Serie B, Faenza supera nello scrimmage l’Andrea Costa

BLACKS – ANDREA COSTA 70 – 56

(14-22; 41-37; 55-42)

Faenza: Bandini, Siberna 5, Vico 6, Cortecchia ne, Poggi 5, Voltolini 14, Molinaro 6, Petrucci 9, Aromando 15, Pastore 10, Nkot Nkot, Santandrea ne. All. Garelli.

Imola: Restelli 9, Fazzi 2, Barbieri, Ranuzzi 15, Corcelli 6, Spagnoli ne, Roli ne, Tognacci 4, Montanari 13, Trentin 7. All. Grandi.

I Blacks vincono e convincono nel derby contro l’Andrea Costa Imola, soprattutto per l’atteggiamento mostrato, superando i cugini 70-56 (come sempre il cronometro è stato azzerato alla fine di ogni quarto). La squadra ha compiuto ulteriori passi avanti rispetto alle ultime uscite, facendo vedere buone trame in attacco e una difesa sempre più attenta. Questa era la prova generale in vista del campionato: la preseason dei faentini si è ufficialmente chiusa e da lunedì la squadra potrà allenarsi in palestra per preparare il debutto di sabato 1 ottobre ad Ozzano.

Buon avvio dei Blacks che si portano sull’11-7 poi Imola mette in campo la sua solita aggressività (marchio di fabbrica della truppa di coach Grandi anche nella scorsa stagione) e piazza un break di 15-3 chiudendo il quarto avanti 22-14. Faenza non subisce il contraccolpo psicologico riordinando in fretta le idee e trovando le giuste contromisure. Il gioco di squadra regala nel secondo periodo 27 punti messi a referti e soltanto 15 incassati. La fase difensiva è ancora migliore nel terzo, dove i punti concessi sono soltanto 5, mentre quelli segnati 14. Gli ultimi dieci minuti sono più equilibrati e ad aggiudicarseli sono i Blacks 15-14. La somma dei punti al termine dei quaranta minuti è così 70-56 per i Raggisolaris.

C Gold, l’ala Aguzzoli colpo del Basket 2000

La Basket 2000 è lieta di annunciare l’ingaggio di Thomas Aguzzoli, che vestirà i colori bianco-rosso-blu nella stagione sportiva 2022/23.

Ala classe 2000, 195 cm per 90 kg, l’atleta arriva dalla Luciana Mosconi Ancona (Serie B), dove lo scorso anno ha viaggiato a 4,6 punti di media, con un season high di 16; l’anno precedente, invece, aveva iniziato nelle fila anconetane per poi passare in corso d’opera alla Sutor Montegranaro. Alle nostre latitudini, oltre ai trascorsi nelle giovanili della Pallacanestro Reggiana, vanta ottime stagioni in C Silver a Novellara: dopo i 9,6 punti ad allacciata di scarpe del 2018/19, spiccano i 16,4 della stagione successiva, sempre in maglia biancorossa.

C Silver, Gavagna approda alla 4 Torri

Un rinforzo importante giunge a disposizione di coach Tarquini per la prossima stagione di C Silver: arriva infatti dalla Scuola Basket Ferrara, Federico Gavagna, play-guardia classe 1999.

Cresciuto nella Scuola Basket, è stato uno dei protagonisti della cavalcata per la promozione dalla Serie D alla C Silver della scorsa stagione, dopo l’esperienza in C Gold al Ferrara Basket 2018. Gavagna è adesso pronto a iniziare un nuovo percorso con la Despar e in una squadra così giovane, sarà di certo uno dei punti di riferimento per i compagni meno esperti.

Under 14, Bologna/Ferrara domina il Torneo delle Province

Si è svolta a Porretta Terme e a Lizzano in Belvedere l’edizione 2022 del Torneo delle Province “Trofeo Matteo Bertolazzi”, manifestazione rivolta ad atleti/e nati/e nel 2008.

La manifestazione, sponsorizzata dall’istituto bancario BCC Felsinea, è stata vinta dalla selezione di Bologna e Ferrara, che si è aggiudicata sia il torneo maschile che quello femminile.

A premiare, oltre al presidente regionale della F.I.P., Antonio Galli, erano presenti la mamma di Matteo Bertolazzi, la Signora Cristina, il primo cittadino del comune dell’Alto Reno, Giuseppe Nanni, l’assessore allo sport dello stesso comune, Nicolò Savigni e l’Avv. Gherardo Nesti, consigliere d’amministrazione della BCC Felsinea.

