75
SALUS BOLOGNA 18 15 9 6 1062 1066 -4
FLYING BALLS OZZANO 14 16 7 9 1229 1174 +55
BSL SAN LAZZARO 12 15 6 9 853 960 -107
GAETANO SCIREA BERTINORO 10 16 5 11 921 1045 -124
PONTEVECCHIO BOLOGNA 10 16 5 11 1034 1164 -130
CASTELFRANCO EMILIA 8 16 4 12 1178 1277 -99
PSA MODENA 4 16 2 14 902 1296 -394
GHEPARD BOLOGNA 2 16 1 15 963 1274 -311

GUELFO – BERNAITALIA 89 – 95 d2ts

(15-15; 31-34; 47-55; 70-70; 82-82)

Castel Guelfo: Bernabini 2, Lucchi 2, Pieri 6, Ventura ne, Sabattani 2, Minghetti ne, Venturoli 16, Giordani 14, Paluan 24, Casagrande 17, Miceli 6, Ginevri ne. All. Serio.

Medicina: Tazzara, Marinelli 8, Govi 15, Sighinolfi 20, Biguzzi 15, Lorenzini 3, Spadoni ne, Ballardini 2, Barba 14, Musolesi 13, Canovi 2, Seracchioli 3. All Curti.

Niente da fare, non sono bastati due tempi supplementari al Guelfo per avere la meglio nel derby contro la Virtus Medicina. E il risultato potrebbe essere giusto visto che i padroni di casa hanno inseguito per trentacinque minuti buoni. Il rammarico viene quando sorpassi e, a 38” dal termine, sei addirittura in vantaggio di 4 punti. Fatto sta che Medicina prima accorcia con Sighinolfi e poi pareggia, sulla sirena, con Marinelli. Nella prima frazione supplementare continua a regnare l’equilibrio. La differenza la fa l’under Barba nel secondo overtime, dove infila una bomba sul suono dei 24″ che dà il +6 e lancia la fuga ospite. Ed è ancora lui a chiudere la partita quando comincia il valzer del fallo sistematico.

LUGO – GRANAROLO BASKET 85 – 76

(19-19; 43-38; 59-60)

Lugo: Baroncini 4, Pasquali 3, Cortesi ne, Romagnoli ne, Nieri 10, Legnani 30, Hand 21, Presentazi 5, Scardovi, Guerra ne, Guaglione ne, Zhytaryuk 11. All. Galetti.

Granarolo BK: Iannicelli ne, Nobis 3, Marchi 17, Spettoli 13, Paoloni, Tugnoli 9, Bonetti 13, Torriglia 1, Bertuzzi 8, Brotza 4, Ferri 8. All. Trevisan.

Uno strepitoso Legnani (30 p.ti, 11 rimbalzi e 45 di valutazione) guida l’incerottata Orva Lugo (senza Cortesi da tempo e senza Serravalli infortunatosi nell’ultimo allenamento) fuori dalla palude in cui l’aveva spinta l’ottima squadra di Trevisan, autrice di una partita gagliarda e volitiva al Pala Banca di Romagna nonostante sia stata un po’ penalizzata dal metro arbitrale (28 falli a 16, con solo 5 personali sanzionati a Lugo nella seconda metà gara…).
Granarolo mostra subito di non avere timori e con il ’96 Bonetti (autore dei primi 7 punti degli ospiti) parte a razzo (4-9 al 4’30”). Capitan Legnani e una tripla di Presentazi danno la parità a Lugo in 1′ (9-9) ma ancora Bonetti riporta in vantaggio gli ospiti. La partita è molto fisica anche se il divario di stazza è notevole (Granarolo sembra una squadra giovanile al cospetto dei giganti di Lugo….) ma gli ospiti tengono il campo con grande autorità. Due triple dell’ex Bertuzzi danno il +3 a Granarolo (16-19 al 9’30”) ma un gioco da 3 punti di Legnani manda le squadre alla prima pausa sul 19-19. In apertura di secondo quarto Lugo sposta il gioco vicino ai tabelloni e arma Zhytaryuk e Nieri: parziale di 9-0 e prima spallata di Lugo alla partita. Trevisan chiama timeout e in uscita  dal minuto Marchi rompe il digiuno degli ospiti con una tripla, ma Lugo risponde con Hand e prova a scappare con la tripla di Pasquali (33-24 al 15′). Sempre Marchi buca a ripetizione la difesa di Lugo e tiene a galla Granarolo (36-27 al 16′), poi 4 punti consecutivi di Brotza danno il la al recupero degli ospiti che si concretizza con due triple di Marchi e Nobis (37-37 al 18’30”). E’ il solito Legnani che segna 6 punti consecutivi per il 43-38 con cui le due squadre vanno negli spogliatoi al 20′.
Il terzo periodo comincia, come il secondo, con un deciso allungo di Lugo, propiziato da Hand e Nieri, che raggiunge il massimo vantaggio della partita (53-42 al 24′). Spettoli realizza 5 punti consecutivi dando il la al 4-15 con cui gli uomini di Trevisan, con grande grinta, riacciuffano la parità (57-57 al 29’20”). Ancora una volta è Legnani che riporta davanti Lugo, ma Spettoli allo scadere, con una tabellata da oltre metà campo, manda le squadre all’ultimo riposo con Granarolo in vantaggio 59-60. L’ultimo emozionante quarto vede partire meglio ancora una volta Lugo che con Legnani e Zhytaryuk va al +3 (65-62 al 31′). L’ottimo Ferri da il la al 2-8 con cui Granarolo ribalta la situazione (67-70 al 33′). Lugo di nuovo avanti con Legnani al 34′ (71-70) ma Marchi e Tugnoli la ricacciano a -3. Hand e Nieri riportano Lugo a +1 quando mancano 4′ alla fine (75-74). Galetti chiama timeout dopo una dubbia violazione di tre secondi fischiata a Ferri, ma al rientro Marchi ruba e assiste Spettoli per il nuovo vantaggio ospite quando mancano tre giri di orologio alla fine. Baroncini realizza una tripla fondamentale per i padroni di casa, Granarolo perde un po’ di lucidità in attacco e getta al vento due palloni mandando anche in lunetta Presentazi che realizza solo il secondo libero (79-76 al 38′). Trevisan toglie l’esausto e acciaccato Spettoli per Marchi ma la mossa non ha l’effetto sperato: Bonetti per due volte centra il ferro e Bertuzzi manda in lunetta Legnani per il +4 (80-76 al 39′). Tugnoli e ancora Bonetti centrano il ferro da 3, Bertuzzi ruba palla a Legnani e si vede stoppare il tiro da 3 dallo stesso legnani che lancia in contropiede Hand per la poderosa schiacciata in solitario che dà il +6 ai padroni di casa a 30″ dalla fine. Legnani commette il suo primo fallo al 39’40” su Bonetti, ma Granarolo mentalmente non c’è più e, sullo 0/2 del giovane play, Marchi commette fallo su Legnani e si fa sanzionare pure un tecnico permettendo al capitano di Lugo di suggellare con un 3/3 dalla lunetta (13/16 totale per lui dalla linea della carità) la sua splendida partita.

STARS BASKET – PALL. NOVELLARA 10/02/2016 – 21:00

Palestra Corticella – Via Verne 23 BOLOGNA (BO)

BOLOGNA BASKET 2011 – REBASKET 63 – 58

(18-14; 28-30; 43-44)

Bologna Basket 2011: Chiarini A. 10, Tugnoli 4, Chiarini S. 12, Guerri 2, Vorzillo 13, Nanni 11, Nasi ne, Storchi 11, Maldini. All. Morra.

Rubiera: Giglioli, Doddi 2, Roncaglia 2, Castagnaro 16, Mazza, Fassinou, Gruosso 15, Amici, Melli 5, Spaggiari 2, Riccò 16. All. Casoli.

PALLACANESTRO CASTENASO – DILPLAST 70 – 93

(12-26; 35-52; 50-70)

Pall. Castenaso: Magnani 9, Martelli, Pesino 5, Paolucci ne, Cantore 13, Montanari ne, Masini ne, Truzzi 5, Stanghellini, Guazzaloca 6, Parenti 12, Trombetti 20. All. Castelli.

Montecchio: Grisendi 5, Lombardi 9, Conte 14, Riccó 9, Guardasoni 5, Giorgi 4, Basso 8, Maggi 4, Colla 9, Ferrari 13, Marchini 13. All. Cavalieri.

GIORGINA SAFFI BASKET – L.G. COMPETITION 51 – 72

(19-13; 26-32; 37-51)

Giorgina Saffi Forlì: Biondi 2, Dall’Osso 10, Dalpozzo 12, Del Zozzo 4, Marchioni 2, Piazza 6, Ravaioli, Serrani 15, Troni. All. Giannetti

Lg Competition Castelnovo Monti: Canuti 16, Magnani 5, Ovi, Rossetti 5, Vezzosi 6, Paulig 23, Guarino ne, Mallon 8, Vanni 9, Grulli, Benvenuti, Pompili. All. Diacci.

Altra importante vittoria in trasferta della Lg sul campo di Forlì. Partenza in salita per i montanari che si trovano a fare i conti con l’infermeria. Guarino e Mammi sono a riposo forzato dopo il match con Lugo. Anche la Giorgina Saffi ha Conocchiari fermo. Dalpozzo comincia a realizzare dalla distanza (3 bombe in 5’) e Castelnovo stenta ad entrare in partita. Anche il secondo quarto vede Lg in sofferenza, ma Canuti e compagni riescono a raddrizzare la rotta. Si va negli spogliatoi con Castelnovo sopra di sei lunghezze. Grande difesa montanara nella seconda metà del match, con diverse palle recuperate e costringendo più volte i romagnoli a sforare i 24 secondi senza tentativo di finalizzazione. Grande lavoro di Magnani e degli altri giovani (Grulli in quintetto a sostituire Guarino) e tanto spazio a Benvenuti che sostiene bene il campo. Paulig mette un bel break nel terzo periodo, ma Serrani e Dall’Osso tentano una risposta continuamente rintuzzata coralmente dall’ Lg. Il divario si amplia nell’ultima frazione e Diacci dà spazio anche al giovane Pompili.

DOLPHINS – ME-CART 75 – 72

(20-21, 38-41, 59-54)

Riccione: Amadori Ma. 10, De Martin 12, Raffaelli 7, Calegari 6, Mazzotti 20, Marengo 7, Biagini 8, Serafini ne, Saccani 3, Amadori Mi. 2, Bomba. All. Domeniconi.

Cavriago: Cacciavillani 4, Fantini, Caleffi, D’Amore 16, Baroni 11, Pezzi 7, Brogio 9, Iori 24, Vecchi ne, Zecchetti 1, Dall’Asta ne. All. Martinelli.

CLASSIFICA
MONTECCHIO 30 16 15 1 1313 1086 +227
LG COMPETITION CAST. MONTI 28 16 14 2 1277 1059 +218
LUGO 24 16 12 4 1198 1014 +184
VIRTUS MEDICINA 24 16 12 4 1199 1134 +65
GUELFO CASTEL GUELFO 20 16 10 6 1211 1179 +32
GRANAROLO BASKET 18 16 9 7 1118 1141 -23
CASTENASO 16 16 8 8 1044 1031 +13
NOVELLARA 12 15 6 9 1095 1112 -17
SCUOLA BASKET CAVRIAGO 12 16 6 10 1041 1084 -43
BOLOGNA BASKET 2011 10 16 5 11 1068 1144 -76
RICCIONE 10 16 5 11 1154 1256 -102
REBASKET RUBIERA 8 16 4 12 1139 1225 -86
GIORGINA SAFFI FORLI’ 6 16 3 13 1019 1232 -213
STARS BOLOGNA 4 15 2 13 937 1116 -179

Una brutta Magika cade in casa con Civitanova. In serie B il Val d’Arda non sbaglia col Tricolore

A2/B 17° Giornata

PFF GROUP – VIAREGGIO 77 – 64

(23-20; 41-32; 60-48)

Bonfiglioli Ferrara: Nori 8, Rossi 11, D’Aloja ne, Cecconi ne, Rulli ne, Innocenti 4, Rosset 14, Miccio 21, Savelli 9, Nako Moni 1, Missanelli, Bona 9. All. Stibiel.

Viareggio: Bindelli 7, Tamagnini ne, Sinagra A., Bozic 18, Iannucci 29, Bertucci 2, Villarini, Tripalo 8, Collodi, Sinagra R. All. Orlando.

EMPOLI – MATTEIPLAST 52 – 51

(14-18, 28-27, 42-39)

Empoli: Rosellini 11, Calamai 10, Gimignani 2, Sesoldi 8, Fabbri L., Pochobradska 17, Casella, Fabbri F. ne. Van der Wardt, Balestri 4. All. Cioni.

Progresso: Morsiani 2, Cordisco 5, Occhipinti 4, Tassinari 16, Dall’Aglio, Santucci 2, Mini 6, Cadoni 11, Schwienbacher, Nannucci 5. All. Lolli.

Un finale punto a punto condanna la Matteiplast ad una sconfitta immeritata che lascia l’ amaro in bocca, sopratutto per alcuni mancati fischi nelle battute conclusive che hanno impedito alla formazione bolognese di giocarsi fino in fondo le proprie carte contro un Empoli in netta ripresa (terza vittoria consecutiva).
Partono subito forte le ragazze del presidente Civolani che, con i canestri di Tassinari (16) e Cadoni (11), trovano un allungo chiudendo il primo parziale di gara sopra di 4 punti. Nel secondo quarto i rimbalzi d’attacco penalizzano Dall’Aglio e compagne ed Empoli con la straniera Pochobradska (17) va al riposo avanti di una incollatura (28-27). Botta e risposta nel terzo quarto: i canestri di Nannucci (8) tengono in partita il Progresso ma una bomba di Rossellini (11) permette un allungo di 4 punti alle toscane ma la difesa di Cordisco e Dall’Aglio e i canestri di Occhipinti contro la zona permettono alle ragazze bolognesi di rimanere a contatto con la partita. Un canestro da tre di Balestri prova a dare il vantaggio decisivo alla formazione toscana ma le emiliane dimostrano di essere un gruppo coeso e, stringendo le maglie della difesa e con i canestri di Cadoni e Tassinari, raggiungono sul -1 le avversarie. Un arbitraggio un po’ troppo permissivo si dimentica di fischiare sull’ ultimo possesso e il tiro di Tassinari, viziato da un evidente contatto non segnalato, indirizza definitivamente la partita sui binari di Empoli.

MAGIKA CASTEL SAN PIETRO TERME – INFA CIVITANOVA MARCHE 56 – 62

(20-13; 30-30; 42-49)

Castel San Pietro: Zampiga ne, Gianolla 15, Venturi ne, Michelini, Capucci 5, Melandri, Franceschelli 7, Brunetti 9, Pazzaglia, Santucci 14, Pieropan 6, Furlani. All. Seletti.

Civitanova Marche: Zaccari ne, Gomes 13, Perini 15, Bocola ne, Trobbiani 8, Delibasic 8, Di Costanzo 9, Marinelli, Stronati ne, Manzini 9, De Luna ne. All. Melappioni.

