Monthly Archives: dicembre 2014

Giro di boa nei campionati Nazionali con un’importante occhiata alla Coppa di Lega

Si chiude il girone d’andata con battaglia per le prime due posizioni sia in A2 Silver che in serie B in chiave Finali Coppa di Lega.

A2 SILVER

ACMAR – VIOLA 93 – 66

(25-17, 48-30, 70-47)

Ravenna: Holloway 23, Amoni 5, Cicognani 8, Rivali 4, Raschi 11, Grassi 2, Zannini, Tambone 15, Foiera 14, Singletary 11. All. Martino.

Reggio Calabria: Deloach 21, Casini 12, Azzaro 1, Rezzano 10, Lupusor 2, Rossi 6, De Meo, Rush 3, Florio, Ammannato 11. All. Benedetto.

L’Acmar più bella della stagione supera la Viola, chiude il girone di andata in vetta alla classifica il girone di andata – in coabitazione con la De’ Longhi Treviso, ma in vantaggio per lo scontro diretto – e festeggia la storica qualificazione alle Final Six di Coppa Italia, in programma dal 6 all’8 marzo a Rimini, dove affronterà la Pms Torino nei quarti di finale. La settima perla consecutiva, in un PalaCosta ancora una volta tutto esaurito, prende forma tra la seconda metà del primo quarto e il secondo periodo, quando l’Acmar riesce a prendere il controllo delle operazioni dopo l’iniziale sfuriata della Viola. Il 3-10 firmato Rezzano e Ammannato dopo 4’ è prontamente recuperato grazie ai punti di Foiera e di Holloway (19-17 all’8’); una volta davanti, l’Acmar continua a martellare e allunga sul 25-17 di fine primo quarto, mentre la Viola deve fare i conti con l’uscita per infortunio di Erik Rush per un problema ad un piede. La difesa attenta e un’altra scarica di punti dalla distanza, questa volta firmati Tambone e Holloway lanciano l’Acmar sul 48-30 dell’intervallo. La partita viaggia sulle medesime trame anche nel secondo tempo, con Foiera e Singletary a deliziare tifosi e appassionati con alcune giocate di prestigio nel terzo quarto e un bello spazio di gioco anche per i giovani Grassi e Zannini nei minuti finali.

LATINA – MOBYT 72 – 84

24-17, 13-22, 16-20)

Latina: Banti 14 (7/9, 0/1), Santolamazza 0 (0/1, 0/1), Ihedioha 4 (2/3, 0/1), Uglietti 6 (0/4, 2/4), Cantone 3 (1/4, 0/2), Austin 29 (9/16, 2/6), Ianes 2 (0/1), Reed 14 (6/12, 0/3), Mathlouthi ne, Nardi ne, Di Ianni ne. All. Garelli.

Pallacanestro Ferrara: Huff 13 (4/9, 0/2), Bottioni 4 (1/1), Castelli 10 (1/2, 2/4), Amici 2 (0/1, 0/1), Ferri 12 (0/1, 3/9), Casadei 3 (0/1, 1/3), Benfatto 7 (2/3), Pipitone 1 (0/3), Hasbrouck 32 (8/10, 3/7),  Proner ne. All. Martelossi.

TREVISO – ANDREA COSTA 91 – 76

(30-19; 51-36; 72-53)

Treviso: Williams 26 (7/11, 4/9), Pinton (0/1, 0/6), Malbasa, Fabi 10 (2/5, 2/4), Cefarelli (0/2), Fantinelli 11 (2/3, 2/2), Powell 17 (7/15, 0/3), Rinaldi 18 (7/10, 0/1), Negri 9 (3/3), Vedovato, Busetto ne. All. Pillastrini.

Andrea Costa Imola: Bushati 19 (3/5, 3/6), De Nicolao 4 (2/5, 0/1), Maganza 2 (1/1), Prato 3 (0/2, 1/3), Bartolucci 6 (0/2, 2/3), Anderson 10 (1/2, 2/5), Guazzaloca (0/1 da tre), Preti 2 (1/4, 0/1), Hassan 4 (2/2, 0/1), Perry 26 (8/11, 2/5). All. Ticchi.

BASKET RECANATI – GIVOVA SCAFATI 78 – 73

BAKERY CORTEMAGGIORE – REMER TREVIGLIO 84 – 72

(21-24; 46-40; 60-54)

Piacenza: Buono, Rombaldoni 15 (3/6, 1/4), Galli 5 (1/4, 1/2), Stefanini, Sorokas 26 (7/12, 0/5), Gasparin 7 (2/4, 1/1), Italiano 10 (2/3, 2/5), Rossetti 3 (0/1, 1/1), Infante 7 (3/6), Hill 11 (2/5, 2/7). All. Coppeta.

Remer Treviglio: Sabatini 2 (1/4, 0/2), Marusic 0 (0/1, 0/4), Kyzlink 9 (1/2, 2/8), Slanina 2 (0/2), Gaspardo 3 (1/2, 0/2), Marino 17 (5/8, 1/4), Carnovali 16 (1/2, 4/10), Rossi 18 (8/15), Turel 5 (2/5, 0/1), Pasqualin ne, Beretta ne. All. Vertemati.

EUROPROMOTION LEGNANO – INDUSTIALESUD ROSETO 82 – 74

PROGER CHIETI – O.R.S.I. TORTONA 73 – 71

PAFFONI OMEGNA – BAWER MATERA 81 – 70

CLASSIFICA
De’ Longhi Treviso, Acmar Ravenna 22; Remer Treviglio, Viola Reggio Calabria 20; Orsi Tortona 18; Basket Recanati, Mobyt Ferrara, Paffoni Omegna 16; Proger Chieti, Europromotion Legnano 14; Andrea Costa Imola, Givova Scafati 12; Industrialesud Roseto, Benacquista Latina 10; Bawer Matera, Bakery Piacenza 8.

SERIE B/B

GARCIA MORENO – ORVA 73 – 84

(16-30; 44-55; 56-73)

Arzignano: Bellato 3, Zanotti 19, Vencato 15, Monzardo 8, Camata 6, Bordignon 7, Bolcato 12, Rossetto, Battilana, Tuminetto 2. All. Venezia.

Lugo: Montanari 6, Ruini 14, Villani 23, Pederzini 23, Farioli 6, Bertocco 7, Legnani, Chiappelli 5, Zanoni ne, Baroncini ne. All. Ortasi.

BERGAMO – TRAMEC 75 – 84

(15-18; 39-43; 54-58)

BB14: Bona 23, Cortesi 13, Mercante 6, Magini 4, Chiarello 10, Deleidi, Guffanti 2, Azzola, Zanelli 11, Masper 6.  All. Galli.

Cento: Bianchi 9, Di Trani 23, Demartini 12, Carretti 8, Cutolo 10, Govoni ne, Vitali 12, Ikangi 4, Quarisa 6, Pederzini.  All. Albanesi.

Cento sbanca il parquet di Bergamo, raggiunge Montichiari in testa alla classifica e approda ai preliminari di Coppa Italia di categoria, dove affronterà Siena con partite di andata e ritorno, tra fine gennaio e i primi di febbraio. Galli recupera, dopo due settimane di stop, l’ex Marco Bona, mentre coach Albanesi ha l’intero roster a disposizione: pronti via e Cento è in difficoltà in attacco e nervosa, per oltre quattro minuti rimane ancorata a quota 2 (7-2 al 4’). Prima Demartini poi Bianchi ricuciono il gap (9-8) ma è Vitali, entrato dalla panchina, a dare il primo scossone alla partita: tripla in transizione e vantaggio centese (15-18 al 10’). Bergamo alterna diverse difese e cambi sistematici ma prima Cutolo contro la zona e poi Di Trani con 4 punti consecutivi (17-24) costringono i locali al time out. Cortesi accorcia ma è ancora l’ex Tortona Vitali, con 6 punti consecutivi, a tenere Cento avanti (24-30 al 14’). Dopo un botta e risposta Zanelli-Di Trani dai 6,75 entra in partita anche Bona, fino a quel momento più al servizio della squadra. Due conclusioni da oltre l’arco a cui risponde Di Trani, e Bergamo è di nuovo a contatto alla pausa lunga (39-43). Si riparte con un 2/2 di Bona a cronometro fermo prima che Demartini si metta in proprio e porti Cento al +8 (41-49 al 22’), ma qui Bergamo non si scompone, reagisce e confeziona un parziale di 9-0 firmato quasi interamente Bona e suggellato da Magini in penetrazione (50-49 al 25’). Cento è in difficoltà ma ci pensa Vitali a togliere le castagne dal fuoco con un gioco da tre punti, prima di un canestro nel pitturato di Carretti (50-54). Ikangi vola a rimbalzo d’attacco ma è ancora Zanelli, dai 6 e 75, a tenere a contatto i locali (57-62): qui il capitano centese si carica la squadra sulle spalle (62-70) e diventa un rebus irrisolvibile per la difesa bergamasca. Poi, quando Demartini dall’angolo insacca la bomba del +12, per gli oltre 200 tifosi saliti fino alla città del Caravaggio può iniziare la festa. Bona e Cortesi sono gli ultimi ad arrendersi (71-80) ma Cento è in controllo e può alzare le mani dal manubrio: 75-84. Quinta vittoria consecutiva e raggiunta Montichiari in testa alla classifica alla fine del girone di andata, posizione che da il pass per affrontare Siena nei preliminari di Coppa Italia.

PALL. COSTA VOLPINO – RIMADESIO DESIO 75 – 57

EROGASMET CREMA – GSA UDINE 64 – 65

GAGA’ ORZINUOVI – FRANCO ROBERT TRIESTE 74 – 58

URANIA MILANO – FRIULADRIA PORDENONE 76 – 58

CONTADI CASTALDI MONTICHIARI – BASKET LECCO 69 – 72

CLASSIFICA
Contadi Castaldi Montichiari, Tramec Cento 22; Eternedile Bologna, Gsa Udine 20; Pienne Basket, GaGà Milano OrziBasket, Urania Milano 18; Co.Mark Bergamo, Basket Lecco 14; Orva Lugo 12; Erogasmet Crema, Vivigas Costa Volpino 10; Rimadesio Desio 8; TFL Garcia Moreno Arzignano 4; Jadran Franco Trieste 0.

La Fortitudo batte l’Urania. I risultati di A2 Silver e serie B

Penultima giornata del girone d’andata e vedremo se le festività natalizie porteranno eventuali terremoti nelle due classifiche.

A2 SILVER
BAWER MATERA – BENACQUISTA LATINA 62 – 81

GIVOVA SCAFATI – BAKERY CORTEMAGGIORE 81 – 73

(19-15; 35-32; 56-47)

Givova Scafati: Izzo (0/1, 0/2), Zaccariello, Di Palma 14 (4/11, 1/1), Lestini 9 (3/3, 1/7), Ghiacci 5 (1/2, 1/1), Ruggiero 20 (1/2, 4/5), Simmons 16 (6/12, 1/3), Matrone, Bisconti 9 (4/6), Sanguinetti 8 (0/3, 2/4). All. Putignano.

Piacenza: Rombaldoni 3 (1/4, 0/3), Galli 2 (1/3, 0/1), Stefanini (0/2), Sorokas 18 (4/9, 3/5), Gasparin 7 (2/4, 0/1), Italiano 8 (1/2, 1/4), Rossetti 2 (1/1, 0/2), Infante 14 (7/12), Hill 19 (0/2, 5/8), Buono ne. All. Coppeta.

REMER TREVIGLIO – BASKET RECANATI 86 – 79

ROSETO – ACMAR 62 – 56

(18-18; 34-34; 48-47)

Roseto: Pitts 10 (3/8, 0/4), Ferraro 9 (2/7, 1/3), Marini 12 (3/6, 1/4), Janelidze 8 (4/7, 0/1), Bryan 9 (3/6), Jackson 5 (1/1, 1/5), Moreno 9 (0/2, 3/8), De Dominicis ne, Bartoli ne, Ippedico ne. All. Trullo.

