Monthly Archives: dicembre 2017

C.S. – La Bakery si rinforza con l’acquisto della guardia Liberati, ex Cecina

La Pallacanestro Piacentina è lieta di annunciare l’innesto di Davide Liberati, guardia di 190 centimetri proveniente da Cecina.

Classe 1992, ha iniziato la propria carriera senior con la maglia di Piombino (Serie C), per poi essere chiamato dal piano superiore per vestire i colori di Torino, Livorno, Crema e, dall’ultima estate, del Basket Cecina.
E’ Davide Liberati il primo rinforzo del Bakery
Con Liberati aggiungiamo un giocatore di spessore – spiega il presidente Marco Beccari – che va a rinforzare un gruppo qualitativamente importante ma numericamente ridotto. Il suo arrivo crea una maggiore concorrenza nel roster a disposizione di Coppeta»

C.S. – Il Basket 2000 ingaggia l’esperto play Jordan Losi

Il Basket 2000 Scandiano è lieta di ufficializzare l’ingaggio di Jordan Losi. Esperto play/guardia classe 1980, già visto in terra reggiana anni fa quando a Cavriago formò una coppia di realizzatori mortiferi insieme a Simone Cervi, Losi ha mosso i primi passi nella Fortitudo Bologna per poi iniziare una lunga carriera in giro per la penisola, facendo tappa, tra le altre, a Torino, Cento, Ferentino e Verona.

Nel 2010 l’approdo a Mirandola/Poggio Rusco, dove in maglia Dinamica è protagonista di un quadriennio dai risultati stratosferici, che porta il club dalla C Dilettanti alla serie A2. A quel punto passa prima a Tortona e poi a Ferrara, mentre nel 2016/17 ha militato prima a Cefalù e poi a San Severo.

A Jordan – che arricchirà il roster bianco-rosso-blu con la sua esperienza, oltre alle innegabili doti offensive, e si aggregherà alla squadra già dal 2 gennaio – il più grande in bocca al lupo oltre all’immancabile “benvenuto” nella famiglia Bmr.

Under 15, il Petrarca vince il “29° Torneo Città di Gallo”

Il Petrarca Padova ha vinto il “29° Torneo Città di Gallo”, manifestazione riservata agli Under 15, superando in finale la Reyer Venezia per 82-70. Terzo posto per la Virtus Bologna.

“29° TORNEO SANTO STEFANO CITTA’ DI GALLO”

QUARTI

Leoncino Mestre – Virtus Bologna 76 – 87

Petrarca Padova – Vis 2008 Ferrara 81 – 65

Oxygen Bassano – Scandone Avellino 100 – 84

Reyer Venezia – BSL San Lazzaro 79 – 60

SEMIFINALI

Leoncino – Vis 2008 97 – 62

Scandone – Bsl 76 – 74

Virtus – Petrarca 61 – 85

Oxygen – Reyer 68 – 77

FINALI

7°-8° Vis 2008 – BSL 61 – 65

5°-6° Leoncino – Scandone 80 – 87

3°-4° Virtus – Oxygen 93 – 87

(21-23; 36-35; 64-53)

Virtus Bologna: Anesa, Nicoli, Minelli, Albonetti, Mazzoli 2, Scagliarini 17, Colombo 26, Barbieri 14, Ruffini 21, Salsini 13, Galli. All. Fedrigo.

Bassano del Grappa: Nnabuife, Valente 2, Agbamu 26, Mabilia, Siviero, Della Valle 2, Massa 2, Ojo 47, Pavin 8. All. Gallea.

Terzo posto per una buona Virtus, mentre Bassano è stata troppo dipendente dal duo Ojo (2004)-Agbamu (73 punti sugli 87 complessivi).

Dopo un inizio in equilibrio (14-14 al 6′), era l’Oxygen a cercare l’allungo (14-21). Nel secondo quarto le percentuali si abbassavano ed i felsinei chiudevano il periodo col minimo vantaggio ed un ottimo Ruffini ben supportato da Barbieri. Nella ripresa la Virtus allungava grazie anche ad un ottimo Scagliarini e saliva a +11 sul 59-48. Sul 74-67, al 24′, quinto fallo del totem Barbieri e Ojo si scatenava riportando i veneti a contatto (78-74 al 36′). Colombo era decisivo e nel finale, pur con qualche sofferenza, Bologna portava a casa un meritato podio.

1°-2° PETRARCA – Reyer 82 – 70

(26-22; 35-36; 51-52)

Petrarca Padova: Marchesini 10, Giordano 28, Lunardi 3, Paccagnella, Zocca 7, Gaspari 12, Curculacos 4, Bovo 2, Desci, Traore 2, Dia 14, Allegro. All. Pauletto.

Reyer Venezia: Bolpin 17, Casarin 14, Novelli 2, Mafolino 7, Berdini 3, Cappellotto 3, Grani 8, Cravero 16, Valentini. All. Turchetto.

Si è confermato il risultato del campionato cioè Padova batte Venezia, ma è stata una bellissima battaglia ed il punteggio finale è assolutamente bugiardo.

Nella prima frazione il Petrarca fa valere il suo superiore impatto atletico figlio dei due colored Dia e Traore (mai, però, in campo insieme), ma la Reyer, con Cravero, reggeva bene all’urto. Nel secondo quarto si scatenava il figlio d’arte Casarin (26-30 al 15′), ma il suo terzo fallo era un pesante macigno. I lagunari raggiungevano il massimo vantaggio sul 35-40 al 22′, poi, nonostante l’ottimo Bolpin, Padova impattava a quota 46 al 26′. Iniziava una lunghissima volata che si decideva negli ultimi tre minuti: sul 65-66, era fondamentale Dia, poi Giordano (17 punti negli ultimi 10′) s’inventava un gioco da tre punti per il 73-66 a -1’41”. Venezia non mollava, ma un tecnico a Turchetto, a -39″, chiudeva i giochi perché il play Giordano era implacabile dalla lunetta e poi, allo scadere dei 24″, colpiva dalla lunga distanza: 79-69 e game over.

Serie B, Cento doma Lecco, vincono anche Piacenza e Crema

SERIE B/B 15° Giornata

RIMADESIO – TIGERS 72 – 51

(17-11; 29-26; 53-43)

Desio: Perez 18 (5/9, 1/7), Fumagalli 16 (3/6, 2/5), Casati 13 (2/3, 3/6), Brown 8 (1/1, 2/5), Corti 7 (2/3), Fiorito 5 (1/3, 1/3), Parma 5 (1/1, 1/3), Mazzoleni (0/1), Canzi (0/1), Torchio ne, Binaghi ne. All. Frates.

