Tanti sfide al vertice, i risultati della decima di Promozione

Penultimo appuntamento del 2014: nel girone A sfida in testa Sant’Ilario-Montebello, nel B spicca Campagnola-Scandiano, mentre nel C interessanti le gare Francesco Francia-Montevenere e Vignola-Giardini Margherita. Nel girone E test impegnativo per il Medicina 2007 che ospita il Selene e, infine, nell’F segnaliamo Cno-Aics e il derby di Cesena.

GIRONE A

DUCALE – PRIMOGENITA 69 – 50

Ducale Parma: Ponticelli 4, Bertolini 10, Montanaro 5, Frazzi 20, Ludergnani 2, Vento L 4, Rosi 15, Tinelli 5, Pisano 4. All. Padovani.

Calendasco: Pirolo 6, Botti N. 4,  Zanangeli 5, Inzani 2, Botti T.2 , Paraboschi,  Dallavalle, Bacigalupi 3, Gregori 4,  Cabrini 15, Guarnieri 9. All. Nadal.

Santa Lucia non porta in dono ai ragazzi della Primogenita la vittoria e il conseguente aggancio in classifica al Ducale Magik Parma. Dopo un primo quarto sostanzialmente in equilibrio con palle perse e contropiedi da entrambe le parti, la squadra di Nadal cala in intensità mandando in bonus nel secondo quarto dopo soli due minuti i parmensi che, grazie alla loro precisione dalla lunetta, chiudono il primo tempo sopra di 12 punti. Al rientro dagli spogliatoi la musica purtroppo non cambia e la determinazione maggiore dei padroni di casa, aiutata da una buona precisione al tiro e da una difesa ordinata, fanno si che la terza frazione si chiuda sul 59-35. L’ultimo quarto di amministrazione da parte della Ducale con qualche buona azione in più da parte della Primogenita  ma senza particolari sussulti.

PLAZA DE TOROS – BASKET SOLE 37 – 47

(11-8, 24-23, 32-36)

Marconi Castelnovo: Montanari 2, Rossi 2 , Bellagamba 2, Manghi 2, Rancati 2, Magliani 8, Bedenghi 8, Castagnaro 4, Davolio 3, Aldrovandi 2, Fornaciari 2, Fontanelli. All. Grobberio.

Basket Sole Piacenza: Ciuti 5, Poggi 3, S. Sebastiani 2, Cornelli, Protto 12, Lucev 8, Arata 2, A. Sebastiani, Azzali 8, M. Mori 5, Ponzi, Gelmini 2. All. Cavagnoli.

E colpaccio sia. Su un campo per niente facile, quello del Marconi, dove in questa stagione erano caduti Cortemaggiore e Ducale Parma. Il Basket Sole splende anche in terra reggiana, dove infila la seconda vittoria consecutiva, tornando a vincere fuori casa dopo quasi un mese e mezzo. E’ stato il trionfo della difesa, capace di contenere gli avversari a quota 37: da qui partono le meraviglie di una serata poi completata da eccellenti qualità dello spirito. Basket Sole concentrato, magari un po’ confusionario in attacco, ma sempre e comunque cuor di leone e lucido a sufficienza, soprattutto quando il pallone scottava tra le mani. Col condimento di gambe che girano, e forte, fino all’ultimo secondo. Partono meglio i padroni di casa, che volano sul 13-4. La squadra di Cavagnoli ha bisogno di 8 minuti per realizzare il primo canestro su azione, quello del rientrante Arata. I punti del capitano accendono le polveri dei rossoblù, che piazzano un parzialone di 15-0. Ma Marconi non si scoraggia e, con un guizzo, chiude avanti di un punto all’intervallo lungo. Seguono lunghi minuti gomito a gomito, poi esce il Basket Sole, che in difesa concede quasi nulla. Così, basta una manciata di punti realizzati per sorpassare e prendere un minimo di vantaggio: +3 all’ultimo intervallo. Nell’ultimo periodo, testa fredda e personalità a sufficienza permettono ai rossoblù di gestire con disinvoltura il ritorno dei reggiani. Basket Sole anche a +11, convinto e convincente pure nelle ultime curve, sullo slancio dei provvidenziali canestri di Azzali, quelli che tolgono al Marconi anche l’ultima speranza di rimonta.

CUS PARMA – PLANET 56 – 50

(10-16, 25-34, 45-36)

Cus Parma: Pattini 9, Bettera 4, Andreoli 8, Bellicchi 5, Faveri 2, Cervi 16, Marcucci 10, Imbimbo, Lusardi 2, Stonfer, Ricci, Giampellegrini. All. Marafetti.

Planet Parma: Ruozzi 14, Bozzetto 3, Veronese, Giublesi 9, Titi 4, Modica 10, Gasparini, Anselmi 3, Gianferrari 5, Vigani 2. All. Paletti

Pronti via e il Cus parte subito con il piede sull’acceleratore con il trio Andreoli-Cervi-Marcucci, ma la Planet non ci sta e Gianferrari e Ruozzi iniziano a sfoderare gli artigli. Planet chiude il primo quarto in vantaggio di sei lunghezze (10-16). Nel secondo periodo l’aggressività di Bozzetto e i canestri di Ruozzi fanno perdere la testa a Bellicchi e compagni e a metà gara un Cus brutto e nervoso chiude a meno nove (25-34). Ma un leone ferito si sa è sempre pronto a rialzarsi. Il parziale di 18 a 0 ad inizio ripresa per i cussini ne è la prova. Pattini ed Andreoli fanno girare i compagni in modo ammirevole, mentre Cervi, Lusardi e Faveri si fanno valere sotto canestro. La Planet chiude il quarto con solo due tiri liberi a segno di Giublesi (20-2 il parziale). Nell’ultimo periodo il Cus tiene la testa avanti fino alla fine e, nonostante la rimonta della Planet, Andreoli e compagni non hanno intenzione di farsi riprendere. E’ Pattini con una bomba da tre punti a porre fine al match.

CSI SANT’ILARIO – TRAVAGLINI 57 – 64

(27-15, 35-29, 42-43)

Sant’Ilario: Simoni 10, Setti 8, Spaggiari, Medici, D’Amore 11, Micucci 9, Bigliardi, Dotti 15, Rosi G. 2, Rosi F., Simonazzi 1, Grossi 1. All. Violi.

Montebello Parma: Di Noi 12, Buttafoco 1, Bocchia 17, D’Alò 2, Goldoni, Rastelli 9, Vitale 3, Giacovazzo 11, Tommei 9. All. Goldoni.

Sant’Ilario vittima delle sue paranoie e Montebello bravissima a sfruttarne le debolezze. Avvio bruciante per i padroni di casa che fa presagire una partita in discesa: 27-15 con tante occasioni sprecate per chiudere il mach già nel primo quarto. Chiaramente chi sbaglia e non chiude il mach quando ne ha l’occasione, poi finisce giustamente con il perdere la partita. Montebello (assente Carretta) con alternarsi di difesa 3-2 tutto campo, qualche zona adattata e difese a uomo, manda fuori giro l’attacco dei dei Sant’Ilariesi (già privi di Sistici e Reggiani) e, con una sequenza di falli subiti, che frutta ben 28 punti realizzati su tiro libero, macina a fuoco lento la partita e porta a termine il lavoro tattico del duo Goldoni/Martinelli (assente per squalifica sul campo, ma non dalla partita).

VALTARESE BORGOTARO – SALSOMAGGIORE CITY 80 – 60

IRA TENAX CORTEMAGGIORE – POLISPORTIVA CASTELLANA 59 – 68

CLASSIFICA
Montebello Parma, Castellana Castelsangiovanni 16; S. Ilario, Cus Parma, Basket Sole Piacenza 14; Planet Parma 12; Ira Tenax Cortemaggiore, Ducale Parma 10; Valtarese 6; Marconi Castelnovo Sotto, Primogenita Calendasco 4; Salsomaggiore City 2.

GIRONE B
I GIGANTI – SCHIOCCHI BALLERS 59 – 53

(12-18; 29-23; 44-40)

Modena: Panico 9, Bertelli, Manzotti 7, Ngansop 10, Baraldini, Odorici 8, Adamo 14, De Mattè 7, Larghetti 4,  All. Fossali.

SB Modena: Binotti 5, Zara 1, Righi R. 15, Minarini 13, Twum 8, Guidetti 1, Sassi 2, Vaccari 4, Forghieri 2, Alessandrini 2. All. Righi G.

Battuta d’arresto dei Ballers nel derby Geminiano. Partono forte gli ospiti che grazie al duo Righi-Twun si portano avanti raggiungendo un massimo vantaggio di 12 punti (4-16), ma poi, complice i troppi errori da sotto,  chiudono la frazione avanti di sei lunghezze (12-18). I padroni di casa non si scompongono e piano piano riescono a rosicchiare il vantaggio ai Ballers, irriconoscibili nel secondo quarto, e con una bomba sulla sirena chiudono il primo tempo su 29-23. Ripresa dove vede i padroni di casa andare sul +12 (40-28) bravi a chiudere l’area. Reazione degli Schiocchi che con la zona dispari si portano prima a meno 4 (44-40) e poi con Binotti hanno i liberi per impattare la contesa, ma un doppio errore del capitano e il seguente gioco da 4 punti di Panico è determinante a strozzare la rimonta degli ospiti che innervositi dalla situazione perdono lo stesso Binotti  per doppio tecnico e successiva espulsione, chiudendo le ostilità con quattro giocatori in campo.

VIRTUS CASALGRANDE – CENTRO LATTONIERI 43 – 63

(7-25; 16-39; 30-47)

Virtus Casalgrande: Campa 2, Govi 5, Iemmi 6, Bonaccini 9, Oleari 3, Scianti 2, Torelli 2, Grazi, Guidelli, Talami 14, Giacalone, Bucci. All. Pacifico.

Carpine: Meschiari 6, Testi 19, Piuca M. 4, Piuca R., Gasparini 6, Zanoli 12, Giovanardi 14, Iacono 2, Berra. All. Morettin.

Parte fortissimo Carpi con un parzialone di 25-7 nel primo quarto che tramortisce i reggiani, con Testi che segna 11 dei suoi 19 punti finali bombardando la zona casalinga. Secondo quarto continua il trend positivo degli ospiti con Giovanardi a bucare la difesa e Zanoli a prendere rimbalzi. Dopo la pausa netto calo di concentrazione e Casalgrande reagisce accorciando le distanze. Ultima frazione torna in cattedra Carpine e gestiste il vantaggio acquisito nella prima frazione sino alla fine.

MEDOLLA – NORDICA EXTRAFLAME 69 – 61

(15-14, 35-32, 48-46)

Medolla: Galeotti 2, Naini 12, Tralli 9, Ceretti 1, Guarnirei 2 Barbieri 8, Aldrovandi 8,Spinelli 10, Bega ne, Nardi 17. All. Carretti.

Gualtieri: Magnanini, Canova 12, Folloni 6, Bagni 9, Guida 4, Pezzali 6, Manzali, Pellegrini 14, Bernardelli 5, Berni S. 5. All. Volpato – Ass. Cavalaglio.

Più che raccontare l’incontro, in cui una navigata formazione locale (media 29 anni) ha dimostrato ad un gruppo di ragazzetti (media 24 anni) che le gare vanno vinte con quello che sta in alto e non solo con le gambe, citiamo le 23 palle perse, il 3/17 al tiro da 3, la ventina di secondi tiri concessi, i soli 5 rimbalzi offensivi, con l’ulteriore dono dei 28 tiri liberi fatti tirare (realizzati 22). Insomma, la gara è stato un’apoteosi di incapacità gestionali da parte di tutti i giallo-blu chiamati in causa di volta in volta; nessuno escluso ! Un ringraziamento va fatto agli avversari per la sportività che hanno dimostrato al termine della gara, riconoscendo con sinceri applausi che comunque le qualità ci sarebbero e la loro vittoria è stata sofferta. Tra i Locali bisogna certamente citare Nardi che, con 17pt e un 9/11 dalla lunetta, ha mostrato la via della vittoria. Ma anche il 38enne Tralli che, alzandosi dalla panchina, ha infilato un 3/4 dalla lunga che ha sempre permesso di tenere a distanza i distratti reggiani.

RADIO BRUNO – SCANDIANO 46 – 62

(10-16, 20-29, 35-51)

Campagnola: Manicardi 1, Gasparini, Pignagnoli 2, Nasi S. 3, Parmiggiani 9, Piuca F. 9, Nasi L., Sacchi 2, Rustichelli 13, Di Monte 3, Beltrami 2, Sueri 2. All. Nanetti.

Scandiano: Fontanesi 4, Guarino 1, Colacicco 11, Fevola 10, Guidetti 3, Ferrarini 19, Acosta 2, Bigi 4, Farioli 4, Viviani 4. All. Torreggiani.

Partita a senso unico con Scandiano che conduce dal primo all’ultimo minuto. Fin dall’inizio Ferrarini, per gli ospiti, la fa da padrone sotto canestro, mentre Campagnola fatica moltissimo ad arrivare al tiro e, quando ci arriva, il più delle volte sbaglia. Scandiano dimostra di meritare ampiamente l’attuale posizione di leader del girone.

GO IWONS – BIBBIANESE 59 – 81

(17-24, 31-41, 47-59)

Albinea: Rossi, Marcacci 14, Cervi 6, Canalini 6, Ballabeni 9, Masoni 6, Prati 7, Gualtieri 5, Ronzoni, Ferretti 6, Camellini. All. Brevini.

Bibbianese: Menozzi 17, Salati 2, Reni 8, Ghirardini 8, Gala, Vignali 11, Bartoli 2, Codeluppi 3 , Camurri 14., Farioli 16. All. Reverberi.

Gli Iwons si presentano al difficile match con tantissime assenze. Torna Prati dopo un mese di assenza, ma anche lui deve lasciare il campo dopo tre minuti di gioco per uno strappo al polpaccio. Bibbiano parte forte e nel primo quarto infila ben 6 canestri da 3 punti. Gli Iwons rimangono attaccati e il primo quarto si chiude sul 17-24. Nel secondo quarto Bibbiano prova ad allungare ancora, ma nel finale Ferretti e Ballabeni mandano all’intervallo lungo Albinea con solo dieci punti da recuperare (31-41). Purtroppo le poche rotazioni di coach Brevini, riportano Bibbiano avanti nel terzo quarto, c’è l’ultimo scatto di reni dei locali con Marcacci che grazie a due tecnici fischiati a Bibbiano con sette liberi tiene lo svantaggio a 12 punti, ma la gara è nelle mani degli esperti Menozzi, Farioli e Camurri che, nel quarto periodo, allungano definitivamente e portano a casa la vittoria.

REGGIOLO – LA TORRE 64 – 70

(13-22, 37-42, 51-59)

Reggiolo: Fregni 6, Torreggiani 1, Pirondini 33, Carnevali, Franzini 11, Arisi, Gambuzzi 6, Delbue 7, Fagandini, n.e. Parmigiani e Verzellesi. All. Notari.

La Torre Reggio: Galassi 1, Panciroli 8, Mazzi G. 3, Passiatore 4, Vezzosi 10, Bochicchio 6, Pezzarossa 1, Mazzi F. 17, Mussini 4, Margaria 16. All. Spadacini.

Probabilmente è la miglior Torre dell’anno quella che va a sbancare il campo di Reggiolo, storicamente ostico per i colori grigiorossi. I padroni di casa trovano una serata straordinaria di Pirondini, autore di 33 punti, ma al termine del match sono solo cinque gli uomini a referto. Invece, tra i torriani c’è una maggiore distribuzione delle responsabilità offensive, che porta tutti e dieci i giocatori a segno. Nel primo quarto, l’avvio della Torre è decisamente concentrato, la zona press schierata sin dalle prime azioni da Reggiolo viene attaccata chirurgicamente ed i canestri di Vezzosi, Mazzi e Panciroli regalano il primo break. La truppa di coach Notari, che non schiera nel quintetto di partenza Pirondini, fatica molto contro la difesa individuale e non riesce a trovare il canestro con continuità. Le prime rotazioni grigiorosse mostrano che anche chi viene dalla panchina ha la “testa giusta” ed i canestri di Mussini, Bochicchio e Pezzarossa ne sono la prova. L’ingresso di Pirondini incomincia a dare la sveglia ai reggiolesi, ma i primi dieci minuti si concludono sul 13-22 per Vezzosi e compagni. Qui arriva l’inevitabile reazione di Reggiolo e alcuni errori tattici nell’attaccare la pressione difensiva consentono recuperi, che cambiano l’inerzia del match. In questa fase sono Pirondini e Franzini i protagonisti: realizzano insieme 12 punti consecutivi, che portano al sorpasso reggiolese sul 25-24. La Torre ha il grande merito di non disunirsi e, guidata da Margaria, autore di 7 punti in questo quarto, riprende il comando delle operazioni. Anche Giovanni Mazzi, al rientro dopo alcune settimane di assenza per qualche acciacco fisico, entra e piazza una bomba importantissima nell’economia dell’incontro. I primi venti minuti si chiudono, quindi, sul 37-42 ospite. Il terzo periodo inizia con Filippo Mazzi in panchina a causa del terzo fallo, fischiatogli sul finire della prima metà di gara, ma sono Panciroli e Bochicchio a realizzare i canestri che consentono di mantenere il vantaggio, pur restando in bilico il punteggio. Pirondini, infatti, continua ad imperversare (11 punti in 10′), arriva anche il quarto fallo di Pezzarossa e Reggiolo si riavvicina fino al -3. Ancora Margaria piazza un paio di tiri da fuori, Mussini realizza un canestro di talento dopo un’iniziativa, a onor del vero, molto forzata ed il solco torna ad ampliarsi, grazie anche a due tiri liberi di Filippo Mazzi, che fissano il punteggio sul 51-59 di fine quarto. Negli ultimi dieci minuti sale la tensione e si abbassano proporzionalmente le percentuali. Una bomba sempre di Filippo Mazzi dà subito  il +11 ai grigiorossi (51-62). Le difese hanno la meglio sugli attacchi in questa fase, La Torre controlla, ma non riesce a scrollarsi di dosso definitivamente il Reggiolo. I padroni di casa si mantengono in linea di galleggiamento col solito Pirondini, che, però, probabilmente anche per stanchezza, forza alcune soluzioni nel finale, consentendo diversi recuperi difensivi. Infine, una bomba di Margaria mette sostanzialmente i titoli di coda all’incontro, che si conclude sul 64-70.

CLASSIFICA
Scandiano 16; Carpine, La Torre Reggio 14; Reggiolo, Campagnola, Bibbianese, Medolla 12; Schiocchi Ballers Modena 10; Go Iwons Albinea 8; Aquile Gualtieri 6; Virtus Casalgrande, I Giganti Modena 2.

GIRONE C

PIUMAZZO 2002 – PSG WELCOME 58 – 59

(19-13; 34-26; 50-45)

Piumazzo 2002: Lupato 4, De Martini 9, Dardi 2, Valenti 7, La Rocca ne, Cavani, Di Bona 2, Coloniali ne, Verdoliva 4, Montorsi 22, Stanzani 8. All. Vannini.

PSG Welcome: Lamborghini L. 17, Lederi 2, Capelli 4, Sabbioni 9, Ronchi 2, Palmieri 3, Rizzi 6, Petrini, Bortolazzi 5 Ferrari 11. All. Lamborghini R.

