Monthly Archives: Mar 2016

C Gold, la Virtus Imola sbanca Forlimpopoli e vola in vetta alla classifica

C GOLD 23° Giornata

TIGERS – NPC 61 – 67

(25-16; 38-33; 54-50)

Tigers Forlì: Tugnoli 8, Mossi 12, Gurini 15, Valentini 2, Donati 6, Giampieri 6, Poggi ne, Villa ne, Little 8, Agatensi 2, Cacciavillani 2, Jovic. All. Conti.

Imola: Poluzzi 5, Corcelli 8, Chiappelli 24, Porcellini 8, Filippini 4, Sassi ne, Minghè ne, Grillini 9, Morara 9, Di Placido ne, Guglielmo, Francesconi ne. All. Alfieri.

Impresa della Virtus che va a vincere il big match della 23esima giornata in casa della corazzata Tigers Forlì e mette una seria ipoteca sul primo posto finale. È vero, mancano ancora sei partite alla fine della regular season, ma il successo messo a segno questa sera dai ragazzi di Alfieri vale doppio: anche in caso di arrivo a pari punti, infatti, Imola avrà dalla sua gli scontri diretti. Non un vantaggio da poco. Il match si decide negli ultimi minuti, quando l’ennesimo canestro di un Chiappelli scatenato (24 punti) è una mazzata sui Tigers che, per due volte, nel primo quarto e a inizio ultimo quarto, hanno la possibilità di chiudere il match. Ma in entrambi i casi è brava Imola a trovare le forze per reagire e rimontare. Poi, nel momento più importante, è fredda nel trovare i punti che valgono la vittoria e due punti fondamentali per il prosieguo del campionato.

CASTELFRANCO – BMR 63 – 83

(15-32; 24-49; 42-64)

Castelfranco Emilia: Romagnoli 2, Tomesani 7, Zucchini 11, Lavacchielli 4, Biello, Villani 4, Del Papa 4, Tedeschini 13, Pedroni, Lusvarghi 10, Righi 8. All. Boni.

Basket 2000 Scandiano: Malagutti 14, Ferrari ne, Bertolini 18, Bartoccetti 3, Astolfi Gia. 1, Astolfi Giu. 20, Farioli, Levinskis 6, Pugi 11, Germani 8, Rivi 2. All. Spaggiari.

Bmr corsara a Castelfranco. Con quattro uomini in doppia cifra, la formazione di Spaggiari parte col piede giusto e, dopo il 32-15 del primo periodo, gestisce il vantaggio nei restanti 30′.

LA.CO. – GHEPARD 99 – 48

(29-15; 58-26; 77-40)

Ozzano: Saccardin 2, Pasquali 14, Verardi 19, Mini 12, Rossi 8, Lalanne 20, Carretti 12, Guazzaloca, Rambelli 12, Gianasi ne. All. Grandi.

Ghepard: Romagnoli 4, Sandrolini, Millina 3, Tapia ne, Aldieri ne, Beccaletto 4, Dalla, Rizzatti 4, Cempini 8, Fantuzzi 16, Failoni ne, Ghedini 9. All. Damaschi.

Facile successo per i New Flying Balls, che rifilano un perentorio +51 (99-48 il finale) al finalino di coda Ghepard e salgono in classifica a quota 22 punti, agguantando Fiorenzuola al settimo posto. Partita mai in discussione: pronti via e dopo 4 minuti è 12 a 0 Ozzano. Mini, Carretti e Rambelli portano Ozzano sul 29 a 15 alla prima sirena, con la Ghepard che rimane aggrappata ai punti di Fantuzzi e Ghedini. In apertura seconda frazione c’è la reazione dei giallo neri che tornano fino al -9 (29-20 al 12’) poi, le triple di Rambelli e i canestri di un Verardi super, portano la La.Co. alla fuga decisiva. All’intervallo lungo è +32 Flying, vantaggio che si incrementa nei quarti successivi fino alle due bombe finali di Lalanne che fissano il risultato sul 99 a 48 finale.

COPRA ELIOR LPR – FIORENZUOLA 75 – 67

(20-13; 41-30; 64-49)

Piacenza Basket Club: Verri 21, Galli 12, Villani, Degrada 14, Massari 2, Inzani, Livelli, Gorla 5, Tagliabue 6, Sifford 15, Zanangeli, Bracci. All. Galli A.

Pallacanestro Fiorenzuola 1972: Cavagnini, Galliazzo 2, Sichel, Grosso 13, Moscatelli 2, Colonnelli 16, Beltran 8, Lottici 8, Trobbiani, Garofalo 14, Giani 4. All. Lottici S.

