Monthly Archives: ottobre 2017

Serie B, Lecco domina Piacenza, Faenza strapazza il Basket 2000. Negli anticipi bene Cento e Lugo

SERIE B/B 2° Giornata

PALL. BERNAREGGIO 99 – NUOVA PALL. OLGINATE 74 – 72

VIRTUS BASKET PADOVA – TIGERS FORLI 83 – 76 dts

(12-19; 34-36; 46-49; 68-68)

Virtus Padova: Pellicano ne, Schiavon 15, Canelo 2, Buia 2, Tognon ne, Miaschi 14, Lazaro 9, Piazza 19, Visentin ne, Nobile 10, Crosato 12. All. Rubini.

Tigers Forlì: Zani, Papa 10, Carpanzano 10, Battisti 9, Cicchetti 7, De Fabritiis 13, Villani 16, Rosse ne, Plachesi ne, Sacchettini 6, Agatensi 5, Puntolini ne. All. Di Lorenzo.

REKICO – BMR 84 – 54

(17-6; 35-19; 65-41)

Faenza: Aromando 7, Samorì, Perin 12, Silimbani 2, Benedetti, Venucci 18, Iattoni 20, Pagani 6, Milosevic 2, Chiappelli 10, Petrini, Brighi 7. All. Regazzi

Basket 2000 Scandiano: Malagutti 14, Verrigni 8, Fantanili, Bertolini 4, Farioli 7, Degli Esposti, Dias, Motta 5, Pugi 6, Mammi ne, Germani 10. All. Tinti.

E’ una festa il debutto casalingo della Rekico. In pochi minuti la squadra chiude i conti domando la Bmr, facendo esaltare il gremito PalaCattani. Il risultato finale di 84-54 fotografa l’andamento del match, condotto dai faentini sin dalla prima azione con un ampio vantaggio, diventato poi abissale nella seconda parte di gara quando la Bmr molla e schiera i giovani.

E’ l’atteggiamento l’arma in più della Rekico, entrata in campo con grande grinta e con la voglia di vincere. Perin finalizza il 7-0 dopo pochi minuti, poi ci pensa la difesa a catturare rimbalzi e a far recuperare palloni e quando si innesca anche Venucci con due tiri consecutivi dai 6,75, i Raggisolaris volano sul 17-6. L’inerzia resta saldamente nelle mani della squadra di coach Regazzi, bravo a dosare le forze di tutti gli uomini della panchina. Iattoni firma il 23-8 poi Aromando ruba palla a metà campo e in campo aperto schiaccia il 25-8, parziale che suona già come una prima sentenza. All’intervallo la Rekico conduce 35-19 e anche al rientro in campo non perde lucidità toccando il +25 (50-25) a metà periodo. E’ il colpo del ko, perché Reggio Emilia non trova le forze per recuperare e continua a subire il gioco dei faentini, bravi nel trovare punti con tutti i giocatori da sotto e dalla lunga distanza. Sul 65-41 inizia un ultimo quarto dove la Rekico tocca il massimo vantaggio di 32 punti (84-52) e sotto i riflettori vanno i giovani Petrini e Samorì che debuttano in serie B sfiorando anche il canestro in un paio di occasioni. Insomma una serata da incorniciare per tutti: meglio di così l’esordio al PalaCattani non poteva proprio essere.

ISEO SERRATURE – BALTUR 81 – 90

(20-21; 44-42; 63-62)

Costa Volpino: Sabbadini 17 (1/3, 4/5), Caversazio 16 (5/7, 0/2), Conte 13 (2/3, 3/5), Borghetti 11 (4/7, 0/3), Cusenza 10 (4/5, 0/4), Gorreri 7 (2/4, 1/6), Coltro 7 (2/2, 1/3), Di Meco (0/1), Franco, Porfidia, Patroni, Zambonin. All. Giubertoni.

Benedetto Cento: Chiera 22 (2/6, 4/8), Piunti 21 (3/4, 3/5), Cantone 14 (0/2, 4/5), Benfatto 14 (7/10), Vico 10 (2/4, 1/4), Pasqualin 4 (1/1), Rizzitiello 3 (0/2, 1/4), Ba 2 (1/1), D’Alessandro (0/1, 0/3), Graziani, Govoni, Mastrangelo. All. Benedetto.

PALL. AURORA DESIO 94 – PALLACANESTRO CREMA 56 – 59

BASKET LECCO – BAKERY 95 – 73

(29-19; 48-41; 82-55)

Lecco: Vitelli, Fabi 16, Calò 1, Morgillo 9, Riva, Balanzoni 12, Garota, Quartieri 16, Spera 11, Cacace 13, Albenga 2, Maccaferri 15. All. Meneguzzo.

Piacenza: Bracchi ne, Rombaldoni 15, Stanic 9, Bruno 7, Perego 7, Guerra, Pederzini 23, Maresca, Guaccio 2, Birindelli 9, Galli ne, Libè. All. Coppeta.

Piacenza perde una partita che ha realmente giocato solo nel quarto periodo. Troppo contratti i ragazzi di Coppeta che pur soffrendo, nei primi 20’ tengono botta alle percentuali irreali dei padroni di casa e rimangono in scia. Però nel terzo periodo arriva il 34-14 che uccide la partita. La difesa della Gimar soffoca l’attacco Bakery e il dominio su assist e rimbalzi di fatto chiudono la contesa.

Parte molto bene Lecco, con la giusta aggressività sia in attacco che in difesa e va sul 11-5 dopo 4’ con 5 punti di Spera e 4 di Balanzoni, che costringono coach Coppeta al timeout. Al rientro dalla pausa nulla cambia e Maccaferri con Cacace e Quartieri piazzano le bombe per il +14 a tabellone. Piacenza si scrolla e con i due mattatori offensivi: Birindelli e Pederzini (7 a testa), ma il gap rimane di 10 punti. Ad inizio secondo quarto è ancora la difesa lecchese a rendere difficile l’attacco ai biancorossi e in più la fase offensiva dei padroni di casa trova sette protagonisti diversi. Piacenza, toccato il fondo sul -14 (35-21), piazza un 10-2 di parziale con Pederzini che scavalla quota 10 e torna a -6, al 17’. Lecco continua con il 50% da 3, ma anche la Bakery inizia ad aprire il fuoco da lontano e con capitan Rombaldoni più il solito Pederzini (17) trova il -7 dopo i primi 20’. Al rientro dagli spogliatoi il copione è sempre lo stesso. Lecco difende e segna e Piacenza insegue. Balanzoni, Spera e Maccaferri superano i 10 punti e la forbice si allarga sul 63-43 al 23’. Due minuti più tardi arrivano altre due bombe di Quartieri, una di Fabi e il 66% da 3 della Gimar dice +26. Centottanta secondi dopo Piacenza tocca anche il -30 e va sotto in ogni voce statistica. Al 30’ il tabellone recita un eloquente 82-55. Negli ultimi dieci minuti di speranza, Rombaldoni (13) firma un 6-1 di parziale che prova a scuotere i suoi sotto di ventuno lunghezze al 33’. I padroni di casa, però, mandano anche il sesto uomo in doppia cifra e mantengono le venti lunghezze di vantaggio a 4 minuti dalla fine. Il finale è 95-73.

ORVA – GREEN BASKET 97 – 72

(22-32; 50-49; 68-68)

Lugo: Valentini 2, Tynsley 10, Campori 5, Galassi 2, Seravalli 27, Filippini 16, Moretti 9, Stanzani 4, Rubbini 9, Thiam 5, Gatto 8, Collina. All. Galetti.

Palermo: Gullo 19, Nicosia 3, Biondo, Lombardo G. 17, Tabbi 2, Trevisano 5, Genovese, Marchini 2, Lombardo A. 8, Venturelli 17. All. Verderosa.

Alla prima apparizione con la rosa al completo, la Baltur conquista una importante vittoria sul campo di Pisogne, dove soffre per almeno 34′ contro una gagliarda Pallacanestro Alto Sebino, ma trova il break decisivo nella parte centrale dell’ultima frazione. In principio Alto Sebino chiude l’area, Cento punisce con Cantone e Piunti. Successivamente gli ospiti trovano il +5 (16-21), ma i locali accorciano le distanze in chiusura di primo periodo per poi sorpassare nel corso del secondo, quando Gorreri colpisce dall’arco per il +1 (27-26). In seguito Chiera firma il controsorpasso con dieci punti consecutivi (30-33), ma i padroni di casa rispondono con Conte e Caversazio, che fissa il punteggio di fine primo tempo sul 44-42. Nella terza frazione, di pallacanestro se ne vede poca: Cento impiega meno di due minuti a raggiungere il bonus, mentre Costa Volpino lo raggiunge poco più tardi. In questo frangente sono Sabbadini e Borghetti a ispirare il break operato dalla Iseo Serrature, che vola a +7 (52-45) e poi si fa riprendere da Piunti e Cantone, ma trova la forza di tornare a condurre grazie al canestro a fil di sirena di Gorreri, che vale il 63-62 con cui si apre il quarto quarto. In seguito Costa Volpino si porta a +5 (69-64) con Caversazio, ma la Baltur impatta a quota 72 con Benfatto e, poi, sorpassa con Cantone, costringendo Giubertoni a una sospensione che però non toglie inerzia a una Cento che trova in Cantone, Vico e Benfatto, i principali protagonisti del parziale di 23-5 con cui gli emiliani scappano sul +13 (74-87) e fanno esultare i circa ottanta tifosi al seguito, in coda a una partita sofferta ma che le vale il primato solitario in classifica, anche se soltanto per una notte.

TRAMAROSSA VICENZA – NTS INFORMATICA RIMINI 85 – 70

CLASSIFICA

P G V P
Tigers Forlì 2 1 1 0 100.0
NTS Informatica Rimini 2 1 1 0 100.0
Bakery Piacenza 2 1 1 0 100.0
Baltur Cento 2 1 1 0 100.0
Gordon Nuova Pall. Olginate 2 1 1 0 100.0
Virtus Padova 2 1 1 0 100.0
Tramarossa Vicenza 2 1 1 0 100.0
Pallacanestro Crema 2 1 1 0 100.0
Green Basket Palermo 0 1 0 1 0.0
Lissone Interni Bernareggio 0 1 0 1 0.0
Pallacanestro Aurora Desio 0 1 0 1 0.0
Gimar Basket Lecco 0 1 0 1 0.0
Bmr Basket 2000 Reggio Emilia 0 1 0 1 0.0
Iseo Serrature Costa Volpino 0 1 0 1 0.0
Rekico Faenza 0 1 0 1 0.0
Orva Lugo 0 1 0 1 0.0

A2, Faenza non supera l’esame Palermo, Matteiplast ok. Parte la serie B e le Tigers dominano il derby ducale

A2/B 2° Giornata

CESTISTICA SPEZZINA – MATTEIPLAST 57 – 66

(14-23; 25-35; 43-47)

La Spezia: Da Silva 4, Corradino 8, Templari 20, Cadoni 6, Stoichkova 2, Lucca 6, Linguaglossa 7, Tosi ne, Innocenzi ne, Olajde ne. All. Consolini.

Progresso: D’Alie 20, Tassinari 14, Tava 10, Meroni 6, Nannucci 2, Cordisco 2, Storer 5, Corradini 2, Dall’Aglio 5., Poletti ne All. Giroldi.

Prima vittoria in trasferta per la Matteiplast, che sbanca il palazzetto di Montepertico in quel di La Spezia, confezionando una partita molto attenta che nulla ha concesso alle padrone di casa. Artefici di questo successo tutte le atlete scese in campo, anche se una menzione va fatta per l’applicazione e dedizione messa in campo da Nannucci in difesa, che ha spinto tutto il gruppo a limitare il grande potenziale offensivo della squadra spezzina.

Venendo alla cronaca della gara, il primo quarto è di marca bolognese dove azione dopo azione la Matteiplast confeziona un vantaggio di 8 punti maturati grazie ad una difesa puntuale ed al buon contributo offensivo di Tassinari. Nel secondo quarto la partita rimane in equilibrio, grazie al buon contributo di Cordisco, Storer e Corradini e si chiude con il punteggio di 34 a 24 per le ragazze del presidente Civolani. Al rientro in campo, dopo l’intervallo lungo, si registra la grande reazione della formazione di casa che inizia a rosicchiare un po’ di punti, grazie ad un’ottima difesa a zona che inceppa la mira delle giocatrici bolognesi. A due minuti dalla fine del quarto vengono La Spezia raggiunge e supera il Progresso sul 43 a 42: pronto il time out chiesto dalla panchina della Matteiplast che toglie il ritmo alla Carispezia e permette di riorganizzare le idee alle atlete di coach Giroldi, riuscendo così a riprendere la conduzione della gara con un break di 5 a 0, che fissa il punteggio del terzo quarto sul 47 a 43 Bologna. Nell’ultimo quarto le felsinee trovano le giuste contromisure per impedire canestri facili alle lunghe liguri e con alcune buone giocate offensive da parte di D’Alie, Dall’Aglio, Tava e Meroni riescono ad allungare fino al massimo vantaggio del 37′ sul +14. Gli ultimi minuti servono per gestire gli ultimi possessi e portare a casa questo importantissimo incontro, contro una formazione che sarà sicuramente fra le protagoniste per la vittoria finale del campionato.

CESTISTICA AZZURRA ORVIETO – FE.BA CIVITANOVA 66 – 58

SAN RAFFAELE BK ROMA – PALL. FEMM. UMBERTIDE 73 – 66

MERCEDE BK ALGHERO – RR RETAIL GALLI BK S.G.V. 46 – 93

G.VERGA PALERMO – INFINITY BIO 75 – 59

(26-16; 46-31; 58-43)

Palermo:  Russo 14 (3/4, 4/8, 1/5), Ferretti 3 (3/4, 0/3, 0/1), Miccio 18 (0/1, 0/1, 6/9), Carrara 10 (0/2, 5/8, 0/1), Prėskienytė 18 (4/6, 7/9), Verona 10 (3/4, 2/4, 1/2), Riccobono (0/1, 0/1), Casiglia 2 (1/1), Ferrara ne, Cerasola ne, Cappelli ne, Bonura ne. All. Giordano.