La gelida palestra che ha accolto la Welcome in quel di Piumazzo non le ha raffreddato di certo il suo desiderio di vittoria, particolarmente importante, perché scava un piccolo solco tra le ultime quattro squadre in fondo all’attuale classifica e quelle che si trovano in una zona più tranquilla, come appunto la formazione bolognese. All’avvio della gara è la PGS a prendere il comando colpendo sia da sotto che da fuori con Rizzi e Lamborghini. Coach Vannini corre immediatamente ai ripari facendo entrare in campo Montorsi e De Martini – non schierati nei primi 5 – ed immediatamente si notano i risultati, con un break di 15 a 2 la formazione di casa si porta sul 19 a 13. Nel secondo quarto il Piumazzo riesce ad imporre il proprio gioco rallentando i più veloci avversari e vanificando ogni loro contropiede. I rimbalzi in attacco sono preda di Stanzani e Montorsi, ma ciò nonostante il quarto ha un punteggio equilibrato, ed i bolognesi rimangono sempre ad una distanza tra i 6 e gli 8 punti. Dopo il riposo Sabbioni e Rizzi ritrovano la via del canestro riavvicinando le due formazioni, ma è ancora Montorsi a respingere l’offensiva bolognese – 9 degli 11 punti modenesi sono i suoi -, nonostante il pressing costante esercitato dalle guardie della Welcome. Nell’ultima frazione i bolognesi riprendono definitivamente in mano le redini della gara rendendola sempre più veloce, ma soprattutto ritrovano i punti di Ferrari – fino ad ora non ancora a referto – che, con due bombe consecutive e la sua ritrovata pericolosità sotto le plance, crea problemi irrisolvibili ai suoi avversari. Il Piumazzo è sempre più dipendente da Montorsi e De Martini, ma da soli non bastano perché la squadra sembra stanca, anche psicologicamente, tanto da commettere errori e falli inutili che contribuiranno lentamente a farsi ancora superare sull’ultima “curva”.

SPORT INSIEME – IMA BASKET 67 – 74

(9-14, 31-32, 51-56)

Sport Insieme: Amabile 10, Garrossi 19, Zambelli 3, Ferrulli 3, Rossi, Cristiani, Marino 10, Guizzardi 3, Salvi 12, Somma, Skocaj 4, Sakho 3. All. Bandiera

Ima: Ariatti 15, Bragaglia, Di Rienzo 2, Benfenati 5, Costa 5, Foti, Furlanetto 11, Mambelli 7, Riccobaldi 13, Piccari 6, Bondi 10. All. Bertuzzi

Una legge non scritta del basket recita di non sottovalutare mai l’avversario: lo Sport Insieme ignora questa norma e viene giustamente punito da un’Ima che col passare dei minuti prende sempre più confidenza fino a confezionare la sorpresona. Sono il primo tempo di Ariatti, il terzo quarto di Bondi e l’ultima frazione di Riccobaldi le chiavi del successo degli ospiti. Per i padroni di casa (ko ben presto un Cristiani scavigliato, della serie: quando piove grandina…) da salvare i soli Salvi e Garrossi in attacco, tutti bocciati invece in difesa dove anche le zone proposte da Bandiera non sortiscono l’effetto sperato.

H4T – GIARDINI MARGHERITA 71 – 65

(15-20; 32-39; 46-47)

Scuola Pallacanestro Vignola: Ganugi 9, Quartieri, Degli Angeli, Mariani 3, Pantaleo 19, Vannini 10, Guidotti 23, Midulla 4, Franchi 3, Malagodi. All. Smerieri.

Gardens: Alaimo 13, Grassitelli 16, Florio 2, Valenti 7, Grandi 3, Carafa 9, Brina 5, Pierini 6, Sangiorgi 2, Marchesi 2. All. Lanzi.

CSI SASSO – MASI 47 – 53

(10-19; 17-32; 33-37)

Csi Sasso Marconi: Magnani, Grande, Bruni 11, Meluzzi 6, Tosarelli 7, Rillo 6, Borsari 9, Bellodi 8, Giuliani, Perrina. All. Coralli.

Masi Casalecchio: Campazzi 5, Penna 6, Castaldini G. 4, Sechi 11, Murgia ne, Forni 3, Di Marzio 10, Barilli 4, Manferdini 6, Cavana, Masi 2, Castaldini T. 2. All. Guidetti.

Vittoria sofferta nel derby della Porrettana per la Masi. Dopo l’iniziale scorpacciata ospite (2-12 al 6’), si procedeva con vantaggi sempre a cavallo della doppia cifra con i biancoverdi che allungavano alla fine della seconda frazione con un parziale di 2 a 7 (da 15-25 a 17-32). Sasso, però, nella ripresa reagiva e metteva la testa avanti grazie ad un gioco da tre punti di Meluzzi al 32’. I casalecchiesi rispondevano e riallungavano (40-46), ma i padroni di casa non mollavano (45-46). La Masi ne veniva fuori con un break di 0-7 che chiudeva, negli ultimi tre minuti, ogni discorso.

F. FRANCIA – PALL. MONTEVENERE 2003 91 – 80

(21-17; 54-35; 67-58)

Francesco Francia Zola: Galli 7, Barilli 8, Cilfone 29, Bosi 4, Zini, Migliori 7, Masina 6, Brochetto D. 7, Pagano 4, Gamberini 19, Guerrato, Cevenini. All. Brochetto L.

Montevenere: Venturi 12, Lamandini, Gironi 7, Ottani 8, Venturini, Cremonini 2, Veronesi 21, Costa 20, Fantoni, Zappoli 10. All. Orefice.

STEFY – GARDENBO 47 – 37

(15-4; 21-18; 34-29)

Stefy: Carosi 2, Gagliardi, Francia 8, Benetti 5, Poli 2, Suero 5, Tradii 6, Evangelisti 10, Mannini, Agnoletti 9. All. Scandellari

Gardenbo: Peri 6, Vecchiatini 17, Ceresi, Rinaldi, Tinti 7, Consolini, Jaboli 3, Campoli 2, Matteuzzi 2, Gandolfi. All. Rizzi.

CLASSIFICA
F. Francia Zola, Vignola, Stefy Bologna 16; Montevenere Bologna, Giardini Margherita Bologna. Masi Casalecchio 12; Sport Insieme Bologna, Pgs Welcome Bologna 10; Piumazzo 6; Gardenbo, Pgs Ima Bologna 4; Csi Sasso Marconi 2.

GIRONE D

AUDAX – A.MI.CA. 63 – 37

(12-7; 34-17; 51-24)

Audax Ferrara: Seravalli 5, Mantovani 12, Bertasi 4, Marabini 5, Ricci 14, Ferrarini, Ferraresi 2, Felletti Spadazzi 1, Zanchetta 7, Del Torto 10, Balboni 1, Bedetti 2. All. Folchi.

Minerbio: Gamberini 2, Barbieri 4, Girolami, Musiani 2, Mazzanti 6, Generali 2, Sommavilla 6, Gruppioni 11, Fiorini 4. All. Vibio.

UP CALDERARA – HAPPY BASKET 70 – 58

(12-12; 24-34; 46-44)

Calderara: Pritoni, Rinaldi, Ventura 3, Mestieri, Guaraldi 25, Aspergo 2, Garofalo 4, Gentili 6, Passarini 8, Bellodi 20, Ansaloni 2, Scarlata ne. All. Murtas.

CastelMaggiore: Bernardiello 2, Pellegrino 5, Tugnoli 9, Tosi 8, Zocca, Pazzaglia 19, Maini 3, Graziosi 5, Bonora ne, Tolomelli 3, Sitta ne. All. Ansaloni.

Terzo successo consecutivo per i ragazzi dell’UP Calderara contro il fanalino di coda Happy Basket. La partita non parte con i migliori auspici, con i padroni di casa di Calderara che sbagliano facili conclusioni vicino a canestro e gli ospiti che ne approfittano per restare a contatto, il primo quarto si chiude in perfetta parità sul 12 pari. Nel secondo quarto i ragazzi di Castel Maggiore allungano le distanze, grazie a un parziale di 12-22 e possono andare negli spogliatoi sul punteggio di 24-34. Nel terzo periodo la musica cambia: Bellodi e Guaraldi riportano a contatto i loro che sul finire di quarto si riportano di nuovo in testa al match ribaltando completamente l’inerzia (46-44). L’inizio dell’ultima frazione si apre la con una sequenza di canestri per i padroni di casa, tra i quali due canestri consecutivi di Gentili, che portano Calderara sul +8; gli ospiti cambiano difesa e provano a rientrare, ma ancora una volta Bellodi e Guaraldi ricacciano indietro il tentativo di rimonta e la partita termina 70-58.

LA FENICE – ICOS 74 – 64

(20-13; 34-24; 56-40)

Codigoro: Aboulfath 4, Mossini 2, Ferretti 3, Tralli 16, Cavalieri, Natali 4, Bellinaso, Patroncini 7, Di Tizio 20, Finessi, Stella 4, Cavazzini 14. All. Bottoni.

Vis Ferrara: Vivarelli 1, Gnani 5, Brilli, Bianchini 2, Verrigni 14, Borsetti, Cavicchioli 12, Gamberini 10, Fiorentini 13, Campi 7. All. Castaldi.

Trasferta negativa per il team di coach Castaldi quella che si è svolta a Codigoro. I padroni di casa partono subito con la giusta aggressività in campo dando buona prova di sé sia in area che in difesa. Purtroppo la difesa dei biancazzurri non regge l’impatto e la partita non è mai in discussione. Solo nel terzo quarto, dopo aver “toccato” il massimo svantaggio, i Vissini, con ritrovato orgoglio, provano a ridurre il distacco, ma il tentativo rimane incompiuto.

GALLO BASKET – PALL. FORTITUDO CREVALCORE 76 – 60

(18-16; 38-30; 54-42)

Gallo: Fini 3, Malagutti 3, Del Principe 5, Schincaglia 12, Magni 6, Vicini, Benetti 2, Pasquali 10, Gardenale 20, Malaguti 6, Caselli 2, Boscolo 6. All. De Simone.

Crevalcore: Bianconi 7, Querzà, Gambuzzi 8, Filippetti 14, Bersani 4, Zerbini, Incerti, Fregni 8, Soverini 5, Simoni 14. All. Terzi.

ARGELATO BASKET – PEPERONCINO LIBERTAS 61 – 54
(11-10; 22-23; 41-36)

Argelato: Leonelli 11, Benassi 8, Rossi 4, Baldassarre 4, Fontanella 10, Cristofori 8, Gadani 2, Accorsi 4, Fabulli 5, Nannetti 5. All. Iattoni.

Castello d’Argile: Bergami 7, Manzi 10, Govoni 2, Vecchi 3, Balboni, Frascaroli 8, Monari Mat. 15, Fanti 1, Bernardini 1, Monari A. 7, Cavicchi ne. All. Monari Mar.

BASKET DELTA – DIABLOS BK 51 – 50
(15-9; 22-19; 34-35)

Comacchio: Persanti 2, Peretti 12, Gregori M. 5, Boccaccini 5, Gelli 13, Cavalieri 4, Gregori G. 5, Guidi ne, Iannello 3, Della Morte, Carli 2, Ferroni ne. All. Bacchini.

Sant’Agata Bolognese: Belosi 10, Violi 8, Terzi 5, Angelini 12, Patelli 4, Govoni ne, Sabattini ne, Bruni 4, Testoni 5, Manganelli 2, Risi. All. Masetti.

CLASSIFICA
Audax Ferrara 16; Calderara, Gallo 14; Diablos Sant’Agata Bolognese*, Argelato 12; Peperoncino Mascarino, Delta Comacchio, La Fenice Codigoro* 10; Vis Ferrara, A.MI.CA Minerbio 6; Happy Basket CastelMaggiore, Crevalcore 4.

GIRONE E

GIALLONERO – CASTEL SAN PIETRO 64 – 53

(16-15; 30-29; 44-46)

Giallonero Imola: Canè 11, Villa 5, Pederzoli 12, Ragazzini 5, Saloni, Spoglianti 10, Biancoli 6, Vannini 14, Bilardo ne, Campomori 1, Nanetti ne, Calamelli ne. All. Creti.

Castel San Pietro: Castellari 2, Mascagna 2, Graziani 12, Magurno ne, Naldi, Manaresi 8, Farnè, Soldi 3, Vinera 16, Albertazzi 2, Remondini 5, Conti 3. All. Martinelli.

MONTERENZIO BASKET – BASKET CLUB RUSSI 59 – 61

(17-22; 38-33; 49-48)

Monterenzio: Magagnoli 24, Vignudelli 20, Lucchi, Brusa, Pambianchi, Costa, Boccardo, Tonelli 5, Fiordalisi 7, Monari 3.

Russi: Montanari 5, Bellanti G., Bramante 4, Babini, Bellanti M. 18, Beghi 3, Basso, Santo 24, Venturini 7. All. Milandri.

CASTIGLIONE MURRI – PARTY & SPORT 60 – 62

(24-13; 38-36; 52-46)

Castiglione Murri: Buriani 10, Dettori 10, Di Pasquale, Fermi 2, Maestri, Pedrielli, Rizzardi 20, Salocchi 5, Samoggia 4, Sandrolini, Stefanelli, Tacconi 9. All. Benini.

P&S Ozzano: Fioravanti, Capra 6, Franceschini, Marchi 4, Fierro 2, Zerbini 13, Lazzari 12, Passatempi, Rizzoni 7, Salvadè 7, Avallone 11. All. Nannetti.

TITANS OZZANO – TATANKA BALONCESTO IMOLA 55 – 38

(15-14; 31-17; 37-35)

Titans Ozzano: Finessi 9, Rossi 4, Cairo 2, Tuccillo 15, Gamberini 7, Cucinotta 3, Gardotti, Paolucci 4, Ungaro 11, Minoccheri. All. Torrella.

Tatanka Imola: Galeati, Pirazzoli F, ne, Costantino, La Ferla, Beccari ne, Pirazzoli En., Pirazzoli Ed., Favilli, Franceschelli, Baldazzi.

ISIS– PGS BELLARIA 68 – 60

(14-16, 23-33, 43-43)

Lugo: Scardovi M. 10, Baroncini 24, Zanoni 2, Ricci Maccarini, Marchetti 2, Romagnoli 3, Scardovi E. 13, Savini 7, Bazzocchi 7. All. Ortasi.

Pgs Bellaria: Ascari 9, Sudano 5, Urzino, Romanelli 11, Scarenzi 5, Pazzaglia, Naim Waideh 12, Franzoni 9, Sanguettoli 4, Ida 5, Masoni. All. Sisti.

MEDICINA 2007 – SELENE 49 – 52

(3-10; 15-23; 30-38)

Medicina: Buresti 8, Ugolini 8, Lenzarini 7, Dall’Olio ne, Pinardi, Panico 2, Magli 2, Buscaroli 2, Martelli 6, Rimondini 14, Lorenzini, Randazzo. All. Bandini.

Sant’Agata sul Santerno: Tagliaferri, Gaddoni 4, Pirazzini 2, Fabbri, Simoni 9, Foronci 7, Merendi, Totaro 13, Baldrati 14, Pantani 3. All. Valli.

CLASSIFICA
P&S Ozzano 16; Medicina 2007, Titans Ozzano, Giallonero Imola, Selene Sant’Agata sul Santerno 14; Pgs Bellaria 12; Castiglione Murri, Isis Lugo 10; Russi 8; Castel San Pietro, Tatanka Imola 4; Monterenzio 0.

GIRONE F

CNO – AICS 58 – 48

(16-9; 33-19; 52-34)

Santarcangelo: Cherubini 4, Rasponi 4, Lucchi 12, Donati, Ricci 2, Fornari 14, Nicoletti, Tinè 2, Tasinari 3, Maioli 17. All. Morri.

Aics Forlì: Lasi 15, Turci, Baldini 9, Balzani 4, Maltoni 4, Dall’Agata 1, Laghi 8, Berto, Orioli 3, Molinari 4. All. Montuschi.

BASKET 2000 – FAVENTIA 58 – 50

(18-12; 37-27; 44-38)

San Marino: Bombini 6, Fabbri 2, Guerra 9, Barrina 4, Sarti, Taddei 1, Giannotti 6, Giardi 5, Gambi 12, Ugolini 9. All. Liberti

Faventia Faenza: Di Giulio, Ceroni, Graziani 2, Conti 12, Dalle Fabbriche 2, Tanesini Ramadhani, Boattini 6, Ercolani 11, Buti, Morsiani 17. All. Morigi.

BASKET’95 – CESENATICO 2000 64 – 53

(18-10; 31-23; 47-35)

Basket 95 Faenza: Santandrea 10, Dal Monte, Campanini, Romboli 7, Flauret, Troni 28, Cerini 6, Samorì 6, Bombardini 4, Rosti, Belosi 3. All. Vespignani.

Pol. Cesenatico 2000: Battistoni 8, Maraldi 12, Cavalieri, Drudi, Albertazzi 10, Capucci 6, Bolognesi, Casotti, Balestri 8, Pillastrini 9. All. Domeniconi.

TIGERS – STELLA 56 – 47

(14-10; 34-23; 39-35)

Villanova: Tomasi 9, Rossi 6, Magnani 5, Bronzetti 5, Giannoni, Cangini 1, Semprini 5, Donati 9, Domeniconi 11, Falconi n.e., Toni 5. All. Evangelisti.

Stella Rimini: Distante, Naccari 7, Azzollini 1, Pari 3, Muntangesu 2, Malagrida 2, Pinto 6, Missiroli, Brunetta, Bascucci 3, Angeli 23. All. Bonaccorsi.

BASKET 2005 CESENA – FIORENZUOLA 61 – 67

(14-18; 27-37; 47-53)

Cesena: Romano 7, Defrancesco L. 3, Vittori 2, Saletti 4, Babbini 13, Valdinosi ne, Defrancesco M. 4, Cacchi 6, Senni L. 13, Martini 5, Grassi 4, Mordenti. All. Senni P.P.

Fiorenzuola Cesena: Faggi 9, Bertani 20, Maestri 13, Strada 2, Morsucci 5, Neri ne, Lucchi Max. 5, Foschi 9, Biondi 4, Abbondanza. All. Baraghini.

SKIZZO – MORCIANO EAGLES 66 – 56

(10-17; 22-34; 44-44)

Skizzo Rimini: Saulle, Apreda 5, Rizzo 16, Bascucci 7, Ricciotti 16, Cappelli 3, Gaudenzi 3, Contini, Mantovani, Lanci 16.

Morciano: Bomba 15, Villa, Guastaferro 5, Tamai 4, Badioli 8, Masia 10, Palazzi ne, Ciotti, Morelli 4, Battelli 8, Angeli 2. All. Filippucci.

RECUPERO

BASKET’95 – AICS 65 – 75

(19-21, 37-39, 50-52)

Basket 95 Faenza: Santandrea 10, Dal Monte ne, Campanini 2, Romboli 9, Flauret ne, Troni 21, Cerini 4, Samorì, Bombardini, Rosti 12, Belosi 7. All. Vespignani.

Aics Forlì: Lasi 9, Turci, Baldini 17, Balzani, Maltoni 7, Dall’Agata 2, Laghi 10, Berto 4, Molinari 8, Montanari 18. All. Montuschi.

CLASSIFICA
CNO Santarcangelo 18; Fiorenzuola Cesena, Tigers Villanova 16; AICS Forlì 14; Faventia Faenza, Basket’95 Faenza* 10; Skizzo Rimini*, Basket 2000 San Marino 8; Eagles Morciano, Cesena 6; Stella Rimini 4; Cesenatico 2000 2.

Infrasettimanale Under 17: Crabs corsara in Virtus, Reggiana a valanga in “Furla”

Virtus-Crabs e S.G. Fortitudo-Reggiana sono le sfide più interessanti nel turno infrasettimanale dell’Under 17 di Eccellenza.