Il primo possesso della partita vede subito una tripla a segno di Capucci. Nel primo periodo di gioco si alternano poi due break: Civitanova, sotto 8-4, piazza un 9-0 e va avanti 8-13. La Magika risponde con un 12-0 e chiude il primo quarto avanti 20-13. Riemerge Civitanova tuttavia nel secondo periodo. Gomes è la protagonista principale: 10 punti nel quarto che guidano il nuovo sorpasso ospite, prima che un contropiede a segno di Franceschelli impatti a 30 la prima metà di gara. Grande energia di Carlotta Gianolla tra le maghette, che senza Visconti e Panella, hanno le rotazioni accorciate. Al rientro dopo la pausa la Magika inizialmente riprende il vantaggio ma ancora una volta non dura. La squadra marchigiana, sotto 39-37, infila un break di 11-0 e raggiunge il massimo vantaggio sul 39-48. Nei secondi finali del quarto Franceschelli tenta la tripla e sull’errore è bravissima Gianolla ad afferrare il rimbalzo e segnare allo scadere. 42-49 dopo tre quarti di gara. La gara nel quarto periodo si fa ancor più nervosa di quanto non era in precedenza. Santucci prende ritmo e guida il recupero della Magika che impatta di nuovo la partita. Sul 50 pari Manzini segna da tre, di nuovo pari e altra tripla di Manzini, alla quale risponde ancora Santucci, sempre da oltre l’arco: 56 a 56 a 80 secondi dal termine. Una disattenzione in area costa un rimbalzo offensivo e due punti di Delibasic, che regala il nuovo vantaggio all’Infa Feba, a 58” dalla fine. La Magika perde palla in due possessi e negli ultimi secondi ricorre al fallo sistematico: 2/2 di Perini, +4 Civitanova a 12” dal termine. Errore da tre di Franceschelli, altro fallo sistematico e altro 2/2 di Perini, che chiude il risultato sul 56-62.

CESTISTICA SPEZZINA LA SPEZIA – BASKET GIRLS ANCONA 71 – 44

DEFENSOR VITERBO – LE FARINE MAGICHE ARIANO IRPINO 72 – 61 dts

SALERNO BASKET 92 – GUARNIERI BRINDISI 51 – 48

MADDALENA VISION PALERMO – C.M.O. CASTELLAMMARE DI STABIA 51 – 49

CLASSIFICA

La Spezia 34; PFF Group Ferrara 30; Magika Castel San Pietro 24; Palermo 22; Matteiplast Bologna 20; Castellamare, Viterbo, Empoli 18; Civitanova 14; Ariano Irpino 12; Viareggio 10; Brindisi, Ancona, Salerno 6.

SERIE B 14° Giornata

A.I.C.S. BASKET FORLI’ – NEW BASKET MIRANDOLA 49 – 58

BK CLUB VAL D’ARDA – REGGIANA GOURMET 70 – 66

(22-18, 39-25, 51-41)

Fiorenzuola: Podestà 18, Borghi, Periti, Ghittoni, Rizzi 11, Rossi 20, Bertoni 2, Rocca, Berna 12, Besagni 7. All. Bacchini.

Tricolore Reggio: Oppo 4, Licia Corradini 27, Carapezzi, Gambetti 5, Accini 13, Pieracci, Denti 10, Costi, Petrocchi, Boiardi, Fedolfi 2, Strada 5. All. Piatti.

ACETUM – VALTARESE 77-40

(17-11, 41-18, 59-31)

Cavezzo: Righini, Brevini 4, Zanoli 3, Marchetti 17, Melloni 4, Tardiani 4, Costi 15, Ruini, Bernardoni 10, Todisco, Calzolari 20. All. Bregoli.

Borgo Val di Taro: Meschi 1, Montanari, Petrilli 6, Bazzani 7, Marchini 16, Leonardi, Mezini 2, Fatadey 4, Ferrari, Trevisan 4. All. Scanzani.

HELLAS – LIBERTAS BOLOGNA 33 – 56 

(11-11; 19-27; 23-34)

CerviaCesenatico: Ravaglia, Sabbatani, Varlamova, Zoffoli, Belli E. 1, Zavalloni 4, Mordenti 7, Belli S., Garaffoni 9, Nanni 2, Tramontano 10. All. Montanari.

Libertas Bologna: Magliaro 9, Venturi 12, Castelli, Bettini 4, Frabetti, Pazzaglia ne, Grassi 6, Giubilei 8, Palasciano, Trombetti 17. All. Castelli.

BEACH PARK – MAGIK ROSA 60 – 69

(12-16; 33-33; 43-53)

Faenza: Ballardini C. 2, Lolli Ceroni 13, Bergami ne, Soglia, Bravi 2, Caccoli 14, Bennoli, Vespignani 2, Ballardini S. 4, Guerrini ne, Morsiani 6. All. Ballardini S.

Magik Parma: Corsini 22, Tringale 12, Gennari, Tomasetti 5, Bertolotti 5, Vaccari 21, Costi 2, Pavarani 2, Zoni. All. Lopez.

Si interrompe la serie positiva del Beach Park caduto in casa contro il Magik Rosa Parma. Le faentine escono comunque dal campo a testa alta dopo aver lottato senza mai risparmiarsi per quaranta minuti. All’andata le romagnole persero di 24 punti dopo essere stata costantemente in balia dell’avversario, mentre questa volta la sconfitta è arrivata nel terzo quarto, all’insegna di qualche episodio decisamente sfavorevole. Il primo tempo è stato molto combattuto come testimonia il 33-33 dell’intervallo, poi gli arbitri fischiano due falli tecnici e la relativa espulsione al vice allenatore Andrea Leonardi, sanzionando poi un altro tecnico alle manfrede. Parma approfitta dei tanti tiri liberi avuti e dalla lunetta scava l’allungo decisivo chiudendo il terzo quarto avanti 53-43. Faenza lotta negli ultimi dieci minuti senza risparmiarsi, non riuscendo però a rientrare in partita. Il Beach Park supera comunque l’esame a pieni voti, mostrando di saper reagire al meglio davanti alle difficoltà.

BSL – LIBERTAS FORLI’ 56 – 50

(16-16; 23-31; 44-43)

San Lazzaro: Torresani 8, Gilioli 4, Melchioni 16, Talarico 15, Malandra 1, Richetta, Bacchi 3, Alboni 6, Peli 3. All. Dalè.

CLASSIFICA

Cavezzo* 26; Tricolore Reggio 22; Mirandola, Val d’Arda Fiorenzuola 20; Magik Rosa Parma 18; Bsl San Lazzaro 16; Valtarese 12; Libertas Rosa Forlì, Scuola Basket Faenza 10; Aics Forlì*, Libertas Bologna 6; Hellas Cervia 0.

Serie D, il Cvd espugna San Giovanni in Persiceto. Nel girone B il derby di Ozzano è dei Titans!

SERIE D/A 17° Giornata

BERRUTIPLASTICS – SCHIOCCHIBALLERS 62 – 67

(16-10, 32-28, 48-49)

La Torre Reggio: Canuti 3, Mazzi G., Passiatore, Vezzosi, Bochicchio 4, Pezzarossa 4, Mazzi F. 28, Bertolini 3, Margaria 14, Codeluppi 6, Panciroli ne, Mussini ne. All. Spadacini.

SchiocchiBallers Modena: Zara, Binotti 2, Guidetti 4, Righi R. 17, Carretti 14, Sassi 4, Petrella 8, Vaccari, Falbo, Alessandrini 10, Twum 8. All. Righi G.

Sconfitta bruciante per la Berrutiplastics, che aveva a disposizione una buona occasione per riavvicinare la zona della salvezza diretta, distante 4 punti, occupata ora da Arbor e Magik Parma. La partita contro gli Schiocchi rimanda alla finale vinta del campionato di Promozione dell’anno scorso, ma, come all’andata, stavolta sono i modenesi ad imporsi. La sfida è molto equilibrata, anche se gli ospiti, squadra certamente solida, provano a scappare durante l’ultimo quarto (52-59). In realtà, trascinata da Filippo Mazzi (28 punti, 33 di valutazione) e Margaria (14 punti, 16 rimbalzi), la Torre rientra sul 62-65, vedendo vicinissimo l’overtime. A 7” dal termine, però, l’ultimo tentativo, una tripla proprio di Margaria, si spegne sul ferro, poi gli Schiocchi segnano altri due punti, per il definitivo 62-67.

VOLTONE – AREAJOB 84 – 54

(18-13; 46-24; 67-43)

Voltone Zola: Calvi 14, Galassi Gu. 14, Giacometti A. 4, Sanguettoli 6, Giacometti J. 13, Galassi Gi. 6, Ferraro, Verdoliva, Magi 7, Tubertini 9, Nini 1, Polo 10. All. D’Atri.

San Polo d’Enza: Panciroli, Tognoni 2, Nicolini, Davoli 9, Magliani 9, Benevelli 11, Maggiali, Pezzi, Tondo 6, Margini 10, Bizzocchi 4, Domenichini 2. All. Immovilli.

Dura solo un quarto la trasferta bolognese della Sampolese. Privi di Siani, i ragazzi di coach Immovilli hanno ceduto di schianto al Voltone, con uno scarto che da solo testimonia l’andamento a senso unico del match. I padroni di casa mandano in doppia cifra quattro giocatori, segnando sia in contropiede sia grazie ad un’efficace circolazione di palla a metà campo. Il break decisivo della partita è ad inizio secondo quarto (parziale cui Voltone mette a segno ben 28 punti), in un momento in cui viene scavato un solco che gli ospiti non saranno più in grado di colmare. Alla Sampolese non sono bastati un positivo Benevelli e capitan Margini per provare una convincente reazione offensiva e difensiva, perché l’alternanza delle difese non ha dato i frutti sperati contro le ottime percentuali dal perimetro di Calvi e compagni.

MAGIK – H4T 50 – 65

(10-20; 21-31; 34-48)

Magik Parma: Bazzoni, Donadei 5, Malinverni N., Malinverni L. 3, Montagna 1, Aimi 2, Allodi, Gibertini 1, Diemmi 1, Croci 20, Guidi 12, Fava 5. All. Lopez.

Scuola Pallacanestro Vignola: Ganugi 6, Badiali, Barbieri 1, Pantaleo 5, De Martini 19, Vannini 1, Paladini 10, Guidotti 16, Lolli 3, Lelli 4. All. Smerieri.

Brutta sconfitta per l’Azzali che tra le mura amiche deve cedere il passo ad una diretta concorrente per la salvezza, la Pallacanestro Vignola. La mancanza di Caravita di certo si è fatta sentire sotto canestro, ma la Magik deve fare un mea culpa per i venti punti subiti nel primo quarto, troppi per un attacco, quello parmigiano, che difficilmente supera i 60 punti segnati a gara. Di certo le quattro triple messe da Vignola hanno messo in difficoltà i bianco blu incapaci però di reagire se non per alcune azioni individuali di uno scatenato Croci che ha tenuto la Magik in scia. Il secondo parziale parte con l’Azzali protagonista che grazie ad un super Guidi si rifà sotto con un secco 9-0. Vignola però reagisce grazie alle buone conclusioni di Demartini e piazza un contro parziale che manda le squadre al riposo sul 21-31. Nel terzo periodo i parmigiani alzano il ritmo difensivo e si rifanno sotto grazie alla buona regia di Leonardo Maliverni che cerca un caldissimo Croci sugli scarichi, mossa azzeccata perché il numero 16 parmigiano riporta la Magik a meno sei. Purtroppo da metà terzo periodo in poi la partita viene rovinata dalla coppia arbitrale che piazzano quattro tecnici ai parmigiani ed un’espulsione a Leo Malinverni senza senso, diventando i protagonisti che nessuno vuole vedere in una vera partita. Nel quarto periodo spazio ai giovani e all’ottima prestazione di Fava per i bianco blu, in un clima surreale per il PalaMagik che ha la fortuna di avere un pubblico sempre sportivo e corretto, ma nell’occasione troppo arrabbiato per non insultare la coppia in grigio fino a fine gara. Di certo Vignola è stata più concreta e alla fine avrebbe vinto lo stesso, peccato però che una buona prestazione degli ospiti venga sporcata da tante polemiche.

NAZARENO – PALLAVICINI 75 – 57

(22-23; 41-34; 55-38)

Carpi: Sbisà 2, Compagnoni 17, Goldoni 9, Pivetti 2, Pravettoni 12, Antonicelli, Salami 13, Saetti ne, Goldoni Si., Menon, Marra 20. All. Testi.

Pallavicini: Maestripieri 7, Spadellini 6, Tosiani 4, Cenesi 6, Pierantoni, Minghetti 11, Sgargi 6, Nanni 7, Galeotti 4, Bortolotta 6. All. Torrella.

Carpi fa sua una partita maschia e intensa, capitalizzando con lucidità le varie occasioni offensive e reggendo con determinazione nelle retrovie. Dopo il sostanziale equilibrio della prima frazione, la Tecnofondi ingrana le marce alte dalla metà della seconda in poi, sfruttando anche l’innesto di Francesco Marra, ex PSA passato alla corte dei Pio da poche settimane. Il gap decisivo si plasma nella terza frazione quando il quintetto di coach Testi alza una vera e propria diga a difesa del pitturato: 14-4 di parziale e match ipotecato, con la carrellata finale utile solo a rimpinguare i tabellini.

ARBOR – ALTEDO 59 – 86 

(11-24; 24-52; 51-65)

Arbor Reggio Emilia: Fontanesi 6, Petri 5, Monti 21, Visini 2, Braglia 4, Franzoni 8, Spaggiari ne, Davoli 9, Insolia 4, Marani. All. Bellezza.

Altedo: Settanni 5, Gnan, Bulgarelli 13, Vettore 22, Ventura 7, Balboni, Missoni 2, Zocca 2, Vitale 25, Soresi 10, Lambertini ne. All. Venturi.

ATLETICO – VENI 87 – 76

(28-20; 44-38; 66-57)

Atletico: Gherardi 11, Rossi 12, Grassi 7, De Simone 8, Diop 14, Artese 17, Cannella 3, Pedevani, Veronesi 10, Savic 1, Pedroni 2, Zappoli 2. All. Pietrantonio.

San Pietro in Casale: Gamberini, Vinci, Sgarzi 3, Barbieri 11, Frignani 14, Gentili 8, Dal Pozzo 18, Ghedini, Pastore 1, Angelini 7, Bartolozzi 14. All. Minozzi M.

VENTURI – AQUILA 65 – 50

(15-10; 34-27; 50-37)

Anzola: Poluzzi 6, Venturi D., Venturi N. 7, Luparello 8, Boldini 6, Lambertini, Franchini, Bastia 5, Bastoni ne, Mazza 11, Regazzi 12, Zanata 10. All. Coppeta.

Luzzara: Ploia 1, Magnanini, Cani 3, Costantino 4, Neviani 4, Galeotti 4, Simonazzi 8, Gelosini 7, Petrolini 9, Benatti 6, Folloni 2. All Campedelli.

VIS BASKET – CVD BASKET CLUB 52 – 72

(14-22; 24-45; 40-54)

San Giovanni in Persiceto: Scagliarini 5, Chiusoli, Morisi 7, Parmeggiani 2, Cornale 2, Almeoni 7, Nannetti 7, Chiapparini 5, Genovese 4, Ramini 2, Rusticelli L. 3, Ranzolin 8. All. Rusticelli M.