Faenza: Franceschelli 15 (2/4, 2/4, 3/3), Schwienbacher  9 (4/4, 1/8, 1/2), L. Morsiani 7 (3/6, 2/12, 0/1), Ballardini 3 (1/1), Soglia 2 (1/3), Coraducci (1/2, 1/7, 0/4), Tridello 4 (2/5, 0/1), Moriconi 4 (2/2, 1/2, 0/2), D. Morsiani 8 (4/6, 2/2), Minichino 2 (1/3, 0/1), Caccoli 2 (1/3). All. Bassi.

SURGICAL CAGLIARI – MAGNOLIA BK CAMPOBASSO 36 – 77

CESTISTICA SAVONESE – USE ROSA EMPOLI 53 – 62

CLASSIFICA

Squadra P G V P PF PS

1

RR Retail Galli S.G.Valdarno

4

2

2

0

175

102

2

Andros Basket Palermo

4

2

2

0

145

98

3

Progresso Femm. Bologna

4

2

2

0

153

114

4

Ceprini Costruzioni Orvieto

4

2

2

0

127

105

5

USE Rosa Scotti Empoli

2

1

1

0

62

53

6

San Raffaele Roma

2

2

1

1

130

153

7

Pall. Femm. Umbertide

2

2

1

1

142

126

8

La Molisana Campobasso

2

2

1

1

124

97

9

Infinity Bio Faenza

2

2

1

1

134

126

10

Infa Feba Civitanova M.

2

2

1

1

121

119

11

Tigers Rosa Libertas Forli

0

1

0

1

39

70

12

Cestistica Savonese

0

2

0

2

106

125

13

Carispezia Cestistica Spezzina

0

2

0

2

113

148

14

Surgical Virtus Cagliari

0

2

0

2

89

153

15

Mercede Alghero

0

2

0

2

97

168

SERIE B FEMMINILE 1° Giornata

MAGIK ROSA – TIGERS PARMA BASKET ACADEMY 60 – 95

BK CLUB VAL D’ARDA – B.S.L. SAN LAZZARO 59 – 56

(16-18; 30-27; 40-42)

Fiorenzuola  Podestà 7, Rizzi 24, Rossi 12, Zane 8, Parizzi, Vigevani, Fava, Vamole, Ampollini, De chellis 8. All. Russo

San Lazzaro: Magliaro 5, Raffaelli, Talarico 24, Ghigi 2, Gorla 2, Zarfaoui 11, Melchioni 4, Landuzzi, Panighi 4, Tormbetti 5. All. Dalè.

BASKET CAVEZZO – POL. LIB. CALENDASCO 66 – 49

(23-8; 37-23; 54-38)

Cavezzo: Siligardi, Bocchi 7, Cariani, Gasparetto ne, Balboni, Marchetti 9, Bordini, Biagiola ne, Finetti 5, Bernardoni 9, Calzolari 27, Bellodi 9. All. Carretti.

Calendasco: Savini 29, Agolini, Montanari 4, Bolzoni, Diagne 2, Patelli, Cremona, Mifsud ne, Sambou 8, Berna 6. All. Cavanna.

ROBY PROFUMI VALTARESE 2000 – I GIULLARI DEL CASTELLO 53 – 38

(16-10; 33-24; 45-30)

Esordio positivo per le ragazze della Roby Profumi che, nella prima giornata, sconfigge le neopromosse reggiane del Chemco Puianello per 53 a 38. Per coach Scanzani la gara di ieri è stata utile soprattutto per testare tutte le dieci atlete a disposizione. Partita caratterizzata da un elevato ritmo imposto dalle padrone di casa della Roby Profumi che hanno di fatto limitato le bocche da fuoco della formazione reggiana. Primo quarto caratterizzato da un avvio super di Franceschini che con un 4 su 4 al tiro segnava il primo break a favore delle bianco blu. Nel secondo quarto erano le lunghe Fatadey e Pallotta a dominare sotto le plance e a segnare canestri importanti. All’intervallo lungo il tabellone del palaRaschi segnava Roby Profumi 33 Chemco 24. Alla ripresa del gioco la difesa della Roby Profumi si faceva ancora più serrata e per le ospiti diventava difficile attaccare il canestro. Dopo sei minuti la Chemco aveva messo a segno solo due tiri liberi mentre nelle fila della Roby Profumi era Capitan Marchini, con due importanti bombe sulla difesa a zona reggiana, a segnare il gap decisivo. A fine della terza frazione la Roby Profumi conduceva di quindici lunghezze. Nell’ultimo quarto le giovanissime Ferrari e Piscina si facevano trovare pronte e grazie ad un’ottima intensità difensiva recuperavano diversi palloni. Le percentuali in attacco però non si mantenevano a livello dei primi due quarti e il gap non lievitava anche complice una scarsa percentuale ai tiri liberi.

CLASSIFICA

Tigers Parma, Val d’Arda Fiorenzuola, Cavezzo, Valtarese 2000 2; BSL San Lazzaro, Calendasco, Magik Parma, I Giullari del Castello Quattro Castella 0.

C Gold, Fiorenzuola, Pontevecchio e Flying Balls corsare. C Silver, Granarolo sbanca Castenaso

SERIE C GOLD 2° Giornata

B.S.L. – PALLACANESTRO FIORENZUOLA 1972 61 – 71

(17-19; 32-38; 47-61)

San Lazzaro: Perini, Lolli 11, Baietti 4, Annunzi 6, Quadrelli, Fabbri, Rossi 7, Naldi ne, Cempini 5, Rosa 2, Mellara 8, Allodi 18. All. Bettazzi.

Fiorenzuola: Galli 13, Sichel 5, Resca 8, Zucchi 6, Trobbiani, Marletta 5, Lottici M. 3, Klyuchnyk 9, Donati 15, Garofalo 7. All Lottici S.

Vince Fiorenzuola, come da pronostico, contro una Bsl mai doma, anche se troppo inferiore sul piano fisico rispetto alla formazione di Simone Lottici. Ospiti sempre in vantaggio, ma solo nella ripresa hanno fatto la voce grossa.

Nella prima frazione si mettevano in evidenza Cempini, da una parte, e Galli, dall’altra (9-12 al 6′). Bettazzi optava per la zona per rallentare l’attacco piacentino e, così, chiudeva il periodo sul -2 (17-19). Fiorenzuola tentava la fuga sul 21-29 al 14′, ma Allodi e Mellara rispondevano colpo su colpo (32-35 al 18′). Nella ripresa gli ospiti spingevano sull’acceleratore (34-47 al 23′) con i lunghi in evidenza (16 punti sui 23 complessivi nel quarto). Lo scarto rimaneva sempre sopra la doppia cifra, con i sanlazzaresi (bene Lolli) che si dovevano accontentare di un -9 (61-70) soltanto ad un minuto dalla fine.

ACADEMY BASKET 2014 – POL. ARENA 83 – 65

(21-21; 45-38; 59-50)

Fidenza: Barga 9, Longoni 14, Morciano 11, Giani, Diop 16, Baiardo 12, Della Giusta 14, Tardivi 7, Bricchi, Aldrighetti. All. Zanardi.

Montecchio: Grisendi 4, Di Noia 16, Basso 9, Negri 4, Vanni 18, Gruosso 9, Guidi 5, Secli, Borghi, Corrias. All. Cavalieri.

PROSIC – LA.CO. 56 – 65

(15-23; 30-37; 42-52)

CastelGuelfo: Bernabini 6, Bernardi 3, Cacciari ne, Baccarini 5, Grillini 5, Colli ne, Musolesi 7, Santini 7, Pieri 3, Casagrande 8, Govi 6, Trombetti 6. All. Serio.

Ozzano: Folli 12, Masrè, Morara 7, Chiusolo 7, Corcelli 19, Lalanne, Magagnoli 2, Zambon ne, Martini 1, Dordei ne, Agusto 17, Agresti. All. Grandi.

Importante successo esterno e altri due punti in saccoccia per la La.Co. che, nell’anticipo del venerdì sera, al PalaMarchetti di Castel Guelfo, si impone 65 a 56 contro il Guelfo.

Partita insidiosa, contro una squadra neopromossa vogliosa di fare bene per la prima volta davanti al proprio pubblico e galvanizzata dalla vittoria dello scorso fine settimana in quel di San Marino. Partita ben giocata dai ragazzi di coach Grandi che, come richiesto dallo stesso allenatore nel prepartita, hanno concesso poco all’attacco avversario lasciandoli con soli 56 punti a referto. Ozzano conduce per tutti e quaranta i minuti. Bene il primo quarto chiuso sul +8. Nel secondo Guelfo reagisce tornando in scia agli ospiti, ma mai i gialloblù arrivano al sorpasso. Ozzano nel finale di quarto respira grazie ai canestri di Folli e alla sirena lunga è +7 La.Co.  Nel terzo periodo i Flying allungano fino al +12 (minuto 28) trascinati da Agusto e Morara, ma nell’ultimo periodo Castel Guelfo rientra in partita con i canestri di Govi e Santini tornando fino al -4. Nell’ultima parte di match sale in cattedra Corcelli che realizza 8 dei suoi 19 punti complessivi e regala ad Ozzano la fuga decisiva (56-65 il finale).

SALUS PALL. – VIRTUS SPES VIS 49 – 68

(17-22; 23-37; 31-60)

Salus Bologna: Amoni 2, Tubertini, Stojkov 8, Trentin 4, Savio 1, Pini 11, Conidi, Granata 5, Veronesi 3, Tugnoli 15. All. Fili.

Virtus Imola: Dalpozzo 2, Dal Fiume 2, Boero 6, Nucci 16, Creti, Casadei 13, Ranocchi 14, Zhytaryuk 11, Sassi, Sangiorgi 4. All. Tassinari.

NUOVA PSA MODENA – L.G. COMPETITION 79 – 89

(14-33; 34-52; 53-67)

Modena: Basilicò, Vivarelli 8, Pederzini 19, Riccio, Turcato 7, Tamagnini ne, Ghedini, Nasuti 4, Riguzzi 11, Taddei 4, Guazzaloca 24, Stucchi ne. All. Masini.

Castelnovo Monti: Canuti, Canovi, Magnani 8, Rossetti 3, Levinskis, Guarino 5, Torlai ne, Mallon 25, Simaitis 34, Parma Benfenati 8, Corradini 6. All. Diacci.

Prima sfida casalinga per la PSA Modena che dopo la sconfitta all’esordio sul parquet di Ozzano ospita l’ambiziosa neopromossa Castelnovo Monti. La Psa parte bene e si porta 6-2, ma, poi, subisce il ciclone Simaitis che infila sei triple di fila e trascina i suoi fino al 12-29 dell’ottavo minuto poi arrotondato a 14-33 alla prima pausa col lituano a quota 22 punti personali in otto minuti sul parquet. In avvio di secondo periodo altra spallata dei “montanari” prima che Modena reagisca e con un break di 8-0 torni a -12 rianimando il folto pubblico delle Ferraris ma gli ospiti sono quasi infallibili dalla lunga (12/17 alla pausa), così il divario all’intervallo lungo torna vicino ai 20 punti. LG parte subito forte, ma Modena non ci sta e rosicchia punto su punto fino al -14 dell’ultimo minibreak con Guazzaloca a guidare la truppa. La PSA continua la propria rimonta,-11 al 34’, -9 a 180” dal gong finale e -7 a ridosso dell’ultimo giro di lancette con 5 punti filati di Pederzini. Magnani dalla lunga spegne i sogni modenesi, la vittoria prende la via della montagna col punteggio finale di 79-89.

GAETANO SCIREA BASKET – POL. PONTEVECCHIO 59 – 70

(19-15; 36-25; 52-40)

Bertinoro: Frigoli 11, En. Solfrizzi 9, Perugini, Conocchiari 2, Zoboli 2, Bergantini 6, Ravaioli 5, Del Zozzo 4, Biandolino 2, Godoli, Bracci 16, Em. Solfrizzi 2. All. Brighina.

Pontevecchio: Buriani 4, Folli 16, Barbato ne, Gianninoni 7, Lorusso, Conti ne, Mantovani 2, Vetere 2, Bergami 5, De Gregori 12, Nanni 14, Di Rauso 8. All. Carretto.

BOLOGNA BASKET 2016 – PALL. TITANO 72 – 64

(15-22; 41-38; 59-57)

BB2016: De Pascale 2, Poluzzi 12, Tugnoli 18, Cortese 14, Bertuzzi 5, Guerri 2, Fin 6, Britza 7, Legnani 6, Trombetti ne, Drago ne, Cerulli ne. All. Lolli.

San Marino: Grassi 7, Ricci 16, Sinatra 16, Aglio 4, Gamberini 10, Padovano 7, Calegari 4, Riccardi, Riccardi, Felici. All. Foschi.

Dopo un esordio sfortunato in trasferta a Montecchio e pure con qualche affanno di troppo, il Bologna Basket 2016 raggiunge la prima vittoria casalinga nel campionato di C Gold contro una Pallacanestro Titano sempre attaccata alla partita e domata solo nei minuti finali. La migliore forma fisica e la panchina più lunga permettono ai bolognesi di terminare il match 72-64, dopo che un primo quarto finito sotto di 6 punti aveva fatto venire qualche brivido sulla schiena di coach Lolli. Migliore in campo Andrea Tugnoli, 17 punti con un 6/9 complessivo, mentre difensivamente il capitano Legnani ha dato energia a tutta la squadra, prendendo inoltre due sfondamenti nei momenti decisivi dell’incontro. Buona anche la partita di Brotza, autore di 7 punti e sempre pronto nella metà campo difensiva. La partita è stata poi risolta da Poluzzi e Cortesi: il primo con una bomba determinante e grande precisione nel finale dalla lunetta; il secondo con palle recuperate e punti (14).