GINNASTICA FORTITUDO – PALL. REGGIANA 53 – 83

VIRTUS PALL. BOLOGNA – BASKET RIMINI CRABS 90 – 96

G.S. INTERNATIONAL – CESTISTICA ARGENTA 63 – 79

VIS 2008 – BASKET SANTARCANGELO 69 – 45

POL. PONTEVECCHIO – JUNIOR BASKET RAVENNA 74 – 52

CLASSIFICA
Virtus Bologna 24; Reggiana** 20; Bsl San Lazzaro, Crabs Rimini* 16; Vis Ferrara, Pontevecchio Bologna 14; S.G. Fortitudo Bologna, Argenta 12; Santarcangelo 6; Junior Ravenna* 2; International Imola 0.

La Reggiana liquida Rimini. I risultati della decima della DNG

Decima giornata in Divisione Nazionale Giovanile e derby emilianoromagnolo a Reggio Emilia con le due squadre che arrivano a questo appuntamento appaiate in classifica a 8 punti. Virtus favoritissima contro Cordenons, mentre la Pontevecchio sarà di scena a Treviso. Riposa la Fortitudo.

PALL. REGGIANA – BASKET RIMINI CRABS 96 – 76

(27-24; 48-34; 74-57)

Crabs Rimini: Balic 6, Baroni, Egbutu 1, Provesi 2, Galassi, Perez 14, Hadzic 23, Mavric 11, Biordi 19, Tsirikidze. All. Firic.

CASALPUSTERLENGO – AQUILA 48 – 72

(10-15; 34-42; 35-51)

Casalpusterlengo: Del Vescovo 8, Costa 6, Sgorbati, Villani, Dincic 12, Gallinari 3, Brigato 5, Maghet, Fantauzzi 8, Ivanyuk 2, Fontana 4. All. Andreazza.

Trento: Della Pietra 7, Aldrighetti, Bernardi 16, Pozza, Gaye 4, Bertocchi 6, Montanarini, Bellan 20, Lenti Ceo 11, Trentin 8, Failoni ne. All. Marchini.

VIRTUS – INTERMEK 3S 82 – 41

(27-17; 46-23: 70-29)

Virtus Bologna: Tassinari 11, Graziani 2, Sitta 8, Betti 7, Allodi 6, Magagnoli 15, Zani 5, Nikolic 16, Carella 2, Penna 10, Cattapan. All. Sanguettoli.

Cordenons: Scamuzza, Brini 3, Stolfo 2, Anzil, Malattia 6, Mancini, Price 4, Canzi 2, Toppan, Bertola 14, Rizzetto 8, Mulato 2. All. Montena.

TREVISO – PONTEVECCHIO 48 – 54

(13-23; 26-30; 43-41)

Treviso: Moro 6, Legnaro, Sangiorgi, Busetto 8, Spessotto 3, Milella 6, Gatto 4, Tasca, Festini 4, De Marchi 3, Baiolo 8, Palù 6 All. Tabellini.

Pontevecchio: Benuzzi 6, Bergami 18, Brancaleoni 4, Di Rauso 6, Franchini 10, Girotti, Mantovani 3, Melino, Riguzzi 2, Santini, Torresani 5. All. Savini.

JUNIOR LEONCINO – BLUOROBICA 68 – 59

(19-14; 38-27; 55-49)

Leoncino Mestre: Marzara 1, Ortolan 3, Fabris F. 12, Fabris G. 20, Rampado 5, Lazzarin, Pavan 5, Marini 7, Gomirato 8, Salerno 2, Rubbo 5. All. Toffanin.

Bergamo: Nani 5, Ferri 9, Permon 8, Bassi 14, Bertocchi, Perego 7, Dessì 6, Colombo 8, Mezzanotte 2. All. Zambelli.

VIRTUS PADOVA – REYER 46 – 76

(13-18; 19-33; 33-55)

Virtus Padova: Gallocchio 6, Barbato 7, Bonetto 5, Berto 2, Peghin 6, Calzavara 4, Malachin 7, Ferrara 2, Levorato ne, Salvato 3, Badecco 2, Natali 2. All. Friso.

Reyer Venezia: Tinsley 9, Bovo 2, Visconti 21, Antelli 9, Crivellari 2, Totè 9, Trevisan 7, Bolpin 13, Zucca 1, Romano 2, Pettenò. All. Buffo.

CLASSIFICA
Reyer Venezia 16; Virtus Bologna, Aquila Trento 14; Blu Orobica Bergamo, Casalpusterlengo 12; Fortitudo 103 Bologna, Reggiana 10; Crabs Rimini 8; 3S Cordenons, Virtus Padova, Leoncino Mestre 6; Pontevecchio Bologna 4; Treviso 0.

C.S. – La Rebasket reintegra Giudici contro Fiorenzuola

La Rebasket, contro Fiorenzuola, schiererà dopo circa un mese stop il play Davide Giudici, mentre non sarà della partita il capitano Stefano Maioli, infortunatosi in quel di Castenaso la scorsa settimana.
Per quest’ultimo, a seguito di una risonanza magnetica, è stata diagnosticata una lesione incompleta all’inserzione del legamento collaterale esterno del ginocchio sinistro, tale da costringerlo a restare lontano dai campi di gioco per almeno un mese.

C.S. – La Npc ospita il Basket 2000 e confida nel sostegno del pubblico

Rise up! Rialzati, Virtus! E anche in fretta. Il ko con Fiorenzuola brucia ancora – Imola è stata sconfitta 72-74 in casa dal fanalino di coda Fiore Basket, ndr – ma non per questo bisogna arrendersi, anzi. È proprio dalle sconfitte e dagli errori che bisogna trarre i migliori insegnamenti. Ed evitare che si ripetano. «Siamo entrati in partita troppo tardi – conferma Marchi – e comunque Fiorenzuola vale molto più dell’ultimo posto in classifica. Con noi l’ha dimostrato. Certo, noi abbiamo pagato a caro prezzo il primo tempo giocato sotto ritmo, ma questo ci serva da lezione. Quando giochiamo concentrati fin dai primi scambi di gioco, possiamo battere chiunque. Viceversa, la troppa sufficienza non ci aiuta».

Un’occasione di riscatto arriverà già domenica quando, al PalaRuggi, scenderà un’altra big del campionato: quel Basket 2000 Reggio Emilia che l’anno scorso fece sudare le classiche sette camicie alla Virtus nei playoff. Una squadra che ha sì in Bartoccetti il suo uomo più esperto, ma può contare su un quintetto base di tutto rispetto. Lo dimostra il terzo posto in classifica a pari punti con la Virtus. «Il campionato di quest’anno è difficile e livellato verso l’alto – chiosa Marchi -. Ne è una riprova la classifica corta. Da parte nostra ci impegneremo al massimo per portare a casa il risultato. Confido che il nostro pubblico ci sarà vicino anche domenica».

L’appuntamento è per le 18 al PalaRuggi. Tifosi, non mancate!

Ravenna e Fortitudo: che doppietta! Il programma dei campionati Nazionali

Treviglio-Ravenna è il match clou della A2 Silver, mentre in serie B tutte le attenzioni andranno per Orzinuovi-Fortitudo.In serie C, infine, da non perdere VSV Imola-Basket 2000 con entrambe le formazioni che sono a caccia della capolista Raggisolaris

A2 SILVER 11° giornata
BAWER MATERA – GIVOVA SCAFATI 58 – 69

DE’ LONGHI TREVISO – BASKET RECANATI 71 – 77

VIOLA REGGIO CALABRIA – BENACQUISTA LATINA 87 – 85

PAFFONI OMEGNA – O.R.S.I. TORTONA 81 – 93

BAKERY – LEGNANO 70 – 72

(18-23; 35-37; 55-52)

Piacenza: Rombaldoni 12 (5/10, 0/4), Galli 4 (2/2), Stefanini, Sorokas 14 (3/7, 2/5), Gasparin 2 (1/2, 0/2), Italiano 15 (5/7, 0/2), Rossetti 6 (0/1, 2/2), Infante 2 (1/4), Hill 15 (2/5, 3/6), Di Giorgio ne, Mazzocchi ne. All. Coppeta.

Legnano: Krubally 26 (9/16), Petrucci 3 (0/2, 1/10), Maiocco 2 (1/1, 0/6), Arrigoni 8 (3/8, 0/3), Di Bella 16 (3/5, 2/5), Locci, Merchant 17 (5/9, 2/6), Navarini (0/2), Tognati ne, Battilana ne. All. Ferrari.

MOBYT – ROSETO 62 – 69

(22-24; 31-36; 51-56)

Pallacanestro Ferrara: Huff 13 (4/6, 1/3), Bottioni (0/1), Castelli 8 (1/2, 2/3), Amici 13 (4/7, 1/5), Ferri (0/4 da tre), Casadei 4 (2/3, 0/4), Benfatto 9 (4/9), Pipitone, Hasbrouck 15 (1/5, 4/12), Verrigni ne, Proner ne, Ghirelli ne. All. Furlani.

Roseto: Pitts 17 (5/11, 1/6), Ferraro 8 (4/4, 0/1), Marini 2 (1/5, 0/1), Janelidze 17 (7/10, 1/4), Jackson 18 (4/7, 2/5), Moreno 7 (2/4, 1/2), De Dominicis, Amorese ne, Ippedico ne, Chavdarov ne, Bryan ne. All. Trullo.

CHIETI – ANDREA COSTA 83 – 64

(15-20; 37-32; 67-50)

Chieti: Cardillo 4 (2/2, 0/1), Palermo 9 (1/2, 2/6), Di Emidio (0/1), Marchetti, Paesano, Ancellotti 18 (7/12), Sergio 6 (2/4 da tre), Monaldi 15 (3/8, 2/5), Saffold 10 (2/2, 1/4), Sollazzo 21 (9/13, 0/2). All. Galli.

Andrea Costa Imola: Sedioli, Bushati 14 (4/10, 1/3), De Nicolao 2 (1/4, 0/1), Maganza 14 (5/9), Prato 12 (3/7, 0/3), Bartolucci 2 (1/3, 0/3), Hassan 20 (1/1, 6/12), Preti, Folli ne, Guazzaloca ne. All. Ticchi.

TREVIGLIO – ACMAR 71 – 72

(23-6; 34-29; 52-46)

Treviglio: Sabatini 9 (2/5, 1/3), Marusic 2 (1/2, 0/4), Kyzlink (0/2, 0/5), Slanina (0/2), Gaspardo 12 (4/8, 0/1), Marino 23 (1/1, 4/9), Carnovali (0/1, 0/1), Rossi 15 (5/7, 1/1), Turel 10 (2/4, 2/8), Beretta ne. All. Vertemati.

Ravenna: Holloway 11 (4/7, 1/5), Amoni 4 (1/3 da tre), Cicognani 7 (2/2), Rivali 5 (1/5), Raschi 18 (3/6, 4/5), Tambone 10 (2/4, 1/2), Foiera 10 (3/4, 1/1), Singletary 7 (1/9, 1/3), Grassi ne, Zannini ne. All. Martino.

In testa per pochi secondi, ma avanti quando conta, l’Acmar Ravenna porta a casa dal PalaFacchetti un successo memorabile e che la dice lunga sul carattere della squadra giallorossa. L’Acmar ha inseguito per quasi tutta la partita prima di trovare, a 3” dalla fine, l’appoggio al tabellone vincente di Emmanuel Holloway, autore di un grande ultimo quarto. E’ il successo del cuore e della voglia di non mollare mai di una squadra che, al 10’, era sotto di 17 lunghezze e che ha saputo ricostruire recuperando punto su punto nel corso dei parziali successivi. Una volta rientrata a contatto, (34-34 al 25’), la formazione giallorossa è finita nuovamente sotto di 8 lunghezze sia nel terzo quarto che nell’ultimo periodo, fino al 67-59 segnato da Turel a 2’ dalla fine. Nel finale, il cuore dell’Acmar e la fortuna di alcuni episodi hanno premiato Ravenna. Il controparziale prende forma da due tiri liberi di Singletary e si alimenta con la tripla di Raschi, per il 67-64 a 1’35”; prosegue con una buona difesa e con un altro tiro dalla distanza di Holloway, che pareggia a quota 67 a 1’04” dalla sirena finale. Gaspardo sblocca Treviglio con i tiri liberi del 69-67 ma Raschi, allo scadere dei 24” e a 32” dalla fine con una seconda tripla in un minuto, riporta davanti l’Acmar. La leadership cambia ancora una volta con i due tiri liberi di Marino a 27″ dalla fine (71-70), ma la partita non è ancora finita. Sul possesso chiave dell’incontro, Holloway attende gli ultimi secondi per attaccare Sabatini: con il cronometro dei 24″, l’americano dell’Acmar attacca in penetrazione e vola ad appoggiare al tabellone, firmando il canestro dell’ultimo e decisivo sorpasso a 3” dalla fine. Il tiro della disperazione scagliato da Marino dalla linea di metà campo tocca soltanto il tabellone e fa esplodere il settore occupato dai settanta, splendidi, tifosi giallorossi saliti fino al PalaFacchetti.

CLASSIFICA
De’ Longhi Treviso 18; Acmar Ravenna 16; Remer Treviglio 14; Basket Recanati, Viola Reggio Calabria 14; Proger Chieti, Orsi Tortona 12; Paffoni Omegna, Mobyt Ferrara, Andrea Costa Imola, Givova Scafati, Europromotion Legnano 10; Bawer Matera 8; Bakery Piacenza, Benacquista Latina, Industrialesud Roseto 6.

SERIE B/B 11° giornata
URANIA MILANO – CO.MARK BERGAMO 62 – 57

PALLACANESTRO CREMA – FRANCO ROBERT TRIESTE 88 – 77

CONTADI CASTALDI MONTICHIARI – GSA UDINE 61 – 58

PIENNE – LUGO 66 – 61

(10-17, 28-38, 47-46)

Pordenone: Toscano 1, Di Prampero 2, Colamarino 13, Nobile 14, Palombita 8, Ferrari 18, Begiqi ne, Varuzza 3, Zambon 7, Visentin. All. Ciocca.

Orva Lugo: Baroncini ne, Montanari 12, Ruini 12, Bertocco 6, Zanoni, Villani 12, Legnani 5, Romagnoli ne, Farioli 8, Chiappelli 6. All. Ortasi.

TRAMEC – DESIO 88 – 76

(18-26; 35-49; 63-68)

Benedetto Cento: Govoni, Vitali 5, Ikangi 9, Bianchi 13, Di Trani 9, Quarisa 11, Demartini 2, Carretti 13, Cutolo 26, Cavazzoli. All. Albanesi.

Desio: Motta 8, Politi 20, Masieri 5, Bossola 5, Gatto NE, Parma NE, Esposito 3, Marinò 14, Pellizzoni ne, Gallazzi 21. All. Villa.

Cento conquista due punti fondamentali, ma deve sudare le proverbiali sette camicie per aver ragione di una Desio che, fino a quando le percentuali dal campo lo hanno permesso, ha messo in grande difficoltà i padroni di casa. Inizio difensivo troppo soft e grandi difficoltà nell’attaccare la zona ospite prima di un cambio di passo importante da metà terzo quarto in poi. Cento si presenta col solo Pederzini indisponibile mentre gli ospiti devono rinunciare a Meregalli, Villa e con Gatto in panchina ma solo per onor di firma. Desio parte subito con tre conclusioni dall’arco (7-9) mentre Bianchi e Cutolo sono gli unici ad attaccare in maniera proficua la zona (13-13 al 4’). Motta da lontano e Politi nel pitturato fanno la voce grossa (13-18) e Cento sbanda nella metà campo difensiva lasciando scappare gli ospiti alla prima sirena (18-26). Secondo quarto che continua sulla falsariga dei primi dieci minuti: si iscrive alla partita anche l’ex Masieri (20-32) e Cento fatica ad attaccare la zona scolastica proposta da coach Villa. A turno i desiani segnano tutti, ma è Gallazzi il leader offensivo (14punti per lui) e ospiti che toccano il ‘+17’ (26-43 al 16’). Albanesi cerca di riordinare le idee e Ikangi è abile a sfruttare lo spazio in post (30-43) ma la conclusione di Marinò sulla sirena mantiene gli ospiti avanti (35-49). Il festival al tiro continua anche a campi invertiti, con Motta e Politi a dare il massimo vantaggio esterno (35-54), con un Gallazzi tarantolato e abile a segnare da ogni posizione e Cento che sembra alle corde (41-60). Carretti si carica la squadra sulle spalle e con Cutolo confeziona un break di 8-0, 49-60, chiuso subito da un gioco in area di Politi. Ma Cento ha tutta un’altra faccia, le percentuali di Desio calano terribilmente e il trio Ikangi, Carretti, Cutolo guida la rimonta (54-62 poi 58-62). Cutolo dai 6,75 per il ‘-3’ prima che Politi insacchi sulla sirena il ‘+5’ (63-68). Botta e risposta Marinò-Cutolo dai 6,75 all’alba dell’ultimo quarto (68-71 al 32’) prima che Quarisa si faccia sfuggire l’occasione per impattare a quota 71 sbagliando un gioco potenziale da tre punti. Ma ora il pubblico diventa un fattore, il PalaBenedetto si trasforma in una ‘bombonera’ e Cutolo al 36’ porta avanti Cento (74-73). Per gli ospiti si accende la spia della riserva e in attacco vanno a sbattere ripetutamente contro la difesa locale, prima che Vitali e Di Trani sentenzino, dai 6,75, la vittoria per i padroni di casa (84-75 al 39’).

ORZINUOVI – ETERNEDILE 73 – 84

(16-20, 38-43, 55-55)

Orzinuovi: Ferrarese 13, Mazzucchelli, Bedetti 20, Requena 4, Panni 8, Longobardi 8, Bei 2, Paunovic, Broglia 7, Venturelli 5. All. Eliantonio.

Fortitudo: Candi, Valentini 9, Lamma 9, Grilli 2, Iannilli 7, Samoggia 30, Montano 19, Sorrentino 2, Mancin, Raucci 6. All. Vandoni.

BASKET LECCO – TFL ARZIGNANO 76 – 64

CLASSIFICA
GaGa’ Milano OrziBasket, Eternedile Bologna, Contadi Castaldi Montichiari, Tramec Cento 16; Gsa Udine, Pienne Basket, Urania Milano 14; Erogasmet Crema, Basket Lecco 10; Orva Lugo, Co.Mark Bergamo 8; Vivigas Alto Sebino, TFL Garcia Moreno, Rimadesio Desio 4; Jadran Franco 0.

SERIE C/D 10° giornata

G. SCIREA – RAGGISOLARIS 44 – 52

(12-15; 18-25; 31-38)

Gaetano Scirea Bertinoro: Solfrizzi En. 6, Poluzzi 7, Molea ne, Cristofani, Ruscelli, Merenda 2, Marisi 21, Fantuzzi 2, Godoli, Solfrizzi Em. 6. All. Serra.

Faenza: Dalpozzo 9, Dal Fiume 11, Boero 8, Castellari, Silimbani 4, Benedetti 7, Zambrini 5, Catani ne, Zytharyuk 10, Sangiorgi. All. Regazzi.

NPC – BMR 77 – 78

(17-24, 29-44, 46-58)

VSV Imola: Pieri 5, Dall’Osso 2, Morara 8, Grillini 8, Di Placido, Corcelli 15, Massari 4, Guglielmo 5, Francesconi 20, Porcellini 10. All. Solaroli.

