Monthly Archives: marzo 2016

C Gold, il Basket 2000 respinge l’assalto di Piacenza. C Silver, “el clasico” lo vince Granarolo

SERIE C GOLD 23° Giornata

LA.CO. – TIGERS 66 – 91

(29-27; 41-51; 54-72)

Ozzano: Saccardin, Pasquali 6, Verardi 5, Mini 5, Rossi 6, Lalanne 5, Carretti 16, Guazzaloca 9, Rambelli 14. All. Grandi.

Tigers Forlì: Valgimigli, Tugnoli 14, Giampieri 1, Mossi 27, Poggi ne, Valentini 13, Little 10, Donati, Agatensi, Rossi, Jovic 6, Cacciavillani 20. All. Conti.

La corazzata Tigers espugna il PalaGira di Ozzano per 91 a 66 trascinata dalla straordinaria partita di Marco Mossi autore di 27 punti con percentuali al tiro eccellenti. Ottimi Flying nel primo tempo, che addirittura chiudono avanti la prima frazione 29 a 27 dopo aver toccato al quinto minuto il massimo vantaggio (+9 sul 20-11). Nel secondo quarto la La.Co. continua a giocare bene, ma nonostante ciò Forlì è sempre lì in scia e al minuto 15 arriva il sorpasso romagnolo targato Mossi-Cacciavillani (47 punti in due); negli ultimi minuti del quarto i Flying provano a tenere testa ai più quotati avversari, ma diverse fischiate della coppia arbitrale portano i Tigers in lunetta che con una precisione chirurgica allungano fino al +10 all’intervallo lungo (41-51). La musica cambia nella ripresa quando Forlì continua a non sbagliare nulla. Ozzano, invece, litiga con il canestro, i Tigers volano a +18 dopo un discutibile fallo tecnico fischiato a Verardi che porta il play ozzanese in panchina per il resto della frazione; nell’ultimo quarto Ozzano prova a limitare i danni (-16 a 3 minuti dalla fine) ma Forlì continua a macinare gioco e canestri toccando proprio nell’ultimo giro d’orologio il +25 finale (66-91).

SALUS PALL. BOLOGNA – B.S.L. SAN LAZZARO 67 – 58

(14-17, 32-28; 45-39)

Salus: Fimiani 11, Busi 2, Percan 20, Trentin 6, Parma Benfenati 5, Nucci 15, Zuccheri, Granata, Sangiorngi 5, Savio 3. All. Giuliani.

San Lazzaro: Lolli 14, Forni, Bianchi 7, Vercellino 12, Allodi 9, Saccaro, Binassi 5, Mellara 2, Masrè 4, Bernardi 5. All. Rocca.

POL. PONTEVECCHIO – DESPAR 52 – 73

(18-19; 33-40; 40-60)

Pontevecchio: Martelli 11, Franchini, Riguzzi 5, Verdi, Galassi 8, Mantovani, Benuzzi 2, Di Rauso 14, Bergami 12, Masetti, Nardi. All. Lepore.

4 Torri Ferrara: Chiusolo 2, Bergamin, Fenati, Brandani 9, Govi 2, Parmeggiani 8, Lugli 14, Martini, Pasquini 6, Magni 4, Agusto 18, Albertini 10. All. Cavicchioli.

NUOVA PSA – GAETANO SCIREA BASKET 60 – 68

(10-18; 31-30; 38-50)

PSA Modena: Tejeda Castro, Burresi 17, Macchelli, Tinarelli, Pulvirenti 13, Bertoni 3, Tamagnini, Frilli 5, Ritacco, Saccà 13, Bianchini 4, Biscaro 5. All. Solaroli.

Gaetano Scirea Bertinoro: Solfrizzi  En. 4, Riguzzi 20, Cristofani 2, Ruscelli, Merenda, Bravi, Brunetti, Ricci 8, Farabegoli, Delvecchio 21, Godoli 6, Solfrizzi Em. 7. All. Brighina.

Con la sconfitta di stasera, Modena perde le ultime speranze di evitare i play out, speranze che invece diventano quasi realtà per lo Scirea. I bolognesi si aggiudicano la sfida e due punti pesantissimi con la PSA che regala tanto agli avversari soprattutto nelle troppe palle perse e il disastro ai liberi, 5/17 con meno del 30%. Solita partenza soft di Modena, 2 a 12 dopo 5’, ed ancora una volta gara di rincorsa per rientrare in partita. Il match non è certamente bello da vedere, tanti gli errori da entrambe le parti, Scirea mantiene le distanze, almeno fino al 15’ quando Biscaro, piazza una tripla dall’angolo che rimette in moto la PSA. Bertoni e Bianchini ancora dai tre punti per il 23 pari, ma Riguzzi ripaga con la stessa moneta, per il +3, nuovo vantaggio ospiti. Il match ora si accende e si accende anche Pulvirenti che ruba due palloni e mette due bombe, l’ultima sulla sirena per il primo vantaggio modenese, 31 a 30 alla pausa. Purtroppo al rientro in campo Modena litiga con la palla, 4 possessi regalati ai bolognesi con errori grossolani, Riguzzi punisce subito da dietro l’arco dei 3, ed insieme a Delvecchio trascina i suoi al massimo vantaggio 45 a 33. Noostante la doppia cifra di svantaggio per Modena c’è ancora la possibilità di riprendere in mano le redini del gioco, lo Scirea infatti non riesce a chiudere la sfida, quando la coppia Riguzzi-Delvecchio tira il fiato la PSA si rifà sotto e, a 4’ dal termine, torna a -5 con Burresi che appoggia al ferro. Purtroppo, però, il play modenese subito dopo perde banalmente due palloni, Ricci ne approfitta e segna in solitaria il + 7 che spazza via le speranze dei padroni di casa. Il disperato tentativo di ricorrere al fallo sistematico per Modena non paga, dalla lunetta, infatti, i bolognesi sono molto più precisi e per la PSA arriva l’ennesima sconfitta.

BMR – COPRA ELIOR LPR 76 – 71

(21-14; 37-34; 57-54)

Basket 2000 Scandiano: Malagutti 3, Bertolini 24, Bartoccetti 11, Astolfi Gia. ne, Astolfi Giu., Farioli 7, Levinskis 6, Pugi 16, Germani 9, Manini ne. All. Spaggiari.

