Category Archives: Nazionali

Serie B, Sinermatic salva, Cesena e Faenza ai play off, Scandiano e Lugo ai play out

SERIE B/B 30° Giornata

REKICO FAENZA – LISSONE INTERNI BERNAREGGIO 80 – 66

ANTENORE ENERGIA PADOVA – AMADORI CESENA 75 – 67

PALLACANESTRO CREMA – RIMADESIO 96 – 62

NEW FLYING BALLS OZZANO – RUCKER SAN VENDEMIANO 86 – 77

FERRARONI CREMONA – AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI 67 – 65

BASKET LUGO – TRAMAROSSA VICENZA 69 – 104

BMR REGGIO EMILIA – BASKET LECCO 59 – 61

SUPER FLAVOR MILANO – GORDON OLGINATE 80 – 64

CLASSIFICA


P
GVP%
Agribertocchi Orzinuovi423021970.0
Super Flavor Milano4030201066.7
Amadori Tigers Cesena4030201066.7
Rekico Faenza4030201066.7
Antenore Energia Virtus Padova3830191163.3
Juvi Cremona 1952 Ferraroni3630181260.0
Tramarossa Vicenza3230161453.3
Rucker Sanve San Vendemiano3230161453.3
Lissone Interni Bernareggio3030151550.0
Gordon Nuova Pall. Olginate2830141646.7
Sinermatic Ozzano2830141646.7
Gimar Basket Lecco2830141646.7
Bmr Basket 2000 Reggio Emilia2430121840.0
Pallacanestro Crema183092130.0
Orva Lugo143072323.3
Rimadesio Desio103052516.7

Serie B, botta e risposta Basket 2000-Flying Balls. Bene i Raggisolaris

SERIE B/B 29° Giornata

LISSONE INTERNI BERNAREGGIO – FERRARONI CREMONA 71 – 77

RIMADESIO – ORVA 95 – 79

(29-19; 57-41; 78-60)

Desio: Fiorito 21, Paunovic 17, Beretta 15, Peri 14, Pesenato 11, Musso 10, Bassi 3, Busetto 2, Torchio 2, Brown, Lenti ne, Tommei ne. All. Ghirelli.

Lugo: Lucarelli 16, Seravalli 14, Brighi 12, Leardini 12, Rossi 10, Bedin 8, Demarchi 3, Bazzocchi 2, Mariani 2, Bracci, Melandri, Pietrini ne. All. Galetti.

OLGINATE – BMR 66 – 67

(14-21; 36-40; 54-56)

Olginate: Bet ne, Bugatti 10, Errera, Tagliabue 13, Masocco ne, Gorreri 11, Marinò 1, Bartoli 10, Caversazio 6, Carella 3, Spera, De Bettin 9. All. Meneguzzo.

Basket 2000 Scandiano: Graziani 4, Zampogna 6, Farabegoli, Mastrangelo 14, Gatto 16, Marchetti 17, Crusca, Germani 6, Garofoli ne, Bertocco 4. All. Eliantonio.

Preziosa vittoria esterna per la Bmr nella penultima giornata di stagione regolare. Il 66-67 conquistato sul campo di Olginate, contro una squadra che arrivava da sei vittorie consecutive, permette ai bianco-rosso-blu di continuare a sognare la rincorsa alla salvezza diretta. Gli uomini di Eliantonio partono bene e mettono alle corde gli avversari, chiudendo avanti di sette lunghezze il primo quarto, toccando il 14-21 con la tripla di Zampogna; nella seconda frazione la Bmr tocca addirittura il +12 a 1’40” dall’intervallo, prima dell’8-0 interno che riequilibra la contesa per il 36-40 di metà gara. La ripresa si apre col pareggio di Olginate a quota 40, prima che i padroni di casa allunghino fino al +5; la reazione scandianese non si fa pregare, col terzetto Marchetti-Gatto-Mastrangelo sugli scudi, e la gara prosegue con vantaggi minimi. Nel quarto periodo il team locale sembra avere lo spunto giusto sul 64-58, ma poi smette praticamente di segnare: Gatto firma il -2 dall’arco, De Bettin replica per il 66-63, ma la Bmr non è doma e, dapprima fa 1/2 dalla lunetta con Marchetti, poi firma il definitivo sorpasso con un’altra tripla di Gatto.

RUCKER SANVE SAN VENDEMIANO – PALLACANESTRO CREMA 87 – 65

AMADORI – SINERMATIC 54 – 67

(20-13; 28-28; 36-43)

Tigers Cesena: Ferraro, Dagnello 4, Trapani 5, Rossi ne, Battisti 13, Papa 9, Dell’Omo ne, Frassineti 8, Raschi 2, Poggi ne, Sacchettini 6, Brkic 7. All. Di Lorenzo.

Flying Balls Ozzano: Salvardi ne, Folli, Morara 9, Chiusolo 4, Mastrangelo 5, Corcelli 12, Galassi 16, Giannasi ne, Ranocchi 5, Klyuchnyk 7, Dordei 6, Agusto 3. All. Grandi.

Con cuore, con fotta, con orgoglio, la Sinermatic compie l’impresa, espugna Cesena e conquista a sorpresa due punti fondamentali per la battaglia che riguarda la salvezza anticipata. Dopo un match intenso, dove i biancorossi  hanno difeso “alla morte”, il tabellone del Carisport di Cesena ha sorriso ai ragazzi di coach Grandi, con un 54 a 67 finale che comporta che il destino delle Palle Volanti si decida negli ultimi 40′ al Pala Grafiche Reggiani sabato prossimo e che questo destino dipenda esclusivamente da se stessi. Vincere in casa contro San Vendemiano significherà matematica salvezza. Perdere invece costringerà i Flying ai play-out contro Lugo, visto che di sicuro Ozzano, in virtù degli scontri diretti con Lecco e Reggio Emilia, non potrà scendere al di sotto della dodicesima piazza, qualunque sia il risultato dello scontro diretto fra i reggiani e i lecchesi.

Ma veniamo all’impresa in terra romagnola. Dopo lo 0-1 firmato dalla lunetta da Klyuchnyk, è Cesena a prendere con autorità il comando dell’incontro sfruttando i canestri di Battisti e le triple di un ispirato Frassineti (18-7 al 7’). Ozzano dopo aver fallito numerose triple e sprecato diversi liberi, si aggrappa a Matteo Galassi che con 9 punti in 10 minuti riesce a ridurre il gap permettendo alla Sinermatic di chiudere la prima frazione sotto la doppia cifra di ritardo (20-13). Nel secondo periodo gli attacchi di entrambe le squadre sono completamente out, in 5 minuti il parziale recita 0-3 Flying Balls con la Sinermatic che così a metà del secondo quarto è ancora in scia ai romagnoli (20-16). Sacchettini sblocca la situazione con una schiacciata, ma dai liberi fallisce il potenziale gioco dei 3 punti. Dalla lunetta però sono in tanti a fargli compagnia, basti vedere le percentuali dalla linea della carità a fine partita che dicono 55% Cesena (17/31), addirittura 50% Ozzano (11/22). Battisti prima e Brkic poi firmano il nuovo +7 Tigers, a cui segue un parziale di 0-7 firmato Galassi-Corcelli-Dordei che fissa a quota 28 il punteggio all’intervallo lungo. Anche ad inizio terza ripresa si segna con il contagocce, con Frassineti che sblocca Cesena solo dopo quasi due giri di lancette. Poco dopo è Chiusolo dalla lunga distanza a regalare ai Flying il primo vantaggio dopo quello ad inizio serata (30-31). Dopo il +3 di Klyuchnyk arriva la risposta bianconera a firma Battisti, ma seguire è capitan Agusto che infila la tripla del +4 (32-36 al 25’). Ozzano continua a difendere alla grande costringendo i Tigers a tiri forzati e sbagliati. Con una tripla di Mastrangelo e un piazzato di Galassi, Ozzano chiude il terzo periodo avanti di 7 (36-43). Nel quarto finale tutto rimane invariato per oltre 2 minuti, poi ci pensa Ranocchi a segnare il +10 da fuori (36-46). I Tigers sembrano in confusione, Frassineti perde palla, lo stesso Ranocchi fa +12; Papa litiga col ferro e dalla lunetta fa 1/2; a seguire un errore al tiro di Frassineti e due palle perse di fila di Ferraro  vengono punite dall’attacco ozzanese con il duo Corcelli-Dordei che disegnano un incredibile 0-9 di parziale che vale il massimo vantaggio Flying, il +20 Sinermatic (37-57 al 35’), ovvero una grossa ipoteca sul match. Il digiuno di canestri romganoli viene interrotto da D’Agnello; la difesa dei Tigers si fa più aggressiva e a tutto campo, costringendo Ozzano ad alcuni palloni persi. Cesena accorcia un po’ il gap, ma non riesce più a farsi minacciosa, grazie anche al trio Galassi (MVP con 16 punti)-Corcelli-Morara, che segnano e mettono al sicuro il risultato.

AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI – ANTENORE ENERGIA PADOVA 64 – 57

REKICO FAENZA – BASKET LECCO 65 – 58

(16-15; 27-37; 41-48)

Faenza: Fumagalli 15, Costanzelli, Silimbani 10, Samorì ne, Casagrande, Venucci 15, Zampa, Petrucci 5, Sgobba 20, Petrini ne. All. Friso.

Lecco: Marinello 8, Favalessa ne, Teghini 5, Caceres 2, Molteni 15, Chinellato 6, Brunetti 5, Cacace 4, Rattalino 10, Di Prampero 3. All. Bartocci.

Un capolavoro che vale il quarto posto solitario. La Rekico non brilla contro un’ottima Gimar, ma, grazie al suo grande caratter,e conquista una vittoria d’oro, rimontando ben 14 punti in un PalaCattani festante. A dare una mano ci pensano anche i risultati delle dirette concorrenti, perché il ko di Padova ad Orzinuovi, permette ai faentini di essere quarti da soli. Ora la squadra di Friso avrà un match point sabato prossimo in casa contro Bernareggio: vincendo chiuderebbe quarta, piazzamento mai conquistato in serie B.

È una Rekico dai due volti quella che si vede al PalaCattani. Nel primo tempo la squadra perde troppi palloni e mostra poca lucidità, prestando il fianco ai lunghi di Lecco e al cecchino Molteni, autore di ben quattro triple. Il primo quarto vede Faenza avanti 16-15 poi Lecco le ruba la scena, arrivando all’intervallo sul 27-37 grazie a otto punti consecutivi di Marinello. Anche al rientro in campo lo scenario non cambia. Lecco si porta sul 29-43 al 23’ e Venucci deve sedersi in panchina con quattro falli. Nulla lascia presagire al meglio, ma ecco che i veri Raggisolaris entrano in scena. Silimbani a suon di triple e rimbalzi e Sgobba con canestri chirurgici e la difesa, prendono in mano la squadra e piano piano la Rekico recupera il passivo. Per due volte si porta fino al -9, venendo però sempre respinta, ma la terza spallata è quella decisiva. A spostare gli equilibri è la difesa che innesca anche i tiratori ed è Fumagalli a togliersi la soddisfazione di firmare la tripla del sorpasso: al 38’ il tabellone vede i padroni di casa avanti 57-56. Ecco poi che sale in cattedra Venucci, tenutosi i punti per le fasi calde del match. Un suo piazzato sposta definitivamente l’inerzia a favore dei faentini poi, sul 59-58 e negli ultimi 24’’, segna ben sei liberi, confezionando il 65-58 finale, permettendo così alla Rekico di portarsi in testa nella volata con Padova per il quarto posto, a soltanto una curva dal traguardo.

