Monthly Archives: gennaio 2017

C.S. – La Grifo perde Guglielmo ed inserisce l’ala Lucchetta

Stagione finita per Michele Guglielmo. Il giocatore preso in estate per donare esperienza al gruppo di giovani leoni della Grifo si è infortunato nella gara contro Argenta al rientro dalle vacanze natalizie. Sembrava una cosa da niente, tanto che Michele è andato in panchina nelle due giornate successive anche se solo per onor di firma in attesa che il gonfiore al ginocchio sparisse. Ma quando ciò è successo il referto della risonanza è stato impietoso: rottura del legamento per cui ci sarà bisogno del chirurgo e la stagione è finita.

Dispiace due volte:  per la squadra, che ha riconosciuto in Michele un leader silenzioso e vincente, capace di rendersi protagonista con le sue molteplici qualità tecniche, in difesa come in attacco – commenta il DT Tampieri – e dispiace, soprattutto, per il ragazzo che dovrà affrontare intervento e rieducazione, ma, ne sono certo, tornerà più forte di prima“.

L’infortunio di Michele Guglielmo ha costretto la Grifo a tornare sul mercato per coprire il buco che si è creato nel roster. Arriva così alla corte del Presidente Mongardi, in doppio tesseramento dalla Fortitudo con cui disputa il campionato di DNG assieme al nostro Simone Cenni, Riccardo Lucchetta classe 97 ala forte di 195 centimetri, figlio del noto giocatore di pallavolo Andrea. Riccardo nasce a Modena e cresce nella PSA prima di approdare nel 2014 alla Fortitudo squadra in cui milita tuttora. Adesso la prima esperienza da senior.

Serie B girone B, un turno da dimenticare in fretta. Myers, unico squillo del week end

SERIE B/B 18° Giornata

AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI – REKICO FAENZA 77 – 67

(23-23; 45-32; 62-45)

Orzinuovi: Piunti 4, Valenti 5, Perego 9, Bona 16, Zambon, Zanardi, Scanzi 7, Cantone 23, Ruggiero 11, Tourè 2. All. Crotti.

Faenza: Perin 3, Boero 10, Silimbani 7, Donadoni 18, Benedetti, Casadei 13, Agriesti ne, Pini 2, Di Coste 2, Maccaferri 12. All. Regazzi.

In casa della capolista Orzinuovi, la Rekico si fa ancora una volta valere, uscendo tra gli applausi del Palambienti e dei tanti tifosi faentini presenti. Nonostante l’assenza di Iattoni, bloccato per un problema alla spalla, Faenza lotta con grinta e carattere, rialzando la testa dal -20 e portandosi sul -9 nel finale. Un’ottima reazione in vista degli ultimi decisivi tre mesi di campionato.

La Rekico parte subito forte e a suon di triple si porta avanti, comandando per tutto il primo quarto, raggiungendo il massimo vantaggio di 20-15. Orzinuovi però impiega poco per riordinare le idee e con i tiri da fuori di Cantone trova la parità al 10’: 23-23. Tutto sembra andare per il meglio, ma all’improvviso arriva il black out. La Rekico non trova il canestro per sette lunghissimi minuti, mentre l’Agribertocchi tira con altissime percentuali piazzando un break di 16-0. A togliere le ragnatele dal canestro è una tripla di Maccaferri (4/4 per lui dai 6,75) per il 26-39, segnale di riscossa che permette di arrivare all’intervallo sotto 32-45. La musica non cambia neanche nel terzo quarto, con Orzinuovi che si porta avanti di venti punti: 56-36. Nel momento più difficile ecco il cuore Rekico. La squadra ritorna in partita, Donadoni diventa un micidiale terminale offensivo e arriva la rimonta fino al -9 (58-69), break che fa ammutolire il Palaambienti. Un contestato fallo non fischiato su Casadei interrompe la remuntada e permette ad Orzinuovi di segnare 5 punti filati con una tripla di Bona e un canestro da sotto di Piunti per il 76-62. Il match non si riapre più, ma fino all’ultimo secondo la Rekico ci prova, meritandosi gli applausi del pubblico.

CO.MARK – BAKERY 68 – 60

(21-14; 35-26; 55-41)

Bergamo: Bedini ne, Planezio 17, Cazzolato 5, Panni 10, Berti 3, Milani 6, Chiarello 7, Ghersetti 11, Bastone 4, Pullazi 5. All. Ciocca.

Piacenza: Magrini, Sanguinetti 21, Soragna 4, Rezzano 7, Guerra ne, Tempestini, Banti 9, Leonzio 11, Samoggia 8, Libè ne. All. Steffè.

Piacenza perde in maniera più netta di quanto dica il punteggio, contro una Co.Mark, che si è dimostrata più solida, e che ha comandato la partita dal secondo minuto di gioco, fino al quarantesimo. Piacenza ha provato a rientrare, soprattutto nel quarto periodo, ma la maggiore concretezza dei bergamaschi ha fatto la differenza.

Inizio sprint di Jack Sanguinetti, che segna i primi 8 punti di Piacenza, che trovano la risposta attesa nei 7 punti di Planezio. Il punteggio viene fissato sul 9-7 per i bergamaschi, grazie ad un lay-up di Pullazi. La partita è molto tesa in avvio, ambo le difese lasciano qualche rimbalzo offensivo di troppo, e gli attacchi commettono qualche infrazione banale. Fioccano le palle perse (8), nei primi 7 minuti. La scossa emotiva alla partita, prova a darla Ghersetti che inchioda al ferro 2 punti, più 1 dalla lunetta, e porta Bergamo sul 12-10. Il primo vantaggio significativo sul più 7, arriva grazie a due bombe di Milani, che stracciano la retina e scavano il primo parziale, sul 21-14 per i padroni di casa. Il secondo quarto, inizia con la carestia più totale per i primi 2 minuti. Poi Matteo Samoggia, decide di diventare protagonista ed infila da dietro i 6,75. Lo aiuta Ennio Leonzio, che con il runner riporta Piacenza a -2, sul 21-19. Coach Ciocca, decide di fermare l’ondata, con un timeout. E’ una Piacenza è totalmente diversa nei primi 5 minuti, rispetto ai primi ai 10 iniziali. La difesa lascia alla Co.Mark solo 2 punti nei primi 5 minuti, e Banti impatta sul 23-23 pari, al 15esimo minuto. Bergamo reagisce alla carestia, con una tripla di Berti alla quale risponde prontamente Piacenza. Palla in the pocket, nella tasca, di Tempestini per Banti, ed è 26-25. Negli ultimi 2 minuti, i padroni di casa cambiano faccia. Due di Chiarello, con 2 di Cazzolato e una tripla di Panni, creano un break pesnate, tanto che i giallo-blu chiudono il primo tempo sul 35-26. Ad inizio ripresa, Bergamo mantiene la stessa faccia degli ultimi due minuti del primo tempo. Piacenza non attacca male, ma deve convivere con un preoccupante 34% dal campo. Le giocate di energia di Planezio e Gherselli che assaltano il ferro, fanno scappare Bergamo sul 41-29. La Bakery prova a rientrare con alcune giocate di energia, come la tripla di Samoggia o la palla rubata di Leonzio, ma sono isolate e Chiarello fa la voce grossa sotto i ferri. Bergamo mette il pilota automatico e chiude il quarto sul 55-41.

All’inizio dell’ultimo e decisivo parziale, Piacenza prova a far capire il perché, non c’è differenza tra le due squadre in classifica e per la prima volta nella partita, abbina difesa ed attacco. Bergamo è lasciata a soli 4 punti, nei primi 4 minuti, ed in attacco si scatenano Sanguinetti e Leonzio, che fanno rientrare la Bakery sul 59-51. Bergamo dopo 30 minuti di dominio, inizia a sentire il fiato sul collo e per la prima volta nella partita, ha paura di vincere. Banti, torna a mettere il vestito delle grandi occasioni con 4 punti in rapida successione. Una tripla di Planezio, più due liberi dello stesso numero 6, rimettono 10 punti a 3 minuti dalla fine del match. Bergamo chiude ogni velleità di rientro biancorosso e porta a casa un convincente 68-60.

RUCKER SANVE SAN VENDEMIANO – URANIA BASKET MILANO 62 – 79

VIVIGAS – BMR 70 – 63

(18-16; 33-31; 55-46)

Costa Volpino: Centanni 20, Permon, Patroni ne, Coltro 4, Pilotti 4, Bergamin 15, Sindoni, Borghetti 14, Squeo 10, Esposito 3. All. Giubertoni.

Basket 2000 Scandiano: Malagutti 8, Ferrari ne, Bertolini 7, Farioli 11, Astolfi, Veccia 6, Pugi 9,Gurini 2, Germani 12, Chiappelli 8. All. Tinti.

La Bmr torna a mani vuote dalla trasferta bresciana sul parquet della Vivigas, che si impone al termine di un match equilibrato fino ad un minuto dalla sirena. Tinti recupera Pugi e porta nei dieci l’ultimo arrivato Gurini: la gara, come detto, viaggia sui binari dell’equilibrio e l’unico sussulto è quello che porta i padroni di casa a +9 sul finire del terzo quarto. La formazione scandianese ricuce ed impatta a quota 58, passando poi a condurre sul 60-61 con una tripla di Farioli; nel finale, però, sono Centanni e compagni a prevalere, sfruttando la bomba del 67-63 di Bergamin, a 34” dalla sirena, che taglia le gambe ai bianco-rosso-blu.

RIMADESIO DESIO – SU STENTU SESTU 95 – 67

PALLACANESTRO CREMA – ARGOMM ISEO 87 – 80

BROETTO PADOVA – BALTUR CENTO 88 – 86 dts

(20-20; 37-37; 60-58; 78-78)

Virtus Padova: Schiavon 3, Canelo 10, Clark ne, Ferrara 5, Lazzaro 20, Nobile 10, Salvato 13, Cusinato ne, Crosato 10, Stojkov 17. All. Friso.

Benedetto Cento: Vico 21, Chiera 10, Andreaus 17, Bedetti 7, Pignatti 17, D’Alessandro, Brighi 3, Botteghi, Farabegoli ne, Caroldi 11. All. Giordani.

Seconda sconfitta consecutiva per la Baltur, che cade a Padova al termine di una battaglia risolta soltanto dopo un tempo supplementare. Alla Kioene Arena, Cento si presenta senza Benfatto, ma con Vico, subito in campo insieme a Caroldi, Bedetti, Andreaus e Pignatti. Ed è proprio dell’argentino la prima fiammata dell’incontro, cinque punti in fila che valgono il +6 esterno (9-15) e costringono Friso alla prima sospensione della giornata. In seguito la Baltur mantiene il controllo delle operazioni, ma l’ingresso in campo di Lazzaro consente alla Broetto di accorciare le distanze e pareggiare i conti proprio sulla sirena di fine primo quarto (20-20). Nella seconda frazione Cento si riporta avanti con Chiera e Andreaus (20-28), la panchina di Padova ferma nuovamente la partita ma Pignatti mette la doppia cifra tra le due squadre (23-33, 15’). In seguito la Baltur si ritrova a dover cambiare piano partita per gestire una delicata situazione falli che finisce con l’acuire ulteriormente i problemi in termini di presenza a rimbalzo, gli emiliani perdono ritmo e la Broetto ne approfitta per rifarsi sotto tramite un break di 24-4, che le permette di passare dal -10 al +10 (47-37, 23’). Padova mantiene successivamente dieci lunghezze di vantaggio (54-44), ma Cento ricuce lo strappo con 7 punti di Vico, 2 di Chiera e 3 di Caroldi (56-56). Vico mette quindi la freccia (56-58), ma la Broetto risponde con Nobile e Canelo (65-61, 32’). La Baltur non molla però un centimetro e sui canestri di Vico, Caroldi e Andreaus si ritrova a “+6” (70-76), a poco più di 3 minuti dalla fine. Cento non riesce però a chiuderla, Salvato tiene a galla Padova e Caroldi respinge il primo assalto ma Salvato e Crosato impattano a quota 78 e mandano la partita al supplementare. All’overtime la Broetto parte meglio (82-79), ma capitan Caroldi pareggia i conti. In seguito Stojkov allunga (87-82), ma Pignatti accorcia (87-86). Bedetti trova quindi un’autostrada davanti a sé ma sbaglia e Crosato finisce in lunetta con due tiri liberi, a due secondi dalla fine. Segna il primo e sbaglia il secondo, ma non c’è più tempo per l’ultimo assalto dei biancorossi e la partita si conclude col successo di Padova, che dunque si aggiudica entrambi gli scontri diretti stagionali con la Baltur.

TRAMAROSSA VICENZA – BASKET LECCO 56 – 58

CLASSIFICA

P G V P
Agribertocchi Orzinuovi 32 18 16 2 88.9
CO.MARK Bergamo 30 18 15 3 83.3
Bakery Piacenza 28 18 14 4 77.8
Baltur Cento 24 18 12 6 66.7
Rekico Faenza 22 18 11 7 61.1
GIMAR Basket Lecco 22 18 11 7 61.1
Broetto Virtus Padova 20 18 10 8 55.6
Pallacanestro Crema 20 18 10 8 55.6
Pallacanestro Aurora Desio 14 18 7 11 38.9
Hikkaduwa Milano 14 18 7 11 38.9
Bmr Basket 2000 Reggio Emilia 14 18 7 11 38.9
Vivigas Alto Sebino 12 18 6 12 33.3
Tramarossa Pall. Vicenza 2012 12 18 6 12 33.3
Rucker Sanve San Vendemiano 10 18 5 13 27.8
Argomm Basket Iseo 8 18 4 14 22.2
Accademia Su Stentu Sestu 6 18 3 15 16.7

SERIE B/C 18° Giornata

SIMPLY VIS NOVA – GLOBAL SISTEMI 75 – 77

(11-17; 28-33; 50-54)

Vis Nova Roma: Casale 23, Rossetti 10, Staffieri 6, Argenti 2, Baracco 7, Coronini 10, Legnini 9, Gori 8, Casoni, Misino ne. All. Bongiorno.

Tigers Forlì: Carraretto 7, Giovara 10, Agatensi 6, Forti 4, Cicognani 4, Fontecchio 8, Villani 14, Myers 17, Ghirelli 7, Bartolucci ne. All. Di Lorenzo.

BNL LUISS ROMA – BASKET BARCELLONA P. DI GOTTO 65 – 78

BASKET SCAURI – MASTRIA VENDING CATANZARO 65 – 94

VIRTUS CASSINO – STELLA AZZURRA ROMA 86 – 70

SPORT E’ CULTURA PATTI – LA META TERAMO 67 – 73

ZANELLA BASKET CEFALU’ – VIRTUS VALMONTONE 75 – 68

PALLACANESTRO PALESTRINA – S.MICHELE MADDALONI 119 – 77

CUORE NAPOLI – BALLETTI PARK HOTEL VITERBO 77 – 53

CLASSIFICA

P G V P
Cuore Napoli Basket 32 18 16 2 88.9
Citysightseeing Palestrina 30 18 15 3 83.3
Air Fire Virtus Valmontone 30 18 15 3 83.3
BPC Virtus Cassino  26 18 13 5 72.2
Basket Barcellona 24 17 12 5 70.6
ASD LUISS Roma 20 18 10 8 55.6
Tigers Global Sistemi Forli 20 18 10 8 55.6
Teramo Basket 1960 16 17 8 9 47.1
Basket Scauri 16 17 8 9 47.1
Zannella Basket Cefalù 16 18 8 10 44.4
Mastria Vending Catanzaro 16 18 8 10 44.4
Sport è Cultura Patti 12 18 6 12 33.3
Vis Nova Simply Roma 10 17 5 12 29.4
Stella Azzurra Roma 8 18 4 14 22.2
Balletti Park Hotel Viterbo 6 18 3 15 16.7
MecSan Maddaloni 2 18 1 17 5.6

SERIE B/D 18° Giornata

AMATORI PESCARA – ALLIANZ SAN SEVERO 74 – 71

MALLONI PORTO S.ELPIDIO – NUOVA PALL. MONTERONI 93 – 63

IL GLOBO ISERNIA – XL EXTRALIGHT MONTEGRANARO 52 – 77

WERE BASKET ORTONA – GIULIANOVA BASKET 85 78 – 74

PU.MA. TRADING TARANTO – LIONS BASKET BISCEGLIE 54 – 62

DYNAMIC VENAFRO – VAL DI CEPPO BASKET PERUGIA 78 – 75

BAWER MATERA – GOLDENGAS SENIGALLIA 95 – 84

NTS INFORMATICA RIMINI – GLOBO CAMPLI RINVIATA

CLASSIFICA

P G V P
XL Extralight Montegranaro 32 17 16 1 94.1
Amatori Pescara 28 18 14 4 77.8
Lions Basket Bisceglie 28 18 14 4 77.8
Globo Infoservice Campli 24 16 12 4 75.0
Allianz Pazienza Cestistica San Severo 24 18 12 6 66.7
Malloni Basket P.S. Elpidio 24 18 12 6 66.7
Olimpia Bawer Matera 22 17 11 6 64.7
NTS Informatica Rimini 18 17 9 8 52.9
Goldengas Pallacanestro Senigallia 14 17 7 10 41.2
Were Basket Ortona 14 18 7 11 38.9
Etomilu Giulianova 12 17 6 11 35.3
Pu.Ma. Trading Basket Taranto 10 16 5 11 31.3
Il Globo Isernia 10 17 5 12 29.4
Sicoma Valdiceppo Perugia 6 18 3 15 16.7
Quarta Caffè Monteroni 6 18 3 15 16.7
Al Discount Venafro 4 16 2 14 12.5

A2, la Matteiplast non sbaglia a Viterbo. Serie B, la Libertas Forlì sorprende la Magik Rosa

A2/B 16° Giornata

DEFENSOR VITERBO – MATTEIPLAST BOLOGNA 48 – 61

(13-17; 25-29; 38-46)

Viterbo: Puggioni ne, Maroglio 3, Boccalato 4, Raiola 6, Riccobono 5, Ciavarella 14, Romagnoli 6, Cutrupi 2, Ottaviani 2, Stoichkova 6, Ndiaye. All. Scaramuccia.