Piacenza BC: Verri 9, Galli M. 11, Villani ne, Degrada 9, Massari, Inzani ne, Livelli, Gorla 19, Tagliabue 16, Terris Sifford 7, Petrov ne, Bracci. All. Galli A.

Vittoria che vale oro per la Bmr: il successo interno contro una diretta rivale come Piacenza, che al PalaRegnani interrompe una striscia di 10 vittorie di fila, può davvero essere un passo fondamentale verso i playoff. Il primo quarto vede la partenza a razzo dei padroni di casa, trascinati da Bertolini e Pugi, che portano in tre occasioni a +10 la squadra di Spaggiari, vedendo poi i loro tentativi rintuzzati parzialmente dai canestri di un ispirato Degrada; nel secondo periodo la schiacciata dell’americano Terris Sifford vale il -5 a Piacenza, ma la Bmr ritrova immediatamente il ritmo, toccando il +12 con il canestro in sospensione di Bartoccetti che vale il 33-21. Nel momento migliore, però, Scandiano subisce la rimonta avversaria, che inizia con tre liberi di Verri e si conclude col pareggio a quota 34 al termine di un parziale esterno di 1-13. La ripresa si apre col primo vantaggio ospite, che arriva grazie alla seconda tripla della ripresa di Pat Verri (42-44); la Bmr si riprende e torna a +5 grazie ai liberi di Farioli, andando poi all’ultimo riposo sul 57-54 grazie al canestro di Levinskis. Nella frazione conclusiva è Tagliabue, con un gioco da tre punti non concretizzato ed una tripla, a permettere a Piacenza di condurre le danze (59-62); i padroni di casa tornano avanti col 20esimo punto di Bertolini (63-62), prima di un botta e risposta continuo che mantiene un solo possesso tra le due squadre fino a 2’43” dalla sirena, quando ancora Bertolini segna i liberi del +4 (73-69). Nel finale, poi, sono Pugi e Bertolini a certificare dalla lunetta il prezioso successo scandianese.

PALL. FIORENZUOLA 1972 – POL. CASTELFRANCO EMILIA 89 – 83

(26-13; 49-32; 69-61)

Fiorenzuola: Cavagnini, Galiazzo 6, Sichel 8, Grosso 10, Moscatelli 2, Colonnelli 31, Beltran 6, M. Lottici 15, Garofalo 9, Giani, Trobbiani 2. All. S. Lottici.

Castelfranco Emilia: Tomesani 15, Zucchini 8, Villani 5, Del Papa 10, Righi 8, Romagnoli ne, Coslovi ne, Lavacchielli, Biello 14, Tedeschini 15, Pedroni ne, Lusvarghi 8. All. Boni.

GHEPARD – NPC 56 – 92

(19-29; 31-54; 39-70)

Ghepard: Romagnoli 4, Sandrolini ne, Millina 9, Tapia 2, Aldieri n.e., Beccaletto 7, Dalla ne, Rizzatti 4, Cempini 6, Fantuzzi 20, Ghedini 2. All. Damaschi.

Vsv Imola: Sassi, Poluzzi 3, Minghè, Grillini 10, Morara 10, Di Placido 7, Corcelli 8, Guglielmo 10, Francesconi 9, Chiappelli 5, Porcellini 13, Filippini 17. All. Alfieri.

Missione compiuta. La Virtus vince la terza gara in sette giorni, la tredicesima consecutiva, e raggiunge l’obiettivo fissato da coach Alfieri alla vigilia: chiudere la settimana così come era iniziata, vincendo. È una passeggiata di salute quella dei gialloneri in quel di Bologna. La maggiore difficoltà, contro il Ghepard, non è trovare la via del canestro, quanto la concentrazione per chiudere la partita in fretta. Servono tredici minuti a Imola per archiviare la questione, 13’ per illudere i canarini di Damaschi (ma che bravo Fantuzzi!) che restano a contatto fino al 27-34, poi Guglielmo e compagni mettono la freccia, piazzano un parziale di 20-4 e chiudono di fatto la partita. Così, nella ripresa, Alfieri ne può approfittare per ruotare tutti i giocatori a sua disposizione, ma la sostanza non cambia.

CLASSIFICA

VSV IMOLA 38 23 19 4 1756 1435 +321
TIGERS FORLI’ 36 22 18 4 1833 1473 +360
BASKET 2000 SCANDIANO 36 23 18 5 1726 1456 +270
PIACENZA BC 34 22 17 5 1732 1480 +252
4 TORRI FERRARA 34 22 17 5 1720 1472 +248
SAN MARINO 26 22 13 9 1605 1499 +106
FIORENZUOLA 1972 24 22 12 10 1688 1623 +65
FLYING BALLS OZZANO 22 22 11 11 1663 1539 +124
SALUS BOLOGNA 22 22 11 11 1505 1543 -38
GAETANO SCIREA BERTINORO 16 23 8 15 1373 1524 -151
BSL SAN LAZZARO 16 22 8 14 1302 1460 -158
CASTELFRANCO EMILIA 12 23 6 17 1724 1891 -167
PONTEVECCHIO BOLOGNA 10 22 5 17 1399 1624 -225
PSA MODENA 8 23 4 19 1338 1883 -545
GHEPARD BOLOGNA 2 23 1 22 1369 1831 -462

SERIE C SILVER 22° Giornata

BASKET RICCIONE – POL. ARENA 70 – 80

(20-28; 36-47; 56-63)

Riccione: Saccani 15, Amadori Mi. 2, Raffaelli 4, Mazzotti 8, Bomba 10, Amadori Ma., Marini 5, Biagini 2, De Martin 14, Serafini, Calegari 10. All. Domeniconi.

Montecchio: Grisendi 3, Lombardi 6, Conte 15, Riccò 13, Guardasoni 2, Giorgi, Basso 10, Maggi 9, Colla 14, Ferrari 8. All. Cavalieri.

