Monthly Archives: aprile 2017

Serie B, scattano i play off, fattore campo rispettato per le “nostre”

PLAY OFF A/B Primo turno Gara 1

ALLMAG MONCALIERI – PALLACANESTRO CREMA 71 – 62

BALTUR CENTO – GESSI BORGOSESIA 76 – 61

(16-14; 39-26; 59-47)

Cento: Chiera 13, Andreaus 5, Bedetti 7, Benfatto 10, Pignatti 14, Sabbatino 4, D’Alessandro 5, Brighi 7, Botteghi 7, Caroldi 4. All. Benedetto.

Borgosesia: Savoldelli 7, Gay 9, Cozzoli ne, Mercante 2, Gatti 6, Molteni 13, Lenti 7, Caversazio 7, Visentin 7, Bertotti 3. All. Albanesi.

Al Pala Ahrcos, la Baltur si aggiudica il primo punto della serie con la Gessi Borgosesia, al termine di un match che ha visto i biancorossi prevalere dal primo all’ultimo possesso. Alla palla a due Benedetto si affida a Caroldi in cabina di regia, Chiera e Bedetti sul perimetro, Pignatti e Benfatto in vernice e Andreaus dalla panchina; l’ex Albanesi, premiato dagli Old Lions prima della partita, deve invece rinunciare a Cozzoli e parte con Molteni e Gatti, più Mercante di rincorsa. Sin dalle prime battute è Cento a fare la partita, facendo valere la sua fisicità a rimbalzo e trovando buone soluzione in attacco con Caroldi, Bedetti e Benfatto. Borgosesia presto ricorre alla prima sospensione della giornata, la Baltur si porta subito sul 12-4 ma gli ospiti agguantano la parità a quota 12. L’ingresso in campo di Brighi consente agli emiliani di chiudere la prima frazione in vantaggio e riportarsi avanti in apertura di seconda frazione (21-14, 12′). Il vantaggio interno raggiunge la doppia cifra nel momento in cui si accende Chiera (34-24) e successivamente tocca il +15 con Pignatti (39-24), a un paio di possessi dall’intervallo lungo. Nella ripresa i piemontesi accorciano le distanze (43-34), Benedetto ferma la partita ma la Gessi risale fino al -4 (49-45). La reazione dei localli, guidata da Pignatti, è però immediata e si traduce in un parziale di 9-0, che permette loro di ripristinare le distanze. Lo scarto tra le due formazioni aumenta nell’ultimo periodo fino a 23 punti (73-50, 35′), poi le due squadre iniziano a gestire in vista del match di ritorno, in programma per le ore 21 di giovedì al palasport di Borgosesia, mentre sugli spalti si festeggia: è solo il primo tempo di una lunga partita, ma la Baltur c’è.

CO.MARK BERGAMO – COMPUTER GROSS EMPOLI 66 – 55

BLUKART BASKET SAN MINIATO – GIMAR LECCO 74 – 64

AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI – FABIANI MONTECATINI 73 – 48

ALL FOODS SCANDICCI – REKICO FAENZA 87 – 79 dts

(22-16; 40-31; 57-48; 67-67)

Firenze: Mazzucchelli 17, Bloise 7, Lucarelli 12, Bevilacqua ne, Sirakov 12, Longobardi 6, De Leone, Poltroneri 15, Marengo 9, Rosignoli 9. All. Niccolai.

Raggisolaris Faenza: Penserini, Perin 21, Boero, Silimbani 12, Donadoni 21, Benedetti 4, Casadei 18, Iattoni 3, Pini, Maccaferri. All. Regazzi.

Il primo round dei play off se lo aggiudica l’All Foods Firenze, impostasi 87-79 al supplementare dopo una vera e propria battaglia. La Rekico mostra ancora una volta grande carattere rimontando un passivo di 20 punti e arrivando nel finale avanti di tre lunghezze, ma purtroppo non riesce a chiudere i conti. Tutto è rimandato a mercoledì alle 19, al PalaCattani, quando si giocherà la seconda sfida: Faenza vuole vincere per tornare a Firenze sabato prossimo per giocarsi l’accesso alla finale. Un applauso speciale è per gli oltre cento tifosi faentini sugli spalti, molti di più dei fiorentini.

La Rekico parte contratta e nel primo tempo non trova la via del canestro, “dimenticandosi” anche di difendere. Firenze colpisce dalla lunga distanza e a suon di triple passa a condurre 27-16 ad inizio secondo quarto con un parziale di 12-1. La reazione non tarda ad arrivare, ma la mira continua a non essere buona (emblematico che i primi 24 punti li segnino soltanto Casadei e Donadoni) e così all’intervallo i Raggisolaris si trovano ad inseguire 31-40. Il secondo tempo inizia nel peggiore dei modi con Firenze che segna da ogni posizione mentre la Rekico mostra troppo nervosismo, trovandosi sotto di 20 punti al 25’: 33-53. Nel momento più difficile ancora una volta arriva la grande rimonta. Perin segna tre triple consecutive e piazze un sottomano da antologia poi ci pensa Casadei dalla lunetta a regalare il 58-59. L’All Foods ritorna avanti, ma Perin è immarcabile ed è proprio una sua tripla a regalare il vantaggio a 31’’ dalla fine per il 67-64. Poltroneri rovina i sogni di gloria manfredi segnando anche lui dalla lunga distanza il canestro del 67-67. L’ultimo possesso è nelle mani di Faenza, ma non viene finalizzato. Nel supplementare i manfredi partono con tre triple (due di Lucarelli e una di Mazzuchelli: alla fine saranno 5 nell’overtime), conquistando un buon vantaggio che la Rekico non riesce più a colmare.

PAFFONI – BMR 73 – 57

(22-16; 41-29; 55-46)

Omegna: Simoncelli 5, Perez 2, Dagnello 5, Fratto 8, Villa 3, Corral 27, Gasparin 2, Arrigoni 11, Gurini G. 10, Bianchi. All. Ghizzinardi.

Basket 2000 Scandiano: Malagutti 17, Ferrari ne, Bertolini 1, Farioli 11, Astolfi, Veccia 8, Pugi 5, Gurini A. 2, Germani 2, Chiappelli 11. All. Tinti.

Ko esterno per la Bmr in gara uno del primo turno di playoff. Ad imporsi, infatti, è la Paffoni Omegna, che dimostra di avere un roster lungo ed esperto, oltre ad un Corral (27 punti con 9/11 da due) che muove gli equilibri sotto i tabelloni. In casa bianco-rosso-blu si segnalano i 17 di Malagutti (5/6 dai 6,75), oltre agli 11 di Chiappelli e Farioli.

I padroni di casa, che recuperano il play Simoncelli dopo un mese di stop per infortunio, partono forte, trascinati dai 17 punti nei primi 20’ del centro Corral. La Bmr replica con il 3/4 dalla linea dei tre punti di Malagutti, (11 punti per lui a metà gara) che, però, non può impedire l’allungo, lento ma inesorabile, dei piemontesi, che vanno all’intervallo lungo con 12 lunghezze di vantaggio. La ripresa si apre con gli ospiti capaci di tornare a -7 grazie ad una tripla di Veccia che vale il 44-37, costringendo Omegna al time out; la Bmr si avvicina nuovamente, grazie al 49-44 di Farioli, ma è il solito Corral a ricacciarla indietro, chiudendo un parziale di 5-0 dei suoi e Tinti deve imitare Ghizzinardi chiamando anch’egli time out. Il primo canestro della partita di Germani vale nuovamente il -9, prima che la stoppata di Corral fermi Veccia e la potenziale conclusione -7. Il quarto periodo è di marca piemontese, con Omegna che si porta a distanza di sicurezza (+15) e cerca di gestire in tranquillità il vantaggio: la Bmr torna a -9 con il rientrante Pugi ed Andrea Gurini, ma viene ricacciata indietro dalle due bombe di Fratto.

BAKERY – VALENTINA’S BOTTEGONE 82 – 61

(21-21; 38-34; 62-50)

Piacenza: Magrini 14, Sanguinetti 11, Soragna ne, Rezzano 10, Guerra, Tempestini 16, Banti 17, Leonzio 4, Samoggia 2, Bruni 8. All. Steffè.

Pistoia: Toppo 4, Marconato 8, Divac 6, Maspero 15, Paci 3, Galli, Toscano 10, Converso 2, Angelucci 5, Fontana 8. All. Biagini.

Piacenza vince e convince in gara1. I biancorossi di coach Steffè, inaugurano i play off come meglio non ci si poteva aspettare. Cinque uomini in doppia cifra e un secondo tempo da 44-27, con una difesa, per alcuni tratti ai limiti della perfezione. Ora l’appuntamento è per  giovedì sera, con gara2 che si svolgerà alle 20:30 in casa dei Toscani.

Parte forte la Bakery, con Banti e Magrini che fanno gli onori di casa, con tre canestri intervallati dal solo Marconato, che fanno fissare il punteggio sul 7 pari. La difesa biancorossa stringe le maglie e provoca il primi mini allungo sull’11-7, ma Bottegone reagisce e apre il fuoco da 3 con Maspero e il solito Marconato e va avanti sull’11-15 dopo 6’. Maspero è praticamente una sentenza da dietro l’arco (3/4), però la premiata ditta Magrini+Banti (6 & 7) aiutati da Rezzano, fanno chiudere il primo parziale sul 21 pari. All’inizio del secondo quarto, le difese alzano il volume della radio, tanto che per due minuti non si segna neanche per sbaglio. Poi arriva la sveglia, Piacenza la sente, mentre Bottegone no. Tripla di Tempestini, liberi di Rezzano più un’ottima difesa e coach Biagini è costretto al timeout. Al rientro dalla pausa c’è una tripla di Paci, ma poi un enorme Bakery, con coach Steffè che esplora il quintetto con 3 play e viene ripagato con il +11, sul 35-24, al 15’. Biagini non è contento di quello che sta succedendo e il suo nervosismo di traduce nel classico tecnico per proteste. La sfuriata ha effetto, perché Bottegone alza la fisicità e con Toppo, Toscano (7) e Maspero ricuce fino al -4, sul 38-34.  L’inizio del secondo tempo è la fotocopia della fine del primo, con Toscano e Sanguinetti (11) che  bombardano da 3. Seguono 2’ senza punti a referto e con tanti errori. La tensione e l’importanza della partita prendono il sopravvento. Fontana ne mette 4 in fila, si sblocca Magrini da 3, ma Marconato risponde e fissa il -3, sul 49-46, al 26’.Poi la svolta, Tempestini rientra dalla panchina, recupera un pallone, smazza due assist e Piacenza torna a +8. Otto, che diventano +12, grazie al dominatore del quarto Tempestini e alla bomba di Rezzano (10).  Un Mattia Magrini da 6/8 dal campo, apre l’ultimo quarto e mette 17 punti fra le due compagini. Bottegone riesce a segnare due soli punti, nei primi 3’. Le scorribande di Tempestini (13), insieme al primo canestro di Samoggia e all’esperienza di Bruni, fanno aumentare il vantaggio fino al +20, del minuto 36’. Gli ultimi minuti sono pura accademia biancorossa. La difesa è di una intensità e fisicità mostruose, mentre l’attacco trova anche spazio per divertirsi e migliorare le proprie percentuali.Finisce 82-61 per i biancorossi.

PLAY OFF C/D Primo turno Gara 1

GENERAZIONE VINCENTE NAPOLI – GOLDENGAS SENIGALLIA 82 – 74

ALLIANZ PAZIENZA SAN SEVERO – VIRTUS CASSINO 89 – 69

LIONS BASKET BISCEGLIE – BNL LUISS ROMA 80 – 70

CITYSIGHTSEEING PALESTRINA – BAWER MATERA 100 – 68

XL EXTRALIGHT MONTEGRANARO – MASTRIA VENDING CATANZARO 79 – 64

AIR FIRE VALMONTONE – AMATORI PESCARA 84 – 90

BASKET BARCELLONA P. DI GOTTO – MALLONI PORTO S.ELPIDIO 59 – 70

GLOBO – GLOBAL SISTEMI 75 – 73

(22-15; 39-30; 54-56)

Campli: Gatti 25 (7/9, 2/7), Petrazzuoli 13 (0/1, 4/7), Petrucci 11 (1/4, 3/7), Ponziani 8 (4/6, 0/0), D’Arrigo 6 (2/3, 0/2), Salafia 5 (1/1), Bottioni 4 (2/8, 0/2), Serafini 3 (1/3, 0/2), Norbedo, Alleva ne. All. Millina.

Tigers Forlí: Rombaldoni 18 (4/6, 2/8), Agatensi 13 (2/2, 3/4), Cicognani 12 (5/6), Fontecchio 10 (3/6, 1/3), Carraretto 6 (2/4), Villani 5 (1/2, 1/5), Forti 3 (0/3, 1/1), Myers 3 (0/2, 1/2), Bartolucci 3 (0/1, 1/2), Rossi ne. All. Di Lorenzo.

C Gold, colpi play out per Bsl e BB2016. C Silver, Guelfo-LG, prosegue il duello…

SERIE C GOLD 28° Giornata

ORVA – LA.CO 86 – 80

(16-19; 30-42; 59-59)

Lugo: Baroncini ne, Poluzzi 3, Tinsley 4, Cortesi 15, Seravalli 11, Legnani 14, Presentazi 3, Filippini 20, Guerra ne, Collina ne, Zhytaryuk 16. All. Galetti.

Flying Balls Ozzano: Montanari ne, Masrè 5, Morara 17, Folli 16, Magagnoli 5, Betti 2, Guazzaloca 12, Martini 2, Cutolo 16, Gianasi 5. All. Grandi.

Non bastano due quarti e mezzogiocati ad alti livelli per espugnare il difficile campo dell’Orva. I biancoverdi, sotto anche di 16 lunghezze ad inizio terzo periodo, rimontano e si portano a casa gli ultimi due punti in palio, prima dei play-off. Ozzano, ormai certa della seconda posizione, troverà Imola come avversaria nella post season che inizierà la prossima settimana.

Morara è il protagonista in positivio nei Flying Balls. L’ala pivot biancorossa dopo quasi un mese di stop rientra con 11 punti segnati in appena dieci minuti e dopo il primo quarto Ozzano è avanti 19 a 16. Nella seconda frazione Ozzano difende alla grande, limitando l’attacco romagnolo e portandosi sul +12 all’intervallo lungo (30-42). Nella terza frazione la La.Co. trova anche il +16 prima però di subire la rimonta dell’Orva che impatta a quota 59 a pochi secondi dalla terza sirena (59-59). Nell’ultimo quarto è Lugo a comandare, grazie ad una intensa difesa a zona che manda in confusione l’attacco biancorosso; brava comunque Ozzano a non darsi mai per vinta, nonostante l’inerzia si fosse ormai spostata sulla formazione di casa. Qualche palla persa di troppo, e una prevalenza a rimbalzo della formazione di casa, regala a Lugo la vittoria (86-80 il finale) trascinata dai 20 punti di Filippini, i 16 di Zhytariuk, i 15 di Cortesi e i 14 di capitan Legnani (per quest’ultimo tutti segnati nella seconda parte di match). Per Ozzano non sono bastati i 17 punti di Morara,i 16 di Cutolo e Folli e i 12 di Guazzaloca.

SALUS PALL. BOLOGNA – ALBERTI E SANTI 72 – 69

(23-14; 48-33; 63-53)

Salus Bologna: Fimiani 2, Nucci ne, Amoni 20, Conidi 2, Percan 16, Zanoni, Marchetta, Tubertini 1, Parma Benfenati 23, Trentin 8. All. Giuliani.