Basket 2000 Scandiano: Astolfi Giu. 15, Ferrari, Brogio 8, Bartoccetti 29, Spaggiari 5, Bertolini ne, Pedrazzi 3, Levinskis 3, Gruosso 4, Germani 11, Astolfi Gia. ne. All. Spaggiari.

Seconda sconfitta consecutiva per l’Npc. Non si può proprio dire che il ciclo di partite casalinghe abbia portato bene alla banda giallonera. Questa volta, a passare al Ruggi, è il Basket 2000 Reggio Emilia che supera così in classifica i ragazzi di Solaroli. Superbo Bartoccetti, autore di 29 punti, autentico trascinatore degli emiliani. A Imola non bastano invece i 20 punti di un ispirato Francesconi e la buona verve in attacco di Corcelli (15). E dire che la Virtus era andata vicinissima ad un successo che, a metà secondo tempo, sembrava impossibile. Reggio, infatti, guidata dal già citato Bartoccetti e dal suo capitano Astolfi, aveva costruito un vantaggio importante di diciotto lunghezze, in apparenza impossibile da recuperare. Invece, quando tutto sembrava perduto, Imola ha ritrovato concentrazione e mira e, punto dopo punto, è riuscita a recuperare lo svantaggio e addirittura a portarsi in vantaggio. Nella lotteria degli ultimi minuti, il Basket 2000 è stato però più freddo dei gialloneri (Morara 1/2 a 6” dalla fine) e ha portato a casa il match.

REBASKET – FIORE 64 – 76

(8-21; 33-46; 51-59)

Rubiera: Lasagni 3, Biello 14, Magliani ne, Pini 9, Morgotti, Negri 17, Pellegrini, Melli 10, Conti 3, Giudici 8. All. Piatti.

Fiorenzuola: Galiazzo 19, Moscatelli 15, Roma 6, Avanzini Fi. 3, Vecchio M., Verri 13, Vecchio F., Avanzini Fa. 14, Castagnaro 6. All. Brotto.

CASTELFRANCO – CASTENASO 74 – 77

(26-14; 41-32; 55-59)

Castelfranco: Tomesani 5, Coslovi 2, Zucchini 17, Bastoni 15, Tedeschi, Tedeschini 4, Del Papa 22, Marzo ne, Parma Benfenati 9, Righi. All. Boni.

Castenaso: Harizaj, Piccinini 6, Barbieri M. 4, Chiusolo 19, Venturoli 14, Masini 3, Rizzatti, Barbieri A. 10, Orsini ne, Trombetti 21. All. Castelli.

Altra sconfitta al fil di sirena per il Basket Castelfranco, sconfitto tra le mura amiche da una Castenaso che ha saputo approfittare al meglio dei, purtroppo oramai usuali, cali di tensione della compagine biancoverde. Mentre il primo tempo scorre via relativamente liscio, con Castelfranco sempre in controllo e sopra anche di quindici lunghezze; il terzo quarto è da dimenticare: i biancoverdi rientrano scarichi, al contrario di una Castenaso più arrembante e che alza sin da subito la difesa. Morale della favola dal +9 con cui si era andati al riposo, i ragazzi di coach Boni si ritrovano sotto di quattro lunghezze (55-59). Nel quarto periodo si va molto a strappi: prima pareggia Castelfranco, poi si riporta a +9 Castenaso. Arrivano i secondi finali con Castelfranco sotto di tre lunghezze (71-74); coach Boni, nel time out disegna il tiro da 3 per Zucchini che, come spesso gli succede, ripaga della fiducia del suo allenatore e impatta a quota 74; a sua volta chiama minuto coach Castelli, che non disegna nulla di particolare dando solo l’indicazione di tirare allo scadere (mancano 19″…). Pick’n’roll fra Chiusolo e Alberto Barbieri, Castelfranco decide di cambiare ritrovandosi con Tedeschini a marcare il play bolognese che, dopo aver lasciato passare ancora qualche secondo, segna la tripla della vittoria nonostante l’ostacolo delle mani protese del difensore.

SALUS – TIGERS 90 – 94 dts

(20-18; 42-44; 62-61; 83-83)

Salus Bologna: Bonetti 7, Tavani, Venturi 19, Nucci 23, Zuccheri 9, Galvan 4, Granata, Pellacani 2, Saccà 19, Albertini 7. All. Giuliani.

Tigers 2014: Valgimigli E., Valgimigli F., Tugnoli 24, De Pascale 5, Iattoni 19, Ravaioli 21, Poggi ne, Villa 19, Martignago, Donati 6. All. Conti.

ASSET BANCA – ROBERTO NUTI 66 – 79

(22-25; 33-35; 48-56)

San Marino: Macina, Gamberini 17, Agostini 2, Cardinali 6, Mazzotti 15, Benzi 8, Liberti, Giannotti ne, Calegari 8, Crescentini 10. All. Del Bianco.

Bsl San Lazzaro: Lolli 4, Sabattani 5, Pulvirenti 9, Fabbri 6, Fin 28, Curione 2, Bianchi 13, Ottone 6, Chiapparini, Saccardin 6. All. Rocca.

Serataccia al Multieventi e sconfitta meritata dei titani contro San Lazzaro. Motivi (e al tempo stesso attenuanti) della resa l’assenza di Saccani ed il 6/25 combinato da Benzi e Cardinali, peraltro scesi in campo generosamente nonostante condizioni fisiche molto precarie. Chiave della gara il break che, dal 48-46 Asset Banca al 27′, inizia con la tripla di Pulvirenti e si spinge fino al 48-63 San Lazzaro del 31′ con l’ennesimo centro dell’MVP Fin, per un 17-0 (Fin 8) nel quale i Titans escono dalla gara e ci mettono davvero tanto del loro.

ANGELS – MISTER AUTO 89 – 71

(23-25; 46-45; 65-59)

Santarcangelo: Bianchi 8, Pesaresi 20, Moretti 6, Rinaldi 15, Saponi 11, Lucchi 7, Fusco 3, Arlotti, Bedetti 17, Dini 2. All. Tassinari.

Ghepard: Riguzzi 17, Nieri 26, Beccaletto 2, Botteghi 7, Martelli 12, Maldini, Verdi, Tullio 3, Beccari 2, Ghedini 2. All. Rossi.

Starting five per i padroni di casa: Bianchi, Pesaresi, Moretti, Rinaldi e Saponi; per la Ghepard: Riguzzi, Nieri, Beccaletto, Botteghi e Martelli. Buona la partenza per Mister Auto che a metà del primo quarto conquista il massimo vantaggio (8-18), grazie ad un canestro di Beccari su assist di Riguzzi. I padroni di casa si riprendono però prontamente e con alcuni tiri dalla distanza si riavvicinano, fino a chiudere la prima frazione sotto di due sole lunghezze (23-25). Il secondo quarto prosegue in sostanziale equilibrio, con la Ghepard che cerca di allungare, ma viene puntualmente ripresa, fino a 1’32” dalla sirena quando gli Angels agguantano prima il pareggio (41-41) e poi mettono la testa avanti, andando al riposo avanti di una lunghezza (46-45). Dopo l’intervallo i ragazzi di coach Rossi faticano a trovare la strada del canestro: qualche fallo fischiato in attacco e qualche errore di troppo ai liberi spianano la strada ai padroni di casa, che riescono ad incrementare il proprio vantaggio. Il terzetto Nieri, Martelli e Riguzzi cerca di opporsi e riesce in parte a limitare i danni, mantenendo il distacco in termini accettabili (65-59).Nell’ultima frazione gli Angels dilagano, grazie ad una serie di bombe, mentre i bolognesi continuano a litigare con il canestro; il divario si allunga e alla sirena il tabellone segna + 18 per i padroni di casa.

CLASSIFICA

RAGGISOLARIS FAENZA 16 10 8 2 679 554 +125
BASKET 2000 SCANDIANO 14 10 7 3 740 714 +26
SANTARCANGELO 12 10 6 4 764 701 +63
VSV IMOLA 12 10 6 4 720 675 +45
TIGERS FORLI’ 12 10 6 4 770 728 +42
CASTELFRANCO EMILIA 12 10 6 4 745 750 -5
CASTENASO 10 10 5 5 719 711 +8
G. SCIREA BERTINORO 10 10 5 5 606 614 -8
SAN MARINO 10 10 5 5 701 723 -22
GHEPARD BOLOGNA 10 10 5 5 677 716 -39
BSL SAN LAZZARO 8 10 4 6 643 685 -42
FIORE FIORENZUOLA 6 10 3 7 610 682 -72
SALUS BOLOGNA 4 10 2 8 673 721 -48
REBASKET RUBIERA 4 10 2 8 639 712 -73

Bonfiglioli, Magika e Libertas ipotecano i primi due posti in A2. I risultati della Femminile

Esami severi in A2 femminile per la Bonfiglioli che ospita Crema e per la capolista, del girone C, Magika impegnata ad Ariano Irpino cioè contro l’unica squadra che l’ha battuta nel girone di andata. In A3 ostica trasferta ad Udine per la Matteiplast, mentre in serie B spicca Val d’Arda-Bsl San Lazzaro.

SERIE A2 11° giornata
GIRONE B
VELCO VICENZA – VIRTUS CAGLIARI 65 – 52

FASSI ALBINO – ASTRO CAGLIARI 57 – 51

PFF GROUP – CREMA 54 – 39

(16-12. 38-18, 47-30)

Bonfiglioli Ferrara: Nori 12, Rosier 6, Cecconi ne, Rulli 8, Pocaterra ne, Aleotti 4, Rosset 9, Miccio 5, Missanelli 2, Bertaccini, Mini 8. All. Iurlaro.

Crema: Conti 2, Zagni, Mandelli 4, Capoferri 5, Caccialanza 2, Parmesani 6, Cerri 5, Rizzi 5, Picotti 8, Minali 2. All. Visconti.

INTERCLUB MUGGIA – BASKET BIASSONO 46 – 56

CLASSIFICA
Bonfiglioli Ferrara, Vicenza 16; Crema 14; Villafranca 10; Astro Cagliari, Albino 8; V. Cagliari, Biassono 6; Muggia 2.

GIRONE C
DEFENSOR VITERBO – CARPEDIL SALERNO 66 – 56

ARIANO IRPINO – ALFAGOMMA 62 – 73

(12-17; 31-34; 47-57)

Ariano Irpino: Narviciute 17, Santabarbara, Madonna 10, Vargiu, Albanese, Chesta 12, Maggi 14, Dominguez 4, De Michele, Mancinelli 5. All. Ferazzoli.

Magika Castel San Pietro: Vespignani  12, Turroni 2, Capucci ne, Ballardini 15, Santucci Mart., Franceschelli 2, Schieppati, Matic, Vitari 12, Santucci Mari. 21, Panella 9. All. Seletti.

TRUST RISK GR. CASTELLAMARE STABIA – S. MARINELLA 59 – 47

INFA CIVITANOVA M. – MECCANICA NOVA BOLOGNA 54 – 64

(12-10; 32-27; 40-46)

Civitanova Marche: Bruscantini 2 (1/1), Gomes, Iannucci 20 (3/8, 7/12, 1/2), Piscini, Filippetti 7 (2/8, 1/3), Trobbiani J. 2 (1/5), Delibasic 16 (2/2, 7/11), Vinciguerra, Marinelli 5 (1/1, 1/7), Trobbiani G. 2 (1/1, 0/1), Zaccari. All. Cardinali.

Libertas Bologna: Landi 15 (3/5, 3/4), Torresani (0/1), D’Alie 10 (6/6, 2/8, 0/4), Silva 2 (1/3, 0/2), Cigliani 9 (3/5, 1/5), Nnodi, Santarelli ne, Cordola 15 (3/6, 6/8), Vian 13 (1/2, 6/11), Futo. All. Lolli.

CLASSIFICA
Magika CSP 18; Libertas Bologna 16; Ariano Irpino 12; Santa Marinella* 10; Civitanova, Viterbo* 8; SRB Roma 6; Castellamare 6; Salerno 2.

SERIE A3 9° giornata
GIRONE B
BASKET CLUB BOLZANO – BASKET SARCEDO 65 – 43

AVIS RIVA DEL GARDA – SISTEMA ROSA PALL. PORDENONE 61 – 75

BASKET MONTECCHIO MAGGIORE – PALL. BOLZANO 80 – 67

UDINE – MATTEIPLAST 53 – 51

(12-15; 22-31; 43-42)

Udine: Quaino 6, Ciotola, Beltrame 3, Pozzecco 3, Sturma 2, Vicenzotti 24, Molaro, Pontoni, Da Pozzo 3, Zussino 10, Rainis 2. All. Sinone.

Progresso Basket Bologna: Cordisco 4, Occhipinti 4, Zanoli 8, Dall’Aglio, Gorla, Storer 8, Romagnoli 7, Malavasi 6, Pignatti 2, Nannucci 12. All. Annunziata.

CLASSIFICA
Pordenone 18; Matteiplast Progresso Bologna, BC Bolzano 12; Udine, Montecchio 10; Pall. Bolzano, Sarcedo 4; Rivana 2.

SERIE B 10° giornata

VIS CERVIA – MAGIK ROSA 39 – 57

(11-19; 25-29; 30-42)

Cervia-Cesenatico: Pantani 3, Sabbatani, Belli S. 2, Belli E., Rossi 6, Giordani 2, Arat 2, Nanni 4, Bonaldo ne, Currà 4, Zavalloni 7, Garaffoni 9. All. Montanari.

Magik Rosa Parma: Luppi 2, Corsini 12, Tringale 6, Gennari, Molinari 7, Tomassetti 2, Bartolotti, Vaccari 16, Costi 4, Pavarani 8, Zoni. All. Lopez.

VAL D’ARDA – BSL 55 – 59

(15-14; 27-33; 39-46)

Fiorenzuola: Podestà 18, Zagni 10, Rizzi 9, Mascagni, Rocca ne, Bertoni 6, Ghittoni ne, Scaramozzino, Periti 2, Menta ne, Zane 10. All. Tribi.

BSL San Lazzaro: Coraducci 4, Cani, Talarico 17, Gilioli 4, Ghigi 2, Gelati 4, Giacometti 10, Giubilei 10, Bacchi 4, Alboni 2. All. Dalè.

VALTARESE – ACETUM 50 – 59

(4-19, 16-30, 32-42)

Borgo Val di Taro: Bogojevic, Schianchi 9, Montanari 2, Besagni 6, Bini 10, Bardini, Marchini 15, Leonardi, Mezini 6, Capitelli ne, Fatadey, Crivaro 2. All. Dellapina.

Cavezzo: Brevini 11, Bellodi, Valenti 8, Marchetti 8, Finetti 6, Tardiani 9, Bernardoni 6, Todisco 2, Calzolari 9. All. Bregoli.

BEACH PARK – LAME 52 – 48

(12-4; 27-18; 39-32)

S.B. Faenza: Bandini 11, Cataldo, Morsiani L. 8, Zalambani 2, Lolli Ceroni 20, Bravi 4, Moriconi, Chiarini 4, Morsiani D. 3, Samorè ne, Bennoli. All. Bassi.

Pur soffrendo più del previsto, il Beach Park supera il fanalino di coda Lame Bologna, compiendo un altro importante passo avanti in classifica. Faenza parte forte chiudendo il primo quarto avanti 12-4 non riuscendo, però, nei quarti successivi a piazzare il break decisivo, subendo la reazione delle giovani ospiti. La squadra manfreda era comunque brava a non perdere mai lucidità e a segnare i canestri decisivi, negli ultimi minuti, grazie al solito carattere.

CLASSIFICA
Cavezzo 18; Val d’Arda Fiorenzuola 14; Beach Park Faenza*, BSL San Lazzaro 12; Magik Rosa Parma* 8; Vis Cervia, Valtarese 6; Lame Bologna 2.

Mamma mia il 4 Torri, derby alla Pallavicini. I risultati di C Regionale e serie D

Chi sarà la seconda forza della C Regionale? Appuntamento a Castelnovo Monti, domenica pomeriggio, ore 17,30. Trasferta insidiosa per i Flying Balls a Correggio. In serie D, girone A, ci aspettiamo un derby emozionante tra Pallavicini ed Atletico, due realtà che hanno sede nel quartiere bolognese di Borgo Panigale. Nel B spiccano Molinella-Forlimpopoli e Spem Ravenna-Riccione

C REGIONALE

PALL. NOVELLARA  – DESPAR 4 TORRI FERRARA 42 – 96

(12-27; 30-45; 36-76)

Novellara: Baracchi A, Margini 4, Bartoli 1, Folloni 2, Rinaldi 2, Mariani Cerati 7, Baracchi M, Cattelani, Carpi 2, Ciavolella 14, Colla 7, Croci 3. All. Ligabue.

4 Torri Ferrara: Burresi, Bertocco 9, Fenati 6, Brandani 14, De Togni 4, Lugli 6, Marchetti 2, Martini 4, Pasquini 18, Magni 14, Agusto 19. All. Cavicchioli.

ME-CART – GIORGINA SAFFI 74 – 61

(15-16; 33-42: 59-50)

Cavriago: Violi, Fantini 2, D’Amore 13, Pellicciari, Cervi 20, Leonardi 2, Fontanesi 9, Pezzi 12, Codeluppi 14, Caleffi, Giardina 2. All. Degl’Incerti Tocci.

Giorgina Saffi Forli: Frigoli 5, Pena 2, Conocchiari 18, Rava 5, Ravaioli 6, Piazza 12, Soldati, Serrani 3, Emiliani 4, Agatensi 6. All. Agnoletti.

INDUSTRIAL PACKAGING – BUDRIO 76 – 83

(17-27, 35-49, 56-67)

Arbor Reggio: Visini, Braglia 8, Maione 7, Iori 16, Simonazzi 6, Ligabue 13, Franzoni 2, Maioli 2, Alfano 7, Bytyqi 15. All. Baroni.

Budrio: Fimiani 15, Guidi, Casagrande 16, Nanni 8, Manini 10, Lazzari 2, Alberti 6, Quaiotto 8, Innocenti 15, Quarantotto, Bargiotti 3. All. Cinti.

SPAL – FLYING BALLS 90 – 91 dts

(23-22; 49-40; 61-59; 75-75)

Correggio: Casu 4 Zamparelli 3, Strautins 14, Giani, Rovatti 19, Galeotti 8, Amici 5, Magnani 15, Villani 11, Fassinou 11, Lever, Riccò. All. Paladini.

Ozzano: Pasquali, Verardi 6, Mini 11, Rossi 31, Savic, Caprara, Regazzi, Teglia, Guazzaloca 13, Martelli, Rambelli 11, Gianasi 19. All. Grandi.