GIORGINA SAFFI BASKET – PALLACANESTRO CASTENASO 69 – 84

(18-16; 28-42; 47-64)

Giorgina Saffi Forlì: Guaglione 5, Dall’Osso 13, Ravaioli 9, Piazza 10, Nero, Serrani 14, Troni 11, Del Zozzo, De Fanti 7. All. Giannetti.

Castenaso: Magnani 5, Martelli, Dalpozzo 26, Montanari, Masini ne, Truzzi 12, Stanghellini 2, Guazzaloca ne, Cantore 16, Parenti 5, Trombetti 18. All. Castelli.

ORVA – TECNOSISTEM 78 – 53

(25-10; 44-20; 66-38)

Lugo: Baroncini G. 6, Baroncini F. 3, Pasquali 2, Nieri 11, Legnani 6, Hand 6, Presentazi 11, Scardovi, Guerra, Ruini 8, Zhytaryuk 25, Cortesi ne. All. Galetti

Stars Bologna: Bertoncello 11, Di Marzio, Morando 7, Skocaj 17, Cristalli, Galvan 6, Landuzzi 5, Flori, Maldarelli 5, Barilli 2. All. Cantelli

GRANAROLO BASKET – BERNAITALIA 65 – 56

(16-15; 31-27; 51-40)

Granarolo Basket: Iannicelli ne, Nobis 6, Marchi 5, Spettoli 12, Paoloni ne, Tugnoli 2, Bonetti 10, Torriglia 2, Bertuzzi 7, Brotza 10, Ferri 11. All. Trevisan.

Virtus Medicina: Marinelli, Govi 9, Sighinolfi 7, Biguzzi 19, Lorenzini, Ballardini 6, Barba 2, Musolesi 2, Canovi 2, Seracchioli 9. All. Curti.

E’ stata una partita molto intensa che ha estrinsecato la sua bellezza non tanto nei gesti tecnici ma nell’intensità espressa dai padroni di casa che, in alcuni frangenti, sembravano giocare con un uomo in più, da quanto sono stati rapidi ed aggressivi nella metà campo difensiva.
La partita, dopo il sostanziale equilibrio iniziale, vede i padroni di casa prendere un leggero vantaggio (10-5 al 4′) con Ferri e Nobis in evidenza; vantaggio che dilata fino al +9 sulla seconda tripla di Nobis e un libero di Brotza (16-7 al 6′). Curti si becca un tecnico che però ha l’effetto di svegliare i suoi e addormentare Granarolo: parziale di 0-10 e Medicina in vantaggio per la prima e unica volta nel match (16-17 al 10′). A inizio secondo quarto quarto Brotza riporta i suoi in vantaggio (19-17 al 21′), poi Spettoli accende tutti i cavalli del suo motore, alza vertiginosamente i ritmi, carica di falli la difesa ospite e realizza 5 punti consecutivi per una nuova prova di fuga di Granarolo (24-17 al 22′): niente da fare, Biguzzi e Seracchioli riportano sotto Medicina (24-22 al 24′). Dopo due minuti di retine inviolate, Spettoli e Bertuzzi danno il +8 a Granarolo (30-23) ma ancora una volta i padroni di casa pasticciano in attacco e la Bernaitalia ne approfitta per andare negli spogliatoi a riordinare le idee con sole 4 lunghezze da recuperare (31-27). I primi quattro minuti del terzo periodo vedono le squadre ribattere colpo su colpo alle iniziative avversarie e il divario rimane immutato (39-35 al 24′), poi Granarolo prova a chiudere la partita piazzando un break di 12-2 che le dà la doppia cifra di vantaggio (51-37 al 28’30”); Biguzzi e Seracchioli sul finire di tempo rosicchiano qualche punto e si va all’ultimo riposo  sul 51-40. Nell’ultima frazione Medicina, guidata da Biguzzi (il migliore degli ospiti) produce il suo massimo sforzo per rientrare a stretto contatto con i padroni di casa e arriva a -5 (53-48 al 34’30”); Curti si becca il secondo tecnico per proteste e viene espulso, lo straripante Spettoli di questo periodo (MVP del match) strappa ancora una volta la difesa ospite con le sue accelerazioni e, coadiuvato dall’ottimo Bertuzzi, riporta Granarolo alla doppia cifra di vantaggio (62-51 al 38′). Govi è l’ultimo ad arrendersi, in 1’10” riaccende una fiammella con 5 punti consecutivi, ma Granarolo è attenta e dalla lunetta si riporta a +9 a 14″ dalla fine permettendo a Trevisan di togliere Spettoli per la meritata standing ovation del suo pubblico.

REBASKET – S.B. CAVRIAGO 44 – 62

(15-18,19-39, 34-54, 44-62)

Rubiera: Doddi, Giglioli 3, Roncaglia 1, Castagnaro 9, Mazza 5, Melli, Amici 6, Riccò 2, Gruosso 18. All. Casoli.

Cavriago: Cacciavillani 2, Fantini 5, Caleffi, D’Amore 16, Baroni 6, Pezzi 12, Dias 4, Brogio 4, Iori 13, Vecchi, Zecchetti. All. Martinelli.

L.G. COMPETITION – PALL. NOVELLARA 70 – 60

(25-17; 37-29; 53-45)

Lg Competition Castelnovo Monti: Canuti 6, Magnani 5, Ovi, Rossetti 5, Vezzosi 4, Paulig 24, Guarino 6, Mallon 7, Vanni 13, Mammi, Benvenuti, Grulli. All. Diacci.

Pallacanestro Novellara: Margini 2, Folloni 4, Rinaldi 4, Mariani Cerati 22 ,El Ibrahimi 6, Morgotti 13, Bartoli 2, Carpi 1, Ciavolella, Colla 7, Verbitchi. All. Ligabue.