TRAMAROSSA VICENZA – SUPER FLAVOR MILANO 72 – 71

CLASSIFICA


P
GVP%
Agribertocchi Orzinuovi422921872.4
Amadori Tigers Cesena402920969.0
Super Flavor Milano3829191065.5
Rekico Faenza3829191065.5
Antenore Energia Virtus Padova3629181162.1
Juvi Cremona 1952 Ferraroni3429171258.6
Rucker Sanve San Vendemiano3229161355.2
Lissone Interni Bernareggio3029151451.7
Tramarossa Vicenza3029151451.7
Gordon Nuova Pall. Olginate2829141548.3
Sinermatic Ozzano2629131644.8
Gimar Basket Lecco2629131644.8
Bmr Basket 2000 Reggio Emilia2429121741.4
Pallacanestro Crema162982127.6
Orva Lugo142972224.1
Rimadesio Desio102952417.2

Serie B, i Tigers sorridono all’overtime, Flying Balls addio ai play off

SERIE B/B 28° Giornata

ORVA – LISSONE INTERNI 81 – 90

(30-22; 41-50; 62-75)

Lugo: Seravalli 31 (4/6, 4/13), Bedin 13 (5/7), Brighi 10 (0/3, 2/6), Lucarelli 10 (3/7, 0/2), Leardini 7 (2/9, 0/1), Demarchi 5 (0/3, 1/3), Rossi 3 (0/2, 0/3), Bracci 2 (1/6), Mariani, Melandri, Pietrini, Bazzocchi. All. Galetti.

Bernareggio: Pagani 22 (10/14), Baldini 22 (4/9, 4/7), Laudoni 17 (4/8, 1/6), Todeschini 13 (0/1, 4/7), Restelli 7 (0/1, 0/5), Bossola 5 (1/4, 1/3), Di Gianvittorio 4 (1/2, 0/2), Finazzer (0/2), Monina (0/2), Ruzzon (0/2), Tulumello 0 (0/1), Ka. All. Cardani.

RUCKER SANVE SAN VENDEMIANO – RIMADESIO 89 – 68

ANTENORE ENERGIA PADOVA – FERRARONI CREMONA 77 – 59

AMADORI – BMR 88 – 87 dts

(20-28; 46-40; 66-64: 71-71)

Tigers Cesena: Ferraro 10, Dagnello 14, Trapani 5, Rossi ne, Battisti 9, Papa 10, Dell’Omo ne, Frassineti 14, Raschi 4, Poggi ne, Sacchettin 4, Brkic 18. All. Di Lorenzo.

Basket 2000 Scandiano: Graziani, Zampogna 11, Farabegoli 12, Mastrangelo 18, Gatto 10, Marchetti 11, Crusca 9, Germani 10, Garofoli ne, Bertocco 6. All. Eliantonio.

Overtime amaro per la Bmr, sconfitta dalla vice capolista Cesena. La squadra di Eliantonio parte forte e nei primi 10’ tira con 8/13 dal campo, facendo male ai padroni di casa dall’arco e chiudendo il primo quarto avanti di 8 (20-28); la reazione dei Tigers arriva già nel secondo periodo, con Brkic che sotto i tabelloni fa la differenza e permette ai suoi di andare all’intervallo lungo sul 46-40. Nella ripresa Cesena prova a fuggire e tocca il +10 con Dagnello, ma la Bmr non molla e Farabegoli firma il 66-64 di fine terzo quarto. Gli ultimi dieci minuti vedono gli ospiti allungare sul 74-81 con Zampogna e Mastrangelo a meno di 3’ dalla sirena conclusiva; i Tigers risalgono e, a -12”, Ferraro trova la tripla che vale l’overtime a quota 81. Nel supplementare Zampogna ricuce sull’84 pari, poi la differenza la fanno i tiri liberi; Dagnello fa 1/2 a poco più di 1” dalla fine, ma la Bmr non riesce a tirare e la vittoria sfuma.

PALL. CREMA – REKICO 63 – 73

(13-23; 33-40; 48-55)

Crema: Norcino 10, Forti, Toniato 20, Enihe 5, Gianninoni, Di Meco 4, Legnini ne, Benzi ne, Brighi, Montanari ne, Bissi ne, Rotondo 9. All. Garelli.

Faenza: Fumagalli 7, Costanzelli, Silimbani 10, Casagrande 3, Venucci 20, Zampa, Petrucci 14, Santini ne, Sgobba 19, Petrini ne. All. Friso.

Vittoria con record per la Rekico. L’ottima prestazione in casa di Crema permette ai faentini di chiudere le trasferte di regular season con un bottino di nove vittorie in quindici gare, striscia mai ottenuta in serie B. Un ulteriore punto esclamativo ad una prestazione maiuscola che consente di restare in corsa per il quarto posto insieme a Padova, testa a testa destinata a durare per altre due partite, ovvero fino alla fine del campionato. Menzione speciale per i tanti tifosi faentini presenti e per Chiappelli, ancora assente per infortunio, sugli spalti ad incitare i compagni, in attesa di poter dare loro una mano in campo. Si chiedevano rispose alla Rekico dopo l’opaca prestazione con Milano e sono bastati pochi minuti per averle. I Raggisolaris entrano in campo con grande grinta, aggredendo Crema sin dalla prima azione. La difesa viene poi supportata dalle triple e sono proprio cinque tiri pesanti a regalare il primo allungo sul 5-17, vantaggio che diventa 17-31 ad inizio secondo periodo. Un parziale costruito grazie al collettivo, perché ogni giocatore riesce a dare il proprio contributo, facendo diventare la Rekico una macchina perfetta. Crema però ha mille vite e con Toniato e Norcino ritorna in scia, rispondendo con le stesse armi, ovvero con una difesa pressante. Gli sforzi permettono di ricucire lo strappo fino al 31-35, ma la Rekico non subisce il colpo. Friso chiama un salutare time out e arrivo un break di 5-0 che propizia il 33-40 dell’intervallo. I faentini mostrano grande lucidità soprattutto nel terzo periodo, quando subiscono il gioco duro degli avversari restando uniti, con Silimbani che diventa il maggior terminale offensivo. Fondamentale è la sua tripla del 44-50 che riporta ossigeno nel momento più difficile del match. Un gesto atletico imitato pochi secondi dopo da Casagrande per il 46-53. Crema riprova a riaprire i giochi e ricuce il gap fino al 55-59, poi la Rekico decide di chiudere i conti e ancora una volta rispolvera il tiro pesante. Questa volta sono Venucci e Fumagalli a sparare dai 6,75 firmando il 55-65 che chiude di fatto i giochi. La firma finale è di capitan Venucci, con un 2/2 dalla lunetta, per il 63-73 che fa esplodere di gioia il tifo faentino.

SINERMATIC – OLGINATE 68 – 70

(14-11; 31-37; 48-50)

Ozzano: Salvardi ne, Folli 3, Masrè, Morara 2, Chiusolo 9, Corcelli 16, Galassi 7, Giannasi ne, Ranocchi 10, Klyuchnyk 7, Dordei 14, Agusto. All. Grandi.

Olginate: Bet ne, Bugatti 12, Errera 2, Tagliabue 9, Masocco ne, Gorreri 5, Marinò 9, Bartoli 21, Caversazio 8, Carella, Spera, De Bettin 4. All. Meneguzzo.

Olginate vince contro Ozzano 70 a 68 e festeggia la salvezza. Per la Sinermatic una sconfitta amara, che complica ulteriormente la corsa biancorossa verso la salvezza anticipata. Decisive le prossime due sfide contro Cesena e San Vendemiano, con una particolare attenzione sui match di Lecco e Scandiano (molto dipenderà dai risultati di queste squadre).

In un Pala Grafiche Reggiani ancora riempito da sostenitori di fede ozzanese (oltre 600 presenze sulle tribune), il match inizia sui binari dell’equilibrio. Dopo un primo quarto caratterizzato da falli e numerosi giri in lunetta chiuso avanti 14 a 11 dai ragazzi di coach Grandi, nel secondo periodo prevale l’attacco della Gordon, con Bartoli e Marinò mattatori dalla linea dei 6,75 per il sorpasso e l’allungo ospite (31-37 all’intervallo lungo). Nella terza frazione Olginate parte forte con Bugatti e Tagliabue che trascinano i ragazzi in maglia blu fino al massimo vantaggio di serata (+13 sul 34 a 47 al 26′). Nel momento di maggior difficoltà ozzanese, sono le triple di Corcelli, Galassi e Chiusolo a infiammare il pubblico di casa e a ricucire il gap subìto. Il parziale di 14 a 0 proietta i Flying Balls al sorpasso (48-47 al 29′). Solo un gioco da tre punti di Bartoli riporta avanti gli ospiti all’ultimo mini break (48-50). Nell’ultimo e decisivo quarto Olginate tenta un nuovo allungo portando a tre possessi il vantaggio sui ragazzi della SInermatic. La risposta ozzanese arriva dalle mani di Corcelli e Dordei, seguiti dalla tripla di Chiusolo che impatta nuovamente il match a poco più di centoventi secondi dalla sirena finale. Negli ultimi giri di lancette però, Bartoli (21 punti e miglior realizzatore del match), si dimostra infallibile dalla lunga distanza, realizzando i canestri decisivi per la vittoria finale della formazione lombarda. A pochi secondi dalla fine Ranocchi dai 6,75 segna il canestro del 68-70 finale.

BASKET LECCO – TRAMAROSSA VICENZA 66 – 69

SUPER FLAVOR MILANO – AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI 70 – 65

CLASSIFICA


P
GVP%
Agribertocchi Orzinuovi402820871.4
Amadori Tigers Cesena402820871.4
Super Flavor Milano382819967.9
Antenore Energia Virtus Padova3628181064.3
Rekico Faenza3628181064.3
Juvi Cremona 1952 Ferraroni3228161257.1
Lissone Interni Bernareggio3028151353.6
Rucker Sanve San Vendemiano3028151353.6
Tramarossa Vicenza2828141450.0
Gordon Nuova Pall. Olginate2828141450.0
Gimar Basket Lecco2628131546.4
Sinermatic Ozzano2428121642.9
Bmr Basket 2000 Reggio Emilia2228111739.3
Pallacanestro Crema162882028.6
Orva Lugo142872125.0
Rimadesio Desio82842414.3

Serie B, Sorride solo il Basket 2000 nel derby con Ozzano. Tigers, ko all’overtime ad Olginate

SERIE B/B 27° Giornata

GORDON – AMADORI 72 – 71 dts

(24-15; 39-37; 46-51; 65-65)

Olginate: Bet ne, Bugatti 14, Errera ne, Tagliabue 12, Masocco ne, Gorreri 1, Marinò 10, Bartoli 18, Caversazio 5, Carella 4, Spera 2, De Bettin 6. All. Meneguzzo.

Tigers Cesena: Ferraro, Dagnello 7, Trapani, Rossi ne, Battisti 7, Papa 12, Frassineti 17, Raschi 1, Poggi ne, Sacchettini 11, Brkic 16. All. Di Lorenzo.

ANTENORE ENERGIA PD – LISSONE INTERNI BERNAREGGIO 71 – 75

FERRARONI CREMONA – PALLACANESTRO CREMA 81 – 68

BMR – SINERMATIC 85 – 74

(14-12; 43-36; 56-58)

Basket 2000 Scandiano: Graziani 2, Zampogna 2, Farabegoli 5, Mastrangelo D. 25, Gatto 11, Marchetti 12, Caiti ne, Crusca 1, Germani 15, Garofoli, Bertocco 12, Piccinini ne. All. Eliantonio.