Dopo una bella, tirata e sofferta partita, ad Ozzano serve un tempo supplementare per espugnare di misura (90-91) il difficile campo di Correggio e ottenere il quarto successo di fila, che consolida il secondo posto in classifica del gruppo di coach Grandi. Primi 10’ equilibrati con Fassinou e Strautins da una parte, Gianasi e Rossi dall’altra che regalano canestri a ripetizione. Alla prima sirena è +1 Correggio (23-22), ma è nella seconda frazione che i padroni di casa fanno la voce grossa. Ozzano fatica a trovare il tiro dalla lunga distanza, Correggio è più precisa e domina sotto canestro ottenendo diversi doppi possessi e un buon +9 all’intervallo lungo (49-40). Nella terza frazione la musica non cambia, la Spal vola sul +13 (56-43) al minuto 25. Time out obbligato per coach Grandi che da la carica al tutto il gruppo e, al rientro, Ozzano comincia a giocare come sa e con un parziale di 11 a 0 torna bruscamente in corsa. Guazzaloca sulla sirena firma il -2 con una disperata conclusione da metà campo e, al rientro dall’ultimo mini break, Mini trova subito il pareggio; Gianasi, poco dopo, ottiene il sorpasso (62-63 con 7’30” da giocare). Negli ultimi decisivi minuti c’è tempo anche per un tecnico fra i padroni di casa (proteste di Magnani), Ozzano trova il +6 a 4’ da giocare. Correggio non ci sta e in 150 secondi rimonta e torna davanti e si arriva sul 75 pari con 24 secondi da giocare. L’ultimo tiro se lo prende Magnani ma sbaglia, il rimbalzo offensivo di Fassionou non porta però alcun effetto e si va così all’overtime. Protagonista del supplementare è Rovatti (10 punti di fila) e la Spal tenta l’allungo decisivo (85-78). Un tecnico fischiato alla panchina e un antisportivo di Villani aiutano Ozzano a riportarsi sotto, grazie alla precisione ai liberi di un monumentale Riccardo Rossi (31 punti miglior realizzatore del match) e ai canestri di Mini (11 punti tutti negli ultimi 15’). A 5” dalla sirena finale Correggio trova con Villani il +1 (90-89) ma, in quella che doveva essere l’ultima disperata azione della partita per gli ozzanesi, viene fischiato un fallo su Rossi che manda su tutte le furie panchina e pubblico di casa e regala all’ala bolognese i due liberi decisivi. Riccardo si dimostra glaciale e fa 2/2, Ozzano mette così il naso avanti. Nei due secondi e mezzo finali, Magnani e Strautins cercano un disperato tiro senza esito. Ozzano vince così 91 a 90 contro un’ottima squadra, veloce e fisica, formata da una gruppo di ragazzi giovani davvero talentuosi.

FOR – BOLOGNA BASKET 2011 57 – 79

(13-24; 34-38; 47-54)

Pontevecchio: Tinti 6, Mantovani 10, Cruzat 6, Galeotti 3, Garagnani 12, Di Rauso 4, Bergami 3, Benuzzi 3, Girotti 2, Falzetti 3, Santini 5. All. Savini.

Bologna Basket 2011: Gargioni, Chiarini A. 8, Tolomelli, Chiarini S. 26, Guerri 2, Tugnoli 2, Terenzi 2, Lippa 5, Ballardini 14. Bianchini 18, Diop, Ayiku 2. All. Duo.

GRANAROLO – CVD 85 – 72

(17-22; 43-37; 67-54)

Granarolo Basket: Spettoli 17, Paoloni 4, Tugnoli 12, Calanchi, Marchi 20, Bonetti 4, Fava, Bertuzzi 6, Ferri 1, Governatori 2, Busi 16, Torriglia 3. All. Trevisan.

Cvd Casalecchio: Gamberini 3, Spadellini 10, Mazzoli 5, Marzioni 14, Lanzi 4, Truzzi 6, Masetti 3, Fuzzi 11, Cuozzo 4, Taddei 4, Nannetti 8. All. Loperfido.

Granarolo vince una partita che “doveva” vincere (per non essere risucchiata nei bassifondi della classifica ) giocando complessivamente una buona gara anche se condita, a tratti, da molti errori “banali”. L’inizio vede partire meglio il CVD che sfrutta benissimo le “dormite” difensive dei padroni di casa sui pick and roll e si porta sul +10 (8-18 al 6′). Timeout di un Trevisan “imbufalito” per la mollezza dei suoi e rimescolamento delle carte con ingresso in campo di Bonetti e Marchi: parziale di 9-4 e Granarolo va alla prima sosta sotto di cinque lunghezze (17-22 al 10′). Il secondo periodo, dopo un iniziale equilibrio (21-26 al 12’30”), vede i padroni di casa prendere gradualmente il sopravvento e passano in vantaggio per la prima volta sulla tripla di Tugnoli (30-28 al 14’30”). Grazie ad un Marchi ispirato (12 dei suoi 20 punti li realizza in questo periodo senza un solo errore) i padroni di casa dilatano il divario per andare al riposo lungo sul +6 (43-37 al 20′). A inizio terzo periodo Granarolo dà la spallata che sostanzialmente decide la partita: parziale di 8-3 nei primi due minuti e vantaggio in doppia cifra (51-40 al 22′) che si dilata col passare dei minuti fino al +15 sui liberi di Paoloni (62-47 al 28′). Il CVD tampona la falla e va all’ultimo riposo sul -13 (67-54 al 30′) ma nell’ultimo periodo non riesce mai a mettere in difficoltà i padroni di casa che raggiungono anche il massimo vantaggio del match su due triple consecutive di Spettoli (73-56 al 32’30”), per poi controllare agevolmente mantenendo sempre il vantaggio in doppia cifra fino al +13 finale.

DILPLAST – TECNOSISTEM 72 – 41

(12-14; 34-21; 48-33)

Montecchio: Grisendi 6, Lombardi 14, Ongarini 6, Guardasoni 1, Basso 2, Maggi, Colla 2, Ferrari 21, Marchini 18, Petrolini 2. All. Cavalieri.

Stars: Bitelli 9, Garrossi 1, Orlando 7, Lalanne 4, Menarini, Skocai, Testoni, Landuzzi, Flori 2, Maestripietri 4, Pecchia 3, Parenti 11. All. Cantelli.

BANCO EMILIANO – V. MEDICINA 88 – 61

(23-22; 39-32; 59-47)

LG Castelnovo Monti: Mallon 18, Vanni 17,  Fanelli 16, Canuti Fr. 15, Paulig 13, Siani 9,  Generali, Ovi, Filippi, Vezzosi ne, Baccarani ne. All. Djukic.

Medicina: Govi G. 12, Biguzzi 12, Persiani 11, Govi F. 9, Musolesi 7, Sighinolfi 7, Seracchioli 3, Lorenzini, Rossi. All. Curti.

E’ un’aria che fa bene all’LG Banco Emiliano che, in una partita spigolosa, almeno per due quarti, riesce prima a tenere testa e poi a dilagare contro una  avversaria “storica” da quando calca i parquet di C2. Si parte con i gialloneri felsinei che fanno girare molto bene la palla e trovano con pazienza i giocatori meglio posizionati per tiri facili e ad alta percentuale di realizzazione. Il Banco Emiliano accusa un po’ il colpo e, solo alla fine del periodo, alcune buone giocate dei lunghi castelnovesi riportano avanti sul 23 a 22 i locali. Il secondo quarto vede una Castelnovo Monti registrare un po’ di più la difesa e l’ingresso in campo di Paulig fa trovare più facilmente la via del canestro a tutti i compagni, con un Siani pericoloso anche in fase realizzativa. Ne beneficia soprattutto Mallon che, con 7 punti consecutivi, porta il vantaggio sul 39 a 32 dell’intervallo lungo. Al ritorno in campo la squadra di Djukic dà una ulteriore spallata alla gara , dopo un tentativo di riavvicinamento di Medicina che prova la pressing per recuperare palloni utili alla rimonta. Il solo Sighinolfi segna con una certa continuità nel terzo quarto, fino a quando non arriva il ”momento Fanelli” a deliziare il numeroso pubblico castelnovese e, con 9 punti consecutivi, il tarantino porta a +13 la l’LG, ben supportato sotto le plance da Vanni. Qui Medicina si incarta, lentamente esce dalla partita e, complici anche un tecnico fischiato dopo un antisportivo a Govi a inizio dell’ultimo tempo, la squadra reggiana vola via sul +15, per poi dilatare il suo vantaggio grazie ad un ispirato Francesco Canuti che, con tre bombe consecutive, e 11 dei suoi 15 punti complessivi, fa calare il sipario sulla gara, con un passivo troppo pesante per i bolognesi.

CLASSIFICA

4 TORRI FERRARA 22 11 11 0 892 680 +212
L.G. COMPETITION CAST. M. 16 11 8 3 814 735 +79
FLYING BALLS OZZANO 16 11 8 3 833 800 +33
S.B. CAVRIAGO 14 11 7 4 810 704 +106
BUDRIO 14 11 7 4 738 672 +66
VIRTUS MEDICINA 14 11 7 4 779 752 +27
ARENA MONTECCHIO 12 11 6 5 725 701 +24
BOLOGNA BASKET 2011 12 11 6 5 725 733 -8
GRANAROLO BASKET 10 11 5 6 741 752 -11
G. SAFFI FORLI’ 10 11 5 6 726 747 -21
NOVELLARA 10 11 5 6 715 780 -65
CORREGGIO 8 11 4 7 791 838 -47
STARS BOLOGNA 8 11 4 7 685 757 -72
ARBOR REGGIO 6 11 3 8 740 791 -51
CVD CASALECCHIO 4 11 2 9 680 783 -103
PONTEVECCHIO BOLOGNA 0 11 0 11 648 817 -169

SERIE D

GIRONE A

PALLAVICINI – ATLETICO 71 – 60

(14-12; 44-16; 52-31)

Pallavicini: Tosiani 6, Cenesi 13, Nanni G. 2, Giunchedi 13, Ferraro 13, Sgargi 9, Nanni M. 10, Bertarelli, Bastia 3, Minghetti 2. All. Morra.

Atletico: Campanella 2, Proto 1, Farneti 4, De Simone 2, Sant 2, Artese 18, Selvi 4, Turchetti 4, Rossi 15, De Fazio, Pedroni 2, Veronesi 6. All. Cicchelli.

Sarà stata la tensione, ma il derby del quartiere Borgo Panigale è durato poco più di un quarto. Un devastante parziale di 30 a 4 nella seconda frazione, infatti, ha permesso alla Pallavicini di vivere di rendita e di gestire, nella ripresa, il congruo vantaggio.

La partita, tutt’altro che piacevole, era iniziata ai mille all’ora con una marea di errori e con gli ospiti, continuamente aggressivi a tutto campo, in vantaggio fino all’8-10 dell’ottavo minuto. La 3-2 dei padroni di casa, però, frenava l’agonismo dei biancorossi e due triple di Sgargi davano il la all’allungo decisivo (22-12 al 13’). Era poi Cenesi, coadiuvato da Ferraro, ad aumentare il vantaggio fino al +28 del 20’ (44-16). Nella riprese Artese si svegliava (0 nei primi venti minuti) e l’Atletico risaliva sul 44-24, ma l’attacco ospite continuava a balbettare. All’inizio dell’ultima frazione, però, scarica di adrenalina sul parziale iniziale di 3 a 12 (55-43 al 34’), ma il giovane play Giunchedi, supportato da Matteo Nanni, prendeva per mano i compagni e le battute finale servivano soltanto agli ospiti a rendere meno amaro il fiele della sconfitta.

SAMPOLESE – MAGIK 79 – 68

(14-22, 34-37, 53-57)

San Polo d’Enza: Di Maria ne, Monti 9, Minardi 16, Benevelli 6, Nicolini ne, Davoli, Tognoni, Hasa ne, Bizzocchi 19, Servidei 12, Pezzi 17. All. Immovilli.

Magik Parma: Bazzoni 3, Donadei 16, Malinverni N. 6, Malinverni L. 13, Cavaglieri 5, Gibertini, Olagundoye 17, Langinotti 6, Guidi 2, Berlinguer ne, Fava ne. All. Lopez.

Torna finalmente alla vittoria la Sampolese, dopo una lunga serie di sconfitte causate  sopratutto dalle numerose assenze per infortuni. Il recupero di Benevelli e Servidei e le migliori  prestazioni stagionali di Minardi e Bizzocchi, supportati dal tifo  del calorosissimo pubblico sampolese, hanno propiziato una vittoria fortemente voluta da tutta la compagine di Immovilli. La gara è stata in gran parte condotta dagli ospiti di oltr’Enza: Olagundoye domina sotto i tabelloni (14 punti a metà gara), poi, quando Immovilli riesce ad adattare una zona che limita il lungo del Magik, cominciano a colpire pesantemente le bombe  di Donadei (5 triple alla fine); non molla, però, la Sampolese che ha il grande merito di riuscire sempre a stare a ruota degli ospiti e poi è capace (con Minardi Bizzocchi e Pezzi sugli scudi) di piazzare un terribile break di 25 a 6 negli ultimi otto minuti (dal 54-62 del 32′ al risultato finale).

FIORANO – VIS PERSICETO 44 – 55

(17-17; 28-24; 36-36)

Libertas Pallacanestro Fiorano: Di Curzio 3, Cracco, Zogaj, Ruggeri 17, Galloni 3, Bernabei ne, Lanzellotto 4, Fogliani ne, Marescotti 11, Domenichini 2, Lucchi 3, Melegari. All. Casoli

San Giovanni in Persiceto: Scagliarini 2, Morisi 10, Parmeggiani, Almeoni 17, Missoni 7, Genovese 7, Galli 1, Ramini 9, Ferrari ne, Rusticelli G. 2, Pederzini. All. Rusticelli M.

Persiceto vince anche a Fiorano, giocando una partita che non è stata la massima espressione di tecnica cestistica. Fiorano si presenta al via con il nuovo coach; alla corte del presidente Montermini, infatti, è arrivato Fernando Casoli dalla Rebasket. Fiorano parte bene grazie alle giocate di Stefano Marescotti su entrambi i lati del campo (doppia doppia da 11 punti e 12 rimbalzi), che segna 7 punti nella sola prima frazione, accompagnato da Ruggeri; per gli ospiti Morisi e l’MVP Almeoni (classe 1995) tengono in partita i propri compagni ed impattano il risultato a quota 17 alla prima sirena. Nel secondo quarto Fiorano sbaglia tutto ciò che si può sbagliare in fase realizzativa, ma nonostante ciò, arriva alla pausa lunga con il tabellone che recita 28-24, causa la parecchia imprecisione da parte dei bolognesi dalla linea del tiro libero. Al rientro in campo dopo la pausa lunga, la partita riprende come era finita, ossia con l’equilibrio a farla da padrone; meglio Persiceto che pareggia il parziale di 7-0 rifilatogli da Fiorano nel secondo quarto, con un altrettanto 7-0 per cominciare la seconda parte di gara. Lucchi è una garanzia a rimbalzo assieme al “gladiatore” Marescotti, mentre capitan Lanzellotto suona la carica e tiene i propri aggrappati al risultato. Nel quarto e decisivo periodo, però, si scatena Genovese, che manda a bersaglio tutti i propri 7 punti in questa frazione, grazie ad un uno-due di giochi da tre punti micidiali e anche ad un canestro degno dei più grandi “playground”. Sembra finita, ma non lo è mai; l’energia di Lanzellotto si fa sentire e Fiorano rientra fino al -4, ma poi Almeoni decide che è ora di chiuderla e ruba due palloni fondamentali andando a concludere in solitaria. Altri due canestri di Morisi servono, poi, per arrotondare il punteggio finale.

EUROSYSTEM – SALSO 54 – 35

(11-5; 26-15; 38-24)

Luzzara: Ploia, Vezzani, Cani 3, Costantino 9, Caleffi ne, Gelosini 13, Sereni 2, Neviani 8, Neri 9, Freddi 4, Corradini 6. All. Beltrami.

Salsomaggiore: Talassi 12, Zamboni 2, Aimi 9, Maccini 6, Rattotti, Bonzani 2, Biocchi, Ronchetti, Lucchini 3, Lettieri. All. Allodi.

Terza vittoria consecutiva per gli Aquilotti che sfruttano il (relativo) turno favorevole contro Salso. Ma ancora una volta sono gli infortuni a prendere il centro del palcoscenico. A Caleffi in panchina solo per fare numero (contrattura alla schiena), si aggiunge l’infortunio a Vezzani che si gira malamente il ginocchio sul finire della terza frazione e le cui condizioni andranno valutate nei prossimi giorni. E se Gelosini stringe i denti sulla caviglia malandata, è sempre out capitan Salati. Buon per gli Eaglets che la difesa ormai gira al meglio e sopperisce ad una serata asfittica in attacco (21/63 dal campo, di cui 4/21 da 3). Salso segna solamente 5 punti nei primi 10′ e addirittura 7 nei primi 17′ con gli Aquilotti che veleggiano su un comodo +16, con 7 punti consecutivi di Costantino (23-7). Nella ripresa i ragazzi di coach Beltrami tengono i parmensi a soli 2 punti per 8′ e, pur senza fuochi d’artificio in attacco, salgono a +21, sfruttando 8 punti di Gelosini (38-17 al 18′). Nessuno scossone di rilievo neppure nell’ultimo quarto, quando gli ospiti provano la zona, ma senza grande successo. A 5′ dalla sirena è sempre +21 (47-26) e si attende solo la fine con la testa alla prossima gara contro la neo-capolista Voltone, sperando di svuotare un po’ l’infermeria.

PSA – VOLTONE 56 – 73

(10-15; 31-35; 44-56)

Psa Modena: Tejeda, Malverti ne, Macchelli 9, Tamagnini, Mezzetti 6, Marasca 11, Santonastaso 9, Di Talia 5, Komadu 2, Frilli 12, D’Imprima 2. All. Lunghini.

Voltone Zola: Galassi 8, Ghiacci 17, Giacometti A. 5, Lombardo 15, Giacometti J. 13, Zanasi, Polo 9, Varotto 6. All. Amanti.

Dopo la bella prestazione con San Giovanni, la PSA torna pigra e svogliata contro il Voltone. I bolognesi partono subito a zona e Modena fatica a trovare le chiavi per aprire la difesa dei bolognesi; i primi tentativi di punire la zona da fuori sono imprecisi, ma è nella propria metà campo che la PSA non convince. Ghiacci, Lombardo e Giacometti giocano a loro piacimento, inarrestabili sotto canestro, ma ancora più letali dall’arco dei tre punti, 7 bombe su 11 tentativi, un autentico bombardamento a cui i ragazzi di Lunghini non hanno saputo dare l’alt. Con questo atteggiamento la PSA era costretta a giocare sempre contro la difesa schierata e visto la difficoltà al tiro si intestardiva nell’1c1, non proprio la soluzione migliore soprattutto se dal palleggio. Il Voltone però era in forte emergenza, con Ghiacci influenzato e ben quattro giocatori praticamente alla prima stagionale, a cui si aggiunge Polo che sulla sirena di metà si scaviglia tirandosi via dal match, quindi il parziale al riposo lascia ancora speranze ai modenesi. Ma al rientro in campo la svolta non si vede, anzi, la PSA continua a trotterellare e a sbattere letteralmente contro la zona. Il Voltone allunga e alterna alla bulgara anche la 1-3-1, il –17 finale non è bugiardo, Modena stasera non c’era con la testa e soprattutto con la voglia di provarci.

RADIOCOOP.IT – FULGOR 67 – 61

(12-19; 28-30; 49-42)

Piacenza Basket Club: Massari 12, Villa 14, Antozzi 16, De Lillo 2, Pirolo 11, Scarionati 5, Sela, Villani, Popov, Markovic 1, Betti 6, Zanangeli. All. Mambretti.

Fulgor Fidenza: D’Esposito, Troiano 3, Orsi, Iacomino 17, Molinari 7, Ceci 11, Zerbini 10, Gelmini 3, Imeri 8, Ceci 2. All. Fiesolani.