Tigers Forlì: De Fabritiis 16 (3/6, 3/5), Papa 14 (3/11, 2/3), Sacchettini 8 (3/5), Cicchetti 6 (3/4, 0/1), Battisti 3 (0/3, 1/3), Carpanzano 2 (0/4, 0/3), Antonaci 2 (1/2), Villani (0/2, 0/1), Zani (0/1, 0/1), Agatensi, Puntolini (0/1), Rossi ne. All. Di Lorenzo.

GORDON – BMR 90 – 84 dts

(23-22; 45-46; 62-65; 75-75)

Olginate: Siberna 32, Todeschini 9, Tagliabue 19, Rota 6, Colnago ne, Bassani 13, Marinò 9, Butta ne, Maver 2, Seck, Monetti, Bonfanti ne. All. Galli.

Basket 2000 Scandiano: Malagutti 12, Verrigni 5, Fontanili, Bertolini 9, Farioli 8, Manini ne, Dias ne, Motta 12, Pugi 23, Germani 15. All. Eliantonio.

Si chiude con una sconfitta al supplementare il girone d’andata della Bmr, che cade sul campo della Nuova Pallacanestro Olginate nell’ultima gara del 2017. Dopo oltre trenta minuti equilibrati, Malagutti firma il break che sembra regalare il ritorno al successo ai suoi (70-75), ma una tripla di Siberna chiude un parziale interno di 5-0 e permette ai lombardi di tornare in parità, con Motta che fallisce la conclusione della vittoria a 4” dalla sirena. Nell’overtime, Pugi fallisce il potenziale gioco da 3 punti sull’80-81, poi è il solito Siberna a firmare il +2 locale con l’ennesima conclusione pesante della sua splendida gara; a chiudere i conti è un’altra conclusione pesante, stavolta di Bassani, a 32” dalla fine.

BAKERY – ORVA 102 – 94

(29-30; 55-51; 79-67)

Piacenza: Bracchi ne, Rombaldoni 17, Stanic 14, Bruno 8, Perego 20, Guerra 8, Pederzini 25, Maresca, Guaccio 2, Birindelli 8, Libè ne. All. Coppeta.

Lugo: Valentini 2, Tinslay 13, Galassi 6, Mihajlovski ne, Seravalli 12, Filippini 8, Moretti 12, Stanzani 11, Rubbini 14, Collina ne, Thiam 11, Gatto 5. All. Galetti.

La Bakery batte Lugo, dimentica Rimini e conquista la coppa Italia. In una partita ad altissimo punteggio, ai biancorossi basta un buon terzo periodo difensivo per aver ragione dei romagnoli e infilare la dodicesima vittoria stagionale e chiudere il 2017 augurando buon Natale a se stessa e ai propri tifosi.

Partenza a ritmi alti al PalaSport di Largo Anguissola, con la Bakery che prova ad aggredire offensivamente il match. L’inizio è tutto di marca Birindelli, Pederzini, Stanic che producono in quantità industriali e mettono il +7 a tabellone, sul 17-10 al 5′. La partita viaggia a ritmi folli e la gioventù di Lugo torna sotto cavalcando l’intensità e la vena offensiva di Filippini (8) e Thiam (7). Gli ospiti a fine periodo vanno anche avanti sul 29-30 con la bomba di Rubbini.  A inizio secondo periodo l’Orva continua sulla falsariga della fine del primo periodo e trova anche il +6 sul 31-37 con i punti si Seravalli, ma anche con l’apporto dei giovani come Galassi e Gatto. Piacenza reagisce e inizia a difendere con l’ingresso di Bruno e continua a cavalcare un Pederzini deluxe da 16. La fine del periodo è consegnata a Perego e Stanzani (9&9) che conducono il match fino al 55-51 del 20′. I terzi dieci minuti vedono una Bakery con la faccia cattiva soprattutto in difesa. I ragazzi di Coppeta mettono le marce alte nella propria metà campo ed iniziano a costruire un parzialone che la porterà al +19 a fine periodo. Rombaldoni, Pederzini, Stanic e la solita fluidità offensiva perforano a più riprese la difesa ospite e il tabellone dopo aver recitato anche 77-58, tira le somme sul 79-67. Nell’ultimo periodo i pochi falli permettono tanto ritmo per ambo le formazioni. Lugo prova a non mollare la partita ma la Bakery cavalcando Ricky Perego (20) e gli attributi di Filippo Guerra (due bombe) mantiene dieci lunghezze di vantaggio per otto minuti. Negli ultimi due, le bombe di Rubbini e Seravalli provano a installare qualche dubbio ai biancorossi che però mantengono la calma e portano in salvo la 12esima vittoria stagionale.

ISEO SERRATURE COSTA VOLPINO – VIRTUS BK PADOVA 88 – 85 dts

PALLACANESTRO CREMA – REKICO FAENZA 61 – 51

(9-19; 19-35; 37-47)

Crema: Dagnello 27, Del Sorbo 7, Ciaramella ne, Poggi 6, Paolin 5, Ferraro, Fugazzola ne, Molteni 8, Gazzillo ne, Amanti, Bianchi 8. All. Salieri.

Faenza: Aromando, Samorì ne, Perin 14, Silimbani 4, Benedetti, Venucci 11, Iattoni 6, Milosevic ne, Chiappelli 11, Brighi. All. Regazzi.

Niente regalo di Natale per la Rekico, caduta tra mille recriminazioni a Crema dopo essere stata in vantaggio anche di 19 punti. Un black out dovuto anche ad un arbitraggio che ha tollerato il gioco fin troppo sopra le righe di Crema, sanzionando pochi falli a favore di Faenza nel momento in cui i lombardi hanno piazzato il break di 26-0: emblematici i 26 tiri liberi avuti da Crema contro i 13 dei faentini. Nonostante la sconfitta, la Rekico chiude il girone d’andata al quinto posto, stesso piazzamento con lo stesso ruolino di marcia (9 vittorie) della scorsa stagione.