Pallacanestro Fiorenzuola 1972: Galli 6, Sichel 3, Monacelli 5, Trobbiani, Orsini 11, Tourn 12, Lottici M. 8, Klyuchnyk 14, Donati 5, Garofalo 3, Giani. All. Lottici S.

In una partita, in verità, totalmente ininfluente per la classifica, ecco la Salus continuare la sua striscia di vittorie consecutive, arrivata a quota 8, battendo una coriacea Fiorenzuola e preparandosi al meglio per il primo turno di play-off contro San Marino. Nessuna delle due squadre aveva più nulla da chiedere alla stagione regolare, per cui quella delle “Alutto” è stata da considerare poco più di un’amichevole: Coach Fili (Giuliani squalificato), senza Granata, Savio e il lungodegente Lugli, ha tenuto in panca Nucci per tutti i 40’ e usato Amoni come 6° uomo di lusso, mentre Simone Lottici ha provveduto a concedere spazio per tutti i ragazzi giunti alla trasferta di Bologna.

La partenza è di marca Madel, con Parma e Percan subito molto ispirati e che propiziano un primo, importante vantaggio sul 21-11 dopo 8’. I locali provano qualche esperimento, fra cui il “quintettone” con Parma, Amoni e Trentin insieme in campo, mossa che sembra funzionare: Fiorenzuola si rifà sotto a metà 2° quarto con un paio di conclusioni pesanti (34-28, 15’) ma, dopo il time-out, ci pensano il lungo ex Imola e Percan a piazzare un break di 14-2, chiuso con un canestro e fallo del Capitano (48-30, 19’). Gli ospiti non ci stanno, e cominciano la ripresa con un altro piglio: due siluri di Orsini riportano i piacentini a -5, e la Madel, pur tenendo saldamente il controllo delle operazioni, non riuscirà a dare la zampata per scappare definitivamente. La partita è ancora più godibile, si arriva agli ultimi 2’: due giochi da 3 punti filati di Klyuchnyk riportano lo svantaggio gialloblu al minimo scarto (70-69, 39’). I bolognesi forzano in attacco, ma qui ci pensa Parma Benfenati, MVP del match, con l’offensivo che toglie le castagne dal fuoco. Lo stesso Klyuchnyk cerca il pareggio con la bomba dall’ala che, però, coglie soltanto il ferro. Vince la Salus 72-69.

DESPAR – ASSET BANCA 75 – 110

(22-30; 45-59; 57-87)

4 Torri Ferrara: Paccagnella, Ranzolin 6, Pederzini 10, Nanni ne, Parmeggiani 15, Ghedini ne, Brandani 16, Ballardini 3, Verde 9, Chiusolo 15, Cariat 1. All. Cavicchioli.

San Marino: Frigoli 14, Gamberini ne, Macina, Polverelli 8, Rinaldi 22, Bianchi 14, Borello, Amadori 13, Zannoni 17, Riccardi 5, Balestri 17. All. Foschi.

Sul prestigioso parquet di Ferrara, dove già quattro settimane fa l’Asset Banca scrisse una delle pagine più belle della stagione, mettendo a segno un blitz al domicilio di un gruppo meglio classificato, questa volta è andata ancora meglio, con il +35 con cui i Titans hanno spazzato via gli estensi e si sono dichiarati pronti per l’avvio dei playoff. Nel 110-75 finale ci stanno tanti segnali incoraggianti e soprattutto la consapevolezza che il percorso di crescita graduale arriva al suo apice al momento giusto. Ad onor del vero, Ferrara ha affrontato la gara con defezioni eccellenti e senza quel mordente dettato dalla posta in palio che, regolamento alla mano, non avrebbe in ogni caso modificato la posizione in griglia playoff.

Resta la prova balistica dei Titans, che trovano il clamoroso 60% di squadra da tre (18/30, Rinaldi 6/10, Bianchi 4/6, Zannoni ed Amadori 3/4 ciascuno) ed il 62% (22/35, Balestri 7/9) da due, in una serata dove c’è stato equilibrio fino al 17-15 Ferrara del 6’30”, ma già dopo soli 15 minuti il tassametro recitava +20 Asset Banca, con i Titans capaci di realizzarne 52 in appena un quarto e mezzo. Tutto liscio insomma, la tensione degli avversari è calata presto, ma le percentuali dei Titans sono rimaste altissime ed il divario nel punteggio è sempre rimasto da assicurazione sulla vita, situazione perfetta per concedere minuti a tutti, divertirsi e risparmiare energie in vista di impegni più dispendiosi: Salus Bologna nella serie di primo turno playoff, a partire da Gara1 nel prossimo weekend.

NPC – GAETANO SCIREA BASKET 68 – 54

13-14, 33-28, 50-40

VSV Imola: Dalpozzo, Dal Fiume 12, Zambrini ne, Sabattani 3, Creti, Fin 6, Corcelli 16, Vignali 4, Sangiorgi 14, Delvecchio 13. All. Marchi.

Bertinoro: Solfrizzi En., De Pascale 9, Riguazzi 2, Cristofani 6, Zoboli ne, Merenda 3, Fantuzzi, Brunetti 3, Ricci 10, Solfrizzi Em. 5, Marisi 16. All. Brighina.

POL. ARENA – BOLOGNA BASKET 2016 70 – 77

(16-18; 30-34; 51-53)

Montecchio: Grisendi 11, Lombardi 10, Conte 15, Riccò 6, Corrias, Basso 12, Maggi 6, Fava, Borghi 2, Brogio 6, Negri 2, Giglioli. All. Cavalieri.

BB2016: Spettoli 7, De Gregori 10, Biello 15, Guerri, Del Papa 12, Tugnoli L. ne, Tugnoli A. 5, Bertuzzi 14, Brotza 7, Zeneli, Albertini 7. All. Trevisan.

NUOVA PSA – B.S.L. 73 – 81

(18-25; 38-44; 58-66)

PSA Modena: Grazzi 5, Bianchi 1, Cervellati, Tamagnini 2, Basilicò 2, Verrigni 16, Frilli 6, Storchi 23, Gamberini 2, Fiore 2, Saccà 11, Brilli 3. All. Spettoli.

San Lazzaro: Lolli 4, Verardi 21, Annunzi 13, Binassi 4, Fabbri 11, Rossi 6, Bianchi 6, Barattini, Mellara 8, Cavazzoli, Allodi 8. All. Rocca.

CLASSIFICA

LUGO 46 26 23 3 2069 1682 +387
FLYING BALLS OZZANO 40 26 20 6 1884 1681 +203
SALUS BOLOGNA 40 26 20 6 2029 1749 +280
FIORENZUOLA 1972 32 26 16 10 2020 1821 +199
4 TORRI FERRARA 30 26 15 11 1877 1855 +22
SAN MARINO 30 26 15 11 2000 1919 +81
VSV IMOLA 26 26 13 13 1903 1846 +57
GAETANO SCIREA BERTINORO 24 26 12 14 1728 1781 -53
ARENA MONTECCHIO 20 26 10 16 1948 2141 -193
BOLOGNA BASKET 2016 16 26 8 18 1789 1928 -139
PSA MODENA 14 26 7 19 1713 1964 -251
BSL SAN LAZZARO 14 25 7 18 1639 1931 -292
PONTEVECCHIO BOLOGNA 4 25 2 23 1702 2003 -301

SERIE C SILVER 28° Giornata

POLISPORTIVA MOLINELLA – GUELFO BASKET 70 – 79

(18-19; 31-32; 46-57)

Molinella: Tugnoli 20, Spisni, Rubini, Quartieri 2, Piazzi 9, Folesani 2, Cesari, Lanzi 16, Sighinolfi 2, Quaiotto 5, Innocenti 4, Frazzoni 10. All. Baiocchi.

Castel Guelfo: Bernabini 7, Millina 2, Pieri 5, Baccarini 2, Fornasari, Venturoli 10, Musolesi 17, Ruggiero, Turrini, Casagrande 14, Quadrelli, Govi 22. All. Serio.

La trasferta a Molinella era insidiosa per tanti motivi, uno su tutti il fatto che sia un derby. L’inizio del Guelfo è sul velluto con Govi trascinatore, dall’altra parte però un Tugnoli immarcabile riporta i suoi in vantaggio; Govi e Musolesi non ci stanno e fanno si che il primo quarto termini 18-19. L’inizio della seconda frazione è in perfetto equilibrio, gli ospiti però pagano alcune distrazioni difensive e la poca precisione dalla lunetta, il Molinella non riesce ad approfittare della situazione e chiude in svantaggio 31-32 all’intervallo. La terza frazione è all’insegna degli errori, fino a quando il 2/2 di Musolesi sblocca i giallo-blu che trovano così il massimo vantaggio di +6 che poco dopo ritoccano a +11. Le basse percentuali ai liberi e la tripla di Quaiotto impediscono di scappare via e alla penultima sirena il tabellone segna 46-57. Nell’ultimo periodo il guelfo accusa un calo, i padroni di casa invece sfruttano l’opportunità riportandosi a -2; grazie ad un buon lavoro di gruppo, però, i giallo-blu ritrovano in piccolo vantaggio,Tugnoli non si arrende, ma è impreciso e nell’ultimo minuto il Guelfo trova altri 5 punti coi quali mette i titoli di coda a questo derby sofferto.

PALLACANESTRO CASTENASO – ACADEMY BASKET 2014 69 – 63

(14-17; 32-40; 51-55)

Castenaso: Spinosa 12, Pesino 9, Beccari 11, Curione 10, Cantore 2, Masini 9, Pedrielli 5, Baroncini 3, Parenti 8. All. Cinti.

Academy Fidenza: Avanzi 2, Bernardi 9, Antozzi 3, Liberati, Luis 2, Simonazzi 12, Tardivi, Agostini 8, Pellegrini 16, Sela 11. All. Zanardi.

ME-CART – PALL. NOVELLARA 70 – 57

(10-7; 26-27; 43-39)

Cavriago: Fantini 6, D’Amore 25, Baroni 2, Pezzi 2, Tognato 15, Lorenzani ne, Caminati 4, Franzoni 2, Dall’Asta ne, Bernardoni, Fontanesi, Pedrazzi 14. All. Martinelli.

Novellara: Ferrari ne, Margini 2, Folloni 7, Rinaldi 8, Grisanti 4, Morgotti, El Ibrahimi 2, Carpi 7, Ciavolella 12, Morini, Bartocetti 9, Dilas 6. All. Spaggiari.

BERNAITALIA – CRISDEN 86 – 67

(22-10; 49-19; 70-41)

Medicina: Magnani 9, Tinti 6, Marinelli 11, Mini 13, Govi 12, Lorenzini 10, Stagni 4, Castellari 1, Barba 5, Canovi 3, Rambelli 12. All. Curti.

Rebasket Castelnovo Sotto: Minardi 6, Magliani 11, Nunziato 4, Castagnaro 18, Mazza 4, Bartoli 6, Defant 10, Villani 6, Melli 2, Panizzi, Bettelli. All. Casoli.

GRANAROLO BASKET – BASKET RICCIONE 94 – 80

(24-20; 42-39; 74-57)

Granarolo Basket: Nicotera 6, Marchi 15, Bernardinello 4, Paoloni 3, Ballini 17, Neviani 7, Salicini 8, Marega 11, Cristalli 7, Cerulli 2, Cempini 14. All. Carrera.

Riccione: Casadei 4, Pulvirenti 10, Cardinali 5, Ambrassa 6, Brattoli 22, Bologna 2, Chavdarov 23, Biagini 5, De Martin 3. All. Darderi.

Granarolo vince la penultima partita casalinga della stagione rispettando il pronostico che la vedeva favorita su un Riccione che sta aspettando i playout senza aver possibilità di cambiare la posizione attuale. La partita è risultata piacevole, con difese un po’ blande che hanno permesso ai frombolieri di segnare con regolarità e buona precisione; per Granarolo buona prova collettiva in attacco con 4 uomini in doppia cifra e tutti gli 11 effettivi a segno, per Riccione da segnalare l’ottima prova del ’97 Chavdarov (top scorer del match con 23 punti) e di Brattoli autore di 22 punti.

La cronaca: Granarolo prende subito in mano le redini del match con il trio Ballini-Cempini-Marega ripetutamente a segno e al 5′ il punteggio è di 14-9 con Brattoli autore di 6 dei 9 punti ospiti. Granarolo prova l’allungo con Neviani e Ballini ma De Martin e una tripla di Pulvirenti ricuciono a -3 (21-18 al 8′). Dopo 2 azioni senza esito il fatto che caratterizza la partita e penalizza Riccione: su una penetrazione di Cristalli, De Martin viene sanzionato del secondo fallo: il giocatore ospite non ci sta e protesta in maniera evidente col risultato di beccarsi un tecnico; non contento continua nelle proteste apostrofando l’arbitro che non può fare altro che sanzionare l’espulsione. Granarolo realizza 3 dei 5 liberi a disposizione e un canestro di Biagini (subentrato a De Martin) fissa il 24-20 con cui si chiude il primo parziale. A inizio secondo quarto Chavdarov e Pulvirenti regalano la parità agli ospiti al 12′ (24-24); gli urli di un Carrera infuriato con i suoi giocatori hanno effetto: 8-0 Granarolo e 32-24 al 13’30”. I padroni di casa mantengono il vantaggio per alcuni minuti (42-33 al 18’30”) poi si addormentano e Riccione piazza un 0-6 che le permette di andare negli spogliatoi con solo 3 lunghezze da recuperare (42-39 al 20′). La strigliata di coach Carrera ai suoi negli spogliatoi ha effetto: nei primi 3’30” del terzo periodo Granarolo piazza un parziale di 17-4 che di fatto chiude il match (59-43 al 23’30”); Chavdarov e Brattoli provano a riportare sotto Riccione (63-55 al 27′) ma Granarolo riprende a spingere sull’acceleratore e una tripla di Marchi chiude il terzo periodo sul 74-57 (32 i punti segnati da Granarolo nel quarto). L’ultimo quarto comincia da dove era finito il terzo: Granarolo imperversa e con un 8-0 arriva al +25 (82-57 al 22′ con un parziale a cavallo dei due periodi di 19-4); i coach danno spazio un po’ a tutti, ma il divario rimane pressochè immutato fino al 38′ (92-70); Granarolo alza completamente il piede dall’acceleratore e Riccione riduce il divario fino al 94-80 finale.

BK POL. CASTELFRANCO E. – OLIMPIA CASTELLO 79 – 65

(18-15; 46-27; 65-44)

Castelfranco Emilia: Tedeschini 25, Paolucci 6, Tomesani 20, Coslovi 10, Salami 2, Righi ne, Vannini 2, Forni 2, Macchelli 2, Pedroni, Ayiku 10. All. Boni.

Olimpia Franceschini 11, Dall’Osso 20, Corazza 8, Pedini 4, Cavina 4, Bonetti 10, Binassi 8, Nardi. All. Canè.

CVD BASKET CLUB – L.G. COMPETITION 48 – 60

(12-25; 27-40; 36-52)

CVD Casalecchio: Dawson R. 10, Falzetti 4, Dawson J. ne, Fuzzi 7, Galassi, Ghiacci 9, Penna 4, Perini 2, Taddei 7, Tapia, Testoni, Trois 2, Vettore 4. All. Brochetto.

LG Competition Castelnovo Monti: Canuti 9, Magnani 7, Rossetti 6, Levinskis 8, Guarino 2, Zamparelli, Mallon 8, Vanni 9, Grulli, Barigazzi, Lavacchielli 11. All. Diacci.

Ottava vittoria consecutiva per la LG Competition. Il successo permette ai montanari di rimanere la testa della classifica quando mancano due giornate alla conclusione del torneo e mantenere due lunghezze di vantaggio su Guelfo, che verrà affrontata nell’ultima giornata di campionato.