Ravenna: Holloway 12 (5/8, 0/3), Amoni 8 (1/1, 2/6), Cicognani 6 (3/3), Rivali 6 (2/6), Raschi 3 (0/3, 1/2), Tambone 6 (2/6, 0/1), Foiera 5 (2/2, 0/2), Singletary 10 (2/7, 0/2), Grassi ne, Zannini ne. All. Martino.

MOBYT – LEGNANO 75 – 73

(21-14; 36-30; 52-50)

Pallacanestro Ferrara: Huff 10 (2/3, 1/4), Bottioni 2 (1/1), Castelli 7 (2/4, 1/2), Amici 15 (3/8, 2/3), Ferri 15 (3/4, 2/3), Casadei 5 (1/1, 1/5), Benfatto 4 (1/4), Pipitone 3 (0/1), Hasbrouck 14 (3/9, 1/7), Proner ne, Ghirelli ne. All. Martelossi.

Legnano: Krubally 15 (5/11), Petrucci 8 (1/1, 2/3), Maiocco 11 (2/2, 2/8), Arrigoni (0/2, 0/1), Di Bella 15 (2/4, 1/3), Milani 2 (1/9, 0/1), Locci, Merchant 19 (2/7, 4/9), Navarini 3 (0/1, 1/2), Guidi ne. All. Ferrari.

A Recanati, campo neutro a seguito della squalifica del PalaMaggetti, si è assistito a una partita equilibrata e nervosa, nella quale i vantaggi sono stati minimi e nessuna delle due formazioni è riuscita a prendere con decisione il controllo delle operazioni. Meglio Roseto in avvio, con Janelidze e Moreno a siglare il 9-4 dopo 4’; per Ravenna rispondono Holloway e Singletary, protagonista con un canestro in transizione e un assist per Amoni, per il 9-18 dell’8’. Un gioco da tre punti di Ferraro rianima Roseto, che pareggia sul 18-18 con Jackson in chiusura di primo quarto e allunga in avvio di secondo quarto (30-24 al 15’). Amoni rimette le cose a posto con due triple consecutive per l’Acmar, prima che Cicognani appoggi sulla sirena di fine secondo quarto il canestro del nuovo pareggio sul 34-34.
Un positivo Marini e un leonino Bryan, al rientro dopo un infortunio alla spalla, sono protagonisti anche nel terzo quarto, ma l’Acmar non cede di un passo e chiude sul 48-47 il terzo quarto, con un bel canestro di Rivali sulla sirena. In avvio di ultima frazione la partita si rompe: Ferraro e Moreno trovano due canestri dalla distanza e lanciano la mini-fuga biancazzurra (54-47 al 32’), cui l’Acmar fatica a rispondere. I ragazzi di coach Martino si spendono in difesa, ma non trovano la  via del canestro in attacco, riuscendo a tornare a -2 con Rivali (54-52) al 36’ e poi con Raschi al 37’ (58-56), ma non ad impattare. Nel finale le difese si ergono a protagoniste e si sprecano errori da ambo le parti; ne approfitta Pitts, che subisce due falli e chiude la contesa con quattro tiri liberi.

ANDREA COSTA – OMEGNA 74 – 86

(21-31; 35-41; 49-63)

Imola: Sedioli, Bushati 17, De Nicolao 5, Maganza 9, Prato 22, Bartolucci 7, Guazzaloca 6, Hassan 6, Preti 2, Perry. All. Ticchi.

Omegna: Della Torre, Iannuzzi 21, Vildera 4, Cappelletti 4, Conger 17, Gurini 9, Dip 3, Tavernelli 9, Smorto 5, Saddler 17. All. Magro.

O.R.S.I. TORTONA – DE’ LONGHI TREVISO 71 – 59

VIOLA REGGIO CALABRIA – PROGER CHIETI 87 – 77

CLASSIFICA
De’ Longhi Treviso, Acmar Ravenna, Remer Treviglio, Viola Reggio Calabria 20; Orsi Tortona 18; Basket Recanati, Mobyt Ferrara, Paffoni Omegna 14; Proger Chieti, Andrea Costa Imola, Europromotion Legnano, Givova Scafati 12; Industrialesud Roseto, Benacquista Latina 10; Bawer Matera 8; Bakery Piacenza 6.

SERIE B
GSA UDINE – CO.MARK BERGAMO 53 – 59

ORVA LUGO – CONTADI CASTALDI MONTICHIARI 66 – 84

(11-20; 28-35; 53-55)

Lugo: Montanari 11, Ruini 4, Villani 7, Legnani 9, Pederzini 13, Farioli 7, Chiappelli 15, Bertocco, Baroncini ne, Romagnoli ne. All. Ortasi.

Montichiari: De Ruvo 11, Cazzaniga 3, Perego 10, Genovese 19, Infanti 13, Scanzi 8, Battistini 2, Bonfiglio 18, Atienza, Colpani. All. Cadeo.

ETERNEDILE BOLOGNA – URANIA MILANO 68 – 60

(15-18; 41-30; 58-46)

Fortitudo: Valentini 15, Lamma 5, Grilli 1, Iannilli 6, Samoggia 13, Montano 13, Sorrentino 7, Mancin 4, Lenti ne, Raucci 4. All. Vandoni.

Milano: Del Vescovo ne, Stijepovic 13, Giovannelli 5, Torgano 13, Bazzoli 5, Paleari 21, Sartini 2, De Bettin, Merlati, Pagani 1. All. Ghizzinardi.

FRANCO ROBERT TRIESTE – PALL. COSTA VOLPINO 67 – 89

TRAMEC CENTO – EROGASMET CREMA 82 – 64

(19-14; 43-34; 57-49)

Cento: Govoni 1, Vitali 8, Ikangi 2, Bianchi 14, Di Trani 7, Quarisa 16, Demartini 11, Pederzini 2, Carretti 11, Cutolo 10. All. Albanesi.

Crema: Zanella 12, Del Sorbo 9, Tardito 12, Manuelli, Airini, Persico ne, Colnago 8, Cardellini 11, Dontana 4, Ferri 8. All. Baldiraghi.

La Tramec centra la quarta vittoria consecutiva e rimane in corsa per la qualificazione ai preliminari di Coppa Italia, dove è già sicura Montichiari grazie al primo posto in classifica. Percorso netto in queste tre uscite casalinghe al PalaBenedetto per i biancorossi, che riprendono da dove avevano lasciato prima del turno di riposo. Un’indomita Crema rimane in partita per 25’ per poi alzare bandiera bianca sotto i colpi di capitan Di Trani e soci. Cento al completo alla palla a due mentre coach Baldiraghi deve rinunciare a Tagliaferri, Persico non utilizzabile e a Manuelli che, dopo cinque minuti, esce dalla contesa per un infortunio alla mano. Bianchi indica la strada all’inizio poi Di Trani lo imita (10-8) mentre dall’altra parte il solo Zanella segna con continuità coadiuvato, in parte, da Tardito (17-12 all’8). Partita in equilibrio con Cento sempre avanti, ma un parziale esterno di 7-0 guidato dal duo Cardellini-Tardito da il primo vantaggio cremasco (19-21 all 11’). Quarisa nel pitturato e Cutolo dai 6,75 riportano Cento avanti (32-28) con l’ex Casalpusterlengo già in doppia cifra. Del Sorbo cerca di tenere a contatto i suoi, 34-34 al 18’, ma un parziale di 9-0 negli ultimi due giri di lancette porta Cento all’intervallo sul 43-34 con una schiacciata di Bianchi, sulla sirena, da applausi. Si riparte con i locali un po’ contratti e Crema ne approfitta per tornare in scia, 45-38, anche se Cento da l’impressione di aver la partita in controllo. Colnago, con 5 punti consecutivi, costringe Albanesi a parlarci su (51-46 al 25’), anche se questa sarà l’ultima reazione d’orgoglio ospite. Ad inizio ultimo quarto Vitali mette a referto 8 punti in un minuto, 65-49, e sul match possono partire i titoli di coda. Crema è alle corde e con la spia delle energie accesa e per Cento ora è pura accademia. Standing ovation e menzione particolare per Quarisa Mvp di giornata con doppia doppia da 16 punti e 15 rimbalzi. C’è spazio per tutti e punti a referto anche per Pederzini e Govoni.

RIMADESIO DESIO – TFL ARZIGNANO 84 – 59

FRIULADRIA PORDENONE – GAGA’ ORZINUOVI 79 – 66

CLASSIFICA
Contadi Castaldi Montichiari 22; Tramec Cento, Eternedile Bologna 20; Gsa Udine, Pienne Basket 18; GaGa’ Milano OrziBasket, Urania Milano 16; Co.Mark Bergamo 14; Basket Lecco 12; Erogasmet Crema, Orva Lugo 10; Rimadesio Desio, Vivigas Alto Sebino 8; TFL Garcia Moreno 4; Jadran Franco 0.

Raggisolaris campione d’inverno in serie C, i Tigers agganciano il Basket 2000

Tredicesima e ultima giornata del girone d’andata e la gara chiave si disputa a Forlì tra Tigers e Basket 2000. Da segnalare che la giornata si chiuderà mercoledì 7 col posticipo di San Lazzaro tra Bsl e Santarcangelo.

TIGERS BASKET 2014 – BMR REGGIO EMILIA 83 – 79

(12-11; 33-32; 56-53)

Tigers Forlì: Tugnoli 6, De Pascale 11, Iattoni 23, Ravaioli 11, Donati 19, Valgimigli E. ne, Poggi ne, Valgimigli F., Villa 7, Martignago 6. All. Conti.

Basket 2000 Scandiano: Astolfi 8, Bartoccetti 17, Bertolini 14, Gruosso 13, Germani 10, Ferrari ne, Levinskis ne, Brogio 9, Spaggiari A. 8, Pedrazzi. All. Spaggiari L.

L’inizio di gara è equilibrato e le difese prevalgono sugli attacchi, come dimostra il 12-11 della prima sirena; al ritorno in campo, tuttavia, la Bmr prova l’allungo portandosi a +5 sugli avversari che, tuttavia, rimontano grazie alla coppia Iattoni-Ravaioli e vanno all’intervallo lungo con una sola lunghezza da gestire. I Tigers prendono decisamente il comando delle operazioni ad inizio ripresa, arrivando a condurre fino al 53-43, ma gli uomini di Spaggiari impattano a quota 56 grazie ad un parziale di 3-13 tra la fine del terzo e l’inizio del quarto periodo. La Bmr prova anche a fuggire sul 61-65, ma i forlivesi non mollano la presa e chiudono vincitori per 83-79.

MISTER AUTO – REBASKET 77 – 72

(16-18; 34-41; 56-59)

Ghepard: Maldini ne, Riguzzi 9, Nieri 11, Beccaletto 16, Tapia, Tullio 5, Beccari 8, Aldieri, Ghedini 16, Martelli 12. All. Rossi.

Rubiera: Maioli, Lasagni 4, Biello 18, Mazza, Pini 7, Morgotti, Negri 21, Pellegrini 12, Melli 7, Giudici 3. All. Piatti.

Al primo canestro della partita (Beccaletto da sotto), una pioggia di pupazzi di peluche invade il campo: vengono così riempiti due grandi sacchi che i giocatori bolognesi porteranno in regalo ai piccoli pazienti di Pediatria dell’Ospedale S. Orsola, onorando degnamente l’iniziativa del Teddy Bear Toss.
L’incontro prosegue con i ragazzi di coach Rossi che si portano in breve sull’8-2, illudendo il pubblico che possa trattarsi di partita facile, ma la squadra di Rubiera non intende certo ammainare la bandiera così presto e risponde con un parziale di 16 a 2 (12-18), chiudendo poi il primo quarto avanti di due lunghezze (16-18). Nella seconda frazione il team bolognese continua ad apparire un po’ distratto, lasciandosi spesso sorprendere dalle giocate di Rebasket, che continua a mantenere la testa avanti e va al riposo in vantaggio 34 a 41.
Alla ripresa Ghedini si incarica di suonare la sveglia ai suoi, ben supportato da Martelli e Beccaletto; alcuni tiri dalla distanza spingono la rimonta di Ghepard Mister Auto, contrastata da un tiro da tre di Rubiera sul filo della sirena (56-59). Nell’ultimo quarto la squadra bolognese appare maggiormente determinata a portare a casa il risultato: coach Rossi ruota i vari giocatori ed ognuno riesce a contribuire adeguatamente al gioco della propria squadra. A 7′ dalla fine un’entrata di Riguzzi impatta il punteggio sul 61-61 e l’inerzia della partita comincia a girare a favore dei padroni di casa. Martelli e Beccaletto dalla distanza incrementano il vantaggio, con la squadra di coach Piatti che pare ormai in affanno e non riesce a reagire con lucidità.Per i bolognesi contribuisce anche Beccari, realizzando un 3/3 ai
liberi (70-65) e centrando poi il canestro anche dalla distanza (75-67). Rubiera ricorre al fallo sistematico, ma non riesce a rovesciare le sorti della partita, che si chiude con il tabellone che indica 77-72.