E pensare che il primo tempo della Rekico è stato ai limiti della perfezione con la squadra che ha giocato un’ottima pallacanestro non risentendo dell’assenza di Pagani, messo ko dall’influenza poche ore prima della partita. Coach Regazzi dimostra di aver studiato nei dettagli l’incontro, sorprendendo Crema con una difesa attenta e aggressiva e un attacco micidiale da tre punti. Sono proprio le triple a regalare l’allungo di 19-9 alla fine del primo quarto e il 35-16 a pochi minuti dall’intervallo: difficile trovare un migliore in campo, perchè ogni giocatore è utile alla causa. Al riposo lungo i romagnoli conducono 35-19. Crema rientra però in campo con uno spirito differente, pressando a tutto campo e mettendo le mani addosso agli avversari, con gli arbitri che lasciano correre. La Rekico continua a mantenere l’inerzia e al 27′ conduce 47-30, poi sale in cattedra Dagnello e i lombardi riaprono i giochi. Faenza non trova la via del canestro fino al 37′ non venendo tutelata a rimbalzo, mentre Crema continua a colpire confezionando il break di 26-0, passando a condurre 56-47. La Rekico non molla e ritorna sotto fino al 56-51, non riuscendo nell’aggancio, vedendo nel finale uscire Iattoni e Venucci per falli piuttosto discutibili. Finisce 61-51 per Crema.

BALTUR – BASKET LECCO 70 – 65

(20-26, 14-16, 21-14, 15-9)

Cento: Rizzitiello 20 (4/6, 3/5), Benfatto 12 (5/6, 0/0), Vico 10 (2/5, 1/4), Pasqualin 8 (3/4, 0/2), D’Alessandro 4 (2/5, 0/1), Cantone 2 (1/6, 0/2), Ba 2 (1/3), Graziani, Govoni, Mastrangelo, Piunti. All. Benedetto.

Lecco: Cacace 19 (1/3, 4/9), Balanzoni 14 (4/8, 1/2), Morgillo 8 (1/3, 2/3), Maccaferri 7 (2/7, 1/2), Solazzi 6 (3/10, 0/5), Spera 6 (3/4, 0/1), Fabi 5 (1/5, 1/6), Calò, Ratti, Riva, Garota, Vitelli. All. Meneguzzo.

La Baltur supera anche l’ostacolo Gimar e chiude il girone di andata con un impressionante ruolino di marcia da quattordici successi in quindici partite disputate, al termine di una gara in cui una mai doma Lecco ha messo in serie difficoltà la capolista, uscita vincitrice al termine di un’autentica battaglia grazie ai canestri di Rizzitiello, al fosforo di Pasqualin e alla solidità di un collettivo capace di sopperire alle molteplici avversità costituite dall’assenza di Piunti, dall’infortunio di Rizzitiello, dall’espulsione di Vico e dalla forza degli avversari.

La cronaca del match, detto delle assenza dell’ex Piunti da una parte e di Quartieri dall’altra, racconta di un primo quarto di marca lecchese, con Balanzoni e Cacace brillanti protagonisti di una frazione da ben 26 punti realizzati, con vantaggio ospite che raggiunge le nove lunghezze in apertura di secondo periodo (20-29). A tirare fuori Cento dalle sabbie mobili ci pensa Rizzitiello, che impatta a quota 29 e poi abbandona il campo per infortunio, a poco più di 4’ dall’intervallo lungo. La Baltur si ritrova successivamente a +3 (32-29), ma poi smarrisce la via del canestro e la Gimar rientra negli spogliatoi con un patrimonio di otto punti da difendere (34-42). Nella ripresa, Benedetto rimette in campo Rizzitiello per saggiarne le condizioni e con “l’Ammiraglio” in campo, Cento si riprende l’inerzia di una gara che nuovamente si complica, nel momento in cui Vico viene espulso per somma di falli tecnici, a poco più di 2’ dalla fine di un terzo quarto che si conclude col sorpasso di Lecco (55-56). Nell’ultima frazione la Gimar vola a +6, Rizzitiello accorcia le distanze, ma Cacace gela il Pala Ahrcos con una tripla che ristabilisce le distanze tra le due squadre, a poco più di cinque minuti dall’epilogo. La Baltur la raddrizza con Chiera e con un provvidenziale Pasqualin, che pesca il quinto fallo di Maccaferri, segna quattro punti in fila e infine manda a canestro Benfatto (68-64). Nel finale, un fallo di D’Alessandro su Cacace concede tre tiri liberi all’esterno ospite, che però spreca l’opportunità di rimettere in discussione il risultato, fallendo due dei tre tentativi a disposizione. La firma sui tiri liberi della staffa ce la mette uno stoico e stremato Rizzitiello, icona di una Baltur che non molla mai e che al primo turno di Coppa Italia troverà Palestrina, seconda forza del girone D.

GREEN BASKET 99 – TRAMAROSSA VICENZA 72 – 78

LISSONE INTERNI – NTS INFORMATICA 82 – 89 d2ts

(15-16; 29-31; 55-50; 70-70; 75-75)

Bernareggio: Bossola 22 (2/7, 5/10), Baldini 20 (4/10, 2/6), Ruiu 16 (5/7, 2/4), De Bettin 12 (4/9, 0/7), Restelli 6 (3/3, 0/5), Bortolani 6 (1/7, 1/5), Vecerina (0/2, 0/2), Monina, Giardini, Tomba, D’Ambrosio, Pastori. All. Cardani.

Rimini: Foiera 26 (5/7, 3/3), Signorini 21 (5/11, 3/5), Tiberti 14 (6/10), Myers 14 (1/3, 2/6), Busetto 12 (1/6, 2/6), Sipala 2 (0/3, 0/1), Caroli (0/4, 0/1), Galassi, Tartaglia, Dolzan, Moffa. All. Maghelli.

