Author Archives: admin

C.S. – I Raggisolaris danno spettacolo contro Mestre

GEMINI – RAGGISOLARIS 83 – 110

(22-19; 41-51; 59-83)

Mestre: Petrucci N. 10, Dal Pos 11, Casagrande 18, Musco ne, Drigo 13, Bobbo ne, Ianuale 7, Pinton 4, Bortolin 18, Stepanovic, Bisceglie ne, Bettiolo ne, Marini ne, Fazioli 2. All. Ferraboschi.

Faenza: Bianchi, Mazzagatti 2, Ferrari 8, Siberna ne, Vico 23, Ballabio 11, Poggi 16, Reale 9, Morara 9, Petrucci M. 24, Ugolini 8, Cortecchia. All. Serra.

Come crescono bene questi Raggisolaris. La squadra di coach Serra supera 110-83 la Gemini Mestre, giocando un’ottima partita dal lato dell’intensità difensiva e del gioco di squadra, due qualità che hanno permesso di segnare un bottino di ben 110 punti contro una formazione dal grande valore tecnico. Fondamentale è anche la grande grinta che ha portato a lottare su ogni pallone e a costruire tanti canestri proprio dalle palle recuperate. Senza dimenticare il tiro da tre, arma lucidata in questa occasione, che ha dimostrato quanti tiratori ci siano nel roster. Insomma, tante buone notizie che devono essere confermate nelle prossime uscite a partire dall’amichevole casalinga di mercoledì contro l’Andrea Costa Imola che si giocherà alle 18.15 a porte chiuse, ma che sarà trasmessa in diretta sulla pagina Facebook dei Raggisolaris. Questa gara sarà la prova generale in vista del debutto in Supercoppa di domenica 12 settembre quando, alle 18.30, al PalaCattani, arriverà il Bologna Basket 2016. In questa occasione di riapriranno le porte del palasport al pubblico: le modalità d’acquisto dei biglietti saranno comunicate nei prossimi giorni dalla società.

Primo quarto molto combattuto, con i Raggisolaris (privi di Siberna vittima di una distorsione alla caviglia rimediata in settimana) che impiegano qualche minuto ad entrare in partita tenendo comunque sempre testa agli avversari, che piazzano la fuga negli ultimi secondi con la tripla dell’ex Casagrande per il 22-19 di fine periodo. Bastano solo dieci minuti ai faentini per ingranare ed infatti dal secondo quarto alzano l’intensità difensiva e di conseguenza anche l’attacco gira a meraviglia. Vico e Ballabio regalano il primo mini allungo, poi Faenza prende il largo, mettendo a referto ben 32 punti e concedendone 19. Stesso bottino offensivo del terzo quarto dove però i punti concessi sono 18. Questa volta a spezzare i ritmi sono tre triple consecutive, due di Reale e una di capitan Petrucci, senza dimenticare l’apporto di Poggi. Nell’ultimo quarto Mestre si porta subito sul 16-5, ma Capitan Petrucci si carica sulle spalle l’attacco e con quattro triple realizzate nel periodo risistema gli equilibri poi è Vico a segnare ancora da tre il canestro che chiude i conti, facendo vincere a Faenza il quarto 27-24.

C.S. – La 4 Torri fa gara pari contro Schio (A1 Femminile)

FAMILA – DESPAR 76 – 72

Schio: Del Pero 5, Mestdagh 12, Sottana 11, Gruda 4, Verona 1, Crippa 3, Grigalauskyte 12, Olbis Futo 10, Dotto, Keys 2, Laksa 16. All. Dikaioulakos.

4 Torri Ferrara: Marongiu 2, Osellieri 29, Amati, Zahare 11, Bianchi 12, Cavazzoni 1, Canelo 14, Malfatto, Magnolfi 3. All. Fels.