La cronaca. Si parte e i sanmarinesi dimostrano subito di non essere venuti a Granarolo in gita di piacere. A metà tempo la partita è in equilibrio, ma il Titano piazza un parziale di 8-0, ricucito solo in parte da due canestri di Cortesi a fine quarto. Sotto di 6 punti, Lolli pesca dalla panchina (Guerri, Legnani, Brotza), la difesa sale di intensità e il risultato è un controparziale di 8-0. Sul 28-22 per i bolognesi si risvegliano gli avversari e si gioca punto a punto, anche se il BB2016 sta più di 2 minuti senza segnare. Alla pausa i padroni di casa sono avanti 41-38. Nella terza frazione S.Marino difende con energia, va in lunetta senza sbagliare liberi e mette alle corde il BB2016 che si tiene a galla con un Tugnoli scatenato da 3 e capace anche di giochi da 2+1 (canestro e tiro libero). All’inizio dell’ultimo quarto i padroni di casa sono ancora sopra di 2. Dopo un’entrata di Brotza, le due squadre cominciano a sentire la fatica e non segnano più. Ma ci pensa ancora Tugnoli con un’altra giocata da 3 punti, seguita da un canestro pesante di Poluzzi che gira la gara. A 3′ dal termine è 67-64 per i locali: Legnani prende uno sfondamento d’oro, gli ospiti sono stanchi e perdono due palloni consecutivi, con recuperi propiziati da Cortese. Poi, dalla lunetta, Poluzzi chiude il discorso.

CLASSIFICA

VSV IMOLA 4 2 2 0 159 121 +38
FLYING BALLS OZZANO 4 2 2 0 150 134 +16
LG COMPETITION CASTELNOVO M. 4 2 2 0 141 126 +15
FIORENZUOLA 1972 4 2 2 0 154 140 +14
PONTEVECCHIO BOLOGNA 2 2 1 1 131 123 +8
GUELFO CASTELGUELFO 2 2 1 1 128 127 +1
BOLOGNA BASKET 2016 2 2 1 1 142 142 +0
ACADEMY FIDENZA 2 2 1 1 155 156 -1
BSL SAN LAZZARO 2 2 1 1 125 132 -7
ARENA MONTECCHIO 2 2 1 1 143 153 -10
GAETANO SCIREA BERTINORO 0 2 0 2 106 122 -16
PSA MODENA 0 2 0 2 157 174 -17
SAN MARINO 0 2 0 2 126 144 -18
SALUS BOLOGNA 0 2 0 2 128 151 -23

SERIE C SILVER 2° Giornata

PALLACANESTRO CASTENASO – CREI 65 – 69

(20-21; 35-38; 52-51)

Castenaso: Curione 2, Baraldi 6, Fornasari 5, Spinosa 5, Betti 14, Cardinali 21, Campagna, Quaiotto 10, Parenti 2, Naldi ne, Venturi. All. Cinti.

Granarolo Basket: Masetti ne, Marchi 7, Spettoli 12, Paoloni 5, Ballini 12, Neviani 5, Salicini 9, Marega 9, Bernardinello, Cristalli 6, Bianchi 4, Carini ne. All. Carrera.

La Crei replica la partita corale della prima giornata ed espugna il palasport di Castenaso vincendo il derby con la squadra di Cinti al termine di una partita difficile, condotta per quasi tutti i quaranta minuti di gioco ma senza mai riuscire a staccarsi di dosso i coriacei padroni di casa.

Parte forte la Crei, con le triple di Paoloni e Ballini che si assistono a vicenda, e in 5′ raggiunge la doppia cifra di vantaggio sul secondo siluro di Ballini (5-15), costringendo al minuto Cinti. Sono Cardinali e Betti (alla fine i migliori dei padroni di casa) che dimezzano lo svantaggio in 2’30” poi le squadre si ribattono colpo su colpo fino al 9’15” (14-21); dopo un errore da ambo le parti, un gioco da 3 punti di Cardinali e una rubata con tiro da metà campo di Fornasari a fil di sirena che si insacca con l’aiuto del tabellone mandano le squadre a sedere con solo una lunghezza di vantaggio per gli ospiti (20-21 al 10′ con Cardinali a 11 punti). In avvio di secondo quarto Cardinali dalla distanza prima e dalla lunetta poi regala i primi vantaggi ai padroni di casa, ma Spettoli pigia sull’acceleratore e, complice un antisportivo di Fornasari sul play ospite, propizia un nuovo allungo della Crei che sul canestro di Marchi si riporta a +9 (27-36 al 15′). Cinti chiama la zona 1-3-1 e Granarolo si inceppa  mettendo a segno solo 2 liberi con Marega nei rimanenti 5′ prima del riposo lungo; Castenaso ne approfitta e un gioco da 3 punti di Quaiotto manda le squadre al riposo lungo sul 35-38. In apertura di terza frazione Ballini e Marega tentano l’allungo, ma Parenti e Cardinali rintuzzano (39-42 al 23′). Un parziale di 9-3 dà ai padroni di casa quello che sarà il massimo vantaggio nel match 48-45 al 28′). Un gioco da 3 punti di un imprendibile Spettoli interrompe la mini fuga dei padroni di casa; Betti segna 4 punti di fila e permette a Castenaso di affacciarsi agli ultimi 10′ di gioco con una lunghezza di vantaggio (52-51 al 30′). In apertura dell’ultimo periodo botta e risposta tra le due squadre e Castenaso a +2 sul canestro di Baraldi (57-55 al 33′). Salicini con una tripla fondamentale e Neviani dalla lunetta danno il +2 alla CREI in un minuto; Fornasari, Neviani e Betti e la partita è in perfetta parità a 5′ dalla fine (61-61). Salicini perfettamente armato da Bianchi spara la sua seconda fondamentale tripla; Betti risponde su rimbalzo d’attacco ma Salicini assiste Ballini e gli uomini di Carrera sono di nuovo a +3 (63-66 al 36′). Un minuto e mezzo di blackout per entrambe le squadre poi il quinto fallo di Bianchi manda in lunetta Cardinali che fa 1/2; Salicini fa lo stesso dall’altra parte (64-67 al 37’30”); le difese aumentano l’intensità e i bonus esauriti favoriscono i viaggi in lunetta: Betti fa 1/2, 65-67 al 38′; due errori al tiro e due perse equamente divise, poi Ballini si guadagna un viaggio in lunetta, fa 1/2 e riporta i suoi a un possesso pieno di vantaggio 65-68 a 40″ dalla fine; Castenaso non riesce a forare il muro difensivo della CREI per due volte, Ballini si guadagna un altro viaggio in lunetta e con un altro 1/2 suggella il definitivo 65-69 che mantiene la sua squadra a punteggio pieno.

ME CART – OLIMPIA CASTELLO 2010 59 – 81

(17-15; 35-37; 47-52)

Cavriago: Zecchetti, Mazza 18, Fantini 2, D’Amore 10, Baroni, Pezzi 8, Lorenzani, Franzoni 6, Bernardoni 3, Cantagalli, Vecchi 6, Pedrazzi 6. All. Martinelli.

Castel San Pietro: Fimiani 13, Dall’Osso 13, Pedini 14, Beccaletto 8, Cavina, Zambrini 13, Pellacani 9, Lugli 9, Governatori 2, Castellari ne, Zuffa ne. All. Loperfido.

REBASKET – CVD BASKET CLUB 77 – 68

(17-16; 43-36; 63-54)

Rebasket: Violi, Tognato, Nunziato 3, Castagnaro 19, Defant 16, Ferrari 2, Dall’Asta, Battaglia 12, Amadio 17, Panizzi, Tondelli, Lusetti 8. All. Casoli.

CVD Casalecchio: Taddei 2, Skocaj 13, Santilli 6, Penna 1, Falzetti 2, Lelli, Fuzzi 9, Trois 11, Masetti 2, Sighinolfi 20, Ballanti 2. All. Lanzoni

Pronti e via ed e’ Amadio che spacca la difesa bolognese in penetrazione per il 7-2, Fuzzi riporta sotto i suoi  con due triple, 11-10 al 5′. In casa Rebasket arriva la replica di Defant e il quarto finisce 17-16. Secondo periodo ancora all’insegna dell’equilibrio: in casa Rebasket qualche palla persa di troppo, Casoli chiama time out sul 19-22, Lusetti commette il 3° fallo, ma il duo Amadio-Battaglia riporta i biancorossi in perfetta parità 26-26 al 15′. I bolognesi perdono un po’ di smalto, la Rebasket punisce prontamente con la tripla di Defant e, coadiuvato da Amadio, porta al 18′ i reggiani al massimo vantaggio (39-32), Il CVD prova la rimonta con Trois e Stocaj, ma Castagnaro chiude il parziale sul 43-36. La ripresa inizia con lo show, in casa bolognese, di Sighinolfi che, con 12 punti in un amen, riporta i suoi a -3 al 25′. Ma la replica della Rebasket non si fa attendere, prima con due triple “ignoranti” di Castagnaro e da un ritrovato Lusetti che domina sotto il pitturato, dando ai suoi il +8 alla fine del parziale. Ultimo quarto: primi tre minuti di blackout in casa biancorossa, gli ospiti si riportano sotto e a cinque minuti dal termine il tabellone luminoso recita 63-59. L’equilibrio regna fino a due minuti dal termine (67-63), ma a spezzare il match ci pensava ancora Castagnaro che, con una tripla pazzesca, porta a 48″ dal termine, i biancorossi sul 72-65, dando di fatto ai suoi la seconda vittoria in campionato

VIS 2008 – BK POL. CASTELFRANCO E. 59 – 89

(13-24; 38-56; 49-76)

Vis Ferrara: Labovic 10, Grazzi 6, Oseliero, Salvardi 3, Kekovic 15, Natali 2, Brilli, Favali 1, Fiore 4, Gamberini 16, Mancini 2, Caselli. All. Franchella.

Castelfranco Emilia: Ayiku ne, Tomesani 20, Coslovi 1, Paolucci 3, Sforza 2, Vannini 5, Del Papa 5, Prampolini, Righi 14, Villani 11, Frilli 5, Tedeschini 23. All. Boni.

Castelfranco si rimette subito in carreggiata dopo la brutta scoppola casalinga di domenica scorsa, andando a vincere sul campo delle Vis 2008 Ferrara, società satellite della squadra locale di A2. Gli avversari sono praticamente la stessa squadra che partecipa al campionato U20 Eccellenza, con tutti i pregi e tutti i difetti che la situazione comporta. Quindi se da una parte vi è una grande freschezza atletica e predisposizione alla corsa (ben 17 rimbalzi offensivi conquistati), dall’altro lato vi è qualche lacuna a livello tattico e di tenuta mentale.

Venendo al match, coach Boni si presenta con lo stesso quintetto della prima giornata quindi Righi, Tomesani, Del Papa, Tedeschini, Villani a cui coach Franchella oppone Caselli, Grazzi, Mancini, Kekovic e Gamberini. Castelfranco dimostra di avere imparato la lezione e parte in maniera molto più concreta e attenta, indirizzando la partita con una difesa attenta e solida e un attacco dove si cerca sempre il tiro migliore. Villani finalmente inizia a farsi sentire dai due lati del campo, ben coadiuvato dai compagni, mentre per i locali unico a reggere impatto è Gamberini che segna 9 punti dei 13 della squadra nel quarto. Il secondo quarto vede le due compagini affrontarsi in maniera molto più aperta e vive di strappi e contro strappi: Castelfranco parte forte per scrollarsi di dosso definitivamente i giovani avversari, ma un piccolo passaggio a vuoto e 5 punti in fila di Kekovic e Natali, costringono Coach Boni al time out (21-31 al 13’). Castelfranco ritorna a essere una macchina ben oliata, Tedeschini sale in cattedra e segna 12 punti nel quarto subendo anche 5 falli e gli ospiti allungano sul +18 dell’intervallo lungo (38-56). Fa sorridere come soli 5 giorni fa, i biancoverdi abbiano segnano 49 punti totali nel match e quest’oggi vadano a riposo con 56. Coach Boni raccomanda concentrazione e intensità sin dall’inizio dei secondi venti minuti, per spegnere ogni velleità di rimonta dei giovani avversari, che una volta accesi, potrebbero dimostrarsi un boccone assai indigesto. Castelfranco parte in maniera molto solida, non concede nulla di facile e il divario pian piano si allarga sempre  di più toccando il +27 a fine terzo quarto (49-76 al 30’) e il +30 finale. Da segnalare l’esordio stagionale di Prampolini, giovane della “cantera” biancoverde che già aveva fatto qualche minuto nella passata stagione e i primi 2 pt a livello senior di Mattia Sforza, che si fa trovare pronto quando il coach lo chiama in causa.

RIVIT – VENTURI 63 – 70

(15-17; 25-38; 38-55)

Grifo Imola: Turrini, Bartoli, Lucchetta 9, Russu 11, Lanzoni 5, Bonetti 13, Orlando 11, Zaccherini 2, Sgorbati 10, Martini 2, Borgognoni, Castelli. All. Palumbi.

Anzola: Poluzzi 2, Bortolani 22, Basta, S. Parmeggiani 1, Zucchini 3, F. Parmeggiani 4, Gamberini, De Ruvo 14, N. Venturi 6. D. Venturi, Albertini 12, Mazza 6. All. Trevisan.

