Serie B, Bakery&Blacks, un mercoledì da leoni!

SERIE B

30° Giornata

GIRONE A

FABO MONTECATINI – GEKO CONSULTING S.ANTIMO 94 – 65

RIMADESIO DESIO – LOGIMAN CREMA 63 – 75

PAPERDI CASERTA – SOLBAT PIOMBINO 68 – 66

ALBERTI E SANTI – SAE SCIENTIFICA 67 – 66

(16-16; 34-37; 47-50)

Fiorenzuola Bees: Ricci 7, Biorac 8, Venturoli 5, Bottioni 9, Re, Seck 2, Guaccio, Giacchè 7, Preti 12, Gayè ne, Sabic 17. All. Dalmonte.

Legnano: Casini 12, Ghigo ne, Planezio, Marino 3, Pirovano ne, Ponziani 2, Sipala 4, Sacchettini 15, Fragonara 8, Amorelli ne, Raivio 15, Scali 7. All. Piazza.

Due punti che fanno morale, due punti che fanno classifica. Fiorenzuola supera Legnano e si porta a +4 dalla zona play out a quattro giornate dalla fine.

La cronaca: partono meglio gli ospiti, sfruttando la fisicità di Sacchettini sotto canestro, con il jumper del numero 18 che segna il 2-7 al 4’. Preti scaglia la tripla aperta per il 7-9 al 6’, ma la partita si mantiene a punteggio basso e con le difese particolarmente aggressive. Sipala è chirurgico dalla linea della carità, ma Biorac e Bottioni tengono in linea di galleggiamento la squadra di Dalmonte: 16-16 al primo intervallo. Ricci e Biorac fanno allungare i Bees, ad inizio secondo quarto, con un break da 7-2 che costringe coach Piazza al timeout sul 23-18. Fiorenzuola erutta e trascina il proprio pubblico con la schiacciata di Biorac e la tripla dopo azione corale di Sabic (28-18), ma Marino, con la tripla di esperienza, cerca di rimettere in carreggiata la SAE Scientifica (28-24 al 15’). Casini completa il sorpasso con la tripla dall’angolo che dice 0-7 di mini controbreak, ma Venturoli, con il fade away dopo la virata al centro dell’area, continua una sfida piena di batti e ribatti. Sul cioccolatino dietro la schiena di Marino per Casini, è il capitano di Legnano a chiudere il primo tempo con gli ospiti avanti di tre lunghezze. 34-37. Ponziani usa le maniere dure su Seck ad inizio del terzo parziale, con il centro italo-senegalese costretto ad uscire dopo uno scontro per un problema al ginocchio. Raivio si dimostra giocatore di alto livello per la categoria, con la partenza e terzo tempo del 38-42 al 23’, con i Bees che cercano e trovano punti dalla lunetta con Preti, per provare a invertire una tendenza non positiva nel terzo parziale. Fragonara, con una tripla in isolamento di alto coefficiente di difficoltà, scrive il +7 per Legnano entrando negli ultimi tre minuti di terzo quarto, ma Giacchè e Bottioni danno una scarica di adrenalina al PalArquato: 46-48 al 28’ con le due giocate dei playmaker gialloblu. Ricci con l’1/2 dai liberi riporta i Bees a -1, ma Sacchettini, col rimbalzo offensivo e tap in, chiude il terzo parziale con Legnano avanti di 3: 47-50. E’ il solito Sacchettini a dimostrarsi letale nel pitturato nei momento decisivi della gara, scavallando la doppia cifra personale nello 0-4 ad inizio dell’ultimo parziale. Fragonara, con un’altra tripla contestata, scava il +9 al 34’, costringendo coach Dalmonte al timeout sul 50-59. Sabic prova a dare nuova linfa ai Bees con la tripla del 55-62, con i Bees che cercano di crederci fino in fondo nonostante le difficoltà e grazie alla guardia croata, tornano al 60-64 al 37’. Preti, con il terzo tempo, realizza la parità a 57″ dal termine, subendo fallo ed andando in lunetta. Nonostante un micro infortunio patito alla mano, Fiorenzuola fa entrare in campo Venturoli che, dalla lunetta, è glaciale: 67-66. Dopo 57 secondi di pura adrenalina cestistica, la difesa valdardese regge, facendo esplodere di gioia il PalArquato e chiudendo la sfida con 2 punti fondamentali.

CAFFE’ TOSCANO LIVORNO – VIRTUS SALERNO 90 – 73

BAKERY BASKET – AKERN 78 – 72

(19-18; 36-30; 59-49)

Piacenza: Criconia 11, Mastroianni 11, Maglietti 20, Bertocco 10, Rasio 11, Molinari ne, Civetta ne, Manenti 3, El Agbani 8, Zanetti 3, Soviero 1, Ringressi ne. All. Salvemini.

Libertas Livorno: Buca 5, Tozzi 16, Bargnesi 2, Allinei 12, Ricci 13, Terenzi 2, Saccaggi, Fratto 8, Fantoni 7, Williams 7, Madeo ne. All. Andreazza.

Con la grande vittoria contro la formazione labronica, la Bakery è praticamente salva e strizza l’occhio ai play off.

I biancorossi provano a tenere il ritmo della seconda forza del torneo, con le penetrazioni di Maglietti che carica di falli, ma il tabellone recita 3-10. Punteggio che viene ribaltato quando si accende El Agbani, che prima manda a bersaglio due triple e poi in contropiede segna in rovesciata per 8 punti in fila che valgono il +1. La gara è comunque equilibrata, la penetrazione di Mastroianni e la conclusione dalla media di Rasio segnano il 16 pari, mentre la bomba di Criconia manda avanti Piacenza al primo pit stop. La panchina biancorossa risponde presente ad inizio secondo quarto col gioco da tre punti di Zanetti e la tripla di Manenti, che portano i locali sul +7, mentre i rimbalzi di Soviero, tengono in linea di galleggiamento la Bakery, che concede qualche possesso extra di troppo. I ragazzi di Salvemini costruiscono, comunque, ottimi attacchi, che portano a segnare i tiri pesanti in serie di Maglietti, Bertocco e Mastroianni per il primo vantaggio in doppia cifra (34-24), quando si è scollinato il sedicesimo. Il finale di primo tempo vede tanti errori da una parte e dall’altra, ma la gara resta accesa e vibrante. Al rientro in campo, è Maglietti show. Il play segna dalla distanza, poi serve un cioccolatino a Rasio e realizza ancora in penetrazione. Rasio contribuisce con i suoi rimbalzi e un recupero in campo aperto fermato solo dal fallo. Livorno ferma la gara, ma Criconia segue Maglietti dall’arco e manda a bersaglio la tripla del 52-41. Il tiro pesante di Mastroianni e quello in sospensione di Bertocco fanno toccare le 15 lunghezze di vantaggio (58-43), prima della reazione Libertas, che stringe le maglie in difesa e si riporta sotto sul -5. Dopo 1’30” dell’ultima frazione, coach Salvemini è costretto al timeout, ma a poco serve visto che gli avversari trovano il vantaggio sul 59-60. A 6’ dal termine, inizia una nuova partita, con la Bakery ferma ad un solo punto segnato in più di sei minuti. Piacenza si scuote con la connection argentina, grazie all’appoggio di Rasio e alla penetrazione di Maglietti. Nel mezzo, una tripla a testa sputata dal ferro proprio ai due biancorossi per il possibile 64 pari. Il sorpasso lo segna Maglietti con uno svitamento in area, mentre Rasio è prezioso a recuperare due palloni. A meno di un minuto, Criconia segna la tripla del 72-68 che fa esplodere il PalaBakery. Sfidato in lunetta, la guardia resta fredda, così come Bertocco che, dopo l’intercetto del pallone, segna il +6 indirizzando definitivamente la partita.

DEL.FES AVELLINO – PAFFONI OMEGNA 66 – 86

NPC RIETI SPORTHUB – BRIANZA CASA BASKET 2022 92 – 85

BANCA POPOLARE DEL CASSINATE – GEMA MONTECATINI 71 – 76

CLASSIFICA

PGVP%
Caffè Toscano Pielle Livorno503025583.3
Fabo Herons Montecatini463023776.7
Akern Libertas Livorno442922775.9
Gema Montecatini3430171356.7
Geko PSA Sant’Antimo3029151451.7
SAE Scientifica Legnano3030151550.0
Lissone Interni Brianza Casa Basket3030151550.0
Solbat Piombino3030151550.0
Del Fes Avellino3030151550.0
Logiman Pall. Crema3030151550.0
Bakery Basket Piacenza3030151550.0
Paffoni Fulgor Omegna2830141646.7
Fiorenzuola Bees2830141646.7
BPC Virtus Cassino2430121840.0
Rimadesio Desio2230111936.7
NPC Rieti2029101934.5
Lars Virtus Arechi Salerno153092130.0
Paperdi Caserta122962320.7

GIRONE B

LUX BASKET 1974 – LOGIMATIC GROUP 95 – 66

(25-20; 43-36; 72-49)

Chieti: Cocco, Di Iorio, Masciopinto, Lips 17, Reale 6, Nwokoye 4, Berra 12, Maggio 11, Cena 13, Febbo, Ciribeni 24, Paesano 8. All. Fantini.

Ozzano: Myers 5, Bechi 9, Bastone 12, Zambianchi ne, Martini 2, Terzi, Filippini 15, Cortese 10, Balducci 6, Piazza 1, Abega 6. All. Conti.

È stato illusorio, il primo – corposo – vantaggio per i New Flying Balls: una volta raggiunti, la LUX Chieti riesce ad allungare e portare a casa due punti importanti in ottica salvezza. Al PalaTricalle termina 95-66, che comunque non incide nella corsa ai playout: la sconfitta della CJ Taranto, contro l’Andrea Costa Imola, fa retrocedere i pugliesi con quattro giornate d’anticipo. Ora la palla passa a Ozzano, rimasta penultima solitaria a 18 punti e in cerca della miglior posizione per non complicare il cammino nella, probabile, post-season.

Coach Conti opta per uno starting five composto da Bechi, Abega, Cortese, Bastone e Filippini. Inizio da urlo per Ozzano, che chiude per i primi tre minuti il canestro a Chieti: alla perfezione della difesa, l’attacco risponde più che presente, andando prima sull’8-0 e poi 12-4. La schiacciata a una mano aperta di Cortese è una combo di potenza e precisione, ma senza intimorire gli abruzzesi che recuperano la squadra di coach Conti a quota 17. Il capitano dei New Flying Balls si conferma “caldissimo” con la tripla che rimanda avanti i suoi sul 17-20: insieme a Filippini tiene testa al miglior realizzatore dei padroni di casa, Ciribeni, in doppia cifra dopo appena 8’. Il primo vantaggio targato Chieti arriva per mano di Maggio (22-20), ad allungare ci pensa Berra (25-20): Ozzano entra in difficoltà proprio nel finale e dovrà rimandare al secondo quarto la prima rimonta. Ciribeni allunga il parziale di casa sul 10-0 (27-20), Myers blocca il digiuno ospite, ma è chiara la filosofia di Chieti: da tre (5/12) e ai liberi (6/7) la squadra di casa si costruisce il vantaggio, perché all’interno dell’area fatica non poco (4/11). Pian piano, Ozzano rientra in partita e la tripla di Berra – valevole per il 36-32 – non abbassa i ritmi biancorossi. Obbliga a chiamare il time-out, invece, la “bomba” di Lips (39-34) a 2’30” dalla fine, entro i quali succede poco o nulla. Chieti chiude sul 43-36, la squadra di coach Conti ha il demerito “solo” di peccare sotto canestro con tutte le altre statistiche a proprio favore. Il secondo tempo si apre in maniera spettacolare, dopo nemmeno tre minuti il parziale dice già 8-6. I padroni di casa si tengono stretta la decina di punti di vantaggio, accelerando man mano con i minuti. Il canestro di Maggio “da casa sua” è, in anticipo, il punto sul match, quando la sirena chiude il terzo quarto: Chieti fissa il parziale di 29-13 sul 72-49 totale. Come al solito, il tallone d’Achille biancorosso sono i tentativi da fuori area, dove gli abruzzesi vantano un 12/29 in confronto al modesto 4/15 emiliano. Cortese e Filippini, migliori realizzatori, si fermano a quota 10 e 15; dall’altra parte, Ciribeni – in 14 tiri smistati tra dentro area, fuori area e dalla linea della carità – ne sbaglia solo uno. Nell’ultimo quarto, gli ospiti alzano bandiera bianca.

GENERAL CONTRACTOR – NEUPHARMA 91 – 74

(29-15; 48-36; 67-53)

Jesi: Varaschin 17, Malatesta, Carnevale, Bruno 8, Merletto 6, Nisi, Vita Sadi, Valentini A. 3, Rossi 16, Marulli 9, Tiberti 17, Casagrande 15. All. Ghizzinardi.

Virtus Imola: Masciarelli 11, Dalpozzo ne, Aglio 4, Valentini L. 5, Morara 12, Magagnoli 1, Morina, Chiappelli 14, Alberti 2, Barattini 17, Ohenhen 8. All. Zappi.

Jesi è imbattibile in casa, dove cade anche la Virtus Imola, caduta nel turno infrasettimanale per 91-74. Il match viene fortemente influenzato già nel primo quarto, quando i padroni di casa si dimostrano praticamente infallibili dalla lunga distanza; i gialloneri sono bravi a non cedere dopo il -14 iniziale, mollando la presa solamente negli ultimi minuti.

Coach Zappi sceglie Barattini, Masciarelli, Magagnoli, Chiappelli e Ohenhen nel quintetto iniziale. Chiappelli non basta, a inizio primo quarto: Jesi, dopo i primi tentennamenti delle due squadre, stappa la gara con un Casagrande che, sull’8-3, ha messo a referto quasi tutti i canestri marchigiani. Il fallo in attacco di Masciarelli, a metà frazione sul 10-5, certifica la difficoltà giallonera di arrivare a canestro, mentre Rossi – con la prima tripla della serata – spedisce i suoi sul +8 (13-5); quella di Merletto, invece, il +9 (18-9), con coach Zappi che richiama la squadra al time-out. Dal quale ne esce rinvigorita ancora Jesi, che rimpingua la distanza con la prima doppia cifra (+10, sul 21-11), col tecnico giallonero che prova ad appoggiarsi all’esperienza di capitan Aglio. Antonio Valentini e Rossi, al suono della prima sirena, confermano la pericolosità dalla lunga distanza: 5/7 e Virtus distante 14 tasselli. La General Contractor, che mantiene una media di 65% al tiro e 66% da tre, tocca il +15 con la tripla di Casagrande, con Luca Valentini a rispondergli – per la prima volta in casa Imola – con la stessa moneta. La Neupharma sembra riprendersi, tocca il massimo picco con la “bomba” del -7 (32-25) a firma Morara, ricadendo poi nel bacino delle difficoltà: il quinto fallo di squadra influenza la seconda metà della frazione, le rifiniture nel pitturato pure (10/21 dentro l’area). La distanza, quindi, viene quasi ripristinata sul -12 (44-32) che poi, a singhiozzo, si trasforma nel 48-36 che manda le squadre negli spogliatoi. Dopo l’ennesima tripla che spinge Jesi avanti, la Virtus dimostra di essere tornata meglio sul parquet con un ottimo attacco e una superlativa difesa: Masciarelli gonfia la retina del -6 (52-46), per un parziale di 4-10 che si stalla per un paio di minuti dopo il canestro di Tiberti. Ne esce chiaramente meglio la General Contractor, dimostrazione data dal doppio errore sotto canestro di Aglio e Chiappellim con la tripla di Rossi (9/17 da tre di squadra) a mandare le squadre in panchina per un time-out sul 63-49. Da lì, al termine del terzo quarto, vincono le difese, il parziale di 4-4 aumenta – rispetto al rientro dagli spogliatoi – ancora il divario: Jesi arriva molto meno al tiro dentro l’area, ma all’esterno è molto più incisiva. La tripla di Morara prova a tenere accesa la fiammella della speranza (69-56), Bruno, invece, inizia a spegnerla, indovinando il decimo centro dai 6.75 metri. Le squadre iniziano a rispondersi punto a punto, senza che la partita si riapra: Jesi, nonostante il bonus a metà frazione, chiude ancora le porte del palazzetto, prolungando la serie di vittorie che la sta portando nelle altissime posizioni del campionato. Alla Virtus va l’onore di non aver mai mollato, consapevole di poter rialzarsi già tra tre giorni in casa.

N.C. LIONS BISCEGLIE – CIVITUS ALLIANZ VICENZA 68 – 66

RISTOPRO FABRIANO – GEMINI MESTRE 80 – 73

LIOFILCHEM ROSETO – ALLIANZ PAZIENZA ASS. 82 – 70

LUXARM LUMEZZANE – RUCKER SAN VENDEMIANO 71 – 79

TECNOSWITCH – BLACKS 80 – 81

(11-21; 31-46; 53-63)

Ruvo: Galmarini 9, Granieri ne, Toniato 5, Contento 13, Mazic 2, Ghersetti ne, Jackson 17, Eliantonio 1, Traini 19, Leggio 14, Boev ne. All. Ambrico.

Faenza: Galassi, Papa 11, Poletti 19, Siberna 8, Vico 10, Poggi 12, Ballarin ne, Petrucci 5, Pastore 14, Begarin 2. All. Garelli.

Blacks da sogno a Ruvo di Puglia. I Raggisolaris vincono 81-80 sul campo della Tecnoswitch, aggiudicandosi un finale thrilling per merito dei nervi saldi e della grandissima lucidità. Una vittoria di squadra che sarà fondamentale per il morale in vista delle ultime quattro partite.

I Blacks scendono in campo determinati e aggrediscono Ruvo sin dalla prima azione. Dopo pochi minuti, Pastore regala il 2-12, allungo figlio anche dell’ottima difesa, poi Traini accorcia fino all’11-14, ma Faenza risponde da grande squadra, arrivando al primo riposo avanti 11-21. Poletti è il terminale offensivo di un gioco che mette tutti i giocatori nelle migliori condizioni per fare canestro e quando sale in cattedra Vico, il punteggio diventa 15-29. Vantaggio in doppia cifra che viene mantenuto grazie alle triple chirurgiche di Poletti, che rende vani ogni tentativo di rimonta di Ruvo e proprio il pivot segna il 31-46 che chiude un ottimo primo tempo. I Blacks continuano a dettare legge, toccando anche il +18 (38-56), ma quando Traini, il migliore dei suoi, esce al 29′ per infortunio, Ruvo ribalta la partita. Faenza inizia a litigare con il canestro e segna soltanto 6 punti nei primi 7’, mentre Contento e Jackson suonano la carica. Il sorpasso pugliese arriva al 37′ con Leggio (72-71), ma Faenza ha il merito di non perdere mai la forza mentale. Soprattutto, quando Ruvo segna 5 punti in pochi secondi con Jackson (tripla) e Galmarini (due liberi), perché Poggi, nell’azione successiva, segna un gioco da tre punti impattando sul 78-78 e porta Leggio a commettere il quinto fallo. A 58’’ dalla fine, Contento spara l’80-79, poi Vico segna i liberi dell’80-81. Il finale è palpitante, con la guardia argentina che sbaglia un tiro dalla media a -7’’, Jackson cattura il rimbalzo, ma fallisce la conclusione che poteva valere la vittoria. I Blacks possono esultare.

ORASI’ – PALLACANESTRO VIRTUS PADOVA 104 – 76

(32-18; 56-36; 77-54)

Ravenna: Paolin 19 (3/4, 3/5, 4/4), Panzini 14 (1/1, 4/5), Dron 14 (3/6, 2/7, 2/3), Ferrari 13 (5/6, 1/2), Bedetti 13 (2/3, 2/2, 3/4), De Gregori 8 (4/5), Nikolic 7 (0/4, 2/2, 1/2), Galletti 7 (2/2, 1/1), Brunetto 5 (1/2, 1/2), Onojaife 4 (1/2, 2/2), Allegri (0/1, 0/1), Minardi. All. Bernardi.

Padova: Bianconi 20 (7/11, 1/3, 3/6), Antelli 15 (4/8, 1/5, 4/6), Molinaro 10 (2/5, 1/4, 3/4), Osellieri 10 (4/4, 0/1, 2/3), Cagliani 8 (2/5, 0/3, 4/4), Scanzi 7 (2/4, 1/3), Cecchinato 6 (3/3, 0/1), Marchet (0/1, 0/2), Schiavon (0/1), Ferrari ne. All. De Nicolao.

Gara fondamentale in chiave salvezza. Ci si giocava il 13° posto e quindi la possibilità di evitare i play-out.