Il Piacenza Basket Club vince un’importante partita nell’11° Giornata del Girone d’Andata del Campionato di Serie D. Lo fa al termine di una partita di certo non bella, ma molto combattuta, giocata contro una Fulgor Fidenza che ha davvero venduto cara la pelle. Appena prima della partita momento da brividi per il Pala San Lazzaro, con il minuto di silenzio per ricordare Enzo Presta, indimenticabile volto del Piacenza Basket Club che purtroppo è venuto a mancare in settimana. La partita non è altresì da brividi tuttavia, con un inizio piuttosto lento da parte dei ragazzi di Mambretti che sembrano inizialmente soffrire le giocate fidentine. Iacomino e soci giostrano bene il pallone, mentre il Piacenza Basket Club fatica ad inserire le marce giuste, chiudendo il primo quarto sotto di 7 lunghezze, sul 12-19, complice anche una vena non buonissima dalla lunetta, con un 1/4 negli ultimi secondi che da la fotografia esatta di un quarto non esaltante. Nel secondo quarto si inizia con marce bassissime da parte di entrambe le squadre, si segnalano 3 punti tra entrambe le squadre nei primi 3′. E’ una bomba di Betti che prova a dare fiducia ai ragazzi di coach Mambretti, che iniziano a farsi sotto grazie al prezioso lavoro sotto le plance di Villa e Pirolo. A metà partita si registra un sostanziale equilibrio, con un punteggio di 28-30. Nel terzo periodo il Piacenza Basket Club alza le marce, e la Fulgor Fidenza pare sorpresa da ciò. Sale in cattedra capitan Antozzi, autore di un’ottima prova globale, che riesce in tandem con Pirolo a dare un vero strappo alla partita. Radiocoop.it Piacenza Basket Club arriva a toccare quota +11, con un punteggio di 53-42, ma è ancora Iacomino a dimostrarsi giocatore di categorie e inventarsi due triple importanti. Il finale di partita per il Piacenza Basket Club è tuttavia ancora targato Pirolo-Villa, con la coppia di lunghi che mette a referto 16 degli ultimi 17 punti per i piacentini e consentendo ai ragazzi di coach Mambretti di chiudere sul 67-61 una partita non certo spettacolare, ma che pesa ai fini di una classifica che vede il Piacenza Basket Club ancora in testa.

NAZARENO – ANZOLA 63 – 70

(12-21, 34-35, 54-49)

Nazareno Carpi: Sbisà 1, Compagnoni 23, Goldoni 8, Doddi 7, Spasic ne, Cavallotti 4, Salami 13, Saetti, Menon 4, Cantarelli 3. All. Testi.

Anzola: Poluzzi F., Venturi D. 1, Venturi N. 7, Boldini 7, Fiorini 20, Lambertini, Kalfus 1, Gamberini ne, Brancaccio, Mazza 23, Poluzzi L., Zanata 11. All. Sacchetti.

SAN MAMOLO – BAOU TRIBE 61 – 74

(15-17; 33-37; 45-53)

San Mamolo Basket: Gabrieli 8, Margelli 6, Beccari 3, Quadri 7, Rizzi 2, Martelli P. 14, Martelli L., Boldarino 4, Benfenati, Demetri 12, Candelaresi 4, Ghelli 1. All. Munzio.

Baou Tribe San Lazzaro: Marinelli 9, Fornasari 10, Bernardi 4, Pirazzoli, Mellara 16, Forni, Masrè 14, Paladini 2, Campagna, Capobianco 10, Lodi 9. All. Lelli.

CLASSIFICA

VOLTONE ZOLA 18 11 9 2 786 681 +105
PIACENZA BC 18 11 9 2 753 661 +92
ANZOLA 18 11 9 2 784 707 +77
BAOU TRIBE SAN LAZZARO 18 11 9 2 735 660 +75
PALLAVICINI BOLOGNA 18 11 9 2 747 678 +69
VIS PERSICETO 16 11 8 3 772 683 +89
AQUILA LUZZARA 12 11 6 5 687 657 +30
COLLEGE FIDENZA 10 11 5 6 705 716 -11
MAGIK PARMA 10 11 5 6 671 720 -49
ATLETICO 8 11 4 7 747 769 -22
NAZARENO CARPI 6 11 3 8 710 773 -63
PSA MODENA 6 11 3 8 708 782 -74
SAN MAMOLO BOLOGNA 6 11 3 8 699 799 -100
FIORANO 4 11 2 9 655 715 -60
SAMPOLESE 4 11 2 9 672 741 -69
SALSOMAGGIORE 4 11 2 9 578 667 -89

GIRONE B

GUELFO – BELLARIA 71 – 46

(18-15; 40-23; 53-33)

Castel Guelfo: Vastola, Coraini 8, Gianasi 9, Baccarini 12, Bernabini 6, Miceli 5, Ventura 1, Minghetti 7, D’Andola 12, Giordani ne, Bacci 3, Paluan 8. All. Serio.

Bellaria: Mussoni Mi. 2, Stabile, Sacchetti 13, Mbaye 3, Russu 3, Mussoni Ma. 4, Novello 4, De Gregori 4, Verni 9, Bindi 4. All. Ferro.

MOLINELLA – ARTUSIANA 67 – 58

(19-15; 36-34; 49-41)

Molinella: Calvi 6, Quartieri 4, Checcoli 15, Ricci 16, Vignudelli, Tagliavini 8, Ugolini, Pascoli, Gualandi 7, Serio 5, Trippa 6. All. Baiocchi.

Forlimpopoli: Rossi 28, Marzolini, Balistreri 1, Calboli 4, Manucci ne, Morabito, Arfelli 14, Chezzi 4, Evangelisti, Servadei 7. All. Bondi.

AICS – BASKET VILLAGE 78 – 83

(17-25; 30-45; 55-54)

Aics Forlì: Fumagalli 9, Guaglione 10, Cantore 10, Gaiotti 20, Zannoni 20, Pusateri ne, Ghetti ne, Zamagni ne, Ferri ne, Grossi, Ruffilli, Cortini 9. All. Chiadini.

Basket Village Granarolo: Ballini 9, Nicotera 2, Marega 12, Neviani 6, Pedrielli 21, Billecci ne, Paoloni ne, Costa ne, Carrera 7, Nobis 16, Marcheselli 2, Brotza 8. All. Calore.

Prova convincente dei ragazzi di coach Calore al glorioso Pala Romiti al cospetto di una formazione che recuperava i suoi giocatori più referenziati: Fumagalli e Gaiott,i oltre al ritorno di Cantore dopo la breve parentesi sanlazzarese. Partenza a razzo degli ospiti che imponevano i loro ritmi vertiginosi e si portavano dopo pochi minuti sul 4-16, con i padroni di casa vistosamente in affanno. La zona 2-3 ordinata da Chiadini e il pivot Zannoni con diversi viaggi in lunetta tengono in linea di galleggiamento i padroni di casa permettendo loro di chiudere il primo parziale cristallizzando lo svantaggio sul -8 (17-25 al 10′). Nel secondo periodo Forlì prova a riavvicinarsi ma Granarolo alza nuovamente il pressing difensivo recuperando diversi palloni e un ottimo Neviani in cabina di regia innesca a turno i compagni (smazzando anche 2 assist di assoluto rilievo di cui uno, per Marega in angolo, veramente spettacolare) che dilagano andando al riposo sul +15 (30-45 al 20′). Il terzo periodo comincia con una tripla degli ospiti per il massimo vantaggio dell’incontro (+18 sul 30-48) poi i padroni di casa, con un piglio decisamente diverso, abbassano il quintetto togliendo Zannoni e, giocando con Gaiotti da “falso cinque” inceppano i meccanismi di Granarolo piazzando un parziale di 12-0 che li riporta nel match. Granarolo rompe il digiuno ma ha smarrito completamente il gioco corale d’attacco che aveva nella prima parte e Forlì, grazie anche alle triple di Gaiotti e Fumagalli, mette la freccia e sorpassa sulla sirena (55-54 al 30′ con un parziale nel 3′ periodo di 25-9). Calore e Marcheselli riordinano le idee dei loro ragazzi e dopo, una fase iniziale di batti e ribatti, salgono in cattedra i giocatori “d’esperienza” di Granarolo, Nobis e Carrera (rispettivamente 24 e 23 anni!) che guidano i compagni fino al +10 (con tre triple di Nobis a demolire la zona avversaria) quando mancano 4’30” alla fine. Forlì non ci sta e torna a -3 a 2′ dalla fine ma l’MVP dell’incontro, “Charlie” Pedrielli decide il match con 5 punti consecutivi che riportano Granarolo a +8 e rendono vani gli ultimi tentativi dei padroni di casa per ricucire il divario.

OLIMPIA – CASSANI&COSTANZI 86 – 77

(20-21; 44-43; 63-63)

Olimpia Castel San Pietro: Fortunati ne, Chillo, Franceschini 6, Corazza 18, Ziron 11, Boschi 3, Pancaldi 10, Galloni ne, Binassi 10, Farnè 1, Gianninoni 8, Morales 19. All. Bonazzi.

Basket 95 Imola: Scala 9, Mezzini, Foronci ne, Mastrilli 16, Rossi ne, Dal Monte 9, Rubini 19, Gargioni 3, Baruzzi 6, Crisà 6, Spagnoli 9. All. Brocchi.

CURTI – VENI 61 – 52

(13-14, 32-23, 43-37)

International Imola: Folli 9, Marchi ne, Grandolfi 11, Genoni 3, Cai, Sgorbati 9, Caprara A. ne, Caprara J., Scaglierini 8, Dirella 7, Masoni 14. All. Fazzi.

San Pietro in Casale: Settanni 6, Barbieri 2, Pastore, Vinci, Minozzi G. 11, Iannicelli 12, Ghedini, Tinti, Bartolozzi 17, Folesani 4. All. Minozzi M.

Torna al successo la Curti al termine di una gara spigolosa dove, ai tentativi di fuga degli imolesi, il vantaggio massimo attorno ai dieci punti, hanno sempre risposto gli ospiti sia con Minozzi, ma soprattutto Bartolozzi. San Pietro in Casale si aggiudica il solo primo quarto, poi i ragazzi di Fazzi prendono in mano l’incontro chiudono il primo tempo in vantaggio grazie sopratutto a Dirella che insacca cinque liberi consecutivi. Gli ospiti si riavvicinano nel terzo quarto, mentre l’ultimo vive in completa parità, ma sei liberi segnati da Masoni consegnano la vittoria agli imolesi.

SPEM – DOLPHINS 66 – 86

(18-30, 27-51, 47-67)

Ravenna: Cirillo 8, De Fanti 11, Vistoli 1, Basaglia 7, Saccardi 13, Ravaioli 3, Saccabonni, Raspa 9, Senni 6, Morigi 8, Trerè ne. All. Focarelli.

Riccione: Ambrassa 5, Ma. Amadori 16, Tononi 18, Brattoli 6, Polverelli 12, Zaghini 3, Raffaelli 19, Ortenzi, Perini, Biagini 7. All. Foschi.

VB – ARGENTA 68 – 80

(17-15; 41-34; 53-54)

Grifo Imola: Di Cillo 3, Riga 11, Lanzoni 11, Dragicevic 4, Linguerri 4, Monna 6, Zaccherini 2, Guerra, Pasini 11, Castelli 16. All. Tampieri.

Argenta: Magnani 30, Gribinet, Taglioli, Spinosa 12, Cesari 7, Zanetti, Rubbini 4, Stegani 6, Brignani, Mortara 11, Thiam 10, Rafan. All. Panizza.

SCUOLA BASKET FERRARA – ALTEDO BASKET 56 – 68

(16-23; 22-44; 33-57)

Scuola Basket Ferrara: Ferrarini 7, Pusinanti 11, Rimondi Ri. 5, Rimondi Ro., Bereziartua 5, Malaguti 13, Parigi, Bussolari 3, Romagnoli 6, Costanzelli 6. All. Colantoni.

Altedo: Balboni, Gnan 4, Dal Pozzo 12, Pigozzi 2, Lollini 23, Baccilieri 8, Soresi 6, Zanolli 9, Gnudi 4. All. Bacchilega.

CLASSIFICA

GUELFO 20 11 10 1 774 616 +158
OLIMPIA CASTEL S. P. 16 11 8 3 771 683 +88
ALTEDO 16 11 8 3 779 717 +62
ARGENTA 14 11 7 4 772 685 +87
ARTUSIANA FORLIMPOPOLI 14 11 7 4 699 659 +40
BASKET VILLAGE GRANAROLO 14 11 7 4 739 705 +34
MOLINELLA 14 11 7 4 639 638 +1
SPEM MATTEI RAVENNA 14 11 7 4 651 669 -18
DOLPHINS RICCIONE 12 11 6 5 742 738 +4
VENI SAN PIETRO IN CASALE 10 11 5 6 639 601 +38
INTERNATIONAL IMOLA 8 11 4 7 682 701 -19
BASKET’95 IMOLA 8 11 4 7 738 771 -33
AICS FORLI’ 6 11 3 8 649 797 -148
S.B. FERRARA 4 11 2 9 602 673 -71
BELLARIA 4 11 2 9 647 733 -86
GRIFO  IMOLA 2 11 1 10 639 776 -137

 

Fine settimana da non perdere nelle Giovanili, Under 14 in primis. Questo il programma

Primo week end di dicembre e segnaliamo, per gli Under 17, Crabs-Pontevecchio, per gli U15 Virtus-SG Fortitudo e per gli Under 14 SB Ferrara-Reggiana e BSL-Compagnia.

UNDER 17 13° giornata
JUNIOR BASKET RAVENNA – PALL. REGGIANA 07/02/2015 – 19:00

BASKET SANTARCANGELO – VIRTUS PALL. BOLOGNA 70 – 87

BASKET RIMINI CRABS – POL. PONTEVECCHIO 67 – 50

BASKET SAVE MY LIFE – VIS 2008 73 – 63

G.S. INTERNATIONAL – GINNASTICA FORTITUDO 54 – 61

CLASSIFICA
Virtus Bologna 24; Reggiana** 18; Bsl San Lazzaro 16; Crabs Rimini* 14; Vis Ferrara, Pontevecchio Bologna, S.G. Fortitudo Bologna 12; Argenta 10; Santarcangelo 6; Junior Ravenna* 2; International Imola 0.

UNDER 15 9° giornata
POL. GIOVANNI MASI – VIS 2008 52 – 48

VIRTUS PALL. BOLOGNA – GINNASTICA FORTITUDO 91 – 76

INSEGNARE BK RIMINI – CASTIGLIONE MURRI BK 70 – 68

PALL. REGGIANA – FORTITUDO BOLOGNA 103 75 – 85

BASKET RIMINI CRABS – BASKET SAVE MY LIFE 54 – 89

CLASSIFICA
Bsl San Lazzaro 16; Virtus Bologna 14; SG Fortitudo Bologna, I.B.R. 12; Fortitudo 103 Bologna 10; Masi Casalecchio 8; Castiglione Murri Bologna, Reggiana 6; Crabs Rimini 4; Vis Ferrara 2; FulgorLibertas Forlì 0.

UNDER 14 8° giornata
GIRONE A
SCUOLA BASKET FERRARA – PALL. REGGIANA 60 – 106

VICO BASKET – PALL. NOVELLARA 52 – 70

POL. GIOVANNI MASI – NUOVA PSA MODENA 44 – 38

GINNASTICA FORTITUDO – VIS 2008 70 – 38

BENEDETTO 1964 – VIRTUS PALL. BOLOGNA 49 – 84

F.FRANCIA – LIBERTAS FIORANO 67 – 46

CLASSIFICA
S.B. Ferrara, Reggiana 14; S.G. Fortitudo Bologna, Virtus Bologna 12; Novellara, Masi Casalecchio 10; Piacenza BC 8; Vis 2008 Ferrara, PSA Modena, F. Francia Zola 4; Benedetto 1964 Cento, Vico Parma 2; Fiorano 0.

GIRONE B
JUNIOR BASKET CA’OSSI – PALL. BUDRIO 60 – 68

BASKET SAVE MY LIFE – POL.COMPAGNIA 64 – 57

BASKET RIMINI CRABS – PALLACANESTRO CASTENASO 103 – 63

U.P. CALDERARA – PALL. P.G.S. WELCOME 29 – 59

CASTIGLIONE MURRI BK – G.S. INTERNATIONAL BASKET 70 – 77

FORTITUDO BOLOGNA 103 – INSEGNARE BK RIMINI 80 – 75

CLASSIFICA
Compagnia Ravenna, Crabs Rimini* 14; Fortitudo 103* 12; Pgs Welcome Bologna, Bsl San Lazzaro**, International Imola 10; Budrio 8; I.B.R. 6; Castiglione Murri Bologna 4; Castenaso, Ca’ Ossi Forlì 2; Calderara 0.

Nel week end del “clasico”, attenzione a Pgs Bellaria-Medicina. I risultati della nona in Promo

Nona giornata in Promozione e sempre scontri interessanti. Nel girone A ostica trasferta a Piacenza per la capolista Sant’Ilario, mentre nel C andrà in scena un derby che ha il sapore del “clasico” e cioè Masi Casalecchio vs Francesco Francia Zola. Interessante derby estense, nel D, tra Vis ed Audax, mentre nell’E è importantissimo l’anticipo tra Pgs Bellaria e Medicina 2007. Chiudiamo col girone F ed il prelibato match Fiorenzuola-Tigers.

GIRONE A

TRAVAGLINI – CUS PARMA 64 – 60

(15-14, 36-25, 50-44)

Montebello Parma: Di Noi 2, Brugnoli, Buttafoco 2, Carretta 16, Bocchia 14, D’Alò 10, Rastelli 7, Maddiotto, Vitale 5, Giacovazzo 8, Tommei. All. Goldoni.

Cus Parma: Pattini 7, Bettera, Andreoli 11, Bellicchi 2, Giqampellegrini 7, Marcucci 14, Imbimbo, Lusardi, Bertoni 7, Cervi 12, Ricci, Stonfer. All. Maraffetti.

Tiratissimo, ma sostanzialmente corretto derby tra Montebello e Cus, con una Montebello alla fine vincente meritatamente, per determinazione e freddezza nei momenti chiave del quarto periodo; la molto maggiore esperienza dei cussini non serve per ribaltare nel finale la partita, nonostante un buon Giampellegrini, decisa nel secondo quarto quando il Montebello fa la differenza (+11).

BASKET SOLE – CSI SANT’ILARIO 62 – 58 dts

(13-15, 26-30, 36-41, 52-52)

Basket Sole Piacenza: Ciuti 20, Poggi 15, Signaroldi, D’Alessio 2, Protto 10, S. Sebastiani, A. Sebastiani, Rancati, Azzali 12, M. Mori 4, Lucev, Gelmini. All. Cavagnoli.

Sant’Ilario d’Enza: Sistici 11, Simoni 8, Setti M. 2, Spaggiari 5, Medici, D’Amore 18, Micucci 5, Setti P. 3, Rosi G. 3, Rosi F. 3, Simonazzi, Masini. All. Violi.