La Rivit esce sconfitta anche dal secondo incontro del mese terribile che il calendario le ha riservato. Una prestazione in chiaro-scuro, perché se primo e ultimo quarto hanno visto una squadra pimpante e con buone trame di gioco, i due quarti centrali hanno visto una squadra con poche idee e spesso confuse. Ma alla Grifo manca soprattutto esperienza, perché nessuno ha mai veramente giocato in un campionato di C e questo fa ben sperare in una crescita futura, quando questo tour de force iniziale sarà finito. Si inizia con Rivit contro De Ruvo, infatti, dopo 4 minuti i cinque giocatori imolesi sono già andati a referto, mentre di là De Ruvo ha segnato già 8 dei 12 punti che marcherà nel quarto (7-9 il punteggio). Nel secondo quarto il “vecchio” Bortolani (11 punti) fa scuola di basket e così Anzola prende il largo (20-28 al quarto il primo significativo vantaggio ospite). Da lì in poi fino alla fine del terzo periodo è un monologo Anzola con Bortolani in cattedra (altri 10 punti nel terzo periodo) e il vantaggio esterno dilata fino al 27-49 del ventisettesimo minuto, con la Rivit capace di segnare solo 12 punti in diciassette minuti. Nell’ultimo periodo la Rivit si risveglia dal torpore, difende forte, recupera palloni, smette di perderne, acquista fiducia e, alla fine, ritrova fluidità in attacco. Tre bombe filate due di Sgorbati e una di Bonetti, seguiti da un canestro su rimbalzo offensivo di Russu riportano la Rivit sotto la doppia cifra (56-65 a tre dal termine). Un fallo in attacco all’alba dell’ultimo minuto, con la Grifo sul 61-67 sembra chiudere la contesa, ma, sulla rimessa, Bonetti recupera palla subisce fallo ed è implacabile dalla lunetta (63-67). Risponde Zucchini sempre dalla linea della carità (63-69), poi la Grifo recupera un altro pallone, ma sbaglia il contropiede a 20″ dalla fine. La Rivit sceglie di difendere e rubare palla, ma Anzola nasconde il pallone e il fallo subito dal solito Bortolani a 3 decimi di secondo dalla sirena chiude la gara. Poco importa che faccia solo 1/2.

GINNASTICA FORTITUDO – BERNAITALIA 74 – 103

(16-25; 30-62; 46-81)

S.G. Fortitudo: Barattini 13, Zucchini, Pampani 3, Valenti 2, Baccilieri 16, Zinelli 7, Mandini 5, Pederzoli 5, Galassi, Sgarzi, Bonazzi 11, Pesino 12. All. Solaroli.

Virtus Medicina: Jdidi, Marinelli 12, Govi 10, Lorenzini 3, Verde 5, Rambelli 19, Tinti 16, Mini 14, Biguzzi 15, Stagni 2, Barba 5, Seracchioli 2. All. Cavicchioli.

Primo quarto gradevole: Tinti e un positivo Barba portano i giallo neri in vantaggio sul 16 a 25. Secondo periodo ed un immenso Tinti (16 punti, 4 recuperi  6 assist) mette in ritmo tutti i “big” medicinesi: Mini (14 punti), Govi (10 punti, 7 rimbalzi), Rambelli (19 punti), Biguzzi (15 punti, 10 rimbalzi) vanno a segno a ripetizione, perché da una buona pressione difensiva la Virtus innesca il contropiede e trova ritmo in attacco, ritmo che è la chiave del gioco; il parziale è eloquente, 14 a 37 e la Bernaitalia vola a +32, sul 30–62 con cui si va all’intervallo lungo. Terza frazione e, sotto la guida di Seracchioli, la Virtus amministra, sull’asse Lorenzini-Verde si confezionano buone giocate e Marinelli (13 punti , 9 rimbalzi) controlla le operazioni. Quarto periodo e coach Cavicchioli mette in campo tutti i suoi effettivi e si vede un buon Stagni. Vince Medicina col punteggio di 74 a 103.

CNO SANTARCANGELO BASKET – PALLACANESTRO MOLINELLA 78 – 71

(18-27; 39-40; 52-60)

Santarcangelo: Fornaciari, Bianchi 6, Cunico 5, Fusco 15, Canini 14, Giuliani ne, Dini 10, Raffaelli 14, Pasini ne, Ramilli 14, Guziur ne, Saponi 14. All. Bernardi.

Molinella: Guazzaloca 6, Brandani 19, Menna ne, Checcoli 6, Frignani 11, Frazzoni 3, Capobianco 2, Lanzi 9, Regazzi 9, Ramini 6. All. Boiocchi.

Primo quarto con una partenza disastrosa per i clementini che si vedono sommersi dalle bombe di Brandani e dal gioco ben eseguito in attacco per le soluzioni di Regazzi da sotto per Molinella. Il parziale è devastante. 20 punti nei primi cinque minuti di gioco subiti dalla squadra di Coach Massimo Bernardi che ne combina appena 6. Ci si aggrappa alla guida di Capitan Saponi che prova a tenere a galla i suoi compagni con ottime giocate nel pitturato che permettono di ricucire un minimo lo strappo. Il solito Raffaelli poi ci mette lo zampino con frecce infuocate dall’arco che portano sotto la doppia cifra di svantaggio per i Dulca sul 18-27 del primo quarto. Il secondo parziale si apre con gli Angels che cercano il ribaltone. Difesa a tutto campo con Canini (attenzione a questo nome oggi) in punta e Bianchi a recuperare palloni, Dini e Fusco (anche loro due niente male, vedremo) e il solito Raffaelli a dannarsi per la squadra. Santarcangelo piano piano riduce le distanze e a metà secondo quarto è sotto di tre. Fusco a rimbalzo è devastante. Dini in difesa e in attacco è clamoroso. Una bomba di Canini riporta le squadre a contatto. A fine secondo periodo gli Angels sono sotto di una sola lunghezza sul 39-40 Molinella, che continua nel contempo ad avere percentuali di categoria oggettivamente superiore oltre i 6.75m. Negli spogliatoi Coach Massimo Bernardi carica la squadra che si ripresenta sul parquet con un ottimo piglio. Cercato molto spesso Saponi in post basso che si muove molto bene, ma che viene costantemente triplicato. Brandani continua dall’altra parte a sparare da fuori come se non ci fosse un domani. Frignani gli dà una mano costante e dopo il primo pareggio di serata sul pari 46, i Dulca si ritrovano a fine quarto sotto di 8 punti sul 52-60. Gli ultimi dieci minuti iniziano con una carica spaventosa dei padroni di casa. Quando il gioco si fa duro, gli Angels cominciano a giocare. E quando si arriva nei momenti difficili c’è bisogno di eroi che risolvano la situazione. Canini viene mandato da Coach Bernardi sul cubo dei cambi. Entra con una determinazione cestistica incredibile e ha un impatto devastante sulla partita. Due triple fragorose, un canestro e fallo da fantascienza dopo aver catturato un rimbalzo offensivo. Fusco: +25. Dini: +21. Canini:+22. Il che significa che con loro in campo i clementini hanno prodotto una differenza media di 23 punti circa. Semplicemente decisivi. E qui c’è da fare anche un encomio a Massimo Bernardi che ha creduto in loro nei momenti decisivi, lasciando magari meno minuti a chi, sulla carta d’identità in particolare, è più esperto e navigato in certe situazioni. Chapeau. Santarcangelo prima va pari 63, poi, dopo un tira e molla durato tutto il quarto periodo, nell’ultimo minuto scappa e va a vincere 78-71.

NOVA ELEVATORS – PALL. NOVELLARA 86 – 79 dts

(8-22; 32-40; 48-56; 70-70)

San Giovanni in Persiceto: Acciarri, Almeoni 22, Baccilieri 9, Carpani, Cornale 13, Ferrari, Papotti 6, Rusticelli 2, Verardi 28, Zappoli 6, Vaccari. All. Berselli.

Novellara: Pizzetti, Margini M., Pietri, Margini D. 2, Morgotti 5, El Ibrahimi 12, Carpi 10, Ciavolella 13, Aguzzoli 4, Bartoccetti 11, Dilas, Astolfi 22. All. Spaggiari.

CLASSIFICA

OLIMPIA CASTEL SAN PIETRO 4 2 2 0 173 129 +44
REBASKET CASTELNUOVO 4 2 2 0 142 117 +25
GRANAROLO BASKET 4 2 2 0 139 120 +19
ANZOLA 4 2 2 0 142 130 +12
CASTENASO 2 2 1 1 147 132 +15
CASTELFRANCO EMILIA 2 2 1 1 138 124 +14
VIRTUS MEDICINA 2 2 1 1 166 156 +10
MOLINELLA 2 2 1 1 139 133 +6
NOVELLARA 2 2 1 1 167 163 +4
CNO SANTARCANGELO 2 2 1 1 145 143 +2
CVD CASALECCHIO 2 2 1 1 130 137 -7
VIS PERSICETO 2 2 1 1 156 171 -15
GRIFO IMOLA 0 2 0 2 140 158 -18
SCUOLA BASKET CAVRIAGO 0 2 0 2 119 143 -24
S.G. FORTITUDO BOLOGNA 0 2 0 2 129 171 -42
VIS 2008 FERRARA 0 2 0 2 114 159 -45

Serie D, Francesco Francia, prova di forza. Magik, che rimonta! Girone B, bis per il Selene

SERIE D/A 2° Giornata

H4T – P.G.S. WELCOME 74 – 65

21-18/37-33/59-48)

S.P. Vignola: Ganugi 21, Badiali 13, Murotti ne, Nascetti 2, Caltabiano, Barbieri A. ne, Gamberi ne, Degli Angeli 7, Paladini 13, Guidotti 11, Zavatta 3, Silingardi 4. All. Sacchetti.

PGS Welcome: Lamborghini 11, Baroncini F., Calzolari L. 4, Calzolari M., Bernardini 2, Martelli 3, Sabbioni 12, Brunello 2, Orlandi, Chiapparini 8, Baroncini M. 6, Venturoli 17. All. Bulgarelli.

POLISPORTIVA BIBBIANESE – SAMPOLESE BK 56 – 64

BASKET VOLTONE MASCHILE – POLISPORTIVA CASTELLANA 63 – 37

(17-5; 41-21; 53-32)

Monte San Pietro: Di Stefano 2, Giacometti A. 4, Maldini S. 11, Castaldini 4, Maldini M., Codicini ne, Ferraro 12, Giacometti J. 15, Calzini, Magi 9, Tubertini 6. All. Torrella.

Castelsangiovanni: Galli 2, Coppeta 4, Libè 2, Eccher 2, Badini 11, Baldini, Zermani, Bisagni, Mori 2, Boselli 6, Brandolini, Markovic 8. All. Fanaletti.

U.P. CALDERARA PALL. – MAGIK BASKET 58 – 66

(19-11; 34-33; 56-42)

Calderara: Rallo 16, Leonelli, Cacciari 3, Zocca, Berti ne, Vignoli ne, Selvi 11, Rubino 2, Turchetti 2, Serio 9, Raggi 6, Projetto 9. All. Venturi.

Magik Parma: Bazzoni, Donadei 2, Malinverni N., Bocchia 2, Malinverni L. 7, Paulig 25, Ceci 8, Montagna 4, Diemmi 18, Berlinguer ne. All. Padovani.

F.FRANCIA PALL. – PALL. NAZARENO CARPI 68 – 61

(17-12; 31-28; 52-44)

Zola Predosa: Galli 8, Perrotta 3, Gamberini 10, Zini 2, Mazzoli, Maselli, Barilli Fe. 2, Masina 14, Barilli Fi. 17, Bosi, Bavieri 1, Romagnoli 11. All. Benini.

Carpi: Carretti 2, Compagnoni 8, Pivetti 4, Biello 14, Spasic 4, Marra 18, Bonfiglioli 2, Saetti 2, Lavacchielli, Valenti 2, Pravettoni 5. All. Beltrami.

VENI BASKET – PALLACANESTRO FULGOR 2014 62 – 56

(12-10; 28-22; 47-33)

San Pietro in Casale: Gamberini, Pastore 5, Govoni 19, Franceschelli, Molea 2, Ferrolli 9, Ventura 19, Mantovani 1, Ghedini 2, Ballarin 3, Billi 2, Sakho. All. Folchi.

Fidenza: D’Esposito 7, Gaudenzi, Moscatelli 18, Iacomino 10, Rivetti 4, M.Vecchio 6, Montanari 5, Imeri, Parmigiani 4, Baratta 2, Molinari. All. Olivieri.

ANTAL PALLAVICINI – U.S. LA TORRE 59 – 44

(17-13; 27-28; 45-34)

Pallavicini: Maestripieri 13, Spadellini, Tosiani 7, Cenesi 8, Galeotti 4, Nanni G. 2, Benuzzi 2, Sgargi 2, Nanni M. 6, De Martini 5, Minghetti 10, Consolini. All. Bignotti.

La Torre Reggio: Davoli 4, Mazzi G., Scianti 3, Vezzosi 5, Ferretti 4, Pezzarossa 8, Mazzi F. 6, Mussini 4, Bondioli 4, Lavaggi, Margaria 6, Giaroli 2. All. Spadacini.