Agli ospiti manca Ferrari a causa di uno stiramento al polpaccio, per cui De Nicolao, alla palla a due, manda sul parquet Cecchinato, Bianconi, Scanzi, Molinaro e Antelli. Bernardi si rigioca la carta Nikolic per il perdurare dell’assenza di Uljarevic (ancora ai box per la caviglia) e lo schiera in quintetto insieme a Ferrari, Onojaife, Panzini e Paolin. Ci sono tifosi anche da Padova e si respira una grande tensione e in questa atmosfera i neroverdi riescono a prendere la testa con due canestri di Bianconi e Antelli, portandosi sullo 0-4. Panzini toglie il velo dal canestro per Ravenna con una bomba frontale dopo 2′ che, dopo un jumper di Paolin dai 3 metri, il play giallorosso replica portando i suoi sull’8-4 dopo 3’30”. La Virtus cerca di giocare vicino al canestro, mentre Ravenna non disdegna di provarci da oltre i 6.75. Nikolic mette cosi la quarta tripla, portando i bizantini a +6 (11-5). Cecchinato e Bianconi, sempre nel pitturato, avvicinano i patavini, ma prima Paolin e poi ancora Nikolic da 3, riallontanano i padroni di casa sul 16-9 dopo 5’30”. De Nicolao ferma tutto con un time-out, ma Paolin mette ancora una tripla, la quinta (su cinque) che, dopo un canestro di Bianconi, viene seguita dalla sesta di Ferrari e dalla settima di Panzini (la sua terza personale). All’8′ arriva la prima da oltre l’arco anche per Padova, segnata da Scanzi, ma, nonostante i tentativi di rientrare anche con buone giocate in entrata di Antelli (7/11 da 2 per la Virtus), i patavini vanno sotto di 12 al 9′, con il dodicesimo punto personale di Panzini (tutti segnati da 3) ,che suggella un incredibile 8/8 dei romagnoli. C’è tempo, comunque, prima del primo gong del 10′, per un’affondata di Ferrari su assist di Dron. 32-18 il primo quarto, con Ravenna consistente in difesa e a rimbalzo (8-5) e immaginifica in attacco. De Gregori inaugura il secondo periodo con un bell’appoggio, ma stavolta è Padova che colpisce da 3 con Antelli (36-21). Nikolic, dopo un errore, prende il proprio rimbalzo offensivo e scarica un assist per Panzini in taglio. Dron è attivissimo, ma Padova prova ad aumentate aggressività e Osellieri, dopo una buona difesa, attacca il canestro realizzando e subendo fallo: sbaglia l’aggiuntivo, ma Bernardi preferisce parlare con i suoi e chiama time-out dopo 13’20” sul 39-25. L’ OraSì riparte ancora: Nikolic arriva a 6 rimbalzi, De Gregori segna da 2 metri e Paolin va per il suo 2/2 da 3 (9/9 per Ravenna). A 3’38” dall’intervallo lungo, i bizantini mancano il primo bersaglio da oltre l’arco, ma l’inerzia è sempre per i padroni di casa. Dopo un fallo tecnico sanzionato a Cecchinato, Bedetti trasforma il libero e, a stretto giro, mette la 10 tripla (su 11 tentativi) dei suoi, portando i ravennati avanti di 20 (51-31). Timeout Virtus che non sortisce effetto, anche grazie alle difese miste proposte dall’OraSì. Ci prova Molinar,o ma Ferrari prima e ancora Paolin dell’arco, aumentano il divario sul 56-33. Tre punti dai liberi per Antelli, poi, allo scadere del periodo, Onojaife si esibisce in una stoppata delle sue, chiudendo la seconda frazione sol 56-36. Il terzo quarto si trascina con canestri alternati fino al 62-42 del 25′, ma poi 6 punti quasi filati di Dron (prima una bomba, poi una magia in entrata con fallo) dilatano a 70-49 il divario dopo 27’30’ e ancora sul 77-54 alla terza sirena. Nell’ultima frazione, Paolin arriva a 17, Osellieri ci prova ancora per i patavini, ma Dron e Bedetti firmano il +30 che, a 7′ dal termine, chiude virtualmente le ostilità. De Nicolao toglie Scanzi, poi Molinaro e Antelli e regala minuti in campo ai ragazzi della panchina, come, dopo poco, fa anche coach Bernardi inserendo Allegri, Brunetto, Galletti e Laghi che si godono il loro momento di gloria e gli applausi del pubblico presente. Finisce 104-76 tra i cori festosi dei sostenitori dell’OraSì, orgogliosi di questa prestazione dei loro beniamini realizzata, tra l’altro, in una delle partite più importanti della stagione.

ANDREA COSTA 2022 – C.J. BASKET 105 – 100

(29-17; 55-47; 79-68)

Andrea Costa Imola: Aukstikalnis 23 (2/5, 6/10), Ranuzzi 17 (4/9, 2/3), Drocker 14 (4/6, 0/5), Crespi 13 (5/7), Corcelli 13 (1/2, 3/3), Marangoni 12 (2/2, 1/4), Martini 9 (2/2), Bresolin 4 (2/2), Sorrentino (0/1), Ronchini. All. Di Paolantonio.

Taranto: Chiapparini 26 (5/6, 5/9), Conte 23 (3/7, 3/5), Ragagnin 20 (2/6, 3/6), Reggiani 12 (1/5, 3/9), Kovachev 12 (4/5, 1/2), Montanaro 5 (1/1, 1/2), Ambrosin 2 (1/3, 0/1), Gigante, Pichierri ne, Minelli ne. All. Cottignoli.

CLASSIFICA

PGVP%
Liofilchem Roseto463023776.7
General Contractor Jesi443022873.3
Tecnoswitch Ruvo di Puglia443022873.3
Rucker San Vendemiano423021970.0
Ristopro Fabriano3630181260.0
Gemini Mestre3431171454.8
Blacks Faenza3230161453.3
Andrea Costa Imola3230161453.3
Allianz Pazienza San Severo3231161551.6
Virtus Imola3030151550.0
LUX Chieti2930151550.0
LuxArm Lumezzane2630131743.3
OraSì Ravenna2630131743.3
Pallacanestro Virtus Padova2230111936.7
Lions Bisceglie2030102033.3
Civitus Allianz Vicenza2030102033.3
Logimatic Group Ozzano183092130.0
CJ Basket Taranto83042613.3

Serie B, Ravenna, punti d’oro ad Ozzano, Bakery col fiatone…

SERIE B

29° Giornata

GIRONE A

GEKO CONSULTING – ALBERTI E SANTI 67 – 62

(16-11; 30-29; 48-49)

Sant’Antimo: Dri 7, Colussa, Digno, Gallo 19, Mennella 8, Quarisa 7, Kamperidis 18, Cantone 8, Peluso ne, Ius, Stentardo. All. Gandini.

Fiorenzuola Bees: Ricci 4, Biorac 12, Venturoli 7, Bottioni 3, Re 10, Seck 2, Guaccio ne, Giacchè 8, Preti 9, Gayè, Sabic 7. All. Dalmonte.

Occasione gettata al vento dagli emiliani che subiscono una fatale rimonta proprio nelle ultime curve del match.

Partono meglio i locali di coach Gandini, con Kamperidis e Gallo che concedono il primo mini break da 6-0 per l’8-3 al 3’. Giacchè e Re, in uscita dalla panchina, alzano le marce per i Bees, mantenendo i valdardesi in linea di galleggiamento sul 10-8 al 5’. La partita è spigolosa e a percentuali basse, con Venturoli che, con il jumper, prova a tenere incollate le squadre nell’ultimo minuto, ma è Cantone, con la tripla sulla sirena, a chiudere il primo parziale sul 16-11. L’inizio del secondo quarto vede tanti errori offensivi da parte di entrambe le squadre, con le percentuali che rimangono veramente deficitarie. Dri arma la mano al 15’ per la tripla del 23-15, ma Biorac e Giacchè cercano di dare ossigeno alla Dalmonte-band. Inizia la lotta sotto le plance tra Biorac e Kamperidis, che si scambiano canestri come pugni di supermassimi (25-21 al 17’).  Preti, con la tripla contestata al 19’, impatta la sfida sul 27-27. Mennella, sulla sirena, ottiene due tiri liberi preziosi, riuscendo a portare la PSA Sant’Antimo all’intervallo lungo sul 30-29. Sabic da la carica ai Bees con la tripla del vantaggio ad inizio del secondo tempo, con Fiorenzuola che alza le marce con le conclusioni dall’arco di Preti e Re: 34-38 al 23’. Cantone, con 5 punti consecutivi, fa esultare il pubblico locale, con Gallo che chiude il mini break del controsorpasso Sant’Antimo al 28’ con la mossa del cameriere: 43-42. Re e Venturoli rimettono la freccia per Fiorenzuola, con Gallo ancora una volta sulla sirena a contenere i danni con un gioco da 3 punti totalmente fuori equilibrio: 48-49 all’ultimo intervallo. Biorac, con 4 punti consecutivi, fa prendere il largo a Fiorenzuola, con coach Gandini costretto al timeout per fermare un break da 0-7. Ricci risolve con un 2/2 dalla lunetta un momento di gara confuso col massimo vantaggio dei Bees (+10 con il 48-58 al 35’), mentre Sant’Antimo deve aspettare il 36’ per i primi 2 punti del quarto. Mennella, di pura voglia, recupera un gran pallone e converte il -6 al 37’, ma Biorac si conferma un fattore vero su entrambe le metá campo. Gallo riesce a tirare la volata agli uomini di coach Gandini, con il semigancio destro del -4 al 39’ (58-62). Mennella, con l’incursione in area nell’ultimo minuto, scrive -1, con Preti, tra le fila dei Bees, che perde una palla sanguinosa ed è costretto al quinto fallo a 19 secondi dalla fine. Dri fa 2/2 dai liberi, con Sant’Antimo che compie un incredibile sorpasso. Sui liberi finali, finisce 67-62 per la PSA, con i Bees che masticano amaro, ma devono riflettere su un vantaggio dilapidato negli ultimi minuti di gioco.

PAFFONI OMEGNA – RIMADESIO DESIO 88 – 86 dts

LOGIMAN CREMA – PAPERDI CASERTA 72 – 82

NPC RIETI SPORTHUB – SAE SCIENTIFICA LEGNANO 73 – 90

BRIANZA CASA 2022 – BANCA POPOLARE DEL CASSINATE 103 – 90 dts

VIRTUS ARECHI – BAKERY 91 – 96 dts

(25-26; 44-38; 65-62; 83-83)

Salerno: Spizzichini 5, Agostini 10, Fraga 4, Matrone 6, Cucco 12, Spinelli 5, Acunzo 27, Capocotta 4, Haidara ne, Lucadamo ne, Corvo ne, Kekovic 18. All. Amato.

Piacenza: Rasio 34, Mastroianni 24, Maglietti 16, Soviero, Molinari ne, Bertocco 10, Criconia 7, Manenti, El Agbani, Zanetti 5. All. Salvemini.

La Bakery si allontana dalle zone caldissime della classifica vincendo, dopo un tempo supplementare, a Salerno.

I biancorossi partono con le marce alte (2-8), prima di subire il controbreak degli avversari che si portano sul +1. Dopo le triple di Criconia e Mastroianni, segna dall’arco pure Maglietti, permettendo agli ospiti di tornare avanti. Piacenza ha tante armi nel proprio arco e dopo il tiro, sfrutta la fisicità di Rasio vicino canestro, per il nuovo allungo sul 16-24 all’8’. A cavallo tra i due quarti iniziali, Salerno fa la voce grossa con un parziale di 15-2 che ribalta completamente la situazione. I liberi di Zanetti e le triple prima di Maglietti e poi di Mastroianni tengono aggrappata la Bakery (38-36 al 15’). I ragazzi di coach Salvemini hanno più di un possesso per pareggiare o addirittura sorpassare, ma non trovano il fondo della retina. Piacenza precipita anche sul -7 e allora il tecnico preferisce sospendere la gara con un timeout. Si va così all’intervallo con il medesimo divario. Alla ripresa delle ostilità, sono i due argentini che piazzano subito i canestri per il 46 pari. La Virtus Arechi reagisce, ma è capitan Mastroianni ad abbattersi sugli avversari con la quinta tripla della sua serata, seguita dall’appoggio che vale il 53-56 al 26’ e che costringe la panchina avversaria al minuto di sospensione. L’inerzia sembra cambiare e il gioco da tre punti di Zanetti innesca i continui cambi di guida. I locali tornano ad avere sei lunghezze di vantaggio con i viaggi in lunetta, ma i biancorossi chiudono il terzo periodo con la tripla di Criconia. Salerno inizia meglio gli ultimi seicento secondi regolamentari, ma la gara vive più di tre minuti di caos nei quali si corre e si tira senza segnare. Il tap in di Mastroianni e la tripla di Maglietti ravvivano la rimonta di Piacenza (71-69 al 36’). Gli appoggi di Rasio prima e Bertocco poi valgono il 73 pari a poco più di due minuti dal termine. Salerno sbaglia i liberi, mentre Bertocco no ed è ancora parità. Si arriva al rush finale con Salerno che segna da tre l’83-79 a 24” dalla fine. Con un’espulsione ed un tecnico per parte, Bertocco mantiene il sangue freddo dalla lunetta e fa 83 pari. Gli ultimi due attacchi non sortiscono alcun effetto da entrambe le parti e si va al supplementare. Mastroianni stappa il canestro avversario in penetrazione, poi Rasio griffa i liberi e la bomba dell’87-90 a poco più di due minuti dal termine. È ancora il lungo argentino che realizza l’appoggio del +3, a -45”. Nel finale, i biancorossi sono freddissimi ai tiri liberi e portano a casa una vittoria preziosissima nella lotta salvezza.

AKERN LIVORNO – DEL.FES AVELLINO 62 – 60

GEMA MONTECATINI – FABO MONTECATINI 68 – 77

SOLBAT PIOMBINO – CAFFE’ TOSCANO LIVORNO 74 – 83

CLASSIFICA

PGVP%
Caffè Toscano Pielle Livorno482924582.8
Akern Libertas Livorno442822678.6
Fabo Herons Montecatini442922775.9
Gema Montecatini3229161355.2
Geko PSA Sant’Antimo3028151353.6
Lissone Interni Brianza Casa Basket3029151451.7
Del Fes Avellino3029151451.7
Solbat Piombino3029151451.7
SAE Scientifica Legnano3029151451.7
Logiman Pall. Crema2829141548.3
Bakery Basket Piacenza2829141548.3
Paffoni Fulgor Omegna2629131644.8
Fiorenzuola Bees2629131644.8
BPC Virtus Cassino2429121741.4
Rimadesio Desio2229111837.9
NPC Rieti182891932.1
Lars Virtus Arechi Salerno152992031.0
Paperdi Caserta102852317.9

GIRONE B

LOGIMATIC GROUP – ORASI’ 88 – 93

(17-30; 39-53; 59-72)

Ozzano: Myers, Bechi 17, Bastone, Zambianchi ne, Martini 6, Terzi, Filippini 11, Cortese 11, Balducci 5, Piazza 7, Abega 31, Zanasi ne. All. Conti.

Ravenna: Galletti ne, Allegri ne, Panzini 14, Nikolic 12, Ferrari 5, Paolin 24, Onojaife 10, Bedetti 7, Brunetto ne, Dron 19, De Gregori 2. All. Bernardi.

I New Flying Balls disfano, costruiscono una rimonta da -20 completata nel finale e, proprio negli ultimi istanti, cedono al Ravenna, vittorioso 93-88. Non basta una partita maiuscola di Abega, che porta in dote 31 punti alla causa.

Coach Conti opta per uno starting five composto da Bechi, Abega, Cortese, Bastone e Filippini. Comincia a suon di triple, la partita di Ravenna: i romagnoli vanno a segno con Ferrari, Paolin e Panzini; Ozzano, a sua volta, risponde con tre canestri dentro l’area che ne decretano uno svantaggio di tre punti, quando siamo quasi a metà frazione. Sul 6-11, Abega straccia per la prima volta la retina dalla lunga distanza, aprendo così un breve periodo in cui Paolini e Filippini si rispondono per piazzare il parziale sull’11-14. Un vantaggio che è destinato ad aumentare, sino al 12-19, quando coach Conti chiama il primo time-out della gara: il bell’assist di Paolin per Onojaife, con la tripla dello stesso Paolin poco dopo, conferma il momento romagnolo, culminato all’intervallo con il massimo vantaggio di +13 (17-30). I tre punti di Cortese risvegliano immediatamente il Pala Arti Grafiche Reggiani, i due di Martini sortiscono lo stesso effetto per spaventare Ravenna. È, soprattutto, Martini a caricarsi la squadra sulle spalle: sono sei i punti consecutivi che portano il suo cognome, lottando contro una squadra ospite che non molla la presa. Cortese si ripete ancora dalla linea di tre punti, ma la distanza è ormai fissa sulla decina di punti: appena Ozzano cerca di accorciare, i giallorossi trovano la forza per reagire. La tripla di Dron manda le squadre al timeout sul +14 in favore ospite (31-45), quelle di Nikolic e Bechi calano il sipario sul primo tempo per lo stesso divario. Si riparte e le trame giallorosse comportano le triple di Paolini e Panzini, quella di Nikolic e il “passi” fischiato a Filippini; coach Conti a richiamare i suoi in panchina dopo poco più di tre minuti. I romagnoli sfiorano già il +20 (45-64), ma hanno un lieve calo quasi sul finale di parziale, che chiama Ozzano alla reazione fino al -13 (59-72) che mette un punto alla terza frazione. Bechi indovina i due liberi del -11, ma pure il canestro che fa svanire la doppia cifra di svantaggio (63-72). La tripla di Piazza infiamma il palazzetto per il -8, il contropiede di uno splendido Bechi lancia i NFB sul -6 (68-74). Cortese torna a stracciare la retina dalla lunga distanza (71-76), regalando sei minuti da perdifiato. Soprattutto per il pubblico, altamente contrariato per le decisioni della coppia arbitrale: la tripla di Dron e i tiri liberi di Paolini (2/3) riportano Ravenna sul +9 (72-81). Abega prende per mano la squadra, Panzini pure: Ozzano ha l’”handicap” del bonus, ma non se lo fa pesare. Abega, in contropiede, firma il punteggio di 80-84 a 3’15” culminando, quasi, una rimonta incredibile. Dron riporta i suoi a due possessi di distanza, Piazza la dimezza (83-86) e Abega – con una tripla in totale scoordinazione – pareggia, finalmente, i conti sull’86-86. Ma proprio nel momento del bisogno, Ravenna ritrova le forze per riallungare di nuovo, questa volta in maniera decisiva: Dron, Onojaife e Paolini, a -30”, stampano un pesante +6 (86-92), irraggiungibile.

GEMINI MESTRE – LUX CHIETI BASKET 1974 70 – 58

BLACKS – GENERAL CONTRACTOR 83 – 89

(22-27; 44-44; 65-64)

Faenza: Galassi 3, Papa 6, Poletti 23, Siberna 9, Vico 11, Naccari ne, Poggi 10, Ballarin ne, Petrucci, Lanza ne, Pastore 14, Begarin 7. All. Lotesoriere.

Jesi: Varaschin 16, Malatesta ne, Carnevale, Bruno 12, Merletto 6, Nisi ne, Valentini 5, Rossi 9, Marulli 20, Tiberti 19, Casagrande 2. All. Ghizzinardi.

Resta l’amaro in bocca ai Blacks per la sconfitta rimediata nel finale con Jesi, a cui vanno fatti comunque tanti complimenti. Alcune decisioni arbitrali sfortunate incidono sul match soprattutto negli ultimi minuti, cambiando un’inerzia che sembrava nelle mani dei faentini. In bocca al lupo a capitan Petrucci, messo ko da un colpo allo stomaco subito nell’ultimo quarto e non in più condizioni di rientrare in campo. Per fortuna mercoledì si torna a giocare e i Blacks potranno subito riscattarsi: la partita sarà in casa della capolista Ruvo di Puglia.

Come da previsioni, la gara è sempre all’insegna dell’equilibrio, con entrambe le squadre che lottano a viso aperto sin dalla prima azione. Nasce così un match punto a punto che i Blacks provano far loro nel terzo quarto andando sul 58-51, ma Jesi reagisce e dopo aver chiuso sotto 65-64 il terzo quarto, passa a condurre 65-70. Faenza risponde in maniera perentoria con un break di 8-0, portandosi sul 73-71. La General Contractor ricuce il passivo e si arriva ad 1’27’’ dalla fine con Vico che commette un discutibile quinto fallo su Marulli, con i Blacks avanti 83-82. Da questo momento Jesi segna tutti gli ultimi sette punti dalla lunetta, mentre i Blacks perdono Poggi per falli e non hanno fortuna, tra tiri sbagliati ed episodi avvenuti sotto il loro canestro. Finisce 89-83 per gli ospiti.

NEUPHARMA – NUOVA CEST. LIONS BISCEGLIE 75 – 65

(22-18; 47-32; 65-47)

Virtus Imola: Masciarelli 9, Dalpozzo, Aglio 4, Valentini 7, Morara 5, Magagnoli 13, Morina 1, Chiappelli 4, Alberti 6, Barattini 2, Ohenhen 24, Vannini. All. Zappi.

Bisceglie: Rodriguez 13, Chessari 11, Turin, Dip 4, Cepic 8, Abati 4, Divac 3, Chiti 11, Rubinetti 11, Fontana. All. Origlio.