E’ Fiorenzuola a partire con le marce alte, grazie alle triple di Grosso e Garofalo che fruttano il primo break gialloblu al 4′. 2-8. Piacenza Basket Club non si scompone, e grazie alle scorribande di Milo Galli si riporta sotto a -1. 9-10 al 6′. E’ Patrizio Verri a firmare il primo sorpasso biancorosso con l’importante tripla dopo un rimbalzo offensivo catturato da Gorla. 12-10. Segue una fase di partita piuttosto frammentata, con diversi fischi arbitrali. Ne approfitta il team di casa, che lascia la squadra di Lottici a -7 dopo i liberi di capitan Massari. La tripla di Sifford mette in cassaforte il primo quarto di marca biancorossa. 20-13. Nel secondo quarto Grosso nelle fila fiorenzuolane prova a ricucire lo strappo, ma le distanze rimangono pressochè invariate: 27-21 al 14′, con timeout pieno chiamato da coach Alessandro Galli. La partita prosegue con percentuali basse da ambo le parti. Colonnelli riesce a portare i gialloblu a due possessi di svantaggio inventandosi una tripla di pura classe. 32-28 al 18′. Verri diventa protagonista assoluto del finale di quarto, portando con preziosi punti personali Piacenza Basket Club ad un nuovo break. La schiacciata al 19′ inchioderà il punteggio sul 39-28. La prima metà di gara si chiude sul 41-30, un bel bottino a metà partita. Al rientro dagli spogliatoi Piacenza Basket Club rientra con la faccia giusta, guidata a tutto campo da Sifford, che con grande energia conquista palloni importanti convertiti con il supporto di Degrada. Fiorenzuola si affida a Colonnelli ed al suo talento, ma un solido Tagliabue, con due punti e una roboante stoppata, porta il punteggio sul 52-38 al 24′. Fiorenzuola, con la sapiente regia di Grosso, prova a tenere le mani sul manubrio della gara, ma Verri da un’altra spallata importante al 28′, spedendo Fiorenzuola all’inferno. Il terzo quarto si chiude sul 64-49. Gli ultimi 10′ iniziano a ritmi alti da parte di entrambe le formazioni; ne difetta la precisione, con diversi errori da ambo le parti. Galiazzo e coach Lottici raggiungono anzitempo negli spogliatoi, espulsi dai direttori di gara, ma Fiorenzuola si dimostra squadra solida, rosicchiando qualche punto grazie a Grosso. 68-56 al 33′. La partita continua con un momento di fiammate da ambo le parti, con ancora diversi errori da parte sia di Piacenza che degli ospiti. Beltran con una tripla importante da nuovamente fiducia alla spinta dei gialloblu al 38′, portando il punteggio sul -9 e costringendo coach Galli a chiamare un nuovo time out. Fiorenzuola alza la difesa e mette in difficoltà il Piacenza Basket Club, ma non sfrutta buoni tiri creati per riaprire la partita. Milo Galli ai tiri liberi dà il +10 a 42” dal termine. 75-65. La partita si chiude sul 75-67, con Piacenza che fa un altro importante passo verso l’obiettivo dei playoff.

GAETANO SCIREA BASKET – ASSET BANCA SAN MARINO 70 – 69

(12-20; 34-42; 48-51)

Bertinoro: Enrico Solfrizzi 4, Riguzzi 9, Cristofani, Ruscelli, Merenda 10, Brunetti, Ricci 24, Farabegoli 4, Delvecchio 16, Godoli, Emiliano Solfrizzi 3. All. Brighina.

San Marino: Frigoli 12, Gamberini ne, Macina 1, Polverelli 12, Cardinali 3, Borello ne, Ravaioli 11, Balestri 5, Tonini 3, Caronna 22. All. Foschi.

La spunta lo Scirea che sorpassa negli ultimi secondi, l’amarezza è tanta, ma la prestazione dell’Asset Banca, priva di due da quintetto come Zannoni e Capitan Gamberini e con Frigoli febbricitante, deve considerarsi positiva. Partenza forte dei Titans che aprono le danze con un Caronna da 16 punti in 14′ nella prima metà gara, 42-34 Asset Banca all’intervallo lungo dopo aver toccato anche il 33-19 al 14′ con la bomba di Tonini.  Al rientro sul parquet, Scirea scatenato riporta la gara al punto a punto, con i primi 16 punti dei padroni di casa nel terzo quarto realizzati tutti da Delvecchio (11) e Ricci (5), i Titans conservano fino alla fine un vantaggio minimo, lasciando tanto dalla lunetta (alla fine sarà 9/20, per un rivedibile 45%), Polverelli 37″ prima della sirena realizza il 69-67 Asset Banca, ma le gambe per difendere non ci sono più e nella propria metà campo i Titans devono concedere lunetta prima a Delvecchio (2/2 per il 69 pari) e poi a Enrico Solfrizzi (1/2 per il 70-69 Scirea) senza trovare punti in attacco. Vince Bertinoro, i due derby stagionali si chiudono in parità e curiosamente entrambi sono andati alla squadra di casa per un solo punto.