Il primo quarto è gradevole, con tanti canestri da una parte e dall’altra e con la LG che va sul +9 a metà frazione grazie alla tripla di Paulig, già in doppia cifra dopo appena dieci minuti di gioco. Nel secondo periodo la partita si imbruttisce, gli attacchi non sono molto efficaci e le percentuali al tiro si abbassano pesantemente. Novellara (priva dell’esperto Ciavolella) si riavvicina a -6 dopo un tecnico fischiato a Diacci, poco convinto delle scelte arbitrali e del metro utilizzato dai giudici di gara: a metà periodo la LG ha segnato solo due punti nel quarto e gli ospiti si ritrovano a -4 dalla LG. Cinque punti consecutivi di Vanni permettono però a Castelnovo di respirare ed una splendida tripla allo scadere di Paulig manda tutti al riposo sul punteggio di 37-29. La squadra di Diacci concede poco a Novellara ma fatica a costruire in fase offensiva: l’attacco è infatti poco fluido e la difesa degli ospiti limita molto il gioco sotto canestro dei lunghi dei “Cinghiali”, alcuni dei quali carichi di falli già a metà gara. La LG rientra molto bene dagli spogliatoi e 6 punti consecutivi di Vanni fanno scappare i montanari sul +16. Dura però poco il vantaggio castelnovese con Mariani Cerati che segna a ripetizione dalla distanza e grazie ad una tripla ed un gioco da 4 punti fa rientrare Novellara in partita. Gli ospiti a tre minuti dalla fine del periodo sono a -6, ma è nuovamente Paulig a mantenere la LG in vantaggio e che affronta l’ultimo periodo sul 53-45. Il match non migliora in bellezza nel 4° quarto e nei primi 2 minuti e mezzo segna un solo punto El Ibrahimi dalla lunetta. Le due squadre sbagliano tanto e capitalizzano poco dal campo: Morgotti riesce però ad insidiare l’area castelnovese, a caricare ulteriormente di falli i lunghi della LG ed è capace di tenere i compagni a contatto grazie a numerosi viaggi in lunetta. A 4’ dal termine Vezzosi e Canuti firmano però il parziale decisivo che spinge la LG sul +13 e nemmeno gli ultimi sussulti di Mariani Cerati (22 a fine gara per lui) e dello stesso Morgotti sono sufficienti a far rientrare la formazione di Ligabue. Finisce 70-60 per Castelnovo Monti che grazie al successo torna in vetta alla classifica a pari merito con Arena Montecchio.

BOLOGNA BASKET 2011 – GUELFO BASKET 64 – 65

(24-15; 42-30; 50-50)

BolognaBasket 2011: Leone ne, Chiarini A. 14, Tugnoli 4, Chiarini S. 2, Nanni 12, Maldini, Nasi ne, Bianchini 8, Storchi 15, Pappalardo 9. All. Morra.

Castel Guelfo: Bernabini 6, Lucchi 2, Pieri, Ventura ne, Sabattani 4, Minghetti ne, Venturoli 19, Giordani 11, Paluan 10, Casagrande 11, Miceli 2, Ginevri. All. Serio.

Forse coach Serio ha riservato parte degli allenamenti a come risolvere le partite all’ultimo secondo. Perché dopo il buzzer beater di Lucchi contro Castenaso, arriva il circus shoot risolutivo di Casagrande in quel delle Alutto contro il Bologna 2011. Ma nei primi 39′ non ci sono dubbi su chi meritasse la partita. Infatti i bolognesi giocano una partita praticamente perfetta: Storchi e Nanni sotto canestro sfruttano a dovere tutti i mismatch, Pappalardo e Adrian Chiarini inventano. I guelfesi segnano subito la prima tripla con Paluan, ma poi le seguenti 16 del primo tempo sbatteranno sempre contro i ferri delle Alutto. Il Bologna 2011 in un amen è a +10, e forse il risultato le va anche stretto. Dagli spogliatoi sembra rientrare un altro Guelfo Basket. Forse a dare lo stimolo giusto per rientrare potrebbe essere stato lo speaker di casa Midulla dando l’annuncio della vittoria di Granarolo contro Medicina e quindi l’uscita dalla zona playoff per il Guelfo. Fatto sta che Venturoli piazza 8 punti consecutivi e Bernabini impatta e riesce ad andare avanti al massimo di 1. Nonostante il recupero, il pallino rimane in mano ai bolognesi. Ma la partita rimane aperta e nell’ultimo minuto succede di tutto: Venturoli dalla lunetta sorpassa per il 60-61. Poi arrivano 4 punti dell’under Tugnoli per il 64-61. Casagrande subisce fallo e fa 64-63. Il Bologna Basket sbaglia il tiro che poteva decretare la vittoria. E invece quindicesimo rimbalzo di Venturoli e 19″ ancora di insperata speranza. Palla sotto per lo stesso Venturoli che tra una selva di braccia prova a tirare, rimbalzo offensivo di Giordani che subisce fallo col cronometro che si ferma a 1″ e 1 decimo dalla fine. Il n.19 guelfese (fino a quel momento 3/4 ai liberi) sbaglia entrambi i liberi, ma la palla arriva nelle mani di Casagrande che, cadendo per terra, lancia un’autentica preghiera. La palla si appoggia sul ferro dietro, la sirena suona la fine della partita, gli Dei del Basket soffiano e la palla scende dentro la retina. L’addetto al tabellone forse per la delusione non aggiornerà mai al definitivo 64-65, ma coach Serio e tutto il Guelfo sono sopra a Casagrande e nuovamente davanti al Granarolo

CLASSIFICA
LG COMPETITION CAST. MONTI 38 22 19 3 1748 1434 +314
MONTECCHIO 38 22 19 3 1805 1534 +271
LUGO 32 22 16 6 1646 1430 +216
VIRTUS MEDICINA 32 22 16 6 1589 1496 +93
GUELFO CASTEL GUELFO 28 22 14 8 1638 1554 +84
GRANAROLO BASKET 26 22 13 9 1520 1541 -21
CASTENASO 24 22 12 10 1495 1467 +28
SCUOLA BASKET CAVRIAGO 18 22 9 13 1449 1483 -34
NOVELLARA 18 22 9 13 1564 1603 -39
BOLOGNA BASKET 2011 14 22 7 15 1508 1595 -87
REBASKET RUBIERA 14 22 7 15 1565 1683 -118
RICCIONE 14 22 7 15 1578 1713 -135
GIORGINA SAFFI FORLI’ 8 22 4 18 1413 1668 -255
STARS BOLOGNA 4 22 2 20 1355 1672 -317

Serie D, vincono tutte le prime del girone A. Nel B, cade l’Olimpia, Basket Village “titanico”

SERIE D/A 24° Giornata

VENTURI – NAZARENO 101 – 50

(36-13; 66-20; 80-37)

Anzola: Venturi D. 12, Venturi N. 18, Boldini 2, Poluzzi 3, Lambertini 7, Franchini 2, Fiorini 2, Bastia 6, Bastoni, Mazza 19, Regazzi 22, Zanata 8. All. Coppeta.