Amichevole di prestigio per la Despar, sabato pomeriggio in casa delle blasonate ragazze della Famila Schio di coach Georgios Dikaioulakos, la squadra più titolata d’Italia. Nonostante le assenze pesanti di capitan Demartini, Marchetti e del nuovo arrivato Kaša, i granata non si fanno intimorire dal palcoscenico del Palaromare e reggono il confronto con la Famila a inizio partita, fino a quando Laksa e Grigalauskyte non iniziano a far ingranare le padrone di casa, senza però affondare i ragazzi di Fels che, nella seconda metà di quarto, rimontano con i punti di Osellieri e la presenza sotto i ferri di Zahare, chiudendo a meno cinque il primo parziale. Nel secondo quarto la musica non cambia: Osellieri e Laksa continuano a mettere punti a referto, ed è Bianchi, subentrato dalla panchina, che fa girare la squadra rispondendo agli attacchi della Famila, che fa fatica a contrastare la fisicità di Zahare, sempre pronto sugli scarichi e a rimbalzo. Alle triple di Canelo rispondono quelle di Mestdagh, e si va all’intervallo lungo sul 43 a 41 per Schio. Nella ripresa sale in cattedra Canelo, autore dell’aggancio a quota 45 punti e, dopo una fase di stallo della partita in cui la palla proprio non vuole entrare, è Bianchi a firmare il primo vantaggio per la Despar. I trascinatori delle due squadre sono ancora Laksa da una parte e Osellieri dall’altra, in un match che avanza punto a punto, fino ai cinque punti di fila di Giorgia Sottana che permette alle sue compagne di chiudere la penultima frazione in vantaggio di due punti sul 59 a 57. Continua la partita molto tirata anche nell’ultimo quarto: Osellieri, con il supporto di Bianchi e di Magnolfi, si carica la squadra sulle spalle portando la Despar sul più cinque. I granata sprecano e le padrone di casa non mollano e si riportano sotto con le giocate della solita Laksa e di Grigalauskyte, come in apertura di partita, fino al vantaggio sul 74 a 72, consolidato dai liberi di Mestdagh sul risultato finale di 76 a 72 per la Famila Schio. I dubbi e le incertezze che si erano visti nella partita di mercoledì scorso contro la Scuola Basket Ferrara sembrano essere alle spalle, grazie a una prova solida di tutta la squadra, soprattutto in difesa a rimbalzo, che erano mancati nell’ultima amichevole.

C.S. – RBR seconda al torneo di Lignano

“MEMORIAL MAURO BORTOLUZZI” (Lignano Sabbiadoro)

Semifinale

RIVIERABANCA BASKET – RUCKER 87 – 75

(16-8; 41-25; 62-51)

Rimini: Mladenov 16, Rossi, Amati, Carletti, Scarponi 10, Rivali 5, Arrigoni 16, Bedetti 10, Rinaldi 4, Fabiani 1, Masciadri 13, Saccaggi 12. All. Ferrari.

San Vendemmiano: Giacchè 11, Ballaben, Zocca 3, Sanguinetti 16, Azzaro 6, Gatto 11, Nicoli 10, Baldini 9, Borsetto, Vedovato 9. All. Mian.

Finale 1°/2° posto

RIVIERABANCA BASKET – UEB 75 – 89

(29-28; 50-57; 66-69)

Rimini: Mladenov 7, Rossi, Amati, Carletti, Scarponi 7, Rivali 3, Arrigoni 13, Bedetti 15, Rinaldi 3, Fabiani 5, Masciadri 10, Saccaggi 12. All. Ferrari.

Cividale: Miani 9, Mazzotti, Chiera 16, Rota 13, Laudoni 17, Battistini 17, Paesano 3, Rocchi 3, Micalich 5, Ohenhen 6. All. Pillastrini.

C.S. – Prima uscita negativa per la 4 Torri

4 TORRI – SCUOLA BASKET FERRARA 64 – 77

(17-27; 27-15; 8-21; 12-14)

4 Torri Ferrara: Marongiu 3, Osellieri 8, Demartini 12, Amati 7, Zaharia 9, Lesdi, Bianchi 2, Cavazzoni, Canelo 13, Marchetti 2, Malfatto, Magnolfi 8. All. Fels.

Scuola Basket Ferrara: Canali, Proner 3, Di Giusto 15, Ferraro 6, Sita 3, Seravalli 7, Rimondi 8, Catozzi, Manfrini 2, Trinca 23, Romagnoni 4, Berti 6.