Matteiplast: Franceschelli 7, D’Alie 2, Cordisco, Tassinari 13, Dall’Aglio 4, Tava 15, Mini 4, Meroni, Cadoni 16, Poletti, Nannucci. All. Andreoli.

DELSER-CRICH UDINE – MADDALENA VISION PALERMO 55 – 47

SISTEMA ROSA PORDENONE – FANOLA-ONETECH S. MARTINO 53 – 62

VELCOFIN VICENZA – INFA CIVITANOVA MARCHE 63 – 58

ECODENT VILLAFRANCA – RITTMEYER BRUGG MARGHERA 66 – 75

BASKET FEMMINILE STABIA – SALERNO BASKET 57 – 50

CLASSIFICA

Matteiplast Bologna 28; Vicenza 24; Marghera 22; Civitanova, Bonfiglioli Ferrara 20; Udine 18; San Martino di Lupari 16; Villafranca 14; Castellamare 10; Viterbo 8; Pordenone*, Palermo* 4; Salerno 2.

SERIE B 16° Giornata

LIBERTAS BASKET BOLOGNA – RIMINI HAPPY BASKET 73 – 39

ACETUM – TRICOLORE 76 – 39

(22-13, 44-27, 67-33)

Cavezzo: Righini, Bocchi 9, Zanoli 7, Balboni, Marchetti 8, Melloni 4, Finetti 1, Bernardoni 14, Costi 19, Calzolari 5, Bellodi 9. All. Bregoli.

Tricolore Reggio: Fedolfi 1, Davoli, Chiletti 4, Bernini, Bini 4, Brevini 7, Pieracci 4, Costi G., Cappelli 6, Corradini ne, Boiardi 13. All. Orlandini.

SCUOLA BASKET FAENZA – BK CLUB VAL D’ARDA 76 – 57

A.I.C.S. BASKET FORLI’ – TIGERS PARMA BASKET ACADEMY 55 – 77

POL. LIB. CALENDASCO – BK CLUB VALTARESE 2000 74 – 61

LIBERTAS BASKET ROSA FORLI – ITALGOMMA 72 – 66

(20-25; 36-37; 53-45)

Libertas Forlì: Zampiga 2, Pieraccini 18, Castelli, Venturi 14, Andrenacci, Balestra, Varo 9, Missanelli 13, D’Agnano, Ragazzini 12, Melandri 4. All. Castelli.

Magik Rosa Parma: Corsini 8, Petrilli 15, Tringale 9, Molinari 3, Tomassetti, Trevisan 2, Bertolotti 9, Vaccari 16, Minari M. 2, Pavarani 2, Zoni, Minari C. All. Lopez.

L’Italgomma cade a Forlì e contro la giovane Libertas che schiera ben otto under 20 nelle undici giocatrici a referto. Partono bene le parmigiane con ottime giocate in attacco, anche se la difesa sembra subito traballare, perché nonostante il 70% al tiro le bianco blu non riescono a prendere il largo e chiudono il parziale avanti di soli cinque punti. Nel secondo periodo sono i tiri liberi a fare la differenza dato che le due squadre in campo segnano quasi esclusivamente dalla linea della carità; addirittura l’Italgomma mette a referto un solo canestro di Martina Minari per il resto solo tiri liberi. Dopo l’intervallo la Magik rimane negli spogliatoi e il segnale arriva subito dalla prima rimessa consegnata alla avversarie che segnano in contropiede e trovano il primo vantaggio della partita. Le padrone di casa prendono coraggio e allungano fino al +10. Nel quarto periodo l’Italgomma tenta il tutto per tutto trascinata da Bertolotti e Petrilli e riagguanta la partita sul 58 pari anche grazie ad una difesa a zona molto chiusa che inceppa l’attacco romagnolo. Una volta, però, prese le misure, Venturi piazza due triple che affossano la Magik che crolla anche per l’uscita per falli di Petrilli, coinvolta in un’azione dalla quale era distante alcuni metri e nonostante ciò si vede affibbiato il quinto fallo. La partita finisce tra le proteste della panchina parmigiana per il torto subito, ma la vittoria per le giovani della Libertas risulta comunque meritatissima.

CLASSIFICA

Libertas Bologna, S.B. Faenza 28; Cavezzo 26; Magik Rosa Parma 22; Val d’Arda, Calendasco 16; Tricolore Reggio 14; Libertas Rosa Forlì 12; Valtarese 2000 10; Bsl San Lazzaro, Tigers Parma 8; Aics Forlì 4; Happy Basket Rimini 0.

C Gold, una giornata senza troppe emozioni. C Silver, Medicina sbriciola Castenaso

SERIE C GOLD 16° Giornata

ALBERTI E SANTI – POL. PONTEVECCHIO 75 – 62

(13-12; 27-27; 53-44)

Pallacanestro Fiorenzuola 1972: Galli 11, Sichel 16, Trobbiani 2, Orsini 7, Marletta 4, Lottici M. 4, Klyuchnyk 12, Donati 4, Garofalo 10, Giani 5. All. Lottici S.

Pontevecchio:  Varotto 3, Folli, Galassi 19, Riguzzi 4, Carella 4, Brancaleoni 4, Mantovani, Minerva, Bergami 10, Buriani 12, Vetere. All. Angori.

DILPLAST – ORVA 70 – 110

(16-23; 30-50; 49-80)

Montecchio: Corrias, Lombardi 6, Conte ne, Riccò 5, Di Noia 9, Basso 8, Maggi 2, Fava, Borghi, Brogio 7, Negri 14, Giglioli 19. All. Cavalieri.

Lugo: Poluzzi 9, Seravalli 15, Legnani 6, Cortesi 27, Zhytaryuk 9, Guerra, Baroncini 2, Tynsley 17, Romagnoli, Presentazi 11, Filippini 14, Collina. All. Galetti.

GAETANO SCIREA BASKET – NEW FLYING BALLS 58 – 72

(18-22; 28-37; 44-56)

Bertinoro: Dallamora, Solfrizzi En. 12, De Pascale 7, Cristofani 6, Zoboli, Merenda, Marisi, Ricci 9, Brunetti 6, Biandolino 4, Godoli, Solfrizzi Em. 14. All. Brighina.

Ozzano: Montanari 3, Masrè 2, Morara 10, Folli, Magagnoli 9, Lalanne 6, Betti 4, Guazzaloca 6, Mrtini 6, Cutolo 13, Gianasi 9, Agusto 4. All. Grandi.

Terzo successo consecutivo per la La.Co, vittoriosa 72 a 58 sul difficile campo di Bertinoro, dopo una partita condotta per quasi tutti i quaranta minuti, ma chiusa solamente nell’ultima frazione. Vincere a Bertinoro non era facile, qui ci avevano perso corazzate come Fiorenzuola e Salus, ma i ragazzi di coach Grandi sono scesi sul campo con il giusto atteggiamento e una bella prestazione di squadra ha permesso alla La.Co. di portare a casa due punti preziosi per il campionato, utili per rimanere sempre in scia della capolista Lugo.

Primo quarto equilibrato per le due formazioni in campo, le squadre giocano a viso aperto e il match è divertente. Cutolo e Gianasi trascinano Ozzano sul +4 alla prima sirena, vantaggio che si incrementa nel secondo quarto grazie ai punti di Morara e Magagnoli e ad una splendida prestazione difensiva (28-37 all’intervallo lungo). Buone le percentuali al tiro per entrambe le squadre, soprattutto dall’arco, ma se Ozzano trova un buon contributo da tutti i ragazzi, così non vale per Bertinoro che, alla pesante assenza di Riguzzi, si aggiunge la serataccia di capitan Merenda (0/6 al tiro) e alla quasi assenza del bomber Marisi (appena tre minuti giocati per il capocannoniere del campionato con oltre 18 punti di media). Bertinoro si aggrappa così all’esperienza di Enrico ed Emiliano Solfrizzi e, con un parziale di 10-2, si riporta fino al -1 (40-41 al 24’). Ozzano pare confusa e solo dopo un timeout la squadra di coach Grandi trova la giusta strada: contro break di 0-12 e nuovo allungo Flying (40-53 al minuto 28).  Vantaggio in doppia cifra che i biancorossi non molleranno praticamente più. Ad inizio ultima frazione Mattia Ricci riavvicina lo Scirea fino al -9 (47-56 al 32’), ma Ozzano risponde con un nuovo parziale di 2-11 firmato Lalanne, Martini (2/2 da 3 punti) e Magagnoli per il +18 e massimo vantaggio Flying Balls (49-67 a 3’30”dalla fine).  Nel finale spazio anche per il giovane classe 2000 Montanari, che ringrazia dell’opportunità segnando da 3 punti il suo primo canestro in carriera in C Gold, per la gioia dei compagni e, soprattutto, del pubblico al seguito della squadra che ha sostenuto la La.Co. fino alla sirena finale (58-72).

DESPAR 4 TORRI FERRARA – VIRTUS SPES VIS PALL IMOLA 95 – 90 dts

(20-25; 41-43; 60-65; 78-78)

4 Torri Ferrara: Ranzolin 18, De Ruvo 18, Parmeggiani 19, Ballardini, Chiusolo 12, Paccagnella ne, Pederzini 1, Nanni 9, Ghedini 18, Verde, Brandani. All. Cavicchioli.

VSV Imola: Dal Fiume 18, Zambrini 16, Fin 15, Vignali 17, Corcelli 17, Dalpozzo, Sabattani 5, Creti ne, Campomori ne, Sangiorgi 2. All. Marchi.

La partita tra la Despar e Imola siamo certi che non ha annoiato i presenti al Pala 4T e, al di là del risultato finale, ha messo in mostra due squadre che, seppur con problemi, hanno ancora carattere da vendere.

La partita inizia con il vento a favore dei ferraresi che nei primi minuti conducono le danze con un più che ispirato Mattia De Ruvo. Al 5’ il vantaggio dei granata è di cinque lunghezze e nulla fa presagire che di li a poco gli ospiti daranno una vera e propria spallata al punteggio. E’ così che Imola inizia, con una serie di bombe da tre impressionanti, a rimontare fino al sorpasso che arriverà a poco meno di cinque dalla fine del quarto con un tiro dalla lunga di Dal Fiume. Da quel momento è bravissima la Despar a non mollare e rispondere, anche con un certo affanno, alla vena al tiro e alla buona fluidità ritrovata dagli imolesi, che al contrario dell’andata non difendono mai a zona. Il secondo quarto vedrà Ferrara sempre all’inseguimento e a un certo punto, le lunghezze che la dividono da Imola arrivano a nove. Buon per lei che il carattere e la voglia di crederci non l’abbia abbandonata in quei difficili momenti che, di certo se così fosse stato, l’Imola di sabato avrebbe preso abbondantemente il largo. Dal 27 a 34 del quinto minuto, la Despar trascinata da Ghedini e un ritrovato Chiusolo, ricuce fino al meno 2 che sancirà il suono della pausa lunga. I successivi quindici primi minuti degli ultimi due quarti sono la fotocopia di ciò che Imola aveva mostrato in avvio di partita. Buona padronanza, fisicità e soprattutto precisione dalla lunga. Qui la Despar, a nostro avviso, ha mostrato il lato oscuro, ma fondamentale, che spesso l’ha contraddistinta quest’anno: la capacità di crederci e non mollare. E proprio quest’ultimo aspetto l’ha premiata quando, sempre a metà dell’ultimo quarto regolare l’ha vista impattare, dopo lungo tempo a rincorrere, nel punteggio (69 pari). A quel punto, spinta dal vento a favore, la squadra di capitan Brandani ha ripreso a condurre le danze e si è issata al comando, facendo presagire che per i ferraresi sarebbero potuti bastare quattro quarti per portare a casa la “pagnotta”. Tutto vero fino a 1 minuto dal termine quando, un buon Ghedini fino ad allora, spreca malamente una palla che avrebbe permesso di entrare negli ultimi sessanta secondi di gioco con un +4 che, in un match come quello fin li visto, erano tanta roba. Come spesso accade gli errori commessi sono poi puniti dagli avversari e infatti, nel ribaltamento del gioco, trovano il canestro del pareggio con Dal Fiume. Le due successive giocate non sposteranno ciò che dice il tabellone e costringeranno tutti all’extra time. La partita regolare finisce però con una coda avvelenata per Imola che, a causa di pesanti lamentele con il tavolo, vede allontanare, per espulsione, due giocatori, Fin e Zambrini. Se ce ne fosse stato bisogno, questo fatto ha ulteriormente surriscaldato gli animi, soprattutto e naturalmente da parte imolese. I successivi quattro tiri liberi concessi per le espulsioni porteranno Ferrara ad un +3. L’extra time si gioca in un clima infuocato con gli arbitri che a fatica tengono ordine in campo. In questi momenti i tanti errori possono anche essere compresi. Malgrado tutto è però la Despar a tenere la testa a posto e soprattutto al comando. Da li alla fine saranno i ferraresi a dettare i tempi di gioco e a conquistare due punti che profumano tanto di play off.

NUOVA PSA MODENA – SALUS PALL. BOLOGNA 58 – 67

(12-11; 28-26; 43-45)

Modena: Vivarelli, Grazzi ne, Bianchi 4, Cervellati 2, Tamagnini 2, Verrigni 12, Frilli 5, Storchi 15, Gamberini ne, Fiore, Saccà 16, Brilli 2. All. Spettoli.

Salus: Savio 7, Fimiani 6, Amoni 5, Nucci 11, Percan 13, Granata, Zanoni, Lugli 11, Parma Benfenati 6, Trentin 8. All. Giuliani.

Alle Ferraris arriva la Salus Bologna, una delle big del campionato. Partono meglio gli ospiti che volano 7-2 costringendo coach Spettoli al timeout dopo appena 120 secondi. Reazione PSA marchiata da Saccà che sfodera un primo quarto da 10 punti e 8 rimbalzi e riporta a contatto Modena. Tanta intensità ma anche tanta confusione negli ultimi minuti del quarto con errori su ambo i lati che tengono basso il punteggio. Modena avanti 12-11 al primo intervallo. Sul fronte offensivo migliorano le cose nel secondo periodo, si accende capitan Storchi che firma dalla lunetta il +7 per i padroni di casa sul 26-19. Una tripla di Nucci, a fil di siren,a fissa il punteggio alla pausa lunga sul 28-26 per la PSA. Modena tira meglio, ma ha già perso 15 palloni dopo venti minuti, mentre la Salus paga il 23% dal campo con 10 canestri su 43 tentativi. Grande equilibrio anche nella terza frazione, i bolognesi aggiustano la mira e mettono il naso avanti toccando anche il +4, ma un gioco da 5 punti (tripla di Frilli più fallo subito lontano dalla palla da Saccà) riporta davanti Modena. Lugli in contropiede a pochi secondi dalla sirena trova il layup che porta la squadre all’ultimo mini riposo sul 45 a 43 per i felsinei. Le energie dei ragazzi di casa sono agli sgoccioli, per qualche azione nessuno segna, Fimiani trova la tripla di tabella allo scadere dei ventiquattro, Lugli ne segna un’altra dopo un’azione parecchio confusa e la Salus vola a +9 a metà periodo complice anche un tecnico a Saccà. Parma Benfenati riscatta un opaco primo tempo e mette i canestri chiave dell’allungo definitivo per i ragazzi di coach Giuliani che si aggiudicano l’incontro 67-58, con Brilli e Tamagnini che nei secondi finali riportano il divario sotto la doppia cifra. I due punti prendono dunque la strada di Bologna al termine di una partita molto fisica e spigolosa caratterizzata da tanti contatti e pochi canestri.

B.S.L. – BOLOGNA BASKET 2016 86 – 69

(25-20; 54-38; 64-54)

San Lazzaro: Bernardi ne, Lolli 10, Verardi 20, Binassi 2, Fabbri 15, Rossi 8, Bianchi 6, Barattini 2, Mellara 6, Cavazzoli 2, Allodi 15. All. Rocca.