Carpi: Pivetti 5, Sbisà, Compagnoni 11, Goldoni 5, Pravettoni 8, Antonicelli 4, Saetti, Spasic 5, Marra 10, Menon 2. All. Testi.

H4T – CVD 53 – 57

(17-13; 27-33; 36-48)

S.P. Vignola: Ganugi 6, Badiali, Chini, Barbieri 2, Pantaleo, De Martini 12, Vannini 2, Paladini 12, Guidotti 10, Lolli 5, Lelli 4. All. Smerieri.

CVD Casalecchio: Dawson 8, Beccari 7, Gamberini 3, Dozza 8, Fuzzi 6, Perini 6, Masetti, Ghiacci 8, Taddei, Marcheselli 5, Fenderico, Falzetti 5. All. Loperfido.

Sconfitta casalinga per la H4T dopo nove vittorie consecutive che cede lottando fino all’ultimo contro la meritevole capolista. Inizia la partita e le due squadre sono leggermente contratte in attacco e faticano a segnare: a metà quarto il tabellone segna 5-8 per gli ospiti, Vignola però deve subito fare a meno di Guidotti, autore di 3 falli che lasciano qualche dubbio e che costringono il Capitano a sedere subito in panchina. Ciò nonostante gli attacchi iniziano a girare e i padroni di casa riescono a portarsi avanti grazie a 6 punti di De Martini e a chiudere il quarto sul + 4. (17-13). Inizia il secondo quarto e gli ospiti partono subito fortissimo con un 0-8 che ribalta il risultato e porta sotto i padroni di casa e a metà quarto gli ospiti sono avanti sul 21-27, i gialloneri riescono a trovare spazi in attacco e grazie a 5 punti di Lolli riescono a tenersi vicino e all’intervallo lungo il punteggio è di 27-33. Al rientro dagli spogliatoi, rientra in quintetto Guidotti, ma gli ospiti riescono a mantenere il vantaggio nonostante i padroni di casa rispondano colpo su colpo e metà quarto il distacco è invariato 34-40, grazie anche ai 5 punti consecutivi del Capitano della H4T. Negli ultimi minuti del quarto la partita prende un binario diverso e a Guidotti viene fischiato il 4° e 5° fallo, seguito da un tecnico e alla sua espulsione. Gli ospiti vanno in lunetta e riescono ad allungare ulteriormente il proprio vantaggio chiudendo il quarto sul + 12. (36-48). Inizia l’ultimo quarto e Vignola con grande orgoglio riesce a piazzare un parziale di 8 a 0 grazie a Paladini e De Martini e riescono a riavvicinarsi con gli ospiti che iniziano a faticare e a metà quarto i padroni di casa sono tornati a -6 (44-50). I ragazzi di Coach Smerieri riescono a rosicchiare altri 2 punti e a tre dalla fine sono a – 4, poi una tripla di Fuzzi li ributta a -7. Sembra finita, ma i gialloneri non hanno alcuna intenzione di cedere e grazie a una tripla di Paladini riescono mantenere il distacco poi però i tiri liberi permettono agli ospiti di mantenere le distanze e Vignola perde palla nel potenziale attacco del pareggio e si chiude la contesa sul punteggio di 53-57.

AZZALI – ARBOR 78 – 68

(16-16; 39-32; 59-48)

Magik Parma: Bazzoni 8, Donadei 14, Malinverni N. 3, Malinverni L .11, Montagna 1, Aimi 2, Caravita 2, Allodi, Gibertini 3, Diemmi 13, Croci 21, Berlinguer. All. Lopez.

Arbor Reggio: Fontanesi 6, Petri 3, Monti 7, Visini, Pedrazzi 20, Braglia 6, Franzoni 22, Davoli 2, Insolia 2, Marani. All. Bellezza.

L’Azzali vince lo scontro salvezza contro l’Arbor in una partita che ha visto i padroni di casa in vantaggio dal primo minuto del secondo periodo sino alla fine. Partono forte i bianco blu trascinati da Diemmi e Donadei ma i reggiani rispondono con Pedrazzi e Franzoni, unici due giocatori a segno per gli ospiti nel primo quarto. Nel secondo tempo Croci e Bazzoni aggiustano la mira dalla linea dei 6.75 e piazzano quattro triple che valgono il primo allungo parmigiano. La difesa della Magik limita Pedrazzi con Malinverni N. che addirittura fa perdere la pazienza alla guardia reggiana che deve abbandonare la partita sia per falli che per ritrovare la giusta calma. Dopo l’intervallo uno scatenato Bazzoni piazza sei punti consecutivi, mentre Aimi e Caravita non fanno rimpiangere l’infortunato Guidi. Tre bombe rispettivamente di Donadei, Diemmi e Malinverni N., aggiunte alle penetrazioni del giovane play Malinverni L., regalano un rassicurante +16 ai padroni di casa. I reggiani, però, non ci stanno e trascinati da Pedrazzi si rifanno sotto fino al meno tre. I tiri da tre punti però sono l’arma in più dell’Azzali: Gibertini e Croci colpiscono ancora, ricacciando a -10 gli ospiti che, costretti al fallo sistematico, non riescono a ricucire lo svantaggio.

VOLTONE – ATLETICO 70 – 81

(17-20; 36-37; 56-62)

Voltone Zola: Calvi 9, Giacometti A. 8, Sanguettoli 4, Giacometti J. 7, Ferraro 7, Verdoliva 10, Magi 9, Tubertini 2, Nini 5, Lelli 9. All. D’Atri.

Atletico: Rossi 18, Grassi 2, De Simone 17, Diop 7, Artese 17, Cannella 1, Pedevani, Veronesi 13, Savic, Pedroni 5, Zappoli 1. All. Pietrantonio.