Il primo impegno di stagione si è dimostrato subito complicato per la Despar 4 Torri, che si è arresa sul parquet di casa alla Scuola Basket Ferrara con un passivo di 13 punti, nonostante la differenza di categoria tra le due compagini ferraresi. La somma dei quattro parziali di gioco premia gli ospiti con il punteggio di 64 a 77. Tranne nel terzo quarto, quando i granata sono riusciti a esprimere gioco e intensità, per il resto i ragazzi di coach Fels hanno concesso tanto agli avversari e creato poco, affidandosi alle fiammate di capitan Demartini, già in forma e vero trascinatore della squadra. Si segnalano le buone prove di Canelo, Amati e Magnolfi, e anche i nuovi arrivati si stanno ambientando, uno su tutti Osellieri, che si è già inserito nei meccanismi della squadra.

C.S. – La Virtus Imola spera che Seskus sia l’asso nella manica…

Domantas Seskus è il nuovo playmaker della Intech Virtus Imola.

Il lituano nativo di Vyrym, classe 1992, sarà l’asso nella manica di coach Marco Regazzi per la stagione 2021/2022. Gioca sia da playmaker che da guardia tiratrice e le sue caratteristiche principali sono essenzialmente la forte leadership in campo e la precisione nel tiro dall’arco. Seskus possiede spiccate capacità tecniche ed una conoscenza del gioco di categoria superiore: corre e costruisce sempre a testa alta, attaccando appena possibile il ferro con penetrazioni funamboliche. Oltre all’ottima tecnica individuale nel controllo del palleggio ed in transizione, possiede una naturale fantasia nell’esecuzione degli assist sotto canestro per i compagni.

Domantas Seskus vanta una lunga esperienza in Lituania con la maglia del BC Prienai, cittadina di 9.000 abitanti la cui squadra dal 2008/2009 scalò la vetta del basket lituano partendo dalla quarta serie ed arrivando sino alla Serie A, ovvero la LKL. Nel 2013/2014 arrivò secondo in campionato e vinse la Coppa di Lituania battendo in semifinale lo Zalgiris Kaunas ed in finale il Lyetuvos Rytas; nel 2014/15 arrivò alle semifinali playoff e secondo in Baltic League; nel 2015/16 vinse la Lega Baltica acquisendo la possibilità di partecipare ai tornei europei della Fiba Europe Cup e Basketball Champions League nel 2016/17. In queste annate Domantas fece parte in maniera stabile del roster entrando in maniera fissa nelle rotazioni della squadra e firmando nella stagione 2014/15, a 22 anni, la sua migliore stagione a livello statistico, con 7,5 punti ed 1,8 assist in 22 minuti di gioco con il 43% da due, 40% da 3, 73% ai tiri liberi. Prima dell’arrivo in Italia ad Angri (Sa), tentò una breve parentesi in Francia con la maglia del Cognac Charente, squadra di quarta divisione. In patria Seskus vinse il titolo della Lega Baltica nel 2017, sempre con la maglia del BC Prienai. Nel 2019/2020 Seskus chiuse come capocannoniere di Angri (Sa) in Serie C Gold Campania, con 18 punti di media a partita, avendo come compagno di squadra, il pivot, ex Fiorenzuola, Kalvis Sprude. Nell’ultima stagione, si è fatto notare al Basket School Gela in Serie C Silver Sicilia, dove ha chiuso con 16 punti di media a partita.

Foto – www.virtusspesvis.it

C.S. – Buon test per i Raggisolaris contro Ravenna

RAVENNA – RAGGISOLARIS 69 – 65

(17-9; 40-22; 56-47)

Ravenna: Denegri 18, Oxilia, Berdini 4, Cinciarini 10, Arnaldo 3, Ciadini, Bellini, Gazzotti 12, Martini 2, Galletti 1, Giovannelli 7, Simioni 12. All. Lotesoriere.

Faenza: Merendi, Bianchi, Mazzagatti 4, Ferrari, Siberna 11, Vico ne, Ballabio 8, Poggi 10, Reale 16, Morara 7, Petrucci 4, Ugolini 5. All. Serra.