BB 2016: Spettoli 9, Biello 7, Guerri 2, Del Papa 9, Tugnoli L., Tugnoli A. 5, Bertuzzi 8, Brotza, Zeneli 6, Albertini 23. All. Trevisan.

Partita senza storia quella tra BSL e Bologna Basket 2016, giocata lo scorso venerdì a San Lazzaro. La posizione in classifica delle due squadre avrebbe fatto prevedere un match più equilibrato, ma l’esuberanza e la reattività dei padroni di casa, accompagnate da una serata di grazie nel tiro da 3, ha fatto da subito la differenza. Il BB 2016 paga una difesa in ritardo sui cambi e una giornataccia a rimbalzo, dove San Lazzaro domina, specie in attacco. Troppi anche 14 errori dalla lunetta per i visitatori. Dal rientro dalla pausa natalizia la squadra di Trevisan, anche per l’assenza di De Gregori e le cattive condizioni fisiche di Biello e Brotza, sembra aver subito un calo che speriamo possa essere solo una fase della stagione presto superabile.

La cronaca: il BB2016 subisce fin dall’inizio la velocità del BSL e va sotto di cinque lunghezze a metà primo quarto. Qualche iniziativa di Biello e del solito Albertini permettono di concludere con lo stesso svantaggio la prima frazione. Ma nel secondo quarto la lenta difesa sui tiri da 3 dei padroni di casa comincia a scavare il solco. Al 3’ sotto di 8 e poi al 5’ di 12, i bolognesi subiscono le raffiche di Verardi e Lolli, che sembrano gli Splash Brothers di Golden State. Sotto per 54-38 si conclude il primo tempo. Nel terzo quarto la difesa del BB2016 si stringe e prova a recuperare con una marcatura più decisa. Arrivati a -10, tre tiri facili sbagliati ed una palla persa negano un ulteriore riavvicinamento. Bertuzzi e Del Papa mettono due canestri importanti, ma, poi, a quest’ultimo viene fischiato un fallo sul tiro da 3 avversario, seguito da un tecnico alla panchina. Quattro punti, rimessa e altro canestro del BSL che segnano definitivamente la partita. Non basta un illusorio break di -4 all’inizio dell’ultima frazione, propiziato da un Guerri preciso e lucido; il BSL recupera palloni e segna in sequenza. A 7’ dalla fine il gap è di -14 e il resto è garbage time. Finisce a -17.

CLASSIFICA

LUGO 26 15 13 2 1166 969 +197
FLYING BALLS OZZANO 24 15 12 3 1085 971 +114
FIORENZUOLA 1972 22 15 11 4 1199 1061 +138
SALUS BOLOGNA 22 15 11 4 1147 1029 +118
4 TORRI FERRARA 20 15 10 5 1109 1060 +49
SAN MARINO 16 14 8 6 1044 1015 +29
VSV IMOLA 14 15 7 8 1132 1096 +36
GAETANO SCIREA BERTINORO 12 14 6 8 917 968 -51
ARENA MONTECCHIO 10 15 5 10 1131 1245 -114
BSL SAN LAZZARO 10 15 5 10 1017 1149 -132
BOLOGNA BASKET 2016 8 15 4 11 1021 1093 -72
PSA MODENA 6 14 3 11 866 1008 -142
PONTEVECCHIO BOLOGNA 2 15 1 14 1009 1179 -170

SERIE C SILVER 16° Giornata

BASKET RICCIONE – GRUPPO VENTURI 46 – 82

(8-19; 22-38; 28-66)

Riccione: Egbutu 1, Casadei 2, Muccioli 2, Mazzotti, Cardinali 10, Ambrassa 1, Brattoli 16, Bologna, Chavdarov 1, Chistè 2, Biagini ne, De Martin 11. All. Agostini.

Anzola: Poluzzi L. 3, Bortolani 22, Trerè, Zucchini 6, Galvan 7, Kalfus, Regazzi 5, Venturi N. 11, Cataldo 4, Venturi D. 7, Penè 4, Mazza 13. All. Coppeta.

Vince e convince il Gruppo Venturi sul difficile campo di Riccione in una partita che non ha mai avuto storia. Parte forte Anzola che, subito, prende il vantaggio giocando una buona pallacanestro anche grazie ad un Riccione mai in partita. La partita si chiude alla fine del primo tempo, quando Anzola allunga il già cospicuo vantaggio del primo quarto con i romagnoli incapaci di reagire nonostante il passaggio a zona. Nel secondo tempo Anzola tiene botta chiudendo facile la partita sul +36.

GRANAROLO BASKET – L.G. COMPETITION 56 – 66

(19-18; 35-29; 43-47)

Granarolo Basket: Nicotera ne, Marchi 15, Bernardinello, Paoloni 4, Ballini 9, Neviani 4, Salicini, Marega 8, Nobis 2, Cristalli 3, Cerulli ne, Cempini 11. All. Carrera.

Castelnovo Monti: Canuti, Thomas 21, Magnani 4, Rossetti 6, Levinskis 13, Guarino 4, Zamparelli 3, Mallon 1, Vanni 14, Barigazzi ne, Grulli, Lavacchielli. All. Diacci.

La LG passa a Granarolo al termine di una partita a due facce: ben intrepretata dai padroni di casa nel primo tempo, ma decisa nella ripresa dalla difesa degli ospiti e dall’americano Devonte Thomas (MVP con 8/14 al tiro e 25 di valutazione) che ha realizzato 16 dei suoi 21 punti nella seconda metà gara.

La partita inizia con i Cinghiali a comandare il gioco e Granarolo che rimane incollata agli ospiti (10-13 al 5’30”) grazie ad un Cempini in vena. Neviani si accende e Granarolo mette il naso avanti in un minuto (15-13 al 6’30”) grazie ad un gioco da 3 punti di Cempini assistito da Ballini. La risposta degli ospiti non si fa attendere e in 2′ Castelnovo ripristina lo status quo (15-18 al 8’30”). Il solito Cempini e un bel tap in di Marega allo scadere mandano le squadre al primo riposo sul +1 Granarolo (19-18). In avvio di secondo quarto Granarolo opera il primo strappo: 5 punti consecutivi di Marchi (con Cempini il migliore dei padroni di casa) e un canestro di Ballini siglano il 7-0 con cui Granarolo si porta a +8 dopo 2’30” (26-18); Levinskis si carica in spalla la squadra e quasi da solo ricuce il divario (26-24 al 14′ con 5 punti del lituano). Squadre a braccetto per un paio di minuti poi Granarolo riprova l’allungo ma non riesce ad andare oltre al +6 con cui si chiude il secondo periodo (35-29). Nel terzo periodo cambia la musica sullo spartito: gli uomini di coach Diacci stringono le maglie difensive e Granarolo rimane a secco per 5′ mentre Devonte Thomas guida i suoi nel break di 0-9 con cui Castelnovo passa a condurre (35-38 al 25′). Marega e Neviani rompono il digiuno dei padroni di casa e le squadre rimangono a contatto fino al 43-43 del 28’30”; Devonte Thomas e due liberi di Zamparelli puniscono l’imprecisione dei padroni di casa e al 30′ la LG conduce di 4 (43-47). La LG sfrutta bene l’imprecisione di Granarolo nella seconda metà gara (45% dal campo nei primi 20 minuti, 20% nei secondi venti), fa valere la maggior fisicità a rimbalzo e armando la mano di Thomas e Levinskis scappa a +12 (45-57 al 36′). Marchi prova a metterci una pezza, ma una tripla chirurgica di Rossetti (vero regista occulto degli ospiti) dà il massimo vantaggio ai Cinghiali (47-60 al 37’30”). Marchi e Ballini hanno un ultimo sussulto e con un paio di siluri riportano Granarolo a -7 (56-63 al 39′). La foga, però, non aiuta Ballini al quale viene sanzionato un antisportivo e la LG arrotonda il punteggio dalla lunetta nei secondi finali.

OLIMPIA CASTELLO 2010 – GUELFO BASKET 62 – 86

(13-16; 26-36; 43-62)

Olimpia Castel San Pietro: Franceschini 22, Dall’Osso 2, Corazza 5, Pedini 5, Cavina 6, Carter 11, Farnè ne, Binassi 1, Nardi, Venturi 10. All. Savini.

Castel Guelfo: Bernabini 10, Millina 10, Pieri 2, Baccarini 8, Fornasari 2, Venturoli ne, Musolesi 17, Ruggiero 8, Giordani 14, Casagrande 9, Quadrelli 6, Govi. All. Serio.

Derby sentito quello tra i due Castelli, entrambi cercano la vittoria ma per obiettivi diversi: l’Olimpia deve provare a vincere per togliersi dalla zona retrocessione, mentre il Guelfo per rimanere in alta classifica.

Entrambe le squadre partono con attacchi che faticano a segnare, ma meglio i padroni di casa con Carter e la tripla di Corazza che portano il risultato sull’8-3. Musolesi e Millina ricuciono lo svantaggio, l’Olimpia si affida molto al tiro dalla lunga senza trovare risultato e a 1 minuto dalla fine subisce il sorpasso con la tripla di Bernabini (13-14) e Giordani poi fissa il risultato sul 13-16 di fine 1º quarto. Nella seconda frazione si inizia a scavare un solco importante, i ragazzi di Serio giocano di squadra e superano agevolmente la doppia cifra di vantaggio. A tenere comunque in partita i castellani, sono proprio le triple che nella prima frazione non andavano. Si va all’intervallo col Guelfo sopra di 10 punti. Dal rientro dagli spogliatoi la partita si conclude: Casagrande e Musolesi trovano ottimi piazzati e gli altri producono tanto contropiede. Il vantaggio raggiunge in un amen i 20 punti. Coach Savini non trova risposte dai propri uomini e il quarto finisce sul 43-62. L’ultima frazione non fa altro che dilatare ancor più il gap. L’andamento della partita fa sì che coach Serio possa far giocare minuti importanti ai suoi under e anche di tenere a riposo Venturoli.

ACADEMY BASKET FIDENZA 2014 – BK POL. CASTELFRANCO E. 91 – 78

(32-20; 55-40; 74-65)

Academy Fidenza: Antozzi 7, Tommei 3, Barksdale 36, Simonazzi 7, Alston 18, Pellegrini 9, Bernardi 4, Liberati, Luis 7, Sela. All. Zanardi.

Castelfranco Emilia: Paolucci, Tomesani 21, Coslovi 10, Romagnoli, Righi 16, Tedeschini 17, Forni 6, Prampolini, Pedroni, Ayiku 8, Ferrari ne. All. Boni.

CRISDEN – ME CART 54 – 63

(14-18, 24-30, 34-45)

Rebasket Castelnovo Sotto: Minardi 10, Magliani 8, Nunziato, Mazza 18, Bartoli 2, Defant 16, Giorgino, Panizzi, Bettelli, Baroni. All. Casoli.

Cavriago: Cacciavillani 1, Fantini, Caleffi 3, D’Amore 13, Baroni 11, Pezzi 14, Tognato ne., Franzoni ne, Caminati 2, Fontanesi 8, Vecchi ne, Pedrazzi 11. All. Martinelli.

BERNAITALIA – PALLACANESTRO CASTENASO 92 – 56

(21-16; 46-29; 65-43)

Medicina: Magnani 9, Tinti 9, Marinelli 1, Mini 13, Govi 8, Biguzzi 9, Lorenzini 19, Spadoni, Barba 6, Canovi 4, Rambelli 14. All. Curti.

Castenaso: Spinosa 3, Pesino 6, Beccari 3, Curione 10, Cantore 5, Masini 5, Pedrielli, Baroncini, Recchia ne, Parenti 10, Trombetti 14. All. Cinti.

PalaRambaldi che offre una bellissima cornice di pubblico: ad opporsi ai padroni di casa della Bernaitalia arriva Castenaso per il derby della San Vitale, partita che negli ultimi anni è sempre stata importante per le zone nobili della classifica . Bernaitalia che recupera Lorenzini e Biguzzi ed in generale una migliore forma fisica rispetto al turno precedente. Castenaso è al complete. Coach Curti opta per iniziare con Tinti, Mini, Govi, Biguzzi e Rambelli; di contro gli ospiti iniziano con Curione, Spinosa, Trombetti, Cantore e Parenti. Primi quarto e subito Biguzzi con una bomba ad aprire le danze. Castenaso risponde con i soliti Trombetti e Parenti. Si accende Mini (14 punti, 3 recuperi, 2 assist) con tre triple, ancora Parenti per Castenaso, Magnani risponde per Medicina e alla prima sirena Bernaitalia al comando sul 21 a 16. Secondo periodo e Magnani (9 punti, 2 rimbalzi, 2 recuperi, 2 assist) infila la bomba, poi si accende Tinti che di triple ne mette due in sequenza. La Bernaitalia allunga, Castenaso fatica a rimanere in scia e Lorenzini punisce con 5 punti a fila. Rientra un positivissimo Biguzzi (9 punti, 7 rimbalzi, 3 recuperi, 3 falli subiti) e ancora Bernaitalia in controllo: alla sirena medicinesi in vantaggio sul 46 a 29. Terza frazione e Castenaso tenta una reazione: Trombetti, Parenti e Beccari riavvicinano gli ospiti a -12; coach Curti chiama minuto e rimette ordine, la Bernaitalia si giova del rientro di Magnani e di un chirurgico Rambelli (14 punti con 4 su 4 da tre e 1 su 1 da due) che mette 8 punti quasi a fila e spegne il tentativo di rimonta di Castenaso. Alla terza sirena Bernaitalia al comando sul 65 a 43. Quarto periodo e sempre super Tinti (9 punti, 4 rimbalzi, 5 recuperi, 8 assist, 4 falli subiti) a dirigere le operazioni con autorità; dalle palle recuperate si innesca il contropiede e nella corsa è Lorenzini (19 punti, 3 rimbalzi, 4 recuperi, 2 stoppate, 1 assist) a battere sistematicamente il rientro difensivo ospite; il solito utilissimo Govi (8 punti, 10 rimbalzi, 5 assist) chiude ogni discorso con una bomba. Rientrano Barba (6 punti, 2 recuperi, 1 assist) e Canovi (4 punti, 3 recuperi, 1 rimbalzo), la Bernaitalia continua a macinare gioco e, con la seconda bomba di Barba e due liberi di Canovi, raggiunge quota 92 punti a circa due minuti dal termine. Castenaso ha già abbandonato la contesa da tempo, seppellita dal 16/26 da 3 punti di una Bernaitalia precisa e cinica.

POLISPORTIVA MOLINELLA – PALL. NOVELLARA 46 – 52

(12-10; 20-18; 43-37)

Molinella: Tugnoli 6, Spisni ne, Rubini ne, Quartieri 2, Pusinanti 4, Piazzi 4, Zuccheri 5, Folesani, Lanzi ne, Sighinolfi 7, Quaiotto 5, Innocenti 13. All. Baiocchi.

Novellara: Ferrari ne, Margini, Folloni 6, Rinaldi 13, Morgotti 4, El Ibrahimi 4, Carpi, Ciavolella 2, Morini ne, Bartoccetti 14, Dilas 9. All. Spaggiari.

CLASSIFICA

ACADEMY FIDENZA 26 15 13 2 1230 1021 +209
VIRTUS MEDICINA 26 15 13 2 1197 1031 +166
LG COMPETITION CAST. MONTI 22 14 11 3 1107 906 +201
GUELFO CASTEL GUELFO 20 15 10 5 1146 1017 +129
NOVELLARA 18 15 9 6 1014 1036 -22
ANZOLA 16 15 8 7 1060 1065 -5
CASTENASO 16 15 8 7 1105 1150 -45
GRANAROLO BASKET 12 15 6 9 1044 1047 -3
MOLINELLA 12 14 6 8 900 903 -3
SCUOLA BASKET CAVRIAGO 12 15 6 9 1023 1030 -7
CVD CASALECCHIO 12 14 6 8 910 940 -30
RICCIONE 12 15 6 9 1050 1174 -124
CASTELFRANCO EMILIA 10 15 5 10 1056 1183 -127
OLIMPIA CASTEL SAN PIETRO 6 15 3 12 1026 1212 -186
REBASKET CASTELNUOVO 2 15 1 14 949 1102 -153

Serie D, l’Atletico perde la maratona di San Pietro in Casale. Girone B, Artusiana corsara all’overtime

SERIE D/A 17° Giornata

VENI BASKET – ATLETICO BASKET 96 – 95 d3ts

(17-16; 40-37; 64-58; 73-73; 81-81; 89-89)

San Pietro in Casale: Gamberini, Minozzi G. 33, Vinci 4, Rorato 7, Sgarzi 7, Settanni 10, Brunetti ne, Dal Pozzo 17, Ghedini 3, Ballarin ne, Pastore 5, Barbieri 10. All. Minozzi M.

Atletico: Veronesi Gr. 16, Campanella M., Campanella F., Grassi 2, De Simone 15, Diop 3, Artese 13, Flori 13, Martelli, Veronesi G.I. 12, Campanella E. 11, Pedroni 10. All. Pietrantonio.