La Pallavicini esce alla distanza e centra il primo successo stagionale a spese della Torre, che alterna buone cose a momenti di black-out, confermando di essere ancora alla ricerca della condizione e dell’assetto ideale. Così, gli ospiti rispondono all’iniziale tentativo di allungo avversario (13-6), chiudendo sul -4 il primo quarto (17-13) e non si fanno intimorire nemmeno dal break di 8-0 di inizio secondo periodo (25-13), a cui replicano con un bel parziale di 15-2, che permette loro di andare all’intervallo addirittura sul +1 (27-28). Il punteggio resta a lungo equilibrato anche nel terzo parziale, poi la Pallavicini opera l’allungo decisivo, quando, sfruttando i già citati cali di concentrazione dei grigiorossi, vola sul +11 del 30’ (break di 10-0 dal 35-34 per il 45-34). La Torre, complici le basse percentuali al tiro, non riesce più ad avvicinarsi ed i bolognesi conducono tranquillamente il porto il risultato a loro favore negli ultimi dieci minuti.

CLASSIFICA

FRANCESCO FRANCIA ZOLA 4 2 2 0 137 109 +28
SAMPOLESE 4 2 2 0 131 110 +21
ATLETICO BOLOGNA 2 1 1 0 79 48 +31
VOLTONE ZOLA 2 1 1 0 63 37 +26
NAZARENO CARPI 2 2 1 1 142 120 +22
PALLAVICINI BOLOGNA 2 2 1 1 125 113 +12
SCUOLA PALL. VIGNOLA 2 2 1 1 136 128 +8
FULGOR FIDENZA 2 2 1 1 119 124 -5
PGS WELCOME BOLOGNA 2 2 1 1 133 138 -5
VENI SAN PIETRO IN CASALE 2 2 1 1 116 123 -7
CASTELLANA CASTEL S.GIOVANNI 2 2 1 1 106 129 -23
MAGIK PARMA 2 2 1 1 114 137 -23
CALDERARA 0 2 0 2 122 134 -12
LA TORRE REGGIO EMILIA 0 2 0 2 92 128 -36
BIBBIANESE 0 2 0 2 108 145 -37

SERIE D/B 2° Giornata

BASKERS FORLIMPOPOLI – PARTY & SPORT 84 – 71

(14-26; 41-41; 58-51)

Forlimpopoli: Pinza 9, Marzolini 3, Bourkadi 10, Ronci 3, Cristofani 7, Cortini 22, Picone, Totaro 24, Biffi 6, Mingozzi, Poggi, Brunetti. All. Rustignoli.

P&S Ozzano: Migliori 8, Gambetti, Garagnani 7, Fioravanti 14, Dozza 7, Marchi 6, Spadoni, Zerbini 19, Lazzari 7, Passatempi 1, Martelli 2. All. Garavini.

Arriva la prima vittoria stagionale per i Baskérs che, con una prova di grande solidità ed orgoglio, battono per 84-71 i Party and Sport tra le mura amiche del PalaPicci.

Il primo quarto è decisamente spettacolare, anche se sul parquet i protagonisti sono gli ozzanesi che, approfittando anche di qualche sbavatura della difesa di casa, iniziano a mitragliare dall’arco con percentuali irreali: Lazzari e Zerbini sono le principali bocche da fuoco che, per otto volte consecutive, incendiano le retine dalla lunga distanza. Di fronte ad un avversario in evidente stato di grazia, i Baskérs provano a non perdere terreno, trovando in Cortini e in Totaro le ancore di salvezza per non sbragare. Nel secondo quarto, i padroni di casa cambiano faccia: Ronci ribalta l’inerzia emotiva del match, mentre Pinza e Marzolini segnano i punti che riaprono il match. Dall’altra parte, infatti, la difesa trova le giuste contromisure e lascia le briciole agli ospiti, che continuano comunque a muovere il tabellino con le bombe di Fioravanti. Dal -15 del primo quarto, però, i Baskérs arrivano all’intervallo su un 41 pari che vale oro. Al rientro dagli spogliatoi, i forlimpopolesi continuano a macinare gioco: Biffi trova un paio di canestri, poi la bomba di Cristofani scava ulteriormente il solco. Dall’altra parte, invece, Party&Sport segna quasi solo dalla lunetta, faticando oltremodo a ritrovare l’iniziale fluidità offensiva. Nell’ultimo quarto, Ozzano riprova a farsi sotto, pungendo nel pitturato con Marchi, ma gli scarsi sono sintonizzati sul match: prima Cortini inventa un paio di canestri, poi una buona circolazione premia un Bourkadi implacabile dall’arco che porta il vantaggio oltre la doppia cifra a pochi minuti dal gong. Gli ospiti non mollano e con Zerbini ci provano fino all’ultimo a riaprire la questione, ma dall’altra parte è Pinza, dalla lunetta, a chiudere la questione.

STEFY BASKET – CESTISTICA ARGENTA 60 – 90

(19-21; 33-46; 47-67)

Stefy: Pancaldi 12, Melchiorre 5, Riguzzi 2, Grilli, Marzioni 12, Franceschini 12, Poli 7, Zambonelli, Lamborghini 7, Forni 3. All. Scandellari.

Argenta: Alberti A., Pusinanti 3, Alberti D. 7, Cesari 3, Ardizzoni 13, Bianchi 6, Bottoni 7, Quaiotto 13, Peretti 14, Di Tizio 4, Torriglia 10, Malagolini 10. All. Panizza.

Pronto riscatto per la Cestistica che, dopo la sconfitta a domicilio della prima giornata, “asfalta” la Stefy Basket conquistando il primo referto rosa in campionato. Inizio gara in salita per gli argentani, molli in difesa e confusionari in attacco e padroni di casa che puniscono da oltre l’arco con Poli e Franceschini per il +5 (10-5) dopo tre minuti di gioco. Coach Panizza vuole parlarci sopra e dopo un “time out di fuoco”, si ripresenta in campo una squadra trasformata; gli ospiti fanno valere la loro maggiore fisicità e progressivamente prendono il controllo del pitturato. Una tripla di Alberti Davide firma il primo vantaggio Cestistica (12-13) a 2′ dalla prima sirena, Ardizzoni domina in vernice, ma un paio di banali errori ed un canestro acrobatico di Melchiorre permette ai felsinei di limitare i danni sino al -2 (19-1) che manda in archivio il primo parziale. Nel secondo periodo Argenta tenta l’allungo “lucrando” sei lunghezze di vantaggio grazie ai piazzati di Ardizzoni e Di Tizio, ma le triple di Marzioni e Pancaldi stoppano il tentativo di fuga bianco blu. A due giri di lancette dall’intervallo lungo, la svolta: Pusinanti francobolla Marzioni prima e Franceschini poi e i padroni di casa smarriscono la via del canestro; sul fronte opposto Quaiotto sale in cattedra andando a segno ripetutamente per il + 11 (33-44) a 27″ dalla conclusione del parziale, prima che Bianchi, in contropiede, dilati ulteriormente lo strappo sino al +13 (33-46) con cui le squadre vanno al riposo. Alla ripresa del gioco altro mini allungo Cestistica  firmato da una tripla di Torriglia e da una penetrazione di Bianchi per il +18 (33-51). La Stefy arranca, non segna da fuori area ed in penetrazione sbatte sistematicamente sul muro difensivo argentano, mentre gli ospiti trovano “terreno fertile” in vernice ancora con Torriglia per il +25 (39-64) a due minuti dalla terza sirena. Due “sussulti” di Marzioni sul finale del quarto riducono il divario a venti lunghezze (47-67) ma l’impressione è che la gara sia ampiamente in archivio. Impressione puntualmente confermata dall’ulteriore accelerata argentana all’inizio dell’ultimo parziale, con Bottoni e Alberti Alessandro abili a innescare i compagni nel pitturato; Di Tizio firma il +25 (75-50) a sei minuti dal termine, prima che una tripla di Malagolini ed un immarcabile Peretti mettano il punto esclamativo alla vittoria ospite, sino al +30 conclusivo.

G.S. INTERNATIONAL BASKET – SELENE 67 – 73

(16-17; 32-32; 48-57)

International Imola: Baldazzi 7, Regazzi 13, Wiltshire 5, Scagliarini 2, Lucchi 9, Dirella 7, Foronci ne, Montanari 6, Argenti 4, Zaccherini 2, Ginevri 11. All. Gemelli.

Sant’Agata sul Santerno: Montanari, Pasquali 11, Pirazzini 10, Vignudelli, Carlotti 5, Mastrilli 11, Trerè 4, Caprara 16, Baldrati 11, Camorani 5. All. Lanzi.

IMMOBILIARE 2000 – BASKET VILLAGE 79 – 60

(21-15; 48-32; 72-44)

Giardini Margherita: Alaimo 10, Venturi 16, Nobis 4, Florio 2, Pezzano 1, Bonesi 3, Sterpi 8, Pellegrinotti 2, Cataldo 11, Pierini 7, Puzzo 6, Sebastianutti 9. All. Piccolo.

BK Village Granarolo: Dalla 5, Paoloni 5, Cerulli 14, Banzi, Landuzzi, Morando 12, Poli, Marcheselli 1, Chittaro 2, Meluzzi 4, Polo 11, Nicotera 6. All. Ansaloni

BASKET RICCIONE – CESENA BASKET 2005 84 – 68

(29-15; 51-27; 68-51)

Riccione: Egbutu, Zaghini, Casadei, Ortenzi, Mazzotti 6, Sacchetti 13, Pierucci, Brattoli 20, D’Aurizio 6, Ambrassa 9, De Martin 30. All. Ferro.

Cesena: Scaccabarozzi 12, Rossi Fe. 6, Romano 8, Montalti 1, Rossi Fi. 6, Moscatelli 5, Benzi, Montaguti 5, Cafasso, Dell’Omo 14, Balestri 11, Di Meglio. All. Domeniconi.

Primo giorno di scuola superiore per Cesena che, dopo l’eccellente stagione scorsa in Promozione, sale in serie D, ma al suo esordio trova subito pane per i suoi denti, ancora poco affilati per questi livelli. Sul campo di un Riccione solidissimo, Cesena balbetta per oltre due quarti prima di adattarsi ad un livello ai più sconosciuto, ma la partita è già ampiamente segnata con distacchi quasi stabilmente attorno ai venti punti. L’irruenza e la fisicità di De Martin e Brattoli lasciano ferite profonde nella difesa cesenate, mentre nella metà campo offensiva le idee sono ancora abbastanza confuse con tanti errori e palle perse che innescano le fulminee volate a campo aperto dei padroni di casa. La partita rimane sempre saldamente in pugno ai ragazzi di coach Ferro, anche se nella seconda parte del match Cesena prova a reagire e non cala mai la tensione, lottando su ogni pallone fino allo scadere. Il diverso atteggiamento della squadra negli ultimi due quarti è certificata dai parziali entrambi vincenti (24 a 17 e 17 a 16) che portano il divario ad un minimo di 14 punti, anche se Riccione dimostra di avere sempre il pieno controllo della situazione.

ARTUSIANA BK – SCUOLA BASKET FERRARA 69 – 51

(18-13; 39-25; 53-36)

Forlimpopoli: Rossi 3, Valgimigli 2, Ballistreri 6, Mariani 8, Calboli, Piazza 11, Vitali, Serrani 12, Arfelli 5, Servadei 6, Ravaioli 16. All. Agnoletti.

S.B. Ferrara: Rimondi 4, Pigozzi 4, Gavagna, Bertocco 11, Bererziatua 14, Proner 5, Romagnoni 11, Vicini, Malaguti 2. All. Schincaglia.

BELLARIA BASKET – PALL. BUDRIO 2012 77 – 66

(22-17; 42-34; 58-56)

Bellaria: Scarone 41, Nervegna 14, Benedettini 9, Pulvirenti 6, Clementi 5, Raffaelli 2, Gori, De Maio, Stabile, Casadei. All. Radulovic.

Budrio: Zambon 15, Cesario 13, Cilfone 9, Manini 7, Curti 5, Tuccillo 5, Lazzari 5, Zitelli 3, Quarantotto 2, Zanellati 2, Maccaferri, Tugnoli. All. Bovi.

CLASSIFICA

RICCIONE 4 2 2 0 154 105 +49
IMMOBILIARE 2000 BOLOGNA 4 2 2 0 161 127 +34
ARTUSIANA FORLIMPOPOLI 4 2 2 0 145 115 +30
SELENE S. AGATA 4 2 2 0 143 133 +10
ARGENTA 2 2 1 1 157 142 +15
BASKERS FORLIMPOPOLI 2 2 1 1 149 139 +10
BELLARIA 2 2 1 1 136 132 +4
STARS BOLOGNA 2 1 1 0 73 72 +1
PALL. BUDRIO 289 2 2 1 1 134 142 -8
BASKET VILLAGE GRANAROLO 2 2 1 1 126 138 -12
INTERNATIONAL IMOLA 0 2 0 2 139 146 -7
CESENA BASKET 2005 0 1 0 1 68 84 -16
PARTY&SPORT OZZANO 0 2 0 2 135 160 -25
STEFY BOLOGNA 0 2 0 2 126 160 -34
S.B. FERRARA 0 2 0 2 88 139 -51

Scatta il campionato di Promozione, il primo squillo è dell’Argelato, il secondo della Libertas San Felice

PROMOZIONE 1° Giornata

GIRONE A

CRAVATTIFICIO CONTI – SALSOMAGGIORE CITY 64 – 49

Basketreggio: Chiesi ne, Boselli 7, Morabito 9, Camellini 19, Camurri 7, Generali 2, Olivi ne, Morelli, Carra 10, Costantino 1, Spaggiari 10, Tirelli. All. Boni.

Salsomaggiore City: Canali 11, Aimi 6, Cigala, Avanzini Fi. 6, Besagni 1, Rattotti, Cabrini 4, Avanzini Fa. 17, Maccini 4. All. Antonicelli.

VICO BASKET – NUOVA CUPOLA 64 – 63

(17-14; 30-27; 54-44)

Vicofertile: Zambelli 3, LaVega 2, Caggiati 2, Savani 3, Mastroberardino 3, Quattrocchi 2, Bozzetto, Asta S. 25, Zucchi 10, Asta G. 6, Adama Kissi 6, Cristini 2. All. Caggiati.