La LG parte molto bene e si porta subito avanti nel vantaggio: gli uomini di Diacci riescono infatti a limitare l’offensiva di CVD e dall’altra parte del campo sono capaci di segnare con grande continuità.  A fine primo quarto Castelnovo è avanti di 13 e già a quota 25 alla voce punti segnati. Il secondo quarto segue la falsariga del primo, con la LG che continua a macinare gioco e CVD che tenta di rientrare senza però riuscirvi: la seconda frazione viene pareggiata dalle due squadre e gli ospiti a metà gara conducono sul +13 (27-40). Al rientro dagli spogliatoi i montanari continuano la loro opera con un basket di qualità in entrambi i lati del campo e nel terzo periodo concedono solo nove segnature a Casalecchio, in completa balìa degli avversari. Al 30′ Castelnovo è avanti di sedici lunghezze ed in completo controllo del match. Non succede molto nell’ultima frazione, poco spettacolare e con pochi canestri: l’attacco della LG si inceppa (solo 8 punti in 10′) e Casalecchio tenta di rientrare senza però riuscire a completare la rimonta. Finisce 48-60 per i Cinghiali, che ora si trovano ad affrontare gli ultimi e decisivi ottanta minuti, durante i quali si giocheranno l’accesso diretto alla C Gold.

CLASSIFICA

LG COMPETITION CAST. MONTI 42 26 21 5 2029 1635 +394
GUELFO CASTEL GUELFO 40 26 20 6 1982 1753 +229
VIRTUS MEDICINA 38 26 19 7 1998 1828 +170
ACADEMY FIDENZA 36 26 18 8 2011 1791 +220
NOVELLARA 34 26 17 9 1807 1747 +60
CASTENASO 28 26 14 12 1898 1961 -63
GRANAROLO BASKET 26 26 13 13 1781 1770 +11
ANZOLA 26 26 13 13 1777 1823 -46
CVD CASALECCHIO 24 26 12 14 1630 1686 -56
MOLINELLA 22 26 11 15 1704 1717 -13
CASTELFRANCO EMILIA 22 27 11 16 1881 2016 -135
SCUOLA BASKET CAVRIAGO 20 27 10 17 1793 1811 -18
RICCIONE 14 26 7 19 1817 2080 -263
OLIMPIA CASTEL SAN PIETRO 12 26 6 20 1872 2132 -260
REBASKET CASTELNUOVO 8 26 4 22 1675 1905 -230

Serie D, Vignola crolla e la Pallavicini si “salva”. Nel girone B Argenta arpiona il quarto posto

SERIE D/A 30° Giornata

SPORT SERVICE – F.FRANCIA PALL. 49 – 71

(13-12; 23-32; 30-54)

La Torre Reggio: Davoli A. 6, Trivelloni 5, Mazzi G. 5, Bertolini 6, Davoli L. 4, Pezzarossa 2, Mazzi F. 2, Mussini 5, Rivi 2, Margaria 12, Orlandini ne. All. Spadacini.

Zola Predosa: Galli 12, Gamberini 7, Zini 6, Mazzoli 6, Maselli 7, Cevenini 3, Masina 9, Pagano 2, Bosi 10, Bavieri 5, Cuppi, Perrotta 4. All. Piccolo.

Si chiude la stagione regolare, con le due squadre già rivolte ai rispettivi obiettivi della post-season. La Sport Service si presenta ancora con alcune defezioni (Vezzosi, Canuti e Orlandini in panchina per onor di firma), più Filippo Mazzi in campo solo alcuni minuti, in ripresa dopo l’infortunio. C’è spazio, quindi, per chi di solito ha avuto meno minuti e per i più giovani, come Lorenzo Davoli e Rivi. La Francesco Francia, forte del suo maggior tasso tecnico, nonostante sconti a sua volta varie assenze, mette le mani sulla vittoria già nel secondo quarto e gestisce senza affanni il risultato, in attesa dei play-off, conquistati da terza della classe, contro la Cestistica Argenta. Nel frattempo, gli ultimi risultati del girone B definiscono anche la griglia play-out e i reggiani affronteranno l’Audax Ferrara.

STARS BASKET – SAMPOLESE BK 68 – 59

(18-14; 35-27; 54-41)

Stars: Bertoncello 9, Tazzara 3, Landuzzi 11, Skocaj 10, Pistacchio 3, Branchini 10, Marino 2, Passarelli 8, Santilli 10, Taroni 2. All. Bandiera.

San Polo d’Enza: Tognoli 7, Siani 4, Davoli L., Davoli M. 9, Braglia 5, Tondo 10, Benevelli, Maggiali 2, Fassinou 1, Pezzi 11, D’Amore 10, Hasa. All. Immovilli.

In una classica partita di fine stagione da segnalare la durata record della gara: appena 1 ora e 8 minuti con appena 15 falli fischiati in tutta la gara. D’altronde i ragazzi di Bandiera avevano già ai piedi le ciabatte da spiaggia, mentre quelli di Immovilli non volevano correre il pericolo di infortuni in vista della sfida di play out contro il Basket Village Granarolo. Per gli Stars, invece, cala il sipario di una stagione iniziata sotto i peggiori auspici, ma poi raddrizzata con un girone di ritorno da ben nove vittorie.

PALLACANESTRO FULGOR – VENI BASKET 54 – 65

(11-16; 30-34; 39-59)

Fidenza: D’Esposito 9, Imeri 7, Ceci A. 10, Molinari 3, Montanari 2, Gaudenzi 7, Baratta 11, Abati 3, Arcari, Ranieri, Priero, Cavagna 2. All. Olivieri.

San Pietro in Casale: Minozzi G. 9, Vinci 11, Pederzoli 9, Sgarzi 2, Frignani 10, Brunetti 2, Ghedini 8, Ballarin 7, Pastore 7, Barbieri. All. Minozzi M.

ALTEDO BASKET – VIS BASKET PERSICETO 89 – 87 dts

(19-19; 41-40; 63-62; 78-78)

Altedo: Tradii 7, Pasquali 27, Caprara 19, Ventura, Menna, Govoni 3, Baccilieri 15, Soresi 6, Governatori 6, Gnudi 6. All. Marchesini.

San Giovanni in Persiceto: Genovese 6, Chiusoli, Cornale 18, Galli, Scagliarini 2, Chiapparini 6, Papotti 15, Bartolozzi 7, Ferrari 3, Pasquini 11, Almeoni 19. All. Berselli.

PALL. NAZARENO – ATLETICO BASKET 79 – 65

(18-19; 46-32; 66-50)

Carpi: Compagnoni 13, Goldoni 7, Pivetti, Pravettoni 20, Spasic 5, Marra 10, Bonfiglioli 3, Saetti 2, Turri ne, Doddi 19. All. Testi.

Atletico: Veronesi Gr. 11, Campanella M. 4,  Rossi  5,  Grassi 1, De Simone 6, Diop  4, Artese 5, Flori  6, Veronesi G.I. 4, Campanella E. 9, Pedroni 2, Zappoli 8. All.  Pietrantonio.

UNIONE SPORTIVA AQUILA – MOLINO GRASSI 80 – 75

(22-23; 36-47; 59-64)

Luzzara: Pasini 9, Salzano 2, Gruosso 14, Salati, Galeotti 6, Torregiani 5, Petrolini 20, Corradini 2, Costantino, Freddi 22. All. Campedelli.

Magik Parma: Bazzoni 12, Donadei, Malinverni N., Malinverni L. 19, Montagna 8, Aimi 2, Secli 12, Diemmi 5, Cavaglieri, Guidi 12, Berlinguer 6, Botti 2. All. Lopez.

La Molino Grassi chiude la stagione con una sconfitta contro la già retrocessa Luzzara e per la dodicesima volta torna a Parma senza punti, infatti i ragazzi di Lopez e Padovani nella stagione appena conclusa hanno raccolto solo tre vittorie lontano dal PalaMagik contro le dodici sconfitte subite. La Magik ha raggiunto il suo obbiettivo da ben cinque giornate e di certo la voglia di mettere in campo anche chi ha avuto meno spazio durante la stagione si è rivelata fatale. Avanti per quasi tutta la partita i parmigiani sono letteralmente crollati nell’ultimo periodo subendo un pesantissimo 21 a 11 che ha regalato la vittoria ai padroni di casa della bassa reggiana. A farla da padrone tra i padroni di casa l’esperienza e la fisicità di Gruosso e la gran partita di Petrolini e Freddi in serata di grazia. Da segnalare, per i parmigiani, l’ottima prova dei giovani Leonardo Malinverni in regia classe 1998 e di Filippo Montagna, tra le guardie, classe 1999 che di sicuro lasciano ben sperare per il futuro di una società che ha raggiunto l’obbiettivo salvezza che ad inizio stagione, vista la rosa a disposizione, non era poi così scontato.

BASKET VOLTONE MASCHILE – SCUOLA PALL. VIGNOLA 79 – 55

(22-16; 37-33; 56-43)

Monte San Pietro: Calvi 13, Galassi 2, Giacometti A., Sanguettoli 3, Polo 8, Giacometti J. 25, Codicini 2, Ferraro 7, Maresi 2, Magi 10, Di Stefano 2, Lelli 5. All. Torrella.

S.P. Vignola: Ganugi 11, Badiali 7, Gamberini, Barbieri 1, De Martini, Carretti 10, Paladini 2, Guidotti 12, Franchi 2, Amici 10, Pavarello. All. Smerieri.

POLISPORTIVA CASTELLANA – ANTAL PALLAVICINI 79 – 72

(22-18; 41-36; 60-50)

Castelsangiovanni: Belli, Zermani 3, Brandolini, Eccher 20, Montafia, Baldini, Zamboni 18, Villa S. 14, Mori 13, Mazzocchi 6, Villa A. 2. All. Fanaletti.

Pallavicini: Maestripieri 19, Spadellini, Tosiani 7, Nanni G., Benuzzi, Minghetti 8, Sgargi 2, Nanni M. 11, Galeotti 18, Laluna 6. All. Bignotti.

CLASSIFICA
VIS PERSICETO 52 30 26 4 2069 1713 +356
ATLETICO BOLOGNA 44 30 22 8 2151 1937 +214
FRANCESCO FRANCIA ZOLA 42 30 21 9 1981 1871 +110
ALTEDO 38 30 19 11 2103 1980 +123
PALLAVICINI BOLOGNA 36 30 18 12 2084 2003 +81
SCUOLA PALL. VIGNOLA 34 30 17 13 1818 1751 +67
FULGOR FIDENZA 30 30 15 15 1876 1888 -12
VOLTONE ZOLA 28 30 14 16 2016 1994 +22
NAZARENO CARPI 28 30 14 16 2001 1985 +16
VENI SAN PIETRO IN CASALE 26 30 13 17 1895 1948 -53
STARS BOLOGNA 26 30 13 17 2004 2063 -59
MAGIK PARMA 26 30 13 17 1946 2058 -112
CASTELLANA CASTEL S.GIOVANNI 24 30 12 18 1853 2036 -183
LA TORRE REGGIO EMILIA 18 30 9 21 1777 1936 -159
SAMPOLESE 14 30 7 23 1686 1903 -217
AQUILA LUZZARA 14 30 7 23 1859 2053 -194

SERIE D/B 30° Giornata

BASKET VILLAGE – S. MAMOLO BASKET 59 – 72

(21-19; 32-39; 41-57)

BK Village Granarolo: Bernardinello, Dalla 7, Farati 2, Fava 3, Banzi 7, Checcoli 2, Generali ne, Marcheselli L. 9, Cerulli, Meluzzi 9, Paoloni 18, Costa 2. All. Marcheselli E.

San Mamolo: Baietti 5, Bamania 4, Quadri S. 2, Sgarzi 7, Sterpi 17, Santinelli 2, Valenti 6, Quadri A. 7, Tosini 12, Boccardo 10. All. Morra.

CURTI – SCUOLA BASKET FERRARA 58 – 63

(15-16; 29-30; 45-48)

International Imola: Cai 9, Benghi 17, Dalmonte 13, Scagliarini 6, Sassi, Montanari 2, Ginevri 3, Martini 8, Calabritto. All. Carretto.

Scuola Basket Ferrara: Ardizzoni 6, Ferrarini 5, Rimondi 8, Rimondi 7, Roversi 2, Bertocco 11, Bereziartua 7, Seravalli 2, Pusinanti 11, Romagnoni 2, Malaguti 2. All. Schincaglia.

VB – CRAL E. MATTEI 67 – 65

(16-9; 30-26; 46-47)

Grifo Imola: Cenni, Castelli 3, Bartoli 3, Dirella 2 Lucchetta R. 6, Grillini 23, Lanzoni 5, Orlando 2, Lucchetta S., Zaccherini, Sgorbati 7, Pasini 16. All. Palumbi.

Spem Mattei Ravenna: Gigante 8, Magnani, Fabbri 8, Zannini 7, Bellanti 4, Morigi 19, Thiam 9, Battaglia 10. All. Casciello.

Alla fine vittoria doveva essere e vittoria è stata, ma che fatica! La VB perde concentrazione quando si trova di fronte una squadra con soli otto elementi e che sa già retrocessa da tempo, per cui immagina di dover affrontare una partita amichevole di metà settimana, giusto per non intorpidire i muscoli, in attesa di sapere poi chi sarà il primo avversario nei playoff. In effetti pur senza strafare, anzi con parecchi errori in attacco (anche ai tiri liberi) la Grifo viaggia per quindici minuti con vantaggi rassicuranti (massimo vantaggio +9). L’unica nota di colore è che tutti gli effettivi di entrambe le squadre sono scesi in campo nei primi otto minuti di gara. Ma Ravenna è decisa a vendere cara la pelle e da qui in poi renderà dura la vita ai padroni di casa. Un Gigante ispirato con due triple guida i suoi alla rimonta che viene conclusa da Battaglia che segna il primo vantaggio esterno della partita. Nell’ultimo minuto del secondo periodo ci pensano Sgorbati dalla lunetta e una tripla di Grillini (MVP del match) a rimettere le cose a posto. Lo stesso Grillini, che ne mette 5 filati ad inizio terso periodo e due tecnici fischiati a Morigi e alla panchina ravennate per contestati passi sulla virata non bastano a chiudere la gara, perché Fabbri e Morigi (MVP degli ospiti) riportano avanti i bizantini (39-40 a quattro e mezzo dalla terza sirena). Coach Palumbi si arrabbia e cambia in una sola volta i 4/5 del quintetto, ma il risultato non cambia, anzi Ravenna arriva anche a 4 punti di vantaggio (52-56 con Morigi, quando siamo già a sei dalla fine). Ci pensano Pasini e Grillini a chiudere il buco, così si entra nell’ultimo minuto sul 65 pari. Due errori per parte e poi possesso Imola per l’ultima azione, nonostante coach Casciello si sgoli per chiedere ai suoi di difendere senza falli, Thiam commette la sua quinta penalità su Grillini a tre secondi e un decimo dalla sirena. Il 2/2 della guardia imolese chiudono la contesa, perché dopo il time out Ravenna riesce solo a trovare un tiro sbilenco di Morigi sulla sirena, che finisce nelle braccia della VB.

PARTY & SPORT – CNO SANTARCANGELO BASKET 50 – 88

(23-17; 31-44; 42-62)

P&S Ozzano: Fierro 16, Zerbini 4, Rizzoni 5, Sandrolini 8, Lazzari 8, Passatempi 5, Guidetti 4, Ghiacci, Avallone. All. Benini.

Santarcangelo: Ramilli 13, Cunico 18, Saponi 10, Dini 13, Fusco 3, Canini 10, Giuliani 3, Raffaelli 7, Tognacci 5, Pasini 4, Mondin 2. All. Carrabotta.