UNIONE SPORTIVA AQUILA – ANTAL PALLAVICINI 71 – 69

(14-23; 38-35; 51-54)

Luzzara: Beltran 8, Salzano, Gruosso 12, Galeotti 6, Torreggiani 3, Stellato 14, Petrolini 19, Costantino 9, Freddi, Pasini, Salati ne, Corradini ne. All. Campedelli.

Pallavicini: Maestripieri 6, Spadellini 10, Tosiani 7, Cenesi 9, Nanni G. 4, Benuzzi 2, Minghetti 12, Sgargi 7, Nanni M., Galeotti 3, Laluna ne, Bartalotta 9. All. Bignotti.

SCUOLA PALL. VIGNOLA – VIS BASKET PERSICETO 53 – 66

(9-18; 24-41; 43-56)

S.P. Vignola: Ganugi 12, Badiali 9, Quansah, Barbieri 4, De Martini 7, Caltabiano ne, Carretti 5, Paladini 2, Guidotti 6, Franchi 3, Amici 5, Pevarello ne. All. Smerieri.

San Giovanni in Persiceto: Genovese 4, Chiusoli ne, Cornale 7, Parmeggiani 6, Scagliarini 2, Chiapparini 2, Rusticelli 7, Papotti ne, Bartolozzi 7, Pasquini 17, Gamberini ne, Almeoni 14. All. Berselli.

SPORT SERVICE – MOLINO GRASSI 66 – 69

(18-14; 36-35; 49-52)

La Torre Reggio: Mazzi G., Bertolini 3, Canuti 12, Pezzarossa 7, Mazzi F. 16, Mussini 4, Lavaggi, Margaria 12, Orlandini 12, Rivi ne, Trivelloni ne. All. Spadacini.

Magik Parma: Bazzoni 4, Donadei 6, Malinverni M. 3, Malinverni L. 4, Montagna 2, Aimi 10, Secli 6, Diemmi 12, Guidi 22, Cavaglieri ne, Botti ne, Lannutti ne. All. Lopez.

Non è un buon inizio di ritorno per la Sport Service che, dopo il ko di San Polo, perde un’altra sfida salvezza, stavolta in casa contro il Magik. Ora, così, restano solo due le lunghezze di vantaggio sulla zona play-out, rispetto alla quale proprio il Magik si mette in sicurezza, salendo a +4.

La partita è caratterizzata da diversi strappi nel punteggio: meglio all’inizio i padroni di casa, fino al +4 del 10’ (18-14), poi reazione ospite (25-32) e nuova accelerazione torriana, culminata nei due tiri liberi di Filippo Mazzi per il +1 del 20’ (36-35). La Sport Service prosegue nel suo buon momento dopo l’intervallo, tanto da salire subito sul +8 (45-37). Il Magik non ci sta, si affida a Guidi e mette la testa avanti nelle ultime battute della terza frazione (49-52 al 30’). La corsa ducale non si ferma nel quarto periodo e anzi la forbice si allarga fino a un rassicurante +11 (54-65 al 35’). Qui la truppa di Spadacini attinge a tutte le sue energie per riaprire il match, sfiorando la rimonta: a 24’’ dal termine il punteggio è 66-67, ma ancora Guidi trova il canestro decisivo e, nell’ultimo possesso, i reggiani falliscono la conclusione da tre, che avrebbe permesso di raggiungere un ormai insperato overtime.

STARS BASKET – BASKET VOLTONE 75 – 63

(28-18, 40-38, 58-53)

Stars: Bertoncello 19, Tazzara 14, Regazzi, Morando 13, Skocaj 15, Landuzzi 3, Marino, Passarelli 2, Musolesi, Santilli 9, Taroni ne. All. Bandiera.

Monte San Pietro: Calvi 10, Galassi 12, Ferri, Giacometti A. 3, Sanguettoli 9, Giacometti J. 3, Codicini, Ferraro 4, Maresi 7, Magi, Iannicelli 4, Lelli 11. All. Torrella.

PALL. NAZARENO CARPI – SAMPOLESE BK 44 – 51

(8-13; 21-25; 31-29)

Nazareno Carpi: Compagnoni 10, Goldoni 2, Pivetti 3, Pravettoni 11, Spasic 7, Marra 2, Cavallotti, Menon 2, Doddi 7. All. Cesari.

Sampolese: Tognoni 7, Siani 6, Davoli 4, Braglia 6, Tondo 10, Benevelli 7, Maggiali, Fassinou 2, Pezzi 4, Margini 5, Hasa ne. All. Immovilli.

Importante blitz esterno della Sampolese che fa suo un altro match salvezza. Grazie ad una grande prova del collettivo i biancorossi hanno la meglio su un Nazareno apparso sottotono dopo la vittoria esterna sul campo della Francesco Francia. Gli ospiti conducono per larga parte di una partita dal punteggio molto basso, con la solita intensità difensiva ed una maggiore lucidità in attacco che permette ai ragazzi di coach Immovilli di rimediare ad un terzo quarto da soli 4 punti messi a referto.

Dopo un primo quarto di generale siccità offensiva, si sbloccano in attacco entrambe le squadre con i carpigiani trascinati da Compagnoni e Pravettoni, mentre i reggiani trovano nella fisicità vicino a canestro il loro punto di riferimento grazie al trio Braglia-Pezzi-Tondo. Nel terzo parziale il Nazareno trova importanti recuperi grazie a continui cambi difensivi che mandano in tilt la Sampolese, costretta a chiudere in svantaggio il parziale e con l’inerzia a sfavore. Il match si decide tutto nell’ultima frazione, in cui i reggiani dimostrano grande pazienza nel trovare punti importanti da Tondo e freddezza dalla lunetta per chiudere la pratica.

PALLACANESTRO FULGOR – F.FRANCIA PALL. 62 – 69

(20-11; 34-31; 49-49)

Fulgor Fidenza: D’Esposito 2, Galvani, Erickson 15, Iacomino 21, Molinari, Roma, Gelmini 8, Imeri, Parmigiani 16, Ceci. All. Fiesolani.

Francesco Francia Zola: Galli 5, Perrotta 4, Alberi ne, Mazzoli 1, Maselli 1, Cevenini ne, Barilli Fe. 8, Masina 6, Barilli Fi. 7, Pagano 3, Bavieri 10, Romagnoli 24. All. Piccolo.

POLISPORTIVA CASTELLANA – ALTEDO BASKET 79 – 80

(19-20; 31-42; 57-60)

Castelsangiovanni: Belli 6, Maga 3, Brandolini, Eccher 3, Montafia, Baldini 8, Zamboni 36, Villa 5, Mori 10, Mazzocchi 8, Lika. All. Fanaletti.

Altedo: Tradii 5, Pasquali 24, Caprara 16, Gnan, Ventura 4, Menna 2, Govoni 4, Baccilieri 5, Soresi 7, Governatori 13. All. Marchesini.

CLASSIFICA
VIS PERSICETO 30 17 15 2 1145 962 +183
FRANCESCO FRANCIA ZOLA 28 17 14 3 1186 1090 +96
ATLETICO BOLOGNA 26 17 13 4 1252 1107 +145
ALTEDO 24 17 12 5 1154 1057 +97
PALLAVICINI BOLOGNA 22 17 11 6 1218 1123 +95
SCUOLA PALL. VIGNOLA 20 17 10 7 1031 997 +34
FULGOR FIDENZA 18 17 9 8 1061 1021 +40
VOLTONE ZOLA 16 17 8 9 1177 1158 +19
MAGIK PARMA 14 17 7 10 1045 1154 -109
NAZARENO CARPI 12 17 6 11 1106 1145 -39
LA TORRE REGGIO EMILIA 12 17 6 11 1066 1110 -44
STARS BOLOGNA 12 17 6 11 1159 1229 -70
VENI SAN PIETRO IN CASALE 12 17 6 11 1080 1150 -70
SAMPOLESE 10 17 5 12 935 1008 -73
CASTELLANA CASTEL S.GIOVANNI 10 17 5 12 1027 1183 -156
AQUILA LUZZARA 6 17 3 14 1050 1198 -148

SERIE D/B 17° Giornata

SAN MAMOLO BASKET – SCUOLA BASKET FERRARA 75 – 57

(24-10; 37-24; 61-42)

San Mamolo: Zambonelli, Baietti 12, Bamania 6, Bianchini 12, Sterpi 17, Santinelli, Valenti 5, Quadri 3, Tosini 7, Fenderico, Boccardo 4, Sgarzi 9. All. Morra.

Ferrara:  Ferrarini, Rimondi 12, Cattani 4, Rimondi 5, Roversi 2, Bertocco 12, Bereziartua 8, Seravalli 2, Romagnoni 5, Malaguti 7. All. Schincaglia.

PARTY & SPORT – CESTISTICA ARGENTA 69 – 77

(22-19; 35-44; 57-63)

P&S Ozzano: Guidetti, Sandrolini 5, Fioravanti 7, Dozza 6, Avallone 7, Marchi 2, Zerbini 3, Lazzari 11, Rizzoni 2, Miceli 26, Tagliati, Ghiacci. All. Benini.

Argenta: Alberti A. 8, Alberti D. 1, Zanetti 10, Pasquali 6, Quaiotto 2, Cilfone 12, Scardovi, Bottoni 4, Zanellati 6, Malagolini 22, Di Tizio 6, Pasetti. All. Panizza.

La Cestistica da un calcio alla crisi e con una prova di carattere espugna meritatamente l’ostico parquet di Ozzano, portando a casa due punti fondamentali per il morale e la classifica. Primo quarto all’insegna di un sostanziale equilibrio e che vive sul costante botta e risposta tra Malagolini,per gli ospiti, ed un immarcabile Miceli per i padroni di casa, autore di ben 15 punti nel solo primo parziale. Al 5′ Argenta mette per la prima volta il naso avanti (9-11) con due liberi proprio di Malagolini, ma la reazione bolognese è immediata e un piazzato di Rizzoni e la precisione in lunetta di Avallone e Miceli, portano il Party&Sport sul +5 (22-17), prima che Pasquali infili il canestro del -3 che conclude la prima frazione. Nel secondo quarto Argenta cambia marcia: Di Tizio mette la”museruola” a Miceli, Zanetti e Bottoni si incollano a Dozza e Avallone e i padroni di casa sono costretti a forzare tutte le conclusioni, prestando il fianco al contropiede biancoblu che va a bersaglio con Pasquali e gli stessi Bottoni e Zanetti. Dopo tre minuti Cestistica sul + 5 (24-29); una tripla di Fioravanti riduce il divario a due lunghezze (27-29), ma gli ospiti replicano da oltre l’arco con Cilfone e Malagolini, altra prova da incorniciare la sua e la forbice si dilata a tredici lunghezze (27-40)  a due giri di lancette dall’intervallo lungo. Un paio di banali palle perse dei ragazzi di coach Panizza e la precisione in lunetta del “redivivo” Miceli, permettono ai padroni di casa di limitare i danni sino al -9 (35-44) di metà gara. Alla ripresa del gioco gli ospiti, nonostante  l’organico falcidiato dai falli, riescono a limitare efficacemente gli esterni bolognesi, con Alessandro Alberti sugli scudi, pagando però in lucidità sul fronte offensivo. Coach Benini “pesca” dal mazzo il jolly Lazzari e la guarda va a bersaglio con continuità; pronta, però, è la risposta argentana con Di Tizio ed un super Cilfone che con i suoi canestri tiene la “barca” biancoblu saldamente in rotta, nonostante una tripla sulla sirena proprio di Lazzari. L’ultimo quarto si apre con Argenta sul +6 (57-63); i padroni di casa cercano costantemente Miceli nel tentativo di rimontare, ma Di Tizio fa buona guardia, mentre sull’altro fronte, con Cilfone a rifiatare e Pasquali in panchina per raggiunto limite di falli, è ancora Malagolini a punire da oltre l’arco per il + 9 (61-70) prima di vedersi sanzionare la quinta penalità che pone fine alla sua partita. Zerbini e Dozza cercano “fortuna” dalla lunga distanza, ma il ferro non li premia; sul rovesciamento di fronte è Zanellati, dai 6,75, a porre fine alle ostilità con due triple a distanza ravvicinata che portano la Cestistica sul +12 (64-76) a 120″ dal termine. Solo la precisione in lunetta dei padroni di casa limita il passivo al -8 finale (69-77).

G.S. INTERNATIONAL BASKET – CRAL E. MATTEI 71 – 73 dts

(16-12; 33-29; 50-48; 63-63)

International Imola: Scala ne, Benghi 13, Pederzoli ne, Scagliarini 2, Sassi 4, Ciampone 9, Montanari 6, Ginevri 3, Martini 21, Ricci Lucchi 2, Borgognoni 11, Salvati. All. Carretto.

Spem Mattei Ravenna: Martini, Locchi, Thiam 15, Fabbri 2, Zannini 20, Bonaccorso 2, Morigi L. 15, Battaglia, Morigi E. 17, Urso 2. All. Casciello.

IMMOBILIARE 2000 – ARTUSIANA BK FORLIMPOPOLI 68 – 79 dts

(21-21; 38-35; 56-54)

Giardini Margherita: Alaimo 20, Grassitelli 9, Marcelli 4, Florio 3, Pancaldi 6, Ostapyuk, Paccagnella ne, Brina 1, Pierini 16, Bonesi, Lambertini 9. All. Righi.

Forlimpopoli: Rossi 19, Vitali 2, Biondi ne, Balistreri, Conocchiari 18, Calboli, Piazza 13, Morabito ne, Serrani 16, Arfelli 4, Monday ne, Servidei 7. All. Agnoletti.

Colpo dell’Artusiana alla “Moratello”. Dopo una prima frazione equilibratissima (21-21), i Gardens tentavano l’allungo nel secondo quarto arrivando anche a +10 (36-26); la reazione degli artusiani, però, era veemente e all’intervallo ci si andava sul 38-35. Nella ripresa sempre minimi vantaggi da una parte e dall’altra e si arrivava all’ultimo tiro, preso da Grassitelli, che non veniva premiato dalla buona sorte. Supplementare a senso unico, con i padroni di casa che non segnavano per quattro minuti e con Rossi che infilava la tripla decisiva, sul 66-70, a poco più di un minuto dalla sirena.

AICS JUNIOR BASKET – AUDAX BASKET 69 – 52

(14-23; 32-23; 52-40)

Aics Forlì: Bergantini F., Valgimigli 8, Perugini, Ravaioli 19, Totaro 19, Crocini 6, Galeotti, Nervegna 4, Bergantini R. ne, Mariani 9, Bacchini 4. All. Chiadini.

Audax Ferrara: Balboni 4, Cara 2, Del Torto, Fabbri 8, Felletti Spadazzi 9, Gnani 2, Lazzari 19, Pigozzi 7, Terzi 1, Virgili. All. Folchi.

VB – BELLARIA BASKET 81 – 68

(19-16, 43-35, 56-53)

Grifo Imola: Cenni 3, Castelli 14, Bartoli 7, Dirella 8, Lucchetta R., Brusa, Lanzoni 2, Orlando 12, Lucchetta S. 3, Sgorbati 19, Pasini 13. All. Palumbi.

Bellaria: Malatesta, Sacchetti 5, Stabile, Raffaelli, Provesi 4, Fornaciari 11, Baldassarri, Montanari 1, Galassi 8, Bindi 4, Scarone 16, Russu 19. All. Ferro.

La Grifo inanella l’undicesima perla del suo fin qui ottimo campionato e tiene a distanza la sempre più convincente Forlimpopoli e nel mirino Santarcangelo. Inizio equilibrato, ma nel 10-11 del settimo minuto ci sono cinque giocatori diversi della Grifo e solo due del Bellaria (Russu 6 e Fornaciari 5) e ciò fa capire chem mentre la squadra di coach Palumbi si dimostra sempre più un collettivo ben oliato in cui tutti sanno cosa fare e lo fanno al meglio, la squadra di coach Ferro vive più sulle individualità. Nel finale di quarto esordisce nel Bellaria il nuovo acquisto German Scarone che fa subito la voce grossa mettendo in campo tutta la sua fisicità ed esperienza. Nel secondo periodo Bellaria si mette a zona e per cinque minuti la Grifo non vede il canestro, tanto che, sospinti da Scarone ed il solito Russu, i bellariesi si portano sul 19-25, finchè finalmente Orlando buca il canestro. In questo periodo esordisce anche il nuovo acquisto Grifo, R. Lucchetta. Qui si scatenano Sgorbati e Castelli che a suon di triple (4 e 2 rispettivamente) riportano avanti la VB fino al +10. Dopo il tè è ancora Bellaria a fare paura con 5 filati di Russu che riportano i romagnoli in scia 45-44, ma la Grifo riprende subito tre/quattro punti di vantaggio e si va avanti fino alla fine del periodo. Nell’ultimo quarto però saltano i nervi a Bellaria e, prima un tecnico alla panchina che costa 4 punti e poi un secondo tecnico più espulsione di Sacchetti che ne costa altri sei, fanno sì che la Grifo acquisisca un margine di tutta sicurezza per gestire il finale di gara. Come detto la cooperativa Grifo gira a meraviglia e anche il nuovo acquisto, nei pochi minuti di impiego, ha fatto capire di poter dire la sua e di meritare eventualmente anche più spazio una volta che abbia digerito il sistema di gioco della VB.