TORNEO MASCHILE

SEMIFINALI

MODENA/REGGIO – ROMAGNA 65 – 67 (18-14; 37-41; 55-51)

Modena Reggio: Piccinini 6, Merighi 2, Moscardini 2, Spasovski 2, Cavina 6, Nardini, Mangano 4, Madzhyev 10, Vescovini 5, Ligabue 2, Simoni 4, Abreu 22. All. Rozzi/Pantaleo.

Romagna: Georgescu 2, Almasi 2, Bartolini 2, Mantovani 6, Giudici 2, Longo 2, Capucci 26, Casali 15, Ancarani, Tassani 2, Sansovini 2, Ricci 6. All. Gollinucci/Bonaiuto.

PARMA/PIACENZA – BOLOGNA/FERRARA 41 – 115 (14-29; 24-67; 33-91)

Parma Piacenza: Bolzoni 3, Fornari 4, Villa 5, Borgognoni 10, Chiappini 2, Campanini, Marcucci, Sangermano 7, Adorni 4, Armani 4, Ferrari, Manara 2. All. Pezzani/Lucev.

Bologna Ferrara: Leprini 12, Palai 13, Berlati 9, Martini 7, Brancaleoni 4, Venturi 17, Dalpozzo 4, Magagnoli 2, Pulino 19, Buscaroli 7, Berlingeri 11, Ferrari 10. All. Grazi/Cavara.

FINALE 1°-2°

ROMAGNA – BOLOGNA/FERRARA 69 – 102 (12-27; 29-69; 45-92)

Romagna: Georgescu, Almasi 4, Bartolini 1, Mantovani 3, Giudici 2, Longo, Capucci 18, Casali 18, Ancarani 6, Tassani 4, Sansovini 4, Ricci 9. All. Gollinucci/Bonaiuto.

Bologna Ferrara: Leprini 10, Palai 16, Berlati 4, Martini 2, Brancaleoni 6, Venturi 7, Dalpozzo 10, Magagnoli, Pulino 17, Buscaroli 8, Berlingeri 10, Ferrari 12. All. Grazi/Cavara.

FINALE 3°-4°

PARMA/PIACENZA – MODENA/REGGIO EMILIA 42 – 69 (4-10; 19-20; 28-49)

Parma Piacenza: Bolzoni 2, Fornari 4, Villa 10, Borgognoni 4, Chiappini 1, Campanini 4, Marcucci 3, Sangermano 12, Adorni, Armani 2, Ferrari, Manara. All. Pezzani/Lucev.

Modena Reggio: Piccinini 15, Merighi 3, Moscardini 2, Spasovski, Cavina, Nardini 10, Mangano, Madzhyev 8, Vescovini 8, Ligabue 3, Simoni 2, Abreu 18. All. Rozzi/Pantaleo

TORNEO FEMMINILE

SEMIFINALI

MODENA/REGGIO – ROMAGNA 46 – 40 (11-12; 21-20; 30-30)

Modena Reggio Emilia: Cavalieri 4, Ly, Zucchi 2, Patelli 7, Stefanini 3, Zacchi 7, Rinaldi 4, Villamaino, Wahbi 2, Pulito 2, Betti 15, Ferrari. All. Vecchi/Giuliani.

Romagna: Chiadini Cam. 4, Gori, Castagnoli 2, Marras 3, Chiadini Car. 6, Lelli 6, Fanti, Ceroni 2, Orlando 5, Cardelli 9, Oddi 3, Foschi. All. Colucci/Cedrini.

PARMA/PIACENZA – BOLOGNA/FERRARA 26 – 94 (2-28; 7-50; 16-65)

Parma Piacenza: Boselli, Accorsini, Asibor 2, Corradini, Scaravaggi 2, Piccinini, AJayi, Panizzi 16, Gatti 4, Bobbi, Barbieri M., Mordazzi 2. All. Simonini/Losi.

Bologna Ferrara: Polisi 6, Faccini 4, Giuliani 9, Bittoni 6, Pasquini 19, Cinelli 10, Barbieri E. 10, Mosconi 14, Maccaferri 2, Secchiaroli 12, Pola G. 2, Pola A. All. Giordano/Borelli.