IMMOBILIARE 2000 – BELLARIA BASKET 70 – 80

(22-17; 34-43; 49-61)

Giardini Margherita: Alaimo 15, Missoni 3, Marcelli, Florio 5, Pancaldi 16, Ostapyuk 2, Brina 7, Cataldo 13, Bonesi 6, Vittori Antisari 3. All. Righi.

Bellaria: Sacchetti 23, Stabile, Raffaelli, Provesi 15, Fornaciari 5, Baldassarre, Montanari 2, Bindi 2, Scarone 12, Russu 21. All. Ferro.

PALLACANESTRO BUDRIO 289 – AUDAX BASKET 75 – 58

(29-15; 43-26; 58-39)

Budrio: Capobianco 2, Cesario 15, Maccaferri, Tuccillo 4, Manini 11, Campagna 5, Lazzari 4, Pivanti 4, Zitelli 9, Bonaga 2, Zambon 19, Quarantotto. All. Bovi.

Audax Ferrara: Oseliero 7, Fabbri 9, Marabini 9, Virgili 8, Pigozzi 5, Felletti Spadazzi 4, Del Torto 6, Gnani 6, Bedetti, Zanchetta 4. All. Folchi.

ARTUSIANA BK – P.G.S. WELCOME 92 – 69

(28-13; 47-39; 67-53)

Forlimpopoli: Vitali 3, Rossi 12, Ballistreri 7, Conocchiari 15, Calboli 2, Piazza 18, Morabito, Serrani 18, Arfelli 10, Biondi 2, Servadei 5, Monday. All. Agnoletti.

Pgs Welcome: Lamborghini L. 10, Casolaro, Lamborghini S., Betti 5, Bernardini 5, Bertacchini 26, Sabbioni 8, Brunello 14, Calzolari 1. All. Bulgarelli.

CESTISTICA ARGENTA – AICS JUNIOR BASKET 73 – 65

(15-20; 28-27; 54-42)

Argenta: Alberti A., Alberti D. 17, Zanetti 1, Pasquali 4, Quaiotto 6, Cilfone 13, Scardovi, Migliori 11, Zanellati, Mortara 2, Malagolini 13, Di Tizio 6. All. Panizza.

Aics Forlì: Bergantini F. 3, Bergantini C., Valgimigli 9, Perugini, Ravaioli 18, Totaro 13, Crocini 5, Nervegna 10, Bergantini R., Mariani 2, Bacchini 5. All. Chiadini.

Nell’ultima giornata della stagione regolare, Argenta piega a domicilio l’Aics Forlì e, grazie alla miglior differenza canestri nel doppio confronto, agguanta il quarto posto in classifica generale. Partenza in salita per i biancoblu, spreconi in attacco e incapaci d’arginare la manovra forlivese con Totaro e Ravaioli  in gran spolvero; a metà parziale padroni di casa a -9 (4-13) e Pasquali come unico argentano a “sporcare” il referto. Primi  segnali di risveglio per la Cestistica sul finire del quarto; Di Tizio, Mortara e Migliori, con un gioco da tre punti, ricuciono sino al -4 (11-15) al minuto ottavo, prima che i piazzati di Nervegna e Valgimigli sul fronte ospite  e Malagolini, fissino sul tabellone il +5 Aics (15-20) con cui le squadre vanno al primo riposo. Nel secondo parziale la Cestistica ribalta l’inerzia dell’incontro grazie ad una magistrale prova difensiva: Ravaioli “ingabbiato”, Totaro privato di rifornimenti e ospiti a “secco” per ben sette minuti. Sul fronte opposto Migliori imperversa sotto le plance, mentre Cilfone “lucra” falli e punisce dalla lunetta; il risultato è un parziale di 10-0 che porta i padroni di casa sul +5 (25-20) a 3’12” dall’intervallo lungo. Ravaioli, il migliore dei suoi, ritrova la via del canestro e tiene gli ospiti a contatto sino al -1 (28-27) dell’intervallo lungo. Alla ripresa del gioco è ancora la difesa dei ragazzi di coach Panizza a fare la differenza; Totaro viene estraniato dal gioco, capitan Zanetti e Quaiotto si piazzano su Ravaioli e Alberti Alessandro “ringhia” su Nervegna. I tiri affrettati e le frequenti palle perse dei romagnoli vengono puntualmente convertiti in canestri dalla veloce transizione argentana; Malagolini apre il fuoco da oltre l’arco con tre canestri quasi in sequenza, punendo la zona ospite, e Migliori, nel pitturato, firma poi il +13 Argenta (49-36) a due minuti dalla terza sirena. Nervegna, con un paio di penetrazioni, suona la sveglia per gli ospiti, ma Di Tizio e Alberti Davide sono puntuali nel replicare e, alla terza sirena, Cestistica ancora a a +12 (54-42). L’ultimo parziale inizia con un piazzato di Nervegna, a cui Argenta risponde con una tripla di Migliori allo scadere dei 24″ ed un contropiede di Alberti Davide per il +15 (59-44) che sembra archiviare la pratica. Forlì, però, reagisce e ricuce sino al -9 (60-51) grazie ai canestri di Bacchini da oltre l’arco e al solito Ravaioli. Sull’altro fronte è Alberti Davide a salire in cattedra e, con cinque punti consecutive, riporta la Cestistica sul +15 (66-51) a 4’49” dall’ultima sirena. Due minuti di black out, caratterizzati da tiri affrettati e banali palle perse, permettono a Forlì di riavvicinarsi ulteriormente limando il divario a sole quattro lunghezze (66-62) a 1’25” dal termine. Cilfone decide di prendere in mano la situazione e, sul fallo sistematico ospite, chiude i conti dalla lunetta scacciando i fantasmi.

CLASSIFICA

CNO SANTARCANGELO 58 30 29 1 2509 1814 +695
GRIFO  IMOLA 48 30 24 6 2120 1877 +243
ARTUSIANA FORLIMPOPOLI 44 30 22 8 2115 1927 +188
ARGENTA 38 30 19 11 2250 2028 +222
AICS FORLI’ 38 30 19 11 2037 1859 +178
BELLARIA 36 30 18 12 2175 2141 +34
IMMOBILIARE 2000 BOLOGNA 34 30 17 13 1989 1898 +91
SAN MAMOLO BOLOGNA 30 30 15 15 1927 1842 +85
S.B. FERRARA 30 30 15 15 1972 1952 +20
PALL. BUDRIO 289 28 30 14 16 1977 2099 -122
INTERNATIONAL IMOLA 22 30 11 19 1848 2009 -161
PGS WELCOME BOLOGNA 22 30 11 19 1944 2133 -189
PARTY&SPORT OZZANO 18 30 9 21 1946 2108 -162
BASKET VILLAGE GRANAROLO 14 30 7 23 1700 2006 -306
AUDAX FERRARA 12 30 6 24 1754 2031 -277
SPEM MATTEI RAVENNA 8 30 4 26 1634 2173 -539

A2, la B.ethic chiude la serie, la Matteiplast sorride alla “bella”. Serie B, Cavezzo e Libertas Bologna passano il turno

A2/B

Play Off Ottavi Gara 2

INFA CIVITANOVA MARCHE – RITTMEYER BRUGG MARGHERA 60 – 55 (1-1)

DELSER-CRICH UDINE – B.ETHIC FERRARA 41 – 59 (0-2)

(8-21; 15-46; 29-50)

Udine: Bianco, Ciotola, Beltrame, Mancabelli 3, Sturma 2, Mio, Vicenzotti 16, Portoni 1, Da Pozzo, Rainis 9, Romano ne, Ofomata 10. All. Medeot.

Bonfiglioli Ferrara: Cigic 12, Cecconi, Cupido 8, Diene 2, Miccio 12, Santarelli 2, Missanelli 2, Viviani, Ramò 17, Furlani 4. All. Chimenti.

FANOLA-ONETECH – MATTEIPLAST BOLOGNA 52 – 48 (1-1)

(16-11; 29-24; 34-36)

San Martino di Lupari: Morpurgo, Fietta 9, Amabiglia 5, Scappin 5, Boaretto, Martini 2, Crocetta, Fassina 11, Pettenon, Keys 18, Milani 2, Vettore ne. All. Tomei.

Progresso: D’Alie 14, Cordisco, Tassinari 4, Dall’Aglio 3, Storer, Tava 4, Mini 1, Meroni, Cadoni 10, Poletti ne, Nannucci 12. All. Roveri.

ECODENT VILLAFRANCA – VELCOFIN VICENZA 47 – 58 (0-2)

Play Off Ottavi Gara 3

RITTMEYER BRUGG MARGHERA – INFA CIVITANOVA MARCHE 69 – 49 (2-1)

MATTEIPLAST BOLOGNA – FANOLA-ONETECH S. MARTINO 52 – 43 (2-1)

(14-10; 28-13; 40-27)

Progresso: D’Alie 8, Cordisco, Occhipinti ne, Tassinari 9, Dall’Aglio 3, Tava 13, Mini 11, Meroni, Cadoni 8, Poletti ne, Nannucci. All. Roveri.

San Martino di Lupari: Morpurgo, Fietta 8, Amabiglia 3, Scappin, Martini, Crocetta 3, Fassina 10, Pettenon 4, Keys 13, Milani 2. All. Tomei.

SERIE B

Play Off Gara 2

PALL. BOLZANO-BASKETBALL BOZEN – ACETUM 42 – 45

(11-15; 22-22; 30-34)

Bolzano: Pezzi, Testini, Bassani, Luppi 3, Gottardi 14, Moretti, Hafner D. 7, Piotrkiewicz 14, Hafner M., Mandrillo, Consorti 4. All. Pezzi.

Cavezzo: Righini ne, Bocchi, Zanoli 7, Balboni ne, Marchetti 6, Melloni, Finetti 3, Bernardoni 4, Costi 8, Calzolari 17, Bellodi. All. Bregoli

BASKET CLUB PERUGIA – LIBERTAS BASKET BOLOGNA 50 – 72

Play Out Gara 2

A.I.C.S. BASKET FORLI’ – BASKET TRICOLORE 57 – 66 (1-1)

B.S.L. – TIGERS BASKET ACADEMY 56 – 44 (2-0)

(9-12; 30-28; 44-39)

San Lazzaro: Raffaelli 2, Gorla 1, Talarico 23, Ghigi 2, Zarfaoui 7, Melchioni 17, Landuzzi, Panighi 2, Malandra, Magliaro 2. All. Dalè.

Tigers Parma: Voltolini, Piedimonte 3, L’altrella, Bianchi 2, Pederzolli, Corradini 10, Aiello 6, Malini, Borsa 8, Accini 13, Vettori 2. All. Frazzi.

Play Out Gara 3

BASKET TRICOLORE – A.I.C.S. BASKET FORLI’ 45 – 62 (1-2)

(8-18; 21-30; 35-42)

Tricolore Reggio: Fedolfi 7, Davoli 2, Chicetti 9, Bini 2, Brevini 17, Pieracci 3, Costi G. 2, Cappelli, Costi M. ne, Bernini 3, Boiardi ne. All. Orlandini.

AICS Forlì: Montanari ne, Rossi 27, Giunchi 3, Bargellini 3, Sampieri 3, Bozzi, Cedrini 8, Donati, Silighini 2, Gnini 4, Kulcsar 12. All. Chiadini.

Under 18, i Crabs superano la Virtus Isola e continuano a sognare gli spareggi

UNDER 18 8° Giornata

GIRONE A

RIMADESIO AURORA DESIO 94 – COLLEGE BASKETBALL 90 – 67

BASKET CRABS – VIRTUS ISOLA BERGAMO 77 – 72

(17-16; 34-35; 59-48)

Rimini: Del Fabbri ne, Rinaldi ne, Galassi 6, Gregori ne, Demaio 10, Moffa 27, Udom 6, Clementi, Favalli 4, Casadei 10, Janev 4, Trunic 10. All. Ferro.

Delicatissima sfida alla palestra Carim tra Crabs Rimini e Comark Bergamo, appaiate a quota 6 ed in corsa con Desio e Reggiana per i due gradini più bassi del podio che danno diritto agli spareggi per la Finale Nazionale. Palestra gremita con folta e rumorosa rappresentanza ospite.

Gara equilibratissima sin dalla palla a due: Bergamo crea grossi grattacapi a rimbalzo, i Crabs rispondono però con un ottimo Moffa (9-9 al 5′). Nella seconda metà del quarto le difese calano d’attenzione, molti 1-contro-1 arrivano indisturbati al ferro da ambo le parti, i canestri di Moffa e Udom (6 punti, 9 rimbalzi) valgono il 15-12 prima che si chiuda sul 17-16. Bonfanti fa male dalla linea dei 6.75 ma anche Rimini è pericolosa e con una tripla di Casadei ed una penetrazione di Janev resta avanti (25-21). Bonfanti infila una tripla siderale da oltre 8 metri che carica i suoi (29-27). Ospiti a zona e Galassi la punisce da 3 punti. Ma a rimbalzo i granchietti soffrono tanto e a 33″ dalla sirena con un canestro e fallo del solito Bonfanti (libero però non convertito) arriva il sorpasso virtussino: 34-35 e si va al riposo. Nel terzo periodo anche Rimini si mette a zona: Moffa e Casadei colpiscono da 3, in mezzo i canestri di Udom e di un ottimo Demaio. Ma Bergamo ha il predominio dei rimbalzi offensivi e resta attaccata (46-44), anche se in questo frangente è Rimini a fare la partita. Il tiro da fuori di Bergamo s’inceppa ed i Crabs cominciano ad accumulare vantaggio: ancora Demaio e Casadei (10 punti, 4/7 dal campo), poi Trunic da 3 punti (55-48 a -1:45). Bergamo sembra in bambola, Favali (4 punti, 9 rimbalzi) in percussione firma il +9 (57-48), poi ancora Demaio ruba palla a metà campo e va a depositare il canestro che chiude un parziale di 13-2 per il +11 con cui si chiude il terzo quarto (59-48). La gara però è tutt’altro che chiusa. Bergamo comincia subito l’ultima frazione con un parziale di 7-0. I Crabs non trovano più la via del canestro ed in difesa concedono troppi secondi tiri ai lombardi, che con due triple consecutive di Bonfanti chiudono un clamoroso parziale di 15-0 che vale il sorpasso ospite (59-61). E’ una doppietta ai liberi di Trunic a svegliare i granchietti. La gara diventa un’autentica bolgia: Moffa ruba e va a segnare, poi è Trunic (10 punti, 2/5 da 3) da 3 a regalare il nuovo vantaggio ai ragazzi di Ferro (66-65 con 3′ da giocare). Bergamo sbaglia e Moffa infila due triple consecutive che mandano i Crabs in orbita (72-65 con 1:40 da giocare). Ma ancora una volta la gara non è finita: due distrazioni di Rimini permettono a Bergamo un rapido 4-0 (72-69 con 70″ da giocare). Rimini sbaglia ancora in attacco, Bergamo fa 0/2 ai liberi ma conquista due rimbalzi offensivi consecutivi. Sul fallo di Rimini, la Virtus fa 1/2 dalla lunetta ma conquista ancora il rimbalzo offensivo trovando il canestro del pareggio: con 32″ da giocare, tutto da rifare. I Crabs vanno in attacco, circolazione di palla e Galassi, reduce da una serata non eccezionale al tiro, infila la tripla praticamente decisiva. Ci sono ancora 18″ da giocare: i Crabs non fanno fallo, ma anzi Moffa (27 punti, 7 rimbalzi, 7 recuperi, 5/12 da 3) ruba palla e si invola a schiacciare il definitivo 77-72 che ribalta anche il -4 dell’andata.