ROBERTO NUTI – ANGELS 44 – 66

(8-22; 27-35; 33-57)

Bsl San Lazzaro: Lolli 10, Sabattani 4, Pulvirenti 3, Binassi 3, Fin 3, Curione, Bianchi 8, Ottone, Chiapparini, Saccardin 13. All. Rocca.

Santarcangelo: Lucchi 6, Bianchi 6, Pesaresi ne, Padovano, Moretti 8, Del Turco 2, Bedetti 10, Rinaldi 19, Saponi 15, Dini. All. Tassinari.

CLIMART ZETA CASTENASO – SALUS PALL. BOLOGNA 83 – 65

(18-9; 36-33; 60-53)

Castenaso: Barbieri M. 4, Chiusolo 8, Venturoli 24, Barbieri A. 15, Trombetti 20, Harizaj 2, Piccinini, Serpieri, Rizzatti 10, Stanghellini. All. Castelli.

Salus: Venturi T. 9, Nucci 21, Zuccheri 6, Saccà 8, Albertini 15, Tavani, Venturi J. Galvan 2, Granata, Porcellini 4. All. Giuliani.

SCIREA – NPC 58 – 78

(22-12; 35-37; 52-61)

Gaetano Scirea Bertinoro: Solfrizzi En. 7, Poluzzi 14, Marisi 16, Godoli 2, Solfrizzi Em. 4, Cristofani, Ruscelli, Merenda 8, Fantauzzi, Ricci 7. All. Serra.

VSV Imola: Pieri 5, Morara 7, Grillini 12, Corcelli 8, Porcellini 17, Dall’Osso ne, Di Placido ne, Massar 10, Guglielmo 7, Francesconi 12. All. Alfieri.

RAGGISOLARIS – CASTELFRANCO 78 – 71

(18-11; 29-10 ; 9-19 ; 22-31)

Faenza: Dal Pozzo 6, Boero 14, Castellari 5, Silimbani 19, Benedetti 11, Zambrini 11, Bombardini ne, Troni ne, Zythariuk 6, Sangiorgi 6. All. Regazzi

Castelfranco Emilia: Tomesani 8, Coslovi , Zucchini 12, Bastoni 8, Tedeschi ne, Tedeschini 15, Del Papa 16, Marzo ne, Parma Benfenati 6, Righi 6. All. Boni.

ALBERTI E SANTI – ASSET BANCA 75 – 50

(13-16; 36-22; 48-34)

Fiorenzuola: Canali, Sichel 2, Avanzi 2, Moscatelli 8, Roma 9, Avanzini 17, Vecchio M 3, Verri 17, Vecchio P 8, Castagnaro 9. All. Brotto.

San Marino: Macina, Gamberini 10, Saccani 16, Agostini, Cardinali 1, Mazzotti 5, Benzi 2, Liberti 4, Calegari 2, Crescentini 10. All. Del Bianco.

CLASSIFICA

RAGGISOLARIS FAENZA 22 13 11 2 912 740 +172
TIGERS FORLI’ 18 13 9 4 1012 945 +67
BASKET 2000 SCANDIANO 18 13 9 4 946 910 +36
SANTARCANGELO 18 13 9 4 933 843 +90
VSV IMOLA 16 13 8 5 923 847 +76
GHEPARD BOLOGNA 16 13 8 5 891 918 -27
CASTELFRANCO EMILIA 14 13 7 6 985 962 +23
CASTENASO 12 13 6 7 947 945 +2
G. SCIREA BERTINORO 10 13 5 8 775 805 -30
FIORE FIORENZUOLA 10 13 5 8 835 873 -38
SAN MARINO 10 13 5 8 874 958 -84
BSL SAN LAZZARO 8 13 4 9 754 849 -95
SALUS BOLOGNA 6 13 3 10 865 955 -90
REBASKET RUBIERA 4 13 2 11 841 943 -102

C.S. – La VSV esonera Solaroli, squadra affidata ad Alfieri e Marchi

La società Virtus Spes Vis Pallacanestro Imola comunica di aver risolto il rapporto con l’allenatore Massimo Solaroli. Ringraziandolo per il lavoro svolto gli augura le migliori fortune nel prosieguo della sua attività.

La conduzione tecnica sarà affidata al vice allenatore Alberto Alfieri coadiuvato da Carlo Marchi. “Sono ovviamente dispiaciuto per l’addio di Massimo – il primo commento del neo allenatore – ma ringrazio la società per la fiducia concessami. Lavorerò al 100 per 100 da subito, insieme a Marchi, per invertire il trend negativo di queste ultime settimane. Non faccio promesse se non quella di grandissimo impegno”.

C.S. – Il Basket 2000 ospita Castenaso per continuare a sognare

Reduce da tre successi consecutivi, che le valgono il secondo posto in solitaria alle spalle della capolista Raggisolaris Faenza, la Bmr non è sazia: per continuare a veleggiare nelle zone nobili della graduatoria è fondamentale mantenere questo ritmo e la sfida interna contro la solida Castenaso (oggi, ore 18) è un’occasione da non lasciarsi sfuggire.

IL MOMENTO

Ad una sola settimana dal successo contro il Gaetano Scirea Bertinoro, arrivato al termine di un match dalle basse percentuali offensive (il 47-46 finale la dice lunga) e dopo un finale thrilling, la Bmr ritrova il parquet di casa: al PalaRegnani, quest’anno, i bianco-rosso-blu hanno costruito buona parte delle loro fortune, venendo sconfitti solo dall’attuale battistrada del girone, la già citata Faenza. A due gare dal termine del girone d’andata (la prossima sfida si giocherà il 27 dicembre a Forlì) la rotta è tracciata: Astolfi e compagni vogliono assolutamente mantenersi in quota, tenendo a debita distanza le tante rivali per l’accesso alla post season ed un rendimento casalingo costan-te può permettere loro di centrare l’obiettivo. Attenzione, comunque, a Castenaso: una squadra che ha confermato tanti atleti dalla scorsa C regionale, che arriverà a Scandiano per giocarsela ad armi pari.

GLI AVVERSARI

Squadra che vince, non si cambia. Castenaso, dopo aver trionfato nella scorsa C regionale vincendo la finale playoff contro Faenza, ha confermato larga parte del roster, in particolare i punti cardine. Due sole, finora, le vittorie esterne all’attivo del club felsineo, l’ultima a Castelfranco due settimane or sono. Il pericolo numero uno è l’ala Trombetti: classe 1981, numero 33 sulle spalle, il bolognese è il miglior marcatore dei suoi con 17,3 punti di media e 9,6 rimbalzi. In doppia cifra anche il centro Venturoli, altro atleta di grande esperienza, che ai 12,9 punti abbina anche 6.7 rimbalzi. Nelle ultime tre gare è rimasto fuori Carretta, uno dei volti nuovi, capace di 10,6 punti a serata, mentre a quota 10,1 si ferma la guardia Masini, classe 1992. Sotto i tabelloni spicca il navigato Barbieri, classe 1976, centro da 9,2 punti e 4,1 rimbalzi, mentre in cabina di regia c’è il 1991 Chiusolo (6,2 punti e 4,7 assist), che divide il ruolo con Piccinini, ex CVD.

C.S. – Virtus Spes Vis: vincere per passare un Natale sereno

Vincere per un Natale sereno. Questo l’imperativo della Npc Virtus Spes Vis alla vigilia dell’ultima partita casalinga del 2014.

Avversario di turno è la Libertas Ghepard di Bologna, squadra ostica (come tutte del resto in questo campionato). La squadra di coach Rossi dista solo due punti dalla formazione giallonera e scenderà a Imola con intenzioni più che bellicose. Imola, dal canto suo, vuole confermare a se stessa e ai suoi avversari di avere invertito la rotta dopo tre sconfitte in quattro partite.

Il successo, meritato, contro San Lazzaro va proprio in questa direzione: «Nei dieci minuti finali si sono ripresentati alcuni spettri già visti in passato – precisa il tecnico Solaroli – ma questa volta non ci siamo lasciati sopraffare e, anzi, siamo stati bravi a reagire e a ristabilire le giuste distanze».

Ora, i tifosi chiedono un regalo di Natale alla loro squadra: vincere anche contro i bolognesi e mantenersi nelle zone alte della classifica. Poi, smaltito il pranzo di Natale, si penserà all’ultima trasferta dell’anno contro il Gaetano Scirea, in programma il 27 a Bertinoro. Come sempre, però, una partita alla volta. Si inizia domenica, alle 18. Per un Natale, come già detto, sereno!

Montichiari, scoglio troppo duro per la Fortitudo. I risultati di A2 Silver, B e C

Derby romagnolo in A2 Silver, con Ravenna nettamente favorita sull’Andrea Costa Imola. In serie B grande sfida a Montichiari dove arriva la Fortitudo. In C interessante la gara di Santarcangelo, dove il Fiorenzuola dovrà dimostrare se può veramente puntare in alto, mentre la capolista Raggisolaris rischia sul Monte Titano.

A2 SILVER

PAFFONI OMEGNA – GIVOVA SCAFATI 83 – 75

ACMAR – ANDREA COSTA 75 – 67

(19-20; 34-37; 53-49)

Ravenna: Holloway 8 (1/3, 1/4), Amoni 5 (1/2, 1/5), Cicognani 5 (1/3), Rivali 11 (4/11, 0/1), Raschi 16 (6/8, 1/2), Grassi (0/1 da tre), Tambone 12 (2/4, 2/2), Foiera 4 (2/4, 0/1), Singletary 14 (5/9, 1/8), Zannini ne. All. Martino.

Andrea Costa Imola: Bushati 19 (4/8, 3/8), De Nicolao 13 (3/3, 1/2), Maganza 8 (3/3), Prato 12 (4/8, 1/4), Bartolucci 7 (2/6, 1/6), Guazzaloca, Hassan 8 (1/1, 2/7), Preti (0/1), Sedioli ne, Folli ne. All. Ticchi.

Più Imola che Ravenna nei primi 28’. Il parziale di 0-8 della formazione ospite spaventa l’Acmar, che ricuce ma non riesce a prendere in mano l’inerzia della partita; l’Andrea Costa, intensa in difesa e sbarazzina in attacco, mantiene il pallino del gioco fino all’intervallo, chiuso avanti di 3 lunghezze sul 34-37. Il terzo quarto restituisce un’Acmar più attiva, ma Imola risponde colpo su colpo. Il tecnico a Prato viene vendicato dalla tripla di Bartolucci sul ribaltamento di fronte (38-42 al 26’), prima che l’Acmar riesca a trovare il modo di passare avanti. E’ un canestro da sotto di Amoni a svegliare il PalaCosta, che si accende sul canestro da tre punti di Raschi (53-49) sulla sirena del terzo quarto. Ravenna colpisce ancora da tre punti in avvio di ultimo periodo, questa volta con Holloway, e beneficia di un fallo tecnico fischiato alla panchina ospite volando sul 61-52 al 32’. Un colpo fortuito al naso mette fuori gioco Holloway, ma l’evento spiacevole non ferma Ravenna: è Eugenio Rivali, con tre canestri in serie, a siglare il 69-55 a 5’ dalla fine. L’Andrea Costa non si dà per vinta, alza l’intensità della difesa e colpisce rapida in attacco, risorgendo con due canestri dalla distanza di Hassan e Prato (69-63 al 37’). Il rientro ospite si allunga fino al 71-67 al 39’, ma l’Acmar non cede un centimetro e riesce a portare a casa due punti d’oro.