FINALE 1°-2°

MODENA/REGGIO – BOLOGNA/FERRARA 38 – 75 (4-18; 21-39; 32-58)

Modena Reggio Emilia: Cavalieri 5, Ly, Zucchi 2, Patelli 6, Stefanini 2, Zacchi 4, Rinaldi, Villamaino 2, Wahbi 6, Pulito, Betti 11, Ferrari. All. Vecchi/Giuliani.

Bologna Ferrara: Polisi 4, Faccini, Giuliani 9, Bittoni 6, Pasquini 9, Cinelli 6, Barbieri E. 6, Mosconi 16, Maccaferri 2, Secchiaroli, Pola G. 17, Pola A. All. Giordano/Borelli.

FINALE 3°-4°

PARMA/PIACENZA – ROMAGNA 22 – 70 (2-22; 11-36; 18-56)

Parma Piacenza: Boselli, Accorsini, Asibor 2, Corradini 3, Scaravaggi, Piccinini, Ajayi 3, Panizzi 4, Gatti 6, Bobbi, Barbieri M. 2, Mordazzi 2. All. Simonini/Losi.

Romagna: Chiadini Cam., Gori 12, Castagnoli 2, Marras 4, Chiadini Car. 13, Lelli ne, Fanti 2, Ceroni 11, Orlando, Cardelli 12, Oddi 12, Foschi 2. All. Colucci/Cedrini.

Serie B, altro scrimmage, altro passo avanti per la Virtus Imola

VIRTUS IMOLA – TIGERS 93 – 69

(25-13; 47-35; 70-48)

Virtus Imola: Mladenov 20, Galassi 19, Carta 7, Dalpozzo 5, Aglio 11, Morara 6, Magagnoli 7, Pellegrini 7, Soliani 8, Milovanovic 3, Alberti, ne. All. Regazzi.

Cervia: Favaretto, Veronesi 2, Lovisotto 22, Frigoli 8, Bertini 9, Stella, Pierucci 7, Tomcic 10, Bracci 2, Ferrari 3, Rossi 6. All. Brighi.

La Virtus Imola prosegue nel migliore dei modi l’avvicinamento alla regular season, superando 93-69 i pari categoria Tigers Romagna. La squadra del Presidente Valgimigli si presenta al PalaRuggi scossa per via dell’incidente stradale di poche ore prima, che ha visto coinvolti alcuni membri dello staff, tra cui coach Domizioli. In panchina siede Brighi per sostituirlo durante l’allenamento congiunto.

I gialloneri di coach Regazzi mostrano i muscoli segnando ancora una volta oltre 90 punti suddivisi nei dieci effettivi scesi in campo; infilando 10 triple, di cui 5 per mano di un caldissimo Luca Galassi; mandando in doppia cifra Mladenov, Galassi e Aglio, con Carta, Magagnoli, Pellegrini a quota 7 e Soliani a 8; vincendo tutti i quarti, seppure due in maniera risicata (22-20 e 23-21), ma nel primo (25-13) e nel terzo (23-13), dominando ampiamente i giochi; il tutto davanti ad una buona cornice di pubblico, considerando l’orario di un sabato pomeriggio di metà settembre. La Virtus parte forte, imprimendo fin dalle prime battute il proprio ritmo al match (10-4 al 4’ e 22-9 al 7’) ed incanalando il risultato a suo favore. Cervia appare in disarmo nei primi minuti, ma col passar del tempo trova anch’essa un buon ritmo gara, sfruttando le invenzioni di Lovisotto nei pressi del canestro. Tutto sommato, nei primi due quarti si registrano diversi sprazzi di buon basket, anche se l’attenzione di coach Regazzi è legata soprattutto all’alchimia degli schemi in attacco e difesa. Galassi e Mladenov cominciano lo show, col play che firma ben 4 triple per i 16 punti con cui va all’intervallo, mentre il bulgaro-riminese sente il sapore del derby, azzannando gli avversari con 10 punti e tanta consistenza nei movimenti offensivi. All’intervallo ci si ferma sul +12, per un 47-35 che ben fotografa quanto visto in campo. Nella ripresa, a parte qualche fiammata, il ritmo si attenua e la Virtus sa gestire il vantaggio, anzi allargandolo con uno strappo tra il 26’ e il 29’ quando vola sul 67-45.  Coach Regazzi, che fin dall’inizio ruota gli effettivi, punta a lungo su Soliani in cabina di regia, trovando anche buone risposte da Carta (anche una tripla nel 2° quarto), Pellegrini (5 punti nell’ultimo frangente) e Dalpozzo (tripla nel finale). L’ultimo quarto è decisamente più lento rispetto a quelli precedenti, non foss’altro per i tanti giri in lunetta da ambo i lati del campo: i gialloneri segnano 9 liberi sui 23 del parziale, spezzati dalle triple di Dalpozzo e Soliani, oltre che dai cesti dalla media distanza di Mladenov, Pellegrini e Carta (2).