CVD Casalecchio: Dawson 9, Beccari 4, Gamberini 8, Dozza 8, Fuzzi 13, Perini 5, Masetti, Ghiacci 16, Taddei 2, Marcheselli 2, Fenderico ne, Falzetti 5. All. Loperfido.

CLASSIFICA

CVD CASALECCHIO 28 17 14 3 1144 1012 +132
ANZOLA 28 17 14 3 1162 1034 +128
VIS PERSICETO 26 17 13 4 1240 1119 +121
ATLETICO BOLOGNA 24 17 12 5 1181 1082 +99
ALTEDO 20 17 10 7 1214 1142 +72
VENI SAN PIETRO IN CASALE 20 17 10 7 1140 1070 +70
PALLAVICINI BOLOGNA 20 17 10 7 1112 1090 +22
SCHIOCCHI BALLERS MODENA 18 17 9 8 1153 1092 +61
NAZARENO CARPI 18 17 9 8 1167 1162 +5
VOLTONE ZOLA 14 17 7 10 1146 1144 +2
SCUOLA PALL. VIGNOLA 14 17 7 10 1039 1113 -74
MAGIK PARMA 12 17 6 11 996 1081 -85
ARBOR REGGIO EMILIA 12 17 6 11 1078 1207 -129
LA TORRE REGGIO EMILIA 8 17 4 13 1035 1115 -80
AQUILA LUZZARA 8 17 4 13 1024 1123 -99
SAMPOLESE 2 17 1 16 939 1184 -245

SERIE D/B 17° Giornata

SPEM – AICS 59 – 47

(12-16; 31-22; 40-33)

Spem Ravenna: Trerè 3, Emiliani, Casciello 7, Lasi 6, Vistoli 4, Saccardi 2, Zannoni 22, Magnani, Zannini, Bartolotti 12, Morigi 3. All. Focarelli.

Aics Forlì: Bergantini 6, Valgimigli 14, Bacchini 11, Totaro 9, Molinari 3, Crocini 1, Zamagni 3, Catani, Bombardini, Casadio, Ferri, Perugini. All. Chiadini.

CNO – IMMOBILIARE 2000 44 – 65

(10-15; 29-39; 35-49)

Santarcangelo: Cherubini, Rasponi 7, Fusco 5, Ricci, Fornari 2, Calisesi, Tomassini 6, Dini 6, Tassinari 9, Maioli 9. All. Zannoni.

Giardini Margherita: Alaimo 13, Grassitelli 12, Florio, Stefani 6, Guidi, Paracchini 4, Brina 10, Cataldo 12, Pierini 1, Vittori Antisari 6, Lambertini 1. All. Lanzi.

Vittoria netta per i Gardens a Santarcangelo. Dopo le prime schermaglie (3-2 al 2’), gli ospiti prendevano un paio di possessi di vantaggio trascinati dalle triple di Grassitelli (8-15 all’8’). Nel secondo quarto era Stefani, sempre con una bomba, a firmare il +10 (18-28 al 14’), scarto che rimaneva, più o meno inalterato, fino all’intervallo. Nella ripresa la Cno alzava la sua intensità difensiva (32-40 al 24’), ma in attacco non era proprio serata e l’Immobiliare 2000 volava a +16 (33-49 al 27’) approfittando anche del nervosismo dei padroni di casa. Nella frazione conclusiva erano fondamentali due canestri su rimbalzo in attacco di Vittori Antisari (uno, però, scomparso dal referto), la presenza di Alaimo ed un ritrovato Cataldo (sua la tripla del 39-60 al 37’ che ha virtualmente chiuso il match).

CURTI – BASKET VILLAGE 64 – 58

(15-15; 28-29; 48-45)

International Imola: Pelliconi 16, Folli 2, Scagliarini 10, Barbagelata 12, Ciampone, Genoni, Spagnoli 4, Martini 8, Gargioni 12, Masoni ne. All. Bindi.

Basket Village Granarolo: Paoloni ne, Ballini 11, Costa, Salicini 11, Banzi 3, Neviani 11, Pedrielli 12, Fava 2, Pedrelli ne, Marcheselli L, Marega 8. All. Marcheselli E.

La Curti Imola batte Granarolo e ritrova la vittoria perduta che mancava da due giornate. Privi di Benghi e con Masoni ancora out, i biancorossi giocano con grande intensità e portano a casa due punti preziosi dopo una sfida equilibrata e risolta alla fine. Equilibrio che comincia fin dalla palla a due e certificato dal finale di primo quarto. Gargioni e Scagliarini provano un primo allungo a inizio secondo quarto ma le percentuali dalla lunga non premiano abbastanza gli imolesi e così Granarolo ritorna sotto e sorpassa a metà gara. La Curti continua a martellare anche nel terzo quarto (un problema alla caviglia a Folli non preoccupa) e trascinata dal vivace Pelliconi e l’ottimo capitan Scagliarini sotto canestro trova un break che porta fino al +7 sul 47-40 a ridosso della fine dell’ultimo intervallo. Un break che i biancorossi riescono a conservare praticamente fino alla sirena finale e che permette di bloccare ogni tentativo di rimonta del Basket Village.

BELLARIA – VB 60 – 71

(9-16; 24-38; 37-48)

Bellaria: Janev 17, Verni 4, Egbutu 5, Mbaye, Babbini 3, Fornaciari 13, Popov 7, De Gregori 3, Bindi, Stabile 8. All.  Ferro.

Grifo Imola: Sgubbi, Castelli, Bartoli 10, Dirella 14, Pasini 12, Baruzzi 6, Lanzoni 4, Pejicic 15, Linguerri, Zaccherini, Sgorbati 5, Zudetich 5. All. Zarifi.

Dopo la sconfitta in volata di lunedì scorso, la Grifo porta a casa i due punti sull’ostico campo di Bellaria-Igea Marina. Bellaria parte bene, portandosi 5-0, poi la Grifo stringe le maglie in difesa e con qualche palla recuperata e con una buona circolazione di palla riesce prima a portarsi in vantaggio e poi a fine quarto allungare sul 9-16. Nel secondo quarto il copione non cambia con la Grifo che grazie alle bombe di Pejicic ed ai canestri di Dirella e Pasini riesce ad allungare fino al +16, prima che un canestro di Fornaciari fissi il risultato sul 24-38 all’intervallo. All’uscita degli spogliatoi la squadra di casa parte con un altra aggressività e si riavvicina sotto la doppia cifra di svantaggio senza però avvicinarsi mai troppo pericolosamente. La Grifo infatti nonostante qualche difficoltà offensiva regge in difesa e grazie ad un canestro di Bartoli allo scadere del quarto ritorno in doppia cifra di vantaggio (37-48). Nell ultimo e decisivo quarto la pressione a tuttocampo dei padroni di casa fa vedere agli imolesi gli spettri delle sconfitte con Granarolo e Giardini Margherita, con Bellaria che arriva prima sotto la doppia cifra di svantaggio e poi fino al -3. Ma la Grifo qui ha il merito di non mollare e rimanere sempre in vantaggio, non permettendo mai alla squadra di casa di raggiungerli nel punteggio. E, nell’ultimo minuto, sono alcune azioni fondamentali di Zudetich, su entrambi i lati del campo, ad allontanare di nuovo la squadra di Bellaria e fissare il risultato sul 60-71.

ARTUSIANA BK FORLIMPOPOLI – CESTISTICA ARGENTA 59 – 66

(22-21; 38-33; 47-48)

Forlimpopoli: Manucci 14, Rossi 13, Marzolini, Balisteri 9, Calboli 8, Vandelli 7, Morabito, Evangelisti, Arfelli 2, Servadei 6. All. Bondi.

Argenta: Mantovani, Alberti, Spinosa 17, Cesario, Cesari 8, Checcoli 4, Caprara 5, Lazzari 5, Capobianco 1, Mortara, Rubbini 15, Governatori 11. All. Panizza.

Referto rosa per la Cestistica che “sbanca” il PalaPicci di Forlimpopoli  al termine di una vera e propria battaglia la quale, certamente, porterà in dote pesanti “strascichi” a livello disciplinare. Inizio gara targato Argenta che, dopo quattro minuti è sul +5 (2-7), con un Governatori in grande spolvero, bravo a finalizzare le trame di gioco biancoblu. I padroni di casa tornano a contatto grazie a  Manucci, autore di undici punti nel solo primo quarto, che replica ad una tripla del “Gove” segnando il -2 (15-17) e firmando anche il primo vantaggio per l’Artusiana a 1’48” dalla  sirena (21-19), prima che un libero di Rossi e duna penetrazione di Cesari sigillino il  22-21 che chiude il primo parziale. Alla ripresa del gioco la gara procede sui binari dell’equilibrio: Servadei, francobollato da Cesari, non incide, ma gli ospiti non ne approfittano alternando tiri affrettati a banali palle perse, su una delle quali viene fischiato un “cervellotico”antisportivo a capitan Rubbini a cui fa seguito un tecnico alla panchina per proteste la cui reiterazione costa l’espulsione a coach Panizza. Balistreri dalla lunetta non perdona e i romagnoli volano sul +10 (36-26) a quattro minuti dall’intervalllo lungo. Coach Villani chiama time out per riordinare le idee  e al ritorno sul parquet i biancoblu sfoderano quella rabbia agonistica che da troppo tempo latitava. Rubbini punisce dalla media riducendo il divario a sole cinque lunghezze (38-33), mentre Lazzari “ringhia” sui play artusiani mandandoli in confusione e sbagliando di un soffio la tripla del possibile -2 sulla sirena dell’intervallo lungo. Il terzo parziale si apre con un piazzato di Servadei, ultimo acuto della sua partita, che firma il +7 Artusiana (40-33), poi sale in cattedra Spinosa che prima serve due assist a Rubbini poi spara la bomba del -1 (44-43), prima che una penetrazione di Checcoli e un lay up di Caprara firmino il nuovo sorpasso Cestistica (44-47) a 1’49” dal termine del parziale, mentre Forlimpopoli rimane in scia solo grazie ai liberi di Vandelli che firma il -1 sul 47-48. Nell’ultima frazione Argenta intensifica ulteriormente la pressione difensiva: Rubbini annulla Manucci, Cesari e Governatori spazzano l’area e Lazzari imperversa sui due lati del campo. La svolta decisiva a tre minuti dalla conclusione quando i ragazzi di coach Villani piazzano un sette a zero di parziale firmato da Cesari, Governatori e Rubbini, con Argenta che vola a +8 (52-60). Ultimo sussulto romagnolo con Rossi che piazza la tripla del -3 (59-62) a 1’27” dal termine, ma due liberi di Governatori ed un contropiede di un sontuoso Rubbini mettono in cassaforte una vittoria sofferta, ma strameritata, preparando nel modo il migliore il derby di sabato contro Ferrara.

OLIMPIA CASTELLO 2010 – SCUOLA BASKET FERRARA 72 – 60

(14-16; 40-27; 58-46)

Castel San Pietro: Galloni ne, Chillo ne, Franceschini 7, Corazza 5, Pancaldi 2, Boschi 8, Ziron 9, Farnè 9, Marzioni 11, Binassi 10, Cilfone 4, Venturi 7. All. Canè.

Scuola Basket Ferrara: Bussolari 11, Schincaglia 5, Costanzelli 9, Romagnoni 14, Bereziartua 5, Rimondi Ro. 4, Rimondi Ri., Pappalardo, Malaguti, Bergamini 5, Cattani 5, Roversi 2. All. Bonora.

TITANS OZZANO BASKET – PARTY & SPORT 64 – 62

(13-15; 31-32; 55-59)

Titans Ozzano: Fornasari 8, Curione 3, Finessi 2, Bargiotti 9, Gianasi 1, Quarantotto 5, Tuccillo 5, Gamberini 8, Manini 11, Campagna 4, Paolucci 6, Benfenati 2. All. Cinti.

P&S Ozzano: Fioravanti 10, Callea 8, Beccari 7, Avallone 5, Cannova 1, Fierro 8, Zerbini 2, Quadrelli 3, Rizzoni 7, Passatempi ne, Nannoni 11, Salvadè. All. Morigi.

POLISPORTIVA MOLINELLA – S. MAMOLO BASKET 65 – 58

(16-15; 32-34; 50-45)

Molinella: Ugulini, Quartieri 5, Pusinanti 12, Piazzi 6, Ricci 30, Folesani 5, Cavallini, Trippa, Serio 3, Pascoli, Frazzoni 4. All. Baiocchi.

San Mamolo: Gargioni 5, Cavazza, Cruzat 8, Margelli 2, Guerrato, Quadri, Martelli 8, Sterpi 5, Credi 8, Brunello 6, Demetri 16. All. Munzio.

CLASSIFICA

OLIMPIA CASTEL S. P. 34 17 17 0 1310 1077 +233
MOLINELLA 28 17 14 3 1182 976 +206
IMMOBILIARE 2000 BOLOGNA 20 17 10 7 1094 1049 +45
TITANS OZZANO 20 17 10 7 1200 1156 +44
BASKET VILLAGE GRANAROLO 20 17 10 7 1108 1090 +18
INTERNATIONAL IMOLA 18 17 9 8 1222 1213 +9
S.B. FERRARA 18 17 9 8 1151 1185 -34
ARTUSIANA FORLIMPOPOLI 16 17 8 9 1177 1105 +72
ARGENTA 16 17 8 9 1178 1147 +31
CNO SANTARCANGELO 16 17 8 9 1035 1106 -71
GRIFO  IMOLA 14 17 7 10 1128 1150 -22
SPEM MATTEI RAVENNA 12 17 6 11 1057 1152 -95
AICS FORLI’ 12 17 6 11 1122 1222 -100
BELLARIA 10 17 5 12 1045 1130 -85
SAN MAMOLO BOLOGNA 10 17 5 12 1032 1158 -126
PARTY&SPORT OZZANO 8 17 4 13 1075 1200 -125

C Gold, nel recupero di Modena a sorridere è la BSL

Nel recupero dell’ottava giornata di andata del campionato di C Gold, la BSL ha espugnato il parquet di Modena e ora ha quattro punti di vantaggio sulla zona play out.

PSA – BSL 64 – 72

(11-14, 26-31; 43-42)

Modena: Castro, Macchelli 2, Tinarelli ne, Pulvirenti 3, Bertoni 5, Tamagnini 10, Marra 4, Frilli 7, Ritacca, Saccà 14, Biscaro 19. All. Solaroli.

San Lazzaro: Lolli 15, Saccaro 6, Forni, Binassi 6, Fabbri ne, Mellara 11, Masrè 8, Bernardi 4, Cavazzoli 5, Vercellino 2, Allodi 15. All. Rocca.