Flying Balls Ozzano: Salvardi ne, Folli 6, Masrè, Morara 2, Chiusolo 5, Mastrangelo N. 6, Corcelli, Galassi 16, Klyuchnyk 20, Dordei 7, Mengoli ne, Agusto 12. All. Grandi.

Torna al successo la Bmr, che supera al PalaRegnani i diretti rivali della Sinermatic nel derby emiliano del girone. La squadra di casa fatica in avvio di incontro a trovare la via del canestro e, con un 2/13 al tiro nei primi 7’, lascia spazio al team bolognese, abile a portarsi avanti 4-10; la reazione arriva nel finale di primo quarto con capitan Germani e Daniele Mastrangelo, protagonisti del mini break di 8-2 che vale il 14-12 del 10’. La seconda frazione viaggia punto a punto, con la Bmr che prova un primo allungo nel finale toccando il +4 grazie alla bomba di Germani che vale il 37-33, poi è Marchetti a firmare il 43-36 di metà gara. Nella ripresa la squadra di Eliantonio tocca due volte il +8 (49-41 con Marchetti e 55-47 coi liberi di Zampogna), ma Ozzano riesce sempre a rientrare e a passare a condurre sul finire del terzo periodo con 6 punti consecutivi di Galassi. Il finale di gara è intenso, vibrante e palpitante: Bertocco dall’arco firma il 73-69, ma il solito Galassi – sempre dalla lunga distanza – riporta i suoi a -2; Daniele Mastrangelo, Germani e Gatto trovano i canestri del nuovo +6 ospite (80-74), poi sono Bertocco e Graziani a ribaltare la differenza canestri.

AGRIBERTOCCHI – ORVA 86 – 56

(28-17; 49-31; 64-45)

Orzinuovi: Timperi 16, Turel 14, Siberna 13, Bianchi 10, Galmarini 10, Mastroianni 7, Pipitone 6, Varaschin 5, Tassinari 3, Labovic 2, Pennacchio. All. Salieri.

Lugo: Brighi 20, Rossi 13, Seravalli 6, Bracci 6, Leardini 5, Demarchi 3, Lucarelli 2, Bedin 1, Bazzocchi, Pietrini ne, Mariani ne, Melandri ne. All. Galetti.

TRAMAROSSA VICENZA – RUCKER SANVE SAN VENDEMIANO 79 – 74

RIMADESIO – BASKET LECCO 56 – 76

REKICO – SUPER FLAVOR 53 – 81

(11-20; 26-38; 43-64)

Faenza: Fumagalli 14, Costanzelli 8, Silimbani, Samorì ne, Casagrande 2, Venucci 5, Zampa 6, Petrucci 6, Pambianco ne, Santini ne, Sgobba 12. All. Friso.

Urania Milano: Simoncelli 19, Piunti 9, Perez 11, Santolamazza 4, Albique, Paleari 10, Scanzi 16, Eliantonio 4, Toffali 2, Piatti, Negri 6, Sedazzari. All. Villa

Nonostante la sconfitta casalinga con l’Urania, la Rekico resta in corsa per il quarto posto, che sarà con tutta probabilità un testa a testa con Padova. Le due squadre sono quarte a 34 punti e dunque decisive saranno le ultime tre giornate. I faentini giocheranno a Crema e ospiteranno Lecco e Bernareggio, mentre Padova riceverà Crema, andrà ad Orzinuovi e chiuderà in casa con Cesena: chi la spunterà?

Tornando al match con Milano, la Rekico paga una giornata negativa al tiro da tre e i pochi rimbalzi catturati (36-18 il computo totale per l’Urania) contro la squadra più in forma del girone, che può ancora puntare alla vittoria del campionato. Sempre senza Chiappelli, i Raggisolaris hanno comunque il merito di non mollare mai, incassando un passivo troppo pesante per quanto visto in campo. L’Urania parte avanti 0-8 portandosi poi sull’8-20, ma la Rekico reagisce grazie anche al calore del PalaCattani e arriva fino al 20-29. Sgobba ha nelle mani il pallone del -7, ma la sua conclusione non va a segno e così la Super Flavor ne approfitta, piazzando un mini break, andando sul 20-34, frutto delle alte percentuali offensive e di un’ottima difesa. All’intervallo Faenza si trova ad inseguire 26-38, ma al rientro in campo, i tanti errori in attacco e le palle perse fanno il gioco di Milano, che chiude il terzo quarto avanti 43-64, parziale frutto di altissime percentuali offensive. Nell’ultimo periodo gli equilibri non cambiano, ma la Rekico non smette mai di lottare, mostrando lo spirito giusto che servirà per conquistare il quarto posto.

CLASSIFICA


P
GVP%
Agribertocchi Orzinuovi402720774.1
Amadori Tigers Cesena382719870.4
Super Flavor Milano362718966.7
Antenore Energia Virtus Padova3427171063.0
Rekico Faenza3427171063.0
Juvi Cremona 1952 Ferraroni3227161159.3
Lissone Interni Bernareggio2827141351.9
Rucker Sanve San Vendemiano2827141351.9
Tramarossa Vicenza2627131448.1
Gordon Nuova Pall. Olginate2627131448.1
Gimar Basket Lecco2627131448.1
Sinermatic Ozzano2427121544.4
Bmr Basket 2000 Reggio Emilia2227111640.7
Pallacanestro Crema162781929.6
Orva Lugo142772025.9
Rimadesio Desio82742314.8

Serie B, festeggiano Flying Balls e Lugo. I Tigers soffrono, ma possono sorridere

SERIE B/B 26° Giornata

LISSONE INTERNI BERNAREGGIO – RIMADESIO 81 – 59

RUCKER SAN VENDEMIANO – ANTENORE ENERGIA PADOVA 74 – 68

ORVA – BMR 87 – 82

(21-29; 44-43; 61-58)

Lugo: Lucarelli 16, Demarchi 3, Pietrini ne, Bracci, Melandri ne, Mariani ne, Seravalli 24, Bazzocchi ne, Bedin 21, Brighi 9, Leardini 11, Rossi 3. All. Galetti.

Basket 2000 Scandiano: Graziani, Zampogna 5, Farabegoli 3, Mastrangelo 8, Gatto 3, Marchetti 18, Germani 21, Crusca 2, Garofoli, Bertocco 22. All. Eliantonio.

La Bmr colleziona la terza sconfitta di fila cadendo a Lugo, contro la penultima forza del torneo. Non bastano i 22 punti di Bertocco (con 6 triple) ed i 21 di capitan Germani, oltre ai 18 di Marchetti, ai ragazzi di coach Eliantonio, che vengono puniti nel finale: è proprio Marchetti a firmare il 72-75 che sembra spianare la strada agli ospiti, ma Lugo è glaciale dalla lunetta e, dopo aver impattato con Brighi, allunga inesorabilmente con la coppia Seravalli-Bedin.

PALLACANESTRO CREMA – GORDON OLGINATE 71 – 74

SINERMATIC – REKICO 78 – 75

(16-10; 25-32; 52-54)

Ozzano: Salvardi ne, Folli 10, Masrè, Morara 4, Mastrangelo 5, Corcelli, Galassi, Ranocchi, Mengoli ne, Klyuchnyk 22, Dordei 29, Agusto 8. All. Grandi

Faenza: Fumagalli, Costanzelli 1, Silimbani 4, Samorì ne, Casagrande 2, Venucci 18, Zampa 6, Petrucci 12, Pambianco, Sgobba 20, Petrini ne. All. Friso.

E’ un derby dalle mille emozioni quello disputato fra Ozzano e Faenza. E’ un derby che ha visto il Pala Grafiche Reggiani sfiorare il tutto esaurito (oltre 900 presenti). E’ un derby che si è deciso solo sulla sirena, quando il numero 21 dei New Flying Balls, “Gigi” Dordei, ha trovato il canestro della vittoria, facendo esplodere i sostenitori del pubblico di casa, anche oggi presenti in massa all’interno del Palasport di Viale 2 Giugno. Ozzano torna così al successo dopo un mese, battendo 78 a 75 una Faenza ancora una volta beffata negli ultimi sgoccioli di partita (finale analogo a Cesena due settimane fa).

Il primo quarto è caratterizzato dai tanti errori al tiro per entrambe le squadre, sia dalla lunetta che dall’arco dei 6,75. Ozzano però, in avvio, è meglio di Faenza, con Klyuchnyk che si contraddistingue con 7 punti (doppia doppia per il lungo ucraino a fine serata con 22 punti e 11 rimbalzi). La Sinermatic va così sul +6 alla prima sirena (16-10), ma nel secondo periodo la musica cambia, con i romagnoli che prendono il controllo del match, mentre Ozzano non trova la via del canestro, soprattutto dalla lunga distanza (appena 1/9). Faenza, in 2′, fa 8 a 0 ribaltando il punteggio (16-18 al 12’); Morara interrompe il digiuno Flying (18-18), ma gli ospiti trovano un ispirato Venucci che porta la Raggisolaris sul +5 (18-23) al 14’. Zampa schiaccia il +8 al 17’ (20-28), Ozzano si aggrappa ai canestri di Dordei per restare in scia degli ospiti (22-28 al 18’), ma, dall’altra parte, sono ancora Venucci e Sgobba a firmare il massimo vantaggio Faenza, sul 22-32 al minuto 19. Si va all’intervallo lungo con Ozzano sul -7 (25-32), merito di un gioco da tre punti di capitan Agusto. Nel terzo periodo polveri bagnate per due minuti, poi Morara sblocca la situazione (27-32 al 22’), ma dall’altra parte è ancora Venucci il protagonista per il nuovo +10 Rekico (31-41 al 23’). Dordei e Klyuchnyk tengono a galla i Flying (38-43 al 25’), ma i neroverdi si affidano alle mani di Sgobba e Fumagalli per il nuovo +8 (42-50 dopo 26’30”). Ozzano risponde con un 8 a 0 di parziale firmato sempre dalla coppia Dordei-Klyuchnyk (a fine serata per i lunghi biancorossi saranno 51 punti in due), che impatta il match a quota 50 a meno di un minuto dalla fine del terzo quarto. Tutto si decide nel quarto periodo con Sgobba che firma subito il +4 Faenza (52-56), ma la Sinermatic risponde con un gioco da tre punti di Klyuchnyk e un sottomano di Agusto per il vantaggio biancorosso (57-56 a 32’30”). Dopo la tripla del controsorpasso firmata Sgobba (57-59), arrivano 7 fondamentali punti di Matteo Folli (nel mezzo una bomba di Zampa) che, accompagnati dalla schiacciatissima di Klyuchnyk, valgono il +5 Ozzano (67-62)  al minuto 35. Petrucci prima e Silimbani poi riportano a -1 Faenza (69-68) al 37’; iniziano gli ultimi 180 secondi al cardiopalma in un atmosfera elettrizzante: Dordei firma il +3, annullato poco dopo da una tripla di Petrucci (71-71 al 38’). A 100 secondi dalla fine, un fallo di Corcelli porta Sgobba a far 2/2 dalla linea della carità, per il nuovo vantaggio Faenza (71-73). Nell’ultimo giro di lancette Dordei si prende il 5° fallo di Silimbani e in lunetta pareggia i conti (73-73); dall’altra parte, Mastrangelo recupera su Petrucci e lo stesso Dordei insacca un preziosissimo 2/2 ai liberi per il 75-73 Ozzano a 28” dalla fine. Venucci si prende il fallo di Dordei e in lunetta pareggia i conti (75-75) a 13” dalla sirena finale. L’ultimo possesso è di Ozzano: Corcelli porta palla, Dordei la riceve, spalle a canestro, si gira e da sotto, sulla sirena, segna, subisce il fallo, va in lunetta per il suo 29esimo punto della serata regalando i due punti in palio alla Sinermatic.