Magic Sole! Al Palasport, al termine di una serata scandita da mille emozioni, i rossoblù piegano la capolista S.Ilario e ora si trovano a due soli punti dalla vetta della classifica. Partita per cuori forti, cominciata benino dalla formazione di Cavagnoli, che sembra trovare fluidità nel gioco. E, invece, una miriade di palle perse, una ventina prima dell’intervallo lungo, diventerà un enorme freno. Così, S.Ilario, squadra molto rapida, dal pressing efficace e con le idee chiare, mette la freccia e a metà gara è avanti di 4 lunghezze: 30-26. Grande il rammarico sulla sponda rossoblù, soprattutto perché, fin lì, le occasioni gettate al vento non si contano. Riprende la partita, però il terzo periodo non aggiunge nulla di nuovo: S.Ilario avanti con un discreto margine, Basket Sole a inseguire, con affanno, ma senza mollare mai. Gli ospiti trovano i punti del +11: 49-38 al 34′. Sembra finita, però non per i ragazzi di coach Cavagnoli che, finiti con le spalle al muro, cominciano a esibire il meglio del loro repertorio. Le triple di Poggi e Protto danno ossigeno. Scorrono i minuti ed è aggancio a quota 49, sullo slancio di un basket adesso davvero convincente. Ma S.Ilario trova immediatamente il guizzo del 52-49. i rossoblù, però, hanno sette vite, pareggiano ancora e gestiscono l’ultimo possesso. Ma il ferro, a una manciata di secondi dalla fine, sputa prima il pallone di Poggi, poi quello di Mori. E’ supplementare. Che il Basket Sole gestisce con polso autoritario e con maggiori energie rispetto a un avversario che ormai ha dato quello che poteva. I rossoblù mettono da parte un gruzzolo di punti che permette loro di risparmiarsi un nuovo arrivo in volata. Così, finisce in gloria per un Basket Sole un po’ sregolatezza, ma tanto genio nei momenti bollenti della gara.

AMBA – PLANET 48 – 59

Ducale Parma: Tarricone 4, Ponticelli 2, Bertolini 4, Solimè 9, Montanaro, Frazzi 4, Ludergnani 7, Vento S. 4, Rosi 14, Vento L., Tinelli, Carretta 1. All. Padovani.

Planet Parma: Ruozzi 5, Bozzetto 8, Veronese 4, Giublesi 16, Titi 2, Gasparini 5, Anselmi 7, Gianferrari 7, Vigani 4. All. Paletti.

Ancora un amara sconfitta per la compagine Ducale, per di più nell’atteso derby con la Planet e davanti al pubblico amico del PalaIPSIA. Subito nel primo quarto, aldilà di qualche raro canestro in contropiede, i padroni di casa non riescono quasi mai a creare un’azione ben costruita. Gli avversari, al contrario, non sembrano subire per nulla il fattore campo. Nel 2° quarto Padovani mischia un po’ le carte, dando spazio ai giovani e cercando una maggiore corsa e una maggiore intensità difensiva. Il risultato non cambia, ma, grazie ad un paio di bombe di Rosi, la Ducale è comunque in partita (22-26). La ripresa inizia malino. Per i primi 5’ non si vedono canestri ducali. Planet, invece, chiude con un contropiede di Bozzetto un parziale di 8-0. Adesso è dura. Una tripla di Ludergnani ad inizio dell’ultimo quarto fa ben sperare. Ma Giublesi e suoi sono maggiormente determinati a portare a casa i due punti. Noi troppo confusi e con percentuali indegne. Niente da fare, finisce 59-49 Planet e tanta amarezza per una continuità di risultati positivi che sembra non arrivare mai.

BAKERY – VALTARESE 79 – 65

Castel San Giovanni: Coppeta 21, Faraone, Eccher 4, Di Giorgio 6, Fanaletti 7, Brandolini 6, Derba 3, Zamboni 24, Belli, Mazzocchi 8, Tresoldi, Georgiev. All. Piva.

Valtarese: Peloso 2, Leonardi 7, Verti E.9, Gonzato 4, Coppini 16, Del Maestro 12, Dellapina, Giraud 8, Verti N.4, Oppo 3. All. Baldi.

Non ci sta, la Valtarese, a fare da vittima sacrificale di fronte ad una lanciatissima Castellana Bakery. Ne esce una partita come se ne sono viste altre al “Silvia Viola”: primo quarto al fulmicotone per i locali, che poi subiscono una rimonta che agita gli animi dello staff tecnico Valtidonese. In prima frazione Coppeta mette nel canestro valtarese ben 11 punti, a stento controbattuto da un Coppini, che limita il gap a -10: 24-14. In seconda frazione, un buon Brandolini infila 6 punti in due minuti e dilata il vantaggio castellano, prima di infortunarsi lasciare il campo. Dal +19, la luce si spegne per i locali e, trascinati da una bomba di Giraud, gli ospiti piazzano un parziale di 7-0 e terminano il lavoro dalla lunetta: 41-3 all’intervallo lungo. Si riaccende Coppeta, ma il basket champagne degli ospiti, che alternano penetrazioni al ferro a raffiche dai 6,75, vedono addirittura la Castellana Bakery andare sotto di un punto, sul 50-51. La sorpresa, però, svanisce nell’ultimo quarto. Zamboni fa 6-7 minuti da par suo e, anche grazie al prezioso contributo di Di Giorgio, i locali piazzano un parziale di 20-10, che chiude una partita nel complesso positiva per entrambe le giovani compagini in campo.

PRIMOGENITA – IRA TENAX 40 – 49

Calendasco: Pirolo 8, Botti N. 3, Villani E. 4, Zanangeli 7, Botti T., Paraboschi 2, Dallavalle 7, Bacigalupi 3, Gregori,  Cabrini, Catozzi 2, Guarnieri 4. All. Nadal.

Cortemaggiore: Spotti 9, Righi 6, Valla 6, Maccagni M. 11, Guglielmetti 3, Maccagni A. 2, Pezzani 3, Paini 4, Laurenza 5. All. Podestà.

Dopo la trasferta negativa a Borgotaro, una sconfitta tra le mura amiche per i ragazzi di Nadal che si fanno superare dalla compagine di Cortemaggiore. La partita inizia con diversi errori alla conclusione da parte di entrambe le squadre fino a quando i giovani della Primogenita riescono a dare intensità al proprio basket portandosi anche a +8 a metà del secondo quarto. Poi un calo di ritmo legato a diversi errori e palle parse fanno recuperare i magiostrini che vanno al riposo in vantaggio per 27 a 20. Il ritorno dagli spogliatoi non cambia l’inerzia della partita che si trascina fino alla fine tra errori di conclusione e bassi ritmi ben gestiti dai più esperti dell’Ira Tenax.

SALSOMAGGIORE CITY – MARCONI BASKET 78 – 71

CLASSIFICA
S. Ilario, Montebello Parma, Castellana Castelsangiovanni 14; Cus Parma, Basket Sole Piacenza, Planet Parma 12; Ira Tenax Cortemaggiore 10; Ducale Parma 8; Marconi Castelnovo Sotto, Primogenita Calendasco, Valtarese 4; Salsomaggiore City 2.

GIRONE B

PALLACANESTRO SCANDIANO – GO IWONS BASKET 51 – 39

NORDICA EXTRAFLAME – RADIO BRUNO 61 – 73

(14-17, 39-35, 47-49)

Gualtieri: Magnanini 3, Canova 8, Folloni 6, Bagni 4, Pezzali 3, Miglioli ne, Soliani 5, Guida, Manzali 4, Pellegrini 14, Bernardelli 14, Berni. All. Cavalaglio.

Campagnola: Manicardi 13, Gasparini 2, Nasi S. 5, Zaccarelli 5, Parmiggiani 4, Bigliardi ne, Piuca 22, Sacchi, Rustichelli 17, Di Monte 1, Beltrami, Sueri 4.

Ancora privi di coach Volpato (sempre all’estero per impegni lavorativi), gli Aquilotti affrontano questa gara con fiducia ma con altrettanta apprensione, in quanto il roster di Campagnola è importante, con nomi altisonanti e navigati in Serie D. Quintetto locale che parte forte con un canestro di Pellegrini che evidenzia la serata positiva del lungo nostrano. Ma Campagnola non batte ciglio e inizia subito a martellare con la mano calda di Piuca (7 punti nei primi 10′), che quando scende al Pala Nido vede sempre il canestro. Il quarto si chiude sul 14-17 ma nel secondo coach Cavalaglio mischia le carte, schierando Bernardelli al fianco di un Manzali molto in palla. I locali trovano gli equilibri giusti, soverchiando il risultato con un break importante che li lancia sul +10 e una Campagnola che non sa come arginare le furie giallo-blu. Coach Nannetti esaurisce i time-out, ma la partita sembra incanalarsi in un vicolo cieco per gli ospiti, se non fosse per l’incredibile: a 11″ dal termine, sul 39-31, Bernardelli perde la maniglia ad opera di Manicardi , che si invola a canestro segnado e subendo un’ingenuo fallo da Magnanini che gli concede un suppletivo. Il play sbaglia dalla lunetta ma guadagna il rimbalzo subendo ancora fallo e facendo rientrare così gli avversari a -4 (39-35). Finale incandescente ed a tempo scaduto coach Nannetti prende tecnico permettendo ai locali di ripartire dopo la pausa lunga con il libero e possesso. Il colpo del ko non inferto apre la classica crisi nelle file Eaglets e l’inizio non è certamente da ricordare. Coach Cavalaglio si affida al quintetto iniziale, ma il libero sbagliato di Pezzali e la palla persa sul successivo possesso, fanno capire che la testa non è sul pezzo. Si segna con il contagocce e la gara è punto a punto ed a 3′ dal temine avviene il sorpasso degli ospiti per mano del solito Piuca (42-43). Le energie mentali vanno scemando e l’ultimo periodo è un calvario annunciato che vede scivolare i locali fino al -11 a 5′ dal termine. Ci prova Canova a dare uno scossono con un missile che scalda la platea; Pellegrini prima ed una bomba ignorante di Pezzali poi, rimettono in piedi la partita con ancora 170″ da giocare. Pellegrini ruba palla a Parmigiani e si invola a canestro e realizza subendo fallo. Ma gli arbitri non sono dello stesso avviso e vedono un fallo d’attacco (su cui permangono molti dubbi anche dopo aver rivisto le immagini). Gli aquilotti si sciolgono come neve al sole; Campagnola sfrutta al meglio lo scampato pericolo e porta a casa una vittoria che sa di beffa per gli Aquilotti.

BIBBIANESE – I GIGANTI 68 – 60

(17-9, 39-29, 56-39)

Bibbianese: Menozzi 6, Salati 2, Reni 8, Marchesini, Ghirardini 12, Gala 8, Vignali 15, Francia 4, Codeluppi 5 , Camurri 8. All. Reverberi.

Modena: Panico 13, Giorgi 2, Manzotti 10, Ngansop Singhe 2, Quaresima 9, Adamo ne, Demattè 4, Odorici 4, Larghetti 4, Forastiere 12. All. Fossali.

Cosa c’e’ fra il Dire e il Fare – il Mare – lo sanno anche i bambini ma per coach Reverberi era questo il problema più importante alla vigilia della 9° di andata del campionato di promozione fra la Bibbianese e i Giganti di Modena, giocata in quel di Bibbiano. Il “Mare” che dovevano affrontare i padroni di casa era infatti tormentato da “onde” che potevano rivelarsi pericolosissime: gli infortuni (in tribuna Farioli- vittima la settimana prima di una gamba “gigia” che ha ricordato quella subita dal grande Marco Materazzi con la nazionale – Olivares e Bartoli oltre al lungo degente Donia) e la classifica (che diceva incontestabilmente che gli ospiti erano ancora fermi al palo potendo sciaguratamente far rilassare i padroni di casa) erano tutti fattori che si sono sovrapposti fra il Dire che Bibbiano doveva battere gli ospiti e il Fare che avrebbe aggiunto 2 punti necessari alla sua classifica, dopo la sconfitta contro Reggiolo. Camurri, che alcune partite le ha giocate, ne è consapevole e con due canestri nelle prime azioni fa mettere subito la freccia ai padroni di casa, ben aiutato da un attento Codeluppi e da un Gala (bomba) preoccupato sia di far girar la squadra che di bruciare la retina. La reazione dei modenesi forse crea un pochino di panico fra i locali, sicuramente è creata da Panico: nonostante il gioco di parole è il 4 ospite che con 7 su 9 punti tiene su la baracca per Modena. Vignali, che ha 2 o 3 marce in più di tutti i presenti, inizia il suo show e porta alla prima pausa il match sul 17 a 9. Il secondo parziale comincia da dove era terminato quello precedente con il numero 12 locale che fa andare il turbo nelle sue gambe a pieno regime e permette ai suoi di allungare ulteriormente. Modena però non ci s sta e con Quaresima prima e Manzotti poi cerca di rimanere appesa alla partita. Ghirardini, Menozzi, Salati e Gala (altra bomba) “assistono” Vignali in attacco mentre Quaresima e Forestiere ne piazzano diversi dall’altra parte mantenendo in partita nel quarto Modena. Con una bomba di Codeluppi e altre due conclusioni di Vignali si va alla pausa lunga sul 39-29 interno. Coach Reverberi sa benissimo che con due spallate I Giganti possono cadere per ko anticipato e cerca di farlo capire ai suoi all’intervallo: di sicuro lo apprende Ghirardini, autore di 2 bombe dal forte peso specifico sul match, ben aiutato (dopo e nel mezzo) da Reni, Gala, Camurri e da Marchesini in difesa. Modena subisce il colpo e ne realizza solo 9: con due liberi di Menozzi si va all’ultimo mini-break sul 56 a 38. L’ultimo quarto inizia con l’ennesima nota suonata da Vignali, mentre Modena si aggrappa all’orgoglio di non subire un passivo importante e alle giocate di Panico alle quali però questa volta non è associato nessun stato d’animo di timore per i locali. Francia realizza un canestro che è più di Ghirardini (assist) che suo, prima di farne un altro senza aiuto. Reni è preciso dalla lunetta ma il pressing ospite cerca di far recuperare a Modena qualche punt : Forestiere sotto le plance e Manzotti al tiro ricuciono parte del gap, ma la partita finisce comunque su 68 a 60 per i padroni di casa. Bibbiano riesce a fare ciò che ha detto (e chiesto) il suo coach: ottenere i due punti.

SCHIOCCHI BALLERS – PALL. REGGIOLO 60 – 51

(19-20; 29-35; 46-41)

Schiocchi Ballers Modena: Binotti 5, Zara, Sassi, Sangermano 1, Righi R. 15, Twum 19, Forghieri 8, Minarini 2, Guidetti ne, Vaccari 5, Alessandrini 5. All. Righi G.

Reggiolo: Fregni 18, Torreggiani 10, Pirondini 6 Carnevali, Spaggiari 2, Franzini 2, Arisi, Gambuzzi 6, Ferrari ne, Del Bue, Setti 1, Fegandini 6. All. Notari.

Terza vittoria di fila dei Ballers che, tra le mura amiche sconfiggono, Reggiolo capolista. Primo quarto dove prevalgono gli attacchi sulle difese, con gli ospiti avanti nonostante le buone iniziative di Vaccari  e Forghieri (19-20). I reggiani, con uno scatenato Fregni, mantengono il vantaggio chiudendo il primo tempo sul 35 a 29. La ripresa vede i padroni di casa stringere le maglie difensive  e correre in contropiede grazie ai recuperi di Righi e Binotti e alle finalizzazioni di Twun, top scorer dell’incontro con 19 punti, il quarto si chiude 46-41 interno. Da segnalare in questo periodo il doppio tecnico inflitto a Pirondini, molto nervoso per tutta la gara, che priva i reggiani di un importante terminale offensivo. L’ultima frazione rimane sotto controllo Schiocchi, che ben respingono gli ultimi colpi di coda degli avversari chiudendo le ostilità per 60-51.

CENTRO LATTONIERI – MEDOLLA 37 – 51

(13-14; 23-26; 36-39)

Carpine: Meschiari 4, Testi 3, Piuca M. 3, Masini 2, Piuca R. 5, Gasparini 6, Zanoli 4, Giovanardi 8, Iacono, Berra 2. All. Morettin.

Medolla: Galeotti 4, Maini 11, Barbieri 6, Aldrovandi 10, Nardi 14, Tralli 7, Ceretti, Guarnieri, Spinelli, Bega. All. Carretti.

Carpi perde la prima partita casalinga in una gara caratterizzata dall’equilibrio fino a due minuti dalla fine. Gara ben preparata da coach Carretti che chiude letteralmente il proprio canestro, anche grazie ad una serata altamente infelice al tiro per i carpigiani. I locali però riescono fino a due minuti dal termine a tenere, poi mollano d’improvviso e la partita va a ramengo.

U.S. LA TORRE – VIRTUS CASALGRANDE 74 – 50

(25-13, 40-20, 57-34)

La Torre Reggio: Galassi 2, Panciroli, Passiatore 2, Vezzosi 9, Bochicchio 9, Pezzarossa 4, Mazzi F. 22, Mussini 6, Bertolini 3, Margaria 15, Orlandini 2. All. Spadacini.

Casalgrande: Govi, Bottazzi 2, Iemmi 11, Bonaccini 10, Scianti 3, Torelli 11, Grazi 4, Talami 2, Giacalone 7, Fusco. All. Pacifico.

Torna al successo La Torre dopo la sconfitta di Carpi della scorsa settimana e lo fa in modo decisamente convincente, mostrando a tratti anche un gioco fluido, che sembra indicare l’assimilazione dei concetti offensivi da sempre predicati da coach Spadacini. L’inizio non è, però, semplice, perché il Casalgrande entra in campo con il piglio giusto e batte ripetutamente la difesa grigiorossa. Tutto sembra girare alla perfezione per gli uomini di Pacifico, tanto che l’intero quintetto base dopo soli 5 minuti è già andato a segno, complice una difesa avversaria un po’ morbida. Sul 6-10 ospite, è l’ingresso di Pezzarossa dalla panchina a dare la svolta: forte pressione sugli esterni e tre palloni recuperati di fila danno il là ad un break di 13-0. Con Mazzi e Vezzosi sugli scudi nel ruolo di realizzatori, il punteggio per i torriani è di 25-13 al termine del primo quarto. Nel secondo, la musica non cambia. Margaria è il vero dominatore dell’area, raccogliendo moltissimi rimbalzi, che vengono trasformati in contropiedi e soluzioni in transizione da Mussini, molto positivo uscendo dalla panchina, Mazzi e Bertolini. L’attacco di Casalgrande, invece, si inceppa, mettendo a referto in questo quarto soli 7 punti, così alla pausa lunga il risultato è di 40-20 per Bochicchio e compagni. Al rientro in campo, Pacifico gioca la carta della zona 3-2, ma la Torre non si lascia intimorire, trovando il canestro con Margaria, Galassi e Vezzosi, per poi lasciare il finale di quarto nelle mani di un ispiratissimo Filippo Mazzi, che infila sette punti in un amen portando i suoi al +23 con cui si conclude il parziale. L’ultimo quarto serve solo per definire il punteggio finale (74-50), gustarsi uno spettacolare assist schiacciato a tutto campo di Mussini per il canestro di Pezzarossa e vedere l’intera panchina grigiorossa in piedi a salutare il ritorno al canestro di Filippo Orlandini, dopo un’assenza dai campi di più di un anno per vari problemi fisici.

CLASSIFICA

Scandiano 14; Carpine, Reggiolo, La Torre Reggio, Campagnola 12; Bibbianese, Medolla, Schiocchi Ballers Modena 10; Go Iwons Albinea 8; Aquile Gualtieri 6; Virtus Casalgrande 2; I Giganti Modena 0.

GIRONE C

IMA – H4T 44 – 76

(12-21; 18-37; 28-63)

Ima Basket: Ariatti S. 10, Bragaglia, Ariatti J. 4, Di Rienzo, Morelli 6, Costa 8, Furlanetto, Riccobaldi 12, Quercioli 2, Piccari 2, Bondi. All. Bertuzzi.

Scuola Pallacanestro Vignola: Ganugi 7, Quartieri 5, Degli Angeli 4, Mariani 7, Pantaleo 14, Vannini 2, Guidotti 9, Midulla 18, Franchi 10, Malagodi. All. Smerieri.