Ancora incompleta la PSA deve arrendersi alla BSL al termine di un match sempre in bilico. Solita partenza soft dei modenesi soprattutto in difesa, San Lazzaro però non ne approfitta del tutto, si mantiene in vantaggio, ma di sole tre lunghezze dopo 10’. La PSA prova ad alzare i ritmi, ma il risultato non cambia con in più la preoccupazione per coach Solaroli di dover richiamare in panca Biscaro con tre falli personali. La pausa lunga fa bene alla PSA, che rientra sul parquet con un ritmo decisamente più alto, 2 canestri a testa di Saccà e Biscaro più la tripla di Pulvirenti per il primo sorpasso modenese, che arriva anche a cinque di vantaggio, grazie anche all’under Tamagnini autore di una ottima gara e che chiude in doppia cifra con 10 punti. San Lazzaro si affida a Lolli che in arresto e tiro riporta i bolognesi a -1. L’ultima frazione diventa uno spettacolo poco adatto ai deboli di cuore, per 8’ la gara procede sul filo dell’equilibrio con entrambe le squadre mai oltre il possesso di vantaggio. Quando mancano poco più di 120” alla sirena finale, la BSL spezza l’equilibrio con due bombe di Bernardi ed Allodi. Modena adesso deve recuperare 7 punti nell’ultimo minuto, sceglie di ricorrere al fallo per mandare in lunetta gli avversari che però non sbagliano e si portano a casa due punti pesantissimi per la classifica. La PSA ha il rammarico dei troppi errori ai liberi, 12/28, ed una difesa troppo molle soprattutto in partenza.

CLASSIFICA

TIGERS FORLI’ 26 15 13 2 1277 1006 +271
VSV IMOLA 22 15 11 4 1153 941 +212
PIACENZA BC 22 15 11 4 1187 1022 +165
BASKET 2000 SCANDIANO 22 15 11 4 1088 952 +136
4 TORRI FERRARA 22 15 11 4 1140 1025 +115
SAN MARINO 20 15 10 5 1066 984 +82
FIORENZUOLA 1972 18 15 9 6 1172 1094 +78
SALUS BOLOGNA 18 14 9 5 1001 985 +16
FLYING BALLS OZZANO 14 15 7 8 1148 1088 +60
BSL SAN LAZZARO 12 15 6 9 853 960 -107
GAETANO SCIREA BERTINORO 8 15 4 11 835 964 -129
PONTEVECCHIO BOLOGNA 8 15 4 11 963 1096 -133
CASTELFRANCO EMILIA 6 15 3 12 1081 1211 -130
PSA MODENA 4 15 2 13 850 1206 -356
GHEPARD BOLOGNA 2 15 1 14 897 1177 -280

A2, Trieste è la prima a violare il “PalaDozza”. In serie B, Forlì vince in volata a Piombino

SERIE A2 19° Giornata

BASKET RECANATI – REMER TREVIGLIO 75 – 84

MEC ENERGY ROSETO – DINAMICA GENERALE MANTOVA 81 – 84

ORASI – CENT LATTE AMICANATURA BRESCIA 76 – 82

(23-18; 39-41; 58-61)

Ravenna: Smith 19, Deloach 16, Malaventura 8, Casini, Molinaro 6, Rivali 6, Raschi 4, Manetti ne, Masciadri 17, Smorto, Seck ne, Salari ne. All.Martino.

Brescia: Passera 3, Fernandez 9, Cittadini 4, Bruttini 6, Alibegovic 11, Speronello ne, Holmes 10, Totè 3, Bushati 9, Hollis 27. All. Diana.

Un’OraSì gagliarda impegna fino all’ultimo respiro la capolista Brescia, si batte con spirito leonino, ma nel finale deve arrendersi ad un’avversaria dotata di maggiore qualità. Il copione del match del Pala de Andrè ricopia quello della partita di andata: OraSì subito avanti, Centrale del Latte in difesa nei quarti centrali, poi all’arrembaggio negli ultimi dieci minuti. In mezzo, quaranta minuti di battaglia all’arma bianca tra due squadre che hanno lasciato in campo tutto ciò che avevano a disposizione: Brescia con un tasso tecnico e fisico lievemente superiore, Ravenna a coprire con il cuore le differenze esistenti. Nel finale sono i canestri di Hollis e Bushati a far pendere la bilancia verso la formazione ospite, punizione severa per un’OraSì che nel finale non ha gestito con la lucidità di sempre alcuni possessi potenzialmente decisivi.
In avvio erano stati Rivali e Masciadri a segnare l’allungo giallorosso, sul 17-10 del 7’. Fernandez accorcia sul 23-18 del 10’, preludio al controbreak bresciano che segna il 23-28 in apertura di secondo quarto. I primi punti casalinghi di Molinaro segnano la riscossa, riportando il match in equilibrio fino al 39-41 dell’intervallo. Hollis e Holmes spingono sull’acceleratore per Brescia (41-46) in avvio di terzo quarto; Masciadri e Molinaro riportano avanti l’OraSì, ma Brescia non concede spazio e con Hollis e Bushati si riporta avanti (69-77 al 36’, 73-77 al 39’). Smith e Deloach tengono Ravenna a contatto (76-78 a -24”), Holmes fa 2/2 dalla lunetta (76-80), ma i siluri del potenziale -1 affidati a Malaventura vengono rimpallati dal ferro, epilogo costante in una serata sfortunata dalla distanza (4/22).

PROGER CHIETI – A. COSTA IMOLA 69 – 72

(9-14,24-39, 40-55)

Chieti: Piazza 10, Allegretti 4, Marchetti, Sipala, Piccoli, Vedovato 9, Sergio 7, Lilov 14, Monaldi 12, Armwood 13. All. Galli.

Imola: Washington 12, Maggioli 10, Cai, Amoni 3, De Nicolao 3, Prato 22, Preti 6, Anderson 4, Hassan 6, Sabatini 6. All. Ticchi.

ETERNEDILE – PALL. TRIESTE 72 – 74

(11-19; 32-38; 53-54)

Fortitudo: Daniel 21, Rovatti ne, Quaglia, Candi 11, Campogrande ne, Montano 16, Sorrentino 5, Raucci, Carraretto 8, Amoroso 10, Flowers 1, Italiano. All. Boniciolli.

Trieste: Parks 20, Bossi 5, Coronica 2, Gobbato ne, Nelson 9, Donda ne, Pecile 4, Baldasso 3, Landi 18, Prandin 13, Pipitone, Canavesi. All. Dalmasson.

TREVISO – BONDI 85 – 81

(24-20; 44-34; 62-54)

Pallacanestro Treviso: Abbott 23, Moretti 3, Malbasa 10, Fabi ne, Busetto ne, Bailo ne, Fantinelli 17, Powell 9, Rinaldi 5, Negri 16, Ancellotti 2. All. Pillastrini.

Ferrara: Rush 19, Guarino 7, Bucci 10, Losi 10, Brighi ne, Salafia ne, Henderson 4, Ferrara, Cacace, Soloperto 9, Brkic 22. All. Morea.

EUROPROMOTION LEGNANO – TEZENIS VERONA 48 – 57

BAWER MATERA – AURORA BASKET JESI 74 – 77

CLASSIFICA

19° giornata G V P
Centrale del Latte-Amica Natura Brescia 30 19 15 4 79
Andrea Costa Imola 28 19 14 5 74
De’ Longhi Treviso 28 19 14 5 74
Dinamica Generale Mantova 26 19 13 6 68
Tezenis Verona 22 19 11 8 58
Mec-Energy Roseto 22 19 11 8 58
Remer Treviglio 20 19 10 9 53
Eternedile Bologna 20 19 10 9 53
OraSi’ Ravenna 20 19 10 9 53
Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste 18 19 9 10 47
Proger Chieti 16 19 8 11 42
Bondi Ferrara 16 19 8 11 42
Aurora Basket Jesi 14 19 7 12 37
Europromotion Legnano 12 19 6 13 32
Basket Recanati 8 19 4 15 21
Bawer Matera 4 19 2 17 11

SERIE B/A 19° Giornata

BAKERY – NTS 82 – 75

(19–14, 38-32, 55-50)

Piacenza: Soragna 7, Gasparin 17, Infante 14, Dordei 5, Magrini 16, Samoggia 20, Cuccarese 3, Fin, Meschino ne, Nicoletti ne. All. Bizzozi.

Rimini: Perez 13, Crotta 16, Romano 10, Panzini 7, Chiera 10, Sirakov 10, Foiera 9, Meluzzi, Tassinari, Balic ne. All. Bernardi.

Missione compiuta per la Bakery che si riconferma dopo la bella vittoria della settimana precedente contro Forlì: a farne le spese questa volta sono i Crabs Rimini di coach Bernardi, presentatisi al PalaBakery sulle ali dell’entusiasmo dopo la grande vittoria contro Cecina nella diciottesima giornata.

Piacenza, seppur priva ancora una volta di Sanguinetti, tira un sospiro di sollievo per il recupero di Dordei, reduce da un colpo subito in quel di Forlì ed in dubbio fino all’ultimo per via di un taglio procuratosi nell’occasione: il numero 21 entra titolare insieme a Gasparin, Infante, Magrini e Soragna. Rimini parte molto forte, realizzando i primi punti del match e toccando quello che risulterà il massimo vantaggio sul 2-6, ma Infante e Magrini rispondono immediatamente per portare avanti la Bakery. E’ invece Gasparin a realizzare la tripla che vale il +5 alla fine del primo quarto, 19-14. La NTS tenta di riavvicinarsi, toccando il -1 (21-20), poi sale in cattedra il neo entrato Samoggia che con cinque punti rimette in carreggiata i biancorossi. Piacenza tocca anche il +7, Foiera risponde per il 33-32. Si va all’intervallo sul 38-32 dopo una tripla pazzesca di Magrini allo scadere, poco oltre la metà campo, che manda in visibilio il pubblico delle grandi occasioni del PalaBakery. La Bakery mantiene saldo il vantaggio per tutta la terza frazione, respingendo i diversi tentativi di rimonta dei romagnoli, per poi prendere definitivamente il largo nell’ultimo quarto. A 7 minuti dal termine il vantaggio diventa in doppia cifra (63-53) e i Crabs non riusciranno più a riavvicinarsi, nonostante il -6 riacciuffato in due occasioni. Vince quindi la Pallacanestro Piacentina per 82-75, trascinata da ben quattro uomini in doppia cifra con Samoggia top scorer: per lui 20 punti a cui aggiunge 6 rimbalzi e 4 assist.

BLUKART SAN MINIATO – CUS TORINO 91 – 51

SOLBAT PIOMBINO – UNIEURO FORLI’ 59 – 60

(18-15, 28-24, 45-45)

Piombino: Pedroni, Iardella 12, Guerrieri 3, Persico 4, Venucci 25, Franceschini 2, Bianchi, Gigena 2, Genovese 11, Mari ne. All. Padovano.

Forlì: Rotondo 15, Rombaldoni 10, Vico 8, Ferri 10, Iattoni ne, Arrigoni 8, Pederzini 2, Pignatti 7, Bonacini ne, Biandolino ne. All. Garelli.

La decima vittoria in altrettante trasferte – giunta al fotofinish, al termine di 40′ estremamente combattuti, 30 dei quali condotti con buona autorevolezza dai toscani – incarna il classico successo che “piace agli allenatori”. Perchè arriva in una serata tutt’altro che brillante, giocata in condizioni difficili. Con Bonacini infortunato ed in panchina solo a far numero. Con Vico che, complice una serata di bisticci continui con la coppia arbitrale, prende parte assai parzialmente alla serata. E dentro ad un impianto “caldo”, con un pubblico locale che lungamente, legittimamente, crede e “spinge” i gialloblu al colpo di prestigio. Sfiorato ma non raggiunto. La squadra di Garelli contiene – stando però sempre a distanza di sicurezza – l’ormone spavaldo del Golfo Piombino per 30′, in una partita che viaggia perfettamente in linea con le aspettative della vigilia: toscani aggrappati più che mai al loro trascinatore Venucci, mente e al tempo stesso braccio, alla tattica (molta “uomo”, ma anche qualche zona fronte dispari), e Forlì ostaggio di quella tensione prevedibile quando sei reduce da una sconfitta che in una certa misura “mina” le tue certezze. La Pallcanestro 2.015 tampona a 28 dopo 20′ gli avversari: qui pone le basi della vittoria, alla luce dei sopra descritti problemi di Vico e della serata opaca di Pederzini. I cenni di miglioramento si intravedono poi nel 3° periodo, quando Rotondo comincia a “dare del tu” alla partita e tutti gli altri – Ferri, Pignatti, Rombaldoni, Arrigoni – decidono che, con le buone ma anche con le cattive, è ora di entrare in partita. E allora si decide tutto nel periodo numero 4, che riparte da “pari 45″, prescinde dal rientro in campo di Vico (fermo tutto il 3° per 4 falli, uno dei quali “tecnico”) che presto saluterà, e si impernia invece intorno alle 3 triple a firma Rombaldoni-Arrigoni-Ferri. Tre missili che mandano il muso romagnolo avanti e costringono Piombino a far quel che per tutta sera non aveva fatto: inseguire. Dura farlo con la lingua a penzoloni, con un Genovese troppo a sprazzi, un Gigena ancora avvitato nei guai fisici da cui proviene e il solo Iardella come opzione minimamente credibile. Così la Venucci-dipendenza di Padovano si fa patologica. E l’Unieuro può perfino permettersi un paio d’attacchi convulsi, in cui Arrigoni è il frontman che perde la palla ma è la manovra complessiva a convincere il giusto. Venucci-dipendenza, si diceva. Già, come nei 90’′ finali: in cui il 1990 di San Vincenzo eccede; prima fa una palla persa al termine di una perigliosa avventura nel cuore dell’altrui area, poi manda sul ferro la tripla-partita… di cui ha la bravura di prendere il rimbalzo, finendo però sepolto vivo dal mestiere di Pignatti che gli toglie la luce riportando – lui e Piombino – coi piedi per terra.

DULCA SANTARCANGELO – GESSI BORGO SESIA 76 – 78 dts

(19-20; 45-34; 58-48; 68-68)

Santarcangelo: Bianchi 8, Pesaresi 2, Fusco 5, Gualtieri 1, Bedetti L. 22, Moretti 14, Cardellini 10, Bedetti F. ne, Saponi 14, Tognacci ne. All. Tassinari.

BorgoSesia: Giacomelli, Quartuccio, Tomasini 7, Dotti 2, Giovara 5, Santarossa 4, Gatti 24, Zucca 12, Giorgi 4, Paolin 20. All. Pansa.

MAMY.EU OLEGGIO – BASKET CLUB TRECATE 78 – 66

VALENTINA’S BOTTEGONE – CFG LIVORNO 76 – 67

TRAMEC CENTO – RAGGISOLARIS FAENZA 76 – 71

(21-11; 35-36; 54-54)

Cento: Fontecchio 6, Brighi, Contento 21, D’Alessandro 6, Demartini 8, Pederzini ne, Benfatto 17, Andreaus 5, Locci 2, Caroldi 11. All. Giordani.

Faenza: Dal Fiume 9, Boero 4, Castellari ne, Silimbani 9, Benedetti 6, Casadei 11, Penserini 13, Pini 17, Zambrini 2, Sangiorgi ne. All. Regazzi.