CLASSIFICA

P G V P
Baltur Cento 28 15 14 1 93.3
Bakery Piacenza 24 15 12 3 80.0
Pallacanestro Crema 24 15 12 3 80.0
Gimar Basket Lecco 20 15 10 5 66.7
Tramarossa Vicenza 18 15 9 6 60.0
Rekico Faenza 18 15 9 6 60.0
Tigers Forlì 16 15 8 7 53.3
Virtus Padova 14 15 7 8 46.7
Gordon Nuova Pall. Olginate 14 15 7 8 46.7
Pallacanestro Aurora Desio 14 15 7 8 46.7
Orva Lugo 12 15 6 9 40.0
NTS Informatica Rimini 12 15 6 9 40.0
Lissone Interni Bernareggio 10 15 5 10 33.3
Green Basket Palermo 6 15 3 12 20.0
Bmr Basket 2000 Reggio Emilia 6 15 3 12 20.0
Iseo Serrature Costa Volpino 4 15 2 13 13.3

U20, la Virtus batte Cantù, ribalta la differenza canestri ed ipoteca il primo posto

UNDER 20 13° Giornata

JUNIOR BASKET – SALUS PALL. 64 – 67 dts

(10-17; 23-28; 37-49; 59-59)

Ravenna: Kertusha 9, Montigiani, Cinti 11, Martelli 4, Donati 3, Di Meglio, Dell’Omo 23, Mazzini 3, Rossi 8, Carpi 3. All. Taccetti.

Salus: Conidi 20, Branzaglia 12, Zambonelli 2, Casarini 11, Ballandi 1, Paciello 6, Solmi 1, Simoni 12, Tubertini 2, Venturi. All. Ansaloni.

BAKERY – ASSIGECO 42 – 73

(7-24; 23-42; 34-57)

Piacentina: Baldini, Libè 10, Boselli, Dmitrovic 10, Villa 2, Bracchi 2, El Agbani ne, Orlandi, Maresca 4, Guaccio 8, Zermani 6. All. Casella.

Piacenza BC: Diouf 10, Scekic 14, Pari 7, Livelli 17, Montanari 6, Migliorini 4, Peviani 2, Seye 4, Zucchi, Oriti 9. All. Mambretti.

CASSA DI RISPARMIO – COCOON 72 – 50

(21-14; 36-22; 49-36)

Fortitudo 103: Mandini 24, Pontrelli, Cenni 7, Boniciolli 17, Muzzi 1, De Denaro 2, Mazzotti 12, Barattini 4, Zanetti 2, Vietri 3, Zucchini. All. Comuzzo.

Lissone: Saccardi 1, Gatti 8, Morse 6, Mladenovic 6, Morandi 2, Tedeschi 10, Grassi 2, Tremolada 2, Ferraresi 7, Fortunati 6. All. Cardinali.

VIRTUS PALL. – TEAM ABC 85 – 72

(25-11; 50-28; 70-54)

Virtus: Gianninoni, Petrovic 15, Nanni 1, Rubbini 15, Rossi 25, Jurkatamm 7, Berti 8, Venturoli 10, Oyeh, Chessari 4. All. Vecchi.

Cantù: Tremolada 13, Molteni 14, Cucchiaro 4, Nasini 7, Ronchetti, Ruzzon 7, Gatti 2, Borsani, Chinellato 9, Olgiati 10, Tartamella, Bet 6. All. Visciglia.

Match dai due volti alla “Porelli”. Per i primi diciotto minuti si era vista in campo solo la Virtus, ma, nella ripresa, grazie anche ad una zona mobile, Cantù ha recuperato quasi tutto lo svantaggio, spaventando la formazione di coach Vecchi.

La cronaca: dopo le prime schermaglie (4-2 al 2′), la Virtus prendeva in mano le redini dell’incontro grazie ai canestri di Rossi (top scorer del match con 25 punti), di un miglioratissimo Berti e di Rubbini (8 punti nel primo quarto). All’ottavo il tabellone segnava 21-6, con i brianzoli che tenevano botta fino al 41-19 del 16′ (bene Venturoli da una parte e Chinellato dall’altra), per poi scivolare a -27 (48-21 al 18′). Qui i felsinei facevano l’errore di pensare di aver già vinto e, invece, poco alla volta, Cantù si riportava sotto. Nella terza frazione i bianconeri riuscivano a mantenere il vantaggio comodamente in doppia cifra (59-37 al 24′, 69-54 al 28′), ma gli ospiti ci credevano e trovavano linfa da tutti, a cominciare dalla coppia di piccoli Molteni-Tremolada. Proprio la guardia col numero 2 firmava il 70-62 e poi il 73-66. La botta di adrenalina la dava il play Molteni col 74-70 a 4′ dalla fine, ma, nel momento più buio, era decisivo un gioco da tre punti di Rubbini. Dal 77-70, il match era tutto in discesa per i padroni di casa, anche perché Jurkatamm infilava la tripla che chiudeva ogni discorso sull’82-72 al 38′ e a rimbalzo non c’era storia. L’ABC provava a difendere il +4 dell’andata, ma non c’era nulla da fare. Appuntamento per la “bella” nella fase ad orologio.

RECUPERO

JUNIOR – PIACENZA BC 51 – 79

CLASSIFICA

Virtus Bologna 24; Cantù* 18; Fortitudo Academy Bologna, Piacenza BC 14; Piacentina 12; Lissone 10; Salus Bologna 8; Junior Ravenna* 2.

UNDER 18 13° Giornata

VIS 2008 – VIRTUS PALL. BOLOGNA 80 – 77

(11-23; 41-41; 59-60)

Vis Ferrara: Salvardi 2, Bogliardi 14, Labovic 13, Ghirelli, Antoci 2, Castaldini, Biolcati 6, Natali 23, Favali 2, Manojlovic 8, Zanirato. All. Franchella.

Virtus: Nicoli, Deri 4, Giuliani 2, Salsini 8, Nanni 9, Jurkatamm 21, Bianchini 1, Vivarelli, Camara 11, Bertuzzi 6, Cavallari, Chessari 15. All. Vecchi.

CASSA DI RISPARMIO FORTITUDO103 – SALUS PALL. BOLOGNA 71 – 64

(19-22; 35-32; 58-46)

Fortitudo: Cappelli 4, Boniciolli 9, Cinti 4, Prunotto 6, Ranieri 20, Barattini 6, Tognoni 4, Laghetti 2, Youbi 3, Franco 5, Zanetti 2, Balducci 6. All. Lolli.

Salus: Corti, Arletti 19, Morra 1, Negrini 13, Raspanti 9, Lambertini 1, Dallacasa 6, Omicini 10, Marchetta 2, Tabellini 4, Cocchi. all: Bacchilega

G.S. INTERNATIONAL BASKET – POL. PONTEVECCHIO 69 – 81

(10-19; 34-33; 53-51)

International Imola: Spinosa 3, Malverdi 9, Calabrese 11, Poli 9, Zaccherini, Ricci Lucchi 5, Bisi 3, Wiltshire 14, Sentimenti, Bollati 2, Ravaglia 13. All. Dalpozzo.