AMADORI – TRAMAROSSA 77 – 73

(21-22; 43-43; 56-63)

Tigers Cesena: Ferraro, Dagnello 14, Trapani 1, Rossi ne, Battisti 3, Papa 9, Frassineti 4, Raschi 31, Poggi ne, Sacchettini 4, Brkic 11. All. Di Lorenzo.

Vicenza: Quartieri 5, Galipò 11, Kedzo ne, Demartini 8, Montanari 6, Corral 11, Rigon P. ne, Campiello U., Conte 14, Contrino ne, Campiello A. 8, Crosato 10. All. Venezia.

BASKET LECCO – AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI 71 – 78

SUPER FLAVOR MILANO – FERRARONI CREMONA 78 – 53

CLASSIFICA


P
GVP%
Agribertocchi Orzinuovi382619773.1
Amadori Tigers Cesena382619773.1
Super Flavor Milano342617965.4
Antenore Energia Virtus Padova342617965.4
Rekico Faenza342617965.4
Juvi Cremona 1952 Ferraroni3026151157.7
Rucker Sanve San Vendemiano2826141253.8
Lissone Interni Bernareggio2626131350.0
Gordon Nuova Pall. Olginate2426121446.2
Tramarossa Vicenza2426121446.2
Sinermatic Ozzano2426121446.2
Gimar Basket Lecco2426121446.2
Bmr Basket 2000 Reggio Emilia2026101638.5
Pallacanestro Crema162681830.8
Orva Lugo142671926.9
Rimadesio Desio82642215.4

Serie B, Orzinuovi aggancia i Tigers in vetta. Pasticcio Flying Balls a Desio

SERIE B/B 25° Giornata

REKICO – ORVA 92 – 73

(25-29; 46-42; 72-58)

Faenza: Fumagalli 10, Costanzelli 4, Silimbani, Samorì, Casagrande 14, Venucci 18, Zampa 6, Petrucci 18, Santini, Sgobba 22. All. Friso.

Lugo: Lucarelli 8, Demarchi 6, Pietrini 1, Bracci 3, Melandri, Mariani, Seravalli 21, Bazzocchi, Bedin, Brighi 15, Leardini 5, Rossi 5. All. Galetti.

Lunedì sera da incorniciare per la Rekico. In un colpo solo i faentini vincono e convincono contro una mai doma Lugo e agganciano Padova al secondo posto, portandosi a due soli punti dalla vetta occupata da Orzinuovi e Cesena. Il modo migliore per presentarsi all’insidiosa trasferta di sabato ad Ozzano, gara in cui ritornerà Chiappelli, assente nel derby per un problema fisico.

L’Orva esce comunque dal PalaCattani a testa alta dopo essersi messa in mostra soprattutto nel primo tempo. Un immarcabile Seravalli trascina i suoi a suon di triple e dopo pochi minuti l’Orva conduce 7-15 con 13 punti firmati dal suo capitano. Un avvio di gara a ritmi alti che sorprende la Rekico e così coach Friso è costretto a chiamare time out. La chiacchierata rinvigorisce la squadra che rientra in campo con maggiore aggressività, affidandosi in attacco a Sgobba, autentico Re Mida in grado di segnare da ogni posizione. Lugo riesce comunque a mantenere qualche punto di vantaggio chiudendo la prima frazione avanti 25-29, con Sgobba autore di 18 punti e Seravalli di 17. Al rientro la Rekico spara a salve per quattro minuti, l’Orva non ne approfitta per conquistare qualche punto di vantaggio, limitandosi ad andare sul 25-33, poi, quando Faenza si sveglia, sono dolori. Petrucci rianima i suoi togliendo le ragnatele dal canestro con cinque punti consecutivi e a mettere la freccia ci pensa Casagrande con due triple, portando i faentini sul 41-40. L’ala propizia il break di 6-0 che vale il 44-40, piccolo allungo che risulterà decisivo. Con la solita ottima difesa e grande cinismo, la Rekico capisce che è arrivato il momento di dare il colpo del ko, approfittando anche del nervosismo degli avversari, dovuto a qualche decisione arbitrale sfavorevole. In pochi minuti Lucarelli viene espulso per proteste (reazione avuta dopo essersi visto sanzionare un antisportivo) e vengono dati tecnici da entrambe le parti, ma a mantenere la lucidità sono soltanto i Raggisolaris. Venucci si inventa un gioco da tre punti che regala la doppia cifra (53-42), poi Petrucci segna dall’arco il 68-54. Il punto esclamativo lo mette Fumagalli con una tripla allo scadere che balla sul ferro e sul tabellone prima di entrare: al 30’ il tabellone recita 72-59. L’Orva accusa il colpo e al 34’ si trova ad inseguire 82-62, punteggio che fa calare il sipario sulla gara in anticipo. Negli ultimi minuti c’è spazio per le standing ovation e per i tre ragazzi delle giovanili che si guadagnano i meritati applausi.

GORDON OLGINATE – RUCKER SANVE SAN VENDEMIANO 78 – 77

ANTENORE ENERGIA PADOVA – PALLACANESTRO CREMA 71 – 80

RIMADESIO – SINERMATIC 86 – 81

(17-22; 37-43; 67-62)

Desio: Musso 9, Tommei 23, Paunovic 28, Beretta, Busetto 2, Brown 2, Fiorito 20, Bassi ne, Peri 2, Lenti, Torchio ne, Pesenato ne. All. Ghirelli.

Ozzano: Folli 3, Masrè 5, Morara 3, Mastrangelo 8, Corcelli 17, Galassi 3, Ranocchi, Klyuchnyk 21, Dordei 18, Agusto 3. All. Grandi.

Una nuova trasferta amarissima per i New Flying Balls, che cadono nella tana del fanalino di coda Desio per 86 a 81, perdendo così una ghiotta occasione per fare punti che, con una classifica così corta come lo è quella del Girone B, sarebbero stati a dir poco fondamentali.

Ozzano ritrova Dordei dopo quasi un mese, ma deve fare a meno di Chiusolo, assente assieme a Salvardi, e con un Galassi limitato da guai al ginocchio. Bene la Sinermatic nel primo quarto, con i canestri di Folli, Klyuchnyk e Agusto che portano avanti Ozzano fin dai primi minuti. Nella prima frazione Desio soffre in attacco, con diversi errori al tiro. Inoltre i brianzoli perdono per infortunio il lungo Lenti e si aggrappano ai canestri della coppia Tommei-Paunovic per restare in scia dei Flying e chiudere il quarto sul -5 (17-22). Nel secondo periodo è ancora Ozzano a comandare, con Dordei e una tripla di Galassi che fanno volare la squadra ospite fino al +12. Dall’altra parte Desio risponde con Paunovic e Fiorito che infilano 5 triple una dietro l’altra permettendo ai padroni di casa di andare all’intervallo lungo sotto di appena 6 lunghezze (37-43). Nel terzo quarto la partita cambia faccia e Desio chiude il gap passando Ozzano (fuori Galassi per infortunio): Paunovic risponde a Corcelli in avvio, poi è Fiorito show con una bomba e tre liberi che portano Desio a condurre sul 52 a 51 al 24’.  Fiorito segna ancora dall’arco, così come Tommei, la Rimadesio in neanche quattro minuti trova la doppia cifra di vantaggio (67-55 al 28’). Nel finale di periodo, importanti triple di Dordei e Corcelli per il -5 Sinermatic alla terza sirena (67-62). La partita resta apertissima. Nell’ultimo quarto i Flying non riescono mai a ricucire il gap. Mastrangelo e Klyuchnyk rispondo a Fiorito, poi Tommei e Musso dalla lunga distanza riportano a +11 Desio. La fuga dei padroni di casa non va in porto grazie a Kluchnyk e Dordei, che interrompono la striscia di canestri brianzola e riavvicinano Ozzano nel punteggio (76-74 al 36’); a seguire, però, il lungo ucraino è costretto ad uscire per falli. Tommei segna il +4 (78-74), la SInermatic dall’altra parte si divora l’impossibile dalla lunetta: 0/2 di Agusto e 1/3 di Mastrangelo, i Flying non riescono a ricucire il gap (si ferma sul 78-77 la rimonta biancorossa), Desio ringrazia e Paunovic si inventa una fortunosa tripla che vale il +4 Aurora (1’20” da giocare); un canestro che spezza le gambe e il morale dei Flying. Folli esce per falli, Paunovic arrotonda a 28 il proprio bottino stagionale, Ozzano precipita a -7 a poco più di trenta secondi da giocare. Dordei è l’ultimo a mollare, ma i suoi canestri arrivano solo fino al -3 (84-81) a 12″ dalla fine. Tommei, dalla lunetta, si dimostra glaciale, Desio torna a vincere dopo 18 partite perse consecutive, 86 a 81 il finale al PalaMoretto.

AGRIBERTOCCHI – AMADORI 65 – 53

(16-11; 28-30; 51-38)

Orzinuovi: Tassinari 12, Labovic ne, Siberna 14, Varaschin, Turel 9, Mastroianni 10, Galmarini 9, Bianchi, Ghidotti ne, Pipitone 6, Timperi 5. All. Salieri.

Tigers Cesena: Ferraro, Dagnello 11, Trapani 3, Rossi ne, Battisti 3, Papa 4, Frassineti 5, Raschi 3, Poggi ne, Sacchettini 12, Brkic 12. All. Di Lorenzo.

TRAMAROSSA VICENZA – LISSONE INTERNI BERNAREGGIO 73 – 76

FERRARONI CREMONA – BASKET LECCO 69 – 56

BMR – SUPER FLAVOR 59 – 72

(12-19; 33-33; 52-54)

Basket 2000 Scandiano: Graziani, Zampogna 2, Farabegoli 4, Mastrangelo 10, Gatto 12, Marchetti 12, Caiti ne, Germani 8, Crusca 3, Garofoli ne, Bertocco 8, Piccinini ne. All. Eliantonio R.

Urania Milano: Simoncelli 15, Piunti 8, Perez 18, Albique ne, Paleari 6, Scroccaro ne, Scanzi 14, Eliantonio G. 6, Toffali, Piatti ne, Negri 5, Sedazzari ne. All. Villa.

Niente da fare per la Bmr nel match casalingo con l’Urania Milano, che sbanca il PalaRegnani grazie ad un allungo nel quarto periodo. Inizio complicato per i padroni di casa che, dopo 5’, sono sotto 2-11 (7 punti di Scanzi) con 1/10 al tiro; Marchetti suona la carica e guida i compagni ad un break di 5-0 che li riporta in scia, ma dall’altra parte è Simoncelli a firmare il 12-19 con cui termina il primo quarto. Nel secondo periodo la Bmr prima si riavvicina, poi scivola di nuovo a -9, con capitan Germani costretto in panchina dopo il terzo fallo; brava la squadra di Riccardo Eliantonio a non disunirsi e, con Marchetti e Bertocco, a tornare a quattro lunghezze di distacco a poco più di due minuti dall’intervallo. Il gioco da tre punti di Gatto vale il -1, poi Bertocco, dagli 8 metri, firma il primo vantaggio interno, chiudendo un 10-0 di parziale che vale il 33-31, prima che Simoncelli impatti a meno di 2” dalla sirena di metà gara. La ripresa si apre col consueto “tira e molla”: Milano prova a fuggire sfruttando anche un tecnico a Bertocco, ma 5 punti di Mastrangelo riportano nuovamente la Bmr in scia, poi Marchetti e Gatto puniscono gli avversari dall’arco per il 48 pari a poco meno di 3’30” dalla sirena del 30’. Si riparte per gli ultimi 10’ sul 52-54, con i due canestri consecutivi di Perez e quello di Piunti che valgono il +8 ospite, prima che Perez scaldi ancora la retina dai 6,75 per il 52-63. Partita finita? No, Germani e Mastrangelo guidano la riscossa per il 57-63 del 35’; Scanzi, però, riporta i suoi a distanza con la tripla del 57-68, sulla successiva azione Marchetti perde palla e Giacomo Eliantonio punisce col 57-70, a poco più di un minuto dalla fine.