La partita stenta a decollare e dopo il vantaggio iniziale di Silimbani, le squadre non segnano per due minuti. Quando però Cento si innesca sono dolori e sono Contento e Benfatto a regalare il 13-6 al 6′, grazie proprio ad una tripla della guardia. Faenza litiga ancora una volta con il canestro e così la Tramec trova il vantaggio in doppia cifra a fine periodo grazie ad un canestro di Locci che regala il 21-11 a 20” dal riposo. Nel secondo quarto i Raggisolaris regalano un vero e proprio show. La squadra stringe le maglie difensive e colpisce dalla lunga distanza con grande precisione: Pini segna tre triple consecutive poi ci pensa Casadei a mettere il punto esclamativo sul parziale di 16-0 firmato in 5 minuti che porta Faenza sul 27-21. Dalla lunetta ci pensa Demartini a togliere le ragnatele dal canestro al 15′, ma i faentini non sono domi e Pini colpisce ancora dai 6.75: 30-25. Contento prende per mano i suoi ed è Caroldi a segnare la tripla del 33-34, poi Casadei realizza il 36-34 all’intervallo, chiudendo un quarto che resterà a lungo nella mente dei presenti. Pure nel terzo quarto si vede il grande carattere dei Raggisolaris. Silimbani segna il 41-40, poi Penserini fa partire il monologo con 7 punti consecutivi, passando il testimone a Pini che non può far altro che segnare la sua quinta tripla della serata: morale 51-42 al 24′. La Tramec, però, è una grande squadra e lo dimostra in poche azioni: Caroldi e Benfatto confezionano la rimonta e al 30′ il punteggio è di assoluta parità: 54-54. La gara continua all’insegna dell’equilibrio, ma sul 59-58 al 32′ arriva un lungo black out con Faenza che non segna per sei lunghissimi minuti. Cento senza brillare piazza un 8-0 e si porta sul 66-59 e quando Boero ritrova il canestro, sul 66-61 per la Benedetto a 1’54” dalla fine sembra tutto finito. E invece no, perchè arriva un altro allungo con Casadei che segna la tripla del 69-68 a 44” riaprendo la contesa. La Tramec si affida ai liberi ed è Fontecchio a far saltare gli equilibri, recuperando un rimbalzo da un libero sbagliato da Demartini e realizzando il 72-68 a -26”. Gli arbitri fischiano poi un antisportivo a Boero e Contento chiude i conti dalla lunetta. I Raggisolaris escono comunque tra gli applausi.

BASKET CECINA – GIOIELLERIE FABIANI MONSUMMANO 74 – 65

CLASSIFICA

18° giornata G V P
Unieuro 2.015 Forli’ 32 18 16 2 89
Tramec Cento 26 18 13 5 72
GR Service Cecina 26 18 13 5 72
Bakery Piacenza 26 18 13 5 72
Dulca Santarcangelo 24 18 12 6 67
Basket Golfo Piombino 24 18 12 6 67
Gioiellerie Fabiani Monsummano 20 18 10 8 56
Gessi Valsesia 20 18 10 8 56
Blukart Etrusca San Miniato 18 18 9 9 50
Raggisolaris Faenza 16 18 8 10 44
NTS Basket Rimini Crabs 16 18 8 10 44
Mamy Oleggio 14 18 7 11 39
CFG Livorno 12 18 6 12 33
Valentina’s Bottegone 10 18 5 13 28
Cus Torino 4 18 2 16 11
Basket Club Trecate 0 18 0 18 0

Promo, la Bibbianese riapre i giochi per il primo posto nel girone B

Scandiano-Bibbianese è lo scontro più interessante della quindicesima giornata. Nel girone C Diablos-Gallo vale il secondo posto, mentre nell’E spicca Castiglione Murri-Omega. Chiudiamo con l’F ed il big-match La Fiorita-Junior rinviato, però, a marzo.

15° Giornata

GIRONE A

GS SALSOMAGGIORE CITY – IRA TENAX B. CORTEMAGGIORE 86 – 85

(19-14; 37-39; 59-67)

Salsomaggiore: Zamboni, Spotti 5, Imeri 3, Gianelli, Cigala 3, Avanzini Fi. 39, Lettieri, Lucchini 4, Rattotti 4, Longhi 7, Avanzini Fa. 19, Antonicelli 2. All. Allodi.
Cortemaggiore: Zanangeli 14, Righi 6, Gorreri 25, Ejaita 13, Cabrini 14, Passalacqua 6, Maccagni A., Pirolo 5, Pezzani, Salardi ne, Mazza ne. All. Silleci.

PLANET BASKET – POLISPORTIVA CASTELLANA 46 – 63

Planet Parma: Ruozzi 12, Bozzetto 8, Modica 2, Paschetta, Centofanti, Vigani 11, Anselmi 7, Gianferrari 4, Finardi, Adorni 2, Medici. All. Paletti.

Castelsangiovanni: Mori 1, Eccher 2, Di Giorgio 6, Fanaletti 3, Markovic 15, Derba 6, Zamboni 4, Villa 22, Mazzocchi 2, Belli 2. All. Piva.

BASKET SOLE – C.S.I. S.ILARIO D’ENZA 80 – 66

(28-18; 43-31; 66-44)

Basket Sole Piacenza: Ciuti 8, Cigarini 4, Betti 9, Poggi 6, Stellato 29, Arata 3, S.Sebastiani, Rancati, Bianchi 10, Mori 7, Sela 4, Gelmini. All. Lavezzi.

Sant’Ilario: Setti 10, Rosi 2, D’amore 11, Violi 6, Reggiani P, Grossi 7, Dotti 13, Micucci 3,
Reggiani U 12, Giannotti 2. All. Ferrari.

VALTARESE BORGOTARO – DUCALE MAGIK PARMA 63 – 79

(14-23; 32-39; 49-58)

Borgo Val di Taro: Leonardi 7, Oppo 6, Gonzato 9, Marchini 15, Coppini 14, Zecchinato 2, Finardi 3, Delmaesto 7, Guri ne, Gasparini, Palla ne. All. Dellapina.

Ducale Parma: Bertolini 3, Cozzi, Secli 14, Frazzi 8, Cappelletti 4, Tinelli, Vento 9, Solimè 13, Battilocchi ne, Rosi 14, Tarricone 14, Berlinguer. All. Fochi.

CUS PARMA – PALLACANESTRO FULGOR FIDENZA 75 – 63

(21-11; 37-22; 55-45)

Parma: Carretta 11, Bettera, Bersini, Marzo 11, Bertoni 11, Franchini 6, Maffini 3,
Giampellegrini 4, Drisaldi 2, Stonfer, Cervi 21, Pattini 6. All. Guareschi.

Fidenza: Rigoni 4, Orsi, Iacomino 19, Molinari 8, Roma 11, Gelmini 4, Parmigiani 8, Ceci 2,
Prosperi 7, Poggi ne. All. Fiesolani.

CLASSIFICA

Salsomaggiore City 22; Fulgor Fidenza, Castellana Castel Sangiovanni* 20; Planet Parma 16; Cus Parma, Ducale Parma 16; Basket Sole Piacenza, S. Ilario d’Enza 10; Ira Tenax Cortemaggiore, Valtarese 8; Montebello Parma* 2.

GIRONE B

PALL. REGGIOLO – ROSTA NUOVA NAISMITH’S 84 – 87 dts

(23-13; 35-34; 57-55; 77-77)

Reggiolo: Caramaschi, Torreggiani 4, Pirondini 25, Bosi 1, Fregni 13, Spaggiari Franzini 3,
Gambuzzi 15, Carnevali 2, Mambrini 19, Bagni, Bonacini 2. All. Bortesi.

Rosta Nuova: Tassoni 2, Baroni, Arata 18, Margaria Nr, Lugli 8, La Quintana 10, Pezzuto 3, De Vecchi 5, Iori 41.

NAZARENO BASKET CARPI – PALL. CORREGGIO 64 – 71

(19-18; 38-36; 46-54)

Carpi: Sbisà 12, Saetti 4, Barigazzi 4, Foroni 4, Goldoni 10, Spasic 14, Campedelli M., Cavallotti 7, Antonicelli 8, Campedelli G., Di Lorenzo 1. All. Barberis.

Correggio: Bergianti, Ligabue 18, Zaccarelli 10, Conte, Montanari, Riccò 2, Rustichelli 26, Guardasoni 7, Messori, Setti 4, Magnani 2, Santini 2. All. Lodi.

MARCONI BASKET – NUBILARIA BASKET 69 – 76

PALLACANESTRO SCANDIANO 2012 – POLISPORTIVA BIBBIANESE 71 – 76

(20-16; 34-40; 51-56)

Scandiano: Guarino 15, Martinelli 3, Guidetti 9, Acosta 4, Vignali 11, Bigi 5, Maioli S. 16, Maioli M., Farioli 4. All. Torreggiani.

Bibbiano: Menozzi 16, Salati 6, Reni, Marchesini ne, Ghirardini 3, Olivares 10, Riccò 7, Giardina 1, Bartoli 8, Ferrarini 10, Lusetti 15. All. Reverberi.

GO IWONS – CENTRO LATTONIERI 64 – 57

(14-20; 26-28; 38-43)

Albinea: Marcacci, Bonacini 11, Farioli 16, Talami 5, Ferretti 8, Rossi, Masoni 15, Bonaccini, Pellegrini 4, Casoni, Corradini 5.

Carpine: Meschiari 14, Piuca M. 12, Solera 4, Piuca R. 8, Losi, Verrini 8, Zanoli 2, Marchi, Felettigh 4, Iacono, Manzini 5. All. Morettin

Sconfitta amara ad Albinea per la Carpine di coach Morettin che sta sempre in testa fino all’ultimo quarto, e poi si fa superare nel rush finale. Partita sempre però decisamente in equilibrio con la Carpine che sembra avere quel qualcosa in più per portare a casa i due punti, ma nell’ultimo quarto si rompe qualcosa nella difesa carpigiana che dopo due minuti è già in bonus. I liberi avversari saranno decisivi, poiché dei 26 punti di Albinea nell’ultimo quarto 21 arrivano dalla linea della carità. Marcello Piuca chirurgico nell’ultima frazione tiene a galla la Carpine fino agli ultimi secondi quando, sul -2, Carpi perde una palla sanguinosissima e sul contropiede Albinea subisce fallo e allunga a +4. Una bomba di Verrini riduce il gap a -1. Poi ancora due liberi a segno per Albinea, ma dall’altra parte non si trova il canestro e Albinea subisce ancora fallo portando a casa la gara.

BASKET CAMPAGNOLA E. – SPORT CLUB CASINA 51 – 68

Campagnola: Manicardi 6, Gasparini 8, DelBue 8, Rondini, P. Foroni ne, Pignagnoli ne, F. Piuca 10, Sueri 14, Sacchi, Piccinini 2, Carpi 3, Sermolini ne. All. Nanetti.

Casina: Menechini 22, Grisanti 11, Filippi 1, Meglioli 4, Farinelli 14, Mammi, Nasi 8, Costi 8. All. Torlai.

CLASSIFICA

Scandiano 26; Bibbianese 24; Nubilaria Novellara 20; Rosta Nuova Reggio 18; Carpine 16; Correggio, Go Iwons Albinea 16; Casina, Campagnola 12; Reggiolo 10; Nazareno Carpi 8; Marconi Castelnovo 2.

GIRONE C

DIABLOS BASKET S.AGATA – GALLO BASKET 62 – 68

(14-13; 33-29; 40-49)

Sant’Agata Bolognese: Belosi 13, Candini 6, Violi 4, Terzi 7, Angelini 5, Girotti 2, Capponcelli 3, Ballotta 9, Bruni 8, Stanzani, Accorsi 2, Pederzini 3. All. Serra.

Gallo: Malagutti 2, Gambarin n.e, Fioratto ne, Fini ne, Fioresi 7, Hinek 5, Del Principe 11, Mennitti 24, Gardenale, Vicini, Caselli 19, Manfredini. All. De Simone.

BASKET DELTA COMACCHIO – ACLI G 88 73 – 64

(28-17; 44-34; 57-51)

Comacchio: Carli M., Bottoni 11, Carli D., Peretti 26, Boccaccini, Gelli 6, Ferroni 3, Cavalieri, Dalloca, Gregori 2, Di Tizio 6, Tralli 19. All. Bacchini.

Acli G 88 Ferrara: De Marco 2, Dolzani 2, Rossi 3, Maggioli 6, Panzera 15, Ferracini 4, Tamoni 18, Rollo, Abdulfath 8, Govoni 6. All. Gallini.

AUDAX BASKET FERRARA – BASKET FINALE EMILIA 70 – 50

(11-6; 30-18; 53–27)

Audax Ferrara: Fabbri 14, Felletti Spadazzi 8, Pigozzi 15, Ferraresi 1, Lazzari 6, Seravalli, Marabini 12, Vaianella, Zanchetta 6, Terzi 2, Ricci 6. All. Folchi.

Finale Emilia: Aspergo 14, Campanile 8, Borghi F. 2, Todisco 8, Golinelli 5, Vicenzi, Grassilli, Musto 3, Orri ne, Bergamini A. 4, Poletti, Bergamini F. 6. All. Bregoli.

PALL. FORTITUDO CREVALCORE – NEW BASKET MIRANDOLA 64 – 63

(23-13; 36-19; 48-46)

Crevalcore: Gallerani 12, Querzà 2, Gambuzzi 2, Filippetti, Broglia 1, Terzi 8, Fregni 13, Rusticelli 11, Floro 11, Simoni 4. All. Terzi.

Mirandola: Cresta 8, Chiari 6, Duca 8, Giannetti 10, Panin 1, Arletti 6, Nicolini 19, Battelli 3, De Zaiacomo, Tognoni. All. Giglioli.

ARGELATO BASKET – PALL. TEAM MEDOLLA 53 – 52

(14-6; 29-24; 43-37)

Argelato: Benassi 19, Ceresi 3, Cristofori 8, Gadani 4, Accorsi, Riccioni 1, Risi 3, Tagliavini 5, Nannetti 8, Rossi 2. All. Iattoni.

Medolla: Ceretti 1, Galeotti 11, Aldrovandi 10, Tralli 5, Spinelli 3, Barbieri 8, Guarnieri, Testi 14, Marchetti ne, Bega ne, Vincenzi ne. All. Carretti.

Sconfitta di misura della P.T.Medolla sul difficile campo di Argelato. La gara è vissuta nell’ottica di un continuo e costante equilibrio: nella prima metà di gara i locali hanno avuto costantemente un discreto margine di vantaggio, poi all’inizio della ripresa il Medolla ha recuperato subito il gap e, da allora, la partita si è sempre giocata punto a punto, a parte un nuovo break locale a fine terzo quarto, anche questo subito rintuzzato all’inizio del successivo. Nell’ultimo periodo il Medolla è riuscito a mettere la testa avanti (ultimo vantaggio a 2’22” dalla fine), ma, nel convulso finale, i locali sono riusciti a man tenere il vantaggio minimo. Per il Medolla rimane il vantaggio del doppio confronto.

CLASSIFICA

Audax Ferrara 22; Delta Comacchio, Gallo 18; Diablos Sant’Agata Bolognese, Argelato 16; Peperoncino Castello d’Argile, Finale Emilia 14; Fortitudo Crevalcore 12; Medolla 10; Mirandola 6; Acli G 88 Ferrara 4.