Pontevecchio: Giorgi, Conti 17, Faldella, Folli 21, Lorusso 4, Secchi 10, Boni 2, Minerva 5, Bartolini 17, Tomsa, Zanetti, Barbato 5. All. Carretto.

Sfuma nel finale la seconda vittoria per l’International. L’inizio è di marca biancorossa, poi Barbato dà il la a un parziale dei granata ospiti che dal 5-4 porta al 7-13 quando mancano due minuti e mezzo alla prima sirena. Pontevecchio gioca in velocità, mentre l’International fatica a costruire buoni tiri e molte volte è costretta a sparacchiare sulla sirena dei 24 secondi. Tutt’altra faccia mostrano i ragazzi di casa alla ripresa del gioco e con un perentorio 10-0 mettono la testa avanti, guidati da Poli e Calabrese con Spinosa a mettere il canestro del sorpasso dopo tre minuti. Si va avanti punto a punto finché due palle perse velenose ridanno fiato agli ospiti che conquistano due possessi di vantaggio, ma Poli e Malverdi richiudono il gap e mandano l’International al riposo con un punto di vantaggio. Wiltshire in apertura di terzo quarto segna sei punti filati e fa andare a + 4 l’International, poi il sempre positivo Ravaglia ne mette altri sei di fila e permette ai suoi di allungare fino al massimo vantaggio (49-43). Nel finale di quarto però l’inerzia cambia e gli ospiti rientrano fino alla parità col primo canestro dell’ultimo periodo. Il parziale iniziale a favore degli ospiti si interrompe dopo un 0-8 sanguinoso (53-57), che scava il solco definitivo tra le due squadre. Non bastano Wiltshire e Ricci Lucchi a ricucire (60-64), perché da lì in poi gli ospiti tirano una sequenza impressionante di liberi, per il tentativo di rientrare col fallo sistematico, con ottime percentuali e il divario invece di diminuire cresce di nuovo fino a un non meritato +12 finale.

CRABS – B.S.L. 57 – 76

(16-19; 26-41; 38-59)

Rimini: Rinaldi, Trunic 17, Lonfernini, Del Fabbro 2, Ferrari 3, Zambianchi, Tongue 9, Iannello 15, Mladenov ne, Puzalkov 1, Berni 8, Giorgi 2. All. Casoli.

San Lazzaro: Recchia 12, Scapinelli 5, Righi, Paratore 16, Corradini 6, Serra, Tepedino 2, Perini 8, Rosa 4, Naldi 16, Pistillo 6, Zuppiroli 1, All. Bettazzi.

CLASSIFICA

Virtus Bologna 22; Reggiana, Fortitudo Academy 18; Vis 2008 Ferrara 16; Bsl San Lazzaro 10; Crabs Rimini, Pontevecchio Bologna 8; International Imola, Salus Bologna 2.

Trofeo Ferrari, la finale sarà Fiorenzuola-Flying Balls

TROFEO FERRARI

Semifinali

ALBERTI E SANTI – SALUS PALL. 78 – 62

(18-22; 33-34; 54-47)

Pallacanestro Fiorenzuola 1972: Galli 16, Sichel 12, Resca ne, Zucchi 2, Trobbiani 2, Zaric 10, Scekic 9, Marletta ne, Lottici M. 5, Klyuchnyk 13, Donati ne, Garofalo 9. All. Lottici S.

Salus Bologna: Savio 5, Branzaglia 5, Amoni 12, Granata 13, Tugnoli 12, Polverelli 7, Stojkov 2, Arletti, Gebbia, Trentin 6. All. Fili.

LA.CO. – VIRTUS SPES VIS 69 – 57

(15-18; 33-35; 55-50)

Flying Balls Ozzano: Folli 9, Masrè 2, Morara 6, Chiusolo 9, Corcelli 9, Lalanne, Magagnoli 7, Zambon ne, Martini, Dordei 11, Agusto 16, Agriesti. All. Grandi.

Virtus Imola: Dalpozzo, Dal Fiume, Boero 9, Nucci 5, Creti ne, Casadei 9, Ranocchi 5, Sassi, Sangiorgi 2, Zhytaryuk 24. All. Tassinari.

Ozzano è la seconda finalista dopo aver, meritatamente, sconfitto la Virtus Imola. Gara vera, almeno se guardiamo rotazioni e minutaggi dei protagonisti più attesi, e decisa nell’ultimo quarto quando i gialloneri hanno finito la benzina.

La cronaca: uno scatenato, dalla lunga distanza, Boero faceva la differenza nei primi dieci minuti, con i Flying Balls che rimanevano in scia sull’asse Agusto-Dordei (13 punti sui 15 complessivi). Nella seconda frazione, Sangiorgi siglava il massimo vantaggio esterno (17-24 al 14′), ma i padroni di casa non mollavano e prima impattavano a quota 27 con un gioco da tre punti di Magagnoli e poi mettevano la freccia con un canestro di Corcelli (29-27). Pausa lunga e subito 4-0 per Ozzano e time out per coach Tassinari. Reazione imolese (leggasi soprattutto Zhytaryuk) e 39-43 al 24′. Il massimo vantaggio esterno era 40-45 col diciannovesimo punto del lungo ucraino, poi, lungo black out della Virtus e controbreak di 9-0 con un Agusto in grande spolvero. Brutti gli ultimi dieci minuti: dal 55-50 del 30′, si passava al 57-50 del 34′. Pochi i fischi e tanti gli errori. La sfida la chiudeva virtualmente, a due minuti dalla fine, Chiusolo col coast to coast del 65-55. La palla, con l’anno nuovo, passerà nuovamente al campionato.

Trofeo Marchetti, il 6 gennaio a CastelGuelfo in campo Atletico e Selene

TROFEO MARCHETTI

Semifinali

MAGIK BASKET – ATLETICO BASKET 48 – 67

(9-27; 25-43; 35-49)

Magik Parma: Bazzoni 2, Donadei, Malinverni N. 7, Bocchia 3, Malinverni L. 9, Ceci 10, Caravita 2, Montagna 7, Diemmi 4, Allodi, Berlinguer, Botti 4. All. Raffin.

Atletico: Veronesi Gr. 13, Campanella F. 3, De Simone 2, Diop, Artese 3, Pedevani, Flori 20, Savic 5, Campeggi, Rosati 11, Campanella E. 10, Pedroni. All. Pietrantonio.