Nuova Cupola Reggio: Chesi 6, Buttarelli 11, Libertini 12, Giannasi 2, Cuda, Monaco 7, Setti 9, Iotti, Giuriola 1, Lasagni 9. All. Seondrini.

VIRTUS PONTEDELLOLIO – IRA TENAX AD B. CORTEMAGGIORE 72 – 67

(21-19; 41-37; 52-53)

Ponte dell’Olio: Gregori, Fuochi, Bagicalupi 2, Fellegara 2, Totaro 15, Petkowski, Ponzi 3, Carini 4, Bellin, Cottini 17, Passalacqua 7, Petrov 18. All. Lucev.

Cortemaggiore: Avanzi 13, Capolicchio, Stecconi 3, Villani 5, DI Stefano 7, Righi 4, Betti 2, Pirolo 8, Gelmini 18, Poggi 2, Antoniazzi 5. All. Fiesolani.

LASEMILIA – DUCALE 61 – 49

(16-18; 30-31; 46-35)

Planet Parma: Ruozzi 8, Cavaglieri, Giublesi, Franchini 4, Paschetta 11, Modica 4, Rosi, Servidei 7, Manuto 11, Bertoni 16. All. Paletti.

Ducale Parma: Faveri 6, Scarpati 5, Bertolini, Cappelletti 2, Frazzi 6, Giorgi 18, Resurreccion, Pezzani, Allodi, Pergetti 7, Saporito3, Botti 2. All. Raffin.

Prima di campionato che propone un derby (saranno tanti quest’anno), in salsa parmigiana. Da una parte gli esperti giocatori Lasemilia allenati da Paletti, dall’altra i giovani della Ducale, guidati in panchina da Tiziano Raffin. Come ogni prima stagionale, anche questa gara porta con se tutti i dubbi e le domande che si presentano quando ci si ritrova dopo un’estate lontana dalla palestra. E questi “dubbi” vengono fuori fin dall’inizio, con la Lasemilia ancora arrugginita che fatica a prendere le misure alla Ducale, che dal canto suo è brava a sfruttare la maggiore freschezza ed anche qualche centro inaspettato dalla distanza. La Lasemilia però è brava a rifugiarsi nelle sue certezze, trovando canestri su tagli e sfruttando una maggior consapevolezza dei proprio mezzi, anche se spreca troppo in avvicinamento con Servidei, bravo a trovare il guizzo per battere l’uomo,  ma impreciso nei pressi del canestro. Il primo tempo si chiude però con la Ducale avanti, aggrappata al talento di Giorgi ed alla attività sotto canestro di Frazzi e Scarpati, quest’ultimo forse poco servito dai compagni (20’ 30-31). Nel terzo quarto si decide la partita: la Lasemilia parte subito forte, chiudendo la strada verso il canestro e giocando con maggiore attenzione in attacco. Paschetta non sbaglia un colpo, Bertoni è difficilmente arginabile ed in generale la fisicità dei lunghi Lasemilia ed anche degli esterni è un problema irrisolvibile per i giovani di Raffin, che segnano solo 4 punti nel terzo periodo. Nel quarto quarto Bertolini e compagni provano ad alzare la loro aggressività, ma la Lasemilia non si lascia sorprendere, piazzando un paio di giocate importanti con Modica e trovando la giusta freddezza dalla lunetta. Per i giocatori del presidente De Togni una vittoria importante arrivata con pochi allenamenti nelle gambe ed una preparazione fisica caratterizzata più dalle assenze che dalle presenze. Buona partita, nonostante la sconfitta, anche per la Ducale, che sicuramente col passare della stagione troverà gli equilibri giusti per crescere e diventare un’avversaria ostica per molti.

CUS PARMA – GELSO 64 – 39

(14-15; 35-22; 38-36)

Cus Parma: Furia F. 5, Spiridon, Stonfer, Bellicchi 3, Cornacchione 11, Marzo 5, Maffini 3, Corda 2, Carretta 15, Tognazzi 2, Cervi 15, Pattini 3. All. Marcucci.

Gelso Reggio: Cervi 2, Torreggiani 5, Bonetta 4, Bigi 4, Bochicchio 6, Vaiani 1, Gramoli, Giordano, Mareggini 4, De Vecchi 3, Fevola 8, Bianchi 2. All. Iotti.

ARTARREDO – S.ILARIO BASKETVOLLEY 69 – 72

(14-19; 36-41; 44-58)

Valtarese: Giraud 7, Verti 5, Berni 20, Finardi ne, Foschi, Leonardi 4, Gonzato 15, Baldi 5, Gasparini, Beccarelli 9, Oppo 4. All. De Martino.

S. Ilario: Setti M. 5, Cervi 14, Reggiani 9, Bertolini 9, Setti P. 2, Rossi 6, Medici, Micucci 22, Razzoli 1, Guasti 2, Gianotti ne, Bonfatti 2. All. Ferrari.

Prima di campionato tra le mura amiche per l’Artarredo del nuovo coach Davide De Martino arrivato in estate a Borgo Val di Taro con l’entusiasmo di poter gestire il settore giovanile e la prima squadra rinnovata la cui età media è di 22 anni. Inizio gara con i ragazzi di casa piuttosto tesi ed un S.Ilario già in ottima condizione che prende subito il largo con il duo Reggiani-Micucci molto precisi nelle conclusioni a cui risponde in questa fase un Berni ottimo nelle penetrazioni. All’inizio del secondo periodo la squadra ospite prende decisamente il largo andando anche sul più 12 ma i padroni di casa iniziano la prima delle due rimonte effettuate nella gara. Gonzato trascina l’Artarredo con un quarto importante, segna praticamente da tutte le posizioni e la Valtarese, con l’esperienza di Beccarelli e la precisione nei liberi di capitan Oppo, recupera lo svantaggio e riesce anche a passare in vantaggio. Si prendono minuti di gioco anche Gasparini ed il debuttante Foschi, classe 2001, ma S.Ilario riesce comunque ad andare al riposo lungo sul 41 a 38. Al rientro dagli spogliatoi la squadra di De Martino cala di concentrazione in difesa mentre le percentuali al tiro degli ospiti sono impressionanti, il solito Micucci e Cervi infilano la retina con costanza riprendendo un ampio margine. Nell’ultima frazione di gioco i borgotaresi rientrano in partita per la seconda volta recuperando lo svantaggio, in difesa ritornano aggressivi ed in attacco migliorano le percentuali. Giraud e Leonardi salgono d’intensità, Baldi e Verti segnano mentre Berni continua a penetrare la difesa ospite e così l’Artarredo si riporta sotto e si spegne sul ferro l’ultimo tentativo per poter tentare di raggiungere l’over time. Vince meritatamente S.Ilario ma i giovani ragazzi di coach De Martino faranno divertire durante la stagione il numeroso pubblico che ha partecipato all’incontro.

CLASSIFICA

Basketreggio, Vico, Virtus Pontedellolio, Planet Parma, Cus Parma, S. Ilario 2; Valtarese, Ducale Parma, Ira Tenax Cortemaggiore, Nuova Cupola Reggio, Salsomaggiore City, Gelso Reggio 0.

GIRONE B

BOIARDO – NUBILARIA BASKET 60 – 93

(26-34; 42-58; 54-74)

Boiardo: Astolfi 13, Mattioli 4, Rossi D., Incerti 2, Bonaccini 9, Stefani 4, Talami F. 1, Scalabrini 4, Talami L. 6, Farioli 6, Rossi R. 5, Marani 6. All. Piatti.

Nubilaria Novellara: Baracchi A. 17, Gasparini 12, Folloni 3, Bagni 12, Mariani Cerati 17, Bertani 10, Baracchi M. 6, Rossi 4, Bertani 2, Bigliardi, Freddi 4, Bartoli 6. All. Soliani.

P.G.S. SMILE – SPORT CLUB CASINA 53 – 63

(2-16; 14-28; 35-47)

Formigine: Macchelli 11, Govi, Lucchi D. 1, Gibertoni 6, Seidita, Jerez ne, Lucchi P. 14, Ferioli, Gasparini 7, Barbieri, Tejeda Castro 12, Bonara 2. All. Baldi.

Casina: Penserini 4, Filippi, Menechini 14, Vezzosi 9, Meglioli 2, Fontanesi 1, Vezzosi M., Mammi, Costi 8, Nasi 14, Benvenuti 11. All. Bellezza.

BASKET CAMPAGNOLA E. – SCHIOCCHI BALLERS MODENA 63 – 51

(14-16; 31-25; 45-41)

Campagnola: Pirondini 9, Gelosini 11, Soccetti, F. Piuca 6, Sueri 5, Carnevali ne, M. Rustichelli 14, Lombardini 5, Piccinini 10, Torreggiani 3, All. Nanetti.

SchiocchiBallers Modena: Santanastaso 6, Bernabei, Berardi 5, Minarini 5, Bertolini, Sassi 7, Petrella 14, Perini 2, Forghieri, Alessandrini 12, All. Bertani.

MAGRETA – PALL. CORREGGIO 43 – 79

UNIONE SPORTIVA AQUILA – GAZZE 69 – 56

(17-16; 36-22; 50-45)

Luzzara: Puoia 2, Poma L. 5, Altomani 7, Folloni 10, Corradini 5, Pasini 9, Poma G. 3, Mazzola 2, Bush 13, Brioni 2, Ruina 2 All. Cavalaglio.

Canossa: Fedeli, Bigliardi 4, Fantuzzi 4, Franzini, Maggiali 16, Salati 11, Tubertini 2, Chiaffi, Villani, Bizzocchi 12, Domenichini, Pignedoli 7 All. Rubertelli.

PALL. REGGIOLO – PALLACANESTRO SCANDIANO 2012 46 – 59

(13-14; 24-29; 27-43)

Reggiolo: Magnanini 5, Torreggiani 2, Colacicco 2, Vezzani 5, Galeotti 2, Benatti, Sereni, Stellato 16, Bagni 4, Fassinou 4, Caramaschi 6. All. Bortesi.

Scandiano: Davolio, Siani 4, Fontanesi 1, Masoni 2, Iori 24, Vacondio, Roncaglia 10, Montanari 3, Maioli S. 12, Maioli M. 3, Melegari ne. All. Baroni.

CLASSIFICA

Scandiano, Aquila Luzzara, Campagnola, Casina, Correggio, Nubilaria Novellara 2; Magreta, Boiardo, Pgs Smile Formigine, Schiocchi Ballers Modena, Gazze Canossa, Reggiolo 0.

GIRONE C

SBM BASKETBALL – ROSMARINO 57 – 71

(17-20; 26-45; 41-56)

S.B. Modenese: Ferrari 8, Corradi 7, Motta, De Victis, Miranda 2, Lanza 4, Manfredini 7, Monari 15, Arzenton 4, Drusiani, Benati 10, Ferretti. All. Manna.

Carpine: Meschiari 9, Cavallotti 6, Cantarelli 1, Marchi 8, Zaccarelli 6, Scaltriti 2, Zanoli 7, Piuca 4, Arletti 4, Silingardi 2, Iacono 9, Nasi 13. All. Lugli.

Buona la prima! La Rosmarino Carpine porta a casa la prima di campionato in trasferta contro l’SBM. Partono forte entrambe le compagini con Nasi sugli scudi per i carpigiani, e i modenesi a rincorrere. La Carpine cambia quintetto nella seconda frazione con i giocatori di “peso” e crea un parziale di 19-2 in 7 minuti che taglia le gambe ai modenesi che solo nel finale riescono a ritornare a segnare punti sul referto. Dopo la pausa l’SBM reagisce e riesce a ridurre il gap con qualche pallone perso di troppo dalla Carpine, ma le bombe di Meschiari e Nasi tengono ancora lontani i padroni di casa. Ultima frazione equilibrata con la Rosmarino Carpine che gestisce la situazione facendo rotazione con la panchina e riuscendo, così, a portare tutti i suoi 12 giocatori ad iscriversi a referto.

DIABLOS BASKET – I GIGANTI 68 – 44

(19-6; 40-22; 55-34)

Sant’Agata Bolognese: Belosi, Gobbi 5, Violi 16, Aspergo 6, Borriello 11, Marzo 7, Patelli 8, Marchetti, Pellacani 6, Stanzani 4, Pederzini 2, Tedeschi 3. All. Serra.

I Giganti di Modena: Scattolin 15, Giorgi 1, Manzotti 7, Pederzoli 2, Mezzetti 4, Baraldini 3, Macchitelli ne, Vellata 10, Zaffiri, Rota 2, Alberti, Forastiere. All. Davolio.

Inizio di 1°quarto molto combattuto, le due squadre segnano poco dal campo a causa delle ottime difese messe in campo. Soltanto alla fine del quarto, grazie ad un parziale di 10-0, i Diablos tentano l’allungo sui I Giaganti, che non riescono più a trovare la via del canestro (19-6). Il secondo quarto invece è il contrario del primo, difese più larghe e ballerine dove entrambe le squadre segnano con continuità dal campo: per i Diablos abbiamo i 5 punti segnati da Borriello e Violi e i 4 punti segnati da capitan Patelli, mentre nella squadra ospite Scattolin mette a referto 9 punti. I Diablos riescono ad incrementare la doppia cifra di vantaggio e scappano sul +18 a fine secondo quarto. Fine periodo 40-22. Si ritorna in campo dopo la pausa lunga, i padroni di casa sono in pieno controllo della partita e, grazie alla loro difesa, aumentano il passivo per i Giganti e lo svantaggio per tutto il 3°quarto va oltre il +20. Sul fronte Diablos abbiamo da registrare i 7 punti di Violi (chiuderà la partita con 15 punti e 7 rimbalzi). Nell’ultima frazione i padroni di casa devono solo amministrare il vantaggio, le percentuali dal campo diminuiscono, complice la stanchezza e la partita finisce 68-44.