GIRONE D

I GIGANTI DI MODENA – SPORT INSIEME 44 – 65

(11-12; 30-32; 35-56)

I Giganti di Modena: Barbanti ne, Giorgi 5, Dolci, Malverti, Fantuzzi 3, Larghetti 9, Demattè 8, Franceschi 8, Flamini, Di Curzio ne, Forastiere 11. All. Davolio.

Sport Insieme: Bertoncello 6, Di Marzio 1, Skocaj 12, Amabile 4, Sacchi 2, Flori 14, Do Rosario 2, Passarelli 2, Marino 16, Regazzi 6. All. Cantelli.

I Giganti decimati da assenze e infortuni cedono in casa contro Sport Insieme. I modenesi, con soli nove effettivi a disposizione, partono bene e si trovano subito avanti 5-0; i bolognesi però si ritrovano subito e, grazie a una buona circolazione di palla e a una difesa aggressiva che procura qualche palla rubata, chiudono il primo parziale in vantaggio 11-12. Nel secondo quarto gli attacchi paiono più sciolti e gli ospiti piazzano il primo break grazie al trio Skocaj-Flori-Marino (18 dei 20 punti provengono da loro), tuttavia i modenesi non si perdono d’animo, dominando sotto le plance e chiudendo il primo tempo sotto di sole due lunghezze: 30-32. Alla ripresa delle ostilità le due squadre non trovano la via del canestro, ma mentre i padroni di casa non trovano il bando della matassa, lo Sport Insieme inizia a segnare a raffica chiudendo il terzo quarto con un parziale di 5-24 e chiudendo di fatto la partita. Nell’ultima frazione i Giganti mantengono alta l’intensità, ma le forze vengono meno e non riescono a ridurre lo svantaggio, i 2 punti vanno allo Sport Insieme.

POL. GIOVANNI MASI – MONTEVENERE 2003 A.GIORGI 66 – 51

(20-8; 30-24; 57-33)

Masi Casalecchio: Abagnato 2, Malavasi 12, Penna 4, Freddi, Manferdini 5, Cavana 3, Magliaro 1, Castaldini 17, Proto 16, Baccilieri 3, Neretti 3. All. Gemelli.

Montevenere: Venturini 5, Gironi 13, Mafaro, Sechi 6, Forni 3, Palazzini 1, Truppi, Orlandi 15, Tosarelli 3, Conti 5. All. Orefice.

La Masi partiva subito fortissimo e dopo sette minuti conduceva per 17-6. I biancoverdi raggiungevano il massimo vantaggio sul 24-8 al 12’ e, poi, controbreak del Montevenere che rientrava a -3 (24-21) a poco più di un minuto dall’intervallo. Le triple dei lunghi Baccilieri e Neretti erano ossigeno per i padroni di casa che, nella terza frazione, dilagavano chiudendo il quarto sul 57-33. Ultimi dieci minuti di garbage time, con gli ospiti che salvavano la faccia con un parziale finale di 0-10 (da 66-41 a 66-51).

LIBERTAS FIORANO – P.G.S. CORTICELLA 57 – 67

(14-20; 26-27; 39-42)

Libertas Fiorano: Generali 4, Berardi 4, Cracco, Zogaj 14, Barbolini 3, Panico ne, Galloni 8, Melegari 11, Barbieri 9, Lucchi 4. All. Bertani.

Pgs Corticella: Bolelli 6, Marcheselli, Righetti 19, Varignana 2, Cocchi 3, Cristiani 4, Fedeli, Dannuzzi ne. Asciano 17, Tiozzo 7, Ceciliani 9. All. Amanti.

HAPPY BASKET – STEFY 49 – 69

(11-11; 22-38; 34-55)

CastelMaggiore: Nanetti 5, Pazzaglia 8, Zinoni 9, Mancini, Baraldi 5, Carelli Mar. 2, Gnudi 4, Maini 4, Pirazzoli 6, Carelli Mat. 4, Tinti 2, Sitta.

Stefy: Gabrieli 5, Carosi 7, Gagliardi 7, Francia 10, Benetti 3, Poli 3, Brochetto 8, Tradii 10, Lamborghini S. 7, Agnoletti 9. All. Lamborghini R.

F.FRANCIA PALL. – U.P. CALDERARA PALL. 83 – 66

(14-16; 48-38; 65-51)

Francesco Francia Zola: Galli 16, Barilli 10, Perrotta 12, Cevenini 7, Mazzoli 2, Migliori 4, Zini 6, Masina 4, Balducci, Bosi 5, Romagnoli 17. All. Brochetto.

Calderara: Guaraldi 6, Poli 5, Marchi 2, Leonelli 2, Berselli ne, Nanni 5, Selvi 13, Turchetti 4, Gallerani 4, Rubino 10, Bellodi 15. All. Murtas.

Calderara incappa nella terza sconfitta consecutiva, questa volta è la capolista Francesco Francia ad avere la meglio sui ragazzi di Coach Murtas. Il primo quarta è punto a punto, con i padroni di casa che trovano punti dal proprio capitano Galli, mentre per Calderara è Bellodi a portare i suoi in vantaggio sul finire di quarto, dopo dieci minuti il punteggio è di 14-16. Nel secondo quarto entrambe le formazioni trovano con facilità la via del canestro, sul 22-22 è però Zola a dare un importante strappo alla partita piazzando un parziale di 13-0, Calderara prova a ritornare in partita ma i padroni di casa sembrano non voler smettere di segnare, si va così all’intervallo lungo sul 48-38. Nel terzo quarto sono gli ospiti a provare a riagganciare la partita con un parziale di 0-6 guidato da Rubino, di la però è Romagnoli con un canestro da fuori a interrompere il buon momento degli ospiti. 5 punti consecutivi di Poli provano a tenere viva la possibilità di rimonta ma ancora una volta i padroni di casa respingono l’assalto e chiudono il quarto sopra per 65-51. Nell’ultima frazione il divario resta sempre attorno ai dieci punti, con Zola che allunga nel finale portando meritatamente a casa la partita sul 83-66.

S.VANINI HORIZON BK RENO – SCUOLA PALL.PIUMAZZO 65 – 48

(16-20; 32-31; 50-38)

Horizon: Migliori, Pasquali, Vanelli 3, Vignudelli 4, Ferraro 12, Neri 9, Guccini, Lelli 12, Terra 2, Dall’Omo 7, Maldini 10, Brusa 6. All. Muscò.

Scuola Pallacanestro Piumazzo: Marzo 11, Pezzi, Luppi, Zuffi 2, Di Bona, Cavani 2, Zagni 6, Gobbi 1, Kalfus 8, Dardi 6, Di Talia 7, Mezzetti 5. All. Marchesini.

CLASSIFICA

Francesco Francia Zola 26; Sport Insieme BO, Masi Casalecchio 24; Stefy BO 20; Montevenere BO 16; I Giganti di Modena 14; Calderara 12; Fiorano, PGS Corticella 10; Happy Basket CastelMaggiore, Piumazzo, Horizon BO 8.

GIRONE E

PALL CASTEL S.P.T. 2010 – PALL. BUDRIO 2012 66 – 52

(16-15; 30-30; 46-40)

Castel San Pietro: Pedini 6, Cavina 10, Graziani 6, Naldi, Manaresi 6, Farnè 8, Tabellini 11, Chillo 3, Soldi 2, Vinera 8, Albertazzi, Conti 6. All. Morigi.

Budrio: Serpieri, Lenzarini 20, Lanzi A., Bentivogli 1, Pazzaglia, Kolaj 9, Buresti 12, Vacchi, Ugolini 8, Russo, Lanzi F. 2, Bonaga. All. Cantelmi.

BASKET CLUB RUSSI – TATANKA BALONCESTO IMOLA 71 – 76 dts

(25-12, 36-20, 50-43, 63-63)

Russi: Casali 8, Bramante, Martini 5, Beghi 5, Guidi ne, Canali, Venturini 12, Bagioni 2, Ercolani 18, Thiam 4, Santo 9, Conti 8. All. Milandri

Tatanka Imola: Seracchioli 6, Sgorbati 30, Costantino 5, Strada, Pirazzoli 13, Franceschelli 4, Foronci 18. All. Fiera.

E’ fatale questa volta l’overtime al BCR che viene sorpreso a domicilio dal Tatanka Imola. Una partita che lascia un po’ di amaro in bocca agli uomini di coach Milandri, capaci di dominare la prima parte di gara andando al riposo sul +16 e di venire rimontati dai bisonti, trascinati da uno straordinario Sgorbati, autore di 30 punti e di una serie di canestri pesanti davvero di talento cristallino.

L’avvio di gara è tutto di marca biancoblu: sono Martini e Santo ma soprattutto un caldissimo Casali a lanciare la prima fuga dei locali, rintuzzata parzialmente dal solo Foronci che tiene in piedi i rimaneggiatissimi ospiti, presentatisi al Pala Valli con solo sette giocatori a referto. Nel secondo quarto la musica non cambia: il BCR mantiene il controllo sulla gara e negli spogliatoi si va sul 36-20 per i padroni di casa. Al ritorno in campo però la partita cambia: gli imolesi chiudono l’area e iniziano a colpire dalla distanza con uno straordinario Sgorbati che, dopo un primo tempo silente si accende prendendo per mano i suoi. Al 30′ la gara è riaperta, addirittura gli imolesi tentano la fuga ma cinque punti di Conti mantengono in linea di galleggiamento i russiani. Si arriva nel finale in volata con lo Sgorbati show mentre per il BCR è Venturini a prendersi tutte le responsabilità, convertendo con precisione dalla lunetta. Sull’ultimo assalto il tiro di Pirazzoli si stampa sul ferro sancendo l’overtime. Una tripla di Venturini sembra poter lanciare il BCR ma è solo un’effimera fiammata: ancora Sgorbati con un paio di canestri e la precisione dalla lunetta consente agli imolesi di centrare un grandissimo successo e di gelare il “PalaValli”.

CASTIGLIONE MURRI BK – OMEGA BASKET 54 – 76

(11-7; 28-38; 36-57)

Castiglione Murri: Bedosti, Gandolfi 11, Maestri 2, Melino 3, Reggiani 5, Rizzardi  19, Samoggia, Sandrolini 2, Stefanelli, Tacconi  12. All. Pillastrini.

Omega Basket: Bonetti 22, Tassi 21, Belleri, Venturoli 8, Roggi 9, Lombardo, Pizzi 1, Midulla, Cavazza, Castagna 15. All. Garavini.

P.G.S. WELCOME – PGS BELLARIA 69 – 57

(28-12; 39-20; 57-38)

Pgs Welcome: Lamborghini L. 14, Calzolari 1, Betti 13, Bernardini 4, Casolaro, Sabbioni 7, Palmieri, Alessandri 10, Ferrulli 14, Sakho, Magelli, Ferrari 6. All. Piccolo.

Pgs Bellaria: Ascari 20, Sudano, Ugliola 4, Scarenzi 8, Murgia, Franzioni 2, Masi 10, De Fazio, Poluzzi 7, Di Rienzo, Di Giulio 4. All. Bertuzzi.

BASKET 95 – SELENE BK 62 – 69

(22-20; 35-38; 50-50)

Faenza: Santandrea 21, Romboli 6, Dalmonte, Fabbri, Morsiani 4, Samorì 10, Rosti 6, Pantani 12, Gallo, Laghi 3. All. Vespignani.

Sant’Agata sul Santerno: Esposito 6, Gaddoni 4, Pirazzini 5, Vignudelli 5, Canè 5, Mastrilli 10, Dal Pozzo 8, Morigi, Baldrati 13, Brignani 10, Mazzotti 3, Beltrami. All. Bolognesi.

BASKET GIALLONERO IMOLA – MEDICINA BASKET 2007 59 – 39

CLASSIFICA

Omega BO 28; Giallonero Imola 26; Castiglione Murri BO, BC Russi 20; Selene Sant’Agata sul Santerno, PGS Welcome BO 18; Tatanka Imola 12; Pgs Bellaria BO, Castel San Pietro 10; Medicina 2007, Basket’95 Faenza 8; Budrio 2.

GIRONE F

INSEGNARE BK RIMINI – POL. STELLA 59 – 49

(5-15; 24-29; 37-35)

Insegnare Basket Rimini: Campidelli 5, Matricardi 2, Zaghini 21, Curcio ne, Mei 5, Tosi ne, Quartulli 1, Giungi ne, Barabesi 8, Monti 2, Accardo 13, Sansone 2. All. Nannini.

Stella Rimini: Muntangesu 3, Ghinelli 4, Venturi, Naccari 13, Nanni, Raffaelli 6, Di Gregorio, Distante 8, Del Turco 7, Pinto 8. All. Miriello.

AROUND SPORT – BASKET 2000 SAN MARINO 66 – 43

(12-7; 32-21; 54-32)

Around Cesena: Foschi 9, Gollinucci 3, Strada 5, Morsucci 8, Brighi 15, Bianchi 6, Biondi 2, Lucchi 7, Faggi 11. All. Baraghini.

Basket 2000 San Marino: Bombini, Gambuti 6, Liberti Le. 7, Gambi 8, Bollini 11, Briganti 1, Fabbri, Stefanelli 5, Taddei, Gritti 3, Barrena 2. All. Liberti Lu.

LA FIORITA BASKET 2011 – JUNIOR BASKET RAVENNA 04/03/2016 – 21:15

Palestra Sc.Elem. Acquaviva – Via della Margheritina 1 Acqua RIMINI (RN)

SKIZZO – A.I.C.S. BASKET FORLI’ 61 – 49

POL. CESENATICO 2000 – CESENA BASKET 2005 46 – 49

(8-8; 26-20; 36-39)

CerviaCesenatico: Gori 6, Dallamora 7, Benedettini 1, Capucci, Pillastrini, Forte, Tentori 11, Danesi 5, Risi 3, Montanari 13. All. Cardoso Nunes.

Cesena Basket 2005: Rossi Fi. 11, Cacchi A., Romano 8, Ekolongo, Rossi Fe. 15, Leoni, Bartolini 6, Montalti Am. 2, Mordenti 4, Di Meglio 3, Cacchi L. All. Montalti An.