BASKET VILLAGE – SELENE BK S.AGATA 61 – 89

(19-21; 29-35; 40-61)

BK Village Granarolo: Dalla 6, Martinelli 2, Paoloni 7, Cerulli 6, Banzi, Landuzzi 3, Poli 3, Marcheselli 6, Pani 16, Meluzzi 3, Polo 4, Nicotera 5. All. Ansaloni.

Sant’Agata sul Santerno: Pasquali 18, Gaddoni 2, Pirazzini 8, Vignudelli 14, Carlotti 4, Mastrilli 11, Caprara 12, Brignani, Baldrati 9, Trerè 11. All. Lanzi.

C.S. – La PSA tessera il pivot montenegrino Vucinovic

La società Psa Basket  è lieta di annunciare il perfezionamento di un importante operazione in entrata: ad approdare a Modena è il forte pivot montenegrino Vjekoslav Vucinovic.

Classe ’95, 202cm x 97 kg, dopo aver superato le visite mediche attitudinali ed i test tecnici di coach Fabio Spettoli, Vucinovic ha scelto la maglia numero 15.

Vucinovic, proveniente dalla formazione del KK Sutjeska, formazione militante nel massimo campionato montenegrino, nella passata stagione si è brillantemente messo in mostra con una media di 13 punti 8.6 rimbalzi e 6.5 assist per gara.

Ecco le prime parole di Vucinovic in maglia modenese: “Sono veramente contento della mia scelta di approdare in Italia, a Modena. Sin dal primo allenamento ho trovato un gruppo genuino che lavora moltissimo e si mette completamente a disposizione di coach Spettoli. Motivo importante della mia scelta di approdare a Modena è la presenza di coach Stefano Michelini con il quale ho immediatamente iniziato a lavorare sodo a livello quotidiano. Penso, con molta sincerità, che la classifica sia bugiarda perché il livello della squadra è buono ed in costante aumento. Non vedo l’ora di scendere in campo, sono certo che al termine del campionato centreremo la salvezza”.

Serie B, la trappola Rimini affonda la Bakery. Baltur a +4 sulle inseguitrici

SERIE B/B 14° Giornata

REKICO – RIMADESIO 96 – 70

(23-19; 48-33; 73-48)

Faenza: Aromando 11, Samorì 3, Perin 6, Silimbani 10, Benedetti 6, Venucci 18, Iattoni 15, Pagani 9, Milosevic 3, Chiappelli 15, Petrini, Brighi ne. All. Regazzi.

Desio: Perez 20, Canzi 3, Fumagalli 8, Binaghi ne, Brown 5, Fiorito 11, Parma 3, Casati 11, Corti 5, Mazzoleni 4. All. Frates.

Una Rekico ai limiti della perfezione chiude in soli venti minuti il match contro Desio, una delle squadre più in forma del campionato. Il 96-70 finale descrive al meglio un match da applausi, dove ogni giocatore riesce ad essere protagonista, compresi i giovani Petrini (al debutto in serie B) e Samorì, che firma la sua terza tripla in serie B. Una prestazione ancora più esaltante se si pensa che Brighi ha dovuto seguire la partita dalla panchina per colpa di un problema alla schiena. Con questa vittoria la Rekico sale al quinto posto e conquista la quinta vittoria consecutiva, chiudendo il 2017 casalingo con un bilancio di 14 vittorie in 17 partite e un perfetto 7/7 in stagione.

Pronti via, e la Rekico vola sul 5-0 con la tripla di Iattoni, allungando poi fino al 12-4. La difesa faentina è perfetta e concede a Desio soltanto tiri da fuori, disinnescando Perez e gli altri tiratori. L’attacco continua a pungere con precisione, ma al primo calo di tensione, gli ospiti si fanno sotto, arrivando sul 22-23 ad inizio secondo quarto e fallendo in un paio di occasioni il possesso del sorpasso. Un piccolo black out che non preoccupa il numeroso pubblico del PalaCattani, perché bastano poche azioni per vedere i Raggisolaris mettere la freccia e andare in fuga. Da tre la Rekico è una sentenza (14/24 è la statistica finale) con Venucci, Chiappelli, Benedetti, Iattoni e Perin, ben coadiuvato dal solito gioco in transizione che mette tutti i giocatori nelle migliori condizioni per segnare.  Un ottimo Aromando firma con uno “schiaccione” il 44-27 a pochi minuti dall’intervallo, gesto atletico che chiude in pratica i conti. Al riposo si arriva con i faentini avanti 48-33, ma emblematici sono i 21 dei 33 punti di Desio segnati con tiri da tre. Sono proprio i tiri dai 6,75 a consentire alla Rekico di mettere il punto esclamativo sulla partita. Iattoni spara il canestro del “ventello” (58-38) poi arrivano sei triple consecutive che regalano addirittura l’82-50, facendo esplodere di gioia il PalaCattani. Gli ultimi minuti servono soltanto per le statistiche e per i meritati applausi per tutti i giocatori.

VIRTUS BASKET PADOVA – GORDON OLGINATE 73 – 70

BMR – BALTUR 62 – 77

(17-20; 24-40; 45-57)

Basket 2000 Scandiano: Malagutti, Verrigni 1, Fontanili, Bertolini 10, Farioli 11, Degli Esposti, Dias, Motta 10, Pugi 18, Germani 12. All. Eliantonio.

Benedetto XIV Cento: Ba 6, Piunti ne, Vico 22, Chiera 9, Graziani, Pasqualin 9, D’Alessandro 5, Govoni ne, Benfatto 8, Cantone 5, Mastrangelo ne, Rizzitiello 13. All. Benedetto.

La Bmr cade in casa contro la capolista Baltur, che si dimostra squadra costruita per altri obiettivi rispetto ai bianco-rosso-blu, che comunque non sfigurano. Il primo quarto vede più volte gli estensi tentare il break, ma i padroni di casa restano attaccati grazie ai liberi di Motta, che valgono il 17-20 del 10’; l’allungo ospite, comunque, non tarda ad arrivare e nella seconda frazione la Baltur preme decisamente sull’acceleratore trascinata da Vico e Rizzitiello. Nella ripresa gli ospiti cercando di controllare la gara, ma la Bmr riesce a tornare a -12 con la tripla di Farioli; l’ultimo periodo vede Cento sfiorare in alcune occasioni il +20, con i padroni di casa che chiudono con onore. A livello di cifre Pugi chiude con 18 punti, 5 rimbalzi e 6 falli subiti, che gli valgono un 20 a livello di valutazione.