TREVISO – MOBYT 67 – 55

(19-13; 33-27; 55-33)

Treviso: Williams 18 (6/7, 2/7), Pinton (0/2, 0/1), Fabi 7 (2/6, 1/3), Cefarelli, Fantinelli, Powell 23 (7/13, 2/3), Rinaldi 12 (6/12, 0/2), Negri 5 (1/2), Vedovato, Malbasa ne, Busetto ne. All. Pillastrini.

Pallacanestro Ferrara: Huff (0/2, 0/2), Bottioni, Castelli 4 (2/3, 0/2), Amici 11 (4/7, 1/6), Ferri 6 (0/3, 2/3), Casadei 6 (3/5, 0/3), Benfatto 9 (4/10), Pipitone 2 (1/3), Hasbrouck 17 (5/10, 2/11), Verrigni ne, Proner ne, Ghirelli ne. All. Martelossi.

BENACQUISTA LATINA – INDUSTIALESUD ROSETO 83 – 73

EUROPROMOTION LEGNANO – O.R.S.I. TORTONA 67 – 82

PROGER CHIETI – REMER TREVIGLIO 85 – 90

BAKERY CORTEMAGGIORE – VIOLA REGGIO CALABRIA 83 – 88

(21-20; 46-42; 61-75)

Piacenza: Rombaldoni 17 (2/9, 3/10), Galli (0/2, 0/1), Stefanini (0/2), Sorokas 18 (6/10, 2/3), Gasparin 14 (3/4, 2/3), Italiano 21 (4/6, 3/3), Rossetti 2 (1/2, 0/2), Infante 8 (4/7), Hill 3 (0/1, 1/1), Mazzocchi ne. All. Coppeta.

Viola R. Calabria: Deloach 17 (3/4, 3/5), Casini 14 (1/3, 3/3), Azzaro 4 (2/2), Rezzano 13 (4/5, 1/5), Lupusor, Rossi 13 (3/4, 2/3), Rush 16 (4/10, 1/3), Ammannato 11 (3/8, 1/2), De Meo ne, Florio ne. All. Benedetto.

BASKET RECANATI – BAWER MATERA 102 – 70

CLASSIFICA
De’ Longhi Treviso, Acmar Ravenna 20; Remer Treviglio, Viola Reggio Calabria 18; Orsi Tortona 16; Basket Recanati 14; Proger Chieti, Mobyt Ferrara, Andrea Costa Imola, Europromotion Legnano, Paffoni Omegna 12; Givova Scafati 10; Bawer Matera, Industrialesud Roseto, Benacquista Latina 8; Bakery Piacenza 6.

SERIE B

FRIULADRIA PORDENONE – RIMADESIO DESIO 85 – 67

GAGA’ ORZINUOVI – BASKET LECCO 71 – 72

CO.MARK BERGAMO – FRANCO ROBERT TRIESTE 76 – 62

PALLACANESTRO CREMA – ORVA LUGO 79 – 81

(19-26; 40-47; 56-67)

Crema: Zanella 20, Del Sorbo 5, Tagliaferri ne, Tardito 4, Manuelli 6, Persico 2, Colnago 13, Cardellini 14, Ferri 15, Foresti ne. All. Baldiraghi.

Lugo: Montanari 19, Ruini 20, Legnani 3, Farioli 5, Chiappelli 11, Bertocco 2, Zanoni, Villani 14, Romagnoli, Pederzini 7. All. Ortasi.

PALL. COSTA VOLPINO – TFL ARZIGNANO 97 – 46

MONTICHIARI – ETERNEDILE 78 – 67

(22-10; 39-32; 54-49)

Montichiari: De Ruvo, Stojkov, Cazzaniga 8, Perego 18, Genovese, Ambrosi ne, Infanti 17, Scanzi 20, Battistini 3, Bonfiglio 12. All. Cadeo.

Fortitudo: Candi ne, Valentini, Lamma 8, Grilli 8, Iannilli 9, Samoggia 14, Sorrentino 4, Montano 10, Mancin ne, Raucci 14. All. Vandoni.

URANIA MILANO – GSA UDINE 64 – 77

CLASSIFICA
Contadi Castaldi Montichiari 20; Eternedile Bologna, Gsa Udine, Tramec Cento 18; GaGa’ Milano OrziBasket, Urania Milano, Pienne Basket 16; Basket Lecco, Co.Mark Bergamo 12; Erogasmet Crema, Orva Lugo 10; Rimadesio Desio, Vivigas Alto Sebino 6; TFL Garcia Moreno 4; Jadran Franco 0.

SERIE C

SALUS PALL. BOLOGNA – GAETANO SCIREA BASKET 66 – 65

(5-20; 27-36; 49-55)

Salus: Bonetti 8, Venturi 8, Nucci 5, Saccà 18, Albertini 11, Tavani 2, Zuccheri 1, Galvan 3, Pellacani, Savio 10. All. Giuliani.

Gaetano Scirea Bertinoro: Solfrizzi En. 7, Poluzzi 16, Marisi 18, Godoli 2, Solfrizzi Em. 8, Cristofani, Ruscelli ne, Merenda 7, Fantuzzi, Ricci 7. All. Serra.

ANGELS – ALBERTI E SANTI 80 – 64

(22-17; 38-38; 59-58)

Angels Santarcangelo: Lucchi 12 (3/6, 2/6), Bianchi 5 (2/3, 0/1), Pesaresi 14 (3/3, 2/6), Moretti 4 (1/2, 0/3), Bedetti 14 (4/10, 1/3), Rinaldi 15 (3/4, 2/3), Saponi 16 (6/12, 0/1), Dini (0/1), Tonini ne, Arlotti ne. All. Tassinari.

Fiorenzuola: Canali 2 (1/1), Galiazzo (0/2), Moscatelli 19 (8/14, 1/1), Roma 7 (2/6, 1/3), Avanzini Fi. 3 (1/6, 0/4), Vecchio M. 3 (0/1, 1/7), Verri 4 (1/6, 0/2), Vecchio P. 0 (0/1), Avanzini Fa. 7 (2/3, 1/3), Castagnaro 19 (3/7, 3/6). All. Brotto.

CASTELFRANCO – NUTI 94 – 56

(27-16; 45-21; 76-39)

Castelfranco Emilia: Tomesani 14, Coslovi 2, Zucchini 8, Bastoni 6, Tedeschi 7, Tedeschini 14, Del Papa 2, Marzo, Parma Benfenati 30, Righi 11. All. Boni.

Bsl San Lazzaro: Lolli 4, Sabattani 1, Pulvirenti 10, Fabbri 19, Fin 7, Curione, Bianchi 6, Ottone 9, Chiapparini,  Saccardin. All. Rocca.

Si chiude con una vittoria il bellissimo 2014 del Castelfranco Basket. Oltre alla gioia per il ritorno alla vittoria dopo due stop consecutivi si festeggia soprattutto il grande successo dell’iniziativa benefica Teddy Bear Toss con uno scatolone intero di pupazzetti lanciati in campo dai tifosi dopo il primo canestro, raccolti dai giocatori delle due squadre e che verranno portati quanto prima ai bambini ricoverati in pediatria al policlinico di Modena. Castelfranco parte fortissimo e, trascinata da Tomesani e Parma (9 a testa nel primo quarto), va sul +11 alla prima sirena. Il copione non cambia in avvio di secondo parziale e arriva un micidiale 16-0 nei primi 7’ che porta il vantaggio a un sonoro +27 (43-16). La Bsl limita i danni nel finale del periodo e va alla pausa lunga sotto 45-21, sugli scudi per i nostri Parma Benfenati già a quota 19 a questo punto dell’incontro. San Lazzaro non reagisce nemmeno dopo l’intervallo e il monologo castelfranchese continua fino a toccare un  clamoroso +38 al 26’ sul 63-25. Il match non ha più nulla da dire e nel quarto periodo c’è spazio per tutti gli effettivi con l’ottima figura di Marzo e Tedeschi. Mvp dell’incontro Parma Benfenati con 30 punti e 36 di valutazione.

BMR – CLIMART ZETA 80 – 67

(27-20; 46-31; 64-48)

Basket 2000 Scandiano: Astolfi 5, Ferrari, Brogio 7, Bartoccetti 25, Spaggiari A. 2, Bertolini 19, Pedrazzi ne, Levinskis, Zannini, Gruosso 17, Germani 5. All. Spaggiari L.

Castenaso: Harizaj, Barbieri M. 3, Chiusolo 11, Venturoli 16, Masini 8, Rizzatti 6, Barbieri A. 10, Orsini, Stanghellini ne, Trombetti 13. All. Castelli.

Bmr inarrestabile tra le mura amiche: Bartoccetti e compagni domano Castenaso e continuano la loro rincorsa al vertice, rimanendo secondi a -2 dalla capolista Faenza. Il primo quarto è altalenante: gli ospiti vanno avanti sullo 0-3, ma subiscono il veemente ritorno degli uomini di Spaggiari, abili a portarti al 5’ sul 17-7. Castenaso reagisce e, con un canestro di Chiusolo, si riporta a -2 (22-20 all’8’), prima di un nuovo allungo Bmr targato Bertolini, che vale al numero 10 locale l’11esimo punto in 10’ giocati ed alla squadra il 27-20 con cui le due squadre vanno al primo riposo. Nel secondo periodo Castenaso prova a riavvicinarsi ma fallisce l’impresa: dopo qualche minuto di studio, i padroni di casa prendono saldamente in mano le redini del match e vanno negli spogliatoi sul +15. La ripresa vede la Bmr gestire con attenzione il vantaggio: Castenaso arriva al massimo al -14 (54-40) con l’1/2 ai liberi di Trombetti, ma non dà mai l’impressione di poter impensierire i bianco-rosso-blu; la Bmr tocca il +20 sul 60-40 con una tripla di Bartoccetti, continuando a macinare gioco e punti; nel quarto periodo non c’è partita, con Castenaso che si riavvicina solo a giochi chiusi.

NPC – MISTER AUTO 55 – 59

(15-6, 31-24, 43-37)

VSV Imola: Pieri 2, Dall’Osso, Morara, Grillini 8, Di Placido, Corcelli 10, Massari 2, Guglielmo 6, Francesconi 11, Porcellini 16. All. Solaroli.

Ghepard: Brunello ne, Riguzzi 11, Verdi 2, Nieri 12, Beccaletto 2, Tapia 2, Tullio 3, Beccari 13, Ghedini 8, Martelli 6. All. Rossi.

Dopo aver rincorso per 35’, la Mister Auto riesce ad aggiudicarsi l’incontro con Virtus Imola e porta così a casa i due punti che le consentono di non farsi distanziare troppo dalla testa della classifica. E’ stata una partita intensa ed i ragazzi di coach Rossi hanno avuto il grosso pregio di non rinunciare mai a lottare; sotto anche di sedici lunghezze, non si sono comunque arresi, riuscendo nel finale a vibrare l’affondo con cui si sono aggiudicati il match.