C Gold, l’Olimpia fa la voce grossa a Forlimpopoli

BASKERS – OLIMPIA 68 – 80

(8-19; 20-21; 21-18; 19-22)

Forlimpopoli: Benedetti 10, Brighi 11, Lazzari, Naldini 3, Agatensi 3, Garavini ne, Rossi 11, Chiari 7, Biandolino 4, Mat. Ravaioli ne, Gorini 7, Farabegoli 12. All. Agnoletti.

Castel San Pietro: Masrè 6, Costantini 11, Ferdeghini 7, Grotti 4, Salsini 11, Iattoni 23, Zhytariuk 14, Greco, Castellari. All. Berselli.

Match vero quello in scena sulle tavole del PalaVending, per affilare le armi in attesa delle gare che valgono i due punti negli incroci del campionato di C Gold.

In attesa di conoscere a breve l’entità del malanno al ginocchio di capitan Donati, dopo un primo quarto da dimenticare. gli artusiani giocano alla pari coi quotati bolognesi, apparsi molto quadrati nell’assetto interno; a sole due settimane dal debutto in campionato, i ragazzi di Agnoletti torneranno in campo già mercoledì prossimo per una sgambata sul Colle contro lo Scirea dell’ex Rustignoli, col chiaro obiettivo di dare continuità alla manovra nell’arco dei 40’.

Serie B, Ottavi SuperCoppa, salutano Bakery e Andrea Costa

BAKERY – LIBERTAS LIVORNO 1947 60 – 70

(18-21, 34-35, 46-52)

Piacenza: El Agbani, Berra 16, Cecchetti 11, Korsunov 6, Coltro 10, Visentin 3, Ringressi ne, Carone ne, Balestra ne, Agbortabi, Angelucci 10, Livelli 4. All. Del Re.

Livorno: Forti 9, Fratto 6, Lucarelli 14, Sipala 6, Bruci, Fantoni 7, Made, Saccaggi 8, Ricci 17, Mancini, Bargnesi 3, Mori. All. Andreazza.

PALL. SENIGALLIA – ANDREA COSTA 74 – 71

(25-23; 44-38; 51-57)

Senigallia: Santucci 11, Giacomin 10, Gnecchi 11, Neri 12, Casabianca ne, Valle 4, Lemmi 7, Camilletti ne, Cerruti 2, Marini ne, Musci 6, Pozzetti 11. All. Filippetti.

Imola: Restelli 13, Roli 2, Fazzi 3, Agostini 7, Barbieri ne, Ranuzzi 9, Corcelli 15, Marangoni ne, Spagnoli, Tognacci, Montanari 6, Trentin 16. All. Grandi.

C SIlver, il ritorno del “Cap”, la panchina della Grifo è sistemata!

Dopo un’estate di rivoluzioni, la panchina della Grifo Imola ha trovato il suo condottiero: Mauro Cappelletti.

Il Cap, da qualche anno, ha rimesso il fischietto al collo per allenare il settore giovanile. Sia come giocatore, che come allenatore, è stato una vera leggenda del basket imolese, ma non solo: oltre a tutte le sue numerose vittorie da entrambi i lati del campo, sbirciando su internet, si può ancora trovare qualche notizia di uno storico campionato concluso a punteggio pieno.

Serie B, SuperCoppa, secondo giro, avanzano Bakery ed Andrea Costa

SERIE B

SUPERCOPPA 2° turno

BAKERY BASKET – N. P. VIGEVANO 1955 69 – 62

(15-14; 33-30; 50-44)

Piacenza: Korsunov 1, Livelli 5, El Agbani 2, Cecchetti 22, Coltro 11, Agbortabi 4, Visentin 1, Carone, Balestra ne, Berra 16, Angelucci 7, Molinari ne. All. Del Re.