CLASSIFICA


P
GVP%
Agribertocchi Orzinuovi362518772.0
Amadori Tigers Cesena362518772.0
Antenore Energia Virtus Padova342517868.0
Rekico Faenza342517868.0
Super Flavor Milano322516964.0
Juvi Cremona 1952 Ferraroni3025151060.0
Rucker Sanve San Vendemiano2625131252.0
Gimar Basket Lecco2425121348.0
Lissone Interni Bernareggio2425121348.0
Tramarossa Vicenza2425121348.0
Gordon Nuova Pall. Olginate2225111444.0
Sinermatic Ozzano2225111444.0
Bmr Basket 2000 Reggio Emilia2025101540.0
Pallacanestro Crema162581732.0
Orva Lugo122561925.0
Rimadesio Desio82542116.0

Serie B, Lugo da standing ovation, sconfitta la capolista Virtus Padova. Cesena torna in fuga

SERIE B/B 24° Giornata

AMADORI – REKICO 69 – 66

(9-15; 30-30; 49-47)

Cesena: Ferraro 5, Dagnello 13, Trapani 10, Rossi F. ne, Battisti 3, De Fabritiis 13, Dell’Omo ne, Frassineti 4, Raschi 9, Poggi ne, Sacchettini 2, Brkic 10. All. Di Lorenzo.

Faenza: Fumagalli 16, Costanzelli, Silimbani 3, Samorì ne, Casagrande, Venucci 15, Zampa, Petrucci 11, Chiappelli 9, Santini ne, Sgobba 12, Petrini ne. All. Friso.

La Rekico cade al fotofinish in casa dei Tigers. Alcune fischiate dubbie negli ultimi secondi e la prodezza di De Fabritiis sulla sirena, condannano i faentini ad una sconfitta beffarda, ma che aiuterà il gruppo a crescere. La vittoria è invece arrivata sugli spalti con i tifosi faentini che hanno creato un clima in stile PalaCattani anche al Carisport.

La Rekico entra in campo con grande aggressività sorprendendo i Tigers, volando sul 6-12 e chiudendo il primo quarto avanti 9-15: un parziale frutto delle triple e del gioco di squadra. L’Amadori riordina le idee e risponde con Trapani, ancora una volta una variabile impazzita per la difesa manfreda. La sua verve regala un break di 12-0 e il 21-15, ma la Rekico non si scompone e risponde con la stessa moneta. Una manovra corale perfetta e i punti di Venucci e Silimbani confezionano un controbreak proprio di 12-0, riportando i Raggisolaris avanti 26-30. All’intervallo si arriva poi sul 30-30, punteggio che fotografa una partita tesa e combattuta. Al rientro in campo i Tigers provano a spingere ancora sull’acceleratore andando sul 41-32, ma non fanno i conti con Fumagalli, perfetto nel tagliare a canestro e a prendersi ottime penetrazioni. Un suo break personale propizia l’ennesima rimonta, permettendo alla Rekico di prendersi l’inerzia e qualche punto di vantaggio, arrivando sul 58-64 al 38’. Il demerito dei faentini è di non chiudere il match e, così, a 45’’ dalla fine, Dagnello firma la tripla del 64-64. Nelle due azioni successive, però, la Rekico viene penalizzata da un dubbio fallo in attacco di Petrucci e dal fallo di Chiappelli (il suo quinto) su Brkic, col cesenate che dalla lunetta firma un perfetto 2/2 (66-64). Fumagalli lo imita (66-66) e a 17’’ dalla fine i Tigers possono gestire l’ultimo possesso. La difesa di Faenza è buona, ma De Fabritiis si inventa il canestro della vittoria, a fil di sirena, con una tripla frontale.

RUCKER SANVE SAN VENDEMIANO – FERRARONI CREMONA 65 – 66

ORVA – ANTENORE ENERGIA 101 – 97

(25-25; 48-51; 82-71)

Lugo: Seravalli 21, Bazzocchi ne, Lucarelli 10, Rossi 3, Leardini 13, Brighi 27, Demarchi 14, Bracci, Pietrini, Bedin 13, Mariani ne. All. Galetti.

Virtus Padova: Ferrari 23, Piazza 9, Schiavon 17, De Nicolao 19, Filippini 7, Pellicano 5, Motta ne, Bovo 12, Basso ne, Verzotto 5, Mazzonetto ne. All. Rubini.

LISSONE INTERNI BERNAREGGIO – PALL. CREMA 84 – 86 d2ts

AGRIBERTOCCHI – BMR 80 – 61

(18-16; 34-34; 59-44)

Orzinuovi: Tassinari, Labovic ne, Siberna 11, Varaschin, Turel 12, Mastroianni 7, Galmarini 22, Bianchi 13, Pipitone, Pennacchio ne, Timperi 15. All. Salieri.

Basket 2000 Scandiano: Graziani 2, Zampogna 6, Farabegoli 6, Mastrangelo 10, Gatto 8, Marchetti 7, Crusca 3, Germani 4, Garofoli, Bertocco 15. All. Eliantonio.

Netta sconfitta esterna per la Bmr, battuta nettamente sul campo dell’Agribertocchi: dopo un primo tempo sempre punto a punto, la squadra bresciana allunga con decisione nel terzo periodo, chiudendo anzitempo i giochi. L’inizio di gara è equilibrato: Gatto e Marchetti, insieme a Bertocco, tengono avanti gli ospiti, che però cedono il comando nel finale di primo quarto ai padroni di casa (18-16 al 10’); Orzinuovi prova l’allungo al 13’ con tre canestri consecutivi di Timperi (27-20), cui replicano due volte i bianco-rosso-blu dall’arco con Mastrangelo e Gatto, costringendo la panchina bresciana al time out; la Bmr torna avanti sul 29-30 con Crusca, poi nuovamente sul 32-34 con Graziani, poi è Bianchi a firmare i liberi che mandano le due squadre negli spogliatoi in perfetta parità. Nella ripresa, però, l’inerzia della partita viene meno: Orzinuovi piazza un primo 8-0 che la porta oltre la doppia cifra di vantaggio, poi è Galmarini (22 punti, 8 rimbalzi e 34 di valutazione) a firmare il 59-44 del 30’. Nel quarto periodo Farabegoli, Zampogna e Bertocco riportano la Bmr a -6 con uno 0-9 di parziale, poi è ancora Farabegoli a piazzare il -5 dall’arco sul 61-56; nel momento più favorevole agli ospiti, però, Turel prende per mano Orzinuovi e dà il via all’ultimo allungo, quello decisivo.

TRAMAROSSA – SINERMATIC 84 – 75

(14-13; 39-33; 62-52)

Vicenza: Quartieri, Galipò 12, Kedzo ne, Demartini 18, Montanari 5, Corral 19, Rigon ne, Campiello U. 4, Conte 5, Contrino ne, Campiello A. 16, Crosato 5. All. Venezia.

Ozzano: Salvardi ne, Folli 5, Masrè 2, Morara 8, Chiusolo 24, Mastrangelo 2, Corcelli 11, Giannasi ne, Ranocchi 3, Klyuchnyk 12, Martini, Agusto 8. All. Grandi.

I New Flying Balls cadono al Palazzetto dello Sport di Vicenza; la Tramarossa si impone 84 a 75 sulla Sinermatic dopo un match caratterizzato da diversi importanti parziali per la formazione di casa; in ogni caso la partita è stata condotta da Vicenza per quasi trenta minuti e quasi mai messa in discussione dalle “Palle Volanti”, apparse un po’ in ombra nella trasferta in terra veneta.

Dopo lo 0-2 iniziale, Ozzano finisce a -7 (9-2 al 3’) sotto i canestri di un ispirato Corral. Entrambi gli attacchi sprecano molto, gli ospiti ne approfittano e grazie ad un parziale di 3 a 12 riescono per pochi secondi a rimettere il naso avanti (12-13) prima del canestro di Corral che fissa il punteggio sul 14 a 13 alla prima sirena. Il primo scossone del match arriva in avvio del primo quarto dove Vicenza non sbaglia praticamente nulla, mentre Ozzano non trova la via del canestro per oltre tre minuti. Al minuto 13 arriva il primo vero allungo vicentino, con Demartini che segna il +12 (25-13). Al 16’ ci pensa Campiello a segnare la bomba del massimo vantaggio (+16 sul 35-19) che obbliga coach Grandi al secondo time out di serata. La Sinermatic si scuote, Chiusolo prende in mano la squadra e segna 10 punti in 3 minuti per un parziale di 2-14 che riporta Ozzano fino al -4 (37-33 a 19’30”). In avvio del terzo periodo nuovo black out ospite e nuovo allungo Tramarossa: 13-0 in tre minuti, con Corral e Campiello sugli scudi e 50-37 al 33’. Corcelli sblocca la Sinermatic dopo oltre 200 secondi di buio; mentre Chiusolo deve uscire qualche minuto per una botta al volto, è lo stesso Corcelli in compagnia di Morara a tenere a galla le Palle Volanti che rientrano fino al -9 al 29’. In apertura dell’ultimo quarto Masrè firma il -8 Flying (62-54) prima dell’ennesimo parziale dei padroni di casa che si affidano al neo acquisto Galipò (12 punti tutti nell’ultimo periodo) e Demartini per siglare un 11 a 2 che spezza le gambe ad Ozzano (73-56 a 5’30” dalla fine). Fuori Montanari da una parte, Corcelli e Morara dall’altra per falli, la Sinermatic si affida nuovamente a Mario Chiusolo per contenere i danni e provare a salvare la differenza canestri (ad Ozzano fu +9 Flying Balls). Il play ozzanese incrementa il proprio bottino a 24 punti (top scoorer di serata) con due triple di fila, che valgono il nuovo -7 Sinermatic a 120 secondi dalla fine (77-70). Nell’ultimo giro di lancette Galipò fa 4 punti di fila (84-73), prima del canestro conclusivo di Agusto che fissa il punteggio sull’84-75 che vale la perfetta parità in ottica differenza canestri.

BASKET LECCO – GORDON OLGINATE 67 – 75

SUPER FLAVOR MILANO – RIMADESIO 96 – 65

CLASSIFICA


P
GVP%
Amadori Tigers Cesena362418675.0
Antenore Energia Virtus Padova342417770.8
Agribertocchi Orzinuovi342417770.8
Rekico Faenza322416866.7
Super Flavor Milano302415962.5
Juvi Cremona 1952 Ferraroni2824141058.3
Rucker Sanve San Vendemiano2624131154.2
Tramarossa Vicenza2424121250.0
Gimar Basket Lecco2424121250.0
Sinermatic Ozzano2224111345.8
Lissone Interni Bernareggio2224111345.8
Bmr Basket 2000 Reggio Emilia2024101441.7
Gordon Nuova Pall. Olginate2024101441.7
Pallacanestro Crema142471729.2
Orva Lugo122461825.0
Rimadesio Desio62432112.5

Serie B, Coppa Italia: vince Omegna, i Tigers Cesena si arrendono in finale

COPPA ITALIA

Quarti

AMADORI – VIRTUS ARECHI 59 – 56

(21-15; 34-27; 47-42)

Tigers Cesena: Ferraro, Dagnello 5, Trapani, Rossi ne, Battisti 12, De Fabritiis 6, Raschi 2, Poggi ne, Sacchettini 11, Brkic 13. All. Di Lorenzo.