Starting five per i padroni di casa: Pieri, Grillini, Corcelli, Massari e Porcellini. Per i bolognesi: Riguzzi, Nieri, Beccaletto, Beccari e Martelli. La partita stenta a decollare: Ghepard Mister Auto segna il primo canestro con Capitan Nieri dopo oltre un minuto e mezzo dal fischio d’inizio e a Imola occorrono altri due minuti per iscrivere a referto i suoi primi due punti, con i liberi realizzati da Porcellini. I bolognesi si dimostrano particolarmente determinati in difesa, ma stentano a trovare la via del canestro in attacco e chiudono il primo quarto con soli 6 punti segnati (15-6). Dalla parte opposta il team di Solaroli si dimostra maggiormente concreto e riesce a incrementare lentamente ma inesorabilmente il proprio vantaggio, che raggiunge a metà del secondo quarto le sedici lunghezze (29-13). Ma la Ghepard non si arrende: la schiacciata di Nieri segna l’inizio di un parziale di 11 a 2 a favore dei bolognesi, che riescono così a ridurre il disavanzo, andando all’intervallo lungo sotto di sette lunghezze (31-24). Dopo il riposo la musica sostanzialmente non cambia: Imola mantiene le redini del match, anche se non riesce ad esprimere l’energia necessaria a chiudere definitivamente i giochi. Gli ospiti continuano a rimanere in scia, riuscendo a non farsi distanziare troppo, ma l’inerzia della partita sembra ormai segnata. A metà dell’ultima frazione, però, una bomba di Riguzzi, seguita da due  liberi di Ghedini e da una buona giocata di Nieri, da sotto, riducono lo svantaggio e, a 3’ dalla fine, una bella entrata di Riguzzi, con fallo subìto, impatta il risultato sul 53-53. Imola ribatte, ma nuovamente Riguzzi segna per il pareggio (55-55); i liberi segnati da Martelli prima e da Ghedini poi, sanciscono il risultato finale sul 55-59, con il tiro ormai inutile di Porcellini che si spegne sul ferro allo scadere.

REBASKET – TIGERS 71 – 80

(14-14; 31-38; 52-56)

Rubiera: Lasagni 9, Biello 6, Mazza ne, Pini 13, Morgotti, Negi 15, Pellegrini 6, Melli 5, Conte 11, Giudici 6. All. Piatti.

Tigers Forlì: Valgimigli E. ne, Valgimigli F., Tugnoli 19, De Pascale 14, Iattoni 12, Ravaioli 15, Poggi ne, Villa 7, Martignago 2, Donati 11. All. Conti.

ASSET BANCA – RAGGISOLARIS 56 – 81

(9-25; 25-48; 40-59)

San Marino: Macina 2, Gamberini 10, Saccani 2, Agostini 10, Cardinali, Mazzotti 6, Benzi 11, Liberti 8, Calegari. Crescentini 7. Al. Del Bianco.

Faenza: Dalpozzo 7, Dal Fiume 4, Boero 14, Castellari 2, Silimbani 23, Benedetti 9, Zambrini 2, Troni, Zytharyuk 10, Sangiorgi 10. All. Regazzi.

I Raggisolaris non potevamo festeggiare il Natale nel modo migliore. Sbancando il parquet dell’Asset Banca San Marino i faentini si laureano aritmeticamente campioni d’inverno con un turno d’anticipo conquistando così la qualificazione ai preliminari di Coppa Italia, in programma a fine gennaio contro la vincente del girone C, quello del Triveneto. Un traguardo incredibile arrivato grazie ad una marcia da record che ha regalato dieci vittorie in dodici partite. Partenza sprint per i Raggisolaris con un perentorio break di 7-0 diventato 9-2 nel giro di poche azioni. Faenza stringe le maglie difensive e segna con grandissima continuità soprattutto dalla lunga distanza, trovando in Zythryuk un insolito cecchino. Il pivot realizza infatti due triple. Altro mattatore è Silimbani con 11 punti messi a referto nel primo quarto. E’ tutta la squadra però a girare a meraviglia e così al primo riposo il vantaggio è già piuttosto consistente: 25-9. Anche nel secondo quarto l’orchestra di Regazzi suona lo stesso spartito volando sul 33-11 al 13’ e toccando il 44-15 al 29’. San Marino ha però una reazione quando Faenza non trova la via del canestro per quattro minuti portandosi sul 22-44, ma ci pensa Benedetti a sparare la tripla che sblocca i manfredi. All’intervallo i Raggisolaris conducono 48-25. Nel secondo tempo Faenza comanda i giochi senza problemi rispondendo a suon di canestri ogni volta che San Marino prova a rifarsi sotto: il divario non scende però mai sotto i 16 punti.

CLASSIFICA

RAGGISOLARIS FAENZA 20 12 10 2 834 669 +165
BASKET 2000 SCANDIANO 18 12 9 3 867 827 +40
SANTARCANGELO 16 12 8 4 933 843 +90
TIGERS FORLI’ 16 12 8 4 929 866 +63
VSV IMOLA 14 12 7 5 845 789 +56
CASTELFRANCO EMILIA 14 12 7 5 914 884 +30
GHEPARD BOLOGNA 14 12 7 5 814 846 -32
G. SCIREA BERTINORO 10 12 5 7 717 727 -10
CASTENASO 10 12 5 7 864 880 -16
SAN MARINO 10 12 5 7 824 883 -59
FIORE FIORENZUOLA 8 12 4 8 760 823 -63
BSL SAN LAZZARO 8 12 4 8 754 849 -95
SALUS BOLOGNA 6 12 3 9 800 872 -72
REBASKET RUBIERA 4 12 2 10 769 866 -97

Ultimo giro di valzer per la Femminile: il programma di serie A2, A3 e B

Ultimo turno prima delle festività natalizie e non sono previste, almeno sulla carta, sorprese per le prime della classe dei rispettivi campionati.

SERIE A2 13° giornata
GIRONE B

PFF GROUP FERRARA – VIRTUS CAGLIARI 75 – 38

(22-8; 40-25; 59-34)

Bonfiglioli Ferrara: Nori 4, Rosier 11, Cecconi 2, Rulli 12, Pocaterra, Aleotti 14, Rosset 15, Miccio 11, Missanelli, Barlati, Mini 6. All. Iurlaro.

Virtus Cagliari: Klein 20, Fava, Mastio, Innocenti 7, Saba, Pintauro, Dettori 7, Podda, Gambuzza 2, Oppo 2. All. Schirru.

TEC-MAR CREMA – BASKET FEMM.BIASSONO 90 – 41

ECODENT VILLAFRANCA – ASTRO CAGLIARI 55 – 48

INTERCLUB MUGGIA – FASSI ALBINO 56 – 66

CLASSIFICA
Bonfiglioli Ferrara 20; Vicenza, Crema 18; Villafranca 14; Albino 10; Astro Cagliari 8; V. Cagliari, Biassono 6; Muggia 2.

GIRONE C
S. MARINELLA – CARPEDIL SALERNO 71- 37

VITERBO – ALFAGOMMA 39 – 53

(11-7; 19-18; 27-31)

Viterbo: Yordanova 7, Chimenez 1, Riccobono ne, Orchi 4, Romagnoli 7, Bernardini, Mancabelli 8, Viviani ne, Spirito 12, Filoni, Raiola ne. All. Scaramuccia.

Magika Castel San Pietro: Vespignani 10, Bardasi, Capucci 2, Ballardini 3, Santucci Martina 3, Franceschelli 8, Schieppati, Matic 10, Vitari, Tosi ne, Pazzaglia, Panella 17. All. Seletti.

TRUST RISK CASTELLAMARE MARE STABIA – SRB ROMA 56 – 48

MCS HYDRAULICS ARIANO IRPINO – INFA CIVITANOVA M. 81 – 71

CLASSIFICA
Magika CSP 22; Libertas Bologna 18; Ariano Irpino 16; Santa Marinella 14; Castellamare 10; Civitanova, Viterbo 8; SRB Roma 6; Salerno 2.

SERIE A3 11° giornata
GIRONE B
BASKET SARCEDO – AVIS RIVA DEL GARDA 60 – 52

MATTEIPLAST – PALL. BOLZANO 67 – 44

(19-4; 34-18; 46-27)

Progresso Bologna:  Cordisco 14, Occhipinti 9, Zanoli 5, Dall’Aglio 2, Gorla, Storer 2, Romagnoli 9, Malavasi 19, Pignatti, Nannucci 7.  All. Annunziata.

Pallacanestro Bolzano: Pezzi 2, Giordano 3, Gottardi 6, Ognibene 9, Consorti 13, Hafner  Daniela 2,  Hafner Miriam 3,  Bertan 6, Dondi, Marabese. All. Maione.

DELSER UDINE – SISTEMA ROSA PALL. PORDENONE 58 – 63

BASKET CLUB BOLZANO – BASKET MONTECCHIO MAGGIORE 59 – 56

CLASSIFICA
Pordenone 22; Matteiplast Progresso Bologna 16; BC Bolzano 14; Montecchio, Udine 12; Sarcedo 6; Pall. Bolzano 4; Rivana 2.

SERIE B 12° giornata
BK CLUB VAL D’ARDA – POL. DIL. LAME 38 – 45

BASKET SAVE MY LIFE – BK CLUB VALTARESE 2000 61 – 66

MAGIK ROSA – ACETUM 60 – 53

(13-11, 27-24, 47-39)

Magik Parma: Luppi 7, Corsini 16, Tringale 4, Gennari ne, Molinari 10, Tomassetti, Bertolotti 2, Vaccari 13, Costi, Pavarani 2, Zoni ne, Gibertini 4. All. Lopez

Cavezzo: Brevini 16, Bellodi 1, Valenti 9, Marchetti 12, Balboni, Melloni, Tardiani 6, Todisco 3, Bernardoni ne, Calzolari 6. All. Bregoli

BEACH PARK – VIS CERVIA 76 – 36

(24-11; 39-16; 57-28)

Faenza: Bandini 16, Cataldo 2, Morsiani L. 15, Lolli Ceroni 21, Bravi, Moriconi 4, Caccoli 4, Morsiani D. 6, Bennoli 6, Samorè 4. All. Bassi.

Cervia Cesenatico: Pantani 6, Sabbatani, Belli S. 2, Belli E. 1, Rossi 1, Giordani 2, Arat, Nanni, Bonaldo 15, Currà 2, Zavalloni 7, Garaffoni. All. Montanari.

Vittoria da record per il Beach Park nel derby contro le cugine del Basket Cervia Cesenatico, regolate con un pesante passivo di quaranta punti. Un successo importante per la classifica visto che Cavezzo è caduto in casa del Magik Rosa Parma e ora la vetta dista soltanto due punti, che potranno essere colmati vincendo la gara di recupero proprio contro le parmensi. Nonostante sulla carta il derby doveva essere all’insegna dell’equilibrio, sul campo è invece durato soltanto dieci minuti. Nel secondo quarto Faenza approfitta delle scarse percentuali offensive delle avversarie volando sul 39-16, chiudendo in anticipo i giochi tanto che il secondo tempo si gioca soltanto per le statistiche.

CLASSIFICA
Cavezzo 18; Beach Park Faenza* 16; Val d’Arda Fiorenzuola, BSL San Lazzaro, Magik Rosa Parma* 12; Vis Cervia, Valtarese 8; Lame Bologna 6.

Fortitudo settebellezze. I risultati della Divisione Nazionale Giovanile

Colpaccio Fortitudo nella penultima giornata d’andata del campionato di Divisione Nazionale Giovanile. Ai primi due posti della classifica si confermano, comunque, Reyer e la non più sorpresa, Trento.

REYER VENEZIA – BLU OROBICA 85 – 73
(22-12; 48-34; 64-55)
Reyer Venezia: Tinsley 6, Bovo 4, Visconti 20, Antelli 7, Crivellari, Totè 13, Trevisan 2, Bolpin 11, Zucca 22, Romano. All. Buffo.
Bergamo: Ferri, Pasqualin 12, Perego 5, Permon 15, Bassi 18, Colombo 5, Bertocchi, Nani 5, Silva 5, Mezzanotte 8. All. Zambelli.

VIRTUS PADOVA – CRABS 90 – 68

(24-10; 46-27; 70-47)

Virtus Padova: Gallocchio 8, Bonetto 13, Berto 3, Peghin 21, Calzavara 17, Malachin 3, Ferrara, Barbato 3, Marzola 6, Salvato 2, Rizzi 6, Natali 8. All. Caiolo.

Rimini: Balic 8, Meluzzi 8, Baroni, Signorini 6, Egbutu 2, Provesi, Suarez ne, Biordi 21, Perez 10, Hadzic 13, Mavric ne, Tsirkidze ne. All. Dimitrova.