Con una vittoria era entrata nella sosta e con una vittoria (per 75-65) ne esce. La Virtus Imola, che supera i Lions Bisceglie 75-65, costruisce nel secondo quarto un vantaggio poi mantenuto sino alla fine. I gialloneri entrano in una settimana clou nel migliore dei modi.

Coach Zappi sceglie Barattini, Masciarelli, Magagnoli, Chiappelli e Ohenhen nel quintetto iniziale. È un inizio all’insegna della buona produzione offensiva targata Imola: la schiacciata di Masciarelli illumina il PalaRuggi per il 13-7, dando seguito ai canestri di Ohenhen e Masciarelli. Al 6′, la squadra di coach Zappi va già in bonus, ma senza risentirne più di tanto: Bisceglie viene richiamata in panchina per gli ultimi due giri d’orologio, quando i gialloneri sono sul +7 (18-11). Più palle perse per Aglio e compagni, ma pure dominio sotto canestro quando si parla di rimbalzi (14-4 a fine parziale): il fallo tecnico di squadra concede ad Aglio, prima dei liberi di Valentini, di aumentare ancora il divario. Un 6-0 spento dalla tripla di Rodriguez e da quella di Rubinetti, con fallo subito: i gialloneri si rovinano il finale, addolcito dal +4 (22-18) firmato ancora dal numero 7. Morara dice la sua dalla lunga distanza, prima di un paio di minuti in cui vincono le difese, con Bisceglie che sale a quota due falli di squadra. Masciarelli rompe gli indugi con la terza tripla giallonera della serata, trovando pronta la risposta di Rodriguez sia in azione, che dalla linea della carità per il 29-24. Imola comanda, Bisceglie insegue: a 3’ dal rientro negli spogliatoi e con entrambe le squadre a quota cinque falli, Magagnoli firma la tripla del 39-31. La splendida torsione di Valentini, invece, regala un liberatorio +11, massimo vantaggio che viene addirittura rimpinguato prima dell’intervallo: 47-32, una superiorità evidente sotto la voce dei due punti e tiri liberi, oltre a rimbalzi e gioco di squadra giustificato dagli assist. Torna in campo com’era uscita, la Virtus: con la cattiveria di chiudere al più presto la partita, risparmiando energia in vista del turno infrasettimanale. Ohenhen fa valere la sua stazza sotto canestro, salendo in doppia cifra (10) come Magagnoli (13). Il +22 (59-37), a metà parziale, quando coach Origlio chiama un time-out indirizza la gara: il solo Rodriguez non riesce ad arginare gli attacchi imolesi. Da due, le statistiche pugliesi dicono 1/3, mentre le emiliano-romagnole il doppio, scaturite da una difesa al limite della perfezione quando si tratta di palloni vaganti (25 rimbalzi). Il cronometro scorre con tanti falli da parte degli ospiti, che raggiungono la quota bonus, alzando di fatto bandiera bianca: Imola è sopra di 18 (65-47) a 10’ dal termine. L’ultimo quarto è da tappeto rosso, almeno fino a due minuti dalla fine, quando Bisceglie ha un moto d’orgoglio, anche se tardivo: la Virtus gioca con il freno a mano tirato sotto canestro, ma senza impedire a Ohenhen di portare a casa la palma di miglior realizzatore (24 punti).

CIVITUS ALLIANZ – ANDREA COSTA 2022 98 – 81

(31-16; 54-41; 85-62)

Vicenza: Bugatti 26 (3/4, 5/7), Cernivani 16 (3/4, 1/4), Cucchiaro 14 (2/2, 2/4), Antonietti 13 (5/9, 1/4), Brambilla 13 (4/6, 1/4), Lurini 9 (4/4, 0/3), Campiello 4 (0/1), Riva 3 (0/1, 1/1), Sanad (0/1), Pavan 0/2), Carr ne, Manganotti ne. All. Cilio.

Andrea Costa Imola: Drocker 23 (6/11, 3/4), Aukstikalnis 23 (1/1, 6/8), Ranuzzi 12 (4/8, 0/2), Corcelli 10 (0/3, 2/6), Crespi 6 (3/6, 0/0), Marangoni 5 (0/1, 1/2), Sorrentino 2 (1/4), Martini, Bresolin (0/1), Ronchini. All. Di Paolantonio.

ALLIANZ PAZIENZA ASS. – RUCKER SAN VENDEMIANO 90 – 55

C.J. BASKET TARANTO – LUXARM LUMEZZANE 72 – 95

PALL. VIRTUS PADOVA – LIOFILCHEM ROSETO 82 – 86

TECNOSWITCH RUVO – RISTOPRO FABRIANO 93 – 100

CLASSIFICA

PGVP%
Liofilchem Roseto442922775.9
Tecnoswitch Ruvo di Puglia442922775.9
General Contractor Jesi422921872.4
Rucker San Vendemiano402920969.0
Ristopro Fabriano3429171258.6
Gemini Mestre3430171356.7
Allianz Pazienza San Severo3230161453.3
Blacks Faenza3029151451.7
Virtus Imola3029151451.7
Andrea Costa Imola3029151451.7
LUX Chieti2729141548.3
LuxArm Lumezzane2629131644.8
OraSì Ravenna2429121741.4
Pallacanestro Virtus Padova2229111837.9
Civitus Allianz Vicenza2029101934.5
Lions Bisceglie182992031.0
Logimatic Group Ozzano182992031.0
CJ Basket Taranto82942513.8

B Interregionale, il BB2016 conferma il suo momento magico!

B INTERREGIONALE

4° Giornata

Play in Gold

MI.GA.L. GARDONE – SANGIORGESE BASKET 77 – 74

HORM ITALIA – MAZZOLENI TEAM PIZZIGHETTONE 62 – 59

FERRARA BASKET 2018 – CALORFLEX 89 – 61

(22-11; 46-32; 71-44)

Ferrara: Bellini, Romondia 13, Cattani ne, Drigo 13, Kuvekalovic 10, Sankarè 10, Porfilio 4, Guerra 14, Cecchetti 4, Ballabio 7, Jovanovic, Marchini 14. All. Benedetto.

Oderzo: Marin, Barro, Galipò 11, Ambrosino 13, D’Andrea 13, Alberti 7, Nardin 8, Falqueto, Bei, Razzi 9, Dontu. All. Lorenzon.

FOPPIANI FSL SHIP. & LOG. – BERGAMO BK 2014 64 – 79

(16-25; 29-45; 48-56)

Fidenza: Galli 4, Miaschi, Cortese, Restelli 7, Ramponi, Scattolin 7, Valdo 22, Bellini 14, Ranieri, Pezzani, Doumbia 1, Markovic 9. All. Bizzozi.

Bergamo: Simoncelli 4, Sackey 14, Bedini 8, Clementi 2, Kingsley 7, Gallizzi 23, Gianoli 10, Manto 3, Neri 8, Bellarosa. All. Grazzini.

CLASSIFICA

Sangiorgese, Bergamo 14; Fulgor Fidenza 12; Pordenone, Ferrara 2018, Gardonese 10; Pizzighettone 8; Oderzo 2.

Play in Gold

MONTELVINI – CORONA PLATINA PIADENA 83 – 82

ATV SAN BONIFACIO – BOLOGNA BASKET 2016 78 – 92

(24-28; 35-50; 47-77)

San Bonifacio: Poiesi 5, Bevilacqua 7, Tondini ne, Moretti 2, Ferrazza 16, Trentini 7, Tommasetto 12, Zambonin 8, Rigon 11, Mignolli 3, Pantano 7. All. Zappalà.

BB2016: Tinsley 16, Reinaudi 16, Gamberini 2, Graziani 14, Ranieri 5, Guerri ne, Lusvarghi 18, Azzano 6, Zedda 15. All. Lunghini.

Non si ferma più la corsa del Bologna Basket 2016 che, nella trasferta di San Bonifacio, batte la squadra locale con un perentorio 92-78. I rossoblu dimostrano di avere acquisito una mentalità vincente anche lontano da casa e non si lasciano scoraggiare dal fatto di essere presenti con soli 8 effettivi (Bianchini e Fontecchio assenti e il capitano Guerri non utilizzabile per un infortunio). I felsinei mettono in campo una gara solida, dall’esito mai in bilico dopo i primi 15 minuti, confermando di avere ritrovato un equilibrio di squadra come a inizio campionato, anche se con protagonisti in parte diversi. L’arma vincente dei bolognesi, giunti al quarto successo consecutivo, è una zona 2-3 – alternata alla uomo – che diventa un vero e proprio rompicapo per i padroni di casa, tenuti tra il secondo e terzo periodo a soli 23 punti complessivi. Da una difesa arcigna e determinata – che provoca 20 palle perse avversarie e ben 11 recuperi – scaturiscono poi veloci azioni in contropiede che aprono un significativo divario (fino al +30), poi gestito senza troppi patemi nelle fasi finali.

L’incontro inizia all’insegna dell’equilibrio fino al 6′, con Lusvarghi, Zedda e Reinaudi che tengono il BB2016 in linea di galleggiamento. San Bonifacio prova poi la fuga (24-19 a 2’30” da fine quarto), ma i rossoblu reagiscono con un bel 9-0 che dona il +4 agli ospiti. Nel secondo periodo, dopo due minuti in cui i contendenti non riescono a segnare, si mette al lavoro Tinsley con due bombe, di cui una di tabella. Lo imita poi Zedda, sempre dall’arco e con i canestri di Graziani, Lusvarghi (2) e Azzano, il BB2016 si porta prima dell’intervallo sul +15. Al rientro dagli spogliatoi, i bolognesi sprintano ancora con Tinsley (4 punti) e Lusvarghi (7 punti) e raggiungono il +20. Altra sgasata di Graziani e Azzano, Zedda colpisce ancora dai 6,75 per ben due volte e infine una bomba dell’argentino porta a fine frazione al massimo vantaggio di 30 punti (47-77). Nell’ultimo quarto i rossoblu rallentano il ritmo e si limitano a gestire la partita. Il vantaggio si mantiene tra i 20 e i 24 punti fino a due minuti dal termine, poi San Bonifacio riesce a rendere la sconfitta meno dolorosa, ricucendo fino al -14 finale.

UNICA BERGAMO – VIFERMECA OLIMPIA 59 – 58

(20-5; 30-19; 43-42)

Bergamo: Morelli 6, Gandoy 15, Cane 15, Di Gregorio ne, Bogunovic 9, Rota 11, Nespoli, Leoni, Carparelli ne, Renella, Picarelli, De Martin 3. All. Albanesi.

Castel San Pietro: Masrè, Costantini 14, Castellari ne, Ferdeghini, Gianninoni 6, Dieng 10, Adeola 3, Galletti 7, Torri ne, Zhytaryuk 18. All. Giordani.

Con un finale al fotofinish, l’Olimpia cede la posta in palio a Bergamo: i locali centrano il 59-58 col libero di Riccardo Rota, che realizza l’1/2 che vale 2 punti e il primo posto in classifica. Coach Giordani doveva fare a meno di Alessandro Grotti, uscito malconcio da un allenamento in settimana (caviglia da valutare), ma durante il match ha perso anche Jacopo Gianninoni per un problema muscolare (da valutare). Dunque, visti i tempi ristretti è difficile pensare al rientro di entrambi in vista della trasferta di mercoledì 27 marzo a Montebelluna che i nerazzurri potrebbero affrontare con il solo Masrè in cabina di regia.

In avvio di match coach Giordani si affida al solito quintetto formato da Gianninoni, Costantini, Adeola, Dieng e Zhytaryuk, mentre dall’altra parte, coach Albanesi sceglie Morelli, Gandoy, Rota, Nespoli e il pericolo numero 1 Cane. L’inizio è, a dir poco, traumatico per i nerazzurri, che sbagliano tutto quello che possono sbagliare in attacco: il primo canestro è di Adeola dall’arco, ma Bergamo è già scappato sul 14-0. I padroni di casa hanno la libertà di fare il bello ed il cattivo tempo e riescono a chiudere il primo quarto su un 20-5 piuttosto imbarazzante per una squadra tecnica come quella dell’Olimpia. Dopo la prima pausa breve, Gianninoni prova a dar la scossa con una bella tripla ed un libero (20-9), ma i locali restano lontani, arrivano fino al +15 (26-11) dopo la metà del quarto. A 3’ dall’intervallo, gli orobici si trovano ancora ampiamente in vantaggio sul 27-13. Zhytaryuk, Adeola e Costantini (ai liberi) firmano il 30-19 con cui ci si ferma all’intervallo. Fortunatamente l’Olimpia Castello riesce ad accantonare presto il ricordo di un primo tempo ricco di errori e di orrori al tiro. L’avvio di terzo quarto, infatti, è devastante (questa volta in senso positivo) per Castello, che non solo impatta, ma addirittura sorpassa Bergamo a 4’30” dalla sirena: il 37-34 ospite è “figlio” di 10 punti di un imprendibile Costantini (2 triple e due penetrazioni), del 2/2 di Gianninoni (per fallo antisportivo incassato) e delle due triple di Galletti e Zhytaryuk. Coach Albanesi non può fare altro che fermare il gioco con un timeout per tentare di spezzare la veemenza ospite. Quindi un fallo antisportivo (con grossi dubbi), fischiato a Galletti, regala un viaggio in lunetta a Bogunovic, ma Dieng infila la sua prima tripla di serata dall’angolo sinistro (36-40). Un fallo tecnico per proteste plateali di Dieng offre ai locali il 43-42 con cui si arriva all’ultima pausa breve. Su un punteggio tipico del minibasket, le due squadre si trovano di fronte 10’ di gioco ricchi di tensione per l’importanza del match e per le tante macchie tecniche messe in evidenza nella prima mezzora di gioco. Nei primi 4’ dell’ultima frazione, “Slava” Zhytaryuk segna prima in “reverse” il 43-46, quindi il 46-48 al 32’30”, per poi concludere il suo break personale con una tripla frontale che vale il 46-51. A metà frazione, Rota infila una tripla dall’angolo destro (totalmente libero al tiro) per il 49-51 che fa saltare in piedi i tifosi presenti al C.S. Italcementi. Vista la scarsità numerica dei canestri, ogni centro infilato vale doppio: il bel movimento sotto le plance di Galletti rimette due possessi tra le due squadre (49-53). Accorciano Gandoy (un libero) e Rota da sotto; Bogunovic piazza una schiacciata pazzesca e firma il nuovo vantaggio di Bergamo (54-53). Gli ultimi 3’ sono incandescenti: Bogunovic e Zhytaryuk segnano entrambi in stepback (56-55 per i locali a 2’ dalla sirena). Gianninoni strappa il rimbalzo e parte in uno dei suoi soliti coast to coast che, però, si conclude con l’infortunio muscolare che lo costringe ad uscire. Nel frattempo, Omar Dieng tenta di griffare il match con una tripla dalla destra che riporta avanti gli ospiti sul 56-58 a 90 secondi dalla fine. Bogunovic si inventa un cesto dopo una piroetta, dalla media distanza ,per il pareggio a quota 58. Il cronometro indica un minuto alla sirena e il cambio tra Masrè e Gianninoni spezza il ritmo. Fallo in attacco per Dieng, errore al tiro per Gandoy, Zhytaryuk secondo ferro. Nulla di fatto a soli quindici secondi dalla fine. Gandoy tenta l’affondo e scarica su Rota, su cui Galletti interviene con l’anca: fallo a 2 secondi e 5 decimi. Il capitano della Blu Orobica si ritrova sulla linea della carità: sbaglia il primo, realizza il secondo (59-58). Dopo il timeout di Giordani, Masrè può effettuare la rimessa in attacco appoggiando a Zhytaryuk sulla sinistra, ma il capitano ospite si butta in penetrazione a fil di sirena, sbagliando l’assalto finale. La sirena premia Bergamo, nonostante un match non particolarmente emozionante né, tantomeno, tecnicamente irreprensibile.

PONTONI – IMPRESA TEDESCHI SANSEBASKET 56 – 74

CLASSIFICA

Montebelluna, Bluorobica Bergamo, Bologna Basket 2016, Sansebasket Cremona 12; Olimpia Castel San Pietro 10; San Bonifacio, Piadena 8; Monfalcone 6.

Serie C, fattore campo rispettato, a parte…

SERIE C

1° Giornata

Poule Promozione

VIRTUS MEDICINA – BMR 78 – 70

(22-28; 41-35; 59-50)

Medicina: Murati 12, Curione 10, Poluzzi 10, Sabattani 9, Folli 12, Cattani 5, Lorenzini ne, Iattoni 4, Zambon 9, Ronchi ne, Martini 7, Galvani. All. Dalpozzo.

Basket 2000 Reggio: Soncini ne, Alberione 22, Dias 8, Caroli 14, Paparella 4, Pedrazzi 7, Defant 4, Martelli ne, Amadio 5, Lusetti 6, Maramotti ne. All. Baroni.

EMIL GAS – C.M.P. GLOBAL BASKET 77 – 65

(17-13; 32-32; 54-53)

Scandiano: Maione ne, Fikri 5, Costoli, Astolfi 24, Fontanili, Bertolini 4, Levinskis 6, Brevini 2, Riccò 13, Vecchi 2, Caiti 21, Gualdi ne. All. Spaggiari.

CMP Global: Poli, Zanetti 14, Domenichelli, Fin 13, Lelli, Pederzini 6, Sorrentino 3, Ben Salem 9, Mazzotti 15, Garuti ne, Beretta 5, Vitale ne. All. Tasini.

Buona la prima dell’Emil Gas nella poule playoff, con vittoria casalinga contro il CMP Global Basket.

In avvio sono i padroni di casa a prendere in mano il controllo delle operazioni, toccando il +10; la replica bolognese non tarda ad arrivare, con gli ospiti che conducono anche di sette lunghezze, prima che l’equilibrio torni a regnare sovrano ed il tabellone del PalaRegnani segni all’ultimo intervallo il punteggio di 54-53 (30’); Scandiano approccia meglio gli ultimi 10’ e sale sul 68-61 con la tripla di Levinskis, poi subisce il tentativo di rimonta del CMP che torna a -3, prima di piegarsi definitivamente all’ultima fiammata scandianese.

PREVEN – BASKERS FORLIMPOPOLI 72 – 61

(19-12; 43-29; 66-45)

Zola Predosa: Chiusolo, De Ruvo 13, Galvan ne, Degregori 17, Marzatico 2, Bavieri 4, Tosini ne, Bianchini 12, Oyeh 6, Vivarelli ne, Balducci 11, Almeoni 8. All. Mondini.

Forlimpopoli: Dellachiesa ne, Benedetti 3, Brighi A. 10, Ruscelli, Naldini ne, Rossi 10, Brighi L. 11, Lazzari ne, Bracci 10, Dell’Omo 13, Farabegoli 4, Palazzi ne. All. Tumidei.

CLASSIFICA

Virtus Medicina, Scandiano, Francesco Francia Zola 6; Baskers Forlimpopoli, CMP Global BO, Basket 2000 RE 4.

Poule Retrocessione

GIRONE P1

MODENA BASKET – BASKET LUGO 64 – 69

(5-15; 18-32; 39-49)

Modena: Reale 18, Casu 10, Taddei 6, Nasuti 9, Saccone 7, Mingotti 2, Obitso 9, Twum, Mantovani 3, Ezedize ne. All. Coppeta

Lugo: Goi 13, Baroncini L. 4, Fussi 6, Creta 13, Canzonieri 12, Ciadini 7, Arosti 3, Ravaioli 11, Pasquali ne, Laslau ne. All. Baroncini F.

E80 GROUP – PALL. NOVELLARA 89 – 70

(21-19; 45-37; 67-54)

Castelnovo Monti: Vozza D.Giberti, Magnani 10, Vinciguerra 18, Bucci, Longagnani 6, Bosnjak 14, Codeluppi 8, Bravi 4, Tosti 11, Morini 8, Parma Benfenati 10. All. Vozza G.

Novellara: Ferrari 3, Frediani 14, Morini 9, Folloni 7, Rinaldi, Franzoni 4, Morini, Spaggiari ne, Iannelli, Riccò 12, Doddi 15, Bovio 6. All. Boni.

CLASSIFICA

Lugo, LG Castelnovo Monti 2; CMO Ozzano, Novellara, Modena 0.

GIRONE P2

ACQUA CERELIA – PALL. CORREGGIO 70 – 62

(12-19; 34-33; 51-52)

San Lazzaro: Piazzi, Baldi 10, Micheli 15, Frigieri 3, Brandani 5, Tamborino, Dioli 4, Rossi 13, Govi, Trombetti 20. All. Nieddu.

Correggio: Messori 4, De Toni 2, Morgotti 17, Sutera, Pini 9, Guardasoni L. 15, Zamparelli, Iori 5, Guardasoni M. 2, Spallanzani, Lavacchielli 8. All. Pantaleo.

