Monthly Archives: luglio 2015

34° Playground – Mulino vince il girone A, il Kaffeina passa a spese del Supermercato Metà

Due verdetti, due grandi amici ospiti del playground, un programma che prevede la presenza della Fortitudo e altre sfide decisive. Corre verso la finale del 16 luglio il 34° Playground dei Giardini Margherita-Ottica Giulietti e Guerra. E lo fa regalando, al solito, spunti ed emozioni. Sul campo, Kaffeina Koy’s supera i Supermercati Metà, li toglie dalla corsa e si qualifica ai quarti. Mentre il Mulino Bruciato batte Orplast – entrambe erano già qualificate – e passa da prima nel girone A, ormai completato. Ad applaudire, sugli spalti, due vecchie conoscenze: Gus Binelli e Jack Zatti, glorie di Virtus e Fortitudo sempre nel cuore degli appassionati. L’ex capitano bianconero è stato anche premiato con una targa da Orplast. “E’ sempre bello venire qui, mi dispiace solo che quest’anno, per una serie di impegni sia la prima volta, vengo molto più spesso di solito. Mi sembra di tornare indietro negli anni, questo torneo è rimasto quello di sempre: intensità, voglia e partecipazione. Certo, mi ricordo che una volta venivano personaggi come Sugar, ma il fascino dei Giardini resta immutato. Io purtroppo non ho mai potuto giocarli. Con gli amici ho fatto il ds, il coach, il vice“. E se c’è chi con la bella stagione cerca posti esotici, Giacomo Zatti fa il contrario, e d’estate arriva per una settimana bolognese, lui che vive tutto l’anno a Santo Domingo. “Questa è casa mia, abito qui sopra ai Giardini, vengo appena posso, è un piacere, mi fa rivivere i vecchi tempi. E’ vero, l’atmosfera di questo torneo non cambia mai, c’è sempre il mix di ragazzi di ogni categoria, l’ingrediente principale“. Non si può non parlare un po’ di Fortitudo. “L’anno scorso ho visto 3-4 partite, c’era ancora Vandoni, che mi aveva allenato nella Nazionale Militare, e il mio amico Anconetani. Poi cambiando hanno avuto ragione, visti i risultati. Ed è “claro” che la cosa più importante sia rivedere l’Aquila dove deve stare“. Il suo nome è molto legato a quello del Playground. “Ne ho giocato tantissime edizioni, avrei mille aneddoti. Il più curioso che mi ricordi è forse quello di una delle primissime edizioni, si giocava al pomeriggio. Abbiamo mezza squadra fuori per cinque falli, non arriviamo ad un quintetto, Cantergiani, che si era operato alle ginocchia entra e gioca con le scarpe da barca e i jeans. I Giardini sono questo“. All’inizio della prossima settimana andrà via, non abbastanza per vedere la finale. “Peccato, l’avrei vista volentieri. Magari, se fate lo streaming…“.
Come sempre, anche ieri sera lo spettacolo a cui hanno assistito Zatti e Binelli e stato di ottimo livello.
Nella prima gara Kaffeina Koy’s ha strappato la qualificazione ai quarti, facendo fuori Supermercati Metà al termine di un match tutt’altro che scontato. Quarisa e Cortesi hanno fatto male alla difesa avversaria, ma mai il vantaggio del bar sanlazzarese ha raggiunto la doppia cifra. Anzi, Metà a un certo punto ha cambiato ritmo, fino ad arrivare al pallone del -1 negli ultimi minuti, ma quella vissuta da Frigoli, peraltro uno dei migliori, è il classico attraversamento di una sliding door: da solo in contropiede, sbaglia per due volte l’appoggio del quasi contatto. Da lì torna fuori la differenza, soprattutto di peso, tra le due squadre, e così Silimbani e compagni possono chiuderla definitivamente 80-73.
KAFFEINA KOY’S – SUPERMERCATI META’ 80-73

(22-17; 40-35; 59-56)
Kaffeina Koy’s: Nanni 9, Paulig 3, Magini 6, Bastoni 3, Cantore 4, Zhytaryuk 9, Silimbani 10, Lodi, Quarisa 21, Cortesi 15, Rossetti. All. Nanetti-Ghermandi
Supermercati Metà: Mini 15, Frigoli 22, Verardi 10, Saccaro 2, Lelli 4, Caprara, Guazzaloca 2, Grassi, Gianasi 16, Innocenti 2. All. Tassinari.
Nell’ultima gara del Girone A, il Mulino Bruciato ha avuto ragione di Orplast, in una partita piegata, ma non spezzata, su finire del terzo quarto. Dopo un avvio piuttosto equilibrato infatti, la squadra del presidente Andalò, trattoria di riferimento del dopo gara, ha messo la freccia con una tripla allo scadere del primo quarto di Sterpi (16-14). Lo strappo però alla fine del terzo quarto, quando le due triple consecutive di De Pascale e quella di Montanari, non a caso i migliori di serata, mettevano il punteggio sul 50-37. Orplast, poggiata sulle leve del solito Foiera, provava a rimettersi in sesto soprattutto con Cercolani, l’ultimo ad arrendersi. Ma partita (65-60) e primo posto sono del Mulino, che ora aspetta la seconda del girone B, tra Kaffeina e V Magazine.
MULINO BRUCIATO CSI – ORPLAST 65-60