Torna al successo la formazione biancorossa e lo fa con autorità sul campo di una delle squadre più in forma del momento. Gara praticamente sempre condotta dall’Atletico che ha tirato con buone percentuali da tre punti, mentre al Voltone sono mancati i punti di Calvi, costantemente braccato dai boys di Pietrantonio.

Equilibratissimo il primo quarto con minimi vantaggi da una parte e dall’altra; era una tripla di Artese a dare il +5 ospite (15-20) ed era lo stesso play a firmare la bomba del +8 (20-28). Con la carta della zona, i padroni di casa si riportavano sotto con cinque punti di Nini (25-30), ma il vero break lo effettuavano negli ultimi sessanta secondi del periodo quando, da -8 (29-37), si portavano sul -1 (36-37 al 20’). Nella ripresa era Magi a rispondere agli assalti di Rossi e De Simone (46-49 al 26’). Massimo vantaggio biancorosso sul 46-55 (2+1 di Rossi), ma l’unico spunto di Calvi ridava vigore ai gialli (56-60 al 29’). L’allungo decisivo nelle prime curve dell’ultima frazione: Veronesi, con sette punti, faceva la differenza e sul 58-72, a 6’36” dalla sirena finale, il match poteva considerarsi chiuso, anche se D’Atri provava nuovamente la zona, ma negli occhi del Voltone non c’era la convinzione di poter recuperare.

BERRUTIPLASTICS – PALLAVICINI 86 – 77

(21-25; 37-45; 70-61)

La Torre Reggio: Galassi, Mazzi G., Panciroli 1, Bochicchio 1, Canuti 8, Pezzarossa 12, Mazzi F. 13, Mussini, Margaria 14, Orlandini 7, Codeluppi 30. All. Spadacini.

Pallavicini: Spadellini 9, Tosiani 12, Cenesi 7, Nanni G., Pierantoni 5, Minghetti 21, Sgargi 12, Nanni M. 9, Galeotti, Bartalotta 2. All. Torrella.

Pasqua dolce per la Berrutiplastics. La sosta, infatti, arriva a coronamento di un periodo davvero positivo, culminato nel successo a spese della Pallavicini, il quinto nelle ultime sei partite. Migliore, in realtà, l’approccio dei bolognesi, che gestiscono il punteggio nei primi due quarti, motivati dalle proprie ambizioni play-off. La svolta arriva nella ripresa, dove i padroni di casa segnano ben 33 punti in 10’ e passano dal –8 dell’intervallo (37-45) al 70-61 del 30’. Protagonista principale della serata è l’ala Nicolò Codeluppi, che trascina i suoi con 30 punti realizzati, di cui 12 solo in questo periodo. In una partita dal punteggio alto, però, a fare la differenza e a respingere i tentativi di rimonta capitanati dal bomber avversario Minghetti, è anche la capacità di altri grigiorossi di diventare protagonisti a seconda dei momenti. Chiudono, così, in quattro in doppia cifra: oltre a Codeluppi, si tratta di Margaria (14), Filippo Mazzi (13) e Pezzarossa (12), senza dimenticare il concreto contributo offensivo di Canuti (8) e Orlandini (7).

ALTEDO – SAMPOLESE 68 – 64

(15-18; 31-26; 43-44)

Altedo Basket: Settanni 4, Harizaj 10, Bulgarelli 14, Vettore 20, Balboni 2, Missoni 9, Zocca ne, Teglia 5, Soresi 2, Lambertini, Gnudi 2. All. Venturi.

San Polo d’Enza: Siani 2, Magliani 11, Minardi 5, Benevelli 8, Maggiali ne, Pezzi, Tondo 15, Margini 9, Bizzocchi 14, Domenichini. All. Immovilli.

Primo quarto per lunga parte equilibrato (13-13 al 7’) con botta-risposta tra i rispettivi numeri 8, Vettore e Magliani (per loro già 11 e 7 punti), con allungo ospite nel finale, che la Sampolese chiude avanti 18-15. Si riparte e l’Altedo subito impatta e passa a condurre, senza mai dare però l’impressione di poter allungare forte. Massimo vantaggio di +6 al 15’ e frazione che si chiude con i locali avanti 31-26 all’intervallo lungo. Riparte meglio la Sampolese che con 12 punti di Bizzocchi piazza un parziale di 17-5 ed al 27’ è avanti 43-36. L’Altedo ha il merito di non disunirsi, anche a fronte di due tecnici consecutivi subiti, e di reagire immediatamente chiudendo la frazione a -1 (43-44 al 30’). Ultimi 10’ con le due formazioni che si alternano al comando per arrivare ai 3’ finali in perfetta parità (61-61), poi doppio tecnico fischiato alla Sampolese (Margini e panchina), ma l’Altedo non capitalizza. Dopo numerosi attacchi falliti reciprocamente, Vettore conquista un rimbalzo offensivo, segna subendo fallo e realizzando l’aggiuntivo porta l’Altedo sul 64-61 a 45” dallo scadere. Benevelli accorcia immediatamente, poi nella lotteria del fallo sistematico Harizaj è per due volte glaciale e con 4/4 chiude la partita a favore dell’Altedo per 68-64.

VIS BASKET PERSICETO – SCHIOCCHI BALLERS MODENA 78 – 72

(13-25; 37-37; 59-54)

San Giovanni in Persiceto: Scagliarini ne, Morisi 7, Parmeggiani 13, Cornale 1, Almeoni 18, Chiapparini 3, Genovese 12, Gamberini ne, Papotti, Ramini 14, Ranzolin 10. All. Rusticelli.

SchiocchiBallers Modena: Binotti, Sangermano, Righi R. 19, Minarini 4, Bernabei 7, Carretti 19, Sassi, Petrella 14, Falbo 2, Alessandrini 5, Cavazzoli 2. All. Righi G.

UNIONE SPORTIVA AQUILA – VENI BASKET 49 – 69

(17-17; 28-35; 39-55)

Luzzara: Ploia, Magnanini, Cani, Costantino 2, Neviani 2, Caleffi 3, Galeotti 15, Pasini, Petrolini 18, Benatti 7, Polloni. All. Campedelli.