PALL. MONCALIERI S MAURO – PALL. REGGIANA 08/05/2017 – 20:30

PALAZZETTO DELLO SPORT EINAUDI – Via Einaudi 44 MONCALIERI (TO)

CLASSIFICA

Moncalieri* 14; Aurora Desio 10; Crabs Rimini 8; Reggiana**, Virtus Isola Bergamo 6; College Borgamanero* 0.

GIRONE D

AQUILA BASKET TRENTO 2013 – BASKETRIESTE 78 – 68

(21-22; 51-33; 66-52)

Trento: Bertolini, Kitsing 2, Rangoni, Savoia, Naidon 7, Zobele, Czumbel M. 6, Della Pietra 8, Czumbel E. 26, Conti 16, Accordi 11, Pisoni 2. All. Marchini.

Trieste: Babich, Ballandini ne, Cossaro 2, Deangeli 24, Demarchi 11, Fracassa, Giustolisi 9, Leonardi, Milic 5, Murabito 15, Gasparini 2. All. Nocera.

3 S BASKET – PALLACANESTRO VADO 53 – 67

(10-15; 18-30; 37-51)

Cordenons: Silvestrin, Bagatella 3, Damjanovic 5, Zanusso 8, Pivetta 15, Diana 3, Rinieri 2, Stefani 12, Rado 3, Piccinin, Camaj, Turchet 2. All. Montena.

Vado Ligure: Jancic 8, Comelli 8, Cito ne, Pintus 9, Pesce 3, Stroppa ne, Fazio 4, Brignolo 4, Valsetti 6, Tsetserukov 21, Mijatovic 4. All. Prati.

UNIPOL BANCA VIRTUS – VIS 2008 102 – 29

CLASSIFICA

Virtus Bologna, Aquila Trento 14; Vis 2008 Ferrara, Basketrieste 8; Vado Ligure 4; 3S Cordenons 0.

GIRONE E

CAB STAMURA BK ANCONA – OFFICINE FATTORI PISTOIA BK 73 – 93

B.S.L. – VICTORIA LIBERTAS 69 – 75

(20-24; 34-41; 54-56)

San Lazzaro: Mengoli ne, Barattini 16, Venturoli 13, Salvardi 16, Serra, Bini 2, Puntolini 13, Mazzini 5, Muzzi 4, Righi ne. All. Bettazzi.

VL Pesaro: Sorbini 3, Giunta 5, Parlami 4, Bonci 6, Vicario, Gennari 18, Bonazzoli 2, Galdelli 14, Stauretighi 9, Cerri 11, Centis 3, Tombari. All. Calbini.

PERUGIA BASKET – MENS SANA BASKET 1871 SIENA 72 – 92

(17-32; 41-46; 56-76)

Perugia: Tondini, Tintori, Madani 5, De Paola 2, Gamboni 2, Ciofetta 2, Faina 23, Baldinotti 14, Nana 14, Donati 10. All. Piselli.

Siena: Belli, Panichi, Cepic 27, Campori 17, Erkmaa 6, Acunzo 17, Rettori 6, Collet, Pannini 8, Bartoli 11, Bellachioma, Ricciardelli. All. Catalani.

CLASSIFICA

Mens Sana Siena 16; VL Pesaro 12; Pistoia 10; Perugia 6; Stamura Ancona 4; BSL San Lazzaro 0.

Promozione, salvezza raggiunta anche per lo Junior. Baskers, Pgs Bellaria e Masi in semifinale!

GIRONI A/B

Play Off

Quarti Gara 2

GO IWONS BASKET – POL. D. VIRTUS PONTEDELLOLIO 62 – 55 (2-0)

(19-13; 34-28; 48-36)

Albinea: Paroli, Landini 11, Marcacci 6, Canalini 9, Masoni 6, Scianti 3, Talami 7, Pellegrini 2, Bonaccini 13, Rosi, Ferretti 8, Marani. All. Brevini.

Pontedellolio: Tirelli 9, Gregori 2, Guarnieri, Leggi 6, Bacigalupi 4, Totaro ne., Petkovski 3, Ponzi 18, Petrov 8, Lucev 5. All. Mambretti

PALLACANESTRO SCANDIANO 2012 – BASKET CAMPAGNOLA 78 – 75 (1-1)

(19-14; 47-34; 67-56)

Scandiano: Maioli S. 22, Maioli M. 14, Roncaglia 13, Fontanesi 2, Bigi 2, Guidetti 4, Astolfi, Ovi, Perricone 7, Ligabue 8, Taddei 6, Farioli n.e. All. Baroni. Ass. Raele

Campagnola: Soccetti 11, Parmiggiani 11, Pirondini 8, Manicardi 4, Fregni 8, Piuca R. 8, Gelosini 3, Piuca F. 4, Sueri, Sacchi 8, Rustichelli 8, Carpi ne. All. Nanetti.

NUBILARIA BASKET – PALL. CORREGGIO 41 – 65 (0-2)

(18-12; 23-32; 35-48)

Novellara: Baracchi A. 5, Gasparini 6, Lucchini 3, Folloni 7, Bertani 7, Baracchi M. 7, Rossi, Bigliardi, Mantovani 3, Benassi 1, Dilas 2, Mariani Cerati. All. Soliani.

Correggio: Magnani, Messori G. 7, Giaroni 10, Messori S., Solera 10, Valli 1, Riccò A. ne, Guardasoni L. 8, Riccò F. 5, Rustichelli 6, Guardasoni M. 16, Santini 2. All. Boni.

PALL. REGGIOLO – POLISPORTIVA BIBBIANESE 44 – 55 (1-1)

(11-13; 23-31; 32-45)

Reggiolo: Caramaschi D. 3, Magnanini 7, Torreggiani 1, Colacicco 10, Vezzani 7, Cremaschi 10, Sereni 2, Bagni,  Mambrini 4, Berni ne, Neviani. All. Bortesi.

Bibbianese: Zaccaria, Borelli 9, Reni 7, Ghirardini 3, Colla 5, Ricco 9, Giardina 3, Bartoli 6, Zecchetti, Salati ne, Fontana, Lusetti 13. All. Reverberi.

Gara 3

BASKET CAMPAGNOLA E. – PALLACANESTRO SCANDIANO 72 – 63 (2-1)

(15-16; 34-27; 57-41)

Campagnola: Manicardi 7, Fregni 7, Pirondini 8, R. Piuca 10, Gelosini 8, Soccetti 2, F. Piuca 6, Sueri ne, Sacchi 4, M. Rustichelli 20, Carpi ne. All. Nanetti.

Scandiano: Perricone, Fontanesi 5, Ovi 4, Guidetti 8, Astolfi, Roncaglia 6, Taddei 8, Bigi, Maioli S. 18, Ligabue 11, Maioli M. 3, Farioli. All. Baroni.

POLISPORTIVA BIBBIANESE – PALL. REGGIOLO 65 – 33 (2-1)

GIRONI C/D

Play Off

Quarti Gara 2

OMEGA BASKET – STEFY BASKET 43 – 57 (0-2)

(9-12; 19-37; 32-46)

Omega: Bacocco 3, Credi, Belleri, Venturoli 1, Coccaro, Pappalardo 15, Roggi, Lombardo 6, Marinovic ne, Tassi ne, Castagna 4, D’Andola 14. All. Malaguti.

Stefy: Evangelisti 4, Benetti 3, Carosi 4, Vittuari ne, Ziron 7, Lamborghini, Melchiorre, Brighetti, Marzioni 16, Agnoletti 11, Francia 2, Bianchini 10. All. Scandellari.

POL. GIOVANNI MASI – SCHIOCCHI BALLERS 65 – 61 (1-1)

(21-10; 37-33; 55-47)

Masi Casalecchio: Baldazzi 5, Masetti 5, Franchini 11, Freddi, Manferdini 2, Rosati 12, Cavana 6, Truppi 4, Magliaro ne, Castaldini 7, Baccilieri 3, Argenti 10. All. Gemelli.

SchiocchiBallers Modena: Santonastaso 14, Binotti 3, Berardi ne, Minarini 12, Bertolini, Sassi 5, Petrella 12, Perini 2, Forghieri 3, Alessandrini 10. All. Bertani.

La Masi supera gli Schiocchi e rinvia ogni verdetto alla “bella”. Dopo le prime schermaglie (3-3 al 3’), i casalecchiesi piazzavano un importante parziale di 10-2, chiudendo, poi il primo periodo sul 21-10. Nel secondo quarto i modenesi prendevano le contromisure e prima impattavano con la tripla di Forghieri e, poi, mettevano la freccia con un altra “bomba” (Alessandrini). Era Rosati a respingere gli ospiti con cinque punti consecutivi (32-31 al 18’). Nella ripresa la Masi s riportava a +10, ma gli Schiocchi rientravano a -1 sul 47-46. Negli ultimi cento secondi, però, missili di Argenti e Rosati e tempo che si chiudeva sul 55-47.  Modena, però, non mollava mai e rientrava a -4, sul 62-58, a -1’40”. Era determinante il canestro di Masetti, che permetteva ai casalecchiesi di vivere il finale senza particolari assilli.

DIABLOS BASKET S.AGATA – U.P. CALDERARA 52 – 78 (0-2)

(24-17; 30-43; 42-65)

Sant’Agata Bolognese: Franchini 6, Belosi 13, Gobbi 12, Serra ne, Violi 5, Terzi, Angelini, Marzo 8, Patelli, Pellacani, Stanzani, Accorsi ne, Pederzini 6. All. Serra.

Calderara: Rallo 10, Marchi 2, Zocca, Poli, Molinari 9, Selvi 10, Rubino 3, Turchetti 15, Serio 14, Lambertini 4, Rusticelli 11, Projetto. All. Venturi.

In gara2 dei quarti, il Calderara espugna con autorità il fortino dei Diablos (imbattuti in casa finora) ed è in semifinale.  Con una gara praticamente perfetta, il Calderara prima resiste alla sfuriata iniziale dei padroni di casa, poi stringe in difesa e con un fantastico secondo quarto (26-6 il parziale con i Diablos che segnano solo dalla lunetta) ribalta l’inerzia della partita e scappa via senza più essere raggiunto.

Primi minuti equilibrati con minimo vantaggio per i Diablos trascinati da Marzo e Pederzini, ma il Calderara non cede e con quattro bombe consecutive (Serio, Selvi e due Turchetti) impatta a quota 16. I Diablos reagiscono e con due bombe (una allo scadere) di Gobbi allungano, per chiudere avanti il primo quarto 24-17. I coach iniziano a ruotare i quintetti attingendo dalla panchina, e la risposta del Calderara nel secondo quarto è immediata. Difesa ferrea e i Diablos non trovano più il canestro su azione, ma al 12’ si infortuna seriamente su un fallo subito, il play Zocca che non rientrerà più. Questo non ferma il Calderara che piazza un secco parziale di 13-0 per il primo importante vantaggio di 30-24 al 15’ propiziato da Rusticelli e Rallo. I Diablos non reagiscono e con Molinari e Lambertini gli ospiti allungano ancora per chiudere avanti all’intervallo sul 43-30. Al rientro dagli spogliatoi ci si attende la reazione dei Diablos, peraltro molto nervosi, ma il Calderara oramai è padrone del campo e non sbaglia un colpo. Serio, Turchetti e Selvi segnano a ripetizione ed il vantaggio si dilata, nonostante il passaggio a zona della squadra di coach Serra. Il punteggio a fine terzo quarto dice 65-42 per gli ospiti. Ultima frazione con il Calderara che passa a zona e i Diablos insistono senza fortuna con il tiro da tre con il solo Gobbi preciso. Rusticelli domina sotto i tabelloni e si procura col bonus molti liberi che con precisione trasforma. Rientra Serio che segna subito la bomba del massimo vantaggio di +27 (76-49 al 38’) prima di uscire per una meritata standing ovation. Ultimo canestro del 99’ Marchi e la partita termina con il meritato successo del Calderara per 78-52, che chiude quindi 2-0 la serie e vola in semifinale dove affronterà la vincente della bella Medolla-Argelato.

Per il Calderara da elogiare tutta la squadra con cinque uomini in doppia cifra: Turchetti 15 punti, Serio 14 punti, Rusticelli 11 punti, Rallo e Selvi 10 punti e Molinari 9 punti. Per i Diablos che terminano qui il loro più che positivo campionato, gli ultimi ad arrendersi sono stati Belosi con 13 punti, Gobbi 12 punti e Marzo 8 punti.

ARGELATO BASKET – PALL. TEAM MEDOLLA 63 – 41 (1-1)

(16-10; 34-16; 45-26)

Argelato: Bonazzi, Leonelli 3, Benassi 11, Fabulli, Bolelli 7, Gadani 6, Accorsi ne, Cristofori 6, Riccioni 9, Nannetti 4, Tagliavini 13, Giacometti 4. All. Bretta.

Medolla: Galeotti 7, Maini 6, Marchetti ne, Chiari 3, Mantovani 3, Ceretti 4, Besutti 8, Cresta 1, Barbieri 1, Guarnieri, Spinelli 8, Berra. All. Carretti.

Gara 3

PALL. TEAM MEDOLLA – ARGELATO BASKET 38 – 37 (2-1)

(7-3; 24-17; 28-26)

Medolla: Galeotti 7, Maini, Mantovani 6, Ceretti 1, Besutti 4, Cresta ne, Barbieri 11, Guarnieri, Spinelli 6, Marchetti ne, Berra 3. All. Carretti.

Argelato: Leonelli 5, Benassi 5, Fabulli 2, Bolelli 5, Cristofori 1, Gadani 7, Accorsi ne, Nannetti M. 2, Tagliavini 8, Giacometti 1, Riccioni 1, Nannetti A. All. Bretta.

SCHIOCCHI BALLERS MODENA – POL. GIOVANNI MASI 46 – 62 (1-2)

(20-18; 24-38; 36-44)

Schiocchi Ballers Modena: Santonastaso 12, Binotti 1, Berardi ne, Minarini 10, Bertolini, Sassi 8, Petrella 9, Perini, Forghieri, Alessandrini 6. All. Bertani.

Masi Casalecchio: Baldazzi 2, Masetti 13, Franchini 6, Freddi 2, Manferdini 7, Rosati, Cavana 6, Truppi 6, Magliaro 2, Castaldini 8, Baccilieri 3, Argenti 7. All. Gemelli.

Play Out

Finale Gara 2

SBM BASKETBALL – P.G.S. SMILE 53 – 38 (2-0)

(9-10; 30-12; 43-30)

Scuola Basket Modenese: Calzati 8, Sorge 2, Palazzi, Corradi 5, Bardelli 13, Miranda 4, Lanza 9, Manfredini 2, Benati 5, Ferretti, Liguori ne, Marra 5. All. Manna.

Formigine: Barbieri 5, Gibertoni, Panico, Seidita ne, Bernabei 6, Brugioni, Tejeda Castro 2, Lerario, Gasparini 14, Turco ne, Lucchi 11. All. Barbieri.

CENTRO LATTONIERI – MAGRETA 58 – 56 (2-0)

(8-11; 26-19; 43-39)

Carpine: Meschiari 4, Veroni 4, Arletti 10, Marchi 5, Zaccarelli 2, Ferrari 3, Zanoli 3, Piuca M. 12, Silingardi 7, Iacono 8, Sala ne, Ricchetti ne. All. Lugli.

Magreta: Leoni 2, Frigeri 5, Zavatta 18, Melegari 8, Guidetti 2, Ballestrazzi, Bernabei 1, Bertoni 5, Balzino 5, Marcheselli 6, Galloni 4. All. Garofalo.

La Centro Lattonieri è ancora in Promozione. Si conquista la salvezza tra le mura amiche in un match al cardiopalma.