VIRTUS – REGGIANA 81 – 76

(16-11; 37-29; 60-50)

Virtus Bologna: Tassinari 22, Graziani, Sitta 7, Betti 12, Vercellino 21, Allodi 3, Magagnoli 6, Conti, Nikolic 6, Carella, Petrovic 4. All. Sanguettoli.

Reggio Emilia: Magnani 6, Mitt, Giani 4, Galeotti 8, Strautins 5, Coloretti 2, Lever 21, Riccò 2, Lusvarghi 2, Casu 1, Giglioli 2, Rovatti 23. All. Menozzi.

PONTEVECCHIO – INTERMEK 3S 56 – 52

(17-14; 29-24; 41-42)

Pontevecchio: Benuzzi 3, Bergami 9, Brancaleoni 9, Di Rauso 11, Franchini 4, Girotti 3, Mantovani 3, Melino, Riguzzi 4, Santini 5, Torresani 2, Vetere 3. All. Savini.

Cordenons: Scaramuzza, Brino 9, Stolfo, Anzil, Malattia 6, Mancin, Price 7, Canzi, Toppan, Bertola 15, Rizzetto 12, Mulato 3 All. Montena.

U.C.CASALPUSTERLENGO – FORTITUDO BOLOGNA 103 60 – 62

(17-12; 32-23; 45-35)

Casalpusterlengo: Del Vescovo 6, Costa 11, Sgorbati 4, Villani, Dincic 2, Gallinari 23, Milojevic 2, Maspero, Bergamo ne, Maghet 12, Fantauzzi, Fontana ne. All. Andreazza.

Fortitudo: Candi 20, Casali 13, Valenti 3, Lucchetta 3, Lenti 10, Galassi 9, Gambetti 3, Bertoncello 1, Pampani, Pol Bodetto. All. Breveglieri.

UNIVERSO TREVISO – AQUILA BK TRENTO 48 – 59

(9-18; 22-29; 34-50)

Treviso: Boato 4, Legnaro, Zamai ne, Sangiorgi 3, Busetto 7, Spessotto 2, Gatto 7, Festini 4, De Marchi 2, Bailo 5, Palú 14. All. Tabellini.
Trento: Della Pietra 2, Failoni, Bernardi 5, Pozza 2, Aldrighetti, Flaccadori 20, Gaye 12, Bertocchi 2, Montanarini, Bellan 4, Lenti Ceo 7, Trentin 6. All. Marchini.

CLASSIFICA

Reyer Venezia 20; Virtus Bologna, Aquila Trento* 16; Fortitudo 103 Bologna Casalpusterlengo 14; Blu Orobica Bergamo 12; Reggiana, Crabs Rimini 10; Virtus Padova* 8; 3S Cordenons, Leoncino Mestre, Pontevecchio Bologna 6; Treviso 2.

Il 13 non spaventa la 4 Torri. I risultati di C Regionale e Serie D

Porterà fortuna o sfortuna il numero 13? Magari se lo chiedono a Ferrara, nella sede dell’imbattuta 4 Torri, capolista della C Regionale che sarà di scena domenica, nell’ultimo turno del 2014, a Castelnovo Monti. Intrigante Correggio-Budrio, mentre in serie D seguite con attenzione Luzzara-Anzola e Guelfo-Riccione.

C REGIONALE

SPAL – BUDRIO 89 – 68

(30-16; 48-34; 66-55)

Correggio: Amici 4, Lusvarghi 3, Stefanini 7, Coloretti 3, Villani 6, Fassinou, Galeotti 7, Strautins 18, Casu, Magnani 11, Rovatti 27, Riccò 3. All. Paladini.

Budrio: Innocenti 4, Bonaga, Fimiani 7, Guidi, Casagrande 17, Bargiotti, Lazzari, Mannini 2, Quaiotto 18, Nanni 14, Quarantotto 2, Franzoni All. Cinti.

Buona partenza per la Spal con Rovatti in grande spolvero (22-11 dopo 5′ con 15 punti dell’ala reggiana); la buona intensità difensiva e la determinazione in attacco permettono ai gialloneri di arrivare al 27-13 sul gioco da tre di Coloretti a -3’30”. Il primo quarto si chiude con la tripla di Quattro che limita riduce lo svantaggio di Budrio (30-16). Primo canestro della ripresa per il rientrante Lusvarghi, tripla e canestro da fuori per Strautins e Correggio vola sul 37-16. Un minibreak di Budrio riduce il distacco (37-22 al 15′). Rientra anche Rovatti e segna subito il suo diciannovesimo punto (43-26 a -2’). Due conclusioni di Riccò e la tripla di Nanni fissano il punteggio all’intervallo sul 48-34. Nel terzo quarto Budrio prova a mettere in difficoltà l’attacco giallonero, ma sono Galeotti, Magnani e Rovatti a mantenere avanti la Spal. Due triple di Nanni e Quaiotto accorciano le distanze (54-44 al 24′). Magnani ed il gioco da tre di Stefanini mantengono la Spal avanti (61-48 al 27′). Sempre Quaiotto riporta sotto Budrio, ma sono due canestri di Strautins a fissare il terzo parziale sul 66-55. Sempre Quaiotto con una tripla e poi Nanni e Fimiani portano Budrio a -4 (66-62 al 33′). Tripla di Strautins e successivo canestro su assist di Stefanini che danno un po’ di ossigeno ai ragazzi di Paladini (75-66 al 35′). Tripla di Magnani e offensivo di Strautins e Spal ancora avanti sui liberi di Magnani (84-66 a -3′). Grazie a questa reazione per la Spal anche questi due punti sono ormai in cassaforte.

NOVELLARA – V. MEDICINA 74 – 72

(11-18; 29-41; 52-59)

Pallacanestro Novellara: Baracchi A. ne, Margini 8, Bartoli 1, Folloni 7, Rinaldi 3, Mariani Cerati 6, Bagni ne, Verbitchi ne, Carpi, Ciavolella 19, Colla 19, Croci 11. All. Ligabue.

Virtus Medicina: Persiani 13, Govi G. 17, Seracchioli 8, Biguzzi 12, Musolesi 11, Panico, Sighinolfi 4, Govi F. 2, Lorenzini, Astorri 3, Rossi, Canovi. All. Curti.

ME-CART – TECNOSISTEM 56 – 50

(11-15, 31-24, 47-38)

Cavriago: Violi, Fantini, D’Amore 6, Pellicciari, Ligabue 7, Leonardi 2, Fontanesi 3, Pezzi 11, Codeluppi 22, Caleffi 5, Giardina, All. Degl’Incerti Tocci.

Stars Bologna: Bitelli 6, Garrossi, Lalanne 15, Menarini 10, Skocaj 1, Landuzzi 5, Parenti 8, Flori 5, Orlando, Maestripieri. All. Cantelli

DILPLAST – BOLOGNA BASKET 2011 85 – 71

(15-21, 38-42, 60-60)

Montecchio: Grisendi 3, Lombardi 9, Ongarini 4, Guardasoni 15, Basso 16, Maggi 15, Colla, Ferrari 9, Marchini 11, Petrolini, Giglioli 3. All. Cavalieri.

Bologna Basket 2011: Gargioni 6, Chiarini A. 4, Tolomelli, Chiarini S. 11, Guerri, Lippa, Ballardini 18, Bianchini 17, Diop 4, Ayiku 11. All. Duo.

GRANAROLO – G. SAFFI 51 – 52

(17-18; 28-27; 45-40)

Granarolo Basket: Spettoli 3, Paoloni 1, Tugnoli 2, Calanchi 4, Marchi 4, Bonetti, Fava ne, Bertuzzi 4, Ferri 20, Governatori, Busi 13, Torriglia. All. Trevisan.

Giorgina Saffi Forlì: Frigoli 10, Pena 2, Conocchiari 11, Rava 3, Ravaioli 7, Piazza 6, Soldati, Serrani 4, Emiliani, Agatensi 9. All. Agnoletti.

A Granarolo va in scena un “suicidio assistito” in piena regola: infatti se la squadra di Trevisan fa di tutto per far rientrare gli avversari nell’ultimo quarto, a darle la spinta decisiva nel baratro della sconfitta ci pensa il secondo arbitro che fischia un fallo a Busi (a 1″ e 3 decimi dalla fine sul 51 pari!) che definire dubbio è quanto di più ‘delicato’ si possa scrivere al riguardo. La partita, tutt’altro che bella, si dipana fin dalle prime battute sul filo dell’equilibrio: parte meglio Forlì (5-10 al 4′) e Granarolo comincia ad appoggiare il gioco su un Ferri incontenibile (alla fine 20 punti con 10/15 al tiro, 13 rimbalzi e 27 di valutazione) che, con 10 punti consecutivi, permette ai suoi di chiudere il primo quarto ad una lunghezza dagli avversari (17-18 al 10′). Il secondo quarto comincia con un canestro di Agatensi (17-20 al 11′), poi Granarolo mette la museruola agli ospiti per 4′ e con un parziale di 6-0 passa per la prima volta a condurre (23-20 al 15′). E’ ancora Agatensi a spezzare il digiuno ospite poi le due squadre procedono a braccetto fino alla sirena di metà gara (28-27 al 20′). Al rientro dagli spogliatoi, dopo il +3 iniziale dei padroni di casa firmato da Calanchi (32-29 al 22′), gli ospiti, sfruttando un tecnico fischiato a Trevisan, rimettono il naso avanti con un 0-5 suggellato ancora da Agatensi (32-34 al 23′) che firma anche il canestro del +4 (34-38 al 25′). Granarolo torna ancora da Ferri che tiene in scia i suoi poi Busi con una fiammata delle sue firma 7 punti consecutivi confeziona il 9-0 con cui Granarolo si porta all’ultimo riposo sul +5 (45-40 al 30′). A inizio ultimo quarto Granarolo va sul +7 (49-42 al 32′) e sembra aver preso il controllo del match (7 punti in una partita a punteggi bassissimi sono tanti), ma sul più bello comincia a pasticciare in attacco non riuscendo più ad attaccare con lucidità la zona 3-2 che gli ospiti hanno adottato fin dal secondo periodo per limitare Ferri: per 4’30” non segna permettendo a Forlì di tornare a -2; Spettoli realizza ricacciando a -4 gli ospiti che subito replicano con Serrani (51-49 al 37′). Le squadre continuano a litigare con il canestro ma sull’ennesima tripla di Conocchiari andata a vuoto, Frigoli è lesto ad approfittare di una dormita a rimbalzo dei padroni di casa e sigla il pari (51-51 al 38′). Nell’azione successiva Granarolo perde palla, Forlì in attacco si affida a Conocchiari che ancora da 3 spara a salve, Rimbalzo di Ferri e 5° fallo di Serrani che manda in lunetta il centro bolognese a 45″ dalla fine: 0/2, ma rimbalzo in attacco di Spettoli che viene stoppato, ma recupera di nuovo il pallone e la dà a Ferri per una nuova palla persa. Granarolo ha ancora falli da spendere e Spettoli commette due falli su Frigoli per mangiare secondi sul cronometro. Sul secondo fallo timeout chiamato da Agnoletti a 3″ dalla fine: sulla rimessa la palla va a finire ad Agatensi in angolo marcato da Busi che è vicino all’avversario, ma fermo a braccia alte e nel suo cilindro: Agatensi nell’azione di tiro va verso Busi (ripetiamo assolutamente fermo e nel suo cilindro) e l’arbitro, tra l’altro posizionato a centro campo (con il suo collega sulla linea di fondo ad un metro dall’azione che non accenna minimamente a fischiare…), a 1″ e 3 decimi fischia il fallo che manda in lunetta l’ala ospite: primo libero realizzato e secondo sbagliato volutamente per la gioia della panchina forlivese.

FOR – NEW FLYING BALLS 83 – 87

(23-26; 53-40; 68-62)

Pontevecchio: Tinti 14, Brancaleoni 5, Galeotti 12, Luppi 2, Cruzat 7, Mantovani 2,Garagnani 19, Di Rauso 7, Bergami 7, Benuzzi 2, Girotti ne, Falzetti 6. All. Savini.