Meglio non poteva cominciare il cammino della BSL nella Poule Playout: la formazione biancoverde, nel match d’esordio, si è infatti imposta per 70-62, tra le mura amiche del PalaRodriguez, sulla Pallacanestro Correggio. A dipanare una matassa che rischiava di farsi piuttosto complicata, ci ha pensato Giuseppe Micheli che, con sei punti ravvicinati nella seconda metà dell’ultimo quarto, ha spezzato l’equilibrio e dato l’inerzia del match all’Acqua Cerelia. La Bsl ha, però, potuto rimanere a lungo aggrappata al match grazie anche ai canestri di Trombetti, autore di un bottino personale di 20 punti e di una prova di grande solidità, mentre Rossi, che nei secondi finali si è rivelato molto prezioso in regia e fase di finalizzazione, si è spinto fino a quota 13.

La BSL è partita con il giusto piglio, facendo circolare il pallone con pazienza e trovando tiri aperti dall’arco con Baldi e Micheli, che hanno spinto l’Acqua Cerelia sul 10-7. Con il passare dei minuti, però, la palla nella manovra d’attacco biancoverde si è un po’ fermata e Correggio ha cercato di approfittarne piazzando un 8-0 per il +7 esterno di fine primo quarto (12-19). Per tenere aggrappata al match la BSL, sono quindi serviti i canestri e l’esperienza di Trombetti: i ritmi si sono quindi via via nuovamente alzati e, quando sono arrivati i preziosi punti di Frigieri e Rossi, l’Acqua Cerelia ha rimesso la testa avanti, rientrando negli spogliatoi sul 34-33, grazie anche al canestro a fil di sirena di Trombetti. La gara è poi proseguita sui binari dell’equilibrio e con continui cambi di padrone fino a metà della quarta frazione, quando è arrivata la fiammata di capitan Micheli che, con due palloni rubati e sei punti di fila, ha regalato l’inerzia del match ai sanlazzaresi, capaci poi di mettere in ghiaccio il risultato con le giocate vincenti, nei secondi conclusivi, di Trombetti, Rossi e Brandani.

MOLINO GRASSI – GUELFO BASKET 82 – 78

(24-27; 36-43; 52-62)

Parma: Fornari ne, Pedron 9, Kapllanaj, Malinverni ne, Boffelli 23, Gorreri ne, Montanari, Saiz Otero 14, Tognato 2, Sangermano 2, Ferrari 5, Lasagni 27. All. Olivieri.

CastelGuelfo: Flan 3, Torreggiani, Ghini 15, Franchini 7, Frassineti ne, Savino 17, Bergami ne, Musolesi 9, Degli Esposti Castori 15, Santini 12, Rubbi ne. All. Agresti.

CLASSIFICA

BSL San Lazzaro, Magik Parma 2; Molinella, Guelfo Castelguelfo, Correggio 0.

GIRONE P3

DULCA – CLEVERTECH 73 – 68

(16-19; 38-37; 55-49)

Santarcangelo: Bonfè, Mulazzani 6, Conti 17, Macaru, Benzi 15, Rivali 11, Bedetti 8, Mari 2, Sirri ne, Lombardi ne, Salttykov 12, Rossi 2. All. Serra.

Montecchio: Beltrami ne, Mursa 13, Ruggieri, Sinisi, Sieiro Perez 14, Di Noia 19, Guidi 3, Paterlini 3, Ramenghi, Vaccari 4, Germani 12, Bertoletti ne. All. Cavalieri.

ELLEDI – SCUOLA BASKET FERRARA 93 – 88

(25-20; 45-47; 66-68)

S.G. Fortitudo: Battilani 6, Cinti 4, Guazzaloca 16, Selvatici ne, Lenzi, Serra 2, Daly 13, Lanzarini 32, Zagnoni 5, Zinelli 5, Dordei 10. All. Catrambone.

S.B. Ferrara: Malfatto 3, Petrolati ne, Costanzelli 15, Cazzanti 24, Ghirelli D. 5, Bastoni 3, Seravalli 13, Ghirelli M. 17, Braga 8, Coreggioli ne. All. Campi.

CLASSIFICA

Santarcangelo, S.G. Fortitudo BO 2; CVD Casalecchio, Montecchio, S.B. Ferrara 0.

Serie B/F, Sisters al comando, dietro è bagarre

SERIE B/F

9° Giornata

Poule Promozione

FBK FIORE BASKET – BASKETBALL SISTERS 39 – 56

(12-17; 25-29; 31-33)

Fiorenzuola: Bernini ne, Patelli 8, Lekre 2, Longeri, Cremona, Negri 3, Bertoni, Sambou ne, Meschi 11, Zane, Rastelli 8, Bambini 7. All. Mannis.

Piumazzo: Bortolani 6, Koral 4, Tartarini 3, Bernardini 4, Righi, Palmieri G. 17, Cattabiani 5, Ampollini, Daidone 1, Grandini, Melloni 10, Zarfaoui 6. All. Palmieri L.

WAMGROUP – REN AUTO 72 – 68 dts

(20-14; 37-25; 47-46; 62-62)

Cavezzo: Zanoli 9, Cariani 12, Kolar 15, Verona 22, Maini 8, Costi, Calzolari 6, Stefanini, Zucchi, Pronkina. All. Piatti.

Rimini: Tiraferri, Novelli 16, Mongiusti, Capucci 7, Pratelli, Duca E. 20, Pignieri 3, Duca N. 5, Fera 2, Benicchi 15, Borsetti, Monaldini. All. Maghelli.

L’Happy Basket di coach Maghelli torna da Cavezzo con una sconfitta, ma con la contemporanea certezza di essere ormai matura lottare stabilmente al vertice.

Contro le emiliane, infatti, le rosanero rimontano 17 punti, riaprono una partita che sembrava finita con largo anticipo e forzano l’overtime. E se la forma non è vincente, la sostanza lo è di sicuro: non farà classifica, ma consapevolezza, sì. Come detto, nel primo tempo la partita sembra già chiusa: a 2′ dall’intervallo Cavezzo è avanti 37-20 e il risultato sembra già una sentenza. Una tripla di Capucci e un canestro di Benicchi permettono alla Ren-Auto di chiudere il primo tempo sotto di 12, 37-25. Al rientro in campo sempre Capucci e due volte Benicchi, chiudono un parziale di 11-0 che riapre completamente il match, 37-31. Cavezzo prova a rispondere, ma l’inerzia si è completamente ribaltata e Rimini si aggiudica il quarto con un netto 10-21 che lascia tra le squadre un solo punto all’ultima, che poi ultima non sarà, pausa, 47-46. L’ultimo quarto si apre con la terza tripla di Novelli, che è anche quella del primo vantaggio (47-49). Da qui in poi si gioca punto a punto con la Ren-Auto che, sotto di due, 62-60, ha l’ultimo possesso dei tempi regolamentari, con 9″ da giocare: inopinatamente la difesa di casa commette fallo antisportivo su capitan Novelli che, freddissima, fa 2/2 dalla lunetta a 3″ dalla sirena. La stessa Novelli prova la tripla della vittoria, allo scadere, da 8 metri, ma la distanza è davvero troppa e il tiro va corto. Nel supplementare, un gioco da tre punti di un’immarcabile Eleonora Duca vale il nuovo vantaggio, 64-65, ma, nel finale, Cavezzo capitalizza dalla lunetta e vince la partita. Finisce 72-68.

MAGIKA PALL. – CHEMCO 70 – 64

(22-16; 39-31; 54-48)

Castel San Pietro: Roccato, Venturoli 16, Rosier 15, Rizzati 4, Melandri 12, Montani 13, Cordisco 10, Fabbri, Agostinelli. All. Naldi.

Puianello: Oppo 8, Olajide 24, Manzini 14, Luppi, Albertini, Dettori 4, Dzinic 5, Raiola 6, Cherubini 3, Graffagnino, Gizynsika, Castagnetti. All. Giroldi.

Prestazione maiuscola della Magika, che ferma la capolista Puianello per 70-64, al termine di una partita intensa e vigorosa, che non ha tradito le aspettative della vigilia, tra due formazioni che ben si conoscono ed abituate a stazionare ai piani alti della classifica. La squadra di coach Naldi ha messo in campo qualità e determinazione per tutti i 40’ e se non sorprendono le ottime prestazioni delle giocatrici di maggior esperienza (Rosier, Venturoli, Melandri e Rizzati), le note liete vengono dalle più giovani Montani (prestazione balistica da incorniciare), Roccato e Agostinelli che si sono sacrificate in un determinante e fondamentale lavoro difensivo, in particolare quest’ultima che, sotto canestro, non ha assolutamente sfigurato contro i centimetri ed i chili di Dzinic, Olajde e Dettori. Ciliegina sulla torta la prestazione di Simona Cordisco che, ormai pienamente recuperata dal recente infortunio, ha sfoderato una prestazione maiuscola, con un’ottima difesa e segnando importantissimi canestri nel corso di tutta la partita.

La cronaca: ritmo intenso fin dalle prime battute, con Venturoli imprendibile per la difesa avversaria costretta al time-out al 5’ sul 15-8, mentre scaldano le mani sia Rosier che Cordisco. Puianello fa valere i centimetri di Olajde e Dznic sotto canestro e il primo quarto si chiude sul 22-16. Nel secondo quarto le squadre si equivalgono, con Puianello che aumenta l’intensità difensiva ma Magika è attenta, lucida e punisce i ritardi nelle chiusure sulle proprie tiratrici e un buzzer beater di Rosier, da metà campo, a fine quarto, manda le squadre all’intervallo sul 39-31. Il terzo periodo vede praticamente Olajide (ala ventiquattrenne reduce da stagioni in A1 e A2) contro le castellane. La forte giocatrice di colore segna 13 dei 17 punti della sua squadra, mentre Magika gioca di squadra, attacca con calma e pazienza la zona avversaria e risponde colpo su colpo con Melandri e Montani e al 30’ il tabellone segna 54-48. L’ultimo quarto è una battaglia agonistica senza respiro, dove non mancano pregiate giocate da parte di entrambe le squadre. Alle bombe di Venturoli e Rosier, rispondono Manzini e Raiola, ma sono Cordisco (4/4 nei liberi), ben spalleggiata da Rizzati, che gestiscono con sapienza e lucidità il tentativo di recupero, con le padrone di casa che vincono 70-64 e vanno a prendersi il meritato applauso di tutto il suo pubblico.          

FAENZA BASKET PROJECT – BASKET ROSA 69 – 41

(17-11; 37-19; 54-26)

FBP: Edokpaigbe 10, Panzavolta 4, Porcu 8, Manaresi, Gori 9, Ciuffoli C. 8, Morsiani 2, Grande 7, Bernabè 8, Ciuffoli E. 13. All. Rustignoli.

Forlì: Vespignani 8, Foiani, Montanari 6, Pieraccini 2, Gomez, Ronchi 5, Giorgetti 5, Silighini 2, Balestra 10, Bollini 3, Sampieri, Ragghianti. All. Rustignoli.

CLASSIFICA

Sisters Piumazzo 14; Puianello B.T, Happy Basket Rimini, Cavezzo 12; Magika Castel San Pietro 10; Faenza Basket Project 8; Basket Rosa Forlì, Valdarda Fiorenzuola 2.

Poule Retrocessione

ALUART SERRAMENTI – MORIAN 70 – 50

(5-14; 25-23; 52-32)

Scandiano: Susca 8, Bini 3, Balboni 1, Marino 13, Meglioli A. 9, Capelli 6, Teti, Pellacani 4, Brevini 10, Torelli 1, Soncini 3, Meglioli E. 12. All. Pozzi.

Fidenza: Khalef 3, Chierici 2, Fava 1, Fornasari, Garibaldi 1, Besagni, Frati, Coda, Ghezzi 17, Zambelli 10, Podestà 16. All. Antonicelli.

PEPERONCINO LIB. BK – STAFF 38 – 47

(5-14; 20-25; 23-34)

Mascarino: Vitali, Curti, Cavicchioli 6, Bardasi 8, Rorato 4, Ferri 1, Ramponi, Di Già 5, Mandini 11, Mannucci Pacini 3, Ferrari, Sablon. All. Guccini.

Parma: Triani Mai. 2, Luciano 5, Petrilli 12, Di Giorgi ne, Triani Mab. 3, Farina 1, Minari 17, Panizzi, Mordazzi 7. All. Donadei.

BASKET FINALE – ALBERTI & SANTI 47 – 73

(9-21; 24-36; 43-54)

Finale: Armillotta 17, Ragazzini 7, Todisco 12, Feoli 1, Bagnoli 3, Matteucci 4, Pepe, Bozzali ne, Conte, Onyia, Pincella 3. All. Bregoli.

Borgo Val di Taro: Acevedo 14, Azzellini 7, Bozzi 20, Giacopazzi, Garcia 22, Piscina, Catellani 2, Egwoh 6, Mezini 2. All. D’Albero.

Arriva il primo verdetto della stagione sportiva: la matematica salvezza per la Valtarese che, con la vittoria in quel di Finale Emilia, ha centrato la garanzia della permanenza in serie B con ben cinque giornate di anticipo rispetto alla fine della seconda fase. La vittoria in terra modenese per 73 a 47 ha permesso alle ragazze di coach D’Albero di festeggiare in largo anticipo la salvezza. Casualità o no la salvezza è arrivata proprio contro Finale Emilia che nella passata stagione aveva condannato l’allora Roby Profumi alla retrocessione, trasformata poi in ripescaggio nell’estate scorsa.

Una vittoria mai in discussione anche se l’Alberti e Santi si era presentata a Finale senza Palacios e Kozhobashoiovska. Ci hanno pensato le esterne Bozzi, Acevedo e Garcia a scavare il divario tra le due formazioni, consegnando alla formazione del presidente Delnevo la certezza di poter disputare ancora il campionato di serie B.

NUOVA VIRTUS CESENA – ELETTROMARKETING 68 – 63

(13-21; 38-34; 55-41)

Cesena: Nociaro 7, Clementi 17, Chiadini C, Bianconi 2, Battistini 11, Venanzi 2, Cedrini 4, Giorgini, Andrenacci 21, Girelli 4, Minguzzi. Semprini. All. Chiadini L.

San Lazzaro: Grandi, Marchi 23, Nanni 2, Talarico 12, Trombetti 4, Vettore 10, Giuliani 3, Morpurgo, Mezzini 2, Springer 8. All. Dalè.

CLASSIFICA

Valtarese 16; Scandiano* 12; BSL San Lazzaro, Fulgor Fidenza Nuova Virtus Cesena 10; Magik Rosa Parma 8; Finale Emilia*, Peperoncino Mascarino 2.

Under 19 all’ultimo tuffo, U15 la Reggiana passa al PalaCusb

CAMPIONATI ECCELLENZA

UNDER 19

22° Giornata

GIRONE 2

URANIA BASKET – UNICA BLU OROBICA 55 – 77

PALL. BERNAREGGIO’99 – E.A.7 EMPORIO ARMANI 77 – 92

U.C.C. CASALPUSTERLENGO – VIS 2008 99 – 76

Casalpusterlengo: Gherardini 20, Joksimovic 18, Conti 16, Tedoldi 10, Dal Cero 10, Ferraresi 10, Fiorillo 8, Bisagni 5, Angarica Sanchez 2, Agosti, Spotti, Polenghi.

Ferrara: Cazzanti 18, Braga 16, Farina 9, Boggian 8, Dioli 6, Ficetti 6, Fall 5, Bellini 4, Jovanovic 2, Giovannelli 2, Bondesani, Romondia ne. All. Santi.

ROBUR ET FIDES – NEX NIPPON EXPRESS 62 – 79

(15-20; 28-41; 43-54)

Varese: Santinon 11, Scola 10, Bardelli, Rotoni, Scodeggio 3, Praderio, Capellaro 8, Free 2, Librizzi 11, Borghesi 6, Maddalin 11. All. Renzetti.

Fidenza: Di Cola, Marchesan 2, Cortese 9, Pezzani 9, Valdo 12, Usai 4, Bellini 16, Ramponi 8, Miaschi 10, Beltadze, Ranieri 6, Doumbia 3. All. Bizzozi.

GUERINO VANOLI BASKET – OSCOM MILANO3 60 – 86

UNAHOTELS – POLLINI 83 – 80

(16-19; 43-40; 58-63)

Reggiana: Camara 17, Beltrami 8, Bonaretti 11, Mainini 11, Obayagbona 2, Yadde 7, Bardelli, Fornasiero ne, Lusetti F. ne, Hadzhyiev 2, Manfredotti L. 25, Marras. All. Menozzi.

Brescia: Pezzali, Mbow 8, Tanfoglio N. 17, Tonelli 13, Tanfoglio A., Marchetti 2, Reghenzi 7, Fantino 6, Porto 10, Pollini 17, Malagnini ne. All. Alberti.

CLASSIFICA

Olimpia Milano, Fulgor Fidenza 38; Vis 2008 Ferrara 36; U.C.C. Piacenza Codogno, Blu Orobica Bergamo 32; Pollini Brescia 22; Reggiana 20; Urania Milano, Milanotre Basiglio 14; Bernareggio 8; Vanoli Cremona, Robur et Fides Varese 4.

GIRONE 5

UNIEURO BASKET FORLI’ – PALL. COLLEFERRO 69 – 71

PERUGIA BASKET – UNIBASKET 74 – 47

STARS BASKET – ROSETO ACADEMY 71 – 73

(19-22; 34-38; 49-56)

Stars: Cattelani 10, Marani 8, Lenzi ne, Cantelli 5, Battistini 2, Fabbris 2, Yermolayev 16, Penta 8, Zagnoni 6, Loro 5, De Luca ne, Fiorentini 9. All. Carrera.

Roseto: Tommarelli 2, Valentini, Maiga 11, Girone, Marcucci, Jovanovic 40, Fabris 4, Pennacchia, Paluzzi 6, Mastrototaro 3, Dervishi 7. All. Gullotto.

US VICTORIA LIBERTAS – FORTITUDO103 ACADEMY 90 – 68

(23-9; 40-24; 70-47)

Pesaro: Aloi 3, Di Francesco 2, Sparacca, Sgarzini 4, Colotti 7, Balassone 3, Maretto 15, Ghiselli 4, Dragomanni 7, Fainke 29, Stazi 8, Siepi 8. All. Luminati

Bologna: Natalini 23, Gambini 2, Fucka ne, Kovalenko, Braccio 10, Kuznetsov 10, Sabbadini 3, Morandi 10, Bommarito 10, Rinaldi. All. Breveglieri.

BRAMANTE BASKET – VIRTUS PALL. BOLOGNA 78 – 65

CAB STAMURA BASKET – BASKET SANTARCANGELO 87 – 84

RECUPERO

BRAMANTE BASKET – PALL. COLLEFERRO 72 – 65

CLASSIFICA

VL Pesaro 40; Stamura Ancona 38; Oneteam Forlì 28; Unibasket Lanciano, Roseto 26; Angels Santarcangelo 22; Fortitudo Academy Bologna, Virtus Bologna, Stars Bologna, Bramante Pesaro 16; Perugia 12; Colleferro 8.

UNDER 17

Fase Nazionale

6° Giornata

GIRONE B

CLAS RENAULT DON BOSCO – LAURENZIANA BASKET 84 – 92

(24-27; 38-44; 64-68)

Livorno: Malloggi 3, Bicicchi 3, Bellomo 4, Pacitto 25, Deliallisi, Casini 8, Marinari 7, Lamperi 17, Preziuso 3, Tognoni, Garibotto, Madera 14. All. Barilla.

Laurenziana Firenze: Venanti, Novori 29, Parigi 5, Mazzoni 4, Morelli ne, Noviello 2, Godano 26, Coltrinari 22, Puccini, Dal Poggetto 2, Bini ne, Sottocornola 2. All. Calamai.

CARPEGNA PROSCIUTTO VL – ALFA OMEGA OSTIA 91 – 61

(31-16; 44-31; 61-46)

Vuelle Pesaro: Barbalich 1, Del Prete 2, Pagnini, Pozzolesi 5, De Gregori 22, Selvatici 6, Reginato 8, Stable Terry 26, Sakine 4, Coen 6, Michelazzo, Cornis 11. All. Costa.

Ostia: Piccirillo ne, Cefariello ne, Tempesta 1, Moscetti, Subissati, Negrin 13, Grasso 7, Api 15, Zecchinelli 10, Arrihani ne, Paniccià, D’Abrosca 15. All. Oppi.

PALL. SANT’ANTIMO – UNAHOTELS 70 – 110

(18-30; 32-62; 56-88)

Sant’Antimo: Zucchini 10, Hernandez Tartabull, Castaldo 13, Gaglione 6, Iuliano 6, Tracanna, Mennillo, Esposito 2, Ciccarelli 12, Silvestrino, Riviezzo 19, Ianniello 2. All. Fiore.

Reggiana: Bardelli 3, Carboni 15, Fornasiero 4, Lusetti 12, Abreu 9, Hadzhiev 5, A. Manfredotti 7, L. Manfredotti 37, Marras 2, Samb 12, Rinaldini 4. All. Consolini.

CLASSIFICA

Don Bosco Livorno, VL Pesaro 8; Alfa Omega Ostia, Reggiana*, Laurenziana Firenze* 6; Sant’Antimo 0.