Parte forte Magreta con un parziale di 7-0 fulmineo. Timeout immediato della Carpine che si risveglia dal torpore iniziale e riesce a limitare i danni e a chiudere il quarto a solo 3 lunghezze di svantaggio. Si chiudono le “saracinesche” carpigiane con la zona 3-2 e Magreta perde la continuità iniziale, mentre le mani della Carpine si scaldano e creano il parziale con una buona prova corale portandosi sul +7. Nella terza frazione Magreta riesce a rosicare qualche punto e si riavvicina portando il match in equilibrio. Ultima frazione da cardiopalma con Magreta che con Zavatta trova il buco nella difesa carpigiana e riesce ad impattare il match. Si va di punto in punto con il match sempre in equilibrio fino a 31” dalla fine con palla Carpine. Rimessa e gioco fino quasi allo scadere dei 24”, ma il tiro di Zaccarelli non va a segno. Magreta prende il rimbalzo e, a 8′ dal termine, si butta in attacco alla ricerca del canestro della vittoria, ma una buona difesa porta i modenesi all’errore pestando la riga del fuori a due secondi e otto decimi dal termine. Timeout per coach Lugli. Rimessa per Arletti che riceve in post basso, fa un palleggio verso centro area e poi, in fade-away, segna il canestro sulla sirena che vale la salvezza. Esplode il PalaIti che festeggia con l’invasione di campo e chiude una stagione difficile con una grande soddisfazione.

GIRONI E/F

Play Off

Quarti Gara 2

BASKERS – BASKET CLUB RUSSI 63 – 48 (1-1)

(22-7; 33-24; 45-34)

Forlimpopoli: Pinna 4, Bourkadi, Gardelli, Ronci, Mazzoni, Cortini 30, Primavera 10, Picone 5, Neri, Mingozzi, Valentini 5, Biscaro 9. All. Rustignoli.

Russi: Bellanti 2, Santandrea 8, Samorì 4, Beghi 6, Montanari, Porcellini 15, Canali, Venturini 7, Bagioni 1, Laghi 4, Conti 1. All. Tesei.

Avanti per tutta la gara, questa volta i Baskérs non sbandano nel finale: in gara2, in una cornice decisamente bollente (oltre 300 spettatori, con folto seguito ospite), i forlimpopolesi battono con un netto 63-48 il Basket Club Russi, portando la serie alla bella.

L’avvio di partita è ancora una volta tutto di marca Baskérs: i padroni di casa, trascinati da un imprendibile Cortini, segnano con costanza, ma è nella metacampo difensiva che lasciano appena le briciole ad una Russi che non trova nulla dal quintetto e si prova a rimettere in moto coi canestri di Beghi e Samorì. Dopo un avvio scoppiettante, ecco il momento di empasse degli scarsi che, complici i tanti liberi concessi e un paio di folate di Santandrea, si fanno nuovamente riavvicinare a due possessi a poco più di un minuto dall’intervallo. Sono ancora un paio di canestri di Cortini a dare fiato ai suoi, che vanno così all’intervallo su un positivo +9. Al rientro dagli spogliatoi, la partita si blocca: la difesa allungata forlimpopolese produce diverse perse, ma gli attaccanti di coach Rustignoli non trovano la via del canestro. Lì, un paio di guizzi di Biscaro muovono le acque, mentre dall’altra parte Porcellini trova un paio di canestri nel miglior momento della sua partita. Nell’ultimo quarto, i Baskérs tornano a faticare in attacco, dando la possibilità a Russi di riavvicinarsi. La partita, però, non si riapre mai: Valentini segna due canestri, poi Cortini dispensa punti e assist chiudendo definitivamente la questione.

AROUND SPORT – MEDICINA BASKET 2007 38 – 46 (0-2)

(11-15; 18-26; 26-37)

Around Cesena: Gollinucci 8, Zampa, Vandelli 2, Foschi 2, Maestri 3, Ricci 4, Lucchi 3, Faggi 7, Orioli 9  All. Baraghini.

Medicina 2007: Ugulini 2, Bacci, Ricci 10, Pazzaglia 3, Magli 2, Buscaroli, Rimondini 11, Idà 9, Trippa, Martelli 4, Dall’Olio, Soldi 5. All. Brocchi

BASKET PROJECT – COPAR SERVIZI SELENE 67 – 70 (1-1)

(10-15; 32-34; 50-50)

Faenza Project: Troni 15, Santo 10, Casali, Dal Monte 2, Catani 9, Caroli ne, Pantani, Polloni ne, Morsiani 14, Ghetti ne, Bombardini 6, Villa 11. All. Saragoni.

Sant’Agata sul Santerno: Montanari 5, Valli ne, Esposito 5, Gaddoni, Pirazzini 16, Vignudelli 6, Cirillo 5, Mastrilli 5, Brignani, Baldrati 11, Vistoli 8, Camorani 9. All. Lanzi.

Continua per Faenza il digiuno casalingo e, come successo con Rimini, anche in gara 2 dei quarti di finale i ragazzi di Saragoni non chiudono il conto con Sant’Agata e rimandano a domenica sera il verdetto stagionale per le due squadre. Le cause, se volessimo sintetizzare, potrebbero essere la partenza contratta, che ha dato 5 punti di vantaggio agli ospiti nei primi dieci minuti; Faenza fa solo 10 punti e faticando, sia perché S. Agata è partita fortissimo con raddoppi e pressing asfissiante, sia perché la differenza fisica non è stata compensata in nessun modo. Altra nota dolente per i bianconeri, il 50% ai liberi: in una gara dove ne tiri quasi 30, è fatto veloce il calcolo.

Ma veniamo all’incontro: come dicevamo, inizio lento delle due squadre, con tensione palpabile su entrambi i fronti. I quintetti sono ben organizzati e tutti i giocatori vanno a segno, ma il gioco di Faenza è limitato da una difesa avversaria davvero forte. Qualcuno pensa già che non può durare per 40 minuti con quell’intensità, ma dovrà ricredersi perché questa sarà la principale arma di S. Agata per tutta la partita. Nel secondo quarto il gioco finalmente si innesca, la partita prende il via e per Faenza Catani alza la voce: 7 punti a fare compagnia a quelli di un grande Villa, e ai primi 4 per Bombardini, Santo e Morsiani. Per gli ospiti in evidenza Cirillo e Pirazzini, che per tutti i 40 minuti ha messo in difficoltà la difesa Faentina, e chiuderà a quota 16. Finisce 22 a 19 il quarto, ed un equilibrio che adesso è ben definito. Ripresa dove per Faenza il reparto lunghi trova un po’ di respiro, ma sono le gite in lunetta che rendono poco e proseguono gli 1/2 che a fine partita si riveleranno fatali. Camorani show per gli ospiti, che ne fa sei e porta i suoi a 50, ma la rimonta firmata Morsiani e Catani dice parità al trentesimo. Ultimi dieci minuti, tanti giocatori carichi di falli, stanchezza e ancora tanta strada davanti. S. Agata arriva a questo punto con più lucidità, più gambe, e aumenta il gas in difesa. Faenza fatica ma rimane li, sempre vicina: più uno, meno uno, si va avanti per diversi minuti in questo modo, ma continuare a mettere dentro un libro su due non aiuta il morale. I faentini costruiscono giocate importanti, ma anche gli ospiti non stanno a guardare, mettono tre tiri pesanti con in più la perfezione dalla linea del libero. A tutto questo Faenza è costretta ad arrendersi e il 20 a 17 per S. Agata dell’ultimo quarto mette la differenza fra le due squadre, dopo due incontri, a due soli punti.

I 300 spettatori hanno comunque visto una gara combattuta, dove i bianconeri sono risorti da una morte apparente e dove hanno mancato l’obbiettivo di un soffio. Il Selene ha vinto con merito e tutto si rimanda a gara 3. Molto bravi gli arbitri a sanzionare tutto il possibile, perché ci sarebbe stato altro ma avrebbe portato al delirio. Inoltre la tensione in campo era da gestire e non hanno mai perso tranquillità.

PGS BELLARIA – LIBERTAS SAN FELICE 66 – 73 (1-1)

(15-15; 30-35; 46-58)

Pgs Bellaria: Ascari 5, Buresti 9, Gianasi 16, Ottani 7, Scarenzi 3, Benfenati 5, Franzioni 1, Masi 7, Traietta, Fontana 13. All. Bertuzzi.

Libertas San Felice: Stagnoli 8, Margelli 4, Sechi 2, Sassoli, Forni 4, Ghiacci 5, Zanchi 13, Demetri 11, Di Marzio 11, Tosarelli 4, Cavazza, Bianchini 11, Pedrielli. All. Zanini.

Gara 3

LIBERTAS SAN FELICE – PGS BELLARIA 59 – 61 (1-2)

(25-10; 35-28; 41-39)

Libertas San Felice: Stagnoli 7, Margelli, Sechi 6, Sassoli 4, Forni 2, Zanchi 4, Demetri 16, Di Marzio 17, Tosarelli, Cavazza 3, Bianchini, Pedrielli. All. Zanini

Pgs Bellaria: Ascari 12, Buresti 10, Gianasi 5, Ottani 19, Scarenzi 2, Benfenati 3, Franzioni 1, Masi 6, Traietta, Poluzzi 1, Fontana 2. All. Bertuzzi.

COPAR SERVIZI SELENE BK – FAENZA BASKET PROJECT 72 – 54 (2-1)

(18-17; 36-28; 57-50)

Sant’Agata sul Santerno: Montanari 6, Valli, Esposito, Gaddoni 9, Pirazzini 5, Vignudelli 7, Cirillo 4, Mastrilli 7, Brignani 4, Baldrati 13, Vistoli 7, Camorani 10. All. Lanzi.

Faenza: Troni 11, Santo 7, Dal Monte 1, Catani 7, Caroli, Pantani 4, Morsiani 11, Ghetti, Bombardini 7, Villa 6, Fabbri. All. Saragoni.

Faenza Basket Project cede l’accesso alle semifinale al Selene dopo una gara combattuta che ha, però, evidenziato alcune piccole mancanze che, sommate alle differenze fisiche, hanno creato il gap vincente per i padroni di casa. Il risultato non è quello del campo, perché fino a pochi minuti dal termine la partita girava con 5-10 punti di vantaggio per S. Agata, che ha comunque sempre tenuto in mano l’incontro e non si è mai dovuta preoccupare. Nel finale poi Faenza molla, esausta, e il divario aumenta.

La partita inizia in scioltezza, e al contrario di gara due arrivano punti da entrambi gli attacchi. Due triple per parte nei primi dieci minuti, gara intensa e parziale di 18 a 17 che fa divertire il numeroso pubblico. Santo a lungo assente per un colpo ad un occhio, che lo tiene in spogliatoio per le dovute cure. Il secondo quarto vede S. Agata ipotecare il match, anche se sembra presto per dirlo; questo perché Faenza lavora per costruire buoni tiri e deve faticare contro la difesa fisica dei locali. Al contrario, S. Agata si gode gli spazi a disposizione per armare il tiro pesante; Difensivamente non possiamo reggere certe marcature, la palla circola fuori dall’arco e ne nascono 5 triple che sui 18 punti totali del quarto frustano il morale bianconero, soprattutto perché arrivano da cinque tiratori diversi. Faenza risponde in coro, l’unico che piazza un tiro pesante è Catani, ma il totale del quarto dice 11, per il +8 Sant’Agata. Dopo l’intervallo i ragazzi di Saragoni hanno ancora voglia di spingere e lo fanno con grande cuore e buone azioni. Quando poi arrivano in lunetta, sfruttano i liberi meglio che in gara2, ma qualcosa manca ancora e, sommato a qualche dentro-fuori, non consente a Faenza di completare la rimonta; così da -4, i padroni di casa rimettono gli ospiti a -10 in due minuti, per poi concludere il quarto sul 57 a 50. Con la lancetta dell’energia quasi in riserva, i faentini si buttano nell’ultimo periodo senza più la lucidità che li ha tenuti in partita e, complice anche la facilità con cui S. Agata trova il fondo della retina, resiste pochi minuti e poi crolla sotto i colpi di Baldrati e compagni. Non segna più, perché la difesa locale è ancora tonica e la fortuna le volta definitivamente le spalle, fino a culminare nell’incidente di gioco che vede Ghetti tornare a Faenza in ambulanza col naso fratturato, in seguito a un colpo accidentalmente rimediato tentando un recupero.

BASKET CLUB RUSSI – BASKERS FORLIMPOPOLI 55 – 65 (1-2)

(18-21; 32-34; 47-52)

Russi: Bellanti, Santandrea 4, Bramante 3, Samorì 2, Beghi 6, Montanari, Porcellini 33, Venturini 4, Bagioni, Laghi 3, Conti. All. Tesei.

Forlimpopoli: Pinna 6, Bourkadi 2, Gardelli 8, Ronci 6, Cortini 19, Primavera 12, Picone 1, Neri 2, Mingozzi, Valentini 3, Biscaro 6, Cedri. All. Rustignoli.

I Baskérs sono in semifinale. Difficile prevederlo alla vigilia ma, al termine di una serie comandata dall’inizio alla fine, lo fanno con pieno merito, infliggendo la prima sconfitta interna stagionale per 55-65 ad una Russi incapace di trovare alternative al solo Porcellini.

In avvio, la gara parte sui binari di un teso equilibrio: da una parte è il solito Porcellini a trovare punti, mentre sull’altra sponda sono sprazzi di Biscaro ed un solido Primavera a dare il vantaggio minimo ai Baskérs sul finire del primo quarto. Nel secondo parziale, l’empasse non si rompe e le due squadre, segnando praticamente solo dalla lunetta, restano sempre a braccetto: alla pausa lunga, il vantaggio dei forlimpopolesi è di un solo possesso (32-34). Dopo l’intervallo, Russi è solo Porcellini, mentre i Baskérs trovano in Cortini l’uomo della provvidenza, quello che consente di mettere una pezza al peggior momento offensivo dei forlimpopolesi. Sul finire del quarto, una spallata importante al match: prima Ronci, poi Gardelli sulla sirena, inventano due bombe clamorose, per sei punti che danno il 47-52 agli ospiti all’ultima pausa. Negli ultimi minuti, errori e paure caratterizzano il match, che si fa frenetico ed impreciso: l’alto basso tra Mingozzi e Valentini può girare la partita, ma Beghi risponde presente dall’arco. Dall’altra parte, però, la bomba di Pinna dà la direzione, poi il contropiede di Primavera chiude la contesa.

Play Out

Finale Gara 2

A.I.C.S. BASKET – IN FIERI 81 – 51 (2-0)

(17-9; 44-23; 70-36)

Aics Forlì: Baldini 7, Zanotti 1, Balzani 10, Maltoni 3, Naldi 5, Compagni 10, Laghi 8, Guaglione 11, Fossi 14, Ruffilli 2, Ragazzi 9. All. Abbondanza.

In Fieri San Lazzaro: Fiacchi 3, Pavone 4, Monari 8, Gnini 17, Lucchi 4, Manneschi, Bordonaro, Selleri 15. All. Baldi.

MONTERENZIO BASKET – JUNIOR BASKET RAVENNA 52 – 58 (0-2)

(14-16; 26-30; 42-48)

Monterenzio: Lollini 9, Buonfiglioli, Malossi 5, Fortunati 2, Zanaroli 1, Ugdulena 3, Fornasari 10, Fiordalisi 11, Montroni 6, Canellini 3, Minoccheri 2.

Ravenna: Montaguti 11, Scaccabarozzi 11, Mazzesi 8, Bernardi, Montigiani 2, Giardini 8, Ghinassi 5, Donati ne, Seck 13, Mercatali, Gardini ne, Tassinari. All. Taccetti.