Ozzano: Pasquali, Verardi 17, Mini 7, Rossi 15, Savic, Caprara, Regazzi 15, Teglia, Guazzaloca 3, Martelli 2, Rambelli ne, Gianasi 28. All. Grandi

Priva di Rambelli, Ozzano si affida sotto le plance a Regazzi ed è proprio lui a regalare i primi punti agli ospiti. Difese un po’ allegre nella prima frazione, da una parte Bergami e Galeotti, dall’altra Regazzi e Gianasi fissano il punteggio sul 23-26 alla prima sirena. Nella seconda frazione, complice una Ozzano in bambola e una difesa troppo molle, Pontevecchio si porta in vantaggio (33-30 al 15’) e trascinati da un monumentale Garagnani (4 triple consecutive) trova un incredibile +13 all’intervallo lungo. La musica non cambia ad inizio ripresa e i padroni di casa sul +17 (59-42 al 22’) trovano il massimo vantaggio. I Flying finalmente si svegliano: Gianasi e Verardi danno la carica e questa volta è la Pontevecchio ad andare in tilt grazie anche ad una attenda e aggressiva difesa biancorossa. In 5’ un parziale di 2-18 riporta Ozzano a -1 (61-60), prima di una bomba di Di Rauso che dà la sveglia ai propri compagni. Si va all’ultimo minibreak con la For avanti di sei lunghezze (68-62). Nell’ultimo quarto i padroni di casa provano a contenere il rientro ospite, ma Gianasi si scatena e il capitano azzanese, al minuto 35, trova la bomba del sorpasso (73-74). Rossi conquista importanti rimbalzi, recupera palle in difesa e realizza canestri fino al +7. Pontevecchio risponde con il solito Garagnani che realizza 5 punti di fila, ma Gianasi, ancora dai 6,75, riporta a cinque le lunghezze di vantaggio. Nel finale la Pontevecchio spreca due rimesse, Ozzano ringrazia e i canestri di Rossi e la precisione dalla lunetta di Mini fissano il punteggio sull’81-87. Sulla sirena la For, con Tinti, accorcia fino al -4 finale. Vince Ozzano, ma onore ai ragazzi della Pontevecchio.

INDUSTRIAL PACKAGING – CVD 82 – 76

(13-24; 43-38; 60-61)

Arbor Reggio: Boselli 15, Visini ne, Braglia 2, Maione 12, Iori 19, Simonazzi 12, Franzoni 2, Costi ne, Mencarelli ne, Rustichelli ne, Alfano 5, Bytyqi 15. All. Baroni.

CVD: Gamberini ne, Spadellini 2, Mazzoli 7, Marzioni 30, Lanzi 10, Truzzi, Masetti 3, Fuzzi ne, Cuozzo 6, Taddei 1, Nannetti 8, Marcheselli 9. All. Loperfido.

LG COMPETITION – DESPAR 58 – 81

(17-26; 28-39; 49-61)

Castelnovo Monti: Canuti 9, Della Porta, Fanelli, Ferri, Generali, Paulig 24, Siani 8, Vanni, Vezzosi 4, Mallon 13, Benvenuti. All. Djukic.

4 Torri Ferrara: Burresi 4, Bertocco, Fenati 2, Brandani 18, Parmeggiani 9, Lugli 7, Martini 1, Pasquini 18, Magni, Agusto 22. All. Cavicchioli.

La partita si apre, davanti al solito magnifico pubblico di Castelnovo, con il  “Teddy Bear Toss” dopo il primo tiro libero di Francesco Canuti. Il primo quarto sembra piuttosto equilibrato con 4 Torri sempre avanti, ma di 2-3 lunghezze fino al 9’. Poi, in pochi secondi, Brandani, Pasquini e Augusto allungano a nove la distanza fra le due formazioni. Nel secondo periodo entrambe le squadre segnano poco. Si vedono Paulig, Siani e Mallon per Castelnovo e tanti liberi per Ferrara. Si va negli spogliatoi con la 4 Torri a +11 (28-39). Il rientro è Paulig contro tutti (17 punti nel quarto), con Pasquini e Agusto che continuano a realizzare con continuità. Castelnovo sbaglia tanto da sotto e non riesce a far valere fino in fondo i centimetri sotto Canestro. Ferrara non perdona i momenti di appannamento e mette un altro punto di distanza. Pessimo l’avvio dell’ultima frazione per i reggiani che segnano solo dopo quattro minuti con Siani, mentre Ferrara continua imperterrita nella propria azione di martellamento mettendo un parziale di 20 a 9. Bella davvero la capolista, sia in difesa che in attacco, ancora alla ricerca di una propria identità di gruppo, invece, Castelnovo.

CLASSIFICA

4 TORRI FERRARA 26 13 13 0 1050 795 +255
S.B. CAVRIAGO 18 13 9 4 938 819 +119
FLYING BALLS OZZANO 18 13 9 4 985 955 +30
ARENA MONTECCHIO 16 13 8 5 887 829 +58
BUDRIO 16 13 8 5 880 823 +57
L.G. COMPETITION CAST. M. 16 13 8 5 934 890 +44
VIRTUS MEDICINA 16 13 8 5 920 891 +29
G. SAFFI FORLI’ 14 13 7 6 851 855 -4
NOVELLARA 14 13 7 6 853 911 -58
CORREGGIO 12 13 6 7 970 981 -11
BOLOGNA BASKET 2011 12 13 6 7 871 908 -37
GRANAROLO BASKET 10 13 5 8 857 873 -16
ARBOR REGGIO 8 13 4 9 879 944 -65
STARS BOLOGNA 8 13 4 9 794 877 -83
CVD CASALECCHIO 4 13 2 11 813 942 -129
PONTEVECCHIO BOLOGNA 0 13 0 13 788 977 -189

SERIE D

GIRONE A

SAMPOLESE  – BAOU TRIBE 68 – 78

(21-23, 46-40, 60-60)

San Polo d’Enza: Di Maria ne, Monti 12, Minardi 16, Benevelli 2, Davoli 5, Tognoni 4, Hasa ne, Tondo 16, Maggiali ne, Bizzocchi 3, Servidei 6, Pezzi 4. All. Immovilli.

Baou Tribe San Lazzaro: Gruppi 12, Marinelli 11, Fornasari 13, Bernardi, Pirazzoli 3, Mellara 6, Forni 2, Masrè 24, Paladini ne, Capobianco 7. All. Lelli.

Una bella Sampolese, rinfrancata dal ritorno di un sostanzioso Tondo tornato a presidiare l’area dei locali dopo un lungo infortunio, dopo una partenza da paura (2-14 al 4′), illude a lungo i tifosi locali con una maiuscola prestazione di squadra contro la capolista bolognese. Trascinata da un ottimo Minardi, la compagine di casa recupera rapidamente il gap iniziale (pareggio 21-21 al  9′) passa addirittura a condurre in un secondo quarto di grande intensità (46-37 al 19′). La reazione d’orgoglio dei Baou Tribe arriva puntualmente nel secondo tempo, riuscendo a portare a casa il bottino pieno sfruttando a pieno, oltre alla intensificata aggressività difensiva, il carico di falli dei locali (Minardi, Davoli e Servidei costretti ad uscire) e la conseguente  progressiva difficoltà della compagine di Immovilli nel trovare la via del canestro (pareggio sul 60-60 al 30′ e parziale di 8 a 18 nell’ultimo quarto).

RADIOCOOP.IT –  SALSO 57 – 34

(19-9; 28-21; 47-23)

Piacenza Basket Club: Massari 6, Antozzi 11, Scarionati, Sela 1, Pirolo 10, Betti 18, Villa 5, De Lillo 4, Popov 2, Villani, Zanangeli, Markovic. All. Mambretti.

Basket Salso: Talassi 5, Aimi 6, Maccini 2, Rattotti 4, Lettieri 3, Bonzani 7, Lucchini 7, Ronchetti, Zerbini, Merli. All. Allodi.

Radiocoop.it manda in onda la nona sinfonia che vale la conferma del primo posto in classifica frutto di una striscia vincente di nove partite consecutive. Il Piacenza Basket Club conferma l’imbattibilità casalinga con 7 vittorie su 7 partite disputate (oltre all’imbattibilità casalinga di Coppa Emilia) avendo la meglio su Salso che nulla ha potuto per impensierire la capolista. Il Pala San Lazzaro, che ad ogni occasione viene puntellato con una novità (non ultima, la scritta del motto societario Never Give Up dietro i canestri), è un fattore e lo dimostra una volta in più. Se a questo aggiungiamo un gioco che va sempre più migliorando grazie al lavoro settimanale e alla disponibilità dei piacentini, il ritratto è in fase avanzata. Ma andiamo alla partita:  gli ospiti provano a partire forte portandosi in vantaggio sul 4-5, lanciando il primo guanto di sfida. E’ De Lillo, in vistosa crescita nelle ultime apparizioni, con un’azione da 3 punti con canestro e tiro libero aggiuntivo ad garantire il sorpasso per il 7-5 del 5′. Villa domina sotto canestro e con un tap in su rimbalzo d’attacco, costringe coach Allodi al primo time out della serata tra il chiasso del palazzetto. Una tripla di Massari e una di Betti allungano il vantaggio fino alla doppia cifra di scarto. 19-9. Nel secondo quarto i padroni di casa soffrono la difesa di Salso e la partita cala di ritmo e spettacolarità e con due canestri consecutivi di Maccini, Salso si riporta in scia sul 25-19 del 18′. Radiocoop.it, dopo essersi guardata allo specchio negli spogliatoi, riparte nel secondo tempio dal +7 ritrovando nel quintetto base quell’incisività sia in attacco che in difesa che le consente di fatto di chiudere in anticipo la partita. Nel terzo quarto la fiammata iniziale di Capitan Antozzi, con 7 punti consecutivi, sveglia i biancorossi e innesca l’eloquente parziale di 19-2 per Piacenza, consentendo a coach Mambretti di allungare le rotazioni sfruttando tutti e dodici i giocatori a referto.  Al 32′ la tripla di uno scatenato Betti (18 punti finali per lui con 4/6 da tre) vale il massimo vantaggio sul 50-25, che apre un lungo finale di una gara che ormai non ha più molto da dire.

TECNOFONDI – ATLETICO 74 – 71

(14-23, 27-39, 53-52)

Nazareno Carpi: Sbisà  2, Compagnoni  17, Goldoni 7, Doddi  25, Pravettoni 10, Antonicelli ne, Cavallotti, Salami 9, Saetti, Menon 4, Cantarelli ne. All. Testi.

Atletico Borgo: Campanella ne, Proto 3, Grassi 2, Sant 9, Artese 20, Selvi 6, Turchetti 8, Rossi 5, De Fazio 2, Poluzzi 2, Pedroni 6, Veronesi 8. All. Pietrantonio.

MAGIK – PALLAVICINI 61 – 67

(15-15; 33-31; 47-53)

Magik Parma: Bazzoni 14, Donadei 6, Malinverni N. 1, Malinverni L. 5, Allodi, Caravita, Diemmi, Olagundoye 13, Longinotti 14, Guidi 8, Berlinguer, Fava. All. Lopez.

Pallavicini:Tosiani 11, Pierantoni 3, Giunchedi 1, Ferraro 13, Sgargi 8, Nanni 6, Dawson 9, Bertarelli, Bastia 4, Minghetti 12. All. Morra.

PSA – FULGOR 58 – 79

(21-23; 37-46; 42-60)

Psa Modena: Tajeda, Macchelli 2, Tamagnini 2, Bertoni 22, Mezzetti, Santonastaso 9, Di Talia 2, Konadu 4, Frilli 17, Govi, D’Imprima. All. Lunghini.

Fidenza: Rigoni 11, Orsi, Rubini, D’Esposito, Ceci M. 6, Iacomino 26, Zerbini 22, Gelmini 6, Imeri 6, Longhi 2. All. Fiesolani.

AQUILA – ANZOLA 84 – 87

(24-24; 40-44; 64-62)

Luzzara: Cani 16, Costantino 18, Riccò 17, Freddi 4, Gelosini 17, Corradini, Neviani 4, Neri 8, Pasini ne, Anania ne. All. Beltrami.