B.S.L. SAN LAZZARO – NUOVA PSA MODENA 75 – 55

(25-9, 43-17; 59-36)

San Lazzaro: Sgorbati 9, Lolli 8, Saccaro 4, Binassi 6, Mellara 4, Masrè 11, Bianchi 9, Bernardi, Vercellino 16, Allodi 8. All. Rocca.

Psa Modena: Tejeda, Burresi 16, Macchelli, Pulverenti 10, Bertoni, Tamagnini 3, Frilli 4, Saccà 7, Bianchini 12, Biscaro 3. All. Solaroli.

DESPAR 4 TORRI FERRARA – SALUS PALL. BOLOGNA 88 – 65

(22-11; 42-31; 60-52)

4 Torri Ferrara: Chiusolo, Brandani 8 (1/1, 1/5), Govi 4 (2/3, 0/1), Parmeggiani 13 (2/4, 3/6), Lugli 6 (1/2 da tre), Martini, Pasquini 14 (6/8 da due), Magni 11 (2/5, 2/4), Agusto 17 (8/16, 0/1), Albertini 15 (5/6, 1/1), Bergamin ne, Fenati ne. All. Cavicchioli.

Salus Bologna: Fimiani 8 (3/6, 0/4), Savio 11 (4/7, 1/2), Nucci 5 (1/3, 1/2), Zuccheri 8 (3/6, 0/1), Granata 3 (1/2 da due), Sangiorgi 10 (3/4 da due), Parma Benfenati 12 (6/18, 0/1), Trentin 8 (4/9 da due), Busi ne, Percan ne. All. Giuliani.

CLASSIFICA

VSV IMOLA 36 22 18 4 1664 1379 +285
TIGERS FORLI’ 34 21 17 4 1742 1407 +335
BASKET 2000 SCANDIANO 34 22 17 5 1650 1385 +265
PIACENZA BC 34 21 17 4 1661 1404 +257
4 TORRI FERRARA 32 21 16 5 1647 1420 +227
SAN MARINO 26 22 13 9 1605 1499 +106
FLYING BALLS OZZANO 22 21 11 10 1597 1448 +149
FIORENZUOLA 1972 22 21 11 10 1599 1540 +59
SALUS BOLOGNA 20 21 10 11 1438 1485 -47
BSL SAN LAZZARO 16 21 8 13 1244 1393 -149
GAETANO SCIREA BERTINORO 14 22 7 15 1305 1464 -159
CASTELFRANCO EMILIA 12 22 6 16 1641 1802 -161
PONTEVECCHIO BOLOGNA 10 21 5 16 1347 1551 -204
PSA MODENA 8 22 4 18 1278 1815 -537
GHEPARD BOLOGNA 2 22 1 21 1313 1739 -426

DNG, i Crabs passano alla “Pertini” e rimangono in corsa per il 5° posto

Manca solo l’aritmetica, ma la Pontevecchio se vuole avere la certezza di passare il turno deve superare i Crabs.

DNG/B 17° Giornata

REYER VENEZIA – NBB BRESCIA 88 – 40

(22-13; 43-19; 65-28)

Venezia: Visconti 6, Antelli 11, Ambrosin 22, Bergamo 8, Jerkovk 6, Criconia 3, Simioni 12, Cantoni, Pettenò 6, Groppi 4. All. Buffo.

Brescia: Brunelli, Cicchetti 8, Permon, Colpani, Lorenzon ne, Acerbis 3, Saletti 4, Jancic 9, Rakic 14, Cotruta 2 All. Lovino.

FORTITUDO103 ACADEMY – VIRTUS BK PADOVA 78 – 52

(24-15; 29-30; 50-41)

Fortitudo103 Bologna: Torricelli 6, Rovatti 18, Pampani, Valenti 3, Zani 6, Lucchetta 12, Campogrande 21, Errera 8, Santini 2, Mancini, Pederzoli 2, Montanari. All. Breveglieri.

Virtus Padova: Marzola 5, Valvo 4, Clark 3, Malachin, Calzavara 9, Visentin, Ferrara 14, Calore 4, Rizzi 7, Cecchinato 6. All. Friso.

POL. PONTEVECCHIO – BK RIMINI CRABS 64 – 74

(17-18; 42-38; 46-49)

Pontevecchio: Benuzzi 4, Bergami 6, Brancaleoni 10, Buriani 14, Di Rauso 15, Donati, Franchini, Galassi, Mantovani 12, Riguzzi 2, Varotto 1. All. Lepore.