San Pietro in Casale: Minozzi G. 15, Vinci 14, Sgarzi 1, Barbieri 8, Gentili 8, Dal Pozzo, Ghedini 9, Pastore ne, Angelini 6, Bartolozzi 8. All. Minozzi M.

CLASSIFICA

CVD CASALECCHIO 40 24 20 4 1579 1395 +184
ANZOLA 38 24 19 5 1671 1459 +212
VIS PERSICETO 34 24 17 7 1696 1562 +134
SCHIOCCHI BALLERS MODENA 28 24 14 10 1644 1540 +104
ATLETICO BOLOGNA 28 24 14 10 1658 1576 +82
NAZARENO CARPI 28 24 14 10 1659 1658 +1
VENI SAN PIETRO IN CASALE 26 24 13 11 1592 1521 +71
PALLAVICINI BOLOGNA 26 24 13 11 1545 1526 +19
SCUOLA PALL. VIGNOLA 26 24 13 11 1512 1524 -12
ALTEDO 24 24 12 12 1663 1617 +46
VOLTONE ZOLA 20 24 10 14 1629 1636 -7
MAGIK PARMA 20 24 10 14 1477 1557 -80
LA TORRE REGGIO EMILIA 18 24 9 15 1474 1554 -80
AQUILA LUZZARA 12 24 6 18 1442 1612 -170
ARBOR REGGIO EMILIA 12 24 6 18 1498 1725 -227
SAMPOLESE 4 24 2 22 1359 1636 -277

SERIE D/B 24° Giornata

ARTUSIANA BK  – SCUOLA BASKET FERRARA 73 – 67

(18-15; 34-30; 47-46)

Forlimpopoli: Manucci 10, Rossi 16, Balisteri 15, Calboli 2, Vandelli 5, Morabito, Evangelisti, Arfelli 8, Servadei 17, Vitali ne. All. Bondi.

Scuola Basket Ferrara: Ferrarini 8, Costanzelli 7, Rimondi 13, Schincaglia 4, Roversi 3, Pappalardo 1, Proner, Bereziartua 1, Vigna 17, Seravalli 2, Romagnoli 10, Cattani 1. All. Bonora.

CNO SANTARCANGELO BASKET – OLIMPIA CASTELLO 2010 84 – 61

(21-15; 46-32; 58-40)

Santarcangelo: Cherubini, Rasponi 1, Fusco 16, Ricci ne, Fornari 5, Calisei 2, Tomassini 22, Dini 38, Tassinari. All. Zannoni.

Castel San Pietro: Franceschini 8, Corazza 9, Pancaldi 10, Boschi ne, Ziron ne, Farnè 2, Marzioni 10, Binassi 6, Cilfone 5, Venturi 11. All. Canè.

CURTI – VB 76 – 65

(16-12; 37-25; 52-45)

International Imola: Pelliconi 8, Folli 5, Benghi 2, Scagliarini 13, Barbagelata 18, Ciampone ne, Genoni ne, Spagnoli 11, Gargioni 2, Masoni 17. All. Bindi.

Grifo Imola: Sgubbi ne, Castelli 1, Bartoli 16, Dirella 2, Pasini 14, Baruzzi 16, Lanzoni ne, Cantoni, Zaccherini 2, Rossi ne, Sgorbati 14. All. Zarifi.

Vittoria fondamentale per la Curti che, al terzo tentativo stagionale, riesce a superare la Grifo ed esce dal derby con in tasca i due punti e anche la differenza reti (-3 all’andata) nei confronti dei biancoblu. Contro una Grifo priva di Zudetich e Pejicic, la Curti prende in mano le redini del derby a partire dal secondo quarto, toccando anche il +18 e resistendo ai tentativi di rimonta dei biancoblu grazie ai canestri di Barbagelata e al veterano Masoni capace di prendersi la squadra sulle spalle quando il pallone scottava.

Alla palla a due inizia meglio la Grifo, avanti 8-2 con Baruzzi e Pasini, ma un 8-0 del combattivo Scagliarini rovescia l’inerzia. La Curti chiude meglio i varchi in difesa e davanti sono 7 punti di fila di Barbagelata a cavallo dei primi due quarti a registrare il primo allungo biancorosso sul 21-14 al 12’, con gli ospiti a lungo fermi a quota 2 punti nel secondo quarto. Merito della difesa di Gargioni e dei tanti recuperi, concretizzati dalla verve in attacco di Spagnoli e dalle triple di Masoni e Pelliconi, così si arriva al massimo vantaggio sul 37-19 al 18’, prima di un break Grifo prima dell’intervallo. Gli ospiti ci provano con la zona a limitare i ragazzi di Bindi che tengono una decina di punti di gap nell’equilibrato avvio di terzo quarto (che ha visto anche uno stop per una botta alla testa a Benghi, per fortuna tutto rientrato). La Grifo però non si arrende e con Sgorbati e Pasini ricuce tornando fino a -2 sul 46-43 al 29’, quindi tocca a Masoni, a suon di liberi, ri-allargare la forbice all’ultimo stop. La rimonta non completata innervosisce la Vb (tecnico a Baruzzi), così Scagaliarini e ancora l’ex Andrea Costa riscrivono il +10 (55-45). Zarifi ci parla su e i suoi ne escono tornando a -5, prima che Masoni punisca dalla lunga l’indigesta zona della Grifo e con Barbagelata scriva il 63-52 al 35’. Ancora un time-out per la Grifo ma sul campo lo show di Masoni (4-0) porta l’International al 67-54 al 37’. Sembrerebbe già fatta, ma la Grifo tenta un ultimo sussulto fino al 67-61, con Sgorbati, Pasini e Baruzzi, a poco meno di 2’ dalla fine. Un canestro e fallo di Folli è ossigeno per la Curti che nel finale porta a casa la vittoria e la differenza canestri.

BK GIARDINI MARGHERITA – BELLARIA BASKET 55 – 71

(12-9; 21-26; 41-50)

Gardens: Dawson 2, Ceresa, Marcelli 1, Florio 10, Stefani, Paracchini, Lippa 6, Grandi 6, Baccilieri, Cataldo 21, Vittori Antisari 5, Lambertini 4. All. Lanzi.