Anzola: Poluzzi F. 6, Venturi D., Venturi N. 14, Acciarri, Fiorini 12, Lambertini, Kalfus 5, Gamberini, Mazza 30, Poluzzi L. 2, Zanata 18, Brancaccio. All. Sacchetti.

VIS PERSICETO – VOLTONE 65 – 60

(20-17; 34-26; 50-41)

San Giovanni in Persiceto: Scagliarini 4, Chiusoli, Morisi 6, Parmeggiani 10, Almeoni 17, Missoni 12, Genovese 10, Ramini 2, Ferrari, Rusticelli G. 2, Pederzini. All. Rusticelli M.

Voltone: Galassi 7, Ghiacci 18, Giacometti A. 13, Tubertini 3, Lombardo 2, Giacometti J. 6, Zanasi ne, Maresi 9, Varotto 2. All. Amanti.

SAN MAMOLO – FIORANO 70 – 75

(13-18; 32-29; 50-49)

San Mamolo: Gabrieli 11, Margelli 1, Beccari 5, Quadri S. 5, Rizzi ne, Martelli 4, Lamborghini 2, Boldarino 10, Quadri A. 5, Fiorentini 1, Benfenati 11, Demetri 15. All. Munzio.

Libertas Fiorano: Pivetti 4, Cracco 2, Zogaj 2, Roncaglia 21, Ruggeri 10, Galloni, Bernabei ne, Lambertini 2, Lanzellotto 4, Marescotti 18, Melegari 12, All. Casoli.

Palla a due iniziale e subito 3 a 0 per San Mamolo con una bomba di Gabrieli. Fiorano fatica subito  trovare le misure, ma con Melegari e Marescotti rimane incollato. Il neo acquisto Roncaglia (MVP a fine partita) inizia ad entrare negli schemi di coach Casoli e a far girare la squadra; in un amen, Fiorano si porta sul 12 a 4. Coach Munzio corre ai ripari e butta in campo il top scorer dei bolognesi Demetri che, con le sue scorribande nell’area di Fiorano, e aiutato dalle bombe di Benfenati (3 su 5), recupera punti per il 13 a 18 del primo quarto, per poi mettere la freccia e portarsi sul 32 a 29 della sirena lunga. Coach Casoli, decide di passare il riposo lungo sul campo e scuote i suoi ragazzi. Al rientro i risultati si vedono, l’atteggiamento sembra quello giusto, si lotta punto a punto, si difende a gomiti alti e non si contano le scintille sotto canestro e al 30’ il parziale è 50 a 49. Ultimi dieci minuti, nessuna delle due squadre vuole perdere. Coach Casoli consegna le chiavi del gioco a Roncaglia e lui risponde presente e mette a referto 13 dei 21 punti. Manda a canestro subito Marescotti per il 50-51 ed è il sorpasso decisivo. Il San Mamolo le prova tutte, anche a difendere veramente sopra le righe, ma a ogni tentativo di riportarsi sotto, è vanificato prima dalla bomba di Ruggeri, poi Marescotti, da sotto canestro, le bombe e le scorribande in area di Roncaglia, spengono poco a poco le velleità dei bolognesi e, alla sirena finale, il tabellone recita San Mamolo 70 Libertas Fiorano 75.

CLASSIFICA

PIACENZA BC 22 13 11 2 878 754 +124
BAOU TRIBE SAN LAZZARO 22 13 11 2 886 792 +94
ANZOLA 22 13 11 2 951 858 +93
VIS PERSICETO 20 13 10 3 902 798 +104
PALLAVICINI BOLOGNA 20 13 10 3 869 804 +65
VOLTONE ZOLA 18 13 9 4 910 820 +90
AQUILA LUZZARA 14 13 7 6 845 808 +37
COLLEGE FIDENZA 12 13 6 7 843 836 +7
MAGIK PARMA 12 13 6 7 790 834 -44
ATLETICO 10 13 5 8 904 899 +5
NAZARENO CARPI 10 13 5 8 846 903 -57
FIORANO 6 13 3 10 789 853 -64
PSA MODENA 6 13 3 10 830 934 -104
SAN MAMOLO BOLOGNA 6 13 3 10 825 960 -135
SAMPOLESE 4 13 2 11 807 899 -92
SALSOMAGGIORE 4 13 2 11 659 782 -123

GIRONE B

GUELFO – DOLPHINS 54 – 59

(12-19; 29-34; 40-44)

Castel Guelfo: Vastola 12, Coraini 2, Gianasi, Baccarini 6, Bernabini 10, Miceli 4, Ventura ne, Minghetti ne, D’Andola 9, Giordani 10, Bacci ne, Paluan 1. All. Serio.

Riccione: Silvestrini 17, Zaghini 3, Raffaelli 4, Amadori 13, Brattoli 4, Perini ne, Tononi, Ambrassa, Biagini, De Martin 10, Polverelli 8. All. Foschi.

Vittoria meritata per i romagnoli contro un Guelfo che ha pagato una serata al tiro da fuori negativa, con un Paluan insufficiente al cospetto dell’Mvp Silvestrini (17 punti e una marea di assist). Dopo le prime schermaglie (8-6), Riccione metteva il turbo con un parziale di 0 a 9 e poi continuava a condurre nel secondo quarto anche con vantaggi in doppia cifra (19-30 al 15’ è stato il massimo gap tra le due squadre). D’Andola riportava sotto i suoi e, poi, nella ripresa, Giordani, nonostante i suoi problemi di falli, e Baccarini, permettevano agli imolesi prima d’impattare a quota 36 e poi di mettere nuovamente la testa avanti (37-36) grazie ad un libero di Bernabini. Silvestrini, però, era immarcabile e, quando Amadori infilava anche lui una “bomba”, il tabellone segnava 41-50 a 6’ dalla fine. Vastola trascinava i padroni di casa al -4 (52-56), ma due liberi di Silvestrini, a 12” dalla fine, chiudevano ogni discorso (54-59).

MOLINELLA – ALTEDO 68 – 77

(15-11; 25-38; 38-47)

Molinella: Quartieri 6, Checcoli 12, Ricci 21, Tagliavini 2, Serio 6, Calvi 10, Ugulini, Gualandi 5, Vignudelli 6, Pascoli ne, Rubini ne. All. Baiocchi.

Altedo: Gnudi 20, Pigozzi 11, Dal Pozzo 2, Baccilieri 15, Monari 19, Zanolli 8, Balboni, Gnan 2, Ventura ne, Bulgarelli ne, Soresi ne. All. Bacchilega.

SPEM MATTEI – BELLARIA 87 – 61

(18-17; 39-31; 65-43)

Ravenna: Trerè, Basaglia 23, De Fanti 23, Vistoli 4, Cirillo, Saccardi 6, Bartolotti 6, Scaccabarozzi 2, Raspa 6, Senni 9, Morigi 8. All. Focarelli.

Bellaria: Mussoni Mi., Fornacciari 4, Stabile, Sacchetti 15, Mbaye 2, Mussoni Ma. 10, Novello 4, De Gregori 5, Verni 6, Russu 13, Bindi 2. All. Ferro.

VB – AICS 49 – 46

(7-11; 18-24; 32-40)

Grifo Imola: Di Cillo 4, Orlando 11, Pasini 13, Riga 3, Lanzoni 2, Linguerri 5, Monna, Guerra, Castelli 11, Sgubbi ne, Turrini ne. All. Tampieri.

AICS Forlì: Grossi, Bergantini, Mariani, Ruffilli, Guaglione 11, Cantore 6, Cortini 9, Gaiotti 17, Ghetti, Zamagni 3, Pusateri, Ferri. All. Chiadini.

CURTI – CESTISTICA ARGENTA 73 – 62

(19-16, 31-34, 54-49)

International Imola: Folli 15, Benghi 9.  Marchi 4, Grandolfi 7, Genoni ne, Cai, Sgorbati 18, Caprara A ne, Caprara J 2, Scaglierini 2, Dirella 2, Masoni 14. All. Fazzi.

Argenta: Magnani 4. Gribnet ne,  Taglioli 3, Spinosa 10, Cesari R. ne, Malagolini 3, Rubbini 12, Stefani 1, Brignani 5, Thiam 10, Rafan ne, Cesari F. 8. All. Panizza.

Nuovo successo della Curti, al termine di una gara spigolosa, combattuta fino quasi al termine prima che Argenta deponesse le armi. Gli imolesi partano bene con uno Sgorbati che infila alcune pregevoli triple, ma il passaggio ad un pressing a tutto campo operato da coach Panizza manda in confusione la Curti, che chiude il primo tempo sotto grazie ad uno scatenato Magnani che sostiene, si può dire da solo, il peso dell’attacco della Cestistica. Al ritorno dagli spogliatoi i ragazzi di Fazzi dimostrano più presenza nel battere la difesa asfissiante degli avversari e, sospinti da Folli, acquisiscono quel vantaggio di cinque/sei punti che riescono a mantenere sia per il terzo che per il quarto periodo, quando, solo sul finire, si dilata ad oltre i dieci punti grazie alla freddezza di Masoni dalla linea dei tiri liberi.

VENI – ARTUSIANA 64 – 72

(16-15; 28-36; 40-52)

San Pietro in Casale: Settanni, Meola, Barbieri 3, Vinci 12, Minozzi G. 12, Iannicelli 13, Ghedini, Tinti 2, Bartolozzi 20, Folesani 3. All. Minozzi M.

Forlimpopoli: Rossi 22, Manzolini, Balistreri 15, Calboli 4, Manucci 14, Vandelli, Ravaioli, Morabito 1, Chezzi 2, Evangelisti 2, Servadei 12. All. Bondi.

OLIMPIA CASTELLO 2010 – BASKET VILLAGE 66 – 59

(17-16; 37-26; 52-48)

Olimpia Castel San Pietro: Chillo ne, Franceschini 6, Corazza 22, Ziron ne, Boschi 3, Pancaldi 7, Galloni ne, Binassi 10, Farnè 2, Gianninoni 2, Sgorbati 1, Morales 10. All. Bonazzi.

Granarolo: Banzi ne, Paoloni ne, Ballini 5, Costa ne, Carrera 6, Nicotera, Nobis 6, Marega 5, Neviani 9, Pedrielli 10, Marcheselli 6, Brotza 12. All. Calore.

S.B. FERRARA – CASSANI&COSTANZI 70 – 52

(14-13; 32-25; 50-42)

Scuola Basket Ferrara: Ferrarini 14, Pusinanti 12, Zavarini, Rimondi 11, Frignani 3, Fabbri 7, Bereziartua, Romagnoni, Bottoni 6, Parigi, Bussolari 6, Malaguti 11. All. Colantoni.

Basket’95 Imola: Baruzzi 5, Spagnoli 20, Mastrilli 15, Gargioni 2, Dalmonte 1, Crisà 2, Foronci 2, Scala 5, Rossi, Mezzini. All. Brocchi.

CLASSIFICA

GUELFO 22 13 11 2 894 716 +178
OLIMPIA CASTEL S. P. 20 13 10 3 909 798 +111
ALTEDO 20 13 10 3 938 865 +73
ARTUSIANA FORLIMPOPOLI 16 13 8 5 833 794 +39
BASKET VILLAGE GRANAROLO 16 13 8 5 872 834 +38
DOLPHINS RICCIONE 16 13 8 5 893 868 +25
MOLINELLA 16 13 8 5 775 777 -2
SPEM MATTEI RAVENNA 16 13 8 5 801 804 -3
ARGENTA 14 13 7 6 896 826 +70
INTERNATIONAL IMOLA 12 13 6 7 823 826 -3
VENI SAN PIETRO IN CASALE 10 13 5 8 744 736 +8
S.B. FERRARA 8 13 4 9 743 787 -44
BASKET’95 IMOLA 8 13 4 9 853 909 -56
AICS FORLI’ 6 13 3 10 768 938 -170
BELLARIA 4 13 2 11 764 892 -128
GRIFO  IMOLA 4 13 2 11 768 904 -136
1 2 3