ORVA – ISEO SERRATURE 99 – 88

(20-24; 47-40; 69-64)

Lugo: Valentini 6, Tynsley 11, Galassi 13, Seravalli 23, Filippini 4, Moretti 2, Stanzani 16, Cervellera, Rubbini 11, Collina, Gatto 13, Thiam ne. All. Galetti.

Costa Volpino: Gorreri 11, Cusenza 7, Sabbadini 19, Coltro 10, Borghetti 8, Caversazio 14, Di Meco 5, Conte 6, Mazic 8, Porfidia ne, Zambonin ne, Franco ne. All. Giubertoni.

TRAMAROSSA VICENZA – PALLACANESTRO CREMA 65 – 66

BASKET LECCO – LISSONE INTERNI BERNAREGGIO 74 – 70

TIGERS – GREEN BASKET’99 74 – 67

(16-17; 29-32; 47-42)

Tigers Forlì: Battisti 22 (1/7, 4/7), Papa 17 (5/7, 1/2), Sacchettini 15 (6/14), De Fabritiis 10 (2/3, 2/6), Carpanzano 4 (0/2, 1/2), Villani 2 (0/4, 0/3), Cicchetti 2 (1/4, 0/2), Zani 2 (1/1, 0/2), Agatensi (0/1), Antonaci, Rossi, Plachesi ne. All. Di Lorenzo.

Green Palermo: Cecchetti 17 (7/11), Strotz 14 (7/9), Venturelli 13 (2/6, 0/3), Marchini 12 (2/4, 2/2), Lombardo G. 11 (1/1, 3/8), Gullo (0/4, 0/4), Lombardo A. (0/1, 0/2), Nicosia (0/1), Genovese ne, Biondo ne. All. Verderosa.

NTS INFORMATICA – BAKERY 83 – 76

(25-15;40-40; 68-58)

Rimini: Galassi ne, Signorini 27, Altavilla ne, Dolzan ne, Tartaglia, Myers 3, Busetto 11, Sipala 9, Tiberti 6, Moffa ne, Caroli 9, Foiera 18. All. Maghelli.

Piacenza: Rombaldoni 5, Stanic 14, Bruno 13, Perego 19, Guerra 2, Pederzini 12, Maresca ne, Guaccio 2, Birindelli 9, Libè ne. All. Coppeta.

E’ ancora fatale la Romagna alla Bakery che gioca una partita simile a quella di Forlì e perde per la terza volta in stagione e per le seconda negli ultimi 20 giorni. A parte qualche sprazzo gli uomini di coach Coppeta non mettono mai il naso davanti e cadono di 7 lunghezze.

Rimini parte con il piede giusto attaccando la Bakery in ogni situazione in cui i biancorossi glielo concedono. Signorini è letteralmente on fire e con bombe e tagli back door punisce in continuazione la formazione di coach Coppeta che prova a reagire con qualche scorribanda di Rombaldoni, l’energia di Birindelli e poco altro. Il parziale dopo qualche rimbalzo offensivo dei padroni di casa finisce sul 25-15. Nel secondo periodo inizialmente la musica non cambia e i biancorossi pagano ancora dieci lunghezze di disavanzo. Coppeta chiama timeout e sono soprattutto Pederzini e Perego a uscirne con la faccia cattiva. I due giocatori combinano per 21 punti complessivi e con qualche splendida difesa di Santiago Bruno la Bakery riagguanta i padroni di casa sul 40 pari riuscendo a disinnescare Signorini e a limitare Sipala e Foiera a 7 e 5 punti. Al rientro dagli spogliatoi la Bakery è viva e torna sotto con le doppie cifre dei suoi marcatori principi. Foiera non ci sta e sfodera tutto il suo arsenale sui due lati del campo trascinando i suoi in attacco. Pederzini e Perego tengono i biancorossi a contatto che però pagano 10 punti alla fine del periodo con percentuali buone da dentro l’area, ma pessime dalla linea di 3 punti. Nell’ultimo periodo, come spesso succede, i biancorossi rispondono di carattere e di forza raggiungendo più volte il -2 con tantissimo Santiago Bruno e la doppia cifra di Nico Stanic. Rimini però che ha giocato un’ottima partita finora trova i punti di Busetto (11), e qualche altra perla di Signorini che le permettono di raggiungere la quinta vittoria stagionale.

CLASSIFICA

P G V P
Baltur Cento 26 14 13 1 92.9
Bakery Piacenza 22 14 11 3 78.6
Pallacanestro Crema 22 14 11 3 78.6
Gimar Basket Lecco 20 14 10 4 71.4
Rekico Faenza 18 14 9 5 64.3
Tigers Forlì 16 14 8 6 57.1
Tramarossa Vicenza 16 14 8 6 57.1
Virtus Padova 14 14 7 7 50.0
Gordon Nuova Pall. Olginate 12 14 6 8 42.9
Pallacanestro Aurora Desio 12 14 6 8 42.9
Orva Lugo 12 14 6 8 42.9
Lissone Interni Bernareggio 10 14 5 9 35.7
NTS Informatica Rimini 10 14 5 9 35.7
Green Basket Palermo 6 14 3 11 21.4
Bmr Basket 2000 Reggio Emilia 6 14 3 11 21.4
Iseo Serrature Costa Volpino 2 14 1 13 7.1

A2, sabato nero per le “nostre”. Serie B, Tigers in fuga, perdono Cavezzo e Valtarese 2000

A2/SUD 12° Giornata

CARISPEZIA LA SPEZIA – LA MOLISANA CAMPOBASSO 69 – 63

SCOTTI – MATTEIPLAST 74 – 67

(18-11; 36-29; 56-50)

Empoli: Rossellini 11, Calamai 14, Gimignani 5, Chiabotto 8, Pochobradska 8, Narviciute 18, Brunelli 10, Lucchesini, Malquori ne, Caparrini ne, Manetti. All. Cioni.

Progresso: D’Alie 28, Monterumisi ne, Cordisco 2, Tassinari 12, Dall’Aglio, Storer 7, Meroni 3, Poletti ne, Corradini, Nannucci 15, Tava. All. Giroldi.