GIRONE E

VIS 2008 FERRARA – AMICI PALL. UDINESE 88 – 58

(23-10; 42-31; 73-46)

Ferrara: Leprini 3, Dalpozzo, Ciaccia 1, M. Cerlinca 2, Etame Kouoh 9, Agostini 12, Susanni 19, D. Cerlinca ne, Tiogo Kenmognie, Sankaré 28, Azzolin 4, Ficetti10. All. Santi.

Udine: Giannino 10, Mariuzza 2, Napoli 2, Errichiello 5, Stoner 9, Bulfone ne, Bjedov 1, Nobile 14, Miceli, Fumolo 3, Mizerniuk 9, Mazburss 3. All. Pampani.

EA7 EMPORIO ARMANI – DON BOSCO CROCETTA 90 – 57

(21-16; 35-33; 62-45)

Olimpia Milano: Ude 6, Karem 5, Germani 3, Chauveau 10, Forini 10, Youssef 3, Suigo 6, Lomartire 10, Lonati 14, Garavaglia 6, Grassi 9, Pillepich 8. All. Halabi.

Crocetta Torino: Brunero, Romano, Bellinzona 6, Randazzo 4, Brika 6, Picco 2, Ravera 2, Sow 22, Ingrosso 2, Cellino 6, D’Amuri 5, Odisio 2. All. Maino.

O.F.P. AZZURRA – DOLOMITI ENERGIA 42 – 87

(10-23, 22-38, 30-66)

Azzurra Trieste: Miloch 5, Termini 19, Bastianelli 3, D. Covacich 3, Mezzari, Verzì 9, L. Covacich, Fontanini, Mura 2, Norbedo 1. All. Perna.

Trento: Dorigotti, Niang 16, T. Triggiani 6, Cattapan 9, Acunzo 12, Guerrini 6, V. Triggiani 6, Iobstraibizer 3, Machetti 11, Austin 4, Zanella 5, Placinschi 9. All. Gilmozzi.

RECUPERO

OLIMPIA – AQUILA 94 – 91 dts

(14-14; 41-34; 65-62; 88-88)

Olimpia Milano: Karem 7, Zola 9, Youssef 8, Suigo 14, Gualdi 5, Lomartire, Lonati 15, Garavaglia 10, Cortellino 9, Ceccato 9, Grassi 6, Pillepich 2. All. Halabi.

Trento: Dorigotti 9, Niang 4, T. Triggiani 13, Cattapan 24, Acunzo 12, Guerrini, V. Triggiani 11, Machetti 8, Austin, Zanella, Placinschi 10. All. Gilmozzi.

CLASSIFICA

Olimpia Milano 12; Trento 10; Vis 2008 Ferrara 8; Crocetta Torino 4; A.P.U. Udine 2; Azzurra Trieste 0.

GIRONE G

PALL. BERNAREGGIO’99 – TEZENIS VERONA 87 – 96

(17-27; 42-49; 63-72)

Bernareggio: Ferrara 1, Alimbarashvili, Buzzi ne, Picceri, Ciobotariov 5, Aromando 10, Ferrario 8, Redaelli 14, Popovic 11, Lasagni 31, Baroni 7, Saliani. All. Di Giuliomaria.

Verona: Mecenero ne, M. Frosini 18, F. Frosini 30, Monese, Vinco 9, Campion 11, Pittana 11, Stocco 5, Frassoni 3, Paganotto, Zumerle 9. All. Longoni.

CONFORAMA VARESE ACADEMY – TNA SAN MAURO 89 – 57

(23-13; 44-27; 75-43)

Varese Academy: Franceschet 6, Zanitelli 13, Realini 8, Slimani Virgilio 1, Tufano 1, Giani, Bottelli 13, Terlizzi 2, Aletti, Guzzetti 16, Boio 1, Ewanke 28. All. Gardini.

Settimo: Bena 2, Binovi, Domiziano 3, Maicu, Termine 7, Patrocco 1, Negro 4, Agnese 2, Benenti 16, Lapenna, Andriolo, Carlino 22. All. Rossin.

B.S.L. SAN LAZZARO – BCC EMILBANCA VIRTUS 30 Aprile 2024 20:30

Palestra RODRIGUEZ, Via Repubblica 2 SAN LAZZARO DI SAVENA (BO)

RECUPERI

BERNAREGGIO’99 – BSL 93 – 99 dts

(22-22; 49-45; 71-63; 91-91)

Bernareggio: Ferrara 1, Picceri 3, Ciobotariov 8, Aromando 27, Ferrario 8, Redaelli 19, Popovic 5, Tessariol 2, Landi Saranga 2, Lasagni 14, Baroni 4, Saliani. All. Di Giuliomaria.

San Lazzaro: Selva 29, Sandrini, Buscaroli, Pulino 3, Rimondi 22, Dondi Dall’Orologio 10, Toselli 12, Mazzanti 8, Folesani 5, Omorogbe, Osaigbovo 9, Tina 1. All. Rocca.

BSL – SAN MAURO 82 – 50

(23-12; 46-25; 63-36)

San Lazzaro: Selva 9, Sandrini 2, Buscaroli 7, Pulino 10, Rimondi 4, Dondi 12, Toselli 19, Folesani 8, Barbani 3, Omorogbe 1, Osaigbovo 5, Tina 2. All. Rocca.

Settimo Torinese: Bena 4, Binovi, Domiziano 16, Perlo, Maicu 4, Termine 4, Patrocco 2, Negro 1, Agnese 2, Benenti 2, Andriolo, Carlino 12. All. Rossin.

CLASSIFICA

Verona* 10; Virtus Bologna** 8; Varese Academy 6; Bsl San Lazzaro* 4; Bernareggio, San Mauro Settimo Torinese 2.

GIRONE H

BASKET MESTRE 1958 – ONETEAM BASKET 58 – 74

(13-21; 28-53; 46-66)

Mestre: Martorana 7, Monastra 8, Vecchina 8, Bullo ne, Simion 8, Fantato 4, Kazadi 10, Misiano, Bizzotto 7, Fornaro, Benetello, Bassani 6. All. Guerrasio.

Forlì: Ercolani 20, Cangini, Georgescu, Casali 14, Bonomi 12, Dellachiesa, Mantovani 9, Giudici, Berluti 5, Bassi 9, Pedrotti 3, Osaymwanbo 2. All. Gandolfi.

REYER VENEZIA MESTRE – COLLEGE BASKETBALL 84 – 58

(22-27; 44-43; 71-49)

Reyer Venezia: Corato 24, Vecchiuzzo ne, Checchetto, Tommasino, Marella, Giovacchini 5, Bonivento 2, Manente ne, Eramo 21, Natale, Marini 19, Macrì 13. All. Napolitano.

Borgomanero: Oliveri 11, Pillastrini 7, Martino 2, Charfi 6, Cristao, Baiardi 8, Comin 6, Tadini, Lastella 2, Romeo 12, Maurovic, Rupil 4. All. Villa.

PALLACANESTRO VARESE – PGS AUXILIUM 81 – 61

(36-13; 54-29; 71-42)

Pall. Varese: Turconi 13, Reghenzani 5, To. Scola Rocchetti 5, Risi 2, Mantovani 4, Figini 5, Bergamin 20, Bergomi 12, Avvinti, Prato 8, Moranzoni 7, Zoppi. All. Corengia.

Genova: Arena 23, James 7, Guraschi 2, Provenzano 19, Pesce, Rossi, Barabino 2, Bastianelli 4, Paoletti, Gigliotti 5. All. Pezzi.

CLASSIFICA

Reyer Mestre 10; College Borgomanero, Pall. Varese 8; Oneteam Forlì 6; Mestre 1958 4; PGS Auxilium Genova 0.

UNDER 15

23° Giornata

BCC EMILBANCA VIRTUS – UNAHOTELS 73 – 89

BENEDETTO 1964 CENTO – VIS 2008 FERRARA 87 – 89

RAGGISOLARIS ACADEMY – EMILBANCA S.G. FORTITUDO 89 – 91

B.S.L. SAN LAZZARO – FORTITUDO103 ACADEMY 107 – 49

POL. GIOVANNI MASI – MODENA BASKET 52 – 46

INTERNATIONAL BASKET – UNIEURO BASKET FORLI 63 – 86

(15-24; 30-35; 49-70)

Forlì: Castagnoli, Grandini 2, Gimelli, Zotti 28, Pasini 4, Sirri 10, Russo, Gondoni J, Capacci 1, Bacchilega 16, Rusticali 12, Clabacchi 6. All. Grison.

NEX NIPPON EXPRESS – INSEGNARE BASKET RIMINI 62 – 108

RECUPERO

UNIEURO – MASI 74 – 50

(20-19; 29-23; 48-37)

Forlì: Castagnoli 2, Grandini 2, Zotti 17, Pasini 4, Sirri 6, Russo 9, Gondoni D, Gondoni J, Capacci, Bacchilega 13, Rusticali 6, Clabacchi 13. All. Grison.

CLASSIFICA

I.B. Rimini 44; Bsl San Lazzaro 40; Reggiana 36; Virtus BO, S.G. Fortitudo BO 34; Oneteam Forlì* 30; Vis Ferrara 18; Fulgor Fidenza*, Raggisolaris Academy Faenza* 16; Modena 14; Benedetto 1964 Cento*, Masi Casalecchio 12; International Imola 8; Fortitudo Academy BO 4.

DR1, i Raggisolaris battono Budrio, Gardens in vetta ad ovest!

DR 1

26° Giornata

GIRONE A

PALLACANESTRO REGGIOLO – BASKETREGGIO 70 – 66

(22-11; 44-30; 57-54)

Reggiolo: Verzellesi 17, Neri 13, Gaudenzi 15, Pasini 11, Benatti 6, Biello 2, Galeotti G. 2, Galeotti R. 4. All. Bosi.

Basketreggio: Bertolini 14, Ferrari ne, Pighini 8, Camara 4, Favour, Brogio 12, Castagnetti 3, Generali, Zecchetti 2, Riccò 7, Fall 8, Giudici 8. All. Zagni.

NUBILARIA BASKET – SCUOLA PALL. VIGNOLA 56 – 79

(11-23; 27-43; 41-66)

Novellara: Margini 9, Accorsi 10, Iannelli 8, Capiluppi, Moscardini, Bartoli F. 2, Barazzoni 4, Petrolini 14, Pizzetti 5, Giorgino, Gandellini 4, Bartoli A. All. Freddi.

Vignola: Torricelli R. 19, Nardini, Besozzi 11, Bussoli 5, Cavallari 5, Cappelli 18, Fossali 9, Jerez, Torricelli F. 4, Cavazzoli 8. All. Landini.

LAVOROPIU’ POL. G. MASI – BASKET JOLLY 69 – 62

(21-23; 38-35; 5143)

Casalecchio: Cassanelli ne, Nicoli 32, Mazzoli 11, Versura Jimenez, Salsini 5, Lagna 2, Rachelli, Anesa, Masina 8, Barilli 2, Ballanti 4, Micco 5. All. Forni.

Jolly Reggio: Foroni M. 20, Foroni F. 3, Piccinini 9, Bertoni, Riccò 2, Gabbi 11, Marino T. 6, Braglia 3, Marino M.2, Canovi 6. All. Gibertoni.

AUDACE BOMBERS – BK GIARDINI MARGHERITA 75 – 80

(21-22; 39-37; 54-49)

Audace: Bernardi 4, Marzioni 1, Gandolfi 25, Franceschini 9, Mondini, Valenti 4, Degli Esposti 10, Buriani 12, Albertazzi 8, Parchi 2. All. Rizzi.

Gardens: Cattelani 3, Trazzi 20, Minghetti 6, Grassi 6, Bisi, Ziglio, Fabbri 13, Elio 6, Nanni 10, Argenti 6, Baccarini ne, Artese 10. All. Lanzi.

BENEDETTO 1964 CENTO – STARS BASKET 69 – 90

(19-28; 34-57; 48-74)

Cento: Minelli 4, Ghidoni 11, Draghi 11, Lorusso, Sgargi 9, Drosi 4, Rayner 8, Salatini 4, Almeoni 4, Basso 8, Vischi 5, Baraldi 1. All. Trevisan.

Stars: Sandrolini 10, Marani 4, Musolesi 11, Careddu 2, Marino 4, Benfenati 9, Penta 15, Tugnoli 2, Lenzi 7, Branchini 11, Ruffini 10, Orsini 5. All. Piccolo.

VIS BASKET PERSICETO – HAPPY BASKET ’07 74 – 43

(17-15; 36-21; 56-23)

San Giovanni in Persiceto: Patrese 9, Benuzzi 10, Palmieri 6, Albertini, Francia 7, Ramini 12, Ferrari, Mazza 11, Rando, Pedretti 12, Barbieri 2, Ravaldi 5. All. Sacchetti.

CastelMaggiore: Skuletic 6, Stankovic 1, Cobianchi 3, Bartoli 7, Amoni 9, Riguzzi N., Tomic 12, Veli 2, Fabbri, Savino 3. All Palumbi.

VENI BASKET – POL. ICARE 70 – 75

(21-12; 35-34; 53-51)

San Pietro in Casale: Fabbri F. 3, Ferraro 13, Ghedini, Recchia 8, Sgarzi ne, Frignani 19, Mariani 5, Fabbri M. ne, Bondioli, Bulgarelli 16, Pederzoli 6, Ramzani ne. All. Castriota.

Cavriago: Passera ne, Torreggiani 9, Minardi F. 5, Rubertelli 6, Minardi S. 2, Rivera Estevez ne, Giaroli 18, Pedrini ne, Artoni 13, Curti ne, Branchini 22. All. Bellezza.

BK POL. CASTELFRANCO EMILIA – BASKET VOLTONE 74 – 82

(21-19; 36-30; 59-64)

Castelfranco: Dawson 7, Martignoni M. ne, Tomesani 38, Govoni, Bianconi 2, Coslovi, Martignoni G. ne, Vannini 3, Del Papa 8, Lanzarini 5, Roncarati 11. All. Cilfone.

Monte San Pietro: Paro ne, Brunetti 25, Bergonzoni 9, Sabino 2, Giacometti, Ravaldi ne, Espa 14, Barbato 4, Messina, Baroncini 11, Chillo 17. All. Righi.

RECUPERI

S.P. VIGNOLA – BENEDETTO 1964 59 – 63

(13-25; 24-36; 59-61)

Vignola: Torricelli R. 7, Nardini, Besozzi 4, Bussoli, Cavallari 3, Cappelli 15, Fossali 17, Jerez, Torricelli F. 7, Cavazzoli 6. All. Landini.

Cento: Drosi, Sgargi 9, Govoni 7, Ghidoni 14, Vischi, Minelli 2, Salatini 7, Almeoni 2, Basso, Draghi 4, Rayner 14, Baraldi 4. All. Trevisan.

OTTICA AMIDEI – NUBILARIA 84 – 49

(15-13; 44-25; 67-38)

Castelfranco: Dawson 13, La Duca 1, Tomesani 18, Govoni ne, Coslovi 5, Martignoni G. 2, Vannini 2, Del Papa 12, Martignoni M., Lanzarini 13, Roncarati 5, Cempini 13. All. Cilfone.

Novellara: Grisendi, Margini 2, Accorsi 4, Capiluppi, Moscardini 5, Bartoli 2, Petrolini 18, Lucchini 5, Pizzetti 8, Giorgino, Gandellini 5. All. Freddi.

CLASSIFICA

VIS SAN GIOVANNI IN P.342517819131735+178
GIARDINI MARGHERITA BOLOGNA342417717751633+142
AUDACE BOMBERS BOLOGNA342517818361702+134
SCUOLA PALL. VIGNOLA322516919221763+159
VOLTONE MONTE S. PIETRO302415917401704+36
STARS BOLOGNA2825141117681799-31
CASTELFRANCO EMILIA2625131218211698+123
VENI SAN PIETRO IN CASALE2624131116461599+47
MASI CASALECCHIO2625131218351835+0
PALL. REGGIOLO2424121217571710+47
ANZOLA BASKET2424121217921789+3
JOLLY REGGIO EMILIA2424121217311763-32
HAPPY BASKET CASTELMAGGIORE2024101416341661-27
BASKETREGGIO162581716711793-122
BENEDETTO 1964 CENTO162581716701837-167
ICARE CAVRIAGO142471716151766-151
NUBILARIA NOVELLARA82442013491688-339

GIRONE B

ARTUSIANA BK – PALL CASTEL S.P.T. 2010 75 – 74

(13-19; 26-31; 50-48)

Forlimpopoli: Gorini 6, Giannessi ne, Valgimigli 6, Perrone ne, Nucci 15, Cristofani 8, Piazza 4, Buda, Lanzoni 2, Vadi 7, Agatensi 4, Colombo 23. All. Casadei.

Castel San Pietro: Sandrini ne, Greco 2, Zuffa 9, Piani Gentile 11, Pedini 19, Pasini 4, Zaniboni 8, Omorodion 6, Mondanelli 9, Tantini, Tabellini 4, Cisbani 2. All. Morigi.

VILLANOVA BASKET TIGERS – CESTISTICA ARGENTA 71 – 79

(19-10; 28-33; 53-50)

Villa Verucchio: Zannoni 17, Raffaelli 14, Buo 11, Bomba 8, Polverelli 8, Zanotti 7, Bollini 4, Mussoni 2, Ceccarelli, Guiducci T. All. Amadori.

Argenta: Federici 15, Farina 9, Alassio 9, Magnani 8, Alberti 8, Manias 8, Cortesi 8, Tumiati 4, Cattani 4, Montaguti 2, Boggian 2, Reggiani 2. All. Ortasi.

BASKET CLUB RUSSI – CREI 50 – 70

(19-14; 25-32; 38-52)

Russi: Kertusha 3, Cervellera, Scaccabarozzi 2, Catenelli 3, Basaglia 3, Bergantini 6, Bamba, Bassi, Totaro 16, Morigi 13, Licchetta 4, Vistoli. All. Senni.

Granarolo: Salicini 2, Tolomelli 16, Paoloni 14, Drago 5, Salvardi 7, Poggi ne, Tugnoli 10, Brotza 7, Magi 4, Polo 5. All. Millina.

BNBA ROUTE64 – GRIFO BASKET 1996 79 – 83

(27-17; 47-35; 67-54)

Baricella: Misciali 3, Minozzi G. 9, Tugnoli 8, Frazzoni 10, Sitta 8, Pedrielli 9, Fiore 10, Poli 11, Martinelli 4, Giordani 7, Tanchella, Donati ne. All. Minozzi M.

Grifo Imola: Barbieri 2, Schillani 10, Piazza 4, Sassi 1, Bedeschi ne, Franchi ne, Laghi 10, Barbisan 8, Carbone 12, Conti 4, Pirazzini 10, Signorini 22. All. Tampieri.

RAGGISOLARIS ACADEMY – PALLACANESTRO BUDRIO 89 – 80

(24-10; 43-33; 69-48)

Faenza: Rosetti, Marabini 7, Naccari 19, Garavini 17, Caramella, Ravaioli 8, Ballarin 10, Ndiaye 3, Bendandi 15, Santandrea 3, Merendi 7, Belmonte. All. Pio.

Budrio: Simoni, Mencherini 22, Pirazzoli 8, Fornasari 17, Betti 7, Zuccheri 1, Quaiotto 11, Cesario 3, Turrini, Longhi 7, Tinti 4. All. Bovi.

La Raggisolaris Academy batte la capolista. I faentini giocano una partita ai limiti della perfezione e hanno la meglio su Budrio, che aveva perso soltanto quattro volte prima di questo incontro. Una grande vittoria del collettivo che ha visto l’Academy condurre sempre i giochi e tirare con alte percentuali, come dimostrano le 14 triple realizzate.

L’Academy parte subito forte e dopo il primo quarto conduce 24-10, punteggio che evidenzia l’ottima vena offensiva, ma anche la grande difesa. Un vantaggio che viene mantenuto anche nella seconda frazione e che consente ai faentini di arrivare all’intervallo avanti 43-33. Poi i tiratori dell’Academy iniziano a scaldare le mani e l’attacco diventa micidiale. I 26 punti messi a referto in dieci minuti, permettono così di aumentare il gap fino al 69-48 di fine terzo periodo. Faenza è poi brava a non abbassare mai la concentrazione e a mantenere la lucidità quando Budrio prova a rifarsi sotto, aggiudicandosi il match 89-80.

INTERNATIONAL BASKET – CESENA BASKET 2005 76 – 66

(13-21; 25-36; 51-49)

International Imola: Roli 13, Sinatra 14, Marcacci 6, Poloni 8, Troisi 4, Di Antonio, Poli 5, Spagnoli, Ricci Lucchi 16, Basciani, Fini 2, Baldassarri 8. All. Serio.

Cesena: Ugolini, Rossi 22, Piazza 19, Panzavolta 3, Ricci, Pezzi O. 11, Orioli, Pezzi I., Capucci 2, Balestri 9, Sangiorgi. All. Vandelli.