PALLACANESTRO BUDRIO 289 – P.G.S. WELCOME 83 – 74

(16-19; 43-41; 67-55)

Budrio: Manini 20, Cesari 15, Quarantotto 10, Paolucci 7, Tuccillo 6, Zitelli 6, Campagna 5, Zambon 5, Cesario 4, Grilli 3, Lazzari 2, Bonaga. All. Bovi.

Pgs Welcome: Brunello 17, Lamborghini L. 16, Bertacchini 10, Orlandi 9, Sabbioni 8, Sommavilla 6, Calzolari 4, Sakho 2, Lamborghini S. 2, Bernardini, Magelli. All. Bulgarelli.

BASKET VILLAGE – CNO SANTARCANGELO BASKET 57 – 98

(10-27; 21-55; 38-78)

BK Village Granarolo: Dalla ne, Farati 2, Fava 6, Mazzacurati, Banzi 7, Checcoli 3, Marcheselli L 13, Cerulli 11, Pedrelli, Meluzzi 7, Paoloni 7, Costa 1. All. Marcheselli E.

Santarcangelo: Giuliani 1, Canini 16, Cunico 15, Fusco 23, Tomassini 8, Dini 22, Raffaelli 4, Tognacci 4, Pasini, Guziur, Saponi 5, Insero. All. Bernardi.

CLASSIFICA

CNO SANTARCANGELO 30 16 15 1 1319 996 +323
GRIFO  IMOLA 30 17 15 2 1254 1089 +165
ARTUSIANA FORLIMPOPOLI 28 17 14 3 1243 1074 +169
AICS FORLI’ 26 17 13 4 1204 1050 +154
ARGENTA 22 17 11 6 1296 1147 +149
IMMOBILIARE 2000 BOLOGNA 20 16 10 6 1077 1014 +63
S.B. FERRARA 20 17 10 7 1101 1105 -4
SAN MAMOLO BOLOGNA 16 17 8 9 1075 1042 +33
BELLARIA 14 17 7 10 1157 1260 -103
PARTY&SPORT OZZANO 12 17 6 11 1142 1186 -44
PGS WELCOME BOLOGNA 12 17 6 11 1099 1156 -57
INTERNATIONAL IMOLA 12 16 6 10 1038 1111 -73
PALL. BUDRIO 289 12 17 6 11 1102 1215 -113
AUDAX FERRARA 8 16 4 12 974 1055 -81
SPEM MATTEI RAVENNA 4 17 2 15 889 1215 -326
BASKET VILLAGE GRANAROLO 2 17 1 16 962 1217 -255

Under 16, il big-match va alla Reggiana. DNG, cadono Vis Ferrara e Bsl

DNG/D 13° Giornata

GIOVANNI MASI – BASKET 2000 R.E. 79 – 80

B.S.L. – SALUS 62 – 44

(16-15; 29-30; 49-34)

San Lazzaro: Fabbri, Baietti 10, Scandellari 8, Bonesi 7, Zambon 19, Branchini, Annunzi, Trebbi, Puzzo 5, Zambonelli 7, Puntolini 6. All. Lelli.

Salus: Veronesi 5, Zanoni 6, Bergamaschi, Scalone, Trost 5, Tubertini 7, Venturi, Paciello 2, Conidi 6, Caffagna, Fasano 13. All. Seletti.

PALL. REGGIANA – POL. PONTEVECCHIO 15/02/2017 – 20:00

Palestra D.Chierici – Via Cassala 10/d REGGIO NELL’EMILIA (RE)

CASSA DI RISPARMIO FORTITUDO103 – VIS 2008 66 – 58

(30-15; 44-29; 52-40)

JUNIOR BASKET – UNIPOL BANCA VIRTUS PALL. 42 – 74

(9-23; 22-40; 33-63)

Ravenna: Battaglia 4, Scaccabarozzi 6, Mazzesi 3, Bernardi 6, Polyeshchuk 6, Montignani 4, Giardini, Donati 10, Seck, Bomben 3, Tassinari. All. Taccetti.

Virtus: Zanotti 7, Gianninoni 3, Salsini 9, Nanni 6, Carella 8, Rubbini 9, Rossi 4, Jurkatamm 5, Berti 21, Oyeh 2, Rosa. All. Vecchi.

RECUPERO

VIRTUS – VIS 69 – 65 dts

(21-17, 28-28, 41-44, 55-55)

Virtus: Pajola 27, Zanotti 1, Gianninoni 6, Petrovic 10, Salsini, Ranocchi, Carella 4, Rubbini 9, Rossi, Jurkatamm 8, Berti 4, Oyeh. All. Vecchi.

Ferrara: Grazzi 2, Cervellati 2, Bianchi 2, Brilli, Vivarelli 7, Kekovic 17, Fiore, Verrigni 19, Mastrangelo 10, Mancini, Gamberini 4, Tidey 2. All. Spettoli.

CLASSIFICA

Virtus BO 24; Vis 2008 FE 18; Reggiana** 16; Salus BO*, Pontevecchio BO*, Basket 2000 RE 14; Masi Casalecchio 10; Fortitudo 103 BO 8; Bsl San Lazzaro* 6; Junior RA* 0.

UNDER 18 15° Giornata

SANTARCANGELO BASKET – CRABS 66 – 88

(22-29; 35-51; 62-70)

Santarcangelo: Carasso 6, Insero, Semprucci, Bugli 9, Pambianco 8, Alfarano 5, Tognacci 16, Ugolini 2, Guziur 18, Chiari 2, Della Rosa ne. All. Bernardi.

Rimini: Rinaldi, Galassi 14, Mladenov 17, Demaio 8, Berni, Moffa 23, Casadei 5, Clementi 4, Udom 17, Gregori. All. Ferro.

A tre giorni dal blitz al Paladozza, i granchietti sono ancora carichi a mille ed espugnano il PalaAngels con il punteggio di 66-88.

Primo quarto molto piacevole con tanti canestri e con difese abbastanza generose: ci pensa Udom (17 punti con 8/10 al tiro) a tenere Rimini con 8 punti personali (22-29). Nel secondo quarto l’attacco dei Crabs sale ancora di giri, la coppia Galassi-Demaio dispensa assist in continuazione, trovando pronti Moffa (23 punti con 9/15) e Mladenov (17 punti, 6/9 al tiro), ed il punteggio si dilata fino al 35-51 della pausa lunga. Nel terzo periodo succede praticamente di tutto: Rimini parte subito 7-0 toccando il +23 e sembra poter dilagare (35-58), poi però arriva la riscossa clementina che con un parziale di 27-12 si riporta sotto la doppia cifra di svantaggio (62-70 al 30′). Nell’ultima frazione, però, i Crabs stringono la difesa, concedendo appena 4 punti a Santarcangelo, e contropiedi fulminei ricreano un margine di sicurezza fino al +22 finale.

B.S.L. SAN LAZZARO – PALLACANESTRO 2.015 73 – 58

(18-16; 37-22; 55-40)

San Lazzaro: Mengoli 2, Barattini 13, Venturoli 14, Salvardi 14, Serra 6, Bini 2, Puntolini 10, Mazzini 4, Pezzano 4, Muzzi 4, Zuppiroli, All. Bettazzi.

Forlì: Marchioni 2, Milandri, Pinza 17, Ruscelli 7, Biondi, Zoboli 6, Minghetti 4, Ricci, Colombo 4, Ravaioli 2, Biandolino, Lotti 16. All. Tumidei.

GRISSIN BON – POL. PONTEVECCHIO 74 – 65

(17-15; 41-35; 60-53)

Reggiana: Salzano 7, Zampogna 6, Degli Esposti 21, Sambe 4, Bondioli 7, Dias, Cipolla 10, Dellosto 7, Valenti 2, Vigori 6, Cremaschi, Tchemba 4. All. Menozzi.

Pontevecchio: Sassoni 12, Giorgi, Conti 15, Folli 15, Giordano, Secchi 4, Parchi 2, Minerva, Bartolini 2, Tomsa, Cosco 6, Antola 9. All. Bartolini.

UNIPOL BANCA VIRTUS – CASSA DI RISPARMIO FORTITUDO103 104 – 73

(23-20, 47-35, 72-52)

Virtus: Deri 15, Gianninoni 10, Petrovic, Salsini 9, Nanni 8, Rubbini 32, Rossi 7, Jurkatamm 7, Barbato 2, Bertuzzi 6, Oyeh 6, Rosa 2. All. Vecchi.

Fortitudo: Cappelli 20, Mandini 28, Negrini, Pontrelli, Youbi 4, Bonazzi 2, Labate 2, Casarini 4, Prunotto 6, Raspanti 4, Laghetti 3. All. Fantasia.

SALUS PALL. BOLOGNA – VIS 2008 47 – 59

(6-11; 22-26; 32-47)

Vis Ferrara: Ghirelli, Franchella F. 1, Natali 6, Kekovic 14, Patroncini, Zanirato 3, Mancini 13, Drigo 7, Tidey 7, Labovic 8, Sanguettoli. All. Franchella E.

CLASSIFICA

Virtus BO** 26; Crabs RN 24; Reggiana* 22; Bsl San Lazzaro 20; Vis 2008 FE 16; Santarcangelo* 12; Fortitudo 103 BO 10; Pontevecchio BO, Pall. 2.015 Forlì 6; Salus BO 4.

UNDER 16 13° Giornata

B.S.L. SAN LAZZARO – BASKET CRABS 58 – 76

(12-17; 31-31; 51-49)

San Lazzaro: Bettocchi 2, Sani, Scapinelli 18, Righi 8, Zanarini 2, Tepedino, Candini, Vacchi 5, Zambon 7, Zuppiroli 6, Pistillo 10. All. Bettazzi.

Rimini: Morolli, Baroni, Heba 2, Rosario Cruz, Lonfernini 6, Veroni 7, Rossi 20, Casoli 3, Giorgi 4, Ferrari 14, Mavric 17, Iannello 3. All. Luongo.

Sofferta vittoria i Crabs sul campo della BSL: decisivo un parziale di 18-0 con cui i granchietti hanno spaccato la partita nei primi sette minuti dell’ultimo periodo.

Primo quarto molto brutto da parte di entrambe le squadre, è San Lazzaro a partire meglio (4-0) ma si segna comunque con il contagocce (4-4 al 5′). la Bsl va presto in bonus ed i Crabs ne approfittano con i liberi di Mavric e Ferrari per chiudere sopra la frazione (12-17). I Crabs toccano subito il +7 ad inizio di secondo quarto (12-19), poi, però ,soffrono il ritorno di San Lazzaro, che butta molta intensità sul parquet e sorprende tante volte la retroguardia riminese a rimbalzo offensivo (ben 13 le carambole offensive catturate dai bolognesi nel solo primo tempo). Contro-break di 8-0 per la BSL, che va avanti anche di 3 punti (28-25). L’energia di Ferrari ed un paio di canestri di Lonfernini permettono però a Rimini di andare al riposo in situazione di parità (31-31).La gara continua sul filo dell’equilibrio anche per tutto il terzo quarto: San Lazzaro prova nuovamente ad andarsene ma viene ripresa da Veroni; un antisportivo fischiato a Iannello porta al massimo vantaggio interno (44-38) e qui paradossalmente i granchietti si ritrovano: si accendono finalmente anche Mavric e Rossi (5 recuperi consecutivi) ed alla sirena il tabellone segna 51-49. Ma i Crabs avevano ormai un’altra faccia ed il quarto periodo lo conferma: Mavric e Veroni firmano il controsorpasso definitivo. Dall’altra parte San Lazzaro non trova più la via del canestro. Due assist consecutivi di Giorgi per Rossi (20 punti, 6 rimbalzi, 8 recuperi) fissano il 51-59, poi è il solito Ferrari (tripla-doppia sfiorata con 14 punti, 9 rimbalzi e 9 recuperi) a siglare il +10. Rimini continua a mordere in difesa ed a colpire in attacco, Mavric (17 punti, 10 rimbalzi, 9/10 ai liberi) completa un parzialone di 18-0 con 2’30” da giocare (51-67). San Lazzaro si sblocca con un gioco da 3 punti, ma ormai la partita è chiusa: nel finale Casoli e Heba chiudono il 27-7 del quarto parziale che vale il definitivo 58-76.

PALL. REGGIANA – CASSA DI RISPARMIO FORTITUDO103 73 – 69

Reggiana: Accorsi, Grant 12, Bertolini 1, Bratschi 3, Ligabue, Giannini 6, Pelliciari 14, Soviero 12, Sow 7, Azzali 10, Diouf 2, Porfilio 6. All. Quarta.

Fortitudo: Balducci 20, Zanetti 16, Palmentiero, Nestola 2, Lambertini, Magnolfi 4, Castrignaro 3, Ranieri 14, Prunotto 6, Gafrardi, Tognoni, Cinti 4. All. Lolli.

UNIPOL BANCA VIRTUS PALL. – POL.COMPAGNIA 97 – 48

(22-13; 56-20; 79-30)

Virtus Bologna: Nicoli 5, Boni 7, Berti 4, Casarini 7, Paratore 2, Corradini 9, Lucarini 2, Guidi 18, Vivarelli 19, Perini 10, Cavallari 14. All. Consolini.

Ravenna: Schiavone 6, Cieri, Monti 2, Goi 15, Mingozzi 10, Cantoro 4, Fussi 9, Campajola 2, Manolov, Chiarini, Morgagni, Marinelli. All. Ambrassa.

VIS 2008 – G.S. INTERNATIONAL BASKET 69 – 44

(23-6; 47-20; 58-41)

International Imola: Tellarini 1, Mazzini, Torreggiani, Spinosa 7, Calabrese 12, Wiltshire 6, Bollati, Bisi 2, Ferrante, Assirelli, Ricci Lucchi 4, Ravaglia 12. All. Dalmonte.

RECUPERO

VIRTUS – FORTITUDO 103 93 – 85

VIS 2008 – GRISSIN BON 50 – 63

Vis Ferrara: Branchini 12, Cavara, Tuccillo 4, Fabbri 5, Veronesi 6, Gilli, Bacilieri 3, Leprotti 2, Rossi, Sisti, Tomcic 8, Manotlovic 10. All. Sisti.

Reggiana: Accorsi 2, Grant 5, Bertolini 2, Ligabue, Giannini 11, Golfieri, Pellicciari 24, Soviero 13, Sow 2, Castagnetti, Diuf 4. All. Menozzi.

CLASSIFICA

Fortitudo 103 BO, Reggiana, Virtus BO 22; Crabs RN 16; International Imola, Vis 2008 FE 8; Bsl San Lazzaro* 4; Compagnia RA* 0.

UNDER 15 14° Giornata

POL. PONTEVECCHIO – CASSA DI RISPARMIO FORTITUDO103 63 – 67

(13-15; 18-31; 42-46)

Pontevecchio: Antonetti 5, Apaga 2, Casanova 9, Collina, Faiella, Flocco 4, Lambertini 6, Nguesso Tchonang 9, Righetti, Simoncini 12, Succi 6, Torresi 10. All. Lepore.

ASSIGECO POL. PIACENZA CLUB – G.S. INTERNATIONAL BASKET 68 – 60

(24-22; 38-34; 48-47)

International Imola: Poloni 8, Dalpozzo, Fazzi 13, Marabini, Jiofak, Franzoni 4, Mendez 9, Magliocca 7, Bosio 3, Marangoni 16, Fini. All. Carretto.

UNIPOL BANCA VIRTUS PALL. – BASKET RIMINI CRABS 84 – 68

(27-18; 45-40; 66-55)

Virtus: Verde 4, Lullo, Peterson 6, Solaroli 10, Alberti 4, Dalla 4, Orsi 10, Galli 2, Barbieri 8, Lolli 9, Bortolani 11, Guastamacchia 16. All. Largo.

Rimini: Fantini, Morolli 16, Baroni 11, Rosario Cruz 21, Piscaglia 5, Gamboni 10, Montanari, Corsetti, Casoli 5. All. Luongo.

I Crabs devono arrendersi alla lanciatissima capolista Virtus, che veniva da sei vittorie consecutive con uno scarto medio di oltre 27 punti, ma escono comunque a testa altissima dalla “Porelli”. Pur con rotazione ridotta praticamente a sei uomini più un Piscaglia ancora infortunato, i granchietti hanno infatti opposto fiera resistenza per tutto il primo tempo, prima di calare fisicamente alla distanza.