Under 15, il Vizura Belgrado domina la finale del Torneo Daimiloptu

I serbi del Vizura Belgrado si sono meritatamente aggiudicati l’edizione 2017 del “Torneo Daimiloptu”. Troppo superiori Todorovic e compagni rispetto ad una Virtus Bologna forse un po’ cotta dopo la semifinale della domenica sera contro il Panionios.

Il titolo di MVP è andato a Todorovic, il numero 7 di Vizura: nelle 5 partite del torneo è stato quello più costante nonché il leader della squadra di Belgrado. Il premio come miglior prospetto è andato al numero 10 di Vizura, Andusic: è già un giocatore determinante ma ha ancora notevoli margini di miglioramento sia fisici che tecnici. Probabilmente arriverà lontano.

Come ogni anno anche quest’anno si è svolta la gara del tiro da tre punti e in finale ha vinto l’israeliano Peri, numero 21 del Maccabi, che ha sbaragliato la concorrenza con numeri da capogiro (nel quarto di finale ha realizzato 57 punti su 75 a disposizione).

Il premio ospitalità, uno dei più importante considerando lo spirito del torneo, è andato alla compagine di Vignola: ragazzi e genitori erano alla loro prima partecipazione e hanno dimostrato da subito di condividere appieno i valori del Daimiloptu. Da considerare anche la parte logistica: le famiglie dei ragazzi hanno fatto avanti indietro da Vignola a Bologna per tutti i cinque giorni del torneo, non è stata una “passeggiata” eppure lo hanno fatto con un entusiasmo contagioso! Ovviamente il ringraziamento dell’organizzazione va a tutte le famiglie dei ragazzi delle squadre italiane che hanno partecipato al Daimiloptu: senza il loro supporto questo torneo non potrebbe esistere, e ogni anno si dimostrano sempre più disponibili e coinvolte.

Infine, il premio per il miglior allenatore se lo è aggiudicato Saulius Marciukaitis, coach della squadra lituana del Kaunas.

SEMIFINALI

VIZURA – ASCIAI 78 – 72

Belgrado: Matic,  Radunovic, Lacmanovic 8, Todorovic 11, Todorovic 15, Golijanin, Sarenac 10, Andusic 8, Sekulic, Trifkovic 12, Grbovic 14, Simpraga,  Radosavljevic. All. Ivanovic.

Kaunas: Jukna 3, Kersevicius 6, Tauperis 8, Montvila 8, Mulvinskas 18, Stenionis 23, Aleksonis, Sirtautas, Vizgirdas 2, Krulikas 2, Aleknavicius 2, Valais. All. Marciukattis.

VIRTUS – PANIONIOS 60 – 55

(17-11; 24-30; 39-43)

Virtus Bologna: Lullo 4, Peterson 4, Solaroli 10, Alberti 3, Dalla, Orsi 8, Nobili 6, Martini, Ruffini, Lolli 6, Guastamacchia 19. All. Largo.

Atene: Makris, Papakostantinou 1, Skodros 11, Karaoglanis 9, Koustis 8, Kokorellis 6, Dimitrakopoulos, Paikaras, Tolias 14, Androutsopoulos, Koumantaros, Zefi, Nanos 6. All. Kamariotis.

FINALI

3°-4° posto ASCIAI – PANIONIOS 68 – 47

Finalissima VIRTUS – VIZURA 61 – 89

(18-22; 32-50; 48-67)

Virtus: Tinti 2, Lullo 4, Peterson 6, Solaroli 7,  Alberti 3, Orsi 6, Nobili 15, Martini 2, Ruffini, Lolli 3, Bortolani, Guastamacchia 13. All.Largo

Vizura: Maric 3, Radunovic 8, Lacmanovic 18, Todorovic 8, Golijanin, Sarenac 14, Andusic 20, Sekulic 1, Trifkovic 10, Grbovic 7, Simpraga, Radosavljevic, Petrovic. All.Kocic

In un Palacarisbo tutto esaurito il Vizura Belgrado ha vinto la finalissima del XV Torneo Daimiloptu – Gioca chi ospita, strappando il titolo alla Virtus Bologna, vincitrice dell’edizione 2016 del torneo e seconda finalista di quest’anno.

Dopo un primo quarto punto a punto, nel secondo quarto Belgrado piazza il break decisivo per le sorti della partita grazie a un Sarenac scatenato. Il pressing a tutto campo dei serbi non lascia scampo alle V nere che soccombono sotto i colpi di Lacmanovic: 25-40 a metà della seconda frazione. Un ispirato Radunovic spinge i suoi sul +18 all’intervallo lungo (32-50). La forbice si allarga in apertura di terzo quarto: 10 a 2 di parziale e Vizura a + 26 (34-60).  La Virtus tenta una flebile reazione arrivando fino a meno -17, ma Vizura non cala di intensità e alla fine chiude la gara vincendo senza patemi.

Calendario e aggiornamenti sul sito

www.daimiloptu.com

Under 20, Virtus Bologna in finale, ma lo Scudetto approda a Moncalieri

GIRONE B

Prima Giornata

AURORA – GRISSIN BON 67 – 42

(21-4; 34-8; 55-17)

Desio: Valentini 8 (3/6 da 2), Canzi (0/1 da 3), Castiglioni 6 (0/1, 2/2), Poggi 6 (3/9, 0/2), Albique 10 (3/4, 0/2), Riva 2 (1/1, 0/2), Colombo 2 (1/4 da 2), Parma (0/1, 0/1), Scroccaro 7 (1/2, 0/3), Corti 7 (3/5 da 2), Mazzoleni 15 (6/6, 1/2), Ventura 4 (1/3, 0/2).

Reggiana: Zamparelli 5 (1/2, 1/4), Mammi 2 (1/4, 0/2), Fontanili 2 (1/1 da 2), Lusvarghi 1 (0/3 da 2), Lever 2 (1/7 da 2), Bonacini 11 (2/7, 1/3), Degli Esposti Castori 2 (1/5, 0/6), Bondioli, Dias 3 (1/2 da 3), Dellosto 1 (0/3, 0/2), Vigori 5 (2/3 da 2), Tchewa 8 (4/7 da 2). All. Slanina.

CRABS – NOVIPIU’ JUNIOR 74 – 52

(18-15; 37-27; 56-37)

Rimini: Galassi 3 (0/1, 1/2), Meluzzi 13 (2/2, 2/5), Janev ne, Bologna 2 (1/1 da 2), Toniato 11 (5/14 da 2), Altavilla 3 (1/2 da 2), Signorini 15 (5/10, 1/5), Moffa 5 (1/2, 1/2), Maiello 13 (2/4, 3/7), Popov 1 (0/1 da 2), Tiberti 8 (4/7 da 2), Chavdarov (0/1 da 2). All. Firic.

Casale Monferrato: Zorgno, De Ros 2 (1/7, 0/4), Raiteri 3 (0/1, 1/2), Banchero 5 (0/2, 1/2), Ielmini 3 (0/2, 1/4), Martinotti 5 (1/1, 1/3), Denegri 10 (0/3, 2/6), Ghezzi 8 (3/7 da 2), Yabre 2 (0/2 da 2), Tulumello 8 (3/6, 0/1), Todeschino, Valentini 6 (0/4, 2/9). All. Fabrizi.

Seconda Giornata

AURORA – CRABS 80 – 77 d2ts

(13-14; 34-30; 52-45; 62-62; 69-69)

Desio: Valentini 13, Castiglioni, D’Apolito ne, Poggi 13, Albique 15, Riva ne, Colombo 3, Parma 21, Scroccaro 6, Corti 3, Mazzoleni 6, Ventura. All. Villa

Rimini: Galassi 8, Meluzzi 18, Janev 1, Bologna, Toniato 3, Altavilla 2, Signorini 10, Moffa ne, Maiello 18, Popov, Tiberti 16, Chavdarov 1. All. Firic.

REGGIANA – NOVIPIU’ JUNIOR 65 – 85

(19-28; 31-43; 48-60)

Reggiana: Zamparelli 4, Mammi 4, Belli ne, Fontanili, Lusvarghi 7, Lever 21, Bonacini 18, Degli Esposti Castori 7, Bondioli, Dias 1, Dellosto, Tchewa 3. All. Slanina.

Casale Monferrato: Zorgno ne, Nicora, De Ros 18, Raiteri, Ielmini 18, Martinotti 2, Denegri 13, Ghezzi 7, Yabre 1, Tulumello 6, Todeschino ne, Valentini 18. All. Fabrizi.

Terza Giornata

REGGIANA – CRABS 60 – 73

(15-20; 29-42; 41-58)

Reggiana: Zamparelli 8, Mammi 6, Belli Ekolongo, Fontanili 5, Lusvarghi 9, Lever 5, Degli Esposti Castori 13, Bondioli, Dias 2, Dellosto 4, Tchewa 8. All. Slanina.

Rimini: Galassi 14, Meluzzi 14, Janev 4, Bologna, Toniato 2, Altavilla 2, Signorini 4, Moffa 7, Maiello 10, Popov 8, Tiberti 8, Chavdarov. All. Firic.

JUNIOR CASALE MONFERRATO – AURORA DESIO 64 – 77

GIRONE D

Prima Giornata

VIRTUS BOLOGNA – PMS 52 – 59

(14-15; 28-28; 39-44)

Virtus: Zanotti, Gianninoni 10 (2/2, 2/4), Petrovic (0/1 da 3), Nanni, Ranocchi 3 (1/4 da 3), Carella 7 (2/2, 1/2), Rubbini 17 (2/2, 3/5), Rossi 9 (2/5, 1/5), Jurkatamm 6 (2/6 da 3), Berti (0/1 da 3), Oyeh, Chessari (0/3 da 3). All. Vecchi.

Moncalieri: Moretti 4 (2/3, 0/1), Agbogan 5 (0/1 da 2), De Bartolomeo 2 (1/1 da 2), Zampini 9 (1/1, 1/5), Treier 19 (3/3, 3/16), Cattapan (0/3, 0/2), Simonovic 10 (3/3, 1/3), Tiberti ne, Giustetto, Caruso 3 (0/2, 1/1), Buffo 2 (1/2, 0/2), Di Bonaventura 5 (1/1, 1/2). All. Di Meglio.

REYER – SAN PAOLO OSTIENSE 101 – 69

Seconda Giornata

REYER – PMS 71 – 73

S.PAOLO OSTIENSE – VIRTUS 53 – 93

(7-34; 19-48; 43-69)

S.Paolo Ostiense: Abbruciati, Loi 14, Conte 8, Buratti, Pangilinan, Desideri, Moretti 9, Pioggiarella, Sacchini 2, Garofolo 2, Galli 8, Melegoni 10. All. Colella.

Virtus Bologna: Zanotti 4, Gianninoni ne, Petrovic 12, Nanni, Ranocchi ne, Carella 10, Rubbini 19, Rossi 11, Jurkatamm 9, Berti 13, Oyeh 3, Chessari 12. All. Vecchi.

Terza Giornata

VIRTUS – REYER 54 – 51

(15-14; 26-26; 40-37)

Virtus Bologna: Zanotti 2, Gianninoni 2, Petrovic 12, Nanni, Ranocchi ne, Carella 7, Rubbini 5, Rossi 8, Jurkatamm 6, Berti 8, Oyeh ne, Chessari 4. All. Vecchi.

Venezia: Visconti 4, Antelli 8, Miaschi 8, Bergamo, Jerkovic, Criconia 7, Totè 10, Bolpin, Simioni 14, Ndoye ne, Petteno, Groppi ne. All. Buffo.

SAN PAOLO OSTIENSE – PMS 61 – 68

QUARTI DI FINALE

PalaMaggetti, Roseto degli Abruzzi

VL PESARO – CRABS 81 – 70

(17-19; 41-34; 65-48)

VL Pesaro: Crescenzi 22 (4/5, 4/4), Clementi (0/1, 0/1), Cavoli ne, Benedetti 5 (0/1, 1/3), Bocconcelli 11 (1/5, 2/4), Casses 12 (3/7, 1/7), Volpe 7 (2/3, 1/3), Terenzi ne, Serpilli 23 (4/8, 3/6), Sinibaldi ne, Moretti 1 (0/1 da 2), Iannelli. All. Luminati.

Rimini: Galassi 3 (1/1 da 3), Meluzzi 22 (9/12, 1/7), Janev ne, Bologna, Toniato 2 (1/5, 0/3), Altavilla 4 (2/3 da 2), Signorini 12 (3/4, 2/3), Moffa 6 (0/1, 2/2), Maiello 8 (4/5, 0/5), Popov, Tiberti 4 (2/6, 0/1), Chavdarov 9 (2/3, 1/1). All. Firic.

PISTOIA 2000 – VIRTUS BOLOGNA 54 – 60

(12-22; 21-31; 38-42)

Pistoia: Cipriani, Biagi 2 (1/2 da 2), Angelucci 9 (3/6, 1/4), Maspero 10 (2/6, 1/9), Di Pizzo 4 (2/3 da 2), Galli 2 (1/3, 0/3), Fontana 14 (3/8, 2/5), Divac 10 (3/8, 1/5), Solazzi 3 (0/6, 0/1), Ani ne, Tartamella ne, Converso ne. All. Biagini.

Virtus: Pajola 10 (2/5, 1/3), Zanotti, Gianninoni 2 (1/3, 0/5), Petrovic 12 (5/7, 0/1), Nanni, Carella 3 (1/2 da 2), Rubbini 13 (2/4, 3/11), Rossi 13 (3/5, 2/6), Jurkatamm 2 (1/2, 0/3), Berti 4 (2/5 da 2), Oyeh (0/1 da 2), Chessari. All. Vecchi.

AURORA DESIO – STELLA AZZURRA 66 – 74

PMS MONCALIERI – TIBER ROMA 90 – 65

SEMIFINALI

PalaMaggetti, Roseto degli Abruzzi

VL PESARO – UNIPOL BANCA 52 – 63

(9-10; 17-21; 31-36)

Pesaro: Crescenzi ne, Clementi 2 (1/1, 0/1), Cavoli ne, Benedetti 5 (1/4, 1/6), Bocconcelli 10 (2/6, 2/6), Casses 9 (0/8, 2/6), Volpe 4 (1/1, 0/4), Terenzi ne, Serpilli 17 (1/7, 3/13), Sinibaldi ne, Moretti, Iannelli 5 (2/4 da 2).. All. Luminati.

Virtus Bologna: Pajola 18 (5/9, 1/8), Gianninoni ne, Petrovic 15 (6/8 da 2), Salsini ne, Nanni (0/1 da 3), Ranocchi 3 (1/3 da 3), Carella (0/1 da 2), Rubbini 3 (0/1, 1/4), Rossi 4 (0/3, 1/6), Jurkatamm 14 (0/1, 4/12), Berti 6 (3/6 da 2), Chessari ne. All. Vecchi.

STELLA AZZURRA ROMA – PMS MONCALIERI 56 – 79

FINALI

PalaMaggetti, Roseto degli Abruzzi

Finale 3°/4° posto VL PESARO – STELLA AZZURRA ROMA 64 – 71

Finale Scudetto VIRTUS BOLOGNA – PMS MONCALIERI 58 – 69

(18-15; 31-26; 43-48)

Virtus Bologna: Pajola 14 (2/13, 2/9), Zanotti ne, Gianninoni (0/1, 0/1), Petrovic 8 (4/8, 0/1), Ranocchi 3 (1/2 da 3), Carella 2 (1/4 da 2), Rubbini 9 (1/6, 2/6), Rossi 9 (4/8, 0/4), Jurkatamm 8 (1/2, 2/4), Berti 3 (1/4 da 2), Oyeh, Chessari ne. All. Vecchi.