Una sfuriata da 35 punti, segnati in nemmeno 12′ all’inizio del secondo tempo, vale la vittoria in rimonta dell’International contro Cesena. I biancorossi si impongono 76-66 e ottengono il quinto successo consecutivo.

I ragazzi di coach Serio mostrano il meglio e il peggio del proprio repertorio nell’arco dei 40′ di gioco. Si inizia con un primo tempo completamente sottotono, dove l’energia latita: la difesa è sempre in ritardo, le palle vaganti e i rimbalzi offensivi vengono conquistati dagli avversari, mentre un attacco poco dinamico e con circolazione di palla praticamente assente produce 25 punti in 20′, con percentuali di tiro bassissime. Cesena ne approfitta, ha più verve e maggiore precisione al tiro, scappando sul 30-17 a metà del secondo quarto e poi chiudendo avanti all’intervallo sul 36-25. Dopo la pausa, l’Easy Car torna in campo più frizzante e le mani si scaldano (9 triple nel solo secondo tempo): una difesa finalmente solida e attenta a rimbalzo, consente di giocare azioni offensive con meno pressione, la fiducia aumenta e si inizia a segnare a ripetizione. A 8’35” dal termine la situazione è completamente ribaltata, con Ricci Lucchi e compagni avanti 60-49 col vento in poppa, forti di un parzialone da 35-13. Quattro minuti più tardi, i biancorossi beneficiano di una lunga serie di tiri liberi, a causa di tecnici ed espulsioni per proteste rimediati dagli ospiti. La situazione è favorevole per tentare di ribaltare il -13 dell’andata, ma Cesena si compatta e trova alcuni canestri per accorciare, mentre l’International pasticcia un po’ in attacco e chiude alla sirena finale sul +10.

DESPAR – LUSA 92 – 85 dts

(16-24; 33-39; 57-58; 76-76)

4 Torri Ferrara: Bianchi 15, Caselli 9, Leprotti ne, Beccari 17, Gavagna 3, Bertocco 20, Ciaroni 2, Cristoni, Bonfà ne, Verrigni 10, Ghirelli L. 12, Salih 4. All. Villani.

MassaLombarda: Spinosa 12, Alessandrini 15, Dalla Malva 2, Orlando, Delvecchio 26, Rivola 6, Fabiani 20, Bacocco 2, Filippini ne, Errani 2, Berardi. All. Solaroli.

È servita una grandissima prova di carattere alla 4 Torri per non interrompere la striscia di vittorie. Alla fine, è arrivato il dodicesimo successo consecutivo per i granata, al termine di una gara sempre a inseguire il Lusa Basket, autore di una prestazione maiuscola al Pala 4T: ma non è bastata contro capitan Bertocco, che tra ultimo quarto e supplementare segna 20 pesantissimi punti che affondano gli ospiti.

La Despar non parte male: con il tiro dall’arco è subito 8-4. Ma la difesa scricchiola e non poco: Massa prova la fuga con Alessandrini (10 nel quarto di 15 totali) e lo strappo è ricucito da Beccari, protagonista assoluto con 17 punti e una prova sontuosa, che pareggia a quota 14. Ferrara, però, spreca tanti tiri da sotto canestro e sulla tripla di Delvecchio, gli ospiti scappano, chiudendo il parziale con la bomba sulla sirena di Rivola per il 16-24. Il break continua: la 4 Torri commette tre falli in 30″, il Lusa va a +12. Salih e Verrigni rimettono in carreggiata i padroni di casa che, però, si innervosiscono per i tanti falli sanzionati dalla coppia arbitrale: i massesi ne approfittano per allungare ulteriormente sul 21-34, pur senza gestire il vantaggio. Bianchi (15 punti) e Beccari limitano i danni per i granata, che al riposo sono sotto 33-39. La 4 Torri stringe i denti in difesa, dove sta subendo maggiormente: sul -4, però, è immediato il controbreak romagnolo per il 35-46. La Despar si riavvicina nuovamente e altri due fischi dubbi a sfavore fanno ripiombare i granata nel nervosismo: Ciaroni è espulso e Massa continua a segnare con Fabiani (20) e Delvecchio (26). I ferraresi, sotto 45-56, si aggrappano al solito Beccari per rimanere a galla, quando gli 8 punti fulminei di Ghirelli (12) ribaltano completamente il match: è 57-58 alla terzultima sirena. Fabiani va a referto con 7 punti di fila per riallontanare la Despar, che si scontra contro un avversario bravissimo a respingerla ogni volta che si riavvicina. Inizia qui lo show personale di capitan Bertocco: due triple a segno ed è 74-75, vanificando il canestro dall’arco di Delvecchio. Il Pala 4T è una bolgia. Fabiani dalla lunetta fa 1/2, Bertocco 2/2: è 76-76, finalmente la Despar agguanta il pareggio dopo un lunghissimo inseguimento. Sulla sirena, Spinosa (12) fa tremare il palazzetto sfiorando un canestro rocambolesco dalla propria metà campo: è overtime. I granata hanno adesso l’inerzia dalla loro e soprattutto un Bertocco inarrestabile: altre due triple del capitano, di cui una allo scadere dell’azione, e due difese di Beccari e di Salih, ineccepibile su Fabiani, indirizzano il match verso Ferrara. Massa rimane senza benzina e purtroppo vede uscire molto dolorante Delvecchio, tra i migliori in campo, che si fa male cadendo dopo un contatto con Beccari. Ma non c’è più storia: Bianchi sigla il +10, e si attende solamente la sirena di fine partita. La Despar vince 92-85 e agguanta così Budrio al secondo posto in classifica.

GAETANO SCIREA BK – OMEGA BASKET 72 – 60

(21-10; 41-34; 59-54)

Bertinoro: Poggi 12, Sovera 5, Bessan 8, Angeletti 10, Torelli 18, Maltoni 7, Spagnoli 5, Poni 5, Giuliani, Corzani 2, Adamo ne, Bellini ne. All. Solfrizzi.

Omega: Negroni 10, Vandi 18, Prati, Vacchi, Ceccolini 4, Ferrulli, Villa 9, Saccà 12, Martelli, Vicinanza, Ballardini 7. All. Berselli.

RECUPERO

GRIFO BASKET 1996 – CREI 63 – 69

(10-19; 17-34; 40-43)

Grifo Imola: Barbieri 1, Sassi 3, Schillani 13, Piazza 2, Bedeschi, Pietrantonio, Zaccherini, Barbisan, Carbone 20, Conti, Pirazzini 3, Signorini 21. All. Tampieri.

Granarolo: Salcini 6, Tolomelli 19, Paoloni, Drago, Salvardi 11, Bertacchini, Tugnoli 5, Brotza 16, Magi 6, Polo 6. All. Millina.

CLASSIFICA

CESTISTICA ARGENTA402320317061424+282
4 TORRI FERRARA382519618741650+224
PALL. BUDRIO382419518101595+215
GRANAROLO BASKET342517817771632+145
TIGERS VILLA VERUCCHIO3025151019501893+57
LUSA MASSALOMBARDA2624131118201747+73
RICCIONE2623131018211803+18
BNBA BARICELLA2625131216701654+16
ARTUSIANA FORLIMPOPOLI2425121317661702+64
INTERNATIONAL IMOLA2225111416811791-110
CESENA BASKET2024101417301820-90
G. SCIREA BERTINORO2024101416121716-104
CASTEL SAN PIETRO 2010182491517201815-95
RAGGISOLARIS ACADEMY182491517021833-131
OMEGA CASTENASO122561917621906-144
GRIFO IMOLA122561917461932-186
BASKET CLUB RUSSI102451914601694-234

DR2, l’Atletico espugna Formigine, in alto stat Navile…

DIVISIONE REGIONALE 2

22° Giornata

GIRONE A

CUS PARMA – PARMACANESTRO 61 – 50

S. ILARIO BASKETVOLLEY – ABS UNIPOLSAI PARMA 94 – 103 dts

DUCALE MAGIK PARMA – PALL. FIORENZUOLA 1972 43 – 76

CASTELLANA BASKET – LA 3B SORBOLO 62 – 70

PLANET BASKET PARMA – GUNA OGLIO PO 74 – 55

ARTARREDO – R&T ASSICURAZIONI 64 – 73

(13-11; 28-35; 48-48)

Borgo Val di Taro: Dimonte 6, Angella 6, Bernardi ne, Ruggeri, Giraud 11, Foschi 5, Marchini ne, Del Grosso ne, Beccarelli 2, Bosi ne, Bryson 16, Giani 18. All. Picelli.

Piacenza: Fermi 2, Righi, Stecconi 2, Massari 17, Rigoni M. 16, Coppetta 4, Arena 6, Rigoni F., Perego 12, Villa 4, Pirolo 2, Fumi 8. All. Bertozzi.

Vince la capolista al Palaraschi, ma solo dopo una gara tirata fino a due minuti dalla fine. Ottima prova di squadra da parte dei ragazzi di coach Picelli che già, dall’avvio, fanno capire a Piacenza che se la dovrà sudare. Ottimo inizio di Foschi e Giani che la difesa ospite non riesce a controllare, mentre impressiona sia il quintetto messo in campo da coach Bertozzi che la panchina a sua disposizione: 13 a 11 allo scadere dei primi dieci minuti. Nonostante un piccolo sbandamento nella seconda frazione, l’Artarredo gioca di squadra, i ragazzi si cercano per arrivare a buoni tiri e questo è gradito dal solito numeroso pubblico sugli spalti. Si va al riposo con Piacenza avanti 35 a 28. Bello il ritorno in campo, grinta e voglia di lottare non mancano ai Diavoli Rossi: Angella, Giani, Bryson e Giraud le infilano da tutte le parti, Piacenza sbanda per un attimo e il quarto termina in parità a 48. Ultima frazione, i ragazzi di Picelli, con uno scatenato Bryson e due bombe di Dimonte, vanno in vantaggio di sei punti, ma Massari e Perego prendono per mano la loro squadra e ricuciono il divario e sul finale allungano sulla ricerca del fallo sistematico dell’Artarredo. Al 40′, vince Piacenza per 73-64.   

RECUPERO

GUNA OGLIO PO – S. ILARIO BASKETVOLLEY 77 – 73

CLASSIFICA

Piacenza B.C. 36; Fiorenzuola 32; Fulgorati Fidenza 30; Parma Basket Project 26; Pall. Parma, Cus Parma 22; Sorbolo, Planet Parma* 20; Valtarese* 18; S. Ilario d’Enza 14; Ducale Parma 10; Castellana Castelsangiovanni 8; Oglio Po 4.

GIRONE B

AQUILA – GELSO 70 – 60

(15-21; 38-33; 47-50)

Luzzara: Magnanini 17, Gandellini, Vezzani 8, Capuozzo 3, Pellegrini 9, Corradini 3, Bertolini 10, Pasini 4, Sereni 1, Carpi 15, Foderà ne, Terzi ne. All. Iori.

Gelso Reggio: Marcacci 5, Benevelli 20, Caleffi 6, Costanzo 9, Cattelani 3, Pedrazzi 2, Bartoli 10, Bottazzi 3, Belletti 2, Vaiani, Gobbo ne. All. Acosta.

HERON BASKET – BERRUTIPLASTICS 53 – 64

(18-15; 32-27; 42-43)

Bagnolo: Bianchini, Soncini 2, Martinelli 3, Grisendi 9, Pezzi 6, Bertani 8, Camellini, Mariani Cerati 9, Sgarbi 3, Marani 11, Chezzi 2. All. Bartoli.

La Torre Reggio: Lusetti, Davoli 16, Frilli 10, Mazzi G., Magliani 14, Gatti 6, Iotti 2, Pezzarossa 2, Mazzi F. 8, Guidetti 4, Volpicelli 2, Trivelloni. All. Violi.

La Torre si riprende dal ko contro il Campagnola e si impone sul non facile campo di Bagnolo. La svolta nella seconda parte dell’ultimo quarto, sul 51-46 del 35’ a favore dei padroni di casa, che eccedono nelle proteste per una fischiata dubbia, collezionando tecnici ed espulsioni. Dalla lunetta, soprattutto Frilli, li fa fruttare, contribuendo al parziale di 18-2 che porta al successo grigiorosso per 53-64.

GAZZE – SAMPOLESE BASKET 56 – 72

(20-15; 31-31; 33-50)

Canossa: Manghi 4, Benvenuti 16, Cantergiani 13, Menechini 6, Pezzi 6, Nasi 2, Giaroli 3, Guatteri, Bussei 2, Maioli 4, Martelli ne. All. Vacondio.

San Polo d’Enza: Gervex 6, Micucci 11, Simonazzi 6, Davoli, Fontanesi 21, Bigliardi 2, Violi 4, Tondo 2, Margini 12, Campani, Alfano 6, Hasa 2. All. Beltrami.

POLISPORTIVA BIBBIANESE – L.G. COMPETITION 91 – 67

(19-18; 48-40; 67-47)

Bibbiano: Cornali 2, Imperatori 16, Borghi 4, Carrara 12, Romualdi 15, Giroldi 10, Grisendi 13, Pisi 9, Tonti 2, Bartoli 5, Bertolini 3, Incerti. All. Biagini.

Castelnovo Monti: Ferri G. 2, Bucci 2, Bertucci 11, Vozza 6, Ferri 7, Borghi T., Bergianti 8, Borghi L. 6, Marazzi 2, Vezzosi 8, Mallon 11. All. De Simone.

SATURNO GUASTALLA – GO BASKET 2018 81 – 53

(24-20; 44-28; 56-42)

Guastalla: Colla 22, Ponzi 12, Cani 10, Scacchetti 1, Baracchi 2, Arisi 2, Martelli 5, Folloni, Parmiggiani, Freddi 27, Big ne, Maione ne. All. Ferrari.

Albinea: Garuti 6, Damiani 5, Modena 4, Petri 12, Fiori 2, Passiatore 2, Pastorelli 11, Bigi, Ardolino 6, Campani 2, Ferretti F. 3. All. Brevini.

PALL. CORREGGIO – ARBOR BASKET 97 – 72

Correggio: De Lucia 2, Manicardi 8, Bartoli 4, Montanari 6, De Toni 11, Spallanzani 17, Baracchi 10, Guardasoni 16, Serli 10, Butkevicius 8, Scaravelli 5. All. Montanari.

Arbor Reggio: Germini, Gaddi, Superchi 6, Francavilla 9, Riitano 10, Rustichelli 10, Guidarini 20, Artoni 2, Stellati 2, Berzieri 4, Fiore 4, Pellegrini 5. All. Bartolini.

RADIO BRUNO – AQUILE PALL. 81 – 64

(19-21; 38-37; 62-49)

Campagnola: Sanfelici ne, Gasparini ne, Folloni A., Folloni M. 1, Campedelli 7, Bellesia 11, Ligabue 20, Bacigalupi, Catellani 10, Pietri 18, Tulumello 9, Bellotti 5. All. Notari.

Gualtieri: Lamponi 3, Brugnano, Belletti 6, Gampena 3, Simonazzi 12, Codeluppi, Pellegrini 25, Gandellini 2, Lamura 11, Fassinou 2. All. Baraldi.

Pronostico rispetto anche se Campagnola ha avuto ragione delle Aquile solo nella seconda parte del match.

Alla palla due gli ospiti si fanno trovare particolarmente pronti con Simonazzi e Pellegrini a segnare con regolarità dalla distanza. I padroni di casa si mantengono a poche lunghezze, grazie alle realizzazioni di Ligabue (11 punti per lui nella prima frazione), Bellesia, Campedelli, Mattia Folloni, Pietri e Tulumello, per un primo quarto che si chiude col vantaggio ospite (19-21). Nella seconda frazione, Campagnola riesce a placare la vena realizzativa degli ospiti ed a chiudere al 20’ avanti di una lunghezza, sul 38-37. Alla ripresa, la Radio Bruno aumenta la pressione difensiva, così come le percentuali al tiro, incrementando il divario di dodici lunghezze al 30’. L’ultima frazione prosegue l’inerzia del terzo quarto, con i padroni di casa che chiudono la gara sull’81-64, aggiudicandosi il match

CLASSIFICA

La Torre RE* 36; Gazze Canossa, San Polo d’Enza 34; Aquila Luzzara 32; Saturno Guastalla* 30; Campagnola 26; LG Castelnovo Monti, Heron Bagnolo 22; Correggio 18; Bibbianese 16; Go Basket Albinea, Gelso RE 14; Aquile Gualtieri 8; Arbor RE 0.

GIRONE C

P.G.S. SMILE – ATLETICO BASKET 72 – 80

(20-22; 39-39; 53-58)

Formigine: Leoni 14, Mercanti 5, Ruiu 20, Granata 9, Neri ne, Lerario, Carretti 9, Bardelli 11, Lucchi 4, Minarini. All. Barbieri.

Atletico: Rahmouna 6, Gelsomini L. 24, Zecchin, Gelsomini F. 2, Cuzzani 16, Naldi 2, Selmani, Albanelli 16, Venturi 2, Rosati 12, Baraldi, All. Smerieri.

S. P. SAVIGNANO – CASTELLARANO BASKETBALL 66 – 44

(20-11; 40-30; 48-40)

Sps: Paladini 21, Caltabiano 6, Barbieri 7, Franchi 14, Neri, Baraldini, Trenti 9, Prandini, Rossi, Smerieri 9. All. Di Berardo.

Castellarano: Rivi 23, Gambarelli 2, Ruggi, Ambrosi 4, Lorenzi 4, Golfieri, Buffagni 2, Montanari, Manfredini, Amici 7, Luberto. All. Battolla.

NAZARENO BASKET – SASSO BASKET MO.BA 72 – 82

(18-20; 37-42; 55-62)

Carpi: Ferrari, Merighi 10, Martino ne, Sabattini 11, Severi, Beltrami M. 3, Beltrami P. 4, Bonfiglioli, Spasovski 11, Prampolini 4, Rizzo 12, Termanini 17. All. Capelli.

Sasso: Marra 17, Mengozzi 16, Ayiku 11, Marino 11, Rahova 11, Berni 7, Righi 5, Muzzioli 2, Rainer 2, Tassoni. All. Romano.

PALL. TEAM MEDOLLA – ANTAL PALLAVICINI 76 – 54

(20-14; 36-22; 60-38)

Medolla: Mattioli 13, Tommasino, Moussijd 4, Ziosi, Fricatel 6, Di Curzio 6, Barbieri 13, Manfredini 3, Luppi 10, Petrea, Guagliumi 10, Baccarani 11. All. Duca.

Pallavicini: Santoro 6, Buono 4, Tabellini 12, Caporale, Simoni 10, Malentacchi 8, Zuppiroli 5, Morara M. ne, Guidi 2, Morara A. 5, Ciobanu 2, Ropa S. ne. All. Arbitani.

BASKET FINALE – HORNETS BASKET 71 – 80

(19-22; 41-46; 53-65)

Finale Emilia: Massimo, Vallesani 6, Veronesi 5, Fantoni, Fregni 11, Golinelli S., Fortini 20, Degli Esposti, Tartari 6, Barbieri 2, Golinelli M. 21. All. Bregoli.

Hornets: Canovi 11, Guerrato 8, Mazzola 10, Maldini 20, Orlando 9, Lazzari 8, Gheliuc 3, Cuozzo 11. All. Sala.

PALL. SASSUOLO – UNIONE SPORTIVA ZOLA PREDOSA 47 – 78

MASSACRAMENTO KINGS – MCDONALD’S 62 – 66

RECUPERO

PALL. TEAM MEDOLLA – ATLETICO BASKET 75 – 74

(22-12; 36-34; 58-53)

Atletico: Rahmouna 4, Piazzi, Gelsomini L. 15, Gelsomini F. 22, Cuzzani 11, Naldi, Selmani, Albanelli 2, Venturi 8, Rosati 10, Baraldi 2, All. Smerieri.

CLASSIFICA

Pgs Smile Formigine 36; Pallavicini BO, Atletico BO, Medolla 32; Sasso BK Modena, SBS Castelfranco 28; S.P. Savignano, US Zola 26; Hornets BO 24; Castellarano, Massacramento Kings MSP 14; Nazareno Carpi 8; Finale Emilia, Sassuolo 4.

GIRONE D

BONDI – POL. FARO 64 – 60

(19-19; 36-44; 53-57)

Vis Ferrara: De Pisi 6, Bondesani 3, Sadocco 3, Dalpozzo M. 8, Jovanovic 5, Biolcati 6, Frigatti 10, D’Onofrio 2, Fall 16, Del Zozzo 3, Cavallari 2, Bianconi. All. Dalpozzo D.

Argenta: Fumolo 6, Alberti 2, Mambelli 3, Dalpozzo L. 5, Pasetti 6, Bonora, Stabellini 4, Magnani 10, Porcellini 4, Mortara 4, Gregori 2, Malagolini 14. All. Fergnani.

JOLANDINA – PEPERONCINO LIBERTAS BK 60 – 63

(15-6; 20-22; 46-46)

Jolanda di Savoia: Amati 16, Bottoni 16, Benetti 14, Cavazzini 10, Fogli 2, Tralli 2, Bertasi, Boccaccini ne, Pavanello ne. All. Patroncini.