Rimini: Balic 2, Meluzzi 29, Egbutu 9, Chavdarov 8, Popov 17, Bojovic 5, Provesi 2, Calasso 2, Galassi ne, Baldassarri ne. All. Ferro.

PALL. ALTO SEBINO – INNDES BK BASSANO 75 – 86

(17-22; 30-39; 57-58)

Pall. Alto Sebino: Zarbetti ne, Cernivani 3, Manfrini ne, Cattaneo 3, Mitrovic 7, Baldini 8, Coltro 9, Vidakovic ne, Stanzani 20, Lugic 10, Caversazio 9, Gaadoudi 6. All. Polesinanti.

Oxygen Indess Bassano: Dissegna, Morelli 7, Idiaru 15, Agnolin 4, Meneghin, Salvato 14, Bevilacqua 13, Maiello 10, Lazzarotto 8, Nikolić 15. All. Mattioli.

LEONARDO GIOIELLI BK MESTRE – US VICTORIA LIBERTAS 67 – 74

CLASSIFICA

Alto Sebino Pisogne, VL Pesaro*, Reyer Venezia* 26; Virtus Padova 22; Pontevecchio Bologna 18; Crabs Rimini*, Bassano 14; Fortitudo103 Academy Bologna* 12; Leoncino Mestre 6; NBB Brescia 4.

Serie D, martedì da leoni per il Voltone a Casalecchio. Vignola espugna Modena

SERIE D/A 23° Giornata

SCHIOCCHI BALLERS MODENA – SCUOLA PALL. VIGNOLA 49 – 55

(12-18, 26-26, 37-49)

SchiocchiBallers Modena: Sangermano, Righi R. 18, Minarini S. 2, Minarini T. ne, Alessandrini 5, Twum 6, Sassi, Vaccari ne, Falbo ne, Petrella 9, Cavazzoli 1, Carretti 8. All. Righi G.

Vignola: Ganugi 8, Badiali ne, Barbieri, Pantaleo 2, De Martini 12, Vannini 3, Paladini 11, Lelli 4, Guidotti 12, Lolli 3. All. Smerieri

Vignola espugna il Palamadiba  allungando la striscia vincente e avvicinandosi ulteriormente alla zona playoff. Vincono con merito in virtù di maggiore freddezza e “cattiveria agonistica”, a volte anche un po’ eccessiva, messa sul parquet per tutti i 40′. A farne le spese è Sassi che viene colpito duramente al naso e deve rientrare anzitempo negli spogliatoi. Tecnicamente non è stato un gran derby, la posta in palio molto alta ha sicuramente influito sullo spettacolo. Gli Schiocchi escono sconfitti, mettono in campo voglia e agonismo, quasi mai supportata da buone scelte e lucidità nei momenti chiave del match. I padroni di casa devo rinunciare a priori ai due play Binotti e Bernabei partono in sordina e finiscono sotto nel primo quarto (12-18). La zona dei Ballers nel secondo quarto riesce a dare i suoi frutti, imbriglia l’attacco ospite e una tripla di Alessandrini fissa il punteggio sul 26 pari all’intervallo lungo. Vignola riparte nel terzo quarto mettendo le marce alte, tutti i giocatori portano il loro mattoncino alla causa e ben presto il divario si allarga fino al 34-49 al 28’. Partita virtualmente chiusa, vista la difficoltà degli Schiocchi a trovare la via del canestro; ma non è così, la difesa comincia a funzionare. Vignola si spegne e i modenesi di casa arrivano fino al -2 (47-49) al 37’. Una magia di tabellone di Paladini è linfa vitale per Vignola, gli Schiocchi non trovano più il canestro e le pessime percentuali dalla lunetta mettono il sigillo alla vittoria degli ospiti per 49-55.

G.S. ARBOR BASKET – BERRUTIPLASTICS 57 – 63

(11-17, 27-31, 42-46)

Arbor Reggio: Fontanesi 6, Monti 7, Pedrazzi 10, Braglia 6, Franzoni 12, Davoli 8, Insolia 4, Marani 4, Petri ne, Visini ne, Spaggiari ne. All. Bellezza.

La Torre Reggio: Galassi 2, Mazzi G., Vezzosi 5, Bochicchio 2, Pezzarossa, Mazzi F. 21, Mussini 3, Bertolini 2, Margaria 13, Orlandini 1, Codeluppi 14, Panciroli ne. All. Spadacini.