Soffertissima vittoria sul parquet di Cesenatico, al termine di una partita completamente opposta alla spumeggiante performance di una settimana fa contro la capolista I.B.R. Rimini, condita da una serie di errori (e di orrori) equamente divisi fra vincitori, vinti e coppia fischiante che alla fine finisce per scontentare un po’ tutti. Cesenatico schiera subito i suoi colossi in una zona granitica e praticamente inespugnabile, così nei primi cinque minuti il punteggio rimane inchiodato sullo 0 a 0, ma la prospettiva di portare a casa un punto svanisce con il primo gol di Valerio Montanari su tiro libero. Il parziale del primo quarto è una nefanda antologia da chiudere nel cassetto per poi buttar via la chiave con cifre da brividi: in totale le due contendenti condiscono l’8 a 8 di parziale con un 5 su 20 da 2, 0 su 9 da 3 e 17 di valutazione! Intanto dalla partita è uscito Simone Pillastrini (brutta lussazione alla spalla) che involontariamente pareggia l’assenza di Alessandro Dell’Omo, ai box per uno stop medio lungo assai spiacevole, vittima di uno strappo muscolare nell’ultimo raduno del gruppo di atleti emiliano romagnoli di interesse nazionale: in bocca al lupo ad entrambi. Qualche leggero risveglio in apertura di secondo quarto con alcune giocate più dignitose e un pallottoliere che procede con un po’ più di energia, comunque senza mai correre. Si procede a braccetto fra spintoni e contatti non sempre leciti, poi sulla sirena Dallamora infila da metà campo la tripla del + 6. Il cambio di marcia della partita (finalmente) in avvio di terza frazione quando coach Montalti rispolvera la sua difesa aggressiva a tutto campo; Cesenatico resiste per oltre metà quarto poi perde completamente il bandolo della matassa e commette una serie infinita di infrazioni prima di passare la metà campo. Il recupero di Cesena è sempre più palpabile e si concretizza sui secondi finali con una serie letale del quindicenne Federico Rossi che contribuisce, quasi da solo, all’11 a 0 con cui Cesenatico finisce a -3. Ultimo quarto ad alta tensione con gli episodi più accesi e discussi: Montanari cerca ripetutamente l’incursione nel cuore dell’area, ma non trova le soddisfazioni che vorrebbe (qualche canestro e nessuna fischiata sulle richieste di contatti illeciti), poi arriva al quinto fallo facendosi largo in attacco. Bartolini non gradisce un contatto troppo ruvido di Risi e incassa il tecnico che lo manda fuori dal match (5° fallo) e, infine, una lunga serie di proteste da parte delle due panchine per alcuni contatti che, pur rimanendo impuniti, appaiono palesemente appartenere ad altri sport. Quando Montalti a 13 secondi dal gong finale spariglia il punteggio con un tiro libero, a Cesenatico rimane solo la possibilità di mandare la gara all’over time, tentando due triple molto improbabili che in effetti finiscono a distanza di sicurezza dal canestro.

CLASSIFICA

La Fiorita San Marino*, Insegnare Basket Rimini 20; Junior Ravenna**, Around Cesena 18; Tigers Villanova 16; Cesena Basket 14; Stella Rimini, Skizzo Viserba* 12; Aics Forlì, Basket 2000 San Marino 8; Cesenatico 2000 2.

La Virtus U18 si riscatta e travolge la Vis, mentre i Crabs si qualificano per la fase nazionale

UNDER 18 Seconda Fase 6° Giornata

BASKET CRABS – PALL. REGGIANA 74 – 72

(12-19; 40-32; 55-54)

Rimini: Muccioli, Meluzzi 23, Bologna 6, Demaio 4, Galassi 7, Moffa 10, Casadei 3, Janev 2, Baldassarri 6, Provesi 13, Clementi. All. Firic.

FORTITUDO103 ACADEMY – B.S.L. SAN LAZZARO 61 – 59

Fortitudo 103: Montanari, Apena, Torricelli 4, Tronconi 6, Zucchini, Yabre 2, Fasano 23, Sibani, Mazzotti 3, Mancini 13, Tidey 4, Cenni 3. All. Pampani.

San Lazzaro: Zambonelli 1, Scandellari 10, Barattini 9, Venturoli 5, Annunzi 12, Baietti 6, Zambon 3, Guastamacchia, Curti 7, Agriesti 2, Pezzano 4, Muzzi, All. Comastri.

VIS 2008 – VIRTUS PALL. BOLOGNA 62 – 94

(12-20, 24-49, 45-67)

Ferrara: Grazzi 4, Cervellati 5, Bianchi 3, Brilli 2, Chemello 10, Caselli 4, Vivarelli 2, Fiore, Mastrangelo 11, Ebeling 4, Caridi, Kekovic 17. All. Franchella.

Virtus: Pajola 15, Graziani 8, Gianninoni 8, Petrovic 12, Oxilia 17, Ranocchi 10, Carella 12, Giuliani, Cerulli, Penna. All. Vecchi.

POL. PONTEVECCHIO – SALUS PALL. BOLOGNA 72 – 59

(20-10; 36-26; 52-44)

Pontevecchio: Antola, Donati 2, Folli 6, Galassi 22, Giudici 21, Grassigli 3, Masetti 4, Nardi 5, Ricci 2, Secchi 3, Trost, Varotto 4. All. Angori.

Salus: Ballandi 15, Veronesi 6, Bergamaschi 2, Solmi, Siena, Conidi 4, Caffagna 1, Forcione 4, Venturi 10, Baraldi, Tubertini 17. All. Bacchilega.

CLASSIFICA

Virtus 22; Reggiana 18; Vis Ferrara 16; Pontevecchio 14; Crabs Rimini 12; Fortitudo 103 8; Salus Bologna 4; BSL San Lazzaro 2.

UNDER 16 15° Giornata

SALUS PALL. BOLOGNA – VIRTUS PALL. BOLOGNA 48 – 73

(12-22, 23-47, 36-59)

Salus: Barberi 2, Arletti G., Drago, Poggi 6, Arletti M. 2, De Paoli 9, Chirco 9, Silvestri 2, Dinelli 6, Marchetta 8, Sarzi 2 Favaloro 2. All. Loperfido.

Virtus: Labate 11, Bianchi 4, Giuliani 18, Nanni 11, Mazzocchi 2, Rosa 4, Bertuzzi, Barbato 6, Lorusso 13, Saddi 4, Borselli. All. Nieddu.

POL. GIOVANNI MASI – BASKET SANTARCANGELO 60 – 80

(13-14; 27-41; 42-67)

Masi Casalecchio: Mentani 5, Nottoli, Trebbi 1, Zambelli 7, Chittaro 2, Pollini 3, Montanari 9, Migo 12, Tortorelli, Bragaglia 21. All. Forni.

Santarcangelo: Bugli 2, Carasso 7, Carollo, Chiari 5, Colombo 10, Favali 21, Frascio 1, Mazza, Pambianco 11, Rossi 2, Tognacci 19, Vandi 2. All. Oppi.

B.S.L. SAN LAZZARO – PALL. REGGIANA 81 – 75

(16-14; 36-30; 59-54)

San Lazzaro: Recchia 3, Barattini 10, Venturoli 9, Salvardi 14, Serra 6, Bonetti 3, Brusa, Giorgio 6, Venturi 2, Tobia, Stefanelli 2, Muzzi 26. All. Comastri.

Reggiana: Cremaschi, Soviero 13, Catti, Aguzzoli 17, Zocca 1, Zampogna 4, Carrara 3, Golfieri, Piccinocchi 12, Cherubini 9, Tchamade 16. All. Paladini.

POL. PONTEVECCHIO – BASKET FORLI’ 99 – 60

(21-17; 47-28; 68-38)

Pontevecchio: Antola 14, Arcidiacono 1, Conti 9, Cosco 11, Dervishi 11, Folli 27, Minerva 1, Neri 7, Sassoni 7, Secchi 10, Varuzza 1. All. Bartolini.

BASKET CRABS – FORTITUDO 103 ACADEMY 62 – 66

(15-15; 34-41; 47-53)

Rimini: Zambianchi, Plumsahat, Del Fabbro 3, Lonfernini, Ferrari 5, Rossi 18, Gregori, Guglielmi 2, Giorgi, Mavric 15, Mladenov 6, Abrescia 13. All. Maghelli.

RECUPERO

REGGIANA – FORTITUDO103 70 – 72

CLASSIFICA

BSL San Lazzaro 26; Virtus Bologna 24; Santarcangelo 22; Fortitudo103 Academy Bologna 20; Pontevecchio Bologna 18; Reggiana, Crabs Rimini 14; Masi Casalecchio, Salus Bologna 6; Forlì 0.

UNDER 15 15° Giornata

FORTITUDO103 ACADEMY – PALL. REGGIANA 54 – 65

GINNASTICA FORTITUDO – VIRTUS PALL. BOLOGNA 61 – 92

POL.COMPAGNIA – B.S.L. SAN LAZZARO 67 – 48

Ravenna: Schiavone 2, Bernardi A., Goi 12, Mingozzi 4, Cantoro 5, Fussi 13, Cinti 22, Manolo, Morgagni, Morigi, Marinelli 6, Campajola 3. All. Ambrassa.

San Lazzaro: Bettocchi 2, Sani, Scapinelli 11, Grilli, Laurenti 6, Vacchi 4, Benassi, Candini 14, Carbognin, Benetti 4, Pistillo 2, Zambon 5. All. Baffetti.

Finale con baci e abbracci a rappresentare una vittoria sentita e meritata a discapito della BSL, sorpresa, forse, da così tanta energia messa in campo dai nostri “boscaioli” per il raggiungimento del risultato. La costanza di presenza settimanale e il voler essere gruppo oltre ogni difficoltà, sta facendo crescere i nostri ragazzi che anche in questa partita hanno dovuto affrontare un momento difficile a 3/4 gara, dove la BSL ha mostrato tutto il suo valore di squadra e di singoli, per poi prendere il largo con un 29-9 nell’ultimo quarto.

POL. PONTEVECCHIO – POL. GIOVANNI MASI 56 – 59

Masi Casalecchio: Dall’olio, Grossi 5, Cassanelli, Ghelardini, Berbec 11, Micco 17, Fiordalisi L, Fiordalisi M 12, Montanari 14, Simoni 1. All. Campazzi.

G.S. INTERNATIONAL BASKET – BASKET RIMINI CRABS 46 – 104

CLASSIFICA

Reggiana 30; Virtus Bologna* 24; Crabs Rimini 22; S.G. Fortitudo Bologna 20; Fortitudo103 Academy Bologna* 16; BSL San Lazzaro 12; Compagnia dell’Albero Ravenna 10; International Imola 8; Masi Casalecchio 4; Pontevecchio Bologna 2.

Mercato – Il lungo americano Sifford al Piacenza Basket Club

Piacenza Basket Club comunica di aver ufficialmente tesserato il giocatore Terris Sifford, 200 cm per 102 kg, fino al termine della stagione.
Il giocatore nativo di Charleston, South Carolina, negli Stati Uniti, è un classe ’83.
Terris Sifford è un giocatore molto potente fisicamente, in grado di difendere in campo su diverse tipologie di avversario. Sifford ha spiccate doti a rimbalzo, oltre ad aver meccanizzato un tiro dalla lunga distanza con buone percentuali.
Dopo la sua carriera NCAA con le maglie di Greensboro College e di Winston Salem State University, Sifford ha collezionato esperienze internazionali in Finlandia, Germania e Spagna.
Tra il 2012 ed il 2015 ha vestito in Italia la maglia di Janus Fabriano e di Ascoli Basket, mantenendo una media sopra la doppia doppia (punti+rimbalzi).
Terris Sifford nella stagione 2015/2016 ha giocato 14 partite con la maglia di Ascoli Basket realizzando un totale di 235 punti (16,8 punti a gara di media) e 165 rimbalzi (11,8 di media a partita). Piacenza Basket Club intende ringraziare Ascoli Basket e coach Aniello per la grande disponibilità dimostrata per il trasferimento di Terris.

Le prime parole dell’atleta a stelle e strisce sono state:

Sono arrivato in un’ottima squadra dove spero di poter fare bene, dando il mio contributo a livello realizzativo e difendendo duramente, catturando anche diversi rimbalzi. Lo spogliatoio mi sembra ottimo, con bravissimi ragazzi. John (Merchant ndr) mi sta aiutando molto ad inserirmi con il resto del gruppo”.
Alessandro Galli, coach dei biancorossi, ha voluto inoltre commentare l’arrivo di Terris Sifford al Piacenza Basket Club:
Con l’arrivo di Terris la nostra squadra è completa. E’ un giocatore molto prezioso per noi, perchè si può adattare a giocare con tutto il nostro parco lunghi. Siamo una squadra con buone potenzialità, espresse durante tutto il girone di andata. Per le nostre caratteristiche, siamo stati a tratti carenti a livello di rimbalzi. Credo che Terris Sifford, aldilà del suo valore indubbio come realizzatore, ci aiuterà a fare un ulteriore step di qualità sotto il punto di vista proprio dei rimbalzi catturati“.

Terris Sifford sarà a disposizione di coach Galli per la partita contro Nuova PSA Modena.

DNG, Fortitudo e Crabs, niente da fare con Bassano e Reyer

DNG/B 11° Giornata

US VICTORIA LIBERTAS – VIRTUS BK PADOVA 15/02/2016 – 19:30

PALASPORT – Via Dei Partigiani, 22-26  PESARO (PU)

PALL. ALTO SEBINO – LEONARDO GIOIELLI BK MESTRE 79 – 63

(20-16; 30-34; 64-49)

Pisogne: Patroni 2, Cernivani 19, Cattaneo 7, Zambetti, Baldini 25, Coltro 8, Vidakovic 4, Stanzani 14, Gaadoudi, Caversazio ne. All. Polesinanti.

Mestre: F. Fabris 8, Posapiano, Marzaro 3, G. Fabris 13, Rampado 8, Lazzarin 3, De lazzari 11, Ortolan 13, Gomirato 4. All. Toffanin.

INNDES BK BASSANO – FORTITUDO103 ACADEMY 86 – 61

(23-12; 48-32; 68-47)

Bassano del Grappa: Morelli 3, Idiaru 10, Salvato 18, Gonzo 1, Agnolin 6, Pagnon, Bevilacqua 8, Santonastaso 2, Rossi 2, Maiello 24, Nikolic 12. All. Mattioli.

Fortitudo: Torricelli, Rovatti 18, Pampani 4, Valenti 2, Zani 13, Lucchetta 7, Campogrande 13, Errera 1, Santini 3, Mancini, Pederzoli, Montanari. All. Breveglieri

NBB BRESCIA – POL. PONTEVECCHIO 57 – 81

(16-23; 26-38; 44-63)

Brescia: Brunelli, Boschetti ne, Cicchetti 5, Permon 18, Colpani 6, Franzosi, Atienza ne, Saletti 7, Jancic 10, Ambrosi 2, Rakic 9, Cotruta. All. Lovino.

Pontevecchio: Franchini, Riguzzi 8, Brancaleoni 5, Magagnoli 15, Mantovani 7, Nardi, Benuzzi 2, Di Rauso 13, Galassi 3, Bergami 25, Buriani 3. All. Lepore.

BK CRABS – REYER 62 – 80

(12-16; 29-37; 44-58)

Rimini: Balic 8, Meluzzi 12, Egbutu  8, Provesi 2, Janev, Moffa, Calasso, Perez 28, Martin, Baldassarri 4, Galassi. All Ferro.

Venezia: Visconti 22, Antelli 17, Ambrosin 13, Bergamo 6, Jerkovic, Simioni 11, Cantoni, Ndoye 4, Pettenó, Groppi 7. All. De Marchi.

CLASSIFICA

Reyer Venezia 20; VL Pesaro*, Virtus Padova*, Alto Sebino Pisogne 16; Pontevecchio Bologna 10; Crabs Rimini, Bassano 8; Fortitudo103 Academy Bologna* 6; NBB Brescia*, Leoncino Mestre 4.

UNDER 20 ELITE 14° Giornata

GIRONE A

ELLEPPI 1976 – POL.VIS TREBBO 61 – 66

G.S. INTERNATIONAL BASKET – POL. GIOVANNI MASI 55 – 54

CASTIGLIONE MURRI BK – POL. PIACENZA CLUB 42 – 62

PALL. REGGIANA – SCUOLA BASKET FERRARA 79 – 48

CLASSIFICA

Reggiana 26; Elleppi Bologna 18; Masi Casalecchio, S.B. Ferrara 16; International Imola, Vis Trebbo, Piacenza BC 12; Castiglione Murri 0.