Mascarino: Bardasi 20, Stojkov 10, Cristofori, Vinci 2, Balducci, Tolomelli 5, Giunchedi 5, Nannetti, Solmi 4, Benfenati 8, Secchiaroli 9. All. Brochetto.

GALLIERA LOVERS – VIS TREBBO STEFANO VANINI Rinviata

P.G.S. CORTICELLA – FORTITUDO CREVALCORE 79 – 85 dts

(26-13; 50-35; 59-56; 72-72)

PGS Corticella: Albazzi 17, Omodei 4, Valgimigli 10, Polmonari 1, Tonelli 6, Tolomelli 17, Candini 7, Varignana 2, Bottoni 2, Brighenti, Simoni 13. All. Marcheselli.

Crevalcore: Cremonini 33, Bortolani 13, Gobbi 11, Gravinese 7, Serra 6, Terzi 6, Filippetti 5, Govoni 4, Ceccon, Scagliarini. All. Lelli.

U.P. CALDERARA PALL. – GALLO BASKET 72 – 55

(17-15; 37-25; 58-42)

Calderara: Ageberg Bassi ne, Donati 7, Chiarini ne, Serra 19, Lucarini, Projetto 14, Melillo 9, Zocca, Vignoli 9, Serio 5, Guerra 9, Molinari. All. Cavicchioli.

Gallo: Amal 14, Arisaldi, Gardenale 6, Ramponi N. 3, Ramponi P. 1, Mantovani 2, Dal Fiume, Lomazzi 10, Mandini 3, Caiazza 12, Gozza 1, Magni 3. All. Mennitti.

BASKET VILLAGE GRANAROLO – DIABLOS BASKET 59 – 58 dts

CLASSIFICA

Peperoncino Mascarino* 34; Vis 2008 Ferrara* 32; Gallo Basket 28; Calderara 24; Horizon Vis Trebbo*, Faro Argenta 22; Jolanda di Savoia 18; Fortitudo Crevalcore, Basket Village Granarolo 16; Diablos Sant’Agata Bolognese, Spartans Ferrara 14; Galliera Lovers* 12; PGS Corticella BO 8.

GIRONE E

POL. VIRTUS CASTENASO – S. MAMOLO BASKET 60 – 63

(21-16; 38-34; 47-53)

Castenaso: Piombo, Gualandi 2, Trombetti 8, Tinti 4, Tedeschini 5, Benetti 5, Grilli, Longhi 3, Bedosti 17, Zambelli, Quarantotto 16. All. Pizzi.

San Mamolo: Massara 16, Mandara, Quadri S., Rapagnani 11, Baldi 16, Zanarini M., Brini 3, Quadri A., Madella 2, Webber 7, Pasquali 8, Marinovic. All. Zanarini R.

PGS IMA – NAVILE BASKET 67 – 68

(12-10; 30-20; 49-39)

Pgs Ima: Baldazzi 21, Lugli 13, Torriglia 7, Demetri 6, Sovrani 5, Cocchi 4, Giuliani 3, Baccilieri 3, Lusignani 3, Sanguettoli 2, Lamborghini, Schmitz. All. Salvarezza.

Navile: Rossi 18, Nicolini 17, D’Andola 10, Nanni M. 5, Venturi 4, Annunziata 4, Goracci 4, Miolli 2, Maestripieri 2, Nanni G. 1, Zambonelli 1. All. Rimondi.

Pazzesca vittoria del Navile Basket, che blinda virtualmente il primo posto, dopo una partita giocata all’inseguimento, rischiando più volte non solo la sconfitta, ma anche di perdere il vantaggio nel doppio confronto (+13 all’andata). Sull’orlo del precipizio (-12 a 7′ dalla fine), finalmente è uscito il carattere della squadra, la difesa è salita di colpi, l’attacco ha trovato il timing cercato invano fino a quel momento, poi, proprio sulla sirena, Marco Rossi ha trovato una prodezza da 3 punti, da 8 metri.

Cronaca: in panchina coach Mario Rimondi, il quintetto Navile è composto da Goracci, Nicolini, Marco Rossi, Annunziata e Maestripieri, mentre coach Salvarezza schiera Baldazzi, Lusignani, Lugli, Cocchi e Torriglia. Inizio con molti errori da ambo le parti, una partita seconda contro prima è normale che sia ricca di tensione. Parte forte Cocchi, segnando i primi 4 punti dell’Ima, mentre il Navile trova due canestri da Goracci e uno da Maestripieri, andando avanti 4-6. Un canestro e un libero di Demetri riportano avanti i padroni di casa; poi, praticamente fino al termine del periodo, si va avanti solo a tiri liberi (Nicolini, Matteo Nanni e Zambonelli per il Navile, Sovrani per la PGS Ima), fino alla tripla negli ultimi secondi di Giuliani, che fissa il punteggio sul 12-10 al 10′. Nel secondo periodo, altri due liberi di Sovrani, molto attivo sotto canestro, uno di Jimmy Nanni, poi Baccilieri, con la tripla, lancia la prima mini-fuga per i padroni di casa: 17-11 e timeout Navile. I biancorossi sembrano timorosi, impacciati, sempre un passo indietro rispetto agli avversari. Rossi, con la tripla, dimezza lo svantaggio, 17-14, ma il bonus raggiunto troppo presto dal Navile, permette alla PGS Ima di andare spesso in lunetta, capitalizzando con Lugli, Baldazzi e Lusignani. Pian piano il vantaggio interno aumenta, per il Navile i canestri di Nicolini, Annunziata e Rossi sono ottenuti da prodezze individuali, più che da una convincente coralità. Dall’altra parte, segnano Lusignani, Torriglia e Sanguettoli, per il 30-20 PGS Ima all’intervallo di metà partita. Torriglia apre le segnature nel terzo quarto, al quale replica Miolli con un bellissimo 1vs1. Nicolini trova 4 punti consecutivi, ma dall’altra parte, Baldazzi mette una tripla pesantissima (saranno 3 quelle messe a segno dal talentuoso playmaker classe 1999, per 11 punti totali nel quarto) e i padroni di casa sembrano volare via. Con le unghie e con i denti, con l’attacco finalmente più produttivo, il Navile rimane attaccato alla partita, pur perdendo il proprio centro titolare Maestripieri per una distorsione alla caviglia. Sono due triple consecutive di Rossi a rispondere a Baldazzi e Lugli, poi Nicolini, Annunziata e Venturi mantengono il Navile sempre tra i 9 e 10 punti di svantaggio. Al termine di un bel terzo periodo, chiuso 19-19, il vantaggio della PGS Ima è immutato, 49-39. Ultimo quarto che inizia con il canestro di Torriglia e un’altra tripla di Baldazzi, ai quali rispondono Matteo Nanni con un libero e un 2/2 di Antonio D’Andola, schierato da Coach Rimondi per utilizzare la sua esperienza e la sua classe. Al 33′ il punteggio è quindi 54-42, sembra che il leit motiv degli ultimi minuti sia il doppio confronto, invece accade l’inaspettato. Matteo Nanni trova uno splendido jumper dalla media, D’Andola 3 liberi, Venturi un 2/2 a rispondere a Baldazzi, Nicolini 6 punti di fila. Pian piano il Navile si rifà sotto, un punto alla volta, ma sembra venire respinto da un canestro di Demetri e uno di Lugli, che valgono il 60-55 per la PGS Ima. Quando Baldazzi trova la quinta tripla della sua partita, che vale il 63-55 e la gioia sfrenata di Coach Salvarezza (che gli dedica il gesto del pistolero), la gara sembra in ghiaccio per i padroni di casa. D’Andola invece replica con la tripla di tabellone, 63-58, Demetri segna un libero, ancora D’Andola si fa valere sotto canestro, 64-60. Adesso il Navile ci crede, la difesa sale clamorosamente di colpi e Rossi segna in contropiede, 64-62. Lugli si procura un fallo, segna solo un libero, dall’altra parte ancora Rossi non sbaglia, facendo 2/2 e portando il Navile a -1, 65-64, quando si entra nell’ultimo minuto di gioco. Altra grande difesa di Nicolini, persa della PGS Ima, la guardia biancorossa in entrata sfiora il gioco da 3 punti, procurandosi 2 liberi a 25″ dal termine. Time out PGS Ima per organizzare l’ultimo attacco, Nicolini segna il primo e sbaglia il secondo, perfetta parità a quota 65 e la palla va nelle mani di Lugli. Da campione vero, il capitano biancoverde segna un canestro notevolissimo a 12″ dalla fine, da 2 punti perché aveva i piedi che pestavano la linea del tiro da 3 punti. A questo punto, sul 67-65, Coach Rimondi chiama l’ultimo timeout per il Navile. Tutti i presenti probabilmente sapevano che si sarebbe andati da Rossi ed in effetti è così, l’esterno biancorosso riceve un consegnato a -8″, la palla gli viene leggermente sporcata, non arriva il blocco, il tempo scorre inesorabile ed è lontano, lontanissimo da canestro, così non può fare altro che alzarsi da oltre 8 metri con l’uomo addosso; la sirena suona e la palla entra nel canestro. Gioia irrefrenabile per tutti i componenti del Navile, canestro insensato da parte di Rossi, che vale tanto, tantissimo, molto probabilmente il primo posto al termine della stagione regolare.

CSI SASSO MARCONI – ARTBO BY PALL. PIANORO 88 – 93

(26-39; 40-59; 69-70)

Csi Sasso: Valentino 1, Ramazzotti, Galli, Kalchev 4, Dal Pian 2, Berti 7, Pollini 10, Tinelli 23, Monciatti 32, Siroli 9, Benassi. All. Fiore,

Pianoro: Vittuari 10, Lionetti 9, Bonazzi 6, Nicoletti 13, Urzino 6, Maestri 6, Lombardo 11, Vinerba 4, Vaccari 18, Ceccardi 10, Nicosia ne. All. Munzio.

SCUOLA BASKET OZZANO – ELLEPPI 1976 70 – 67

(19-15; 35-28; 55-54)

Ozzano: Buresti 24, Landi L. 12, Giovi 10, Zerbini 8, Pagani 6, Landi M. 4, Sarti 3, Crivellari 3, Margelli, Passatempi, Laforgia, Cesanelli. All. Bandini.

Elleppi: Fava 2, Masetti, Albonetti 1, Loro 8, Raffaelli 15, De Luca, Dondi ne, Palmonari 12, Venturi 4, Veronesi 5, Stanghellini 10, Meneghetti 10. All. Annunziata.

CENTRO MB ARCOVEGGIO – TATANKA BALONCESTO 77 – 55

(23-12; 39-23; 58-41)

CMA: Colombaro 13, Barone 12, Youbi 11, Iannacone 8, Siboni 7, Balducci 7, Stigno 7, Campeggi 6, Cassani 5, Marchi 1, Venturi. All. Orefice.

Tatanka Imola: Dall’Osso P. 23, Fusella 9, La Ferla 7, Castagnetti 5, Selva 4, Mascagna 3, Mavaresi 2, Dall’Osso G. 2. All. Creti.

POL. SAN MAMOLO 2000 – PGS BELLARIA 65 – 75

(9-22; 31-38; 42-66)

Pgs Bellaria: Beccari 6, Gianfagna, Ottani 7, Scarenzi 4, Capancioni 4, Aleotti, Marega 17, Pierini 18, Neviani 4, Mazzacurati, Nobis 15. All. Bertuzzi.

MEDICINA BASKET 2007 – 40068 PIZZA&MORE 54 – 99

CLASSIFICA

Navile BO* 36; PGS Ima BO 32; In Fieri San Lazzaro 30; PGS Bellaria BO 26; Castenaso, Elleppi BO, CMA BO, S.B. Ozzano 24; Medicina 2007, San Mamolo BO 20; Pianoro* 18; San Mamolo 2000 BO 14; Tatanka Imola 8; CSI Sasso Marconi 6.

GIRONE F

MORCIANO EAGLES – LIONS ACADEMY BSK 74 – 78

(18-24; 38-41; 59-65)

Morciano: Bacchini 15, Casadei 9, Guastafierro 21, Casadei Massari 8, Zavatta 2, Ortenzi 9, Buscherini, Serafini, Tagliaferri 8, D’Aurizio 2. All. Villa.

Coriano: Bryan 25, Bigini 22, Palazzi 14, Vettori 7, Balducci 6, Salvadori 4, Andreani, Agrat, Fabbretti Mazza. All. Dauti.

TIBERIUS BASKET – POL. STELLA 95 – 72

(26-19; 52-40; 75-56)

Tiberius Rimini: Ambrassa 14, Lonfernini 13, Tomasi 12, Fabbri 12, Serpieri 12, Antolini 11, Nuvoli 10, Morri 5, Magnani 3, Pini 3, Tamburini. All. Piva.

Stella Rimini: Cortini 24, Baschetti 18, Chistè M. 9, Nori 7, Adduocchio 5, Coralli 3, Caverzan 2, Filippi 2, Varale Rolla 2, Bianconi, Bello, Pulvirenti. All. Chistè C.

TIGERS BASKET 2014 – BELLARIA BASKET 56 – 64

(6-19; 24-36; 37-51)

Tigers Forlì: Evangelisti 9, Naldi 7, Ruffilli 5, T. Guaglione, Paganelli, G. Guaglione 4, Ragazzi 6, J. Brunetti 5, N. Brunetti 6, Petrini 3, Mariani 11. All. Valgimigli.

Bellaria: Paoletti 13, Bussi 16, Raschi 9, Gaggi 6, Foiera 11, Donati 2, Mazzotti 7, Squadroni, Ricciotti, Giorgetti, Colella. All. Porcarelli.

FAENZA BASKET PROJECT – LIBERTAS GREEN BK 52 – 56

(12-14; 23-24; 44-39)

FBP: Pezzi 5, Capucci 9, Bottau, Gentili 2, Mondini 8, Anghlieanu 2, Albonetti 2, Melandri 8, Marziali, Santo 16, Draben. All. Saragoni.

Libertas Green Forlì: Gasperini, Servadei 11, Adamo 11, Visani, Barzanti 6, Ghetti, Coralli 8, Bacchilega 10, Prandini, Sansoni 2, Gigliotti 3, Preda 5. All. Grilli.

AICS JUNIOR BASKET – SUNRISE BASKET RIMINI 64 – 48

(13-13; 31-22; 52-36)

Aics Forlì: Pinza 12, Ricci 10, Zammarchi 9, Spisni 9, Rossi 8, Biondi 4, Scozzoli 4, Squarcia 4, Gasperini 2, Gori 2, Poli. All. Lazzarini.

Sunrise Rimini: Quartulli 4, Lumini, Zonzini 2, Amadori 5, Acaci, Forcellini, Campidelli 5, Monti 11, Bernabini 11, Bronzetti 5, Sansone 1, Carigi 4. All. Gentili.

SPORTING CLUB CATTOLICA – FAENZA FUTURA 71 – 64

CLASSIFICA

Aics Forlì 38; SG Tiberius Rimini 34; Tigers Forlì, Bellaria 30; Faenza Futura 24; Lions Academy Coriano 22; Sunrise Rimini 20; Compagnia Ravenna, S.C. Cattolica 18; Eagles Morciano 12; Libertas Green Forlì 10; Stella Rimini 6; Faenza Basket Project 2.

B Interregionale, Fulgor, Olimpia e BB2016, fattore campo rispettato

B INTERREGIONALE

3° Giornata

Play in Gold

FOPPIANI FSL SHIP. & LOG. – MI.GA.L. GARDONE 82 – 68

(23-17; 51-39; 66-61)

Fidenza: Galli 18, Miaschi, Cortese, Restelli, Ramponi 15, Scattolin 4, Valdo 19, Bellini 17, Ranieri, Pezzani, Doumbia, Markovic 9. All. Bizzozi.

Gardone: Morigi, Markus 12, Davico 12, Poli, Dalcò 8, Grasso, Motta 15, Olivieri 7, Basso 5, Osahenokheke 3, Airgahi 6. All. Perucchetti.

CALORFLEX ODERZO – MAZZOLENI TEAM PIZZIGHETTONE 53 – 71

SANGIORGESE BASKET – HORM ITALIA PORDENONE 78 – 54

BERGAMO BK 2014 – FERRARA BASKET 2018 99 – 79

(30-28; 58-49; 84-63)

BB2014: Simoncelli 15, Isaia 2, Sackey 15, Bedini 14, Clementi 10, Obiekwe 10, Gallizzi 14, Gianoli 9, Manto 1, Neri 9. All. Grazzini.

Ferrara 2018: Bellini ne, Romondia 8, Cattani 2, Drigo 12, Kuvekalovic 14, Sankarè 2, Porfilio 5, Guerra 3, Cecchetti 13, Ballabio 9, Jovanovic ne, Marchini 11. All. Benedetto.

CLASSIFICA

Sangiorgese 14; Bergamo, Fulgor Fidenza 12; Pordenone, Ferrara 2018, Gardonese, Pizzighettone 8; Oderzo 2.

Play in Gold

ORONA PLATINA PIADENA – ATV SAN BONIFACIO 95 – 91

IMPRESA TEDESCHI – MONTELVINI MONTEBELLUNA 86 – 53

BOLOGNA BASKET 2016 – UNICA BERGAMO 90 – 64

(22-23; 48-33; 67-50)

Bologna Basket 2016: Tinsley 17, Reinaudi 18, Gamberini 5, Bianchini, Graziani 14, Ranieri 5, Azzano 5, Guerri 6, Lusvarghi 16, Zedda 4. All. Lunghini.

Bergamo: Morelli 10, Gandoy 15, Cane 12, Bogunovic 11, Rota 5, Nespoli 3, Leoni 2, Carparelli 6, Renella, Picarelli, De Martin. All. Albanesi.

Con una partita vicina alla perfezione, il Bologna Basket 2016 batte nettamente la capolista BluOrobica e approfittando della contemporanea sconfitta di Montebelluna, completa l’opera di aggancio alla testa della classifica (a pari merito con altre tre squadre). Il match è stato in equilibrio solo nel primo quarto, poi i ragazzi di Lunghini hanno inserito le marce alte e sono scappati via, demolendo la resistenza avversaria con una difesa coriacea e determinata e con un attacco brillante ed efficace. I rossoblu hanno giocato con grande energia e reattività un match corale, dividendosi punti e responsabilità e facendo girare la palla con cognizione di causa. Un basket divertente e veloce, a cui i bergamaschi non hanno saputo trovare contromisure.

La cronaca. Parte bene Bergamo (5-0), ma il BB2016 reagisce subito e pareggia la situazione, poi le due squadre si avvicendano al comando e concludono il quarto in parità. Nella seconda frazione l’alternanza tra zona 2-3 e uomo confonde le idee agli ospiti: Tinsley e Graziani si mettono al lavoro e pian piano, i padroni di casa si staccano, prima di 5 e poi di 10 punti, fino ad arrivare al +15 prima della pausa, propiziato dai liberi e da una bomba di Guerri. Al rientro dall’intervallo ci si aspetta una reazione degli orobici, ma sono ancora i bolognesi a incrementare il vantaggio, con due bombe di Reinaudi e due cesti di Lusvarghi. Graziani fa un gioco da 3, Gamberini segna 5 punti e il BB2016 vola a +17. Nell’ultimo quarto, i rossoblu si mantengono caldissimi e non si fermano: con Tinsley e Graziani ‘on fire’, il divario si allarga e arriva al suo massimo – +26 – al termine della gara.

VIFERMECA – PONTONI 79 – 74

(19-21; 36-37; 60-57)

Castel San Pietro: Masrè, Costantini 10, Castellari ne, Ferdeghini, Grotti 5, Gianninoni 3, Dieng 17, Adeola 14, Galletti 8, Torri ne, Zhytaryuk 22. All. Giordani.

Monfalcone: Maiola 2, Soncin, Natali ne, Rezzano 14, Antonutti 34, Tossut 10, Gattolini ne, Romanin 3, Skerbec 7, Barel 2, Segatto 2. All. Fazzi.

Che vittoria per l’Olimpia Castello! Alla sirena finale festeggia il pubblico di casa per il 79-74 ai danni di un Monfalcone coriaceo e mai domo, fino all’ultimo secondo. Prestazione fisica dei ragazzi di coach Giordani che riescono a mantenere i nervi saldi nei momenti decisivi in un match che prosegue punto a punto dalla palla a due fino agli ultimi sgoccioli dell’ultimo quarto. Protagonisti del match certamente capitan Zhytaryuk che realizza 22 punti, 12 dei quali nel secondo tempo, ma anche Masrè e Gianninoni che trascinano la squadra (in momenti diversi) pur senza realizzare punti pesanti, ma con grande lucidità. Adeola e Dieng punzecchiano il canestro realizzando rispettivamente 3 e 2 triple, con Costantini che piazza le altre due triple della serata nerazzurra.