Il turno infrasettimanale saluta una vittoria di fondamentale importanza per la Berrutiplastics, che sbanca il campo dell’Arbor. Un derby molto delicato in ottica salvezza, al termine del quale i grigiorossi ribaltano anche il -4 dell’andata e salgono a +4 sulla zona play-out, occupata a quota 12 dalla stessa Arbor e dal Luzzara. A partire meglio sono i padroni di casa (7-2), poi la squadra di Spadacini ingrana, compie un piccolo strappo (11-17 al 10’) e conduce quasi ininterrottamente. L’unico vantaggio arborino sarà propiziato da un break di 6-0 in apertura di terzo periodo (33-31), a cui La Torre risponde prontamente (35-41 al 26’) e da lì non si volterà più indietro. Franzoni e compagni producono il massimo sforzo all’inizio dell’ultimo quarto, quando risalgono a  -1 (47-48), ma, con Filippo Mazzi protagonista, gli ospiti allungano ancora, in modo definitivo, fino al 53-63 del 39’.

VENI BASKET – ALTEDO BASKET 67 – 80

(14-21; 31-42; 47-60)

San Pietro in Casale: Gamberini ne, Minozzi G. 13, Vinci 8, Poluzzi ne, Sgarzi 3, Barbieri 5, Gentili 4, Dal Pozzo 10, Ghedini 3, Ballarin, Angelini 9, Bartolozzi 12. All. Minozzi M.

Altedo: Settanni 9, Harizaj 17, Bulgarelli 7, Vettore 28, Ventura, Balboni, Missoni 2, Zocca, Teglia ne, Soresi 11, Lambertini, Gnudi 6. All. Venturi.

AREAJOB – AZZALI 80 – 68

(25-19; 49-37; 60-48)

Sampolese: Tognoni ne, Siani 2, Magliani 11, Minardi 16, Benevelli 6, Maggiali2, Pezzi 4, Tondo 13, Margini 12, Bizzocchi 14, Domenichini. All: Immovilli Vice All: Corali

Magik Parma: Bazzoni 2, Donadei 4, Malinverni N. 3, Malinverni L. 6, Montagna 3, Aimi 7, Gibertini 3, Diemmi 10, Croci 20, Guidi 5, Fava 5. All: Lopez

Torna il sorriso in casa Sampolese dopo la bella vittoria ai danni della Magik. I padroni di casa comandano la gara fin dalla palla a due riuscendo a mandare in doppia cifra ben 5 giocatori, mentre ai ducali non bastano i 20 di un ispirato Croci, ultimo a mollare dei suoi. Nel primo quarto i biancorossi provano subito a scappare via sul + 10, ma 8 punti consecutivi di Croci tengono a contatto gli ospiti. Il secondo parziale continua sulla falsariga del primo, con la verve di Minardi uscendo dalla panchina a tenere i reggiani sulla doppia cifra di vantaggio all’intervallo. Al rientro dagli spogliatoi inizia a faticare l’attacco della Sampolese a causa di soluzioni forzate senza un’efficace circolazione di palla, ma la difesa dei ragazzi di coach Immovilli rimedia alle difficoltà offensive. I parmensi non si arrendono e a metà ultimo quarto si portano fino al -7 (68-61), ma i veterani Margini, Tondo e Bizzocchi conducono i compagni alla prima vittoria casalinga stagionale.

ANTAL PALLAVICINI – VIS BASKET PERSICETO 56 – 36

CVD – VOLTONE 62 – 67

(17-17; 35-29; 45-48)

Cvd Casalecchio: Dawson, Beccari 4, Gamberini 2, Dozza 12, Fuzzi 6, Perini 12, Masetti 5, Ghiacci 13, Taddei 6, Marcheselli, Fenderico ne, Fermi 2. All. Loperfido.

Voltone Zola: Calvi 18, Galassi Gu. ne, Giacometti A. 4, Sanguettoli 9, Giacometti J. 7, Ferraro 8, Verdoliva 2, Magi 5, Tubertini 2, Nini, Lelli 12. All. D’Atri.

ATLETICO – VENTURI 56 – 73

(14-12; 30-36; 41-59)

Atletico Borgo: Rossi 4, Grassi, De Simone 12, Diop, Artese 18, Belletti, Pedevani, Veronesi 8, Savic 2, Pedroni 5, Zappoli 5, Sant 2. All. Pietrantonio.

Anzola: Poluzzi F. 13, Venturi D., Venturi N. 7, Boldini 7, Poluzzi ne, Lambertini 3, Franchini, Bastia, Bastoni 6, Mazza 20, Regazzi 16, Zanata 1. All. Coppeta.

AQUILA – NAZARENO 71 – 84

(23-22; 35-44; 59-61)

Luzzara: Ploia, Magnanini 5, Cani 3, Costantino 4, Neviani 4, Caleffi ne, Galeotti 8, Simonazzi 21, Petrolini 15, Benatti 8, Folloni 3. All. Campedelli.

Pall. Nazareno Sbisà 2, Compagnoni 25, Goldoni 11, Pivetti 9, Pravettoni 9, Antonicelli, Salami 10, Saetti ne, Menon 4, Marra 8, Spasic 6. All. Testi.