GIRONE B

BASKET GIALLONERO IMOLA – PALL. CORREGGIO 63 – 58

ANZOLA BASKET – DESPAR 4 TORRI FERRARA 84 – 73

AICS JUNIOR BASKET FORLI’ – JUNIOR BASKET RAVENNA 51 – 69

B.S.L. SAN LAZZARO – VIS 2008 59 – 50

CLASSIFICA

Vis Ferrara 22; 4 Torri Ferrara, BSL San Lazzaro 20; Junior Ravenna 16; Anzola 14; Correggio, Giallonero Imola 10; Aics Forlì 0.

A2, la Fortitudo sbanca Verona, mentre in serie B Piacenza stoppa la striscia di Forlì

SERIE A2 18° Giornata

BONDI – CHIETI 78 – 65

(23-15; 40-26; 61-44)

Ferrara: Rush 18, Guarino 8, Bucci 7, Losi 13, Brighi ne, Salafia ne, Henderson 7, Ferrara ne, Cacace 3, Soloperto 9, Brkic 13. All. Morea.

Chieti: Piazza 6, Allegretti 13, Marchetti ne, Sipala ne, Piccoli, Vedovato 9, Sergio 8, Lilov 15, Monaldi 10, Armwood 4. All. Galli.

TREVIGLIO – ORASÌ 76 – 74

(19-13, 29-41, 50-50)

Treviglio: Savoldelli, Chillo 15, Kyzlink 12, Sorokas 13, Marino 15, Spatti, Dessì ne, Mezzanotte ne, Tambone 17, Rossi 2, Turel 2. All. Vertemati.

Ravenna: Smith 16, Deloach 18, Malaventura 12, Casini, Molinaro 3, Rivali 9, Raschi 6, Masciadri 10, Smorto ne, Seck ne, Salari ne. All. Martino.

ANDREA COSTA – TRIESTE 81 – 77

(20-16, 43-36, 62-54)

Andrea Costa Imola: Washington 16 (5/6, 0/1), Maggioli 8 (4/7 da due), Amoni 8 (2/4, 1/4), De Nicolao 8 (4/7, 0/2), Prato 9 (1/2, 0/3), Preti 5 (1/1, 1/2), Anderson 11 (1/2, 3/4), Hassan 11 (1/2, 3/5), Sabatini 5 (2/6, 0/2), Folli ne, Sgorbati ne, Cai ne. All. Ticchi.

Trieste: Parks 23 (9/14, 0/2), Bossi 5 (1/5, 1/3), Coronica 5 (1/1, 1/2), Pecile 5 (1/3, 1/5), Baldasso 13 (2/2, 3/5), Landi 5 (1/3, 1/6), Prandin 8 (3/4, 0/1), Pipitone 2 (0/1 da due), Canavesi 2 (1/1 da due), Nelson 9 (1/3, 1/2). All. Dalmasson.

DE’ LONGHI TREVISO – BAWER MATERA 83 – 66

DINAMICA GENERALE MANTOVA – EUROPROMOTION LEGNANO 84 – 73

TEZENIS VERONA – ETERNEDILE BOLOGNA 60 – 70

(17-21, 35-29; 48-45)

Verona: Saccaggi 10, Boscagin 13, Da Ros 11, Chikoko 10, Rice 13, Bernardi ne, Ricci 3, Petronio ne, Cortese, Michelori. All. Crespi.

Fortitudo: Daniel 31, Rovatti ne, Amoroso, Quaglia 5, Candi 3, Montano 7, Sorrentino 11, Carraretto 6, Flowers 7, Italiano ne, Campogrande. All. Boniciolli.

CENT LATTE-AMICANATURA BRESCIA – MEC ENERGY ROSETO 77 – 95

AURORA BASKET JESI – BASKET RECANATI 86 – 83

CLASSIFICA

18° giornata G V P
Centrale del Latte-Amica Natura Brescia 28 18 14 4 78
Andrea Costa Imola 26 18 13 5 72
De’ Longhi Treviso 26 18 13 5 72
Dinamica Generale Mantova 24 18 12 6 67
Mec-Energy Roseto 22 18 11 7 61
Eternedile Bologna 20 18 10 8 56
Tezenis Verona 20 18 10 8 56
OraSi’ Ravenna 20 18 10 8 56
Remer Treviglio 18 18 9 9 50
Proger Chieti 16 18 8 10 44
Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste 16 18 8 10 44
Bondi Ferrara 16 18 8 10 44
Europromotion Legnano 12 18 6 12 33
Aurora Basket Jesi 12 18 6 12 33
Basket Recanati 8 18 4 14 22
Bawer Matera 4 18 2 16 11

 SERIE B/B 17° Giornata

GESSI BORGO SESIA – SOLBAT PIOMBINO 89 – 97 dts

UNIEURO – BAKERY 74 – 76

(16-22; 37-39; 60-65)

Forlì: Rotondo 16, Rombaldoni 10, Vico 13, Zoboli ne, Ferri 1, Iattoni, Arrigoni 21, Pederzini 4, Pignatti 9, Bonacini. All. Garelli.

Piacenza: Soragna 8, Gasparin 15, Samoggia 17, Meschino ne, Nicoletti ne, Infante 14, Cuccarese, Dordei 11, Fin 2, Magrini 9. All. Bizzozi.

Piacenza parte forte, tocca anche il +8 sulle ali delle altissime percentuali al tiro: 75% a fine primo quarto, chiuso 16-22. Nella seconda frazione parte meglio Forlì, che prova a riavvicinarsi nel punteggio. Samoggia realizza i primi due punti in biancorosso, Fin una tripla, e la Bakery prova a mantenere le distanze. L’Unieuro però è definitivamente rientrata nel match e mette anche la testa avanti con il libero di Pignatti del 32-31, ci pensano Infante e Samoggia a ristabilire il vantaggio biancorosso. E’ però un botta e risposta: la bomba di Rombaldoni vale il 35 pari a poco più di un minuto dall’intervallo. La zampata di Infante nell’ultimo possesso biancorosso vale il nuovo vantaggio piacentino: 37-39 al 20’. L’ottimo avvio biancorosso ha un nome ed un cognome: Luigi Dordei realizza i primi 7 punti di Piacenza e guida i suoi verso la nuova “mini-fuga” verso il +8. La capolista prova a rifarsi ancora una volta sotto, sebbene l’eccesso di proteste da parte di Rombaldoni dopo un suo fallo su Soragna rischi di pregiudicare il tentativo di rimonta romagnolo. Piacenza però non ne approfitta e l’Unieuro si riporta a -3 sul 57-60. Samoggia è ispiratissimo e la sua tripla (tredicesimo punto segnato in 14 minuti) costringe i padroni di casa ad un timeout per fermare l’inerzia. L’ultimo acquisto della Bakery, però, non ci sta: rimbalzo offensivo sull’errore di Dordei, fallo subito e due su due dalla lunetta per il nuovo +7. Al 30’ il tabellone recita 60-65 per la Pallacanestro Piacentina. Gli ultimi dieci minuti si aprono con il parziale di 11-0 per i locali, mentre gli ospiti non trovano punti per addirittura 7’. Gasparin e Infante prendono per mano la Bakery e la riportano in parità quando mancano 2 minuti alla fine del match. Il tecnico comminato a Garelli risulta decisivo: Soragna realizza il tiro libero e due punti nel possesso successivo per dare il definitivo vantaggio ai piacentini. Forlì ci prova con i falli sistematici, ma ormai non c’è più niente da fare, la capolista cade contro una incontenibile Bakery per 74-76.

BOTTEGONE – DULCA 77 – 87

(19-21; 44-48; 61-60)

Pistoia: Magini 17, Giannini 21, Rossi 8, Toppo 8, Fiorito 9, Marconato 3, Maspero 9, Divac ne, Taflaj 2, Cernivani. All. Russo.

Santarcangelo: Fusco, Bedetti 20, Moretti 14, Cardellini 21, Saponi 15, Bianchi 10, Pesaresi 7, Pasini ne, Gualtieri, Tognacci. All. Tassinari.

CUS TORINO – BASKET CLUB TRECATE 79 – 71

MONSUMMANO – OLEGGIO 58 – 68

RAGGISOLARIS – SAN MINIATO 67 – 73

(16-22; 33-41; 54-60)

Faenza: Dal Fiume 7, Boero 3, Castellari ne, Silimbani 6, Benedetti 8, Casadei 29, Penserini 8, Pini 4, Zambrini 2, Sangiorgi ne. All. Regazzi.

San Miniato: Stefanelli 26, Zita 7, Bruno 2, Bertolini 14, Parrini, Gaye 4, Rinaldi, PAgni 14, Di Noia 6, Capozio. All. Barsotti.

I Raggisolaris cadono a pochi passi dal traguardo. La Blukart vince con pieno merito al PalaCattani 73-67 al termine di un match davvero combattuto, ma ai faentini restano le recriminazioni per alcuni errori nel finale che potevano valere la parità. Il problema maggiore è stato però al tiro con un 29% dal campo: difficilmente con queste statistiche si possono vincere le partite. Avvio di gara di marca faentina con Casadei che comanda i giochi segnando da ogni posizione, ma San Miniato non perde la lucidità e affidandosi a Pagni e a Stefanelli chiude il primo quarto avanti 22-16. Faenza non segna per cinque minuti e a togliere le ragnatele dal canestro è Benedetti con la tripla del 26-21 al 12′. I Raggisolaris iniziano già a litigare con il canestro (emblematico il 2/13 da tre), ma una reazione d’orgoglio permette di arrivare sotto fino al 30-31. Poi però ci pensano Stefanelli con due triple (ne segnerà sei in tutta la serata) e Bertolini a confezionare un break di 8-0 permettendo a San Miniato di chiudere meritatamente avanti 41-33 al riposo. La Blukart è una macchina perfetta che non cala mai di ritmo, difendendo e attaccando con grande intelligenza e Faenza non riesce a mettere sabbia nei suoi ingranaggi. Il secondo tempo si inaugura con la tripla di Stefanelli che vale il 44-31 e da quel momento inizia una lunga corsa di Faenza verso la parità, ma ogni volta che si avvicina (in un paio di occasione arriva sul meno sette), San Miniato rimette le cose a posto, respingendo gli attacchi avversari. I Raggisolaris non sono in giornata positiva al tiro, ma dalla lunetta sono una sentenza realizzando un perfetto 20/20. Il primo errore è però pesante, perché sarebbe valso il 63-66 al 37′. Come recita il punteggio, Faenza mette il cuore in campo e riapre il match, pur se ogni volta la Blukart mantiene le distanze sfruttando anche la difesa non certo attenta degli avversari. A 2’20” dalla fine Casadei spara la tripla del 65-68 poi Dal Fiume ha due liberi, ma li fallisce entrambi. I Raggisolaris hanno due ghiotte occasioni consecutive, un sottomano di Penserini e una tripla di Boero, per agganciare gli avversari, ma il canestro non arriva e sul rovesciamento di fronte Zita punisce con il piazzato del 70-65 a 32” dalla fine. Si ricorre così al fallo sistematico con ancora Zita che scrive la parola fine sul match a 19” (72-65). I Raggisolaris ci provano, ma il tiro di Dal Fiume finisce sul ferro e probabilmente non sarebbe bastato per il miracolo.

NTS – CECINA 73 – 65

(20-15, 42-32, 54-46)

Crabs Rimini: Perez 18, Meluzzi, Panzini 11, Sirakov 12, Tassinari 2, Chiera 7, Balic ne, Foiera 6, Crotta 8, Romano 9. All. Bernardi.

Cecina: Fratto 4, Toscano 8, Favilli 6, Zaccariello 4, Del Testa 7, Gambolati 18, Caroti 11, Medizza 7, Pistillo ne, Bruni ne. All. Campanella.

DON BOSCO – TRAMEC 60 – 73

(16-20, 29-37, 43-59)

Livorno: Perin 11, Giampaoli 15, Mariani 11, Artioli 8, Ravazzani 4, Creati F. 2, Creati M. 2, Bruno, Banchi 7, Thiam. All. Quilici.

Cento: Contento 8, D’Alessandro 8, Demartini 10, Benfatto 15, Andreaus 8, Fontecchio 14, Brighi 7, Pederzini, Locci, Caroldi 3. All. Giordani.

A Livorno la Tramec ottiene l’ottava vittoria consecutiva e conquista la seconda piazza in classifica dietro alla capolista Forlì, costringendo la CFG al 32% dal campo e vincendo la battaglia a rimbalzo, dove Benfatto s’aggiudica il duello col temuto Ravazzani. In avvio i locali si portano subito sul 4-0 con Giampaoli e Artioli ma Cento replica con tre siluri dalla lunga distanza (Demartini, D’Alessandro e Contento), prendendosi l’inerzia dell’incontro e costringendo Quilici alla prima sospensione, nel momento in cui il vantaggio raggiunge le otto lunghezze (8-16, 7’). I padroni di casa si riportano sotto con quattro punti in fila di Perin, la Tramec risponde con Fontecchio prima e Benfatto poi. I biancorossi tentano a più riprese la fuga, ma sprecano troppo dalla lunetta (3/9 a metà, 6/17 alla fine) e a fine secondo quarto si rientra negli spogliatoi sul 29-37. A campi invertiti Andreaus aggiorna subito il massimo vantaggio sul “+11”, Livorno rientra improvvisamente a “-3” (41-44) ma Contento la ricaccia subito indietro con una tripla e due assist al bacio per Fontecchio prima e Demartini poi (41-51, 27’). L’ennesimo time-out dei labronici non riesce nell’intento di interrompere il parziale degli emiliani, che aumentano successivamente il divario con Brighi e Fontecchio (41-59). La quarta frazione si apre con una sequenza di Giampaoli, ma D’Alessandro ristabilisce subito le distanze e la Tramec vola in seguito a “+19” (52-71), prima di rallentare e consentire ai toscani di rendere meno severo il passivo. Nel finale Cento festeggia il ritorno in campo di Locci e si gode l’ottava perla consecutiva, che rappresenta la striscia vincente più lunga all’interno del girone e vale il secondo posto in graduatoria.

CLASSIFICA

18° giornata G V P
Unieuro 2.015 Forli’ 32 18 16 2 89
Tramec Cento 26 18 13 5 72
GR Service Cecina 26 18 13 5 72
Bakery Piacenza 26 18 13 5 72
Dulca Santarcangelo 24 18 12 6 67
Basket Golfo Piombino 24 18 12 6 67
Gioiellerie Fabiani Monsummano 20 18 10 8 56
Gessi Valsesia 20 18 10 8 56
Blukart Etrusca San Miniato 18 18 9 9 50
Raggisolaris Faenza 16 18 8 10 44
NTS Basket Rimini Crabs 16 18 8 10 44
Mamy Oleggio 14 18 7 11 39
CFG Livorno 12 18 6 12 33
Valentina’s Bottegone 10 18 5 13 28
Cus Torino 4 18 2 16 11
Basket Club Trecate 0 18 0 18 0
1 2 3 4