Vigevano: Peroni 12, Rossi 7, Stautmanis 5, D’Alessandro 11, Mercante 7, Ragagnin 7, Spaccasassi ne, Broglia 2, Pisati ne, Benites 11, Tagliavini ne, Laudoni ne. All Piazza.

La Bakery supera anche il secondo turno e si qualifica per gli ottavi.

La formazione di coach Marco Del Re si presenta con Coltro, El Agbani, Berra, Angelucci e Cecchetti in quintetto base, con il prodotto del settore giovanile biancorosso El Agbani a siglare i primi punti di un incontro che viaggia a lungo sui binari dell’equilibrio (15-14 il punteggio a fine primo quarto, 33-30 a metà partita), con la Bakery capace di mandare rapidamente Cecchetti in doppia cifra, riuscendo a confermarsi pericolosa con tutti i propri effettivi, tanto da essere addirittura 8 (saranno ben 9 alla fine) i giocatori a referto nei primi 20’. Al rientro dagli spogliatoi, la Bakery sale ulteriormente di colpi. Cecchetti colpisce a ripetizione dall’arco portando rapidamente il proprio bottino personale a 20, mentre Berra prosegue la propria partita a tutto tondo (11 punti, 7 rimbalzi dopo 30’ di gioco), quando il punteggio recita 50-44, dopo la tripla di Benites che anticipa la penultima sirena. La sempre presente ed efficace Vigevano, però, non si dà certo per vinta, anzi: l’avvio dell’ultimo quarto sorride ai gialloblù che, dopo due minuti, tornano ad un solo punto di disavanzo con il libero di D’Alessandro, prima della reazione d’orgoglio biancorosso per il nuovo +7: Angelucci prima, Berra dopo, colpiscono dall’arco dei 6.75 e costringono Vigevano al timeout. L’inerzia è, però, nuovamente cambiata, ed il gran canestro nel pitturato di Coltro lo certifica: 64-53, primo vantaggio in doppia cifra dopo 37’ di gioco. I biancorossi resistono infine al tentativo di aggancio di Vigevano, chiudono l’incontro con il punteggio di 69-62 e passano il turno.

PALL. SENIGALLIA – BLACKS 79 – 71

(21-24; 37-32; 57-50)

Senigallia: Santucci 17, Giacomini 11, Gnecchi 3, Neri 8, Casabianca ne, Valle, Lemmi 5, Camilletti ne, Cerruti 1, Marini ne, Musci 13, Pozzetti 21. All. Filippetti.

Faenza: Bandini 4, Siberna 4, Vico 6, Poggi 11, Voltolini 10, Molinaro13, Petrucci 2, Aromando 16, Ragazzini ne, Pastore 5, Nkot Nkot ne. All. Garelli.

I Blacks lottano fino all’ultimo in casa di Senigallia, ma non riescono ad avere la meglio. uscendo così dalla Supercoppa. I faentini pagano una serata negativa al tiro (soprattutto da tre punti e dalla lunetta), anche se dal lato dell’atteggiamento giocano un’ottima gara. rimontando più volte l’avversario grazie al gioco di squadra. Ora l’obiettivo è puntato a sabato 1° ottobre, quando ci sarà il debutto in campionato ad Ozzano.

Il match è combattuto per tutti i quaranta minuti, con entrambe le squadre che giocano a viso aperto. Ne nasce così una partita ricca di sorpassi e controsorpassi e ad inaugurarli sono i Blacks. Sotto 10-4, piazzano un break di 12-0 per il 10-16, poi mantengono l’inerzia fino alla fine del primo quarto conclusosi avanti 21-24. Nel secondo periodo sale in cattedra Senigallia. I marchigiani colpiscono con il tiro da tre, arma che si rivelerà decisiva, e grazie a Santucci vanno sul 37-29, gap colmato dal canestro di Vico sulla sirena, per il 37-32 dell’intervallo. I Raggisolaris esordiscono nel secondo tempo in maniera perentoria, rifacendosi sotto fino al 37-38, ma, ancora una volta, la Goldengas li punisce dal perimetro. I tiri pesanti permettono ai padroni di casa di scappare sul 52-40, costringendo coach Garelli al time out. Le sue parole fanno effetto e ancora una volta arriva la pronta reazione. I Blacks stringono la difesa e si rifanno sotto trovando la parità, a 5’30’’ dalla fine, sul 60-60, non riuscendo però a piazzare il sorpasso. Alcune buone azioni non finalizzate vengono punite dalle ‘solite’ triple di Senigallia che, con tre tiri consecutivi dai 6,75, vanno sul 73-65 al 38’. I Blacks ci provano fino all’ultimo, ma la rimonta non riesce.