Salerno: Tortù 7, Villa 7, Czumbel, Antonaci ne, Duranti 6, Maggio 3, Corvo ne, Leggio 19, Visnjic 6, Diomede 8. All. Menduto.

Sono i Tigers i primi a qualificarsi alle semifinali di Coppa Italia. Il tutto grazie ad una partita condotta per gli interi 40′ in virtù, soprattutto, di una maiuscola prova difensiva. L’essenza della partita dei Tigers è tutta negli ultimi 8’’ di match, con Duranti che rimette in attacco per Salerno. Palla sotto a Diomede che sbaglia, stretto nella morsa della difesa malatestiana ed è costretto a scaricare fuori per Villa, che lancia la preghiera dai 6,75 a fil di sirena. Palla fuori e Cesena è in semifinale.

Ma prima? Beh, che la difesa della Amadori potesse incidere sul match lo si è capito fin da subito, quando, a 5’55’’ dal primo mini intervallo Cesena costringe coach Menduto al time out sul 13-4 per i romagnoli. E’ il canovaccio dell’impero primo tempo. Brkic e Sacchettini a fare buona guardia sotto canestro e Matteo Battisti a guidare i Tigers con fosforo e assist illuminanti. Quando poi Sacchettini centra la bomba del 28-17 a 6’29’’ dall’intervallo lungo e, non pago, segna in area, a 3’22’’ la Amadori vola sul 34-19. Salerno, però, non molla, sospinta da un Leggio superlativo che a fine partita scriverà 19 sul proprio tabellino personale. Il contro break campano manda le squadre al riposo sul 34-27, con una partita ancora tutta da raccontare. Nel terzo quarto la difesa di Salerno annebbia le idee dei Tigers in attacco, mentre Di Lorenzo attinge a piene mani dalla panchina. L’inerzia passa nelle mani dei blaugrana che accorciano pur segnando poco, grazie a qualche errore di troppo di una Cesena comunque brava a costruirsi tiri aperti, ma sprecona nel finalizzare. L’ultimo quarto si apre con la Amadori avanti 47-42. Occorre attendere quasi due minuti per vedere un canestro, anzi due, dalla lunetta, griffati Dagnello. Quattro minuti più tardi, ancora dalla lunetta, è Raschi a riportare in doppia cifra il vantaggio di Cesena, ma la Virtus risponde con un 5-0 di parziale che non permette ai Tigers di chiudere il match anzitempo. Anzi, Salerno prende l’abbrivio giusto e, a -3’18″, Duranti segna da 3, riportando i campani pericolosamente sotto (58-53). A 2’04’’ dalla sirena, Cesena commette l’errore di concedere agli avversari ben tre tentativi dall’arco nella stessa azione e, al terzo, Roberto Maggio segna il 58-56, prima di commettere il quinto fallo su Brkic e salutare così il match. Il capitano cesenate compie solamente a metà il proprio dovere a cronometro fermo, ma si riscatta immediatamente con una palla recuperata di importanza capitale. I Tigers, però, non concludono positivamente l’azione offensiva e, a 8’’, il time out dal quale Salerno esce per l’attacco del pareggio di cui sopra.

DECO’ – REKICO 62 – 72

(18-15; 39-37; 51-56)

Caserta: Dip 11, Petrucci N. 9, Ciribeni 12, Bottioni 4, Pasqualin, Valentini 2, Rinaldi 6, Aldi ne, Hassan 15, Sergio 1, Barnaba, Piazza ne. All. Oldoini.

Faenza: Fumagalli 4, Costanzelli, Silimbani 4, Samorì, Casagrande 9, Venucci 12, Zampa, Petrucci M. 17, Pambianco, Chiappelli 10, Sgobba 14, Petrini ne. All. Friso.

Impresa da sogno della Rekico. La truppa di coach Friso supera la corazzata Caserta grazie ad una prestazione maiuscola, smentendo ogni pronostico avverso. Sono la forza mentale e la lucidità le armi che hanno permesso questo colpo grosso e ovviamente la solita difesa, decisiva nei momenti caldi del match. Fondamentali sono stati poi i tantissimi tifosi sugli spalti che hanno incitato la squadra con grande passione. E ora sotto con la semifinale: sabato alle 12.30 ci sarà il derby con i Tigers Cesena.

La Rekico entra in campo determinata e piazza un break di 5-0 mandando in confusione la Decò che non si aspettava una simile partenza. L’esperienza casertana entra però ben presto in scena, con i giocatori che si affidano ai liberi e ai tiri da fuori e ribaltano il risultato sul 16-11. I Raggisolaris non subiscono il contraccolpo e continuano ad attaccare e a difendere con grande attenzione, trascinati in attacco da un ottimo Petrucci. All’intervallo Caserta conduce 39-37, poi si porta sul 42-37 e, proprio nel momento più difficile, la Rekico si infiamma. La manovra offensiva porta punti dall’area pitturata e da fuori, con qualche tripla sparata di tanto in tanto che permette di mantenere punti di vantaggio fino al 56-51 di fine terzo quarto. La Decò avrebbe le armi per riprendersi il match, ma non può nulla contro la voglia di vincere della Rekico, perfetta in difesa e cinica in attacco. Dip e gli altri lunghi vengono imbrigliati e ad ogni loro errore corrisponde un rimbalzo catturato da Faenza. Nell’altra metà campo i canestri arrivano a ripetizione come la tripla di Silimbani del 53-64 a metà terzo quarto. Caserta crolla dal lato mentale e sbaglia anche facili conclusioni, i Raggisolaris ne approfittano e mettono il punto esclamativo alla loro grande partita con Petrucci che dalla lunetta fissa il 56-71, mandando in visibilio i tifosi.

PAFFONI OMEGNA – AMATORI PALL. PESCARA 73 – 70

ALLIANZ PAZIENZA SAN SEVERO – ALL FOOD FIRENZE 64 – 66

Semifinali

AMADORI – REKICO 75 – 50

(15-13; 36-25; 55-40)

Tigers Cesena: Ferraro 5, Dagnello 8, Trapani 4, Rossi, Battisti 9, Papa 2, De Fabritiis 16, Raschi 8, Poggi, Sacchettini 11, Brkic 12. All. Di Lorenzo.

Raggisolari Faenza: Fumagalli, 8, Costanzelli, Silimbani, Casagrande 7, Venucci 2, Zampa 10, Petrucci 12, Pambianco ne, Chiappelli 5, Sgobba 6, Petrini ne. All. Friso.

I Tigers Cesena staccano il pass per la finale di Coppa Italia, aggiudicandosi il derby tutto romagnolo contro la Rekico al termine di una prestazione cinica, fatta di tanta concretezza in difesa, contando, poi, sull’apporto di un ritrovato Antonio De Fabritiis, MVP con 16 punti ed un 4/5 da 3 punti che ha dato ai cesenati la spinta decisiva verso la vittoria.

Le due squadre partono molto contratte. Cesena addormenta da subito il match portandolo sui ritmi a lei più congeniali. Faenza non riesce mai a sprintare ed il punteggio, molto basso, recita un 36-25 al riposo lungo, senza troppi sussulti. Sul finire di secondo quarto, la Amadori comincia a dare segnali di ciò che la partita dirà nel prosieguo. A 4’20’’ Trapani buca in penetrazione una difesa troppo poco attenta, mentre Raschi confezione una bomba per poi catturare un rimbalzo e depositare il punto del 25-19. Coach Friso chiama time out e, prima di avere 2 punti da Fumagalli, Faenza incassa il 27-19 di Sacchettini che poi però commette il suo terzo fallo. Si entra in zona De Fabritiis. Sono 7 i punti che il “Conte” mette a segno sul finire di primo tempo inchiodando la tripla del 36-22 poi rintuzzata da quella, a fil di sirena, di Chiappelli. Ossigeno per Faenza che rientra così negli spogliatoi sul 36-25 e l’impressione di poter limitare i danni. E’ solamente un’impressione però, perché Cesena, al ritorno dalla pausa lunga, mostra la sua faccia migliore. Così, mentre Brkic prende a piazzare stoppate, De Fabritiis raccoglie fatturato. A 7’43’’ è una bomba del capitano cesenate a dare a Cesena il nuova massimo vantaggio: 41-27. La Amadori imbriglia Faenza in una morsa dalla quale i manfredi non riesco ad uscire. A 6’02’’ è di nuovo De Fabritiis a timbrare dall’arco e, quando Brkic cancella Chiappelli con una stoppata, a 4’51’’, con Battisti a perfezionare la recuperata con assist a Dagnello per un comodo appoggio in contropiede, i Tigers si trovano sul nuovo massimo vantaggio, col +15, sul 46-31. Poco dopo, la giocata con la quale gli Amadori Tigers Cesena azzannano la preda. Altra stoppata del capitano ed il 49-31 porta la firma del “Conte” De Fabritiis. Petrucci prova a rispondere presente sempre dall’arco, ma di nuovo dai 6,75, questa volta Dagnello, a 1’40’’ scrive il 52-38. Gli ultimi punti del quarto portano la firma di Trapani, su assist di Ferraro, e infine dello stesso Ferraro, 1/2 dalla lunetta. Giusto il tempo di vedere Francesco Poggi sul parquet ed il terzo quarto va in archivio sul 55-40. Una distanza certo non insormontabile, ma Faenza è fiaccata, demoralizzata e incapace di reagire di fronte alla carica delle Tigri. Che non mollano il colpo, decise a mandare segnali chiari e forti a chi, domani, dovrà contendere loro l’ambita Coppa Italia. Ultimo quarto che si trasforma in una gloriosa cavalcata per la Amadori, mentre gli avversari sembrano già proiettati alla partita di domenica prossima, nella tana dei Tigers. Minuti in campo anche per Filippo Rossi in un quarto che, di fatto, è servito per arrivare alla sirena e nulla più.

PAFFONI – ALL FOOD 79 – 68

FINALE

AMADORI – PAFFONI 72 – 81

(17-16; 30-41; 44-60)

Tigers Cesena: Battisti 20 (1/7, 5/6), Sacchettini 15 (6/9, 1/1), Raschi 11 (2/4, 1/1), De Fabritiis 10 (1/2, 2/4), Trapani 5 (1/2), Brkic 5 (0/2, 0/3), Ferraro 3 (1/2), Frassineti 2 (1/3, 0/3), Dagnello 1 (0/2, 0/2), Poggi ne, Rossi ne. All. Di Lorenzo.

Omegna: Grande 15 (2/2, 3/7), Scali 13 (3/4, 2/3), Arrigoni 12 (5/5, 0/1), Balanzoni 10 (3/6), D’Alessandro 9 (3/4, 1/4), Samoggia 9 (0/2, 3/4), Cantone 8 (2/3, 1/3), Bruno 5 (1/2, 1/5), Gueye, Guala ne, Ramenghi ne, Bovio ne. All. Ghizzinardi.