Padroni di casa avanti 5-0 dopo la tripla in apertura di Adeola e al primo piazzato del capitano; gli ospiti si portano in vantaggio sul 9-8 coi cesti di Antonutti (primi 6 punti degli ospiti) e la tripla di Tossut. Dieng firma il 14-11, ma ospiti nuovamente con la testa avanti negli istanti finali del quarto (21-19 con il decimo punto di Antonutti) e l’appoggio di Rezzano. Nel secondo quarto, Galletti e Grotti sporcano il referto, come, dall’altra parte, Skerbec e Romanin. E’ però Antonutti a piazzare il 25-21 e Skerbec il 29-23 per il massimo vantaggio goriziano. Pazientemente i locali incalzano gli ospiti ed impattano sul 34-34 con Dieng e la seconda tripla di Adeola. All’intervallo ci si ferma sul 36-37,con il coast to coast d’altri tempi di Romanin, che appoggia alla tabella a fil di sirena. In apertura di ripresa Dieng piazza la tripla che fa tremare la difesa avversaria, quindi a metà frazione l’Olimpia guadagna un piccolo vantaggio che sarà decisivo nel finale di gara: sul 53-48, c’è la seconda tripla di Dieng e ci sono i due cesti di Galletti che emerge sul pitturato. Ma Monfalcone è tutt’altro che fuori gara: a 1’30” dalla sirena impatta a quota 54 con i due liberi di Skerbec, con Antonutti che, nel frattempo, ha già raggiunto quota 21 punti personali (23 alla sirena). Il quarto si chiude con il cesto da vero “rapace” d’area di Galletti, che entusiasma i tifosi locali a fil di sirena (60-57). Sono decisivi gli ultimi 10’, aperti dalle pazzesche triple di Costantini e Antonutti (63-60). Quindi sale in cattedra il professor “Slava” Zhytaryuk che, dopo una prova poderosa in difesa, piazza le “zampate” decisive in attacco, con i cesti che firmano il +7 (67-60) che risulterà decisivo. Anche se a 3’ esatti dalla sirena il duo Antonutti-Tossut riesce a recuperare fino al 69-68. Caldissime le ultime azioni, condite da qualche errore di troppo, ma davvero molto intense. E’ un contropiede millimetrico lanciato da Gianninoni e concluso da Costantini, a firmare il +3 (71-68) a -2’20”. Glii ultimi cento secondi si aprono con il cesto di Antonutti (ancora incredibilmente non sazio) per il 71-70. Nell’azione successiva Adeola fa danzare la palla sul ferro prima di centrare la retina dalla distanza per il fondamentale +4 (74-70); Antonutti scivola alle spalle di Zhytaryuk ed accorcia, completando il proprio bottino (34 punti personali); a 45” dalla sirena, il coast to coast di Segatto impatta a quota 74. Si entra nel momento più rovente del match: l’Olimpia segna solo a cronometro fermo con Adeola (3 punti) e Zhytaryuk (2), raggiungendo il 79-74 finale. Certo, resta il brivido a -7”, quando Adeola non si libera della palla nella propria metà campo sul pressing asfissiante di due avversari (Tossut e Segatto), rischiando di perdere un possesso determinante: l’arbitro fischia fallo e l’ala è glaciale dalla linea della carità (77-74). Nell’ultima rimessa ospite- Zhytaryuk si immola intercettando la linea di passaggio per poi tuffarsi a metà campo con fallo avversario: sarà il capitano a fissare il 79-74 finale.

CLASSIFICA

Montebelluna, Bluorobica Bergamo, Olimpia Castel San Pietro, Bologna Basket 2016, Sansebasket Cremona 10; San Bonifacio, Piadena 8; Monfalcone 6.

DR1, Audace nuovamente in fuga, Gardens a ruota…

DR 1

25° Giornata

GIRONE A

BASKETREGGIO – ZDUE 71 – 79

(9-20; 31-47; 57-70)

BasketReggio: Bertolini 17, Ferrari 1, Pighini 12, Borghi 2, Castagnetti 3, Generali 2, Zecchetti 8, Riccò 5, Fall 15, Giudici 6. All. Zagni.

Anzola: Torkar, Parmeggiani F. 14, Gherardi Zanantoni 12, Parmeggiani S. 8, Raimondi, Fiorini, Papotti 10, Zanetti 4, Baccilieri 21, Magnolfi 4, Fanti 7. All. Moffa.

STARS BASKET – AUDACE BOMBERS 65 – 81

(20-20; 32-45; 46-60)

Stars: Sandrolini 9, Marani, Musolesi 13, Careddu 19, Cantelli ne, Marino, Benfenati 6, Tugnoli, Ragazzi, Branchini 10, Ruffini 8, Orsini. All. Piccolo.

Audace: Bernardi 2, Piana, Marzioni 3, Gandolfi 23, Mondini 14, Valenti 13, Degli Esposti 5, Buriani 9, Albertazzi 8, Minerva, Parchi 4. All. Rizzi.

BASKET JOLLY – SCUOLA PALL. VIGNOLA 62 – 98

(15-30; 33-56; 47-76)

Jolly Reggio: Marino T. 14 , Piccinini 6, Costoli 4, Manini 10, Moscatelli, Marino M. 5, Azzali ne, Foroni 4, Gabbi 13, Braglia 2, Canovi 4, Bertoni. All. Gibertoni.

Vignola: Torricelli R. 20, Besozzi 14, Bussoli 8, Cavallari, Cappelli 23, Miana 2, Fossali 14, Jerez 2, Torricelli F. 9, Cavazzoli 6. All. Landini.

BK GIARDINI MARGHERITA – VIS BASKET PERSICETO 69 – 66

(22-21; 35-35; 54-49)

Gardens: Argenti 14, Artese 11, Baccarini 2, Bisi, Cattelani 2, Elio, Fabbri 7, Grassi 5, Minghetti 9, Nanni 12, Sifo, Trazzi 7. All. Lanzi.

San Giovanni in Persiceto: Sighinolfi 2, Patrese 17, Benuzzi 4, Palmieri, Francia 4, Ramini 10, Ferrari ne, Barbieri, Ravaldi 1, Mazza 11, Rando 11, Pedretti 6. All. Sacchetti.

BENEDETTO 1964 – PALLACANESTRO REGGIOLO 66 – 85

(16-25; 35-51; 57-70)

Cento: Rayner 16, Draghi 9, Almeoni 8, Govoni 7, Ghidoni 6, Vischi 5, Minelli 4, Sgargi 4, Baraldi 3, Basso 3, Drosi 1. All. Trevisan.

Reggiolo: Gaudenzi 24, Verzellesi 15, Ciavolella 14, Neri 12, Pasini 6, Biello 6, Benatti 5, Galeotti G. 3, Crema, Baldio, Galeotti R. All. Bosi.

BASKET VOLTONE – LAVOROPIU’ POL. G. MASI 93 – 75

(25-18; 49-37; 73-57)

Monte San Pietro: Espa 25, Chillo 19, Bergonzoni 17, Baroncini 10, Brunetti 7, Messina 7, Barbato 4, Giacometti A. 3, Sabino 1, Paro, Ravaldi, Giacometti J. ne. All. Righi.

Casalecchio: Salsini 15, Nicoli 14, Versura Jimenez 10, Barilli 9, Masetti 8, Micco 8, Ballanti 5, Masina 2, Mazzoli 2, Rachelli 2, Anesa, Cassanelli. All. Forni.

HAPPY BASKET ’07 – BK POL. CASTELFRANCO EMILIA 54 – 69

(23-26; 36-40; 44-59)

CastelMaggiore: Riguzzi F. 15, Amoni 11, Tomic 10, Bartoli 5, Savino 4, Stankovic 4, Riguzzi N. 3, Skuletic 2, Veli, Cobianchi, Fabbri. All. Palumbi.

Castelfranco: Dawson 15, Govoni 15, Cempini 13, Tomesani 10, Lanzarini 7, Roncarati 3, Coslovi 3, Del Papa 2, Vannini 1, La Duca, Bianconi, Fraulini. All. Cilfone.

POL. ICARE – NUBILARIA BASKET 78 – 42

(21-20; 41-28; 59-34)

Cavriago: Torreggiani 4, Minardi F. 8, Tagliavini 0, Merola 0, Rubertelli 12, Minardi S. 6, Giaroli 6, Artoni 17, Branchini 23, Curti 0, Passera 0, Pedrini 2. All. Bellezza.

Novellara: Grisendi 5, Margini 2, Accorsi 4, Iannelli, Capiluppi 2, Moscardini 8, Barazzoni, Petrolini 7, Lucchini 2, Pizzetti, Giorgino 6, Gandellini 6. All. Freddi.

CLASSIFICA

AUDACE BOMBERS BOLOGNA342417717611622+139
VIS SAN GIOVANNI IN P.322416818391692+147
GIARDINI MARGHERITA BOLOGNA322316716951558+137
SCUOLA PALL. VIGNOLA302315817841644+140
VOLTONE MONTE S. PIETRO282314916581630+28
VENI SAN PIETRO IN CASALE2623131015761524+52
STARS BOLOGNA2624131116781730-52
CASTELFRANCO EMILIA2423121116631567+96
ANZOLA BASKET2424121217921789+3
MASI CASALECCHIO2424121217661773-7
JOLLY REGGIO EMILIA2423121116691694-25
PALL. REGGIOLO2223111216871644+43
HAPPY BASKET CASTELMAGGIORE2023101315911587+4
BASKETREGGIO162481616051723-118
BENEDETTO 1964 CENTO142371615381688-150
ICARE CAVRIAGO122361715401696-156
NUBILARIA NOVELLARA82241812441525-281

GIRONE B

RAGGISOLARIS ACADEMY – BASKET CLUB RUSSI 60 – 47

(21-12; 34-26; 42-32)

Faenza: Merendi 4, Rosetti, Marabini 3, Naccari 7, Belmonte, Garavini 4, Caramella 2, Ravaioli 11, Ballarin 6, Ndiaye 4, Bendandi 15, Santandrea 4. All. Pio.

Russi: Kertusha 3, Cervellara 4, Scaccabarozzi 2, Catenelli 7, Basaglia 2, Bergantini 12, Bassi, Totaro 10, Morigi, Licchetta, Vistoli 7. All. Senni.

Grande vittoria per la Raggisolaris Academy, aggiudicatasi il derby con Russi. I faentini hanno giocato per quaranta minuti con grande attenzione, conducendo a lungo i giochi e riuscendo nell’unico momento di calo a reagire alla grande. Quando gli ospiti si sono portati sotto 48-45, a 4’40’’ dalla fine, l’Academy ha piazzato un break di 11-2 andando sul 58-47, concedendo due soli punti negli ultimi cinque minuti grazie ad un’ottima difesa.

BNBA ROUTE64 – GAETANO SCIREA BK 76 – 68

(16-21; 36-43; 54-53)

Baricella: Legnani 3, Minozzi G. 5, Tugnoli 12, Frazzon 14, Sitta 14, Pedrielli 9, Fiore 2, Poli 7, Coppola ne, Martinelli, Giordani 10, Donati ne. All. Minozzi M.

Bertinoro: Poggi 10, Maltoni 7, Sovera 11, Corzani 6, Bessan 6, Angeletti 7, Poni 3, Adamo ne, Bellini ne, Spagnoli 3, Torelli 10. All. Solfrizzi.

OMEGA BASKET – AGENZIA GENERALI RICCIONE 84 – 87 dts

(22-26; 39-46; 58-63; 78-78)

Omega: Ceccolini 21, Vandi 21, Ballardini 9, Prati 8, Negroni 7, Villa 9, Saccà 7, Tazzara 2, Vacchi, Vicinanza. All. Berselli.

Riccione: Russu 24, Gardini 15, Rosario Cruz 14, Gori 8, Mainetti 4, Provesi 4, Fonaciari 11, Capelli 2, Ka Abdoul 5, Mariotti. All. Ferro.

LUSA BASKET – ARTUSIANA BK 77 – 70

(16-18; 37-43; 62-53)

Massa Lombarda: Ravaglia, Spinosa A. 13, Alessandrini 13, Dalla Malva 3, Delvecchio 15, Rivola 3, Castelli 9, Fabiani 16, Bacocco M. ne, Orlando 5, Berardi A. ne. All. Solaroli.

Forlimpopoli: Gorini 2, Giannessi ne, Valgimigli, Nucci 8, Cristofani 5, Piazza 11, Buda ne, Lanzoni 3, Colombo T. 25, Fustini ne, Vadi, Agatensi 16. All. Colombo S.

PALL CASTEL S.P.T. 2010 – INTERNATIONAL BASKET 72 – 85

(24-22; 39-39; 50-63)

Castel San Pietro: Sandrini 2, Greco, Zuffa 9, Piani Gentile 9, Pedini 16, Pasini 5, Zaniboni 6, Omorodion, Mondanelli 13, Tantini 4, Tabellini 5, Cisbani 3. All. Morigi.

International Imola: Roli 13, Sinatra 13, Troisi 4, Ricci Lucchi 8, Fini 15, Poli 9, Poloni 13, Baldassarri 2, Di Antonio L. 3, Marcacci, Spagnoli 5, Basciani. All. Serio.

CESTISTICA ARGENTA – CREI 63 – 55

(14-13; 41-25; 52-39)

Argenta: Federici 10, Farina 5, Magnani A. 5, Magnani T., Cattani 9, Manias 13, Alassio, Boggian, Reggiani 2, Cortesi 9, Tumiati, Montaguti 10. All. Ortasi.

Granarolo: Salicini 6, Tolomelli 3, Paoloni 9, Drago, Salvardi 13, Bertacchini 12, Tugnoli 2, Brotza 4, Magi, Polo 6. All. Millina.

CESENA BASKET 2005 – VILLANOVA BASKET TIGERS 89 – 91

(28-18; 44-40; 65-66)

Cesena: Rossi 23, Santoro 11, Piazza 18, Domeniconi, Panzavolta 21, Ricci, Pezzi O. 2, Sanzani, Orioli 3, Pezzi I., Capucci, Balestri 11. All. Vandelli.

Villa Verucchio: Zannoni 27, Guiducci Fe. 2, Ceccarelli 10, Bomba 17, Guiducci T. 9, Zanotti 2, Buo 8, Mussoni 2, Raffaelli 10, Bollini 4. All. Amadori.

Partita pazzesca al Palaippo, che ha esaltato il pubblico presente (di casa e ospite) con una delle più belle esibizioni viste da queste parti e che lascia ancora una volta un retrogusto amarissimo alla formazione di coach Vandelli, che ha dominato per oltre metà gara i ben più quotati riminesi, si è fatta riprendere e superare, ma nel finale ha piazzato uno scatto clamoroso “quasi” vincente, disinnescato dalla tripla capolavoro di Raffaelli e dal mancato fischio su Balestri nel secondi finali.
Partenza esplosiva di Cesena che mette in mostra i suoi gioielli migliori (Rossi, Panzavolta e  Piazza) e aggredisce la partita in maniera devastante. Dopo la tripla di Zannoni del 7 a 7, i tre frombolieri di casa mandano in onda uno show a dir poco esaltante centrando il bersaglio da ogni posizione e lasciando i riminesi sempre più staccati ad inseguire. Tre liberi di uno scatenato Panzavolta certificano il momentaneo +13 (27 a 14), appena appena ricucito nei secondi finali del quarto. Cesena insiste e ad un sontuoso Rossi si affianca il totem Balestri, che fa danni enormi da lontano per un vantaggio che rimane oltre la doppia cifra e manda in visibilio il pubblico di casa. Coach Amadori si rifugia in una difesa a zona (ribadita fino al 40′) che produce subito qualche frutto, anche perché Cesena combina un paio di sciocchezze che consentono a Verucchio di ridurre il gap con il jolly non dichiarato di Zannoni, quasi sulla sirena, per il -4 con cui si chiude il quarto. Terza frazione che certifica il definitivo rientro di Verucchio, che trova il pareggio e il sorpasso a metà tempo spinto da soliti noti e meno noti (3/3 di un improbabile Tommaso Guiducci da oltre l’arco), ma nel momento più difficile, Cesena trova 7 punti in fila di Santoro per il controsorpasso e rimane attaccato alla partita che troverà il vincitore solo nell’ultimo quarto. Dieci minuti finali stupendi con Gigi Orioli (classe 2006) che va dritto a canestro contro il colosso Ceccarelli, segna e subisce fallo, e riporta avanti Cesena, poi è Verucchio a tornare al comando e a tentare la fuga che, ad un certo punto, sembra decisiva (77 a 86). Senza Rossi out per falli, è Panzavolta a ruggire come un leone e a rispondere colpo su colpo a Bomba e a Zannoni e a confezionare, insieme ad un altrettanto scatenato Piazza, il clamoroso 10 a 0 che ribalta ancora una volta il punteggio sull’87 a 86. A 1’30” dal gong finale, Ceccarelli mette i due liberi del controsorpasso (87 a 88), ma Bomba non lo replica (0 su 2); Oscar Pezzi manda in orbita il Palaippo con il canestro dell’89 a 88 e tiene ancora incerto il risultato finale, prima del capolavoro di Raffaelli, che riceve direttamente dalla rimessa, si gira già con i piedi già a posto e scaglia la tripla del nuovo sorpasso (89 a 91), con un gesto di classe purissima. Non è ancora finita perché mancano venti secondi alla sirena e dopo il time out prontamente chiamato da coach Vandelli, Cesena ha in mano il pallone del pareggio o del successo. Verucchio morde e non lascia respiro a Piazza e a Panzavolta, ma Pezzi ha il tempo di sparare da tre il tiro del possibile successo; il tiro è sbagliato, ma Balestri prende il rimbalzo e cerca il tiro ravvicinato tra una selva di braccia che, più con le cattive che con le buone, gli strozzano la conclusione. Ingabbiato in una morsa furibonda Balestri si riprende la palla, ma senza udire alcun fischio, arriva il suono del gong a sancire una rocambolesca e immeritata sconfitta.

GRIFO BASKET 1996 – DESPAR 72 – 83

(12-21; 38-48; 59-66)

Grifo Imola: Barbieri, Pietrantonio 3, Schillani 17, Piazza 6, Zaccherini, Sassi, Bedeschi ne, Barbisan, Carbone 10, Conti, Pirazzini 13, Signorini 23. All. Tampieri.

4 Torri Ferrara: Bianchi 8, Caselli 7, Leprotti, Beccari 8, Gavagna 5, Bertocco 5, Ciaroni 18, Cristoni 6, Verrigni 18, Ghirelli 2, Salih 6. All. Villani.

La 4 Torri passa sulle tavole del “PalaRuggi”, nonostante una Grifo mai doma, ma nervosa collezionando 4 falli tecnici e 2 antisportivi, che segnano la gara.

Coach Tampieri, senza Laghi, presenta Barbisan in quintetto assieme ai soliti Pirazzini, Signorini, Carbone e Conti e l’esordiente Pietrantonio in panchina. Dall’altra parte, coach Villani parte con Bianchi, Caselli, Ciaroni, Ghirelli e Beccari. Ciaroni è il protagonista del primo quarto con 10 punti, trascinando la 4 Torri prima sul 2-10 al 3′ e poi sul 12-21 a fine periodo, dopo che la Grifo era riuscita a rimontare fino al 12-14 del 7′. Nel secondo periodo, la 4 Torri arriva al 18-31 al 14′. Poi Schillani apre un parziale di 7-0, chiuso da una tripla di Carbone (25-31 a metà periodo). Il punteggio fa l’elastico da 25-35 al 30-35, con la tripla dell’esordiente Pietrantonio e di nuovo al -10 alla pausa lunga. Terzo periodo con la 4 Torri che riparte a razzo e raggiunge il massimo vantaggio sul 38-57 dopo due minuti e mezzo. Qui la Grifo ha un sussulto d’orgoglio e trascinata dalla coppia Schillani (5p) e Signorini (6p), arriva al 54-57 a metà quarto. Con i liberi, la 4 Torri si mantiene a galla e chiude sul +7. Ultima frazione con Ferrara che torna sul +10, quando Carbone commette l’antisportivo che lo estromette dalla gara (era stato sanzionato in precedenza con un tecnico), che poco dopo diventa +12 (61-73 al 33′). Nuova fiammata Grifo che riporta i biancoblu sul 68-73. Qui, però, gli ospiti la chiudono definitivamente portandosi sul 69-80 ad un minuto dalla fine.

CLASSIFICA

CESTISTICA ARGENTA382219316271353+274
PALL. BUDRIO382319417301506+224
4 TORRI FERRARA362418617821565+217
GRANAROLO BASKET302315816371519+118
TIGERS VILLA VERUCCHIO302415918791814+65
LUSA MASSALOMBARDA2623131017351655+80
BNBA BARICELLA2624131115911571+20
RICCIONE2623131018211803+18
ARTUSIANA FORLIMPOPOLI2224111316911628+63
CESENA BASKET2023101316641744-80
INTERNATIONAL IMOLA2024101416051725-120
CASTEL SAN PIETRO 2010182391416461740-94
G. SCIREA BERTINORO182391415401656-116
RAGGISOLARIS ACADEMY162381516131753-140
OMEGA CASTENASO122461817021834-132
GRIFO IMOLA102351816001783-183
BASKET CLUB RUSSI102351814101624-214
1 2 3 4 5 313