NEW BASKET MIRANDOLA – NAZARENO BASKET 62 – 56

(14-15; 24-32; 41-46)

NBM: Baccarani, Ferraresi 4, Bega 9, Duca 5, Guagliumi 4, Mattioli 7, Truzzi 11, Nicolini, Di Piazza 8, Taveras 1, Bardelli 12, Panin 1. All. Dotti.

Carpi: Sbisà 6, Goldoni Sa. 18, Pivetti 5, Riboldi, Guidetti 2, Goldoni Si. 14, Giannetti 2, Corni 1, Barigazzi 2, Foroni 6. All. Barberis.

Esordio stagionale per New Basket Mirandola e Nazareno Carpi, rivali da 3 anni a questa parte tra Prima Divisione e Promozione. Mirandola profondamente rinnovata , arriva da una estate di grandi novità : dopo l’addio di Galavotti, Barbi, Battelli e Scaravelli la società ha investito grande fiducia nei giovanissimi Guagliumi (2000), Ferraresi (2001) e Di Piazza (1999), oltre agli acquisti modenesi di Bardelli (1996) e Taveras (1999). Dal canto suo Nazareno durante l’estate ha inserito i fratelli Goldoni, provenienti dalla serie D e perso Cavallotti, passato ai cugini del Carpine.

Primo quarto che viaggia sul costante equilibrio grazie al grande avvio di Di Piazza-Bardelli da una parte e Foroni-Goldoni dall’altra. Nel secondo periodo gli ospiti riescono ad allungare intorno agli 8 punti di distacco grazie ai canestri di voglia dell’ex di giornata Pivetti e alla grande efficacia realizzata dei Goldoni. Per Mirandola nella terza frazione arriva la scossa dopo due canestri consecutivi di Di Piazza e la tripla di Bega, che infiammano un PalaSaid gremito. Dopo un canestro con step-back di Bardelli, il dominicano bianco-verde scavalca Sbisà caduto ai suoi piedi, che reagisce con una spinta a gioco fermo che gli costa l’espulsione diretta. Nella stessa azione arriva il fallo tecnico sanzionato a Duca. L’inerzia del match passa dalla parte della NBM e, nell’ultimo quarto, la rimonta si completa grazie ai 6 punti di Truzzi e ai 4 di un Bardelli in serata super. Carpi prova a rimanere aggrappata al match ma Mirandola ai liberi ipoteca i primi 2 punti stagionali, regalando a Dotti una vittoria all’esordio in Promozione come Head Coach.

Il Nazareno spreca una buona chance di espugnare Mortizzuolo, conducendo per 35′, ma, poi, cedendo nei minuti finali. I fratelli Goldoni prendono per mano i compagni, con Carpi che mantiene un convincente vantaggio per tutta la prima parte della gara. Poi la fisicità dei padroni di casa aumenta e ne fa le spese un nervoso Sbisà, reo di un fallo di reazione dopo le provocazioni di Duca. Da lì l’inerzia del match cambia radicalmente, con Mirandola che ricuce e sorpassa grazie a 21 punti nell’ultimo, nervoso, quarto di gioco.

BASKET FINALE – VANINI 58 – 71

(17-25; 31-40; 41-53)

Finale Emilia: Chiarabelli 8, Bretta, Borghi 6, Braida 5, Vicenzi 5, Neri 2, Bergamini A. 13, Balboni 8, Golinelli 5, Forni 6, Govoni E. ne. All. Bregoli

Horizon: Turrini 1, Pasquale 5, Ferraro 10, Capitani, Serrah, Lelli 22, Degli Esposti 7, Lenzi 5, Spiga 9, Tribocchi 2, Dawson 6, Maldini 4. All. Muscò,

MONTEVENERE 2003 A.GIORGI – PALL. FORTITUDO CREVALCORE 48 – 57

(10-21; 29-33; 39-42)

Montevenere 2003 A. Giorgi: Cruzat Jes. 3, Guerrato 4, Cruzat Jef. 8, Succi 7, Palazzini 4, Cavana 4, Moretto 1, Salvi 4, Boschi 7, Lamandini 6. All. Orefice.

Crevalcore: Cremonini 4, Guido 3, Gravinese 9, Filippetti, Gallerani 5, Lelli, Terzi 2, Candini 8, Fregni 9, Morselli, Floro 6, Simoni 11. All. Gobbi.

POL. GIOVANNI MASI – LIBERTAS SAN FELICE BOLOGNA 50 – 52

(17-14; 25-38; 37-45)

Casalecchio; Galassi 9, Castaldini 6, Sechi, Conti ne, Montalegni ne, Truppi 9, Lodi 4, Pelliccia ne, Neri, Bertacchini 8, Franchini 14. All. Forni.

San Felice: Stagnoli 5, Margelli, Venturi 4, Sassoli 2, Fenderico 2, Balducci 2, Zanchi 4, Demetri 7, Di Marzio 10, Credi 9, Cavazza 1, Bianchini 6. All Zanini.

Pubblico delle grandi occasioni, quello che vede affrontarsi all’esordio stagionale la squadra locale della Masi contro la compagine bolognese della Libertas San Felice, in quello che può considerarsi in tutto e per tutto un derby, visti anche i numerosi ex presenti nelle due  formazioni.

Partita fin dalle prime battute contraddistinta dal grande agonismo di entrambe le squadre, con il risultato che rimane in sostanziale parità grazie alle giocate di Bertacchini da una parte e dalla fisicità e atletismo di Di Marzio dall’altra. Solo nel secondo quarto infatti la Libertas riesce a spezzare l’ equilibrio del match grazie alle triple di Stagnoli e Credi  e ad una buona difesa di squadra che comincia a produrre recuperi ed errori  per gli avversari  che improvvisamente non trovano più la via del canestro. Si va quindi negli spogliatoi con il punteggio di 25-38. Nella ripresa però i ragazzi di Coach Forni rientrano in campo con tutto un altro piglio, non intenzionati a perdere all’esordio davanti al proprio pubblico, riuscendo infatti a “rosicchiare” minuto dopo minuto parte dello svantaggio  accumulato favoriti da qualche palla persa di troppo dei bolognesi e da un paio di antisportivi di puro nervosismo. Comincia quindi l’ ultimo quarto con una Libertas che, non riuscendo ad attaccare con fluidità, si aggrappa alla propria solidità difensiva per evitare il rientro in partita della squadra di casa che nonostante un grande entusiasmo però non riesci mai a raggiungere l’avversario. Si arriva così agli ultimi trenta secondi con gli ospiti in vantaggio di due sole lunghezze e palla in mano Masi affidata a Bertacchini che subisce fallo a -6″. Il pubblico di casa assapora già il pareggio quasi allo scadere dopo un match vissuto di rincorsa quando il proprio giocatore sbaglia il secondo libero dopo aver segnato freddamente il primo.  Il rimbalzo è controllato da Zanchi che subisce fallo e va in lunetta sbagliando però entrambi i liberi, ma riuscendo in qualche modo a prendere il rimbalzo sul proprio errore e subendo l’antisportivo ad un solo secondo dalla fine che sancisce di fatto la prima vittoria stagionale per la Libertas San Felice.

CLASSIFICA

Libertas San Felice Bologna, Fortitudo Crevalcore, Horizon Bologna, New Basket Mirandola, Diablos Sant’Agata Bolognese, Carpine 2; Medolla*, Masi Casalecchio, S.B. Modenese, Montevenere Bologna, Finale Emilia, I Giganti di Modena, Nazareno Carpi 0.

GIRONE D

LIONS BASKET – METEOR 63 – 58 dts

(12-10; 21-28; 33-39; 54-54)

Lions Cento: Chiusoli 17, Gallerani, Pritoni 1, Guaraldi 9, Maini 9, Mestieri 3, Esposito, Guidi, Bonzagni 1, Passarini 4, Ansaloni 18, Fiocchi 1. All. Alberghini.

Renazzo: De Faveri, Ventura, Alboresi, Cortese 17, Poluzzi 2, Meola, Malagutti 2, Ceccon 3, Ramponi, Campanile 15, Gentile 12, Angelini 7. All. Rivaroli.

PROGRESSO HAPPY BASKET ’07 – NAVILE BASKET 56 – 59 dts

(18-14; 31-25; 44-39; 50-50)

CastelMaggiore: Asciano 10, Ferri 10, Giunchedi 10, Cocchi 9, Varotto 5, Pellegrino 3, Righetti 3, Tolomelli 2, Gruppioni 2, Tinti 2, Folesani, Guidi ne. All. Baraldi.

Navile: Martelli 14, Missoni 10, Riccobaldi 10, Ballardini 9, Tacconi 8, Lombardo 3, Brini 3, Piccari 2, Castagna, Di Pasquale, Bonvicini, Rizzi. All. Corticelli.

Bellissima vittoria per il Navile Basket che, nella partita d’esordio, si regala un prestigioso successo battendo l’Happy Basket in trasferta, ottenendo due punti molto pesanti, al termine di una partita combattutissima, conclusasi dopo un tempo supplementare.

Ambiente splendido al PalaLirone, pubblico caldo, atmosfera subito delle grandi occasioni per vedere i padroni di casa, una delle squadre indubbiamente più forti del campionato.

Cronaca: quintetto Navile con Matteo Castagna, Lorenzo Riccobaldi, Simone Martelli, Andrea Missoni e Pigi Ballardini. Dall’altra parte Coach Baraldi parte con Pellegrino, Giunchedi, Capitan Tolomelli, Ferri e Folesani. L’inizio è tutto del Navile, che si porta avanti 0-5 grazie a una penetrazione di Riccobaldi, un canestro dalla media di Missoni e un libero di Martelli. Servono quasi quattro minuti ai padroni di casa per sbloccarsi, ci pensa Cocchi a suonare la carica con 7 punti consecutivi che ribaltano il punteggio e danno il via a un parziale di 14-2 chiuso da 5 punti consecutivi di Giunchedi. Solo un canestro di Ballardini per il Navile in questo momento della partita: piano piano però i biancorossi si fanno sotto, sfruttano il talento di Martelli e un paio di giocate sotto le plance di Missoni e Piccari. Uno splendido canestro di Cocchi in acrobazia e un tiro frontale dalla media di Gruppioni fissano il punteggio sul 18-14 per i padroni di casa, punteggio che chiude il primo quarto. Nel secondo periodo l’Happy Basket prova a scappare, trascinata dai canestri di Varotto e Tinti: il Navile pasticcia in attacco e non trova la via del canestro, perde palloni banali e rientra male in difesa. La tripla di Asciano regala il massimo vantaggio, +11, ai padroni di casa, sul 25-14. Il Navile decide di mettersi a zona 3-2 per provare a spezzare il ritmo agli scatenati giocatori dell’Happy Basket: la mossa paga dividendi, in attacco Tacconi con 5 punti e Ballardini con 4 ricuciono il disavanzo, che però rimane di sei lunghezze all’intervallo lungo, grazie ad altre due triple di Righetti e Asciano per i bianchi di casa. 31-25 è un punteggio ribaltabile per il Navile, che ha sbagliato buonissimi tiri, ma intanto ha iniziato a prendere le misure a livello difensivo. Nel terzo quarto è Ferri a segnare i primi due canestri per l’Happy Basket, al quale rispondono prima Missoni e Ballardini, quest’ultimo con un canestro e fallo, poi Riccobaldi, che con due liberi e una tripla impatta a quota 35. Ancora Ferri, segnando e subendo fallo dopo aver conquistato un rimbalzo d’attacco, riporta i suoi avanti 38-35. Martelli ricuce lo strappo pareggiando di nuovo a quota 38, Pellegrino da 3 fa 41-38, Tacconi con un 1/2 ai liberi 41-39. Il quarto lo concludono un canestro di Asciano e un libero di Varotto: 44-39 Happy Basket all’ultimo intervallo. Ci si appresta a un ultimo periodo di fuoco: Tacconi e Varotto si scambiano un canestro a testa, 46-41, poi sale in cattedra la difesa del Navile, che blinda il proprio canestro per oltre sei minuti. Brini segna una gran tripla dall’angolo, da vero capitano e leader, per il 46-44, Martelli segna un libero, Missoni dalla media riporta avanti il Navile sul 46-47. L’inerzia ora è tutta per gli ospiti, che però si vedono sputare dal ferro un paio di ottime conclusioni, che avrebbero potuto dare ancora più carica. La difesa però lavora egregiamente, il canestro della matricola terribile sembra che abbia un tappo. Succede quindi che, dopo una lunga circolazione di palla, Lollo Lombardo esce da una partita tormentata trovando una tripla da campione a 2’10” dalla fine, per il 46-50 Navile. Finita? Nemmeno per sogno! Giunchedi trova anche lui una tripla da grandissimo giocatore, il Navile pasticcia con un dubbio sfondamento di Martelli, Ferri dalla lunetta fa 1/2 e pareggia a quota 50. Il finale è convulso, entrambe le squadre hanno la palla per la vittoria, ma è un nulla di fatto e sul 50 pari si chiudono i tempi regolamentari. Nell’overtime, Martelli comincia con un 1/2 ai liberi, 50-51, Giunchedi dalla media sorpassa, 52-51, ma dopo un paio di azioni confuse da ambo le parti Missoni raccoglie una palla vagante e la trasforma in due punti che valgono oro: 52-53. Le squadre sono stremate, si gioca solo di nervi: Riccobaldi e Ferri si scambiano un 2/2 dalla lunetta, 54-55. A 30” dalla fine Ballardini riceve sotto canestro, tira, la palla esce, ma dal nulla spunta Martelli che prende il rimbalzo e converte a canestro: 54-57 Navile! Nell’azione successiva l’Happy Basket si incarta, Martelli recupera palla e subisce fallo a 12” dalla fine: dentro il primo libero, fuori il secondo, 54-58. Asciano è bravissimo a splittare il raddoppio e sulla riga di fondo trova il canestro del 56-58 a 4” dalla fine. Fallo tattico su Riccobaldi, che sbaglia il primo e segna il secondo, 56-59. Nell’ultima azione Giunchedi non riesce a tirare e il Navile può esultare, espugnando il PalaLirone e regalandosi una grande soddisfazione nella prima partita in Promozione della sua storia.