Serie B, Tigers corsari a Cremona, bene anche Faenza, i Flying Balls e il Basket 2000

SERIE B/B 23° Giornata

FERRARONI – AMADORI 65 – 67

(13-18; 27-33; 44-54)

Ju.Vi. Cremona: Valenti 6, Bona 17, Vacchelli 3, Belloni 9, Speronello, Perini ne, Cusinato, Ndiaye 11, Contini ne, Manini 3, Esposito 6, Veronesi 10. All. Brotto.

Tigers Cesena: Raschi 5, Brkic 16, Frassineti 6, Papa 8, Battisti 13, Dagnello 7, Sacchettini 4, Trapani 6, Ferraro 2, Rossi ne. All. Di Lorenzo.

GORDON – ORVA 92 – 84

(26-23; 45-40; 73-57)

Olginate: Tagliabue 17, Marinò 11, Gorreri 8, De Bettin 2, Bartoli 20, Caversazio 7, Carella 2, Bugatti 19, Spera 4, Bet ne, Errera 2, Masocco ne. All. Meneguzzo.

Lugo: Seravalli 24, Bazzocchi ne, Lucarelli 7, Rossi, Leardini 5, Brighi 27, Demarchi, Bracci 3, Pietrini 9, Bedin 9, Melandri ne. All. Galetti.

BMR – RUCKER SANVE 83 – 68

(22-14; 41-32; 54-54)

Basket 2000 Scandiano: Graziani, Zampogna 12, Farabegoli 5, Mastrangelo 19, Marchetti 12, Gatto 7, Crusca 13, Germani 10, Garofoli ne, Bertocco 5. All. Eliantonio.

Sanvendemiano: Vedovato 12, Bloise 6, Perin 6, Durante ne, Rossetto 2, Masalba 4, Mossi 16, Lurini, Bartoli 5, Oyeh ne, Battistuzzi ne, Borsato 17. All. Mian.

Terzo successo consecutivo per la Bmr, che sbriga la pratica San Vendemiano con un parziale di 11-0 ad inizio quarto periodo. L’inizio dei padroni di casa è tambureggiante: Germani, Marchetti e Bertocco guidano i bianco-rosso-blu sul 19-4, prima che gli ospiti rialzino la testa e con Mossi e Rossetto vadano alla prima pausa sul 22-14. San Vendemiano prova a completare la rimonta nel secondo periodo, quando per due volte arriva a -4: brava la Bmr a non capitolare, trascinata da un Mastrangelo che chiude i primi 20’ con 3/4 dalla lunga distanza (5/7 alla fine), poi è Marchetti a siglare il nuovo +11 sul 41-30. Nella ripresa, però, gli ospiti colpiscono dall’arco con la coppia Borsato-Perin e, con un parziale di 3-12 nei primi 5’ del terzo quarto, impattano a quota 44; il Basket 2000 subisce il colpo e scivola a -4, ma si rimette in pista con una tripla di Zampogna e col canestro del sorpasso sul 51-50 di capitan Germani. Ancora Zampogna, con una duplice conclusione pesante, apre nel migliore dei modi il quarto periodo dei locali, imitato da Gatto, che firma poco dopo il 63-54; brava la Bmr a gestire nel migliore dei modi il vantaggio, entrando negli ultimi 4’ con dodici lunghezze da gestire, incrementando poi il vantaggio coi canestri di Crusca.

SINERMATIC – BERNAREGGIO 80 – 64

(20-22; 40-38; 51-51)

Flying Balls Ozzano: Salvardi ne, Folli 8, Masrè, Morara 11, Chiusolo 11, Mastrangelo 4, Corcelli 8, Galassi 7, Giannasi ne, Ranocchi 3, Klyucnyk 14, Agusto 14. All. Grandi.

Bernareggio: Pagani 8, Laudoni 31, Bossola ne, Restelli 6, Ruzzon ne, Todeschini 10, Monina, Ka, Di Gianvittorio, Tulumello, Almansi ne, Baldini 9. All. Cardani.

Dopo la vittoria di Lecco, in casa New Flying Balls si chiedevano conferme e conferme sono arrivate. La Sinermatic vince il match casalingo contro Bernareggio per 80 a 64, aggancia a quota 22 punti in classifica proprio la formazione brianzola e, ciliegina sulla torta, ribaltano proprio in volata il -15 subito all’andata in terra lombarda.

Dopo i primi tre minuti di equilibrio totale (7-6 Ozzano), Laudoni e Pagani trascinano Bernareggio sul +6 (7-13) al minuto 5. Coach Grandi con un time out riordina le idee dei propri ragazzi e in poco più di tre minuti Folli, Agusto e Morara firmano un parziale di 8 a 0 che riporta avanti i Flying (18-17 al 8’). Fra gli ospiti il bomber Laudoni è ispirato e segna sulla sirena il +2 Bernareggio. Per lui sono 12 punti in 10′ (a fine serata saranno 31 le realizzazioni con un ottimo 12/15 da 2 macchiato solo dallo 0/6 dalla lunga distanza). In apertura del secondo quarto parte forte Ozzano, con Ranocchi e Klyuchnyk che regalano il +6 alla formazione ozzanese (29-23 al 13’). La Sinermatic continua a condurre, lo stesso lungo ucraino, insieme a Chiusolo, trascinano i padroni di casa sul +8 al 17’, poi blackout di tre minuti con Bernareggio che si affida, tanto per cambiare, a Laudoni e Todeschini per il break di 0-6 che vale il 40-38 all’intervallo lungo. I Flying Balls partono forte anche nel terzo periodo: capitan Agusto, insieme a Mastrangelo e ad una tripla di Corcelli fanno volare la Sinermatic sul massimo vantaggio (+11 al 24’). Dopo la doppia di vantaggio, però, Ozzano di blocca nuovamente, non trovando più la via del canestro sino alla fine della terza frazione. Dall’altra parte invece c’è la reazione degli ospiti, con il solito Laudoni, due bombe di Restelli e una di Todeschini e arriva il parziale di 0-11 che manda le squadre all’ultimo mini riposo sul 51 pari. La partita è ancora apertissima: la Sinermatic trova subito il vantaggio con Galassi che dai 6,75 segna il 54-51, dopo pochi secondi dall’avvio dell’ultimo quarto; poi Bernareggio si affida nuovamente a Stefano Laudoni che, con 5 punti filati, porta i brianzoli al sorpasso (56-58 al 33’). Coach Grandi si rifugia nel time out, i New Flying Balls non si disuniscono e, dal minuto di sospensione, c’è la reazione d’orgoglio ozzanese, complice anche un Kluchynk parecchio ispirato. Il lungo ucraino fa cinque punti di fila (61-58), al quale seguono i canestri di Chiusolo, Morara, ancora Chiusolo e Agusto per il 67-58 al minuto 36 (parziale aperto di 11-0). Laudoni interrompe il digiuno di canestri brianzolo (67-61), Chiusolo replica con un break di 5 a 0 (tutto da lui firmato); Ozzano trova il massimo vantaggio (+13 sul 75-62 al 38’), mentre Bernareggio perde Restelli, espulso in seguito ad un fallo tecnico che si è andato a sommare ad un antisportivo avvenuto nella seconda frazione. La Sinermatic ha ormai la vittoria in tasca e nell’ultimo giro di lancette lo sguardo va sul tabellone e si comincia a guardare la differenza canestri. Matteo Folli da 3 punti fa 78-62, +16, esplode il pubblico del Pala Grafiche Reggiani, sostenuto per 40′, ancora una volta, dalla tifoseria organizzate ozzanese, sempre numerosa e rumorosa sulle tribune. Laudoni supera il trentello dalla lunetta per il -14, Klyuchnyk sbaglia, ma dall’altra parte Baldini fa peggio, forzando una tripla sul -14 quando poteva far scorrere il tempo. L’ultimo tiro è così di Ozzano e capitan Agusto non fallisce: canestro, +16 finale (80-64) e differenza canestri ribaltata.

RIMADESIO – AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI 60 – 76

REKICO – TRAMAROSSA 83 – 80

(25-27; 52-45; 69-65)

Faenza: Fumagalli 2, Costanzelli 8, Silimbani 2, Samorì ne, Casagrande 10, Venucci 9, Zampa 2, Petrucci 21, Pambianco ne, Chiappelli 8, Sgobba 21. All. Friso.

Vicenza: Quartieri 13, Kedzo ne, Demartini 13, Montanari 11, Corral 16, Rigon, Campiello U., Conte, Contrino, Campiello A. 12, Crosato 15. All. Venezia.

Un tris di vittorie che vale l’allungo verso le prime quattro posizioni. La Rekico supera Vicenza, in un match duro e senza esclusione di colpi, e approfittando del passo falso di Milano guadagna quattro punti sui lombardi, quinti in classifica. Il modo migliore per presentarsi alla Coppa Italia di venerdì, traguardo storico per i Raggisolaris e per la provincia di Ravenna, che mai aveva visto una sua rappresentante in ambito maschile partecipare a questa manifestazione. Contro la Tramarossa è da sottolineare la prova di tutto il collettivo, ma una menzione particolare è per Petrucci e Sgobba, migliori realizzatori con 21 punti.

Che il match fosse una battaglia, lo si vede già nel primo periodo, quando la Rekico si ritrova ad inseguire 27-25 sotto i colpi di un incredibile 5/5 da tre punti dei veneti. Il carattere e la lucidità permettono però di restare in scia e quando sale in cattedra la solita difesa, arriva la fuga. Petrucci e Chiappelli armano il braccio dalla lunga distanza, Sgobba porta punti e solidità nell’area pitturata e tutta l’orchestra che suona a meraviglia, diretta alla grande da Venucci. Proprio il capitano regala un assist perfetto a Costanzelli che schiaccia il massimo vantaggio di 52-40, facendo esplodere di gioia il PalaCattani. Il segreto della fuga? I rimbalzi catturati e i canestri segnati al momento giusto. Quello che purtroppo non accade nel secondo tempo, quando Vicenza reagisce e dopo essersi portata sotto di un solo punto in due occasioni, passa a condurre 71-69 al 32’ con una tripla di Corral. La Rekico non accusa il colpo e continua a giocare con grande determinazione: il protagonista diventa Casagrande, autore della tripla dell’81-77 al 39’’. Sull’82-79 per la Rekico si entra nell’ultimo minuto di fuoco. De Martini fallisce due liberi, Corral ne segna soltanto uno e a 14’’ dalla sirena, Faenza conduce 80-82. Il pivot argentino commette fallo sistematico su Sgobba che dalla lunetta segna il primo e sbaglia il secondo (83-80), poi la difesa asfissiante confonde le idee a Vicenza, che non riesce a trovare il tiro da tre del possibile supplementare, preferendo una penetrazione a canestro che non porta risultati. La Rekico può così esultare per una grande vittoria.

PALLACANESTRO CREMA – BASKET LECCO 76 – 83

ANTENORE ENERGIA PADOVA – SUPER FLAVOR MILANO 72 – 68

CLASSIFICA


P
GVP%
Amadori Tigers Cesena342317673.9
Antenore Energia Virtus Padova342317673.9
Agribertocchi Orzinuovi322316769.6
Rekico Faenza322316769.6
Super Flavor Milano282314960.9
Juvi Cremona 1952 Ferraroni2623131056.5
Rucker Sanve San Vendemiano2623131056.5
Gimar Basket Lecco2423121152.2
Sinermatic Ozzano2223111247.8
Lissone Interni Bernareggio2223111247.8
Tramarossa Vicenza2223111247.8
Bmr Basket 2000 Reggio Emilia2023101343.5
Gordon Nuova Pall. Olginate182391439.1
Pallacanestro Crema122361726.1
Orva Lugo102351821.7
Rimadesio Desio62332013.0

Serie B, i Tigers vincono a Bernareggio, imprese per Basket 2000 e Flying Balls

SERIE B/B 22° Giornata

RUCKER – ORVA 101 – 83

(23-28; 55-42; 73-60)

San Vendemiano: Mossi 26 (8/10, 2/4), Bloise 24 (5/6, 3/8), Perin 14 (5/9, 0/1), Vedovato 9 (3/7), Borsato 9 (0/2, 3/6), Malbasa 7 (2/3, 1/3), Rossetto 4 (2/3, 0/1), Bartoli 4 (2/2, 0/1), Lurini 4 (2/3), Durante, Battistuzzi, Oyeh. All. Mian.