Carpi espugna Luzzara dopo 40’ intensi e vibranti, in cui gli attacchi hanno avuto la meglio sulle difese e dove uno solo è stato il protagonista: Babes Compagnoni. Grazie al talento del classe 1976, gli ospiti riescono a creare lo strappo decisivo nell’ultima frazione, quando Luzzara apre le maglie di una zona che aveva fin lì tenuto a galla i locali.

CLASSIFICA

CVD CASALECCHIO 38 23 19 4 1522 1342 +180
ANZOLA 36 23 18 5 1570 1409 +161
VIS PERSICETO 32 23 16 7 1618 1490 +128
SCHIOCCHI BALLERS MODENA 28 23 14 9 1572 1462 +110
NAZARENO CARPI 28 23 14 9 1609 1557 +52
ATLETICO BOLOGNA 26 23 13 10 1577 1506 +71
PALLAVICINI BOLOGNA 26 23 13 10 1468 1440 +28
SCUOLA PALL. VIGNOLA 26 23 13 10 1459 1467 -8
VENI SAN PIETRO IN CASALE 24 23 12 11 1523 1472 +51
ALTEDO 22 23 11 12 1595 1553 +42
VOLTONE ZOLA 20 23 10 13 1559 1555 +4
MAGIK PARMA 18 23 9 14 1399 1489 -90
LA TORRE REGGIO EMILIA 16 23 8 15 1388 1477 -89
AQUILA LUZZARA 12 23 6 17 1393 1543 -150
ARBOR REGGIO EMILIA 12 23 6 17 1430 1647 -217
SAMPOLESE 4 23 2 21 1295 1568 -273

SERIE D/B 23° Giornata

BELLARIA BASKET – CNO SANTARCANGELO BASKET 65 – 58

(10-17; 26-31; 35-49)

Bellaria: Janev 4, Egbutu 11, Sacchetti 13, Mbaye 2, Fornaciari 9, Popov 11, Bindi 7, Sebastianutti, Stabile 8, Tomassoni, Ibraj. All. Ferro.

Santarcangelo: Bugli, Cherubini, Rasponi 2, Fusco 5, Donati 3, Fornari 7, Calisesi 2, Tomassini 8, Dini 18, Tassinari 13. All. Zannoni.

SAN MAMOLO BASKET – PARTY & SPORT 67- 69

VB – TITANS BASKET 60 – 83

(10-22, 33-42, 46-68)

Grifo Imola: Sgubbi, Cantoni, Bartoli 6, Dirella 7, Pasini 12, Baruzzi 4, Lanzoni ne, Pejicic 21, Rossi 1, Sgorbati 9, Castelli ne. All. Zarifi.

Titans Ozzano: Fornasari 12, Curione 8, Bargiotti 7, Gianasi, Quarantotto 8, Tuccillo 10, Gamberini 7, Manini 10, Campagna 4, Paolucci 5, Zitelli 12. All. Cinti.

Si ferma alla settima gara la striscia vincente della Grifo che c,ome nella gara di andata, soffre tremendamente i Titans. A giustificazione va detto che la VB si è presentata con il reparto lunghi decimato: Zudetich ha un ginocchio gonfio, Linguerri ha finito la stagione, Zaccherini è a letto con la febbre; a questi va aggiunta la perdurante assenza di capitan Lanzoni per pubalgia. Ma veniamo alla cronaca: nei primi cinque possessi la Grifo perde quattro palloni e il 2-6 ne è la logica conseguenza. Le difficoltà dei portatori di palla imolesi contro i pari ruolo di Ozzano saranno una costante per tutta la gara, così come l’imprecisione al tiro. Il pressing Ozzanese porta presto gli ospiti in bonus, ma innervosisce gli imolesi tanto che sia Zarifi che Dirella sono sanzionati con un fallo tecnico. Comunque la Grifo si mantiene a galla con i liberi, saranno 10/13 prima di vedere il secondo canestro su azione di Dirella dopo tredici minuti di gioco (14-27). Ozzano invece ruota i protagonisti con estrema facilità, anche se il secondo periodo diventa una questione personale tra Zitelli (8 punti) e Pejicic (9 punti). Dal massimo svantaggio 23-39 la Grifo risale a 33-39 in circa tre minuti salvo subire per la seconda volta una bomba sulla sirena per il 33-42 che manda le squadre all’intervallo lungo. Al rientro c’è una sola squadra in campo ed è Ozzano che piazza in avvio uno 0-9 che di fatto chiude la partita. L’ultimo quarto vede una Grifo che ottiene finalmente qualcosa in difesa alternando la zona 3-2 a quella 2-3, ma la scarsa mira in attacco non permette di avvicinarsi. Alla fine questo periodo serve solo a mettere a posto un po’ le statistiche. Per chiudere vanno menzionati Cantoni (capitano dell’U18) che gioca due ottimi spezzoni di gara in cui cattura rimbalzi da entrambi i lati del campo e Rossi (U16) che segna i suo primo punto tra i grandi.