Bellaria: Tomassoni, Janev 4, Egbutu 12, Sacchetti 10, Mbaye 7, De Gregorio 12, Fornaciari 19, Bindi 3, Kristi, Stabile 4. All. Ferro.

Netta affermazione dei romagnoli che hanno meritato i due punti. Per quindici minuti i padroni di casa si facevano preferire (21-16), poi un lungo black out (21-26 al 20′). Nella ripresa, subito parziale di 6 a 0, ma, poi, il Bellaria riprendeva le redini del match e gestiva sempre senza troppi problemi il vantaggio, approfittando delle pessime percentuali al tiro dei felsinei.

BASKET VILLAGE – TITANS OZZANO BASKET 59 – 52

(10-13; 27-33; 51-37)

Basket Village Granarolo: Paoloni, Ballini 15, Salicini 5, Banzi 2, Nicotera 5, Carrera 5, Neviani 12, Pedrielli 4, Fava, Pedrelli, Marega 11. All. Marcheselli.

Titans Ozzano: Curione 9, Alberti, Bargiotti 1, Gianasi 1, Quarantotto 2, Tuccillo 7, Gamberini 6, Manini 10, Campagna 3, Paolucci 1, Zitelli 8, Benfenati 4. All. Cinti.

Vittoria importante dei ragazzi di Marcheselli al cospetto dei Titans di coach Cinti, le cui squadre sono sempre difficili da affrontare per la grande intensità che esprimono sul parquet. Il primo periodo conferma le previsioni e gli ospiti imbrigliano l’attacco dei padroni di casa pressando a tutto campo e riescono a prendere cinque lunghezze di vantaggio, dopo l’iniziale equilibrio, e chiudono in vantaggio al 10′ sul 10-13. A inizio secondo periodo il Basket Village sembra riuscire a sopravanzare gli ospiti ma qualche palla persa di troppo ben sfruttata da Ozzano dà agli ospiti anche la doppia cifra di vantaggio a metà tempo; Carrera, Nicotera e Neviani riducono le distanze e i padroni di casa vanno al riposo con 6 lunghezze da recuperare (27-33). Nel terzo quarto Granarolo vince la partita: Marcheselli ordina la 1-3-1 e i suoi cominciano a recuperare palloni su palloni con un Marega in grande spolvero (MVP della gara con 11p., 12r. e 5 recuperi) e il ’97 Fava a chiudere centralmente tutte le penetrazioni avversarie favorendo i recuperi dei suoi; Ozzano non vede più il canestro e Granarolo dilaga in contropiede mettendo a segno un parzialone di 24-4 in 10′ che di fatto chiude i giochi (51-37 al 30′). Nell’ultimo periodo il Basket Village controlla abbastanza bene la partita tranne che per gli ultimi minuti quando, sulla pressione disperata degli ospiti, i padroni di casa perdono qualche pallone di troppo, in maniera anche banale, e Ozzano si riavvicina a -6, ma è troppo tardi e Salicini e compagni portano a casa la meritata vittoria e consolidano il terzo posto in classifica prima della pausa pasquale.

CRAL E. MATTEI – S. MAMOLO BASKET 73 – 89

(22-17; 42-50; 57-68)

Spem Ravenna: Basaglia 3, Bernardi, Casciello 8, Lasi 13, Vistoli 7, Cirillo ne, Saccardi 4, Zannoni 19, Magnani, Zannini 10, Bartoletti 5, Morigi 4. All. Focarelli.

San Mamolo: Bianchini 22, Cavazza, Margelli, Guerrato, Quadri 4, Martelli 13, Sterpi 10, Candelaresi, Zanchi 13, Brunello 6, Demetri 14, Senni 7. All. Munzio.

AICS JUNIOR BASKET FORLI’ – POLISPORTIVA MOLINELLA 62 – 75

(17-24; 24-42; 47-61)

Aics: Gasperini, Bergantini 4, Valgimigli 6, Perugini, Bacchini 9, Totaro 11, Molinari 5, Crocini 4, Zamagni 23, Catani ne, Bombardini, Casadio ne. All. Chiadini.

Molinella: Ugulini 2, Quartieri 10, Pusinanti 2, Piazzi 8, Ricci 6, Folesani, Lanzi 10, Quaiotto 16, Trippa 4, Serio 14, Frazzoni 7. All. Baiocchi.

PARTY&SPORT – CESTISTICA ARGENTA 85 – 61

(23-18; 36-39; 65-47)

Party&Sport: Fioravanti, Callea 2, Beccari 5, Avallone 17, Marchi 14, Fierro 14, Zerbini 26, Lazzari 2, Rizzoni 5, Passatempi, Quadrelli, Salvadè. All. Morigi.

Argenta: Spinosa, Checcoli, Zanetti 10, Lazzari 2, Mortara 4, Governatori 3, Alberti 10, Caprara 7, Cesari 10, Cesario, Pascoli 15. All. Panizza.

CLASSIFICA

OLIMPIA CASTEL S. P. 44 24 22 2 1834 1552 +282
MOLINELLA 36 24 18 6 1638 1424 +214
BASKET VILLAGE GRANAROLO 32 24 16 8 1577 1495 +82
IMMOBILIARE 2000 BOLOGNA 28 24 14 10 1568 1514 +54
ARTUSIANA FORLIMPOPOLI 26 24 13 11 1670 1570 +100
TITANS OZZANO 26 24 13 11 1684 1629 +55
INTERNATIONAL IMOLA 26 24 13 11 1672 1670 +2
GRIFO  IMOLA 24 24 12 12 1582 1577 +5
S.B. FERRARA 24 24 12 12 1561 1644 -83
ARGENTA 22 24 11 13 1704 1658 +46
CNO SANTARCANGELO 20 24 10 14 1506 1604 -98
BELLARIA 18 24 9 15 1547 1619 -72
PARTY&SPORT OZZANO 16 24 8 16 1528 1638 -110
AICS FORLI’ 14 24 7 17 1579 1711 -132
SPEM MATTEI RAVENNA 14 24 7 17 1506 1667 -161
SAN MAMOLO BOLOGNA 14 24 7 17 1482 1666 -184