Buona la prima per i Raggisolaris, parsi determinati e più che motivati al cospetto dell’OraSì nell’impegno inaugurale della preseason. Nonostante le gambe ancora ‘imballate’ dalla preparazione atletica, che ha inciso sulla freschezza fisica, i faentini hanno mostrato una buona pallacanestro soprattutto dal lato difensivo, facendo già vedere che anche quest’anno il marchio di fabbrica sarà l’intensità. Molto bene anche l’atteggiamento e la voglia di rialzare subito la testa dopo gli errori, con i giocatori che si sono sempre cercati nelle difficoltà. Un test insomma superato alla grande. L’unico assente è stato Vico, a riposo precauzionale per un piccolo problema fisico.

I Raggisolaris sentono probabilmente l’emozione del debutto e nei primi tre minuti non trovano canestro, permettendo così a Ravenna di acquisire un piccolo vantaggio, che verrà poi mantenuto fino alla fine del quarto terminato 17-9 per i padroni di casa. Nel secondo periodo arriva la reazione manfreda. L’attacco diventa più pericoloso e la difesa attenta, tanto che a rimbalzo i Raggisolaris non soffrono la fisicità avversaria (la frazione se la aggiudica Ravenna 23-13). Tante qualità che permettono di giocare un ottimo terzo quarto, terminato 25-16 per Faenza con tutti i giocatori che diventano protagonisti. Copione che si ripete anche negli ultimi dieci minuti dove gli ospiti chiudono avanti 18-13. Sommando i punteggi dei quarti l’OraSì vince 69-65, ma i Raggisolaris si meritano soltanto applausi: continuando su questa squadra ci si potrà davvero divertire.

C.S. – La 4 Torri scommette sull’asso ceco Kasa

Si chiama Jakub Kaša, 203 centimetri, nativo della Repubblica Ceca ed è l’ultimo acquisto della Despar 4 Torri Ferrara, che si va a rinforzare ulteriormente sotto canestro. Ala-centro classe 1992, Kaša approda per la prima volta in Italia in una carriera che l’ha visto giocare in varie parti d’Europa. Dopo un anno e mezzo nella 1Liga, seconda serie ceca, diviso tra BK Prostejov “B” e BK Kondori Liberec, nel novembre del 2012 Kaša firma con il BK Děčín in NBL, massimo campionato della Repubblica Ceca, fino al febbraio 2016, con alcune parentesi in 1Liga con la maglia del Kara Trutnov, per poi tornare in NBL al BK Lions Jindrichuv Hradec. Con la stagione 2016-2017 Kaša tenta l’avventura in Germania e approda nel Rot-Weiss Cuxhaven nella 1.Regionalliga tedesca, quarta serie, poi nel SBB Baskets Wolmirstedt nella 2.Regionalliga, ma non riesce ad affermarsi, firmando infine con il MBK SPU Nitra, squadra di SBL, la massima serie slovacca. La stagione successiva Kaša ritenta l’avventura tedesca, ancora nella 1.Regionalliga nel BG Dorsten e in seguito nel GGZ Baskets Zwickau, ma ancora una volta lascia la Germania per ritornare in NBL allo Sluneta Usti nad Labem. Dal 2018 Kaša si stabilisce per tre stagioni nella Liga EBA, quarta serie spagnola, giocando con le maglie di OH!TELS Union Linense de Baloncesto di Cadice e Tobarra CB, mentre la scorsa stagione ha firmato prima con il Santo Domingo Betanzos e poi con il Caja Rural CB Virgen de La Concha di Zamora, con cui ha messo a segno 11.6 punti di media con ottime percentuali al tiro da due, da tre e ai liberi.

C.S. – Il Basket 2000 festeggia il ritorno di Dias

La Bmr Basket 2000 completa l’organico con l’ufficializzazione del ritorno di Matteo Dias.

Il lungo, classe 1999, aveva giocato infatti al PalaRegnani già nel campionato di Serie B 2017/18, dopo il settore giovanile in maglia Pallacanestro Reggiana e le prime esperienze a livello senior con la maglia della Scuola Basket Cavriago. Dopo la prima parentesi in maglia Bmr è approdato per due stagioni a Fiorenzuola, chiudendo al primo posto la C Gold 2019/20, prima dello stop forzato a causa della pandemia. Approdato la scorsa estate a Castelnovo Monti, non ha poi iniziato la stagione visto lo stop dell’attività.