MOLINELLA – IMMOBILIARE 2000 74 – 70

(18-17; 36-29; 52-39)

Molinella: Ugulini, Quartieri 2, Pusinanti 7, Piazzi 7, Ricci 6, Lanzi 12, Quaiotto 19, Trippa 10, Serio 4, Frazzoni 7. All. Baiocchi.

Giardini Margherita: Alaimo 22, Grassitelli 13, Stefani 6, Lippa 4, Grandi 1, Guidi ne, Baccilieri, Paracchini 7, Cataldo 12, Pierini 4, Vittori Antisari 1, Lambertini. All. Lanzi.

Molinella sconfigge meritatamente i Gardens al termine di una sfida che ha avuto parecchie facce. Nel primo quarto era Alaimo a essere una continua spina nel fianco dei padroni di casa che, comunque, andavano al riposo in vantaggio di una lunghezza. Il match proseguiva sul filo dell’equilibrio fino al 22-21, poi i bianconeri prendevano un paio di possessi di vantaggio e, alla seconda sirena, toccavano il massimo vantaggio sul 36-29. Dopo l’illusorio canestro del 36-31, gli ospiti scivolavano a -11 sul 42-31 (canestro di Trippa) e 50-37 al 28′ con Quaiotto protagonista. Sul 55-43 del 32′ iniziava, però, la rimonta dell’Immobiliare 2000: con un quintetto senza play di ruolo e senza pivot, rientrava a -2, sul 57-55, con una tripla di Paracchini. Molinella respingeva l’assalto, ma si arrivava all’ultimo minuto sul 66-64. I padroni di casa facevano 6/6 dalla lunetta, ma i Giardini Margherita replicavano con tre canestri in percussione. Sul 72-70, Paracchini falliva il libero del -1, fallo su Lanzi a -7″, 0/2, ma Quaiotto era il più lesto ad arpionare il rimbalzo e a chiudere i conti con un altro 2/2 dalla linea della carità. Gane over.

CESTISTICA ARGENTA – CRAL E. MATTEI 91 – 67

(21-20; 43-33; 67-55)

Argenta: Alberti, Cesario 2, Spinosa 20, Zanetti 3, Cesari 2, Checcoli, Caprara 2, Lazzari 17, Pascoli 14, Mortara 4, Rubbini 14, Governatori  13. All.  Panizza

Cral Mattei Ravenna: Casciello 13, Lasi 6, Vistoli 22, Zannoni 4, Saccardi 13, Zannini 7, Cirillo ne, Bartolotti 2. All.  Focarelli

Nel turno infrasettimanale la Cestistica archivia agevolmente la pratica Ravenna, puntellando la propria classifica e tenendo viva una flebile speranza per l’accesso ai play off. I romagnoli, presentatisi al PalaSalvatori a ranghi fortemente ridotti, riescono inizialmente ad “imbrigliare” la manovra argentana con la difesa a zona e grazie ai canestri di Casciello e Vistoli, conducono per quasi per tutto il primo quarto, prima che Rubbini, con un lay up a fil di sirena, firmi il primo vantaggio bianco blu (21-20). Il secondo parziale si apre con una tripla di Lasi e un contropiede di Casciello che riportano il Cral Mattei a +4 (21 – 25), ma sarà l’ultimo acuto per i Ravennati. La Cestistica, infatti, stringe le maglie in difesa e piazza un parziale di 17 a 0, con Lazzari e Rubbini letali in contropiede ed un Mortara determinante nel presidiare la propria area. Sul +13 (38-25) e con la gara ampiamente in controllo, la Cestistica abbassa colpevolmente i ritmi di gioco permettendo agli avversari di riavvicinarsi sino al -7 (43-36) con una tripla di Lasi alla ripresa del gioco dopo l’intervallo lungo. Coach Panizza si fa sentire e, sotto la spinta dell’inesauribile Lazzari e delle triple di uno Spinosa in gran spolvero, i padroni di casa ristabiliscono il divario ad un più rassicurante +12 (67-55) al termine del terzo quarto. Ultima frazione di pura accademia, con Pascoli e Governatori a martellare con continuità il canestro avversario e ravennati in debito di ossigeno che non hanno la forza di reagire. Vittoria meritata e ottenuta senza troppi patemi, con l’unico neo della frattura al naso per capitan Rubbini, gentile “omaggio” del centro ospite Zannoni, che ne mette in dubbio la presenza per la delicata trasferta di Ozzano.