L’inizio non era stato incoraggiante: dopo il divario fisico evidente già nella fase di riscaldamento, la Virtus si presenta con un 7-0 in pochi secondi che fa presagire il peggio. Ogni volta che i bolognesi alzano la mano è “paniere”, si ricorda un solo errore al tiro a fine quarto più una stoppata di Gamboni. Qualche contropiede di Morolli e Rosario Cruz tengono in piedi Rimini, ma il primo parziale è già di sofferenza (27-18). Ad inizio secondo quarto, invece, i Crabs rientrano a -5: ma la Virtus continua a segnare con alte percentuali e non appena Rimini sbaglia due tiri di fila ripiomba a -10 (34-24 con 7′ da giocare). I granchietti non si abbattono, mordono in difesa e ripartono velocissimi con i recuperi ed i contropiedi di Baroni, Morolli e Rosario Cruz. In tre minuti arriva un incredibile parziale di 10-0 per Rimini che riporta i Crabs in parità (34-34 con 4′ da giocare). Il finale di quarto è punto a punto: la Virtus si mantiene sul +1, ai Crabs manca sempre il guizzo vincente per operare il primo sorpasso della gara: un libero sbagliato, un’infrazione di passi, un rimbalzo sfuggito, alla fine l’attimo fugge e la Virtus torna a +7. Ma allo scadere Baroni è lesto a rubare l’ultimo possesso ai bolognesi ed a lanciare Piscaglia che sulla sirena imbecca Morolli per il 45-40 di fine primo tempo. Partita molto diversa nel secondo tempo: la Virtus può ruotare 12 giocatori, la maggioranza dei quali fisicamente notevoli. Può difendere duro, spendere falli. Ed alla lunga questo pesa. I Crabs cominciano ad annaspare. Con un buon giro di palla i padroni di casa riescono a sfruttare i mismatch vicino al ferro ed il divario lentamente tocca la doppia cifra fino anche al +18 (64-46) a 4′ dalla fine. Rimini trova una piccola reazione con Casoli, Piscaglia e con Rosario Cruz che ruba palla sull’ultimo possesso virtussino e sulla sirena infila una preghiera da oltre 8 metri (66-55). Purtroppo, però, Rimini non ne ha più, la Virtus controlla il vantaggio e arriva sul +21 (78-57) a metà quarto. Rimini, che deve anche rinunciare all’ottimo Baroni (14 punti, 8 recuperi, 6 assist) per un piccolo infortunio, continua però a giocare la sua partita e con Morolli (18 punti con 6/11 al tiro) e Rosario Cruz (21 punti, 7 rimbalzi, 7 recuperi), chiudono una delle migliori prestazioni stagionali con un onorevole 84-68.

VIS 2008 – PALL. REGGIANA RINVIATA

B.S.L. SAN LAZZARO – ONETEAM BASKET FORLI 69 – 75

CLASSIFICA

Virtus BO 24; Reggiana*, Oneteam FO 22; Piacenza BC 16; Vis 2008 FE*, International Imola 12; Fortitudo 103 BO 12; Crabs RN 10; Pontevecchio BO 8; Bsl San Lazzaro 0.

C.S. – Il Basket 2000 tessera la guardia Andrea Gurini

Un volto nuovo in casa Bmr Basket 2000 Scandiano. E’ ufficiale, infatti, il tesseramento della guardia Andrea Gurini, classe 1994, lo scorso anno avversario dei bianco-rosso-blu con la maglia dei Tigers Forlì.

Si tratta di un giocatore con caratteristiche diverse rispetto a quelli attualmente in roster” spiega il ds Gianluca Ferrari, parlando di un atleta bravo ad attaccare il ferro e che fa dell’uno contro uno il proprio punto di forza.

La situazione fisica della squadra in questi mesi ci ha un po’ allarmato e vogliamo giocarci tutte le nostre carte in chiave salvezza. Ad oggi siamo in linea con gli obiettivi, ma le altre non stanno a guardare e stanno rinforzando i loro organici: noi teniamo molto a questa categoria e non vogliamo lasciare nulla di intentato”.

Gurini – che prima della parentesi forlivese aveva giocato diversi anni a Recanati – esordirà sabato in maglia Bmr, nella trasferta delle 20,30 sul campo della Vivigas Alto Sebino.

Promo, nel girone C Medolla cade e gli Schiocchi l’agganciano in vetta. Girone F, la Stella supera l’esame La Fiorita

15° Giornata

GIRONE A

SALSOMAGGIORE CITY – CUS PARMA 52 – 69

(19-13; 27-33; 41-49)

Salsomaggiore: Biocchi, Longhi 2, Lettieri 4, Maccini 7, Rattotti 8, Usai, Avanzini Fi. 11, Avanzini Fa. 17, Antonicelli, Cigala 3. All. Allodi.

Cus Parma: Furia 5, Bettera, Marzo 5, Carretta 11, Melisourgos, Lucca, Lusardi, Giampellegrini, Furia 10, Tognazzi 6, Cervi 15, Pattini 7. All. Guareschi.

VALTARESE  – S.ILARIO BASKETVOLLEY 64 – 52

Borgo Val di Taro: Picelli ne, Tedaldi 6, Leonardi 13, Verti E. 12, Verti N. 6, Bocchia 1, Baldi 8, Oppo 2, Gasparini, Giacovazzo 4, Tosi 12. All. Perazzi.

S. Ilario d’Enza: Bertolini 4, Dotti 7, Medici, Micucci 18, Reverberi 6, Rosi 2, Setti P. 3, Violi 12, Spaggiari, Gianotti. All. Ferrari.

LOS HEAT – PLANET BASKET 51 – 70

BASKET SOLE – IRA TENAX 65 – 48

(17-8; 42-15; 51-34)

Basket Sole Piacenza: Martinelli 12, Bosini, Betti 8, Capolicchio 6, Poggi 2, Croci 8, A.Sebastiani, Cabrini 3, Mori 7, E.Villani 8, Fusar Poli 11. All. Lavezzi.

Cortemaggiore: Righi17, Zanangeli 7, Stecconi 2, Maccagni 4, Faveri 2, Miccoli 3, Dallavalle, Passalacqua 2, Moia, Salardi 5, Lucchini 5, Mile. All. Meloni.

MARCONI BASKET – DUCALE MAGIK PARMA 59 – 51

(10-15; 21-24; 33-40)

Castelnovo Sotto: Montanari 8, Folloni 10, Castagnaro 5, Benassi 7, Rancati 6, Santacaterina 3, Panizzi, Butterelli 11, Terzi 1, Ploia 2, Bedenghi 6. All. Menozzi.

Ducale Parma: Bertolini 14, Gozzi 8, Solimè 11, Frazzi 4, Saporito, Giorgi 7, Tinelli 2, Bagatti 3, Allodi 2, Lestini, Barigazzi, Vento. All. Raffin.

CLASSIFICA

BK Sole Piacenza 24; Planet Parma 22; Salsomaggiore City, Cus Parma 20; Virtus Pontedellolio, Ducale Parma 14; S. Ilario, Marconi Castelnovo, Valtarese 10; Ira Tenax Cortemaggiore 6; Los Heat Borgonovo 0.

GIRONE B

U.S. REGGIO EMILIA – PALL. REGGIOLO 59 – 86

GO IWONS BASKET – PALL. CORREGGIO 56 – 50

(14-19; 17-32; 43-47)

Albinea: Rossi 4, Marcacci, Masoni 8, Scianti 2, Talami 8, Pellegrini 3, Bonaccini 19, Rosi ne, Beghi 12, Marani. All. Brevini.

Correggio: Messori G. 5, Ligabue 6, Messori S., Solera 2, Valli, Riccò A. 2, Guardasoni 7, Riccò F. 1, Rustichelli 23, Magnani ne, Giaroni 2, Santini 2. All. Boni.

PALLACANESTRO SCANDIANO 2012 – POLISPORTIVA BIBBIANESE 74 – 64

(21-17; 35-28; 58-51)

Scandiano: Perricone 1, Fontanesi 9, Ovi, Astolfi, Roncaglia 19, Vignali 5, Bigi 5, Maioli S. 12, Maioli M. 18, Ligabue 4, Farioli ne, Cattani ne. All. Baroni.

Bibbiano: Menozzi 4, Borelli, Salati ne, Reni 4, Fontana 6, Ghirardini 5, Colla 27, Riccò 2, Giardina 8, Bartoli 7, Zecchetti ne. All. Reverberi.

BASKETREGGIO – NUBILARIA BASKET 58 – 84

(20-27; 28-50; 45-72)

BasketReggio: Spaggiari 16, Generali 4, Chiesi, Boselli 10, Morabito, Camurri 5, Ward 2, Olivi 2, Bondavalli, Francia 2, Vioni 11, Ongarini 6. All. Vacondio.

Novellara: Baracchi A. 6, Gasparini 2, Lucchini 13, Folloni 7, Bagni 29, Bertani 9, Baracchi M., Bigliardi 1, Mantovani 5, Benassi, Pezzi, Dilas 12. All. Soliani.

SPORT CLUB CASINA – ROSTA NUOVA NAISMITH’S 61 – 71

CLASSIFICA

Bibbianese*, Basketreggio, Correggio, Campagnola 20; Scandiano 16; Nubilaria Novellara, Reggiolo 14; Go Iwons Albinea 10; Rosta Nuova Reggio 8; Casina* 6; U.S. Reggio 0.

GIRONE C

I GIGANTI – PALL. FORTITUDO 54 – 41

(13-9; 25-23; 39-23)

I Giganti di Modena: Scattolin 10, Giorgi, Bertelli 3, Larghetti 11, Pederzoli 5, Fantuzzi 3, Mezzetti 9, Baraldini 4, Vellata 2, Zaffiri, Marescotti 7, Alberti. All. Davolio.

Crevalcore: Gallerani, Cremonini 2, Filippetti 3, Candii, Lelli 4, Garuti 4, Valente 3, Fregni 12, Broglia 2, Floro 2, Simoni 9. All. Gobbo.

I Giganti costruiscono la vittoria su Crevalcore nel terzo quarto. Inizio discreto dei padroni di casa che si portano prima sul 4-0 e successivamente sul 6-2 con una penetrazione di Scattolin; la Fortitudo tuttavia non si scoraggia e, grazie a qualche palla recuperata, resta a contatto grazie anche ad una tripla di Filippetti prima del canestro di Mezzetti che fissa il punteggio alla prima pausa sul 13-9 Giganti. Nel secondo quarto regna l’equilibrio con Crevalcore che sospinta da una buona precisione dai tiri da lontano (e grazie ad una difesa un po’ troppo allegra da parte dei modenesi) rosicchia qualche punto arrivando a contatto alla pausa lunga: 25-23 il punteggio. E’ alla ripresa delle ostilità che cambia il match: la difesa dei Giganti sale di livello, gli ospiti non riescono a trovare la via del canestro ne tiri “facili”mentre dall’altra parte una tripla di Fantuzzi, un canestro di Marescotti e un libero di Bertelli aumentano il divario fino ad un rassicurante 31-23. A questo punto rientra in campo Scattolin che con due triple (di cui una sulla sirena) intervallata da un canestro di potenza di Vellata, scava il solco: 39-23 all’ultima pausa. Nell’ultimo parziale dopo un paio di minuti di sterilità realizzativa da ambo le parti Larghetti segna una tripla che profuma di vittoria nonostante manchino ancora otto minuti alla fine: i padroni di casa toccano anche il +20 (50-30) ma alcune leggerezze in difesa e un lieve rilassamento fanno rientrare gli ospiti fino al 52-41 ad un minuto dalla fine. Non c’è più tempo e i Giganti portano a casa 2 importanti punti nella rincorsa ai play off.

BASKET FINALE EMILIA – SBM BASKETBALL 56 – 72

(10-4; 29-21; 33-44)

Finale: Poletti, Todisco 7, Borghi, Bergamini F. 8, Braida 7, Musto 13, Govoni 7, Aspergo 7, Bergamini A. 3, Balboni 2, Golinelli 2, Forni. All. Bregoli.

S.B. Modenese: Barrelli 4, Palazzi, Corradi A. 7, Ngacop 11, De Pitiis 2, Miranda 5, Liguori 15, Lanza 4, Manfredini 11, Benati, Geranice 11, Corradi 2. All. Manna.

MAGRETA – SCHIOCCHI BALLERS MODENA 58 – 77

(12-13; 26-37; 36-55)

Magreta: Leoni 5, Frigieri 7, Zavatta 4, Guidetti 2, Matelli, Melegari 9, Balzino 2,  Celia 2, Montanari 4, Bernabei 4, Galloni 16. All. Garofalo.

Schiocchi Modena: Santanastaso 7, Guidetti, Baraldi 2, Righi 7, Minarini 6, Bertolini ne, Malverti 2, Sassi 11, Petrelli 16, Petrini 8, Alessandrini 18. All. Bertani.

Risultato incerto solo nel primo quarto, dove Magreta, con uno schieramento a zona 2-3, riesce a contrastare i più quotati ospiti, ma nel secondo quarto, con l’ingresso in campo Petrelli (autore di di 10 punti nel quarto) e con 4 triple (due di Petrini, una a testa per Alessandrini e Santonastaso), gli Schiocchi mettono assegno un +10 determinante per l’andamento della partita.  Dopo il riposo sono sempre gli ospiti, con il duo Petrelli/Alessandrini, a condurre la partita e solo nell’ultimo quarto Magreta reagisce giocando alla pari, grazie anche alla notevole prestazione di Gallini autore di 16 punti.

NAZARENO BASKET CARPI – NEW BASKET MIRANDOLA 65 – 58

(12-14; 18-31; 41-45)

Nazareno Carpi: Sbisà 3, Saetti 2, Barigazzi 4, Pivetti 25, Riboldi, Guidetti 3, Giannetti ne, Felettigh 16, Corni, Antonicelli 6, Foroni 6. All. Barberis.

Mirandola: Baccarani 4, Galavotti 7, Barbi 12, Duca, Bombarda ne, Scaravelli 6, Battelli 1, Truzzi 21, Panin, Bega, Rossetti 7. All. Tognoni.

DIABLOS BASKET – PALL. TEAM MEDOLLA 61 – 52

(16-17; 28-23; 52-35)

Sant’Agata Bolognese: Risi 2, Franchini 10, Belosi 5, Gobbi 6, Violi 4, Terzi 9, Marzo 10, Patelli, Pellacani 4, Ballotta 7, Stanzani 2, Pederzini 2. All. Serra.

Medolla: Galeotti 13, Maini 8, Guarnieri, Fiume, Mantovani 17, Ceretti 2, Besutti 2, Cresta 1, Barbieri 5, Spinelli 3, Costi ne, Berra 1. All. Carretti.

P.G.S. SMILE – UNIONE SPORTIVA CARPINE 61 – 57

(10-12; 21-28; 34-40)

Formigine: Vaccari 3, Barbieri 12, Gibertoni, Lucchi 4, Bernabei 12, Brugioni 1, Lerario 5, Seidita ne, Gasparini 24. All. Barbieri.

Carpine: Meschiari 9, Veroni 3, Arletti 15, Zaccarelli 2, Ferrari, Zanoli 7, Piuca 8, Sala 7, Silingardi 4, Iacono 2, Ricchetti. All. Lugli.

Formigine conquista la terza vittoria consecutiva, continuando da imbattuta nel 2017; vince al termine di un match, giocato male, concedendo molto agli avversari che probabilmente meritavano la vittoria molto più dei padroni di casa.

Formigine parte svogliata, confusa e poco collaborativa: si affida solo ad 1vs1 e in difesa concede a Carpine le giocate più facili del mondo; gli ospiti scavano così un piccolo divario di 7-9 punti, che rimane tale fino agli ultimi 90”, quando un gioco da 4 punti di Gasparini, seguita nell’azione successiva dalla tripla del primo sorpasso formiginese, sempre di Gasparini, mettono sulle ginocchia Carpine, che esce dal palaCavazzuti senza la vittoria che, per quanto espresso in campo, avrebbe probabilmente meritato.

CLASSIFICA 

Medolla, Schiocchi Ballers MO 26; Diablos S. Agata Bolognese 22; I Giganti MO 18; Finale Emilia, New BK Mirandola, Magreta 14; Nazareno Carpi, Pgs Smile Formigine 12; Fortitudo Crevalcore, Scuola BK MO 8; Carpine 6.

GIRONE D

PEPERONCINO LIBERTAS BK – POL. GIOVANNI MASI 54 – 85

(14-17; 30-45; 40-69)

Mascarino: Trevisan 9, Malaguti 6, Magli ne, Monari Mat. 14, Monari A. 14, Brochetto ne, Bernardini 6, Bonfiglioli, Manzi 1, Fanti, Bellodi 2, Simoni 2. All. Monari Mar.

Masi Casalecchio: Masetti 6, Castaldini G. 3, Franchini 25, Freddi 8, Ballanti 11, Rosati 16, Cavana 9, Truppi, Maglaro 2, Castaldini T. 5, Argenti. All. Gemelli.

OMEGA BASKET – STEFY BASKET 55 – 67 dts

(8-15; 21-32; 40-39; 51-51)

Omega: Tassi ne, Bacocco 10, Credi 2, Venturoli 7, Coccaro, Pappalardo 9, Roggi 14, Lombardo 2, Pizzi 2, D’Andola 9, Castagna. All. Malaguti.

Stefy: Carosi 6, Ziron 22, Melchiorre 13, Benetti 6, Francia 2, Scandellari R., Poli, Fabbiani 6, Lamborghini 2, Mannini 5, Agnoletti 5. All. Scandellari M.