Lugo: Brighi 23 (5/9, 3/9), Seravalli 10 (2/3, 0/3), Bracci 8 (4/5, 0/1), Bedin 8 (3/4, 0/1), Farabegoli 8 (4/7), Lucarelli 7 (2/4, 0/1), Demarchi 5 (1/4, 0/2), Pietrini 2 (1/2, 0/4), Rossi 2 (1/1, 0/2), Bazzocchi (0/1), Leardini ne, Melandri ne. All. Galetti.

LISSONE INTERNI – AMADORI 62 – 72

(15-24; 20-38; 45-58)

Bernareggio: Pagani 6, Laudoni 14, Bossola 10, Restelli ne, Ruzzon, Todeschini 12, Monina 4, Ka Alioune ne, Di Gianvittorio 3, Tulumello, Almansi, Baldini 13. All. Cardani.

Tigers Cesena: Ferraro 10, Dagnello 17, Trapani 2, Battisti 2, De Fabritiis 3, Frassineti 2, Raschi 11, Poggi ne, Sacchettini 7, Brkic 18. All. Di Lorenzo.

RIMADESIO – REKICO 66 – 95

(17-17; 30-40; 45-61)

Desio: Giacomelli, Perez 8, Tommei 9, Beretta, Busetto 5, Brown 13, Fiorito 3, Bassi 5, Peri ne, Lenti 22, Torchio, Pesenato 1. All. Ghirelli.

Raggisolaris Faenza: Fumagalli 22, Costanzelli, Silimbani 4, Casagrande 14, Venucci 20, Zampa 4, Petrucci, Chiappelli 13, Sgobba 16, Petrini 2. All. Friso.

La Rekico sbanca con autorità il campo della Rimadesio, mostratasi mai doma come da pronostico. La voglia di vincere e di restare ancorata alla coppia di testa fanno però la differenza, permettendo ai faentini di chiudere i conti già all’intervallo con un perentorio break.

Il primo quarto è all’insegna dell’equilibrio con Desio che resta in partita approfittando di qualche calo di tensione di troppo della difesa faentina: uno su tutti, la tripla di Busetto segnata allo scadere che vale il 17-17. La Rekico non accusa il colpo e inizia a giocare la propria pallacanestro, ma Desio non molla e passa a condurre di pochi punti, poi sul 30-30 arriva il momento clou del match. Le maglie della difesa romagnola si stringono non concedendo nulla e in attacco Chiappelli e Sgobba colpiscono da tre, dando il via ad un break di 10-0 che porta la Rekico sul 30-40 all’intervallo. Un allungo che galvanizza i faentini, rientrati poi in campo con il giusto spirito e a suon di triple prende il largo. L’ex di turno Fumagalli sigla una delle sue cinque ‘bombe’ (chiuderà con un 5/5 dall’arco), firmando il 36-52, poi, il punto esclamativo di un quarto perfetto lo mette Venucci nei secondi finali, portando i Raggisolaris sul 45-64. Un parziale frutto delle altissime percentuali offensive e della difesa, tanto che Desio nel terzo quarto segna quasi esclusivamente dalla lunetta. Gli ultimi dieci minuti diventano così un monologo faentino dove trova gloria anche Petrini, autore del canestro del 95-66 finale.

BMR – FERRARONI 73 – 71

(22-12; 35-39; 55-48)

Basket 2000 Scandiano: Graziani, Zampogna 1, Mastrangelo 13, Gatto 8, Marchetti 17, Caiti ne, Crusca 7, Germani 13, Garofoli, Bertocco 14, Piccinini ne. All. Eliantonio.

Cremona: Bona 19, Manini 2, Ndiaye 12, Belloni 3, Vacchelli, Veronesi 13, Esposito 6, Sipala, Speronello 7, Contini ne, Valenti 9. All. Brotto.

Con le unghie e con i denti. La Bmr conquista la seconda vittoria consecutiva, regolando al PalaRegnani l’ostica Juvi Cremona e continua la propria rincorsa alla salvezza, trascinata da quattro uomini in doppia cifra. Buono l’avvio dei padroni di casa, che a metà della prima frazione sono avanti 14-7 con 7 punti di capitan Germani, poi è Bertocco a guidare i suoi al 22-12 del 10’. Cremona rientra ad inizio secondo quarto, sull’asse Bona-Manini-Nsiaye, che confezionano lo 0-7 con cui gli ospiti tornano a -1; la tripla di Speronello firma il vantaggio lombardo sul 28-30, poi è ancora Bertocco a mantenere gli scandianesi in scia sul 35-39 di metà gara. Ad inizio ripresa Gatto, dall’arco, firma il 42 pari, poi sono Marchetti e lo stesso Gatto a siglare le conclusioni pesanti che riportano gli uomini di Eliantonio al comando; sempre dalla linea dei 6,75, poi, Mastrangelo segna il canestro che permette ai suoi di entrare negli ultimi 10’ di gioco con 7 punti di vantaggio. E’ lo stesso Mastrangelo, dopo il duplice fallo tecnico e la susseguente espulsione di Valenti, ad allargare dalla lunetta il gap tra le due formazioni, con la Bmr che tocca il +11. Partita finita? Nemmeno per sogno: la Juvi ritorna subito in scia, trovando con Veronesi il -3 (63-60). Seguono minuti di battaglia vera, con Marchetti che dalla lunetta tiene avanti i padroni di casa sul 73-67; Bona, il migliore dei suoi, trova la tripla del -2, ma la Bmr resiste e porta a casa due punti d’oro.

AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI – GORDON OLGINATE 74 – 68

ANTENORE ENERGIA PADOVA – TRAMAROSSA VICENZA 77 – 72

BASKET LECCO – SINERMATIC 73 – 79

(25-23; 34-37; 50-61)

Lecco: Brunetti, De Prampero 2, Teghini 13, Marinello 5, Caceres 11, Rattalino 8, Chinellato 11, Ghirlandi ne, Ratti ne, Cacace 17, Molteni 6, Favalessa ne. All. Gandini.

Flying Balls Ozzano: Agusto 21, Corcelli 5, Morara 6, Masrè 3, Mastrangelo 6, Klychnyk 18, Galassi 6, Chiusolo 8, Folli 6, Ranocchi, Salvardi ne. All. Grandi.

Dopo un digiuno di oltre un mese, la Sinematic ritorna ad assaporare il gusto della vittoria e lo fa espugnando il campo di Lecco per 79 a 73, dopo una partita giocata con carattere, grinta e con tanta voglia di portare a casa quel successo tanto atteso ed inseguito.

I Flying partono forte fin dai primi minuti, trascinati dai punti sotto canestro della coppia Agusto-Klyuchnyk e dalle triple dello stesso capitano ozzanese (6-15 al 5’). Lecco non tarda nella replica e dopo il time out il bomber Teghini prende in mano la squadra e con tre triple proietta Lecco avanti alla prima sirena (25-23). Nel secondo periodo calano le percentuali al tiro per entrambe le formazioni. La Sinermatic difende con autorità e costringe i locali a segnare appena 9 punti in 10′; meglio fa Ozzano, che ne realizza 14 con un Agusto ancora sugli scudi (chiuderà la serata con 21 punti) e i Flying riescono così ad andare negli spogliatoi avanti di tre lunghezze (34-37). Nel terzo quarto continua la buona prestazione dei biancorossi griffati Sinermatic; sei punti consecutivi di capitan Agusto valgono il +8 Flying Balls (37-45 al 22’). Dopo la risposta di Cacace, arrivano due fondamentali triple in casa Ozzano, prima con il rientrante Masrè, poi con Nunzio Corcelli. Sinermatic sul massimo vantaggio (+11 sul 42-53 al minuto 27). Marinello controbatte da fuori, Mastrangelo e un ispirato Klyuchnyk (18 punti in tutto per lui) trascinano la Sinermatic sul +13 (48-61); Caceres, infallibile dalla lunetta, firma il 50-61 della terza sirena. In apertura del’ultimo quarto Chiusolo dall’arco fa +12 (52-64), ma Chinellato risponde immediatamente con 4 punti di fila (56-64) al 33’. Un’altra tripla, firmata questa volta da Galassi, vale la nuova doppia cifra di vantaggio per i Flying (58-69), ma Lecco è viva e con Cacace e Moltena fa 6-0 di parziale riportandosi sul -5 (64-69) a cinque minuti dalla fine. Si entra negli ultimi 180 secondi con Ozzano avanti di 8 (64-72), grazie ai punti di Morara e Chiusolo, ma, in 90″, il match cambia completamente faccia: Molteni fa -6, Chiusolo fa passi (protesta il pubblico ozzanese per questa decisione arbitrale), Cacace segna la tripla del 69-72, Agusto sbaglia, Teghini fa -1 e costringe coach Grandi al time out. La situazione non migliora perché Folli perde il pallone e Cacace firma dalla lunetta il clamoroso sorpasso: 73-72 a -1’20”. L’inerzia è ora favorevole alla Gimar, Ozzano comincia ad avere gli incubi per un’altra possibile rimonta subita. Klyuchnyk, però, dall’altra parte non sbaglia e sfrutta il rimbalzo offensivo di Chiusolo per firmare da sotto il controsorpasso Sinermatic (73-74) quando si entra nell’ultimo giro di lancette. Al Bione di Lecco la tensione è alle stelle: Molteni sbaglia da fuori, Chiusolo fa suo il rimbalzo e Klyuchnyk prende fallo e fa 2/2 dalla lunetta per il +3 Ozzano (73-76). Dall’altra parte errore di Teghini, Agusto cattura con forza il rimbalzo e Folli si prende il fallo: importante 1/2 per lui, che vale il +4 Ozzano (73-77). Il tempo trascorre inesorabile per Lecco, Cacace forza da tre, ma sbaglia. Corcelli corona la sua generosa partita con il rimbalzo (9 complessivi) e l’assist (saranno ben 7 in totale) per Morara che, sulla sirena, schiaccia il 73-79 finale.

SUPER FLAVOR MILANO – PALLACANESTRO CREMA 58 – 63

CLASSIFICA


P
GVP%
Amadori Tigers Cesena322216672.7
Antenore Energia Virtus Padova322216672.7
Agribertocchi Orzinuovi302215768.2
Rekico Faenza302215768.2
Super Flavor Milano282214863.6
Juvi Cremona 1952 Ferraroni262213959.1
Rucker Sanve San Vendemiano262213959.1
Gimar Basket Lecco2222111150.0
Tramarossa Vicenza2222111150.0
Lissone Interni Bernareggio2222111150.0
Sinermatic Ozzano2022101245.5
Bmr Basket 2000 Reggio Emilia182291340.9
Gordon Nuova Pall. Olginate162281436.4
Pallacanestro Crema122261627.3
Orva Lugo102251722.7
Rimadesio Desio62231913.6
1 2 3 42