BASKET VILLAGE – SCUOLA BASKET FERRARA 77 – 50

(30-17; 40-26; 57-37)

Basket Village Granarolo: Ballini 19, Salicini 17, Banzi 7, Nicotera 7, Carrera 1, Neviani 3, Pedrielli 14, Fava 5, Pedrelli 2, Marega 2. All. Marcheselli.

Scuola Basket Ferrara: Ferrarini 7, Rimondi Ri, Costanzelli 8, Rimondi Ro 2, Schincaglia 8, Roversi, Proner 2, Bereziartua 6, Vigna 15, Romagnoni 2, Cattani, Malaguti. All. Bonora.

ARTUSIANA BK – AICS JUNIOR BASKET 67 – 56

(14-13; 29-23; 49-39)

Forlimpopoli: Manucci 14, Rossi 11, Balisteri 20, Calboli 2, Vandelli ne, Trinidad ne, Morabito 1, Evangelisti, Arfelli 10, Servadei 9. All. Bondi.

Forlì: Bergantini 10, Valgimigli 2, Perugini ne, Gasperini 2, Bacchini 3, Totaro 21, Molinari 5, Crocini 2, Zamagni 11, Catani ne, Bombardini ne, Miglietta ne. All. Chiadini.

OLIMPIA CASTELLO 2010 – G.S. INTERNATIONAL BASKET 80 – 52

(18-13; 32-27; 61-42)

Castel San Pietro: Galloni 3, Chillo, Franceschini 7, Corazza 14, Pancaldi 3, Boschi, Farnè 6, Marzioni 23, Binassi 5, Cilfone 12, Venturi 7. All. Canė.

International Imola: Folli 10, Benghi 10, Scagliarini 12, Pelliconi 5, Ciampone, Genoni, Spagnoli 13, Benini, Masoni 2. All. Bindi.

I biancorossi tengono testa ai più quotati avversari nel primo quarto e restano in partita fino all’intervallo; poi una raffica di triple di Marzioni nel terzo quarto condanna gli imolesi, penalizzati anche da molte assenze (Martini, Barbagelata e Gargioni). La cronaca: dopo la palla a due, la Curti parte bene grazie a Scagliarini e Spagnoli che replicano alle triple di Corazza, tanto che per un paio di volte i biancorossi mettono anche la testa avanti (5-6 e 11-13), ma quando i padroni di casa spingono con più convinzione anche la zona proposta da Bindi non basta. L’Olimpia approccia meglio il secondo quarto approfittando anche del nervosismo degli imolesi verso la coppia in grigio (anche un tecnico a Bindi) e così Castello tocca per la prima volta la doppia cifra di margine sul 23-13 al 12’. Il time-out di Bindi sortisce gli effetti sperati, se è vero che la Curti ne esce con un parziale di 12-0 che annichilisce l’attacco castellano e vale il 23-25 al 17’. Purtroppo l’ultimo vantaggio per chi viaggia, che nel finale di quarto subisce il controsorpasso di un’Olimpia che torna ad affidarsi ai suoi big. Su tutti Marzioni che si sveglia definitivamente nel terzo quarto infilando sei triple che poco alla volta sgretolano i tentativi imolesi di restare in partita. Ci provano Benghi e Spagnoli, ma Imola ricuce al massimo fino al -8 (48-40), mentre i padroni di casa sono trascinati dal loro tiratore e allungano fino al +19 sul 59-40 contro un’Imola che accusa anche la stanchezza dovuta alla panchina corta. La gara in pratica si chiude qui, con Castello che amministra il vantaggio nell’ultima frazione.

CLASSIFICA

OLIMPIA CASTEL S. P. 44 23 22 1 1773 1468 +305
MOLINELLA 34 23 17 6 1563 1362 +201
BASKET VILLAGE GRANAROLO 30 23 15 8 1518 1443 +75
IMMOBILIARE 2000 BOLOGNA 28 23 14 9 1513 1443 +70
TITANS OZZANO 26 23 13 10 1632 1570 +62
ARTUSIANA FORLIMPOPOLI 24 23 12 11 1597 1503 +94
GRIFO  IMOLA 24 23 12 11 1517 1501 +16
INTERNATIONAL IMOLA 24 23 12 11 1596 1605 -9
S.B. FERRARA 24 23 12 11 1494 1571 -77
ARGENTA 22 23 11 12 1643 1573 +70
CNO SANTARCANGELO 18 23 9 14 1422 1543 -121
BELLARIA 16 23 8 15 1476 1564 -88
AICS FORLI’ 14 23 7 16 1517 1636 -119
PARTY&SPORT OZZANO 14 23 7 16 1443 1577 -134
SPEM MATTEI RAVENNA 14 23 7 16 1433 1578 -145
SAN MAMOLO BOLOGNA 12 23 6 17 1393 1593 -200