MONTEVENERE 2003 A.GIORGI – U.P. CALDERARA PALL. 65 – 57

(12-7; 24-27; 44-44)

Montevenere: Gironi 5, Guerrato 3, Cruzat 15, Venturini, Succi 8, Fiorentini 9, Palazzini 2, Moretto 6, Garavelli, Boschi 12, Martelli, Lamandini 5. All. Orefice.

Calderara: Rallo 1, Degli Esposti, Comastri ne, Zocca, Poli 10, Molinari 6, Selvi 8, Rubino 3, Turchetti, Serio 24, Lambertini 5. All. Venturi.

LIONS BASKET – ARGELATO BASKET 25 – 66

(7-15; 18-35; 24-48)

Lions Cento: Gallerani, Naldi, Guaraldi 7, Maini 7, Cortese 3, Verri 3, Magli 3, Passarini 2, Ansaloni, Chiossi. All. Alberghini.

Argelato: Bonazzi, Benassi 8, Rossi ne, Fabulli 7, Bolelli 7, Gadani 8, Accorsi 8, Riccioni 7, Nannetti A., Tagiiavini 11, Giacometti 10. All. Bretta.

P.G.S. CORTICELLA – S.VANINI HORIZON BK RENO 50 – 44

PGS Corticella: Righetti 15, Mainardi, Asciano 8, Sorghini 9, Nannuzzi, Niakate, Cristiani 8, Varignana 4, Vallerin 2, Tiozzo, Marcheselli 4. All. Rossi.

Horizon: Migliori 3, Vanelli 5, Pelliccia, Neri 16, Nasi, Degli Esposti 3, Seprah 5, Lenzi 9, Curti, Caverzan, Maldini 3, Gruppo. All. Muscò.

SPARTANS BASKET – TULIPANO HAPPY BASKET 50 – 68

(16-20; 30-25; 40-50)

Ferrara: Fortini, Manto 8, Melan 5, Merlo 4, Del Principe 8, Ciliberti 1, Baruffa 1, Borsari 2, Santini 12, Barbieri 9. All. Cataldo.

HB CastelMaggiore: Nanetti 10, Tolomelli 9, Mancini 11, Carelli Mar. 2, Giunchedi 10, Carelli Mat. 2, Lipparini ne, Cocchi 2, Pirazzoli 12, Tinti 2, Busi 8, Varotti. All. Baraldi.

CLASSIFICA

Stefy BO 26; Calderara, Argelato 24; Masi Casalecchio 22; Peperoncino, Happy BK CastelMaggiore, Omega 14; Lions Cento 12; Montevenere BO 10; Horizon BO, Pgs Corticella BO 8; Spartans Ferrara 4.

GIRONE E

FAENZA BASKET PROJECT – MEDICINA BASKET 2007 55 – 74

Faenza: Troni 4, Santo 23, Casali, Capelli 2, Dal Monte, Catani 6, Caroli, Pantani 5, Morsiani 5, Bombardini 8. All. Saragoni.

Medicina: Ugulini 4, Bacci 8, Lenzarini 10, Ricci 12, Pazzaglia 2, Magli 4, Guccini, Rimondini 9, Ventura, Martelli 12, Dall’Olio, Soldi 13. All. Brocchi.

Medicina vince con merito e buon gioco la sfida con Faenza, negandole la possibilità si sistemare la malconcia classifica. Faenza gioca bene mezza partita, fa girare la palla, segna, soprattutto con Santo e Bombardini. Medicina risponde di squadra, con tutti i suoi uomini in vena di tiro, e si porta all’intervallo lungo sul 32 a 38; il pubblico apprezza buone giocate da entrambe le parti, e finalmente un bell’atteggiamento dei ragazzi di Saragoni, che corrono, lottano e giocano a basket. Unica pecca, qualche rimbalzo di troppo concesso in difesa, che ha regalato seconde opportunità agli ospiti spesso finalizzate. Questa è stata una delle due differenze fra le squadre per i primi 20 minuti. La seconda, alla fine decisiva, è stata la gara in solitaria Paulo Santo, che oltre al solito lavoro sotto canestro segna da ogni parte (23 p.ti), contrastata da una prova corale di Medicina, che chiude con ben 4 giocatori in doppia cifra e due a ruota, grazie alla buona costruzione e soprattutto alla precisione al tiro. Meriti importanti, che vincono sulla scarsa efficacia realizzativa dei bianconeri, a volte frutto di una difesa molto fisica contro la quale pagano regolarmente, soprattutto in un finale di partita dove per i Faentini si vede solo stanchezza. E cosi va in scena un copione già visto, dove Faenza crolla nell’ultimo quarto concedendo 20 punti ai tiratori biancorossi e segnandone solo 8.

PALL CASTEL S.P.T. 2010 – PGS BELLARIA 66 – 50

(17-11; 33-29; 52-38)

Castel San Pietro: Guastamacchia ne, Chiluzzi ne, Gravinese 3, Mascagna 7, Galloni, Manaresi 13, Farnè 5, Tabellini 5, Chillo 2, Vinera 16, Albertazzi 7, Conti 8. All. Morigi.

Pgs Bellaria: Ascari 2, Buresti 19, Gianasi 5, Ottani, Benfenati, Masi 4, De Fazio, Brazzini, Finessi 5, Traietta, Naim 7, Fontana 8. All. Bertuzzi.

MONTERENZIO BASKET – MASSA BASKET 2010 53 – 62

(23-15; 35-35; 43-48)

Monterenzio: Lollini 12, Buonfiglioli, Leale 12, Mungiguerra 7, Fortunati 3, Pierantozzi 4, Zanaroli 9, Fornasari, Fiordalisi ne, Montroni, Canellini 6, Minoccheri. All. Pavarelli.

Massa Lombarda: Berardi L. 11, Marosi, Guardigli 2, Asioli M. 8, Cellarosi 3, Marchetti, Pinardi 9, Rivola 12, Asioli G.M. 10, Poletti, Minghetti 6, Bertini 1. All. Borghi.

IN FIERI – CASTIGLIONE MURRI 46 – 63

(12-24; 25-38; 29-47)

In Fieri San Lazzaro: Fiacchi 5, Cairo 5, Pavone 2, Monari 2, Baldi 1, Girgenti 4, Palmacci 2, Gnini 4, Regazzi 11, Lucchi 10.

Castiglione Murri: Angeletti 2, Ceresa  5, Dettori 9, Gandolfi 11, Lippa 4, Melino, Ricci 6, Rizzardi 7, Samoggia 6, Stefanelli 2, Sudano 7, Tacconi 4. All. Pillastrini.

LIBERTAS SAN FELICE – TATANKA BALONCESTO 74 – 49

(15-10; 30-29; 47-40)

San Felice: Stagnoli 8, Margelli 6, Sechi 8, Sassoli 10, Forni 5, Ghiacci, Zanchi 13, Demetri 7, Tosarelli 5, Cavazza 4, Bianchini 2, Pedrielli 6. All. Zanini.

Tatanka Imola: Foronci, Seracchioli 7, Bracciale 8, Costantino 9, La Ferla 4, Strada 3, Castagnetti 13, Marrobio 5. All. Marchi.

COPAR SERVIZI SELENE BK – BASKET GIALLONERO IMOLA 72 – 63

(24-13; 40-33; 59-46)

Sant’Agata sul Santerno: Montanari 3, Esposito, Gaddoni 5, Pirazzini 6, Vignudelli 5, Cirillo 3, Mastrilli 21, Brignani 5, Baldrati 8, Vistoli 2, Camorani 7, Beltrami Fenati 7. All. Lanzi.

Giallonero Imola: Cocuzzo ne, Grandolfi 8, Spoglianti 2, Poluzzi 4, Masoni 7, Bilardo 3, Vannini 14, Creti T. 17, Renzi ne, Zurma 8. All. Creti A.

CLASSIFICA

San Felice BO 26; Pgs Bellaria BO, Selene S. Agata sul Santerno, Medicina 2007 22; Giallonero Imola 18; Castiglione Murri BO 16; Tatanka Imola 14; Project Faenza, Castel San Pietro 12; Massalombarda 10; Monterenzio 4; In Fieri San Lazzaro 2.

GIRONE F

BASKET CLUB RUSSI – INSEGNARE BK RIMINI 63 – 51

(16-17; 34-28; 51-41)

Russi: Bellanti G. 2, Santandrea 9, Babini 7, Samori, Montanari, Porcellini 27, Bagioni 4, Laghi 6, Rosti 2, Conti 6. All. Tesei.

Insegnare Basket Rimini: Campidelli, Zaghini 11, Pari 13, Mei 13, Gozi 2, Giungi, Magnani 7, Sansone 5. All. Oppi.

POL. STELLA – LA FIORITA BASKET 2011 71 – 59

(24-18; 27-42; 52-47)

Stella Rimini: Tonini, Amadori 7, Verni 1, Naccari 3, Bomba 21, Ghinelli, De Martino, Foschi 10, Carigi 2, Distante, Pinto 9, Del Turco 18. All. Miriello.

La Fiorita San Marino: Battazza 5, Venturini 4, Zanotti M. 2 Zanotti E 8, Papini, Giancecchi 11, Ugolini 13, Barisic 2, Liberti 13, Tentoni 1. All. Rossini.

BASKET DELTA COMACCHIO – CESENA BASKET 2005 84 – 61

(16-16; 47-28; 60-44)

Comacchio: Carli M., Carli D. 1, Mossini 8, Peretti 34, Ferretti 15, Boccaccini, Gelli 5, Ferroni, Cavalieri 1, Gregori, Iannello 4, Tralli 16. All. Bacchini.

Cesena Basket 2005: Montalti 2, Marzolini 11, Romano 16, Rossi Fi. 6, Martini 2, Evangelisti 6, Rossi Fe. 3, Soldati 15, Benzi, Di Meglio. All. Domeniconi.

SKIZZO – BASKET TIGERS 73 – 85

(15-26; 29-43; 55-67)

Skizzo Rimini: Ricciotti 12, Rizzo 21, Bascucci ne, Accardo 24, Cappelli 9, Mantovani 1, Azzolini 2, Migani 4, Rossi.

Villanova: Bronzetti 14, Buo 2, Cangini 5, Di Giacomo 7, Domeniconi 5, Rossi 17, Saccani 30, Serpieri 2, Toni 2. All. Podeschi.

BASKERS FORLIMPOPOLI – JUNIOR BASKET RAVENNA 61 – 60

(17-17; 35-29; 46-47)

Baskers Forlimpopoli: Pinna, Bourkadi, Gardelli 13, Ronci, Mazzoni 4, Cortini 13, Picone 5, Neri 5, Valentini 1, Biscaro 20, Figuereo Carmona, Cedri. All. Rustignoli.

Junior Ravenna: Montaguti 7, Scaccabarozzi 14, Mazzesi 8, Bernardi, Polyeshchuk 4, Montigiani 7, Giardini 17, Ghinassi, Seck ne, Bomben 3, Tassinari. All. Taccetti.

Arriva un successo pesante e sudatissimo per i Baskérs che, tra le mura amiche del PalaPicci, battono la Junior Basket Ravenna per 61-60, mettendo un altro importante tassello per la matematica salvezza. La vittoria arriva al termine di una gara sulle montagne russe, con grandi punte e passaggi a vuoto clamorosi che potevano costare davvero caro, contro una Ravenna coriacea e combattiva.

Pronti, via, sono gli ospiti a scappare subito: trascinati da Scaccabarozzi, i ragazzi di Taccetti si portano subito avanti 0-9 approfittando di un approccio difensivo non certo dei migliori. Dopo il timeout, i forlimpopolesi iniziano la loro partita: qualche canestro in entrata, un paio di rubate e la gara torna in equilibrio. Nel secondo quarto si vedono i migliori Baskérs: Giorgio Neri pesca punti dal torbido, mentre Mazzoni e Gardelli corrono in contropiede facendo il solco. All’intervallo, il tabellone recita 35-29. Dopo la pausa lunga, i padroni di casa paiono poter prendere in mano il match, ma Ravenna si mette a zona e inchioda l’attacco forlimpopolese; dall’altra parte, invece, Giardini trova con facilità la via del canestro, propiziando il sorpasso dei suoi. L’ultima frazione corre sempre sul filo dell’equilibrio: i Baskérs capitalizzano dalla lunetta il prematuro bonus degli avversari che, comunque, non mollano l’osso. Dal 55 pari, Biscaro segna il canestro del sorpasso, ma Polyeshchuk impatta e sbaglia il libero che darebbe il vantaggio ai suoi a 30″ dalla fine. Sull’attacco Baskérs, Gardelli segna il canestro del sorpasso, poi la difesa tiene. Biscaro ai liberi non fallisce, ma, sul 64-60 a -10″, il match non è ancora finito: Mazzesi dall’altra parte segna la bomba del -1 e Cortini dalla lunetta fa 0/2. Il rimbalzo d’attacco, però, lo prende Biscaro chiudendo, così, il match.

AROUND SPORT – A.I.C.S. BASKET 57 – 47

(18-10; 34-22; 46-32)

Around Cesena: Gollinucci 16, Senni 5, Zampa 1, Vandelli 5, Lucchi Mat., Bertani 3, Maestri 3, Ricci, Lucchi Max. 13, Faggi 8, Orioli 3, Valdinosi. All. Neri.

Aics Forlì: Grazzi 6, Zanotti 2, Balzani 3, Maltoni 8, Naldi, Laghi 9, Satta 5, Fossi 6, Ruffilli ne, Ragazzi 8. All. Abbondanza.

CLASSIFICA

Russi, Stella RN 24; Around Sport Cesena 20; La Fiorita San Marino, Skizzo RN, Baskers Forlimpopoli, Tigers Vilanova 18; Cesena 2005 14; Delta Comacchio 10; Insegnare Basket RN 8; Junior RA 6; Aics Forlì 2.

Serie B, la Benedetto cede in casa a Bergamo. Tigers, sconfitta interna con Cefalù

SERIE B/B 17° Giornata

RUCKER SANVE SAN VENDEMIANO – VIVIGAS COSTA VOLPINO 72 – 60

BALTUR – CO.MARK 63 – 73

(11-20; 30-33; 42-53)

Benedetto Cento: Brighi 12 (3/8, 1/5), Bedetti 8 (3/7, 0/2), Pignatti 5 (1/6, 1/5), Andreaus 14 (0/3, 4/8), Benfatto 6 (2/4, 0/1), Caroldi 6 (3/8, 0/2), D’Alessandro 5 (1/2 da tre), Botteghi 7 (2/3, 1/1), Bravi ne, Farabegoli ne. All. Giordani.

Bergamo Basket 2014: Berti 16 (4/4, 1/4), Panni 11 (1/3, 3/10), Cazzolato 3 (0/2, 1/2), Ghersetti 18 (6/10, 1/3), Pullazi 15 (3/5, 3/7), Planezio 8 (1/1, 2/6), Chiarello 2 (1/2), Bastone, Bedini ne, Ricci ne. All. Ciocca.

La Co.Mark sbanca il Pala Ahrcos di Cento contro una Baltur che lotta, ma soccombe e rischia di perdere Benfatto per un lungo periodo.

Alla palla a due Giordani lancia subito Bedetti, fermo da due giorni per un infortunio a una caviglia, con l’obiettivo di testarne la condizione e allungare la rotazione sul perimetro che, in assenza di Chiera, costringe i biancorossi a scendere in campo con Andreaus in ala piccola. Ciocca, che deve invece rinunciare all’infortunato Milani, risponde con Berti, Cazzolato e Panni contemporaneamente in campo, mentre Planezio e la “new entry” Bastone partono dalla panchina . In principio la sfida equilibrata ma poi si scatena Ghersetti che, con 8 punti consecutivi, ispira il parziale che consente a Bergamo di chiudere la prima frazione in vantaggio (11-20). In seguito la Baltur torna in scia con Pignatti e Botteghi (16-20), la Co.Mark riallunga (16-28) ma Andreaus riavvicina i locali (30-33, 20’). A campi invertiti c’è da registrare l’ingresso di Bastone ma il protagonista è sempre Ghersetti, che firma i primi 7 punti della ripresa di marca ospite (33-40). Un Andreaus positivo riavvicina Cento (36-40, 25’), pochi istanti prima che Benfatto debba lasciare il campo per infortunio. Senza il suo totem in mezzo all’area la Baltur sbanda e Bergamo ne approfitta per riprendere il largo (37-45). Andreaus annulla il primo tentativo di fuga, ma nulla può sul secondo, che consente agli avversari di volare a +16 (42-58), a 9’ dalla fine. Una fiammata di Bedetti riaccende le speranze dei padroni di casa (50-60), ma Panni ricaccia indietro i locali e nel finale Cento tenta invano di salvare almeno la differenza canestri, mentre Bergamo è più lucida, ma sui titoli di coda deve registrare l’uscita per infortunio di Berti. La Baltur perde dunque contatto dalla testa della classifica mentre Faenza torna a farsi vedere negli specchietti dei biancorossi.