(16-14; 32-30; 52-42)
Mulino Bruciato Csi: Montanari 14, Mascagni, Sterpi 6, Burresi 7, De Pascale 14, Filippini 2, Montano 4, Zani 2, Liburdi 8, Saccà 3, Italiano 5. All. Sterpi.
Orplast: Tassinari 5, Frazzoni 3, Biguzzi 8, Petrini, Quaiotto 7, Cercolani 19, Crotta 5, Foiera 13, Midulla. All. Cinti.
Stasera la Fortitudo Pallacanestro Bologna 103 sarà premiata dall’organizzazione del torneo per la cavalcata che l’ha riportata in serie A. Un momento di festa con gli eroi di una stagione culminata col tanto atteso ritorno nella seconda serie del basket italiano, necessario a riportare l’Aquila vicina al suo palcoscenico naturale. Un’occasione per continuare a celebrare l’impresa di Boniciolli e dei suoi ragazzi. L’appuntamento è alle 21.30 in mezzo alle due gare del torneo. Vediamole.
Alle 20.15 si decide il Girone C: Dope Factory con un successo su Sport Project Agency si qualificherebbe ai quarti, arrivando a 4 punti come Ciaccio Casa e la Bertozzi di Lamma e Raucci. La classifica avulsa, decisa dalla differenza canestri negli scontri diretti, darebbe questa classifica: Ciaccio prima, Dope seconda, Bertozzi terza. Se Dope perde invece, restano appaiate, e qualificate, Ciaccio e Bertozzi, con quest’ultima prima per aver vinto lo scontro diretto. Sport Project peraltro non ha più speranze, quindi sulla carta Dope potrebbe avere facile via libera. Ma è il Playground, e i biscotti non sono di casa qui.
Alle 22 scontro nel girone B fra Kaffeina Koy’s e V Magazine Formosa. Alla squadra di Jack Bonora basta una vittoria su due gare – l’altra è domani contro la già eliminata Fresk’o – per passare il turno. Questo allora sembra più che altro un faccia a faccia per il primo posto nel girone, dopo la vittoria di Kaffeina, ieri sera su Metà. Attenzione ai collegamenti televisivi: la trasmissione Sport Club, in onda su E’tv, aprirà delle finestre sull’andamento della gara, che vede in panchina il suo conduttore. In studio ci sarà Luigi Balduini a prendere il comando delle operazioni in assenza dell’allenatore Bonora. E se le cose in campo dovessero andar male, la soluzione per il resto del cammino è già pronta, con Bonora di nuovo in studio e lui sulla panchina del V Magazine Formosa.
Domani il programma prevede un’altra volta in campo il team di Bonora: se avrà vinto stasera contro Kaffeina, per la finalista dello scorso anno contro Fresk’o sarà solo una formalità. Se invece avrà perso, le due squadre si giocheranno la qualificazione, col bar di San Lazzaro eventualmente ancora in corsa. La palla a due di V Magazine Formosa-Fresk’o sarà alle 20.15
Alle 22 l’ultima sfida dei gironi eliminatori, determinerà chi tra Matteiplast Alice e Zurich Insurance Osteria Santa Caterina – entrambe già avanti nel torneo – avrà vinto il Girone D. Completando di fatto il tabellone dei quarti di finale al via da giovedì.
LE CLASSIFICHE
Girone A: Mulino Bruciato 6 (3g), Orplast 4 (2g), Tecnosistem 2 (3g), Pevals 0 (3g).
Girone B: Kaffeina Koy’s 4 (2g), V Magazine Formosa 2 (1g), Supermercati Metà 2 (3g), Fresk’o 0 (2g)
Girone C: Trattoria Bertozzi 4 (3g), Ciaccio Casa 4 (3g), Dope Factory 2 (2g), Sport Project 0 (2g)
Girone D: Matteiplast Alice e Zurich Osteria S.Caterina 4 (2g), Jus Banca Interprovinciale 2 (3g), Bk Village Granarolo 0 (3 g)