Ottima prova corale per i ragazzi di Coach Smerieri che riescono a chiudere il match dopo solo due quarti in casa dell’ultima in classifica. Inizio che sembra subito in salita per i giallo neri, con i padroni di casa che partono forte e si portano subito sul + 5 (7-2) dopo una paio di minuti; gli ospiti reagiscono subito e grazie al giro palla e a Franchi autore di 8 punti nel primo quarto riescono prima a impattare a metà quarto 7-7 e poi a mettere la freccia e a superare gli avversari chiudendo la difesa e sfruttando al massimo le occasioni concesse dai padroni di casa, chiudendo così avanti di nove punti il primo quarto (12-21). Nel secondo quarto non cambia molto, i ragazzi di Smerieri continuano a macinare gioco e a sfruttare gli errori avversari, concedendo poco o niente in difesa; i padroni di casa vanno a canestro con il solo Costa (6 punti), riuscendo così a scavare un solco che risulterà poi decisivo e già metà quarto i Vignolesi sono avanti di 14 punti (14-26) e, grazie ai 9 punti realizzati da Midulla, riescono a chiudere il periodo (e in parte anche la partita) sul 18-37. Al rientro dagli spogliatoi i bolognesi cercano subito di spingere sull’acceleratore cercando di riavvicinarsi nel tentativo di riaprire la partita, sfruttando subito le poche occasioni concesse dalla difesa della H4T, ma a nulla servono i tentativi in attacco. I ragazzi di coach Smerieri ribattono colpo su colpo e a metà quarto riescono ad allungare ulteriormente portandosi sul + 25 (28-53); i padroni di casa poco possono contro un ottimo gioco di attacco e una difesa ermetica e grazie ai canestri di Pantaleo, Guidotti, Midulla e all’under Degli Angeli, i gialloneri chiudono il quarto sul 28-63. Ultimo quarto di pura gestione senza tante emozioni la H4T riesce a gestire il risultato senza troppi patemi e senza correre grandi rischi e riesce nuovamente ad allungare sul + 36 a 5′ dalla fine grazie anche ai 5 punti realizzati da Quartieri e la partite procede verso la fine senza troppi sussulti e Vignolesi che chiudono il match sul 44-76. Per i modenesi quarta vittoria consecutiva e primo posto mantenuto in compagnia di Zola Predosa e Stefy Basket, in attesa della partita del Montevenere.

MASI – F. FRANCIA 59 – 69

(7-21; 22-38; 39-57)

Masi Casalecchio: Campazzi 4, Penna 4, Castaldini G. 6, Sechi ne, Dalla 7, Forni 5, Di Marzio 4, Barilli Fi. 4, Manferdini 12, Cavana 4, Masi 4, Castaldini T. 5. All. Guidetti.

Francesco Francia Zola: Galli 14, Barilli Fe. 2, Gamberini 20, Tubertini 4, Guerrato 4, Migliori 5, Cilfone 9, Masina 2, Brochetto D. 2, Pagano 4, Lenzi 2, Bosi 1. All. Brochetto L.

P.G.S. WELCOME – STEFY BASKET 57 – 65

(8-13; 31-32; 40-47)

Pgs Welcome: Lamborghini L. 14, Lederi 4, Capelli 4, Sabbioni 8, Ronchi 7, Palmieri 3, Rizzi 6, Roveri 2, Ferrari, Cerri  9. All. Lamborghini R.

Stefy: Dozza 6, Carosi 8, Benetti 9, Francia 4, Gagliardi 2, Poli 4, Suero 8, Tradii 12, Mannini 1, Agnoletti 11. All. Scandellari.

Una Stefy determinata, e già con il passo giusto per il suo proseguo di leader della classifica, supera con merito ed autorevolezza una Welcome incerottata, ancora alla ricerca di un rendimento costante ma caratterialmente mai doma. La squadra ospite fin dalle prime battute si dimostra molto determinata per il raggiungimento della vittoria,  affidandosi alle realizzazioni di Tradii, Carosi e Suero, mentre da parte PGS l’attacco stenta ed anche i pochi punti segnati da Lamborghini e Rizzi vengono accolti come una manna. Nel secondo quarto la formazione di casa si sblocca, affidandosi molto di più alla velocità e reagendo di conseguenza al gioco maggiormente fisico impostato dagli ospiti. Ora Lamborghini, Ferrari e Sabbioni rispondono con sicurezza alle realizzazioni di Tradii e Suero, recuperando l’intero svantaggio con un break di 12 a 2 sul finire del tempo. Dopo il riposo c’è la prevedibile reazione della Stefy che si affida ai suoi lunghi per mettere in difficoltà gli avversari e numerosi sono i punti conseguiti sui rimbalzi in attacco. La PGS ci mette pure del suo, realizzando una bomba ad inizio frazione per poi rimanere a “bocca asciutta” per quasi 8’, facendosi così staccare nuovamente di 7 punti. All’inizio dell’ultimo quarto coach Lamborghini sembra aver risolto il problema sotto le plance e di conseguenza il suo team recupera parte dello svantaggio ma, dopo due centri consecutivi dai 6,75, Benetti ristabilisce un margine di maggior sicurezza per i suoi colori. Sabbioni e Cerri portano la Welcome ancora a -5 (55 a 60) a poco più di 1’ dal termine, ma Agnoletti e Francia chiudono definitivamente l’incontro.

SPORT INSIEME – GIARDINI MARGHERITA 79 – 84 dts

(14-21; 45-39; 56-54; 71-71)

Sport Insieme: Morando, Amabile 9, Garrossi 11, Flori 16, Lalanne, Cristiani 2, Guizzardi 2, Marino 4, Salvi 15, Sanna, Skocaj 20, Sakho. All. Bandiera.

Giardini Margherita: Alaimo 14, Marcelli 2, Florio, Stefani 2, Valenti 29, Grandi 4, Brina 16, Pierini 4, Sangiorgi 8, Marchesi 5. All. Lanzi.

CSI SASSO MARCONI – SCUOLA PALL.PIUMAZZO 2002 66 – 69

Csi Sasso Marconi: Magnani 5, Grande, Bruni 12, Meluzzi, Tosarelli 3, Romano 7, Neretti 7, Mutolino 10, Borsari 8, Bellodi 8, Giuliani 6. All. Coralli.
Piumazzo2002: Lupato 2, De Martini 21, Baroni 13, Luppi 2, Valenti 13, Cavani, Colombari, Di Bona, Verdoliva 13, Montorsi 4, Stanzani 1. All. Vannini

GARDENBO – MONTEVENERE 2003 51 – 46

CLASSIFICA
F. Francia Zola, Vignola, Stefy Bologna 14; Montevenere Bologna, Giardini Margherita Bologna 12; Sport Insieme Bologna, Masi Casalecchio 10; Pgs Welcome Bologna 8; Piumazzo 6; Gardenbo 4; Pgs Ima Bologna, Csi Sasso Marconi 2.

GIRONE D

PEPERONCINO – CALDERARA 46 – 71

(8-16; 24-30; 33-57)

Castello d’Argile: Bergami 8, Manzi 2, Govoni 3, Vecchi 2, Balboni, Frascaroli 4, Gilli 4, Monari Mat. 9, Fanti 2, Bernardini 2, Monari A. 10, Comi ne. All. Monari Mar.

Calderara: Pritoni 12, Ventura, Mestieri, Guaraldi 4, Aspergo 8, Garofalo 5, Gentili 15, Passarini 6, Bellodi 6, Angelini 11, Ansaloni 1, Scarlata. All. Murtas

Successo esterno per l’UP Calderara in quel di Mascarino, con gli ospiti che si impongono col punteggio di 46-71. Nel primo quarto Calderara parte molto bene, mentre per i padroni di casa è Alex Monari a tenere a contatto i suoi, nel finire di quarto saranno 8 punti consecutivi di Pritoni a creare il primo divario tra le due formazioni che andranno al primo mini riposo sul punteggio di 8-16. Nel secondo quarto i padroni di casa accorciano le distanze grazie a un parziale di 8-0, ci penseranno Angelini e Passarini a tenere a distanza i ragazzi di Coach Monari; si va così negli spogliatoi sul 24-30. Nel terzo quarto i canestri di Alex Monari e Frascaroli riportano a –2 Mascarino, Calderara però reagisce con un parziale di 5-27, firmato dai canestri di Angelini e Aspergo, il periodo si chiude sul massimo vantaggio ospite, 33-57. Nell’ultima frazione Matteo Monari prova a rimettere in partita i suoi, ma ormai è troppo tardi e il divario tra le due formazioni resta pressoché invariato, la partita finisce sul punteggio di 46-71.

HAPPY BASKET – LA FENICE 48 – 63

(13-13; 24-33; 32-49)

Castel Maggiore: Bernardinello 5, Pellegrino 2, Tugnoli 2, Baraldi 2, Zocca 5, Pazzaglia 14, Maini 11, Mancini, 3, Bonora ne, Tolomelli 4, Sitta ne. All. Ansaloni.

Codigoro: Stella 2, Patroncini 14, Pinpinati ne, Ferretti 3, Tralli 24, Aboulfath, Gnani 6, Bellinaso 2, Cavazzini, Finessi 2, Di Tizio 10.

DIABLOS BK S.AGATA – ARGELATO BASKET 65 – 48

(27-7; 44-18; 57-30)

Sant’Agata sul Santerno: Belosi 10, Serra, Violi 7, Terzi 8, Angelini 13, Patelli 6, Bruni 8, Accorsi 2, Testoni, Manganelli 4, Risi 7. All. Masetti.

Argelato: Leonelli 15, Rossi, Risi 1, Baldassarre 5, Fontanella 4, Trigari 10, Sgargi 2, Nannetti 8, Cremonini 3. All. Iattoni.

FORTITUDO – DELTA 69 – 68

(21-19; 41-40; 55-56)

Crevalcore: Bianconi 1, Querzà 2, Gambuzzi 14, Filippetti 4, Bersani 4, Gobbo 6, Fregni 11, Simoni 22, Soverini 2, Incerti, Floro 3. All. Terzi R.

Comacchio: Persanti 8, Peretti 36, Gregori 4, Boccaccini, Gelli 13, Ferroni 3, Cavalieri 2, Dall’Oca, Gregori 2, Carli. All.  Bacchini.

A.MI.CA. – GALLO 31 – 53

(3-11; 8-30; 24-38)

Gallo: Fini 3, Malagutti, Del Principe 9, Schincaglia 6, Magni, Boscolo 5, Pasquali 5, Gardenale 4, Malaguti 4, Caselli 16. All. De Simone.

ICOS – AUDAX 52 – 61

(12-13; 22-29; 44-47)

Vis Ferrara: Vivarelli, Ricci 4, Gnani, Mastrangelo 13, Brilli, Bianchini 1, Verrigni 13, Borsetti 2, Cavicchioli 10, Gamberini 3, Fiorentini 2, Campi 4. All. Castaldi.

Audax Basket Ferrara: Seravalli 5, Mantovani 6, Bertasi, Marabini 6, Ricci 11, Ferrarini 8, Ferraresi 7, Felletti Spadazzi 8, Vaianella 2, Del Torto 2, Balboni 4, Bedetti 2. All. Folchi.

Un venerdì sera all’insegna del foglio giallo per Icos che, purtroppo, non ha retto allo scontro con Audax. Sul suolo del Palapalestre si è svolta una gara intensa ed emotivamente coinvolgente sia per i giocatori che per il pubblico presente. I primi due quarti hanno visto le due squadre contendersi la palla con spirito combattivo tanto che, in buona sostanza, è stato un rincorrersi punto a punto. La seconda metà di gioco, invece, è stata caratterizzata da un gioco sempre più attivo in fase di attacco e difesa da parte di Audax e da un calo di prestazioni da parte della formazione biancazzurra. Sia i giocatori in campo che quelli in panchina, per Audax, hanno dimostrato un forte spirito di squadra, cosa questa mancata ai ragazzi di Icos. Nonostante alcune buone prestazioni dei singoli la partita è terminata con la vittoria di Audax che continua la sua fase ascendente e rimane la prima in classifica. Per i ragazzi di Castaldi si prospetta un periodo di lavoro intenso, soprattutto per migliorare la coesione dei giocatori pur validi sotto il profilo tecnico-sportivo.

CLASSIFICA
Audax Ferrara 14; Diablos Sant’Agata Bolognese*, Calderara, Gallo 12; Peperoncino Mascarino, Argelato 10; Delta Comacchio, La Fenice Codigoro* 8; Vis Ferrara, A.MI.CA Minerbio 6; Happy Basket CastelMaggiore, Crevalcore 4.

GIRONE E

SELENE – TITANS 60 – 55

(15-12; 32-25; 50-41)

Sant’Agata sul Santerno: Tagliaferri ne, Gaddoni 8, Pirazzini 4, Fabbri 8, Simoni 10, Foronci 3, Merendi ne, Totaro 17, Baldrati 7, Pantani 3, Camorani ne. All. Valli.

Titans Ozzano: Finessi 5, Rossi 4, Tuccillo 2, Gamberini 17, Mungiguerra 5, Cucinotta 5, Gardotti, Paolucci 4, Ungaro 12, Minoccheri. All. Torrella.

BASKET CLUB RUSSI – BASKET GIALLONERO IMOLA 33 – 51

(15-14; 22-23; 24-36)

Russi: Montanari, Ballanti, Bramante 3, Babini 2, Bellanti 6, Beghi 2, Bassi 3, Guidi, Buffatti 2, Canali, Santo 8, Venturini 7. All. Milandri.

Giallonero Imola: Canè 2, Bertini ne, Ragazzini 5, Saloni, Spoglianti 2, Pederzoli 9, Biancoli 12, Calamelli, Bilardo ne, Vannini 6, Nanetti, Vicentini 15. All. Creti.

PGS BELLARIA – MEDICINA 2007 74 – 76

(14-10; 33-28; 45-47)

Pgs Bellaria: Ascari 20, Sudano 5, Urzino, Romanelli 6, Scarenzi 2, Pazzaglia 1, Naim 29, Franzioni 2, Cavallari 2, Sanguettoli 2, Idà 4, Masoni 1. All. Bendaglia.

Medicina Basket 2007: Buresti 14, Lenzarini 16, Guccini 4, Pinardi 4, Magli 10, Buscaroli 7, Martelli 2, Rimondini 16, Dall’Olio 1, Randazzo 2. All. Bandini.

ISIS BASKET LUGO – PARTY & SPORT 46 – 72

(13-17; 23-38; 34-57)

Lugo: Scardovi M. 2, Zanoni 5, Zanzi 6, Ricci Maccarini 1, Marchetti 7, Romagnoli 1, Vecchi, Scardovi E. 15, Plazzi 2, Savini 5, Bazzocchi 1. All. Ortasi.

Party&Sport: Leale 13, Franceschi 12, Marchi 3, Fierro 2, Zerbini 5, Lazzari 13, Zanaroli 5, Passatempi 2, Rizzoni 11, Salvadè, Avallone 6. All. Nannetti.

CASTEL SAN PIETRO – CASTIGLIONE MURRI 56 – 59

(11-18; 21-28; 36-43)

Pall. Castel S.P.T. 2010: Castellari 6, Marchi 1, Castelli, Graziani 10, Naldi 14, Manaresi 14, Farnè, Vinera 5, Remondini, Conti 6. All. Martinelli.

Castiglione Murri: Brini, Buriani 18, Cuevas, Dettori 11, Di Pasquale 2, Fermi, Ferraresi, Maestri 2, Pedrielli, Rizzardi 17, Samoggia 7, Tacconi 2. All. Benini.

TATANKA BALONCESTO IMOLA – MONTERENZIO BASKET 68 – 43

CLASSIFICA
P&S Ozzano, Medicina 2007 14; Titans Ozzano, Pgs Bellaria, Giallonero Imola, Selene Sant’Agata sul Santerno 12; Castiglione Murri 10; Isis Lugo 8; Russi 6; Castel San Pietro, Tatanka Imola 4; Monterenzio 0.

GIRONE F

CESENATICO 2000 – BASKET 2000 63 – 51

(16-12; 32-25; 43-39)

Basket CerviaCesenatico: Montalti, Battistoni 12, Maraldi 19, Cavalieri, Farabegoli 2, Capucci 1, Pasini 2, Albertazzi 4, Bravi 9, Balestri, Pillastrini 10. All. Domeniconi.

Titano Rsm: Bombini 9, Fabbri, Guerra 6, Barrena 2, Sarti, Taddei, Bronzetti 12, Borello 8, Giardi 4, Gambi 2, Ugolini 8, Giannotti. All. Liberti.

FIORENZUOLA – TIGERS 66 – 71

(17-16; 27-35; 45-47)

Fiorenzuola Cesena: Foschi 10, Faggi 11, Lucchi Mat. 19, Morsucci 6, Strada 4, Lucchi Max. 2, Biondi, Maestri 14, Abbondanza. All. Baraghini.

Tigers Villanova: Rossi 10, Magnani 14, Cangini 24, Donati 11, Domeniconi 3, Giannoni ne, Falconi ne, Toni, Semprini 2, Tomasi 7. All. Evangelisti.

AICS – SKIZZO 74 – 67

(24-15; 43-30; 60-50)

Aics Forlì: Lasi 14, Turci 4, Baldini 18, Balzani 7, Maltoni 6, Dall’Agata 6, Laghi 2, Berto, Molinari 10, Montanari 7. All. Montuschi.

Skizzo Rimini: Saulle, Apreda 7, Brolli 4, Ricciotti 21, Bascucci, Mantovani 2, Rizzo 6, Lanci 14, Gaudenzi 13.

STELLA – CNO 57 – 70

(17-14; 32-39; 45-51)

Stella Rimini: Distante, Azzolini, Carigi, Naccari 12, Fornaciari 7, Pinto 8, Angeli, Missiroli 22, Bascucci 1, Muntangesù, Brunetta, Bellucci 7. All. Bonaccorsi.

Cno Santarcangelo: Donati 2, Fornari 13, Tomassini 12, Tassinari 4, Maioli 13, Cherubini 5, Rasponi 6, Lucchi 13, Ricci 2. All. Morri.

FAVENTIA – CESENA 59 – 58

(18-22; 26-35; 43-39)

Faventia Faenza: Ceroni 4, Graziani, Conti 15, Dalle Fabbriche 2, Ramadhani Tanesini 2, Boattini 8, Liverani 6, Buti 7, Assirelli, Morsiani 15. All. Morigi.

Cesena Basket 2005: Defrancesco M. 3, Cacchi, Romano 8, Defrancesco L. 13, Senni F. 8, Martini, Vittori 6, Saletti 3, Babbini 11, Grassi 3, Mordenti 3, Valdinosi ne. All. Senni P.P.

MORCIANO EAGLES – BASKET 95 FAENZA 58 – 61

(10-17; 28-25; 42-44)

Morciano Eagles: Bomba 8, Villa, Guastafierro 7, Tanelli 1, Tamai 10, Badioli, Masia 15, Palazzi 2, Ciotti 2, Morelli 13, Angeli. All. Filippucci.

Basket 95 Faenza: Santandrea 14, Dal Monte, Campanini 1, Romboli 7, Flauret 4, Troni 18, Cerini 8, Samorì 4, Catani, Rosti 5, Pasi. All. Vespignani.

CLASSIFICA
CNO Santarcangelo 16; Fiorenzuola Cesena, Tigers Villanova 14; AICS Forlì* 12; Faventia Faenza 10; Basket’95 Faenza** 8; Skizzo Rimini*, Eagles Morciano, Basket 2000 San Marino, Cesena 6; Stella Rimini 4; Cesenatico 2000 2.

1 203 204 205 206 207 214