ANDREA COSTA 2022 – SINERMATIC 92 – 70

(20-18; 43-36; 77-52)

Imola: Restelli 5, Roli, Fazzi 10, Agostini 14, Barbieri ne, Ranuzzi 14, Corcelli 11, Magangoni ne, Spagnoli 2, Tognacci 19, Montanari 8, Trentin 9. All. Grandi.

Ozzano: Folli 6, Salsini, Radovanovic 2, Felici 5, Galletti, Balducci 5, Klyuchnyk 17, Chaippelli 7, Barattini ne, Bonfiglio 12, Buscaroli 4, Lasagni 12. All. Loperfido.

Due derby, due vittorie. Dopo il successo nella Stracittadina contro la Virtus Imola, l’Andrea Costa ha centrato il bis superando anche la Sinermatic sul parquet del PalaRuggi. Nel match valido per i sedicesimi di Supercoppa Lnp Old Wild West, i biancorossi hanno annichilito gli emiliani con una bella e convincente prestazione di squadra. Il derby della via Emilia è terminato col punteggio di 92-70. 

La cronaca della partita. L’Andrea Costa parte subito col piede giusto mettendo la testa avanti sull’8-2 in soli due minuti. Al parziale biancorosso rispondono gli ospiti mettendo a referto nove punti di fila consecutivi. Il match va a folate e l’inerzia è nuovamente a favore dei padroni di casa che, trascinati da Tognacci e Agostini, ritornano avanti nel punteggio. Il primo quarto si chiude 20-18. La musica non cambia nemmeno nel secondo periodo, con i romagnoli che continuano a trovare la via del canestro grazie a Fazzi, Corcelli e Trentin. Negli ultimi centoventi secondi prima dell’intervallo, l’Andrea Costa piazza un altro importante parziale di 7-0, che consente ai ragazzi di Coach Grandi di andare negli spogliatoi sul 43-36. Al rientro sul parquet, Imola inizia a fare la voce grossa e prende il largo. Nel terzo quarto, i biancorossi si trovano alla perfezione e spinti dal sostegno incessante dei propri tifosi, riescono a realizzare la bellezza di 34 punti in dieci minuti, mettendo la partita e la qualificazione in cassaforte. Nell’ultimo periodo, l’Andrea Costa amministra con facilità il proprio vantaggio e manda in campo anche i giovanissimi del vivaio International Samuel Roli e Federico Spagnoli, quest’ultimo trova anche la gioia per i primi due punti realizzati. Il match termina così con il punteggio finale di 92-70.

Serie C, gli Angels superano i Baskers

ANGELS – BASKÉRS 62 – 54

(15-15; 17-15; 11-7; 19-17)

Santarcangelo: Rivali 1, Mulazzani 16, Buzzone 9, Renzi 6, Quaglia 15, Pesaresi, Bonfè, Macaru 7, Mari 8, Lombardi, Gio. Panzeri, Pini, Dellarosa. All. Bernardi.

Forlimpopoli: Benedetti, Lazzari 5, Naldini, Agatensi 2, Rossi 14, Chiari 5, Biandolino 9, Donati 8, Gorini 2, Ruscelli 3, Farabegoli 6. All. Agnoletti.

Secondo appuntamento di precampionato per la rinnovata truppa di coach Agnoletti.

La defezione dell’ultima ora di Brighi, appiedato da un virus intestinale, costringe a rivedere i piani offensivi e la truppa dei 2005 trova quindi largo spazio sul rettangolo di gioco. Il punteggio finale, col tabellone sempre azzerato, premia i clementini in un contesto di equilibrio, ove entrambe le squadre testano i meccanismi pro campionato; fra gli artusiani ancora sugli scudi i neoacquisti Rossi e Biandolino, mentre gli altri lunghi devono fare i conti con qualche acciacco fisico.

1 2 3 4 263