In uno scontro combattuto fino all’ultimo possesso, Bologna cede il passo ad Empoli e perde 74-67. Ma la sconfitta non poteva essere più amara: il sesto minuto di gioco vede Alessandra Tava cadere a terra; la diagnosi del pronto soccorso dice “rottura del tendine d’Achille”. La società si stringe attorno alla grande atleta. Siamo tutti con te, Ape!

CEPRINI COSTRUZIONI – INFINITYBIO 63 – 57

(16-11; 28-32; 43-44)

Orvieto: Porcu 15, Grilli, Petronyte, Granieri 2, Rupnik 21, Manfrè 10, Bambini, Lombardo 3, Coffau 7, Presta, Chrysanthidou 5, Monaco ne. All. Romano.

Faenza: Franceschelli 6, Schwienbacher 6, Coraducci 3, Morsiani 9, Tridello, Ballardini 11, Caccoli 3, Bornazzini ne, Moriconi 3, Soglia 14, Morsiani D. ne, Minichino 2. All. Bassi.

INFA FEBA CIVITANOVA MARCHE – MERCEDE BK ALGHERO 81 – 49

ANDROS BASKET PALERMO – RR RETAIL GALLI BK S.G.V. 59 – 79

SURGICAL CAGLIARI – SAN RAFFAELE BK ROMA 62 – 71

CESTISTICA SAVONESE – TIGERS ROSA BASKET LIBERTAS 75 – 40

(20-7; 35-18; 55-29)

Savona: Skiadopoulou 17, Zanetti 16, Tosi 10, Aleo 9, Penz 9, Villa 6, Guilavogui 4, Bianconi 4, Sansalone, Roncallo. All. Pollari.

Forlì: Missanelli 8, Pieraccini 7, Gramaccioni 6, Melandri 6, Duca N. 4, Olajide 3, Vespignani 3, Duca E. 2, Zampiga 1, Zavalloni, Patera, Garaffoni. All. Castelli.

CLASSIFICA

Squadra P G V P PF PS

1

USE Rosa Scotti Empoli

22

11

11

0

797

672

2

RR Retail Galli S.G.Valdarno

20

12

10

2

964

717

3

Progresso Femm. Bologna

20

12

10

2

836

669

4

Andros Basket Palermo

16

11

8

3

755

686

5

Carispezia Cestistica Spezzina

14

11

7

4

739

623

6

Ceprini Costruzioni Orvieto

12

11

6

5

646

690

7

Infinity Bio Faenza

12

11

6

5

739

711

8

Infa Feba Civitanova M.

12

11

6

5

713

633

9

La Molisana Campobasso

12

12

6

6

766

731

10

Cestistica Savonese

10

11

5

6

698

677

11

San Raffaele Roma

8

11

4

7

751

781

12

Pall. Femm. Umbertide

4

11

2

9

628

712

13

Tigers Rosa Libertas Forli

2

11

1

10

545

801

14

Surgical Virtus Cagliari

2

11

1

10

580

814

15

Mercede Alghero

2

11

1

10

596

836

SERIE B FEMMINILE 10° Giornata

CHEMCO 1974 I GIULLARI – TIGERS PARMA BASKET ACADEMY 55 – 74

BK CLUB VAL D’ARDA – ACETUM 51 – 50

(11-16, 29-30, 45-40)

Fiorenzuola: Podestà 2, Periti 3, Rizzi 18, Rossi 6, Zane 4, Bertoni ne, Parizzi 2, Fava,  Yamble 5, Ampollini ne, De Chellis 11, Vigevani ne. All. Russo.

Cavezzo: Siligardi ne, Bocchi 7, Cariani, Gasparetto, Balboni 2, Marchetti 3, Bordini ne, Biagiola ne, Finetti 13, Bernardoni 9, Calzolari 14, Bellodi 2. All. Carretti.

POL. LIB. CALENDASCO – MAGIK ROSA 46 – 53

(16-14; 25-32; 37-45)

Calendasco: Losi, Sala, Berna 11, Savini 14, Agolini 3, Montanari, Bolzoni 9,
Patelli 4, Cremona 2, Mifsud 3, Maggi, Diagne. All. Cavanna.

Magik Rosa Parma: Ercoli 12, Raggi 3,  Ferrari 5 Zambrelli, Aiello 3,  Zuin 8, Gardellin
2, Zambon 2, Bona 6, Pederzolli 12. All. Rossi.

B.S.L. SAN LAZZARO – ROBY PROFUMI VALTARESE 2000 60 – 57

Si interrompe a San Lazzaro di Savena la striscia di quattro vittorie consecutive della Roby Profumi. Le ragazze di coach Scanzani hanno dovuto alzare bandiera bianca contro il BSL. La gara è termina con il punteggio di 60 a 57 a favore delle bolognesi che grazie a questa vittoria avvicinano a solo due lunghezze di svantaggio il terzetto di squadre che attualmente occupa le posizioni utili per i play off e di cui fa parte anche la Roby Profumi. L’incontro di domenica ha visto la Roby Profumi inseguire sempre le avversarie che sul proprio campo non hanno ancora subito una sconfitta e che hanno saputo battere Fiorenzuola e Cavezzo con scarti superiori ai dieci punti. Per la Roby Profumi lo scarto di sole tre lunghezze non rappresenta un alibi ma comunque permette di mantenere il vantaggio negli scontri diretti, grazie al successo della gara di andata per 59 a 54, e questo potrebbe rivelarsi decisivo per un probabile arrivo in volata per la qualificazione ai play off. Nella gara di San Lazzaro la Roby Profumi ha faticato per tre quarti di gara a contenere le esterne bolognesi che si sono rivelate molto precise dalla lunga distanza; la scossa è arrivata ad inizio ultimo quarto, quando dopo essere state in svantaggio anche di diciotto lunghezze, le borgotaresi hanno iniziato a recuperare palloni, trasformandoli in conclusioni a canestro. Il gap tra le due squadre progressivamente si riduceva sino al meno uno del 38’. Purtroppo per la Roby Profumi venivano sbagliate tre facili conclusioni da sotto che potevano consegnare il primo vantaggio e San Lazzaro, molto cinica e precisa, riusciva a contenere il ritorno della Roby Profumi.

CLASSIFICA

Tigers Parma 16; Cavezzo, Valtarese 2000, Val d’Arda Fiorenzuola 14; BSL San Lazzaro 12; Magik Parma, Calendasco 4; I Giullari del Castello Quattro Castella 2.

1 2 3