Tanti complimenti ai ragazzi, che hanno dimostrato un grande carattere: è solo il primo di una serie di 24 episodi, ma vittorie come queste danno davvero tanto morale.

JOLANDINA – P.G.S. CORTICELLA 31 – 73

(11-20; 21-39; 28-57)

Jolanda di Savoia: Villani 14, Bertasi 2, Martini, Bellini, Zappaterra, Marani 4, Ricci 3, Gnani 2, Benetti 6, Magnanini, Pavanello. All. Buccheri.

Pgs Corticella: Boni 7, Marcheselli 2, Ritossa 7, Cristiani 6, Soghini 11, Varignana 4, Niakate 4, Natalini 7, Stojanov 5, Nannuzzi, Mengoli 12, Montedoro 8. All. Sisti.

PALL. LA FENICE – POL. DIL. FARO 44 – 61

(14-14; 21-30; 29-43)

Codigoro: Grassi R. 4, Ferretti, Beccari 10, Cavallari, Tralli 7, Chiarabelli, Fogli 3, Bellagamba 3, Grassi F. 5, Danieli 10, Cavazzini, Fiorentini 2. All. Patroncini.

Consandolo: Cesari 3, Taglioli 4, Dalpozzo 8, Baldi 7, Rubini 5, Tonini, Porcellini 6, Vanzini 2, Zanetti 7, Biavati 9, Mortara 8, Pasetti 2. All. Bolognesi.

Al PalaCentroStudi l’esordio in Promozione della Fenice non è stato fortunato, complice un ottimo Consandolo che ha rovinato il battesimo ai ragazzi di Patroncini che, probabilmente, erano troppo tesi per il match iniziale del campionato tanto da sbagliare una serie infinita di tiri che probabilmente in una serata diversa avrebbero avuto maggior fortuna. L’inizio del primo quarto ha visto gli ospiti andare subito sul 6 a 0 con alcune penetrazioni non irresistibili ma che hanno portato punti facili, i padroni di casa dopo lo smarrimento iniziale hanno ricucito lo scarto tanto da terminare il quarto in perfetta parità. Dopo l’ottima parte finale del quarto ci si aspettava una Fenice più ispirata ma gli ospiti hanno colto i punti deboli della Fenice ed hanno sfruttato tutte le occasioni che si sono presentate ed hanno chiuso la prima frazione di gioco sul 30 a 21. La ripresa della gara ha visto i ragazzi di coach Patroncini in lotta con il ferro, infatti anche i tiri presi con discreta libertà finivano per la maggior su di esso, a questo punto gli ospiti hanno preso il totale controllo della gara ed hanno scavato un divario incolmabile per i giovani codigoresi che però hanno avuto il merito di continuare a lottare e negli ultimi minuti hanno dimezzato lo scarto chiudendo la gara sul 44 a 61 a favore del Faro Consandolo che si è dimostrata squadra quadrata e fisica e che darà filo da torcere alla maggior parte delle squadre del girone.

ARGELATO BASKET – OMEGA BASKET 77 – 74

(15-13; 38-34; 56-56)

Argelato: Benassi 11, Addivinola, Fabulli 4, Bolelli 4, Bonalli, Gadani 7, Accorsi 17, Riccioni 8, Tagliavini 5, Giacometti 13, Boccardo 8. All. Bretta.

Omega: Calvi 19, Bacocco 2, Zanoni, Pappalardo 8, Dal Pozzo 8, Lombardo, Pizzi, Dandola 16, Morales 9, Poluzzi, Kalfus 2, Tapia 10. All. Solaroli.

PEPERONCINO LIBERTAS BK – SPARTANS BASKET 74 – 44

(24-11; 40-23; 59-38)

Mascarino: Trevisan 2, Vinci 7, Bergami 4, Sgarzi, Tosarelli 6, Musto 15, Monari M. 13, Guccini 4, Monari A. 11, Brochetto D. 4, Bellodi 6, Pagano 2. All. Brochetto L.

Spartans Ferrara: Manto, Dell’Uomo, Virgili, Marabini 3, Ciliberti, Pasqualin 2, Soriani 6, Baruffa, Zanolli 13, Santini 17, Barbieri 3.

CLASSIFICA

Peperoncino Mascarino, Navile Bologna, Argelato, Pgs Corticella Bologna, Faro Consandolo, Lions Cento 2; Vis Ferrara*, Happy BK CastelMaggiore, Omega Bologna, Spartans Ferrara, Meteor Renazzo, La Fenice Codigoro, Jolandina di Savoia 0.

GIRONE E

FRESK’O – PALLACANESTRO PIANORO 58 – 54

MEDICINA BASKET 2007 – GHEPARD BASKET 69 – 53

(13-12; 30-25; 42-39)

Medicina: Bacci 3, Ventura 2, Dall’Olio, Buresti 9, Ricci 16, Soldi 2, Trippa 12, Buscaroli, Martelli 17, Idà 6, Pazzaglia 2, Magli. All. Brocchi.

Ghepard: Acquaderni 8, Romagnoli 3, Ziron 19, Aldieri P. 2, Beccari 15, Maccagnan, Rossi 4, Bianchini 2, Bergonzoni, Aldieri, Rossi All. Rossi.

BOLOGNA AIRLINES – PGS BELLARIA 21/12/2017 – 21:45

Palestra Baratti – Piazzale Baldi 2 BOLOGNA (BO)

CSI SASSO MARCONI – S. MAMOLO BASKET 37 – 50

(10-14; 18-26; 32-47)

Sasso Marconi: Davalli 4, Magnani 6, Perrina 6, Ceretti Dan. 2, Dubla, Vinerba 6, Neri, Previati, Palmieri 2, Meluzzi 4, Borsari 7, Ceretti Dav. All. Ventura.

San Mamolo: Martelli, Scalone 5, Quadri S., Brusa 8, Bombardi, Santinelli 13, Quadri A. 6, Lamborghini 3, Zucchini 4, Demattè, Morelli, Lotito 11. All. Espa.

BASKET GIALLONERO – BASKET BUDRIO 71 – 43

(27-8; 42-20; 60-31)

Giallonero Imola: Dall’Osso 5, Brusa 2, Cantoni 2, Spoglianti 13, Creti 12, Murati 7, Masoni 2, Orlando 6, Vannini 8, Vignoni 4, Ricci Lucchi 8, Pasquali 2. All. Creti.

Budrio: Bernaroli 2, Bottazzi, Gualandi, Serpieri 7, Baldazzi 1, Fughelli 2, Generali, Mainardi 3, Medda 11, Stasi 9, Sarti 2, Bonaga 6. All. Simeone.

CASTIGLIONE MURRI BK – PALL CASTEL S.P.T. 2010 51 – 61

(19-8; 22-25; 36-45)

Castiglione Murri: Angeletti, Dettori 2, Rizzardi 4, Samoggia, Stefanelli, Ceresa, Donati 2, Gandolfi 12, Varotto 22, Bertini, Parchi 9. All. Bonfiglioli.

Castel San Pietro Terme: Guastamacchia 1, Chiluzzi 4, Mascagna 1, Fiumi, Manaresi 3, Farnè 6, Tabellini 25, Mondanelli 5, Vinera 5, Albertazzi 4, Conti 7. All. Morigi.

CLASSIFICA

Castel San Pietro, Giallonero Imola, San Mamolo Bologna, Medicina 2007, Fresk’o San Lazzaro 2; Tatanka Imola, Pianoro, Bologna Airlines*, Pgs Bellaria Bologna*, Ghepard Bologna, CSI Sasso Marconi, BK Budrio, Castiglione Murri Bologna 0.

GIRONE F

VILLANOVA BASKET TIGERS – FAENZA BASKET PROJECT 73 – 76 dts

(15-18; 32-32; 48-45; 66-66)

Villanova: Serpieri 9, Guiducci F. 4, Rossi M. 8, Buo 4, Bronzetti 12, Panzeri 11, Bollini, Toni 11, Saccani 12, Rossi A. 2, Guiducci T. All. Podeschi.

Faenza: Troni 13, Santo 22, Grandolfi 11, Dal Monte 4, Catani 4, Pantani, Polloni 3, Morsiani 5, Biancoli 12, De Lorenzi 2, Fabbri ne. All. Alfieri.

BASKET A. GARDINI 2001 – INSEGNARE BK RIMINI 79 – 85

(20-14; 44-35; 56-52)

Fata Roba Fusignano: Bucchi, Montanari 12, Lugaresi ne, Miglioli 3, Scardovi 31, Vecchi 2, Zanzi 6, Nigro 2, Mazzotti 15, Kibir 4, Maestri 4.

Insegnare Basket Rimini: Insero 23, Magnani 9, Alfarano 15, Gozi 4, Sansone, Semprucci, Pasini 13, Mussoni 7, Zaghini 15, Santoni.

Dopo 11 anni torna il campionato di Promozione a Fusignano. C’è il pubblico delle grandi occasioni, anche se un po’ freddino per tutto il match.

Pronti via e i padroni di casa volano subito 6-0 grazie a uno Scardovi “on fire”, che costringe il coach dell’Insegnare Basket a un precoce time-out. In difesa i padroni di casa hanno le idee chiare: chiudere sulle penetrazioni e raddoppiare sotto, battezzando i tiri da fuori. La scelta paga visto che gli ospiti hanno le “polveri bagnate”. La tanto temuta difesa pressing riminese non fa male e nel primo tempo i fusignanesi sembrano in controllo, tenendo gli ospiti sempre a distanza di 6-8 punti. Il problema è che non riescono a trovare un’alternativa a Scardovi in attacco. Capitan Montanari va a sprazzi e gioca poco, limitato dai falli. Vecchi, reduce da una convalescenza forse non ancora del tutto recuperato, è impalpabile. Zanzi dissipa in attacco quello che fa in difesa. Quanto durerà? La risposta arriva nel secondo tempo. Lentamente, ma inesorabilmente, i riminesi si avvicinano. La press frutta i primi recuperi. Quando finalmente registrano il tiro da fuori, arriva il break decisivo. A 4′ dalla fine gli ospiti passano in un amen da -4 a +4. Sembra finita, ma le “bombe” di Montanari e Mazzotti tengono a galla i padroni di casa. A 47″ dalla fine il giallo: nello stupore generale, gli arbitri espellono Nigro per un fallo di reazione, Rimini si porta a distanza di sicurezza e controlla il vantaggio fino alla fine.

BASKET 2000 SAN MARINO – AICS JUNIOR BASKET FORLI’ 76 – 67

(11-21; 29-40; 43-57)

BK 2000 San Marino: Giannotti 6, Vio ne, Borello 13, Gambuti, Riccardi 20, Berardi 25, Falconi 2, Bombini 7, Stefanelli, De Biagi 3. All. Rossini.

Aics Forlì: Naldi 8, Bergantini ne, Zanotti 2, Monday 12, Criveto 8, Ragazzi 13, Ruffilli 5, Galeotti 7, Baraldi, Fossi 8, Alberti 4. All. Laghi.

POL. STELLA – MORCIANO 64 – 57

(12-20; 26-32; 49-44)

Stella Rimini: Tonini 2, Amadori 18, Verni, Naccari 6, Bomba 11, De Martino ne, Accardo 8, Distante, Pinto 7, Del Turco 10, Quartulli 2. All. Casoli.

Morciano: Masia 7, Palazzi 4, Ciotti 2, Chistè 1, Tagliaferri 2, Arduini, Di Sciullo 23, Bigini 7, Bacchini 9, Rossi 2. All. Villa.

BASKET CLUB RUSSI – MASSA BASKET 2010 62 – 52

(13-12; 37-30; 50-43)

Russi: Bagioni 3, Balzani 5, Samorì 6, Beghi 2, Spiriti 5, Montanari, Stefanelli 2, Porcellini 25, Venturini 4, Laghi 5, Rosti 3, Grazzi 2. All. Tesei.

Massalombarda: Lo Monaco, Guardigli 3, Berardi, Asioli M. 14, Marchetti 4, Pinardi 8, Asioli GM. 4, Valenti 2, Pongolini 7, Ugulini 8, Poniatowski, Kolaj 2. All. Bertini.

CRAL E. MATTEI – LA FIORITA BASKET 2011 Rinviata

CLASSIFICA

Russi, Stella Rimini, BK 2000 San Marino, I.B. Rimini, Faenza Project 2; Spem Mattei Ravenna*, La Fiorita San Marino*, Massa, Eagles Morciano, Aics Forlì, Gardini Fusignano, Tigers Vilanova 0.

C.S. – Bartolini si dimette, Psa Modena a caccia di un allenatore?

La società PSA Modena comunica di aver consensualmente risolto l’accordo con il capo allenatore Ugo Bartolini. Le dimissioni, rassegnate dal coach nella giornata di ieri per motivazioni di natura tecnica, sono state accettate dalla società.

La Psa ringrazia sentitamente Ugo Bartolini per la professionalità e l’attaccamento alla realtà dimostrato in queste settimane di lavoro insieme, augurandogli le migliori fortune nel proseguo della carriera.

La squadra sarà, provvisoriamente, affidata al vice coach Alberto Masini.