Moncalieri: Moretti 3 (0/1, 1/1), Agbogan 14 (3/7, 2/4), Abrate ne, Fabris ne, Zampini 8 (1/6, 1/6), Treier 21 (5/10, 2/10), Cattapan 3 (1/1 da 2), Simonovic 7 (2/4 da 2), Giustetto ne, Caruso 12 (6/10 da 2), Buffo (0/1, 0/2), Di Bonaventura 1 (0/3, 0/3). All. Di Meglio.

 

Presentato a Bologna il torneo di Streetball “Not in my house”

Il progetto localizzato a Bologna, vuole mettere al primo posto lo sport per cui più è riconosciuta a livello internazionale: la pallacanestro. L’evento ha lo scopo di promuovere questo meraviglioso sport, gli usi e i costumi della nostra città, tutto il nostro territorio e la possibilità a tutti di partecipare e mettersi in gioco.

“NOT IN MY HOUSE” è la prima edizione del torneo di pallacanestro 4 contro 4 che si terrà a Bologna e provincia nei mesi di giugno e luglio prossimi, in collaborazione con i partner istituzionali  C.S.I. e Federazione Italiana Pallacanestro, i main sponsor BackDoor e Ford Stracciari, il media partner Radio Bologna Uno e con il patrocinio del Comune di Bologna, Comune di Anzola dell’Emilia, Comune di Castel Maggiore, Comune di Castenaso e Comune di Casalecchio di Reno. L’idea dell’evento, del tutto originale e senza precedenti, è quella di una vera e propria divisione della provincia di Bologna in quattro franchigie, ognuna delle quali sarà una sede del toneo: “Bologna Nord” rappresentata da Castel Maggiore, “Bologna Sud” da Casalecchio di Reno, “Bologna Ovest” da Anzola Emilia e “Bologna Est” da Castenaso. Le circa 80 squadre previste, e i circa 500 atleti che le comporranno, si sfideranno a seconda del loro domicilio, luogo di nascita, senso di appartenenza territoriale nella contea di riferimento. In ogni sede del torneo si terrà dunque girone tra le squadre di quellanzona, le quali avranno l’obiettivo di conquistare il titolo di campione della franchigia.

Rivolto a tutti i giocatori di pallacanestro, di qualsiasi categoria (0ver 16), il NOT IN MY HOUSE incarna in tutto e per tutto lo spirito di BasketCity, dove l’obiettivo è quello di giocare a basket nei principali playground comunali e dei quartieri nel comune di Bologna, sfidando, in un clima d’ amicizia e di sano agonismo sportivo, amici, vicini di casa, compagni di squadra e tutti gli appassionati di basket residenti a Bologna e provincia.  La proposta è un evento sportivo che coinvolge un ampio numero di persone, e non solo: anche attività locali, enti, aziende e associazioni con un unico vincolo, essere del nostro territorio, essere bolognesi.

Punto fondamentale del nostro progetto, coinvolgere il nostro territorio in tutte le sue forme, senza chiedere aiuti esterni, con l’obiettivo di valorizzare la nostra provincia e BASKET CITY. NOT IN MY HOUSE è un torneo aperto a tutti ma tutelato da un rigido regolamento sui Draft dalle differenti franchigie.

Lo spirito del torneo è anche quello di valorizzare la pallacanestro e di dare a TUTTI la possibilità di partecipare per divertirsi, per mettersi in gioco e di vincere. NOT IN MY HOUSE nasce dall’amore per il basket e quest’ultimo è e deve rimanere il protagonista indiscusso dell’evento sportivo insieme a Bologna e ai bolognesi. L’ “A.S.D. NOT IN MY HOUSE” crede fermamente nel torneo come incentivo per coinvolgere tutti i bolognesi alla pallacanestro. Non offriamo un evento solo per un determinato pubblico ma coinvolgiamo un target a 360 gradi.

I CAMPETTI selezionati sono i seguenti: Castel Maggiore – Bologna Nord – CAMPO NORD Casalecchio – Bologna Sud – CAMPO SUD Castenaso – Bologna Est – CAMPO EST Anzola Dell’Emilia – Bologna Ovest – CAMPO OVEST Bologna – Piazza dell’Unità – CAMPO CENTRALE

I tornei di ciascun campo non serviranno a decretare il campione solo all’interno del rispettivo comune, ma di tutta la zona. Per ogni franchigia verrà creato il rispettivo logo/brand. In ogni campo si svolgeranno i tornei/gironi che dureranno 4 giorni. Questi ultimi non verranno disputati contemporaneamente, ma verranno suddivisi in 5 settimane, nel periodo tra il 12 giugno e il 9 luglio. Oltre alle partite verranno organizzati: il “3PointContest” con la selezione dei migliori tiratori nei vari tornei, e il “DunkContest” che sarà organizzato per la finalissima.  Ogni campo sarà attrezzato con tribune per gli spettatori, bagni per il pubblico, spogliatoi per i giocatori, impianto audio e luci per il torneo, ristorazione, e spazi dedicati agli sponsor con la possibilità di esporre i propri prodotti.

Saranno quindi sei le squadre che accederanno alla fase finale, le “Finals”.  La fase finale deve essere un punto d’incontro per tutte le età perciò daremo il via ad una 2 giorni di evento interamente dedicato a Bologna e al Basket. Le Finals si giocheranno in Piazza VIII Agosto, la quale verrà allestita per l’occasione con campo di gioco e tribune.

Serie B, i Raggisolaris superano Piacenza e mantengono il quinto posto. Tigers ok

SERIE B/B 30° Giornata

AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI – RUCKER SAN VENDEMIANO 83 – 79

SU STENTU SESTU – TRAMAROSSA VICENZA 77 – 72

PALLACANESTRO CREMA – GIMAR LECCO 53 – 76

ARGOMM ISEO – VIVIGAS COSTA VOLPINO 65 – 85

REKICO – BAKERY 76 – 71

(19-18; 36-34; 52-52)

Raggisolaris Faenza: Penserini 12, Perin 5, Boero 3, Silimbani 4, Donadoni 6, Benedetti 4, Casadei 6, Iattoni 23, Pini, Maccaferri 13. All. Regazzi.

Piacenza: Magrini 11, Sanguinetti 8, Soragna ne, Rezzano 7, Guerra ne, Tempestini 5, Banti 12, Leonzio 6, Samoggia 9, Bruni 13. All. Steffè.

Missione compiuta. La Rekico corona la sua grande stagione con il quinto posto, un risultato assolutamente meritato arrivato al termine di un match acceso e combattuto contro Piacenza. Nei play off i faentini affronteranno l’All Food Firenze, quarta nel girone A, serie che inizierà nel prossimo week end.

Sin dalla prima azione la partita è accesa e combattuta, con la Rekico che prova ad andare in fuga in diverse occasioni raggiungendo anche i sette punti di vantaggio, ma la Bakery risponde sempre colpo su colpo grazie ad ottime trame offensive ai canestri di tutti i suoi giocatori. Anche Faenza però non è da meno ed è brava a ricucire il passivo quando Piacenza prende l’inerzia. Con questo copione, la partita non può che decidersi con un finale punto a punto ed infatti al 37’ il punteggio è di 66-66. Proprio in questo momento ritorna decisiva la solita difesa faentina. Anche l’attacco gira e con un libero di Benedetti e il canestro di Casadei, la Rekico ritorna avanti 69-66 poi Penserini spara la tripla del 72-66 infiammando il Cattani. Iattoni completa l’opera recuperando palla e segnando in sottomano il 74-66 a 1’05’’ dalla fine, parziale che sembra presagire la vittoria. La Bakery ha però mille vite e ritorna subito sul 71-74. A 21’’ dalla fine Perin sbaglia due liberi, Bruni lo imita da tre e Casadei cattura il rimbalzo subendo fallo. Il pivot dalla lunetta segna entrambi i liberi e la Rekico può esultare.

CO.MARK BERGAMO – HIKKADUWA MILANO 88 – 79

BROETTO PADOVA – RIMADESIO DESIO 72 – 65

BALTUR – BMR 59 – 55

(15-17; 30-34; 46-46)

Benedetto Cento: Chiera 5, Bedetti 12, Benfatto 12, Pignatti 11, Sabattino 2, Bravi ne, D’Alessandro, Brighi, Botteghi 8, Caroldi 9. All. Benedetto.

Basket 2000 Scandiano: Malagutti 10, Ferrari, Bertolini 4, Farioli 12, Manini ne, Astolfi 3, Veccia 6, Gurini 2, Germani 8, Chiappelli 10. All. Tinti.

La Baltur chiude con una vittoria contro la BMR dell’applauditissimo ex Antonio “Toto” Tinti, una stagione regolare da 21 successi e 9 sconfitte. Alla palla a due Benedetto lancia subito capitan Caroldi, nel giorno del suo trentacinquesimo compleanno, insieme a Chiera, Bedetti, Pignatti e Benfatto, mentre Tinti risponde con Malagutti, Bertolini, Germani, Chiappelli e Farioli. Sin dalle battute iniziali il match è equilibrato, un canestro da tre punti di Malagutti consente agli ospiti di prendersi l’inerzia in chiusura di primo quarto, ma lo scarto non supera mai le tre lunghezze fino a due minuti dall’intervallo lungo quando la BMR allunga a +6 (28-34), prima del canestro di Caroldi che spedisce le due squadre negli spogliatoi sul 30-34. A campi invertiti Cento si riporta in scia con Bedetti e Benfatto, due tiri liberi di Botteghi nel finale di questa frazione valgono la parità a quota 46. La Baltur concede appena 3 punti agli avversari nei primi quattro minuti dell’ultimo periodo e così facendo vola a +8 (57-49), ma poi subisce il ritorno di Scandiano, agevolato dall’uscita per infortunio di Benfatto e da quella per raggiunto limite di falli di Botteghi che, in assenza di un Andreaus che assiste alla partita dalla tribuna insieme a Vico, costringono i biancorossi ad affrontare il finale con un unico lungo di ruolo e cioè Pignatti. La BMR si riporta a -2 e ha ben due opportunità per vincere, ma Bertolini non trova il bersaglio e Chiera chiude i conti dalla lunetta, a 11″ dalla fine.

CLASSIFICA

P G V P
Agribertocchi Orzinuovi 50 30 25 5 83.3
CO.MARK Bergamo 48 30 24 6 80.0
Bakery Piacenza 44 30 22 8 73.3
Baltur Cento 42 30 21 9 70.0
Rekico Faenza 38 30 19 11 63.3
GIMAR Lecco 38 30 19 11 63.3
Bmr Reggio Emilia 30 30 15 15 50.0
Pallacanestro Crema 30 30 15 15 50.0
Broetto Padova 28 30 14 16 46.7
Rimadesio Desio 28 30 14 16 46.7
Hikkaduwa Milano 24 30 12 18 40.0
Vivigas Costa Volpino 20 30 10 20 33.3
Su Stentu Sestu 18 30 9 21 30.0
Tramarossa Vicenza 18 30 9 21 30.0
Rucker Sanve San Vendemiano 14 30 7 23 23.3
Argomm Iseo 10 30 5 25 16.7

SERIE B/C 30° Giornata

GLOBAL SISTEMI – CITYSIGHTSEEING 70 – 67

(20-20, 14-13, 15-21, 21-13)

Tigers Forlí: Rombaldoni 17 (2/7, 3/6), Ghirelli 16 (1/5, 4/7), Cicognani 11 (5/6), Villani 8 (2/8, 1/3), Forti 7 (1/1, 1/3), Joel Myers 7 (2/3, 1/4), Andrea Bartolucci 4 (2/4, 0/3), Carraretto, Agatensi, Fontecchio ne. All. Di Lorenzo.

Palestrina: Drigo 13 (5/10, 0/1), Montanari 13 (4/8, 1/5), Rossi 11 (2/6, 2/5), Serino 11 (5/6, 0/2), Rischia 8 (2/6, 1/3), Molinari 3 (0/2, 1/5), Brenda 3 (0/0, 1/1), Gagliardo 3 (1/3), Vangelov 2 (1/3), Pederzini ne. All. Lulli.

BASKET BARCELLONA P. DI GOTTO – MASTRIA VENDING CATANZARO 73 – 63

AIR FIRE VALMONTONE – STELLA AZZURRA ROMA 75 – 63

VIRTUS CASSINO – LA META TERAMO 94 – 70

ZANELLA BASKET CEFALU’ – SPORT E’ CULTURA PATTI 57 – 59

BNL LUISS ROMA – GENERAZIONE VINCENTE CUORE NAPOLI 70 – 61

SIMPLY VIS NOVA ROMA – BASKET SCAURI 82 – 79

S.MICHELE MADDALONI – BALLETTI PARK HOTEL VITERBO 69 – 50

CLASSIFICA

P G V P
Cuore Napoli Basket 50 30 25 5 83.3
Basket Barcellona 46 30 23 7 76.7
Citysightseeing Palestrina 44 30 22 8 73.3
Air Fire Valmontone 44 30 22 8 73.3
BPC Virtus Cassino  42 30 21 9 70.0
Global Sistemi Forlí 34 30 17 13 56.7
BNL LUISS Roma 32 30 16 14 53.3
Mastria Vending Catanzaro 30 30 15 15 50.0
La Meta Teramo 28 30 14 16 46.7
Basket Scauri 28 30 14 16 46.7
Zannella Basket Cefalù 26 30 13 17 43.3
Sport è Cultura Patti 22 30 11 19 36.7
Simply Vis Nova Roma 22 30 11 19 36.7
Stella Azzurra Roma 14 30 7 23 23.3
S. Michele Maddaloni 10 30 5 25 16.7
Balletti Park Hotel Viterbo 8 30 4 26 13.3
SERIE B/D 30° Giornata

XL EXTRALIGHT MONTEGRANARO – BAWER MATERA 85 – 83

IL GLOBO ISERNIA – MALLONI PORTO S.ELPIDIO 62 – 66

AMATORI PESCARA – GLOBO CAMPLI 82 – 74

GIULIANOVA BASKET 85 – NTS INFORMATICA 70 – 78

(19-16; 31-33; 50-51)

Giulianova: Gallerini 18, Sacripante 6, Colonnelli 4, Bartolozzi 7, De Angelis 21, Di Diomede ne, Zacchigna ne, Ricci 13, Magazzeni ne, Rosa 1. All. Francani.

Basket Rimini Crabs: Toniato 9, Signorini 8, Pesaresi 15, Altavilla, Maiello, Busetto 13, Battistini 14, Tiberti 8, Aglio 11, Popov. All. Maghelli.

PU.MA. TRADING TARANTO – AL DISCOUNT GENERAL DAP VENAFRO 62 – 73

WERE BASKET ORTONA – VAL DI CEPPO BASKET PERUGIA 80 – 64

LIONS BASKET BISCEGLIE – NUOVA PALL. MONTERONI 84 – 62

ALLIANZ PAZIENZA SAN SEVERO – GOLDENGAS SENIGALLIA 82 – 80

CLASSIFICA

P G V P
XL Extralight Montegranaro 52 30 26 4 86.7
Lions Basket Bisceglie 48 30 24 6 80.0
Globo Campli 44 30 22 8 73.3
Allianz Pazienza San Severo 42 30 21 9 70.0
Amatori Pescara 40 30 20 10 66.7
Bawer Matera 34 30 17 13 56.7
Malloni P.S. Elpidio 32 30 16 14 53.3
Goldengas Senigallia 32 30 16 14 53.3
NTS Informatica Rimini 28 30 14 16 46.7
Were Basket Ortona 26 30 13 17 43.3
Al Discount General DAP Venafro 24 30 12 18 40.0
Giulianova Basket 85 22 30 11 19 36.7
Sicoma Valdiceppo Perugia 18 30 9 21 30.0
Il Globo Isernia 16 30 8 22 26.7
Pu.Ma. Trading Taranto 12 30 6 24 20.0
Quarta Caffè Monteroni 10 30 5 25 16.7
1 2 3