URANIA BASKET MILANO – PALLACANESTRO CREMA 77 – 71

BAKERY PIACENZA – TRAMAROSSA VICENZA 82 – 69

(30-19, 52-37, 67-52)

Piacenza: Sanguinetti 13, Soragna 7, Rezzano 13, Guerra ne, Tempestini 9, Banti 11, Leonzio 11, Samoggia 8, Libè ne, Magrini 10. All. Steffè.

Tramarossa Vicenza: Boaro 17, Vai 9, Montanari 5, Oboe 3, Rizzetto 4, Turcato ne, Elio ne, Campiello U. 8, Chinellato 10, Campiello A. 13. All. Silvestrucci.

Quinta vittoria consecutiva per la Bakery, che batte Vicenza grazie ad un ottimo primo tempo offensivo e chiudendo il match a cavallo del terzo quarto con l’apporto delle difesa. Padroni di casa che hanno dovuto dar fondo a tutte le loro energie per aver ragione di una Tramarossa aggressiva che, però, ha dovuto cedere di fronte ad un avversaria più forte.

Piacenza parte in maniera molto aggressiva, per indirizzare la partita da subito sui binari giusti. E’ Mattia Magrini a fare la differenza in avvio. Nei primi due minuti, il numero 88, segna 5 punti e ruba 2 palloni e aiuta Piacenza a scappare sul 10-1, costringendo coach Silvestrucci al primo timeout. Al rientro dalla mini pausa, è un’altra Vicenza. Organizza le idee, inizia a cavalcare l’energia di Andrea Campiello e torna a -3. La Bakery, reagisce di forza e decide di iniziare ad affidarsi a Diego Banti. Il numero 15 risponde presente con 5 punti, che rimettono i biancorossi al comando di sette lunghezze. Negli ultimi tre minuti, i padroni di casa alzano ancora il ritmo. In difesa, costringono Vicenza a forzare conclusioni, ed in attacco è Massimo Rezzano show: il lungo produce per 9 punti e 2 rimbalzi, che fanno chiudere il primo parziale sul 30-19. Primo minuto shock per la Bakery, ad inizio secondo quarto. Prima Chinellato chiude dalla lunetta un gioco da 3 punti, e dopo Oboe, brucia la retina da dietro l’arco e Vicenza in un amen è a -6. L’ennesimo strappo nella partita è dato dal duo 5-11. Sanguinetti per Tempestini-Tempestini per Sanguinetti, e Piacenza torna subito a più 12, con i due play che battono la zona di coach Silvestrucci. Nel proseguimento del periodo, Piacenza da spettacolo. E’ pioggia di triple al PalaFranzanti, con Magrini e l’insospettabile Diego Banti protagonisti. Gli ultimi 3 minuti, non fanno altro che consolidare la leadership dei biancossi, che hanno 14 assistenze su 17 canestri e un grandioso 50% da 3. Vicenza cerca di sopravvivere con l’energia di Boaro, (9) ma il 3 su 12 di squadra dalla lunga distanza, la fanno soccombere a -15 alla fine del primo tempo. Ad inizio ripresa, la partita viaggia su binari ben precisi. Da una parte Leonzio e Sanguinetti e dall’altra Chinellato e Vai, si scambiano i favori. Dal quarto al sesto minuto del parziale, la Tramarossa decide le direttive del resto della propria partita, ovvero difesa e transizione primaria. La tattica paga, fino al -10, con gli assist di Chinellato e i punti di Boaro. Piacenza riconosce il pericolo imminente, e la spia danger inizia a lampeggiare. Gli agenti speciali che riportano la tranquillità sono: Tempestini e Leonzio con le bombe del nuovo più 15, sul 67-52. Ultimo e decisivo parziale che si apre con un 5-0 di una Vicenza che vuole ancora lottare e la Bakery si accorge presto, che deve tornare ad abbassare le gambe se vuole vincere. Detta la via maestra capitan Matteo Soragna, con una tripla. I veneti però, non mollano la presa sulla partita, grazie ai canetri di Campiello e all’energia di Chinellato che fa la voce grossa in ogni voce statistica. Sfortunatamente per la Tramarossa, sulla sua strada si piazza Matteo Samoggia, che confeziona 8 punti e 5 rimbalzi. Le triple di Sanguinetti e Soragna sono l’ombrellino nel drink, che fissano il punteggio sul 82-69 e danno ai biancorossi la quinta vittoria filata.

BMR – RIMADESIO 78 – 68

24-12, 43-29, 61-48.

Basket 2000 Scandiano: Malagutti 10, Salami, Ferrari, Bertolini 1, Farioli 21, Astolfi 6, Verbitchi, Veccia 19, Germani 1, Chiappelli 20. All. Tinti.

Desio: Buzzini 2, Politi 7, Negri 16, Poggi 6, Mazzoleni 7, Valentini 1, Verri 9, Casati, Torgano 20, Albique. All. Villa.

Vittoria preziosa della Bmr. Al PalaRegnani, nella seconda giornata di ritorno, gli uomini di coach Tinti superano una diretta rivale per la salvezza come Desio, centrando il settimo successo stagionale. Decisivo il rendimento dalla linea dei 6.75, con ben quattordici conclusioni “pesanti” messe a bersaglio su ventotto tentante. Splendono, inoltre, Farioli e Chiappelli, quest’ultimo in doppia doppia con anche 10 rimbalzi all’attivo, che chiudono rispettivamente con 30 e 28 di valutazione. Tra gli esterni spicca Veccia (5/7 da tre).

L’inizio si apre con il Basket 2000 che prova a colpire dalla lunga distanza e Farioli, con due “bombe” a bersaglio, porta subito avanti i suoi. Al “festival” delle triple si iscrivono anche Malagutti e capitan Astolfi, che portano i locali sul 14-5, mentre Chiappelli – sempre dall’arco – firma il 24-12 che chiude il primo quarto. Nel secondo periodo Desio prova a rientrare ma la Bmr risponde sempre presente, andando negli spogliatoi per l’intervallo di metà gara sul 43-29 e con già tre uomini in doppia cifra. La ripresa si apre con i lombardi alla ricerca dei canestri che riaprano l’incontro e Negri, da tre punti, firma il 45-38 del 23’; i padroni di casa non si disuniscono e ritrovano ben presto la doppia cifra di vantaggio, andando all’ultima pausa sul 61-48 per effetto del canestro di Astolfi. Nella frazione conclusiva Desio prova ancora una volta a rientrare, ma riesce solo a contenere il passivo.

BASKET LECCO – AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI 52 – 64

ARGOMM ISEO – BROETTO PADOVA 65 – 61

SU STENTU SESTU – REKICO FAENZA 47 – 65

(14-22; 25-36; 36-43)

Sestu: Graviano 14, Elia 7, Floridia ne, Trionfo 7, Villani 2, Pilo 5, Laguzzi 8, Melis, Passaretti 4, Cabriolu ne. All. Sassaro.

Faenza: Perin 6, Boero 3, Silimbani 20, Donadoni 4, Benedetti 6, Casadei 13, Iattoni 8, Agriesti 2, Di Coste 2, Maccaferri 1. All. Regazzi.

La Rekico festeggia l’undicesima vittoria in campionato e il quinto posto solitario in classifica con un’ottima prestazione in casa del Sestu, regolato 47-65. Ancora una volta è stato il collettivo l’arma in più dei faentini, con tutti i giocatori che sono andati a referto. Top scorer Silimbani con 20 punti (il pivot ha festeggiato nel migliore dei modi il suo 31esimo compleanno), mentre Agriesti ha segnato i primi suoi punti in serie B.

La Rekico parte subito forte imponendo il proprio gioco, non riuscendo, però, a trovare con facilità la via del canestro. Quando la manovra offensiva inizia ad essere più ficcante arriva il vantaggio in doppia cifra, un 12-22 firmato da Silimbani e Casadei. Sestu non molla e arriva sotto di sole tre lunghezze (21-24), ma ancora una volta quando Faenza spinge sull’acceleratore va in fuga. Casadei con un gioco da tre punti e un canestro da sotto regala il 25-36 che di fatto chiude i conti. I sardi provano a rientrare in partita, sbattendo però ogni volta contro il muro della Rekico, perfetta o quasi in difesa. Non è un caso infatti che i primi nove punti di Sestu arrivino soltanto dalla lunetta, mentre nell’altro canestro i punti arrivano con continuità. Al 30’ Faenza conduce 36-43, potendo così giocare nell’ultimo quarto soltanto per le statistiche: da segnalare il massimo vantaggio di 40-61 al 34’.

CLASSIFICA

P G V P
Agribertocchi Orzinuovi 30 17 15 2 88.2
Bakery Piacenza 28 17 14 3 82.4
CO.MARK Bergamo 28 17 14 3 82.4
Baltur Cento 24 17 12 5 70.6
Rekico Faenza 22 17 11 6 64.7
GIMAR Basket Lecco 20 17 10 7 58.8
Broetto Virtus Padova 18 17 9 8 52.9
Pallacanestro Crema 18 17 9 8 52.9
Bmr Basket 2000 Reggio Emilia 14 17 7 10 41.2
Pallacanestro Aurora Desio 12 17 6 11 35.3
Hikkaduwa Milano 12 17 6 11 35.3
Tramarossa Pall. Vicenza 2012 12 17 6 11 35.3
Vivigas Alto Sebino 10 17 5 12 29.4
Rucker Sanve San Vendemiano 10 17 5 12 29.4
Argomm Basket Iseo 8 17 4 13 23.5
Accademia Su Stentu Sestu 6 17 3 14 17.6

SERIE B/C 17° Giornata

VIRTUS VALMONTONE – VIRTUS CASSINO 67 – 70

MASTRIA VENDING CATANZARO – SPORT E’ CULTURA PATTI 67 – 62

STELLA AZZURRA ROMA – CUORE NAPOLI 61 – 79

BASKET BARCELLONA P. DI GOTTO – SIMPLY VIS NOVA ROMA RINVIATA

S.MICHELE MADDALONI – BNL ROMA 74 – 84

LA META TERAMO – BASKET SCAURI RINVIATA

TIGERS FORLI – ZANELLA BASKET CEFALU’ 67 – 72

(15-22; 26-41; 52-54)

Tigers Forli: Rombaldoni 22, Myers 15, Ghirelli 8, Cicognani 6, Villani 5, Fontecchio 5, Giovara 3, Forti 3, Bartolucci, Agatensi. All. Di Lorenzo.

Cefalù: Sodero 17, Mollura 15, Paparella 10, Malagoli 9, Biordi 6, Florio 6, Tinto 5, Terrasi 4, Brusca ne. All. Ciaboco.

BALLETTI PARK HOTEL VITERBO – PALLACANESTRO PALESTRINA 74 – 85

CLASSIFICA

P G V P
Air Fire Virtus Valmontone 30 17 15 2 88.2
Cuore Napoli Basket 30 17 15 2 88.2
Citysightseeing Palestrina 28 17 14 3 82.4
BPC Virtus Cassino  24 17 12 5 70.6
Basket Barcellona 22 16 11 5 68.8
ASD LUISS Roma 20 17 10 7 58.8
Tigers Global Sistemi Forli 18 17 9 8 52.9
Basket Scauri 16 16 8 8 50.0
Teramo Basket 1960 14 16 7 9 43.8
Zannella Basket Cefalù 14 17 7 10 41.2
Mastria Vending Catanzaro 14 17 7 10 41.2
Sport è Cultura Patti 12 17 6 11 35.3
Vis Nova Simply Roma 10 16 5 11 31.3
Stella Azzurra Roma 8 17 4 13 23.5
Balletti Park Hotel Viterbo 6 17 3 14 17.6
MecSan Maddaloni 2 17 1 16 5.9

SERIE B/D 17° Giornata

ALLIANZ SAN SEVERO – WERE BASKET ORTONA 94 – 57

LIONS BASKET BISCEGLIE – IL GLOBO ISERNIA 96 – 53

VAL DI CEPPO BASKET PERUGIA – XL EXTRALIGHT MONTEGRANARO 69 – 90

GIULIANOVA BASKET 85 – PU.MA. TRADING TARANTO RINVIATA

MALLONI PORTO S.ELPIDIO – BAWER MATERA 100 – 76

GOLDENGAS SENIGALLIA – NTS INFORMATICA 82 – 80

(15-34; 36-51; 59-65)

Senigallia: Maggiotto 27 (4/11, 4/7), Fall 21 (9/17), Pierantoni 13 (3/7, 2/4), Giampieri 8 (3/5, 0/4), Caverni 7 (2/5, 0/1), Gnaccarini 6 (2/5, 0/1), Bertoni, Pietrini (0/1 da tre), Gregorini ne, Angeletti ne. All. Valli.

Riminir: Battistini 22 (8/11), Aglio 16 (6/10, 0/2), Meluzzi 11 (1/4, 3/8), Foiera 11 (5/9, 0/2), Pesaresi 10 (2/3, 1/5), Busetto 4 (1/4, 0/2), Toniato 4 (1/1), Altavilla 2 (1/2), Maiello, Tiberti. All. Maghelli.

NUOVA PALL. MONTERONI – AMATORI PESCARA 68 – 82

GLOBO CAMPLI – DYNAMIC VENAFRO RINVIATA

CLASSIFICA

P G V P
XL Extralight Montegranaro 30 16 15 1 93.8
Amatori Pescara 26 17 13 4 76.5
Lions Basket Bisceglie 26 17 13 4 76.5
Globo Infoservice Campli 24 16 12 4 75.0
Allianz Pazienza Cestistica San Severo 24 17 12 5 70.6
Malloni Basket P.S. Elpidio 22 17 11 6 64.7
Olimpia Bawer Matera 20 16 10 6 62.5
NTS Informatica Rimini 18 17 9 8 52.9
Goldengas Pallacanestro Senigallia 14 16 7 9 43.8
Etomilu Giulianova 12 16 6 10 37.5
Were Basket Ortona 12 17 6 11 35.3
Pu.Ma. Trading Basket Taranto 10 15 5 10 33.3
Il Globo Isernia 10 16 5 11 31.3
Sicoma Valdiceppo Perugia 6 17 3 14 17.6
Quarta Caffè Monteroni 6 17 3 14 17.6
Al Discount Venafro 2 15 1 14 6.7

Bologna Basket 2016, ingaggiato (via Pontevecchio) il pivot Franci Zeneli

Nuovo arrivo per il BB2016: la settimana scorsa è stato tesserato Franci Zeneli.

Il giocatore, classe 1994 e proveniente dal Pontevecchio, è un’ala-centro di 1.98, già selezionato per la Nazionale albanese. Nuova entrata anche nella dirigenza con l’arrivo dell’ex giocatore di Reggio Calabria e Ozzano Emilia Dario Sigon. Il Bologna Basket 2016 rinforza il suo settore lunghi con l’innesto di Franci Zeneli, 22 anni, ala-centro di 1.98 m. Zeneli ha esordito con una prestazione convincente (16 punti e 8 rimbalzi) nella sfortunata partita di sabato scorso con la Polisportiva Arena di Montecchio. In uscita dalla Pontevecchio, stava viaggiando nell’attuale stagione di C Gold alla media di 12,5 p., con un top score di 22 punti contro la BSL San Lazzaro. Pivot moderno, robusto e atletico, ha tra le sue armi anche il tiro dalla media e dalla lunga distanza.

Il giocatore, nato a Korce (Albania) il 24 settembre 1994, ha disputato due anni di campionato U19 nel settore giovanile della Virtus Siena, conquistando gli ottavi di finale, nel secondo anno, nel campionato di Eccellenza. È poi passato in prima squadra nella stagione 2013/2014, sempre a Siena, nell’anno della promozione dalla C2 alla C1, per poi qualificarsi l’anno dopo ai play-off di C Gold. Nel 2015/16 ha giocato ancora nella C toscana, vinta da Siena che è stata promossa in B. La scorsa estate è stato chiamato dal commissario tecnico dell’Albania, il greco Antonis Costantinides, al raduno della Nazionale in vista di Eurobasket 2017.

Nuova entrata anche nella dirigenza della società con l’arrivo di Dario Sigon. Sigon si occuperà dei rapporti con il territorio dal punto di vista tecnico-sportivo e delle relazioni con il management di Granarolo. Alfredo Gabrielli ricoprirà invece il ruolo di responsabile del marketing e dei rapporti con gli sponsor, occupando una posizione chiave per la crescita strategica della società. Sigon, nato a Palermo nel 1972, vanta un passato di giocatore di basket professionista nel ruolo di ala-pivot. All’inizio degli anni ’90 fece parte per un paio di stagioni della Viola Reggio Calabria in serie A e successivamente giocò ad Imola. La sua vicenda sportiva è però particolarmente legata al Gira Ozzano, dove fu grande protagonista nella stagione 2001–2002, anno della conquista della Coppa di Lega da parte degli arancioneri con un suo decisivo tiro da 3, e della finale promozione, persa di un soffio contro Teramo. Arrivò poi a Castelmaggiore, squadra con cui passò dalla Promozione alla Serie C2. Al Gira Ozzano ha iniziato anche la sua esperienza dirigenziale con il ruolo di Direttore Sportivo, sviluppando le sue doti di “uomo spogliatoio” già note ai tempi della sua attività da giocatore.

1 2 3