C.S. – Diminic, l’omone croato che farà sognare i tifosi della Virtus Imola

Mise Diminic è il nuovo pivot della Virtus Imola 2021/2022. Il centro di Spalato, classe 1989, è alto 208 cm, pesa 110 kg ed approda in riva al Santerno dopo tante esperienze in serie C Gold italiana ed in serie A in Croazia, Bosnia e Kosovo.

Nel 2011, a 21 anni, partecipò ai draft NBA, insieme a cestisti del calibro di Kawhi Leonard, Jimmy Butler, Nikola Vucevic, Klay Thompson, Kemba Walker  e Kirie Irving. Quindi il rientro in Europa dove disputò numerose stagioni nella serie A di Croazia, Bosnia e Kosovo, sbarcando in Italia e in serie C Gold Lombardia, nel gennaio 2017 a Lierna (LC), con cui chiuse a 15 punti di media partita. Dalla stagione successiva 2017/2018 infilò stagioni “dominanti” con 21 punti di media partita alla Fortitudo Alessandria (C Gold Piemonte) ed il titolo di MVP della C Gold Veneto 2018/19 in maglia Basket Mestre 1958, con cui raggiunse la finale playoff, segnando 19 punti di media a partita. Ultimo campionato disputato in Italia, in C Gold veneto a Oderzo 2019/20, con cui chiuse in vetta alla classifica marcatori (324 punti, 17 di media a gara). Nella scorsa stagione fu il colpo ad effetto della rinnovata e neopromossa Fulgor Fidenza, ma la Società decise, poi, di non prendere parte al campionato. Quindi Diminic tornò in patria, in serie A, dove giocò per un breve periodo con lo Zabok, realizzando 9 punti di media in 5 partite disputate.

A livello tecnico, il 32enne Mise Diminic mostra da sempre grandi capacità realizzative che si tramutano in tanti punti segnati, in ogni categoria. Buon tiro, anche dall’arco, anche se il suo gesto tecnico preferito è, senza dubbio, il gancio sotto canestro. Assolutamente dominante sotto le plance e sul pitturato, Diminic ama giocare spalle a canestro per avvicinarsi al ferro o per riaprire il gioco, ribaltando il lato d’attacco. I suoi blocchi decisi creano notevoli vantaggi ai tiratori che ne beneficiano per liberarsi in fase offensiva; Mise Diminic è un atleta ed un combattente d’altri tempi.

Foto – www.virtusspesvis.it

C.S. – Colpo argentino per la LG Competition!

La E80 Bema LG Competition Castelnovo Monti è lieta di comunicare il tesseramento di Gastón Alexis Sieiro Pérez per la stagione 2021/2022. Si chiude, con una vera e propria “bomba”, il mercato della formazione castelnovese, la quale si è assicurata le prestazioni di un talentuoso quanto esperto atleta sudamericano.
Classe 1985, originario di Cordoba (stessa città di provenienza del neo-compagno di squadra Mallon e del tecnico LG Gabriel Graf), Gastón è un giocatore conosciuto ed apprezzato nel panorama “minors” argentino per le qualità tecniche e la “garra” esibita ogni volta che è sceso sul parquet.
Sieiro è un’ala mancina di 191 cm, ma può anche ricoprire altri ruoli a seconda delle necessità tattiche del team. E’ un’atleta dalle spiccate doti offensive, un buon passatore ed è titolare di un ottimo ball handling.
L’ala sudamericana ha giocato la maggior parte della sua carriera nei campionati di Serie A2 e Serie B argentina, indossando la maglie di diverse formazioni e mantenendosi costantemente oltre i 10 punti di media a partita. Sieiro vanta nel proprio palmares ben tre promozioni in Liga Argentina (la “nostra” A2), tutte vissute da protagonista: la prima nel 2007 con il San Martín di Marcos Juárez, nel 2013 con la maglia della Unión de Santa Fe e l’ultima nel 2015 con il Club Parque Sur. Dopo un lungo peregrinare, il giocatore è tornato a Cordoba e nella scorsa stagione ha militato nelle fila del Club Bell in TFB (Serie B).

1 2 3 4 234